Poliziotto debuttante catturato dalle puttane!!! (Femdom, CFNM, gangbang al contrario)_(1)

365Report
Poliziotto debuttante catturato dalle puttane!!! (Femdom, CFNM, gangbang al contrario)_(1)

L'agente Dan, che ha risposto a una chiamata di Angela (un addetto alla polizia), li ha visti davanti al vicolo, riuniti di nuovo.

Gesù, queste puttane sono come scarafaggi; proprio non puoi sbarazzartene pensò tra sé mentre accendeva le luci rosso e blu della sua auto di pattuglia.

Dan ha pensato di chiamarlo, ma ha deciso di non farlo; non era molto ben voluto dai suoi colleghi poliziotti di questi tempi. Nulla di buono verrebbe dal menzionare questo per la spedizione.

L'agente Rosita, la sua ex compagna, aveva appena ricevuto un incarico d'ufficio, in attesa di un'indagine grazie alla testimonianza che l'agente Dan aveva fornito agli Affari interni. Cagna è fortunata che non abbia presentato un'accusa per molestie sessuali anche contro di lei per tutti i suoi piccoli commenti e tentativi.

Uscendo dal suo incrociatore, l'agente Dan era una figura imponente di 6'2”, corporatura magra da ciclista con i classici lineamenti italiani (capelli ricci scuri, carnagione scura e sopracciglia un po' troppo folte).

“OK ragazze, conoscete il trapano. Libera la zona o ti corro dentro.» disse Dan ai pedoni mentre si avvicinava a loro. Stasera gruppo eterogeneo pensò Dan mentre guardava le puttane; era un miscuglio di capelli grandi, trame, unghie lunghe, minigonne, stivali alti fino alla coscia, tacchi alti, spandex e pantaloncini corti di una o due taglie in più.

Wow, un sacco di passeggiatori qui per un mercoledì Dan hanno pensato in fondo alla sua mente, ma non ci hanno pensato molto di più.

Lui dovrebbe avere.

Nina (una bella latina dalla pelle castano chiaro con corti capelli scuri tagliati a pixie, capelli scuri acconciati con occhi e ciglia grandi e espressivi e indossava una camicetta bianca con leggings liquidi neri attillati e tacchi alti) che era anche una delle le puttane più anziane si avvicinarono un po' troppo a Dan e gli dissero:

"Andiamo, agente Dan, stiamo solo cercando di guadagnarci da vivere come tutti gli altri." e poi aggiunse "Avevamo una specie di intesa con l'Agente Rosita..." Dan sorrise e disse: "Uh huh...beh, penso che adesso sia finita, quindi---"

Un improvviso alterco nel vicolo attirò l'attenzione di Dan; due delle puttane stavano litigando.

Una era una donna afroamericana (Dan avrebbe scoperto in seguito che il suo nome era LaTanya) con un intreccio rosso brillante e labbra e unghie rosso ciliegia lucide che si abbinavano e indossava leggings attillati bianchi e body con décolleté gialle e la puttana che era a combattere c'era una ragazza bianca con i capelli biondi e un po' troppo di ombretto e indossava un reggiseno di pelle e una minigonna con stivali go-go abbinati.

Senza pensare, Dan corse lungo il vicolo poco illuminato e si mise tra le due prostitute arrabbiate, cercando di interrompere la loro rissa. Dan era così assorto nell'interrompere la rissa che non notò i movimenti intorno a lui; uscire dall'ombra...

Dan notò che le due troie litigiose sembravano essere meno motivate nei loro combattimenti e guardavano oltre lui e intorno a lui. Qualcosa non va qui.

Ma era troppo tardi.

Improvvisamente, le due prostitute non si combattevano più, ma gli afferravano le braccia.

"Ma che cazzo--- ?!?" era tutto ciò che Dan riuscì a tirare fuori prima di vedere un movimento con la coda dell'occhio e improvvisamente sentì mani femminili su di lui – un contrasto di lunghezze di unghie che gli afferravano le braccia, il petto e le gambe. Oltre otto puttane lo tenevano immobile. Dan sentiva l'odore di una miscela di diversi profumi economici delle donne che lo trattenevano; era leggermente opprimente, ma non sgradevole.

"Che cazzo state facendo puttane?!" Dan urlò mentre altre puttane uscivano dall'ombra per afferrargli braccia e gambe. Una delle femmine era una ragazza per metà asiatica e per metà nera con i capelli blu lucenti e il rossetto abbinato che indossava una maglietta del ventre con sopra uno stupido personaggio anime, jeans tagliati Daisy Dukes, scaldamuscoli color arcobaleno e stivali Doc Martens. Aveva un'espressione incazzata sul viso e poi, come un pensiero fugace, Dan ricordò: Oh sì, l'ho arrestata la scorsa settimana.

E sentì qualcuno che cercava di tirare fuori la sua pistola dalla fondina.

"NO !" gridò e rinnovò la sua lotta, ma era senza speranza - c'erano troppe troie che lo trattenevano - riusciva a malapena a muoversi.

E poi il suo revolver di servizio è stato estratto dalla fondina. cazzo cazzo cazzo!

Ancora in difficoltà, Dan è stato trascinato più in profondità nel vicolo.

No no no no no questo non sta succedendo! pensò Dan. Ma era. Stava accadendo.

“SEI... SEI PAZZA DA SCOPARE PUTTA? SONO UN POLIPO, NON PUOI FARLO!” Dan ha detto con una spavalderia che non sentiva. Porca puttana, ci devono essere più di venti prostitute qui! pensò Dan guardandosi intorno. Vide sorrisi crudeli sulle loro labbra lucide e dipinte.

Questo non va bene.

Per un minuto, il vicolo è stato completamente silenzioso, fatta eccezione per i rumori ambientali della città.

Poi, il ticchettio dei tacchi alti che camminavano verso Dan riempì il vicolo.

E poi Nina si fece vedere; una mano era sul suo fianco ondeggiante, l'altra teneva il revolver, il suo viso aveva il contegno di tutti gli affari, con un
poco spazio per la vendetta.

“Nina... non fare qualcosa di cui ti pentirai più tardi; lasciami andare, dammi la mia pistola e faremo finta che non sia mai successo.

