Essere Dakota Capitolo Uno

104Report
Essere Dakota Capitolo Uno

L'ho descritto come Fiction, ma la maggior parte dei miei scritti sono semi-biografici. Non che io stia abbellendo, più come se stessi smorzando la realtà.

Ero a casa da solo quando ho ricevuto la telefonata che mio zio George era morto. Sono andato al funerale e ho incontrato dei parenti che non sapevo di avere. George era il fratello maggiore di mio padre. Ho dovuto volare da solo, mia madre e il mio patrigno non volevano venire.

Mio padre è morto quando avevo due anni, quindi non l'ho mai conosciuto.

Mia madre si è risposata un anno dopo con un vigile della omicidi che stava indagando sulla morte di mio padre. Frank, il suo vero nome è Francis, e lo odia. Non mi ha mai preso e non mi ha adottato. Mia sorella è arrivata presto e lui l'ha adorata, ma io non ero il suo "vero" figlio, quindi ha trascorso poco tempo con me. Essendo un poliziotto, soprattutto un poliziotto della omicidi, ha messo in chiaro che se avessi bevuto qualcosa prima dei ventun anni mi avrebbe fatto il culo e mi avrebbe cacciato di casa. Gli ho creduto. Era un figlio di puttana spietato e impenitente.

La sua casa (non la nostra casa) era a Lighthouse Point Florida, un quartiere di lusso di case sul lungomare con accesso diretto all'Oceano Atlantico. Tuttavia, questa casa era ai margini e sebbene fosse su un canale che portava all'oceano, era l'ultima su un canale senza uscita e dall'altra parte della strada c'erano case normali e un po' squallide.

Ho messo insieme i pezzi. Ha comprato la casa pensando che sarebbe andato a pescare e andare in giro con i suoi amici, ma faceva schifo come pescatore e non aveva amici, tanto meno amici. Finì per lavorare e tornare a casa in una casa vuota e bere qualche birra davanti alla televisione. Ogni notte.

Quando mio padre è morto, stava indagando e ha incontrato mia madre. Qualcuno si è ubriacato così tanto che alle 6 del mattino. Sono riusciti a entrare nella I-95 andando nella direzione sbagliata. Mio padre probabilmente non l'ha mai visto arrivare. L'autista ubriaco era un poliziotto e l'intera faccenda si è trasformata in un mucchio di merda. Mia madre era una contabile in una piccola azienda che guadagnava forse trentamila dollari all'anno e dipendeva finanziariamente da mio padre. Perché il ragazzo che ha ucciso mio padre era un poliziotto, la merda era coperta e l'assicurazione che mia madre aveva ottenuto era il minimo rispetto alla loro assicurazione e a quella di mio padre. È stata scopata in modo regale. Ma questo non ha impedito a Francis di aggredire la giovane e vulnerabile vedova con mezzo milione in banca.

Le poche cose che ricordo di essere cresciuto a casa sua è che non ho mai contato su di lui per niente. Ho fatto dei passaggi per la piccola lega con i vicini e lui non è mai venuto a una sola partita. Quando ho ricevuto il premio del preside per l'eccellenza in seconda media, non ha mai detto niente. Una volta ho lasciato la mia bicicletta, un regalo di Natale, in veranda e la mattina non c'era più. Mi ha picchiato per aver lasciato rubare la mia bici. Era un pezzo di merda K-Mart da trentacinque dollari. La sua forma di punizione preferita era togliersi la cintura, a questo punto tentavo di scappare, ma lui mi immobilizzava, mi tirava giù i pantaloni e iniziava a frustarmi il sedere nudo. Di solito non riuscivo a sedermi per un giorno o due. Se avessi saputo che se avessi mostrato i segni a qualcuno sarebbe stato arrestato per abusi sui minori, ma con la mia esperienza, sembrava che i poliziotti si coprissero l'un l'altro, il risultato sarebbe stato una fustigazione peggiore.

In terza media il mio consulente scolastico ha iniziato a prepararmi per il college. Ne ho parlato con mia madre e il mio patrigno ed entrambi hanno detto la stessa cosa, "non possiamo permettercelo".

Sul lato della casa c'era un vecchio pezzo di merda barca a tre scafi di diciannove piedi con un fuoribordo Johnson V-4 di venticinque anni. Non funzionava da almeno vent'anni. Senza chiedere, ho riempito d'olio le bombole, ho svuotato il serbatoio del carburante e l'ho riempito con carburante nuovo. Avevo bisogno di una batteria, quindi sono andato alla stazione di servizio sulla Federal Highway e ho chiesto al proprietario se ne aveva una vecchia che potevo avere. Mi ha mostrato come scaricare il contenuto, sciacquarlo e aggiungere nuovi elettroliti. Non era molto, ma conteneva 13 volt. Agganciando il tubo all'unità inferiore per il raffreddamento, ho girato la chiave. Non si avviava fino a quando non spruzzavo un po' di etere nei carboidrati, poi si accendeva. Lo eseguivo per cinque minuti, lo spegnevo e controllavo tutto. Quando è sembrato che potesse funzionare di nuovo, ho iniziato a rendere la barca degna di navigare. Presto fu pronto per una prova in mare. Una volta in acqua, non si vedeva da casa e comunque Francis non si avventurava mai nel cortile sul retro. Le gomme erano sgonfie quindi è stato difficile trascinarlo fino alle gruette per sollevarlo dal rimorchio e nell'acqua. Non è affondato.

Avevo bisogno di un piano di riserva. Ho chiamato la mia ragazza, Janis, e le ho detto cosa stava succedendo. È scoppiata a ridere.

"Stai per essere così beccato quando Frank lo scoprirà." lei mi ha detto.

