Natale in riva al mare - parte 5

938Report
Natale in riva al mare - parte 5

Per favore leggi le prime quattro parti per capire la storia, è un po' complicata. Divertiti, e questa potrebbe essere l'ultima parte, quindi fammi sapere se deve continuare.

-------------------------------------------------- -------------------

Sono entrato in cucina per incontrare chiunque avrebbe dovuto scendere al piano di sotto, ed era Kelly. Stava guardando nel frigorifero, prendendo del latte. Prende molto latte di notte. Probabilmente avrebbe dovuto pensarci stasera.

"Su." Ho detto.
"Prendo del latte." Lei grugnì.
"Va bene."

Sono uscito dalla cucina e ho alzato il pollice, una specie di falso allarme. Mi sdraiai accanto a Lisa, ma ero troppo stanco per fare qualsiasi cosa. Sono svenuto velocemente con il mio braccio attorno a lei.

Dopo che abbiamo pranzato il giorno dopo, i genitori sono usciti a pranzo sul lungomare e ho dato a Kelly e Natalie un passaggio per i negozi. Avevamo di nuovo la casa tutta per noi, cosa che probabilmente i genitori pensavano sarebbe stata pericolosa, ma immagino che a loro non importasse. Sono entrato in cucina dopo aver parcheggiato, per trovare tutte le borse degli amici di Lisa impacchettate. Immagino che se ne sarebbero andati presto. Entrai nel soggiorno, che era pulito dalla scorsa notte. Sono andato di sopra al soppalco, dove erano tutti seduti a guardare la tv o qualcosa del genere. Mi sono seduto sul mio letto accanto a Matt, che era al mio computer senza fare nulla. Lisa era sdraiata a fare un pisolino e le tre ragazze erano sedute su un divano che ho menzionato, raggomitolate a guardare un film per ragazze in tv. Matt si è alzato per prendere dell'acqua, quindi ho spostato il computer sul pavimento, mi sono inginocchiato sul letto e ho dato una gomitata a Lisa.

“Ciao Lisa. Lisa.» dissi, mettendole una mano sulla spalla.
“Cosa... sì, sì. EHI." Lei rispose.
"Mattina." Ho detto.
"Sta nevicando." Lei disse.

Era. Si è fatto piuttosto buio per mezzogiorno e sono cadute le raffiche. È stato bello vedere sulla riva. Mi sdraio accanto a lei, la testa tra le mani. Mi baciò e io mi coprii con le coperte per rannicchiarmi. Ci baciammo per qualche minuto, ma quando mi tolsi la maglietta e la gettai, mi voltai immediatamente a guardare le tre streghe. Sembravano imperturbabili, concentrati su quello che stavano facendo. Tornai a guardare Lisa, che sorrise. Abbiamo continuato e le ho tolto la maglietta e i pantaloni della tuta. Si sdraiò dritta e io rotolai sopra di lei, le ginocchia su entrambi i fianchi. Le tolsi le mutandine ei boxer e mi tirai le coperte sulle spalle per coprirmi. Ho abbassato la testa sul suo inguine e le ho leccato la clitoride. Lo leccavo sempre più forte, infilandolo di tanto in tanto. Le sue mani mi passavano tra i capelli e tiravano quando andavo più veloce.

«Merda, Joe. Shiiit-“ sussurrò. Sfiorai le mie labbra contro la sua clitoride e leccai. Più forte tirava, potevo sentire più succo che ne usciva. Ha iniziato il suo climax e mi ha tirato su i capelli. Quando finalmente finì, la mia lingua era entrata fino in fondo. Alzai lo sguardo e le baciai la pancia, le gambe e la figa. Tutta quell'azione mi ha reso duro, quindi mi sono avvicinato a lei, mi sono messo in fila ed sono entrato. Gettò indietro la testa, la bocca spalancata, e sospirò. Mi spingo in avanti lentamente, misurandomi. Ho messo la testa sulle sue tette coperte e lei mi ha messo le mani intorno. Mi ha piantato le unghie nella schiena, quindi sono andato più veloce. Era pazzamente stretta, si sentiva meglio di ogni volta che avevo fatto sesso prima. La sua calda fica era incredibile da provare. Ho guardato in basso per vedermi entrare, il che è stato fantastico da guardare. Era come se fossi in un sogno, guardando il mio sogno accadere. Ho sempre voluto dormire con una ragazza così, come il sesso classico. Ho ricominciato a baciarla e lei mi ha messo le mani intorno alle spalle. Ho scopato più forte, ma ho cercato di tenerlo nascosto per non essere scortese.