Nina scosse la testa e rispose: "Oh no, abbiamo superato quella merda, tesoro".

la rabbia di Nina cresce; un fuoco negli occhi, disse: “Oh no. Hai molestato le mie ragazze, hai costato il lavoro a Rosita... e non era solo una socia in affari, era un'amica!

"Cos... cosa hai intenzione di fare con me?" Dan pretese di sapere con paura.

Nina si avvicinò a Dan, il suo viso ancora pieno di intensità e molto vicino al suo, rispose: "Tutto"

Facendo un passo indietro, sorridendo con le braccia incrociate e un sopracciglio alzato, Nina disse:

“OK signore... SMONTATELO!”

All'improvviso, altre mani femminili con le unghie dipinte tenevano Dan mentre rinnovava la sua lotta mentre altre mani gli strappavano la camicia e gli slacciavano le scarpe. Il grido di Dan "NO!" è stato accolto con un coro di commenti del tipo: "Oh sì!" e "Prendilo ragazze!" e grida generali di "Woo-Hoo!"

"Levati di dosso!" Dan urlò di nuovo quando sentì le dita femminili che cercavano di raggiungere la fibbia della cintura e la cerniera. LaTanya, la ragazza afroamericana con un tessuto rosso e leggings bianchi, si stava leccando sensualmente l'orecchio mentre la sua mano raggiungeva la sua maglietta e diceva: "Ti ho preso ora piccola".

La maglietta di Dan gli è stata strappata di dosso e le donne hanno esultato e gridato mentre le loro mani gli scorrevano sul petto e sullo stomaco. “Oooh, il suo petto è rasato! Sesso-guarda! e "Mmmm... Il ragazzo bianco sta facendo degli addominali seri!" erano solo alcuni dei commenti che Dan aveva sentito mentre la sua parte superiore del corpo era esposta alle puttane, la sua faccia arrossata per l'imbarazzo.

Dan ha continuato a lottare, anche se gli erano stati tolti i calzini e, con suo sgomento, alcune delle donne stavano cercando di infilargli le mani nei pantaloni, dall'alto e attraverso i pantaloni.

Con la fibbia della cintura slacciata, Dan ora stava lottando furiosamente come meglio poteva, cercando di tenere le puttane lontane dalla cerniera, le sue grida di "NO!" e "Stop!" incontrato con risate beffarde e commenti come "Oh, che importa, il grande agente di polizia forte è un po' schivo?"

Inginocchiata davanti a lui, Anita, una troia dai capelli rossi che indossa un body a rete, tacchi alti, labbra carnose e rosse e una presa di ferro sul suo piede destro disse maliziosamente: "Chissà se ha il solletico?" mentre iniziava a far scorrere delicatamente le sue lunghe unghie rosse sull'arco del suo piede; l'effetto fu elettrico quando il suo piede sussultò nella sua presa. Le puttane risero e strillarono di gioia.

Vedendo l'effetto, alcune delle altre mani sul suo corpo hanno iniziato a solleticargli la cassa toracica, lo stomaco e il piede sinistro. Immediatamente Dan iniziò a ridere e dimenarsi involontariamente sotto le dita diaboliche delle troie e non riuscì più a respingere le mani che lavoravano sulla cerniera dei suoi pantaloni.

Ancora contorcendosi sotto le dita solleticanti, Dan era vagamente consapevole di una delle sue mani che veniva ammanettata con le sue stesse manette.

Oh no ! Pensò e capì che sarebbe stato completamente impotente se i pedoni si fossero ammanettati entrambe le mani, ma tra l'essere in inferiorità numerica e il solletico, non è stato in grado di impedire che entrambe le mani venissero tirate dietro la schiena e ammanettate insieme.

Con le mani di Dan ora trattenute dietro la schiena, le dita allenate hanno finalmente slacciato la cerniera e poteva sentire i suoi pantaloni che iniziavano a togliersi di dosso.

"No no no, non i pantaloni!" Dan gemette disperato.

"Oh sì piccola, i pantaloni devono andare." Nina corresse mentre schioccava le dita in una formazione a "Z" seguita da un movimento sexy dei suoi fianchi ricoperti di lattice.

I suoi pantaloni si staccarono, seguiti quasi immediatamente dai suoi tight-white.

Dan ora era completamente nudo e indifeso di fronte ai suoi rapitori...

Con le sue mani ora ben trattenute, le mani femminili che lo avevano tenuto immobile, ora iniziarono ad accarezzare, brancolare ed esplorare la sua carne nuda mentre la commentavano: "Oooh, bel culo!" e "Guarda il suo cazzo!".

Adesso così tante mani gli stavano afferrando il cazzo e le palle, Dan temeva per la loro sicurezza, ma con le mani trattenute dietro di lui, c'era poco da fare.

"Ok ragazze, fatemi dare un'occhiata a lui." disse Nina mentre si faceva avanti; i suoi occhi entrano in contatto con quelli di Dan. Le altre troie fecero un passo indietro mentre Nina si avvicinava.

Nina gli mise le mani sul petto e gliele fece scorrere sullo stomaco e poi su di nuovo mentre lo stuzzicava: "Devi passare molto tempo in palestra, eh agente?" Dan è rimasto lì, stoico e imbarazzato.

Camminando dietro di lui, Nina disse: "Accidenti, il tuo culo sta bene!" (ma la parola è uscita come "Foine". Dan tremò quando lei gli prese le natiche tra le mani e gli strinse ciascuna guancia. Dan iniziò ad avere un'erezione.

Nina fece un passo indietro, ammirando ancora il culo di Dan e disse: "Seriamente, avresti dovuto essere un modello di culo e se lo fossi, non saresti nei guai in cui ti trovi ora".

Tornando davanti a lui, gli occhi di Nina scesero sul suo cazzo e uno sguardo deluso le cadde sul viso mentre diceva: “È quello? È così grande come diventa?" Ciò ha fatto ridere le puttane a sue spese.

“Guarda---” Dan iniziò a dire, ma Nina lo interruppe: “No piccola, sembri; era una semplice domanda sì o no, che ripeterò:

"È. Quella. Come. Grande. Come. Tuo. Cazzo. Ottiene?“ Nina chiese a Dan in tono beffardo e impaziente mentre una delle puttane dietro di lui, allungava una mano e gli toccava il culo.

"Io...non lo so" incapace di incontrare gli occhi di Nina e tremante mentre un dito dalle unghie lunghe correva scherzosamente su e giù per la fessura del suo culo.

