Cosa c'è sotto 2

696Report
Cosa c'è sotto 2

Quella mattina Jennifer andò al lavoro un po' più veloce del solito, temendo di fare tardi. Aveva un disperato bisogno di questo lavoro per la sua famiglia. Essendo una madre single di due figli e nessun uomo in giro, era l'unico lavoro che poteva ottenere.

"Per favore, non farmi fare tardi." pensò tra sé, premendo ancora un po' il piede sull'acceleratore, ignorando il tremolio del volante. È volata oltre un cartellone pubblicitario e ha visto un'auto della polizia uscire dietro di lei nello specchietto retrovisore, accendendo il tetto. Il cuore le sprofondò nel petto e sentì il sapore della cenere in bocca mentre rallentava e si fermava. Il poliziotto si fermò dietro di lei, ma si sedette in macchina senza scendere.

"Andiamo sbrigati!" disse ad alta voce, ma poi si rese conto che era già troppo tardi. Anche se si fosse avvicinato alla macchina e l'avesse lasciata andare subito, non c'era modo che ce l'avrebbe fatta. Il suo unico lavoro era sparito, pff, proprio così, e avrebbe dovuto iniziare a spogliarsi al club o peggio se non l'avessero assunta. Ricordò quello che Mal aveva detto a Candy quando l'aveva licenziata perché era in ritardo la scorsa settimana. "Puoi succhiarmi il cazzo proprio qui davanti a tutti se vuoi continuare a lavorare qui, Candy." disse, abbastanza forte da essere sentito da tutti nel ristorante.

Il ristorante era mezzo pieno di camionisti e le chiacchiere in sottofondo si interrompevano mentre tutti si giravano a guardarla.

"Giusto qui?" chiese, impallidita. "No, non possiamo invece andare nel tuo ufficio?" lei sussurrò.

"Fai un buon lavoro, tesoro, e ti lascio un consiglio per lo spettacolo." chiamò uno degli uomini e lei arrossì, scuotendo la testa.

"Allora vattene da qui, cazzo." Mal le disse rudemente, spingendola verso la porta. "Vuoi fare tardi? Puoi succhiarmi il cazzo o andartene."

Alla fine, il poliziotto scese e si avvicinò alla sua finestra aperta. "Sai perché ti ho fermato?" chiese.

"Sì, signore. Stavo accelerando." ha ammesso. "Sono in ritardo per il lavoro."

"Licenza e registrazione?" disse, guardando la macchina. Aveva 25 anni, arrugginito ovunque, e c'era una macchia nera di fuliggine dietro il tubo di scappamento a causa di tutto l'olio che bruciava. Tirò fuori un taccuino e scrisse qualcosa.

"Ecco qua, signore." Aveva entrambi i documenti pronti e glieli ha dati. Li guardò per un lungo momento.

"Questa registrazione è scaduta sette mesi fa." disse, poi andò avanti a guardare il suo piatto. Non ce n'era uno lì, e lui la guardò accigliato, annotando qualcos'altro sul suo taccuino. Tornò alla finestra.

"Temo che dovrà uscire dal veicolo, signora." Egli ha detto.

"Che cosa?" disse, sorpresa.

"Scendete dalla macchina, signora." le disse, aprendole la porta. "Questo veicolo non è sicuro e deve essere rimorchiato".

"Oh no!" gridò, costernata. Scese dall'auto al suo sguardo, torcendosi le mani. "Come faccio a mettermi al lavoro? Ohh, verrò licenziato!" si lamentò.

Il poliziotto l'ha ignorata, scrivendo i biglietti. Ha sempre inserito i nomi per ultimi, volendo assicurarsi di avere tutti gli altri dettagli corretti. Quando finalmente lesse il suo nome, si raddrizzò e la guardò di nuovo.

"Jennifer Connolly?" chiese. "La vedova di Jason Connolly?"

"Sì." rispose, guardandolo incuriosita. "Conoscevi Jason?"

