Storia della mia sfortunata vita - Capitoli 7-8

454Report
Storia della mia sfortunata vita - Capitoli 7-8

Capitolo 7
---------------------
Mentre Ulrich posava con cautela Odd privo di sensi e che ora russava sul suo letto, guardò Yumi e Aelita e guardò di nuovo il suo ragazzo. Il gruppo, a parte Odd che (per qualche motivo) è svenuto, erano leggermente scossi nel vedere Sero e Jeremie pomiciare appassionatamente nella stanza del dormitorio di Jeremie. La cosa che sorprese Ulrich fu la reazione di Odd. Pensava che la reazione di Odd sarebbe stata più matura visto che i due si frequentavano dall'inizio di gennaio. La loro relazione ha avuto molti eventi positivi e molti negativi, come il momento in cui Jeremie è svenuto dopo essersi intromesso tra gli amanti durante il loro primo rapporto sessuale.

"Ehi Ulrich, ti rendi conto che hai ancora con te il cibo per un intero pranzo, vero?" disse Aelita con una piccola risatina che coprì.

"Oh cavolo, me ne ero completamente dimenticato, grazie Aelita. Ehi, voi due potreste vegliare su Odd mentre faccio la doccia? Devo togliermi di dosso questo cibo." disse Ulrich mentre cercava un cambio di vestiti di ricambio, non prima di aver preso un asciugamano. Fare da babysitter a un Strano che russava e dormiva con il cibo sulla maglietta era qualcosa che non voleva fare oggi.

"Non è affatto un problema Ulrich, ci hai aiutato prima, quindi dovremmo ricambiare il favore. Ora vai prima che qualcuno ti chieda perché hai la torta del pastore con il latte sulla maglietta." Disse Yumi con un sorriso. A Ulrich è sempre piaciuto avere amici affidabili in momenti difficili come questi.

Quando Ulrich arrivò alla doccia vuota, andò in un box vicino a uno dei quattro angoli e si spogliò nudo, posando i suoi vestiti puliti e senza cibo sulla panca. Guardandosi intorno, aprì la doccia e pensò tra sé. Cogliendo l'occasione, si sedette sul pavimento piastrellato e iniziò lentamente a masturbarsi. Lui e Odd non hanno avuto il tempo di darsi piacere a vicenda nelle ultime due settimane a causa dei test, degli attacchi XANA e di altri eventi accaduti come l'ingresso di Sero nella banda.

Mettendo da parte quei pensieri, si concentrò su se stesso e sul suo orgasmo inedito. Cominciando ad accelerare gradualmente, gemette mentre accelerava. non molto tempo dopo, la sua mano si mosse rapidamente su e giù lungo l'asta, gemendo più forte di quanto desiderasse. Cercando di concentrare la sua mente su qualcos'altro per prolungare il tempo, pensò accidentalmente a lui e Odd che si baciavano, cosa che lo fece gemere forte ed eiaculare, versando il suo seme che colò nello scarico. "Dannazione, Odd e io abbiamo bisogno di più tempo libero." si disse Ulrich tra un respiro e l'altro, notando la quantità piuttosto grande di sperma che aveva rilasciato. Ricordando il motivo per cui era sotto la doccia, lavò e ripulì rapidamente il suo corpo. Chiusa la doccia, si asciugò e si vestì rapidamente prima che qualcuno potesse entrare. Dopo essere uscito dalla doccia, si guardò intorno prima di tornare nella sua stanza.

Odd si svegliò scioccato. Strofinandosi la testa, si ricordò qualcosa di Jeremie e Sero che facevano qualcosa insieme. Guardandosi attorno, vide Aelita e Yumi sedute sul letto di Ulrich che guardavano qualcosa sul computer di Aelita. Quando Yumi notò che Odd era sveglio, si tolse gli auricolari e diede un colpetto sulla spalla di Aelita, dicendole silenziosamente di togliersi le cuffie. Odd chiese agli innamorati: "Cosa-co-cosa è successo? L'ultima cosa che ricordo è stata Sero e Jeremie e-..."

