Ragazze in spiaggia a tre

516Report
Ragazze in spiaggia a tre

È iniziato domenica mattina presto nel weekend del Memorial Day quando mi sono alzato per prendere un bicchiere d'acqua dalla cucina. Stavamo affittando una casa sulla spiaggia nelle Outer Banks e avevo davvero sete per la pizza vegetariana che abbiamo mangiato per cena. Scivolai fuori dal letto e mi diressi in cucina. Ho sentito la TV del soggiorno accesa e ho pensato che le due ragazze fossero tornate tardi dal loro incontro con i ragazzi che prima avevano preso in giro in spiaggia, avessero guardato un po' di TV e l'avessero lasciata accesa. Ho intravisto la TV dallo spazio tra la cucina e il soggiorno e sembrava che stessero riproducendo un soft porn Skinamax a tarda notte.

Ho continuato a passare dalla cucina per spegnere la TV, ho notato un movimento sul divano e mi sono fermato. Ho visto la figlia diciottenne della mia ragazza, Maria, sdraiata sulla schiena, con gli occhi chiusi, e la sua amica bionda Anna era sopra di lei, aveva alzato la parte superiore di Maria e stava succhiando le tette sode e vivace di Maria. Maria stava sussurrando piano ed emettendo piccoli suoni "mmmm" mentre Anna faceva scorrere la bocca su quei capezzoli duri e vivaci. Ad entrambe le ragazze piaceva e io sono rimasta radicata ai margini della stanza a guardare Anna succhiare le tette perfettamente sode di Maria. Anche Anna aveva una mano tra loro due e si stava sfregando se stessa o forse Maria. Era dannatamente caldo vedere loro due avere una piccola azione da ragazza a ragazza. Maria aveva unghie lunghe e curate in gel come sua madre e le stava passando tra i capelli biondi di Anna quando all'improvviso Maria aprì gli occhi e li mise a fuoco su di me.

"Dio mio!" disse Maria. E ha cercato di allontanare Anna da lei.

"È qui da un minuto o più. Ci guarda. Va tutto bene." disse Anna e tenne giù Maria e le succhiò di nuovo il capezzolo.

"Non va bene. È il fidanzato di mamma." sibilò Maria.

"Shush ragazza. Sono sicuro che ha visto due ragazze divertirsi prima." Anna ridacchiò e bevve una grande sorsata sul capezzolo di Maria. "Lascia che ci pervertisca per un po'. Mi fa davvero bagnare. Diamogli un po' più di spettacolo. Poi può andare a svegliare tua madre e darglielo per bene." disse Anna leggermente mentre allungava la mano dietro di sé e tirava l'orlo della minigonna verde sulle guance del culo e scopriva il suo culo da adolescente coperto di perizoma, ultra sodo e piccolo prima di scivolare ulteriormente lungo il corpo di Maria, spingendo la gonna corta di Maria su e tirando il suo perizoma rosa brillante a parte. Li avevo visti entrambi in precedenza oggi in bikini rivelatori, ma il culo sottile di Anna e le gambe eleganti e addestrate per il cross-country stavano ancora meglio con le zeppe della piattaforma ancora addosso e quella piccola gonna intorno alla vita.

"Dio no." disse Maria mentre si sforzava di allontanare Anna da lei, ma Anna rimase ferma, usò il suo corpo muscoloso come un lottatore, tenne giù i fianchi di Maria, spinse la sua testa in basso e nascose la lingua tra le cosce di Anna. Maria smise di lottare pochi istanti dopo e allargò ancora di più le gambe, dando ad Anna pieno accesso. Mi sono reso conto lentamente che Anna doveva sapere che Maria avrebbe smesso di lottare e l'avrebbe lasciata cadere su di lei. Stavo rapidamente cercando di capire chi comandava tra loro e mi chiedevo se Maria fosse come sua madre.

Maria mi ha guardato. "Non puoi dirglielo." disse, intendendo che non potevo dirlo a sua madre.

"Non lo farà." Anna ha scherzato. "Non se vuole vedere questo di nuovo." e Anna ha tirato da parte il suo perizoma e ha allargato la sua figa con le dita perché solo io la potessi vedere. Maria pensava che Anna li intendesse insieme, ma avevo la sensazione che Anna intendesse questo e la sua figa rosa e succosa che spalancò con le sue lunghe unghie giallo canarino e sembrava così dannatamente bella.

"Guarda, è duro come una roccia." disse Anna e si assicurò che Maria guardasse il mio rigonfiamento della biancheria intima.

"Oh, sei terribile. Mi fai guardare il pacco del ragazzo di mia madre." disse Maria mentre chinava i fianchi contro le dita indagatrici e carezzevoli di Anna.

"Hai detto che pensavi che fosse sexy." Anna ha divulgato e poi ha seppellito la sua lingua nella figa rasata di Maria.

"Dio mio!." e sapevo che Maria era imbarazzata per questa rivelazione e allo stesso tempo si faceva leccare il clitoride ai suoni che provenivano dalla bocca di Anna. Entrai un po' più in là nella stanza per avere una visuale migliore e osservai Maria che aveva le cosce divaricate a forma di T dalle dita sottili di Anna e il viso di Anna che si tuffava nella gioia bagnata di Maria.

"Ohhh, Dio. Sei così cattivo." Maria sussurrò mentre Anna leccava e succhiava. Anna sembrava sapere cosa piacesse a Maria e mi chiedevo da quanto tempo loro due lo facevano.

"Avvicinati." insistette Anna.

"Dio no. Ha già visto troppo." Maria supplicò. "Torna a letto. Per favore?"

"Guarda questo signor G. Si dimena quando viene." disse Anna e diede un colpetto allo sgabello con la mano, un ovvio invito ad avvicinarsi di un metro e mezzo e sedersi in prima fila. Mi avvicinai di soppiatto e mi sedetti sul bordo dello sgabello e Anna allungò rapidamente la mano sinistra e diede una rapida stretta al mio rigonfiamento.

