Salvezza cap. 17 giochi crudeli

461Report
Salvezza cap. 17 giochi crudeli

Alla fine del corridoio del primo piano di San Salvatore, conduce una scala
ad un secondo corridoio, ma più stretto. Esposto a sud, ha il vantaggio di
luce del sole che illumina le pareti.

Qui sono appesi diversi dipinti, ciascuno apparentemente basso per gli adulti, ma
perfettamente posizionato affinché i bambini possano guardarli mentre passano. IL
i dipinti sono di origine tedesca e raffigurano scene del tempo in cui gli zeloti
comunemente torturavano i contadini per conoscere streghe e altri empi
attività.

Vestiti da preti e monaci ricercavano soprattutto le giovani ragazze
i villaggi a torturare e degradare. I dipinti mostravano giovani ragazze
incatenati a robuste strutture di legno, che li tirano brutalmente con delle tenaglie
seni, falli non unti che vengono forzati nei loro ani e nei loro
i glutei e le cosce vengono sadicamente frustati.

Se i bambini del St Saviour pensassero che le routine fossero rigide e
duro, penserebbero che fosse il paradiso puro dopo averli osservati
dipinti posizionati con cura mentre passavano. C'era un'unica porta di legno
in fondo al corridoio, una porta uguale a tutte le altre.

Avendo avuto il permesso di guardare i dipinti, i bambini lo avrebbero fatto
si preparavano al peggio, solo per strillare di gioia quando
finalmente videro cosa li aspettava. I due piccoli sfacciati che aveva David Smith
prescelti non erano diversi.

Rosemary e Beatrice erano un po' nervose quando Alice Marble, una delle
assistenti adolescenti e il signor David Smith, un governatore, arrivarono per portarli
la sala giochi. David li prendeva in giro mentre passavano davanti ai dipinti, con i suoi occhi
scivolando concitato sulla forma adolescente di Alice e su quella dei due
adorabili ragazzine, che aprono lentamente la porta per introdurle all'interno.

Le pareti erano dipinte come se si trovassero in una radura in mezzo a qualcuno
boschi magici, con alberi che svettano sui muri su cui sono dipinte le foglie
il soffitto e un terreno di funghi e foglie cadute.

Ma se guardassi attentamente, troveresti elfi, folletti e fate. Era
divertente solo cercarli, ma c'erano troppi giocattoli da solo
cercare immagini.

C'era una casa delle bambole molto più alta di loro, ed era meravigliosa
cavallo a dondolo, così grande e grandioso, che poteva dondolarsi così lontano che lo era
saltando continuamente le recinzioni.

Birilli, corde per saltare, palline, bambole, soldatini, barche, animali da fattoria e
sul pavimento giaceva un'Arca di Noè piena di creature. Ce n'era anche un po'
carrello per portare dentro le bambole e tutti i tipi di vestiti per vestirle.
C'erano anche dei vestiti anche per loro, per vestirsi da infermiere o da insegnante,
diventare una bella signora con perle, spille e anelli.

Beatrice e Rosemary afferravano le cose con meraviglia, e poi le scartavano
loro quando apparve una nuova meraviglia. Erano in una casa del tesoro e tutto il resto
le loro paure svanirono quando l'omone si sedette sul sedile vicino alla finestra e
rise di loro.

"Allora? Con cosa giocherete per primo, miei piccoli tesori?" chiese Alice
loro eccitati.

Si guardarono intorno, i loro visetti risplendevano di felicità e
eccitazione. Poi Beatrice indicò la casa delle bambole e Rosemary l'afferrò
una delle bambole più grandi con ogni intenzione di farla da madre.

David ridacchiò e guardò per un po'. Aveva sempre amato guardarlo
le proprie bambine che giocavano, soprattutto quando si facevano indossare i pantaloncini
vestiti. Le ragazze dimenticarono presto le maniere signorili quando presero un nuovo giocattolo
la loro fantasia e sedevano con le cosce ampiamente aperte, il loro grazioso piccolo
fiche e sederi in perfetta vista.

Vederlo gli era mancato quasi quanto girarseli in grembo
ogni volta che erano cattivi sculacciarsi il sedere, qualcosa che aveva
stava accadendo con crescente frequenza, finché sua moglie non lo fermò.

Una nuvola oscura minacciava di rovinare i suoi piaceri come l'acciaio di sua moglie
gli venne in mente un'espressione strana, ma poi vide Beatrice in ginocchio davanti a sé
dell'enorme casa delle bambole, chinandosi per raccogliere qualcosa, inconsapevole
di come il suo vestito si era allargato e aveva esposto la parte inferiore del suo piccolo otto
fondo di un anno.

David ammirava le sue piccole guance inferiori e immaginava cosa nascondessero, e
con quanta facilità si sarebbero separati da lui, al momento giusto. Con il suo bene
Ristabilito l'umorismo, David scivolò leggermente sul sedile e ammirò il
visualizzazione.

"Rosmarino, cosa stai facendo?" chiese Alice, distraendo David
guardando il sedere di Beatrice mentre continuava ad appoggiarsi alle bambole
casa. Guardò oltre e vide che il bambino aveva la maggior parte della bambola in una
mano e un arto della bambola nell'altra.

"È venuto fuori e basta," borbottò nervosamente, guardando implorante il
giovane donna nella speranza che la capisse e la perdonasse.

Alice prese la bambola e ne sollevò le gonne per vedere se si muoveva facilmente
riparabile. Uno sguardo mostrò che non lo era e sospirò teatralmente.

"Oh cielo. Rotto", proclamò.

"Non volevo," mormorò Rosemary. Stava cominciando a piangere e
Beatrice stava a guardare, mordicchiandosi nervosamente il labbro inferiore. C'era un
aria di tensione imminente nella stanza con cui comunicava direttamente
Il cazzo di David e lo fece gonfiare immediatamente.

"Cosa dovremmo fare con il suo signor Smith?" chiese Alice, con un luccichio in lei
occhio. "Potremmo punirla, oppure potremmo farle pagare una penitenza", ha detto
suggerito.

Rosemary smise di piangere quando intuì un modo per evitare di essere sculacciata e
guardò con impazienza da un adulto all'altro.

"Che cos'è una penitenza?" lei chiese.

"Un compito che devi svolgere per dimostrare che ti dispiace per aver rotto la bambola,"
David ha detto.

Per quanto gli piacerebbe vedere entrambe le ragazze girate e loro
i sederi fatti ardenti da una sculacciata, dall'idea di avere un bambino
fare qualcosa a se stessa si profilava enorme ed eccitante proprio di fronte a lui.

"Che cosa avevi in ​​mente Alice?" chiese, sicuro che lo sarebbe stato
tanto sadica quanto creativa, ammirava l'uniforme che indossava, lei
l'orlo corto nasconde la sua giovane fica e il sedere, ma non le adorabili cosce
si era sviluppata.

C'era uno sgabello lì vicino. Alice sorrise mentre prendeva lo sgabello e
glielo pose davanti. Sembrava uno sgabello qualunque, fatto di faggio
il sedile sarebbe più comodo di quello di quercia. Ma poi ha raggiunto
sotto il sedile e girare una maniglia, sollevando dal centro del sedile a
colonna di legno scolpita per assomigliare al gallo di un uomo; l'albero
molto venato, la testa a cupola.

