Studente schiavo_(0)

1.8KReport
Studente schiavo_(0)

Mi chiamo John Smith. Ho 32 anni, capelli castani, alto circa 5 piedi e 8 pollici e ho un cazzo di 15 pollici. Insegno matematica alla classe 10. Amo il mio lavoro per via di tutti gli adolescenti sexy che riesco a vedere. Ce n'è una in particolare di nome Katie che si veste sempre come una troia. Camicie strette senza reggiseni e minigonne. Lei ha 16 anni.

Venerdì, dopo un esame di matematica, l'ultima lezione della giornata, si è avvicinata a me dopo che tutti gli studenti erano andati via. Indossava una canotta bianca e una minigonna piuttosto corta.

"Sig. Smith, ho bisogno di parlarti del mio esame di matematica. Lei disse.

“Ottimo” pensai sarcasticamente. Ero stanco e volevo tornare a casa e riposarmi. Ho dovuto valutare queste carte per tutto il fine settimana. Dopo qualche secondo ho finalmente detto "Cos'è?"

"Beh... non ho avuto il tempo di studiare bene e penso che potrei prendere un brutto voto."

"E…?" dissi stancamente.

"Beh, se ottengo qualcosa sotto una B, mia madre mi ucciderà, e davvero non capisco questo stu-"

"Allora" la interruppi "non credi a cui avresti dovuto pensare quando hai deciso di non studiare?"

Una lunga pausa, e alla fine ha detto "beh, volevo, ma il mio ragazzo continuava a infastidirmi".

"Ti infastidisce?" Ho chiesto.

"Beh, continuava a volere che facessi cose con lui... comunque mi stavo chiedendo se è possibile che tu possa aiutarmi questa volta e darmi un buon voto."

Ho ignorato la seconda parte. "Cose?" Chiedo.

"Beh... non voglio davvero entrare in questo." Lei disse.

"Beh, sei stato tu quello che ha deciso di tirarlo fuori come scusa."

“Sì, ma tu sei il mio insegnante. Solo... roba sessuale. Possiamo parlare del mio voto?" disse nervosamente.

Ancora una volta ho ignorato la seconda parte. "Cose di sesso?" Ho chiesto. Non avevo deciso se stavo solo scopando con lei o ero davvero interessato.

“Umm…” Diventò un po' rossa, cosa che mi sorprese considerando il modo in cui si veste sempre. "Sai." Era ovvio che non voleva parlarne.

"Dai, stai parlando di rapporti, orali, cosa?" Ho detto. È diventata ancora più rossa.

“Err, mi sto risparmiando per il matrimonio. Sono cristiano”. Disse imbarazzata.

"E orale?"

“Beh... a volte. Possiamo tornare all'esame?"

"Va bene" ho detto alla fine. “Allora cosa vuoi che faccia al riguardo? Non posso fare un'eccezione per te. Non sarebbe giusto per tutti gli altri ora, vero?"

"No." disse mentre guardava verso il pavimento. Dopo una breve pausa, la sua testa alzò di nuovo "ma non c'è niente che posso fare?" disse lei disperata.

"Tipo cosa? Sarebbe un tradimento. Avresti dovuto pensarci prima di fare "cose" con il tuo ragazzo invece di studiare come tutti gli altri". Guardò di nuovo verso il pavimento. Era ovviamente molto imbarazzata. Sembrava sul punto di piangere. “Non piangere. Forse possiamo elaborare qualcosa". dissi esitante. Il suo viso si è immediatamente rialzato e aveva un grande sorriso stampato in faccia.

"Grazie!" urlò e mi avvolse con le mani, abbracciandomi. Lo tenne per circa 5 secondi interi. Ho annusato i suoi capelli. Aveva un buon odore. Dopo aver finalmente rilasciato, ha detto "quindi cosa dovrei fare?" Ho pensato per un momento. Non lo sapevo davvero. L'ho detto solo così avrebbe smesso di piangere. Potrei essere licenziato se non segnassi correttamente la sua carta.