"È grosso. Il ragazzo di tua madre ha uno strumento di buone dimensioni." disse Anna.

"Anna, fermati." disse Maria e poi iniziò a gemere mentre Anna spingeva le sue dita in profondità nella piccola figa aderente di Maria e la scopava bene con le dita.

"Ascolta, gli prenderò il cazzo e lo succhio e ignorerò la tua piccola figa bisognosa in questo momento se non smetti di lamentarti. So che pensi che sia figo. Me l'hai detto di nuovo sulla spiaggia oggi. Quindi guarda il suo dannato cazzo." sibilò Anna. "Faglielo vedere, signor G. Mostrale il cazzo che sua madre riesce a succhiare." disse Anna.

Sapevo che non avrei dovuto, ma l'ho fatto. Ho preso la mia mano e ho tirato fuori il mio cazzo dalla cintura dei miei boxer e ho mostrato a entrambe le ragazze il mio cazzo circonciso.

"Sembra delizioso Mr. G. Non è vero Maria? Lei pensa che tu sia sexy, Mr. G. Anch'io, ma Maria ha una grande, adolescenziale, struggente cotta per il ragazzo di sua madre. Non è vero Maria? Mi ha detto che quando ti sente scopare sua madre, vorrebbe essere stata scopata dal tuo arnese".

Maria era ancora in silenzio, Anna aveva le dita sepolte nella figa di Maria e Maria era vicina a venire.

"Diglielo. Oppure succhierò il cazzo del ragazzo di tua madre. E lui tradirà tua madre e scoperà la bocca del tuo amico e mi sborrerà in faccia mentre guardi." disse Anna.

"Oh cazzo. Sì. Ho una cotta per te." disse Maria.

"Brava ragazza. Adesso vieni mentre lui guarda." disse Anna e si tuffò nella figa di Maria e girò rapidamente il codice di selezione del lucchetto segreto e sbloccò l'orgasmo di Maria. Maria rabbrividì e tremò e venne come un terremoto. Anna ha sussurrato "shhhhh" per ricordare a Maria di stare zitta e ho visto Maria venire nello stesso modo in cui la mamma di Maria, Carmen è venuta quando l'ho fatta scendere in questo modo. Era come una macchina del tempo, come guardare una giovane Carmen venire dal tocco esperto di Anna.

"Grazie Mr. G. Adesso puoi tornare a letto. A meno che tu non voglia che Maria mi veda sbavare su quel grosso cazzo e ti supplichi di scoparmi." disse Anna con un sorriso.

"Allettante, ma non stasera, Anna." Ho detto.

"Ok Mr. G. Penso che io e Maria abbiamo visto abbastanza di quel delizioso cazzo da fingere di essere fottuti da esso per il resto del fine settimana."

Li lasciai a malincuore e scivolai di nuovo nel letto, dimenticando completamente la mia acqua. Mi sono alzato, ho preso un sorso di acqua a temperatura ambiente dal lavandino del bagno e mi sono sdraiato. Avevo disturbato Carmen, alzandomi e poi scendendo di nuovo e lei si è rotolata sul mio fianco e ho fatto scivolare la mia mano verso di lei perfettamente rotonda, finta, tetta 34DD e le ho dato una stretta. La sua mano corse lungo il mio stomaco e trovò il mio cazzo già rigido.

"Qualcuno ha fatto un bel sogno." Ha fatto le fusa mentre faceva scorrere dolcemente le dita lungo l'asta e poi accarezzava dolcemente le mie palle con le sue lunghe unghie. "Spero di essere stato parte del tuo sogno." Disse mentre mi baciava dolcemente il collo con le sue labbra morbide e imbronciate.

"Posso aiutarti a riaddormentarti? So che non puoi dormire con questo." Ha preso in giro, usando il nostro piccolo scherzo privato che ha messo le sue labbra sul mio cazzo così tante notti..

"Sì piccola. Aiutami a dormire." dissi mentre passavo le dita tra i suoi lunghi capelli castano scuro e sentivo la sua testa andare sotto il lenzuolo e le sue labbra fare una scia di baci sulla testa del mio cazzo. Mi prese in bocca e io gemetti e spinsi sulla sua testa. Sapeva cosa volevo, essere inghiottito, e mi ha portato più a fondo. Dopo aver visto Anna e Maria, avevo bisogno della bocca di Carmen in fondo. Mi prese in profondità poi ritirò lentamente le labbra e baciò leggermente la punta.

"Deve essere stato un sogno molto sporco. Avevi un harem?" Lo stuzzicò e poi fece roteare la lingua intorno all'elmo e riprese la testa nella sua bocca calda. Ho sentito e visto un movimento fuori dalla porta della camera da letto e ho visto la luce del corridoio oscurata sotto la porta. Qualcuno o due erano fuori dalla porta, in ascolto.

"Cazzo! Così buono bambino. Si sente così bene in bocca." dissi in un sussurro forte.

Carmen si fermò e ridacchiò, "baby, tienilo giù, non svegliare le ragazze.".

"Sono morti addormentati, li ho guardati." Ho mentito e le ho spinto dietro la testa, facendo affondare le sue labbra in profondità sulla mia asta e facendo strofinare la sua lingua contro la parte inferiore del mio cazzo.

"Succhiami il mio grosso cazzo, piccola. Hai una bocca così dolce." dissi, sperando di essere abbastanza forte da essere sentito dalle ragazze in piedi fuori.

"Fottiti la bocca della tua ragazza, Papi. Scopala con il tuo grosso e forte cazzo" ha esortato Carmen, infilandosi nel suo slang latina mentre io afferravo forte le sue tette rotonde e avvitate che era così orgogliosa di sfoggiare in top attillati e piccoli triangoli bikini. li strinse forte e tirò i suoi capezzoli mentre dondolava profondamente sul mio albero indurito d'acciaio.

