Vendetta in Cina

1.4KReport
Vendetta in Cina

Jack era incazzato. Ancora.

Ancora una volta il suo datore di lavoro cinese lo aveva imbrogliato. Non solo la sua paga era in ritardo, di nuovo, ma il bastardo si era inventato delle deduzioni stronzate. Jack era irritato.

Era in Cina da appena sei mesi e aveva tre datori di lavoro. Ognuno di loro lo aveva imbrogliato in qualche modo. Nessuno lo aveva mai pagato in tempo. Nessuno lo aveva mai trattato in modo amichevole. Lo trattavano tutti come un nulla. Solo un altro straniero da attirare in Cina e imbrogliare.

Jack aveva deciso. L'indomani avrebbe attraversato il ponte per Hong Kong, sarebbe salito sul prossimo volo di ritorno e non sarebbe più tornato.

Prima, però, voleva fare qualcosa. Vendicati per questo trattamento spaventoso. Rompi alcune finestre. Rompi la testa a qualcuno. Non era sicuro. Qualche cosa. Doveva fare qualcosa per liberare la rabbia accumulata dentro.

Entrò nella stazione della metropolitana di Chiwan. Si fermò per estrarre il coltello dallo zaino e infilarselo nelle profonde tasche. Sempre una seccatura. Hai dovuto mettere la borsa nello scanner e hanno fatto storie per i coltelli. Non hanno mai scansionato le persone, solo borse. Quindi potresti portare qualsiasi arma nascosta in tasca. Sistema di sicurezza davvero stupido. I treni partono alle 6:30 ma i controlli di sicurezza non sono arrivati ​​fino alle 7:30. I treni si sono fermati alle 23:30 ma la sicurezza è partita alle 22:30. Stupido.

Sempre la stessa. Tre guardie di sicurezza nelle loro belle uniformi nere. Uno sull'attenti che dice alle persone di mettere le valigie nello scanner. Due dietro lo scanner che guardano gli schermi e cercano di rimanere svegli. Di solito ragazzi e ragazze. Probabilmente il loro primo lavoro dopo il liceo.

Jack sperava che la puttana non fosse più lì. Un paio di settimane fa lo aveva infastidito per il coltello. (Si è dimenticato di tirarlo fuori dalla borsa.} Ora lo infastidiva ogni volta che era in servizio.

Scese le scale, brontolando per le scale mobili. Perché la metropolitana aveva solo scale mobili per salire, non scale mobili per scendere. Attutire. Stupido. Solo un'altra cosa per farlo incazzare.

Ha comprato un gettone da usare nella metropolitana e si è rivolto alla squadra di sicurezza. Oh merda. La cagna era lì.

Si avvicinò, lasciò cadere lo zaino nello scanner. La cagna sorrise e disse qualcosa. Grugnì. Non ho idea di cosa abbia detto. Prese la sua borsa. Sorrise e scosse la testa. Disse qualcosa in tono tagliente, sempre sorridendo. Oh, oh. Non bene. Un vero poliziotto è uscito dalla stanza di polizia e gli ha fatto cenno di avvicinarsi. Un'altra seccatura. La cagna sorrise.

Il poliziotto, dall'aspetto molto annoiato, lo portò nella stanza di polizia, gli chiese il passaporto, gli fece alcune domande di routine e gli fece segno di uscire dalla porta.

Jack non è tornato alla sicurezza. Non è andato in metropolitana. Tornò di sopra. Fumante. Incazzato. Questa sarebbe stata l'ultima volta che quella puttana lo ha infastidito. Si sarebbe vendicato di lei.

Ha pensato velocemente. Erano le 22:15. La sicurezza è partita alle 22:30.

Gli venne in mente un piano. Sorrise. Sì. Davvero una piacevole vendetta.

Una volta prima aveva notato la sua testa all'uscita D alle 22:30. Jack nascose lo zaino dietro alcuni alberi, andò all'uscita D e aspettò. Aspettava la giovane puttana con l'uniforme nera inamidata. Aspettava la sua vendetta.

