Risvegli 5_(1)

123Report
Risvegli 5_(1)

Risvegli 5

-------------------------------------------------- -------------

Tahir e il Capitano stavano analizzando i rapporti che stavano arrivando. Apparentemente, le precedenti azioni di Tahir avevano interrotto per un po' i piani del gruppo del dottore. Ci stavano lavorando da un paio d'ore, quando Tahir notò il rapporto di un cadavere. Gli ci volle un momento per leggerlo, voltandosi verso il Capitano, attirò la sua attenzione.
"Questo rapporto descrive in dettaglio un corpo che è stato trovato, ciò che sembra strano è che il corpo non aveva alcun cervello. Era quasi come se la cavità cranica fosse stata pulita con l'aspirapolvere." disse Tahir, porgendo il rapporto al Capitano.

Guardandolo, alzò lo sguardo, "pensi che sia opera del gruppo del dottore?" Tahir scosse la testa
"No, in realtà suona più come il leader del gruppo. Era qualcosa che fluttuava ai margini della sua mente quando ho cercato di approfondire," disse Tahir sentendosi solo un po' male, ricordando il male che aveva provato quando aveva toccò la mente dell'uomo.
"Non hai mai detto niente a riguardo," disse il Capitano guardando Tahir per un momento, "è tutto quello che hai?"
"Sì, sfortunatamente è scivolato, come me e ho perso il contatto. Non è in alcun modo forte come me, ma le capacità che ha lo renderanno molto più difficile da affrontare."

Tahir sospirò, la profondità della rabbia in quell'uomo andava ben oltre qualsiasi cosa avesse mai provato prima. Allungandosi, la sua mente volò attraverso il paese fino all'edificio dove aveva perso l'uomo. Entrando, cominciò a guardare attraverso tutte le stanze. La maggior parte non era occupata, ma uno a cui arrivò non lo era. Entrare nella stanza si rivelò più difficile di quanto pensasse. Non era impossibile, ma ci volle molta della sua energia per attraversare i muri e le porte. Ovviamente si aspettava che qualcuno cercasse di entrare, in un modo o nell'altro. I pochi brevi sguardi che ottenne nella stanza rivelarono meno di quanto avesse sperato.

Ritirandosi aveva sentito il Capitano toccargli il braccio. "Sei ancora con noi?" il Capitano stava chiedendo: "Ciao? tutto bene?" più preoccupazione nella sua voce, di quanto avrebbe voluto esprimere. Dannazione, odiava quando Tahir faceva questo. È stato già abbastanza brutto quando è semplicemente svanito, che poteva sopportare, ma quando si è allontanato, sospirando ha scosso la testa.
"Sì, sono qui, adesso. Sono andato a cercare quello che potevo sul leader di quel gruppo. Sembra che si aspettasse qualcosa o qualcuno. Ha un discreto scudo attorno al suo posto, è stata dura ma ce l'ho fatta . Non sta molto in quel posto, ma lì aveva una foto di una donna più anziana."
"Hai idea di chi sia?" intervenne il Capitano.
"No, ma sembra avere una certa importanza per lui." Tahir ha risposto

"Non ho visto carte d'identità o documenti, ma ho visto brevemente quella che sembrava essere una lettera su un tavolo. C'era la parola Ro sopra, sembrava anche essere su un documento ufficiale del governo, anche se non mi sono mai avvicinato abbastanza per vedere da quale proveniva". Il Capitano annuì riflettendo un minuto. Digitando sul suo laptop, ha richiamato tutti i dipartimenti DC, gli emblemi.
"La carta assomigliava a qualcuno di questi?" girando il portatile verso Tahir, si sedette e aspettò.
"Hmmmmm, beh..." Tahir iniziò a spuntare qualsiasi cosa che non sembrava neanche lontanamente. "Ok, è un problema tra questi due, come ho detto non l'ho visto molto bene." Il Capitano guardò i due emblemi della sicurezza nazionale, non erano poi così simili, ma a distanza l'uno poteva essere scambiato per l'altro.