"Signora, è un onore conoscerla." Egli ha detto. "Ero al funerale di tuo marito. Mi chiamo Greg Martin."

"Hai servito con lui?" lei chiese. "Ovviamente eri un marine. Lo posso dire."

"Sì, signora. Era l'ufficiale in comando della mia unità." Egli ha detto.

"Conoscevi Jason?" ripeté, incredula. "Non ho mai incontrato nessuno che lo conoscesse dal servizio."

"Non l'hai fatto?" Egli ha detto. "Allora non sai come è morto." Lei scosse la testa.

"Al servizio del suo paese". lei disse. "Questo è praticamente tutto ciò che diceva la lettera. Non era nemmeno scritta a mano."

"Oddio.' disse. Di solito i marines trattavano le loro vedove di guerra abbastanza bene, quelle che erano mariti almeno si erano onorati, ma a volte qualcuno poteva sfuggire alle crepe e perdersi. Jason era morto durante una missione di operazioni nere, una missione di omicidio e tutti i morti erano stati sconfessati.Il suo corpo era probabilmente ancora sotto le macerie dell'edificio, con gli altri.Non aveva nemmeno avuto nulla da seppellire tranne una bara vuota.

Qualcosa gli venne in mente. "Dove lavori?" le chiese bruscamente.

"A tavola." lei gli disse. Guardò l'orologio. "Ma ora non più. Mal ha licenziato Candy la scorsa settimana per essere in ritardo di quindici minuti, l'ha appena rispedita a casa dopo aver fatto un'offerta oscena. Sono in ritardo di più di mezz'ora ora. Meglio non tornare indietro e anche prendere il mio assegno. Mal è un vero bastardo, e preferirei aspettare la posta." "Inoltre non voglio essere violentata." pensò tra sé e sé e rabbrividì. "Non dopo che ho ritrovato Jason in Marcus."

"Ti portiamo al lavoro; non sei licenziato. Conosco Mal personalmente. Mettiti sul sedile anteriore della mia macchina." Egli ha detto. "A meno che non ci sia qualcosa nel tuo di cui hai bisogno? Niente che non dovrebbe essere rubato?"

"Pff, stai davvero scherzando." disse, salendo nella sua macchina. "Puoi davvero sistemare le cose con Mal? Non so cosa farò senza questo lavoro. Mal era l'unico che mi avrebbe assunto. Non riuscivo nemmeno a trovare un lavoro al Bowtie."

"No, questo è certo." lui ridacchiò, guardandola. "Anche se potresti guadagnare il doppio sul retro."

"Non lo farò, non importa quanto divento povero." disse con calma. "Marcus e Miranda hanno entrambi più di quindici anni. Sono abbastanza grandi per vivere senza la madre adesso."

"Gesù Cristo." Egli ha detto. "Non si arriverà a questo, lo prometto. Ecco perché non lascerò che accada, e nemmeno Delta 9. Siamo rimasti in 28 e lavoriamo tutti alla Metro". Egli ha detto.

"Jason era al comando di quindici di noi su un Dispatch. Questa è una missione dietro le linee nemiche per assassinare ufficiali nemici. Siamo entrati per quasi una settimana in un caldo brutale, trasportando centinaia di libbre di esplosivo per attrezzare un edificio per farlo crollare su un gruppo di obiettivi".

"Ci siamo infiltrati nell'edificio di notte e il capitano Connolly è rimasto al piano terra a fare la guardia mentre il resto della squadra ha piazzato le cariche. Erano quasi tutti a posto, due squadre erano rimaste a ripulire, quando è arrivato un gruppo di ribelli in, dozzine di loro. La sua posizione è stata scoperta quasi immediatamente, e il suo scontro a fuoco è ciò che ha permesso al resto di noi il tempo di calarsi giù dall'edificio e scappare. Non c'è stato nessun salvataggio, né recupero. Il suo corpo è probabilmente ancora sotto l'edificio".

