Capitolo 3 della mia serie; Rachel viene in primo piano

613Report
Capitolo 3 della mia serie; Rachel viene in primo piano

Leggendo questo ho scoperto che alcuni dei dialetti della mia zona si sono intrufolati, quindi per salvare tutti i commenti sull'ortografia e sulla grammatica, lo spiegherò.
Usiamo "me" al posto di "mio" in alcuni casi e nostra madre è "mamma", quindi quando Rachel dice "Sono caduto dalla bici" e "Questa sono io mamma" questo è corretto parlare per lei.
Ci scusiamo per eventuali errori di ortografia, che sono passati.

Avevo circa 24 anni e Susan 20 quando ci siamo sposati, in meno di un anno sono stato nominato capo custode, a causa del ritiro di Sid, questo mi ha dato più flessibilità nella mia settimana lavorativa, se fossi andato a lavorare nel fine settimana avrei potuto finire prima o inizio dopo i giorni della settimana, per la domenica avrei accumulato le ore e avrei avuto un giorno di ferie in più, dandomi così il doppio del tempo per la domenica.

Parte del corso era aperto al pubblico, quindi non era una novità vedere gruppi di bambini laggiù, ne conoscevo alcuni per nome, ma mi conoscevano tutti, suonavano le campane e salutavano mentre passavano, io rispondevo con la mano e attraverso questa relazione che abbiamo avuto, mi hanno rispettato come ho fatto con loro e abbiamo avuto pochissimi atti di vandalismo.

Una ragazza che ho conosciuto come Rachel, era di una famiglia con un solo genitore, sembrava sempre intelligente, ma la sua bici aveva visto anni migliori e spesso aveva bisogno di qualcosa da fare, alcuni dei ragazzi più grandi della zona l'avrebbero riparata per lei, ma poi un giorno era sul percorso da sola e ha preso una foratura, piangeva a squarciagola mentre mi avvicinavo al sentiero, ho chiesto cosa c'era che non andava, "Sono caduto dalla bici e ho una foratura ”, le ho detto che era facilmente riparabile e l'ho messo sul camion e lei è saltata sul sedile accanto a me, nel cortile ho preso i miei attrezzi e l'ho fatto riparare in venti minuti.

Il giorno seguente stavo marcando alcuni alberi che dovevano essere abbattuti quando ho visto Rachel dirigersi verso di me con una donna anziana con lei, entrambe in bicicletta, quando si sono fermati accanto a me, Rachel ha detto "Dave, questa sono io mamma" la donna ha tenuto fuori la sua mano, ci siamo stretti la mano e si è presentata come Margaret. Mi ha ringraziato per essere stata così gentile e per aver aiutato Rachel, le ho detto che non era un problema, ho chiesto a Rachel come stava, "Ok grazie" Margaret ha detto che aveva chiesto a Rachel se avesse pianto e gliel'aveva detto senza mezzi termini, "No, ora ho 11 anni e sono troppo vecchia per piangere" Ho visto Rachel farmi un piccolo sorriso, come per dire "per favore non dire a mamma che stavo piangendo", poi ha urlato "Ho 11 anni e ¾" rivolgendosi a me Margaret ha detto "Scusa, ha 11 anni e ¾, alla sua età i ¾ sono importanti" Ho chiesto a Rachel quando era il suo compleanno, "18 luglio" Ho chiesto cosa voleva, "Voglio una bici nuova ma mamma dice che è lei non posso permettermelo quest'anno”, proprio in quel momento il furgone dei gelati è entrato nel corso, ho visto Rachel guardare sua madre come se stesse per chiedere un gelato, ma non l'ha fatto, “Vorresti un gelato” Ho chiesto a Rachel, “Sì, per favore” le ho detto di dire a Bob che l'avrei visto più tardi, Margaret ha detto che non l'avevo mangiato, le ho detto che un gelato non avrebbe rotto la banca.

