Il ragazzo dei pretzel

2.1KReport
Il ragazzo dei pretzel

Fresco pomeriggio d'estate quando entro nel negozio di pretzel. La porta era aperta, quindi ho rimosso il tappo e ho tirato delicatamente la porta per chiuderla. Appare da dietro con una cassa di pretzel in mano. Mi guarda e mi saluta. Slaccio i bottoni del mio trench di pelle nera e metto le mani sui fianchi in modo che le mie mutandine di pizzo nero con un nastro rosa neon e il reggiseno abbinato si vedano. Ho avuto il mio "fottimi" guarito accompagnato dalle mie calze trasparenti e ho aspettato a lungo.
"Sono stata una cattiva ragazza e ho davvero bisogno di essere punita" sorrido.
Sorride e mi guarda con i suoi occhi azzurri, poi fa sedere la scatola per prendere un mazzo di chiavi. Mi passa davanti per chiudere la porta, poi si gira ed è dietro di me. Si avvicina e mi sussurra all'orecchio: "Quindi la bambina è stata cattiva? Lascia che papà lo metta a posto". Fa un passo indietro e mi toglie di dosso il cappotto, mentre mi passa accanto per prendermi la mano si ferma e mi guarda. Faccio un giro veloce: "Ti piace quello che vedi?" dico mentre piego la testa di lato.
"Non mi piace, lo adoro" sussurra mentre si avvicina e mi schiaffeggia il culo. Continua in avanti e mi guida dietro il bancone.

Il mio corpo sta saltando per l'eccitazione perché sono a pochi secondi dall'attaccarlo. Mi conduce a un tavolo vicino al forno che brucia di calore per aver fatto pretzel tutto il giorno. Si tira indietro mentre spingo tutto via dal tavolo, poi mi chino su di esso mentre mi guardo indietro, "Sono pronto per essere punito". dico mentre il mio sorriso va da un orecchio all'altro. Lo sento mentre si avvicina a me e poi mi posa la giacca accanto. Sento le sue lunghe dita salire sul mio culo, poi afferrarmi la vita per tirarmi vicino e spingermi dentro. Riesco a sentire quanto è duro, così gli strofino il culo contro il suo cazzo ma con una mossa rapida ha la mano i miei capelli castano scuro.
"Qual è il mio nome?" Egli richiede. Rispondo "Denis"
La sua altra mano si sposta dalla mia anca al mio culo e inizia a strofinare. "Qual è il mio nome?" Lui ripete
"Denis" dico
La sua mano smette di strofinare e mi schiaffeggia il culo. Poi ho emesso un mezzo urlo e un mezzo gemito.
"Dillo ancora" chiede.
Dico il suo nome e la sua mano si abbassa con forza e ho emesso un gemito. "Ti piace quello?" Mi chiede (SMACK!) "Per favore non fermarti" ho risposto. (SMACK!) "Voglio sentirlo." Chiede "Come si chiama papà?"
urlo "DENIS!"

Smette di chiedermi di dire il suo nome ma io continuo a dirlo mentre lui mi sculaccia. Riesco a sentire la mia figa bagnarsi e il mio corpo inizia a formicolare, una parte di me si chiede quanto sarebbe bello se fosse dentro di me. Torno alla realtà quando mi schiaffeggia così forte che dico papà invece del suo nome. Sento di nuovo il suo cazzo duro contro il mio culo, quindi sbatto il mio culo verso il suo bacino. "Che cagna impaziente" Dice mentre me lo sfrega contro il culo "Sono la tua puttana!" mi lamento. Ha continuato a schiaffeggiarmi il culo più forte quando ho iniziato ad ansimare forte.