La cosa migliore che mi sia mai capitata è stata mia sorella Desiree e la mia ragazza Janis. Ero amico di suo fratello maggiore Wayne quando l'ho incontrata. Era una ragazza bionda e magra, con i denti sporgenti, la bocca da marinaio. La prima volta che l'ho sentita dire: "Vaffanculo!" Ho un'erezione. Avevo sedici anni e lei tredici, ma questo non mi ha impedito di essere attratto da lei. Ha sviluppato una cotta per me e le nostre sessioni di pomiciatura clandestine dovevano bastare finché non fosse diventata un po' più grande, ho pensato. Una notte nella veranda sul retro della loro casa, Janis era sulle mie ginocchia e stavo sentendo le sue tette che non erano più grandi delle mie quando mi ha spinto le mani da parte, mi ha tirato giù i pantaloncini e ha iniziato a succhiarmi il cazzo. Ero sicuro che non avesse mai succhiato un cazzo prima, ma era così sicura di quello che stava facendo che gliel'ho lasciato fare. L'ho avvertita che stavo per venire, ma lei ha appena alzato lo sguardo e quando i nostri occhi si sono incontrati ho iniziato a pompare il mio carico nella sua piccola bocca. Le sue guance si gonfiarono e i suoi occhi lacrimarono, ma non si fermò finché non fui prosciugato e lei ne ingoiò ogni goccia. Presto ha chiarito che non voleva avere rapporti, ma voleva farmi un pompino in ogni occasione e si aspettava che io la servissi oralmente in cambio. Di solito l'ho fatta per prima, perché avrei perso interesse se fossi venuta prima di lei.

La sua figa era bionda, piccola e stretta. Per farla venire ho dovuto leccarla furiosamente mentre la sditalinavo. Inarcava la schiena e tornava indietro e l'unico problema era che era rumorosa, molto rumorosa. Indossava una minigonna di jeans e io le toglievo le mutandine e quando iniziava a urlare le ficcavo le mutandine in bocca per farla stare zitta. Dopo essere venuta, lasciava la gonna alzata e prendeva il mio cazzo in bocca e lo succhiava come se fosse l'ultimo cazzo che avrebbe mai avuto e lo beveva ogni volta. La parte migliore di tutto era che non sapevo che sarebbe diventata bellissima. Quando è cresciuta, è sbocciata in una delle ragazze più calde della nostra scuola e questo mi ha messo nella stratosfera della databilità. Ho ricevuto suggerimenti e offerte vere e proprie da ragazze carine su base quasi settimanale, così come alcune offerte velate anche da alcuni ragazzi.

Quello era allora. Ora avevo vent'anni, non avevo soldi, un pick-up Dodge di trent'anni e una ragazza di sedici anni in prigione.

Janis ha accettato di venire con me per provare la barca di Frank. Avrei bisogno di aiuto per remare se il motore esplodesse. Janis ha parcheggiato dall'altra parte della strada e l'ho incontrata sul lato della casa. Quando vide la barca, strillò: “Oh mio Dio! Sembra molto meglio ora che è tutto ripulito.

L'aiutai a salire a bordo e avviai il motore. Ha funzionato senza troppo fumo e quando ho slegato le cime e l'ho messo in avanti, è andato a vuoto senza problemi.

Non ero sicuro di quanto andare lontano. Se ci fossimo guastati, sarebbe stato un casino riprenderci, ma sembrava andare bene così ho continuato ad andare fino all'intracoastal.

Avevo una decisione da prendere.

"Dovrei rischiare di provare a portare questa cosa su un aereo?" ho chiesto a Gianni.

“Fanculo. Se esplode, possiamo nuotare fino a riva e tornare a casa a piedi. Ad ogni modo, sei totalmente fottuto quando Frankenfucker lo scopre.

Accidenti, aveva una bocca banale.

Ho spinto l'acceleratore dolcemente in avanti e il motore ha risposto allo stesso modo. Presto eravamo su un aereo e il mio telefono mi ha mostrato che stavamo percorrendo trenta miglia all'ora con ancora più gas da percorrere. L'ho fatto funzionare a trentacinquecento giri al minuto per un paio di minuti, poi ho fatto marcia indietro.

Janis si avvicinò e mi tenne.

"Abbastanza impressionante per un meccanico di alberi da ombra dal collo rosso."

Ho riso: “Solo fortunato, immagino. Come trovarti.

Janis indicò un corso d'acqua fiancheggiato da mangrovie. Non ero mai stato qui prima quindi non avevo idea di dove fosse andato. È scivolato tra le mangrovie e si è aperto in un piccolo lago di acqua salata. Ho abbassato l'ancora e ho spento il motore, sperando che si riavviasse.

Janis non ha perso tempo tirandomi giù i pantaloncini e inghiottendo il mio cazzo in bocca. Mi sono appoggiato allo schienale e mi sono chiesto come avrei potuto farle dato che non c'era nessun rivestimento su cui sdraiarsi.

I miei occhi erano chiusi quando ha detto: "Voglio che mi scopi".

Aprii gli occhi e la guardai. "Non posso, a meno che tu non abbia un preservativo."

Si tolse i pantaloncini e le mutandine e si chinò. “Allora usa il mio culo. Assicurati solo di mettere prima del succo di figa sul tuo cazzo.

Stavamo insieme da tre anni e non avevamo mai fatto altro che sesso orale. Che cazzo stava succedendo? Il mio cazzo era così fottutamente duro che pulsava e diventava viola. Ho raggiunto tra le sue gambe e la sua figa era fradicia di crema. Ne ho raccolto un po' sulle mie dita e l'ho strofinato sulla sua porta sul retro e le ho infilato delicatamente l'indice nel buco del culo. Ero titubante finché non ha spinto indietro e il mio dito è stato dentro di lei fino in fondo. Le ho sputato sul culo per avere dell'altro lubrificante e ho cominciato a fotterle il culo con le dita, ma lei si è solo dimenata e si è rimessa sul mio dito. Poteva prendere facilmente il mio dito, ma il mio cazzo era molto più grande. Lungo e spesso, non entrava lì, soprattutto senza un vero lubrificante. Le ho messo un secondo dito nel culo e lei ha iniziato a contrarsi contro di loro.