Puntualmente alle 10:30 la ragazza salì sulla scala mobile. Quando raggiunse la cima, Jack la salutò con la mano. Perplessa, lo guardò e si avvicinò. Le afferrò il polso, la strinse a sé, le puntò il coltello al collo e sussurrò: "Obbedisci o muori".

I suoi occhi si spalancarono. Lei sussultò. Fissò il coltello. Ha iniziato a tremare.

Jack ha aggiunto: "Shhh".

Lei ha capito. Si morse il labbro. Lei annuì, fissando il coltello.

Per fortuna non c'era nessun altro in giro.

Jack le fece scivolare il coltello alla vita, le diede un colpo leggero, le posò una mano sulla parte bassa della schiena e la spinse in avanti.

La guidò lungo alcune strade laterali, attraverso un parco buio fino a un vecchio edificio che aveva scoperto pochi giorni prima. L'edificio era in procinto di essere demolito, ma molte delle camere erano ancora intatte e avevano persino un po' di mobili inclusi alcuni letti.

La guidò dentro e su per le scale cosparse di macerie. La terza camera aveva un letto. La finestra era sparita, quindi un sacco di lampioni illuminavano la stanza.

Fece segno alla cagna che avrebbe dovuto girarsi lentamente un paio di volte. Con gli occhi sbarrati, lo sguardo fisso, obbedì. Girandosi lentamente, guardandolo sempre. Ovviamente terrorizzato.

Non male pensò Jack. Fianchi decenti, non troppo stretti. Immaginava che le tette fossero intorno ai 36°C, ma avrebbe controllato dopo che l'uniforme era stata tolta. Età che ha indovinato intorno ai 20 forse meno. Belle labbra.

Le ha tolto il cappello nero di sicurezza. I capelli neri erano raccolti in una crocchia.

Le fece cenno di togliersi gli stivali. Si è chinata e lo ha fatto. Niente calzini. Piedi nudi.

Inserì il coltello nella parte superiore della camicetta dell'uniforme. Tirò giù il coltello sul davanti, tagliando la camicetta con cura. La cagna tremava e tremava. Fissò il pavimento sapendo cosa intendesse.

Jack era ancora incazzato per il modo in cui lo infastidiva sempre, quindi le schiaffeggiò la faccia e le fece cenno di togliersi la camicetta. Lo lasciò cadere a terra e cercò di coprirsi il reggiseno rosso.
A Jack non importava. Stava già tagliando la vita dei suoi pantaloni neri dell'uniforme fino all'inguine. Sarebbe stato più facile decomprimerli, ma si trattava di vendetta. Li tirò finché non scivolarono alle sue caviglie.

Ora ha osservato la sua cattura. Pelle liscia, viso carino, reggiseno rosso, 36C, mutandine rosse.

Scrollando le spalle, prese il coltello e tagliò via le mutandine rivelando la sua figa nera e dai capelli lisci. Anche i fianchi erano lisci. La sua mano ha cercato di coprirsi la figa mentre fissava il pavimento.

Avvicinò il coltello al reggiseno. Flick, una tracolla è caduta. Flick, l'altra tracolla è caduta. Flick, le coppe del reggiseno si aprirono. Le sue tette rimbalzarono mentre il reggiseno si staccava. Belle tette. Rotondo, fermo. Capezzoli di buone dimensioni.

Sì, questa sarebbe una dolce vendetta.

Un altro schiaffo in faccia e lui le fece cenno di mettere le mani lungo i fianchi e di girarsi di nuovo.

Fissò il coltello, deglutì e si voltò lentamente. Bel culo. Non grasso. Ben arrotondato. Gambe e schiena liscie. Tette ferme. Pancia soda. Faccia di puttana che piange. I peli della figa nascondono il buco della figa. Gambe che tremano.