"Non ne sono sicuro." Ho detto. "Cosa pensi?" Dopo una lunga pausa, finalmente disse.

"Non lo so. Farò quello che vuoi. Sarò il tuo schiavo”. Ridacchiò.

"Uno schiavo? Questo non lo so". Sembrava leggermente delusa.

"Per favore!" ha implorato. “Mia madre non vede un brutto voto. Ne ho davvero bisogno!” Si inginocchiò e unì le mani. "Per favore." disse di nuovo. Troppo drammatico?

"Okay, questo sta diventando un po'-"

"Per favore, per favore, per favore!" la interruppe. Si chinò e iniziò a baciarmi le scarpe. Quando si è chinata ho notato che non indossava il reggiseno. Ho visto tutta la sua scollatura. Si alzò e mi fissò, speranzosa.

"Beh, cosa comporta esattamente uno schiavo?"

“Farò quello che vuoi. Lava la tua macchina. Lucida le scarpe. Qualunque cosa ti serva." Non stavo davvero prestando attenzione. Non riuscivo a smettere di fissarle il petto. Pensando alla scollatura che ho appena visto. "Ciao?" disse dopo pochi secondi. Sono uscito dal mio sogno ad occhi aperti.

"Scusa" ho detto. "Quindi niente, eh?"

"Qualsiasi cosa." Non riuscivo a togliermi il sesso dalla mente.

“Umm…” Stavo lottando per le idee. "Pulisci il pavimento in classe."

"Sicuro!" Non pensavo che l'avrebbe fatto. Stavo per tornare a casa, ma suppongo che potrei restare qui a valutare i compiti per un po'. "Dov'è la scopa?"

"Ce n'è uno nell'armadio." Indico la porta in fondo all'aula. Si avvicina velocemente e apre la porta. "Mi limiterò a valutare le carte."

"Va bene" dice. Prende una scopa e un secchio. Esce dall'aula per riempirla d'acqua. Torno alla mia scrivania e inizio a valutare le carte. 2 minuti dopo torna e si mette al lavoro. Passano 5 minuti. Lei torna nell'armadio.

"Già fatto?" Dico.

“No c'è solo una macchia sul pavimento, prendo una spugna”. Annuisco. Torna indietro e immerge la spugna nell'acqua e si mette in ginocchio, non di fronte a me. Noto subito, dato che indossa una minigonna, che le sue mutandine rosa sporgono. Sono immediatamente ipnotizzato mentre strofina il pavimento, scuotendo il culo avanti e indietro. Ero estremamente eccitato. Devono essere trascorsi altri 2 minuti prima che avesse finito, e si è alzata, ha ripreso la scopa e ha ripreso a pulire.

"Così." Dico. "Sei cristiano?"

"Sì, così è tutta la mia famiglia".

"Quindi non c'è niente nella Bibbia sull'orale prima del matrimonio?" Scherzo. Smette di lavarsi per un secondo e poi ricomincia.

"Beh, non dice nulla sul non farlo." Lei dice.

"Quindi puoi farlo a chiunque e non è un peccato?"

"Credo di sì."

"Anche io?" dico scherzando. Adesso smette di lavarsi completamente, dandomi le spalle.

"Non lo sto facendo." Lei dice.

"Beh tu sei il mio 'schiavo', giusto?" Una lunga pausa.

"Beh, immagino che tu abbia ragione." Si gira.

"Sto solo scherzando." Dico.