Mi afferra i capelli e mi tira indietro, poi mi fa girare in modo che io sia di fronte a lui. Inclino la testa e sorrido. "Che cosa c'é?" Dice confuso. "Perché mi stai guardando in quel modo?"
"I tuoi occhi sono davvero meravigliosi" rispondo "è finita la mia punizione?"
Alza la testa all'indietro e mi fa un mezzo sorriso. "Bambina, è appena iniziato"
Mi spinge contro il tavolo e poi mi lascia sopra. Incrociamo gli occhi mentre mi strappa le mutandine, poi guardiamo entrambi mentre colpisce il pavimento. "È ora della tua punizione." Lui ringhia. "Per favore, fallo in modo che io possa camminare d'orzo quando hai finito con me" chiedo.
"Faccio quello che ritengo opportuno per la tua punizione. Non accolgo richiesta" scatta. "Non ho voglia di guardarti in questo momento. Metti giù il culo e piegati."
Faccio quello che mi viene detto. Lui slaccia il mio reggiseno e i miei capezzoli diventano istantaneamente duri dal fatto che io sia tutto eccitato. Giocherella con i suoi pantaloni e toccano terra. Poi si sposta e fa scivolare il suo cazzo dentro di me, sussulto per quanto sia grosso. Mi fa scivolare una mano tra i capelli e mi tira indietro la testa "Il nome è Denis, non dimenticarlo puttana" Dice mentre inizia a scivolare dentro e fuori di me.

Niente mi eccita di più che farmi scopare da dietro mentre mi strappano i capelli e mi chiamano puttana o puttana di papà. Immagino in qualche modo abbia letto la mia mente. Inizio a gemere e sembra che stia diventando sempre più profondo dentro di me. Mi sto aggrappando alla fine del tavolo cercando di resistere perché il cazzo è proprio così buono in questo momento. Mi schiaffeggia il culo e poi mi tira i capelli, "Come mi chiamo puttana?" Ringhia mentre mi sta martellando le viscere.
"Denis" urlo. " DENIS!"
Sento che l'altro è scivolato fino al mio capezzolo e ha iniziato a pizzicare. Mi sbatte addosso come un manichino da crash che le persone usano per testare le auto. Fondamentalmente mi ha in punta di piedi mentre scuotiamo questo tavolo avanti e indietro. Mi tira i capelli e il capezzolo allo stesso tempo mentre le sue carezze cambiano da sbattere a jack coniglio, sto cercando di non essere così rumoroso in modo che la gente non pensi che qualcuno venga ucciso nel negozio.
"DENIS!" urlo. "PER FAVORE DENIS NON FERMARSI!"
Vengo ma spero che non se ne sia accorto. La mia presa sul tavolo si fa più stretta e mi sento come se stessi scivolando ma non voglio. mi stanco.
Il suo movimento inizia a rallentare e penso che potrebbe aver finito, ma mi sbagliavo.

Si allontana da me, poi mi afferra i capelli e mi tira giù dal tavolo. Mi fa girare in modo che io sia di fronte a lui, poi mi solleva e mi mette di nuovo in cima al tavolo. "Apri quelle belle gambe" dice con un sorriso. "mostra a papà quelle belle labbra."
Allargo le gambe il più lontano possibile. Mi prende per le cosce e mi tira giù in modo che il mio culo sia sul bordo del tavolo. Ci contattiamo negli occhi mentre lui mette il suo grosso cazzo dentro di me e posso sentire ogni centimetro che sussulto. Sono così vicino al ritiro ma cerco di non solo dimostrargli che posso sopportare la punizione. Inizia il suo movimento semplicemente pompando lentamente ma solo per pochi minuti, quindi inizia a prendere velocità. Mi sorride e poi mette le mani all'estremità del tavolo vicino alla mia testa. Usa il tavolo per entrare più a fondo dentro di me e sbattere nella mia figa bagnata. Sto gemendo forte, così forte che sono sicuro che qualcuno potrebbe sentirmi ma in questo momento non mi interessa. "Prendilo puttana" urla. Mi sento come se avesse toccato la mia anima con il suo cazzo.

