Capitolo 3 della mia serie; Rachel viene in primo piano

2.1KReport
Capitolo 3 della mia serie; Rachel viene in primo piano

Leggendo questo ho scoperto che alcuni dei dialetti della mia zona si sono intrufolati, quindi per salvare tutti i commenti sull'ortografia e sulla grammatica, lo spiegherò.
Usiamo "me" al posto di "mio" in alcuni casi e nostra madre è "mamma", quindi quando Rachel dice "Sono caduto dalla bici" e "Questa sono io mamma" questo è corretto parlare per lei.
Ci scusiamo per eventuali errori di ortografia, che sono passati.

Avevo circa 24 anni e Susan 20 quando ci siamo sposati, in meno di un anno sono stato nominato capo custode, a causa del ritiro di Sid, questo mi ha dato più flessibilità nella mia settimana lavorativa, se fossi andato a lavorare nel fine settimana avrei potuto finire prima o inizio dopo i giorni della settimana, per la domenica avrei accumulato le ore e avrei avuto un giorno di ferie in più, dandomi così il doppio del tempo per la domenica.

Parte del corso era aperto al pubblico, quindi non era una novità vedere gruppi di bambini laggiù, ne conoscevo alcuni per nome, ma mi conoscevano tutti, suonavano le campane e salutavano mentre passavano, io rispondevo con la mano e attraverso questa relazione che abbiamo avuto, mi hanno rispettato come ho fatto con loro e abbiamo avuto pochissimi atti di vandalismo.

Una ragazza che ho conosciuto come Rachel, era di una famiglia con un solo genitore, sembrava sempre intelligente, ma la sua bici aveva visto anni migliori e spesso aveva bisogno di qualcosa da fare, alcuni dei ragazzi più grandi della zona l'avrebbero riparata per lei, ma poi un giorno era sul percorso da sola e ha preso una foratura, piangeva a squarciagola mentre mi avvicinavo al sentiero, ho chiesto cosa c'era che non andava, "Sono caduto dalla bici e ho una foratura ”, le ho detto che era facilmente riparabile e l'ho messo sul camion e lei è saltata sul sedile accanto a me, nel cortile ho preso i miei attrezzi e l'ho fatto riparare in venti minuti.

Il giorno seguente stavo marcando alcuni alberi che dovevano essere abbattuti quando ho visto Rachel dirigersi verso di me con una donna anziana con lei, entrambe in bicicletta, quando si sono fermati accanto a me, Rachel ha detto "Dave, questa sono io mamma" la donna ha tenuto fuori la sua mano, ci siamo stretti la mano e si è presentata come Margaret. Mi ha ringraziato per essere stata così gentile e per aver aiutato Rachel, le ho detto che non era un problema, ho chiesto a Rachel come stava, "Ok grazie" Margaret ha detto che aveva chiesto a Rachel se avesse pianto e gliel'aveva detto senza mezzi termini, "No, ora ho 11 anni e sono troppo vecchia per piangere" Ho visto Rachel farmi un piccolo sorriso, come per dire "per favore non dire a mamma che stavo piangendo", poi ha urlato "Ho 11 anni e ¾" rivolgendosi a me Margaret ha detto "Scusa, ha 11 anni e ¾, alla sua età i ¾ sono importanti" Ho chiesto a Rachel quando era il suo compleanno, "18 luglio" Ho chiesto cosa voleva, "Voglio una bici nuova ma mamma dice che è lei non posso permettermelo quest'anno”, proprio in quel momento il furgone dei gelati è entrato nel corso, ho visto Rachel guardare sua madre come se stesse per chiedere un gelato, ma non l'ha fatto, “Vorresti un gelato” Ho chiesto a Rachel, “Sì, per favore” le ho detto di dire a Bob che l'avrei visto più tardi, Margaret ha detto che non l'avevo mangiato, le ho detto che un gelato non avrebbe rotto la banca.

