Claire sta diventando

843Report
Claire sta diventando

È stata addestrata per essere una schiava. Si chiamava Claire, il suo nuovo padrone la chiama semplicemente puttana o fica e altre cose sporche.

***

"Chiara!" il suo ragazzo ha chiamato di sopra. "Andiamo ancora a quella festa stasera?"

"Sì!" ha urlato di rimando, "Vai in macchina, ho solo bisogno di prendere la mia borsa e pisciare."

Sentì la porta chiudersi, andò in bagno e si sedette sul water, massaggiandosi le cosce quando si era tirata giù la minigonna. L'unica intenzione di Claire era quella di bagnarsi, il suo ragazzo era enorme quando gli veniva duro e senza il suo "lubrificante naturale" non l'avrebbe scopata.

Ha messo il pollice sul suo clitoride e due dita nel suo buco stretto. Ha lavorato da sola per due o tre minuti, si lamentava persino. Forse è per questo che non aveva sentito la porta riaprirsi al piano di sotto, o perché era ignara dei passi che venivano verso il bagno.

Si sentiva pronta a venire, quindi, a malincuore, si è tirata su la gonna - non indossava mutandine. Si guardò allo specchio.

Claire era un po' vanitosa, adorava i suoi succosi seni 48D e il suo bel culo grosso. Era magra e le piaceva guardarsi allo specchio di sbieco, le tette e il culo sembravano due dossi su una strada pianeggiante. Si passò le mani sul culo stretto e gemette di nuovo piano. Amava essere sculacciata, adorava il bondage e il gioco di ruolo da schiava. Era così che aveva conosciuto il suo ragazzo, Mark.

La sua figa pulsava mentre pensava a cosa avrebbero fatto quella sera. Mark aveva appena portato un frustino e quella sera lei era un cavallo. Si passò le mani sul corpo ancora una volta prima di aprire la porta. Un paio di mani le afferrarono le braccia. Lei ha urlato.

"Non ce n'è bisogno", le disse dolcemente all'orecchio la voce profonda di un uomo con un accento del sud. “nessuno ti sentirà adesso. Il povero Mark ha cercato di impedirmi di entrare, il ragazzo non sapeva cosa lo avesse colpito.

«Cosa gli hai fatto?» gridò, le lacrime le rigavano il viso. Lottò per spezzare la presa dell'uomo, ma lui era forte, ora le teneva entrambi i polsi tra le mani e con l'altra le stava palpando il petto.

"Non c'è bisogno di preoccuparsi per quella piccola cosa."

"Chi sei?!" la sua voce si spezzò, chinò la testa, sapendo che era inutile combattere.

"Sono il tuo padrone ora", disse, la mano che scendeva lungo il suo corpo, infilandosi sotto le mutandine.

"NO!" lei pianse.

"Non provare a combattermi ora", disse, la sua voce era imponente. "Sei mio."
***

L'ha picchiata e violentata quella notte. Ha ucciso Marco. L'ha rapita. Si è svegliata la mattina dopo dolorante per i lividi. Era più grosso di Mark, e lei era sollevata dal fatto che fosse bagnata, altrimenti avrebbe potuto strapparla.

Sta contando i giorni. È il suo animale domestico da quasi due mesi ormai. La usava quando voleva, aveva anche altri animali domestici: Stella e Susana.

Claire aveva imparato ad apprezzare quello che faceva a loro tre. L'ha addestrata bene e lei ha imparato in fretta. Ricordava la sua prima notte in casa.

***

Le aveva messo un collare. Era rosa confetto, c'era un anello di metallo a cui agganciare il guinzaglio. Era seduta obbediente ai suoi piedi, senza muoversi proprio come le aveva ordinato. Non aveva vestiti addosso, si sentiva esposta. Aveva appena chiamato Susana e Stella per conoscere la nuova compagna di giochi.

Erano gemelli, entrambi avevano corpi fantastici, nessuno dei due era nemmeno coperto. Quello che mancava loro nel culo era costituito dalle tette. Claire stimò che fossero nei DD per quanto riguarda la taglia del reggiseno, i loro corpi erano abbronzati e lucidi per l'olio, o forse per il sudore.

