Gli amanti dei samurai

378Report
Gli amanti dei samurai

Nel Giappone medievale, nella provincia di Yedo, viveva un giovane samurai di nome Ukyo che si struggeva giorno dopo giorno per l'amore della bella Uneme. Per Ukyo, Uneme era l'uomo più perfetto che avesse mai visto. Era giovane, come lui, appena sedici anni al massimo e aveva come capelli una lunghissima fascia di un nero lucente. Il suo viso era liscio, privo di tagli, imperfezioni e morbido come la crema, il che lo faceva sembrare molto più giovane di quanto non fosse in realtà. Quando si esercitava con Samanosuke, un altro giovane samurai, Ukyo osservava, mentre i suoi piccoli muscoli magri si flettevano ad ogni oscillazione del suo bastone da kendo. I suoi capelli, raccolti in una coda di cavallo, svolazzavano da una parte all'altra mentre oscillava, gocce di sudore imperlavano il suo piccolo corpo femminile. Ukyo non riusciva a controllarsi e ignorava il proprio addestramento per guardare Ukyo.

Samanosuke era più vecchio di Ukyo, forse diciannove anni, ed era uno degli spadaccini più abili del castello. Era anche l'amante di Uneme e un buon amico di Ukyo. Samanosuke era più rude rispetto a Uneme. I suoi capelli erano raccolti in un ciuffo da samurai, il suo viso era leggermente sfregiato e le sue mani erano più ruvide e callose. Era più alto e più muscoloso di Uneme o Ukyo, ma anche lui era bello di per sé. Ciò che lo rendeva ancora più desiderabile era il fatto che lui e Uneme traevano piacere dalla reciproca compagnia e che non c'era un samurai in giro che non fosse geloso della sua storia d'amore. Tra i tanti occhi gelosi c'era sempre Ukyo che osservava mentre i due si scambiavano sguardi amorevoli o se Uneme faceva segno a Samanosuke di camminare accanto a lui.

Samanosuke non era uno sciocco e sapeva che c'erano molti che lo invidiavano e desideravano Uneme. Sapeva anche che anche il suo caro amico, Ukyo, adorava il bellissimo ragazzo, ma anche Samanosuke era geloso del suo amore.

Per più di un mese, il consumo di cibo da parte di Ukyo cessò, a causa del suo profondo desiderio per Uneme, che alla fine lo lasciò costretto a letto. Molti samurai vennero a visitare Uneme sperando di tirarlo su di morale, ma nessuno ci riuscì. Samanosuke veniva a trovarlo alcune volte al giorno e osservava il peggioramento delle condizioni del suo caro amico. Mentre era seduto accanto a Ukyo e cercava di dargli il tè, Uneme passò davanti alla sua stanza e sbirciò dentro, il suo volto era cupo e anche lui era preoccupato quanto Samanosuke. Samanosuke osservò come il condizionamento di Ukyo migliorava semplicemente guardando Uneme. Quando Uneme se ne andò, Ukyo ritornò nel suo mondo pietoso. Samanosuke, tuttavia, sapeva cosa causava a Ukyo tanto dolore. Era amore per la sua Uneme. Lasciando il fianco di Ukyo, andò a parlare con il suo amante.


Più tardi quella notte, Uneme si posizionò accanto al letto di Ukyo e si inginocchiò accanto a lui. Posò amorevolmente la sua mano su quella di Ukyo e la strinse dolcemente. Ukyo voltò la testa, imbarazzato, ma non osò lasciare andare la mano che desiderava tenere da così tanto tempo. Uneme appoggiò la testa sulla spalla di Ukyo, il dolce odore del profumo inondò il naso di Ukyo e lo fece struggere ancora di più per Uneme. Questo era il massimo che avrebbe mai potuto avvicinarsi a lui e Ukyo credeva che Uneme lo stesse facendo per pietà, non per amore. Perché nessun uomo potrebbe mai essere abbastanza onorato da essere amato da un ragazzo così bello. Ukyo ancora non riusciva a guardare Uneme che procedette a scoprire Ukyo esponendo il suo petto tonico. Prima che Ukyo potesse intervenire, Uneme allungò il braccio sul petto di Ukyo e lo tenne tra le braccia.