Nina sembrò pensarci e disse: "Bene, scopriamolo". e guardò oltre Dan e disse: "Signore..."

Immediatamente, due delle puttane si avvicinarono e si inginocchiarono davanti a Dan; una era una bionda ossigenata in lingerie da "babydoll" e tacchi alti e l'altra era Anita, la rossa maliziosa che gli aveva fatto il solletico prima.

La bionda lo ha preso in profondità nella sua bocca mentre dall'altra parte, la rossa ha iniziato ad accarezzargli le palle mentre gli baciava l'anca e lo stomaco. Entrambi gli avevano una mano sul culo, impastandolo.

"No, ho un fidanzato!" Dan protestò e iniziò ad allontanarsi, ma LaTanya si fece avanti, lo afferrò per la spalla e disse: "Non muoverti" mentre la bionda babydoll iniziava a succhiargli leggermente il cazzo, la sua lingua esplorò la lunghezza crescente della sua asta, facendo sussultare Dan piacere.

Con le braccia incrociate davanti a lei, Nina ha detto: “Questo non conta come barare; questo è affare; Ho bisogno di valutare tutti i tuoi "culoni" per determinare al meglio come mi compenserai per tutti i soldi che mi hai costato con le tue stronzate" come per sottolineare il punto di Nina, succhiando forte il suo cazzo, il bionda ha ritirato la bocca dal suo cazzo con un forte schiocco. Ora esposta, la rossa ha iniziato a leccare la testa del suo cazzo mentre le sue dita danzavano lungo il suo scroto.

"Allora agente Danny, ha qualche idea su come sistemare le cose con tutti?" disse Nina, con una leggera punta di rabbia e impazienza nella voce e negli occhi. Nel frattempo la bionda e la rossa stavano taggando il suo cazzo facendo scorrere le labbra lungo il suo albero.

"Stavo solo facendo il mio j--" Dan iniziò a dire prima che Nina lo interrompesse con uno sguardo da Non iniziare nemmeno quella merda e poi fece un cenno alle puttane dietro di lui. Danny li ha sentiti avvicinarsi dal suono dei loro tacchi alti e poi ha sentito un paio di tette grandi ma sode strofinarsi contro la sua schiena e baciargli la nuca mentre l'altra puttana ha iniziato a mordersi e succhiargli il capezzolo sinistro.

Non posso sopportare molto di più di questo Danny pensò mentre la testa del suo cazzo ormai duro si stava strofinando contro la parte posteriore della gola di Anita la rossa e lei lo stava succhiando con fervore. Ora i seni si sfregavano contro la sua parte bassa della schiena e seguirono i baci.

All'improvviso, Nina stava schioccando le dita davanti a Dan per attirare la sua attenzione. Dietro Dan, i baci si erano spostati sulle sue natiche.

“Senti piccola, so che hai una festa in corso al piano di sotto, ma in questo momento ho bisogno che ti concentri sulla nostra conversazione. Affari prima del piacere, agente. disse Nina mentre la rossa in calze a rete e il babydoll biondo facevano scorrere lascivamente la lingua lungo il cazzo di Dan.

"Forse, ti metterò in strada, a fare trucchi finché non recupererai i soldi che mi sei costato." Nina mentre valutava la lunghezza del cazzo di Dan, che era vicino ai suoi 9 pollici pieni.

“Aaaahh!' Dan gemette rumorosamente quando una delle puttane iniziò a succhiare il cazzo di Dan mentre la sua lingua roteava intorno alla testa.

"Figlio di puttana, faresti meglio a non venire!" disse Nina con intensità, puntandogli la pistola contro per enfasi mentre Dan sentiva una lingua che gli leccava la fessura del culo, facendolo stringere.

"C...non puoi semplicemente farli s...smettere?" Dan implorò mentre le puttane si baciavano sensualmente intorno alla testa del suo cazzo palpitante mentre un paio di mani gli stringevano le natiche.

“Non importa loro; Non mi interessa cosa ti stanno facendo. Occhio qui Danny” disse Nina mentre Dan sentiva le guance del suo culo che si aprivano.

“Puoi venire a tuo piacimento. In questo momento, questo è il mio momento". Nina ha detto esattamente nello stesso momento che Dan ha sentito una lingua invadere il suo buco del culo facendolo grugnire.

Nina si allontanò, lasciando Dan alle puttane che lo stavano giocherellando e dandolo piacere contro la sua volontà.

A questo punto, Dan era di nuovo, coperto di puttane, ognuna delle quali cercava di baciare, leccare, accarezzare o succhiare la sua carne esposta. Questo, combinato con la lingua che stava esplorando il suo culo, lo stava facendo impazzire.

Dan chiuse gli occhi e per un minuto, gli unici suoni che sentì furono i tubare e le chiacchiere sporche delle puttane mescolati ai suoni bagnati e sexy delle labbra e delle bocche sul suo corpo, in particolare il suo cazzo, le palle e il culo.

Nina tornò con in mano il cellulare di Dan e disse una parola che era più una richiesta che una domanda:

"Parola d'ordine."

"Che cosa ? Assolutamente no, io non sono---UnGnnh! disse Dan poco prima che una mano si allungasse da dietro e gli strinse le palle. Difficile.

Dan ha dato la password.

Nina sorrise e si allontanò con il suo cellulare mentre qualcuno iniziava ad accarezzarlo e la ragazza asiatica dai capelli blu gli baciava e gli torceva i capezzoli.

Nina è tornata (senza cellulare o pistola) e ha detto una parola come richiesta/domanda: "Numero di bancomat"

"Cosa, hai intenzione di derubare me---?" era tutto ciò che Dan poteva tirare fuori prima che le sue palle venissero schiacciate di nuovo. Più forte.

Dan rimase senza fiato sul numero del bancomat.

Nina sorrise e disse: "Sta iniziando a imparare..." e poi si allontanò di nuovo, il suo culo sexy che ondeggiava quasi come se lo stesse prendendo in giro. Nel frattempo due paia di labbra gli stavano baciando le palle e stuzzicandole con la lingua mentre un'altra bocca iniziava a baciargli l'ombelico.

“Guardate, se...se voi ragazze mi lasciate andare...” iniziò a dire Dan, distratto da quello che le puttane gli stavano facendo. "Th...Le cose andranno molto ea---Nnngth!" Dan grugnì mentre un dito gli scivolava nel buco del culo.