"Ti amo-aagghh-" le sussurrai all'orecchio.
"Stesso." Ha detto indietro.

Sollevò i fianchi mentre pompavo più forte che potevo. Stavamo per venire insieme.

"Sto arrivando!" Ho detto.
"Anche io... OHH!"

Ci siamo riuniti, come doveva essere. Ho iniziato a baciarle il collo e il petto, mentre lei giocava con i miei capelli. Si alzò dal letto un paio di minuti dopo, tirandosi su le mutandine prima, ovviamente. Ci siamo vestiti insieme e lei è uscita per andare in bagno. Si chiuse la porta alle spalle. Controllai velocemente il telefono, ma prima che potessi lasciare la stanza, le tre streghe si fermarono davanti alla porta, bloccandomi. Mi chiedo cosa volessero. Sospirai, mi sedetti sul divano e incrociai le braccia. "NO." Ho detto.

"Hai una scelta?" disse Cassie.
“Hai intenzione di tradire Lisa in questo modo? Fanculo Matt, per l'amor di Dio.»
“È un coglione. Sali sul letto.
"NO."

Cassie si avvicina e mi dà un pugno in faccia. Pugno legittimo, anche. L'ho coperto con la mano, mi sono avvicinato al letto e mi sono seduto.

"Stendersi."

Mi sdraio e iniziano a legarmi alle colonne del letto. Mi sono seduto e tutti si sono tolti i pantaloni. Ho guardato mentre il leader del ring si toglieva il mio, si toglieva i boxer e si metteva davanti a me. Mi ha afferrato il cazzo e mi ha fatto un pompino con la forza. Voleva farmi duro, veloce. Mi guardò dritto negli occhi, facendo del suo meglio. Distolsi lo sguardo verso il muro, concentrando la mia mente sul non diventare duro. Ho sentito la doccia scorrere, rovinando le mie speranze che Lisa intervenisse. Non potevo più farne a meno ed ero rigido come potrebbe essere.

"Ti piacerà questo." Jane ha detto.

Cassie si alza, si abbassa le mutandine, torna indietro e si siede sulle mie ginocchia. Cerca di baciarmi, ma io ho fatto del mio meglio per non ricambiare il bacio.

"Potresti anche provare a divertirti."
“No, Lisa è la mia ragazza. La amo troppo.
"Qualunque cosa."

Mi ha afferrato con la mano sinistra, si è seduta e si è abbassata su di me. Le altre due ragazze sedevano ai miei lati, baciandomi dappertutto e giocando con Cassie. Cassie iniziò a rimbalzare e si tolse la maglietta, senza reggiseno. Le sue tette hanno cominciato a rimbalzare e ho iniziato a guardare. Ho strattonato le mie mani nei loro nodi, inutilmente. Sbattei la testa contro la testiera del letto e chiusi gli occhi. Cassie si china in avanti e mi bacia, e io non sono riuscita a trattenermi. Ho pomiciato con lei con riluttanza, mentre lei faceva rotolare il bacino in un cerchio, il che era fantastico, devo ammetterlo. Si è messa le mani tra i capelli in un modo molto sexy, giocando con i suoi lunghi capelli biondi. Ho guardato il mio cazzo intrappolato farsi giocherellare, finché Cassie non è diventata dura. Cassie si è alzata e Jane mi ha slegata. Cassie si avvicinò, chiuse a chiave la porta e Jane si chinò sul letto. Mi sono messo dietro di lei, ho fatto scivolare il mio cazzo dentro e sono rimasto lì immobile. Jane ha fatto tutto il lavoro e io l'ho osservata. Era incredibilmente sexy, i suoi capelli castani le stavano benissimo sulla schiena. Cassie e Dina stavano dietro di me, passando le mani su di me e su Jane. Le tenni i fianchi, senza fare nient'altro. Jane inarcò la schiena, inclinando il suo corpo contro il mio, le mani dietro la mia testa. La mia faccia era sepolta tra i suoi capelli e ho iniziato a ricambiare il cazzo. Ha sbattuto indietro più forte che poteva, finché non sono venuto sulla sua schiena.