"Cosa è successo?" lei chiese. "Eri sistemato?"

"No, pensiamo che le due squadre scomparse, quattro uomini, siano state scoperte e fatte fuori prima che potessero avvertire qualcuno". Egli ha detto. "Questo è il meglio che posso immaginare."

"Quindi cinque uomini sono morti quel giorno?" chiese, con calma.

"Sette di noi, signora. Due sono morti in uno scontro a fuoco mentre uscivamo dalla città. Otto di noi sono stati estratti."

"Possiamo parlare di qualcos'altro?" chiese, chiudendo gli occhi. "Grazie per avermelo detto."

"Nessun problema, signora, siamo qui." disse, trascinando l'auto nel parcheggio della fermata del camion.

"Grazie per il passaggio, agente, ma te l'ho già detto, non oso entrare lì adesso." disse nervosamente, guardando all'interno del ristorante. Poteva vedere Alice che lavorava al fronte e... non c'era nessun altro. Sapeva che Mal probabilmente stava fumando nel suo ufficio, fumando pazzo e bevendo quel bourbon dall'odore orribile.

"Signorina Connolly, te l'ho già detto, non sei licenziata." disse, scendendo e mettendosi il cappello. "Vieni, vengo con te e lo raddrizzerò. Lo prometto."

Il suo cuore batteva forte mentre scendeva dall'auto. Sapeva che qualunque cosa avesse fatto quell'ufficiale, non importa quanto avesse buone intenzioni, sarebbe dovuta rimanere dopo che lui se ne fosse andato, e quello era il momento in cui aveva davvero paura. Quando ha dovuto affrontare Mal da sola per la prima volta.

"Non lo sto succhiando." giurò cupamente a se stessa mentre apriva la porta ed usciva. "Non al ristorante, non nel suo ufficio, non da nessuna parte. Adesso ho Marcus." La passeggiata fino alla porta del ristorante era quasi più di quanto potesse sopportare, e si bloccò quando lui le posò una mano sulla schiena, cercando di farla entrare.

Comunque era troppo tardi, Mal l'aveva vista e si stava dirigendo verso la porta.

"Jennifer, davvero?" sogghignò. "Dopo aver visto cosa è successo a Candy la scorsa settimana, hai mostrato la tua faccia qui due volte più tardi di lei? Non ho mai pensato che fossi il tipo.

Guardò il poliziotto dietro di lei. "Salve, agente, è un po' in anticipo, ma non importa. Vuole il suo solito tavolo sul retro?"

"Sicuro." disse facilmente Greg. "Cosa sta succedendo qui?" Indicò Jennifer.

"Oggi ricevi un bonus, amico!" Mal ridacchiò maliziosamente. "La scorsa settimana, una di queste bimbe si è presentata con quindici minuti di ritardo, quindi le ho offerto la possibilità di succhiarmela proprio qui davanti a tutti. Ora la piccola Jennifer qui è in ritardo di 30 minuti, quindi è il doppio, giusto? se lei ci succhia entrambi?

"Sapete chi sono?" chiese con rabbia l'agente Martin. "Sai chi è? Chi cazzo credi di essere?"

"Ehi, amico, calmati!" disse Mal. "Vacci piano! Che ti succede?"

"Che mi succede? Gesù Cristo, non hai mai sentito parlare di molestie sessuali?"

Mal lo fissò, poi scoppiò a ridere. "In questo posto?" Guardò i clienti che mangiavano. "Ehi ragazzi, qualcuno può dire se questa puttana succhia me e il poliziotto per tenersi il lavoro?" gridò.

"Diavolo, no!" uno di loro ha risposto. "L'ho detto la scorsa settimana che le avrei dato un buon consiglio per un bello spettacolo, ma non so di questo. Non c'è niente da guardare." Il resto dei clienti rise.

"Non lo sto facendo." disse rigidamente, girandosi verso la porta.

