Il patto del diavolo, la figlia dei tiranni Capitolo 14: Highway US-12

660Report
Il patto del diavolo, la figlia dei tiranni Capitolo 14: Highway US-12

Il patto del diavolo, la figlia dei tiranni
per mio pseudonimo3000
Diritto d'autore 2015

Capitolo quattordici: Autostrada US-12

Nota: grazie a b0b per aver letto questo beta!

Sabato, 9 luglio 2072 – Rex Glassner – Longview, WA

Mi piaceva Longview, Washington. La città fu costruita lungo il fiume Columbia proprio dove tornava a ovest verso il Pacifico, lasciandosi alle spalle le rovine della I-5. E la città di Longview ci piaceva. Adoravano mio padre. C'erano ancora statue di mio padre e sua moglie Mary in giro. E un tempio pieno di belle donne - sacerdotesse - in abiti diafani incastonato nel centro della città.

Ma Chase non ci lasciava restare.

Nel momento in cui siamo entrati in città, la gente ha riconosciuto Chase. Le grida della Santa Figlia cominciarono ad essere raccolte. I contadini e i cittadini si radunarono intorno, ridendo e salutando. Erano una folla felice. Non c'erano sguardi imbronciati, né sguardi pieni di odio. Eravamo i figli del loro dio e ci hanno accolto a braccia aperte.

"Un'ora", ci ha detto. “Mentre ricevo rifornimenti. Voglio che torniate tutti qui tra un'ora. Il tempo si sta accorciando”. Avevamo solo undici giorni per raggiungere il Paradiso.

Lanciai un'occhiata a Reina e lei mi fece un sorriso. Stavamo per divertirci. Le donne mi si avvicinavano da ogni direzione, implorandomi di sdraiarmi con loro, mostrandomi il seno. Avevo così tante opzioni. Il mio cazzo si è indurito.

Non c'è da stupirsi che mio padre abbia finto di essere un dio. Questo era inebriante.

"Chi sceglierai per benedire, mio ​​lord marito?" chiese Aoifa mentre camminava accanto a me. Si era cambiata nella sua veste diafana da sacerdotessa mentre ci avvicinavamo alla città quando suor Stella si era tolta l'abito. Da quando siamo entrati a Washington era chiaro che eravamo in territorio glassneriano.

«Non ne sono sicuro», gemetti. "Ci sono così tante opzioni."

Il sesso era piuttosto casuale in città. Alcune delle donne avevano rinunciato ad attirare la mia attenzione e venivano calpestate dagli uomini. Lo adoravano, ansimando e gemendo mentre succhiavano cazzi o venivano scopati proprio lì in strada.

E a nessuno importava.

Il predicatore di Truckee avrebbe avuto un infarto se avesse mai visto l'orgia scoppiare in mezzo alla strada. Aoifa si premette contro di me, strofinando i suoi seni rotondi contro il mio braccio mentre camminavamo tra la folla. Era sicuramente la donna più sexy in circolazione, ma l'avevo scopata molte volte. Amavo mia moglie dai capelli rossi e le mie altre tre, ma mio padre aveva ragione: la varietà ha reso tutto migliore.

“Mio signore,” disse un uomo, abbracciando una donna bionda sui vent'anni, con un paio di pesanti tette che uscivano dal suo corpetto disfatto. "Sarei onorato se andassi a letto con mia moglie."

"Molto onorato", fece le fusa sua moglie. “Sto ovulando. Dammi il tuo seme affinché io possa concepire un dio santo”.

Voglio scoparla mentre suo marito guarda. Il mio cazzo pulsava forte, d'accordo con il mio subconscio.

Aoifa si appoggiò a me. "È lei", mi sussurrò all'orecchio. "Io posso dire."

Mi avvicinai alla donna e le strinsi audacemente i seni davanti a suo marito. Emise un liquido gemito di gioia mentre la palpeggiavo. Il suo capezzolo era duro sotto la mia mano. L'ho pizzicato mentre fissavo gli occhi di suo marito.

"Quindi vuoi che scopi tua moglie?" ho sorriso.

"Sì!" C'era fervore negli occhi castani dell'uomo. “Per favore, Signore. Prendila. Ha un terreno fertile pronto per essere dissodato”.

"Così fertile", gemette la moglie mentre le massaggiavo i seni. "E bagnato. Sarai molto soddisfatto se mi coltiverai.

Le ho preso la mano e l'ho portata al mio cazzo. "Ti sembra più che adeguato al compito?"

Mi ha dato una stretta. “Che grande strumento,” rabbrividì. "Venire. La nostra casa è proprio qui».

Aoifa ridacchiò accanto a me mentre la moglie mi guidava dentro casa sua, seguita da suo marito. La loro casa aveva la moquette consumata, in alcuni punti logora e persino il linoleum in cucina. Era una casa che era stata costruita prima della morte di mio padre. La loro camera da letto era sul retro, il loro letto matrimoniale coperto da un piumone blu cucito con fiori bianchi.

"Mmm, sono così pronto per te, mio ​​​​signore", gemette la moglie.

“Spogliala, Aoifa,” sorrisi.

"Sì, mio ​​signore marito."

Aoifa ha insistito per chiamarmi così.

Gli occhi della moglie si spalancarono. “Sei sua moglie? Che fortuna?"

