Il prato - PARTE I - Lo stagno

968Report
Il prato - PARTE I - Lo stagno

L'autunno è rotolato. L'orologio accanto a lei la fissava torvo, i numeri rossi le brillavano sul viso. Erano le 3:33.
Questa era la terza notte che accadeva. Sempre alla stessa ora. Il suo cuore batteva forte e bevve un sorso dal bicchiere. Sospirò, calmata dalla quiete della sua stanza. Fece un altro respiro profondo e guardò l'orologio. Ancora 3:33. La sua mano si spostò sul petto, alzandosi e abbassandosi dolcemente mentre il suo cuore rallentava. Il minuto è cambiato.

Alzandosi in piedi, Autumn si avvicinò alla finestra, rompendola leggermente. L'aria dolce e frizzante di campagna si spostava verso l'interno, calmandole i polmoni. Tornò al suo letto, sdraiandosi sulle morbide lenzuola. Il lato sinistro del letto era ancora fresco, come lo era da quasi un anno. Il suo ragazzo era stato trovato morto nel bosco, a faccia in giù in uno stagno. Lui e alcuni amici erano andati nei boschi profondi per accamparsi e cacciare, ma a quanto pare invece si era ubriacato ed era annegato. L'autunno non era stato in grado di andare avanti. La sua mano sinistra cadde sulla macchia fresca, accarezzando la seta. Le mancava. Soprattutto notti come questa. Aveva bisogno di essere abbracciata, rassicurata, amata. Le sue guance arrossirono mentre immaginava le sue braccia avvolte intorno a lei, tenendola al calore del suo corpo.

La sua mano destra cadde sul basso addome, appoggiandosi sul tessuto trasparente della sua camicia da notte. Una raffica di brezza di ottobre la percorse, facendole venire la pelle d'oca. I suoi capezzoli si strinsero sotto il tessuto, lasciando delicate linee di eccitazione. Rabbrividì leggermente. Erano passati secoli da quando si era sentita così.
La sua mano destra si mosse ulteriormente lungo la coscia, le dita avvolte attorno alla cucitura della camicia da notte. Lo sollevò lentamente, godendosi il materiale trasparente contro la sua pelle. Tremò di nuovo. Il suo dito si mosse verso il calore tra le gambe, tracciando dolcemente la pelle tra la coscia e le labbra.

L'autunno trasse un respiro affannoso e fece scorrere il dito lungo la fessura umida. L'elettricità le sollevò i fianchi dal materasso e la fece cadere di nuovo contro. Il suo dito medio disegnò piccoli cerchi attorno al clitoride, stuzzicando il cappuccio su e giù. La sua mano sinistra si aggrappò alle lenzuola, la seta fresca che le scorreva tra le dita. La sua mano destra ha continuato a fare l'artista sul clitoride, disegnando immagini di lussuria e sesso. Con un'ultima profonda ispirazione si inarcò nella sua mano, venendo forte.

Dopo alcuni minuti trascorsi a crogiolarsi nelle sue endorfine, si mosse per chiudere di nuovo la finestra. Guardò con desiderio nel cortile sul retro, immaginando il suo ragazzo che camminava fuori dal bosco. Poteva sentirlo dire che si era appena perso per un po', che non era stato lui nello stagno. Nel suo cuore, sapeva diversamente. I suoi occhi rimasero fissi sul bosco. Il suo cuore sussultò. Non c'era niente. Non aveva visto davvero niente. Si stava sforzando così tanto di convincersi che lui fosse lì, che avrebbe fatto in modo che i suoi occhi la ingannassero. Autumn chiuse lo stipite e rotolò di nuovo nel suo letto. Il mistero del bosco alla fine l'ha lasciata mentre le sue sostanze chimiche post-orgasmo la riportavano pacificamente a dormire.