Per un attimo Jack si chiese quale fosse il suo nome. Probabilmente sulla targhetta con il nome che era sul pavimento. Decise di darle un nome tutto suo. L'avrebbe chiamata MERDA.

Gettò i suoi vestiti sbrindellati in un angolo.

Fece scorrere lentamente il coltello tra le sue tette vedendo i suoi occhi allargarsi per la paura mentre guardava il coltello. Lui lo fece scivolare lungo la schiena, nella fessura del suo culo e attraverso la sua figa.

Gli piaceva la sua reazione. Agitare. Le lacrime le scendono lungo le guance. Proprio quello che voleva.

Tirando fuori il cellulare, scattò un paio di foto, poi lo mise in automatico e lo posò su una sedia vicina di fronte al letto. Scatterebbe ogni 15 secondi.

Ora Jack la indicò e disse: "MERDA". Indicò se stesso e disse "Capo".

Conosceva la parola Boss. Così ha capito che era "MERDA". Lei annuì.

Le schiaffeggiò di nuovo il viso, solo perché ne aveva voglia, e le fece cenno di salire sul letto.

SHIT salì sul letto e si sdraiò sulla schiena. Jack la schiaffeggiò di nuovo e le gridò di alzarsi. Questa volta l'ha posizionata lui stesso. La fece mettere in ginocchio sul letto di fronte a lui.

Ha detto: "MERDA, ti piacerà". Si tolse la maglietta, si tolse i pantaloni mentre guardava e si tolse i pantaloncini. Il suo cazzo è spuntato dritto e duro.

SHIT fissò e scosse la testa, implorante.

Jack le schiaffeggiò di nuovo la faccia, indicò il suo cazzo, indicò la sua bocca, indicò il coltello. Il messaggio è arrivato. La bocca si aprì lentamente. Ha spinto il suo cazzo dentro e ha iniziato a farlo scivolare dentro e fuori. Non c'era resistenza.

Jack si protese in avanti e le afferrò il culo, stringendole ciascuna metà. Cominciava a godersi la sua vendetta. Le ha schiaffeggiato il culo. Ha schiaffeggiato a turno ogni guancia. Ogni volta che schiaffeggiava, spingeva.

SHIT ha detto: "Mmmf". e ha cercato di tirarsi indietro. Questo le ha appena dato uno schiaffo su ogni lato.

Jack ha continuato a spingerle e schiaffeggiarle le chiappe godendosi il suono degli schiaffi mentre il suo culo diventava lentamente rosso.

Allargò le gambe di lei, si allungò ulteriormente in avanti e in basso. Poi ha schiaffeggiato la figa, forte. E di nuovo. Difficile. Questa puttana ci penserebbe due volte prima di infastidire un altro straniero. Un altro schiaffo sulla figa. Un'altra spinta in bocca. Un altro schiaffo sul culo. Spinta, schiaffo. Spinta, schiaffo.

A Jack è piaciuto questo. Le sue palle si sono fatte più strette mentre il suo cazzo ha continuato ad abusare della bocca di SHITs. Spinta, schiaffo. Spinta, spinta, schiaffo, schiaffo. Improvvisamente il cazzo di Jack non riuscì più a trattenersi. Il suo sperma straniero è sgorgato nella bocca delle femmine. Ha continuato a spruzzare finché il suo cazzo non si è finalmente calmato.

Jack si tirò fuori e diede una forte spinta a SHIT facendola cadere sulla schiena. Le fece cenno di usare la lingua sulle sue palle mostrandole la sua lingua, indicandola e indicando le sue palle. Jack si accovacciò sul suo viso assicurandosi che le sue palle pendenti scivolassero sul suo viso e si posassero sulle sue labbra.

Non è successo niente. Le diede uno schiaffo duro sulla pancia e mosse le palle sulle sue labbra. La bocca si aprì. La lingua è uscita. La leccata è iniziata.