Con Rachel scomparsa ho chiesto a Margaret se si sarebbe offesa se avessi regalato a Rachel una bici nuova per il suo compleanno, le ho detto che avevo un fratello che lavorava in un produttore di biciclette, quindi potevo averne una a costo, ci sono voluti alcuni minuti ma Margaret ha finalmente accettato la mia offerta. Rachel è tornata con il suo gelato, quando Margaret lo ha visto ha detto "Perché ne hai preso uno così, Rachel"? Rachel ha risposto mentre mi guardava "Ho chiesto a Bob un gelato e gli ho detto che lo avresti visto più tardi e questo è quello che mi ha dato". Poi si è seduta su una panchina per mangiarlo mentre io e Margaret abbiamo chiacchierato di questo e quello. Mentre stavano per partire mi sono ricordato che avevo un clacson per una bicicletta e ho chiesto a Rachel se lo voleva perché non aveva un campanello, "Posso mamma"? Margaret ha annuito "sì", ho detto a Rachel di fare un giro a casa mia più tardi e l'avrei adattata a lei, non sorprende che sapesse dove vivevo.

Dopo il lavoro stavo falciando il prato e Rachel è venuta giù per la strada, aveva alcuni amici con lei, si è fermata e mi ha chiesto se potevo montare il clacson ora. Fatto ciò, gli diede una stretta, "peep, peep" ringraziandomi che se ne sono andati tutti, per tutta la strada potevo sentire "peep, peep", speravo che si fermasse perché non volevo che infastidisse i vicini.

Da questo ho avuto un flusso costante di ragazzi che venivano a trovarmi per riparare forature o fare qualche altro lavoro sulla loro bici, una delle cose principali era la regolazione delle loro selle, maschi e femmine dall'età di 8 fino a circa 13 anni, mi chiedevano di alzare la sella, questo mi dava molte vedute delle giovani dita dei cammelli, dopo aver sistemato il sedile le ragazze si sedevano e io mi inginocchiavo davanti a loro per vedere se era sistemato per loro, spesso indossavano gonne sp ho avuto una buona visuale.

Una ragazza di 13 anni Julie, dopo aver aggiustato la sella l'ha provata, aveva bisogno di un po' più di aggiustamento ed è rimasta in piedi sopra la sella mentre la sollevavo, il dorso della mia mano sfiorò il suo tumulo pubico, lei mi sorrise, poi lei si è seduta sulla mia mano, intrappolandola tra la sua figa e la sella, si è mossa avanti e indietro un paio di volte prima di alzarsi di nuovo, mentre giravo il sedile per aiutarlo a sollevarlo, strofinai di nuovo il dorso della mia mano sulla sua figa. Non è successo altro quando una delle sue amiche ha chiamato dal fronte chiedendo quanto tempo sarebbe rimasta. Con un grazie se n'è andata.

Julie ha iniziato a girare sempre di più per il più piccolo, è venuta anche da me per controllare la pressione delle gomme, e ogni volta che si mostrava le mutandine, un paio di volte ho visto una piccola macchia umida, poi un giorno è tornata in giro volendo montare nuove pastiglie dei freni, era andata in un negozio di biciclette e ne aveva comprate alcune, ma non sapeva come cambiarle e regolare le pinze. Ho preso la bici da lei e ho iniziato a rimuovere le vecchie pastiglie, Julie mi è rimasta accanto a guardare cosa stavo facendo; indossava una gonna corta e un tubino, che era stretto sul seno piccolo, delle dimensioni di circa mezzo acino d'uva. Ho lasciato cadere uno dei dadi e lei si è chinata per raccoglierlo, è stato allora che ho visto che non indossava mutandine, guardandomi ha sorriso, alzandosi si è avvicinata un po' a me, ho guardato in alto e lei le ho chiesto se pensavo che fosse carina, le ho detto di sì, ho deciso di vedere se era pronta per divertirsi o solo per prendere in giro.

