Il fratello del mio migliore amico Pt. 4

1.7KReport
Il fratello del mio migliore amico Pt. 4

Il pomeriggio successivo io e Abigail eravamo a casa di Danni, quella mattina mi ero guadagnato uno schiocco in bocca per essermi lamentata di essere troppo vecchia per fare la babysitter. All'inizio è stato imbarazzante per me essere lì, ma Abigail è saltata subito dentro e ha iniziato a giocare con uno dei loro tanti animali esotici. Io e Danni siamo andati nella sua stanza per guardare un film e mi sono sdraiato a letto con lei con cautela, cercando di non sdraiarmi sulle mie ferite.
“Danni, non volevo fare sesso con lui. Veramente." Ho iniziato. Lei mi ha guardato. "Mi ha violentato Danni."
"Lo so." Lei disse.
I miei occhi si sono spalancati, "Cosa?"
«Lo fa anche a Margot.» Disse piano. "Facciamo quello che ci dice".
«Te l'ha fatto?» Ho chiesto.
«No», rispose lei, «ma mi ha messo le dita dentro. Sono troppo grassa perché gli piaccia.
Danni era paffuto, circa 150 libbre, ma in questo caso, non credo che mi sarebbe dispiaciuto essere un po' in sovrappeso.
Abbiamo guardato il nostro film e poi abbiamo preparato la cena per tutti. Non c'erano più posti a sedere in soggiorno per me, quindi Bridget ha parlato: "Perché non ti siedi in grembo a Brandon?" Ha suggerito. Ero confuso. "C-cosa?"
“Mi hai sentito, siediti sulle sue ginocchia. Sono sicuro che non gli dispiacerebbe.
Ho guardato Brandon e lui mi ha fatto cenno di andare da lui, quindi, con riluttanza, l'ho fatto. Non ho capito cosa stava succedendo. Due giorni fa, Bridget ha detto che ero vicino a Brandon, e oggi vuole che mi sieda sopra di lui? Mi sono seduto sulle sue ginocchia con la mia scodella di purè di patate istantaneo e ho sentito immediatamente il suo cazzo diventare duro.
Tutti avevano gli occhi puntati sulla TV e non si sono accorti che Brandon stava lentamente macinando il suo cazzo su di me attraverso i nostri vestiti. Ho mangiato velocemente il mio purè di patate e sono uscito dalle sue ginocchia. Margot ed Eddie si stavano preparando a partire, quindi ho iniziato ad allontanarmi, ma sono stato fermato. "Ehi", Brandon mi afferrò il polso; "Puoi metterlo più tardi." Disse, e mi tirò giù con forza sulle sue ginocchia. Grugnii di dolore e sentii le sue mani che si muovevano dietro di me, aprendogli la cerniera dei pantaloni. "Mamma, Danielle, ho bisogno di un po' di tempo da solo con Kylie."
Eddie e Margot se n'erano andati, e Bridget e Danni erano andate in diverse parti della casa. "Oh mio Dio, a Bridget non importa nemmeno!" Ho pensato.
Ho sentito le sue grandi mani allungarsi intorno ai miei fianchi e sbottonarmi i pantaloncini. "Brandon, per favore, smettila." Lacrime appena formate mi bruciavano gli occhi.
"Stai zitto." Egli ha detto. Mi sollevò e mi tirò un po' giù i pantaloncini e le mutandine. "No, no Brandon..." Potevo sentire Danni parlare con Abigail, e Bridget in cucina accanto a noi che lavava i piatti. Ho capito che niente lo avrebbe fermato. Ho sentito il suo cazzo sulla mia schiena, poi mi ha sollevato di nuovo e ha aperto le labbra della mia figa stretta con le dita e ha premuto la sua grossa testa di cazzo contro il mio ingresso. "Troppo grande..." dissi piano, le lacrime mi rigavano le guance, sentendolo spingere dolorosamente forte per farlo entrare in me.
"Fanculo!" gemette, irritandosi. Mi ha afferrato i fianchi e ha spinto il suo cazzo contro di me, e con un "pop" la testa ha spinto dentro. Mi sono morso forte il labbro inferiore, cercando di non gridare, ma gemendo per il dolore.