"Sei sempre stato nel mio cuore Ukyo," disse Uneme dolcemente, "Non ho mai avuto il coraggio di dirtelo." Ukyo non poteva credere a ciò che aveva sentito. Il ragazzo più bello di Yedo era nel suo letto e gli aveva confessato di amarlo. "Forse," pensò Ukyo, "sto spingendo troppo oltre la sua carità. Non mi ama come ama Samanosuke." Ukyo sbottò: "E Samanosuke? Non è nel tuo cuore?" Ukyo si voltò verso Uneme; il ragazzo dolce e pacato aveva le lacrime che gli rigavano le guance. Gli accarezzò lentamente le guance e si asciugò una lacrima con il pollice. Uneme sorrise timidamente e fissò Ukyo negli occhi. "Amo Sam," rispose Uneme, "Ma amo anche te. Se dovessi morire tu, morirebbe anche un pezzo di me." Altre lacrime rigarono il volto di Uneme. La carnagione un tempo pallida era ora rossa dalle lacrime. Mettendo la mano sulla guancia di Uneme, Ukyo si sporse per baciare il ragazzo per cui aveva desiderato. Se Uneme lo avesse rifiutato sicuramente avrebbe commesso seppuku o si sarebbe costretto a restare a letto finché il suo cuore non avesse più sofferto. Avvicinò le labbra a quelle di Uneme e provò sollievo quando Uneme ricambiò lentamente il bacio. Mosse delicatamente la lingua nella bocca di Uneme e Uneme la ricambiò, aprendo leggermente la bocca e poi tirando indietro il labbro inferiore di Ukyo.

"Ti amo da così tanto tempo..." disse Ukyo sentendo tutto il peso del dolore sollevarsi da lui. "Ho desiderato baciarti dal primo momento in cui ti ho visto."

Uneme sorrise, appoggiò la testa sulla spalla di Ukyo e fece danzare le dita lungo il suo petto. "Quindi mi ami..." disse tranquillamente Uneme iniziando a baciare il collo di Ukyo. "Mi prometti che migliorerai così potrai dimostrarmi quanto mi ami?" Uneme baciò ancora una volta le labbra di Ukyo. "Non dovrai più nascondere i tuoi sentimenti per me."

"E che mi dici di Sam?" rispose Ukyo.

"Lui sa che ti amo. Anche Sam ti ama. Tutti e tre possiamo amarci... Mi prometti che guarirai?" Ukyo annuì e Uneme gli baciò la fronte. "Quando starai bene," tubò Uneme, "ti dimostrerò quanto ci tengo a te." Uneme sorrise, lasciò la mano di Ukyo e fece scivolare lo schermo di carta dietro di lui.

Pochi giorni dopo, Ukyo era in giro, pattugliando e allenandosi con più vigore che mai. Quando Ukyo emerse dai suoi alloggi la prima persona a salutarlo con un abbraccio fu Uneme seguito da vicino da Samanosuke. Tutti e tre facevano le loro pattuglie insieme, si allenavano insieme e si amavano insieme. Per Ukyo non c'è stato momento più grande nella sua vita.