Con Rachel scomparsa ho chiesto a Margaret se si sarebbe offesa se avessi regalato a Rachel una bici nuova per il suo compleanno, le ho detto che avevo un fratello che lavorava in un produttore di biciclette, quindi potevo averne una a costo, ci sono voluti alcuni minuti ma Margaret ha finalmente accettato la mia offerta. Rachel è tornata con il suo gelato, quando Margaret lo ha visto ha detto "Perché ne hai preso uno così, Rachel"? Rachel ha risposto mentre mi guardava "Ho chiesto a Bob un gelato e gli ho detto che lo avresti visto più tardi e questo è quello che mi ha dato". Poi si è seduta su una panchina per mangiarlo mentre io e Margaret abbiamo chiacchierato di questo e quello. Mentre stavano per partire mi sono ricordato che avevo un clacson per una bicicletta e ho chiesto a Rachel se lo voleva perché non aveva un campanello, "Posso mamma"? Margaret ha annuito "sì", ho detto a Rachel di fare un giro a casa mia più tardi e l'avrei adattata a lei, non sorprende che sapesse dove vivevo.

Dopo il lavoro stavo falciando il prato e Rachel è venuta giù per la strada, aveva alcuni amici con lei, si è fermata e mi ha chiesto se potevo montare il clacson ora. Fatto ciò, gli diede una stretta, "peep, peep" ringraziandomi che se ne sono andati tutti, per tutta la strada potevo sentire "peep, peep", speravo che si fermasse perché non volevo che infastidisse i vicini.

Da questo ho avuto un flusso costante di ragazzi che venivano a trovarmi per riparare forature o fare qualche altro lavoro sulla loro bici, una delle cose principali era la regolazione delle loro selle, maschi e femmine dall'età di 8 fino a circa 13 anni, mi chiedevano di alzare la sella, questo mi dava molte vedute delle giovani dita dei cammelli, dopo aver sistemato il sedile le ragazze si sedevano e io mi inginocchiavo davanti a loro per vedere se era sistemato per loro, spesso indossavano gonne sp ho avuto una buona visuale.

Una ragazza di 13 anni Julie, dopo aver aggiustato la sella l'ha provata, aveva bisogno di un po' più di aggiustamento ed è rimasta in piedi sopra la sella mentre la sollevavo, il dorso della mia mano sfiorò il suo tumulo pubico, lei mi sorrise, poi lei si è seduta sulla mia mano, intrappolandola tra la sua figa e la sella, si è mossa avanti e indietro un paio di volte prima di alzarsi di nuovo, mentre giravo il sedile per aiutarlo a sollevarlo, strofinai di nuovo il dorso della mia mano sulla sua figa. Non è successo altro quando una delle sue amiche ha chiamato dal fronte chiedendo quanto tempo sarebbe rimasta. Con un grazie se n'è andata.

Julie ha iniziato a girare sempre di più per il più piccolo, è venuta anche da me per controllare la pressione delle gomme, e ogni volta che si mostrava le mutandine, un paio di volte ho visto una piccola macchia umida, poi un giorno è tornata in giro volendo montare nuove pastiglie dei freni, era andata in un negozio di biciclette e ne aveva comprate alcune, ma non sapeva come cambiarle e regolare le pinze. Ho preso la bici da lei e ho iniziato a rimuovere le vecchie pastiglie, Julie mi è rimasta accanto a guardare cosa stavo facendo; indossava una gonna corta e un tubino, che era stretto sul seno piccolo, delle dimensioni di circa mezzo acino d'uva. Ho lasciato cadere uno dei dadi e lei si è chinata per raccoglierlo, è stato allora che ho visto che non indossava mutandine, guardandomi ha sorriso, alzandosi si è avvicinata un po' a me, ho guardato in alto e lei le ho chiesto se pensavo che fosse carina, le ho detto di sì, ho deciso di vedere se era pronta per divertirsi o solo per prendere in giro.