"Nient'altro. Non preoccuparti, Rose ha semplicemente deciso di scherzare con te, sostenendo che a scuola era finito il cibo, facendoti svenire." disse Aelita, interrompendo Odd nel processo. "Sei sicuro? Perché mi sono ricordato che stava succedendo qualcos'altro." Odd chiese di nuovo agli innamorati, volendo maggiori informazioni. "Sì, è successo qualcos'altro. Quando sei svenuto, hai rovesciato su di ME tutto il cibo che avresti dato a Sero e Jeremie!" disse Ulrich entrando nella stanza. "Per fortuna, Yumi e Aelita hanno accettato di vegliare su di te se fosse successo qualcosa di brutto, quindi ho fatto una doccia veloce per ripulirmi." - aggiunse il suo ragazzo lanciandogli uno sguardo leggermente di disapprovazione. "Oh, e grazie Aelita e Yumi per esservi presi cura del mio sonno Odd." Disse con un tono più leggero, dando di nascosto un breve bacio sulla guancia di Odd.

"Nessun problema, Ulrich. Beh, credo che andremo avanti, Jeremie mi ha mandato un messaggio." disse Aelita, concentrandosi sul suo computer. "Dice che XANA sta attaccando, ma non può lasciare la sua stanza perché XANA cerca di aprirla! Dobbiamo andare alla fabbrica."

"Bene, cosa aspettiamo allora? Aelita può attivare il computer e i piccioncini sanno gestirsi da soli, quindi sbrighiamoci!" disse Odd, desiderando che questa giornata finisse.

I piccioncini non hanno avuto fortuna con il clone polimorfico che ha preso la forma di Sero, schernendo lui e la sua debole struttura fisica. Se c'era una cosa in cui Sero non era bravo, era l'autodifesa e l'unica cosa peggiore era che ora combatteva contro una versione molto più forte di se stesso. Ciononostante, Sero stava mantenendo la sua posizione contro XANA. "Jeremie, devi andare alla fabbrica per aiutare gli altri! Penso di poter tenere a bada XANA." Sero disse, schivando rapidamente un pugno del clone, se c'era un vantaggio che Sero aveva, era la sua agile velocità e le sue reazioni rapide. Jeremie si limitò ad annuire in segno di consenso e corse fuori dalla porta, solo per imbattersi nel resto del gruppo. "Jeremie, cosa sta succedendo? Sero ha bisogno che-ATTENZIONE!" Sero interruppe Aelita. Jeremie guardò dietro di sé per vedere che Sero aveva subito uno shock totale dal suo clone. "NO!" Jeremie urlò, voleva lanciarsi contro il clone, ma fu afferrato da Ulrich.

"Sei pazzo, Einstein? Sero può cavarsela da solo. Dobbiamo andare alla fabbrica, disattivare la torre e tornare al passato!" Ulrich quasi gli gridò contro. "Jeremie, vai! Posso gestirlo." disse Sero rialzandosi da terra con la camicia verde trifoglio leggermente carbonizzata dall'elettricità. La banda ha afferrato Jeremie ed è corsa alla fabbrica. Voltandosi alle sue spalle, Sero si lanciò contro il clone solo per volargli attraverso. "Okay, forse non ho la situazione sotto controllo." disse Sero, facendo un lungo respiro prima di correre fuori dalla stanza di Jeremie e lungo il corridoio. Guardando dietro di sé vide XANA che lo inseguiva, dopo aver avuto un'idea corse dritto verso il clone quando iniziò a caricare una sfera elettrica. "Spero che questo piano funzioni come pensavo." Si disse. Dopo che il Polimorfo ha lanciato il suo attacco elettrico, Sero ha schivato rapidamente la palla, spostandola di lato. Il clone sembrò arrabbiato quando vide il suo nemico fare ciò, e decise di caricarlo invece di lanciare un'altra palla.

