Il Barfly - cap. 2, riscrivi

218Report
Il Barfly - cap. 2, riscrivi

Prologo

Vorrei ringraziare coloro che hanno letto le mie storie e le hanno commentate. Questa è una riscrittura completa del secondo capitolo della mia storia "The Barfly" originariamente pubblicato nel forum.

Vorrei chiedere a quelli di voi che mi onorano con voti negativi nei gruppi di lasciare alcuni commenti in modo che io possa imparare cosa non piace ai lettori delle mie storie. Vorrei anche chiedere a quelli di voi a cui piacciono le mie storie di lanciare un wote a modo mio per tenerle in una posizione accessibile.

Godere
J. Bailey


Il Barfly, cap. 2, riscrivi

Si svegliò la mattina dopo con l'odore del caffè. All'inizio era un po' disorientato dato che viveva da solo ma poi la cosa lo colpì. La sera prima aveva portato a casa una ragazza, la ragazza del bar, Natasha, quella magra. Doveva fare qualcosa per cambiare la sua figura, pensò, il suo stato attuale poteva essere pericoloso per la sua salute se l'avesse urtata al buio. Sorrise tra sé e sé per la battuta del cretino.

L'ultima prova della sua nuova capacità di controllare un'altra persona era andata bene, pensò tra sé e sé. Aveva scoperto mesi prima di essere diverso dalle altre persone e dopo alcuni esperimenti iniziali aveva iniziato a lavorare sull'espansione e l'affinamento delle sue capacità. Durante la sperimentazione ha scoperto che poteva manipolare le menti delle persone. Aveva iniziato con piccole cose come persuadere le ragazze del suo studio a chiedergli se gli piaceva un caffè o se gli piaceva qualcosa del bar dietro l'angolo.

Ha scoperto che poteva far loro dimenticare cose che erano accadute ed era anche in grado di far loro ricordare cose che non erano accadute. Era in grado di far credere loro che le cose che stavano facendo erano una loro idea, e si sentivano bene a riguardo. E stava iniziando a leggere nella mente delle persone. Ha scoperto che alcune cose che poteva fare più velocemente quando toccava la persona che stava manipolando, ma stava migliorando sempre di più nel manipolare le persone senza doverle toccare.

Natasha era l'esperimento finale e sembrava essere un successo. Si alzò dal letto e andò in bagno a farsi una pisciata, una doccia veloce e lavarsi i denti.

“Buongiorno Natasha” disse entrando in cucina. Stava mettendo piatti e posate sul tavolo insieme a vari cibi dal suo frigorifero indossando l'accappatoio. Si avvicinò a lei e la abbracciò da dietro. Lei sorrise e lasciò ricadere la testa sulla sua spalla. Il suo braccio sinistro attraversò il suo corpo appena sotto i suoi seni, spingendoli un po' verso l'alto, mentre la sua mano destra sciolse il nodo dell'accappatoio e le solleticava la pelle dal braccio sinistro fino alle labbra della figa facendola tremare. Lei gemette nel suo orecchio.

"Charlie che si sente così bene, per favore baciami." Chiuse gli occhi e si girò tra le sue braccia cercando le sue labbra e lo baciò con una passione che lo sorprese. Anche dopo il loro incontro di ieri sera. Percepì una forte sensazione di passione emanare dalla sua mente e la baciò sondandole la bocca con la lingua usando la sua capacità di stimolarla ancora di più.

Mentre la baciava, lei notò che si era lavato i denti prima di entrare in cucina e decise che le piaceva. Quando la sua lingua iniziò a sondarle la bocca, lei avvertì di nuovo quella sensazione di formicolio che le fece piegare le ginocchia per una settimana. Lasciò che le sue mani scivolassero sotto l'accappatoio, giù fino al suo sedere e le prese le guance facendola tremare e gemere nel suo bacio penetrante. Lei interruppe il bacio e lo guardò negli occhi.

"Mi stai facendo eccitare di nuovo, Charlie" disse un po' senza fiato. Lui sorrise e la baciò sulla fronte.

"È tutta colpa tua" rispose e lei lo guardò con uno sguardo interrogativo nel suo bel viso.

“Beh, se il tuo corpo non fosse così sexy non mi faresti arrapare e quindi non dovresti subire la tortura di me che ti faccio arrapare di nuovo. Vedi che è tutta colpa tua", disse con un sorriso. Lei lo guardò e scosse la testa incredula.

"Sei pazzo" disse alla fine, scuotendo ancora la testa.

"Potrebbe benissimo essere" ha risposto con un grande sorriso. "Che programmi avevi per il fine settimana?"

“In realtà in cima alla mia lista dei desideri c'era; per ubriacarmi, magari per conoscere gente simpatica e scopare, se sono fortunato. E poi forse userò un giorno per curare i miei postumi di una sbornia. In realtà ho molto tempo per curare i miei postumi di una sbornia dato che sto appena iniziando una vacanza di due settimane” gli sorrise e lui la baciò sulla punta del naso.

“Beh, hai scopato, penso che sia un buon inizio. Forse possiamo organizzare qualcosa riguardo alle persone simpatiche e ai postumi di una sbornia". Lei lo guardò, fece scivolare la mano nelle sue mutande e afferrò il suo cazzo.

"Penso di aver appena incontrato due bravi ragazzi, quindi sospetto che tu mi debba solo una sbornia." Iniziò a massaggiare lentamente il suo palo irrigidito con la mano, guardandolo con un sorriso perverso. Le afferrò entrambi i capezzoli, li torse dolcemente e li sentì diventare duri tra le sue dita. Lei gemette e si mise in ginocchio.

"Ma ti devo un orgasmo o due" ha tirato fuori il suo cazzo dai suoi slip e ha iniziato a leccargli la testa prima di prenderlo in bocca e succhiarlo dolcemente come se fosse un lecca-lecca. "Mmmmm è pulito anche qui" pensò, "e si è messo della biancheria pulita, mi piace decisamente..." Gli piacque la sensazione e semplicemente lasciò andare i suoi sentimenti, eccitandosi estremamente. La sua bocca era calda e morbida sulla sua testa e mentre iniziava a spingerlo verso il basso gemeva ad ogni discesa, solleticandogli la testa con la vibrazione della sua voce.