“No, avevi ragione. Voglio un buon voto e se lo vuoi davvero. Non dico niente. Lascia cadere la scopa e si avvicina a me. Va dietro la mia scrivania, gira la mia sedia e mi mette le mani sulle ginocchia. "È questo che vuoi?" lei chiede. Non dico niente. Penso che prenda la mia mancanza di parola come un "sì" perché cerca la mia cerniera. Lo chiude e io sento che il mio cazzo inizia a diventare duro. Mi tira giù i jeans, poi i boxer. La sua faccia diventa bianca quando vede il mio cazzo di 15 pollici, che era solo di circa 9 pollici e mezzo morbido quando lo ha visto. Ci mise una mano sopra e disse: "Wow. Questo è…"

"Lo so. Scusate." Non so se avrei dovuto scusarmi o meno. Voglio dire, non è colpa mia. Stava solo crescendo. Era sufficiente solo la sua mano, e 10 secondi dopo ero completamente duro. “Allora…” dico.

"Giusto". Lei dice. Ci mette sopra l'altra mano e inizia a muoverli su e giù. Entrambe le sue mani ne coprono a malapena metà. Ci si sente così bene. Fisso solo il suo corpo, posso vedere di nuovo la sua scollatura mentre lavora il mio cazzo. Dopo un minuto o due, ci sputa sopra per lubrificare. Sputa ancora un paio di volte prima di abbassare la testa. Lecca la parte anteriore dell'asta un paio di volte mentre le sue mani si fanno strada fino alle mie palle. Sto quasi per soffiare il mio carico, ma poi si ferma per un secondo e sposta le labbra sulla mia testa. Cerca di avvolgere le labbra intorno ad esso, ma non si adattano del tutto. Non importa però perché proprio lì posso sentire lo sperma arrivare. Succhia un po' la punta e riporta le mani sulla mia asta e inizia ad accarezzarmi.

“Ahh” gemo. "Aspetta-" proprio lì lo sperma inizia a sparare. Il mio primo colpo le è andato dritto in bocca. Non se lo aspettava. I suoi occhi si spalancarono e staccò la bocca dal mio cazzo, ma le sue mani rimasero, continuando ad accarezzarmi. Il secondo colpo è andato su tutta la sua canotta. Così hanno fatto il terzo e il quarto. Dato che il mio cazzo è così grande, di solito c'è un grande carico per accompagnarlo. Era ovunque. La sua canotta era rovinata. Non mi importava però, mi sono semplicemente seduto sulla sedia in estasi. Dopo un minuto di convulsioni, finalmente rilascia il mio cazzo. Alzo lo sguardo e noto che la sua canotta bianca è un po' trasparente e i suoi capezzoli sono duri e si vedono perché non indossa il reggiseno. Fisso per qualche secondo prima che se ne accorga. Emette un grido veloce e si copre con le mani. "Timido?" Dico.

"Anche il mio ragazzo non ha visto il mio nudo." esclama.

“Gli succhi il cazzo, ma non può vederti nudo? Sono regole piuttosto strane". Non dice niente per qualche minuto, si guarda solo intorno. Sta diventando un po' imbarazzante. Lei rompe il silenzio.

"Allora come faccio a tornare a casa così?"

"Possiamo trovarti qualcosa nel perduto e ritrovato." Dico. Rimetto il cazzo nei boxer, chiudo la cerniera dei jeans ed esco dall'aula. Torno un minuto dopo con una scatola piena principalmente di vestiti e altre cose varie. “Vai avanti e togliti la maglietta”. Lei arrossisce.

"Ma-"

“Lo so, lo so, ma sono il tuo insegnante. Credimi, va bene. Si toglie con riluttanza la maglietta. "Senza reggiseno?" Dico. Lei arrossisce ancora di più. Ho notato che un po' di sperma era gocciolato sulla sua gonna. "E la gonna?" Abbassò lo sguardo e nota lo sperma. Lei semplicemente fissa. "Qual è il problema, hai le mutandine giuste?"

"Sì!" dice, leggermente seccata. Si china e si slaccia le scarpe per togliersi la gonna. Si toglie le scarpe. Calzini bianchi. Si tira giù la gonna, rivelando il suo perizoma rosa. Era semplicemente lì in piedi, con indosso nient'altro che calzini e mutandine. Con mia sorpresa, le sue mutandine erano completamente bagnate, con una leggera punta di cammello. Anche se non erano trascorsi più di 10 minuti, ho sentito che stavo ricominciando a diventare duro.