"È tutto quello che hai XANA? Mi sono rimaste molte energie!" disse Sero, ansimando leggermente. Sentiva che l'adrenalina lo spingeva al massimo della sua condizione, ma che ancora non gli bastava. XANA si lasciò sfuggire qualche risata, trasformandosi in una versione di Sero alta due metri, che sembrava più muscolosa e atletica di prima. "Beh, merda." disse Sero. Sapendo che non poteva continuare a schivare i suoi attacchi, corse oltre il clone, conducendolo nel parco della scuola. "Vieni da me XANA, posso farlo tutto il giorno!" disse Sero, ansimando mentre correva. Anche se l'adrenalina lo faceva andare avanti, l'asma di Sero gli impediva di esprimere tutto il suo potenziale. Sfortunatamente, Sero ha buttato via il suo inalatore quando si è iscritto al liceo Kadic, poiché l'aria era molto più pulita di quella degli Stati Uniti. Guardandosi alle spalle, vide il clone caricarsi verso di lui senza alcun problema.

"Beh, non sono un gran scalatore, ma è ora di iniziare a provare." disse Sero con più sussulto mentre iniziava lentamente ad arrampicarsi sull'albero più alto vicino a lui. Quando raggiunse un punto adatto su un grosso ramo, si sedette e si portò le mani al petto per il dolore, come se i suoi polmoni fossero in fiamme. Dopo aver ansimato per prendere aria a sufficienza, guardò in basso e vide il clone sotto l'albero che caricava una palla elettrica. Guadagnando abbastanza energia, si arrampicò lentamente sulla cima dell'albero in modo che il clone fosse fuori dal suo campo visivo. Quando il clone lanciò la palla elettrica, l'albero tremò, facendo quasi cadere Sero ma afferrò un ramo per la sua vita, poiché era facilmente a sei metri di caduta dai suoi piedi. Il Clone Polimorfico rise mentre lanciava un'altra palla, ma alla base dell'albero invece che a Sero. Sentendo l'albero spezzarsi e crollare lentamente, cercò di arrampicarsi sul ramo, ma gli sforzi di Sero furono vani poiché lui e l'albero caddero, con il ramo più grande che cadde sulle sue gambe, immobilizzandolo. Il clone rise mentre preparava un'ultima palla di elettricità.

"Torre disattivata." disse Aelita quando la torre attivata si trasformò in un bagliore blu più amichevole.

"Torna al passato adesso!" ha detto Jeremie, quasi in lacrime per aver lasciato il suo ragazzo con XANA. Pianse una sola lacrima mentre la familiare luce bianca copriva la fabbrica...

"È tutto ciò che hai?" disse Sero con estremo dolore e respiro sibilante, trattenendosi a malapena in vita. le ossa delle sue gambe erano completamente distrutte e sanguinavano copiosamente a causa del ramo caduto sulle sue gambe. Il clone fece oscillare la sfera elettrica verso la sua testa, ma la fortuna sorrise a Sero quando il clone improvvisamente disperse la sfera di energia mentre entrava e scompariva dall'esistenza. Sero sorrise quando il clone assunse la sua vera forma di Spettro di XANA, che volò via. "Grazie... Jeremie..." disse Sero vedendo una luce brillante avvolgere lui e la scuola.

Quando Sero ritrovò la coscienza, si ritrovò a baciare a torso nudo Jeremie che aveva la maglietta sul pavimento. "Aspetta, mea amantur unum." disse Sero, staccando le labbra da quelle di Jeremie mentre chiudeva la porta. "Ora, dove eravamo rimasti?" Disse avvicinando le labbra a quelle di Jeremie. "Eravamo nel punto in cui hai provato ad abbassarmi la cerniera dei pantaloni. Mi dispiace, Sero, ma per ora i miei pantaloni restano addosso." disse Jeremie con un sorrisetto mentre lasciava la stanza con dei vestiti di ricambio per andare a fare la doccia. Sero gemette di rabbia poiché il ritorno al passato non solo gli salvò la vita, ma interruppe brevemente la sua sessione d'amore con Jeremie.

Capitolo 8
------------------------
Mi sono svegliato tranquillamente con la sveglia musicale del mio iPod impostata alle 5:30, che mi ha svegliato con "November Rain" dei Guns N' Roses. Dopo aver preso i miei soliti vestiti, che includevano un copribocca igienico al posto della felpa con cappuccio, ho dato a Jeremie ancora addormentato un leggero bacio sulla fronte, cosa che lo ha fatto borbottare una teoria sconosciuta in fisica. Dopo aver preso un asciugamano, ho aperto lentamente la porta e l'ho chiusa silenziosamente. Guardandomi intorno, mi dirigo verso le docce.