Leccandosi l'orecchio mentre sussurrava, LaTanya ha detto: "Nel caso te lo stia chiedendo piccola, questo è il mio dito nel tuo culo". e poi Dan ha sentito una testa dondolare su e giù sul suo cazzo, portandolo in profondità...

La rossa gli sussurrò maliziosamente all'orecchio: "Quella è AlexisXX, la principessa dei pompini - viene da fuori città, ho sentito che è davvero brava a succhiare il cazzo". Lei è Dan pensò mentre le sue labbra e la sua lingua sembravano essere ovunque sul suo cazzo mentre la sua bocca lo tirava con una profonda, dolce suzione che sembrava diventare più intensa.

E poi Dan grugnì quando l'indice di LaTanya gli andò fino alle nocche nel culo.

Un seno nudo, con un capezzolo rosso e duro, gli è stato spinto in faccia mentre il proprietario gli ha chiesto: "Succhialo agente!" perso nel delirio della bocca di AlexisXX, Dan ha succhiato il seno senza bisogno di essere costretto. Una delle puttane ha detto: "Penso che il suo allenamento stia andando bene, non credete ragazze?" seguita da una risata a sue spese. Il dito di La Tanya si muoveva sensualmente dentro e fuori dal suo culo.

All'improvviso, il dolce succhiare di AlexisXX si fermò quando la sua bocca lasciò il cazzo di Dan, cosa inaccettabile per lui quando disse: "No, non fermarti!" e poi vide che Nina era tornata...

E indossava uno strap-on. Un grande nero. Oh no ! No No No! pensò Dan.

"No ! Fanculo, non stai mettendo quella cosa in me! disse Dan con aria di sfida mentre le puttane lo trascinavano e lo spingevano verso di esso.

"Sulle tue ginocchia." disse Nina mentre Dan veniva trascinato davanti a lei. "Assolutamente no" disse Dan e poi, ancora una volta, una mano gli strinse le palle, costringendolo a obbedire.

In ginocchio davanti a Nina e al suo cinturino all'altezza del viso, Dan sapeva cosa sarebbe successo dopo.

"Apri la bocca." Dan ha rifiutato.

"Forza agente, apri quella bella bocca" disse Nina mentre strofinava la testa del cinturino sulla bocca di Dan.

Ancora una volta, una mano si protese da dietro e strinse le palle di Dan e strinse fino a quando non gridò, a quel punto Nina gli afferrò la testa per i capelli e gli spinse lo strap-on in bocca e iniziò a scoparlo in faccia.

"Stasera ti porteremo via un sacco di cose Danny e la prima di queste cose sarà il tuo riflesso del vomito." disse Nina alle risate e agli applausi delle puttane. Il viso di Dan bruciava di rosso per la rabbia e l'umiliazione.

Mentre Nina guidava lo strap-on dentro e fuori dalla sua bocca, Anita la rossa si inginocchiò, i loro volti allo stesso livello con la sua mano dalle unghie lunghe che gli carezzava la spalla e disse: "Oooh, agente, sembri così carina a succhiare il cazzo come Quello !" acclamandolo/schernendolo.

Improvvisamente, un'auto di pattuglia con luci rosse e blu lampeggianti attraversò il vicolo. Grazie a Dio pensò Dan mentre il sollievo lo investiva, anche se sapeva che non sarebbe mai sopravvissuto all'umiliazione. Fanculo, mi trasferirò e poi tra un anno o due farò visita a queste puttane... pensò mentre si sforzava di allontanarsi dallo strap-on, si alzò e gridò: "AIUTO!"

Ma la speranza e i pensieri di vendetta di Dan si sono dissipati quando si è reso conto che l'auto di pattuglia era sua e una voce ha echeggiato ad alta voce attraverso il sistema di altoparlanti dell'incrociatore:

"TU, IL CUTIE NUDO CON I PANINI STRETTI E IL CAZZO DURO, ASSUMI LA POSIZIONE E DIFFUGLI 'EM !"

Fanculo ! Dan pensò mentre le sue speranze svanivano quando si rese conto che c'era nell'incrociatore e si rese anche conto di chi lo aveva incastrato per Nina e le sue puttane.

L'auto di pattuglia si è fermata e l'agente Rosita è scesa dal veicolo, con un ampio sorriso sul viso e gli occhi illuminati mentre beveva alla vista del suo vecchio compagno, nudo con le mani ammanettate dietro la schiena.

L'agente Rosita era una latina formosa e procace di 5'4 pollici con la pelle castano chiaro e capelli ricci castano chiaro con una figura che era parzialmente nascosta dalla sua uniforme della polizia.

Rosita e Nina si diedero baci veloci e si salutarono e poi Rosita rivolse la sua attenzione a Dan.

Rosita ha detto: "Ehi collega, sembra che tu non abbia l'uniforme", poi guardando il suo cazzo palpitante, ha aggiunto: "Oooh, sembra che la tua arma sia pronta a scaricarsi".

Dan era troppo pieno di rabbia e umiliazione per formulare una frase. Puttana mi ha incastrato!

Nina ha detto: "Sei in ritardo, quindi abbiamo dovuto iniziare senza di te".

I suoi occhi che ancora bevevano lussuriosamente alla vista della nudità di Dan hanno risposto: "Te l'ho detto, avevo bisogno di tempo per spostare la sua macchina, in più ho avuto Angela che ci copriva, quindi va tutto bene".

Rosita fece scorrere le dita su e giù per la lunghezza del cazzo di Dan, facendolo contrarre. "Togli le tue fottute mani di dosso!" disse Dan con rabbia a Rosita e si staccò dalle sue dita stuzzicanti.

Rosita ha detto "Oooh, è ancora esuberante!" e rise.

"Ora girati e mostrami quel culo!" disse Rosita con entusiasmo.

Dan esitò e Nina gli diede un'occhiata Non farmi dire due volte e disse:

“Vuole vedere il tuo culo. Giro. Intorno a."

Dan si voltò e da dietro sentì Rosita dire: “Oooh! Omidio! Penso di essermi appena innamorato del tuo culo! nel frattempo, le puttane di fronte a lui stavano afferrando velocemente e palpeggiando il suo cazzo esposto e gonfio.