"Non devi." disse Greg, prendendola per un braccio prima che potesse allontanarsi e tirandola indietro al suo fianco.

"Lo fa, o viene licenziata." disse Mal, sfidandolo a braccia incrociate. "Chi cazzo pensi di essere, venendo da me e dicendo cosa fare?"

"Sono il tenente Greg Martin della vice squadra della metropolitana." disse piano. "Non vorremmo che i miei amici del dipartimento venissero quaggiù e buttassero via questo posto, quindi fai un passo leggero, amico."

"Non sono tuo amico!" Mal gli sputò addosso. "E pago molto per assicurarmi che i tuoi scagnozzi stiano fuori di qui! Quindi esci di qui se non hai intenzione di scopare questa puttana con me. Caspita, il ringraziamento che ricevo per aver offerto un favore al ragazzo!" disse, guardandosi intorno per la stanza.

"Ho già detto che non lo sto facendo!" disse Jennifer più forte, liberando il braccio. È uscita e ha attraversato il parcheggio mentre Mal e Greg continuavano a litigare. Continuò a uscire dal parcheggio e tornò a casa a piedi per circa due miglia dei dodici prima che l'agente Martin si fermasse accanto a lei nel suo incrociatore.

"Hai camminato abbastanza lontano." disse, scendendo e appoggiandosi al paraurti mentre lei si avvicinava. "Dovresti permettermi di darti un passaggio a casa."

Non disse niente finché non si sedette accasciata sul sedile del passeggero e stavano tornando indietro. "Te l'avevo detto che non volevo tornare là dentro." lei disse.

"Lo so, e mi dispiace di non averti ascoltato." Egli ha detto. Era un po' sorpresa dalle scuse. "Non sarà più un problema per te, comunque. Domani, mi aspetto che riceverai una chiamata dal signor Phillips, o da uno dei suoi. Il ristorante ha bisogno di un nuovo manager e sospetto che il tuo nome sarà tirato fuori dal cappello".

"Non voglio la posizione di manager". disse in tono piatto. "Ho lavorato al cimitero l'ultimo venerdì del mese. So cosa succede in quel posto."

"Beh, come ho detto, molto probabilmente il tuo nome verrà tirato fuori dal cappello." Egli ha detto. "Conosci il business e, soprattutto, conosci anche il lato nascosto del business. Come puoi immaginare, un'organizzazione come questa può essere un po' riluttante a coinvolgere nuove persone. Ci sei già, sono paura, e quando arriverà la telefonata domani, ti consiglierei di accettare il lavoro. Ci sarà un vicedirettore chiamato per un po', sono sicuro, per aiutarti a capire il sistema".

"Non può succedere!" disse, cominciando a impazzire un po'. "Mio dio, sono solo una cameriera!"'

"Sei una cameriera in un ristorante che funge da copertura per una delle più grandi operazioni di contrabbando dell'intero paese. Le piattaforme che si fermano qui provengono dal Canada e dal Messico e da tutte le parti intermedie. Cercherai di negare di esserne a conoscenza quello? Non sei stupida, Jennifer."

"Non mi rendevo conto di quanto fosse grande, ma sapevo che stava succedendo qualcosa di divertente". lei disse. "Gesù, dovresti vedere alcuni di quei ragazzi. Non c'è modo che abbiano un CDL. Conosco un paio di loro che non sanno nemmeno leggere il menu."

"Vedi? Conosci anche i ragazzi dell'operazione." ha fatto notare. "Sei perfetto per il lavoro. E viene fornito con un notevole aumento di stipendio."

"Quei ragazzi mi spaventano." disse con calma. "E 'stato già abbastanza difficile tenere le loro mani lontane da me quando ero solo la loro cameriera. Se non potevo esigere il loro rispetto, allora, come dovrei essere in una posizione di autorità? Non c'è modo."