Le ho fatto scorrere il dorso della mano su per la gamba, fino all'orlo della gonna, non mi ha detto di fermarmi, ho girato la mano e mi sono spostata più in alto, le sue gambe si sono leggermente aperte, le ho strofinato il pollice contro la figa e l'ho sentita gemere, mi sono girato per affrontarla e stavo per alzare la gonna in modo da poterla baciare e succhiare la figa quando "peep, peep". Rachel si stava dirigendo verso di noi; Julie raccolse la sua bicicletta e se ne andò.

Rachel è entrata nel mio giardino sul retro tutta eccitata, "Io mamma mi sta facendo fare una festa di compleanno e ho chiesto se potevi venire, vuoi"? L'ho ringraziata e le ho detto che se fossi uscito presto dal lavoro l'avrei chiamata. È stato allora che è successo, era entusiasta della sua festa e non stava prestando attenzione o guardando dove stava andando e mentre se ne andava, il suo la gonna è rimasta impigliata nella catena e si è schiantata contro un muretto che avevo intorno al garage e si è tagliata le ginocchia e il braccio, le lacrime hanno iniziato a scorrere, l'ho presa in braccio e l'ho coccolata dicendole che era una ragazza grande e le ragazze grandi non lo fanno t piangere, ridacchiò, probabilmente ricordando quello che aveva detto a sua madre. Le ho liberato la gonna e l'ho portata in cucina, facendola sedere le ho guardato le ginocchia e il braccio, poi ha detto che il fianco le faceva male, ha alzato il top e si era sfiorata il fianco, ha ricominciato a piangere e l'ho calmata una volta di più, poi ho detto che avrebbe dovuto fare un bagno per ripulirsi, così avremmo potuto vedere quanto fosse grave il taglio.

Ho mostrato a Rachel il bagno e ho iniziato a farle scorrere l'acqua e ho preso un paio di asciugamani, mentre stavo per lasciarla lei ha detto: "Non posso fare il bagno da solo" Ho chiesto perché no, "Io mamma è spaventata per il mio annegamento, quando era piccola l'ha quasi fatto e ora sta con me e mi aiuta a lavarmi” “Dovresti stare bene” “No per favore, devi smetterla con me” le ho spiegato che non sarebbe stato giusto ma potevo dire che era davvero preoccupata di fare il bagno da sola, quindi le ho detto che avrei smesso con lei.

Si spogliò ed entrò nella vasca da bagno, era una ragazzina, carnagione chiara con grandi occhi azzurri, capelli chiari ma non biondi, mentre sedeva nella vasca notai il suo piccolo monticello pubico, non aveva più di una fessura e il busto era un paio di piccole protuberanze con un capezzolo appena percettibile.

Mentre si lavava i capelli, non le importava niente al mondo, poi ha iniziato a lavarsi viso e collo, io ero seduta sul coperchio del water a pochi metri da lei, anche se era caduta e si era ferita era di buon umore e cantava, poi si è girata verso di me e mi ha schizzato, l'ho rimproverata, ma non severamente, mi ha schizzato di nuovo, guardando la mia maglietta le ho detto che si stava bagnando tutta, ha riso e mi ha schizzato di nuovo, "Smettila, sono tutta bagnata" "Non importa" e lei mi schizzò di nuovo, "Ecco fatto, devo toglierlo ora", mi sono tolto la maglietta e ho iniziato ad asciugarmi, Le ho detto che bastava, aveva uno sguardo malizioso negli occhi e sorrideva, poi prese una mano piena d'acqua e me la gettò addosso, ridendo a crepapelle.

“Guardami adesso, mi hai inzuppato i pantaloni” “Toglili allora” “Non credo proprio” Avevo un'altra mano piena d'acqua gettata su di me, i miei pantaloni erano fradici, sarei dovuto andare al mio camera e cambiata, ma poi l'avrei lasciata sola e lei non voleva questo, avrei potuto tenermi i pantaloni addosso, ma erano fradici e scomodi, quindi li ho sfilati.