"Ehi, quello era mio!" Jane ha detto.
"Diavolo, no, non lo era." Ho risposto. Mi avvicinai al divano, massaggiandomi di nuovo. Dina si avvicinò, mi spinse indietro contro il divano e si sedette sulle mie ginocchia, con la schiena rivolta verso di me. Ho allargato le gambe e Dina mi ha tenuto in mano, abbassandosi su di me. Era la più stretta delle tre e sarei potuto venire lì. Ha iniziato subito il più velocemente possibile, chiedendomi di venire. Cassie e Jane si sedettero ai miei lati, baciandomi il petto. Ho tenuto i fianchi di Dina, lasciandola rimbalzare su di me, finché non si è dondolata avanti e indietro sul mio cazzo. Mi sono seduto, pronto a esplodere.

«Verrò... verrò.» Ho detto.

Ha fatto fuoco rapido su di me, finché non sono riuscito a gestirlo. Feci per tirarmi fuori, ma Cassie mi impedì di muovere le mani. Mi ha trattenuto!

"NO!"

Sono entrato in lei. Merda. Sicuramente non volevo la possibilità che rimanesse incinta, specialmente una troia che mi ha violentata.

Tutti e tre mi hanno ringraziato, mentre mi sedevo lì, sbalordito da quello che era appena successo. Mi sono seduto lì, spaventato se Lisa avrebbe detto una bugia. Mi sono alzato, mi sono pulito e mi sono vestito mentre uscivano dalla stanza. Lisa entrò un minuto dopo, coprendola con un asciugamano. Chiuse la porta e chiese: "Cosa c'è che non va?"

"Niente." Ho mentito.
"Bene. Perchè ho bisogno di te."

Si è seduta accanto a me, mi ha baciato sulle labbra e si è tolta l'asciugamano. Si sdraiò sul petto sul letto, con i piedi in alto. Mi sono tolto velocemente i vestiti e sono andato dietro di lei. Ha alzato il sedere in aria e io mi sono battuto fino a quando non sono stato abbastanza duro e sono entrato in lei. Il suo corpo bagnato era così sexy, l'amavo. Ho iniziato a scoparla, passando sopra di lei, baciandole il collo, mentre lei alzava il culo e mi fotteva a sua volta. Mi sono guardato entrare e uscire, e lei mi ha afferrato la testa, ricambiando il bacio mentre facevamo l'amore con passione. L'ho fottuta lentamente fino a quando non è venuta. Quando finalmente ha raggiunto l'orgasmo, ho iniziato a sentire la fitta e ho aumentato il mio ritmo alla grande. Più andavo veloce, gemevamo insieme sempre più forte, più mi avvicinavo e più andavo forte. Quando stavo per soffiare, ho rallentato sempre di più, fino a soffiare forte dentro di lei. Si rimise l'asciugamano e mi venne sopra. Restiamo sdraiati lì per sempre, baciandoci lentamente.

“Quando quelle puttane finalmente se ne andranno, non fermiamoci mai. 24 ore su 24, 7 giorni su 7.” Lei disse.
"Affare." Ho detto.

Sono partiti un'ora dopo. Tutti mi hanno baciato sulla guancia per salutarmi fuori, ma non li ho abbracciati per salutarli o altro. Li odiavo, anche se erano sexy e attillati da morire. Se ne andarono nella scalata, finalmente se ne andarono. Matt è tornato dal dottore dalla sua risonanza magnetica con sua madre, che sarebbe rimasta per Natale. Salimmo le scale e ci sedemmo sul letto. Matt si sedette sul divano, sollevò la gamba e appoggiò la testa all'indietro. Rise mentre commentava la loro partenza. Ho guardato Lisa, che ha sorriso. I suoi grandi occhi castani illuminavano la stanza appena illuminata e il suo sorriso mi faceva sentire tutto un formicolio dentro. Mi ha baciato sulla guancia, si è avvicinato alla mia borsa, ha afferrato il mio computer e ha firmato. Il mio telefono ha squillato ed era mia madre.