Mentre andavo alle docce, pensavo agli eventi recenti che mi erano accaduti. Oggi è stato il terzo giorno e la terza notte (AN: senza considerare la notte della perdita della tubatura dell'acqua.) con il mio amante Jeremie che è rimasto nella mia stessa stanza più a lungo di quanto avessi mai desiderato, il che ha fatto svenire Odd durante la nostra sessione di pomiciata. e mi ha fatto sperimentare quanto fa male avere ogni singolo osso delle gambe rotto. Un'altra brutta coincidenza è stata che abbiamo condiviso tutte le lezioni, ma con il vantaggio di poter lavorare insieme sui fogli di lavoro e sui compiti che vengono inviati al dormitorio di Jeremie durante la nostra malattia in corso. Un'altra cosa decente erano i sintomi piuttosto lievi dell'influenza, che consistevano principalmente in tosse, naso che cola e mal di gola.

La mia mente tornò alla realtà quando entrai nella porta delle docce dei ragazzi. Strofinandomi la testa per il dolore, aprii la porta delle docce. Quando mi guardavo allo specchio, notavo quanta parte della mia routine quotidiana dimenticavo di mantenere: la mia acne era grave quasi quanto quella di Herb, i miei capelli erano tutti raccolti in un'eterna acconciatura da testiera del letto, e persino la mia naturale ciocca verde di i capelli si avvicinavano alle mie narici mentre il resto dei capelli mi arrivava proprio sopra gli occhi.

"Ottimo, non c'è tempo per sfogo personale..." dissi con un sospiro mentre entravo nelle docce per trovare un angolo tranquillo. Dopo aver sistemato i vestiti per la giornata sulla panca, ho iniziato a lavarmi, liberandomi della testata del letto. Mi sono rifinita i capelli, ho pulito il resto del corpo e mi sono vestita, indossando la maschera igienica. Dopo aver applicato il mio trattamento quotidiano per l'acne, mi sono guardato un'ultima volta prima di uscire dalla doccia. Mi sono controllato per vedere se avevo portato con me il portafoglio che era assente dal mio corpo. "Merda, adesso devo tornare in camera adesso." dissi senza emozione nella voce mentre tornavo nella stanza di Jeremie.

Dopo essere tornato di nascosto nella stanza di Jeremie per prendere il portafoglio, sono andato a prendere la colazione presto da Rosa perché erano quasi le 6:20. Quando ho ricevuto il mio cibo, l'ho mangiato ad una velocità tale da far ingelosire anche Odd, per un secondo ho pensato di aver dimenticato qualcosa ma l'ho semplicemente ignorato. Pulendomi la faccia, lasciai il campus per tagliarmi i capelli.

Guardandomi intorno per le strade vicino a Kadic, sono riuscito a trovare un barbiere chiamato "Mains, Ciseaux, et les cheveux". Alzando le spalle tra me e me, entrai nel locale e trovai un barbiere solitario che puliva le varie sedie. Ho guardato in alto con curiosità quando ho sentito suonare un campanello, avvisando il proprietario della mia presenza. "Bonjour! Comment voulez-vous que votre coupe de cheveux?" Me lo disse con un autentico accento francese. Sfortunatamente, sapevo pochissimo francese oltre alla frase successiva.

"Pouvez-vous parler anglais?" Nemmeno io riuscivo a pronunciare quella frase perfettamente, esclusa la mia maschera sanitaria che mi attutiva la voce. Il barbiere inizialmente sembrò confuso ma disse "Oh, ehm sì. Come vorresti tagliarti i capelli?" Riflettendoci ho detto "Vorrei che i miei capelli principali fossero tagliati a circa due centimetri e che la mia striscia verde finisse in mezzo agli occhi, se non è un problema". Ovviamente il barbiere non era un granché in inglese, ma in una certa misura capì la mia richiesta.

