Il prato - PARTE I - Lo stagno

1.9KReport
Il prato - PARTE I - Lo stagno

L'autunno è rotolato. L'orologio accanto a lei la fissava torvo, i numeri rossi le brillavano sul viso. Erano le 3:33.
Questa era la terza notte che accadeva. Sempre alla stessa ora. Il suo cuore batteva forte e bevve un sorso dal bicchiere. Sospirò, calmata dalla quiete della sua stanza. Fece un altro respiro profondo e guardò l'orologio. Ancora 3:33. La sua mano si spostò sul petto, alzandosi e abbassandosi dolcemente mentre il suo cuore rallentava. Il minuto è cambiato.

Alzandosi in piedi, Autumn si avvicinò alla finestra, rompendola leggermente. L'aria dolce e frizzante di campagna si spostava verso l'interno, calmandole i polmoni. Tornò al suo letto, sdraiandosi sulle morbide lenzuola. Il lato sinistro del letto era ancora fresco, come lo era da quasi un anno. Il suo ragazzo era stato trovato morto nel bosco, a faccia in giù in uno stagno. Lui e alcuni amici erano andati nei boschi profondi per accamparsi e cacciare, ma a quanto pare invece si era ubriacato ed era annegato. L'autunno non era stato in grado di andare avanti. La sua mano sinistra cadde sulla macchia fresca, accarezzando la seta. Le mancava. Soprattutto notti come questa. Aveva bisogno di essere abbracciata, rassicurata, amata. Le sue guance arrossirono mentre immaginava le sue braccia avvolte intorno a lei, tenendola al calore del suo corpo.

La sua mano destra cadde sul basso addome, appoggiandosi sul tessuto trasparente della sua camicia da notte. Una raffica di brezza di ottobre la percorse, facendole venire la pelle d'oca. I suoi capezzoli si strinsero sotto il tessuto, lasciando delicate linee di eccitazione. Rabbrividì leggermente. Erano passati secoli da quando si era sentita così.
La sua mano destra si mosse ulteriormente lungo la coscia, le dita avvolte attorno alla cucitura della camicia da notte. Lo sollevò lentamente, godendosi il materiale trasparente contro la sua pelle. Tremò di nuovo. Il suo dito si mosse verso il calore tra le gambe, tracciando dolcemente la pelle tra la coscia e le labbra.

L'autunno trasse un respiro affannoso e fece scorrere il dito lungo la fessura umida. L'elettricità le sollevò i fianchi dal materasso e la fece cadere di nuovo contro. Il suo dito medio disegnò piccoli cerchi attorno al clitoride, stuzzicando il cappuccio su e giù. La sua mano sinistra si aggrappò alle lenzuola, la seta fresca che le scorreva tra le dita. La sua mano destra ha continuato a fare l'artista sul clitoride, disegnando immagini di lussuria e sesso. Con un'ultima profonda ispirazione si inarcò nella sua mano, venendo forte.

Dopo alcuni minuti trascorsi a crogiolarsi nelle sue endorfine, si mosse per chiudere di nuovo la finestra. Guardò con desiderio nel cortile sul retro, immaginando il suo ragazzo che camminava fuori dal bosco. Poteva sentirlo dire che si era appena perso per un po', che non era stato lui nello stagno. Nel suo cuore, sapeva diversamente. I suoi occhi rimasero fissi sul bosco. Il suo cuore sussultò. Non c'era niente. Non aveva visto davvero niente. Si stava sforzando così tanto di convincersi che lui fosse lì, che avrebbe fatto in modo che i suoi occhi la ingannassero. Autumn chiuse lo stipite e rotolò di nuovo nel suo letto. Il mistero del bosco alla fine l'ha lasciata mentre le sue sostanze chimiche post-orgasmo la riportavano pacificamente a dormire.

