Regina Yavara: Capitolo 37

74Report
Regina Yavara: Capitolo 37

Capitolo trentasette

BROCCO

"Per favore!" L'esploratore elfo urlò.

"Non capisco perché ti lamenti", dissi mentre lo caricavo sul trabucco, "ti riporto al tuo esercito".

"Tieniti stretto questo, Imperiale, e non rilasciarlo troppo presto." Trenok grugnì, legando le cinghie del paracadute ai polsi dell'uomo terrorizzato.

"Non funzionerà!" Lui pianse.

Mi inginocchiai al suo livello e gli posai una mano compassionevole sulla spalla. “I progressi si fanno mettendo a tacere i dubbiosi, piccolo imperiale. Tutti i grandi scienziati del nostro tempo una volta erano chiamati pazzi per le loro idee.

"Grandi scienziati?" Trenok rise: "Che calcoli hai fatto?"

"Non hai bisogno di nessuna di quelle stronzate matematiche se credi solo in te stesso."

“Ispiratore. Incideranno quella citazione nell'atrio della biblioteca che portano il tuo nome?"

"Essere un furbo significa solo avere merda per il cervello, Trenok." Grugnii e cominciai a tirare indietro la leva.

L'elfo scout chiuse forte gli occhi e cominciò a pregare.

"Dio non ti aiuterà, figliolo." Dissi, osservando la traiettoria con il pollice: “Siamo in una nuova era di illuminazione. Riponi la tua fiducia nella fisica, perché la resistenza dell'aria è il tuo unico salvatore ora. Pronto?"

E prima che potesse rispondere, ho calpestato il rilascio, e il suo urlo è fischiato fuori portata mentre volava in aria. Divenne poco più di un puntino nel cielo, poi il suo paracadute si aprì e lui schizzò contro la scogliera.

"Dannazione", brontolai mentre la figura senza vita cadeva a terra, "pensavo davvero che avrebbe funzionato."

"Aspetta, l'hai fatto?"

"Questo è stato solo il primo esperimento." Ho lavorato la mia mascella in modo contemplativo, “Forse era troppo leggero. Se leghiamo insieme tre elfi, sarebbe più o meno il peso di un orco, giusto?"

"La regina potrebbe semplicemente sollevare un orco lassù con la sua mente."

“Per quanto sia potente, la sua capacità è ancora limitata. Inoltre, non possiamo affidarci alla magia per risolvere tutti i nostri problemi.» Tirai indietro il carrello del trabucco e l'orco dietro di noi vi caricò un masso. Ho dato un calcio al rilascio e il grande motore ha scagliato il masso dall'altra parte del campo, oltre la spaccatura, e si è schiantato contro una balista in cima a Mid Fort. Ci fu un boom, un'esplosione di legno e metallo, e i corpi agitati degli imperiali che precipitavano dall'alto. Un applauso si levò dai nostri ranghi e la linea di macchine d'assedio lanciò la loro salva all'improvviso.

Decine di macigni e missili infuocati saettarono nell'aria. Alcuni esplosero contro la parete rocciosa, altri volarono puliti oltre la cima, ma alcuni andarono a segno, schiantandosi contro le mura e i bastioni di Mid Fort, lanciando detriti in aria. Non più di un minuto dopo, gli Highlanders hanno risposto. Grandi rocce e lance baliste si alzarono dalla cima della rupe, poi rimasero sospese in aria per un momento prima di precipitare giù. Mi sono appoggiato al trabucco e ho stretto i denti, aspettando, aspettando, aspettando. Poi ci fu un tuono sulla terra. Il trabucco accanto a me esplose all'indietro, le grandi travi scagliate in aria come legname galleggiante scartato, rovesciandosi con i corpi spezzati di orchi e orchi. Un masso si schiantò nello spazio accanto a me, l'impatto mi scaraventò sulla schiena, lasciando un cratere profondo un metro e mezzo nel permafrost della tundra. In fondo, la poltiglia rossa di quello che era stato il mio orco carico era schizzata su tutte le pareti del cratere.

Il terreno tremò per gli impatti per altri dieci secondi, poi tutto tacque. Lanciai un'occhiata a Trenok, che era in piedi con noncuranza accanto al buco dove si trovava il nostro orco.

"Pensi che sia abbastanza per stamattina?" Gli ho chiesto.

"Ho finito se lo sei."

"Vediamo cosa ne pensa il vecchio." Allungai una mano e tirai fuori lo specchio di Yavara. L'ho toccato una volta ed è apparsa la faccia del feldmaresciallo Shordian.

"Brock, sei ancora vivo." Borbottò, sembrando deluso.

“Ti è piaciuta la sveglia, feldmaresciallo? O non avevi gli apparecchi acustici?"

"Mi passano calcoli renali più grandi dei sassi che mi stai lanciando."

Trenok rise. «Perché non tutti gli Highlander possono essere come te, Shardian? Quelli che prendiamo si pisciano sempre addosso.

"Inoltre, non sono molto aerodinamici." ridacchiai.

Shordian grugnì. Potrebbe essere stata una risata. “Dov'è la tua regina? Di solito è lì per giocare a palla.»

"I tuoi ingegneri sono così incapaci di orientare le tue armi che ha deciso che i suoi talenti erano meglio usati altrove."

Il suo labbro si arricciò. "Bene, allora, penso che oggi sia un buon giorno per uno scambio di prigionieri." Si avvicinò a una catapulta e girò lo specchio. Jefrok era legato a un masso, terrorizzato come l'elfo che avevo lanciato. Shordian diede un calcio al rilascio e la catapulta virò. Distolsi lo sguardo dallo specchio per vedere una roccia lanciata da Mid Fort, lenta fino al precipizio del suo arco sopra di me, poi precipitò. Ho sentito il suo urlo prima che si schiantasse contro le paludi dietro di noi.

"Huh," grugnì Shordian, "immagino che neanche voi stronzi sappiate volare."

Ho picchiettato sul vetro e ho alzato lo sguardo su Trenok. Sapevamo entrambi che Shordian ci stava spingendo a spendere le nostre munizioni. Inoltre non ci importava. Ho ordinato a tutti i motori di caricarsi e abbiamo piovuto su Mid Fort finché il sole non ha raggiunto il suo apice.

YAVARA

Ci sarebbe voluta almeno un'altra settimana prima che le squadre di costruzione finissero la staffetta dello specchio da Ardeni ad Alkandra, ma la staffetta tra la spaccatura e Alkandra era quasi terminata. Mi ha sorpreso che Alkandi non si fosse mai degnato di stabilire le comunicazioni tra Bentius e Alkandra. La struttura esisteva già dai tempi dell'imperialismo delle Highlands; tutto ciò che doveva essere sostituito erano gli specchi stessi. Ho fluttuato sopra le paludi e ho posizionato con cura il vetro circolare nel suo apparato in cima all'antica torre di pietra. Lo specchio scattò in posizione e lo ruotai finché non vidi il lontano bagliore del suo riflesso a cinque miglia dall'altra torre. Disegnai un sigillo sul vetro, poi lo presi con il palmo. La faccia di Brock venne fuori.

"Mia regina?" Chiese.

“Sto solo testando il relè. Come sta andando tutto?"

«Oggi abbiamo colpito Mid Fort con un esteso sbarramento, riuscendo ad abbattere un quarto del suo muro esterno. Ventitré unità hanno raggiunto la vetta della spaccatura, subendo milletrecento vittime e occupandone circa la metà. Abbiamo catturato alcuni esploratori e li abbiamo interrogati. Non avevano informazioni utili, quindi li abbiamo rimandati al loro accampamento”.

«Dovresti avere duemila rinforzi in arrivo entro domani. Come se la passano gli Orchi Ardeni?"

"Sono molto bravi a morire, e dal momento che questa è la guerra, immagino che ci sia qualcosa da dire per questo."

Ho alzato gli occhi al cielo. «Vai avanti, Brock.» E ho palpato il bicchiere. Ho disegnato un altro sigillo su di esso e ho aspettato. Dopo quasi venti minuti, finalmente il vetro si illuminò e comparve Adrianna molto confusa e scarmigliata.

"Mia regina?" Lei chiese. La stanza in cui si trovava non aveva finestre, solo la tremolante luce delle torce le illuminava il viso. Anche se le sue guance erano arrossate, sembrava più pallida del solito.

"Brutti postumi di una sbornia?" ridacchiai.