"Ti dimentichi per chi lavorerai." ridacchiò. "Nessuno scherza con la gente del signor Phillip. Ecco perché Mal ha potuto fare quello che ha fatto e farla franca per così tanto tempo." Svoltarono un angolo e lui rallentò un po'.

"Che casa è? Questa è la tua strada." Egli ha detto. "Ho preso il tuo indirizzo dalla tua patente, ricordi?" disse, in risposta alla sua domanda non detta.

"L'ultimo a sinistra." lei rispose debolmente. Si trattava di molte nuove informazioni da elaborare. Si sono fermati davanti a casa sua.

Quando scese, Marcus irruppe attraverso la porta, correndo lungo il marciapiede verso di lei. "Mamma! Stai bene? Dov'è la tua macchina? Stai bene?"

"Sto bene, Marco." lei gli sorrise. "Anche l'auto va bene, ma in qualche modo dovremo tirarla fuori dal sequestro, temo. Ho una multa per eccesso di velocità".

"Oh no." disse, con la faccia cadente. "Ecco fatto, allora. Niente calcio per me quest'anno. Troverò un lavoro".

"No, tesoro, non farlo!" lo implorò, stringendogli la maglietta. "Troveremo qualcosa. Le borse di studio per il calcio sono l'unico modo per andare al college.

"Come, mamma?" ha ribattuto. "Se sei qui, allora non sei al lavoro. E se non ci sei, significa che la testa di cazzo Mal ti ha licenziato." La guardò. "Dimmi che non sei licenziato."

"No, sono stato licenziato dal lavoro di cameriera." lei disse. "Anche se Mal mi ha fatto la stessa offerta che ti avevo detto che aveva offerto a Candy la scorsa settimana."

"Gli sto così prendendo a calci in culo." disse Marcus cupamente.

Greg si schiarì la voce. "Temo che non sarà possibile, figliolo."

"Scusi, agente?" disse Marcus, distogliendo lo sguardo da sua madre per la prima volta. "Non ti ho visto lì. Mi chiamo Marcus Connolly." Tese la mano per essere scosso.

"Piacere di conoscerti, Marcus. Mi chiamo Greg Martin. Conoscevo tuo padre all'estero. In effetti, ha dato la vita per salvare la mia. Gli somigli molto."

"Conoscevi mio padre?" ha detto Marco. "È un piacere conoscere anche te, allora. Non conosco nessuno che lo abbia conosciuto, a parte mia madre." Hanno lasciato andare la stretta di mano. "Hai tempo per entrare? Mi piacerebbe parlarti di lui. Se non ti dispiace, è così."

"Un'altra volta, Marcus. Ho alcune storie sul capitano Connolly che potrei condividere con te, inclusa la storia di come mi ha salvato la vita, ma oggi sono in servizio e tua madre non è l'unica sconsiderata velocista su la strada, lo sai."

"Sì signore, ho capito." disse, suonando un po' deluso. "Buona giornata."

Quando Greg è tornato in macchina, Marcus ha scortato sua madre in casa.

"Mamma, perché la polizia ti ha portato a casa?" chiese Miranda, avvicinandosi. "Stai bene?"

"Sto bene, ragazzi, onestamente." disse, stancamente, e si lasciò cadere sul divano.

"Miranda, perché non torni di sopra e pensi alla tua scelta." disse Marcus in modo deciso. "Mamma me l'ha già spiegato fuori, e sono sicura che non vuole riviverlo. Tra poco mi alzo."

Jennifer si alzò a sedere e guardò loro due. "Marcus, le hai appena parlato come..." Guardò sua figlia, poi suo figlio. Si schiarì la gola.

"Che scelta devi fare, Miranda? Non mentire neanche a me."

Miranda arrossì, affondando la punta del piede nel tappeto.

"Devo scegliere con quale cosa sculacciarmi, mamma." lei disse.

Marco si schiarì la voce. "Non è del tutto corretto, Miranda. Devi scegliere DUE cose con cui farti sculacciare."