Quando Rachel ha visto il mio cazzo, ha guardato se stessa e di nuovo me, "Cos'è quello"? Ho pensato che avrei dovuto dirle di parlare con sua madre delle differenze tra maschi e femmine, ma poi avrebbe voluto sapere come faceva a sapere che eravamo diversi, quindi ho deciso di dirglielo.

È il mio pene, i ragazzi e gli uomini li hanno” “Perché non ne ho uno”? “Quello che tu e tutte le donne avete è una vagina, in questo momento ero semi duro, ma non per molto. "Posso toccarlo"? “No non puoi, non sarebbe giusto” “Perché”? “Perché non sarebbe” “Ma perché”? Ho dovuto pensare a fondo cosa dirle e come spiegarlo. Ho continuato spiegando perché eravamo diversi e che l'uomo e la donna dovrebbero essere amici speciali per l'uomo che lascia che la donna gli tocchi il pene, quindi sui bambini. Ha ascoltato e per quanto ne sapevo ha capito quello che le stavo dicendo. Quando ho finito, mi ha chiesto se eravamo amici speciali, ho detto che lo eravamo prima che mi rendessi conto di aver usato il termine sbagliato quando spiegavo le cose, "Allora perché non posso toccare il tuo pene"? Mi aveva rinchiuso in un angolo, se non fossi stata attenta si sarebbe arrabbiata e poi avrebbe potuto dire a sua madre che aveva fatto il bagno a casa mia e che io stavo con lei, questo avrebbe aperto un vaso di Pandora pieno di guai. Ma se avessi lasciato che mi toccasse, anche questo avrebbe potuto aprire la scatola, cosa fare, stavo chiedendo guai in ogni caso.

Penso che abbia indovinato cosa stavo pensando perché ha detto "Non lo dirò, se mi lasci toccare il tuo pene, lo prometto" a questo punto tutto il pensiero razionale mi stava lasciando velocemente e ho fatto un passo più vicino al bagno, Rachel ha allungato la mano e ha toccato il mio cazzo, "È così morbido" immediatamente il mio cazzo è cresciuto, sembrava sorpresa, "Ce l'ho fatta"? Ho annuito, "Diventerà più grande", ora ero perso e pronto per l'apertura delle porte dell'inferno, ma non potevo fermarlo. "Se lo tocchi ancora un po'" si allungò di nuovo e fece scorrere la mano su per la mia lunghezza, mentre si ingrandiva ridacchiò, per tutta la mia lunghezza non poteva tenermi in una mano quindi doveva tenermi con entrambe, lei si strofinò le mani su e giù per un paio di volte, e un po' di pre-sborra filtrava sulla punta, "è questo che rende i bambini"? "No, è per aiutare l'uomo a mettere il suo pene nella sua vagina, ma se continui vedrai cosa fanno i bambini".

Per cinque minuti le mani di Rachel sono andate su e giù per il mio cazzo, ha dovuto continuare a fermarsi mentre le sue mani si stancavano. Poi ho potuto sentire le mie palle stringersi, "Preparati, sta per venire ora" Rachel allontanò le mani e guardò con gli occhi sbarrati mentre il mio sperma usciva dal mio cazzo. Quando il mio cazzo ha smesso di sussultare, ha chiesto "È quello che fanno i bambini"? "Come ti ho detto, questo è ciò che feconda l'uovo, e che la donna ha l'uovo nel suo corpo, pensò per un secondo o due, poi aprendo le gambe e si portò le mani alla fessura e si guardò: "Come il tuo pene entrerà nella mia vagina, è così grande”? "Lo farebbe, la tua vagina si allungherebbe per prenderlo" "Vuoi mostrarmelo", avevo superato la preoccupazione ora e i pensieri mi tornavano in mente quando ho avuto Kelly prima e poi Susan, mia moglie.

Mi sono chinata e ho preso Rachel in braccio e l'ho portata nella mia camera da letto, mettendola sul letto, mi sono sdraiata accanto a lei e ho iniziato a toccarle la figa, era piccola e temevo di farle davvero del male se avessi provato a fare l'amore con lei. Ma poi mi ha sorpreso quando ha iniziato ad avere un orgasmo ed è venuta più di quanto avrei pensato.

