Il fratello del mio migliore amico Pt. 4

121Report
Il fratello del mio migliore amico Pt. 4

Il pomeriggio successivo io e Abigail eravamo a casa di Danni, quella mattina mi ero guadagnato uno schiocco in bocca per essermi lamentata di essere troppo vecchia per fare la babysitter. All'inizio è stato imbarazzante per me essere lì, ma Abigail è saltata subito dentro e ha iniziato a giocare con uno dei loro tanti animali esotici. Io e Danni siamo andati nella sua stanza per guardare un film e mi sono sdraiato a letto con lei con cautela, cercando di non sdraiarmi sulle mie ferite.
“Danni, non volevo fare sesso con lui. Veramente." Ho iniziato. Lei mi ha guardato. "Mi ha violentato Danni."
"Lo so." Lei disse.
I miei occhi si sono spalancati, "Cosa?"
«Lo fa anche a Margot.» Disse piano. "Facciamo quello che ci dice".
«Te l'ha fatto?» Ho chiesto.
«No», rispose lei, «ma mi ha messo le dita dentro. Sono troppo grassa perché gli piaccia.
Danni era paffuto, circa 150 libbre, ma in questo caso, non credo che mi sarebbe dispiaciuto essere un po' in sovrappeso.
Abbiamo guardato il nostro film e poi abbiamo preparato la cena per tutti. Non c'erano più posti a sedere in soggiorno per me, quindi Bridget ha parlato: "Perché non ti siedi in grembo a Brandon?" Ha suggerito. Ero confuso. "C-cosa?"
“Mi hai sentito, siediti sulle sue ginocchia. Sono sicuro che non gli dispiacerebbe.
Ho guardato Brandon e lui mi ha fatto cenno di andare da lui, quindi, con riluttanza, l'ho fatto. Non ho capito cosa stava succedendo. Due giorni fa, Bridget ha detto che ero vicino a Brandon, e oggi vuole che mi sieda sopra di lui? Mi sono seduto sulle sue ginocchia con la mia scodella di purè di patate istantaneo e ho sentito immediatamente il suo cazzo diventare duro.
Tutti avevano gli occhi puntati sulla TV e non si sono accorti che Brandon stava lentamente macinando il suo cazzo su di me attraverso i nostri vestiti. Ho mangiato velocemente il mio purè di patate e sono uscito dalle sue ginocchia. Margot ed Eddie si stavano preparando a partire, quindi ho iniziato ad allontanarmi, ma sono stato fermato. "Ehi", Brandon mi afferrò il polso; "Puoi metterlo più tardi." Disse, e mi tirò giù con forza sulle sue ginocchia. Grugnii di dolore e sentii le sue mani che si muovevano dietro di me, aprendogli la cerniera dei pantaloni. "Mamma, Danielle, ho bisogno di un po' di tempo da solo con Kylie."
Eddie e Margot se n'erano andati, e Bridget e Danni erano andate in diverse parti della casa. "Oh mio Dio, a Bridget non importa nemmeno!" Ho pensato.
Ho sentito le sue grandi mani allungarsi intorno ai miei fianchi e sbottonarmi i pantaloncini. "Brandon, per favore, smettila." Lacrime appena formate mi bruciavano gli occhi.
"Stai zitto." Egli ha detto. Mi sollevò e mi tirò un po' giù i pantaloncini e le mutandine. "No, no Brandon..." Potevo sentire Danni parlare con Abigail, e Bridget in cucina accanto a noi che lavava i piatti. Ho capito che niente lo avrebbe fermato. Ho sentito il suo cazzo sulla mia schiena, poi mi ha sollevato di nuovo e ha aperto le labbra della mia figa stretta con le dita e ha premuto la sua grossa testa di cazzo contro il mio ingresso. "Troppo grande..." dissi piano, le lacrime mi rigavano le guance, sentendolo spingere dolorosamente forte per farlo entrare in me.
"Fanculo!" gemette, irritandosi. Mi ha afferrato i fianchi e ha spinto il suo cazzo contro di me, e con un "pop" la testa ha spinto dentro. Mi sono morso forte il labbro inferiore, cercando di non gridare, ma gemendo per il dolore.