Non riusciva più a sopportare la sensazione e si sedette su una delle sedie della cucina e si godette semplicemente la sensazione. Natasha continuava a muovere le labbra su e giù sulla sua asta e lui sentì il suo sacco di palle indurirsi. Sembrava sentire che era vicino e il suo succhiare è diventato più intenso fino a quando all'improvviso è venuto. Il suo corpo si tese e lui le venne in bocca, ma lei continuò a succhiare finché non lo ebbe succhiato completamente.

Ciò che lo stupiva era che lei ingoiava tutto il suo carico senza nemmeno battere ciglio. Mentre lo aveva succhiato fino a farlo asciugare e aveva finito di pulirlo con la bocca, si mise a cavalcioni sul suo grembo strofinando la sua fessura su e giù per il suo cazzo ancora semi duro finché il suo clitoride non entrò in contatto con la sua testa. Girò la parte inferiore del corpo, sospirò e appoggiò la testa sulla sua spalla.

"Ti è piaciuto?" gli sussurrò all'orecchio. Si limitò ad annuire, con gli occhi chiusi, cercando di riprendere fiato, godendosi la sensazione dei suoi capezzoli duri sul suo petto nudo e della sua figa calda sul suo cazzo. La circondò con le braccia sotto l'accappatoio e la tenne stretta, solleticandole la schiena e la fessura tra le sue natiche baciandole la tempia mentre scendeva dal suo orgasmo. Assaporò la sensazione del suo corpo caldo sulla sua pelle e fece un respiro profondo.

“Natasha, vorrei invitarti nella mia cabina per il resto del weekend. Se sei interessato, è così." Alzò la testa e lo guardò negli occhi per un po'.

"Mi piacerebbe." Lo baciò profondamente ei suoi capezzoli gli solleticarono il petto. Dopo un po' interruppe il bacio.

"Allora facciamo colazione e andiamo". La baciò di nuovo sulla fronte e la spinse in piedi. Lei fece il broncio ed era ovvio che voleva di più, ma lui non le diede la possibilità di tenere il broncio e si sedette semplicemente al tavolo, si versò un caffè e iniziò a mangiare, indossando nient'altro che le sue mutande. Si sedette dall'altra parte del tavolo e fece lo stesso.

Quando ebbero finito di fare colazione e avevano messo via tutto, le chiese se aveva vestiti da esterno a casa sua. Lei scosse la testa e gli disse di no. Le prese la mano e la condusse in una camera degli ospiti dove aprì un armadio e le disse di guardare se riusciva a trovare qualcosa che le andasse bene. Poi andò in camera sua per vestirsi.

Al suo ritorno indossava un paio di pantaloni larghi della tuta, una maglietta bianca e una felpa grigia con cappuccio e cerniera sul davanti. Indossava anche calzini di cotone bianco e un paio di scarpe da jogging Nike. Si girò intorno al proprio asse per presentarsi e posare per lui.

"Ti piace?" Lui annuì con la testa e la prese tra le braccia.

"Sembri strepitosa" le disse e la baciò sul lato del collo. Sorrise felice, non sapendo che stava manipolando la sua mente, adattandola ai suoi bisogni e desideri.

“Penso che dovremmo fermarci, al centro commerciale, così puoi guardarti intorno per alcune cose di cui avrai bisogno durante il fine settimana.” Lo guardò e gli rivolse un sorriso raggiante. Era così premuroso e gentile, eppure la conosceva appena. Chiusero la casa e si avvicinarono alla sua macchina, una Mercedes nera, a quattro ruote motrici, con i finestrini oscurati. La loro prima tappa è stata in un centro commerciale dove ha comprato tutto ciò di cui aveva bisogno, come biancheria intima, vestiti extra e simili. Ha pagato per tutto ciò che ha comprato e lei era in paradiso. Una calda sensazione di felicità le riempì tutto il corpo.

Risalirono in macchina e iniziarono il viaggio verso la sua cabina tenendosi per mano. Mentre stavano guidando lui ha aggiustato la sua mente rendendola arrapata e orientata in modo bisessuale. Alla periferia della città videro davanti a loro un autostoppista. Ha iniziato a rallentare e quando Natasha ha scoperto che era una ragazza ha chiesto se potevano darle un'occhiata e invitarla se le piaceva. La guardò, sorrise sopra il suo entusiasmo e si fermò. L'autostoppista si è rivelata una graziosa brunetta di nome Karen. Indossava una maglietta attillata, jeans, scarpe da ginnastica e quelli che sembravano calzini di cotone bianco. Per quanto poteva vedere, aveva un bel paio di seni sodi e pesanti a coppa D e una bella figura. Dato che non indossava un reggiseno, poteva vedere che i suoi capezzoli erano scuri e un po' gonfi. Le hanno chiesto dove stesse andando e lei ha detto loro che stava andando a est e ha chiesto se poteva seguirli fin dove stavano andando.

La invitarono in macchina e mentre lei e le sue cose erano al sicuro a bordo, allungò la mano e disse:

“Charles...” Gli prese la mano e trovò una sensazione di formicolio che le fece tremare un po' le ginocchia. Esitò un attimo e disse:

“Karen...”

"E questa bella signora è Natasha."

Inizia così il condizionamento mentale di Karen. Ha reso la piccola brunetta calda per Natasha e per se stesso e poi ha aspettato come si sarebbero evolute le cose. Natasha ha iniziato una conversazione con Karen su dove stava andando e perché. Karen ha detto loro che aveva 19 anni, non aveva famiglia e che stava facendo un viaggio attraverso il paese per vedere i luoghi e vedere se poteva trovare un lavoro da qualche parte. Questo gli diede un'idea e un piano iniziò a prendere forma nella sua testa. Ha apportato alcune modifiche alle menti delle ragazze per renderle più accettabili rispetto a ciò che stava pianificando.

Mentre guidavano, sentì Karen dire a Natasha quanto l'avesse trovata bella e quanto le invidiava l'idea di andare in una baita in campagna. Natascia le chiese se le sarebbe piaciuto venire con loro e lo guardò. Lui la guardò, sorrise e annuì con la testa. Natasha si voltò di nuovo verso Karen.

"Sei ufficialmente invitato a unirti a noi alla cabina" disse con uno scintillio negli occhi.