“Una delle sue mogli,” sorrise Aoifa. “Ha gli appetiti del suo Divin Padre. Ha sposato due delle sue sorelle e una terza donna”.

"E sono tutti belli come te, sacerdotessa?" chiese la moglie, allungandosi per accarezzare le guance di Aoifa.

"Più bella", rispose Aoifa.

“Sono tutti ugualmente belli,” corressi, dando una stretta al culo di Aoifa.

Aoifa spogliò la moglie, tirando giù l'abito della donna. Era nuda sotto, la sua figa rasata nuda. Le sue cosce erano lisce e belle. Aoifa la spinse sul letto e la baciò, le mani sottili di Aoifa che giocavano con i seni pesanti della moglie.

Suo marito indugiò sulla soglia. “Entra,” sorrisi. “Voglio che tu guardi mentre tua moglie è davvero fottuta. Una volta che avrò finito con lei, si ricorderà di me per sempre. Ogni volta che la scopi, penserà a me".

L'uomo deglutì nervosamente ed entrò nella stanza. "Ti amo, Rosie"

"Ti amo anch'io", gemette Rosie, i suoi occhi fissi su di me mentre mi toglievo i vestiti. Ha sussultato quando il mio cazzo duro è uscito.

Aoifa si accarezzò le grandi tette. “Lasciami assicurarmi che sia pronta per te,” Aoifa strizzò l'occhio mentre baciava il corpo della moglie. La bionda si contorse per la gioia mentre Aoifa allargava le cosce. "Mmm, ha una figa dall'aspetto delizioso."

"Più gusto per essere sicuro", le strizzai l'occhio.

Aoifa ridacchiò e nascose le labbra tra le cosce della donna. Gemeva, i suoi fianchi si contraevano mentre Aoifa si toccava la figa. Il mio cazzo pulsava. Ho afferrato le ciocche bionde di Rosie e ho guidato le sue labbra sul mio cazzo. Deglutì, succhiando forte.

Guardai suo marito. “È desiderosa del mio cazzo. Ti succhia con così tanta eccitazione?

“Io...” Il marito scrollò le spalle.

"Accidenti, sta lavorando la lingua intorno al mio cazzo." La sua lingua era calda, vorticava sul mio cazzo e io rabbrividivo quando gemeva, la sua voce canticchiava sulla mia corona. "Questo è tutto. Succhiami il cazzo mentre tuo marito guarda. Dimostragli quanto ami il mio cazzo rispetto al suo.

Aoifa ha mangiato rumorosamente la figa di Rosie. Ho visto mia moglie dai capelli rossi scavare la lingua in profondità. Rosie rabbrividì e sussultò, strofinando la figa sul viso di mia moglie. Gli occhi verdi di Aoifa incontrarono i miei, lampeggiando di gioia mentre divorava la figa della moglie.

"Mmm, sì, è una troia bollente", gemette Aoifa. "Succhia il cazzo di mio signore marito."

Rosie gemette forte.

“Lo adora,” fece le fusa Aoifa e seppellì il viso tra le cosce di Rosie.

La donna indietreggiò, le sue pesanti tette sussultavano mentre tremava. I suoi occhi si chiusero. La sua bocca risucchiava forte mentre il suo orgasmo la attraversava. Gemetti, assaporando la pressione sul mio cazzo mentre veniva sul viso di Aoifa.

“Che moglie troia che hai,” gemetti. "Dannazione. È desiderosa del mio sperma. Ho tirato fuori il mio cazzo dalle labbra di Rosie. “Ma non voglio sprecare il mio sperma in bocca. Voglio metterti incinta".

"Sì!" Rosie gemette. “Fottimi, mio ​​Signore. Ne ho tanto bisogno!”

"Dannazione", mormorò il marito. Ha ripescato il suo cazzo, sussultandolo mentre mi guardava muovermi tra le cosce di sua moglie.

Aoifa ha afferrato il mio cazzo, la sua faccia lucida per i succhi di Rosie. Ho baciato mia moglie, assaporando il sapore aspro di Rosie mentre Aoifa guidava il mio cazzo nella figa calda di Rosie. La moglie gemette mentre Aoifa strofinava il mio cazzo contro il suo buco.

“Fottimi, mio ​​Signore! Per favore! Dammi un bambino! Fammi venire! Ne ho bisogno!"

Ho rotto il bacio. "Tua moglie è una puttana completa!" Gemetti e spinsi il mio cazzo nelle calde profondità di Rosie.

"Sì!" strillò Rosie. “Un dio è in me! Oh si! Oh, cazzo! Batti la mia fica! Ne ho tanto bisogno!”
I miei fianchi si spinsero in avanti, facendo scivolare il mio cazzo attraverso la sua guaina calda. Rabbrividivo ad ogni pompa dei miei fianchi. La sua figa ha afferrato il mio cazzo mentre le sue braccia mi hanno inghiottito, tirandomi giù sui suoi seni pesanti. Sussultò e gemette, baciandomi mentre si contorceva sotto di me.

È arrivata forte, scoppiando come un petardo sotto di me. La sua figa calda ha massaggiato il mio cazzo mentre la sbattevo contro. Sussultò e gemette, cedendo alle mie spinte mentre le sue dita mi graffiavano la schiena.