"No, sto solo... solo assicurandomi che il clan di Titus si senta... a casa." La sua voce era lenta, ogni parola sembrava provenire da lei in un ronzio da ubriaca. Lei inclinò la testa, i suoi capelli color platino ricaddero rigogliosi, e sulla sua gola elegante vidi apparire due piccole ferite da puntura. Gemette quando si formò un punto di suzione delle dimensioni di una bocca intorno alle punte, e quando si appoggiò all'indietro, vidi che i suoi ampi seni erano deformati come se fossero stati afferrati da grandi mani invisibili.

"È stata molto disponibile." La voce divertita di Titus risuonò: "Non ricordo di aver avuto un ospite più gentile".

Gli occhi di Adrianna si girarono all'indietro e la sua testa ricadde su una spalla invisibile. Era adagiata dolcemente sul corpo su cui riposava, e mi fu dato un posto in prima fila per ciò che le veniva fatto. La sua piccola figa rosa era allargata dal nulla, la carne rossa all'interno contorta come un tunnel fino al suo grembo. Potevo vedere le spinte che le venivano inflitte dal modo in cui le sue labbra alesate si muovevano avanti e indietro e il modo in cui la sua cervice veniva metodicamente spinta verso l'interno. Poi ci fu una rientranza delle mani sulle sue cosce flessuose, e vidi dall'angolazione dei loro pollici che un uomo si era appena mosso davanti al vetro. Il cazzo invisibile di Titus fu estratto lentamente dalla figa di Adrianna, e il buco femminile si rilassò esausto, i petali rovinati si chiusero parzialmente. Ho visto la pressione del suo cazzo muoversi lungo la sua umida macchia di bronzo, spingere contro il suo rosa ano arrotolato e aprirlo. Un nuovo tunnel si formò nel suo pavimento pelvico, il suo retto si aprì fino a quando il bordo divenne bianco, il suo canale liscio decadente violato fino al colon. L'uomo davanti aprì la fessura che Titus aveva lasciato vacante, e presto entrambi i buchi di Adrianna furono allungati fino in fondo. Adrianna lanciò un grido rauco, le sue cosce tremanti per gli spasmi, i suoi tunnel di rubino che si stringevano di gioia attorno a spesse aste invisibili. Inutile dire che mi stavo masturbando furiosamente.

Qualcuno ha preso lo specchio e mi ha mostrato tutta la portata della dissolutezza. Vedere attraverso il vetro mi rendeva invisibili i vampiri, ma potevo distinguere i loro contorni dalle posizioni dei corpi nudi degli ibridi. Furia fluttuava nell'aria, l'ano e la figa spalancati, la bocca che succhiava edonisticamente un uomo invisibile, i seni deformati dalle labbra che allattavano, il cazzo che vomitava grosse gocce di sperma nella gola di una donna traslucida. Eva stava cavalcando la faccia di qualcuno, il suo grosso culo spalancato per accogliere un'altra bocca sul suo buco sporco, il suo cazzo diventava bianco per la pressione da dove era dentro qualcuno. Aveva una presa di capelli invisibili e stava spingendo la lingua nella bocca del vampiro mentre soffocava lei (o lui) con l'altra mano. Le povere Soraya e Alexa erano legate con corde e cuoio, urlando attorno a palle di bavaglio mentre venivano violate in ogni buco. Dalle forme dei loro ingressi in rovina, potevo vedere che portavano più di un uomo ciascuno. I loro corpi erano butterati da due ferite da puntura ed erano esposti sul tavolo come pasti gratuiti per tutti. Anche il piccolo cazzo rigido di Alexa era stato nutrito. Brianna stava condividendo la bocca con Kiera mentre cavalcavano i loro destrieri, i loro bacini che si abbassavano, le loro schiene inarcate per accogliere gli uomini che danneggiavano i loro canali posteriori. Kiera accarezzava una testa invisibile di fronte a lei, e lo sputo le scorreva lungo il cazzo mentre la sua carne veniva intaccata dall'aspirazione. Faltia era appesa per le braccia al soffitto, le gambe divaricate in spacchi laterali, la schiena curvata dolorosamente per il piacere. Le sue natiche sussultarono, poi le sue cosce, e dal modo in cui il suo corpo si dondolava nell'aria potei discernere che molti uomini si stavano alternando con lei.

Era come una scena della mia immaginazione. Eccoli lì, i figli della mia carne, che ballavano la loro danza primordiale apparentemente con nessuno. Era la mia visione per loro, ed era avvenuta. Erano come me in tutto e per tutto, le loro menti corrotte come la mia, i loro corpi deformati come il mio, le loro anime contaminate proprio come la mia. Avrei voluto essere lì. Avrei voluto dimenticare la guerra, volare ad Alkandra ed essere quello che avrei dovuto essere. In quel momento, tutto quello che potevo fare era spingere le mie dita più a fondo, invadendo il mio culo e la mia figa, il mio pollice che si contorceva contro il mio clitoride mentre i miei occhi passavano da una persona all'altra. L'orgasmo arrivò e la mia mente abbandonò la sua base aerea. Sono caduto contro lo specchio con un grido, l'apparecchio ha ruotato sulla sua base giroscopica e l'alimentazione è stata interrotta. Ho visto solo il mio riflesso mentre ansimavo per l'estasi, appannando il vetro con le mie espirazioni. Quando il mio respiro si è calmato, mi sono staccato dal vetro e sono volato via dalla torre. Sì, la scena mi era sembrata un paradiso, ma mancava una persona.

ELENA

I miei siti erano ambientati su Lord Sherman Huntiata. Era stato l'uomo di Ternias prima della battaglia, ma per quanto ne sapevo, era solo perché Ternias lo aiutava a riempire le sue casse. Se il previsto rovesciamento della corona da parte di Ternias non fosse andato bene in tribunale, Huntiata avrebbe assicurato che il colpo di stato avrebbe avuto successo. Ora Huntiata aveva perso la sua guardia cittadina a causa di uno sciopero, e così Ternias aveva perso Huntiata. Se Leveria avesse avuto il potere che aveva prima, la perdita sarebbe stata letteralmente un colpo mortale per Ternias, ma Leveria non poteva permettersi di attaccare un grande nobile quando la sua posizione era così debole. Ciò rendeva il signore la puttana più apprezzata della corte, ed era costoso.

"Un milione di pezzi d'oro." Egli ha detto.

Ho fatto un lungo tiro dalla mia pipa. "Un milione." ho fatto eco.

"Il costo del salario dei miei uomini per un anno, più un bonus per garantire la loro lealtà." Sogghignò: "Più un bonus per garantire il mio".

Mi sono seduto sulla sedia. «Quanto ti ha offerto Lord Ternias?»

«Un misero centomila. Se questo è tutto ciò che Re Dreus è disposto a concedere, allora credo che abbia perso la fiducia in Lord Lucas Ternias.»

«È più probabile che non riesca più a contrabbandare quel tipo di denaro attraverso le Midlands. Mi è stato detto che diverse carovane dirette al Castello di Thorum sono state sequestrate dalle pattuglie di Alkandran.»

"Sono consapevole." Huntiata mi studiò attentamente.

"Mio Signore?" Ho chiesto.

“Quando Lady Droughtius mi ha parlato di te, avevo solo due domande per lei: sei discreto e cosa puoi darmi? Ho bisogno di discrezione, perché non posso mai farmi vedere in compagnia di qualcuno come te.»

"Un elfo dal sangue oscuro."

"Sì."

"E quanto posso darti?"

«Lady Droughtius mi ha detto che hai ampi contatti ad Alkandra. Quanti soldi pensi che passino ogni giorno attraverso la città delle bestie?

"Decine di migliaia?"

“I miei estimatori credono che sia nell'ordine dei milioni. La città attrae navi mercantili da Lowlands, Bearded Peaks, Winter Isles, Hektinar, Terondia e Drastinar.

Mi sono sporto in avanti. "La Regina Oscura potrebbe essere disposta a finanziarti, mio ​​signore, ma il pagamento arriverà solo dopo la fine della guerra."

"Dopo che la guerra sarà finita, la Regina Oscura sarà crocifissa nella piazza della città." Huntiata ringhiò: «Non sono un traditore, ambasciatore, e dovresti ricordartelo. Voterò per un armistizio, ma questa guerra non finirà mai finché la puttana non sarà morta!

"Certo", sorrisi, "ma non c'è niente di male a prendere i soldi di una puttana, vero?"

La sua espressione si addolcì. "No certo che no. Il denaro è denaro. Si giocherellava i baffi: “Ma ho bisogno di soldi adesso. Non vedo l'ora che venga firmato un armistizio. Potrebbero volerci anni.

«A meno che non firmiamo un armistizio ora. Evitiamo l'imminente disastro delle risorse e possiamo prepararci per un altro assalto ad Alkandra dopo che la sciocca Regina Oscura avrà sperperato tutti i vantaggi che le sono stati concessi.