"Sono fortunato ad avervi incontrato gente." Karen ha risposto, con lo stesso scintillio negli occhi. Allungò la mano sinistra e accarezzò dolcemente il braccio di Natasha. Natasha mise la mano su quella di Karen e la strinse dolcemente. Karen mosse la mano per solleticare il seno sinistro di Natasha e solleticandole dolcemente il capezzolo, facendo chiudere gli occhi a Natasha e gemendo ad alta voce a causa della precedente stimolazione della sua mente. La guardò.

"Natasha, ti andrebbe di sederti dietro con Karen per una chiacchierata tra ragazze?" Aprì gli occhi e annuì con calma con la testa. Fermò la macchina per permetterle di salire sul sedile posteriore. Continuò a guidare e mentre guardava nello specchietto retrovisore vide le ragazze abbracciarsi l'una con l'altra. La volta successiva che si voltò, le ragazze avevano iniziato a baciarsi dolcemente usando le mani per solleticarsi il collo. La terza volta che li guardò erano entrambi in topless e Natasha stava succhiando e baciando avidamente i seni di Karen e i capezzoli soffici e sporgenti.

Smise di guardare nello specchietto retrovisore, ma a giudicare dai suoni provenienti dal retro dell'auto le ragazze sembravano divertirsi a fondo per il resto della strada fino alla cabina. Charles controllava di tanto in tanto le loro menti e non trovava altro che una lussuria animalesca. Dopo circa un'ora di guida si rivolse a loro.

“Beh ragazze ci siamo quasi. Quando arriviamo, potresti voler dare un'occhiata alla Jacuzzi.» Le ragazze hanno risposto con un entusiasmo travolgente e hanno cominciato a rimettersi le magliette.

Quando arrivarono alla baita parcheggiò l'auto davanti alla casa e scesero tutti.

"La vasca idromassaggio è dietro la casa." Charles disse loro e le ragazze camminarono a braccetto verso il retro della capanna. Sentì le loro esplosioni di gioia mentre sparivano dietro l'angolo e decise di mettere il cibo, che avevano portato con sé, nel frigorifero della capanna e poi unirsi a loro.

Era una giornata calda e mentre le ragazze camminavano verso il retro della capanna si abbracciavano come amanti che erano stati separati per molto tempo e si erano appena riuniti.

“Karen, sei una provocazione. Hai reso la mia figa così bagnata facendo quello che hai fatto in macchina durante la salita." Karen guardò profondamente negli occhi di Nat e la baciò, sondandole la bocca con la lingua muovendo la mano nelle mutandine di Natasha, prendendo a coppa il suo monticello, mettendo un dito nella sua fessura premendo contro il suo clitoride facendola gemere e premere il suo corpo in Karen.

"Mmmmmmm..." Natasha gemette piano e premette il suo cavallo più forte nella mano di Karen. Ha mordicchiato il lobo di Karen e leccato l'interno dell'orecchio con la lingua.

“Spogliamoci ed entriamo nella Jacuzzi” sussurrò all'orecchio di Karen, un po' senza fiato per la sensazione che provava mentre Karen alternava lentamente la pressione sul suo clitoride. Si spogliarono a vicenda ed entrarono nella vasca con forti sospiri mentre il calore dell'acqua colpiva i loro corpi.

===

Aprì la porta ed entrò per aprire le finestre, dare un'occhiata, riempire il frigo e dare alle ragazze un po' di tempo per entrare nel giusto umore. Prese il cellulare e compose il numero del suo amico John.

“Ciao John, qui Charles. Ho un'idea che devo discutere con te. Potresti incontrarmi nella mia cabina verso le 8 di domani sera?" John si chiese perché Charles avesse bisogno di vederlo alla Capanna e non in città.

"Ho un'idea che sospetto potrebbe portarci un bel po' di soldi e devo discuterne con te domani." Alla fine John si arrese e promise di essere fuori alla capanna verso le 8 la sera successiva.

“Oh e Giovanni. Porta qualche bottiglia di vino, per favore?

Dopo aver terminato la telefonata ha preso degli asciugamani e degli accappatoi, è uscito dalla Cabina attraverso l'ingresso posteriore ed è stato accolto da gemiti sommessi provenienti dalla vasca idromassaggio.

La prima cosa che vide furono i vestiti delle ragazze sparsi nella veranda sul retro. Mentre si avvicinava alla vasca vide Natasha con la testa inclinata all'indietro, gemendo. Karen era di fronte a lei e le baciava il lato del collo scendendo fino ai seni e ai capezzoli. Prese in bocca uno dei capezzoli di Natasha e iniziò a succhiarlo dolcemente. La sua mano destra era nell'acqua e lui poteva solo immaginare cosa stesse succedendo sotto la linea di galleggiamento.


Karen aprì gli occhi e lo vide in piedi lì, a guardarli. Gli fece l'occhiolino con la mano, facendogli cenno di venire a unirsi a loro. Decise di stuzzicarli un po' prima di seguire la sua richiesta.

Si sedette su un'altalena nella veranda sul retro e continuò a guardare le ragazze, il rigonfiamento nei suoi pantaloni ora era chiaramente visibile. Stimolava la mente di Karen in modo tale che lei avesse la sensazione che il suo clitoride venisse leccato e succhiato da una bocca e una lingua. C'era anche la sensazione di qualcosa che dapprima le leccava e poi le sondava delicatamente l'ano, prima di aggiungere la sensazione di un cazzo a tutti gli effetti che veniva lentamente spinto nella sua figa. Quindi aggiunse la sensazione di piccole protuberanze che massaggiavano il suo punto g facendola gemere rumorosamente, sollevandole le cosce, spingendo contro il cazzo immaginario e chiudendo gli occhi più forte.

Il corpo di Karen sussultò quando le sensazioni la colpirono e lei si girò nell'acqua sopraffatta dalla sua stimolazione, incapace di continuare ciò che aveva iniziato a fare a Natasha. Poteva sentire che Natasha voleva molto di più e che non capiva bene cosa era appena successo, perché Karen aveva semplicemente smesso di soddisfare la sua lussuria. Karen ora galleggiava sulla schiena contraendosi a ogni spinta delle sonde immaginarie, la testa sulla spalla destra di Natasha, i seni e i capezzoli semiduri esposti alle mani esploratrici di Natasha.