"Che cos'è?" Dico.

"Niente. Succede a volte quando do anche il mio ragazzo per via orale.

"Beh, è ​​meglio che cambi anche quelli, giusto?" Lei semplicemente mi fissa.

"No, va bene." Lei dice.

"No andiamo" dico. "Non è un grosso problema, ci sono un sacco di vestiti qui." Indico la scatola. "Puoi tenerli anche tu, nessuno rivendica mai le loro cose comunque." Lei annuisce e si abbassa lentamente le mutandine. È completamente rasata tranne una piccola macchia. "Fantasia." dico scherzando. “Quella è una bella figa. Fa schifo che non lo userai presto. A questo punto sono di nuovo completamente duro. "Sei ancora il mio schiavo, vero?"

"Sì." Dice lentamente.

"E il rapporto è fuori discussione, giusto?"

"Sì." Dice con fermezza.

"Beh, che ne dici solo, sai, di farmi vedere un po' più da vicino?"

"Cosa intendi?" dice nervosamente.

"Alzati qui e allarga le gambe". Indico la mia scrivania.

"Devo-"

"Sì! Sei il mio schiavo. dico ad alta voce. Sembra un po' scioccata dal mio tono. Mi sto avvicinando a tutta questa faccenda dello schiavo. Salta sulla mia scrivania e inizia ad allargare le gambe. Posso dire che è tesa. Mi avvicino e le tocco il clitoride. Lei geme un po'. "E le dita?"

"Non lo so." Procedo comunque. Prendo un dito e comincio a infilarlo nella sua stretta figa rosa. All'improvviso lo spingo fino in fondo. Lei geme forte. "Ah." Lei dice. Ignoro e prendo un secondo dito e lo alzo anch'io. Inizio a toccarla velocemente con due dita per circa 30 secondi e lei continua a gemere. Comincio a vedere il sangue. Lei lo nota e mi prende la mano e tira fuori le mie dita. "Che cosa-"

"Penso di aver rotto il tuo imene."

"Oh mio Dio." Lei dice.

"Beh, ecco la tua 'verginità'." Dico.

"Non devi essere un idiota!"

"Questo è 'padrone' per te." dico mentre tiro fuori il mio cazzo duro. Procedo a provare a infilare il mio cazzo nella sua figa. Non si adatta perfettamente e lei inizia a urlare. Non importa però, venerdì tornano tutti a casa presto. Probabilmente eravamo le uniche due persone nell'edificio.

"Smettila, cosa stai facendo?!" lei urla. Non faccio attenzione. Provo a forzare la testa. È così stretto che mi fa persino male, ma non posso davvero dirlo perché sono troppo eccitato. Comincia a dimenarsi in modo incontrollabile. Le do un pugno in faccia e lei si ferma. "Stai fermo. Fai quello che dice il tuo padrone. Dico.

"Per favore, non farlo" dice mentre forzo ulteriormente il mio cazzo. Alla fine non ce la faccio più e con una spinta le ho messo tutti i miei 15 pollici dentro. Lei urla forte. Il sangue si sta esaurendo. Funziona benissimo come lubrificante. Comincio a spingere avanti e indietro e il sangue lo rende più facile. I bordi della sua figa sono tagliati dal mio enorme cazzo. Ogni spinta richiede troppo sforzo a causa di quanto è stretta, quindi alla fine tiro fuori il mio cazzo. Le prendo la testa. "Lasciami andare!" lei urla, mentre forzo la sua bocca sul mio cazzo. Sfortunatamente, non ci starà nemmeno lì, quindi spingo verso il basso con la mano sulla sua mascella per alcuni secondi più forte che posso. Affrettato! La sua mascella si sciolse. Posso finalmente infilare il mio cazzo dentro! Quasi sviene per il dolore e io non perdo tempo. Le forzo il collo all'indietro e le infilo tutto il cazzo in gola. Sta ansimando, cercando di colpirmi con le braccia. Ancora contorcendosi. Ogni respiro che cerca di fare lo fa sentire molto meglio sul mio cazzo. Il suo dimenarsi rallenta. Mentre cerca di respirare per l'ultima volta, le vengo nei polmoni. Lo tengo lì per 30 secondi interi e alla fine tiro fuori il mio cazzo. La lascio andare, cade a terra. Rimango lì, a fissare il suo corpo senza vita per un paio di minuti.