"Adoro queste tettone, piccola. Hai delle tette perfette. Uhhhh." dissi, tirandole più forte i capezzoli mentre lavava la lingua avanti e indietro lungo la parte inferiore del mio cazzo e teneva la testa del mio cazzo in profondità nella sua bocca. Ero vicino, ma sapendo che le ragazze erano appena fuori dalla porta, volevo che durasse e che sentissero chi era il capo in camera da letto. Ho afferrato una manciata dei suoi capelli scuri e le ho tirato delicatamente la testa, guardando e sentendo le sue labbra scivolare lungo l'asta del mio cazzo. Le tenni ferma la testa quando le sue labbra raggiunsero la corona e lei infilò la lingua sulla testa e succhiò la punta, scavando ripetutamente le sue guance e succhiandola forte. Era stata una buona succhiacazzi dalla prima volta che ci siamo visti. Quella è stata la notte in cui ci siamo incontrati per la prima volta dopo essere stati presentati l'un l'altro a un evento di beneficenza da Jenna, il presidente del capitolo di beneficenza. Sono stato attratto dallo stile sexy di Carmen e l'ho portata a casa quella sera. Ha ammesso quella prima notte di avere un po' di "fissazione orale" mentre lo diceva mentre mi apriva la cerniera dei pantaloni ed estraeva il mio cazzo dalla biancheria intima.

Era ancora più brava a farmi pompini ora che stavamo insieme da un po' e sapeva esattamente cosa mi piaceva di più. Mi sono aggrappato alla sua testa e ho lasciato che si concentrasse sull'elmo del mio cazzo perché era particolarmente abile nell'usare le labbra e la lingua per amare quell'estremità sensibile. Una ragazza fissata oralmente era perfetta per me, un ragazzo che pensava che essere succhiato fosse più caldo e più intimo del rapporto sessuale.

Sapevo che sarei venuta presto se non mi fossi presa una pausa e sapevo anche cosa avrebbe potuto mostrare alle ragazze fuori quanto facilmente Carmen avesse accettato le mie richieste. L'ho tirata un po' di più per i capelli finché la punta del mio cazzo non è uscita dalle sue labbra imbronciate. Afferrò la base e si batté leggermente la punta contro la guancia mentre alzava lo sguardo.

"Voglio scopare la mia troia Carmen." dissi, guardando nei suoi occhi marroni. Lei annuì, continuando a guardarmi. "Hai portato delle scarpe?" ho chiesto, sapendo che portava sempre un paio di décolleté con piattaforma in ogni viaggio che facevamo e ne aveva persino indossato un paio al ristorante pizzeria in cui siamo andati tutti a cena.

Erano quasi le 2 del mattino ma Carmen era pronta a suonare insieme. "Sì Papi. Vuoi che li trovi e li indossi per te? Così puoi scoparti la tua troia Carmen con le scarpe addosso, vero Papi?" lei tubò. Oltre alle sue tette perfette, la prima cosa che ho notato di Carmen quando l'ho incontrata per la prima volta sono state le scarpe che indossava. Erano décolleté argentate con tacchi a spillo enormemente alti e suole con plateau di due pollici e mezzo. All'epoca non lo sapevo, ma era il suo look preferito, grandi tacchi altissimi, di solito con plateau da 1-3". Ho saputo in seguito che li indossava perché si sentiva alta, sexy e calda con loro. E le sue gambe erano la sua migliore caratteristica naturale e sembrava fatta apposta per indossare scarpe del genere. I suoi steli erano lunghi, magri e di colore da marrone chiaro a medio, a seconda del suo livello di abbronzatura. Indossava décolleté con plateau con la disinvoltura di una ballerina di pole e aveva proprio la "passeggiata" giusta per i tacchi a spillo.

Si è precipitata giù dal letto e ha scavato nella sua valigia e ne ha tenuto due paia, ho indicato quelle nuove di zecca appena arrivate da ShoeDazzle, décolleté ricoperte di stoffa scozzese che sembravano il motivo scozzese di Burberry ma con prevalentemente rosso, nero e rosa. Colori da scolaretta. Sorrise mentre li posava sul tappeto, ci calpestava, si rialzava sul letto e mi metteva i piedi addosso.

"Puoi allacciarli, Papi?" Disse con un sorriso malizioso mentre prendevo il cinturino delicato dei dettagli Mary-Jane e allacciavo il cinturino sottile sull'avampiede e poi facevo lo stesso con l'altro. Si voltò, inginocchiata sul letto, i talloni dietro di lei, il culo in su, la testa in giù e mise la mano tra le gambe e aprì la sua figa aderente e bagnata.

"Ti piace Papi? Ti piace quello che vedi? Mostrami come hai scopato la ragazza dei tuoi sogni. Fanculo la tua troia con i tacchi alti. Dammi tutto." Ha detto mentre mi muovevo dietro di lei e strofinavo la testa del mio cazzo attraverso la sua figa bagnata e liscia come la cera.

"Così liscia per te Papi. L'ho fatta la ceretta per la spiaggia. Prendila Papi. Falla tua." lei tubò e io lo feci, spingendolo in profondità e sapendo che probabilmente sarebbe entrato solo a metà. Era così bagnata, ma aveva un buco naturalmente piccolo e stretto e dovevo sempre aprirla prima di poter entrare nella sua figa calda e liscia.

"Oh Papi. Dallo alla tua ragazza. Dai tutto. I miei nuovi tacchi sono per te Papi. Sembro una scolaretta Papi? Con le mie décolleté a quadri? Scopami Papi, non rallentare. Solo scopami forte e sborra quando sei pronto. Voglio ingoiarti. Assapora il tuo dolcetto. Quando sei vicino, finisci nella mia bocca, Papi. "

Mi stavo concentrando così tanto che non riuscivo a parlare, sbattendolo dentro e fuori dalla sua fica calda e stretta.