“Tua moglie è già venuta,” gemetti, sbattendo il mio cazzo sempre più forte nelle sue calde profondità. «Tua moglie è una tale puttana. È così desiderosa del mio cazzo. Scommetto che non viene mai così forte per te.

"Sì sì sì!" urlò Rosie. “Adoro il tuo cazzo! Un cazzo divino! Sono stato fottuto da un dio! Guardami, Joe! Guarda, guarda!"

"Lo sono, Rosie", gemette il suo patetico marito mentre si masturbava il cazzo.

"Arala, amore mio", gemette Aoifa accanto a me, le sue dita che giocavano con la sua figa.

Mi alzai, avvolgendo le braccia intorno alle cosce di Rosie e gettando le sue caviglie sulle mie spalle. La sua figa si è fatta più stretta, stringendo il mio cazzo. I suoi seni tremolavano ad ogni spinta del mio cazzo, e la sua testa si agitava avanti e indietro mentre un altro orgasmo le increspava.

Mia moglie meritava di meglio che masturbarsi. Non era Joe. Non era patetica.

«Siediti a faccia in giù, Aoifa. Fai in modo che la puttana ti mangi la figa.

Aoifa rabbrividì di gioia e mi diede un altro bacio caldo prima di mettersi a cavalcioni sul viso di Rosie. La donna gemette, seppellendo il viso nella fica di Aoifa. Mia moglie sussultò e gemette, strofinando la sua carne calda sul viso di Rosie.

“Così bene,” gemette Aoifa, i suoi occhi verdi che si chiudevano. "Tua moglie ama la mia figa quasi quanto ama il cazzo di mio marito."

"Dannazione!" Joe rabbrividì mentre sua moglie ci dava piacere.

Fissai gli occhi di Aoifa mentre afferravo i suoi seni color avorio con le mie mani marroni. Lei gemette mentre le pizzicavo il capezzolo. I miei fianchi continuavano a martellare via mentre la figa di Rosie mi massaggiava l'asta. La moglie stava inondando il letto con i suoi succhi di figa mentre il mio cazzo pulsava nella sua guaina calda.

"Inonderò la fica di tua moglie!" ringhiai. «La farò cadere. Crescerai mio figlio".

"Sì!" Rosie gemette, la voce attutita dalla figa di Aoifa.

Aoifa rabbrividì. "Fallo! Sborra in lei! Metti al tappeto la moglie troia. Oh si! Oh, sì, mio ​​signore marito. Allevala!”

Aoifa gettò indietro la testa mentre veniva. Rosie ha bevuto tutti i suoi succhi. Il mio cazzo pulsava di gioia mentre tremavo ed eruttavo nella figa della moglie. La sua presa affamata ha munto il mio cazzo, desideroso di essere allevato da me.

Joe grugnì mentre veniva, tirando su il suo patetico budino.

Ho tirato fuori il mio cazzo ammorbidente dalla fica di Rosie mentre Aoifa scivolava via da lei. Ho afferrato la bionda e ho pulito il mio cazzo tra i suoi capelli, lasciandolo arruffato di sperma e crema per la figa. Rosie aveva un grande sorriso sul viso arrossato.

“Ricorderai questo giorno per sempre,” le sorrisi.

“Lo farò,” ansimò.

Le ho dato un bacio caldo davanti a suo marito e poi ho trovato i miei vestiti. Con Aoifa al braccio, sono uscito nudo. Era una giornata calda e fuori c'era una folla di donne, tutte nude e nubili. Avrei voluto rimanere più a lungo.

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Reina Glassner

Non sono stato sorpreso di trovare il mio gemello in un mucchio di carne femminile. Volevo così unirmi a lui. La mia bocca era imbrattata di succhi di figa. Queenie, Sarah e io avevamo visitato il tempio e ci godevamo le sacerdotesse in un torchio di carne femminile.

Avevo la bocca che succhiava ogni pezzetto della mia carne, e non mi dispiacerebbe il secondo round.

Aoifa era lì con Rex, i suoi capelli rossi scintillavano mentre si contorceva con un paio di brune. Rex aveva il suo cazzo seppellito nel culo di una bionda, pompando forte via mentre due gemelli prosperosi e dai capelli neri si premevano contro il suo fianco, strofinando le loro grosse tette contro di lui. Una seconda bionda gli stava accarezzando il culo o giocando con le sue palle da dietro. Non saprei dire quale.

«Sbrigati, Rex», gridai. "Chase vuole andare."

“Ci siamo quasi,” ansimò Rex, i fianchi che pompavano più velocemente.

"Fottimi il culo!" gemette la bionda. "Oh si! Cosi meraviglioso!"

Rex gemette e poi gli strappò il cazzo. Si alzò, sussultando velocemente e spruzzando il suo sperma sulle donne. Tutti gemevano e gemevano mentre il suo sperma dipingeva i loro corpi. Sono caduti in un'orgia di carne leccata, raccogliendo tutto lo sperma che ha spruzzato.

Rex ha tirato fuori Aoifa dal pasticcio, gettandola sopra la sua spalla. Aoifa gemette, la sua figa inondava di succhi mentre veniva. Sorrisi, la mia figa in fiamme mentre Rex scavalcava il mucchio. Le donne lo afferrarono, implorandolo di restare.

"Devo andare avanti", sorrise Rex. “Ci sono così tante donne là fuori da benedire”.