Natasha iniziò a massaggiare i capezzoli di Karen, rendendoli duri, alzandosi orgogliosamente in aria. Charles ha stimolato la mente di Natasha a darle la sensazione di una bocca che le amministra il clitoride, succhiando e leccando l'area circostante. Quindi aggiunse la sensazione di una debole corrente elettrica pulsante che veniva somministrata al suo bocciolo di rosa e una bocca che succhiava ciascuno dei suoi capezzoli. Ha finito dandole la sensazione di un cazzo adulto che preme dentro e fuori dalla sua figa. Ciò la fece grugnire dalle parti più profonde del suo corpo e aumentare la pressione che stava applicando ai capezzoli di Karen.

Karen, d'altra parte, era così vicina all'orgasmo a causa della sensazione della sua figa completamente scopata che l'aumento della pressione la fece venire forte, grugnendo violentemente e gemendo come se non avesse mai avuto un orgasmo prima. Quando Karen è arrivata, Natasha è diventata così sovrastimolata che è venuta con lei. Quando Natasha arrivò, aumentò la sua pressione sui capezzoli di Karen facendo sì che Karen gemesse rumorosamente.

"Oooo, Yeeeeees, mooooreee" balbettò tra le onde dell'orgasmo che colpirono il suo corpo.

Questo è andato avanti per un po', la sua somministrazione è continuata in modo tale da controllare la stimolazione sui clitoridi e sugli ani delle ragazze permettendo loro di scendere dal loro climax solo per ribaltarli di nuovo cambiando il ritmo della loro stimolazione, inducendoli a vieni ancora più difficile la seconda volta. I corpi delle ragazze si contorcevano pesantemente facendo sì che l'acqua si scambiasse per tutto il portico. Natasha si era spostata in una posizione in cui teneva Karen, una mano dietro le sue spalle e l'altra afferrava il culo di Karen con forza, premendo i loro seni insieme, le loro fighe premute l'una sulle cosce dell'altra, baciandola profondamente, le loro lingue che infuriavano un'immensa battaglia mentre loro raggiunto il culmine insieme per la seconda volta.

Si spogliò ed entrò nella vasca idromassaggio con loro.

“Ciao ragazze, vedo che vi state divertendo...”

Le ragazze si lasciarono lentamente l'una dall'altra e lo guardarono completamente senza fiato. Natasha scivolò verso di lui e lo baciò profondamente.

"Grazie Charlie, è stato meraviglioso." Karen li guardò ansimando.

"Come hai fatto?" lei ansimò tra i pantaloni.

“Non ho fatto niente. Voi due ragazze siete così calde e arrapate, dovete essere innamorate o qualcosa del genere” rispose con un sorriso. Karen guardò lui e poi Natasha.

"Dovremmo?"

Natasha annuì, afferrò il suo cazzo e iniziò a massaggiarlo lentamente. Si lasciò galleggiare sulla superficie della vasca proprio mentre Karen scivolava verso di lui e allargava le gambe per avere più facile accesso alla sua erezione. Lei era in piedi tra le sue gambe, i suoi bei seni pesanti, ma vivace che puntavano proprio su di lui, con il suo cazzo tra di loro.

"Sai Karen, hai dei seni molto belli e anche un bel corpo." Karen sorrise al complimento e inghiottì la testa del suo cazzo con le sue labbra calde e morbide facendolo gemere in attesa di ciò che doveva ancora venire.


Dopo aver soddisfatto la loro lussuria si sono rilassati nella vasca idromassaggio, fino a quando non hanno avuto fame e poi sono entrati per preparare la cena. Ha detto loro che un suo amico sarebbe venuto a trovarlo la sera successiva. Le ragazze non hanno avuto obiezioni e preparare la cena si è rivelato molto divertente.

"Karen, potresti venire qui per favore." Indossava una canottiera e lui l'ha tirata giù esponendole i seni. Prese un po' del condimento per l'insalata che stava preparando e lo lasciò gocciolare sui suoi seni e capezzoli, prima di leccare il condimento dal seno sinistro e finire per succhiarle il capezzolo, facendo increspare l'aureola e facendo in modo che il capezzolo iniziasse a indurirsi.

"Cosa ne pensi Natasha, forse un po' più di limone?" Natasha leccò la medicazione dal seno destro di Karen e finì anche per succhiarle il capezzolo.

"Forse un po' di più." disse baciandolo sulle labbra. Karen li guardò e scosse la testa.

"Voi due siete matti." ha detto loro. Ma poteva vedere nei suoi occhi che era eccitata dalla sua piccola cattiveria.

Quando tutto era pronto apparecchiarono la tavola e cominciarono a mangiare. Aveva preparato pesce saltato in padella con riso e patate dolci, salsa di crema a la mare, un'insalata verde con aggiunta di frutta e una crema fresca, condimento agrodolce. Con il loro pasto avevano un vino bianco.

Durante la cena Kate ha raccontato loro la loro storia. I suoi genitori erano stati uccisi durante una rapina in un negozio quando lei aveva sei anni e lei era passata da orfanotrofio a casa adottiva, a orfanotrofio a casa adottiva per...

Aveva perso la verginità in una delle famiglie affidatarie quando aveva tredici anni. I suoi genitori adottivi erano bevitori periodici. Non bevevano molto spesso, ma quando lo facevano di solito era una buona idea che lei rimanesse nella sua stanza e non li disturbasse. Se usciva dalla sua stanza mentre stavano bevendo, all'"uomo di casa" piaceva palpeggiarle il culo e le tette in via di sviluppo.

Lo odiava quando lo faceva, ma nessuno ascoltava le sue lamentele, quindi si limitava a restare nella sua stanza. Di solito quando bevevano l'evento si concludeva con dei suoni piuttosto espliciti; gemiti, gemiti, supplica di fermarsi e, infine, grugniti, schiaffi e piagnucolii dolorosi. Una volta lo ha sentito dire che avrebbe scopato il culo della madre adottiva. Il giorno dopo la madre adottiva di solito aveva problemi a sedersi su una sedia.

La notte in cui è successo, si è svegliata con alcuni suoni di conati di vomito e alcuni implorando, di fermarsi. Poi le cose si sono calmate per un po' fino a quando non lo ha sentito provare fastidiosamente a svegliare la madre adottiva che sembrava essere svenuta. Karen lo sentì schiaffeggiare la donna con forti schiocchi, ma senza successo. Lo sentì lamentarsi per un po' finché non si arrese e si versò un altro drink, poteva sentire il collo della bottiglia aggrapparsi al bordo del bicchiere. Giaceva a pancia in giù e stava per riaddormentarsi quando lo sentì andare in bagno e liberarsi dalla vescica.