"Vediamo, abbiamo la sicurezza nazionale e quest'altra è per la sicurezza nazionale dell'ICE" disse il Capitano alzando lo sguardo dalla pagina dell'emblema.
"GHIACCIO? Che cos'è esattamente?" rispose Tahir guardando perplesso il Capitano.
"Ah, beh, quello è il dipartimento per l'immigrazione e l'applicazione delle dogane." Schioccando le dita il volto del Capitano si illuminò: "Non avevi detto che ti parlava in rumeno?" Tahir annuì: "Non dovrebbe essere così difficile scoprire chi è e qual è la motivazione dietro tutta questa merda". Alzando il telefono iniziò a chiamare i contatti che aveva a Washington.

Tahir uscì e percorse il corridoio. Aveva bisogno dell'esercizio la sua gamba era già andata a dormire una volta. Tahir stava per andare a trovare Kim quando sentì una fitta acuta in uno degli altri centri. Pensandoci che era lì, guardandosi intorno vide che uno dei veggenti stava iniziando a sudare. Allungandosi vide che il veggente era sotto attacco, scavando iniziò a risalire. Nella stanza vide il capo e un altro concentrarsi. Sapendo che potrebbe non avere un'altra possibilità, Tahir ha congelato il capo e ha spinto l'aggressore contro il muro. L'uomo stava iniziando a soffocare quando ha rilasciato il veggente dalla stazione. Lavorando il più velocemente possibile, ha raggiunto l'attaccante e ha iniziato a rimuovere tutte le sue abilità. Aveva appena raggiunto il centro di abilità del capo quando iniziò a muoversi!

Che cazzo?! Era la prima volta che qualcuno ne usciva. Poco prima di scappare, raggiunse l'abilità di teletrasporto e la strappò sentendo il boss urlare. All'improvviso il capo era in piedi dietro di lui.
"Allora tu pisci antiamericano, pensi di aver vinto? Io non sono una pecora come quelle di questo paese!" Tahir ha sigillato i punti prima che l'immagine del capo si muovesse verso di lui.
Alzando il muro notò che non era così forte come avrebbe voluto.
"So di non aver vinto, ANCORA! ma sarà molto più facile trovarti ora" Affrontare la mente del capo, era più difficile di quanto pensasse. Per prima cosa, dopotutto era la sua mente, inoltre Tahir doveva cacciare per trovare ciò di cui aveva bisogno. Sentendosi più debole scelse di andarsene, come se la piccola merda potesse trovarlo adesso.

Finire con l'altro uomo che Tahir si stava preparando a ritirarsi quando il capo lo ha attaccato. Non concentrandosi ora su due menti, scoprì di avere più forza.
"Non è finita, umile cane americano! Ti troverò e mi divertirò a distruggere completamente", l'ultima cosa che vide fu uno sguardo di sorpresa sul volto del capo quando cercò di scivolare e non ci riuscì, poi Tahir fu di nuovo al centro. Facendo un passo avanti fermò l'uomo che era crollato quando l'invasore si era ritirato.
Il Capo cercò di muoversi di nuovo, quando non accadde nulla guardò dove era stato Tahir nella sua mente. Imprecando vide il danno e l'area sigillata, ritirandosi sfogò la sua rabbia sull'altro uomo lì. Ridendo delle urla e delle urla dell'uomo mentre moriva, il Capo si sentiva un po' meglio. Ha rafforzato i suoi scudi e le sue difese. Mai più! non sarebbe mai più stato colto alla sprovvista in quel modo.