David osservò la piccola Rosemary fissarlo e capì che voleva vederla
sedersi sopra, sulla fica o sull'ano, non gli importava davvero, purché
poteva vederla distesa dallo spietato gallo di legno.

"Togliti l'uniforme, Rosemary," la esortò Alice, allungando la mano verso la giacca
cazzo di legno per accarezzarlo come se fosse vero, lunghe dita che ci scivolavano sopra
la lampadina mentre rivolgeva a David un sorriso d'intesa.

Era eretto e dolorante, il respiro corto e caldo mentre guardava
la ragazza che piange dolcemente scivola dai suoi vestiti. Sotto di loro, era altrettanto carina
come aveva sperato, chiaramente giovane, con molti anni a venire prima della pubertà, lei
aveva un pancino leggermente arrotondato e una fighetta rosa e gonfia.

Non c'era niente nel suo seno, solo piccoli capezzoli non più grandi di a
centesimo e il colore del rame brunito. Ben addestrato, il pianto
il bambino lo lasciò guardare, con le mani tremanti lungo i fianchi e le cosce
lottato per non stringere insieme.

"Allora," disse Alice, sorridendo brillantemente da dove era inginocchiata accanto al
sgabello. "Ricorda, non avresti dovuto fare questo, se non fossi stato così
goffa e ha rotto la bambola," le disse, disegnando Rosemary con riluttanza
verso il palo in attesa.

"Per favore," piagnucolò Rosemary, e David sentì il suo cazzo pulsare di nuovo
desiderio.

"Presto finirà," disse Alice, concentrandosi nel trascinare il bambino riluttante
a cavalcioni dello sgabello dell'attesa, costringendo poi la ragazza ad aprire il suo piccolo
cosce e abbassare il sedere verso il cazzo di legno eretto.

"Sei così adorabile, seduta su questo," sussurrò Alice, con la sua stessa faccia
arrossì per l'eccitazione mentre usava le dita per separare le pieghe
La fica di Rosemary e la sonda per il suo piccolo clitoride.

"Eccoci qua," sussurrò Alice, quasi consapevole della presenza di David vicino a lei,
osservando ogni dettaglio mentre la ragazza singhiozzante veniva costretta a scendere sul
spietato cazzo di legno, la sua vulva di dieci anni spalancata dalla testa
per esporre l'interno rosa brillante. Alice si alzò per spingerla verso il basso
spalle e la ragazza urlò mentre la sua fica veniva impalata.

David le tenne aperte le cosce tremanti per poterla osservare meglio, quasi
senza fiato dal desiderio mentre il bambino sprofondava sul cazzo, singhiozzando e piangendo
giù fino in fondo, finché quasi sette centimetri di legno non le erano scivolati dentro
piccolo corpo.

"È così bello," mormorò David, guardando l'incredibile vista del
bambina mezza seduta con le cosce sui fianchi, la piccola fica rosa sporgente
attorno all'asta di legno. Le lacrime le scorrevano lungo il viso mentre singhiozzava, e
ogni singhiozzo la faceva scendere ancora di più sul piolo, forzandolo profondamente dentro di lei
vagina.

"Può andare ancora più in profondità", affermò Alice.

Andando a grandi passi verso il punto in cui giacevano due fasce di cuoio, tornò a metterle
sopra le ginocchia del bambino in modo che tirassero la parte inferiore delle gambe contro il
parte inferiore delle cosce, costringendo i talloni contro il sedere e
rendendole impossibile mantenersi.

Piangendo con nuova urgenza, il suo corpo senza sostegno scivolò ancora più in basso
grosso cazzo di legno, la cui testa comincia a spingerle la pancia in fuori.

"Gesù. Devo fare qualcosa!" David ansimava mentre guardava il
la ragazza strillando scende lentamente sul cazzo, spinta dal suo stesso peso.

"Beatrice, vieni qui!" ordinò Alice.

Fissando la vista della sua amica che affondava lentamente sull'orribile legno
picco, Beatrice nondimeno obbedì alla sua padrona, ancora più timorosa
cosa accadrebbe se non obbedisse e cosa potrebbe accadere se lo facesse.

"Vediamolo allora, signore," suggerì Alice a David.

Non aveva bisogno di ulteriori suggerimenti. Alzandosi, si abbassò i pantaloni e
gli scostò la camicia, spingendo il bacino in avanti per presentarlo con orgoglio
loro con il suo membro gonfio, il prepuzio tirato via da un ardente e
punta tenera, luccicante sfrenata.

Beatrice lo fissò. Anche la piccola Rosemary, seduta eretta sul legno
cazzo, lo guardò mentre piangeva. Alice si inginocchiò e lo sollevò mentre disegnava
Beatrice, canticchiando alla bambina mentre incitava dolcemente il bambino
aprire la bocca e leccare la cupola in fiamme.

"Brava ragazza," canticchiò, prendendola da parte in modo che potesse prendere la sua
giro; leccando l'asta del suo sapore, poi restituendolo così Beatrice
potrebbe fare lo stesso.

David ansimò e gemette. Era così vicino a spendere, tenendo d'occhio la ragazza
essere sputato dall'asta di legno, ascoltandola piangere mentre un'altra ragazza,
così giovane, gli fu insegnato a leccarlo e succhiarlo.

Singhiozzò per l'ondata travolgente della sua eiaculazione e gridò come
lo lasciò, lanciandolo con forza in un arco sul viso di Beatrice
schizzandola mentre Alice canticchiava e gli stringeva le palle.

******

Davide sorrise. Inizia una ragazza abbastanza presto, pensava spesso, e potresti
insegnarle ad accettare quasi tutto. I suoi pensieri si volsero a trovarne molti
ragazzine più carine, dai capelli biondi, solo per testare le sue idee.

Sollevata dal gallo di legno, Rosemary fu adagiata sull'intaglio
dietro al grande cavallo a dondolo, con l'inguine ammaccato e tenero sollevato
i quarti posteriori, la testa sollevata dal collo in modo da poter guardare in basso
e vedere cosa le stava facendo quell'omone.

Mentre Alice teneva aperte le sue cosce da ragazzina, lui spingeva un dito tozzo
nella sua piccola fessura e osservando la carne che si apriva, ora volontariamente
abbastanza da quando ho cavalcato l'asta di legno per quindici minuti.

Era umida e rossa, la sua carne ora splendidamente divisa. Tirandolo via
ancora una volta, inalò la sua giovane fragranza e poi ne leccò l'essenza liscia
dalla punta del dito.

"Mm, carino e carino," sorrise.

La piccola Beatrice ridacchiò e fece scivolare la mano sulla sua piccola fica e
si strofinò mentre aspettava con impazienza il suo turno per sdraiarsi sul cavallo
ed essere toccato.

"E tu?" David chiese a Beatrice chi fissava cos'era Rosemary
averle fatto. "Scommetto che anche la tua piccola fica è carina e pruriginosa!" Lui
ridacchiò. La piccola Beatrice sorrise e arrossì, poi si lasciò andare timidamente
si diresse dove l'uomo avrebbe potuto osservare più chiaramente la sua piccola fessura.