Quel suo discorsetto e tutto il resto hanno praticamente posto fine al mio controllo e ho sentito le mie palle stringersi e ho tirato fuori la sua figa stretta e lei si è girata, ha afferrato l'asta e ha tirato la base mentre succhiava forte sulla punta e ho pompato il mio carico nella sua bocca in attesa.

"Verrò, sì piccola, uhhhh, uhhh, sei una stronza così sexy! Una così sporca scolaretta troia! Dannazione! Ugggg! Succhialo piccola! Ho balbettato mentre le sborravo in bocca.

È stato un bel tiro al volo e poi altri quattro o sei prima di essere esaurito e svuotato. Ho visto le ombre allontanarsi dalla porta mentre Carmen mi ingoiava dopo aver assaporato il mio sapore. Mi sono lavato un po' e ci siamo addormentati velocemente l'uno nelle braccia dell'altro.

Mi sono alzato la mattina dopo e ho lasciato Carmen che dormiva nella camera da letto principale e ho cercato di fingere di non aver visto Anna e Maria la notte scorsa o che non erano rimaste fuori dalla porta della camera da letto e mi avevano sentito scopare la bocca desiderosa di Carmen e avvolgere, piccante figa.

Anna e Maria erano entrambe in piedi, bevevano caffè e quando entrai alzarono lo sguardo. Anna mi rivolse un sorriso e un applauso a golf.

"Impressionante il signor G. Maria era così eccitato che mi ha masticato la figa dopo che hai finito con sua madre. E ho pensato di succhiare il tuo grosso cazzo mentre stava leccando il mio piccolo clitoride e la mia figa stretta da adolescente." disse Anna, mescolando ulteriormente la pentola. Abbiamo tutti sentito Carmen tirare lo sciacquone e abbiamo cambiato argomento prima che entrasse in cucina e si versasse una tazza di caffè.

Carmen mi baciò la guancia e disse: "Buongiorno, Tigre". e ho visto Anna alzare un sopracciglio e Maria tenere gli occhi fissi sul tavolo. Ho fatto scivolare la mia mano lungo la sua gamba e poi mi sono alzato per fare una doccia.

Dopo che mi sono asciugata e mi sono messa il costume da bagno, Carmen è entrata per la doccia. Quando sono uscito dalla camera da letto, Anna era nel corridoio indossando anche il suo costume da bagno bikini e ha sbirciato nella camera da letto.

"Quelle le scarpe?" Ha detto indicando le piattaforme a quadri che Carmen indossava la scorsa notte che giacevano l'una accanto all'altra sul pavimento.

Annuii e la guardai sorridere. Scolaretta troia, il signor G. Maria ti vuole tanto adesso. Dopo la scorsa notte, accetterà qualsiasi cosa tu voglia che faccia."

"Anna. Non più. La scorsa notte è stata divertente. Ma lasciamo stare. Ci siamo divertiti tutti." Ho detto.

"Certo, signor G. Ma so che lo vuole." Ha detto mentre tirava il suo piccolo sedere nella fessura del culo e le afferrava le guance con entrambe le mani. "E lo capisci solo dopo aver scopato Maria con quel delizioso cazzo." Disse piano e poi si rimise a posto le natiche. "E puoi fottermi quel grosso cazzo nel culo Mr. G. Farei sesso anale con te." Ha ammesso.

Ho sentito l'acqua spegnersi e mi sono diretto verso il ponte esterno per raccogliere asciugamani e altri oggetti da spiaggia per il trekking verso la spiaggia. Presto tutti e quattro fummo impacchettati e andammo insieme alla spiaggia. Carmen sembrava deliziosa in un bikini giallo brillante che era basso sui fianchi e copriva la maggior parte del suo culo sodo e in forma.

Maria indossava la stessa marca di abiti di Anna, entrambi avevano piccoli triangoli davanti che richiedevano molta ceretta. Il bikini bianco di Anna aveva uno scrunch brasiliano sulla schiena che metteva in mostra il suo culo mentre Maria indossava un completo verde lime con uno stile americano sul sedere. Entrambi i loro culi sembravano quasi perfetti, ma la copertura della tuta di Anna era un po' più piccola e lo scrunch posteriore le abbracciò meglio il culo. Ho cercato di non fissare le due ragazze e così sono rimasto leggermente davanti a loro mentre andavamo in spiaggia.

Anna era determinata a stuzzicarmi, chiedendomi di applicarle la crema solare sulla schiena ma io suggerii a Maria di farlo. Poi mi ha chiesto se volevo lanciare il frisbee con lei e l'ho fatto, permettendole di allungarsi per le prese e chinarsi per raccogliere il frisbee caduto. Maria si è unita a noi, e poi anche Carmen, le sue tette finte che spuntavano dal petto e riempivano e leggermente traboccavano il piccolo, aderente top a triangolo con stampa floreale del suo vestito.

Anna ha sorriso quando mi ha sorpreso a fissare il suo culetto, mostrato nella parte inferiore del bikini, e ci ha fatto scorrere deliberatamente sopra la mano, fingendo di spazzare via la sabbia. Anche Carmen era di ottimo umore e noi quattro siamo andati nell'oceano per rinfrescarci. Piccole onde ci hanno colpito quando siamo usciti quasi all'altezza della vita con l'occasionale onda più grande che ci ha colpito un po' fuori equilibrio. Anna ha afferrato Maria e l'ha inzuppata e loro due si sono abbracciati e ho visto Maria guardarmi mentre Carmen mi avvolgeva la mano intorno alla vita e mi baciava il collo salato.

"Grazie per averci portato tutti in spiaggia questa settimana." disse Carmen. "Voglio darti una grande ricompensa stasera per essere stato così gentile." Disse e mi baciò di nuovo.