Il giorno successivo trascorse senza incidenti, anche se c'era stato un leggero palpito nel suo cuore quando aveva guardato nel bosco. Vivere da sola così lontano da una città sembrava stupido ai suoi genitori, ma Autumn non poteva immaginare di lasciare quel posto adesso. Aveva bisogno dei ricordi intorno a lei, della sottile speranza di trovare conforto qui. Man mano che la sera andava e veniva, iniziò a tornare alla sua routine notturna. Tenne tra le mani la tazza di tè alla menta piperita mentre era in infusione, e tornò strisciando sul suo lato del letto. Nel giro di mezz'ora, stava tornando nel sonno, il suo tè a metà finito giaceva freddo sul capezzale.

I suoi occhi si spalancarono.

3:33.

L'autunno saltò fuori dal letto e corse alla finestra. Scrutò duramente, strofinandosi gli occhi nel mezzo. Prima che potesse pensare, afferrò le sue pantofole rosa da coniglio (un regalo del suo ragazzo) e corse nel cortile sul retro. L'aria era stata fredda, ma sembrava diminuire mentre si avvicinava al bosco. In uno sforzo delirante, iniziò a serpeggiare tra gli alberi in una danza aggraziata. Un bagliore iniziò a crescere mentre veniva portata più in profondità nel bosco. Guardò gli alberi intorno a lei. Le foglie non erano più l'arancia bruciata di ottobre, ma cominciavano a diventare più verdi man mano che lei procedeva. C'era una luce quasi brillante davanti a sé. Accelerò, ignorando i rami che si strappavano contro la sua camicia da notte. La luce divenne sempre più brillante fino a quando...

...è inciampata.

Sollevò il viso dall'erba e osservò. Si trovava in una radura perfettamente circolare, con alberi lussureggianti che ne formavano il perimetro. Al centro della radura c'era uno stagno. Si alzò tremante in piedi. Era luminoso. Sembrava che non ci fosse una forma centrale di luce che potesse vedere, ma era quasi come se provenisse dallo stagno. Fece qualche passo avanti e si sedette sull'erba. Era più morbido di qualsiasi cosa avesse mai provato. Le sue dita lo attraversarono, assaporandone l'energia dalla punta delle dita. Si sdraiò, toccando le gambe e le braccia contro l'erba, ondeggiando avanti e indietro lungo di essa. Allungò una mano per scartare il resto della sua camicia da notte, immergendosi completamente nell'erba. La sua mano si mosse istintivamente all'inguine. L'autunno iniziò ad accarezzarsi animalisticamente, non sorpresa dall'ondata di umidità già tra le sue gambe. Adorava la sensazione della sua vagina bagnata... no. La sua fica bagnata. Si inarcò di nuovo quando quella parola la colpì. Senza un'oncia di pensiero, due dita si tuffarono profondamente nel suo buco. Ha continuato a scoparsi fino a quando il suo secondo orgasmo non si è placato, le sue dita lisce con i suoi succhi. Si portò le dita alla bocca e assaggiò. Era esattamente come il miele. Fece scorrere la lingua intorno a loro, assaporandone il sapore. Si asciugò la leggera bava dall'angolo della bocca e alzò lo sguardo.

Davanti a lei c'era una figura androgina. Non era sorpresa. Semmai, era bellissimo. Peccato non avesse parti. Si sentiva come se avesse lasciato che quasi tutto la prendesse in quel momento.

Parlava piano con una voce senza genere.

"Benvenuta nel prato, mia signora. Pochi umani hanno messo piede qui, anche se ho fatto da guida a coloro che l'hanno fatto. Io sono Ri, e mi occupo di questo prato da quando sono esistito. Il prato si trova solo da coloro che ne hanno un disperato bisogno. È il centro dei tuoi desideri. È il centro delle tue fantasie. Il prato è ciò che desideri di più. L'acqua dello stagno lo renderà reale. Un drink porterà tutti i tuoi desideri, i tuoi ha bisogno... dei tuoi desideri più oscuri... per la vita. Puoi bere l'acqua. Puoi avere quanto vorresti. Non interferirò. Sono solo una guida... Il resto è una tua decisione."