Prendendo questo come il mio tempismo, mi sono rotolato tra le sue gambe e le ho fatto scivolare la punta del cazzo dentro, lei mi ha guardato negli occhi, ho potuto vedere l'amore e l'eccitazione sul suo viso, l'ho avvertita che sarebbe stato male per un po' ed essere un ragazza coraggiosa, "Ho quasi 12 anni sai" Ho spinto un po' di più e ho sentito il suo imene, "Sei pronta"? "Sì, papà" all'inizio questo non si è registrato con me, l'ho spinto dentro, ho visto il suo viso mostrare dolore, ma non ha gridato, mi sono fermato finché non ho potuto vedere che il dolore si era attenuato, lentamente mi sono tirato indietro , le sue gambe si chiusero intorno alla mia schiena, questo deve essere stato un istinto naturale, mentre mi spingevo indietro emise un lungo respiro, mentre entravo e uscivo lei spingeva i suoi fianchi nei miei, anche questo deve essere stato un istinto naturale.

Con il suo essere così stretto sapevo che non sarei durato a lungo e mi sono detto che dovevo ritirarmi, anche se pensava che avesse appena l'età per essere fertile, non volevo correre rischi. Come si suol dire, i migliori piani di topi e uomini. Il mio cazzo si è gonfiato e prima che potessi tirare fuori il mio sperma ha colpito la parte posteriore del suo grembo, "Oh Dio, no, no, no" ho detto. Ma non c'era niente che potessi fare, le mie palle si sono svuotate nella figa di questa bambina, Rachel aveva smesso di respirare mentre sentiva il mio sperma caldo entrare nel suo corpo, ci vollero pochi secondi prima che facesse un respiro profondo, "Hai fatto un bambino in me"? Questo mi ha fatto cadere in un lampo, "Sono saltato giù da lei e mi sono seduto sul bordo del letto, la mia testa tra le mani," Che succede papà"? "Non avrei dovuto fare sesso con te, e non avrei dovuto venire dentro di te" mi baciò la testa, "Ecco, ecco papà, non preoccuparti" Mi sono reso conto che mi stava chiamando papà e l'ho guardata e ha chiesto perché, "Ho sentito alcune ragazze più grandi parlare e hanno detto che gli uomini con cui hanno fatto sesso, come se li chiamassero papà, quindi ho pensato che ti sarebbe piaciuto". Le ho detto che ero così dispiaciuto per quello che avevo fatto, "Non dovresti, volevo fare sesso, e quando hai detto che potevo fare il bagno, dovevo farlo oggi" "Quindi hai mentito quando hai detto del tuo mamma non ti lascia fare il bagno da solo”? "No, è vero, ma dovevo metterti nuda, ecco perché ti ho schizzato" ho dovuto ridere, "sei una ragazza cattiva, lo sai" mi ha abbracciato e mi ha chiesto se ero arrabbiato con lei, Avrei dovuto esserlo, ma i suoi grandi occhi azzurri mi hanno sciolto e l'ho abbracciata e le ho detto che non lo ero.

Ho notato l'ora e ho detto che avremmo dovuto pulire prima che mia moglie tornasse a casa, sapevo che non le sarebbe dispiaciuto che facessi sesso con Rachel, ma non volevo che ci trovasse a letto insieme, questo avrebbe spinto le cose troppo oltre .

Si è scoperto che il taglio di Rachel non era così male come pensavo all'inizio e lei ovviamente se ne era dimenticata, mi ha abbracciato forte e mi ha chiesto se venivo alla sua festa, "Vedremo" "Ricordo, l'ho promesso Lo direi e non lo farò”. Si allontanò e svoltando l'angolo si fermò e fece un cenno con la mano, Susan girò l'angolo e parlò con Rachel, mi indicò e si scambiarono alcune parole, poi Rachel se ne andò, Susan chiese chi fosse, “Rachel, lei è la ragazza Sto comprando la bici per, come puoi vedere, quella che ha è ben superata è data di scadenza.