<Capitano,> Tahir pensò a Roberts, <C'è stato un incidente al centro 06, sarò lì tra pochi minuti per riferire> Dopo l'attacco della personalità alternativa di Tina, Tahir aveva ricontrollato tutti i veggenti e il personale, senza lasciare fuori nessuno.
Finalmente soddisfatto che tutto andasse bene, Tahir raccontò al Direttore cosa era successo, per guardarli tutti, avrebbe saputo se qualcosa non andava, come aveva fatto questa volta. Apparendo accanto al Capitano, Tahir sospirò, sedendosi iniziò il suo rapporto.
"Dici che sei riuscito a prendere alcune delle sue abilità?" chiese il Capitano.
"No, sono riuscito a entrare nella sua mente e ho sigillato la sua capacità di muoversi con la sua mente." Tahir ha risposto.

Il capitano Roberts stava cercando di elaborare esattamente cosa significasse. Dal momento che non aveva davvero un'abilità del genere, stava facendo fatica a capirlo.
"Speravo di poter porre fine a tutto questo oggi, l'ho trovato molto più forte di quanto pensassi all'inizio. Ho anche notato che stava usando più energia cerebrale di me. Il fatto è che non stava producendo quasi quanto stava usando." All'improvviso un'idea colpì Tahir. "sai" ricominciò, "forse ho capito perché i cadaveri senza cervello"
Il Capitano lo guardò interrogativamente, "capito?"
"Sì, di nuovo, ho avuto un breve lampo, mentre ero lì questa volta. Penso che abbia bisogno della materia cerebrale per sopravvivere in qualche modo." Roberts guardò Tahir con disgusto.
"Vuoi dire che in realtà gli sta mangiando il cervello?"
"No, è più come se il suo corpo stesse assorbendo la materia grigia nel suo sistema" disse Tahir mentre ripercorreva i ricordi che aveva raccolto dalla mente del capo.

Roberts si limitò a scuotere la testa, evidentemente avevano a che fare con un individuo malato e depravato. "Dobbiamo trovare un modo per fermarlo. Il numero di donne scomparse ha iniziato ad aumentare nelle ultime 2 settimane. Il guaio è che non siamo sicuri se provengano tutte da lui o meno. Siamo stati fortunati, quando c'è è stata un'incursione e il corpo è stato ritrovato. Stavano per incenerirlo per nascondere le prove".
Tahir sentì la rabbia crescere dentro di lui, figlio di puttana più che meritato di morire. "Hai già ricevuto notizie da Washington?" chiese Tahir.
"No, stiamo ancora aspettando notizie dall'ICE, dovrebbero farmi sapere qualcosa nelle prossime 2 ore" il Capitano era ansioso quanto Tahir.

Il dottore era di nuovo a letto, maledetto quel piccolo stronzo di Tahir! Stavolta l'aveva quasi ucciso. Ringraziò Dio che Natasha potesse ancora influenzarlo. Incapace di parlare per almeno una settimana, la sua laringe era stata parzialmente schiacciata. Qualche istante dopo il capo entrò guardando il dottore, era ancora molto incazzato. Se il dottore non fosse la persona più importante del piano, si divertirebbe ad ucciderlo lentamente.
"Non so come ma quel maialino americano mi è entrato in mente. Ha sigillato la mia capacità di movimento. Ho fatto diversi tentativi per rigenerarlo ma non ci sono riusciti. Sembra che non solo l'abbia distrutto ma l'ha sigillato in modo che non possa essere guarito".
Ringhiando il capo guardò il muro, un enorme buco che appariva dove la sua esplosione di energia ne aveva assorbito una parte importante.

"Dobbiamo trovare un modo per portare fuori questa piccola merda. Lui è l'unica COSA che ci impedisce di dominare finalmente questo buco di merda di seconda mano di un paese. Dottore, trovami un altro, che possa togliere questo buco del culo. Voglio tu li uccidi quasi con le radiazioni, li voglio fottutamente forti. Questo figlio di puttana deve morire, cazzo!" gridò quando un'altra sezione di muro esplose davanti a lui. Gli occhi del dottore si spalancarono, il capo era terribilmente incazzato. Il dottore non l'aveva mai visto così arrabbiato! Era contento che il capo avesse così tanto bisogno di lui, che le radiazioni non potevano essere gestite da qualcuno che aveva già delle abilità aperte. Ricordò la prima volta che si era avvicinato, dopo la sua esposizione iniziale. Pensava che sarebbe morto, il suo respiro si era quasi fermato, le sue membra erano diventate quasi insensibili. Se non fosse caduto all'indietro, sentiva che sarebbe morto lì per lì.