Con la minima sottigliezza, gli angoli della bocca di Ri si girarono verso l'alto. Tese la mano all'autunno, con un mestolo di pietra nera in mano. Lo accettò, facendo scorrere la lingua sulla sua superficie liscia. Sentì la sua fica gocciolare per l'eccitazione mentre si avvicinava all'acqua. Inginocchiata accanto alla riva, intinse il mestolo nell'acqua perfettamente limpida.

"Voglio vedere il mio ragazzo. Voglio venire da lui la notte prima della sua morte. Voglio scoparlo un'ultima volta."

La sua fica sgorgava.

Portò il mestolo alle labbra e bevve.

Storie simili

Il weekend di una figlia Pt. 2

Erano passate un altro paio d'ore e Savannah aveva finito per addormentarsi. Ho accostato il vialetto di ghiaia e mi sono fermato davanti alla nostra capanna di famiglia. “Savannah,” le scossi la spalla, “siamo qui”. Gli occhi di Savannah si aprirono intontiti e sbatté le palpebre diverse volte mentre si riprendeva e si orientava. Mentre Savannah si stava svegliando dal suo pisolino, sono scesa dalla macchina e sono andata al portellone del camion per prendere i nostri bagagli. Non riuscivo a smettere di pensare a prima, a come mia figlia avesse preso il controllo e mi avesse effettivamente succhiato. Era sbagliato...

1.6K I più visti

Likes 1

Risvegli 5_(1)

Risvegli 5 -------------------------------------------------- ------------- Tahir e il Capitano stavano analizzando i rapporti che stavano arrivando. Apparentemente, le precedenti azioni di Tahir avevano interrotto per un po' i piani del gruppo del dottore. Ci stavano lavorando da un paio d'ore, quando Tahir notò il rapporto di un cadavere. Gli ci volle un momento per leggerlo, voltandosi verso il Capitano, attirò la sua attenzione. Questo rapporto descrive in dettaglio un corpo che è stato trovato, ciò che sembra strano è che il corpo non aveva alcun cervello. Era quasi come se la cavità cranica fosse stata pulita con l'aspirapolvere. disse Tahir, porgendo il...

1.3K I più visti

Likes 0

Diventare Zoe

La mia futura moglie Annie aveva accettato un lavoro fuori città e la vedevo solo ogni due settimane circa. Mi mancava così tanto. Lei ed io eravamo diventati amanti a distanza. Aveva un volo di ritorno a casa venerdì sera. Stavo andando a prendere suo figlio Zakk dal suo dormitorio e noi due saremmo andati a prenderla all'aeroporto e ci saremmo goduti il ​​fine settimana insieme. Zakk è al suo primo anno di college e sta studiando per diventare un truccatore per il teatro e lo schermo. Lui e io non ci siamo davvero conosciuti e questo doveva essere il fine...

1.1K I più visti

Likes 0

La banda pt1_(0)

La Banda. pt 1 Questa è la mia prima storia in assoluto, quindi per favore sii gentile nei tuoi commenti. Sono ben accette critiche costruttive. Sono Sarah, ho 26 anni e lavoro in una banca come consulente per piccole imprese. Ho lunghi capelli castani, sono 5'7 taglia 10 con seni piccoli ma impertinenti 32B. Vado in palestra almeno 3 volte a settimana quindi sono in buona forma e sono single da un paio d'anni, anche se mi sono divertito. Comunque ti racconto la mia esperienza con una gang di East Leeds. Era un venerdì e la mia migliore amica Vicky era...