"Ohh merda Kylie." Appoggiò la testa contro la mia schiena e inalò il profumo dei miei capelli. Mi avvolse le braccia intorno alla vita e abbracciò il mio corpo mentre mi impalava più che poteva su se stesso. I suoi jeans in denim graffiavano il mio fondoschiena malconcio. Si è tirato fuori circa a metà e poi ha cercato di rientrare, ma non c'era quasi lubrificazione. “Mamma! Portami un po' di quel detersivo per i piatti! E vieni a prendere questi fottuti piatti! Ha urlato.
Bridget uscì dalla cucina aprendosi sul soggiorno con una bottiglia di detersivo per piatti verde. "Mmm prendi il suo bambino buono." Bridget ha commentato, vedendomi incastrato pateticamente sul suo cazzo, gli ha passato il sapone, ha afferrato i piatti dal tavolo accanto a noi e se n'è andata. Ero disperatamente confuso.
"Alzarsi." Disse piano, mi staccò dolorosamente dal suo cazzo e mi fece sdraiare sul pavimento davanti a lui con il culo in aria. "Dannazione, ho davvero fatto un numero a quel tuo dolce culetto." Ridacchiò. Ha spruzzato il sapone verde tutto sulla mia figa e ha allineato di nuovo il suo cazzo con me, questa volta spingendomi molto più facilmente, "Dannazione, la tua figa è così stretta Kylie." Mi afferrò per le spalle e si spinse dentro il più lontano possibile, gemendo forte, “e la tua figa è tutta mia. Ho preso la tua ciliegia, vero? Quindi ora appartieni a me. Ha pompato dentro e fuori di me lentamente, "ahh dio... mmm, sono quasi sballato..." gemette.
Le lacrime mi offuscarono la vista mentre appoggiavo la testa a terra e Brandon mi fotteva dentro e fuori. Mise le sue braccia sotto le mie e tirò su il mio corpo in modo che il suo cazzo affondasse completamente dentro di me, "Owwie...ahh Brandon..." Ho pianto e lui mi ha abbracciato e mi ha morso forte il collo. "Ah, per favore, ferma Brandon!"
"Ohh merda, ohh, mmm..." Ha spruzzato il suo sperma caldo dentro di me, ancora e ancora, ha passato le dita tra i miei capelli brutalmente mentre mi ha scopato lentamente, la mia figa spremendo ogni goccia del suo sperma dentro di me involontariamente. “Mamma! Portami del nastro adesivo! Gridò, senza fiato.
Ancora imbottita del suo cazzo, ho sentito Bridget frugare nei cassetti. "Sbrigati cazzo!" Lui gridò. Bridget si precipitò fuori con un rotolo di nastro adesivo e guardò il mio corpicino maltrattato sotto suo figlio. "Bene?" Lui la guardò: “Cosa stai guardando? Esci da qui!" Mi fece un sorrisetto e si voltò per andarsene.
"C-cosa stai facendo?" chiesi tra le lacrime, sentendolo strappare un pezzo di nastro adesivo.
"Ti sto chiudendo la figa." Ha detto in modo pratico. "Ti darò un fottuto bambino, quindi stanotte manterrai il mio sperma dentro di te."
"M-ma Brandon", ho iniziato, "domani ho scuola".
"Così? Ti faremo una bella doccia calda domattina. Ho sentito il nastro adesivo appiccicoso sigillarmi. Mi fece girare sulla schiena e mi si mise a cavalcioni, baciandomi dolcemente le labbra e il collo. Mi guardò e sorrise, scostandosi i capelli castano scuro dagli occhi luccicanti.
Mi ha asciugato le lacrime. “Non è così male Kylie. Collabora e non ti farei così male. Brandon si alzò e mi tirò su le mutandine, poi mi alzò e mi tirò giù i pantaloncini, tra le mie gambe i miei piccoli genitali pulsavano per il dolore. Ogni centimetro della parte inferiore del mio corpo era gonfio.
Brandon mi prese in braccio e mi accompagnò nella stanza di Danni, dove erano lei e Abigail, e mi adagiò sul letto, passandomi le dita tra i capelli, poi disse alle altre ragazze di andare a letto.