"Cosa ho fatto?" Penso a me stesso. Il sangue scorre fuori dalla sua figa. Mi avvicino alla mia scrivania, apro il cassetto e prendo la pistola. Lo metto alla tempia destra e premo il grilletto.

Fine.

Storie simili

Samantha e Kaylee_(0)

Avevo una vicina di nome Kaylee che era meravigliosa. Era alta, atletica e aveva un corpo sodo. Probabilmente circa 120 libbre. pelle abbronzata, capelli castano scuro. Ha sicuramente attirato la mia attenzione. Non era una troia, era più una provocazione. Abbiamo frequentato la stessa scuola superiore. L'ho vista spesso, ma non abbiamo parlato molto. Tutto in lei era ipnotizzante, il modo in cui i suoi capelli erano lunghi e avevano la giusta quantità di riccioli, le sue gambe, la figura sexy, aveva persino delle fossette sopra il sedere che potevo vedere quando era in bikini intorno alla piscina. Era una brava...

256 I più visti

Likes 0

Diventare Zoe

La mia futura moglie Annie aveva accettato un lavoro fuori città e la vedevo solo ogni due settimane circa. Mi mancava così tanto. Lei ed io eravamo diventati amanti a distanza. Aveva un volo di ritorno a casa venerdì sera. Stavo andando a prendere suo figlio Zakk dal suo dormitorio e noi due saremmo andati a prenderla all'aeroporto e ci saremmo goduti il ​​fine settimana insieme. Zakk è al suo primo anno di college e sta studiando per diventare un truccatore per il teatro e lo schermo. Lui e io non ci siamo davvero conosciuti e questo doveva essere il fine...

1K I più visti

Likes 0

Il mio fratellastro

Penso che sia così dolce quando il mio fratellastro Kevin regala alla sua ragazza le sue cose. Le ha regalato il suo cappello preferito, verso il quale è ESTREMAMENTE protettivo. Ad esempio, non permettere mai a nessuno di toccarlo. Continua a dire che è perfetto ed è praticamente modellato per adattarsi alla sua testa, e glielo ha dato. Le ha anche regalato la sua giacca preferita e le lascia sempre prendere in prestito le sue fortunate perle del karma. Queste cose sono state il suo portafortuna per tre anni. Non se li toglie mai e odia quando le persone li toccano...

533 I più visti

Likes 0

DIARIO DI UNA FAMIGLIA: PARTE 1

3 settembre Caro diario, mi chiamo Tilly Crawford e negli ultimi dieci anni sono stata la casalinga della Delta House Fraternity qui allo State U. Un altro anno di scuola è iniziato proprio ieri e i ragazzi si stanno preparando per la corsa all'impegno della confraternita settimana organizzando feste e, naturalmente, l'open house per consentire alle nuove matricole di farsi un'idea se desiderano unirsi a Omega House. È stata una lunga estate per me diario, mi manca molto stare con i ragazzi e ovviamente alla mia figa mancava l'attenzione che riceve dai loro grossi cazzi duri!!! Eric è appena passato per...