"Ohh merda Kylie." Appoggiò la testa contro la mia schiena e inalò il profumo dei miei capelli. Mi avvolse le braccia intorno alla vita e abbracciò il mio corpo mentre mi impalava più che poteva su se stesso. I suoi jeans in denim graffiavano il mio fondoschiena malconcio. Si è tirato fuori circa a metà e poi ha cercato di rientrare, ma non c'era quasi lubrificazione. “Mamma! Portami un po' di quel detersivo per i piatti! E vieni a prendere questi fottuti piatti! Ha urlato.
Bridget uscì dalla cucina aprendosi sul soggiorno con una bottiglia di detersivo per piatti verde. "Mmm prendi il suo bambino buono." Bridget ha commentato, vedendomi incastrato pateticamente sul suo cazzo, gli ha passato il sapone, ha afferrato i piatti dal tavolo accanto a noi e se n'è andata. Ero disperatamente confuso.
"Alzarsi." Disse piano, mi staccò dolorosamente dal suo cazzo e mi fece sdraiare sul pavimento davanti a lui con il culo in aria. "Dannazione, ho davvero fatto un numero a quel tuo dolce culetto." Ridacchiò. Ha spruzzato il sapone verde tutto sulla mia figa e ha allineato di nuovo il suo cazzo con me, questa volta spingendomi molto più facilmente, "Dannazione, la tua figa è così stretta Kylie." Mi afferrò per le spalle e si spinse dentro il più lontano possibile, gemendo forte, “e la tua figa è tutta mia. Ho preso la tua ciliegia, vero? Quindi ora appartieni a me. Ha pompato dentro e fuori di me lentamente, "ahh dio... mmm, sono quasi sballato..." gemette.
Le lacrime mi offuscarono la vista mentre appoggiavo la testa a terra e Brandon mi fotteva dentro e fuori. Mise le sue braccia sotto le mie e tirò su il mio corpo in modo che il suo cazzo affondasse completamente dentro di me, "Owwie...ahh Brandon..." Ho pianto e lui mi ha abbracciato e mi ha morso forte il collo. "Ah, per favore, ferma Brandon!"
"Ohh merda, ohh, mmm..." Ha spruzzato il suo sperma caldo dentro di me, ancora e ancora, ha passato le dita tra i miei capelli brutalmente mentre mi ha scopato lentamente, la mia figa spremendo ogni goccia del suo sperma dentro di me involontariamente. “Mamma! Portami del nastro adesivo! Gridò, senza fiato.
Ancora imbottita del suo cazzo, ho sentito Bridget frugare nei cassetti. "Sbrigati cazzo!" Lui gridò. Bridget si precipitò fuori con un rotolo di nastro adesivo e guardò il mio corpicino maltrattato sotto suo figlio. "Bene?" Lui la guardò: “Cosa stai guardando? Esci da qui!" Mi fece un sorrisetto e si voltò per andarsene.
"C-cosa stai facendo?" chiesi tra le lacrime, sentendolo strappare un pezzo di nastro adesivo.
"Ti sto chiudendo la figa." Ha detto in modo pratico. "Ti darò un fottuto bambino, quindi stanotte manterrai il mio sperma dentro di te."
"M-ma Brandon", ho iniziato, "domani ho scuola".
"Così? Ti faremo una bella doccia calda domattina. Ho sentito il nastro adesivo appiccicoso sigillarmi. Mi fece girare sulla schiena e mi si mise a cavalcioni, baciandomi dolcemente le labbra e il collo. Mi guardò e sorrise, scostandosi i capelli castano scuro dagli occhi luccicanti.
Mi ha asciugato le lacrime. “Non è così male Kylie. Collabora e non ti farei così male. Brandon si alzò e mi tirò su le mutandine, poi mi alzò e mi tirò giù i pantaloncini, tra le mie gambe i miei piccoli genitali pulsavano per il dolore. Ogni centimetro della parte inferiore del mio corpo era gonfio.
Brandon mi prese in braccio e mi accompagnò nella stanza di Danni, dove erano lei e Abigail, e mi adagiò sul letto, passandomi le dita tra i capelli, poi disse alle altre ragazze di andare a letto.