"Bene bene!" mormorò David, guardando il cappuccio rosa che sporgeva
la sua fica snella dalle labbra.

Arrossendo, fece ruotare i suoi giovani fianchi snelli mentre si sentiva iniziare
per crescere e riscaldarsi. Potrebbe gonfiarsi in modo allarmante se toccato, come aveva imparato
da quando era venuta a St Saviour dove, ogni mattina, veniva incoraggiata a farlo
lascia che un'altra persona la masturbi.

"Scommetto che ci sono molti che vorrebbero toccarti laggiù," Alice
lo stuzzicò, allargando ulteriormente le cosce del bambino e osservandolo
Il cazzo di David si sollevò alla vista di un cucciolo così ben sviluppato
fica.

"Mi fa sentire strano," confidò Beatrice, arrossendo ancora
più luminoso quando l'uomo smise di toccare Rosemary e venne a esortarla a farlo
separa ancora di più le cosce.

Il suo clitoride stava crescendo ora, uscendo da sotto il suo cappuccio carnoso e
mandandole un caldo piacere nel profondo della pancia mentre lo faceva. Il respiro di David
accelerato, guardandolo estendersi lentamente verso il basso dalla sua fica.

"Guardi la cosa in quel modo peggiori le cose," arrossì.

David sorrise e distolse lo sguardo, ci sarebbe stato tutto il tempo e
opportunità in seguito, qualcosa che gli era sempre mancato con le sue stesse figlie.

"Cosa dobbiamo fare dopo?" chiese ad Alice.

"Diamo una lezione di equitazione alle ragazze!" lei sorrise.

David le prese Rosemary intorno alla vita e la fece girare, strillando
la stanza prima di farla sedere a cavalcioni del cavallo a dondolo. Con il suo sedere
saldamente in sella, mise in moto il cavallo facendo diventare la fanciulla
strillare di eccitazione e abbracciare l'ampio collo per impedirsi di farlo
cadere.

"Voglio giocare anch'io!" - gridò Beatrice, saltando su e giù eccitata.

C'era un grosso cane peloso che stava su quattro ruote su un lato del
stanza con una maniglia sul retro in modo che un adulto possa spingerla e controllarla.
David sollevò Beatrice nello stesso modo in cui aveva sollevato Rosemary, facendola girare
attraverso l'aria così lei urlò di eccitazione, e poi la mise in posizione
a cavalcioni del cane.

In pochi istanti lui la spingeva avanti, fermandosi di tanto in tanto per darle il
cavallo un'altra spinta per farlo dondolare. Entrambe le ragazze sorrisero e strillarono,
i loro volti arrossati dalla sensazione causata dalle creste abilmente modellate
nelle selle.

"È carino?" chiese Davide.

Le ragazze sorrisero e annuirono, i loro volti sembravano particolarmente belli
ognuno di loro si girava avanti e indietro, Rosemary a tempo
dondolo del suo cavallo che David azionava eccitato e Beatrice al
il movimento di essere spinto brutalmente per la stanza da Alice.

"Bene, penso che sia ora di fare un altro gioco adesso", disse loro Alice.

"Chi vuole essere il primo?" lei chiese.

"Io, io!" piangevano insieme.

David rise e guardò verso Alice mentre lei allontanava la piccola Beatrice
a cavalcioni del cane, scegliendola semplicemente perché era la più vicina
due, e già perfettamente posizionata per il suo gioco.

"Ho un giocattolo qui, che dovresti imparare a usare", le spiegò
gli occhi scintillarono mentre guardava David e vide che era pronto per un po'
una gestione più attenta delle ragazze.

"Dobbiamo toglierci i vestiti per giocare," disse loro Alice, con le mani
già alla sua uniforme.

"Sono giochi sporchi, allora?" chiese Davide.

"Oh no. Ci giocavo quando ero piccola", disse loro Alice,
uscendo dalla sua uniforme per rivelare piccoli seni perfettamente formati e a
vulva liscia, venata di eccitazione e completamente liscia.

David, al contrario, si rivelò ricoperto da una sottile peluria scura
capelli.

"Hai peli dappertutto!" Rosemary ridacchiò.

David sorrise e si passò le mani tra i peli del petto, poi si inginocchiò
le ragazze potevano fare lo stesso, lasciandole giocare mentre lui le solleticava e le pizzicava
loro, facendoli sobbalzare e strillare, lasciando piccoli segni rossi sui loro
le cosce, i loro piccoli capezzoli e i loro piccoli sederi sodi.

Il contrasto nei loro corpi non avrebbe potuto essere più estremo.

Era un uomo grosso, con la pancia arrotondata dal buon cibo e le membra robuste
con una vita di lavori pesanti. I capelli che lo coprivano erano fini e
dritto tranne che per l'inguine dove si ispessiva e si ingrossava fino a diventare uno spesso
raccolto di peli pubici che circondavano il mostro dalla pelle scura che sporgeva
dai suoi lombi.

Le ragazze, al contrario, erano piccole cose snelle, ciascuna non più alta di
il suo ombelico quando erano tutti in piedi. Braccio snello e petto piatto,
le loro cosce e i loro ventri contenevano il grasso dei bambini piccoli che donavano il loro
i fondi hanno quell'aspetto da cherubino visto nei primi dipinti italiani.

Tra le loro gambe si curvavano le labbra gonfie della vulva dei bambini, dentro
Custodia di Beatrice, divisa dall'asta spessa un dito e dal cappuccio protettivo
il suo clitoride.

"Che cosa suoneremo allora?" chiese Beatrice, emozionata
strofina velocemente la sua carne formicolio, poi arrossisce perché lui le sorride.

"Un gioco speciale con i soldati!" Alice le disse, chinandosi per allineare il
piccole figure di legno in fila.

"Devi sederti di fronte a me", disse loro. "Non così," lei
disse mentre Beatrice andava a sedersi sulle sue caviglie, con le ginocchia premute timidamente
insieme. "A gambe incrociate," disse loro, annuendo quando Rosemary lo fece
correttamente.

Beatrice obbedì e arrossì violentemente mentre lasciava che gli altri guardassero la sua fica,
a come la sua cosa era ricresciuta, sporgendo come quella di un bambino
dito. Il solo pensiero che l'omone la toccasse la lasciava senza fiato.

"Come giochiamo allora?" lei chiese.

"Ognuno di noi avrà un soldato", disse loro Alice, inventandolo mentre procedeva
ma chiaro dove il gioco avrebbe portato. Ne sollevò uno e lo accarezzò
lo, sorridendo quando notò come il respiro di David si era accelerato mentre lui
la guardò accarezzare il legno per sentire quanto liscio lo aveva reso il falegname.

Se non fosse stato per la figura dipinta su di esso, sarebbe sembrato un
cilindro lungo quattro pollici di acero liscio, largo poco più di mezzo pollice
diametro, arrotondato e leggermente rastremato ad un'estremità.

Beatrice ne prese uno e ne guardò il volto dipinto.

"Chiamerò il mio John", disse loro. "Allora cosa?" Rosmarino
chiese, scegliendo la sua.