Jack ha continuato a schiaffeggiarle la pancia, poi è passato alle sue tette. Ha schiaffeggiato ogni tetta a turno facendole rimbalzare. Farli diventare rossi. Far risaltare i capezzoli. Far gonfiare i capezzoli.

Tirò i capezzoli. Li attorcigliati. Li schiaffeggiai di nuovo. Ci sono voluti un lungo succhiare su ciascuno.

Poi si chinò ulteriormente, oltre la sua pancia arrossata fino alla sua figa pelosa. Le sue dita cercarono le labbra della figa, le trovarono, le separarono. Schiaffo. Schiaffo. Schiaffo. Ha schiaffeggiato le labbra della sua figa ancora e ancora. Non avrebbe lasciato che nessuna parte del suo corpo si allontanasse senza meritati schiaffi.

Continuava a schiaffeggiarle la figa mentre lei iniziava a dimenarsi e cercava di spingerlo via. Questo le è valso solo schiaffi più duri. Torna alla pancia. Schiaffo, schiaffo, schiaffo. Le tette. Schiaffo, schiaffo, schiaffo. Strinse le tette insieme in modo da poterle schiaffeggiare insieme. Era stupito di come tette e pancia rosse potessero salire su un corpo giallo.

Scese, la fece girare, si sedette sulla schiena e iniziò di nuovo a sculacciarle il culo. Era contento che le sue chiappe fossero ancora rosse di prima. Quando ha iniziato a urlare, lui si è seduto sulla sua testa costringendole la bocca nel materasso e ha iniziato a schiaffeggiarla sulla schiena.

L'intero corpo di SHIT sarebbe diventato rosso, pungente e dolorante prima di finire con la cagna.

Sentendo il suo cazzo ancora una volta irrigidirsi, Jack costrinse SHIT a mettersi in ginocchio, gambe divaricate, la faccia ancora spinta nel materasso.

Afferrò le sue guance rosse e tremanti del culo, le separò per rivelare il suo buco del culo e strofinò il suo cazzo umido sul buco. Ha messo la punta del suo cazzo nella fessura del suo culo nel buco. Lentamente ha iniziato a spingere dentro. In. Sentì una specie di scoppiare mentre il suo cazzo si gonfiava fino in fondo. SHIT stava emettendo un pietoso suono miagolante. A Jack non importava il suono. Gli piaceva. Gli piaceva scoparle il culo. Gli piaceva insegnare a questa puttana una lezione che non avrebbe mai dimenticato. Lo avrebbe seccato lei. Mai più.

Il suo cazzo pompava dentro e fuori dal suo culo stretto. Miagolava. Lei si contorceva. Lei pianse. Ha pompato. L'ha schiaffeggiata, le ha schiaffeggiato il culo. Si sporse indietro e infilò il dito nella sua figa. Le ha scopato la figa con le dita mentre le ha sbattuto il cazzo duro nel culo. Ancora ed ancora.

Era a malapena consapevole del suono della fotocamera del suo cellulare che scattava via.

Le afferrò i capelli e disse: "MERDA, ti piace. Certo che ti piace. Sei solo una puttana. Non vali un CAZZO. Le tirò indietro i capelli in modo che la sua bocca non fosse più soffocata nel materasso. Ora poteva sentire meglio i suoi gemiti e piagnucolii.

Non sapeva cosa stesse dicendo e non gli importava. Sembrava infelice, sembrava terrorizzata, sembrava che stesse provando dolore. Lui era felice. Questo è lo scopo della vendetta.

Le sue palle ancora una volta si strinsero mentre le scopava il culo. Dentro, fuori, dentro, fuori. Alla fine, il suo cazzo ha sparato un altro carico. Su per il culo. Riempiendo il culo. Ha pompato fino a quando il suo cazzo alla fine è diventato molle.

Si è tirato fuori. Era coperto di sudore.

Guardò dall'alto in basso il corpo di SHITs. Era rosso e tremante. Cercò di sdraiarsi ma appena lo fece lui le diede un duro schiaffo. Rimise il culo in aria e piagnucolò ancora un po'.