Ho sentito un caldo bacio sull'orecchio nell'oscurità, che mi ha svegliato. "Dai, è ora di svegliare Kylie." Ho sentito dire da Brandon. Era così presto che nessun altro allarme era ancora scattato. Ho guardato l'orologio mentre strisciavo fuori dal letto di Danni, dolorosamente e con riluttanza, seguivo Brandon.
5:30
"Perché ci alziamo così presto Brandon?" ho piagnucolato. Non ha risposto, ma mi ha semplicemente afferrato il polso e mi ha trascinato in bagno e ha chiuso la porta dietro di noi.
"Entra nella vasca", Brandon sbadigliò e mi afferrò di nuovo la mano, "Aspetta, prima spogliati." Con dolore, mi abbassai le mutandine e mi tolsi la maglietta, esponendo tutto il mio corpo a lui. "Va bene, ora entra." disse sfregandosi il sonno dagli occhi e togliendosi la camicia.
Entrai e mi fermai contro le piastrelle fredde della parete della doccia, il mio corpo completamente nudo accettava la striscia grigia di nastro adesivo che nascondeva lo sperma di Brandon dentro di me. Si chinò e mi mise la mano sulla bocca con forza e afferrò il nastro, strappandolo brutalmente e facendomi urlare nella sua mano. Il suo sperma iniziò immediatamente a colare lungo le mie gambe e gocciolare sul pavimento della vasca. Mi sentivo disgustoso. Aprì l'acqua calda e regolò la temperatura nel modo giusto, si abbassò anche i boxer e si avvicinò dietro di me sotto il getto caldo dell'acqua.
Ho sentito le sue grandi braccia avvolgere il mio corpo e scendere lungo la mia pancia magra fino alle mie parti intime senza peli, che erano appiccicose per via del nastro adesivo. Lo sentii baciarmi e mordermi il collo e spingere lentamente il suo grosso dito medio dentro di me, facendomi gemere involontariamente e stringere il suo dito. "Mmm, lo adori." Sussurrò, mordendomi il lobo dell'orecchio.
Ha preso del bagnoschiuma accanto a noi senza togliere il dito e ha spruzzato il sapone rosa sull'addome e sul petto. Tuttavia, mi ha toccato con le dita e ha strofinato il corpo gorgogliante su tutto il mio corpo, che stava iniziando a tremare per la voglia di venire.
"Cazzo, vieni per me, puttanella!" Disse infilando il dito dentro di me un'ultima volta prima che il mio corpo si piegasse in due e la mia figa si stringesse forte su di lui, urlando e venendo forte.
"Ah, sapevo di poterti convincere a venire per me." Lui ridacchiò e sollevò di nuovo il mio corpo e lo premette contro il suo e mi tenne e mi baciò la sommità della testa sott'acqua. "Stai fermo", mi ha messo lo shampoo nei capelli e ha proceduto a lavarmi davvero.