"Ciao maestro", dissero insieme. "Abbiamo fatto come hai chiesto."

«Bene, bene», disse. Si alzò in piedi ed era almeno nove pollici più alto delle ragazze, che erano tutte vicine a 5'4. "Descrivimelo."

"All'inizio ci siamo masturbati, signore", dissero, continuando a parlare tra loro con voci monotone che ricordarono a Claire la schiava che era diventata. «Ma non siamo venuti, proprio come mi avevi chiesto. Dopodiché, abbiamo fatto il 69 fino a venirci l'un l'altro in faccia. Ci siamo strofinati i succhi l'un l'altro sui nostri corpi, poi ci siamo piaciuti l'un l'altro e ci siamo baciati.

"Fammi vedere come hai baciato", ordinò.

Non hanno esitato per niente, la ragazza con il colletto rosso, Stella, ha massaggiato il seno della sua gemella. Susana ha inserito un dito nel culo stretto di sua sorella, di cui ha preso atto. Hanno serrato le labbra, ovviamente scambiando la saliva dai rumori bagnati. Stella pizzicò i capezzoli di Susana e lei gemette. Susana stava martellando il culo di sua sorella con due dita e Stella gemeva insieme a sua sorella.

Posò una mano su entrambi i loro culi, strofinandoli, mise tre dita in ciascuna delle loro fighe e gemette, dimenandosi. "Continua a baciarti", ordinò, si contorcevano di più.

Claire si chiedeva se fosse il momento giusto per provare a svignarsela, ma non sapeva come raggiungere la porta d'ingresso di quella casa enorme.

"Puoi venire ora", disse, entrambe le ragazze sospirarono e rabbrividirono mentre arrivavano all'unisono sulle mani del Maestro. Lottarono per rimanere in piedi mentre un'ondata dopo l'altra l'orgasmo li sopraffaceva, ma si sorressero a vicenda.

Tolse le dita da loro e subito iniziarono a baciargli il collo.

"Grazie, Maestro", dissero insieme tra un bacio e l'altro.

Lui annuì, ed entrambi si fermarono, in piedi al suo fianco rigidi come soldati.

"Vieni qui, sporca stronza", disse, gli occhi su Claire.

Lei si fece avanti.

"Puliscimi le mani", disse.

Claire era inorridita. Esitò e Susana sembrò spaventata.

"Mi hai sentito?!" disse ad alta voce. "Ti ho detto di pulirmi le mani!"

Claire iniziò a leccargli le dita, i gemelli sembravano nervosi ai suoi fianchi. Quando l'unica cosa rimasta nelle mani del Maestro era la sua saliva, Claire si fermò.

"Sporca puttana!" urlò il Maestro, schiaffeggiandola sul viso. I suoi occhi lacrimarono. “Ti ho detto di fermarti?! L'ho fatto?!

«No», disse con un filo di voce.

Alzò la mano, pronto a colpirla di nuovo. "NO. Che cosa?"

«No, signore», disse, abbassando gli occhi.

Abbassò la mano. "Non lo pensavo."

Schioccò le dita contro Susana e poi indicò Claire. «Puliscila», ordinò. «Portala in camera. La sua figa splende. Le piace questo. Ma non lasciarla venire, tienila al limite. Questa è la sua punizione.

"Sì, Maestro", disse Susana.

“Quando hai finito, raccontale della sua nuova vita. Per ora starai con me», disse a Stella. Si rivolse a Susana. "Non tornare qui finché non ti chiamo."

Lei annuì, prendendo la mano di Claire e lasciando soli sua sorella e il Maestro.

Susana condusse Claire attraverso un labirinto di corridoi, fermandosi finalmente davanti a una porta chiusa.

"Dove siamo?" chiese Claire. Susana la ignorò. "Ciao? Mi senti?" Susana non ha risposto, invece, ha trascinato Claire all'interno della stanza dopo aver aperto la porta.