Riesco a sentire il suo corpo che inizia a rallentare, quindi lo spingo fuori da me e mi metto in ginocchio per farmi venire in bocca. Chiudo gli occhi con lui. La sborra gli esce dalla testa del cazzo e nella mia bocca poi la deglutisco. Tutto intorno inizia a diventare bianco e la musica si accende. Sono confuso ma non ho tolto il suo cazzo dalla mia bocca. Sorride, "brava ragazza" dice mentre mi strofina la testa. La stanza diventa più luminosa al punto che comincio a sbattere le palpebre e a poco a poco lui inizia a svanire. Al mio ultimo battito di ciglia mi sveglio con la mia sveglia che suona a tutto volume. Vieni a scoprire che era solo un sogno. Un sogno dannatamente bello.

Storie simili

Diventare Zoe

La mia futura moglie Annie aveva accettato un lavoro fuori città e la vedevo solo ogni due settimane circa. Mi mancava così tanto. Lei ed io eravamo diventati amanti a distanza. Aveva un volo di ritorno a casa venerdì sera. Stavo andando a prendere suo figlio Zakk dal suo dormitorio e noi due saremmo andati a prenderla all'aeroporto e ci saremmo goduti il ​​fine settimana insieme. Zakk è al suo primo anno di college e sta studiando per diventare un truccatore per il teatro e lo schermo. Lui e io non ci siamo davvero conosciuti e questo doveva essere il fine...

1.1K I più visti

Likes 0

Allenamento 07

Mi è davvero piaciuto essere usato da Jim. La mia figa del culo sembrava vuota senza il suo grosso cazzo nero dentro. Il sesso con mia moglie era ancora soddisfacente, su questo non c'erano dubbi, ma stare con Jim era diverso. Ammetto di aver avuto una distrazione abbastanza significativa nella mia vita pensando a lui. Ero assolutamente brava al 100% a farmi usare da lui per il suo piacere, essendo la sua cagna o fica, se vuoi. Il piacere che ho provato nell'essere usato come un giocattolo da scopare da Jim era difficile da descrivere, anche a me stesso. Il mio...

346 I più visti

Likes 0

Tempo in gioventù_(0)

Sono entrato nella chiesa dove ogni giovedì si tiene il gruppo giovanile a cui vado. Di solito arrivo lì un'ora o due prima per dare una mano. La mia amica Anah mi ha sorpreso abbracciandomi forte mentre entravo. Anah, cosa fai qui così presto? chiesi ricambiando l'abbraccio. Beh, di solito arrivi qui prima di chiunque altro, e io non avevo niente da fare, quindi ho pensato di venire e uscire insieme. Non passiamo abbastanza tempo l'uno con l'altro, disse alzando lo sguardo alla mia con grandi e teneri occhi azzurri che erano complimentati sia dai suoi lunghi capelli biondi che dal...

377 I più visti

Likes 0

DONNE ANZIANE_(1)

Storia di Fbailey numero 219 Donne anziane Quando ho compiuto sedici anni mia madre era impegnata con me. Papà non c'era mai e quando c'era, non c'era ancora. Era il tuo venditore ambulante preverbale. Era un donnaiolo, un ubriacone e una misera scusa per un essere umano. Ha fornito un tetto sopra le nostre teste, ma questo è tutto. La mamma lavorava per pagare il cibo che mangiavamo e i vestiti che avevamo addosso. Ho avviato la mia attività di giardinaggio quella primavera. Ho distribuito volantini in un bel quartiere appena fuori città e ho trovato subito un paio di lavori...

1K I più visti

Likes 2

LA FAMIGLIA DI KRISTI 4_(1)

CAPITOLO QUARTO Quando arrivarono nella sua camera da letto, Roger entrò per primo. Notò per la prima volta che Bob era seduto nella sua poltrona reclinabile, apparentemente a riposo. Guardando il letto, vide che Erin era inginocchiata sul letto e si aggrappava alle sbarre della testiera. Guardando più da vicino, si rese conto che non aveva scelta. I suoi polsi erano legati alla testiera, costringendola a inginocchiarsi, le sue tette penzolanti dal suo petto che gravitavano sul lenzuolo sotto di lei. Tieni quelle gambe aperte puttana! Mi piace guardare il tuo bel culetto. Saremo pronti per il secondo round tra un...