Dopo che abbiamo finito con la nostra doccia, Brandon mi ha asciugato e mi ha consegnato i vestiti che aveva scelto per me. Una maglietta attillata arancione e un paio di pantaloncini corti di jeans. "Mio padre mi ucciderebbe se lo indossassi a scuola!" ho dichiarato. Ha solo riso di me.
"La piccola ragazza di papà." Mi ha preso in giro, "Beh, ascolta, sei la MIA bambina adesso, e questo è quello che indossi." Ha detto molto bruscamente.
Ho preso i vestiti, li ho indossati e ho aspettato nella sua stanza mentre si cambiava. Mi ha pettinato i capelli e li ha raccolti in una coda di cavallo, prestando particolare attenzione, come se fossi in realtà la sua bambina.
Tutto questo era durato circa un'ora e tutti si erano alzati e si stavano preparando per la scuola. Brandon prendeva sempre la sua macchina e le ragazze prendevano l'autobus. Ci sono voluti circa 30 minuti per arrivare a scuola. Brandon afferrò le sue chiavi. "Andiamo, Kylie." Disse gettandomi lo zaino ai piedi e aprendo la porta d'ingresso.
Ho seguito con riluttanza.

Storie simili

Diventare Zoe

La mia futura moglie Annie aveva accettato un lavoro fuori città e la vedevo solo ogni due settimane circa. Mi mancava così tanto. Lei ed io eravamo diventati amanti a distanza. Aveva un volo di ritorno a casa venerdì sera. Stavo andando a prendere suo figlio Zakk dal suo dormitorio e noi due saremmo andati a prenderla all'aeroporto e ci saremmo goduti il ​​fine settimana insieme. Zakk è al suo primo anno di college e sta studiando per diventare un truccatore per il teatro e lo schermo. Lui e io non ci siamo davvero conosciuti e questo doveva essere il fine...

1.1K I più visti

Likes 0

La banda pt1_(0)

La Banda. pt 1 Questa è la mia prima storia in assoluto, quindi per favore sii gentile nei tuoi commenti. Sono ben accette critiche costruttive. Sono Sarah, ho 26 anni e lavoro in una banca come consulente per piccole imprese. Ho lunghi capelli castani, sono 5'7 taglia 10 con seni piccoli ma impertinenti 32B. Vado in palestra almeno 3 volte a settimana quindi sono in buona forma e sono single da un paio d'anni, anche se mi sono divertito. Comunque ti racconto la mia esperienza con una gang di East Leeds. Era un venerdì e la mia migliore amica Vicky era...

923 I più visti

Likes 0

All'improvviso, tabù

All'improvviso, tabù Se sei un ragazzo abbastanza bello con una personalità gradevole, bravo a chiacchierare con le donne e a muoverti molto, trovandoti nei posti giusti al momento giusto avrai i tuoi momenti di sesso quando meno te lo aspetti; questo è previsto. Ma quando all'improvviso, all'improvviso, senza alcuna indicazione, senza alcuna preparazione, senza alcuna preparazione da parte tua, ti viene servita una figa di prima qualità, e quella figa appartiene alla tua bellissima madre; allora sei un figlio di puttana fortunato. Sono un figlio di puttana fortunato! Una parente di mia madre ci ha inviato un invito al suo matrimonio...

768 I più visti

Likes 0

Allenamento 07

Mi è davvero piaciuto essere usato da Jim. La mia figa del culo sembrava vuota senza il suo grosso cazzo nero dentro. Il sesso con mia moglie era ancora soddisfacente, su questo non c'erano dubbi, ma stare con Jim era diverso. Ammetto di aver avuto una distrazione abbastanza significativa nella mia vita pensando a lui. Ero assolutamente brava al 100% a farmi usare da lui per il suo piacere, essendo la sua cagna o fica, se vuoi. Il piacere che ho provato nell'essere usato come un giocattolo da scopare da Jim era difficile da descrivere, anche a me stesso. Il mio...

345 I più visti

Likes 0

Il weekend di una figlia Pt. 2

Erano passate un altro paio d'ore e Savannah aveva finito per addormentarsi. Ho accostato il vialetto di ghiaia e mi sono fermato davanti alla nostra capanna di famiglia. “Savannah,” le scossi la spalla, “siamo qui”. Gli occhi di Savannah si aprirono intontiti e sbatté le palpebre diverse volte mentre si riprendeva e si orientava. Mentre Savannah si stava svegliando dal suo pisolino, sono scesa dalla macchina e sono andata al portellone del camion per prendere i nostri bagagli. Non riuscivo a smettere di pensare a prima, a come mia figlia avesse preso il controllo e mi avesse effettivamente succhiato. Era sbagliato...