La stanza era elegantemente arredata, un letto matrimoniale con soffici cuscini e una trapunta rosa contro il muro. La moquette era bianca e morbida.

«Sdraiati», disse Susana a Claire.

"Perché siamo qui?" chiese Claire. "Chi è lui? Cosa sta succedendo?"

«Ho detto sdraiati» ripeté.

"No, io-"

Susana l'ha afferrata per i polsi e l'ha trascinata sul letto, l'ha inchiodata al letto. «Ho detto sdraiati.»

Claire era sotto shock, non si era resa conto di quanto fosse forte questa ragazza.

"Apri le gambe".

Per paura della violenza, Claire obbedì silenziosamente.

Susana si abbassò sul letto, abbassò il viso in modo che fosse tra le gambe di Claire.

Claire non se ne era resa conto fino a quel momento, ma era davvero molto bagnata. Il suo clitoride pulsava e la sua figa desiderava attenzioni.

Susana è andata a lavorare. La sua lingua guizzava dentro e fuori da Claire, il pollice le sfregava febbrilmente la clitoride. Claire gemeva e si contorceva, avvolgendo le gambe intorno alle spalle di Susana e intrecciandole le dita tra i capelli. Susana ha smesso di muovere la lingua dentro e fuori. Fece scorrere la bocca sulla figa fradicia di Claire. Baciò il buco di Susana meglio di come aveva baciato sua sorella. Il suo pollice non mollava mai sul clitoride di Claire. Claire non poteva più dire dove finiva il suo corpo e dove iniziava la lingua di Susana. La lingua ben esperta di Susana scorreva su ogni parte delle viscere di Claire che riusciva a raggiungere. Claire era così vicina, proprio sull'orlo...

Poi Susana si fermò. La sua bocca si staccò dal buco di Claire e il suo pollice smise di lavorare sul nocciolo. Claire poteva sentire tutta la tensione sessuale accumulata dentro di lei, le sue gambe si contorcevano e iniziò a muovere le mani per toccarsi. Le forti braccia di Susana immobilizzarono i polsi di Claire.

«Non devi disobbedire al Maestro», disse Susana. Claire allungò il collo verso di lei per avvicinare le sue labbra a quelle di Susana, ma fallì. La lasciò ricadere sui cuscini, la figa le faceva male per la tensione.

«Per favore», supplicò Claire. “Non deve sapere. Per favore, finiscimi.

Susana fece un sorriso diabolico. "Va bene, ma prima devi fare qualcosa per me."

Claire annuì febbrilmente.

Susana si sedette e allargò le gambe, erano per aria. La sua figa luccicante era completamente esposta per Claire, che era un po' inorridita. Non aveva mai toccato un'altra donna, figuriamoci mangiarne una fuori. Ma non era lei quella che moriva dalla voglia di baciare Susana per scendere?

Claire lo mise da parte. Appoggiò il viso verso il buco di Susana, inspirò profondamente, era un profumo bellissimo. Fece scorrere la lingua lungo la fessura di Susana, un po' delusa dal gusto, ma ancora apprezzandola. Leccava avidamente i succhi di Susana, ignorando il sapore ma assicurandosi di riempirsi i polmoni con l'odore ogni volta che ne aveva l'occasione.

"Puoi fare di meglio", disse Susana, aveva un'espressione quasi annoiata sul viso. Fu allora che Claire si rese conto di quanto lentamente stesse lavorando alla fica di Susana.

"Voglio dire, se non vuoi che ti aiuti, allora vai avanti con quel ritmo."

Le parole di Susana hanno ricordato a Claire il dolore più doloroso nella sua figa liscia, ha risposto quasi attaccando il buco dell'amore di Susana. La sua lingua lavorò furiosamente sulle pieghe e schioccò vigorosamente dentro e fuori dal suo buco. Una mano si avvicinò al seno destro di Susana, stuzzicando il capezzolo. L'altro ha iniziato a divertirsi con il clitoride gonfio di Susana.