"Dobbiamo nasconderlo nei nostri corpi in modo da poterli far uscire clandestinamente
stanza," disse loro Alice, sussurrandolo piano e guardandosi attorno come se
qualcuno potrebbe sentirli, facendoli ridacchiare per qualche istante.

Beatrice ha provato a nasconderlo sotto il braccio. David rise e scosse la sua
Testa. Rosemary guardò la sua e ne confrontò le dimensioni con quella immobile
spuntare dallo sgabello. Era sicura che sarebbe andata bene senza problemi,
solo che era troppo dolorante per volerlo fare.

Poi esaminò gli ugelli del bagno, quelli della caposala
spinto nel fondo ogni mattina per assicurarsi che fossero puliti e
Divino. Il soldato poteva essere leggermente più grande, ma non era così lungo,
quindi forse questo ha fatto la differenza?

"Prima facciamo Mister David?" chiese Alice con un sorriso canzonatorio.

Le ragazze strillarono per l'eccitazione, Beatrice ancora una volta la aprì
si spaccava mentre rimbalzava su e giù con entusiasmo. Così David salì sul suo
ginocchia e mezzo girate in modo che potessero vedere. Poi raggiunto dietro
lui con il soldato, cercando ciecamente il suo ano nel profondo del suo
piega inferiore.

"Non riesce a trovare il suo buco del sedere!" Beatrice si confidò a Rosemary in una fase
sussurro.

"Dovremmo aiutarlo!" Rosemary ridacchiò, lanciando un'occhiata all'omone e ai loro
padrona per osservare la loro reazione.

"Oh sì! Lo faresti?" chiese loro con entusiasmo.

Con uno scoppio di risatine eccitate, le due ragazze corsero a inginocchiarsi
entrambi i lati del suo fondoschiena peloso e presto sentì le piccole dita calde
comincia ad allargargli le guance.

Guardandosi alle spalle poteva vedere i loro volti eccitati mentre si muovevano
si guardò il sedere. Alice gli prese il soldatino e gli fece leva
fondo più distanziato, l'ano teso davanti a loro.

Il respiro di David si accelerò in anticipazione, il suo ano si rilassò come voleva
se stesso ad accettare il tappo di legno nel suo sedere. Sentì la pressione fredda
della spina e gemette, con la mente piena dei bambini che sussurravano
tra loro e cospirarono per aggredirlo.

La pressione contro il suo ano cresceva con una lentezza straziante man mano che...
i bambini hanno spinto il giocattolo. Alice sussurrò loro istruzioni, mentre
grattandogli le unghie dietro lo scroto, facendogli sobbalzare il cazzo.

Poi, all'improvviso, entrò, scivolando dentro di lui e facendolo ansimare come lui
sentì la spina fredda penetrargli più profondamente nel colon.

Gli faceva male l'uccello, restava dolorosamente eretto mentre si raddrizzava, tutto intero
giocattolo nel sedere, una pesante durezza dentro di lui che ha formato il suo cazzo
gonfiarsi ancora di più. Si voltò verso di loro e sorrise, osservandoli
leccarsi le loro graziose labbra e fissare il suo cazzo, arrossire
dicendogli che sapevano che sarebbe arrivato il loro turno.

"È il tuo turno, Rosemary," le disse Alice.

"Ti fermerai se fa troppo male, vero?" chiese, dando timidamente
il piccolo soldato che teneva in braccio.

"Naturalmente," sorrise David.

Eppure sarebbe molto più bello se piangesse. Allora avrebbe potuto coccolarla
e toccarle i genitali, magari sentire il giocattolo nel sedere e muoversi
si tratta di lei.

"Voglio aiutare?" chiese Alice a Beatrice.

Beatrice sorrise, il rossore sul suo viso le conferì un'ulteriore bellezza
i rapidi dardi che le sue dita facevano all'apice bulboso della sua piccola fica
servì solo ad aumentare la sua eccitazione.

Rosemary si chinò con riluttanza verso di loro, girando la testa
guarda, pallido in volto, mentre Beatrice, Alice e il governatore si avvicinano strascicando i piedi dietro di loro
suo.

Non c'era quasi bisogno di aprirle le guance; aveva il sedere
già separato per loro. Eppure c’era un ulteriore livello di eccitazione
così facendo, tirando finché la piccola stella rosa non fu separata e il
la liscia flangia interna del suo sfintere era esposta, tremante
nervosismo.

"Potremmo sempre usare l'altro buco," suggerì David, tenendo i pollici in mano
aprì l'apertura rosa e umida della sua fica. Nonostante la sua età e
piccolezza, il suo recente incontro sullo sgabello aveva aperto il suo piccolo tesoro
e ha permesso loro di sbirciare nella sua asta rosa dell'amore.

La delicatezza e la giovinezza di ciò fecero sbocciare la sua eccitazione ovunque
ancora una volta e il suo cazzo piangeva con impazienza mentre pensava di sistemarla
sul suo cazzo, allargandole la fica con la sua durezza, gonfiandola dentro di lei
pancia e pompandola piena di semi.

"Glielo metti nella figa, papà?" chiese Beatrice arrossendo
come usava il termine familiare per rivolgersi.

David si leccò le labbra e scosse la testa, riportando la sua attenzione
Il sedere di Rosemary e il suo ano rosa e dall'aspetto innocente. La sua mente ha fatto
alzandosi, fece un cenno ad Alice che aveva il giocattolo e tirò più forte con il suo
pollici.

Con una risatina, Alice sollevò la testa del giocattolo affinché David potesse inumidirlo
la sua lingua, e poi la premette contro di lei.

"Aiutala a spingerlo dentro," esortò Beatrice.

Lei sorrise e vi appoggiò la base del palmo, poi spinse.

Rosemary sussultò, fissandolo con gli occhi spalancati e teso. Lo sguardo sul suo viso
lo eccitò, crescendo mentre osservava la sua chiara eccitazione per lei e Alice
premette più forte l'oggetto sul sedere. Ha toccato lei e lei
strillò e poi ansimò, con un'espressione incredula sul viso mentre scivolava dolcemente
oltre il suo occhio anale allungato.

"Perfetto," sussurrò David, guardando il suo piccolo anello anale chiudersi sopra il
piedi del soldato. Il suo dito lo premette più a fondo e poi lo lasciò nascondere.

"Brava ragazza," le disse, attirandola a sé per una coccola e aiutandola
asciugarle gli occhi prima di chiederle gentilmente se voleva aiutarlo
Beatrice. Lei annuì, guardando maliziosamente la ragazza, chiaramente desiderandola
vendetta. Lui sorrise e annuì.

Allontanando Rosemary da lui, deliziandosi della sensazione della sua pelle contro la sua
con un'erezione furiosa, le sue attenzioni si rivolsero all'altro dolce bambino.

"Vieni, Beatrice," la esortò, allungando una mano per attirarla più vicino.

Alice si fece avanti per aiutarla, con un sorriso contagioso sul volto
spinse la bambina sulla schiena, poi le sollevò le piccole cosce
il suo petto e li aprì fino a quando la sua fica e l'ano furono in bella mostra.