"Ciao?" Ho detto.
“Joey? È mamma. Vestirsi."
"Perché? Andiamo a cena?"
"Dopo. Andiamo a messa.
“Awww, amico. Mi sento male."
"Cazzate. Incontriamoci al St. Sebastian's o ti prendo a calci in culo. Niente macchina per un mese.
"Bene."

Ho guardato Lisa. "Massa?" Lei chiese.

"Sì." Ho guardato indietro.
“È la vigilia di Natale. Almeno ce la stiamo cavando.»
"Sì, ma a nessun bambino piace andare a messa a Natale."
«Diavolo, nemmeno io. Non dovremo andare domani mattina però. Più tempo per godersi i regali.

"Bene."

Indosso dei jeans, la mia maglietta, una polo e delle scarpe da ginnastica. Ho messo anche del deodorante, probabilmente ne avevo bisogno dopo oggi. Matt indossava praticamente la stessa cosa, ma Lisa era fantastica. Ha indossato una gonna nera della lunghezza giusta per la messa, e una bella camicia bianca, con i tacchi. Il suo corpo era fantastico, ma non era vestita in modo succinto. Sarebbe stata dura alla messa. Odiavo le messe cattoliche, specialmente quelle festive. Troppo a lungo.

Ci siamo arrivati ​​circa un'ora dopo, è stato un po' un viaggio lì. Era pieno come l'inferno, e i miei genitori, i genitori di Lisa e la mamma di Matt hanno litigato per noi nel mezzo della colonna. Ci siamo seduti, io mi sono seduto tra Natalie e Lisa. Matt si è seduto all'estremità in modo che la sua gamba fosse libera, e Lisa era accartocciata, quindi si è seduta contro di me. I miei genitori non se ne sarebbero accorti, quindi le ho tenuto la mano sul fianco. Ho messo il telefono in modalità silenziosa per essere educato e Lisa mi ha dato il suo a cui aggrapparmi.

Dopo la lettura, mi ha preso il telefono. Ha mandato un messaggio furbo a qualcuno e io l'ho ritirato. Durante la lettura del vangelo, mentre ci alzavamo in piedi, ho guardato velocemente il mio telefono. Ho visto un messaggio sul mio telefono, era Lisa. Legge:

Quando il prete legge i 2 bambini, vai al 2 vestibolo.

La guardai e annuii. Grazie a Dio sapevo cos'era un vestibolo. È la stanza in cui entri quando entri in una chiesa se non lo sapevi. La scuola cattolica era buona, immagino. Si è alzata durante l'omelia, dicendo alla mamma che non si sentiva bene, per rimettersi in sesto. Il prete qui legge sempre ai bambini una storia della natività, quindi mi sono alzato quando ha iniziato. Tutti i bambini andarono all'altare per sedersi intorno a papà, e io andai sul retro. Lisa era lì e mi fece cenno di scendere le scale. C'erano dei bagni lì, accanto a un'uscita di emergenza per l'esterno. Mi prese la mano, mi condusse in bagno, e rapidamente scalciò i tacchi e si tolse le mutande. Ho aperto i pantaloni, li ho abbassati un po' e ho iniziato a baciarla. Ho sentito parlare di sveltine confessionali, ma questo era meglio. Appoggiò le mani sul lavandino, con la schiena rivolta verso di me. Mi sono messo in fila velocemente ed sono entrato, muovendomi rapidamente con entusiasmo, sbattendo forte. Ho guardato il mio cazzo andare sotto la gonna in una presa stretta. Era una fantasia resa reale e l'ho adorato. Mi afferrò il collo e giocò con i miei capelli, mentre io le baciavo il collo. Ha iniziato a tremare e io mi sono avvicinato sempre di più all'orgasmo. Il suo fantastico culo stava benissimo con la gonna, ma mentre lo scopavo me ne innamoravo. Si è chinata di più in modo che potessi vedere meglio e, quando l'ho fatto, ho rallentato. L'ho afferrata per i fianchi, concentrata sull'azione. Ho messo una mano su ciascun lato di lei sul lavandino, ho iniziato a pompare e ho accelerato. Giaceva lì, sussurrando così che nessuno potesse sentirci. Lei è venuta prima, io poco dopo. L'ho baciata per un minuto e lei è uscita per prima. Mi sono ripulito, mi sono risistemato i vestiti e sono uscito. Siamo tornati di sopra quando la storia è finita.