Tahir era così stanco, che gli aveva tolto così tanto. Kim lo aveva controllato subito dopo che si era sdraiato. Con uno sguardo preoccupato si era preoccupata per lui finché non si era addormentato, con lei accanto a lui. Svegliandosi di soprassalto si rese conto di aver sognato. Il sogno era stato così reale, si allungò per vedere se fosse stato reale. Avvicinandosi alla scena vide i corpi ovunque. Ritirandosi chiamò subito il Capitano.
"Cos'hai?" chiese dopo essersi precipitato nella stanza di Tahir.
"Stavo sognando, così ho pensato. Quando ho visto l'esecuzione di più di 100 persone. Ho controllato, era la sede del dipartimento orientale". Il volto di Tahir era cupo, i suoi pugni erano serrati.
Il Capitano ha tirato fuori un telefono dalla tasca e ha fatto alcune chiamate, nel giro di 30 minuti anche la sua faccia era cupa.

Ora sembrava che il gruppo del dottore stesse iniziando a trasformarlo in una guerra. Più tardi il Capitano riattaccò e si voltò verso Tahir.
"Ho appena parlato al telefono con Washington, vogliono anche che ci intensifichiamo, vogliono che tu ne faccia fuori il maggior numero possibile. Devono essere indeboliti in modo che lo spargimento di sangue si fermi". con un'espressione determinata sul viso Tahir annuì, scendendo dal letto si vestì e seguì il capitano nel suo ufficio.
Il capo rideva con gioia sadica, lasciali tornare da quello! Guardando i corpi ammucchiati, desiderava ancora che il corpo di Tahir fosse lì, in quel modo avrebbe già ucciso tutti a Washington.

Al Leader è stato consegnato un biglietto pochi istanti dopo. Dopo averlo letto, ha sentito che finalmente le cose stavano iniziando ad andare per il verso giusto. Con un po' di fortuna, questa volta tra un giorno o due, quel coglione di Tahir sarebbe morto! Ridere più forte era la cosa migliore che si fosse sentito da molto tempo. Camminando verso la sua macchina chiamò il dottore.
"Preparala" rise al telefono, "voglio questo coglione morto! Natasha dì al dottore che voglio che venga schierata il prima possibile."
"Capo, ti rendi conto che non è la più stabile, vero?" Natasha ha risposto.
"Bene! più è instabile meglio è!" ha riso.

Tahir ascoltò mentre il Capitano elencava i bersagli che volevano fargli eliminare. Poco prima di andarsene andò da Kim per rafforzarla di più.
"Kim, voglio rafforzare le tue difese. Adesso sanno di noi attraverso Tina, voglio farlo." Kim annuì, era contenta, sapeva di poter resistere a un attacco adesso, ma sapeva anche che non era neanche lontanamente forte come avrebbe voluto essere. Tahir ha scavato in profondità trovando le sue difese. Poteva vedere dove li aveva rinforzati prima, le correzioni erano ancora forti e resistenti. Sembravano essere rimasti gli stessi, né più deboli né più forti. Lavorando per mezz'ora, l'aveva rafforzata al punto che era appena un po' più forte di Tina. Sorridendo si ritirò.
"Spero che questo ti renda più forte, le tue difese sono solo un po' più forti di quelle di Tina.

"Posso sentirlo!" disse eccitata, "Non ho mai sentito così tanto potere in me prima d'ora, grazie Tahir, spero solo che non dovremo mai mettere tutto questo alla prova."
Tahir annuì tenendola un attimo prima di incontrare di nuovo il Capitano. "Ricorda, fai quello che puoi, poi vattene da lì, non abbiamo il supporto che avevamo in quella città" ha affermato il Capitano, "Non abbiamo avuto un rapporto sulla loro attività da pochi giorni , non da quando hanno eliminato il dipartimento principale lì." Tahir annuì mettendo le poche cose che avrebbe portato con sé.