Raramente David aveva visto qualcosa di così erotico come un adolescente impertinente con in mano un
otto anni, quindi era completamente esposta a lui. Il grande clitoride
stare in mezzo alla vulva rosa di Beatrice non faceva altro che accentuarlo.

"Vuoi guidarla all'asciutto o preferisci inumidirla
prima?" chiese Alice con la pelle arrossata per l'eccitazione.

Era emozionante chinarsi per premere la bocca aperta sull'umido
stella rivelata dal suo fondoschiena allargato. Il suo cazzo gli faceva male mentre lo leccava
e la indagò, facendola ansimare mentre la sua lingua le apriva lo sfintere e
sondato dentro.

"Posso spingerlo dentro?" chiese Rosemary mentre lui alzava la testa.

"Vai avanti," lo esortò, tirando con i pollici lo sfintere rosa, tenendolo
bambino a parte.

Rosemary ridacchiò, la sua buona natura tornò con l'eccitazione dell'essere
in grado di fare alla sua amica quello che lei aveva fatto a lei. Ha gli occhi luminosi, lei
appoggiò la testa del soldato contro il suo sedere, poi la spinse
espressione fissata mentre costringeva l'ano di Beatrice a distendersi verso l'interno e aprirsi.
Beatrice piagnucolò, poi lottò per scappare mentre il suo sedere si rifiutava di farlo
allungarsi abbastanza.

Alice la strinse più forte e David fece lo stesso, ansimando rumorosamente
Beatrice cominciò a strillare e lottare, la sua espressione implorandoli di lasciarlo andare
lei sciolta.

Rosemary continuava a spingere, con un luccichio sadico negli occhi mentre si divertiva
forzando il giocattolo nell'ano della ragazza dell'altro.

David aggiunse una mano e insieme il soldato affondò nel sedere di Beatrice
mentre la ragazza piangeva istericamente, rifluendo com'era il suo anello anale lacerato
le fu permesso di chiuderne l'estremità, sigillandola dentro di sé, imprigionandola
nelle sue viscere.

Alice la aiutò ad alzarsi, poi esortò entrambi i bambini a sfilare davanti a loro
loro, che camminavano nudi, con i soldatini in culo come un pesante
stronzo ancora da espellere. Rise del modo in cui camminavano mentre David
lo fissava e basta, mentre la sua mente evocava tutte le cose che gli sarebbe piaciuto fare
queste due ragazzine, tutte le cose sporche e dure che gli avrebbero dato
tanto piacere.

Alice vide il suo stato e gli mise una mano intorno, tirandolo su fino a quando non lo raggiunse
si alzò di nuovo, con la sua furiosa erezione che risaltava davanti a lui.

"Vieni qui, Rosemary," disse, scegliendo la ragazza più propensa a obbedire
essendo già stato punito da lei.

"Vieni a giocare con il cazzo di papà," sorrise, porgendolo a sé
la immaginava con il suo seme che gocciolava su quel visetto carino. IL
la bambina lo fissava con la bocca penzolante, il corpo congelato e insensibile
mentre Alice agitava il suo cazzo su e giù davanti al suo giovane viso.

Per qualche istante ancora, entrambi i bambini rimasero immobili, scioccati, sorpresi e
lo stupore scorreva sui loro lineamenti. Poi, timidamente, Rosemary lo fece
come le era stato detto e allungò la mano verso la colonna di carne dall'aspetto arrabbiato
sporgendo davanti a lui.

La sua mano si allungò verso quella di lei e la guidò attorno alla sua asta, arricciandola
dita e pollice in modo da tenerlo a metà. Poi l'altra mano, che avvolge
attorno all'altro lato per completare l'anello e racchiuderne solo un po'
nel calore umido dei suoi palmi.

"Brava ragazza. Adesso tiralo delicatamente," la esortò Alice eccitata.

Deglutendo, la bambina obbedì, tirando indietro quella carne sciolta che aveva
stava e miagolava piano quando l'occhio all'estremità le strizzò l'occhio,
esponendo la pelle rosa brillante all'interno.

"Oh sì, è così," incitò lui, con il respiro sempre più veloce
un secondo in più il bambino alle sue ginocchia continuava timidamente a strattonarlo
cazzo.

"Ti piace, non è vero?" sussurrò, osservando la sua espressione mentre lavorava
la sua pelle avanti e indietro. Guardò Beatrice e la vide
anche lui guardava, forse inconsapevole della manina che aveva portato al
l'apice della sua fica per toccare delicatamente la carne tenera e creare eccitazione
correre su per la sua piccola pancia.

"Sì, due piccole crostate calde", sorrise.

"Bacia la mancia, bambino. Lascia che papà ti veda mentre baci la mancia," incitò, con una goccia di
il pre-venuto è apparso agli occhi.

Rosemary si leccò le labbra secche, poi guardò l'uomo mentre portava
le sue labbra sulla sua cosa, baciandola e imbrattandole le labbra con la sua roba
e non gli importava perché non aveva un sapore così cattivo e le accarezzò la testa
dopo.

Si concentrò sull'accarezzare e tirare il grosso cazzo fino allo sfinimento
di liquido comparve sulla punta, poi immerse la testa per leccarlo via,
assaporandolo per un momento prima di immergere la testa per una leccata più lunga
la calda testa color rubino, succhiandola addirittura come aveva visto fare alle ragazze più grandi
i ragazzi ogni mattina.

David gemette e le diede di nuovo una pacca affettuosa sulla testa, e lei sorrise con un
sentimento di realizzazione e orgoglio.

"Vieni quaggiù Beatrice. Non vuoi fare quello che sta facendo Rosemary?"
lo incitò Alice. La bambina guardò e scosse la testa, mostrando il viso
il suo nervosismo quando osava non essere d'accordo con una delle sue amanti.

"Beatrice?" disse ancora Alice, la sua voce indurita dalla minaccia di
punizione se non fosse stata d'accordo. Lei è ancora dolorante per l'inserimento del
Con il giocattolo ancora nel sedere, Beatrice guardò cosa stava facendo Rosemary
e singhiozzava.

Scosse la testa, sapendo che non avrebbe mai potuto fare lo stesso; mettere la cosa
le ha fatto la pipì in bocca. Piangendo di paura, si voltò e corse al
porta, gridando inorridito quando la trovò chiusa a chiave, la sua unica via
fuga bloccata.

"Bene allora," disse Alice.

Alice si avvicinò alla bambina e cominciò a sculacciarle forte il sedere,
deliziando David mentre la piccola bocca attorno al suo cazzo, lo portava via
la seconda volta quel giorno.

Tirando fuori dalla porta la ragazza urlante e terrorizzata, Alice giurò di dare
lui ancora uno scatto e scelse di usare la sedia a dondolo come mezzo
per farlo.

Alice prese la sedia a dondolo dall'aspetto innocuo accanto alla finestra e
lo mise al centro della stanza. Brillava mentre lavorava, nuda
corpo splendente della sottile pellicola di sudore che si era formata su di lei.

Alla sedia base, formata da fogli piatti di legno inchiodati insieme, lei
ha aggiunto una piastra posteriore che avrebbe piegato il corpo in avanti e posizionato quello del bambino
fondo verso il bordo anteriore del sedile.