«Sì», mormorò Huntiata, «ma per molti degli ufficiali di guardia sarà una pillola dura da inghiottire se firmo un armistizio prima che vengano pagati. Mi farà sembrare debole, e questi sono bravi ragazzi, Lady Straltaira, patrioti fino all'osso. Devi capire l'ottica.

Ho preso un altro tiro dalla mia pipa, esaminando le mie opzioni in diminuzione. «Vedrò cosa posso fare con i miei contatti ad Alkandra», dissi infine.

"Aspetterò la tua parola". Disse, alzandosi elegantemente e camminando verso la porta.

"È tutto?" Gli ho chiesto.

"C'è qualcos'altro?" Ha chiesto a tono, indossando una sciarpa e un cappello.

Posai la pipa sul tavolo e mi alzai languidamente dalla sedia. Huntiata mi guardò con un'espressione perplessa mentre mi avvicinavo a lui, i miei fianchi larghi danzavano nel mio abito da cocktail attillato. "Sono sicuro che hai sentito parlare del modo in cui faccio affari", dissi imbronciato, afferrandogli delicatamente la sciarpa, "la maggior parte delle persone conclude un affare con una stretta di mano, ma io sono un po'... poco ortodosso".

Huntiata guardò dalla mia mano, a me. Sorrisi e cominciai lentamente a togliergli la sciarpa. Poi la sua mano fu sul mio viso, e la parte posteriore della mia testa fu conficcata nel muro, e prima che me ne rendessi conto, le sue dita erano intorno alla mia gola, la sua maschera ringhiante a pochi centimetri di distanza, il suo alito puzzolente che mi riempiva le narici.

"Pensi che io sia un frocio sfigato in cerca di un coglione?" Ringhiò, stringendo così forte che la mia faccia era viola e mi lacrimavano gli occhi. “Pensi che ti toccherei mai?! Puttana frocio dalla pelle scura, fottuto maniaco della puttana! Come osi mettermi una mano addosso! Mi ha sputato in faccia, schizzandomi gli occhi, le guance e le labbra di saliva color tabacco. Mi ha sogghignato: "Sei disgustoso, spazzatura subumana, la progenie di una fica demoniaca infetta che non è nemmeno adatta a rotolarsi nella mia merda!"

Era forte per essere un uomo più anziano, la sua presa ferrea mi rubava il respiro, chiudendomi la trachea finché non riuscivo nemmeno a cigolare. Il mio cazzo era duro come una roccia e la mia figa scorreva con prontezza. Infilò violentemente l'altra mano sotto la mia gonna e mi afferrò il membro, stringendolo finché le lacrime non mi sgorgarono dagli occhi. È stato straziante, è stato umiliante, ed è stato così bello che sono arrivato proprio lì, sfondando il mio rubinetto ristretto per scaricarmi nella sua mano. Ritirò la mano e fissò disgustato la ragnatela gocciolante che gli avevo lasciato tra le dita. Ruggì, poi mi palpò di nuovo il viso, spalmando il mio sperma sul naso e sulla bocca, mettendolo nei capelli. Attraverso la tortuosa stretta della mia gola, riuscii a gemere. Il suo volto si contrasse per la rabbia. Mi ha liberato la gola, mi ha messo le mani tra i capelli e mi ha spinto in ginocchio. Non avevo bisogno di ulteriori istruzioni. Gli ho tirato giù i pantaloni e lui mi ha infilato in bocca la sua carne densa.

È stato brutale con me. Ha sbattuto l'inguine contro la mia faccia, schiacciando il mio naso e le mie labbra contro il suo bacino, immergendo il suo cazzo in profondità nella mia gola. Ha schiacciato la parte posteriore della mia testa contro il muro, tenendosi dentro di me, fissando in basso con occhi pieni di disprezzo. Poi iniziò a spingere, pompando tra la stretta suzione delle mie labbra, perforandomi la gola più e più volte fino a quando non mi trovai intorno a lui, volgari sorsate che emanavano dalla mia bocca, bavagli che ribollivano dal mio collo violato.

"Sporca fottuta troia dalla pelle scura!" Ringhiò, il mio sperma mi usciva dalla faccia e dal suo inguine, il mio bellissimo ritratto profanato, reso brutto per il suo desiderio. L'ho afferrato per il sedere e lui mi ha tirato indietro i capelli e mi ha schiaffeggiato con forza in faccia. "Non toccarmi cazzo!" Ruggì, e io mi misi disperatamente le mani tra le gambe, accarezzandomi violentemente il cazzo, fottendo con le dita la mia fica gocciolante in modo che il suo soffocamento umido suonasse a tempo con le umide contrazioni delle mie labbra e della mia gola. Mi ha pizzicato il naso, rendendomi impossibile respirare, e l'unico modo per uscirne era farlo venire.

Succhiai con voracità animalesca, consumandolo mentre eseguiva le sue abominevoli delizie, avvolgendo il collo attorno al suo organo che si tuffava mentre mi allungava la gola. La sua faccia divenne rossa, i suoi denti scoperti. Le mie urla gorgoglianti si alzarono in tandem con i suoi crescenti grugniti e ringhi, e la mia voce suonò alta e vera quando si strappò il cazzo e mi inzuppò la faccia con il suo sperma. Sono venuto una seconda volta, tutto il mio corpo tremava per la violenza, il tappeto del mio ufficio mi si inzuppava tra le gambe mentre entrambi i miei organi sessuali si liberavano contemporaneamente. Mi ha versato l'ultimo succo nella bocca aperta, poi mi ha schiaffeggiato di nuovo. Sono caduto a terra, la mia faccia così coperta che è schizzata quando la mia guancia ha colpito il tappeto. Anche se le punture del suo abuso bruciavano su di me, il bruciore nelle mie viscere aumentava e io digrignavo le mie cosce, gemendo per averne di più.

"Patetico." Lui sogghignò e mi sputò addosso.

"Ti rivedrò, mio ​​signore?" Ansimai con un sorriso.

«Alla Nobile Corte, Ambasciatore.» ringhiò.

Gli ho sorriso. "Sai cosa voglio dire."

Si infilò il cazzo nei pantaloni e prese il cappotto dall'attaccapanni. «Domani alla stessa ora.» Borbottò e uscì dalla porta.

Mi sono staccato dal tappeto, sospirando soddisfatto con la mia nuova maschera di sperma incollata sul mio viso. Andai alla finestra e vidi Huntiata salutare le sue guardie fuori e camminare lungo la strada. Sapevo che avrebbe guardato indietro. Lo ha fatto, e mi ha visto, e io ho sorriso e salutato. Non mi ha riconosciuto, ma ha camminato con un'elasticità in più nel suo passo lungo il viale. Sospirai e mi riposai nel divanetto dell'alcova. Era dai tempi di Brock che un uomo non mi trattava così. Avevo quasi dimenticato quanto mi piacesse.

«Adesso ce l'hai, Elena.» Mi sono detto: “Amo, lenza e piombino. Non ha mai avuto niente come te. Mi sono passato il dito sulla guancia, ho preso una cucchiaiata di glassa mista e ho assaporato il sapore della vittoria con uno schiocco di labbra.

LEVERIA

"...siamo spiacenti, Vostra Altezza, ma l'imperatore non farà affari a credito." Il collegamento da Terondia ha detto sul mio specchio. Era uno strano tipo di elfo, con la pelle dorata, i capelli ramati e gli occhi color ambra. L'impero elfico che risiedeva nel continente di Balamora era antico e le stirpi si erano deformate nel corso dei millenni.

"E perchè no?" Ho chiesto: "The Highland Kingdom ha sempre pagato i suoi debiti".

"Ci vuole un anno intero per fare un viaggio di andata e ritorno." Il collegamento sorrise pietosamente: "Non sappiamo se ci sarà nemmeno un Regno delle Highland quando torneremo".

Travestii una smorfia da sorriso. "Ce ne sarà uno se ci aiuti adesso."

Lui scosse la testa. "Mi dispiace, Altezza, ma devo tornare dal mio imperatore con beni, non con promesse." E palpò lo specchio. Mi sono seduto sulla sedia, ho afferrato un cuscino e ci ho urlato contro. I principati nanici ei regni umani di Balamora mi avevano tutti dato la stessa risposta, e le navi dirette alle Highlands avevano deciso invece di sfidare la costa meridionale e dirigersi verso Ardeni e Alkandra. Non ci sarebbero più navi. Le tempeste invernali avrebbero devastato i mari e ci sarebbero voluti sei mesi prima che il commercio intercontinentale ricominciasse. Mi sono ripreso, ho disegnato un sigillo sullo specchio e l'ho preso con il palmo.