"Cosa avevi in ​​mente?" chiesi, sapendo che Carmen di solito sapeva che la mia ricompensa preferita da lei di solito era una sorta di fantasia sessuale.

"Schiava. La tua puttana dell'harem." Mi sussurrò all'orecchio. Questo mi ha fatto saltare il cazzo. A Carmen piaceva giocare a travestirsi più delle altre donne con cui ero uscito. Una sera mi ha confidato di avere circa 30 anni, che recitava la sua tarda adolescenza. Carmen è rimasta incinta e ha avuto Maria in giovane età e poi era una mamma single molto responsabile, un po' grassoccia e noiosa. Poi, quando Maria ha compiuto 15 anni, Carmen si sentiva grassa e aveva iniziato ad allenarsi. Aveva acquistato il programma P90X ed era stata una di quelle che in sei mesi erano passate da ciccia a favolose. Ha detto che ha perso più di 20 libbre nei primi 6 mesi e in realtà ha guadagnato 5 libbre nei secondi 90 giorni, ma che i secondi 5 libbre erano muscoli magri e forti nel culo, nel core e nelle gambe. Ha perso così tanto peso che mi ha detto che era piatta e con la parte superiore cadente, quindi le sono stati inseriti degli impianti per il suo culo stretto e magro e le gambe perfette. Dopo di che è uscita con un idiota per circa 18 mesi e poi è rimasta praticamente single fino a quando non ci siamo incontrati, cosa che Maria ha confermato che Carmen sembrava essere la sorella maggiore di Maria con il suo corpo snello e atleticamente allenato e stava recuperando il tempo perduto all'età di 36 anni.

Abbiamo trascorso una giornata divertente in spiaggia e non siamo partiti fino alle 17:00. In qualche modo sembra più facile portare la roba in spiaggia che riportarla indietro. Ho finito per portare tre sedie a sdraio in una mano e una borsa da spiaggia piena di asciugamani umidi nell'altra. Carmen aveva poco nelle sue mani e Maria teneva la sua sedia. Anna portava il frisbee e una borsa di cose essenziali come crema solare e iPhone.
Anna e io abbiamo fatto la doccia prima nei due bagni. Mi stavo asciugando in camera da letto quando Anna è entrata, con i capelli umidi, il miniabito addosso e mi ha chiesto di legare la cavezza all'indietro. Si è tirata su i capelli e io ho legato velocemente i lacci e lei si è girata e mi ha baciato sulle labbra.

"Grazie signor G." ha detto mentre cercavo di elaborare quel bacio bagnato e poi ha visto le scarpe di Carmel, si è avvicinata a grandi passi, le ha inclinate in posizione verticale e ci è entrata.

"Me li allaccerai?" Ha preso in giro e quando l'ho guardata male e ho rifiutato, si è piegata in vita e ha allacciato il cinturino sottile sopra ogni avampiede e mi ha dato una visione non istruita del suo culo nudo e perfetto e della fessura della figa.

"Ops? Anna ti ha dato una sbirciatina, signor G?" disse mentre si portava le dita alla bocca con finta sorpresa. "Mi dispiace tanto. Non ho deciso quali mutandine indossare per te stasera. Queste scarpe si adattano perfettamente. Chiederò a Carmem se posso indossarle con il mio vestito stasera. Cosa ne pensi? Il bianco e il rosa il vestito starebbe bene con i tacchi.

"Non farlo". Avevo avvisato.

"Non preoccuparti, Carmen mi ha detto cosa indossa per te stasera. Sei un tipo fortunato." Lei disse. "Dovrò accontentarmi di avvolgere questi tacchi intorno al collo di Maria invece del tuo stasera."

Ho sentito chiudere l'acqua in bagno e Anna è andata alla porta del bagno chiusa. Carmen, posso indossare queste scarpe a quadri? Si abbinano perfettamente al mio vestito".

"Se si adattano. E se puoi camminarci dentro." Carmen sfidata.

"Grazie! Si adattano e mi sono allenato." disse Anna attraverso la porta chiusa del bagno.

"Ci vediamo!" disse Anna con un sorrisetto e uscì, scuotendo il culo più che poteva finché non girò l'angolo.

Tutti si sono vestiti e preparati e quando le tre donne sono uscite dalle camere da letto sembravano delle modelle. I capelli biondi di Anna ricadevano in morbidi riccioli e indossava solo le minigonne bianche e rosa e quei tacchi altissimi Mary-Jane con gioielli d'argento. Maria indossava una minigonna elasticizzata blu brillante che era arricciata su entrambi i lati e le abbracciava il culo come se fosse vernice. Maria lo ha abbinato a un top bianco trasparente che le pendeva dalle spalle e drappeggiato lungo i fianchi e un top in stile reggiseno blu cobalto che era tutto paillettes sul busto. Indossava un paio di décolleté blu con paillettes che sapevo appartenere a Carmen. Come tutti i tacchi di Carmen, questi hanno aggiunto 6 "di altezza a Maria. Carmen indossava un miniabito in vinile/pelle bianca con colletto a girocollo, top in rete bianca che mostrava le parti superiori delle sue tette perfettamente sferiche e poi la parte in vinile si restringeva e la rete è andata su entrambi i lati di una striscia larga 4 "fino a quando il vinile si è allargato sotto i fianchi per avvolgerle quasi intorno al culo come un guanto bianco lucido ma con pannelli in rete da 3" su ciascun fianco. Il vestito era senza schienale ma per tre catene di metallo che lo legavano insieme e ha accentuato il vestito con orecchini a cerchio d'argento giganti e stivaletti in pelle scamosciata bianca con tacchi a spillo da 6" e piattaforme da 2".

Sono rimasto sbalordito e ho cercato di concentrarmi su Carmen mentre eravamo in cucina e tutti bevevamo qualcosa. Carmen e io sapevamo che Maria e le sue amiche bevevano quando potevano, quindi abbiamo lasciato che Anna e Maria mescolassero i loro drink e si godessero qualche cocktail.