Una sera tardi, mentre riposava sul suo tatami leggendo poesie alla luce di una lanterna, Ukyo sentì bussare leggermente fuori dalla sua stanza. Posò il libro; si alzò e aprì la porta per vedere Uneme che indossava un kimono floreale di seta rosa che profumava dolcemente. Uneme entrò, chiuse la porta scorrevole e afferrò la mano di Ukyo. Tirandolo giù sul tappeto, si chinò e baciò dolcemente il suo amante sulle labbra. Il profumo di Uneme si diffondeva dolcemente dal naso di Ukyo e lui ne rimase estasiato. Lo baciò di rimando, tirò indietro il kimono di Uneme sulle sue spalle e premette lentamente le labbra contro il suo collo. Muovendosi dolcemente lungo le spalle e il petto. Uneme gemette leggermente e si appoggiò allo schienale. Ukyo mise una mano dietro la schiena di Uneme e lo avvicinò a sé. Le sue labbra continuano a baciare il suo corpo morbido e profumato. Uneme sorrise, i suoi occhi a mandorla scintillavano, i suoi capelli neri come la pece scintillavano leggermente di riflessi violacei. Uneme fece scorrere le mani sul kimono logoro di Ukyo, gli slacciò la cintura e se la tolse. Uneme premette le sue morbide labbra sul petto di Ukyo, abbassandosi lentamente verso il suo petto dove succhiò delicatamente il suo capezzolo. Alzò lo sguardo, sorridendo e continuò a succhiare e baciare il petto di Ukyo. Uneme fece scorrere le mani sulla schiena di Ukyo e si mise a cavalcioni su di lui in modo che i due fossero faccia a faccia, bocca a bocca. Uneme si tolse il resto del kimono e, con sorpresa di Ukyo, rimase nudo. Uneme sorrise timidamente mentre Ukyo osservava il suo corpo dall'alto in basso. Il suo uccello non era grande, più piccolo del suo comunque, con una chiazza di peli pubici neri proprio sopra l'uccello. Il resto del suo corpo era liscio e impeccabile. Il suo ventre piatto aveva le ossa iliache leggermente sporgenti e un sedere rotondo e perfetto. Uneme disse tranquillamente: "Sembro meraviglioso come hai sperato?" Ukyo sorrise e attirò il ragazzo verso di sé, premendo le sue labbra sulle sue e assaporando Uneme rispose: "Se i mari fossero inchiostro non potrei scrivere di quanto sei bello." Uneme sorrise dolcemente mentre toglieva l'hiragana di Ukyo. Fece scorrere le mani lungo lo stomaco di Ukyo e poi posò la bocca sul cazzo sempre sporgente di Ukyo. Cominciò baciandogli la testa, dolcemente, e poi leccando l'asta. Alzò lo sguardo con approvazione verso Ukyo che, anche se Uneme fosse pessimo nel succhiare cazzi, non glielo avrebbe mai detto. Ukyo inarcò leggermente la schiena e passò la mano tra i capelli di Uneme. Uneme aprì maggiormente la bocca e mosse lentamente la testa su e giù per l'asta di Ukyo, la bocca avvolta attorno al suo cazzo. Ukyo non poteva provare piacere migliore. Ad ogni sorso e schiaffo Ukyo gemeva leggermente mentre il ragazzo samurai succhiava sempre più forte. La sua mano che gli accarezza le palle. "Ohh.. Uneme," gemette Ukyo, "Lascia che ti succhi anche io... uhhh... per favore... lasciami."

Detto ciò, Uneme si voltò nella direzione opposta ed entrambi i samurai si girarono su un fianco. Il cazzo di Uneme era piccolo ma sodo. Ukyo si era perso a Uneme. Avvolse la bocca attorno al cazzo di Uneme e cominciò a baciargli l'asta e a succhiare forte e profondo mentre Uneme succhiava il suo stesso cazzo. Entrambi i ragazzi gemettero mentre l'altro succhiava, senza fermarsi finché Ukyo finalmente grugnì e rilasciò il suo sperma caldo nella bocca di Uneme. Ukyo continuò a succhiare Uneme ancora per qualche secondo finché Uneme non rilasciò finalmente il suo latte dal sapore dolce. Uneme leccò la testa di Ukyo e poi si voltò per baciare Ukyo che stava sudando. Premette le labbra contro le sue e tirò indietro con sé un filo del suo stesso sperma. Uneme sorrise e poi crollò accanto a Ukyo, con la mano sul petto mentre gli accarezzava i fianchi. Ukyo, così innamorato dell'esperienza, non disse nulla.