Le ho fatto scorrere il dorso della mano su per la gamba, fino all'orlo della gonna, non mi ha detto di fermarmi, ho girato la mano e mi sono spostata più in alto, le sue gambe si sono leggermente aperte, le ho strofinato il pollice contro la figa e l'ho sentita gemere, mi sono girato per affrontarla e stavo per alzare la gonna in modo da poterla baciare e succhiare la figa quando "peep, peep". Rachel si stava dirigendo verso di noi; Julie raccolse la sua bicicletta e se ne andò.

Rachel è entrata nel mio giardino sul retro tutta eccitata, "Io mamma mi sta facendo fare una festa di compleanno e ho chiesto se potevi venire, vuoi"? L'ho ringraziata e le ho detto che se fossi uscito presto dal lavoro l'avrei chiamata. È stato allora che è successo, era entusiasta della sua festa e non stava prestando attenzione o guardando dove stava andando e mentre se ne andava, il suo la gonna è rimasta impigliata nella catena e si è schiantata contro un muretto che avevo intorno al garage e si è tagliata le ginocchia e il braccio, le lacrime hanno iniziato a scorrere, l'ho presa in braccio e l'ho coccolata dicendole che era una ragazza grande e le ragazze grandi non lo fanno t piangere, ridacchiò, probabilmente ricordando quello che aveva detto a sua madre. Le ho liberato la gonna e l'ho portata in cucina, facendola sedere le ho guardato le ginocchia e il braccio, poi ha detto che il fianco le faceva male, ha alzato il top e si era sfiorata il fianco, ha ricominciato a piangere e l'ho calmata una volta di più, poi ho detto che avrebbe dovuto fare un bagno per ripulirsi, così avremmo potuto vedere quanto fosse grave il taglio.

Ho mostrato a Rachel il bagno e ho iniziato a farle scorrere l'acqua e ho preso un paio di asciugamani, mentre stavo per lasciarla lei ha detto: "Non posso fare il bagno da solo" Ho chiesto perché no, "Io mamma è spaventata per il mio annegamento, quando era piccola l'ha quasi fatto e ora sta con me e mi aiuta a lavarmi” “Dovresti stare bene” “No per favore, devi smetterla con me” le ho spiegato che non sarebbe stato giusto ma potevo dire che era davvero preoccupata di fare il bagno da sola, quindi le ho detto che avrei smesso con lei.

Si spogliò ed entrò nella vasca da bagno, era una ragazzina, carnagione chiara con grandi occhi azzurri, capelli chiari ma non biondi, mentre sedeva nella vasca notai il suo piccolo monticello pubico, non aveva più di una fessura e il busto era un paio di piccole protuberanze con un capezzolo appena percettibile.

Mentre si lavava i capelli, non le importava niente al mondo, poi ha iniziato a lavarsi viso e collo, io ero seduta sul coperchio del water a pochi metri da lei, anche se era caduta e si era ferita era di buon umore e cantava, poi si è girata verso di me e mi ha schizzato, l'ho rimproverata, ma non severamente, mi ha schizzato di nuovo, guardando la mia maglietta le ho detto che si stava bagnando tutta, ha riso e mi ha schizzato di nuovo, "Smettila, sono tutta bagnata" "Non importa" e lei mi schizzò di nuovo, "Ecco fatto, devo toglierlo ora", mi sono tolto la maglietta e ho iniziato ad asciugarmi, Le ho detto che bastava, aveva uno sguardo malizioso negli occhi e sorrideva, poi prese una mano piena d'acqua e me la gettò addosso, ridendo a crepapelle.

“Guardami adesso, mi hai inzuppato i pantaloni” “Toglili allora” “Non credo proprio” Avevo un'altra mano piena d'acqua gettata su di me, i miei pantaloni erano fradici, sarei dovuto andare al mio camera e cambiata, ma poi l'avrei lasciata sola e lei non voleva questo, avrei potuto tenermi i pantaloni addosso, ma erano fradici e scomodi, quindi li ho sfilati.