"Dannazione. Fottimi e basta! Ho bisogno di te nel mio culo come ieri.

Allungò una mano e mi guidò verso il suo buco marrone. Ho spinto e non è successo niente. La mia testa di cazzo è enorme, non grande come una pallina da tennis, ma più grande di una pallina da golf. Non stava entrando. Il mio cazzo stava prendendo un pestaggio, piegandosi invece di entrare nel culo di Janis. Strinse la base, spingendo il sangue alla testa e se lo conficcò dentro. Alla fine è spuntato dentro, solo la testa. Janis rabbrividì quando venne alle prese con il grosso pezzo di carne d'uomo nel suo culo. Ho guardato in basso. Il suo culo è fantastico ma non ero sicuro che potesse davvero prendere il mio cazzo. Le ho tenuto i fianchi e lei ha iniziato a spingersi contro di me. Centimetro dopo centimetro, è stata una lotta per infilarle tutto il cazzo nel culo, ma in qualche modo ce l'abbiamo fatta. Aveva gli occhi chiusi e ansimava e ringhiava allo stesso tempo. Le ho messo le mani sulle spalle e ho iniziato a pomparle il cazzo nel culo. Non ci è voluto nemmeno un minuto. Con la mano che le accarezzava il clitoride e il mio cazzo nel culo, venne con un piagnucolio. Ho dovuto tenerla su, altrimenti sarebbe caduta sul ponte.

Ora avevo una decisione da prendere. La sua figa era off limits e anche se mi succhiava regolarmente, il mio cazzo era sepolto nel suo buco di merda e non glielo avrei ficcato in bocca, ma dovevo venire. Ho allungato la mano sotto e l'ho tenuta su per le tette e le ho scopato il culo e alla fine mi sono rilassato abbastanza da spararle un enorme carico di sperma nel culo. Quando ho provato a tirare fuori, il suo culo mi ha afferrato e alla fine sono uscito con uno schiocco. Il suo buco del culo era ancora spalancato e il mio sperma bianco stava fuoriuscendo. Il suo buco del culo ha iniziato a contrarsi e si è chiuso di nuovo e ho dovuto continuare a tenerla su.

Quando aprì gli occhi, fu come se si stesse svegliando da un sogno. “È stata la cosa migliore di sempre. Quando sei entrato in me, pensavo di essere morto e di essere andato in paradiso. Dove hai imparato a scopare così?

“Non l'ho fatto. Sei la mia prima e unica ragazza.

Lei ricambiò il sorriso. "Anche a me. Sei il mio primo e unico".

Siamo arrivati ​​a casa e ho lasciato la barca in acqua. La diga era alta due metri e la barca non era visibile a meno che non ci si camminasse sopra e si guardasse in basso.

Sabato mattina, la migliore possibilità che avevo per ottenere un sì, ho chiesto a Frank della barca. Sabato era del suo umore migliore. Un'intera giornata di college football e birra. Non era di guardia, quindi poteva fare quello che voleva. La domenica era la vigilia del lunedì e il suo comportamento non era amichevole come sabato.

"Hey papà?"

Alzò lo sguardo dal foglio. "Sì?"

"Cosa hai intenzione di fare con la barca?"

«Credo che dovrei farlo portare via. È un pugno nell'occhio.

"Posso provare a farlo funzionare?"

“Quel pezzo di merda? Puoi provare, ma è una perdita di tempo. Pensavo che l'avrei usato di più, ma il lavoro mi ha impedito di farlo.

"Grazie papà. Farò un tentativo e se non funziona, possiamo farlo buttare giù.

Prima che potesse cambiare idea, ho tirato il culo.

Si è scoperto che funzionava abbastanza bene. Abbastanza bene da ottenere una licenza per trappole per aragoste ricreative e preparare alcune trappole. Appena fuori da Hillsborough Inlet, a sud, il fondo è roccioso e ogni aragosta che ho catturato era un grosso insetto di acque profonde. Li abbiamo mangiati a cena alcune volte fino a quando il mio vicino di casa si è offerto di comprarli a dieci dollari la libbra per tutto quello che potevo prendere. Feci domanda per una licenza commerciale e dovetti comprare i biglietti della trappola, che erano costosi, ma presto ebbi cinquanta trappole e un reddito fisso. Poi il motore è saltato. L'ho sentito iniziare a vibrare e l'ho portato al minimo ed è quasi tornato a casa. Il cuscinetto principale sull'albero motore si è lasciato andare e il motore è stato tostato. Ero in difficoltà. Le mie trappole erano fradice e non avevo modo di tirarle.

Sapevo che mia madre aveva un sacco di soldi in banca. Sapevo anche che Frank aveva cercato di metterci le mani sopra, ma la mia mamma da quattro soldi non gliene dava. Vai mamma! Le ho chiesto un prestito, forse diecimila per comprare una barca nuova. Mi ha detto che i suoi soldi erano vincolati e non disponibili. Vabbè. Fottuta fica.

Ero seduto sul molo cercando di capire cosa fare quando il mio vicino di casa mi ha visto. Tom è venuto a chiacchierare.

"Ehi, fratellino, come va?"

Mi sono un po' rallegrato. Tom era un bravo ragazzo. Andò in pensione a sessant'anni e sua moglie Josephine (Jo) lavorava part time in biblioteca.

«Potrebbero non esserci più aragoste, Tom.»

"Perchè no?"

“Il motore è saltato oggi. Ho dovuto riportare un rimorchio al molo.

"Che cosa hai intenzione di fare?" lui mi ha chiesto.