Voltandosi indietro, Dan scattò a Rosita: "Non posso credere che tu mi abbia incastrato in questo modo!" ma Rosita non ce l'ha fatta e ha replicato: “No no no, prima di tutto non saresti in questa posizione se fossi andato con il flusso come tutti gli altri! Ricordo quando ho visto per la prima volta il tuo culo stretto in quei pantaloncini minuscoli quando eri un poliziotto in bicicletta.

Guardando il suo cazzo duro come una roccia, Rosita ha continuato: "Io e Angela abbiamo pensato che sarebbe stato carino per le donne del distretto avere un po' di piacere per gli occhi, quindi abbiamo tirato i fili e ti abbiamo trasferito ..."

“Ed è così che mi ripaghi? Parlando di me a I.A. ?" disse Rosita con rabbia mentre afferrava il cazzo di Dan in una presa facendogli dire: "HnGGnnh!"

"Y...tu eri un..Ah!...un d..sporco c..poliziotto!" Dan sussultò mentre la mano di Rosita si muoveva su e giù per l'asta del suo cazzo, facendogli una sega arrabbiata.

Lasciando andare il cazzo di Dan, Rosita si sedette sull'incrociatore mentre si slacciava i pantaloni e li toglieva. Indossava un perizoma rosa che si è sfilato anche senza sforzo, rivelando una figa leggermente pelosa.

"Beh, visto che sono così sporco, perché non vieni qui e mi pulisci... con la lingua!" ha detto Rosita mentre si stendeva a culo nudo sull'auto della polizia indossando solo la metà superiore della sua uniforme e il berretto da poliziotto e il dito nella figa mentre si leccava le labbra.

Rosita sembrava il tipo di poliziotta sexy che vedi in un film porno.

Rosita si sdraiò sulla schiena sopra il cofano dell'auto della polizia e si accarezzò la figa in un modo "vieni e prendilo".

"Vaffanculo Rosita, non sto mangiando la tua sudicia figa!"

Nina tirò Dan per i capelli e gli disse all'orecchio: "Lascia che te lo renda semplice Ufficiale, se mangi, lecchi e succhi la figa e il buco del culo di Rosita e la fai venire, prendi il lubrificante, altrimenti..."

"IO. Fanculo. Voi. Crudo." Nina gli sibilò all'orecchio.

Sconfitto, Dan si chinò sull'auto della polizia e iniziò a leccare provvisoriamente la figa di Rosita. Dopo un minuto, Rosita lo afferrò per i capelli e gli spinse la faccia nella figa, stropicciando le labbra contro la sua bocca e il suo naso.

Dan sapeva come mangiare la figa ed era ulteriormente motivato dalla minaccia di farsi scopare nel culo senza lubrificante. La realizzazione all'improvviso lo colse: sto per essere sodomizzato. Quella cagna Nina sta per fottermi nel culo! Dan pensò mentre la sua lingua svolazzava sul clitoride di Rosita, facendola rabbrividire e tubare: “Oooh oooh oooh! Stai colpendo il mio compagno di posto!”

Mentre la lingua di Dan lavorava nel buco del culo di Rosita, Nina gli accarezzò il culo come se fosse un animale domestico e disse:

“Mi piace quello che vedo e sento”. Il suo cazzo era duro come una roccia e Dan desiderava avere almeno una mano libera.

I gemiti di Rosita echeggiarono per tutto il vicolo quando Dan sentì le mani di Nina sul suo culo, appena prima di sentire qualcosa di duro strofinargli le chiappe. No ! pensò Dan.

Staccando la faccia dalla figa di Rosita e vicino alle lacrime, Dan ha detto: “Nina...non devi farlo. Per favore, non fare---” prima che Nina lo interrompesse dolcemente con “Shhh. Devo fare di te un esempio piccola. Mi sei costato un sacco di tempo e denaro e mi hai fatto fare brutta figura di fronte alle mie ragazze e ai miei capi". Capi? Dan pensò in fondo alla sua mente mentre Rosita scivolava giù, si chinò sul cofano dell'auto della polizia e disse: "OK, ora voglio che mi scopi la figa".

Con riluttanza e senza l'uso delle sue mani, Dan ha posizionato il suo cazzo vicino alla sua figa prima che Nina gli prendesse il cazzo per la base e lo guidasse alla sua figa e ne strofinasse la testa intorno alle labbra della figa di Rosita – stuzzicandola.

"Oh cazzo che merda!" disse Rosita mentre si spingeva indietro e il cazzo di Dan le riempiva completamente la figa, facendo grugnire entrambi di piacere e le puttane ridevano e battevano le mani per il divertimento.

"E' ora piccola" disse Nina mentre strofinava il suo strap-on contro il suo culo. “C..Andiamo Nina---” Dan sussultò
mentre la figa di Rosita gli mungeva il cazzo.

Dan sentì le mani di Nina sui suoi fianchi. “Non combatterlo piccola. Sta succedendo questo. Non puoi farci niente. Se ti rilassi, posso farlo sentire bene per te. disse Nina con una voce rassicurante ma severa mentre il suo strap-on lubrificato scivolava nel culo di Dan.

“Hyunggh!” Dan ha detto mentre Nina ha iniziato a scoparlo sensualmente – il disagio che ha lasciato il posto a un senso di pienezza e altri sentimenti Dan era troppo vergognoso per ammetterlo.

In un'ultima dichiarazione di sfida, Dan ha detto: “Y..tu non sei... Hyunggk! Non ho intenzione di... di farla franca con questo... questo! come è stato scopato da entrambe le estremità.

Questo ha spinto Nina a ridere e a rispondere: “Ti ho preso a culo nudo, nelle tue stesse manette, piegato sul cofano della tua stessa macchina mentre ti sto scopando nel culo. Che cosa esattamente non sto facendo franca?” sottolineando il punto afferrando i fianchi di Dan e spingendo più a fondo in lui.

Dan si sentiva come se fosse bloccato in una deliziosa trappola, con la figa di Rosita che digrignava il suo cazzo, lavorandolo senza pietà mentre Nina gli fotteva il culo con competenza; conoscendo tutti i posti giusti per dargli quel tipo di piacere e umiliazione che gli cambiano la vita.

Con i suoi movimenti e il suo respiro, Dan poteva sentire Rosita avvicinarsi e lui sapeva che era vicino anche lui – tutte le prese in giro e i preliminari che aveva dovuto sopportare sotto le mani, le labbra e le lingue delle puttane di Nina lo avevano portato a questo limite con le sensazioni di Rosita e Nina che lo scopano portandoglielo sopra.