Il giorno successivo trascorse senza incidenti, anche se c'era stato un leggero palpito nel suo cuore quando aveva guardato nel bosco. Vivere da sola così lontano da una città sembrava stupido ai suoi genitori, ma Autumn non poteva immaginare di lasciare quel posto adesso. Aveva bisogno dei ricordi intorno a lei, della sottile speranza di trovare conforto qui. Man mano che la sera andava e veniva, iniziò a tornare alla sua routine notturna. Tenne tra le mani la tazza di tè alla menta piperita mentre era in infusione, e tornò strisciando sul suo lato del letto. Nel giro di mezz'ora, stava tornando nel sonno, il suo tè a metà finito giaceva freddo sul capezzale.

I suoi occhi si spalancarono.

3:33.

L'autunno saltò fuori dal letto e corse alla finestra. Scrutò duramente, strofinandosi gli occhi nel mezzo. Prima che potesse pensare, afferrò le sue pantofole rosa da coniglio (un regalo del suo ragazzo) e corse nel cortile sul retro. L'aria era stata fredda, ma sembrava diminuire mentre si avvicinava al bosco. In uno sforzo delirante, iniziò a serpeggiare tra gli alberi in una danza aggraziata. Un bagliore iniziò a crescere mentre veniva portata più in profondità nel bosco. Guardò gli alberi intorno a lei. Le foglie non erano più l'arancia bruciata di ottobre, ma cominciavano a diventare più verdi man mano che lei procedeva. C'era una luce quasi brillante davanti a sé. Accelerò, ignorando i rami che si strappavano contro la sua camicia da notte. La luce divenne sempre più brillante fino a quando...

...è inciampata.

Sollevò il viso dall'erba e osservò. Si trovava in una radura perfettamente circolare, con alberi lussureggianti che ne formavano il perimetro. Al centro della radura c'era uno stagno. Si alzò tremante in piedi. Era luminoso. Sembrava che non ci fosse una forma centrale di luce che potesse vedere, ma era quasi come se provenisse dallo stagno. Fece qualche passo avanti e si sedette sull'erba. Era più morbido di qualsiasi cosa avesse mai provato. Le sue dita lo attraversarono, assaporandone l'energia dalla punta delle dita. Si sdraiò, toccando le gambe e le braccia contro l'erba, ondeggiando avanti e indietro lungo di essa. Allungò una mano per scartare il resto della sua camicia da notte, immergendosi completamente nell'erba. La sua mano si mosse istintivamente all'inguine. L'autunno iniziò ad accarezzarsi animalisticamente, non sorpresa dall'ondata di umidità già tra le sue gambe. Adorava la sensazione della sua vagina bagnata... no. La sua fica bagnata. Si inarcò di nuovo quando quella parola la colpì. Senza un'oncia di pensiero, due dita si tuffarono profondamente nel suo buco. Ha continuato a scoparsi fino a quando il suo secondo orgasmo non si è placato, le sue dita lisce con i suoi succhi. Si portò le dita alla bocca e assaggiò. Era esattamente come il miele. Fece scorrere la lingua intorno a loro, assaporandone il sapore. Si asciugò la leggera bava dall'angolo della bocca e alzò lo sguardo.

Davanti a lei c'era una figura androgina. Non era sorpresa. Semmai, era bellissimo. Peccato non avesse parti. Si sentiva come se avesse lasciato che quasi tutto la prendesse in quel momento.

Parlava piano con una voce senza genere.

"Benvenuta nel prato, mia signora. Pochi umani hanno messo piede qui, anche se ho fatto da guida a coloro che l'hanno fatto. Io sono Ri, e mi occupo di questo prato da quando sono esistito. Il prato si trova solo da coloro che ne hanno un disperato bisogno. È il centro dei tuoi desideri. È il centro delle tue fantasie. Il prato è ciò che desideri di più. L'acqua dello stagno lo renderà reale. Un drink porterà tutti i tuoi desideri, i tuoi ha bisogno... dei tuoi desideri più oscuri... per la vita. Puoi bere l'acqua. Puoi avere quanto vorresti. Non interferirò. Sono solo una guida... Il resto è una tua decisione."