"Vostra altezza." disse il feldmaresciallo Shordian.

"Dammi buone notizie."

Alzò gli occhi al cielo. "Il tempo è bello."

«Peter...» ringhiai.

“Questo è tutto ciò che ho da riferire sul fronte delle “buone notizie”. Ora, vuoi la cattiva notizia?

Ho agitato la mano.

“Le scorte stanno diminuendo, i motori stanno cadendo in rovina e il morale è basso. Il nemico scavalca la spaccatura lungo dozzine di settori al giorno e non fa prigionieri. I rinforzi arrivano più lentamente con l'aumento del numero di violazioni, a volte arrivano trenta minuti dopo. Non passerà molto tempo prima che il nemico possa stabilirsi in uno dei settori e iniziare a incanalare le truppe oltre il muro.



Mi massaggiai le tempie. "Ma almeno il tempo è bello, eh?"

“Ero disinvolto. In realtà fa un po' freddo.» Shordian osservò il paesaggio: “L'inverno sarà presto su di noi, mia regina, e questo esercito era equipaggiato per essere un'unità di attacco rapido. Siamo mal riforniti per un lungo trinceramento. Abbiamo bisogno di pellicce e cibo.

Non ho risposto subito. Era la stagione del raccolto nelle Highlands e i raccolti erano abbondanti come sempre. L'unico problema era che non c'era nessuno lì per raccoglierli. Decine di migliaia di contadini si allineavano lungo l'Highland Rift, impugnando spade invece di vomeri. Avevo scommesso che avremmo schiacciato Yavara un mese prima della stagione del raccolto, e avevo perso.

«Pellicce e cibo», dissi, «li avrai, feldmaresciallo».

Lui annuì solennemente e prese con la mano lo specchio. Ero sicuro che fosse un inferno sull'Highland Rift, ma in quel momento era ovvio che Shordian era contento di essere lì, e non al mio posto. Condannare la popolazione alla fame in modo da poter nutrire l'esercito era una decisione che speravo di non dover prendere, ma non c'erano dubbi su chi avrei scelto se la scelta fosse arrivata. Tuttavia, la scelta stessa è stata un fallimento. Mi sentivo come un uccello con le remiganti strappate, che strillava in modo maniacale davanti a un gatto divertito. Che ballo farei dopo? Quale scherzo mi terrebbe in vita per qualche secondo prezioso in più?

Feci due rapidi respiri attraverso il naso e disegnai un altro sigillo sullo specchio.

«Lord Davin.» Sorrisi all'emissario nanico: "Hai un momento?"

«L'accordo non è cambiato, Vostra Altezza. Non ci prendiamo il merito; prendiamo l'oro.

“Ti do la provincia di Ternianas!”

Alzò le sopracciglia. «E Lord Ternias mi ha promesso la provincia di Tiadoanas, che è molto più preziosa, ma non prenderò terre che potrebbero appartenere alla Regina Oscura nel giro di poche settimane.»

"Non invaderà!"

"Non è quello che hai detto quando stavi cercando di giustificare la tua invasione con me."

"Il suo ambasciatore mi assicura che ha cambiato idea."

"Se tu ci credessi, allora potrei."

«Lord Davin, per favore.»

L'emissario si accarezzò la grande barba rossa. “Le nostre carovane hanno dovuto attraversare i salici per ottenere merci dalle pianure e da Alkandra. Perdiamo un terzo delle nostre importazioni prima ancora che arrivino al passo di montagna. Rimuovi il tuo blocco al South Trade Fort e prenderò in considerazione la possibilità di negoziare un accordo a breve termine.

«Quel blocco è la mia unica leva, Lord Davin. Se vuoi che venga rimosso, onorerai il mio primo accordo.

«Anche la nostra gente ha bisogno di mangiare, Vostra Altezza. Le montagne non offrono molto spazio per il pascolo, quindi ogni boccone viene preparato prima che le nevi invernali ci chiudano. I nostri figli dovrebbero morire di fame in modo che i tuoi possano avere la pancia piena?

«Manda quaggiù i tuoi contadini, allora! Abbiamo milioni di acri!”

Lui scosse la testa. “Non abbiamo abbastanza tempo. I passi si chiuderanno. Mi dispiace, Vostra Altezza, ma non c'è niente che possiamo fare qui. Togli il blocco e ti daremo la moneta di cui hai bisogno per scambiare il metallo con i pasti con le Terre Basse.

“Non posso commerciare con le Lowlands, stupido fottuto nano! C'è un paese ostile tra me e loro, e le loro navi non fanno il giro della costa meridionale!»

Davin sbatté le palpebre. "Vostra Altezza, come potete..."

Ho sbattuto il palmo della mano sullo specchio e ho urlato. La porta si spalancò e si precipitò dentro Sir Raftas.

"VAI FUORI DAL CAZZO!" Ho urlato e lui si è precipitato fuori altrettanto velocemente. Ero quasi sul punto di piangere quando ho notato qualcosa sul mio specchio. C'era un piccolo sigillo in fondo, una forma che non vedevo da molto tempo. L'ho disegnato sullo specchio.

ADRIANA

Ero appena uscito dalla vasca quando la luce rossa sul mio specchio si illuminò. Ci sono inciampato, ogni passo minacciava di trasformarsi in una piroetta. I vampiri bevevano abbondanti quantità di vino, e il mio stupido orgoglio mi aveva spinto a cercare di tenere il passo con loro. A un certo livello di ebbrezza, ho smesso di essere un adulto responsabile e sono diventato invece un bambino nel corpo di una donna adulta. Era per questo che le mie labbra non toccavano mai liquori quando ero comandante al castello di Thorum, ma essere la governante di Alkandra rendeva praticamente il bere parte del mio lavoro. Ridacchiai tra me e me come un idiota mentre mi procuravo una boccetta di inchiostro, disegnai due occhi su entrambi i lati della mia figa pelata e mi accovacciai davanti allo specchio. Ho stretto il bicchiere, allargato le labbra della mia figa e, imitando la voce che associavo alla mia vagina antropomorfizzata, ho squittito: "Come posso aiutarti, Vostra Altezza?"

"Ehm... Comandante?"

Mi sono seduto lentamente. Nella mia ubriachezza, non avevo notato che c'erano una ventina di sigilli attorno al bordo dello specchio, e la maggior parte proveniva da Bentius. Yavara aveva collegato la nostra staffetta a quella dell'Altopiano, e chiamando dal cuore di Bentius, era il soldato Elena Straltaira. "Ciao, Tigre." Ho detto.

"Tu ehm... ti aspetti una chiamata da Yavara?"

"Sì."

"E uh... è così che le avresti risposto?"

"Sì."

Lei annuì. "Beh... bella figa."

"Grazie."

Si schiarì la gola e si massaggiò il collo. "Hai dei tatuaggi, eh?"

"Sì."

Si costrinse a ridere. “Di tutte le persone al mondo...”

“Gli altri ne hanno più di me. Furia ha un tatuaggio sul viso, se riesci a crederci.

“Furia Augustinia? Era più introversa di me!

"Non più." Ho ridacchiato: "Ha persino un tatuaggio sul cazzo".

Elena sussultò. "Ahi!"

"Sì, e c'era molta pelle da coprire."

Lei inarcò le sopracciglia. "Buono per lei."

"Buon per me." ridacchiai.

Elena sorrise. “Pensavo che la signora tra le tue gambe avesse le labbra sciolte. Furia sta facendo?

"Più come stanno facendo tutti." Ho riso, sdraiato sul letto: “I governi di tutto il mondo si fottono la gente, ma qui ad Alkandra facciamo le cose in modo diverso. Sono sicuro che Yavara ti ha parlato di Trenok.

"Pensavo che Yavara stesse esagerando quando mi ha parlato di te." Mi ha lanciato uno sguardo di valutazione: “Immagino che ti stesse svendendo un po'. Cosa significano i tuoi tatuaggi?

“La foglia d'erba è per Kiera, le catene sono per Soraya, la frusta è per Eva, il martello è per Alexa, la faccina sorridente è per Brianna, la spada è per Faltia, il cuore è per Furia—sì, lo so, è basilare come l'inferno, e la tigre è... beh, questo è per te, Tiger. Ne ho qualcun altro, ma non hai bisogno di ascoltare tutte quelle storie.

"Ne hai uno per me?"

"Uno per ogni ibrido." Mi sono spostato a disagio: “Siamo come una famiglia qui, e ho pensato che alla fine ti saresti unito a noi. Sei stato il primo di noi, dopo tutto.

«Mi avevi detto che eravamo una famiglia a Castle Thorum. Il primo giorno di scuola per ranger.»