"Niente. Non c'è nulla che io possa fare. I soldi che stavo guadagnando non erano sufficienti per mettere da parte qualcosa per un nuovo motore. Ho usato tutto quello che avevo per ottenere i biglietti della trappola.

"Quanti biglietti hai?"

"cinquanta"

"Quanto costano?"

«Due e cinquanta ciascuno.»

“Santo cielo. Dodici e cinque seduto là fuori nell'acqua?

Ho appena guardato il canale mentre il sole stava tramontando.

Tom mi ha detto: "Vieni dentro con me".

“Jo, Dakota ha un grosso problema. Il motore della sua barca è esploso e le sue trappole sono rimaste là fuori senza modo di tirarle.

Jo si è seduta accanto a me e mi ha messo una mano sulla coscia. “Oh caro, è terribile. Che cosa hai intenzione di fare?"

Tom ha risposto: “Non c'è niente che possa fare. Ha speso ogni centesimo per far funzionare quella barca e comprare etichette per trappole. Ha bisogno di un nuovo motore o di una nuova barca.

Josephine rise. “Oh Tom. Vai avanti con quello che vuoi fare. So che hai un piano e ho bisogno di te fuori dai miei capelli di tanto in tanto.

Tom mi ha guardato. "Andiamo online e vediamo se riusciamo a trovare una vera barca per aragoste."

C'era una barca in vendita a Key Largo. Un corsaro di ventuno piedi con un nuovo fuoribordo Suzuki, un estrattore idraulico e un pozzo vivo a ricircolo per il pescato. A diciassettemila, avrebbe potuto essere un milione. Avevo tutti e duemilacinquecento in banca.

Tom ha suggerito di scendere domattina per dare un'occhiata e ha chiamato il venditore per un appuntamento.

“Comprare e vendere è una questione di tempismo. Se la barca è un cane, si siederà lì, se è una buona barca, si venderà velocemente. Andiamo a scoprirlo.

Jo ci ha portato a Key Largo con la sua Lexus. Abbiamo incontrato il proprietario a casa sua e l'abbiamo portata a fare un giro di prova. Ha mostrato a Tom il fascicolo dei documenti, compreso il titolo e le informazioni sulla garanzia del motore fuoribordo.

"Mi piace." Tom ha raggiunto la sua macchina e ha tirato fuori una valigia e ne ha tirato fuori pile di centinaia.

"Quindicimila e abbiamo un accordo."

Il proprietario ha risposto con "Sedici o nessun accordo".

Tom ne aggiunse altri mille e si strinsero la mano.

Non aveva un trailer e non volevamo comprarne uno. Era ancora prima di mezzogiorno, quindi abbiamo deciso di portarlo a casa. Circa centotrenta miglia, ci vorrebbero al massimo sei o sette ore.

Tom dipendeva da me per trovare la strada di casa. Usando il GPS, risalimmo la via navigabile interna e arrivammo a Key Biscayne e uscimmo da Government Cut verso l'Oceano Atlantico. Se fosse stato troppo agitato avremmo dovuto risalire l'intracoastal e saremmo stati fortunati a tornare a casa prima che facesse buio. C'era calma all'interno della barriera corallina e la barca planava bene a ventottocento giri e il GPS indicava che stavamo andando oltre i trenta nodi.

Tom era esuberante. Era il più felice che avessi mai visto. Gli ho fatto cenno di mettersi al volante e ho insistito perché prendesse il controllo. Ho usato il tempo per controllare la sentina e la spia che significava che il motore si stava raffreddando correttamente. Quando mi sono messo accanto a lui, mi ha messo un braccio intorno alle spalle e mi ha sorriso. Appoggiai la testa contro la sua spalla. Provavo per lui la stessa cosa che speravo provasse per me.

Siamo arrivati ​​a casa poco prima che facesse buio. Abbiamo attraccato al suo molo ed siamo entrati per dire a Jo che eravamo a casa. Ci salutò con abbracci e con mia sorpresa mi baciò sulle labbra.

“Dakota, mio ​​marito è andato in giro per casa nell'ultimo anno, da quando è andato in pensione. Ha provato a golf, poker e bowling e niente ha funzionato. Sembra più felice di quanto l'abbia mai visto. Grazie molte." Mi baciò di nuovo sulle labbra, questa volta più a lungo, e credo di aver sentito la sua lingua dietro le labbra. Ho guardato Tom da sopra la sua spalla mentre mi abbracciava. Mi ha alzato il pollice alle spalle di sua moglie.

Jo era più giovane di Tom, ma non di molto. Doveva avere cinquant'anni. Per una ventenne, questa è una grande differenza, ma era una moglie trofeo. Tom era un uomo d'affari di successo ed era naturale che scegliesse una bellezza totale, dieci anni più giovane di lui.

Jo disse: «Non sono ancora stata sulla barca. Forse potremmo tirarlo fuori domani e fare snorkeling?

"Certo, il tempo è perfetto e sembra divertente."

"Fantastico, devo assicurarmi di avere un costume da bagno che mi stia ancora bene."

Dopo un minuto, Tom ha detto: "Perché non aiuti Jo a scegliere un costume da bagno?"

Era una richiesta strana, ma ho fatto quello che mi ha chiesto.

Ho bussato allo stipite della porta della camera da letto di Jo e Tom. Aveva il cassetto del comò aperto e alcuni bikini erano stesi sul letto.

Si è rivolta a me.

"È troppo rivelatore?" e sollevò un bikini che non era altro che tre minuscoli triangoli di tessuto setoso.

Cosa potrei dire? Il suo corpo non era snello, era piena e molto formosa. Non pensavo che il bikini avesse la possibilità di trattenerla.

“Io, io, io, voglio dire, dipende. Probabilmente è troppo rivelatore in pubblico, ma fuori sulla barca probabilmente va bene.