2.2K I più visti

Likes 0

La linea di gesso

La linea di gesso una storia di Le Fantasma © 1997 Si erano conosciuti online, in una chat room. Era stato attratto dai suoi modi tranquilli e le aveva mandato una rosa come presentazione. Immediatamente hanno formato un legame. Il loro flirt occasionale ha portato a discussioni più profonde su film e profumi preferiti, cose erotiche, sensualità... È sbocciato, il giorno dopo si sono ritrovati a cercarsi, trovandosi ogni volta che hanno firmato... Parlavano di vite e di amori, di cose divertenti e tristi... Si scambiavano un bacio... tenero e gentile, approfondendosi rapidamente fino a diventare una passione quasi ingestibile... Né...

1.5K I più visti

Likes 0

Visitare un amico speciale

Ho bussato al cancello di metallo. Era un bungalow piuttosto grande circondato da muri di mattoni con glassa di filo spinato. Il mio cuore batteva. Tutto quello che sentivo era la paura di essere rifiutato o qualcosa del genere. Fortunatamente, suo fratello maggiore, Suleman, ha aperto la porta. Era un ragazzo con un carattere freddo e una corporatura piuttosto muscolosa, quindi ha mantenuto la sua posizione. Mi guardò con giudizio per un momento, sorrise e mi diede una stretta di mano. Ei, cosa ci fai qui? Sono qui per far visita a tua sorella... mi smorzai, sapendo quanto fosse insolito per...

1.3K I più visti

Likes 0

Vacanze estive

Erano le vacanze estive. Faceva caldo e afoso e non c'era corrente. Eravamo davvero annoiati. Noi, nel senso, io, mia cugina Veena e suo fratello minore Ram. Io avevo 16 anni, lei 15 e lui solo 8. non sapevamo cosa fare e avevamo iniziato a sudare. i miei occhi caddero su Veena. la mia, se fosse cresciuta in un anno. doveva avere 5 1, le sue tette erano attaccate alla maglietta a causa del sudore e delle loro dimensioni La sua gonna era sopra le ginocchia, stava cercando di farsi aria e le sue tette le saltavano nella T. Sembrava che...

564 I più visti

Likes 0

Mia Matsumiya: come essere una brava ragazza

Mia Matsumiya: come essere una brava ragazza NOTA: per facilitare la visualizzazione, controlla il thread Mia Matsumiya: How To Be A Good Girl nella sezione Sex Stories del forum. Credetemi, ne varrà la pena! Mia Matsumiya, una bellissima violinista giapponese di 24 anni, è all'ultima tappa del suo tour in Francia con una delle band d'avanguardia con cui suona. Questa è una rara serata libera dal gioco per la piccola bellezza di un metro e settantacinque, che per caso ha incontrato una coppia di amici - Lisann e suo marito Rob - in un bar all'aperto all'inizio della giornata. Anche se...

403 I più visti

Likes 0

Quello che voglio per te

Sono sempre uscito con donne molto più basse di me e di taglia minuta. Qualcosa nelle donne basse e minuscole mi rende molto eccitato. Mi sono piaciute le esperienze con alcuni dei miei ex che mi hanno permesso di sperimentarli condividendoli con ragazzi con cazzi enormi. Questa storia è una fantasia che ho solo perché devo ancora trovare una ragazza che farebbe una cosa del genere con me. Penso che prima della tua gangbang con questi cazzi mostruosi, mangerei quella tua dolce figa stretta e gustosa finché la tua figa non mi verrà in bocca. Mi piacerebbe assaporare quanto piccola e...

387 I più visti

Likes 0

Caduta cap. 08

Capitolo 8, In cui condivido troppe informazioni Era stato un altro lungo viaggio, ma ero arrivato in tempo per prendere il volo del primo pomeriggio. Ero carico e ansioso di tornare a casa e condividere la buona notizia: avevo ottenuto un altro grosso contratto ed ero sulla buona strada per ottenere il venditore dell'anno e uno stupendo bonus. Grazie al coaching di Stacey, avevo imparato che un po' più di T&A avrebbero fatto molto. Una modesta spesa per abiti spigolosi, calze al posto dei collant e così via, si era trasformata in enormi aumenti degli affari firmati. Alcuni dei miei concorrenti...

275 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.