"Immagino che da allora abbiamo avuto i nostri alti e bassi."

"Alti e bassi." Disse seccamente.

"Ogni famiglia ha alti e bassi".

Ha appena riso tra sé e sé.

"Perché hai chiamato?" Ho chiesto.

"Nessuna ragione. Solo curioso, immagino. Addio, Adriana.

"Puoi fidarti di me." dissi in fretta.

La sua mano si fermò sullo specchio. «Adesso sei la governante Adrianna. Ho bisogno del comandante Adarian.

«Non ho detto a Yavara di te e Leveria. Mi fidavo di te per essere in grado di mantenere segreta tutta la verità.

"Per salvarti il ​​culo."

"Per salvare il mio paese!" Scattai: "Se Yavara sapesse che ami sua sorella, non farebbe tutto ciò che è in suo potere per farle del male?"

"Yavara non è così."

"Lo sai meglio."

Elena fece due respiri attraverso il naso, poi li espirò. “Sto facendo tutto il possibile per convincere i nobili a votare per la pace, ma li conosci; venderebbero i propri figli per migliori guadagni trimestrali. Non c'è capitale da raccogliere nelle Highlands, i nostri porti internazionali sono vuoti, i Beaded Peaks non capitoleranno e le Lowlands non possono commerciare attraverso le Midlands. Ciò lascia solo un'opzione.

"Quanto hai bisogno?"

Fece un respiro profondo, poi disse: "Un milione".

"Ok."

Lei mi guardò incredula. "Solo... 'Ok?'"

«Ci ​​vorranno due settimane a Soraya per sequestrare così tanto; la maggior parte del nostro tesoro va allo sforzo bellico, ma possiamo rallentare alcuni progetti interni e scremare il massimo. Farlo a te sarà completamente un altro problema. Arbor sarà curioso se una carovana viene inviata attraverso la sua foresta da Alkandra a Castle Thorum, e lei non è più la tua schiava. Per non parlare delle spie di Zander.»

«Non può passare attraverso Castle Thorum. Ternias si è assicurato che uno dei suoi reggimenti lo mettesse al sicuro in modo da poter incanalare denaro da Ardeni.

"Forte commerciale meridionale?"

«Leveria l'ha bloccato.»

"Cerca di convincerla a sbloccarlo."

“Cosa, con il mio cazzo? È la sua unica leva contro i nani.»

Mi sono pizzicato la fronte, cercando di pensare alla mia ubriachezza. Se c'era una persona viva che conosceva la Grande Foresta quanto Arbor, quello ero io. C'erano mille anni di conoscenza ereditata nella mia testa, appresa da innumerevoli ore di riversamento su antiche mappe, appunti di esplorazione e registri di geometri. Ho distrutto la mia mente e ho trovato la risposta. “The copper mines,” I said, “they tunnel for hundreds of miles. They even go beneath the Knife River, though it’s caved-in on the Highland side. You’ll have to get someone to clear that out.”

“The copper mines, as in the vampire-infested underbelly of the Great Forest?”

“Arbor can’t see it, and Zander’s spies sure as shit won’t be there.”

“I feel like that’s beside the point.”

“I just so happen to have a surplus of vampires here.”

“Titus would never in a million years betray Yavara for the Highlands.”

I touched the healed bite marks on my throat. “Who said anything about him?”

Elena opened her mouth as though to object, then closed it, and nodded. “I’ll tell Huntiata that his money’s on its way.” Lei disse.

I snorted. “Look at us, rangers on a mission again.”

“Only this time we’re actually saving the Highlands instead of just pretending to.”

“Yeah…” I trailed off. Most of Adarian’s wounds had faded within Adrianna, but that was one of the few that was still open. “Well,” I said, “see you later, Tiger.”

“Goodbye, Commander.”

No sooner had my hand left the glass, then the red light illuminated once more, and another sigil flashed. This one was also from Bentius, and it was a symbol I recognized immediately. I stared at it for minutes, hoping it would go away, but it just stayed there. Somewhere, across forests, fields, hills, towns and cities, there was a woman with her finger on the glass, waiting for me to answer the call—no, expecting me to. It was my duty, after all, to answer that call. And it was that part of Adarian, that goddamn festered wound of misplaced honor and fealty that compelled my hand. I touched the glass. Her face came into view. She didn’t even flinch when she saw the woman staring back at her. She looked at me like she always had, and it felt like home. “Thomas Adarian,” she said, “your country needs you.”

LEVERIA

It had taken all my emotive skills not to let my jaw drop when I first saw her. The angle of her nose, the line of her jaw, the particular hue and shape of her blue eyes all bespoke Thomas Adarian, but the naked beauty watching me through the glass was something far greater than the ranger she had been. Like Elena, a great intelligence played behind her eyes, a gorgeous expressiveness moved across her face, and the motions of her body were unconsciously fluid, a grace that could not be taught. I had thought that Elena was special, and indeed, she was, but she was no longer unique. When I looked at the woman who had been Thomas Adarian, it occurred to me that I was staring at evolution, and it terrified me.

“I’m in my country.” She said after some time.

“I never discharged you, Ranger.”

“Ranger?” She laughed easily, and my eyes were drawn to the way her elegant throat contracted with her mirth. There were bite marks there, each surrounded by suction prints. When I looked closer, I saw that they were everywhere; her nipples, her belly, her wrists, her thighs. She caught my eyes, and a knowing glint shone in hers.

“Vampires,” she smiled with impossibly-lush lips, “a ranger’s greatest fear; now my pleasure.” She lounged in her bed, displaying her tattooed flesh without shame, “There is no ranger here, Leveria.”

“You will call me by my title!” I snapped at her.

She giggled, licked her fingers, and languorously drew her hand between her breasts, down her belly, through her trimmed blonde fur, and between her legs. She sighed as she penetrated herself, and her almond-shaped eyes lidded heavily with lazy lust. “In case you’re not getting the message,” she moaned, “I’m telling you to go fuck yourself.”

I could feel my face burning, and I could tell by the smirk on Adrianna’s face that it satisfied her in more ways than one. She curled her fingers inside herself, and spread her thick bronze legs to show me the film of lust that coated her sucking netherlips. “If you could hold that facial expression for a little longer…” she groaned, “…that would be… oh… that would be fantastic.”

My face burned even hotter.

“That’s it!” She hissed around a lip-biting smile, “That’s the look I need to see from you. Just… hold it a little… longer…” Her adventurous right hand appeared between her legs from behind her, and extended two exploratory fingers that snaked through her delicious crack, and penetrated her pink anus. She rested her head on the pillow, and moaned splendidly as each knuckle disappeared into her gripping aperture, and began to twist.

My face felt like it was on fire. With a hand shaking in fury, I splayed my fingers to palm the glass. I stopped myself. I took two deep breaths, and let them out through my nose. Then I sat back in the chair, hoisted up my dress, and pulled the skirt up to my belly. Adrianna’s eyes widened a fraction. I hooked my thumbs into my panties, and scooched the fabric from my crotch, down my legs, and off my ankles. Her eyes widened more. I planted my heels into the cushions, spread my alabaster legs wide open, and revealed the bejeweled plug I kept inside me. Adrianna’s eyes nearly bulged. Now it was my turn to smirk. I forked my pinky and forefinger about my bald slit to spread it, and plunged my middle and ring fingers inside. I moaned luxuriantly as my thumb played with my clit, and my other hand came around to grasp the bejeweled end of the plug, and slowly extract it. The anal suction pulled my rim from my pelvic floor until the plug finally popped free, then I pressed the smooth metal point back against my coiling aperture, and began to sodomize myself with it.

“I’m sorry for my lack of manners, Governess.” I grinned through breathy moans, “I should’ve known the proper customs for an Alkandran diplomatic meeting.”

The shock left her face, and was replaced with a sneer. “I see Elena’s rubbed off on you.”

“Many times!” I laughed through a gasp.

She tittered, her face falling back into an easy expression of lust, her fingers recommencing their filthy exploration. “I’ve had fantasies about you, you know.” She sighed splendidly, “When I was a man, I quite enjoyed the idea of bending you over your throne, stuffing your panties in your mouth, and fucking you into a coma.”

“Funny,” I groaned, “my fantasies about you were quite the same.”

“You fantasized about me?” She raised her blonde brows.

“Every noble girl in the court did!” I giggled, “The tall, brave, stoic Thomas Adarian. So chivalrous, so dignified. You’d bow before my throne like a proper knight, and eat my pussy like a gentleman.”

Her lips twisted. “So, not quite the same.”