Ho schiaffeggiato il culo di Rex quando è passato, scuotendo la testa. “Vestitevi voi due. Dobbiamo andare."

Rex mi ha dato un bacio, le sue labbra macchiate di succhi di figa.

“Non funzionerà,” gemetti, combattendo i miei desideri. "Dobbiamo andare avanti".

«Penso che vivremo qui», decise Rex. "Che ne dici?"

Scuoto la mia testa. "Perché non Tacoma?"

Rex si accigliò.

«Le sacerdotesse mi dicevano che Tacoma è un'intera città di Glassneriani. La nuova Teocrazia esclude da lì. Hanno anche l'elettricità».

Rex sorrise. "Un'intera città?"

Ho annuito con la testa. Sapevo che non saremmo mai tornati in California. Nessuno di noi voleva attraversare di nuovo l'Oregon. I cristiani erano bigotti e assassini. Non avrei mai più voluto vivere in mezzo a loro. I Glassneriani erano più nel mio stile. Hanno condiviso i miei appetiti.

"Un'intera città di donne da farti scopare", sorrisi.

"Ooh, sembra perfetto per il nostro Signore marito", gemette Aoifa mentre indossava le sue vesti diafane, il suo corpo da nubile sanguinante attraverso il tessuto.

“Sì,” Rex annuì. "Tacoma".

"La Città Santa dove sono nati gli Dei Viventi", fece le fusa Aoifa.

Ho preso un respiro profondo mentre ci allontanavamo dall'orgia verso il centro della città dove Chase, Queenie, Sarah e sorella Stella aspettavano. “Cosa accadrà al Paradise? Abbiamo davvero intenzione di impedire a nostro padre di tornare?"

“Davvero non credo che avremo molto da dire su ciò che accadrà,” Rex scrollò le spalle. "Tocca a Chase."

"Ma lo vedremo, vero?" Il mio cuore batteva più veloce. "Nostro padre?"

“Sì,” Rex annuì, mettendo un braccio attorno a me, l'altro attorno ad Aoifa. "Lo vedremo".

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Chasity "Chase" Glassner

Ho sorriso mentre lasciavamo Longview. Era stato bello stare con un amore così aperto. Qui, il mondo non era caduto nella brutta violenza e nell'odio. Qui esisteva ancora il mondo della mia infanzia. Ed erano liberi. Non erano schiavi dei miei genitori. Hanno scelto di continuare a seguire gli insegnamenti dei miei genitori.

Hanno scelto di amarsi.

C'era speranza per il mondo.

Guardai i miei fratelli e le loro mogli. Stavano parlando di Tacoma. Rex e Reina sembravano voler vivere lì. E dato l'appetito dei miei fratelli, non era sorprendente. Non li ho biasimati per non voler tornare a casa in California. L'Oregon era un buco di merda. I cristiani avevano distrutto lo stato un tempo bellissimo.

Inclinai la testa, lanciando un'occhiata a Rex mentre si prendeva cura di tutte le donne che aveva scopato nelle ultime due ore. Aveva una resistenza che rivaleggiava con i miei padri. Un uomo normale non avrebbe dovuto essere in grado di comportarsi come lui. Ho aggrottato la fronte nella realizzazione. Stava facendo contente quattro donne arrapate con il suo cazzo. Rex è stato concepito alla fine della vita di mio padre, forse giorni prima di morire. Mio padre era traboccante dei poteri di tutti i grandi demoni, oltre ai suoi stessi desideri.

Rex aveva ereditato una resistenza extra-umana da mio padre? E anche Reina e Sarah erano una coppia di volpi arrapate.

Interessante.

Sarah si è avvicinata a me. «Spero che verrai con noi a Tacoma. Sia tu che suor Stella.»
"Forse", ho alzato le spalle. Non sapevo cosa sarebbe successo al Paradise, ma suor Stella ha promesso di liberarmi dai miei poteri. Forse potrei finalmente morire.

«Avremo una bella casa. Sarà il posto perfetto per scrivere la tua versione degli eventi".

Ho sbattuto le palpebre.

"Su nostro padre." Sara sorrise. “Mi piacerebbe conoscere la vera verità. E anche il mondo merita di saperlo. Entrambe le parti hanno sbagliato".

Il libro di Tina Allard La storia della teocrazia dei tiranni mi ha offeso. I miei genitori non erano i mostri che li faceva sembrare. Hanno fatto molto male e molto bene. Ma non erano nemmeno gli esseri perfetti che i Glassneriani affermavano. Erano come tutte le altre persone. Non bianco o nero, ma toni di grigio fangosi vorticavano tutti insieme.

"Forse lo farò", annuii. “Ma dobbiamo ancora raggiungere il Paradiso. Dovremmo farcela un paio di giorni prima".

Sara annuì. "Non vedo l'ora di vedere mio padre."

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Martedì 12 luglio 2072 – Queenie Glassner – Highway US-12, WA

Il tuono crepitò all'orizzonte quando raggiungemmo l'autostrada US-12. Secondo Chase, questa autostrada ci porterebbe al Monte Rainier. Si dirigeva a nord-est, dirigendosi verso la vetta bianca e maestosa all'orizzonte. La montagna era uno spettacolo molto più impressionante della cima fatiscente del Monte St. Helens a sud-est e sembrava più ampia del Monte Hood nell'Oregon. Anche minuscolo, incombeva.