Jennifer ha guardato i suoi due figli, ricordando la sua conversazione con Marcus la scorsa notte. "Fatti stare bene a vicenda" e "Per la propria protezione" erano frasi che mi venivano subito in mente.

"Fammi vedere le scelte." lei disse. "Dove sono loro?"

"Sul mio letto." ha detto Marco. "Sei sicura di volerlo fare, mamma?"

"Sono molto sicuro." disse, cupamente, dirigendosi verso le scale.

Entrarono tutti nella sua stanza e Jennifer guardò la collezione di oggetti da sculacciata disposta lì.

"Questa è la mia migliore spazzola per capelli!" esclamò, raccogliendolo. "Non lo stai usando. Se si rompe..." Raccolse la prolunga e la sollevò.

"Non stai usando nemmeno questo, a meno che tu non voglia frustarle il culo in modo insanguinato, Marcus. La cintura va bene, se non usi la fibbia su di lei. La cravatta non farà male, e nemmeno l'asciugamano a meno che è bagnato."

"Che cos'è questo?" chiese, indicando il rotolo di corda. "Avevi intenzione di legare anche lei?"

"Forse." Egli ha detto. "Volevo solo che tutte le mie opzioni fossero aperte."

"Beh, non ci sono due scelte accettabili per lei, Marcus. Voglio che veniate entrambi con me. C'è una stanza in questa casa in cui nessuno dei due è ancora stato, ma ora sei pronto per vederla. "

Ha condotto i suoi due figli adolescenti lungo il corridoio nella sua stanza e ha aperto la porta della soffitta con una chiave presa dal suo portagioielli. Guardò entrambi i bambini negli occhi, la faccia seria.

"Ci sono alcune regole rigide che Jason ha creato per questa stanza quando l'ha costruita." lei ha detto loro. "La prima regola è che tutti coloro che entrano devono essere completamente nudi. La seconda regola è la safeword. Mi piace la parola "rosso" per fermare tutto e la parola "misericordia" se vuoi solo che quell'attività si fermi. non sono in grado di parlare, scuotere la testa "no" e urlare a squarciagola riuscirà anche a capire".

"Qual è una parola d'ordine, mamma?" chiese Miranda. "Non ho mai sentito quel termine prima."

"Immagina che Marcus ti abbia legato e ti stia sculacciando." ha detto Jennifer. Miranda sorrise debolmente a sua madre. "Ora immagina che faccia più male di quanto tu possa sopportarlo, e hai bisogno che smetta. Dì pietà e lui si fermerà e ti chiederà se va tutto bene, e scopri di cosa hai bisogno."

Guardò dritto verso Marcus. "Ogni momento di schiavitù sessuale deve essere piacevole per entrambe le parti. Se continui senza permesso, quello è stupro". lei gli disse. "Non vuoi essere odiato, vero? Perché qualsiasi donna violentata da te ti odierà per sempre, nel suo cuore, qualunque cosa faccia o dica dopo."

Tornò a guardare Miranda. "Se dici la parola "rosso", tutto si ferma, sei rilasciato e puoi essere solo se vuoi. Usa quella parola solo se la situazione è estremamente scomoda, perché un buon Maestro non ti spingerà mai più in quel modo, e Penso che tu sappia esattamente quanto sia bello avere quei confini allungati".

"Oh ragazzo." Miranda respirò, annuendo.

"Marcus, con il tuo permesso, vorrei prima portare Miranda al piano di sopra. Scoprirò qual è stata la sua trasgressione e la preparerò per la giusta punizione. Questa stanza richiede un po' di addestramento per padroneggiarla pienamente."

"Va bene, Jennifer." lui ha acconsetito. Allungò una mano e le toccò il bavero dell'uniforme rosa da cameriera di rayon, poi lo squarciò per bene. I bottoni volavano dappertutto e lei rimase senza fiato.

"Cosa stai facendo?" chiese, scioccata. "Marco-"

Le afferrò la gonna e la tirò giù, poi afferrò entrambi i lati della cucitura nella parte posteriore e la strappò in due, strappandole entrambi i pezzi dal corpo.