“Oh, after a few flicks of the bean I’d get bored with that gay shit, and you’d grab me by the hair, drive me into the back of the throne and fuck me brainless.”

“What could have been.”

“I would’ve had you in chains if you’d taken one untoward step.”

“I like where this is going.” She chuckled, her eyes traversing me with an appraising gleam, “I always imagined you to be a skinny bitch under all that royal garb. It irritates me a little that you’re so fucking hot.”

“The feeling’s quite mutual.” I groaned, exploring myself to the sight of her.

She twisted her hips in pleasure, her athletic belly stretching to reveal its striations, her proud breasts protruding in defiance of gravity as she arched her back. Her toned legs bent to reveal the shadows of soft muscle, her wide hips angling to display the globular bulges of her perfect bronze ass. She flattered me with her words, but I could tell by her expression that my attractiveness was merely a surprise to her, and not a revelation. For Alkandra harbored beings of unparalleled beauty, and she was one of the foremost. Even now, she looked upon me like I was a lesser, a mere sexual curiosity that she would enjoy and then discard before seeking a more worthy partner. I knew then that I had to keep Elena away from that place, or I would lose her to it forever.

“Well, Leveria?” Adrianna growled splendidly, “Why did you interrupt my morning?”

“Your duty to the Highlands has not been fulfilled.”

“A ranger’s duty is fulfilled with his death. Thomas Adarian is dead.”

“Is he?” I queried behind a moan.

She narrowed her eyes at me. “What do you want?”

“To save the Highlands.”

“You’re the reason they need saving. Why should I listen to you?” She moaned, her legs slamming together as a spasm wracked her loins.

“Whatever Yavara promised you to keep you on her side was misguided foolishness on her part. You must know this war will not end well, or you would not still be talking to me.”

“Seeing the queen of the Highlands debase herself for my amusement isn’t reason enough to talk to you?”

“For your amusement?” I twisted the plug in my ass, greasing my sodomy with the fluid that leaked from my pleasured slit, “Like you, I am a patriot. I will do whatever it takes to save my people.”

“Then perhaps you should abdicate, and give yourself up to your sister.”

I groaned as my thumb turned my clit into a pulsating bead, each brush sending delightful tingles deep into my nethers. “If the Highlands bends even a fraction, it will never rise again. You know this. Long after I’m dead, you will watch the nation you were born to crumble. We stand at the fulcrum of history. There can be nothing less than victory.”

“There is no victory for you!” She growled, elevating her pelvis from the bed as she ascended from within.

“There can be, but I need you, Adrianna.” I hissed, the intense weakness of orgasm turning my insides to jelly, compelling my legs to flex as spasms coursed through me.

“What do you want?!” She cried, writhing in her ecstasy.

“To bring the Lowlands into the war!” I yelled with her, squirming in my chair, my hands becoming wet with my arousal.

“How?!”

“We must kill Prince Matthew Dreus!”

“WHAT?!” She screamed, and the orgasmic wave broke inside of her, turning her into a wriggling mess of shoulders and hips as her limbs closed in on herself, holding her inside and out through the torrent of sensation. I broke with her, my anus contracting around the metal plug twisting into its flesh, my pussy clamping down to consume my fingers, salivating upon my palm, drooling down my taint. We exalted in our mutual masturbation, staring at each other, pleasuring our eyes with the sight of the other’s compromised expressions and helpless reactions. When it was done, we were left panting heavily, our flesh glistening with the afterglow of lust.

“What did you say?” She hissed, wrath rising in her eyes.

“If it is done to seem like an Alkandran plot,” I said carefully, “King Dreus might not care for his second son, but he will be forced to act to save face. He will bring his navy to blockade the Alkandran bay, and force Yavara’s army from our border. Then I will offer her terms, and our nation will exit this war intact.”

“Fuck off.” She growled, reaching toward the mirror.

“Is one Lowlander’s life worth fifty-thousand Highlanders?” I snapped, “Because that is the lowest price the Highlands will pay for losing this war! I will not capitulate until every man atop the Rift is dead! Will you do whatever it takes, Thomas Adarian, or has Yavara raped the last of your honor away?”

Her hand stayed poised over the glass, then withdrew. Her eyes told me she hated me, but I saw in them, some of the old ranger commander. She stared at me for a long time, and I stared back, unflinching. She took two subtle breaths, and asked, “What must I do?”

ZANDER

The Highland Plains were beautiful in the fall. Unharvested wheat moved like granular waves across the rolling hills, catching the sun in a billion different specks. I was disguised as a middle-aged high-elf, my armor decorated resplendently, my horse of the greatest stock. My posture bespoke my conceit from a hundred yards away, and my wealth was displayed across my fingers and neck.

I was in the Feractianas province, about fifty miles south from the Highland Rift, and a hundred west from the Knife River. I’d flown in as a bird, and everything about me, from the horse to the armor, was but an illusionary spell. In truth, I’d sequestered a donkey from a nearby field, and were it not for the shielding spell, I would smell quite like cow shit. I came upon a quaint farming village, and rode into it. High-elves liked to think themselves racially superior, but poverty was the same for all people. The destitute farmers stared at me with grubby faces and slack jaws, their clothes more rags than garments, their tools more rust than metal. All the young men were gone, leaving only the women, elderly and young. I flashed a dazzling smile to some of the teenage maidens, and I saw their desire, and their fathers’ hatred.

I trotted to the town square, which was barely more than an old lumber yard, chopping blocks strewn all over the place to create makeshift benches and tables. I walked to the old shift bell, and rang it. “Taxes!” I called, “Taxes, taxes, taxes! Lord Feractian needs funds for the war effort, and the homeland must provide! Support our brave boys in gold as they fight for your lives!”

“Taxes?!” An old man screamed, hobbling out of his shop, “We already paid this month’s taxes!”

“Taxes will now be collected bimonthly.” I announced.

“What taxes?” Yelled a woman of younger years, “We have naught but the clothes on our backs!”

“Those who cannot pay their taxes will be imprisoned for tax-dodging. We have a duty to our country, and we must all pay our fair share.” I smiled, letting the rings on my fingers catch the sunlight.

The townsfolk had all come out of their houses and shops, and as the information was passed to the newcomers, a murmur of anger began to simmer from the crowd. One man stepped forward.

“How much do you need?” He asked.

“Three-hundred gold pieces.”

The murmur swelled, a few shouts and hisses mingling with it. The man spat on the ground before me. “One of those rings ought to be worth that. Why don’t you give us that emerald one on loan, and we’ll send it to Lord Feractian? I promise we’ll pay you back, mister.” He sneered, and the townsfolk laughed in concurrence.

“You want this ring?” I asked, pointing to it.

“Aye, that one!”

I dismounted from my horse, strutted to the spokesman, and backhanded him so hard that he spun in the air before he hit the ground. “There,” I said, and spat on him, “and don’t worry about the interest.”

“Bastard!” Another man screamed, and charged me.

“Daddy, no!” Screamed a girl. I waited until the man was a stride away before I cast my spell, and he stopped in midair. The crowd went suddenly silent, whispering only the frightened words, “mage” and “warlock.”



I examined the petrified man with an imperious smile. “Very amusing. Are you the town jester?”

“Bastard!” He snarled through gritted teeth.

“Oh, you’re not joking? That means you just assaulted a government official; the sentence for assaulting a government official is death.”

"NO!" Screamed the girl once more. She burst from the crowd, her platinum hair alight in the sun, her freckled pale complexion painted over a beautiful blue-eyed face and nubile body. I could tell by the way everyone looked at her that she was the pride of the village. Undoubtedly, she was brave and bold just like her father, and it hurt me to know what I was going to do to her.

“My, my, you’re a pretty thing.” I grinned broadly, “Like a flower grown from a dung pile. How did this backwoods shithole produce someone as fair as you?”

“Let him go!” She demanded, stomping her foot to punctuate the statement.

Sospirai. “I would love to, truly I would, but the queen’s law is the queen’s law, and we all live under her benevolent rule. He must die, or there will be no justice.”

“Justice?!” She cried, “How is this justice?! We have nothing! Lord Feractian has already taken our brothers and sons, and all our gold too! All we have left is the harvest, and not enough hands to reap it!”

“You have nothing to pay me with?” Ho chiesto.

“Will you take the stones from our houses?! No, we have nothing left to pay you! We have nothing at all!”

There was a concurrent grumble from the populace. I examined them, watching as each averted their gaze from mine, but not her. “What’s your name, girl?” Ho chiesto.

“Esmerelda Giana.” She said with her chin held high.