Quando Rachel ha visto il mio cazzo, ha guardato se stessa e di nuovo me, "Cos'è quello"? Ho pensato che avrei dovuto dirle di parlare con sua madre delle differenze tra maschi e femmine, ma poi avrebbe voluto sapere come faceva a sapere che eravamo diversi, quindi ho deciso di dirglielo.

È il mio pene, i ragazzi e gli uomini li hanno” “Perché non ne ho uno”? “Quello che tu e tutte le donne avete è una vagina, in questo momento ero semi duro, ma non per molto. "Posso toccarlo"? “No non puoi, non sarebbe giusto” “Perché”? “Perché non sarebbe” “Ma perché”? Ho dovuto pensare a fondo cosa dirle e come spiegarlo. Ho continuato spiegando perché eravamo diversi e che l'uomo e la donna dovrebbero essere amici speciali per l'uomo che lascia che la donna gli tocchi il pene, quindi sui bambini. Ha ascoltato e per quanto ne sapevo ha capito quello che le stavo dicendo. Quando ho finito, mi ha chiesto se eravamo amici speciali, ho detto che lo eravamo prima che mi rendessi conto di aver usato il termine sbagliato quando spiegavo le cose, "Allora perché non posso toccare il tuo pene"? Mi aveva rinchiuso in un angolo, se non fossi stata attenta si sarebbe arrabbiata e poi avrebbe potuto dire a sua madre che aveva fatto il bagno a casa mia e che io stavo con lei, questo avrebbe aperto un vaso di Pandora pieno di guai. Ma se avessi lasciato che mi toccasse, anche questo avrebbe potuto aprire la scatola, cosa fare, stavo chiedendo guai in ogni caso.

Penso che abbia indovinato cosa stavo pensando perché ha detto "Non lo dirò, se mi lasci toccare il tuo pene, lo prometto" a questo punto tutto il pensiero razionale mi stava lasciando velocemente e ho fatto un passo più vicino al bagno, Rachel ha allungato la mano e ha toccato il mio cazzo, "È così morbido" immediatamente il mio cazzo è cresciuto, sembrava sorpresa, "Ce l'ho fatta"? Ho annuito, "Diventerà più grande", ora ero perso e pronto per l'apertura delle porte dell'inferno, ma non potevo fermarlo. "Se lo tocchi ancora un po'" si allungò di nuovo e fece scorrere la mano su per la mia lunghezza, mentre si ingrandiva ridacchiò, per tutta la mia lunghezza non poteva tenermi in una mano quindi doveva tenermi con entrambe, lei si strofinò le mani su e giù per un paio di volte, e un po' di pre-sborra filtrava sulla punta, "è questo che rende i bambini"? "No, è per aiutare l'uomo a mettere il suo pene nella sua vagina, ma se continui vedrai cosa fanno i bambini".

Per cinque minuti le mani di Rachel sono andate su e giù per il mio cazzo, ha dovuto continuare a fermarsi mentre le sue mani si stancavano. Poi ho potuto sentire le mie palle stringersi, "Preparati, sta per venire ora" Rachel allontanò le mani e guardò con gli occhi sbarrati mentre il mio sperma usciva dal mio cazzo. Quando il mio cazzo ha smesso di sussultare, ha chiesto "È quello che fanno i bambini"? "Come ti ho detto, questo è ciò che feconda l'uovo, e che la donna ha l'uovo nel suo corpo, pensò per un secondo o due, poi aprendo le gambe e si portò le mani alla fessura e si guardò: "Come il tuo pene entrerà nella mia vagina, è così grande”? "Lo farebbe, la tua vagina si allungherebbe per prenderlo" "Vuoi mostrarmelo", avevo superato la preoccupazione ora e i pensieri mi tornavano in mente quando ho avuto Kelly prima e poi Susan, mia moglie.