Beatrice si rannicchiò in un angolo e tremò mentre guardava Alice disegnare curve
punte di ferro da sotto il sedile e sistemarle sulle braccia e sulle gambe del
la sedia.

David osservava con interesse, Rosemary in grembo che ansimava dolcemente mentre lui
fece scorrere pigramente il dito su e giù per la sua giovane fica, premendola delicatamente
uretra, la sua vagina, l'ano e il clitoride, ciascuna posizione portando a
reazione diversa da parte della ragazza confusa.

Il suo profumo, i suoi piccoli sussulti e i gemiti spaventati gli avevano portato la metà
eretto di nuovo e adesso, osservando Alice trascinarsi strillando e riluttante
Beatrice si avvicinò alla sedia, la sua erezione era di nuovo completa.

Scartò Rosemary per avvicinarsi alla sedia a dondolo e osservarla
un misto di eccitazione e interesse mentre Alice spingeva Beatrice dentro
sedia, poi girò rapidamente le punte di ferro ricurve in modo che, dopo aver messo una
braccio sul resto, spostarlo costringerebbe Beatrice a impalarlo sul
punto dall'aspetto terribile.

Mentre la ragazza fissava ancora con orrore la minaccia che incombeva su di lei
braccia, Alice si inginocchiò e tirò fuori le gambe della ragazza, tirandole oltre il
la gamba della sedia, per poi girare così un'altra delle punte di ferro, se ci avesse provato
chiudendole le gambe, si sarebbe conficcato nella morbida carne del suo interno
cosce.

Con entrambe le cosce portate oltre i bordi delle gambe anteriori della sedia,
Beatrice si ritrovò distesa, con i tendini in fuori
dall'interno delle cosce e dalla carne che le ha fatto a pezzi la fica. Da
la valle rosa e aperta ospitava il suo clitoride, un tenero bulbo di carne
in piedi sopra la sua uretra serrata mentre, più in basso, giaceva la sua piccola vagina
sigillato nervosamente.

Sorridendo all'espressione sul volto di David, Alice se ne andò e tornò con un
supporto utilizzato in uno dei giocattoli. Svitando la pallina di legno in alto, lei
lo sostituì con uno dei soldatini di legno, incastrandolo perfettamente
il boschetto in attesa in modo che la cosa non si muovesse.

Mise la sedia sull'oscillazione e la fermò quando seppe dove farlo
posizionare il supporto. David gemette, spalancando gli occhi quando capì che,
con ogni roccia in avanti, la ragazza veniva costretta a salire sul giocattolo di legno e
se si fosse tenuta bene, sarebbe entrato nella sua deliziosa fica.

Se mancasse perché si era spostata, colpirebbe un'altra parte del suo sesso,
senza dubbio facendole male, ma facendole molto più male che se fosse entrato
suo. Assolutamente il dolore peggiore sarebbe arrivato se l'avesse colpita troppo grande
clitoride.

Anche la piccola di otto anni lo sapeva e piangeva, singhiozzando quanto le dispiacesse
era e implorando un'altra possibilità. David era quasi tentato di perdonare
suo; solo per avere quella faccia bagnata di lacrime costretta ad abbassarsi sul suo gonfiore
cazzo. David gemette, guardando la ragazzina presentata in modo così perfetto
lui.

Eppure Alice non aveva finito.

Una cinghia di pelle è apparsa da sul retro della sedia e Alice
fissòlo al collo di Beatrice, tirando il viso della ragazza e la parte superiore del corpo
schiena così il suo busto era allungato e inchinato dalla piastra posteriore lei era
premuto a.

Beatrice iniziò a piangere più ferocemente mentre si rese conto che, con la testa
trattenuto, non sarebbe stata in grado di vedere il fallo in legno arrivare
incontrarla, né giudicare se aveva bisogno di muoversi o meno per eludere il dolore
Di esso colpendola.

"La vuoi imbavagliata?" chiese Alice.

"Possono diventare molto rumorosi", ha confessato un sorriso.

Beatrice implorò forte per un'altra possibilità, qualsiasi cosa tranne quello che loro
destinato a lei. L'idea di mettere le punte intorno alle sue arti per tenerla
sul posto era molto più eccitante degli attacchi. Le ha permesso di contorcersi,
ma portò anche rapidi cretini quando si mosse troppo e se ne andò adorabile
Piccoli segni rossi come lezione.

Rosemary si accovacciò in un angolo succhiandole il pollice; Sono contento che non fosse lei
la sedia. Umida e calda, le sue dita si sono invase, e poi strofinate
L'umidità scivolosa dalla sua fica. Accovacciato, poteva sentire il
giocattolo ancora sul fondo e lascia che il dito sente come il suo ano si gonfiava
Esterno, metà che vuole espellerlo.

Per la prima volta nella sua breve vita, le spinse il dito davanti a lei
Sfintere anale e lo ha usato per spingere il giocattolo più profondo nelle sue ciotole,
Analizzare la sensazione del suo movimento e stringere le gambe come
Ha scoperto che le piaceva.

Nel mezzo della stanza, Alice sorrise alla supplica, implorando
Ragazza e cominciò a spingere sulla sedia per lasciarlo andare avanti e indietro.

David ha guardato il cavallo del bambino oscillare in avanti, in bilico sopra il
giocattolo e poi scivolare via. La roccia all'indietro abbassò la testa di Beatrice e
Sollevò il cavallo, poi si fece di nuovo in avanti, spinta da Alice e
Strillò nel terrore, gli occhi spalancati come si aspettava che il giocattolo colpisse
suo.

Non lo fece, il suo dondolo si fermò a corto della sua fica aperta.

"Gesù!" David ansimò. Era venuta così vicina.

Alice rise. "Qui", gli disse, passandogli una corda che avrebbe lasciato
Lui governa quanto la sedia a dondolo avrebbe fatto oscillare.

Si tirò mentre la sedia raggiungeva il suo movimento all'indietro più lontano e la sedia
rispose, correndo indietro, il suo slancio ancora una volta mettendola sopra il
Soldato giocattolo dove si è tremata in anticipo, segni rosso fresco su di lei
Cosce interne mentre lottava contro l'impulso di bloccare le cosce
insieme.

Non è più necessario spingere la sedia, Alice è andata in un armadio e
recuperato un cinturino morbido. Era una lunga maniglia di legno snello in cui a
pezzo piatto di pelle morbida era stato attaccato, largo circa tre pollici
cinque o sei pollici di lunghezza.

In piedi dietro la sedia, dove Beatrice l'avrebbe vista come la sedia
Scuoto all'indietro, Alice poteva branderlo per farla colpire la pelle
Pieno sulla sua tenera fica portando ulteriore agonia al povero bambino.

David tirò e attese con respiro sospeso mentre la sedia a dondolo accelerava
In avanti, la ragazza si è aperta nel suo abbraccio. Sembrava una cara, trattenuta
con le gambe spalancate, la sua piccola fica cruda agape, tutto il suo giovane corpo
era in attesa mentre il suo viso rispecchiava il suo terrore, luccicando con lei
lacrime.