“Non lo indosso da un po'. Forse è troppo piccolo. Si è tolta la maglietta, rivelando il reggiseno, poi si è tolta i pantaloncini e si è messa davanti a me con indosso solo reggiseno e mutandine.

Era una dea. Perfezione dalla testa ai piedi. Sì, aveva cinquant'anni, ma, oh mio dio, era fatta. Niente ciccia, addominali stretti, braccia e gambe e una serie di tette da morire.

"Hai intenzione di restare lì o mi aiuterai?"

Ero un po' lento nella comprensione e non sapevo cosa fare. Per fortuna mi ha istruito.

"Per prima cosa, slacciami il reggiseno nella parte posteriore."

L'ho fatto e i suoi seni si sono liberati.

"La mia biancheria intima?"

Le ho fatto scivolare giù le mutandine. Ho iniziato a capire e ho portato il suo bikini e le ho messo la parte superiore sopra la testa e mi sono messa dietro di lei per allacciare la schiena. Ci ha sistemato le tette e io ho preso la metà inferiore.

Si è rivolta a me. La sua figa era pelosa ma potevo vedere che era stata tagliata un po'.

"Ti piace?" Lei mi ha chiesto.

Non riuscivo a parlare, quindi ho solo annuito.

"Bene, aiutami a scendere in fondo."

Ho dovuto mettermi in ginocchio per permetterle di entrare nel suo bikini e questo ha messo la mia faccia quasi nel suo cavallo. Le ho guidato il piede da un lato e poi dall'altro e lei ha aspettato che lo tirassi su e sul suo culo e sulla sua figa.

Aprì l'armadio per usare lo specchio a figura intera e si guardò. Non era abbronzata, ma il minuscolo bikini bianco la faceva sembrare più scura di quanto non fosse. Alcuni peli pubici stavano fuoriuscendo dai lati e dalla parte superiore del suo bikini e le sue tette stavano fuoriuscendo da tutti i lati della minuscola parte superiore.

Si è rivolta a me. "Manca qualcosa." ed entrò nel suo armadio. Quando è uscita, indossava un paio di tacchi alti bianchi abbinati.

"Là. Penso che questi siano perfetti. Cosa pensi?"

Ero incapace di parlare. Una dea alta e bellissima era in piedi davanti a me in micro bikini e tacchi alti, girandosi intorno e chiedendomi se pensavo fosse sexy.

Sentivo la mia erezione ma non osavo guardarla dall'alto in basso. Jo si avvicinò, un ballo da passerella con le gambe che dondolavano e le tette che dondolavano. Cosa potevo fare? Ho aspettato con trepidazione e poi si è voltata e se n'è andata. Santo cazzo! È stato così crudele.

Andò alla sua toletta e tirò fuori un rossetto e se lo applicò con cura sulle labbra mentre si chinava nel suo bikini perizoma. Si asciugò le labbra con un fazzoletto e disse: «Ecco, così va molto meglio. Cosa pensi?"

Ero insensibile e mi sono seduto lì come un idiota.

Si sedette accanto a me e sospirò. “Dovremo lavorare sulle tue abilità personali. Hai tutto per te, ma non lo sai. Hai guidato la barca fino al ritorno da Key Largo. Togliti i vestiti e fatti una doccia”.

Sono andato in bagno, obbedendole, quando mi ha fermato.

"Aspettare. Voglio che ti spogli qui. Togliti i vestiti. Lasciali cadere sul pavimento e presentati a me. Cioè se vuoi essere un bravo bambino.

Cosa potevo fare? Mi sono tolto la maglietta, ho lasciato cadere i pantaloncini e le mutande e sono rimasto lì.

"Sei bello. Prenditi cura di quel corpo. È un regalo."

Sono andato sotto la doccia e sono rimasto sorpreso quando il mio cazzo non scendeva.



Non avevo altri vestiti. Non potevo tornare a casa, anche se abitavo accanto. Mi sono asciugato, l'ho avvolto intorno alla vita e mi sono avventurato nella camera da letto principale. Tom non c'era ma Jo c'era. Era sul letto e mi guardava.

Accarezzò il letto accanto a lei, invitandomi a unirmi a lei. Mi sono seduto e ho chiesto: "E Tom?"

Lei fece le fusa: “È stata una sua idea fin dall'inizio. Non è così insolito, una moglie più giovane con fantasie, e gli piaci davvero. E lui mi ama.

Mi ha tirato giù per un bacio e ho lasciato cadere l'asciugamano intorno alla mia vita mentre lasciavo cadere anche ogni minima resistenza. Mi ero masturbato pensando a lei e non ero abbastanza uomo per affrontarlo. Non avrei lasciato passare questa opportunità. L'ho baciata e le ho preso in mano il seno pieno mentre sentivo la sua unghia solleticarmi dal collo, a un capezzolo, poi all'ombelico e infine alla regione pubica.

Quando finalmente mi tenne in mano, gemetti nella sua bocca. Era la cosa più sexy che avessi mai incontrato in vita mia. Certo, uscivo con la ragazza più sexy della scuola che mi spompinava cinque volte alla settimana e mi lasciava scopare il culo due volte al mese, ma Jo era molto più sexy di così. Era una vera donna.

Jo mi ha spinto indietro sul letto e il mio cazzo era puntato verso il cielo.

"Un cazzo così bello" tubò. "Dovrò succhiarlo."

Abbassò le sue labbra ricoperte di rossetto rosso sul mio cazzo e la sua piccola lingua appuntita saltò fuori e leccò il pre-cum dalla punta. La presa in giro era agonia ed estasi. Spinsi il fianco verso la sua bocca e lei rise e si allontanò.

"Ragazzo brutto. Non sono così facile. Mi pregherai quando avrò finito con te.

Non stava scherzando. Mentre aspettavo che riprendesse, o addirittura iniziasse il mio pompino, si è messa un po' di lubrificante in mano.