"Non lo indosserai mai più." disse, una nota di soddisfazione nella voce. "Hai finito di lavorare per quel cazzo."

"Marcus, io..." disse, la sua voce si insinua.

"Fanculo, Jennifer. Ti rivendico come la mia troia e ti do la mia protezione. Non dovrai mai più posare gli occhi su quel pezzo di merda. È una promessa." Egli ha detto. Adesso togliti il ​​resto dei tuoi vestiti e vai di sopra".

"Sì Marco." disse docilmente, ma entrambi i suoi figli potevano sentire il tono compiaciuto nella sua voce.

Storie simili

Colto in flagrante_(9)

Mi chiamo Carla e sono una studentessa universitaria di 19 anni. Vivo con la mia migliore amica Sarah in un appartamento che i suoi genitori pagano per lei. Il padre di Sarah ha fondato un'azienda che ha funzionato davvero bene e ora ha i soldi da spendere per Sarah quando vuole. Più su di me, sono circa 5'4 con lunghi capelli castano scuro, con una corporatura snella. Ecco la storia di come ho imparato qualcosa in più su me stesso e su Sarah. Sarah era stupenda, era il tipo di ragazza che quando camminavi lungo il corridoio i ragazzi ti fissavano...

1.2K I più visti

Likes 0

New Jock Tales Capitolo 3 Sophomore Year-13

New Jock Tales --- Secondo anno—CH 3—13” e una Ducati Verso le 10:30 bussarono alla porta. Che cazzo Era Mark Mattox, e ha detto che aveva un nuovo contratto per me, se ero interessato. Ho detto di sì, ma questo accordo non aveva niente a che fare con il sesso. Ha detto che avrei portato la droga da Austin fino a Tyler, ogni fine settimana. Pagherebbe 150 dollari a viaggio e sarebbe un chilo di droga. Nessuno guarderebbe una jeep per trasportare erba, e dovrebbe essere un gioco da ragazzi. Rifletto per qualche minuto, poi dice che ci proverei. Mark ha...

1.3K I più visti

Likes 0

Brooke_(1)

Brooke Questa è la mia prima storia e, come tale, sii premuroso nelle tue critiche; solo critiche costruttive per favore. Se non ti piace questa storia, ce ne sono molte altre da leggere. I nomi sono stati cambiati per proteggere i miei fottuti compagni e, a loro volta, il mio culo. Durante la mia adolescenza, sono stato abbastanza sessualmente attivo. Essere un adolescente e anche frequentare un liceo cattolico per soli maschi ha solo favorito la mia libido. Per cominciare, io non sono un ragazzo piccolo. A quel tempo, avevo circa 6'3, 200 libbre e un atleta di prima qualità. Ho...

806 I più visti

Likes 0

L'uomo più piccolo

Stavo guardando le gambe di Jerry, mentre era in piedi sullo sgabello davanti a me. Aveva le cosce molto forti, e ho ammirato la sua forma mentre metteva la nuova lampadina nella plafoniera. Questa cosa è un dolore da raggiungere, ha detto Jerry. Poi, mentre lottava con il bulbo, i miei occhi seguivano le sue gambe muscolose fino al punto in cui si incontravano, e ho dovuto sopprimere uno sguardo fisso: c'era un nodulo che giaceva di lato, un piccolo nodulo, ma c'era un nodulo ben definito. Lascia che ti spieghi quello. Stavamo parlando del nostro recente gruppo di feste che...

720 I più visti

Likes 0

CAW#11 - Giornata degli inverni freddi

Era una fredda notte d'inverno, nel tardo autunno. La nebbia era calata; poco prima di mezzanotte e ricoprì gradualmente le strade. L'aria era piena di nebbia e la visibilità diventava difficile, mentre camminavo per le strade della città. Il mio protettore è costretto a lavorare per strada stasera. Speravo in una notte proficua; per tenere lui e i suoi scagnozzi, lontano da me e dalla mia famiglia. Mi chiamo Louise e sono una madre single di 21 anni e anche una prostituta. Ho una figlia di tre anni, Misty (Melissa). Era accudita da un caro amico. Stanotte il mio corpo snello...