E diventerebbe più grande mentre marciavamo verso di esso. Avevamo altre settantanove miglia da percorrere. Altri tre giorni di cammino. Stavamo per farcela.

Il tuono crepitò di nuovo.

«Forse dovremmo accamparci», sussurrò Sarah, guardando la tempesta che si avvicinava da sud-est. Una linea di nuvole grigie copriva l'orizzonte.

"Abbiamo ancora poche ore", obiettò Rex.

Ho fatto un salto mentre un fulmine scendeva dalle nuvole. Il cuore mi batteva forte nel petto mentre Chase contava ad alta voce. Il crepitio del tuono ci investì, vibrando nell'aria.

"Due miglia di distanza", rispose Chase. "Ecco quanto è lontano il fulmine."

"Penso che dovremmo sistemare le tende", sussurrò Reina, afferrandomi la mano.

Ho annuito con la testa.

La tempesta si faceva sempre più vicina. Un forte vento soffiava mentre montavamo in fretta le tende. Il grigio si gonfiò, inghiottendo i cieli meridionali. Il giorno si fece scuro mentre il sole scomparve dietro le nuvole. Il vento portava quel profumo terroso di pioggia fresca.

Quando abbiamo finito di montare le tende, sono piovute le prime gocce. Rabbrividii mentre il freddo mi martellava il braccio. Rex mi ha trascinato nella tenda. Era angusto con noi cinque. La pioggia batteva l'esterno ei fulmini sfrigolavano e crepitavano.

Ho saltato con ogni fulmine.

“Va tutto bene,” sussurrò Aoifa mentre mi teneva sulla destra.

“Sì,” Rex annuì, accarezzandomi i capelli.

Il tuono tuonò. Ho urlato. Era così vicino.

Il vento si alzò. La tela della tenda gemeva e ondeggiava, spezzandosi nella brezza. La tenda oscillava sopra di noi. Il fulmine inondò il telo bagnato, illuminando i pali della tenda. Strinsi gli occhi per la paura.

Gli alberi gemevano fuori. I rami si sono schiantati al suolo. Il vento ululava oltre la nostra tenda. Mi sono aggrappato ai miei coniugi per paura. Gocce d'acqua gocciolavano su di noi, sanguinando attraverso la tela. Fuori è stato un acquazzone.

La tenda tremava più forte. Il tessuto si strappava mentre il vento ululava.

"Non reggerà!" gridò Rex.

Con una forte lacrima, la tenda si è squarciata e la pioggia ci ha picchiato addosso. Fui inzuppato in un istante, i miei denti battevano mentre il vento ci squarciava. Tutto era grigio. Un muro di pioggia ci circondava. Pozzanghere sporche coprivano il nostro campeggio e l'autostrada sembrava un fiume. Gli alberi sempreverdi oscillavano violentemente avanti e indietro mentre i loro rami venivano strappati per cadere nell'aria e cadere a terra.

"Abbiamo bisogno di una copertura!" gridò Rex, alzandosi in piedi. La sua camicia era incollata al corpo ei suoi capelli corti erano scompigliati dal vento ululante. Mi ha tirato su. "Sotto il cavalcavia!"

La tenda di Chase e Sorella Stella era ancora in piedi. Reina si precipitò e afferrò Alison il mulo da soma, portandola con noi mentre arrampicavamo lungo il terreno fangoso e le pozzanghere. Rabbrividii mentre la pioggia mi inzuppava.

Abbiamo raggiunto il cavalcavia. Il vento ululava, spingendo la pioggia quasi in verticale. L'acqua scorreva sotto l'autostrada. Siamo saliti su una collina di cemento in pendenza che portava al supporto dell'autostrada. Ci rannicchiammo insieme, tremando mentre la tempesta riversava su di noi la sua furia.

L'acqua scorreva sotto il cavalcavia. Si era formato un fiume, reso bruno dai detriti mentre scorreva veloce. Alison l'asino si spostò più in alto lungo il pendio, ragliando di paura per l'acqua che sgorgava. La pioggia tuonava sopra di noi. Era assordante. Mi battei le mani sulla testa, pregando che la tempesta passasse.

“Va tutto bene,” sussurrò Rex mentre mi teneva.

L'acqua è rosa, raggiungendoci. La tempesta voleva ucciderci. Il fulmine si è schiantato di nuovo. tremavo.

"Andrà tutto bene", disse di nuovo Rex mentre l'acqua si avvicinava sempre di più.

La pioggia battente rallentò. L'acqua gorgogliava mentre scorreva, ma smise di salire. Rabbrividii di sollievo guardando l'acqua che si abbassava e si abbassava, lasciando dietro di sé del limo fangoso che dipingeva il pendio di cemento verso di noi.

Il sole tornò e gli uccelli iniziarono a cantare mentre la tempesta passava. Siamo strisciati fuori. Chase e Sorella Stella, con un'aria molto imbrattata, ci salutarono con un cenno di gioia. La loro tenda era ancora in piedi, ma dove avevamo piantato la nostra, l'acqua si era precipitata attraverso, scavando un piccolo burrone nel limo soffice e spazzando via la nostra tenda.

«Credo che stiamo dormendo all'aperto», mormorò Sarah.

“Meno male che è estate,” sospirò Reina, scrutando il mondo inzuppato. I fulmini rimbombavano in lontananza mentre la tempesta si dirigeva a nord. Non riuscivo a vedere il Monte Rainier. La vetta era nascosta dietro la violenta tempesta.