Fottimi. mi faccio una sega? Voglio dire, va bene e tutto tranne che sulla bilancia è uno zero. Contavo su un pompino e speravo di scopare, ma una sega? Ero così eccitato che stavo pensando di afferrarle la testa e forzare il mio cazzo in bocca finché non sono venuto quando ho sentito qualcosa per la prima volta.

Ho urlato quando il suo dito è entrato nel mio buco del culo. Mi ha calmato prendendo il mio cazzo in bocca. Era strano, come cagare, con il suo dito nel mio culo, ma finché mi succhiava il cazzo, potevo conviverci.

Mi sono reso conto che non avevo il controllo. Jo aveva preso il sopravvento e non avevo scelta. A meno che non volessi alzarmi e andarmene, cosa che non avrei fatto.

Indossava ancora quel bikini quasi da troia e le sue tette, figa e culo erano ovunque. Rotolò sul comodino, rovistò e tirò fuori un vibratore rosa lungo almeno dieci pollici. Speravo che volesse usarlo su se stessa, ma non è stata così fortunata.

"Tira indietro le gambe e fammi entrare nel tuo buco del culo."

Ho obbedito, sdraiato sulla schiena e mi sono portato le ginocchia al petto.

“Questo non farà male se non resisti. Lascialo entrare e andrà tutto bene.

Mi ha accarezzato il cazzo e ho sentito il dildo contro il mio buco del culo vergine. La prima spinta ha fatto male, molto. Ho rabbrividito, ma Jo si è limitato a ridere.

“Non fare la femminuccia. Imparerai ad amarlo. Lasciami fare il mio lavoro e presto avrai più figa di quanto tu possa immaginare. Apri le gambe e lascia che ti fotta nel culo.

Questa volta il dildo è entrato con meno dolore. Mi sentivo ancora come se stessi cagando, ma poi ho iniziato a sentirmi bene.

Jo l'ha infilata dentro e io ho gemuto: “Oh Dio. Fottimi. Per favore, fottimi.

Mi ha preso il cazzo con una mano mentre mi inculava con il dildo vibrante. Stavo cercando di trattenermi quando ho alzato lo sguardo e ho visto Tom che mi osservava dalla porta. Stava sorridendo e non ho potuto fare a meno di ricambiare il sorriso. Non sono stato l'unico a essere inculato e segato. Ho fatto saltare il mio carico e non so dove sia finito. Ho preso Jo sul viso e sulle tette, ma la maggior parte è andata giù dal letto.

Si è avvicinata e mi ha abbracciato senza dire niente.

Ho sentito Tom venire a letto dall'altra parte di Jo e l'ho sentita rotolare e si sono dati un cucchiaio. È stato un po' strano quando ha iniziato a dondolarsi dentro di lei da dietro ed è stato un po' più strano quando mi ha baciato mentre Tom la scopava. Il suo humping è aumentato di intensità e l'ho sentito grugnire mentre scaricava il suo seme su sua moglie mentre lei stava affondando la lingua nella mia bocca. Quando si girò e guidò la mia erezione verso la sua figa piena di sperma e gonfia, ebbi un momento di lucidità. Potrei farlo? Cosa accadrebbe in futuro? Non ho avuto molto tempo per pensarci e presto il mio cazzo è stato sepolto nella sua figa calda, bagnata, gonfia e piena di sperma.

Jo stava baciando suo marito mentre la scopavo da dietro e per quanto volessi farlo durare, le ho sparato la mia crema in profondità nella fica. Ho lasciato il mio cazzo dentro di lei finché non è caduto fuori e lei si è voltata verso di me.

“Grazie Dakota. Ho fantasticato su questo per troppo tempo.

Quando mi sono svegliato, eravamo solo io e Tom a letto. Parlare di imbarazzante. Mi ha sorriso. “Ehi fratellino. Stai bene?"

Mi sono rilassato. “Tua moglie è una dea. Insegnami a essere come te. Sei l'uomo più fortunato della terra".

Lui ha risposto: “Lo so. Non è difficile. Concentrati solo su ciò che ritieni importante. Nient'altro conta.

Si è girato e si è avvicinato. Non ero disgustato o altro, ma era il massimo che mi ero avvicinato a un tizio nudo, tanto meno a un tizio di sessant'anni.

Ha percepito il mio disagio e si è allontanato. "Sono così dispiaciuto. Mi piaci così tanto. Non sono gay o altro, è solo che a me e a Jo piaci.

Mi sono sentito male. Tom non è mai stato altro che un buon amico per me e lasciare che sua moglie prendesse la mia ciliegia è stato un regalo incredibile. Rotolai verso di lui e lui mi circondò con le braccia. La mia faccia finì contro il suo petto peloso. Beh, non così peloso, ma più peloso del mio. Il suo capezzolo non era peloso e d'impulso l'ho preso in bocca. Sospirò e lo presi come un segnale per continuare. Ho adattato il mio corpo per avvicinarmi a lui e ho sentito il suo cazzo contro la mia gamba. Era duro ed enorme. Non ho potuto trattenermi quando ho fatto scivolare la mano verso il basso per sentire la sua erezione. Gli ho abbassato le mutande e gli ho liberato il cazzo. La mia mano scivolò su e giù quando lui mi sorprese e girò la mia testa verso la sua e mi baciò.

Non avevo mai baciato un ragazzo prima e non avevo intenzione di farlo, fino ad ora. Potevo sentire il desiderio ardente nel suo bacio. Mi stava offrendo una possibilità di romanticismo. Il tipo che sarebbe durato per sempre. Ho ignorato la sua barba ispida e l'ho ricambiato con la stessa passione che mi stava dando. Quella notte non abbiamo fatto sesso perché Jo si è unita a noi nel letto e voleva un altro giro di scopate.

Quando mi sono svegliato, Jo e Tom mi stavano guardando entrambi.