"Molto bene allora. Se potessi sederti quando vuoi che cominci." Disse, indicando la fila di sedie di fronte al muro. Inspirando, mi sono seduto sulla sedia centrale e ho rilassato il corpo quando ha iniziato a tagliarmi i capelli...

"Il est parfait!" Disse il barbiere, ammirando il suo lavoro, e anch'io rimasi colpito pur non sapendo cosa dicesse. Il modo in cui mi ha tagliato i capelli mi ha ricordato come erano quando sono arrivato a Kadic per la prima volta. "Saranno 7,99€." Disse, tendendo gentilmente la mano, in attesa del pagamento. Mi sono sentito in colpa per la sua mancanza di affari, quindi ho deciso di regalargli semplicemente una banconota da 20 euro. "Tieni il resto, ne hai bisogno." dissi mettendogli in mano la banconota. A quanto pare, non ha mai visto tanta benevolenza da parte di uno straniero, che dice "Molte grazie!" I suoi occhi pieni di gioia. Mostrando un sorriso, sono uscito dal barbiere.

Ho controllato l'ora che diceva 6:40: "Merda, devo tornare in fretta". Mi sono detto. Dopo aver corso veloce quanto me lo permetteva la mia asma, entrai silenziosamente nella mensa per vedere il gruppo meno Yumi (che era solo uno studente diurno) seduto a un tavolo. Jeremie era seduto alla sinistra di Aelita con Odd e Ulrich seduti di fronte a loro. Ulrich e Odd mi hanno guardato, al che ho subito fatto loro un silenzioso "Silenzio", dicendo loro di ignorarmi segretamente mentre mi intrufolavo dietro il mio amante. "Scusa Jeremie, mi sono dilungato, cosa hai detto?" gli disse Odd asciugandosi il naso, facendo del suo meglio per non notarmi. "Sero è appena scomparso! Non ho idea di dove sia e mi sto preoccupando da morire. Devo iniziare a cercarlo o divento matto!" disse Jeremie, preoccupato a morte. Non appena si alzò e si voltò, il suo viso incontrò il mio.

"Allora, mi hai già trovato?" dissi con un leggero sorriso coperto dalla mia maschera sanitaria. La faccia di Jeremie stava per piangere quando mi vide. "Co-dove-dove sei andato? Stavo impazzendo senza di te!" Ha detto con le sue emozioni libere. "Non preoccuparti. Sono appena uscito dal campus per tagliarmi i capelli visto che stavano diventando lunghi." dissi con calma, prendendo nota tra me e me di dirlo a Jeremy quando scapperò da qualche parte. "Avresti comunque dovuto dire qualcosa! Ma adoro il tuo taglio di capelli..." disse, passandomi una mano tra i capelli. "Ehi Jeremy, ti rendi conto che non sei nella tua stanza, vero?" disse Aelita con un colpo di tosse, spezzando il momento. Mentre io e il mio amante arrossivamo, ci sedemmo con gli altri.

"Vuoi qualcosa da mangiare, Sero?" - disse Ulrich, cercando di offrirgli un muffin, che Odd gli prese di mano sconsideratamente. "Sto bene, ho mangiato prima di andare a tagliarmi i capelli." dissi, dandomi una pacca sulla pancia. "Allora, di cos'altro stavi parlando oltre alla mia scomparsa?" Ho chiesto al gruppo. "Non hai sentito? Nell'ultimo numero del giornale scolastico si dice che dal momento che l'influenza ha ormai contagiato praticamente tutti, il processo di quarantena per quest'anno è stato annullato!" Ha detto Ulrich, che aveva mal di gola ma era felice di non doversi nascondere dall'influenza. Dopo aver sentito questo, mi sono tolto la maschera con felicità. "E qualche altra notizia per te, Sero, Jim è venuto alla mensa prima. Voleva dirti che i danni causati dall'acqua nella tua stanza ora sono quasi scomparsi, quindi potrai usare la tua stanza presto." disse Aelita, coprendo un colpo di tosse.

