Il ragazzo dei pretzel

264Report
Il ragazzo dei pretzel

Fresco pomeriggio d'estate quando entro nel negozio di pretzel. La porta era aperta, quindi ho rimosso il tappo e ho tirato delicatamente la porta per chiuderla. Appare da dietro con una cassa di pretzel in mano. Mi guarda e mi saluta. Slaccio i bottoni del mio trench di pelle nera e metto le mani sui fianchi in modo che le mie mutandine di pizzo nero con un nastro rosa neon e il reggiseno abbinato si vedano. Ho avuto il mio "fottimi" guarito accompagnato dalle mie calze trasparenti e ho aspettato a lungo.
"Sono stata una cattiva ragazza e ho davvero bisogno di essere punita" sorrido.
Sorride e mi guarda con i suoi occhi azzurri, poi fa sedere la scatola per prendere un mazzo di chiavi. Mi passa davanti per chiudere la porta, poi si gira ed è dietro di me. Si avvicina e mi sussurra all'orecchio: "Quindi la bambina è stata cattiva? Lascia che papà lo metta a posto". Fa un passo indietro e mi toglie di dosso il cappotto, mentre mi passa accanto per prendermi la mano si ferma e mi guarda. Faccio un giro veloce: "Ti piace quello che vedi?" dico mentre piego la testa di lato.
"Non mi piace, lo adoro" sussurra mentre si avvicina e mi schiaffeggia il culo. Continua in avanti e mi guida dietro il bancone.

Il mio corpo sta saltando per l'eccitazione perché sono a pochi secondi dall'attaccarlo. Mi conduce a un tavolo vicino al forno che brucia di calore per aver fatto pretzel tutto il giorno. Si tira indietro mentre spingo tutto via dal tavolo, poi mi chino su di esso mentre mi guardo indietro, "Sono pronto per essere punito". dico mentre il mio sorriso va da un orecchio all'altro. Lo sento mentre si avvicina a me e poi mi posa la giacca accanto. Sento le sue lunghe dita salire sul mio culo, poi afferrarmi la vita per tirarmi vicino e spingermi dentro. Riesco a sentire quanto è duro, così gli strofino il culo contro il suo cazzo ma con una mossa rapida ha la mano i miei capelli castano scuro.
"Qual è il mio nome?" Egli richiede. Rispondo "Denis"
La sua altra mano si sposta dalla mia anca al mio culo e inizia a strofinare. "Qual è il mio nome?" Lui ripete
"Denis" dico
La sua mano smette di strofinare e mi schiaffeggia il culo. Poi ho emesso un mezzo urlo e un mezzo gemito.
"Dillo ancora" chiede.
Dico il suo nome e la sua mano si abbassa con forza e ho emesso un gemito. "Ti piace quello?" Mi chiede (SMACK!) "Per favore non fermarti" ho risposto. (SMACK!) "Voglio sentirlo." Chiede "Come si chiama papà?"
urlo "DENIS!"

Smette di chiedermi di dire il suo nome ma io continuo a dirlo mentre lui mi sculaccia. Riesco a sentire la mia figa bagnarsi e il mio corpo inizia a formicolare, una parte di me si chiede quanto sarebbe bello se fosse dentro di me. Torno alla realtà quando mi schiaffeggia così forte che dico papà invece del suo nome. Sento di nuovo il suo cazzo duro contro il mio culo, quindi sbatto il mio culo verso il suo bacino. "Che cagna impaziente" Dice mentre me lo sfrega contro il culo "Sono la tua puttana!" mi lamento. Ha continuato a schiaffeggiarmi il culo più forte quando ho iniziato ad ansimare forte.