Il suo cuore quasi si fermò dalla paura quando lo sentì fermarsi fuori dalla sua porta sulla via del ritorno dal bagno. Quando ha aperto la porta ed è entrato nella sua stanza, era così spaventata che si è fatta la pipì. Si avvicinò al suo letto, tolse senza tante cerimonie il copriletto e le mise una mano sul culo.

“Ti sei fatta la pipì piccola puttana. Dovrò punirti". Le tirò le mutandine e quando si accorse che stava premendo le gambe insieme si tolse la cintura e la colpì forte sulle cosce e sulle natiche finché non cedette. Lei piagnucolò e lo pregò di lasciarla in pace, ma senza successo. Le tolse le mutandine e le tirò la camicia da notte sopra la testa prima di afferrarle i capelli e trascinarla in soggiorno dove la gettò sul divano.

"Se ti muovi ti uccido, cagna." Lei giaceva piangendo sul divano, cercando di nascondere la sua vergogna mentre lui si spogliava e cercava freneticamente di mettere il suo cazzo sull'attenti. Sfortunatamente per lei ciò non è accaduto, quindi le ha afferrato di nuovo i capelli e le ha avvicinato il viso al suo cazzo.

“Succhia, piccola puttana e non osare mordermi. Se lo fai, ti faccio a pezzi, cazzo". Iniziò a succhiarlo e con suo stupore il pezzo di carne che stava succhiando iniziò a crescerle in bocca. Premette sulla sua testa facendola vomitare una volta che il suo membro era salito alla piena gloria e aveva iniziato a colpirle la parte posteriore della gola. Il sapore e la sensazione erano così disgustosi che quasi vomitò. Proprio in quel momento, decise che era ora di scoparla come si deve e si tirò fuori dalla sua bocca.

Con una presa salda sui suoi capelli la sollevò dalle ginocchia e la fece sedere sul tavolo della sala da pranzo. Le allargò brutalmente le gambe e mise il suo cazzo all'ingresso della sua figa, poi le afferrò i capezzoli pizzicandoli rudemente e premendo nella sua stretta apertura provocandole un immenso dolore che si manifestò nell'urlo che emise mentre lui premeva su di lei, strappando quello che era rimasto del suo imene. Fortunatamente, per lei, il suo imene era stato parzialmente strappato durante la ginnastica pochi mesi prima, quindi l'emorragia non è sfuggita di mano. Continuò inesorabilmente a muoversi dentro e fuori dalla sua stretta apertura. All'inizio urlò per il dolore che lui le stava infliggendo, ma dopo un po' il dolore si attenuò un po' e lei si limitò a piangere e piagnucolare come un animale ferito.

Improvvisamente, si è irrigidito ed è entrato nella sua figa dolorante. Imprecò, la girò sullo stomaco facendole penzolare i piedi oltre il bordo del tavolo. Poi le allargò le natiche con le mani e cercò di premere nel suo piccolo bocciolo di rosa. Fortunatamente per lei stava diventando molle e non è riuscito a penetrarle il buco del culo.

Imprecò di nuovo e le colpì forte le natiche con la mano piatta prima di lasciarla andare e inciampare ubriaco sul divano dove svenne. Karen giaceva piagnucolante e sanguinante sul tavolo. Stava per svenire ma è riuscita a trascinarsi al telefono e a chiamare il 911.

Quando la polizia è arrivata, ha trovato Karen incosciente vicino al telefono che stringeva l'auricolare tra le mani. Hanno trovato la madre adottiva priva di sensi per la sua brutale penetrazione orale e per essere stata schiaffeggiata dal padre adottivo che era completamente fuori dal mondo per aver bevuto.

Quando si è svegliata due giorni dopo in un ospedale, le è stato detto che sua madre adottiva era morta e che suo padre adottivo era in prima linea per una vita in prigione. Fortunatamente aveva appena terminato il ciclo, quindi non è rimasta incinta né ha subito danni fisici permanenti, anche se il trauma psicologico non l'ha mai abbandonata del tutto. In seguito ha appreso che era stato stuprato di gruppo in prigione e ora stava cagando in un sacchetto di plastica in un ospedale, ma non le ha portato alcuna chiusura. Era troppo insensibile per preoccuparsene.

--------------

Dopo che ebbe finito la sua storia, rimasero tutti seduti in silenzio per un momento, non del tutto sicuri di cosa dire. Alla fine le prese la mano e scrutò la sua mente solo per vedere grande tristezza, disperazione e solitudine. Ha messo una sfera temporanea attorno ai suoi ricordi, portando via il dolore dell'evento e le ha dato una buona sensazione di se stessa. Ha anche stimolato il suo cervello per darle una sensazione felice e benvenuta. Natasha si avvicinò a Karen e l'abbracciò con le lacrime agli occhi. Rimasero seduti così per un po', offrendo conforto l'uno all'altro con la loro vicinanza.

Dopo cena si sono seduti accanto al fuoco con un piatto di pasta dolce, formaggio e frutta e caffè irlandese. Si sedettero tutti insieme sul divano con Karen al centro. Si appoggiò a lui e lui la tenne tra le braccia. Natasha si appoggiò alla schiena di Karen con le braccia intorno a lei. Dopo un po' hanno ricominciato a parlare lentamente, il che ha portato a un po' di sbaciucchiamenti e baci. Hanno bevuto il loro caffè irlandese e quando l'alcol ha iniziato a fare effetto, tutti hanno iniziato a sentirsi meglio. Karen lo guardò negli occhi in modo arbitrario, gli occhi pieni di lacrime.

"Voglio che entrambi fate l'amore con me stasera." Lo baciò febbrilmente con le labbra socchiuse, premendo la lingua contro le sue labbra. Le succhiò la lingua in bocca. Natasha ha massaggiato delicatamente il seno di Karen da dietro la schiena e le ha solleticato la pancia. Karen gemette sommessamente ei suoi occhi cominciarono a diventare vitrei. Dopo un po' interruppe il bacio, si alzò e offrì la mano a Karen.

"Venite ragazze, andiamo a letto." Tirò su Karen e poi Natasha, baciandola dolcemente sulle labbra.