Quando fummo pronti per partire, le due ragazze avevano un bel ronzio in corso dal modo in cui stavano ridacchiando. Ho guidato e siamo andati al centro della città balneare e abbiamo cenato nel più bel ristorante sulla spiaggia. Le ragazze hanno ordinato bistecca e gamberi e Carmen e io abbiamo condiviso un'insalata, aragosta e filetto. Eravamo tutti felici e, a parte l'attenzione maschile che ricevevano i miei compagni, era una notte divertente e senza incidenti. Abbiamo finito con caffè e dessert condiviso e finalmente abbiamo pagato il conto e siamo tornati a casa. I drink che aveva bevuto Carmen la stavano eccitando un po' e quando ci siamo alzati per andarcene, mi ha sussurrato all'orecchio come sarebbe stata una brava principessa dell'Harem per me. Anna ci guardò e sussurrò qualcosa a Maria.

Non appena siamo entrati in casa, Carmen mi ha preso la mano, ha dato la buonanotte alle ragazze e mi ha condotto nella nostra camera da letto. Aveva allestito la stanza prima che me ne andassi con candele, cravatte a forma di sciarpa e una tavolata piena di lozioni e giocattoli. Fece il giro della stanza e accese una trentina di candele. Rimasi al centro della stanza e osservai.

Quando finì, si avvicinò a me e mi abbracciò forte e mi piantò un bacio morbido e umido sulle labbra.

"Sono tuo al comando. La tua ragazza dell'harem. Sei il mio re e padrone, farò come dici." disse con un grande sorriso. "Qual è il tuo primo desiderio."

Tira giù la parte superiore del tuo vestito e mostrami le tue tette." Dissi e la guardai mentre mostrava un grande sorriso e rivelava le sue tette perfette e poi le afferrava con entrambe le mani e le strofinava.

"Vuoi succhiarli o sentirli, o farti strofinare contro il cazzo del mio Padrone? O vuoi vedere di più il corpo della tua schiava?"

"Inginocchiati. Strofina la tua faccia sul mio rigonfiamento." dissi e lei si lasciò cadere rapidamente in ginocchio e accarezzò il mio rigonfiamento contro la sua guancia.

La porta della camera da letto si aprì e Anna mi guardò mentre entrava, tenendo le scarpe di Carmen in una mano.

"Ho le sue scarpe Mr. G." disse Anna.

Carmen fece per alzarsi ma Anna mise la mano sulla spalla di Carmen. "Non alzarti. Ragazza dell'Harem." scherzò Anna. Carmen mi guardò con grandi occhi marroni, un po' vergognandosi di aver detto ad Anna quello che era stato pianificato.

"Bei giocattoli." disse Anna, annuendo al comodino e continuando a tenere la mano sulla spalla di Carmen.

"Dov'è Maria?" Ho chiesto.

"Sul divano. Svenuta. È un peso leggero." disse Anna.

"Ok. Metti giù le scarpe e vai a portarla a letto." dissi, usando lo stesso tono che avevo usato con Carmen.

"Allora posso tornare a guardare?" scherzò Anna. "Scommetto che lo succhia bene."

"Vai a mettere a letto Maria." dissi e indicai.

"Sì signore. Sii buono con lui piccola schiava." disse Anna dando una pacca sulla spalla a Carmen e se ne andò velocemente.

"Oh mio Dio. Non posso credere a quella ragazza." disse Carmen mentre cominciava ad alzarsi.

"Resta dove sei. Non andrai da nessuna parte. Hai promesso di essere il mio schiavo." Ho detto, lei ha scosso la testa.

"Ma devo controllare..." protestò Carmen.

"Lei starà bene." Le ho detto. Anna si prenderà cura di lei." Dissi, ripensando alla notte precedente. Le accarezzai una guancia. "Slacciami i pantaloni, tirali fuori." Dissi.

"Ma se lei..." iniziò a dire Carmen.

"Non lo farà, e quindi cosa. Non è ingenua. Sa che stiamo facendo sesso cattivo e divertente." dissi mentre infilavo il pollice nella sua bocca e lei lo succhiava.

"Quella è la mia brava piccola schiava. Tiralo fuori e fallo scivolare nella tua bocca calda." Le dissi mentre le accarezzavo i capelli e sentivo le sue lunghe unghie aprirsi e sbottonarsi abilmente. Ha raggiunto dentro e mi ha liberato il cazzo e l'ho agitato davanti al suo viso.

"Succhialo ragazza dell'harem. Mostra al tuo padrone il tuo talento speciale."

Carmen ha praticamente inalato il mio grosso cazzo e mi sentivo benissimo. Ho oscillato i fianchi avanti e indietro e poi ho visto girare la maniglia della porta della camera da letto. Ho afferrato la testa di Carmen con entrambe le mani.

Anna aprì la porta, infilò dentro la testa. "L'ho messa a letto signor G. Dio che caldo. Posso guardare un po'?" chiese Anna. Carmen dava le spalle alla porta e stava guardando, scuotendo la testa, ma la conoscevo abbastanza bene da dire che non era contraria con veemenza, quindi l'ho guardata dall'alto in basso.

"Mi hai detto che avresti fatto qualsiasi cosa schiavo. Stai infrangendo la tua parola?" ho chiesto tranquillamente.

Carmen scosse leggermente la testa. Potrebbe lasciare che questo gioco continui.

"Vuole restare. Voglio che tu le mostri come mi succhi il cazzo in modo così perfetto." dissi mentre le accarezzavo il viso. È ok? Le mostrerai quanto sei bravo a rendere felice il tuo re?" Dissi e potevo dire che avrebbe accettato. Lei annuì e succhiò la testa, incavando le guance.