Apparendo nel parco iniziò a scrutare intorno. Trovando il suo primo obiettivo, si è trasferito lì. L'uomo si vantava e festeggiava di aver ucciso gli agenti che aveva. Improvvisamente davanti a lui apparve un uomo magro con uno sguardo intenso sul viso.
Sogghignando, "non prenderti gioco di me, ometto, a meno che tu non voglia morire!" Tahir iniziò a ridere che questa formica pisciata non era così forte come aveva detto il rapporto. Sorridendo all'uomo, Tahir aspettò di vedere cosa avrebbe fatto. Lanciando un'onda di energia, l'uomo sembrò scioccato quando Tahir iniziò a ridere di lui.
"Oh merda, non tu!" Raggiungendo in profondità Tahir ha trovato tutte le sue abilità e le ha semplicemente schiacciate tutte. Poi si è ritirato.
"Di' a tutti gli altri che ti ho risparmiato, di' loro che sono tutti morti qualunque cosa possano fare. Ho detto al dottore che avevo smesso di giocare, lo intendevo." Con ciò è scomparso.

L'uomo uscì barcollando dal bar correndo più veloce che poteva. Trovare gli altri era soprattutto nella sua mente. Fuori dal complesso si è imbattuto in Natasha.
"Cosa stai facendo qui?" sentendo l'apparente angoscia dell'uomo, guardò un po' più a fondo e vide che la storia rivelava segni di Tahir. "Immagino che tu abbia scoperto quanto fosse forte, eh? Non dirmelo, l'hai sfidato e lui ti ha semplicemente privato di tutte le tue abilità?" l'Uomo si limitò ad annuire, "Tipico Tahir, voi uomini non imparerete mai che non siete all'altezza del suo potere."
"Mi ha dato un messaggio da dare a tutti gli altri", ha iniziato, "Ha detto che sarebbe venuto per tutti loro, che erano morti qualunque cosa facessero".
Natasha annuì sembrava che Tahir stesse per entrare in guerra sul serio.
Dopo che l'uomo se ne fu andato, Natasha lo disse al dottore, poi chiamò tutti gli altri per avvertirli. Sapeva nella sua mente che avrebbero perso molte persone quel giorno.

Tahir la osservava mentre faceva ogni telefonata, seguendo ciascuna fino alla fine, vedendo ogni gruppo di uomini. Dopo che ebbe finito, Tahir la congelò. Uno sguardo sorpreso sul suo viso, poi uno di piacere mentre Tahir la palpava, strofinandole la clitoride su un orgasmo come ricompensa. Se ne andò altrettanto all'improvviso, Natasha desiderò che non la prendesse in giro, quella era la terza o quarta volta. Accidenti! voleva la cosa reale o almeno più liberazione di quella che le stava dando. Apparendo nel nascondiglio dei primi gruppi, Tahir li ha congelati tutti e 5. Questa è stata una sorpresa per lui come ha fatto loro. Non aveva mai fatto più di 2 alla volta. Raggiungendo ciascuno di essi raccolse tutte le informazioni che poteva, poi andò più in profondità trovando tutte le abilità di ciascuno e iniziò a distruggerli ciascuno. Fu così finché non raggiunse l'ultimo, vedendo il puro piacere che l'uomo provava nell'uccidere, Tahir gli sorrise in faccia.
"Sei morto. Per l'umanità e per i crimini che hai commesso", raggiungendo Tahir gli afferrò il cuore facendo aumentare la pressione fino a farlo esplodere. Il viso dell'uomo guardò Tahir scioccato, poi si piegò in avanti.