Si avvicinò per controllare il suo telefono. Le immagini erano fantastiche. L'angolo era fantastico. Perfetto.

Dopo aver esaminato le immagini per un po', ha pensato che il suo cazzo si fosse sufficientemente ripreso per finire il lavoro. Diede un'occhiata a SHIT. La cagna aveva ancora il culo per aria, paura di muoversi.

Prese il suo piede, lo mise contro il suo fianco e la spinse a terra.

“Va bene, MERDA. Preparati per essere fottuto. disse mentre allargava le gambe, gongolava per il suo corpo tremante e arrossato. Le sue tette erano gonfie e rosse. Il suo stomaco aveva impronte di mani rosse. Anche la sua figa, nascosta sotto i peli della figa, era probabilmente gonfia. Fortunatamente, il suo cazzo era di nuovo rigido. Era ora di dare a quella puttana del seme straniero.

Le lacrime le scendevano ancora sulle guance. Scosse la testa supplichevole. Si inginocchiò tra le sue gambe, le prese il viso e le diede un grosso bacio sulle labbra mentre le sorrideva proprio come lei gli sorrideva.

Allungandosi in basso, allargò le labbra della sua figa, guidò la sua testa pulsante fino all'apertura e lo speronò il più velocemente e forte che poteva. SHIT sussultò. urlò la merda. Jack le diede uno schiaffo per farla tacere. Le afferrò le tette e si contorse e tirò. Ha pompato il suo cazzo dentro e fuori senza ritegno. Ha lasciato che le sue palle le schiaffeggiassero la figa mentre la sbatteva dentro ancora e ancora.

SHIT ha provato a urlare di nuovo. Jack alzò la mano per schiaffeggiarla. Si fermò e si morse il labbro mentre lui la fissava follemente negli occhi.

Le strinse di più le tette. Tirandoli, attorcigliandoli, stringendoli mentre il suo cazzo si conficcava nella sua figa dolorante. Dentro, fuori, dentro, fuori. Le sue palle di nuovo schiaffeggiavano la sua carne nuda ogni volta.

Le ha succhiato le tette. Le baciò il collo, succhiò il suo collo, si assicurò che il suo collo fosse coperto di segni rossi. Mordendole le tette si assicurò di lasciare segni anche lì. Voleva assicurarsi che si ricordasse di lui.

Lasciò che il suo coltello scivolasse su e giù per la sua pancia, tra le sue tette, sopra le sue tette, appoggiandosi sui suoi capezzoli, scivolando lungo il suo collo. Gli piaceva il puro terrore nei suoi occhi.

Ha pompato più forte. Il suo cazzo nella sua figa il più lontano possibile. Le sue palle continuano a schiaffeggiarle la carne nuda.

Più e più volte il suo cazzo ha speronato la sua figa non protetta mentre si contorceva, tirava e abusava dei suoi capezzoli.

Alla fine, sentì le sue palle stringersi, andò più veloce, dentro fuori dentro fuori dalla figa della cagna. Alla fine il suo cazzo ha soffiato il suo carico in profondità nella sua figa. Un'esplosione dopo l'altra di sborra straniera le ha sparato dentro mentre Jack sentiva il culmine dell'estasi.

Alla fine il suo cazzo rallentò e Jack sentì il suo respiro tornare alla normalità. Osservò le lacrime che coprivano il viso di SHITs. Lo faceva sentire così bene.

Lentamente si tirò fuori e guardò in basso. C'era sangue sul suo cazzo. Sorrise e sussurrò: "Hey SHIT. Spero ti sia davvero piaciuta la tua prima volta.”

Fissava semplicemente il soffitto.

Jack si asciugò il cazzo sulla gamba, si vestì e prese la sua macchina fotografica. Ha indicato la telecamera, ha indicato SHIT. Si portò le dita alle labbra e disse: "Shhh".