"Anna. Se vuoi restare, sono le mie regole. Non ascolti, te ne sei andata e non ti faremo più tornare a casa. MAI. Sono stato chiaro?"

"Sì, signor G. Clear. Carmen, sei così fortunata. Quella cosa è così perfetta." disse Anna indicando il mio cazzo.

Carmen sorrise e si passò la lingua sulla testa come per dire "ed è mio".

"Piccola, dai ad Anna alcune lezioni su come succhiare perfettamente un cazzo perfetto." dissi e Carmen mi guardò e iniziò a succhiare la punta con la sua bocca imbronciata.

Anna fissò Carmen, poi guardò me. "Fantastico, signor G. Deve sentirsi bene." ha osservato mentre mi guardava allungare la mano e giocare con le tette rotonde di Carmen.

"Scommetto che ti fa sentire bene. Non è vero, schiavo dell'harem. Tutto felice e le tue grandi tette giocate e la tua bocca piena. Cazzo! Posso prendere in prestito un giocattolo?" chiese Anna e mi guardò. Ho guardato Carmen e lei ha alzato le spalle e ha annuito.

"Sì Anna. Ma se prendi un giocattolo, fai parte dell'harem." dissi e sia Anna che Carmen alzarono le sopracciglia.

"Fanculo Mr. G. Il tuo harem? È piuttosto perverso. E piuttosto caldo." Disse con un sorrisetto mentre afferrava una piccola vibrazione e la guardava. "Credo di essere dentro." Disse e si tirò su il vestitino, se lo strinse intorno alla vita e aprì le gambe.

"Devo farlo Mr. G. Guardare Carmen che ti succhia mi sta facendo impazzire. Inoltre sembra che le piaccia quella cosa. Anche a me piacerebbe. È il cazzo più bello che abbia mai visto di persona." Anna ha ammesso e ha strofinato l'atmosfera nella sua fessura nuda.

"Carmen, aiuta Anna con il tuo giocattolo." dissi e tirai su Carmen dal tappeto delicatamente per una manciata dei suoi capelli. Sapevo che Anna era stata con Maria e che Carmen aveva giocato con una ragazza prima che la incontrassi e dopo che si era fatta le tette. Carmen mi guardò in modo strano ma scivolò fino al letto e strofinò la piccola vibrazione contro Anna, poi l'accese e la fece scivolare avanti e indietro tra le labbra lisce e rosa di Anna.

"Ora gira la testa." dissi mentre giravo il viso di Carmen e schiaffeggiavo il mio cazzo contro le sue labbra. "Così carina, e così brava ragazza.." Dissi mentre infilavo la punta del mio nicock nella bocca di Carmen e lei iniziò a leccarsi la testa e l'asta avidamente mentre guardava Anna con la coda dell'occhio.

"Che brava ragazza. Vedo che guardi Anna. La sua figa ti sta bene?"

"Uh Huh." Carmelo ha ammesso.

"Penso che le piacciano molto le ragazze. Ho già visto quel look." Anna ha ammesso e ho pensato che stesse per parlare della figlia di Carmen. Anna mi ha guardato e in qualche modo le ho fatto arrivare il messaggio che Carmen non era ancora pronta a sentirlo. Invece, mise la mano sulla testa di Carmen e le parlò all'orecchio,

"Succhia quel cazzo grosso e grosso. Sembra così delizioso. Succhialo bene per lui, ragazza dell'harem, schiava, troia del cazzo. Strofina anche le sue palle per lui, mentre il tuo giocattolo mi ronza la figa. Hai intenzione di condividere quel grosso cazzo? Lascerai che la nuova ragazza ci metta le labbra intorno? O dovrei linguargli le palle e aiutarlo a venire mentre ti prendi quel bel cazzo in gola?".

"Carmen, dì alla nuova ragazza dell'harem cosa fare.". Ho detto.

"No Padrone. Siamo tuoi. Tu gli ordini. Farò come dici." Disse mentre si sdraiava e allargava la figa con le dita.

"Anna, lecca la figa di Carmen per lei come farebbe una brava schiava." Ho detto e Anna ha messo la sua bocca sulle labbra marroni della figa di Carmen e l'ha leccata. Ho preso il giocattolo che era ancora nella dolce fica nuda di Anna e l'ho fatto entrare e uscire delicatamente da lei mentre allungavo il suo buco rosa e la facevo dimenare mentre mangiava Carmen.

"Oh cazzo!" disse Carmen mentre Anna le succhiava il clitoride di Carmen in bocca. "Lei succhia la figa davvero bene." Carmen ha ammesso.

Anna si fermò un momento. "Anche io scopo il cazzo come una pornostar di "germanyy.xxx" ." Ha detto e ha mosso il culo verso di me mentre tornava a mangiare Carmen.

È stato l'inizio di una grande serata.

Storie simili

CAW#11 - Giornata degli inverni freddi

Era una fredda notte d'inverno, nel tardo autunno. La nebbia era calata; poco prima di mezzanotte e ricoprì gradualmente le strade. L'aria era piena di nebbia e la visibilità diventava difficile, mentre camminavo per le strade della città. Il mio protettore è costretto a lavorare per strada stasera. Speravo in una notte proficua; per tenere lui e i suoi scagnozzi, lontano da me e dalla mia famiglia. Mi chiamo Louise e sono una madre single di 21 anni e anche una prostituta. Ho una figlia di tre anni, Misty (Melissa). Era accudita da un caro amico. Stanotte il mio corpo snello...

392 I più visti

Likes 0

Viene introdotta una nuova vergine anale, ( 6 )

Ieri era andata bene, con 4 ragazzi ci siamo divertiti entrambi un sacco, e tutto andando bene, anche il resto della settimana dovrebbe essere buono. Martedì mattina, ho fatto una veloce scopata a Pauline, poi l'ho portata sotto la doccia per una sessione di pipì, le ho pisciato addosso, poi lei ha pisciato addosso a me prima che entrambi facessimo la doccia. Ho detto ai ragazzi ieri a qualsiasi ora dopo pranzo se si trovano in zona, di fare un salto, inoltre ho avuto un paio di risposte dal sito e mi sono organizzato per incontrarli stamattina. Li ho chiamati e...