Dopo aver cenato, siamo saliti al piano di sopra e siamo usciti. Tutti e tre ci siamo ubriacati e abbiamo guardato film finché non siamo svenuti, quindi non saremmo rimasti eccitati per Natale. Durante la notte, io e Lisa ci baciavamo, senza mai andare troppo lontano. Non volevamo rimanere incinte, perché abbiamo scopato così tanto quel giorno.

A Natale abbiamo ricevuto un sacco di regali. Ho un bel computer nuovo e un telefono. Ho anche dei bei maglioni e dei calci, Lisa ha della merda femminile e Matt ha scarpe e vestiti. Non avevo davvero bisogno di niente, solo un po' di tempo da solo con lei sarebbe stato carino. A Matt non importava se facessimo cazzate davanti a lui, purché fosse fatto o qualcosa del genere mentre lo facevamo. Quella notte ci siamo divertiti molto. Matt ha rubato una confezione da 24 da una gastronomia e ci saremmo fatti una faccia di merda.

Verso le nove e mezzo, papà è salito di sopra e ha fatto il check-in. Probabilmente pensava che sarebbe successo qualcosa a Natale, ma non ci stavamo comportando in modo sospetto, Matt in realtà si è addormentato mentre era sulla soglia a parlare della messa. Lui e la mamma erano molto religiosi. Mi vergognavo a parlare con lui, perché pensava che mi importasse. Immagino di no, la religione non mi interessava molto. Il desiderio corporeo era più fantastico per me.

Quando finalmente se ne andò, svegliai Matt e gli mostrai che lo zaino era sotto il letto. Lisa ha fatto l'onore di aprire la prima birra e ne abbiamo bevuta una per la famiglia. Ero con le uniche due persone con cui avrei mai voluto stare, a ubriacarmi a Natale. Questo è stato come un sogno che si avvera. Mi sentivo come se niente potesse rovinarmi tutto questo, e sono contento che niente l'abbia fatto. Ho bevuto e bevuto, Lisa era ubriaca abbastanza presto e Matt ha impiegato un'eternità per provare qualcosa. Il suo atletismo ha funzionato davvero bene, immagino. Dopo che non riuscì più a bere, mi sdraiai sul letto. Ha gettato le sue lattine nella scatola e mi è salita addosso. Ci siamo tolti i vestiti a vicenda e lei mi ha cavalcato mentre il suo petto era sul mio. Abbiamo scopato tra le braccia, sentendoci bene. Probabilmente non ci saremmo alzati domani, non riuscivo a riprendermi dal bere. Non so di lei. La sensazione del suo corpo liscio e sexy sul mio soddisfaceva le mie fantasie di ragazze. Spero che il college sia così malato.

Mi sono svegliato bene. Mi sono alzato intorno alle 10:30, ho ripulito alcune lattine e sono tornato a letto, solo per sentire l'ondata di dolore bruciarmi nel cranio. Il bruciore alle tempie mi faceva a pezzi. L'unico conforto che avevo era una coperta, un cuscino e una dea tra le mie braccia. La porta non è mai stata aperta a causa del tappo che ho messo davanti alla porta, ma immagino che potrebbe essere stato un brutto rischio addormentarsi nudi. Si è svegliata venti minuti dopo e le è successa la stessa cosa. Ci siamo rilassati lì per dormire un po', ma avevo bisogno di una doccia. Le ho detto che l'avrei fatto, quindi sono sceso dal letto, ho preso dei vestiti nuovi dalla borsa e mi sono diretto lungo il corridoio.