Altre lacrime vennero mentre lei annuiva lentamente. Lei ha capito. Dillo a chiunque e lui renderebbe pubbliche le foto.

Salutò con la mano, uscì e lasciò la cagna a piangere sul vecchio materasso sporco.

La mattina dopo è salito a bordo del suo aereo ed è volato a casa. Si chiese una o due volte se avrebbe potuto avere un nuovo figlio o una nuova figlia. Si strinse nelle spalle. Che importa.

Storie simili

Give Me Some Sugar Part 1 - Prova di Rochelle

​ La vita è sicuramente divertente è come si svolge. Non sono mai stato un uomo religioso, e ancora non lo sono, ma ascoltavo il tipo di Joel Olsteen quando i tempi erano brutti. Era così positivo, che ha aiutato, ma ha anche parlato di come Dio potrebbe recuperare decenni di merda, in pochi anni attraverso un aumento super naturale. Come ho detto, non sono un cristiano e sono agnostico sull'esistenza di una divinità, ma devo ammettere che come minimo, la vita può rimediare a molte sofferenze molto rapidamente. In effetti, penso che ti faccia godere ancora di più della tua...

2.3K I più visti

Likes 1

Amore nerd

Mentre i giovani corpi caldi si contorcevano intorno Jimmy stava accarezzando il suo cazzo duro di 17 anni, 6 pollici e mezzo il più velocemente possibile. Quando è entrato nel suo calzino Jimmy ha pensato che sarebbe stato fantastico essere l'uomo nel porno che stava guardando, avere una ragazza che lo avrebbe davvero scopato è il suo sogno. Jimmy non ha molte abilità sociali, vedi, va a scuola online il che significa che non può incontrare nuove ragazze e anche se lo facesse probabilmente non lo prenderebbero nemmeno in considerazione a causa del suo essere eccessivamente magro e della sua goffaggine...

2.5K I più visti

Likes 0

Cosa c'è sotto 2

Quella mattina Jennifer andò al lavoro un po' più veloce del solito, temendo di fare tardi. Aveva un disperato bisogno di questo lavoro per la sua famiglia. Essendo una madre single di due figli e nessun uomo in giro, era l'unico lavoro che poteva ottenere. Per favore, non farmi fare tardi. pensò tra sé, premendo ancora un po' il piede sull'acceleratore, ignorando il tremolio del volante. È volata oltre un cartellone pubblicitario e ha visto un'auto della polizia uscire dietro di lei nello specchietto retrovisore, accendendo il tetto. Il cuore le sprofondò nel petto e sentì il sapore della cenere in...

2.2K I più visti

Likes 0

Il prato - PARTE I - Lo stagno

L'autunno è rotolato. L'orologio accanto a lei la fissava torvo, i numeri rossi le brillavano sul viso. Erano le 3:33. Questa era la terza notte che accadeva. Sempre alla stessa ora. Il suo cuore batteva forte e bevve un sorso dal bicchiere. Sospirò, calmata dalla quiete della sua stanza. Fece un altro respiro profondo e guardò l'orologio. Ancora 3:33. La sua mano si spostò sul petto, alzandosi e abbassandosi dolcemente mentre il suo cuore rallentava. Il minuto è cambiato. Alzandosi in piedi, Autumn si avvicinò alla finestra, rompendola leggermente. L'aria dolce e frizzante di campagna si spostava verso l'interno, calmandole i...

2K I più visti

Likes 0

Il weekend di una figlia Pt. 2

Erano passate un altro paio d'ore e Savannah aveva finito per addormentarsi. Ho accostato il vialetto di ghiaia e mi sono fermato davanti alla nostra capanna di famiglia. “Savannah,” le scossi la spalla, “siamo qui”. Gli occhi di Savannah si aprirono intontiti e sbatté le palpebre diverse volte mentre si riprendeva e si orientava. Mentre Savannah si stava svegliando dal suo pisolino, sono scesa dalla macchina e sono andata al portellone del camion per prendere i nostri bagagli. Non riuscivo a smettere di pensare a prima, a come mia figlia avesse preso il controllo e mi avesse effettivamente succhiato. Era sbagliato...