Mi afferra i capelli e mi tira indietro, poi mi fa girare in modo che io sia di fronte a lui. Inclino la testa e sorrido. "Che cosa c'é?" Dice confuso. "Perché mi stai guardando in quel modo?"
"I tuoi occhi sono davvero meravigliosi" rispondo "è finita la mia punizione?"
Alza la testa all'indietro e mi fa un mezzo sorriso. "Bambina, è appena iniziato"
Mi spinge contro il tavolo e poi mi lascia sopra. Incrociamo gli occhi mentre mi strappa le mutandine, poi guardiamo entrambi mentre colpisce il pavimento. "È ora della tua punizione." Lui ringhia. "Per favore, fallo in modo che io possa camminare d'orzo quando hai finito con me" chiedo.
"Faccio quello che ritengo opportuno per la tua punizione. Non accolgo richiesta" scatta. "Non ho voglia di guardarti in questo momento. Metti giù il culo e piegati."
Faccio quello che mi viene detto. Lui slaccia il mio reggiseno e i miei capezzoli diventano istantaneamente duri dal fatto che io sia tutto eccitato. Giocherella con i suoi pantaloni e toccano terra. Poi si sposta e fa scivolare il suo cazzo dentro di me, sussulto per quanto sia grosso. Mi fa scivolare una mano tra i capelli e mi tira indietro la testa "Il nome è Denis, non dimenticarlo puttana" Dice mentre inizia a scivolare dentro e fuori di me.

Niente mi eccita di più che farmi scopare da dietro mentre mi strappano i capelli e mi chiamano puttana o puttana di papà. Immagino in qualche modo abbia letto la mia mente. Inizio a gemere e sembra che stia diventando sempre più profondo dentro di me. Mi sto aggrappando alla fine del tavolo cercando di resistere perché il cazzo è proprio così buono in questo momento. Mi schiaffeggia il culo e poi mi tira i capelli, "Come mi chiamo puttana?" Ringhia mentre mi sta martellando le viscere.
"Denis" urlo. " DENIS!"
Sento che l'altro è scivolato fino al mio capezzolo e ha iniziato a pizzicare. Mi sbatte addosso come un manichino da crash che le persone usano per testare le auto. Fondamentalmente mi ha in punta di piedi mentre scuotiamo questo tavolo avanti e indietro. Mi tira i capelli e il capezzolo allo stesso tempo mentre le sue carezze cambiano da sbattere a jack coniglio, sto cercando di non essere così rumoroso in modo che la gente non pensi che qualcuno venga ucciso nel negozio.
"DENIS!" urlo. "PER FAVORE DENIS NON FERMARSI!"
Vengo ma spero che non se ne sia accorto. La mia presa sul tavolo si fa più stretta e mi sento come se stessi scivolando ma non voglio. mi stanco.
Il suo movimento inizia a rallentare e penso che potrebbe aver finito, ma mi sbagliavo.

Si allontana da me, poi mi afferra i capelli e mi tira giù dal tavolo. Mi fa girare in modo che io sia di fronte a lui, poi mi solleva e mi mette di nuovo in cima al tavolo. "Apri quelle belle gambe" dice con un sorriso. "mostra a papà quelle belle labbra."
Allargo le gambe il più lontano possibile. Mi prende per le cosce e mi tira giù in modo che il mio culo sia sul bordo del tavolo. Ci contattiamo negli occhi mentre lui mette il suo grosso cazzo dentro di me e posso sentire ogni centimetro che sussulto. Sono così vicino al ritiro ma cerco di non solo dimostrargli che posso sopportare la punizione. Inizia il suo movimento semplicemente pompando lentamente ma solo per pochi minuti, quindi inizia a prendere velocità. Mi sorride e poi mette le mani all'estremità del tavolo vicino alla mia testa. Usa il tavolo per entrare più a fondo dentro di me e sbattere nella mia figa bagnata. Sto gemendo forte, così forte che sono sicuro che qualcuno potrebbe sentirmi ma in questo momento non mi interessa. "Prendilo puttana" urla. Mi sento come se avesse toccato la mia anima con il suo cazzo.