"Sai da quanto tempo desideravo farti una cosa del genere, Ukyo?" disse Uneme sottovoce. “Mi stavo allenando quando avevo nove anni e ti ho visto. Volevo che mi notassi ma non l'hai mai fatto. Ogni volta che ti guardavo, eri sempre rivolto dall'altra parte.

Ukyo aprì la bocca per parlare ma non riuscì a trovare le parole. Uneme continuò senza risposta da parte di Ukyo, "Ho sempre pensato: non gli piaccio. Lui non mi nota, ma Sam mi ha notato. Ma ogni volta che stavo con Sam, avevo sempre immaginato che fossi con te. È sciocco da parte mia dirtelo,” disse Uneme con aria da ragazzina, “ma volevo che tu sapessi che...” Ukyo gli baciò la testa e quella fu una risposta sufficiente per Uneme mentre appoggiava la testa su un muscoloso solco tra il petto e la spalla di Ukyo. Il suo braccio era appoggiato sul petto di Ukyo. Ukyo poteva ancora sentire il cazzo di Uneme, ancora bagnato di sperma, mentre premeva contro la sua coscia.

Uneme tornò la notte seguente. Questa volta profumata di lavanda mentre i due facevano l'amore con la lanterna spenta. Uneme entrò, bussando come al solito, e si diresse verso il capezzale di Ukyo. I due si baciarono e giocarono l'uno con il cazzo dell'altro finché non divennero duri. Uneme si assicurò di sputare pesantemente sul cazzo di Ukyo prima di abbassarsi lentamente su di esso. “Il suo culo è così stretto,” pensò Ukyo, “mentre l’ombra di Uneme si abbassava lentamente sul cazzo palpitante di Ukyo. Uneme fece una smorfia e disse: "Voglio che tu mi scopi, Ukyo... per favore... scopami." Entrambi i ragazzi erano in posizione verticale, Uneme si appoggiava al cazzo di Ukyo, mentre Ukyo si fidava dei suoi fianchi spingendo il suo cazzo in profondità nel culo di Uneme. "UH," grugnì Uneme mentre Ukyo continuava a spingere il suo cazzo più forte e più velocemente. Uneme si teneva in equilibrio con una mano mentre con l'altra si accarezzava il cazzo. I fianchi di Ukyo si fidavano su e giù, il suo cazzo scivolava sempre più velocemente nel buco sempre più ampio di Uneme. Alla fine Uneme si ritirò mentre Ukyo cominciava a scoparlo sempre più forte. Uneme posò una gamba sulla spalla di Ukyo e l'altra gli premette saldamente la vita, come Ukyo si fidava. Uneme continuò a masturbarsi finché finalmente il suo sperma cremoso gli venne sul petto. Ukyo continuò ancora tra gemiti, gemiti e grugniti e alla fine entrò con forza nel culo di Uneme. Ukyo si chinò sul petto di Uneme e leccò delicatamente lo sperma del suo amante prima di baciarlo. Quella notte, però, Uneme non rimase con lui. "L'avevo promesso a Sam." disse piano mentre il ragazzo e il profumo di lavanda lasciavano la stanza con il tonfo di una porta scorrevole.

Uneme era solo leggermente geloso di Sam e di quello che era successo. Ogni due notti, Uneme dormiva con Ukyo e la notte successiva tornava da Sam. In una notte in cui Uneme sarebbe tornato a Ukyo si udì un leggero colpo alla porta scorrevole di Ukyo. Lo tirò indietro per vedere Uneme. Uneme lo aprì ancora di più e c'era Samanosuke. Entrarono entrambi.

“Pensavo,” disse Uneme tranquillamente nascondendo il viso leggermente dietro Sam, “avremmo potuto stare tutti e tre insieme. Odio lasciarti sola Ukyo quando sono con Sam e non posso sopportare di lasciare Sam quando sono con te. Possiamo provarci, solo per una notte?"