Scivolando fuori e in ogni nascondiglio, Tahir ne aveva uccisi solo 5, neutralizzandone un totale di 70, quando si è imbattuto in lei. Aveva appena finito di prendersi cura del 15° nascondiglio, quando lei apparve. Allungandosi, ha colpito un muro per la prima volta, invece di sentirlo. Spingendo più forte, era attraverso il suo muro ma non era così facile. La sentì spingere contro di lui, ancora non raggiungendola del tutto, iniziò a spingere più forte hmmm era la più forte che avesse mai incontrato. Rafforzando i suoi scudi più di quanto avesse mai fatto, sentendo che lei spingeva diventare un po' più debole, poi aumentò anche lui, sapeva che sarebbe stata una lotta.

Tahir la sentì che cercava di inculcargli nella mente che aveva chiuso bene. Finalmente l'aveva raggiunta, sentendo la follia che stava vivendo. Tahir poteva anche sentire l'eccessiva quantità di energia a cui era stata esposta. Dopo essersi affrontati per soli 5 minuti, la stanza era nel caos, c'erano buchi ovunque nei muri, erano entrambi madidi di sudore, sapeva che lei lo avrebbe ucciso se non si fosse sbarazzato di lei presto. La sua energia era stata leggermente indebolita, anche la sua energia era esaurita, anche se ne aveva abbastanza da farle quasi scivolare oltre le sue difese. Dando un enorme impeto la spinse indietro contro il muro cercando di congelarla, era troppo forte ma lui l'aveva bloccata momentaneamente. Alla fine, facendo un respiro profondo, si centrò e la mandò a casa del capo in cui era stato. Gli ci volle quasi tutto quello che aveva. Guardandola svanire, Tahir maledisse la sua stupidità e la sua eccessiva sicurezza.

Attingendo quanta più energia possibile, gli capitò di guardare il suo riflesso quando vide il sangue. Ovviamente era riuscita a tagliarlo vedendo anche il lento stillicidio di sangue da un lato della sua testa, Tahir ha tirato dentro più che poteva (guarire non era uno dei suoi punti di forza) non aveva ancora abbastanza energia per scivolare ed era solo a metà della missione. Seduto sul pavimento in mezzo a tutta quella distruzione, tirò più veloce, aspettando. Natasha aveva visto l'ultima parte della battaglia? Non era sicura di come chiamarlo, sentiva l'energia di Tahir calare enormemente insieme a quella della donna e aveva cercato di raggiungerlo quando la donna era scomparsa.
Per quanto ne sapeva Natasha non aveva visto quell'abilità in lei. Hmmm ovviamente Tahir aveva più capacità di quanto avesse lasciato intendere.

Tahir ha sentito Natasha quando ha iniziato a sondare e ha colpito il suo muro. Scendendo le scale sapeva che anche nel suo stato di debolezza non poteva competere con lui. Alzando lo sguardo la vide mentre si avvicinava.
"Questa non è stata un'idea mia né del dottore, ho sentito che hai tolto un'abilità al leader. Il suo temperamento è decisamente peggiorato. Avrei dovuto consegnarti un messaggio ma presumo che tu abbia indovinato. Vogliono che tu sappia che pensano che tu non possa sconfiggerli ora" sorrise lentamente, "Non ti conoscono come me"
"avevano molti soldati, ne hanno persi più di 100 ora. Non mi fermerò finché non li avrò sconfitti, di' al tuo capo che non ho ancora finito con lui", voltandosi per andare fermò Natasha, "ringrazialo anche" Natasha lo guardò interrogativamente, "Questo piccolo battibecco di oggi mi rafforzerà molto. Ho scoperto che usarli o non usarli tende a renderli più forti." Gli occhi di Natasha si spalancarono, "Di solito non uso tanto quanto oggi, ho usato quasi tutto il potere combattendola come ha fatto lei, sarà una grande spinta."