Riesco a sentire il suo corpo che inizia a rallentare, quindi lo spingo fuori da me e mi metto in ginocchio per farmi venire in bocca. Chiudo gli occhi con lui. La sborra gli esce dalla testa del cazzo e nella mia bocca poi la deglutisco. Tutto intorno inizia a diventare bianco e la musica si accende. Sono confuso ma non ho tolto il suo cazzo dalla mia bocca. Sorride, "brava ragazza" dice mentre mi strofina la testa. La stanza diventa più luminosa al punto che comincio a sbattere le palpebre e a poco a poco lui inizia a svanire. Al mio ultimo battito di ciglia mi sveglio con la mia sveglia che suona a tutto volume. Vieni a scoprire che era solo un sogno. Un sogno dannatamente bello.

Storie simili

DIARIO DI UNA FAMIGLIA: PARTE 1

3 settembre Caro diario, mi chiamo Tilly Crawford e negli ultimi dieci anni sono stata la casalinga della Delta House Fraternity qui allo State U. Un altro anno di scuola è iniziato proprio ieri e i ragazzi si stanno preparando per la corsa all'impegno della confraternita settimana organizzando feste e, naturalmente, l'open house per consentire alle nuove matricole di farsi un'idea se desiderano unirsi a Omega House. È stata una lunga estate per me diario, mi manca molto stare con i ragazzi e ovviamente alla mia figa mancava l'attenzione che riceve dai loro grossi cazzi duri!!! Eric è appena passato per...

634 I più visti

Likes 0

Il Barfly - cap. 2, riscrivi

Prologo Vorrei ringraziare coloro che hanno letto le mie storie e le hanno commentate. Questa è una riscrittura completa del secondo capitolo della mia storia The Barfly originariamente pubblicato nel forum. Vorrei chiedere a quelli di voi che mi onorano con voti negativi nei gruppi di lasciare alcuni commenti in modo che io possa imparare cosa non piace ai lettori delle mie storie. Vorrei anche chiedere a quelli di voi a cui piacciono le mie storie di lanciare un wote a modo mio per tenerle in una posizione accessibile. Godere J. Bailey Il Barfly, cap. 2, riscrivi Si svegliò la mattina...

519 I più visti

Likes 0

Trio alla festa di Natale

Avevo solo 20 anni e avevo sempre amato Bev (32) da quando avevo iniziato a lavorare un paio di anni prima. Aveva lunghi capelli castani con la permanente, una figura sinuosa con fianchi larghi e meravigliosi, seni grandi e gambe lunghe. Bev indossava spesso top scollati che servivano ad accentuare i suoi grandi seni sodi. Mi ritrovo a sognare ad occhi aperti e a guardare la sua bella figura. In più di un'occasione sono stato catturato da Bev che mi sorrideva semplicemente timidamente con uno sguardo d'intesa prima che tornassi timidamente al mio lavoro, per tutto il tempo la mia mente...

540 I più visti

Likes 0

New Jock Tales Capitolo 3 Sophomore Year-13

New Jock Tales --- Secondo anno—CH 3—13” e una Ducati Verso le 10:30 bussarono alla porta. Che cazzo Era Mark Mattox, e ha detto che aveva un nuovo contratto per me, se ero interessato. Ho detto di sì, ma questo accordo non aveva niente a che fare con il sesso. Ha detto che avrei portato la droga da Austin fino a Tyler, ogni fine settimana. Pagherebbe 150 dollari a viaggio e sarebbe un chilo di droga. Nessuno guarderebbe una jeep per trasportare erba, e dovrebbe essere un gioco da ragazzi. Rifletto per qualche minuto, poi dice che ci proverei. Mark ha...