727 I più visti

Likes 0

Perché le cose succedono sempre a me

Perché le cose mi succedono sempre Prima di iniziare mi rendo conto che non ci sono molti uomini che vanno in giro con un cazzo da 12 pollici. E quindi l'ho soprannominata una fantasia e una farsa. Basta già detto alla storia. Mi chiamo Samuel Longfellow, sono il proprietario di una delle più grandi società di sicurezza dello stato. È così che guadagno i miei soldi (sette cifre all'anno) La mia passione è la ricerca sulla fauna selvatica e ho una borsa di studio presso il college locale. Faccio le mie ricerche nella mia fattoria di 680 acri. Ora la mia...

719 I più visti

Likes 0

Visitare un amico speciale

Ho bussato al cancello di metallo. Era un bungalow piuttosto grande circondato da muri di mattoni con glassa di filo spinato. Il mio cuore batteva. Tutto quello che sentivo era la paura di essere rifiutato o qualcosa del genere. Fortunatamente, suo fratello maggiore, Suleman, ha aperto la porta. Era un ragazzo con un carattere freddo e una corporatura piuttosto muscolosa, quindi ha mantenuto la sua posizione. Mi guardò con giudizio per un momento, sorrise e mi diede una stretta di mano. Ei, cosa ci fai qui? Sono qui per far visita a tua sorella... mi smorzai, sapendo quanto fosse insolito per...

106 I più visti

Likes 0

Programma Alpha-Omega 7

Episodio 7: Debug del codice Zack stava sfrecciando per la strada sul suo nuovo scooter. Era stato in giro solo per divertirsi nell'ultima ora. Alla fine, decise di andare a casa di Brian, per mostrargli il suo nuovo giocattolo. Girò intorno all'angolo successivo e si diresse verso quella parte della città. Zack notò immediatamente che il camioncino di Brian era sparito, quindi Brian quasi certamente non era a casa. Oh bene, pensò. Lo mostrerò a Wendy, allora. Zack bussò alla porta e poi entrò, salutandolo. Sentì la signora Selman chiamare dalla cucina, e così andò in quella direzione. Quando entrò in...

893 I più visti

Likes 0

DIARIO DI UNA FAMIGLIA: PARTE 1

3 settembre Caro diario, mi chiamo Tilly Crawford e negli ultimi dieci anni sono stata la casalinga della Delta House Fraternity qui allo State U. Un altro anno di scuola è iniziato proprio ieri e i ragazzi si stanno preparando per la corsa all'impegno della confraternita settimana organizzando feste e, naturalmente, l'open house per consentire alle nuove matricole di farsi un'idea se desiderano unirsi a Omega House. È stata una lunga estate per me diario, mi manca molto stare con i ragazzi e ovviamente alla mia figa mancava l'attenzione che riceve dai loro grossi cazzi duri!!! Eric è appena passato per...

982 I più visti

Likes 0

Trio alla festa di Natale

Avevo solo 20 anni e avevo sempre amato Bev (32) da quando avevo iniziato a lavorare un paio di anni prima. Aveva lunghi capelli castani con la permanente, una figura sinuosa con fianchi larghi e meravigliosi, seni grandi e gambe lunghe. Bev indossava spesso top scollati che servivano ad accentuare i suoi grandi seni sodi. Mi ritrovo a sognare ad occhi aperti e a guardare la sua bella figura. In più di un'occasione sono stato catturato da Bev che mi sorrideva semplicemente timidamente con uno sguardo d'intesa prima che tornassi timidamente al mio lavoro, per tutto il tempo la mia mente...

880 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.