Tahir scoprì di essersi già ricaricato due volte più velocemente dell'ultima volta. Sorridendo si allungò e attirò a sé una Natasha che si dibatteva, baciandola profondamente e appassionatamente svanì. I rapporti che stavano ricevendo dicevano che c'era stata una specie di grande battaglia, nel seminterrato di un edificio non troppo lontano dal vecchio quartier generale est. Kim era preoccupata, non avevano ancora ricevuto alcuna notizia da Tahir. Aveva sperimentato dopo che se n'era andato e aveva scoperto che ora poteva davvero sentirlo, non importa quanto fosse lontano. Fino a un'ora prima lo aveva sentito adesso, niente. Con un sussulto strillò sommessamente, quando Tahir apparve accanto a lei, finché non vide il sangue. Immediatamente, gli ha afferrato la testa iniziando il processo di guarigione, quando è svenuto tra le sue braccia.

CONTINUA

Storie simili

Un sacco di piscio e merda..

Avevo solo bisogno di mettere su questa storia. Questo tipo di mi eccita. far sapere al mondo cosa ho fatto. spero ti piaccia e divertiti lascia commenti. Ciao, sono Sonia, un'indiana, una femmina. Questa è un'esperienza davvero fantastica che ho avuto e, per favore, non è un'opera di fantasia... è la sua vita reale... quindi allaccia le cinture di sicurezza.... Frequento un collegio.... in India stessa, e ho un bel corpo.... non molto sviluppato, ma è comunque bello da vedere e sono biondo.... ho i capelli lunghi, che mi piacciono levigato e raddrizzato.... Abbastanza su di me suppongo.... ecco la mia...

987 I più visti

Likes 0

HOBO Capitoli 12 e 13

CAPITOLO DODICI Mi sono svegliato presto la mattina successiva e sono stato in grado di alzarmi dal letto senza svegliare Michelle. Sono andato in cucina, ho preparato una tazza di caffè. Ho poi cucinato uova strapazzate, pancetta e salsiccia e stavo finendo quando Michelle è entrata in cucina strofinandosi gli occhi. “Cosa stai facendo?”, chiese sbadigliando. “Ci sta preparando la colazione. Per favore, siediti sullo sgabello”, mi sorrise, fece il giro del bar e si sedette. Le ho preparato un piatto e l'ho posato davanti a lei, poi le ho versato una tazza di caffè. Poi ho aggiustato il mio piatto...

265 I più visti

Likes 0

Brooke_(1)

Brooke Questa è la mia prima storia e, come tale, sii premuroso nelle tue critiche; solo critiche costruttive per favore. Se non ti piace questa storia, ce ne sono molte altre da leggere. I nomi sono stati cambiati per proteggere i miei fottuti compagni e, a loro volta, il mio culo. Durante la mia adolescenza, sono stato abbastanza sessualmente attivo. Essere un adolescente e anche frequentare un liceo cattolico per soli maschi ha solo favorito la mia libido. Per cominciare, io non sono un ragazzo piccolo. A quel tempo, avevo circa 6'3, 200 libbre e un atleta di prima qualità. Ho...

998 I più visti

Likes 0

L'uomo più piccolo

Stavo guardando le gambe di Jerry, mentre era in piedi sullo sgabello davanti a me. Aveva le cosce molto forti, e ho ammirato la sua forma mentre metteva la nuova lampadina nella plafoniera. Questa cosa è un dolore da raggiungere, ha detto Jerry. Poi, mentre lottava con il bulbo, i miei occhi seguivano le sue gambe muscolose fino al punto in cui si incontravano, e ho dovuto sopprimere uno sguardo fisso: c'era un nodulo che giaceva di lato, un piccolo nodulo, ma c'era un nodulo ben definito. Lascia che ti spieghi quello. Stavamo parlando del nostro recente gruppo di feste che...