«Ah», gemette Susana. “Oh, sì, sì, sì! Ecco, oh Dio, cazzo sì! Oh, più forte, più veloce, oh!

Susana aveva cominciato a dimenarsi, il suo bacino si muoveva con un movimento stridente sulla bocca di Claire.

Claire si fermò, desiderando un po' di leva per ottenere qualcosa che aveva sempre desiderato. Susana stava ansimando forte e gemette forte quando Claire si fermò. "No", gemette, la sua voce era seducente e bella. “Non fermarti. Non fermarti mai. Amami per sempre, sei così buono.

«Oh, lo farò», disse Claire. "Ma voglio che tu faccia qualcosa per me."

"Qualsiasi cosa", gemette Susana, le sue mani iniziarono verso la sua figa, ma Claire le trattenne e Susana non fece resistenza. "Per favore, qualsiasi cosa, solo non fermarti."

«Parlami sporco, Susana», disse. “Dì le cose più brutte che ti vengono in mente. Chiamami brutti nomi sporchi.

Susana acconsentì senza esitazione. Stava morendo dalla voglia di essere finita, la sua figa pulsava più forte di quella di Claire al momento.

Claire è tornata subito al lavoro, ma non così duramente come prima, volendo che tutto questo durasse.

"Oh, sì, fottuta sporca puttana!" Susana gemette, abbastanza forte. “Mangiami la figa come se non fottessi mai più nessuno. Non fermarti mai, fottuta puttana. Sai che ami i miei fottuti gusti. Oh, cazzo! Questo è tutto! Cazzo proprio lì, sporca fica bagnata e sciatta del cazzo. YEEEEES!"

Claire è stata gentile, ha messo due dita, che era tutto ciò che poteva entrare, nella figa di Susana e ha iniziato a lavorarci sopra furiosamente mentre la sua lingua e i suoi denti mangiavano il clitoride di Susana. Era gonfio fino al punto di dolere. Claire si chiese brevemente perché Susana non stesse venendo, sapeva che si stava divertendo un bel po' perché le sue parole erano diventate gemiti senza senso.

"Vieni sporca puttana!" disse Claire, modellando la lingua per adattarla al clitoride eretto di Susana.

"Oh FUUUUUUCK sì!" Susana urlò e gemette, mettendo entrambe le mani sulla testa di Claire e spingendo la sua figa con forza sul viso di Claire mentre un'onda dopo l'altra beata ondata di orgasmo la travolgeva. Il ficcanaso di Claire era premuto contro la protuberanza di Susana, la sua lingua era sepolta il più profondamente possibile nella sua figa mentre i suoi succhi scorrevano liberi. E Claire non ha smesso quando è iniziato l'orgasmo, ha continuato a muovere la lingua e ad arricciare il naso in modo che continuasse a stuzzicare la figa di Susana. Claire spostò entrambe le mani sulle tette sensibili di Susana, inesorabile nel suo lavoro sui capezzoli di Susana.

Susana era ovviamente multi orgasmica. Erano passati almeno trenta secondi da quando aveva iniziato a venire, e Claire cominciò a sospettare che fosse stata addestrata a venire fino a quando non si fosse asciugata o il contatto sulle sue parti intime fosse cessato. Claire, quasi controvoglia, staccò la bocca dal buco ancora fluente di Susana.

Si appoggiò allo schienale e ammirò quello che aveva fatto, la schiena di Susana era arcuata e trovò le dita di Susana che si lavoravano il buco del culo nel vano tentativo di far continuare il suo orgasmo. Finalmente cominciò a calmarsi, ma la sua schiena rimase arcuata perché il dito le rimase nel sedere. Claire ha tirato fuori quel dito, sdraiandosi sulla schiena e abbassando i fianchi della sua nuova amica verso il suo viso, che aveva posizionato con cura in modo che quando Susana l'ha obbligata, la sua bocca fosse sul suo fondoschiena.

Fu allora che la porta si aprì. Nessuna delle due se ne accorse finché non batté contro il muro adiacente.