Mi sono chinata e ho preso Rachel in braccio e l'ho portata nella mia camera da letto, mettendola sul letto, mi sono sdraiata accanto a lei e ho iniziato a toccarle la figa, era piccola e temevo di farle davvero del male se avessi provato a fare l'amore con lei. Ma poi mi ha sorpreso quando ha iniziato ad avere un orgasmo ed è venuta più di quanto avrei pensato.

Prendendo questo come il mio tempismo, mi sono rotolato tra le sue gambe e le ho fatto scivolare la punta del cazzo dentro, lei mi ha guardato negli occhi, ho potuto vedere l'amore e l'eccitazione sul suo viso, l'ho avvertita che sarebbe stato male per un po' ed essere un ragazza coraggiosa, "Ho quasi 12 anni sai" Ho spinto un po' di più e ho sentito il suo imene, "Sei pronta"? "Sì, papà" all'inizio questo non si è registrato con me, l'ho spinto dentro, ho visto il suo viso mostrare dolore, ma non ha gridato, mi sono fermato finché non ho potuto vedere che il dolore si era attenuato, lentamente mi sono tirato indietro , le sue gambe si chiusero intorno alla mia schiena, questo deve essere stato un istinto naturale, mentre mi spingevo indietro emise un lungo respiro, mentre entravo e uscivo lei spingeva i suoi fianchi nei miei, anche questo deve essere stato un istinto naturale.

Con il suo essere così stretto sapevo che non sarei durato a lungo e mi sono detto che dovevo ritirarmi, anche se pensava che avesse appena l'età per essere fertile, non volevo correre rischi. Come si suol dire, i migliori piani di topi e uomini. Il mio cazzo si è gonfiato e prima che potessi tirare fuori il mio sperma ha colpito la parte posteriore del suo grembo, "Oh Dio, no, no, no" ho detto. Ma non c'era niente che potessi fare, le mie palle si sono svuotate nella figa di questa bambina, Rachel aveva smesso di respirare mentre sentiva il mio sperma caldo entrare nel suo corpo, ci vollero pochi secondi prima che facesse un respiro profondo, "Hai fatto un bambino in me"? Questo mi ha fatto cadere in un lampo, "Sono saltato giù da lei e mi sono seduto sul bordo del letto, la mia testa tra le mani," Che succede papà"? "Non avrei dovuto fare sesso con te, e non avrei dovuto venire dentro di te" mi baciò la testa, "Ecco, ecco papà, non preoccuparti" Mi sono reso conto che mi stava chiamando papà e l'ho guardata e ha chiesto perché, "Ho sentito alcune ragazze più grandi parlare e hanno detto che gli uomini con cui hanno fatto sesso, come se li chiamassero papà, quindi ho pensato che ti sarebbe piaciuto". Le ho detto che ero così dispiaciuto per quello che avevo fatto, "Non dovresti, volevo fare sesso, e quando hai detto che potevo fare il bagno, dovevo farlo oggi" "Quindi hai mentito quando hai detto del tuo mamma non ti lascia fare il bagno da solo”? "No, è vero, ma dovevo metterti nuda, ecco perché ti ho schizzato" ho dovuto ridere, "sei una ragazza cattiva, lo sai" mi ha abbracciato e mi ha chiesto se ero arrabbiato con lei, Avrei dovuto esserlo, ma i suoi grandi occhi azzurri mi hanno sciolto e l'ho abbracciata e le ho detto che non lo ero.

Ho notato l'ora e ho detto che avremmo dovuto pulire prima che mia moglie tornasse a casa, sapevo che non le sarebbe dispiaciuto che facessi sesso con Rachel, ma non volevo che ci trovasse a letto insieme, questo avrebbe spinto le cose troppo oltre .

Si è scoperto che il taglio di Rachel non era così male come pensavo all'inizio e lei ovviamente se ne era dimenticata, mi ha abbracciato forte e mi ha chiesto se venivo alla sua festa, "Vedremo" "Ricordo, l'ho promesso Lo direi e non lo farò”. Si allontanò e svoltando l'angolo si fermò e fece un cenno con la mano, Susan girò l'angolo e parlò con Rachel, mi indicò e si scambiarono alcune parole, poi Rachel se ne andò, Susan chiese chi fosse, “Rachel, lei è la ragazza Sto comprando la bici per, come puoi vedere, quella che ha è ben superata è data di scadenza.