“And what is your virgin price, Esmerelda?” I asked, my grin turning sardonic. A deathly silence fell upon the crowd. Esmerelda turned paler than she already was, her bottom lip trembling. I hated to see the gusto leave her. Such pride she’d had, so solid was her foundation, and yet the society she was born to had placed a fatal weakness in every unmarried woman.

“Do you not know?” I asked her, then turned to the man floating in the air, his face contorted in purple hatred. “What about you, good sir? You must know your daughter’s virgin price.”

“Kill me you fucker!” He bellowed.

“One-hundred.” Esmerelda said quietly.

“That’s all?” I mused, “In Bentius, your father could command twenty times that!” I walked to her until I stood only a foot away, then I put a hand on her shoulder. She shuddered, trying with all her might to maintain eye-contact, trying to quell the shaking of her balled fists, and the tremble of her lips.

“Is it a fair price?” She whispered, “For the debt my village owes? For my father’s life?”

“It is.” I said, and stroked her neck. She could not conceal her terror then, and I felt like every-bit the bastard I was. Maybe if she knew she was fighting a much greater battle, it would’ve been easier on her conscience, but she could not know the breadth of her sacrifice. I doubted she ever would.

“Then I will pay it.” She said so quietly that it was barely a whisper, but the village was so silent that all heard it.

My hand moved to the clasp of her dress, and hers shot out to meet it. “What are you doing?!” She hissed.

“Taking what I am owed, dear child.”

“NOW?!” Her eyes went wide.

I smiled, and touched her trembling lower lip with my thumb. “Now.” I said, and pulled her clasp loose.

Her dress cascaded from her body. She vainly tried to keep her modesty, but the shock of the moment fried her reactions, and she pawed frantically at cloth that was no longer there. It slid off her full pale breasts to reveal her ruby nipples, cascaded from her soft belly to expose her naval, clung to her wide hips for just a moment before slipping off, and displaying her thick succulent thighs, and the blonde fur between them. She crossed her legs over each other and her arms over her breasts, and spun frantically, the panic rising in her eyes. No one came to her aid. The ruddy faces of the townsfolk were filled with horror, sapped of wrath, broken of spirit.

“Save her, you cowards!” Esmerelda’s father roared.

“Dad,” Esmerelda whimpered, “don’t look!”

“Save her!” He wailed once more, tears coming from his eyes. I put a muting spell on him, and his anguished call was silenced.



I put my arms on Esmeralda’s bare shoulders, and massaged them with my thumbs. I pressed my front to her back, and she froze when she felt my cock pushing against her tailbone. “No one is going to save you, Esmerelda.” I whispered as she quivered in my hands, “They’re all just going to watch. Let’s give them a show, shall we?” I reached out with one hand, and a chopping block skidded across the lumber yard. I reached out with the other, and another block did the same. They rested four feet apart before us, each the same height. “Step up, Esmerelda.” I commanded softly.

“No.” She hissed, tears streaking down her face.

“Yes.” I chuckled, and cast another spell. Without her permission, Esmerelda’s legs moved, stepping upon one block, then the other. The blocks were too far apart for her to stand upright, and so she was forced into a wide stance. Still having autonomy over her arms, Esmerelda vainly tried to keep her modesty with one hand over her crotch, and her other arm crossing her breasts. It was an alluring pose, a celebration of virgin innocence and elven propriety, and so I let her strike it before her friends and family. Perhaps they would make a tapestry of it one day; ‘The Rape of Esmerelda.’ A fitting monument to the coming rebellion.

I cast a third spell. Rope suddenly lashed around each of Esmerelda’s ankles, then like striking serpents, the two pieces snapped upright to snag her wrists. The binds tightened, the slack shortened, and soon each wrist was bound to each ankle, forcing the virgin elf into a wide squat. Her bulbous cheeks were spread, her thick thighs were splayed, and when I moved behind her to push on her back, her torso was forced upright, displaying her ample breasts, and bringing her pelvis forward to reveal her tight pink slit.

“Much better.” I said from behind her, brushing her fine hair over her left ear. I cast a final spell, and a dog collar formed around her elegant neck, the leash in my hand. Though her cheeks were wet, and her body quivered, she kept her head held high, unyielding even now. I was proud of her in a way.

I turned to the horror-struck townsfolk, and sneered. “This is the price that must be paid, good people of Feractianas,” I said, “this is what your liege commands.”

I undid the front of my robe, and the townspeople gasped. I needed no illusions spell here. I pressed myself against her back, and she looked down to see what everyone else was gawking at. Her jaw clicked open. My organ pulsed between her legs, thick and long, red with pressure. The color drained from her face, and she swallowed, but she did not ask for mercy. I turned my eyes to her father, and studied the look of terrible resignation on his face.

“She is of excellent stock.” I said to him, “you should be proud to have built such a fine young bitch.” I angled my cock beneath her, “I thank you for raising her for me.”

The tip of my member pressed into the taut folds of Esmeralda’s pussy. Her breath caught. I rubbed my tip back and forth through her petals, slowly coercing her feminine moisture from her. She couldn’t help herself, and she gritted her teeth as though in combat with her body, but she was a woman, and she could not tame biology. For many girls, it was a great awakening to realize the wildness of their blossomed forms, but for poor Esmerelda, it was the deepest of betrayals.

“You’re getting wet,” I chuckled in her ear, “and everyone can see it.”

A tear of frustration pathed her beautiful freckled cheek. “You can take me,” she hissed, “but you cannot have me.”

“No?” I asked with a raised brow, and let go of her leash, “I will not force you, Esmerelda. You will defile yourself willingly.”

Of course, there was no choice to be had. In her squatting position atop the blocks, all she could do was vainly battle gravity. She fought valiantly. Her legs quivered, the muscles showing through the silken flesh, her entire body glistening with the strain of keeping her virtue for a few more precious seconds. I stayed behind her, holding her gently by the hips, not taking her, only rubbing my cock between her folds, encouraging the weakness of her pelvis, the feminine reflexes that would compel her to open herself both inside and out. She dripped down my shaft, her petals blushing, her slit becoming hotter. The onlookers watched; horrified, disgusted, enraptured. She growled and whined, beads of sweat running from her temples. I moved my throbbing tip in circles against her tight entrance, teasing it with what it wanted. Her thighs trembled, her entire back tensed, her hands balled into fists behind her ankles.

She dropped. Just an inch, but it was enough. My thick head entered her, and she cried out, barely catching herself. The crowd gasped. Though I was inside her, I had not yet broken her chastity, but I could feel the resistance. Esmerelda’s eyes were wide and trembling, her face struck with shock and revulsion, her entire being hinging on the sensation of the foreign invasion. Oh, she put on such a defiant mask, but she could not fight for long; not against the tandem of gravity and biology that beckoned her ever deeper. I stirred her entrance from the inside, playing with the receptive nerves there, compelling them to spread surrendering lassitude into the legs that branched her crotch. She thrashed and twisted, sputtered and snarled, and she descended another inch. She growled and howled, wrenched this way and that, and she descended yet another inch. She screamed and roared, tears pouring down her cheeks, and with a final wail, her legs failed her, and she impaled herself.

The town went silent. Only the sound of Esmerelda’s breathless gulps for air could be heard, her mouth opening and closing like a fish out of water, her eyes bulging and unseeing. I broke the tenuous silence with a groan of pure bliss. Her hot channel clenched around my nine inches, the moist embrace coiling about my shaft, the netherlips turned inward and enveloping me. Droplets of blood dripped from the wet seal of our joining, and splashed onto the dirt beneath the bridge of her legs. She sank to the final depth, her knees nearly level with her chest, her tight pussy consuming me to my roiling balls. Then, she screamed. It was shrill and tormented, and beautiful. I pulled out, and a flow of crimson came out with me, running in thick rivulets down my shaft. I exited to the head, then drove all the way in. Her head flung back, her hair flailing in an arc, and she shrieked to the sky. I thrusted again, and again, and again. I burrowed into her soft innards, sucked into her squelching sheath, held in by her clinging virgin lips. I grunted and growled from behind her, my hands no longer resting decorously upon her hips, but seeking her breasts, squeezing them wantonly. Her ass pillowed against my crotch, jiggling with every brutal impact, the soft warmth cushioning my loins, molding against me.

“Scream for me, scream!” I snarled, and she did, over and over, higher and higher with each thrust. The horror and pain were alight in her bulging eyes, contorting her beautiful proud face, striating her neck with tension. And still, I plowed into her, driving until there was no strength left in her legs, and I had to designate one hand to hold her aloft by her supple flank. She rocked to and froe, a slave to my motions, helpless to do anything but wail to her audience, her father foremost among them, watching with traumatized eyes as I ruined his daughter.