“Accadono a volte,” Chase scrollò le spalle. “Di solito non in estate, ma nelle altre tre stagioni. Lo chiamavano Pineapple Express.

"Cos'è un ananas?" chiesi, arricciando il naso e guardando i pini. "Non suona bene."

Chase rise. “Erano il frutto più dolce del mondo. Cresciuto alle Hawaii. Mia cognata mi ha messo un braccio intorno alle spalle e mi ha parlato delle isole tropicali del Pacifico. Non avevo idea che esistessero.

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Domenica 17 luglio 2072 – Sarah Glassner – Highway US-12, WA

Il monte Rainer incombeva davanti a noi, quasi a dominare il cielo. E noi non c'eravamo ancora. Quello che avrebbe dovuto trasformarsi in un'escursione di tre giorni sull'autostrada US-12 era il quarto giorno e avevamo ancora venti miglia da percorrere.

Venti miglia lente.

A differenza della I-5, la US-12 era più un'autostrada rurale ed era stata a lungo spazzata via dalle tempeste di Washington. Ne sopravvivevano solo a tratti in mezzo al groviglio di foreste. Praticamente stavamo camminando nel deserto.

È stato duro. Non avevamo abbastanza biancheria da letto, solo una sottile coperta su cui sdraiarci. Per fortuna di notte non faceva freddo e avevo i miei quattro coniugi per riscaldarmi, ma non era comodo. Gli aghi ti cadevano addosso mentre dormivi e talvolta la linfa gocciolava dai pini.

Avevamo tre giorni per arrivare in Paradiso e non ero sicuro che ce l'avremmo fatta. Eravamo tutti esausti. Il nostro cibo stava finendo e non avevamo tempo per cacciare o cercare cibo. Abbiamo dovuto andare avanti. Il tempo aveva spinto enormi cumuli di detriti sull'autostrada che dovevamo scavalcare o aggirare.

È stato brutto come i pochi giorni che abbiamo trascorso a deviare Eugene, nell'Oregon.

E c'erano le zanzare.

Ronzavano in giro. Le mie braccia prudevano, coperte da quelle stupide protuberanze. Stavano banchettando con noi, le cose sporche. Chase si è lamentato della mancanza di repellente per insetti. Una delle tante meraviglie perdute. Uno spray che potrebbe scacciare gli orribili insetti pungenti. Suonava come una magia.

Aoifa ha cercato di tenerci al passo. Abbiamo parlato di religione e lei mi ha spiegato le scritture. Avrei notato Chase che ci guardava e scuoteva la testa. Volevo conoscere la vera storia. Chi era veramente mio padre? Perché ha fatto le cose che ha fatto? Il mondo meritava di conoscere la verità.

Il sentiero si fece più ripido quando entrammo nelle montagne. Superammo occasionali segnali promettenti, che ci dicevano quante miglia dovevamo percorrere prima di raggiungere il Paradiso, una valle alle pendici del monte Rainer.

Secondo Aoifa, mio ​​padre ha sposato sua moglie lì in un campo di fiori selvatici.

Aoifa ha citato ampiamente sia il Vangelo di aprile, The Twin Sermons, sia il Primo Libro di Vivian su quel giorno. Chase era stato un bambino nella pancia di Mary quando arrivò quel giorno.

Mi sono spazzolato la pancia. Speravo che il seme di Rex si fosse risvegliato in me. Mi mancava il mio bambino morto.
Scese la notte e ci fermammo tutti con gratitudine.

“Non ce la faremo,” gemette Rex.

"Lo faremo", disse Chase. “Dobbiamo solo andare avanti. Abbiamo ancora due giorni prima del ventesimo e non sappiamo a che ora sia il rito. Vai avanti così. Vedremo mio padre e fermeremo il suo folle piano".

Chase guardò suor Stella e sorrise, la speranza nei suoi occhi. Reina si accigliò accanto a me. "Di che cosa si tratta?" mormorò.

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Martedì 19 luglio 2072 – Reina Glassner – Slopes of Mount Rainier, WA

Non riuscivo a trattenere il silenzio. Ho dovuto parlare con Chase.

Tornai indietro, facendole cenno. Rex mi ha dato un'occhiata. «Solo qualche ragazza che parla» gli dissi.

Chase inarcò un sopracciglio. Strinse la mano di suor Stella e poi si unì a me. Queenie si fermò per un momento, ma io scossi la testa. Le sopracciglia di Chase si corrugarono mentre lasciavamo che tutti camminassero davanti a noi prima di continuare.

"Cosa accadrà domani?" Ho chiesto. Eravamo quasi arrivati. Ma è stato lento salire la strada tortuosa per il Paradiso. La montagna torreggiava su di noi. Dovevi allungare il collo per vedere le sue cime in cima al ghiacciaio.

"Fermineremo nostro padre", rispose.

"No. Con te." Ho ingoiato. "Cos'è che ti ha promesso suor Stella?"

Chase non ha risposto.

"Stai... per morire?"

"No." Mi ha messo un braccio intorno alle spalle. “Ma... lei mi porterà via i poteri. Ha bisogno che fermino il padre".

"E poi potresti morire." Deglutii, guardandola negli occhi.