Ho sentito un caldo bacio sull'orecchio nell'oscurità, che mi ha svegliato. "Dai, è ora di svegliare Kylie." Ho sentito dire da Brandon. Era così presto che nessun altro allarme era ancora scattato. Ho guardato l'orologio mentre strisciavo fuori dal letto di Danni, dolorosamente e con riluttanza, seguivo Brandon.
5:30
"Perché ci alziamo così presto Brandon?" ho piagnucolato. Non ha risposto, ma mi ha semplicemente afferrato il polso e mi ha trascinato in bagno e ha chiuso la porta dietro di noi.
"Entra nella vasca", Brandon sbadigliò e mi afferrò di nuovo la mano, "Aspetta, prima spogliati." Con dolore, mi abbassai le mutandine e mi tolsi la maglietta, esponendo tutto il mio corpo a lui. "Va bene, ora entra." disse sfregandosi il sonno dagli occhi e togliendosi la camicia.
Entrai e mi fermai contro le piastrelle fredde della parete della doccia, il mio corpo completamente nudo accettava la striscia grigia di nastro adesivo che nascondeva lo sperma di Brandon dentro di me. Si chinò e mi mise la mano sulla bocca con forza e afferrò il nastro, strappandolo brutalmente e facendomi urlare nella sua mano. Il suo sperma iniziò immediatamente a colare lungo le mie gambe e gocciolare sul pavimento della vasca. Mi sentivo disgustoso. Aprì l'acqua calda e regolò la temperatura nel modo giusto, si abbassò anche i boxer e si avvicinò dietro di me sotto il getto caldo dell'acqua.
Ho sentito le sue grandi braccia avvolgere il mio corpo e scendere lungo la mia pancia magra fino alle mie parti intime senza peli, che erano appiccicose per via del nastro adesivo. Lo sentii baciarmi e mordermi il collo e spingere lentamente il suo grosso dito medio dentro di me, facendomi gemere involontariamente e stringere il suo dito. "Mmm, lo adori." Sussurrò, mordendomi il lobo dell'orecchio.
Ha preso del bagnoschiuma accanto a noi senza togliere il dito e ha spruzzato il sapone rosa sull'addome e sul petto. Tuttavia, mi ha toccato con le dita e ha strofinato il corpo gorgogliante su tutto il mio corpo, che stava iniziando a tremare per la voglia di venire.
"Cazzo, vieni per me, puttanella!" Disse infilando il dito dentro di me un'ultima volta prima che il mio corpo si piegasse in due e la mia figa si stringesse forte su di lui, urlando e venendo forte.
"Ah, sapevo di poterti convincere a venire per me." Lui ridacchiò e sollevò di nuovo il mio corpo e lo premette contro il suo e mi tenne e mi baciò la sommità della testa sott'acqua. "Stai fermo", mi ha messo lo shampoo nei capelli e ha proceduto a lavarmi davvero.