Ha chiesto da quanto tempo Rachel era qui, "Poche ore, aveva bisogno di un bagno e dopo abbiamo fatto sesso" La tastando e mentre facevamo l'amore le raccontai tutto dell'incidente di Rachel e di come sua madre non l'avrebbe lasciata fare un bagno da sola, poi su di noi che facciamo sesso.

Mi ha chiesto se avessi intenzione di fare di nuovo sesso con lei, non potevo dirlo, in un certo senso dipendeva da Rachel, potrebbe non volerlo, ma se lo avesse fatto, non avrei detto di no.

ho più

Storie simili

Colto in flagrante_(9)

Mi chiamo Carla e sono una studentessa universitaria di 19 anni. Vivo con la mia migliore amica Sarah in un appartamento che i suoi genitori pagano per lei. Il padre di Sarah ha fondato un'azienda che ha funzionato davvero bene e ora ha i soldi da spendere per Sarah quando vuole. Più su di me, sono circa 5'4 con lunghi capelli castano scuro, con una corporatura snella. Ecco la storia di come ho imparato qualcosa in più su me stesso e su Sarah. Sarah era stupenda, era il tipo di ragazza che quando camminavi lungo il corridoio i ragazzi ti fissavano...

1.2K I più visti

Likes 0

New Jock Tales Capitolo 3 Sophomore Year-13

New Jock Tales --- Secondo anno—CH 3—13” e una Ducati Verso le 10:30 bussarono alla porta. Che cazzo Era Mark Mattox, e ha detto che aveva un nuovo contratto per me, se ero interessato. Ho detto di sì, ma questo accordo non aveva niente a che fare con il sesso. Ha detto che avrei portato la droga da Austin fino a Tyler, ogni fine settimana. Pagherebbe 150 dollari a viaggio e sarebbe un chilo di droga. Nessuno guarderebbe una jeep per trasportare erba, e dovrebbe essere un gioco da ragazzi. Rifletto per qualche minuto, poi dice che ci proverei. Mark ha...

1.3K I più visti

Likes 0

Internet

Qualche anno fa, quando vivevo ad Amsterdam, ho parlato con una donna del sud dell'Inghilterra su Internet. Andavamo molto d'accordo e spesso le nostre chiacchiere si rivolgevano al sesso. A volte condividevamo le nostre fantasie. Dopo circa 6 mesi di chat ha iniziato a raccontarmi le sue fantasie più profonde. Una notte mi ha detto che spesso fantastica di essere osservata mentre fa sesso. Ha detto che le sarebbe piaciuto fare sesso dal vivo su Internet o uscire a fare il dogging. Naturalmente quello che aveva appena detto mi fece venire subito il cazzo duro. Ho deciso di rischiare e le...

788 I più visti

Likes 0

Brooke_(1)

Brooke Questa è la mia prima storia e, come tale, sii premuroso nelle tue critiche; solo critiche costruttive per favore. Se non ti piace questa storia, ce ne sono molte altre da leggere. I nomi sono stati cambiati per proteggere i miei fottuti compagni e, a loro volta, il mio culo. Durante la mia adolescenza, sono stato abbastanza sessualmente attivo. Essere un adolescente e anche frequentare un liceo cattolico per soli maschi ha solo favorito la mia libido. Per cominciare, io non sono un ragazzo piccolo. A quel tempo, avevo circa 6'3, 200 libbre e un atleta di prima qualità. Ho...