Gettai da parte la mia roba e aprii l'acqua. Mi sono seduto lì, massaggiandomi la testa. Dopo che mi sono tolto la maglietta, Lisa è apparsa oltre la soglia. Strizzò l'occhio e iniziò a sfilarsi i vestiti. Sono entrato e quando l'acqua mi ha colpito e vedendo la mia ragazza nuda, ho iniziato a sentirmi meglio. Lascio che l'acqua calda mi colpisca l'inguine e lascio che Lisa si avvicini a me. Era di fronte al soffione della doccia, quindi mi sono messo proprio dietro di lei e ho iniziato ad accarezzarle il corpo. Il suo culo si è schiacciato proprio contro di me, il che è stato fantastico. Le baciai il collo e il viso da dietro e le afferrai la vita. Ci spinsi contro la parete del soffione della doccia, puntai l'acqua verso di noi dall'alto e ci infilai dentro il cazzo. Il suo corpo era contro il muro, lasciandomi andare. Mi ha fatto scivolare il più lontano possibile, quindi l'ho afferrata per la vita più forte che potevo e l'ho scopata più forte e veloce che potevo. I suoi lamenti erano troppo duri e frequenti da essere appena udibili, e io gemetti mentre continuavo a baciarmi. Il calore della doccia e il calore della sua vagina erano troppo, ed ero in totale estasi. Sembrava niente che avessi mai provato, faceva quasi troppo caldo, come se stesse bollendo.

"Sto arrivando!" Ho detto.
"Fallo e basta!" lei disse.

Ho fatto esplodere il mio carico più forte di quanto non l'avessi mai fatto con lei prima. Ho spinto il più lontano possibile prima di farlo, il che mi è sembrato ancora meglio. Poi ci siamo baciati per dieci minuti sotto l'acqua calda. Niente potrebbe andare storto.

Storie simili

Samantha e Kaylee_(0)

Avevo una vicina di nome Kaylee che era meravigliosa. Era alta, atletica e aveva un corpo sodo. Probabilmente circa 120 libbre. pelle abbronzata, capelli castano scuro. Ha sicuramente attirato la mia attenzione. Non era una troia, era più una provocazione. Abbiamo frequentato la stessa scuola superiore. L'ho vista spesso, ma non abbiamo parlato molto. Tutto in lei era ipnotizzante, il modo in cui i suoi capelli erano lunghi e avevano la giusta quantità di riccioli, le sue gambe, la figura sexy, aveva persino delle fossette sopra il sedere che potevo vedere quando era in bikini intorno alla piscina. Era una brava...

256 I più visti

Likes 0

Diventare Zoe

La mia futura moglie Annie aveva accettato un lavoro fuori città e la vedevo solo ogni due settimane circa. Mi mancava così tanto. Lei ed io eravamo diventati amanti a distanza. Aveva un volo di ritorno a casa venerdì sera. Stavo andando a prendere suo figlio Zakk dal suo dormitorio e noi due saremmo andati a prenderla all'aeroporto e ci saremmo goduti il ​​fine settimana insieme. Zakk è al suo primo anno di college e sta studiando per diventare un truccatore per il teatro e lo schermo. Lui e io non ci siamo davvero conosciuti e questo doveva essere il fine...

1K I più visti

Likes 0

Visitare un amico speciale

Ho bussato al cancello di metallo. Era un bungalow piuttosto grande circondato da muri di mattoni con glassa di filo spinato. Il mio cuore batteva. Tutto quello che sentivo era la paura di essere rifiutato o qualcosa del genere. Fortunatamente, suo fratello maggiore, Suleman, ha aperto la porta. Era un ragazzo con un carattere freddo e una corporatura piuttosto muscolosa, quindi ha mantenuto la sua posizione. Mi guardò con giudizio per un momento, sorrise e mi diede una stretta di mano. Ei, cosa ci fai qui? Sono qui per far visita a tua sorella... mi smorzai, sapendo quanto fosse insolito per...

1.3K I più visti

Likes 0

Mia Matsumiya: come essere una brava ragazza

Mia Matsumiya: come essere una brava ragazza NOTA: per facilitare la visualizzazione, controlla il thread Mia Matsumiya: How To Be A Good Girl nella sezione Sex Stories del forum. Credetemi, ne varrà la pena! Mia Matsumiya, una bellissima violinista giapponese di 24 anni, è all'ultima tappa del suo tour in Francia con una delle band d'avanguardia con cui suona. Questa è una rara serata libera dal gioco per la piccola bellezza di un metro e settantacinque, che per caso ha incontrato una coppia di amici - Lisann e suo marito Rob - in un bar all'aperto all'inizio della giornata. Anche se...