"Pensavi di poterla far franca?!" gridò il Maestro.
***

Il resto di quella notte era stato duro. Il Maestro ha punito entrambe le ragazze. Li aveva legati e aveva forzato bottiglie di vino vuote nelle loro fighe finché il collo delle bottiglie non era profondo dentro di loro e anche metà della base della bottiglia. Li ha fatti sedere fino a quando non hanno riempito le bottiglie di piscio e sperma e quant'altro ci voleva. All'inizio, nessuna delle due ragazze ha pensato che fosse una punizione perché lui giocava con i loro clitoridi e capezzoli per farli venire e pisciare. Ma quando entrambe le bottiglie furono riempite, porse la bottiglia di Claire Susana e viceversa e ordinò semplicemente "Bevi".

Quando ebbero finito, Stella tornò fuori e tutte e tre le ragazze ricevettero ulteriori istruzioni.

Storie simili

Il weekend di una figlia Pt. 2

Erano passate un altro paio d'ore e Savannah aveva finito per addormentarsi. Ho accostato il vialetto di ghiaia e mi sono fermato davanti alla nostra capanna di famiglia. “Savannah,” le scossi la spalla, “siamo qui”. Gli occhi di Savannah si aprirono intontiti e sbatté le palpebre diverse volte mentre si riprendeva e si orientava. Mentre Savannah si stava svegliando dal suo pisolino, sono scesa dalla macchina e sono andata al portellone del camion per prendere i nostri bagagli. Non riuscivo a smettere di pensare a prima, a come mia figlia avesse preso il controllo e mi avesse effettivamente succhiato. Era sbagliato...

1.6K I più visti

Likes 1

Diventare Zoe

La mia futura moglie Annie aveva accettato un lavoro fuori città e la vedevo solo ogni due settimane circa. Mi mancava così tanto. Lei ed io eravamo diventati amanti a distanza. Aveva un volo di ritorno a casa venerdì sera. Stavo andando a prendere suo figlio Zakk dal suo dormitorio e noi due saremmo andati a prenderla all'aeroporto e ci saremmo goduti il ​​fine settimana insieme. Zakk è al suo primo anno di college e sta studiando per diventare un truccatore per il teatro e lo schermo. Lui e io non ci siamo davvero conosciuti e questo doveva essere il fine...

1.1K I più visti

Likes 0

La banda pt1_(0)

La Banda. pt 1 Questa è la mia prima storia in assoluto, quindi per favore sii gentile nei tuoi commenti. Sono ben accette critiche costruttive. Sono Sarah, ho 26 anni e lavoro in una banca come consulente per piccole imprese. Ho lunghi capelli castani, sono 5'7 taglia 10 con seni piccoli ma impertinenti 32B. Vado in palestra almeno 3 volte a settimana quindi sono in buona forma e sono single da un paio d'anni, anche se mi sono divertito. Comunque ti racconto la mia esperienza con una gang di East Leeds. Era un venerdì e la mia migliore amica Vicky era...

923 I più visti

Likes 0

All'improvviso, tabù

All'improvviso, tabù Se sei un ragazzo abbastanza bello con una personalità gradevole, bravo a chiacchierare con le donne e a muoverti molto, trovandoti nei posti giusti al momento giusto avrai i tuoi momenti di sesso quando meno te lo aspetti; questo è previsto. Ma quando all'improvviso, all'improvviso, senza alcuna indicazione, senza alcuna preparazione, senza alcuna preparazione da parte tua, ti viene servita una figa di prima qualità, e quella figa appartiene alla tua bellissima madre; allora sei un figlio di puttana fortunato. Sono un figlio di puttana fortunato! Una parente di mia madre ci ha inviato un invito al suo matrimonio...

768 I più visti

Likes 0

Allenamento 07

Mi è davvero piaciuto essere usato da Jim. La mia figa del culo sembrava vuota senza il suo grosso cazzo nero dentro. Il sesso con mia moglie era ancora soddisfacente, su questo non c'erano dubbi, ma stare con Jim era diverso. Ammetto di aver avuto una distrazione abbastanza significativa nella mia vita pensando a lui. Ero assolutamente brava al 100% a farmi usare da lui per il suo piacere, essendo la sua cagna o fica, se vuoi. Il piacere che ho provato nell'essere usato come un giocattolo da scopare da Jim era difficile da descrivere, anche a me stesso. Il mio...