1.6K I più visti

Likes 1

Risvegli 5_(1)

Risvegli 5 -------------------------------------------------- ------------- Tahir e il Capitano stavano analizzando i rapporti che stavano arrivando. Apparentemente, le precedenti azioni di Tahir avevano interrotto per un po' i piani del gruppo del dottore. Ci stavano lavorando da un paio d'ore, quando Tahir notò il rapporto di un cadavere. Gli ci volle un momento per leggerlo, voltandosi verso il Capitano, attirò la sua attenzione. Questo rapporto descrive in dettaglio un corpo che è stato trovato, ciò che sembra strano è che il corpo non aveva alcun cervello. Era quasi come se la cavità cranica fosse stata pulita con l'aspirapolvere. disse Tahir, porgendo il...

1.3K I più visti

Likes 0

Sesso sul treno

Tom è stato a Edimburgo per un incontro di lavoro. Era stata prevista una bella giornata estiva, quindi è vestito con pantaloni chino beige, scarpe brogue marroni, una camicia aperta bianca e un blazer blu. Con la sua pelle abbronzata, sembra piuttosto elegante in città. Il suo incontro è scaduto e così ora è sull'ultimo treno per tornare a Leeds, nello Yorkshire, che sta per lasciare la stazione alle 21:30. Non ci sono molti passeggeri che salgono sul treno quindi sceglie un gruppo di 4 posti con tavolino, si siede nel posto di corridoio con le spalle al senso di marcia...

940 I più visti

Likes 0

DONNE ANZIANE_(1)

Storia di Fbailey numero 219 Donne anziane Quando ho compiuto sedici anni mia madre era impegnata con me. Papà non c'era mai e quando c'era, non c'era ancora. Era il tuo venditore ambulante preverbale. Era un donnaiolo, un ubriacone e una misera scusa per un essere umano. Ha fornito un tetto sopra le nostre teste, ma questo è tutto. La mamma lavorava per pagare il cibo che mangiavamo e i vestiti che avevamo addosso. Ho avviato la mia attività di giardinaggio quella primavera. Ho distribuito volantini in un bel quartiere appena fuori città e ho trovato subito un paio di lavori...

1K I più visti

Likes 1

LA FAMIGLIA DI KRISTI 4_(1)

CAPITOLO QUARTO Quando arrivarono nella sua camera da letto, Roger entrò per primo. Notò per la prima volta che Bob era seduto nella sua poltrona reclinabile, apparentemente a riposo. Guardando il letto, vide che Erin era inginocchiata sul letto e si aggrappava alle sbarre della testiera. Guardando più da vicino, si rese conto che non aveva scelta. I suoi polsi erano legati alla testiera, costringendola a inginocchiarsi, le sue tette penzolanti dal suo petto che gravitavano sul lenzuolo sotto di lei. Tieni quelle gambe aperte puttana! Mi piace guardare il tuo bel culetto. Saremo pronti per il secondo round tra un...

941 I più visti

Likes 1

La mia vera storia di vita: capitolo uno

Diverse persone mi hanno chiesto di raccontare la storia della mia vita poiché ho accennato ad alcune delle mie esperienze insolite. Quindi penso che il miglior punto da cui iniziare sia la notte in cui sono finiti i miei 10 anni di matrimonio. Era un venerdì sera e mio marito Tim è tornato a casa ubriaco. Questa era diventata la sua pratica abituale negli ultimi due anni. Ha affermato che il suo capo gli stava causando un aumento dello stress e ha dovuto fermarsi con i ragazzi per rilassarsi. All'inizio tornava a casa un po' brillo per quando portavo a letto...

799 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.