I suoi occhi si fecero scuri. “Hai i tuoi coniugi. Una famiglia. Ma... la mia famiglia se n'è andata. Mi mancano. IO..."

"Siamo la tua famiglia, Chase." Le lacrime mi riempivano gli occhi. "Non ci ami?"

"Tanto." Chase rabbrividì e poi mi abbracciò. «Ma non puoi assolutamente capire. Li ho uccisi. Ogni giorno mi pesa. Mi sono distrutto per salvare il mondo. Sono legato a mio padre. Avrei dovuto morire con lui, ma questo maledetto potere mi tiene ancorato a questo mondo. Sono stanco di ciò. Solo tu e tuo fratello mi avete dato una ragione per fare di più che mentire in uno stato di torpore. Ma non posso trattenere il senso di colpa per sempre. Tu e tuo fratello costruirete una nuova vita".

“Per favore, non lasciarci,” singhiozzai.

"Per favore, non farmi restare." Chase si staccò. C'era una tale disperazione nei suoi occhi.

«E suor Stella? Non vuoi restare per lei?"

Chase si fermò. «Potrei essere in grado di restare per lei. Se lei mi avrà. Ma è una suora. Partirà per le sue missioni. E... non lo so. Non mi promette che rinuncerà".

"Lei ti ama."

Il sorriso di Chase era triste. “Ma le piace di più essere una suora? Non lo so. Ne ho amati così tanti prima, e quelle relazioni finivano sempre con me solo. Non sono sicuro che sarei mai stato destinato a essere felice".

"Prova per lei." Le presi le mani. "Per favore. Per lei. Vivi una vita normale con lei. So che si arrenderà. Ti ama così tanto".

Chase mi ha abbracciato di nuovo. "Sei così meraviglioso. Grazie per avermi risparmiato tutti questi anni".

"Prego."

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Chasity “Chase” Glassner – Paradiso

I campi erano bellissimi, ricoperti di fiori di campo. Le farfalle sfrecciavano tra loro mentre una leggera brezza ondeggiava. I miei genitori si sono sposati qui. C'è stato anche un santuario costruito, una statua d'oro dei miei genitori, il padre nel suo vestito e la madre nel suo vestito. Si tenevano stretti e sembravano così felici. I gemelli, Sarah e Aoifa fissarono con ammirazione la statua.

"Dove sono i Glassneriani?" chiesi a suor Stella. "Devono eseguire il rituale domani."

Suor Stella scrollò le spalle. "Non lo so. Forse non sono arrivati".

tremavo. C'era qualcosa... un edificio speciale qui. Un'energia che ronzava nel terreno.

“Lo senti,” sussurrò la suora. “Sta costruendo. Questa è l'energia che i tuoi adoratori dei tuoi genitori attingeranno per convocare i tuoi genitori, e l'energia che userò per liberarti".

Sorrisi e le presi la mano. "Ti voglio bene."

Il viso di suor Stella si illuminò. "Anch'io ti amo."

"Smetterai di essere una suora per me?" L'ho avvicinata. "Verrai con me? A Tacoma o ovunque. Sarai mia?"

Le lacrime le brillavano negli occhi. “Sono stato alle prese con questa decisione nell'ultimo mese. Sei meraviglioso. Io... io voglio stare con te.

"Più che essere una suora?" Tremavo, inspirando il respiro. Temevo la sua risposta.

"Sì."

Il mio cuore batteva di gioia. Forse avevo un futuro. Domani sarei stato liberato dalle catene dei miei poteri e potrei ricominciare da capo. Potrei essere finalmente felice.

Essere concluso...

Storie simili

Colto in flagrante_(9)

Mi chiamo Carla e sono una studentessa universitaria di 19 anni. Vivo con la mia migliore amica Sarah in un appartamento che i suoi genitori pagano per lei. Il padre di Sarah ha fondato un'azienda che ha funzionato davvero bene e ora ha i soldi da spendere per Sarah quando vuole. Più su di me, sono circa 5'4 con lunghi capelli castano scuro, con una corporatura snella. Ecco la storia di come ho imparato qualcosa in più su me stesso e su Sarah. Sarah era stupenda, era il tipo di ragazza che quando camminavi lungo il corridoio i ragazzi ti fissavano...

1.2K I più visti

Likes 0

New Jock Tales Capitolo 3 Sophomore Year-13

New Jock Tales --- Secondo anno—CH 3—13” e una Ducati Verso le 10:30 bussarono alla porta. Che cazzo Era Mark Mattox, e ha detto che aveva un nuovo contratto per me, se ero interessato. Ho detto di sì, ma questo accordo non aveva niente a che fare con il sesso. Ha detto che avrei portato la droga da Austin fino a Tyler, ogni fine settimana. Pagherebbe 150 dollari a viaggio e sarebbe un chilo di droga. Nessuno guarderebbe una jeep per trasportare erba, e dovrebbe essere un gioco da ragazzi. Rifletto per qualche minuto, poi dice che ci proverei. Mark ha...

1.3K I più visti

Likes 0

Brooke_(1)

Brooke Questa è la mia prima storia e, come tale, sii premuroso nelle tue critiche; solo critiche costruttive per favore. Se non ti piace questa storia, ce ne sono molte altre da leggere. I nomi sono stati cambiati per proteggere i miei fottuti compagni e, a loro volta, il mio culo. Durante la mia adolescenza, sono stato abbastanza sessualmente attivo. Essere un adolescente e anche frequentare un liceo cattolico per soli maschi ha solo favorito la mia libido. Per cominciare, io non sono un ragazzo piccolo. A quel tempo, avevo circa 6'3, 200 libbre e un atleta di prima qualità. Ho...