"...Il che significa che devi usare la tua stanza adesso visto che la tua stanza è stata riparata..." disse Jeremie con un certo disappunto. Non ero sicuro di come prendere la notizia, voglio solo un altro giorno con lui. "...Ma la buona notizia è che si stanno ancora prendendo cura dei più piccoli dettagli, quindi abbiamo un ultimo giorno di imbarazzante vicinanza l'uno con l'altro!" Jeremie disse con un sorriso sul volto. Non potevo credere alle buone e/o cattive notizie. "E penso di essere pronto per passare al livello successivo..." mi sussurrò Jeremie con voce sexy. Gli altri non sono riusciti a sentire quello che mi ha detto il mio amante, ma probabilmente hanno un'idea di quello che ha detto Jeremie guardandomi arrossire a un nuovo livello.

"Riesco a malapena a contenere la mia eccitazione! È proprio fantastico-AHH!" dissi, tenendomi la testa in agonia. Questo non dovrebbe succedere, ma poi mi sono ricordato. Le mie medicine... ho dimenticato di prenderle stamattina... Ogni rumore... Ogni luce... Pura tortura per me... "Sero! Stai bene?!" disse Jeremie con la paura nella voce, senza sapere cosa fare. "La mia testa... ho bisogno delle mie... medicine... sotto il materasso-" Furono le mie ultime parole prima che la coscienza mi abbandonasse...

Storie simili

Samantha e Kaylee_(0)

Avevo una vicina di nome Kaylee che era meravigliosa. Era alta, atletica e aveva un corpo sodo. Probabilmente circa 120 libbre. pelle abbronzata, capelli castano scuro. Ha sicuramente attirato la mia attenzione. Non era una troia, era più una provocazione. Abbiamo frequentato la stessa scuola superiore. L'ho vista spesso, ma non abbiamo parlato molto. Tutto in lei era ipnotizzante, il modo in cui i suoi capelli erano lunghi e avevano la giusta quantità di riccioli, le sue gambe, la figura sexy, aveva persino delle fossette sopra il sedere che potevo vedere quando era in bikini intorno alla piscina. Era una brava...

256 I più visti

Likes 0

Diventare Zoe

La mia futura moglie Annie aveva accettato un lavoro fuori città e la vedevo solo ogni due settimane circa. Mi mancava così tanto. Lei ed io eravamo diventati amanti a distanza. Aveva un volo di ritorno a casa venerdì sera. Stavo andando a prendere suo figlio Zakk dal suo dormitorio e noi due saremmo andati a prenderla all'aeroporto e ci saremmo goduti il ​​fine settimana insieme. Zakk è al suo primo anno di college e sta studiando per diventare un truccatore per il teatro e lo schermo. Lui e io non ci siamo davvero conosciuti e questo doveva essere il fine...

1K I più visti

Likes 0

Visitare un amico speciale

Ho bussato al cancello di metallo. Era un bungalow piuttosto grande circondato da muri di mattoni con glassa di filo spinato. Il mio cuore batteva. Tutto quello che sentivo era la paura di essere rifiutato o qualcosa del genere. Fortunatamente, suo fratello maggiore, Suleman, ha aperto la porta. Era un ragazzo con un carattere freddo e una corporatura piuttosto muscolosa, quindi ha mantenuto la sua posizione. Mi guardò con giudizio per un momento, sorrise e mi diede una stretta di mano. Ei, cosa ci fai qui? Sono qui per far visita a tua sorella... mi smorzai, sapendo quanto fosse insolito per...

1.3K I più visti

Likes 0

Il mio fratellastro

Penso che sia così dolce quando il mio fratellastro Kevin regala alla sua ragazza le sue cose. Le ha regalato il suo cappello preferito, verso il quale è ESTREMAMENTE protettivo. Ad esempio, non permettere mai a nessuno di toccarlo. Continua a dire che è perfetto ed è praticamente modellato per adattarsi alla sua testa, e glielo ha dato. Le ha anche regalato la sua giacca preferita e le lascia sempre prendere in prestito le sue fortunate perle del karma. Queste cose sono state il suo portafortuna per tre anni. Non se li toglie mai e odia quando le persone li toccano...