Con la minima sottigliezza, gli angoli della bocca di Ri si girarono verso l'alto. Tese la mano all'autunno, con un mestolo di pietra nera in mano. Lo accettò, facendo scorrere la lingua sulla sua superficie liscia. Sentì la sua fica gocciolare per l'eccitazione mentre si avvicinava all'acqua. Inginocchiata accanto alla riva, intinse il mestolo nell'acqua perfettamente limpida.

"Voglio vedere il mio ragazzo. Voglio venire da lui la notte prima della sua morte. Voglio scoparlo un'ultima volta."

La sua fica sgorgava.

Portò il mestolo alle labbra e bevve.

Storie simili

Ragazze di papà

Ragazze di papà Beh, per cominciare ho 40 anni, sono vedovo da 5 anni, mia moglie è morta in un incidente d'auto. I miei genitori sono morti e tutto ciò che mi resta è 1 bambino, la mia adorabile figlia, mia sorella e i suoi due figli. Mia figlia ha 20 anni adesso e vive in città, con mia sorella. Dopo la morte di mia moglie, entrambi abbiamo cercato di tenerci per noi stessi, anche se i miei ricordi sarebbero ancora inondati dalla mia bambina. Mia sorella invece ha 32 anni e 2 figlie, da sola, suo marito è morto di...

189 I più visti

Likes 0

Perché le cose succedono sempre a me

Perché le cose mi succedono sempre Prima di iniziare mi rendo conto che non ci sono molti uomini che vanno in giro con un cazzo da 12 pollici. E quindi l'ho soprannominata una fantasia e una farsa. Basta già detto alla storia. Mi chiamo Samuel Longfellow, sono il proprietario di una delle più grandi società di sicurezza dello stato. È così che guadagno i miei soldi (sette cifre all'anno) La mia passione è la ricerca sulla fauna selvatica e ho una borsa di studio presso il college locale. Faccio le mie ricerche nella mia fattoria di 680 acri. Ora la mia...

1.1K I più visti

Likes 0

Vendetta in Cina

Jack era incazzato. Ancora. Ancora una volta il suo datore di lavoro cinese lo aveva imbrogliato. Non solo la sua paga era in ritardo, di nuovo, ma il bastardo si era inventato delle deduzioni stronzate. Jack era irritato. Era in Cina da appena sei mesi e aveva tre datori di lavoro. Ognuno di loro lo aveva imbrogliato in qualche modo. Nessuno lo aveva mai pagato in tempo. Nessuno lo aveva mai trattato in modo amichevole. Lo trattavano tutti come un nulla. Solo un altro straniero da attirare in Cina e imbrogliare. Jack aveva deciso. L'indomani avrebbe attraversato il ponte per Hong...

319 I più visti

Likes 0

A metà di metà settembre

Per nessun motivo particolarmente affascinante mi sono ritrovato a stare con mia zia Renee. Nel prossimo mese, mi sarei trasferito di nuovo a est o mi sarei trasferito nell'appartamento che mia madre stava per acquistare, nel caso avessi bisogno di un po' di tempo di bufferizzazione. 
Sapevo già che avevo bisogno di tempo di buffer. Avevo anche bisogno del tempo di buffer per spiegarle completamente la situazione. Avevo ad un certo punto e momento, capito chi dovevo essere e prima potevo arrivare a quel punto e smettere di essere quello che ero attualmente, meglio per me e per tutte le persone...

1.3K I più visti

Likes 0

Il furgone - Scopa mia moglie

Una sera io e mia moglie stavamo cenando, è venuto fuori l'argomento di una delle nostre fantasie. L'abbiamo chiamato il furgone. Era stata una nostra fantasia ricorrente prendere diversi ragazzi e farli scopare mia moglie nel retro di un furgone. Questa volta abbiamo deciso di farlo quindi abbiamo aspettato il weekend. Abbiamo noleggiato un furgone bianco per la notte e siamo andati in centro alla ricerca di alcuni ragazzi belli e sani. Indossava un mini abito nero scollato e aveva un letto rifatto nella parte posteriore. Abbiamo guidato per un po' e ci siamo imbattuti in un ragazzo che camminava da...