Ha chiesto da quanto tempo Rachel era qui, "Poche ore, aveva bisogno di un bagno e dopo abbiamo fatto sesso" La tastando e mentre facevamo l'amore le raccontai tutto dell'incidente di Rachel e di come sua madre non l'avrebbe lasciata fare un bagno da sola, poi su di noi che facciamo sesso.

Mi ha chiesto se avessi intenzione di fare di nuovo sesso con lei, non potevo dirlo, in un certo senso dipendeva da Rachel, potrebbe non volerlo, ma se lo avesse fatto, non avrei detto di no.

ho più

Storie simili

Essere Dakota Capitolo Uno

L'ho descritto come Fiction, ma la maggior parte dei miei scritti sono semi-biografici. Non che io stia abbellendo, più come se stessi smorzando la realtà. Ero a casa da solo quando ho ricevuto la telefonata che mio zio George era morto. Sono andato al funerale e ho incontrato dei parenti che non sapevo di avere. George era il fratello maggiore di mio padre. Ho dovuto volare da solo, mia madre e il mio patrigno non volevano venire. Mio padre è morto quando avevo due anni, quindi non l'ho mai conosciuto. Mia madre si è risposata un anno dopo con un vigile...

1.2K I più visti

Likes 1

Gli amanti dei samurai

Nel Giappone medievale, nella provincia di Yedo, viveva un giovane samurai di nome Ukyo che si struggeva giorno dopo giorno per l'amore della bella Uneme. Per Ukyo, Uneme era l'uomo più perfetto che avesse mai visto. Era giovane, come lui, appena sedici anni al massimo e aveva come capelli una lunghissima fascia di un nero lucente. Il suo viso era liscio, privo di tagli, imperfezioni e morbido come la crema, il che lo faceva sembrare molto più giovane di quanto non fosse in realtà. Quando si esercitava con Samanosuke, un altro giovane samurai, Ukyo osservava, mentre i suoi piccoli muscoli magri...

685 I più visti

Likes 0

Give Me Some Sugar Part 1 - Prova di Rochelle

​ La vita è sicuramente divertente è come si svolge. Non sono mai stato un uomo religioso, e ancora non lo sono, ma ascoltavo il tipo di Joel Olsteen quando i tempi erano brutti. Era così positivo, che ha aiutato, ma ha anche parlato di come Dio potrebbe recuperare decenni di merda, in pochi anni attraverso un aumento super naturale. Come ho detto, non sono un cristiano e sono agnostico sull'esistenza di una divinità, ma devo ammettere che come minimo, la vita può rimediare a molte sofferenze molto rapidamente. In effetti, penso che ti faccia godere ancora di più della tua...

2.4K I più visti

Likes 1

Un nuovo giorno, un nuovo me parte 3

Wow, ho dei bei commenti, grazie a tutti coloro che stanno leggendo il mio lavoro, cercherò di tirarne fuori di più. E mi scuso per l'inizio della storia se ci vuole troppo tempo. Dopo un mercoledì che avrebbe fatto sì che la maggior parte delle persone mi volesse morto per fortuna, il mio giovedì è stato davvero noioso. Alzati, mangia, vai a scuola, torna a casa e goditi il ​​tempo con la mia famiglia. Quindi tua madre ed io andremo fuori città questo fine settimana, dice mio padre mentre stiamo cenando. Congelo solido; il mio orologio interno corre di un miglio...

1.6K I più visti

Likes 0

CAZZO DI CAZZO

CAZZO DI CAZZO No - non è un ragazzino del liceo - LOL Sono io - beh, era comunque stamattina. Sono uscito presto stamattina e ho fatto la mia normale escursione sui sentieri di conservazione che abbiamo qui - Totally Naked - beh, non del tutto. Avevo calzini e un paio di scarponcini da trekking e uno zaino molto leggero che trasportava la mia acqua e altre provviste varie. Cose come una maglietta da trekking molto leggera, un paio di pantaloncini da ragazzo da donna nera, K-Y Warming Gel e il mio cellulare. Tutto l'essenziale di cui hai bisogno e niente...