"Siamo gentili con lei stasera." Lei lo guardò e annuì con la testa, tenendogli la mano. Cinse Karen con un braccio e insieme andarono tutti in camera da letto dove si spogliarono prima di fare una doccia in bagno. Si divertivano a lavarsi e ad asciugarsi dopo la doccia. Quando ebbero finito di asciugarsi, le ragazze lo accompagnarono in camera da letto e chiusero a chiave la porta del bagno.

"Ma che...?" Cominciò a parlare, ma gli dissero solo di uscire e mettersi a letto.

Per un po' sentì ridacchiare e sussurrare attraverso la porta finché alla fine la serratura scattò e le ragazze entrarono nella camera da letto vestite con gli accappatoi. Entrarono in camera da letto con sguardi molto sexy sui loro volti e si fermarono alla fine del letto, dove giaceva nudo, e iniziarono ad allentare le cinture dei loro accappatoi.

Lasciarono che le vesti scivolassero lentamente dalle loro spalle, ondeggiando i fianchi, rivelando sempre di più i loro seni. Lentamente rivelarono sempre di più i loro corpi finché non rimasero completamente nudi davanti a lui. Guardò i loro bei corpi e notò che si erano rasati le fighe. Li guardò con un ampio sorriso e disse:

"Sono belli. Ora venite entrambi qui così posso avere un assaggio...”

Le ragazze erano raggianti come se avesse appena dato loro diamanti e perle e saltarono in piedi, sul letto. Distesero sul letto una ragazza per lato. Baciò Natasha e scese sulla figa audace di Karen. Natasha baciò Karen che rispose succhiandole febbrilmente la lingua in bocca.

Ha leccato e succhiato le labbra esterne di Karen e quando la sua lingua è entrata nella sua piega ha notato il sapore dolce dei suoi succhi di figa. Ha usato la sua capacità di stimolare il bocciolo di rosa e il seno di Karen, concentrandosi sulle sue aureole e sui capezzoli prima di creare un'estensione che penetrava nella sua vagina facendola muovere i fianchi verso la sua bocca in estasi.

Karen si distese sulla schiena usando entrambe le mani per tirare indietro le gambe. Natasha si era mossa per amministrare i capezzoli di Karen con la lingua e le labbra alternando il capezzolo sinistro e destro. Disse a Karen di voltarsi e di salire su tutti e quattro ai bordi del letto. Natasha è salita sulla schiena di fronte a Karen per consentire un facile accesso al suo sesso. Ha messo il suo cazzo nella fessura di Karen e si è infilato nella sua figa già fradicia facendola gemere dolcemente nella figa di Natasha.

Karen ha infilato la lingua nella fessura di Natasha e si è leccata lentamente la strada dal basso verso l'alto, solleticando l'area appena sotto il clitoride. Natasha inspirò bruscamente e afferrò la testa di Karen tirandola più forte nell'inguine. Nel frattempo Charlie pompava il suo cazzo dentro e fuori dalla figa di Karen accendendola, facendola gemere continuamente nella figa di Natasha aumentando la sua eccitazione.

Questo è andato avanti per un po'. Ha pompato dentro Karen con colpi lunghi, ma lenti, che facevano contrarre il suo corpo ogni volta che arrivava a casa. Karen invece ha continuato a leccare e succhiare le labbra e il clitoride di Natasha. Dopo un po' Karen è venuta a cambiare la sua stimolazione della figa di Natasha facendola venire anche stringendo le gambe intorno alla testa di Karen tirando forte la bocca di Karen nella sua figa.

Per un po' la stanza si riempì di gemiti, grugniti e piagnucolii. Dopo un po' scesero dalle loro vette, si coccolarono di nuovo l'uno nell'altro e si addormentarono esausti per le gesta sessuali che quel giorno aveva portato loro.

Era ancora buio quando si svegliò e sentì che aveva un'erezione e che il suo cazzo era stato inghiottito da qualcosa di caldo e umido. Guardò alla sua destra e vide la schiena e il culo ben fatto di Karen, ma lei dormiva profondamente. Guardando a sinistra vide solo il culo di Natasha e le sue lunghe gambe tornite. The rest of her was under the bed spread and he realized it was her that was sucking on his cock. He lifted the bedspread.

“Hello Natasha, Having trouble sleeping?” She plopped his cock out of her mouth...

“I woke up and found that I missed him. So I decided to do something about it. I hope you don’t mind.” She looked at him with her beautiful eyes and then moved up to kiss him. He returned her kiss passionately and pulled her further up so she came to sit on his lower belly with his dick just at the opening of her pussy. He broke the kiss.

"Essere mio ospite." And then he pressed his thighs together causing his erection to lift up from his stomach. She pressed her pussy against his erection until it entered her, then moved back and forth slowly impaling her body just a bit further each time until he was all the way inside her. At that point she bit her lower lip and her eyes glazed over as she gave a moan and her body trembled. She sat up, let her head fall back and slowly gyrated her hips massaging her clit on his mound. After a while of this her body began to twitch and she switched to moving up and down, first a little bit and as her arousal increased and she came closer to climax she moved further up and down his shaft, her breathing becoming quicker, more labored. As the speed of her movements increased she started to let out little squeaks.

At this point he had begun to massage her tits, softly pinching her nipples.

Suddenly she stopped all movement as his cock was almost entirely out of her cavity. She lingered for just a short moment and then thrust down again, hard, grunted, lifted herself up, and then down again with a long moan, went rigid and as a tremendous orgasm hit her, her whole body started to shake and tremble. As she slowly came down from her peak she began to gyrate her hips up and down on his shaft using the muscles in her pussy to milk him.

For him this was too much and after a short while, he came, bucking wildly into her down thrust squirting his semen deep into her womb causing her to come again with little squeaks and moans. She collapsed onto him, completely out of breath. As the tenseness of their orgasm started to reside they began to laugh and giggle like teenagers.

Suddenly Natasha felt a hand being put on her sweaty butt crack and a voice said.

“That was amazing to watch. I love you both.” Karen then snuggled into his right side and as Natasha moved to his left they all fell asleep again hugging each other tightly. His last thought was doubting if he would really be able to pull it off, selling them to John that is.


It was almost noon when they woke up the next day. They all took a shower together before preparing breakfast. As it was a beautiful day they had breakfast on the back porch. After finishing breakfast they put everything away before spending the rest of the day sunbathing and splashing around in the Jacuzzi. The girls had by that time become extremely attached to him emotionally and it was almost as if they could read his mind when he needed something.