Con Rosita che già urlava nell'orgasmo, la figa che gli si spasmava intorno al cazzo e lacrime di piacere insopportabile che gli colavano lungo il viso, Dan urlò:

“Vado a sborrare! NON FERMARTI, VADO A CUM !” mentre l'orgasmo lo prendeva e sembrava continuare all'infinito con un'intensità profonda quanto lo strap-on che Nina gli stava guidando nel culo, il che lo portò a sborrare profondamente nella presa della figa di Rosita.

Dan si guardò e vide che la maggior parte delle puttane le stava filmando sui loro smartphone.

“No, non puoi...!” disse Dan debolmente. Nina, dopo essere crollata addosso a Dan, gli ha baciato la spalla e ha risposto: "Sì piccola, questa è la nostra assicurazione, sono sicura che non vuoi che quel filmato giri intorno al distretto o alle persone elencate sul tuo telefono". Fanculo ! pensò Dan.

"Voi due siete pesanti, potete togliermi di dosso?" disse Rosita stancamente e poi rise.

“Va bene, Danny. La pausa è finita!” disse Nina mentre gli schiaffeggiava il culo.

"E adesso ?" Dan gemette.

"Beh, hai un sacco di troie arrapate da soddisfare" disse Nina, facendo un cenno alle sue puttane che stavano guardando Dan mentre si spogliavano.

"No, non posso..." gemette Dan quando una ragazza bionda dall'aspetto da surfista con indosso un completo da muta iniziò ad accarezzargli il cazzo. "Ciao, sono Alexis XX... ci siamo incontrati prima ma non abbiamo mai avuto la possibilità di essere presentati perché la mia bocca era piena di... beh, te" rise, appena prima di iniziare a succhiargli il cazzo in modo esperto.

Presto, Anita si stava preparando a cavalcarlo e Dan disse: "Aspetta, prima mettimi un preservativo!" facendo dire ad Anita con suo sgomento: "Nah, non credo in loro". e poi si impalò sul suo cazzo.

Nina ha detto: “Non ti preoccupare agente, tutte le mie ragazze sono pulite. Penso..."

Molte puttane dopo, Nina si avvicinò a Dan e disse: "Un ultimo affare..."

Nina alzò un plug anale e disse: "I miei datori di lavoro l'hanno fatto fare apposta per te"

“Questo è il tuo plug anale. Devi indossarlo sempre. Quando vibra e ti fa formicolare il sedere, significa che mi contatti al più presto. Il mio numero è già nel tuo telefono. Domani qualcuno ti contatterà.

Nina e il resto delle sue puttane iniziarono ad andarsene.

Nina si è girata e mentre camminava all'indietro ha detto: "Oh sì, e sono serio riguardo al plug anale - ha delle cazzate sensibili al calore in corso, quindi sapremo se non lo indossi e se lo perdi o romperlo, verrà sostituito... con un modello più grande. Capisci ?"

Dan annuì docilmente. In che cazzo mi sono cacciato? Pensò, ancora incredulo per gli eventi della notte.

"E la mia pistola?" Dan gemette.

Sempre allontanandosi, il suo dolce culo ondeggiante, ha detto: “Quello è mio adesso. Lo tengo come trofeo: ti ho portato via la tua virilità e ti ho portato via la tua pistola.

+++++++++++++++++++++++

Dopo un imbarazzante viaggio a casa con Rosita, Dan si è seduto nel suo letto e ha pianto e poi si è masturbato, seguito da altri pianti.

+++++++++++++++++++++++

La mattina dopo, Dan ancora dolorante ed esausto e ancora abituato al plug anale, è inciampato nella stazione ed è stato accolto da Angela, una sorridente ragazza italiana dai capelli ricci, un po' grossa, ma con una figura sinuosa. "Ehi, agente Tight-Ass, sembra che tu abbia passato una bella nottata."

Angela era un'amica di Rosita e la centralinista che lo aveva mandato nel vicolo. Questa puttana mi ha incastrato pensò Dan, cercando di trattenere la sua rabbia.

"C'è un avvocato qui per vederti nella stanza 3" disse Angela con esagerata innocenza e dolcezza. E adesso ?

Dan è entrato nella stanza 3 e seduta lì c'era un'avvocatessa sexy che sembrava proprio una di quelle sexy avvocatesse di uno di quegli spettacoli sulle sexy avvocatesse che erano state grandi in TV circa 15 anni fa.

«Agente Tight-Ass, finalmente ci incontriamo. Sono Kristin, sono un'amica di Nina” disse allungando la mano, cosa che Dan ignorò.

Guardando indietro allo schermo del suo telefono, "Wow, hai davvero preso quello strap-on come un campione! Se farsi inculare come una puttana fosse un evento olimpico, otterresti sicuramente l'oro".

In preda al panico: "Ehi, tieni la voce bassa e... e spegnila" chiese Dan.

Kristin ha regolato il volume e i grugniti di Dan per la sodomizzazione sono diventati molto più forti.

"Per favore, abbassalo per favore!"

Con sollievo di Dan, ha spento il video e ha contattato il suo addetto per alcune scartoffie.

"Firma e data queste pagine, ovunque vedi un adesivo giallo."

Sfogliando le pagine e confuso Dan disse: "Cos... cosa sono questi?"

"Oh, sono solo documenti legali che revocano i tuoi precedenti commenti agli Affari interni sull'agente Rosita - in pratica che ti sei inventato tutto perché ha rifiutato le tue avances sessuali e che la stai chiedendo di nuovo come tua partner."

"CHE COSA !?" Dan esclamò "Non è quello che è successo, non sto firmando nessuna di quelle stronzate!"

Kristin sorrise e disse: "Hai controllato il tuo conto di risparmio ultimamente?"

Dan rimase lì confuso e poi ricordò come Nina avesse chiesto il suo numero di bancomat. Un freddo terrore lo pervase mentre usava il telefono per controllare il suo conto in banca.

$ 50.000 erano stati aggiunti al suo account in un periodo di tre mesi.

Guardandosi alle spalle, Kristin ha detto beffardamente: “Potrebbe essere un po' difficile da spiegare a IA. Sto solo dicendo...”