964 I più visti

Likes 0

A metà di metà settembre

Per nessun motivo particolarmente affascinante mi sono ritrovato a stare con mia zia Renee. Nel prossimo mese, mi sarei trasferito di nuovo a est o mi sarei trasferito nell'appartamento che mia madre stava per acquistare, nel caso avessi bisogno di un po' di tempo di bufferizzazione. 
Sapevo già che avevo bisogno di tempo di buffer. Avevo anche bisogno del tempo di buffer per spiegarle completamente la situazione. Avevo ad un certo punto e momento, capito chi dovevo essere e prima potevo arrivare a quel punto e smettere di essere quello che ero attualmente, meglio per me e per tutte le persone...

570 I più visti

Likes 0

Brooke_(1)

Brooke Questa è la mia prima storia e, come tale, sii premuroso nelle tue critiche; solo critiche costruttive per favore. Se non ti piace questa storia, ce ne sono molte altre da leggere. I nomi sono stati cambiati per proteggere i miei fottuti compagni e, a loro volta, il mio culo. Durante la mia adolescenza, sono stato abbastanza sessualmente attivo. Essere un adolescente e anche frequentare un liceo cattolico per soli maschi ha solo favorito la mia libido. Per cominciare, io non sono un ragazzo piccolo. A quel tempo, avevo circa 6'3, 200 libbre e un atleta di prima qualità. Ho...

464 I più visti

Likes 0

Il furgone - Scopa mia moglie

Una sera io e mia moglie stavamo cenando, è venuto fuori l'argomento di una delle nostre fantasie. L'abbiamo chiamato il furgone. Era stata una nostra fantasia ricorrente prendere diversi ragazzi e farli scopare mia moglie nel retro di un furgone. Questa volta abbiamo deciso di farlo quindi abbiamo aspettato il weekend. Abbiamo noleggiato un furgone bianco per la notte e siamo andati in centro alla ricerca di alcuni ragazzi belli e sani. Indossava un mini abito nero scollato e aveva un letto rifatto nella parte posteriore. Abbiamo guidato per un po' e ci siamo imbattuti in un ragazzo che camminava da...

451 I più visti

Likes 0

Fratello e sorella a casa da soli

Questa è una storia di fantasia Ciao cari lettori, mi chiamo Young e voglio condividere un segreto che ho tenuto nascosto ai miei genitori per un anno. Ho 22 anni e mia sorella ha 19 anni. Viviamo entrambi con i nostri genitori, il che aiuta molto in questa economia. La storia che segue è quello che è successo nel dicembre del 2010, mentre io e mia sorella siamo rimasti a casa da soli per due settimane prima di Natale. I nostri genitori gestiscono un'attività all'estero e sono a malapena a casa. Tanto per cominciare, voglio dire che ho sempre amato mia...

601 I più visti

Likes 0

Violentata da Bigfoot

Questa è la mia prima volta dal punto di vista di una donna. Fatemi sapere cosa ne pensate e se dovesse continuare... Violentata da bigfoot È stato uno strano incidente che mi ha portato a questa situazione. Avevo un po' di freddo, completamente nudo, avevo un mal di testa martellante, una caviglia dolorante ed ero intrappolato in una grotta a metà di una montagna. Non ricordo di essere stato portato qui, ma la creatura che deve avermi salvato la vita doveva vivere qui. Non l'ho visto molto, dato che ha lasciato la grotta verso l'alba. Ricordo solo di essere scivolato su...

441 I più visti

Likes 0

CAW#11 - Giornata degli inverni freddi

Era una fredda notte d'inverno, nel tardo autunno. La nebbia era calata; poco prima di mezzanotte e ricoprì gradualmente le strade. L'aria era piena di nebbia e la visibilità diventava difficile, mentre camminavo per le strade della città. Il mio protettore è costretto a lavorare per strada stasera. Speravo in una notte proficua; per tenere lui e i suoi scagnozzi, lontano da me e dalla mia famiglia. Mi chiamo Louise e sono una madre single di 21 anni e anche una prostituta. Ho una figlia di tre anni, Misty (Melissa). Era accudita da un caro amico. Stanotte il mio corpo snello...

394 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.