To him the whole thing felt as if he had gained two dedicated companions that were eager to do all his bidding almost before he formulated his wish into words. He wondered if there was a flaw in his conditioning of the girls minds.

As the evening neared they went into the house to prepare dinner as John would be arriving soon. John arrived just before 8 and they went outside to greet him.

“Hello John, meet Natasha and Karen. I think they might like to work with us. Natasha and Karen walked over to John and each took one of his arms. They wore nothing but T-shirts and shorts. Together they walked into the house and all four of them sat down at the dining table. Charles got out a bottle of red and filled their glasses. As the first bottle was empty Charles opened another bottle.

Things started out slowly but as the wine started to have effect, the girls became giddy and began to show John a lot of attention. Also they took turns of looking deeply into his eyes, flirting with him. Natasha put the palm of her hand onto the bulge that was forming in his pants causing him to squirm, making it obvious to the other two that something was happening under the table, in the center region of his body.

As they moved to the living room for coffee and liquors things started to heat up. John sat in the center of the large couch and the girls sat on his right and left. It started with Karen kissing him full on the mouth exploring it’s inside with her tongue, while Natasha put her hand on Johns, by now rather impressive, bulge and began to tickle it. John put his arms around the girls and simply went with the flow of events. After a while of this Natasha opened Johns fly, fished out his rather large hard on and took it into her warm, eager mouth.

As Karen noticed what Natasha was doing she stood up and started to strip and slow dance on the floor in front of them. John looked at Charles who nodded lightly. John then slid further down into the couch and Natasha slid onto the floor between John’s legs now slowly pumping his cock with her lips and hands, moaning each time Johns cock hit the back of her throat, causing him to experience an extreme sensation as if a vibrator was touching his head. John moaned and looked at Natasha who was pumping him slowly with her mouth.

“Natasha, I want to fuck you” John said quietly, looking deeply into her eyes, his eyes full of lust. She stood up and started to undress, kissing and touching Karen in the process. As both girls were naked Natasha returned to John and undressed him. She then straddled him slowly impaling her body on his his now fully erect cock. She threw back her head and moaned loudly as he hit bottom. She sat still for a while getting accustomed to his size before she started to use the muscles of her pussy to massage his cock. He moaned, pulled her closer and sucked her nipples making them hard and erect causing her to moan and begin to ride him slowly.

Charles was so turned on watching Natasha and John that he just swallowed hard and quietly reached his hand out for Karen. Karen came over to him and helped him undress before going down on her knees to suck his cock. Charles was actually close to exploding as he pulled her up.

“I want to fuck you, Karen.” She could see the want in his eyes, the hunger for her body, for her breasts, for her nipples, for her hot wanting pussy. She straddled his crotch, aiming his rod for her hot pussy, impaling her body on his now fully erect rod. Just like Natasha had done with John only moments before. As Charlie hit bottom, pressing on her cervix, Karen’s body twitched and she grunted deeply from the innermost depths of her body, pressing her breasts into his face, moaning as he started to suck on her fluffy nipples causing them to harden.

Despite his own lust running amok Charles stimulated the girls clits and rosebuds in such a way that the four of them came simultaneously with wild, releasing groans from the men and loud screams, urging the men onwards, from the girls. As the girls came they cramped heavily making them turn rigid like wooden boards shaking and quivering while the orgasms shook their bodies before slumping down onto the men, panting as if they just finished a 400 yard run at the Olympics.


Epilogue

A week later Charles and John were sitting in a bar discussing the future of their business arrangement.

“You know Charlie if you can provide women in the same quality as these two and with the same eagerness to serve my clients you can have a good thing going for both of us. I suspect I can pay you one to two hundred grand a head. When can I have these two?” Charles looked at John.

“I think that would be acceptable. But there is one little snag. You can’t have these two. I have become too emotionally attached to them and they have been through too much. They will be working for and with me. You will hear from me in about a week” he replied and shook John’s hand before he left the bar with a smile on his face.

============

It was a friday night.

Her name was Elana, she was 19, blond hair, slim body, long legs, B cup breasts, school dropout, bored stiff with her job and living in a crummy apartment.

Finally another week at work was over and she decided to go for a night on the town to relieve some stress. She took a shower and looked at her wardrobe to find a dress. She found one and after getting dressed and putting on some makeup she left her apartment.

She sat on a stool at the bar wearing her best dress when he came in and looked around. He was nicely dressed and had a comfortable aura around him. He walked to the bar and sat on a barstool next to her. As he sat down his hand brushed against her arm and she felt a tingling sensation flow through her entire body.

He ordered a drink for himself, then turned and looked at her for a moment asking her if she liked a drink.

“Yes, thank you please” she said. He ordered her a drink, paid and walked to a free table, suspecting that she would follow him in a while.

He sat down and checked on her, she was actually looking straight at him. She looked a bit unsure on what to think of him walking away. Usually when someone offered her a drink they pestered her with their life’s story and a mash of how their wives didn’t understand them.

This guy simply invited her on a drink and then walked away. Now that was a first...

He lifted his glass in her direction and smiled. She smiled back and lifted her glass in his direction.

A while passed where she thought about him and suddenly she made a decision and walked over to his table.

“May I join you?” lei chiese. He looked up at her and smiled.

"Sì grazie. I was hoping you would like to join me.” He offered his hand and said:

“Charles...” She took his hand. This time she got a bit week in her knees from the tingling sensation.

“Elana...”

“Beautiful name for a beautiful lady.” he said, smiling as he let go of her hand.

She smiled at his remark and sat down by his side.

Storie simili

Ragazze in spiaggia a tre

È iniziato domenica mattina presto nel weekend del Memorial Day quando mi sono alzato per prendere un bicchiere d'acqua dalla cucina. Stavamo affittando una casa sulla spiaggia nelle Outer Banks e avevo davvero sete per la pizza vegetariana che abbiamo mangiato per cena. Scivolai fuori dal letto e mi diressi in cucina. Ho sentito la TV del soggiorno accesa e ho pensato che le due ragazze fossero tornate tardi dal loro incontro con i ragazzi che prima avevano preso in giro in spiaggia, avessero guardato un po' di TV e l'avessero lasciata accesa. Ho intravisto la TV dallo spazio tra la...