403 I più visti

Likes 0

Caduta cap. 08

Capitolo 8, In cui condivido troppe informazioni Era stato un altro lungo viaggio, ma ero arrivato in tempo per prendere il volo del primo pomeriggio. Ero carico e ansioso di tornare a casa e condividere la buona notizia: avevo ottenuto un altro grosso contratto ed ero sulla buona strada per ottenere il venditore dell'anno e uno stupendo bonus. Grazie al coaching di Stacey, avevo imparato che un po' più di T&A avrebbero fatto molto. Una modesta spesa per abiti spigolosi, calze al posto dei collant e così via, si era trasformata in enormi aumenti degli affari firmati. Alcuni dei miei concorrenti...

275 I più visti

Likes 0

Colto in flagrante_(0)

Colto con le mani nel sacco Questa esperienza ha coinvolto il mio conoscente Ben. Dico conoscente perché l'ho incontrato solo una volta prima, abbiamo parlato a malapena e non aveva molto legame con me: era il figlio della mia amica più grande Vicky. Conoscevo Vicky perché facevo volontariato nel suo negozio di animali e, anche dopo aver finito, ancora oggi restiamo buoni amici. All'epoca avevo 15 anni e Ben 13. Vicky mi ha invitato a fare un barbecue per festeggiare il suo compleanno, quindi insieme a molte altre persone ho accettato, ero il più giovane lì a parte Ben che è...

271 I più visti

Likes 0

La mia calda sorellina deglutisce!

Avevo 18 anni al momento di questa storia e mia sorella 16. Avevo appena finito il liceo e in autunno sarei andato al college. Ero alto un metro e settanta e pesavo 175 libbre ed ero in ottima forma grazie allo sport. Mi chiamo Jim e anch'io ero un po' nerd. Tra studio e sport non avevo ancora nemmeno cominciato a frequentarmi. Mia sorella Beth era alta 1,70 e pesava 50 chili, con tette a forma di coppa C perfettamente appuntite e un bel sedere a bolla. Aveva lunghi capelli biondi naturali, setosi, penetranti occhi azzurri e una bocca molto calda...

171 I più visti

Likes 1

Colto in flagrante_(9)

Mi chiamo Carla e sono una studentessa universitaria di 19 anni. Vivo con la mia migliore amica Sarah in un appartamento che i suoi genitori pagano per lei. Il padre di Sarah ha fondato un'azienda che ha funzionato davvero bene e ora ha i soldi da spendere per Sarah quando vuole. Più su di me, sono circa 5'4 con lunghi capelli castano scuro, con una corporatura snella. Ecco la storia di come ho imparato qualcosa in più su me stesso e su Sarah. Sarah era stupenda, era il tipo di ragazza che quando camminavi lungo il corridoio i ragazzi ti fissavano...

2.9K I più visti

Likes 0

DIARIO DI UNA FAMIGLIA: PARTE 1

3 settembre Caro diario, mi chiamo Tilly Crawford e negli ultimi dieci anni sono stata la casalinga della Delta House Fraternity qui allo State U. Un altro anno di scuola è iniziato proprio ieri e i ragazzi si stanno preparando per la corsa all'impegno della confraternita settimana organizzando feste e, naturalmente, l'open house per consentire alle nuove matricole di farsi un'idea se desiderano unirsi a Omega House. È stata una lunga estate per me diario, mi manca molto stare con i ragazzi e ovviamente alla mia figa mancava l'attenzione che riceve dai loro grossi cazzi duri!!! Eric è appena passato per...

2.2K I più visti

Likes 0

Brooke_(1)

Brooke Questa è la mia prima storia e, come tale, sii premuroso nelle tue critiche; solo critiche costruttive per favore. Se non ti piace questa storia, ce ne sono molte altre da leggere. I nomi sono stati cambiati per proteggere i miei fottuti compagni e, a loro volta, il mio culo. Durante la mia adolescenza, sono stato abbastanza sessualmente attivo. Essere un adolescente e anche frequentare un liceo cattolico per soli maschi ha solo favorito la mia libido. Per cominciare, io non sono un ragazzo piccolo. A quel tempo, avevo circa 6'3, 200 libbre e un atleta di prima qualità. Ho...

2K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.