923 I più visti

Likes 0

All'improvviso, tabù

All'improvviso, tabù Se sei un ragazzo abbastanza bello con una personalità gradevole, bravo a chiacchierare con le donne e a muoverti molto, trovandoti nei posti giusti al momento giusto avrai i tuoi momenti di sesso quando meno te lo aspetti; questo è previsto. Ma quando all'improvviso, all'improvviso, senza alcuna indicazione, senza alcuna preparazione, senza alcuna preparazione da parte tua, ti viene servita una figa di prima qualità, e quella figa appartiene alla tua bellissima madre; allora sei un figlio di puttana fortunato. Sono un figlio di puttana fortunato! Una parente di mia madre ci ha inviato un invito al suo matrimonio...

768 I più visti

Likes 0

Allenamento 07

Mi è davvero piaciuto essere usato da Jim. La mia figa del culo sembrava vuota senza il suo grosso cazzo nero dentro. Il sesso con mia moglie era ancora soddisfacente, su questo non c'erano dubbi, ma stare con Jim era diverso. Ammetto di aver avuto una distrazione abbastanza significativa nella mia vita pensando a lui. Ero assolutamente brava al 100% a farmi usare da lui per il suo piacere, essendo la sua cagna o fica, se vuoi. Il piacere che ho provato nell'essere usato come un giocattolo da scopare da Jim era difficile da descrivere, anche a me stesso. Il mio...

345 I più visti

Likes 0

Fare Storia

Ah, ma se l'avessi vista capiresti... Ad essere onesti, i tutorial stavano iniziando a diventare un po' noiosi lato. Non fraintendermi, mi stavo godendo il corso nel complesso, ma lo ero nel mio secondo anno ormai e dovevo ancora incontrare un tutor che mi ha ispirato. La maggior parte di loro sembrava stanca del proprio lavoro, aspettando il momento giusto fino alla pensione. Settimana dopo settimana, ero difficile ma difficile compiti stimolanti e ogni settimana tornavo con la sensazione di aver guadagnato molto poco. La storia è una passione. Me ne ero innamorato nella mia prima adolescenza, circondato da una famiglia...

988 I più visti

Likes 0

Sesso sul treno

Tom è stato a Edimburgo per un incontro di lavoro. Era stata prevista una bella giornata estiva, quindi è vestito con pantaloni chino beige, scarpe brogue marroni, una camicia aperta bianca e un blazer blu. Con la sua pelle abbronzata, sembra piuttosto elegante in città. Il suo incontro è scaduto e così ora è sull'ultimo treno per tornare a Leeds, nello Yorkshire, che sta per lasciare la stazione alle 21:30. Non ci sono molti passeggeri che salgono sul treno quindi sceglie un gruppo di 4 posti con tavolino, si siede nel posto di corridoio con le spalle al senso di marcia...

940 I più visti

Likes 0

DONNE ANZIANE_(1)

Storia di Fbailey numero 219 Donne anziane Quando ho compiuto sedici anni mia madre era impegnata con me. Papà non c'era mai e quando c'era, non c'era ancora. Era il tuo venditore ambulante preverbale. Era un donnaiolo, un ubriacone e una misera scusa per un essere umano. Ha fornito un tetto sopra le nostre teste, ma questo è tutto. La mamma lavorava per pagare il cibo che mangiavamo e i vestiti che avevamo addosso. Ho avviato la mia attività di giardinaggio quella primavera. Ho distribuito volantini in un bel quartiere appena fuori città e ho trovato subito un paio di lavori...

1K I più visti

Likes 1

Barndanza

Un bel giorno... momenti nella nostra stalla: “The Barndance di Phyllis e Roger C'era qualcosa della mia giovinezza che ricorderò per sempre. Avevamo una stalla che prima dell'inverno caricavamo di erba medica per gli animali. Il giorno in cui arrivava il carico era sempre divertente con tutti quei ragazzi mascolini dall'aspetto forte che scaricavano le balle di erba medica e le accatastavano all'interno del nostro fienile. Ammirerei i loro corpi muscolosi che si sollevano e sudano nello scaricare e poi ammucchiare le balle. E mi guardarono piccola e graziosa nella mia veste da casa tutta innocente, la brezza che soffiava sul...

908 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.