741 I più visti

Likes 0

Il mio primo bando di gruppo

Questa storia è di grande cambiamento. Sono passato da una ragazza arrapata di 18 anni dai capelli rosso scuro di 6 piedi, a una troia con un bisogno di sesso hardcore visto solo nel porno. Se hai letto la mia storia anniversario, questa è la storia del perché sono così. Stavo camminando per una strada nel centro della città con i miei vestiti comodi perché stamattina avevo trovato il mio punto g con un vibratore. È stato un po' imbarazzante perché si è bloccato e non potevo spegnerlo. Ho finito per dover semplicemente sdraiarmi a terra cercando di gloriare un vibratore...

315 I più visti

Likes 0

Il ragazzo dei pretzel

Fresco pomeriggio d'estate quando entro nel negozio di pretzel. La porta era aperta, quindi ho rimosso il tappo e ho tirato delicatamente la porta per chiuderla. Appare da dietro con una cassa di pretzel in mano. Mi guarda e mi saluta. Slaccio i bottoni del mio trench di pelle nera e metto le mani sui fianchi in modo che le mie mutandine di pizzo nero con un nastro rosa neon e il reggiseno abbinato si vedano. Ho avuto il mio fottimi guarito accompagnato dalle mie calze trasparenti e ho aspettato a lungo. Sono stata una cattiva ragazza e ho davvero bisogno...

257 I più visti

Likes 0

Programma Alpha-Omega 7

Episodio 7: Debug del codice Zack stava sfrecciando per la strada sul suo nuovo scooter. Era stato in giro solo per divertirsi nell'ultima ora. Alla fine, decise di andare a casa di Brian, per mostrargli il suo nuovo giocattolo. Girò intorno all'angolo successivo e si diresse verso quella parte della città. Zack notò immediatamente che il camioncino di Brian era sparito, quindi Brian quasi certamente non era a casa. Oh bene, pensò. Lo mostrerò a Wendy, allora. Zack bussò alla porta e poi entrò, salutandolo. Sentì la signora Selman chiamare dalla cucina, e così andò in quella direzione. Quando entrò in...

560 I più visti

Likes 0

New Jock Tales Capitolo 3 Sophomore Year-13

New Jock Tales --- Secondo anno—CH 3—13” e una Ducati Verso le 10:30 bussarono alla porta. Che cazzo Era Mark Mattox, e ha detto che aveva un nuovo contratto per me, se ero interessato. Ho detto di sì, ma questo accordo non aveva niente a che fare con il sesso. Ha detto che avrei portato la droga da Austin fino a Tyler, ogni fine settimana. Pagherebbe 150 dollari a viaggio e sarebbe un chilo di droga. Nessuno guarderebbe una jeep per trasportare erba, e dovrebbe essere un gioco da ragazzi. Rifletto per qualche minuto, poi dice che ci proverei. Mark ha...

963 I più visti

Likes 0

Perdo la verginità(8)

L'ho incontrata su un sito di chat su Internet. Vivevamo a 800 km di distanza, quindi non ho avuto problemi a flirtare come un matto. Mi ha detto che è alta 1,5 m, lunghi capelli biondi e occhi azzurri con un corpo sexy. Beh ovviamente l'ho presa in giro e le ho detto che se non mi manda una foto non le crederò, mi ha chiesto se le foto di lei sarebbero state solo per i miei occhi ed essendo il ragazzo che sono le ho dato la mia parola, aspettandomi una foto molto cattiva. Quello che ho ottenuto è stata...

319 I più visti

Likes 0

La ragazza di papà Casey

Il mio nome da ragazza è Casey come lo è il mio nome da ragazzo, sono alto un metro e settantacinque centimetri, 125 fradicio, capelli castani, ragazzo di sedici anni e questa è una storia di pura fantasia per un mio amico speciale, che vorrei amore per un giorno incontrato e ben sai ed essere la sua ragazza! Cosa c'è che non va Casey? Papà mi chiede, quando è entrato in soggiorno e mi ha visto piangere. “Sono gli altri ragazzi a scuola; mi prendono sempre in giro, mi insultano, mi prendono in giro, mi chiamano ragazzino, a volte esprimono il...

512 I più visti

Likes 0

Brooke_(1)

Brooke Questa è la mia prima storia e, come tale, sii premuroso nelle tue critiche; solo critiche costruttive per favore. Se non ti piace questa storia, ce ne sono molte altre da leggere. I nomi sono stati cambiati per proteggere i miei fottuti compagni e, a loro volta, il mio culo. Durante la mia adolescenza, sono stato abbastanza sessualmente attivo. Essere un adolescente e anche frequentare un liceo cattolico per soli maschi ha solo favorito la mia libido. Per cominciare, io non sono un ragazzo piccolo. A quel tempo, avevo circa 6'3, 200 libbre e un atleta di prima qualità. Ho...

462 I più visti

Likes 0

Il furgone - Scopa mia moglie

Una sera io e mia moglie stavamo cenando, è venuto fuori l'argomento di una delle nostre fantasie. L'abbiamo chiamato il furgone. Era stata una nostra fantasia ricorrente prendere diversi ragazzi e farli scopare mia moglie nel retro di un furgone. Questa volta abbiamo deciso di farlo quindi abbiamo aspettato il weekend. Abbiamo noleggiato un furgone bianco per la notte e siamo andati in centro alla ricerca di alcuni ragazzi belli e sani. Indossava un mini abito nero scollato e aveva un letto rifatto nella parte posteriore. Abbiamo guidato per un po' e ci siamo imbattuti in un ragazzo che camminava da...

451 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.