1.7K I più visti

Likes 1

HOBO Capitoli 12 e 13

CAPITOLO DODICI Mi sono svegliato presto la mattina successiva e sono stato in grado di alzarmi dal letto senza svegliare Michelle. Sono andato in cucina, ho preparato una tazza di caffè. Ho poi cucinato uova strapazzate, pancetta e salsiccia e stavo finendo quando Michelle è entrata in cucina strofinandosi gli occhi. “Cosa stai facendo?”, chiese sbadigliando. “Ci sta preparando la colazione. Per favore, siediti sullo sgabello”, mi sorrise, fece il giro del bar e si sedette. Le ho preparato un piatto e l'ho posato davanti a lei, poi le ho versato una tazza di caffè. Poi ho aggiustato il mio piatto...

1.3K I più visti

Likes 1

Regina Yavara: Capitolo 37

Capitolo trentasette BROCCO Per favore! L'esploratore elfo urlò. Non capisco perché ti lamenti, dissi mentre lo caricavo sul trabucco, ti riporto al tuo esercito. Tieniti stretto questo, Imperiale, e non rilasciarlo troppo presto. Trenok grugnì, legando le cinghie del paracadute ai polsi dell'uomo terrorizzato. Non funzionerà! Lui pianse. Mi inginocchiai al suo livello e gli posai una mano compassionevole sulla spalla. “I progressi si fanno mettendo a tacere i dubbiosi, piccolo imperiale. Tutti i grandi scienziati del nostro tempo una volta erano chiamati pazzi per le loro idee. Grandi scienziati? Trenok rise: Che calcoli hai fatto? Non hai bisogno di nessuna...

1.4K I più visti

Likes 0

Diventare Zoe

La mia futura moglie Annie aveva accettato un lavoro fuori città e la vedevo solo ogni due settimane circa. Mi mancava così tanto. Lei ed io eravamo diventati amanti a distanza. Aveva un volo di ritorno a casa venerdì sera. Stavo andando a prendere suo figlio Zakk dal suo dormitorio e noi due saremmo andati a prenderla all'aeroporto e ci saremmo goduti il ​​fine settimana insieme. Zakk è al suo primo anno di college e sta studiando per diventare un truccatore per il teatro e lo schermo. Lui e io non ci siamo davvero conosciuti e questo doveva essere il fine...

1.2K I più visti

Likes 0

Essere Dakota Capitolo Uno

L'ho descritto come Fiction, ma la maggior parte dei miei scritti sono semi-biografici. Non che io stia abbellendo, più come se stessi smorzando la realtà. Ero a casa da solo quando ho ricevuto la telefonata che mio zio George era morto. Sono andato al funerale e ho incontrato dei parenti che non sapevo di avere. George era il fratello maggiore di mio padre. Ho dovuto volare da solo, mia madre e il mio patrigno non volevano venire. Mio padre è morto quando avevo due anni, quindi non l'ho mai conosciuto. Mia madre si è risposata un anno dopo con un vigile...

1.1K I più visti

Likes 1

RIPENSANDO pt2

Per chi è nuovo a questa storia, lascia che ti raggiunga. Avevo perso mia moglie, Tina più di un anno fa, a causa di un asino che guidava ubriaco, avevo comprato una nuova bici e mi ero messo in viaggio, il mio modo di farcela credo, mi sono imbattuto in Jenny lungo l'autostrada con il suo ragazzo violento e lei ha guidato via con me e abbiamo iniziato una meravigliosa vita di avventure. Mentre giravamo l'angolo verso la casa del suo ex fidanzato, potevo sentirla irrigidirsi e tenermi molto più stretta, cosa che non mi importava perché i suoi capezzoli duri...

963 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.