Il suo corpo ha incontrato il giocattolo in alto e, solo perdendo la sua piccola fica, è scivolato
Lungo la sua fessura per sollevarsi sotto il suo clitoride, colpendola e spingendo
è verso l'alto.

Lei urlò, il suo urlo prolungato dal morso delle punte
cosce. E mentre la sedia si scrutava all'indietro, Alice era lì per portarla
cinturino, i suoi occhi brillavano mentre mirava all'apice curvo del
Vulva del bambino dove si trovava il cappuccio rosa scuro.

Difficilmente recuperando il respiro, Beatrice urlò e si convocava, sangue
Apparendo sulle sue cosce mentre le punte si strappavano nelle sue cosce in movimento.

La sedia a dondolo si muoveva di nuovo, lasciando cadere la fica sul giocattolo così
Le premette, riprendendo il respiro prima di presentarla alla cinghia
Ancora.

Sopraffatto dalla vista, David aveva dimenticato di usare la corda per mantenere il
Sedia dondolo. Aveva fissato il bambino piangente, suscitato da lei
angoscia, dal tremolo della sua forma leggera e giovane tenuta aperta dal
picchi.

Il suo cavallo era luminoso per essere stato assalito dal giocattolo e dalla cinghia e
Il suo clitoride sembrava essere gonfio, spiccando da lei come una luminosa
faro rosa.

La sua adorazione l'aveva lasciata per stabilirsi e riprendersi.

Lei pensava che fosse più della metà sperava che l'avrebbe presa in ginocchio mentre lui
aveva fatto a Rosemary dopo il suo attacco con lo sgabello. Lo avrebbe preso volentieri
nella sua bocca, succhiando e leccava volentieri, anche se aveva fatto pipì appena.

Lo guardò con nuova speranza e si sentì ancora più terrorizzato e perso
Quando, il suo viso brillava di tale amore, si strappò sulla corda per prepararlo
Ancora una volta in movimento.

Beatrice gemette in angoscia e la sedia a dondolo guadagnò slancio, dondolando
avanti e indietro con archi sempre più grandi, avvicinandola sempre più
impalamento.

Ma prima che lo facesse, tornò abbastanza da farla schiaffeggiare con Alice
cinghia. Alice lo mirava a sfogliare tra le sue cosce così spazzate
ha fatto il dolore acuto che ha portato un nuovo urlo dal bambino e una nuova ondata
di lacrime le riversavano dagli occhi.

Con il dolore che la faceva ancora agitare, si imbatté nella spinta
soldato, il suo tenero sesso che si spinge verso il basso causandola un altro doloroso
momento.

David non si è fermato questa volta, ma ha visto Alice portare la sua cintura intelligente
giù tra le labbra aperte di Beatrice prima di poi tirare la corda verso
Portala rapidamente in avanti, correndo verso l'inevitabile.

Sembrava una foto, dagli occhi spalancati e piangeva, la conoscenza di ciò che era
che sta per accadere scritto nella sua espressione. Il suo cavallo indifeso si è oscillato
giù sul giocattolo e lo stand sembrava inchinarsi mentre prendeva l'impatto pieno
sulla sua fessura, sopra la sua fica e praticamente sulla sua piccola uretra.

Ancora una volta il suo urlo affitta l'aria, acuto e corto per essere seguito da
i suoi rumori tentativi di succhiare l'aria tanto necessaria nei suoi piccoli polmoni
Ulteriori urla. Le sue cosce altrimenti pallide erano ora punteggiate
ferite da puntura e graffi arrabbiate mentre si dimenticava continuamente del
picchi e ha provato a chiudere le gambe contro l'imminente impatto del giocattolo
soldato.

Ospirando verso l'alto, Alice era pronta con il suo cinturino e lo usava in modo che il legno
Atterrerebbe profondamente sul suo pubis e la pelle si sarebbe frustata per schiaffeggiare
la sua fossa della fica.

David guardò il suo atterraggio, il suo cazzo saltava con il coglione del bambino
Mentre la cinghia ha ulteriormente arrossato il suo sesso già tenero. La pelle
brillato; dandole una piccola fica una bellezza completamente nuova e quella, insieme
Con le sue grida singhiozzanti, lo suscitò più di ogni altra cosa avesse mai fatto
Prima.

Tirò la corda e ansimò, guardandola rock in avanti, guardandola
espressione mentre si accorgeva per un ulteriore impatto. In questa occasione
Tuttavia, il giocattolo è entrato in modo pulito nella sua piccola fica, portando un grido di
sorprendere tanto quanto il dolore quanto il suo bambino di otto anni ha accettato due pollici di
Piccolo soldato in legno.

Ancora e ancora, David tirò la corda e il bambino, ancora teso da
Avendo fatto schiaffeggiare il sesso, scosso per ulteriori abusi, la maggior parte delle volte
soffrendo il duro sciopero della testa del soldato di legno da qualche parte su di lei
fica.

Ogni volta serviva solo ad aumentare la sua eccitazione e così quando, dopo un
Strike particolarmente duro rivolto direttamente alla sua testa gonfia
Il clitoride, la piccola Beatrice perse il controllo di se stessa e lascia che la sua pipì scarasse
Da lei, David era pronto.

Schizzato con la sua urina calda, si precipitò in avanti per afferrare la sedia e
Giralo in modo che la sua piccola fica cruda gli sia stata presentata. Ha segnato per entrare
lei e, mancando, fecero saltare un altro scatto di pipì e colpire il suo
lombi.

Singhiozzando per l'eccitazione, ha colpito di nuovo, facendola piangere ancora una volta
con la sua spinta mancata. Quindi Alice era lì, tenendo giù il suo staff,
avvicinandosi a guardarlo ancora ancora una volta, questa volta per avere il suo
Testa di gallo inghiottita dalla sua piccola fica.

"Oh Dio!" Ansimò, i suoi occhi si spalancano mentre si sentiva serrato in lei
Tente fica calda stretta. Con il suo cigolio che lo accompagna, David ha spinto di nuovo,
si faceva strada in una piccola fica che, al massimo, aveva solo il piccolo
Il soldato lo contatta.

"Ecco. Alice ansimò, in piedi per poter consegnare
Uno schiaffo a mano feroce ai glutei pelosi dell'uomo. Si è scatenato verso l'interno e lei
Lanciò un altro, il suo petto luccicante con la sua sudore.

"Cristo in paradiso!" David ruggì. Il piccolo vizio stretto di lui era
causandogli un'agonia di dolore e gioia. Gli acuti si schiaffeggiano nella sua groppa
lo invase con calore e, un altro coglione verso l'interno e la sua volta
l'orgasmo si aprì e si perdeva nella sua eiaculazione quasi dolorosa, il
intensità che lo fa piangere mentre il suo cazzo scoppiò e le sue palle si irrigidono in un
sforzo di drenarsi.

Dal suo angolo, Rosemary ha messo insieme le gambe, la vista davanti a
lei la elettrizza, ma non tanto quanto il meraviglioso dolore che la spazzava
lombi, inondandola di piacere mentre le pizzicava e le tirava su
clitoride.

Domani, giurava, sarebbe andata dal dottore Stevens e gli avrebbe chiesto di farla
Un po 'di piacere grande come quello della sua amica.