Dopo che abbiamo finito con la nostra doccia, Brandon mi ha asciugato e mi ha consegnato i vestiti che aveva scelto per me. Una maglietta attillata arancione e un paio di pantaloncini corti di jeans. "Mio padre mi ucciderebbe se lo indossassi a scuola!" ho dichiarato. Ha solo riso di me.
"La piccola ragazza di papà." Mi ha preso in giro, "Beh, ascolta, sei la MIA bambina adesso, e questo è quello che indossi." Ha detto molto bruscamente.
Ho preso i vestiti, li ho indossati e ho aspettato nella sua stanza mentre si cambiava. Mi ha pettinato i capelli e li ha raccolti in una coda di cavallo, prestando particolare attenzione, come se fossi in realtà la sua bambina.
Tutto questo era durato circa un'ora e tutti si erano alzati e si stavano preparando per la scuola. Brandon prendeva sempre la sua macchina e le ragazze prendevano l'autobus. Ci sono voluti circa 30 minuti per arrivare a scuola. Brandon afferrò le sue chiavi. "Andiamo, Kylie." Disse gettandomi lo zaino ai piedi e aprendo la porta d'ingresso.
Ho seguito con riluttanza.

Storie simili

HOBO Capitoli 12 e 13

CAPITOLO DODICI Mi sono svegliato presto la mattina successiva e sono stato in grado di alzarmi dal letto senza svegliare Michelle. Sono andato in cucina, ho preparato una tazza di caffè. Ho poi cucinato uova strapazzate, pancetta e salsiccia e stavo finendo quando Michelle è entrata in cucina strofinandosi gli occhi. “Cosa stai facendo?”, chiese sbadigliando. “Ci sta preparando la colazione. Per favore, siediti sullo sgabello”, mi sorrise, fece il giro del bar e si sedette. Le ho preparato un piatto e l'ho posato davanti a lei, poi le ho versato una tazza di caffè. Poi ho aggiustato il mio piatto...

265 I più visti

Likes 0

Un sacco di piscio e merda..

Avevo solo bisogno di mettere su questa storia. Questo tipo di mi eccita. far sapere al mondo cosa ho fatto. spero ti piaccia e divertiti lascia commenti. Ciao, sono Sonia, un'indiana, una femmina. Questa è un'esperienza davvero fantastica che ho avuto e, per favore, non è un'opera di fantasia... è la sua vita reale... quindi allaccia le cinture di sicurezza.... Frequento un collegio.... in India stessa, e ho un bel corpo.... non molto sviluppato, ma è comunque bello da vedere e sono biondo.... ho i capelli lunghi, che mi piacciono levigato e raddrizzato.... Abbastanza su di me suppongo.... ecco la mia...

989 I più visti

Likes 0

Capitolo 3 della mia serie; Rachel viene in primo piano

Leggendo questo ho scoperto che alcuni dei dialetti della mia zona si sono intrufolati, quindi per salvare tutti i commenti sull'ortografia e sulla grammatica, lo spiegherò. Usiamo me al posto di mio in alcuni casi e nostra madre è mamma, quindi quando Rachel dice Sono caduto dalla bici e Questa sono io mamma questo è corretto parlare per lei. Ci scusiamo per eventuali errori di ortografia, che sono passati. Avevo circa 24 anni e Susan 20 quando ci siamo sposati, in meno di un anno sono stato nominato capo custode, a causa del ritiro di Sid, questo mi ha dato più...

811 I più visti

Likes 0

L'Harem dell'Imperatore - Parte 2

2. Mi sono svegliato la mattina dopo con la mia imperatrice drappeggiata su di me da dietro. Il suo braccio agile mi abbracciò il petto e sentii i suoi capezzoli contro la mia schiena. Avevo sposato Rayne per motivi politici, la crescita del mio regno richiedeva l'annessione di uno adiacente, praticamente delle stesse dimensioni di Marad. Sebbene i miei generali mi assicurassero che la capitale poteva essere catturata e la terra aggiunta alla mia, il costo del sangue era troppo grande per me da sopportare. Fu organizzato un matrimonio che avrebbe unito i nostri due imperi, ma in effetti Corlan fu...