898 I più visti

Likes 0

Capitolo 3 della mia serie; Rachel viene in primo piano

Leggendo questo ho scoperto che alcuni dei dialetti della mia zona si sono intrufolati, quindi per salvare tutti i commenti sull'ortografia e sulla grammatica, lo spiegherò. Usiamo me al posto di mio in alcuni casi e nostra madre è mamma, quindi quando Rachel dice Sono caduto dalla bici e Questa sono io mamma questo è corretto parlare per lei. Ci scusiamo per eventuali errori di ortografia, che sono passati. Avevo circa 24 anni e Susan 20 quando ci siamo sposati, in meno di un anno sono stato nominato capo custode, a causa del ritiro di Sid, questo mi ha dato più...

811 I più visti

Likes 0

L'Harem dell'Imperatore - Parte 2

2. Mi sono svegliato la mattina dopo con la mia imperatrice drappeggiata su di me da dietro. Il suo braccio agile mi abbracciò il petto e sentii i suoi capezzoli contro la mia schiena. Avevo sposato Rayne per motivi politici, la crescita del mio regno richiedeva l'annessione di uno adiacente, praticamente delle stesse dimensioni di Marad. Sebbene i miei generali mi assicurassero che la capitale poteva essere catturata e la terra aggiunta alla mia, il costo del sangue era troppo grande per me da sopportare. Fu organizzato un matrimonio che avrebbe unito i nostri due imperi, ma in effetti Corlan fu...

755 I più visti

Likes 0

Violentata da Bigfoot

Questa è la mia prima volta dal punto di vista di una donna. Fatemi sapere cosa ne pensate e se dovesse continuare... Violentata da bigfoot È stato uno strano incidente che mi ha portato a questa situazione. Avevo un po' di freddo, completamente nudo, avevo un mal di testa martellante, una caviglia dolorante ed ero intrappolato in una grotta a metà di una montagna. Non ricordo di essere stato portato qui, ma la creatura che deve avermi salvato la vita doveva vivere qui. Non l'ho visto molto, dato che ha lasciato la grotta verso l'alba. Ricordo solo di essere scivolato su...

993 I più visti

Likes 0

Ragazze della California 3

Ragazze della California 3 Oh merda, sono le 7 del mattino esclamò Kate. Wow, siamo stati tutta la notte, sorrise Hannah, siamo delle puttane arrapate rise. No, sul serio, è un male, mia sorella sarà a casa tra mezz'ora. Kate ha detto alzandosi in piedi, Uh, merda a me le gambe, gemette, strofinandosi le ginocchia, agh e il mio bacino sembra come se qualcuno l'avesse battuto con un martello. Wow la scorsa notte è stato divertente sorrise Hannah ancora di più, Dovrei prendermi un cane! . Preoccupati dopo, aiutami a ripulire un po' di questo sperma, è ovunque! Merda è ovunque!...

862 I più visti

Likes 0

Perdo la verginità(8)

L'ho incontrata su un sito di chat su Internet. Vivevamo a 800 km di distanza, quindi non ho avuto problemi a flirtare come un matto. Mi ha detto che è alta 1,5 m, lunghi capelli biondi e occhi azzurri con un corpo sexy. Beh ovviamente l'ho presa in giro e le ho detto che se non mi manda una foto non le crederò, mi ha chiesto se le foto di lei sarebbero state solo per i miei occhi ed essendo il ragazzo che sono le ho dato la mia parola, aspettandomi una foto molto cattiva. Quello che ho ottenuto è stata...

827 I più visti

Likes 0

Vendetta in Cina

Jack era incazzato. Ancora. Ancora una volta il suo datore di lavoro cinese lo aveva imbrogliato. Non solo la sua paga era in ritardo, di nuovo, ma il bastardo si era inventato delle deduzioni stronzate. Jack era irritato. Era in Cina da appena sei mesi e aveva tre datori di lavoro. Ognuno di loro lo aveva imbrogliato in qualche modo. Nessuno lo aveva mai pagato in tempo. Nessuno lo aveva mai trattato in modo amichevole. Lo trattavano tutti come un nulla. Solo un altro straniero da attirare in Cina e imbrogliare. Jack aveva deciso. L'indomani avrebbe attraversato il ponte per Hong...

152 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.