"Che cosa?"

Jo parlò: “Niente tesoro. Ti stavamo solo guardando dormire. Sei la cosa più preziosa.”

Tom mi stava sorridendo. Mi sono scopato sua moglie e ieri sera mi ha fatto un tentativo. Ero quel tipo di persona?

Non dovevo tornare a casa, anche se casa era a soli quindici metri di distanza. Ai miei genitori non poteva fregare un cazzo. Più precisamente, non vorrebbero che li chiamassi. Erano così egocentrici che preferirebbero che non li disturbassi mai.

Ho guardato Jo. "Posso succhiare il cazzo di tuo marito?"

Lei ridacchiò: “Solo se vuoi. Non ci devi niente. Ma sentiti libero se vuoi. Posso guardare?"

Eravamo già a letto quindi è stato facile. Ho baciato Tom sulle labbra e fino ai suoi capezzoli e quando sono arrivato ai suoi boxer, il suo cazzo era completamente eretto e teso nel tessuto.

Ormai ero così fottutamente eccitato che gli ho appena tirato giù i pantaloncini e ho iniziato ad alimentare il suo cazzo mostruoso. Tutti i ragazzi misurano i loro cazzi e io non faccio eccezione, quindi so di avere sette pollici, quello di Tom era almeno due pollici più lungo e spesso. Non avevo esperienza, a parte Janis che mi succhiava, ma ho promesso di fare del mio meglio. Accarezzandolo, mi accorsi che era incirconciso. Mi sono meravigliato e ho lavorato il prepuzio su e giù cercando di capire cosa farne.

Tom gemette: "Oh cazzo, succhialo già".

Gli ho tolto il prepuzio e la sua testa di cazzo era rosa e tenera, non come la mia. L'ho baciato e leccato e l'ho preso in bocca.

Ho guardato Jo. Si stava masturbando guardandomi succhiare suo marito.

Avevo una decisione da prendere. Non avevo mai pensato di prendere un carico in bocca prima, ma potevo dire che Tom si stava avvicinando. potrei vomitare. Devo tirare fuori e masturbarlo per finire?

"Sto per venire!" gemette. Non ho avuto la possibilità di decidere quando ha iniziato a pompare il suo sperma nella mia bocca. Non era così male. Volevo vomitare, ma quando ha finito, ho capito che era carino. Ha fatto esplodere il suo carico nella mia bocca e mi è piaciuto.

Jo mi tirò su e mi baciò, immergendo la lingua tra le mie labbra.

“Era così fottutamente eccitante. Ogni volta che vuoi fottermi o succhiare mio marito o altro, chiedi pure. Ho implorato Tom di trovarsi un ragazzo e lui non lo farebbe mai. Grazie mille Dakota.

Jo si girò e allargò le gambe e mi tirò sopra di lei. Ero duro e lei era bagnata e abbiamo appena schizzato insieme. Tom mi ha incoraggiato mentre scopavo la sua bellissima moglie trofeo mentre mi sforzavo di durare. Ho tirato fuori e ho sparato a pieno carico sulle sue tette e pancia. Jo rise e mi tirò giù su di lei, dividendo il mio carico tra di noi.

Non abbiamo nemmeno fatto la doccia. Mi sono svegliato appiccicoso e cattivo e Jo mi ha guardato e mi ha baciato. When Tom woke up, we both kissed him. I know, it’s gay, but who cares anyway? When Jo got out of bed, I really saw her ass for the first time. Beautiful, sexy and had just the right amount of jiggle. Janis’s butt was great, but it was small and athletic, while Jo’s was the ass of a real woman.

Tom bought another two hundred and fifty trap tags so we had to go out every other day to pull them. With three hundred traps averaging three pounds per week we were making serious money. Tom got us connected with local restaurants and they were begging for our product. By cutting out the middleman, we were both getting a great deal.

We woke up on Sunday morning in bed. My parents didn’t even notice that I was gone.

“Dakota, move in with us.”

I panicked. I did everything that I could to get away but Tom and Jo pulled me down onto their bed and Jo explained it to me.

“We love you. I know that your Step-Dad is hard to live with, and you can’t stay under his roof forever. I wish we lived farther away but this is how it is.”

“Just move in here. You and Tom and tend the traps and we can all be happy together. Please say yes?”

I leaned forward and pressed my lips to hers. Her tongue quickly pierced my lips and I sucked on it eagerly. While she was tonguing my tonsils I looked at Tom and he gave me the thumbs up.

Storie simili

Vendetta in Cina

Jack era incazzato. Ancora. Ancora una volta il suo datore di lavoro cinese lo aveva imbrogliato. Non solo la sua paga era in ritardo, di nuovo, ma il bastardo si era inventato delle deduzioni stronzate. Jack era irritato. Era in Cina da appena sei mesi e aveva tre datori di lavoro. Ognuno di loro lo aveva imbrogliato in qualche modo. Nessuno lo aveva mai pagato in tempo. Nessuno lo aveva mai trattato in modo amichevole. Lo trattavano tutti come un nulla. Solo un altro straniero da attirare in Cina e imbrogliare. Jack aveva deciso. L'indomani avrebbe attraversato il ponte per Hong...

319 I più visti

Likes 0

A metà di metà settembre

Per nessun motivo particolarmente affascinante mi sono ritrovato a stare con mia zia Renee. Nel prossimo mese, mi sarei trasferito di nuovo a est o mi sarei trasferito nell'appartamento che mia madre stava per acquistare, nel caso avessi bisogno di un po' di tempo di bufferizzazione. 
Sapevo già che avevo bisogno di tempo di buffer. Avevo anche bisogno del tempo di buffer per spiegarle completamente la situazione. Avevo ad un certo punto e momento, capito chi dovevo essere e prima potevo arrivare a quel punto e smettere di essere quello che ero attualmente, meglio per me e per tutte le persone...