1.1K I più visti

Likes 0

Linda e Bobby e zia Jen, parte 2

Erano nudi, nella cucina di zia Jen, in realtà sul suo piano di lavoro, e Bobby stava riportando Linda all'orgasmo. Sono rimasti sorpresi quando Jen è intervenuta e ha detto in modo del tutto inaspettato: “Bene, cosa abbiamo qui? Sembra che ti stia divertendo.” Bobby disse un po' sulla difensiva: Hai detto che potevamo venire in qualsiasi momento per giocare ed è quello che stiamo facendo. Non preoccuparti. Non sono turbato. Sono rimasto solo sorpreso quando ho iniziato a sentire gemiti dalla mia cucina. Voi due avete finito adesso? “Nemmeno vicino”, disse Linda sorridendo. Vorreste che vi lasciassi alle vostre esplorazioni?...

171 I più visti

Likes 0

Brooke_(1)

Brooke Questa è la mia prima storia e, come tale, sii premuroso nelle tue critiche; solo critiche costruttive per favore. Se non ti piace questa storia, ce ne sono molte altre da leggere. I nomi sono stati cambiati per proteggere i miei fottuti compagni e, a loro volta, il mio culo. Durante la mia adolescenza, sono stato abbastanza sessualmente attivo. Essere un adolescente e anche frequentare un liceo cattolico per soli maschi ha solo favorito la mia libido. Per cominciare, io non sono un ragazzo piccolo. A quel tempo, avevo circa 6'3, 200 libbre e un atleta di prima qualità. Ho...

1.1K I più visti

Likes 0

Capitolo 3 della mia serie; Rachel viene in primo piano

Leggendo questo ho scoperto che alcuni dei dialetti della mia zona si sono intrufolati, quindi per salvare tutti i commenti sull'ortografia e sulla grammatica, lo spiegherò. Usiamo me al posto di mio in alcuni casi e nostra madre è mamma, quindi quando Rachel dice Sono caduto dalla bici e Questa sono io mamma questo è corretto parlare per lei. Ci scusiamo per eventuali errori di ortografia, che sono passati. Avevo circa 24 anni e Susan 20 quando ci siamo sposati, in meno di un anno sono stato nominato capo custode, a causa del ritiro di Sid, questo mi ha dato più...

968 I più visti

Likes 0

Il mio prurito - Parte 2

Quando sono tornato al condominio, ho afferrato la mia borsa e sono corso verso la porta, gridando di trionfo quando le luci si sono riaccese pochi secondi dopo. Sapendo che non avrei avuto molto tempo, ho preso rapidamente diversi asciugamani spessi dal bagno e li ho infilati nell'asciugatrice insieme alla maglietta inzuppata di Itch e l'ho acceso in alto. Tornai di corsa in camera da letto, recuperando un cesto della biancheria che tenevamo nelle unità per gli ospiti e tornai in soggiorno. Ho acceso il camino elettrico al minimo, quel tanto che basta per riscaldare la piccola area intorno ad esso...

786 I più visti

Likes 0

HOBO Capitoli 12 e 13

CAPITOLO DODICI Mi sono svegliato presto la mattina successiva e sono stato in grado di alzarmi dal letto senza svegliare Michelle. Sono andato in cucina, ho preparato una tazza di caffè. Ho poi cucinato uova strapazzate, pancetta e salsiccia e stavo finendo quando Michelle è entrata in cucina strofinandosi gli occhi. “Cosa stai facendo?”, chiese sbadigliando. “Ci sta preparando la colazione. Per favore, siediti sullo sgabello”, mi sorrise, fece il giro del bar e si sedette. Le ho preparato un piatto e l'ho posato davanti a lei, poi le ho versato una tazza di caffè. Poi ho aggiustato il mio piatto...

414 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.