942 I più visti

Likes 1

Non c'era altro modo Pt. II

Perché, pensavo volessi scoparti mia moglie? L'uomo con la pistola ha risposto: Lo faremo, e tu puoi succhiarmi il cazzo mentre quei due fanno a modo loro, altrimenti Tom! Faresti meglio a fare come dico ventosa! Ho guardato mio marito incredulo per quello che stavo sentendo, un uomo che gli diceva di succhiargli il cazzo ma poi c'era di nuovo coinvolta una pistola. Le mani che mi stavano afferrando il culo e spingendo il loro cazzo dentro di me fino in fondo e poi macinando hanno iniziato a tirarsi fuori. Stava guardando l'uomo armato e l'ho sentito dire: Ecco, lascia che...

737 I più visti

Likes 0

OOPS 3

OOPS 3 Durante la cena con mio marito Nathan e suo figlio Nate ho ripreso l'argomento di cui avevo parlato con le mie amiche a partire dalla nostra promessa reciproca. Ora ci siamo promessi la totale verità l'un l'altro dissi Prendendo un caffè oggi, Natalie ha detto di aver sorpreso suo figlio e 3 dei suoi amici a masturbarsi nelle sue mutandine e pensa che tutti i ragazzi lo facciano Quindi Nathan, l'hai fatto come un ragazzo? Strewth, è un po' imbarazzante chiederlo? disse Nathan Ho guardato Nate con aria interrogativa perché sapevo che aveva annusato il mio ma non ero...

657 I più visti

Likes 0

VENDITORE DI LINGERIE

Cindy si guardò allo specchio e dopo aver fissato il suo corpo fuori misura per diversi secondi, scoppiò in lacrime mentre i suoi rotoli di grasso cominciavano a tremare dolcemente al ritmo dei suoi singhiozzi!!! Anche se non era molto alta, portava con sé ben duecentocinquantacinque libbre sulla sua grossa corporatura ossuta, e mentre singhiozzava, i suoi enormi seni, che le pendevano quasi fino alla vita, dondolavano avanti e indietro mentre il le lacrime le rigavano le guance fino ai capezzoli!!! Era passato così tanto tempo dall'ultima volta che aveva avuto un uomo che una volta scherzò tra sé e sé...

352 I più visti

Likes 0

Perché le cose succedono sempre a me

Perché le cose mi succedono sempre Prima di iniziare mi rendo conto che non ci sono molti uomini che vanno in giro con un cazzo da 12 pollici. E quindi l'ho soprannominata una fantasia e una farsa. Basta già detto alla storia. Mi chiamo Samuel Longfellow, sono il proprietario di una delle più grandi società di sicurezza dello stato. È così che guadagno i miei soldi (sette cifre all'anno) La mia passione è la ricerca sulla fauna selvatica e ho una borsa di studio presso il college locale. Faccio le mie ricerche nella mia fattoria di 680 acri. Ora la mia...

2K I più visti

Likes 0

Perdo la verginità(8)

L'ho incontrata su un sito di chat su Internet. Vivevamo a 800 km di distanza, quindi non ho avuto problemi a flirtare come un matto. Mi ha detto che è alta 1,5 m, lunghi capelli biondi e occhi azzurri con un corpo sexy. Beh ovviamente l'ho presa in giro e le ho detto che se non mi manda una foto non le crederò, mi ha chiesto se le foto di lei sarebbero state solo per i miei occhi ed essendo il ragazzo che sono le ho dato la mia parola, aspettandomi una foto molto cattiva. Quello che ho ottenuto è stata...

1.8K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.