Con la penna, Kristin ha picchiettato sulla scrivania dove si trovavano i documenti e ha detto: "Firma".

Seduto e quasi distrutto, Dan ha detto: "Tra questo e la perdita della pistola... sembrerò un idiota... la mia carriera sarà finita".

Kristin si è tolta gli occhiali hipster, ha guardato Dan con uno sguardo serio e ha detto:

“Being a rookie cop for the rest of your life is better than the alternative – a long term prison sentence, that includes getting fucked in the ass by a big Black guy...” Looking off to the side with a quizzical look on her face, she asked rhetorically: “Is that racist ? Forse. Anyway it's hot.”

Looking back at Dan, Kristin continued sweetly: “And I have enough influence, that I could make that happen for you; in fact I could arrange for you to have four big Black guys as cellmates and have the guards feeding them Viagra & oysters.”

Standing over Dan (who was now trembling), Kristin continued to paint a picture with words: “Four big Black guys. Giving two of them handjobs, while the other two fill you full of cum from both ends and then they'd rotate...”

Close to tears, Dan said: “OK. OK. Enough...I'll sign.” Kristin was fanning herself and said: “Wow, I got myself all worked up with that whole prison thing...” as Dan signed the paperwork.

Collecting the paperwork, Kristin said: “OK, now that business-business is done, now we can move to business-pleasure...” Dan was holding his head in his hands and contemplating his lack of future.

Sitting on the desk, Kristin asked: “So Dan, are we wearing our little butt-plug as we were instructed ?”

“Yes” Dan whispered in shame.

“I'm sorry, I didn't quite hear that...” Sharon said with her hand at her ear in an exaggerated I didn't quite catch that gesture.

“Yes !” Dan said in a loud-whisper.

“Show me.”

“What ?”

“Drop your pants and turn around.”

“Waitaminute” Dan started to protest.

“Drop 'em” she demanded in a sexy voice, smiling at his discomfort.

Dan started to move towards the door to lock it, but Kristin had other ideas: “No, leave it unlocked”

“But...but what if someone walks in ?”

Kristin said in a conspiratorial and naughty tone: “That's what makes it hot.”

Dan unbuckled his pants and slid them with his underpants to the floor with one hand while using the other hand to cover his groin, which Kristin was trying to get a glimpse of as she bit her lower lip with eyes squinted.

Kristin's eyes then met his as she smiled and twirled her finger, indicating that Dan should turn around.

“Wow, seriously dude. Nice buns !” Kristin said as she ran her hand over his backside, causing him to tremble slightly. Dan shuddered as her index finger toyed with the handle of the buttplug and she said:

“That's just so fucking hot.”

Giving his bare ass a slap, Kristin said: “OK, I'm satisfied.”

“Y'know, all this talk about you getting fucked in the ass has me yearning for that. Fuck my ass. Adesso."

Kristin demanded as she lifted up her short skirt. She wasn't wearing panties.

Dan still trying to process what was happening, hesitated.

Kristin looked over her shoulder, wiggled her sexy creamy white ass and repeated with insistence:

"Fanculo. Mio. Culo. Adesso."

Pissed off Dan grabbed her roughly by the hips and thrust deeply into her ass and they both grunted in pleasure. Fuck, her ass is tight. Too tight ! Dan thought as he gripped her hips and plowed the ass that was mercilessly squeezing his cock.

Kristin looked over her shoulder, looking sexy as her hair came undone and partially covered her face and with a lusty look on her face said just a little too loudly for Dan's comfort:

“That's right officer, fuck my ass hard, the same way my girls fucked your ass hard last night !”

Pissed off, but also aroused by her words, Dan's face twisted into an angry grimace as he pounded her too-tight ass while trying not to cum.

Si sentì bussare alla porta. Dan, his mind frozen in panic, but hips still thrusting said nothing. Kristin immediately yelled “Come in !”

The doorknob turned and the door started to open...

Still tearing up Kristin's ass, Dan kicked it shut while choking out “W..We're almost d...done.”

Dan grabbed her hair and Kristin grunted in pain & passion. Pulling her head up by her hair while still fucking her ass, Dan grunted: “What the fuck is wrong with you ? They almost came in.”

Kristin laughed and said: “I don't give a fuck, I don't work here.” and then pulled out her phone and started dialing.

“Whnggk !...What...what're you doing ?” Dan gasped, trying to ignore the friction of Kristin's ass, which somehow seemed even tighter now than when he'd first started fucking it.

Looking at her phone as her body moved back and forth across the desk from Dan's pounding, Kristin said: “You're going to love this !” and pushed the SEND button on her phone.

“Nnggghk !” Dan grunted as the butt-plug in his ass started vibrating with ferocity - sending him over the edge, ascending into an unstoppable orgasm. Dan bit into Kristin's shoulder to keep himself from screaming in pure bliss as he jetted cum into her tight ass.

For a minute, they both laid quiet on the desk, heaving in silence with Dan on top.

“You have a girlfriend right ?” said, breaking the silence.

“I have a fiance...”

“Right...right. Yeah, that doesn't work for us, so you'll have to break up with her.” Kristin said as she started to get dressed.

“I'm going to have your cum dripping out of my ass all day” she said with a sexy shiver and then added: “Also, Rosita will be moving into your place. Partially so we can keep an eye on you, but mostly for Rosita's convenience, for when she's craving your cock.” Kristin said as she collected her things.

“Wait, why I don't und---?” was all Dan could get out before the sexy lawyer interrupted.

“No wife. No girlfriend. From now on, the only pussy you'll get will be strange pussy. And some of that will be really strange pussy.” Kristin said and then left the room, leaving Dan alone in his thoughts about his new life.

Storie simili

Colto in flagrante_(9)

Mi chiamo Carla e sono una studentessa universitaria di 19 anni. Vivo con la mia migliore amica Sarah in un appartamento che i suoi genitori pagano per lei. Il padre di Sarah ha fondato un'azienda che ha funzionato davvero bene e ora ha i soldi da spendere per Sarah quando vuole. Più su di me, sono circa 5'4 con lunghi capelli castano scuro, con una corporatura snella. Ecco la storia di come ho imparato qualcosa in più su me stesso e su Sarah. Sarah era stupenda, era il tipo di ragazza che quando camminavi lungo il corridoio i ragazzi ti fissavano...