806 I più visti

Likes 0

L'uomo più piccolo

Stavo guardando le gambe di Jerry, mentre era in piedi sullo sgabello davanti a me. Aveva le cosce molto forti, e ho ammirato la sua forma mentre metteva la nuova lampadina nella plafoniera. Questa cosa è un dolore da raggiungere, ha detto Jerry. Poi, mentre lottava con il bulbo, i miei occhi seguivano le sue gambe muscolose fino al punto in cui si incontravano, e ho dovuto sopprimere uno sguardo fisso: c'era un nodulo che giaceva di lato, un piccolo nodulo, ma c'era un nodulo ben definito. Lascia che ti spieghi quello. Stavamo parlando del nostro recente gruppo di feste che...

720 I più visti

Likes 0

CAW#11 - Giornata degli inverni freddi

Era una fredda notte d'inverno, nel tardo autunno. La nebbia era calata; poco prima di mezzanotte e ricoprì gradualmente le strade. L'aria era piena di nebbia e la visibilità diventava difficile, mentre camminavo per le strade della città. Il mio protettore è costretto a lavorare per strada stasera. Speravo in una notte proficua; per tenere lui e i suoi scagnozzi, lontano da me e dalla mia famiglia. Mi chiamo Louise e sono una madre single di 21 anni e anche una prostituta. Ho una figlia di tre anni, Misty (Melissa). Era accudita da un caro amico. Stanotte il mio corpo snello...

727 I più visti

Likes 0

Perché le cose succedono sempre a me

Perché le cose mi succedono sempre Prima di iniziare mi rendo conto che non ci sono molti uomini che vanno in giro con un cazzo da 12 pollici. E quindi l'ho soprannominata una fantasia e una farsa. Basta già detto alla storia. Mi chiamo Samuel Longfellow, sono il proprietario di una delle più grandi società di sicurezza dello stato. È così che guadagno i miei soldi (sette cifre all'anno) La mia passione è la ricerca sulla fauna selvatica e ho una borsa di studio presso il college locale. Faccio le mie ricerche nella mia fattoria di 680 acri. Ora la mia...

719 I più visti

Likes 0

Visitare un amico speciale

Ho bussato al cancello di metallo. Era un bungalow piuttosto grande circondato da muri di mattoni con glassa di filo spinato. Il mio cuore batteva. Tutto quello che sentivo era la paura di essere rifiutato o qualcosa del genere. Fortunatamente, suo fratello maggiore, Suleman, ha aperto la porta. Era un ragazzo con un carattere freddo e una corporatura piuttosto muscolosa, quindi ha mantenuto la sua posizione. Mi guardò con giudizio per un momento, sorrise e mi diede una stretta di mano. Ei, cosa ci fai qui? Sono qui per far visita a tua sorella... mi smorzai, sapendo quanto fosse insolito per...

106 I più visti

Likes 0

Programma Alpha-Omega 7

Episodio 7: Debug del codice Zack stava sfrecciando per la strada sul suo nuovo scooter. Era stato in giro solo per divertirsi nell'ultima ora. Alla fine, decise di andare a casa di Brian, per mostrargli il suo nuovo giocattolo. Girò intorno all'angolo successivo e si diresse verso quella parte della città. Zack notò immediatamente che il camioncino di Brian era sparito, quindi Brian quasi certamente non era a casa. Oh bene, pensò. Lo mostrerò a Wendy, allora. Zack bussò alla porta e poi entrò, salutandolo. Sentì la signora Selman chiamare dalla cucina, e così andò in quella direzione. Quando entrò in...

893 I più visti

Likes 0

DIARIO DI UNA FAMIGLIA: PARTE 1

3 settembre Caro diario, mi chiamo Tilly Crawford e negli ultimi dieci anni sono stata la casalinga della Delta House Fraternity qui allo State U. Un altro anno di scuola è iniziato proprio ieri e i ragazzi si stanno preparando per la corsa all'impegno della confraternita settimana organizzando feste e, naturalmente, l'open house per consentire alle nuove matricole di farsi un'idea se desiderano unirsi a Omega House. È stata una lunga estate per me diario, mi manca molto stare con i ragazzi e ovviamente alla mia figa mancava l'attenzione che riceve dai loro grossi cazzi duri!!! Eric è appena passato per...

982 I più visti

Likes 0

Trio alla festa di Natale

Avevo solo 20 anni e avevo sempre amato Bev (32) da quando avevo iniziato a lavorare un paio di anni prima. Aveva lunghi capelli castani con la permanente, una figura sinuosa con fianchi larghi e meravigliosi, seni grandi e gambe lunghe. Bev indossava spesso top scollati che servivano ad accentuare i suoi grandi seni sodi. Mi ritrovo a sognare ad occhi aperti e a guardare la sua bella figura. In più di un'occasione sono stato catturato da Bev che mi sorrideva semplicemente timidamente con uno sguardo d'intesa prima che tornassi timidamente al mio lavoro, per tutto il tempo la mia mente...

880 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.