806 I più visti

Likes 0

L'uomo più piccolo

Stavo guardando le gambe di Jerry, mentre era in piedi sullo sgabello davanti a me. Aveva le cosce molto forti, e ho ammirato la sua forma mentre metteva la nuova lampadina nella plafoniera. Questa cosa è un dolore da raggiungere, ha detto Jerry. Poi, mentre lottava con il bulbo, i miei occhi seguivano le sue gambe muscolose fino al punto in cui si incontravano, e ho dovuto sopprimere uno sguardo fisso: c'era un nodulo che giaceva di lato, un piccolo nodulo, ma c'era un nodulo ben definito. Lascia che ti spieghi quello. Stavamo parlando del nostro recente gruppo di feste che...

720 I più visti

Likes 0

CAW#11 - Giornata degli inverni freddi

Era una fredda notte d'inverno, nel tardo autunno. La nebbia era calata; poco prima di mezzanotte e ricoprì gradualmente le strade. L'aria era piena di nebbia e la visibilità diventava difficile, mentre camminavo per le strade della città. Il mio protettore è costretto a lavorare per strada stasera. Speravo in una notte proficua; per tenere lui e i suoi scagnozzi, lontano da me e dalla mia famiglia. Mi chiamo Louise e sono una madre single di 21 anni e anche una prostituta. Ho una figlia di tre anni, Misty (Melissa). Era accudita da un caro amico. Stanotte il mio corpo snello...

727 I più visti

Likes 0

Perché le cose succedono sempre a me

Perché le cose mi succedono sempre Prima di iniziare mi rendo conto che non ci sono molti uomini che vanno in giro con un cazzo da 12 pollici. E quindi l'ho soprannominata una fantasia e una farsa. Basta già detto alla storia. Mi chiamo Samuel Longfellow, sono il proprietario di una delle più grandi società di sicurezza dello stato. È così che guadagno i miei soldi (sette cifre all'anno) La mia passione è la ricerca sulla fauna selvatica e ho una borsa di studio presso il college locale. Faccio le mie ricerche nella mia fattoria di 680 acri. Ora la mia...

719 I più visti

Likes 0

Cosa c'è sotto 2

Quella mattina Jennifer andò al lavoro un po' più veloce del solito, temendo di fare tardi. Aveva un disperato bisogno di questo lavoro per la sua famiglia. Essendo una madre single di due figli e nessun uomo in giro, era l'unico lavoro che poteva ottenere. Per favore, non farmi fare tardi. pensò tra sé, premendo ancora un po' il piede sull'acceleratore, ignorando il tremolio del volante. È volata oltre un cartellone pubblicitario e ha visto un'auto della polizia uscire dietro di lei nello specchietto retrovisore, accendendo il tetto. Il cuore le sprofondò nel petto e sentì il sapore della cenere in...

694 I più visti

Likes 0

Apple È l'insegnante...

Apple ha parcheggiato la sua auto a un isolato dalla spiaggia e si è diretta verso il punto in cui i suoi amici avevano detto che sarebbe stata la festa. Rebecca l'aveva invitata all'inizio della settimana e aveva detto che aveva degli amici che voleva davvero che incontrasse, qualunque cosa significasse. Apple stava solo cercando di uscire di casa dopo una lunga settimana, quindi qualsiasi scusa ha funzionato. La festa era alla casa sulla spiaggia degli amici di Rebecca e stava andando abbastanza bene quando Apple si è presentata. Era arrivata sulla spiaggia a circa mezzo miglio più in alto, e...

631 I più visti

Likes 0

L'Harem dell'Imperatore - Parte 2

2. Mi sono svegliato la mattina dopo con la mia imperatrice drappeggiata su di me da dietro. Il suo braccio agile mi abbracciò il petto e sentii i suoi capezzoli contro la mia schiena. Avevo sposato Rayne per motivi politici, la crescita del mio regno richiedeva l'annessione di uno adiacente, praticamente delle stesse dimensioni di Marad. Sebbene i miei generali mi assicurassero che la capitale poteva essere catturata e la terra aggiunta alla mia, il costo del sangue era troppo grande per me da sopportare. Fu organizzato un matrimonio che avrebbe unito i nostri due imperi, ma in effetti Corlan fu...

570 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.