Storie simili

Give Me Some Sugar Part 1 - Prova di Rochelle

​ La vita è sicuramente divertente è come si svolge. Non sono mai stato un uomo religioso, e ancora non lo sono, ma ascoltavo il tipo di Joel Olsteen quando i tempi erano brutti. Era così positivo, che ha aiutato, ma ha anche parlato di come Dio potrebbe recuperare decenni di merda, in pochi anni attraverso un aumento super naturale. Come ho detto, non sono un cristiano e sono agnostico sull'esistenza di una divinità, ma devo ammettere che come minimo, la vita può rimediare a molte sofferenze molto rapidamente. In effetti, penso che ti faccia godere ancora di più della tua...

2.3K I più visti

Likes 1

Amore nerd

Mentre i giovani corpi caldi si contorcevano intorno Jimmy stava accarezzando il suo cazzo duro di 17 anni, 6 pollici e mezzo il più velocemente possibile. Quando è entrato nel suo calzino Jimmy ha pensato che sarebbe stato fantastico essere l'uomo nel porno che stava guardando, avere una ragazza che lo avrebbe davvero scopato è il suo sogno. Jimmy non ha molte abilità sociali, vedi, va a scuola online il che significa che non può incontrare nuove ragazze e anche se lo facesse probabilmente non lo prenderebbero nemmeno in considerazione a causa del suo essere eccessivamente magro e della sua goffaggine...

2.5K I più visti

Likes 0

Cosa c'è sotto 2

Quella mattina Jennifer andò al lavoro un po' più veloce del solito, temendo di fare tardi. Aveva un disperato bisogno di questo lavoro per la sua famiglia. Essendo una madre single di due figli e nessun uomo in giro, era l'unico lavoro che poteva ottenere. Per favore, non farmi fare tardi. pensò tra sé, premendo ancora un po' il piede sull'acceleratore, ignorando il tremolio del volante. È volata oltre un cartellone pubblicitario e ha visto un'auto della polizia uscire dietro di lei nello specchietto retrovisore, accendendo il tetto. Il cuore le sprofondò nel petto e sentì il sapore della cenere in...

2.2K I più visti

Likes 0

Il weekend di una figlia Pt. 2

Erano passate un altro paio d'ore e Savannah aveva finito per addormentarsi. Ho accostato il vialetto di ghiaia e mi sono fermato davanti alla nostra capanna di famiglia. “Savannah,” le scossi la spalla, “siamo qui”. Gli occhi di Savannah si aprirono intontiti e sbatté le palpebre diverse volte mentre si riprendeva e si orientava. Mentre Savannah si stava svegliando dal suo pisolino, sono scesa dalla macchina e sono andata al portellone del camion per prendere i nostri bagagli. Non riuscivo a smettere di pensare a prima, a come mia figlia avesse preso il controllo e mi avesse effettivamente succhiato. Era sbagliato...

1.7K I più visti

Likes 1

HOBO Capitoli 12 e 13

CAPITOLO DODICI Mi sono svegliato presto la mattina successiva e sono stato in grado di alzarmi dal letto senza svegliare Michelle. Sono andato in cucina, ho preparato una tazza di caffè. Ho poi cucinato uova strapazzate, pancetta e salsiccia e stavo finendo quando Michelle è entrata in cucina strofinandosi gli occhi. “Cosa stai facendo?”, chiese sbadigliando. “Ci sta preparando la colazione. Per favore, siediti sullo sgabello”, mi sorrise, fece il giro del bar e si sedette. Le ho preparato un piatto e l'ho posato davanti a lei, poi le ho versato una tazza di caffè. Poi ho aggiustato il mio piatto...

1.3K I più visti

Likes 1

Regina Yavara: Capitolo 37

Capitolo trentasette BROCCO Per favore! L'esploratore elfo urlò. Non capisco perché ti lamenti, dissi mentre lo caricavo sul trabucco, ti riporto al tuo esercito. Tieniti stretto questo, Imperiale, e non rilasciarlo troppo presto. Trenok grugnì, legando le cinghie del paracadute ai polsi dell'uomo terrorizzato. Non funzionerà! Lui pianse. Mi inginocchiai al suo livello e gli posai una mano compassionevole sulla spalla. “I progressi si fanno mettendo a tacere i dubbiosi, piccolo imperiale. Tutti i grandi scienziati del nostro tempo una volta erano chiamati pazzi per le loro idee. Grandi scienziati? Trenok rise: Che calcoli hai fatto? Non hai bisogno di nessuna...

1.4K I più visti

Likes 0

Diventare Zoe

La mia futura moglie Annie aveva accettato un lavoro fuori città e la vedevo solo ogni due settimane circa. Mi mancava così tanto. Lei ed io eravamo diventati amanti a distanza. Aveva un volo di ritorno a casa venerdì sera. Stavo andando a prendere suo figlio Zakk dal suo dormitorio e noi due saremmo andati a prenderla all'aeroporto e ci saremmo goduti il ​​fine settimana insieme. Zakk è al suo primo anno di college e sta studiando per diventare un truccatore per il teatro e lo schermo. Lui e io non ci siamo davvero conosciuti e questo doveva essere il fine...

1.2K I più visti

Likes 0

Essere Dakota Capitolo Uno

L'ho descritto come Fiction, ma la maggior parte dei miei scritti sono semi-biografici. Non che io stia abbellendo, più come se stessi smorzando la realtà. Ero a casa da solo quando ho ricevuto la telefonata che mio zio George era morto. Sono andato al funerale e ho incontrato dei parenti che non sapevo di avere. George era il fratello maggiore di mio padre. Ho dovuto volare da solo, mia madre e il mio patrigno non volevano venire. Mio padre è morto quando avevo due anni, quindi non l'ho mai conosciuto. Mia madre si è risposata un anno dopo con un vigile...

1.1K I più visti

Likes 1

RIPENSANDO pt2

Per chi è nuovo a questa storia, lascia che ti raggiunga. Avevo perso mia moglie, Tina più di un anno fa, a causa di un asino che guidava ubriaco, avevo comprato una nuova bici e mi ero messo in viaggio, il mio modo di farcela credo, mi sono imbattuto in Jenny lungo l'autostrada con il suo ragazzo violento e lei ha guidato via con me e abbiamo iniziato una meravigliosa vita di avventure. Mentre giravamo l'angolo verso la casa del suo ex fidanzato, potevo sentirla irrigidirsi e tenermi molto più stretta, cosa che non mi importava perché i suoi capezzoli duri...

963 I più visti

Likes 0

Sesso sul treno

Tom è stato a Edimburgo per un incontro di lavoro. Era stata prevista una bella giornata estiva, quindi è vestito con pantaloni chino beige, scarpe brogue marroni, una camicia aperta bianca e un blazer blu. Con la sua pelle abbronzata, sembra piuttosto elegante in città. Il suo incontro è scaduto e così ora è sull'ultimo treno per tornare a Leeds, nello Yorkshire, che sta per lasciare la stazione alle 21:30. Non ci sono molti passeggeri che salgono sul treno quindi sceglie un gruppo di 4 posti con tavolino, si siede nel posto di corridoio con le spalle al senso di marcia...

1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.