217 I più visti

Likes 0

Trio alla festa di Natale

Avevo solo 20 anni e avevo sempre amato Bev (32) da quando avevo iniziato a lavorare un paio di anni prima. Aveva lunghi capelli castani con la permanente, una figura sinuosa con fianchi larghi e meravigliosi, seni grandi e gambe lunghe. Bev indossava spesso top scollati che servivano ad accentuare i suoi grandi seni sodi. Mi ritrovo a sognare ad occhi aperti e a guardare la sua bella figura. In più di un'occasione sono stato catturato da Bev che mi sorrideva semplicemente timidamente con uno sguardo d'intesa prima che tornassi timidamente al mio lavoro, per tutto il tempo la mia mente...

245 I più visti

Likes 0

DIARIO DI UNA FAMIGLIA: PARTE 1

3 settembre Caro diario, mi chiamo Tilly Crawford e negli ultimi dieci anni sono stata la casalinga della Delta House Fraternity qui allo State U. Un altro anno di scuola è iniziato proprio ieri e i ragazzi si stanno preparando per la corsa all'impegno della confraternita settimana organizzando feste e, naturalmente, l'open house per consentire alle nuove matricole di farsi un'idea se desiderano unirsi a Omega House. È stata una lunga estate per me diario, mi manca molto stare con i ragazzi e ovviamente alla mia figa mancava l'attenzione che riceve dai loro grossi cazzi duri!!! Eric è appena passato per...

351 I più visti

Likes 0

Give Me Some Sugar Part 1 - Prova di Rochelle

​ La vita è sicuramente divertente è come si svolge. Non sono mai stato un uomo religioso, e ancora non lo sono, ma ascoltavo il tipo di Joel Olsteen quando i tempi erano brutti. Era così positivo, che ha aiutato, ma ha anche parlato di come Dio potrebbe recuperare decenni di merda, in pochi anni attraverso un aumento super naturale. Come ho detto, non sono un cristiano e sono agnostico sull'esistenza di una divinità, ma devo ammettere che come minimo, la vita può rimediare a molte sofferenze molto rapidamente. In effetti, penso che ti faccia godere ancora di più della tua...

249 I più visti

Likes 0

Internet

Qualche anno fa, quando vivevo ad Amsterdam, ho parlato con una donna del sud dell'Inghilterra su Internet. Andavamo molto d'accordo e spesso le nostre chiacchiere si rivolgevano al sesso. A volte condividevamo le nostre fantasie. Dopo circa 6 mesi di chat ha iniziato a raccontarmi le sue fantasie più profonde. Una notte mi ha detto che spesso fantastica di essere osservata mentre fa sesso. Ha detto che le sarebbe piaciuto fare sesso dal vivo su Internet o uscire a fare il dogging. Naturalmente quello che aveva appena detto mi fece venire subito il cazzo duro. Ho deciso di rischiare e le...

179 I più visti

Likes 0

Il furgone - Scopa mia moglie

Una sera io e mia moglie stavamo cenando, è venuto fuori l'argomento di una delle nostre fantasie. L'abbiamo chiamato il furgone. Era stata una nostra fantasia ricorrente prendere diversi ragazzi e farli scopare mia moglie nel retro di un furgone. Questa volta abbiamo deciso di farlo quindi abbiamo aspettato il weekend. Abbiamo noleggiato un furgone bianco per la notte e siamo andati in centro alla ricerca di alcuni ragazzi belli e sani. Indossava un mini abito nero scollato e aveva un letto rifatto nella parte posteriore. Abbiamo guidato per un po' e ci siamo imbattuti in un ragazzo che camminava da...

163 I più visti

Likes 0

Violentata da Bigfoot

Questa è la mia prima volta dal punto di vista di una donna. Fatemi sapere cosa ne pensate e se dovesse continuare... Violentata da bigfoot È stato uno strano incidente che mi ha portato a questa situazione. Avevo un po' di freddo, completamente nudo, avevo un mal di testa martellante, una caviglia dolorante ed ero intrappolato in una grotta a metà di una montagna. Non ricordo di essere stato portato qui, ma la creatura che deve avermi salvato la vita doveva vivere qui. Non l'ho visto molto, dato che ha lasciato la grotta verso l'alba. Ricordo solo di essere scivolato su...

137 I più visti

Likes 0

La migliore sorella del mondo!!! Parte 2

La migliore sorella del mondo!!! Parte 2 Mi sono svegliato la mattina dopo più riposato di quanto mi fossi sentito da molto tempo. Gli eventi della notte precedente mi stavano attraversando la mente mentre iniziavo a prepararmi per la scuola. Sia io che Sydney ci amavamo molto, in un certo senso fraterno. Non avevo mai pensato a lei sessualmente, ma quando l'ho vista masturbarsi fino all'orgasmo mentre pensava a me... ho iniziato a vederla sotto una nuova luce. Ora la vedevo non solo come mia sorella maggiore, ma come una donna bella e sexy. Sono sceso al piano di sotto, la...

195 I più visti

Likes 0

Fratello e sorella a casa da soli

Questa è una storia di fantasia Ciao cari lettori, mi chiamo Young e voglio condividere un segreto che ho tenuto nascosto ai miei genitori per un anno. Ho 22 anni e mia sorella ha 19 anni. Viviamo entrambi con i nostri genitori, il che aiuta molto in questa economia. La storia che segue è quello che è successo nel dicembre del 2010, mentre io e mia sorella siamo rimasti a casa da soli per due settimane prima di Natale. I nostri genitori gestiscono un'attività all'estero e sono a malapena a casa. Tanto per cominciare, voglio dire che ho sempre amato mia...

162 I più visti

Likes 0

Colto in flagrante_(9)

Mi chiamo Carla e sono una studentessa universitaria di 19 anni. Vivo con la mia migliore amica Sarah in un appartamento che i suoi genitori pagano per lei. Il padre di Sarah ha fondato un'azienda che ha funzionato davvero bene e ora ha i soldi da spendere per Sarah quando vuole. Più su di me, sono circa 5'4 con lunghi capelli castano scuro, con una corporatura snella. Ecco la storia di come ho imparato qualcosa in più su me stesso e su Sarah. Sarah era stupenda, era il tipo di ragazza che quando camminavi lungo il corridoio i ragazzi ti fissavano...

332 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.