907 I più visti

Likes 0

La mia vera storia di vita: capitolo uno

Diverse persone mi hanno chiesto di raccontare la storia della mia vita poiché ho accennato ad alcune delle mie esperienze insolite. Quindi penso che il miglior punto da cui iniziare sia la notte in cui sono finiti i miei 10 anni di matrimonio. Era un venerdì sera e mio marito Tim è tornato a casa ubriaco. Questa era diventata la sua pratica abituale negli ultimi due anni. Ha affermato che il suo capo gli stava causando un aumento dello stress e ha dovuto fermarsi con i ragazzi per rilassarsi. All'inizio tornava a casa un po' brillo per quando portavo a letto...

932 I più visti

Likes 0

Ragazze in spiaggia a tre

È iniziato domenica mattina presto nel weekend del Memorial Day quando mi sono alzato per prendere un bicchiere d'acqua dalla cucina. Stavamo affittando una casa sulla spiaggia nelle Outer Banks e avevo davvero sete per la pizza vegetariana che abbiamo mangiato per cena. Scivolai fuori dal letto e mi diressi in cucina. Ho sentito la TV del soggiorno accesa e ho pensato che le due ragazze fossero tornate tardi dal loro incontro con i ragazzi che prima avevano preso in giro in spiaggia, avessero guardato un po' di TV e l'avessero lasciata accesa. Ho intravisto la TV dallo spazio tra la...

2.6K I più visti

Likes 0

A metà di metà settembre

Per nessun motivo particolarmente affascinante mi sono ritrovato a stare con mia zia Renee. Nel prossimo mese, mi sarei trasferito di nuovo a est o mi sarei trasferito nell'appartamento che mia madre stava per acquistare, nel caso avessi bisogno di un po' di tempo di bufferizzazione. 
Sapevo già che avevo bisogno di tempo di buffer. Avevo anche bisogno del tempo di buffer per spiegarle completamente la situazione. Avevo ad un certo punto e momento, capito chi dovevo essere e prima potevo arrivare a quel punto e smettere di essere quello che ero attualmente, meglio per me e per tutte le persone...

2.3K I più visti

Likes 0

La linea di gesso

La linea di gesso una storia di Le Fantasma © 1997 Si erano conosciuti online, in una chat room. Era stato attratto dai suoi modi tranquilli e le aveva mandato una rosa come presentazione. Immediatamente hanno formato un legame. Il loro flirt occasionale ha portato a discussioni più profonde su film e profumi preferiti, cose erotiche, sensualità... È sbocciato, il giorno dopo si sono ritrovati a cercarsi, trovandosi ogni volta che hanno firmato... Parlavano di vite e di amori, di cose divertenti e tristi... Si scambiavano un bacio... tenero e gentile, approfondendosi rapidamente fino a diventare una passione quasi ingestibile... Né...

1.7K I più visti

Likes 0

Natale in riva al mare - parte 5

Per favore leggi le prime quattro parti per capire la storia, è un po' complicata. Divertiti, e questa potrebbe essere l'ultima parte, quindi fammi sapere se deve continuare. -------------------------------------------------- ------------------- Sono entrato in cucina per incontrare chiunque avrebbe dovuto scendere al piano di sotto, ed era Kelly. Stava guardando nel frigorifero, prendendo del latte. Prende molto latte di notte. Probabilmente avrebbe dovuto pensarci stasera. Su. Ho detto. Prendo del latte. Lei grugnì. Va bene. Sono uscito dalla cucina e ho alzato il pollice, una specie di falso allarme. Mi sdraiai accanto a Lisa, ma ero troppo stanco per fare qualsiasi cosa...

1.1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.