755 I più visti

Likes 0

Brooke_(1)

Brooke Questa è la mia prima storia e, come tale, sii premuroso nelle tue critiche; solo critiche costruttive per favore. Se non ti piace questa storia, ce ne sono molte altre da leggere. I nomi sono stati cambiati per proteggere i miei fottuti compagni e, a loro volta, il mio culo. Durante la mia adolescenza, sono stato abbastanza sessualmente attivo. Essere un adolescente e anche frequentare un liceo cattolico per soli maschi ha solo favorito la mia libido. Per cominciare, io non sono un ragazzo piccolo. A quel tempo, avevo circa 6'3, 200 libbre e un atleta di prima qualità. Ho...

999 I più visti

Likes 0

Ragazze della California 3

Ragazze della California 3 Oh merda, sono le 7 del mattino esclamò Kate. Wow, siamo stati tutta la notte, sorrise Hannah, siamo delle puttane arrapate rise. No, sul serio, è un male, mia sorella sarà a casa tra mezz'ora. Kate ha detto alzandosi in piedi, Uh, merda a me le gambe, gemette, strofinandosi le ginocchia, agh e il mio bacino sembra come se qualcuno l'avesse battuto con un martello. Wow la scorsa notte è stato divertente sorrise Hannah ancora di più, Dovrei prendermi un cane! . Preoccupati dopo, aiutami a ripulire un po' di questo sperma, è ovunque! Merda è ovunque!...

862 I più visti

Likes 0

Perdo la verginità(8)

L'ho incontrata su un sito di chat su Internet. Vivevamo a 800 km di distanza, quindi non ho avuto problemi a flirtare come un matto. Mi ha detto che è alta 1,5 m, lunghi capelli biondi e occhi azzurri con un corpo sexy. Beh ovviamente l'ho presa in giro e le ho detto che se non mi manda una foto non le crederò, mi ha chiesto se le foto di lei sarebbero state solo per i miei occhi ed essendo il ragazzo che sono le ho dato la mia parola, aspettandomi una foto molto cattiva. Quello che ho ottenuto è stata...

827 I più visti

Likes 0

Una tarda notte all'uni

Bene, vengo da te per il fine settimana e devi andare un po' all'università per prendere qualcosa. è piuttosto tardi, non ci sono molte persone lì. Entri in una stanza vuota perché hai lasciato qualcosa lì dentro all'inizio della giornata. Mentre ti seguo dentro ti prendo la mano girandoti baciandoti appassionatamente ti spingo presto indietro al muro più vicino che sbatti contro il muro. cazzo che preme contro la tua figa attraverso i vestiti! comincio a lavorare sul tuo collo baciandoti all'inizio e poi affondando i denti dentro di te emetto un piccolo gemito per farmi sapere che ti stai divertendo!...

286 I più visti

Likes 0

LA CAMERIERA parte 1

Ho guidato fino al cancello di una vasta tenuta dove ero stato mandato per un lavoro; sembrava un po' opprimente finché non mi sono ricordato che sarei stato solo un membro di un'intera casa di servi. Fino a quel momento, ero stato mandato a lavorare solo in case più piccole dove ero incaricato di far funzionare l'intera famiglia senza intoppi. Ho premuto il pulsante dell'interfono e una voce maschile ha detto: Dichiara il tuo nome e i tuoi affari. Elena Marceau. Sono la nuova cameriera dell'ala ovest. Ho sentito un ronzio e il cancello ha cominciato ad aprirsi. Ho tirato dentro...

1.4K I più visti

Likes 0

Trio alla festa di Natale

Avevo solo 20 anni e avevo sempre amato Bev (32) da quando avevo iniziato a lavorare un paio di anni prima. Aveva lunghi capelli castani con la permanente, una figura sinuosa con fianchi larghi e meravigliosi, seni grandi e gambe lunghe. Bev indossava spesso top scollati che servivano ad accentuare i suoi grandi seni sodi. Mi ritrovo a sognare ad occhi aperti e a guardare la sua bella figura. In più di un'occasione sono stato catturato da Bev che mi sorrideva semplicemente timidamente con uno sguardo d'intesa prima che tornassi timidamente al mio lavoro, per tutto il tempo la mia mente...

1.1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.