534 I più visti

Likes 0

Vacanze estive

Erano le vacanze estive. Faceva caldo e afoso e non c'era corrente. Eravamo davvero annoiati. Noi, nel senso, io, mia cugina Veena e suo fratello minore Ram. Io avevo 16 anni, lei 15 e lui solo 8. non sapevamo cosa fare e avevamo iniziato a sudare. i miei occhi caddero su Veena. la mia, se fosse cresciuta in un anno. doveva avere 5 1, le sue tette erano attaccate alla maglietta a causa del sudore e delle loro dimensioni La sua gonna era sopra le ginocchia, stava cercando di farsi aria e le sue tette le saltavano nella T. Sembrava che...

564 I più visti

Likes 0

Mia Matsumiya: come essere una brava ragazza

Mia Matsumiya: come essere una brava ragazza NOTA: per facilitare la visualizzazione, controlla il thread Mia Matsumiya: How To Be A Good Girl nella sezione Sex Stories del forum. Credetemi, ne varrà la pena! Mia Matsumiya, una bellissima violinista giapponese di 24 anni, è all'ultima tappa del suo tour in Francia con una delle band d'avanguardia con cui suona. Questa è una rara serata libera dal gioco per la piccola bellezza di un metro e settantacinque, che per caso ha incontrato una coppia di amici - Lisann e suo marito Rob - in un bar all'aperto all'inizio della giornata. Anche se...

403 I più visti

Likes 0

Caduta cap. 08

Capitolo 8, In cui condivido troppe informazioni Era stato un altro lungo viaggio, ma ero arrivato in tempo per prendere il volo del primo pomeriggio. Ero carico e ansioso di tornare a casa e condividere la buona notizia: avevo ottenuto un altro grosso contratto ed ero sulla buona strada per ottenere il venditore dell'anno e uno stupendo bonus. Grazie al coaching di Stacey, avevo imparato che un po' più di T&A avrebbero fatto molto. Una modesta spesa per abiti spigolosi, calze al posto dei collant e così via, si era trasformata in enormi aumenti degli affari firmati. Alcuni dei miei concorrenti...

275 I più visti

Likes 0

Colto in flagrante_(0)

Colto con le mani nel sacco Questa esperienza ha coinvolto il mio conoscente Ben. Dico conoscente perché l'ho incontrato solo una volta prima, abbiamo parlato a malapena e non aveva molto legame con me: era il figlio della mia amica più grande Vicky. Conoscevo Vicky perché facevo volontariato nel suo negozio di animali e, anche dopo aver finito, ancora oggi restiamo buoni amici. All'epoca avevo 15 anni e Ben 13. Vicky mi ha invitato a fare un barbecue per festeggiare il suo compleanno, quindi insieme a molte altre persone ho accettato, ero il più giovane lì a parte Ben che è...

271 I più visti

Likes 0

La mia calda sorellina deglutisce!

Avevo 18 anni al momento di questa storia e mia sorella 16. Avevo appena finito il liceo e in autunno sarei andato al college. Ero alto un metro e settanta e pesavo 175 libbre ed ero in ottima forma grazie allo sport. Mi chiamo Jim e anch'io ero un po' nerd. Tra studio e sport non avevo ancora nemmeno cominciato a frequentarmi. Mia sorella Beth era alta 1,70 e pesava 50 chili, con tette a forma di coppa C perfettamente appuntite e un bel sedere a bolla. Aveva lunghi capelli biondi naturali, setosi, penetranti occhi azzurri e una bocca molto calda...

171 I più visti

Likes 1

Colto in flagrante_(9)

Mi chiamo Carla e sono una studentessa universitaria di 19 anni. Vivo con la mia migliore amica Sarah in un appartamento che i suoi genitori pagano per lei. Il padre di Sarah ha fondato un'azienda che ha funzionato davvero bene e ora ha i soldi da spendere per Sarah quando vuole. Più su di me, sono circa 5'4 con lunghi capelli castano scuro, con una corporatura snella. Ecco la storia di come ho imparato qualcosa in più su me stesso e su Sarah. Sarah era stupenda, era il tipo di ragazza che quando camminavi lungo il corridoio i ragazzi ti fissavano...

2.9K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.