1.2K I più visti

Likes 0

New Jock Tales Capitolo 3 Sophomore Year-13

New Jock Tales --- Secondo anno—CH 3—13” e una Ducati Verso le 10:30 bussarono alla porta. Che cazzo Era Mark Mattox, e ha detto che aveva un nuovo contratto per me, se ero interessato. Ho detto di sì, ma questo accordo non aveva niente a che fare con il sesso. Ha detto che avrei portato la droga da Austin fino a Tyler, ogni fine settimana. Pagherebbe 150 dollari a viaggio e sarebbe un chilo di droga. Nessuno guarderebbe una jeep per trasportare erba, e dovrebbe essere un gioco da ragazzi. Rifletto per qualche minuto, poi dice che ci proverei. Mark ha...

1.3K I più visti

Likes 0

Brooke_(1)

Brooke Questa è la mia prima storia e, come tale, sii premuroso nelle tue critiche; solo critiche costruttive per favore. Se non ti piace questa storia, ce ne sono molte altre da leggere. I nomi sono stati cambiati per proteggere i miei fottuti compagni e, a loro volta, il mio culo. Durante la mia adolescenza, sono stato abbastanza sessualmente attivo. Essere un adolescente e anche frequentare un liceo cattolico per soli maschi ha solo favorito la mia libido. Per cominciare, io non sono un ragazzo piccolo. A quel tempo, avevo circa 6'3, 200 libbre e un atleta di prima qualità. Ho...

806 I più visti

Likes 0

L'uomo più piccolo

Stavo guardando le gambe di Jerry, mentre era in piedi sullo sgabello davanti a me. Aveva le cosce molto forti, e ho ammirato la sua forma mentre metteva la nuova lampadina nella plafoniera. Questa cosa è un dolore da raggiungere, ha detto Jerry. Poi, mentre lottava con il bulbo, i miei occhi seguivano le sue gambe muscolose fino al punto in cui si incontravano, e ho dovuto sopprimere uno sguardo fisso: c'era un nodulo che giaceva di lato, un piccolo nodulo, ma c'era un nodulo ben definito. Lascia che ti spieghi quello. Stavamo parlando del nostro recente gruppo di feste che...

720 I più visti

Likes 0

CAW#11 - Giornata degli inverni freddi

Era una fredda notte d'inverno, nel tardo autunno. La nebbia era calata; poco prima di mezzanotte e ricoprì gradualmente le strade. L'aria era piena di nebbia e la visibilità diventava difficile, mentre camminavo per le strade della città. Il mio protettore è costretto a lavorare per strada stasera. Speravo in una notte proficua; per tenere lui e i suoi scagnozzi, lontano da me e dalla mia famiglia. Mi chiamo Louise e sono una madre single di 21 anni e anche una prostituta. Ho una figlia di tre anni, Misty (Melissa). Era accudita da un caro amico. Stanotte il mio corpo snello...

727 I più visti

Likes 0

Perché le cose succedono sempre a me

Perché le cose mi succedono sempre Prima di iniziare mi rendo conto che non ci sono molti uomini che vanno in giro con un cazzo da 12 pollici. E quindi l'ho soprannominata una fantasia e una farsa. Basta già detto alla storia. Mi chiamo Samuel Longfellow, sono il proprietario di una delle più grandi società di sicurezza dello stato. È così che guadagno i miei soldi (sette cifre all'anno) La mia passione è la ricerca sulla fauna selvatica e ho una borsa di studio presso il college locale. Faccio le mie ricerche nella mia fattoria di 680 acri. Ora la mia...

719 I più visti

Likes 0

Visitare un amico speciale

Ho bussato al cancello di metallo. Era un bungalow piuttosto grande circondato da muri di mattoni con glassa di filo spinato. Il mio cuore batteva. Tutto quello che sentivo era la paura di essere rifiutato o qualcosa del genere. Fortunatamente, suo fratello maggiore, Suleman, ha aperto la porta. Era un ragazzo con un carattere freddo e una corporatura piuttosto muscolosa, quindi ha mantenuto la sua posizione. Mi guardò con giudizio per un momento, sorrise e mi diede una stretta di mano. Ei, cosa ci fai qui? Sono qui per far visita a tua sorella... mi smorzai, sapendo quanto fosse insolito per...

106 I più visti

Likes 0

Programma Alpha-Omega 7

Episodio 7: Debug del codice Zack stava sfrecciando per la strada sul suo nuovo scooter. Era stato in giro solo per divertirsi nell'ultima ora. Alla fine, decise di andare a casa di Brian, per mostrargli il suo nuovo giocattolo. Girò intorno all'angolo successivo e si diresse verso quella parte della città. Zack notò immediatamente che il camioncino di Brian era sparito, quindi Brian quasi certamente non era a casa. Oh bene, pensò. Lo mostrerò a Wendy, allora. Zack bussò alla porta e poi entrò, salutandolo. Sentì la signora Selman chiamare dalla cucina, e così andò in quella direzione. Quando entrò in...

893 I più visti

Likes 0

DIARIO DI UNA FAMIGLIA: PARTE 1

3 settembre Caro diario, mi chiamo Tilly Crawford e negli ultimi dieci anni sono stata la casalinga della Delta House Fraternity qui allo State U. Un altro anno di scuola è iniziato proprio ieri e i ragazzi si stanno preparando per la corsa all'impegno della confraternita settimana organizzando feste e, naturalmente, l'open house per consentire alle nuove matricole di farsi un'idea se desiderano unirsi a Omega House. È stata una lunga estate per me diario, mi manca molto stare con i ragazzi e ovviamente alla mia figa mancava l'attenzione che riceve dai loro grossi cazzi duri!!! Eric è appena passato per...

982 I più visti

Likes 0

Trio alla festa di Natale

Avevo solo 20 anni e avevo sempre amato Bev (32) da quando avevo iniziato a lavorare un paio di anni prima. Aveva lunghi capelli castani con la permanente, una figura sinuosa con fianchi larghi e meravigliosi, seni grandi e gambe lunghe. Bev indossava spesso top scollati che servivano ad accentuare i suoi grandi seni sodi. Mi ritrovo a sognare ad occhi aperti e a guardare la sua bella figura. In più di un'occasione sono stato catturato da Bev che mi sorrideva semplicemente timidamente con uno sguardo d'intesa prima che tornassi timidamente al mio lavoro, per tutto il tempo la mia mente...

880 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.