1.3K I più visti

Likes 0

Il furgone - Scopa mia moglie

Una sera io e mia moglie stavamo cenando, è venuto fuori l'argomento di una delle nostre fantasie. L'abbiamo chiamato il furgone. Era stata una nostra fantasia ricorrente prendere diversi ragazzi e farli scopare mia moglie nel retro di un furgone. Questa volta abbiamo deciso di farlo quindi abbiamo aspettato il weekend. Abbiamo noleggiato un furgone bianco per la notte e siamo andati in centro alla ricerca di alcuni ragazzi belli e sani. Indossava un mini abito nero scollato e aveva un letto rifatto nella parte posteriore. Abbiamo guidato per un po' e ci siamo imbattuti in un ragazzo che camminava da...

1.1K I più visti

Likes 0

Perché le cose succedono sempre a me

Perché le cose mi succedono sempre Prima di iniziare mi rendo conto che non ci sono molti uomini che vanno in giro con un cazzo da 12 pollici. E quindi l'ho soprannominata una fantasia e una farsa. Basta già detto alla storia. Mi chiamo Samuel Longfellow, sono il proprietario di una delle più grandi società di sicurezza dello stato. È così che guadagno i miei soldi (sette cifre all'anno) La mia passione è la ricerca sulla fauna selvatica e ho una borsa di studio presso il college locale. Faccio le mie ricerche nella mia fattoria di 680 acri. Ora la mia...

1.1K I più visti

Likes 0

Linda e Bobby e zia Jen, parte 2

Erano nudi, nella cucina di zia Jen, in realtà sul suo piano di lavoro, e Bobby stava riportando Linda all'orgasmo. Sono rimasti sorpresi quando Jen è intervenuta e ha detto in modo del tutto inaspettato: “Bene, cosa abbiamo qui? Sembra che ti stia divertendo.” Bobby disse un po' sulla difensiva: Hai detto che potevamo venire in qualsiasi momento per giocare ed è quello che stiamo facendo. Non preoccuparti. Non sono turbato. Sono rimasto solo sorpreso quando ho iniziato a sentire gemiti dalla mia cucina. Voi due avete finito adesso? “Nemmeno vicino”, disse Linda sorridendo. Vorreste che vi lasciassi alle vostre esplorazioni?...

171 I più visti

Likes 0

Brooke_(1)

Brooke Questa è la mia prima storia e, come tale, sii premuroso nelle tue critiche; solo critiche costruttive per favore. Se non ti piace questa storia, ce ne sono molte altre da leggere. I nomi sono stati cambiati per proteggere i miei fottuti compagni e, a loro volta, il mio culo. Durante la mia adolescenza, sono stato abbastanza sessualmente attivo. Essere un adolescente e anche frequentare un liceo cattolico per soli maschi ha solo favorito la mia libido. Per cominciare, io non sono un ragazzo piccolo. A quel tempo, avevo circa 6'3, 200 libbre e un atleta di prima qualità. Ho...

1.1K I più visti

Likes 0

Capitolo 3 della mia serie; Rachel viene in primo piano

Leggendo questo ho scoperto che alcuni dei dialetti della mia zona si sono intrufolati, quindi per salvare tutti i commenti sull'ortografia e sulla grammatica, lo spiegherò. Usiamo me al posto di mio in alcuni casi e nostra madre è mamma, quindi quando Rachel dice Sono caduto dalla bici e Questa sono io mamma questo è corretto parlare per lei. Ci scusiamo per eventuali errori di ortografia, che sono passati. Avevo circa 24 anni e Susan 20 quando ci siamo sposati, in meno di un anno sono stato nominato capo custode, a causa del ritiro di Sid, questo mi ha dato più...

968 I più visti

Likes 0

Ragazze di papà

Ragazze di papà Beh, per cominciare ho 40 anni, sono vedovo da 5 anni, mia moglie è morta in un incidente d'auto. I miei genitori sono morti e tutto ciò che mi resta è 1 bambino, la mia adorabile figlia, mia sorella e i suoi due figli. Mia figlia ha 20 anni adesso e vive in città, con mia sorella. Dopo la morte di mia moglie, entrambi abbiamo cercato di tenerci per noi stessi, anche se i miei ricordi sarebbero ancora inondati dalla mia bambina. Mia sorella invece ha 32 anni e 2 figlie, da sola, suo marito è morto di...

193 I più visti

Likes 0

New Jock Tales Capitolo 3 Sophomore Year-13

New Jock Tales --- Secondo anno—CH 3—13” e una Ducati Verso le 10:30 bussarono alla porta. Che cazzo Era Mark Mattox, e ha detto che aveva un nuovo contratto per me, se ero interessato. Ho detto di sì, ma questo accordo non aveva niente a che fare con il sesso. Ha detto che avrei portato la droga da Austin fino a Tyler, ogni fine settimana. Pagherebbe 150 dollari a viaggio e sarebbe un chilo di droga. Nessuno guarderebbe una jeep per trasportare erba, e dovrebbe essere un gioco da ragazzi. Rifletto per qualche minuto, poi dice che ci proverei. Mark ha...

1.7K I più visti

Likes 0

L'uomo più piccolo

Stavo guardando le gambe di Jerry, mentre era in piedi sullo sgabello davanti a me. Aveva le cosce molto forti, e ho ammirato la sua forma mentre metteva la nuova lampadina nella plafoniera. Questa cosa è un dolore da raggiungere, ha detto Jerry. Poi, mentre lottava con il bulbo, i miei occhi seguivano le sue gambe muscolose fino al punto in cui si incontravano, e ho dovuto sopprimere uno sguardo fisso: c'era un nodulo che giaceva di lato, un piccolo nodulo, ma c'era un nodulo ben definito. Lascia che ti spieghi quello. Stavamo parlando del nostro recente gruppo di feste che...

1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.