“What a bitch!” I grinned at him, heaving into Esmeralda with a fury of blasts, my breath punctuated with the slaps of flesh on flesh, the tenor of our joining becoming wetter and wetter. I yanked forward on the leash, and forced Esmerelda’s head to bow, making her see what was being done to her. Then I yanked backward on the leash, and presented her face to her father, mine grinning wickedly over her shoulder.

“Look at your daddy,” I laughed in her ear, “doesn’t he look proud of his little girl?”

She blubbered something unintelligible to him, and he screamed something back behind the muting spell I’d put over his mouth. It didn’t matter what it was. I just laughed and growled, driving, driving, driving, into the virgin elf cunt displayed between the jiggling alabaster thighs, breaking through the last resistances of her chastity, hollowing her. Each thrust was met with a wet squeeze of her innards, a welcoming embrace, a seizure of agony, a lewd massage that rolled up my length until my tip punched into her cervix. Over and over, scream after scream, grunt after grunt. Then, she began to change. The last of her chastity left her, the pain of the girl receding from the hole of the woman. In and out, in and out. The brutal repetition of her penetration continued, but the resistance within was dissipating. Through agony and terror, I had molded her to my shape and size, to my speed and force, to my avarice and heinous perversion. She could not help what was going to happen to her. She could not stop it. It was the horrible truth of rape, the reason why it was so terrible. If she were an experienced lover, she might’ve had a shield to guard her pride, but there was no such shield for a broken virgin.

Her screams began to wane, the tension within her back began to ease, the palsying of her legs began to quell. She did not notice these things at first, for her mind only knew the relief of pain in that moment. She did not notice the way her insides wrapped lovingly about me, no

Storie simili

Un sacco di piscio e merda..

Avevo solo bisogno di mettere su questa storia. Questo tipo di mi eccita. far sapere al mondo cosa ho fatto. spero ti piaccia e divertiti lascia commenti. Ciao, sono Sonia, un'indiana, una femmina. Questa è un'esperienza davvero fantastica che ho avuto e, per favore, non è un'opera di fantasia... è la sua vita reale... quindi allaccia le cinture di sicurezza.... Frequento un collegio.... in India stessa, e ho un bel corpo.... non molto sviluppato, ma è comunque bello da vedere e sono biondo.... ho i capelli lunghi, che mi piacciono levigato e raddrizzato.... Abbastanza su di me suppongo.... ecco la mia...

987 I più visti

Likes 0

HOBO Capitoli 12 e 13

CAPITOLO DODICI Mi sono svegliato presto la mattina successiva e sono stato in grado di alzarmi dal letto senza svegliare Michelle. Sono andato in cucina, ho preparato una tazza di caffè. Ho poi cucinato uova strapazzate, pancetta e salsiccia e stavo finendo quando Michelle è entrata in cucina strofinandosi gli occhi. “Cosa stai facendo?”, chiese sbadigliando. “Ci sta preparando la colazione. Per favore, siediti sullo sgabello”, mi sorrise, fece il giro del bar e si sedette. Le ho preparato un piatto e l'ho posato davanti a lei, poi le ho versato una tazza di caffè. Poi ho aggiustato il mio piatto...

265 I più visti

Likes 0

Brooke_(1)

Brooke Questa è la mia prima storia e, come tale, sii premuroso nelle tue critiche; solo critiche costruttive per favore. Se non ti piace questa storia, ce ne sono molte altre da leggere. I nomi sono stati cambiati per proteggere i miei fottuti compagni e, a loro volta, il mio culo. Durante la mia adolescenza, sono stato abbastanza sessualmente attivo. Essere un adolescente e anche frequentare un liceo cattolico per soli maschi ha solo favorito la mia libido. Per cominciare, io non sono un ragazzo piccolo. A quel tempo, avevo circa 6'3, 200 libbre e un atleta di prima qualità. Ho...

998 I più visti

Likes 0

L'uomo più piccolo

Stavo guardando le gambe di Jerry, mentre era in piedi sullo sgabello davanti a me. Aveva le cosce molto forti, e ho ammirato la sua forma mentre metteva la nuova lampadina nella plafoniera. Questa cosa è un dolore da raggiungere, ha detto Jerry. Poi, mentre lottava con il bulbo, i miei occhi seguivano le sue gambe muscolose fino al punto in cui si incontravano, e ho dovuto sopprimere uno sguardo fisso: c'era un nodulo che giaceva di lato, un piccolo nodulo, ma c'era un nodulo ben definito. Lascia che ti spieghi quello. Stavamo parlando del nostro recente gruppo di feste che...

898 I più visti

Likes 0

Capitolo 3 della mia serie; Rachel viene in primo piano

Leggendo questo ho scoperto che alcuni dei dialetti della mia zona si sono intrufolati, quindi per salvare tutti i commenti sull'ortografia e sulla grammatica, lo spiegherò. Usiamo me al posto di mio in alcuni casi e nostra madre è mamma, quindi quando Rachel dice Sono caduto dalla bici e Questa sono io mamma questo è corretto parlare per lei. Ci scusiamo per eventuali errori di ortografia, che sono passati. Avevo circa 24 anni e Susan 20 quando ci siamo sposati, in meno di un anno sono stato nominato capo custode, a causa del ritiro di Sid, questo mi ha dato più...

811 I più visti

Likes 0

L'Harem dell'Imperatore - Parte 2

2. Mi sono svegliato la mattina dopo con la mia imperatrice drappeggiata su di me da dietro. Il suo braccio agile mi abbracciò il petto e sentii i suoi capezzoli contro la mia schiena. Avevo sposato Rayne per motivi politici, la crescita del mio regno richiedeva l'annessione di uno adiacente, praticamente delle stesse dimensioni di Marad. Sebbene i miei generali mi assicurassero che la capitale poteva essere catturata e la terra aggiunta alla mia, il costo del sangue era troppo grande per me da sopportare. Fu organizzato un matrimonio che avrebbe unito i nostri due imperi, ma in effetti Corlan fu...

755 I più visti

Likes 0

Violentata da Bigfoot

Questa è la mia prima volta dal punto di vista di una donna. Fatemi sapere cosa ne pensate e se dovesse continuare... Violentata da bigfoot È stato uno strano incidente che mi ha portato a questa situazione. Avevo un po' di freddo, completamente nudo, avevo un mal di testa martellante, una caviglia dolorante ed ero intrappolato in una grotta a metà di una montagna. Non ricordo di essere stato portato qui, ma la creatura che deve avermi salvato la vita doveva vivere qui. Non l'ho visto molto, dato che ha lasciato la grotta verso l'alba. Ricordo solo di essere scivolato su...

993 I più visti

Likes 0

Ragazze della California 3

Ragazze della California 3 Oh merda, sono le 7 del mattino esclamò Kate. Wow, siamo stati tutta la notte, sorrise Hannah, siamo delle puttane arrapate rise. No, sul serio, è un male, mia sorella sarà a casa tra mezz'ora. Kate ha detto alzandosi in piedi, Uh, merda a me le gambe, gemette, strofinandosi le ginocchia, agh e il mio bacino sembra come se qualcuno l'avesse battuto con un martello. Wow la scorsa notte è stato divertente sorrise Hannah ancora di più, Dovrei prendermi un cane! . Preoccupati dopo, aiutami a ripulire un po' di questo sperma, è ovunque! Merda è ovunque!...

862 I più visti

Likes 0

Perdo la verginità(8)

L'ho incontrata su un sito di chat su Internet. Vivevamo a 800 km di distanza, quindi non ho avuto problemi a flirtare come un matto. Mi ha detto che è alta 1,5 m, lunghi capelli biondi e occhi azzurri con un corpo sexy. Beh ovviamente l'ho presa in giro e le ho detto che se non mi manda una foto non le crederò, mi ha chiesto se le foto di lei sarebbero state solo per i miei occhi ed essendo il ragazzo che sono le ho dato la mia parola, aspettandomi una foto molto cattiva. Quello che ho ottenuto è stata...

827 I più visti

Likes 0

Vendetta in Cina

Jack era incazzato. Ancora. Ancora una volta il suo datore di lavoro cinese lo aveva imbrogliato. Non solo la sua paga era in ritardo, di nuovo, ma il bastardo si era inventato delle deduzioni stronzate. Jack era irritato. Era in Cina da appena sei mesi e aveva tre datori di lavoro. Ognuno di loro lo aveva imbrogliato in qualche modo. Nessuno lo aveva mai pagato in tempo. Nessuno lo aveva mai trattato in modo amichevole. Lo trattavano tutti come un nulla. Solo un altro straniero da attirare in Cina e imbrogliare. Jack aveva deciso. L'indomani avrebbe attraversato il ponte per Hong...

152 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.