345 I più visti

Likes 0

Risvegli 5_(1)

Risvegli 5 -------------------------------------------------- ------------- Tahir e il Capitano stavano analizzando i rapporti che stavano arrivando. Apparentemente, le precedenti azioni di Tahir avevano interrotto per un po' i piani del gruppo del dottore. Ci stavano lavorando da un paio d'ore, quando Tahir notò il rapporto di un cadavere. Gli ci volle un momento per leggerlo, voltandosi verso il Capitano, attirò la sua attenzione. Questo rapporto descrive in dettaglio un corpo che è stato trovato, ciò che sembra strano è che il corpo non aveva alcun cervello. Era quasi come se la cavità cranica fosse stata pulita con l'aspirapolvere. disse Tahir, porgendo il...

1.3K I più visti

Likes 0

Sesso sul treno

Tom è stato a Edimburgo per un incontro di lavoro. Era stata prevista una bella giornata estiva, quindi è vestito con pantaloni chino beige, scarpe brogue marroni, una camicia aperta bianca e un blazer blu. Con la sua pelle abbronzata, sembra piuttosto elegante in città. Il suo incontro è scaduto e così ora è sull'ultimo treno per tornare a Leeds, nello Yorkshire, che sta per lasciare la stazione alle 21:30. Non ci sono molti passeggeri che salgono sul treno quindi sceglie un gruppo di 4 posti con tavolino, si siede nel posto di corridoio con le spalle al senso di marcia...

940 I più visti

Likes 0

DONNE ANZIANE_(1)

Storia di Fbailey numero 219 Donne anziane Quando ho compiuto sedici anni mia madre era impegnata con me. Papà non c'era mai e quando c'era, non c'era ancora. Era il tuo venditore ambulante preverbale. Era un donnaiolo, un ubriacone e una misera scusa per un essere umano. Ha fornito un tetto sopra le nostre teste, ma questo è tutto. La mamma lavorava per pagare il cibo che mangiavamo e i vestiti che avevamo addosso. Ho avviato la mia attività di giardinaggio quella primavera. Ho distribuito volantini in un bel quartiere appena fuori città e ho trovato subito un paio di lavori...

1K I più visti

Likes 1

Barndanza

Un bel giorno... momenti nella nostra stalla: “The Barndance di Phyllis e Roger C'era qualcosa della mia giovinezza che ricorderò per sempre. Avevamo una stalla che prima dell'inverno caricavamo di erba medica per gli animali. Il giorno in cui arrivava il carico era sempre divertente con tutti quei ragazzi mascolini dall'aspetto forte che scaricavano le balle di erba medica e le accatastavano all'interno del nostro fienile. Ammirerei i loro corpi muscolosi che si sollevano e sudano nello scaricare e poi ammucchiare le balle. E mi guardarono piccola e graziosa nella mia veste da casa tutta innocente, la brezza che soffiava sul...

908 I più visti

Likes 0

LA FAMIGLIA DI KRISTI 4_(1)

CAPITOLO QUARTO Quando arrivarono nella sua camera da letto, Roger entrò per primo. Notò per la prima volta che Bob era seduto nella sua poltrona reclinabile, apparentemente a riposo. Guardando il letto, vide che Erin era inginocchiata sul letto e si aggrappava alle sbarre della testiera. Guardando più da vicino, si rese conto che non aveva scelta. I suoi polsi erano legati alla testiera, costringendola a inginocchiarsi, le sue tette penzolanti dal suo petto che gravitavano sul lenzuolo sotto di lei. Tieni quelle gambe aperte puttana! Mi piace guardare il tuo bel culetto. Saremo pronti per il secondo round tra un...

941 I più visti

Likes 1

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.