Ukyo guardò Sam che sembrava più che disposto a unirsi e annuì in accordo. Il volto di Uneme si illuminò e presto i tre iniziarono a fare l'amore. Uneme ha preso la posizione tra Sam e Ukyo. Entrambi i giovani erano in piedi mentre Uneme cominciava a succhiare i loro cazzi. Passaggio tra i due. Sam posò una mano sulla spalla di Uneme e l'altra sul petto di Ukyo e cominciò a massaggiarla leggermente. Ukyo posò la mano sul petto di Sam e la appoggiò per baciarlo. Il viso di Sam era ruvido, non come quello di Uneme, ma la sua lingua era morbida mentre esplorava la bocca di Ukyo. Si tirò indietro e lo baciò di nuovo. Uneme li stava ancora succhiando, avendo molti più problemi con il cazzo molto più grande di Sam. Sam sorrise a Ukyo: "Il tuo bacio è carino." Disse mentre si chinava per prenderne un altro. Per Ukyo non c'era piacere migliore. Non aveva mai sperimentato questo tipo di romanticismo, questo tipo di fare l'amore. Si dice che l'amore tra due uomini rafforzi i legami, e lui sapeva che il legame tra loro tre non avrebbe mai potuto essere spezzato, non con quello che stavano facendo. Alla fine, Sam stava infilando il suo enorme cazzo nel culo di Uneme mentre Uneme succhiava lentamente Ukyo. La sua bocca che scorreva lungo l'asta si fermava di tanto in tanto per emettere un gemito o un gemito quando Sam andava in profondità. Dopo un'ora, Ukyo ha rilasciato un getto di sperma sul viso di Uneme e Sam è uscito in tempo per sparare il più grande flusso di sperma che Ukyo avesse mai visto. Salì sul collo di Uneme e viaggiò fino al suo stomaco dove gli avanzi cominciavano a formare una pozza nell'ombelico di Uneme. Uneme raccolse lo sperma dei suoi amanti e lo mangiò. Poi succhiò lo sperma rimasto da entrambi i cazzi e tutti e tre crollarono sul materasso di paglia di Ukyo. Dopo quella notte i tre dormivano sempre insieme. Nessuno dei due lo sarebbe senza Uneme.

Ce n'era un altro che invidiava il triangolo amoroso di Uneme, Ukyo e Sam. Era un capitano che osservava Uneme da anni. C'è stato un tempo in cui il Capitano Shyuzen Hosono aveva la meglio su Uneme. Quando era solo un ragazzo, Shyuzen violentava Uneme, spesso costringendolo a bere il suo sperma o ad essere brutalmente scopato. Per Uneme è stato umiliante. Shyuzen spesso ripensava a quei tempi come a un affettuoso ricordo di come aveva avuto per la prima volta il ragazzo che tutti invidiano. Quando ha visto Uneme per la prima volta, è stato gentile con lui e Uneme ha ricambiato. Una notte, Shyuzen portò il ragazzo nella sua stanza e lo violentò brutalmente. Mentre Uneme giaceva piangendo, Shyuzen immergeva il suo cazzo in profondità nel culetto del ragazzo, strappandolo e strappandolo mentre si costringeva a entrare. Quando Uneme urlava di dolore, Shyuzen lo colpiva con il calcio della sua spada facendolo perdere i sensi. Spesso lasciava il ragazzo in una pozza di sangue e sperma. Man mano che Uneme cresceva, trovò compagnia in altri samurai che erano molto più abili di Shyuzen. Shyuzen desiderava ancora il ragazzo che una volta aveva accarezzato e umiliato.

Anche adesso, Shyuzen ricordava a Uneme cosa poteva fargli e tutto ciò che Uneme poteva fare era voltare le spalle. Un giorno d'autunno, Shyuzen fece un commento che mandò su tutte le furie Ukyo. Shyuzen aveva menzionato ai suoi coetanei quanto fosse pietoso Uneme e quanto dovesse essere orribile come guerriero dal momento che da ragazzo non poteva difendersi. Ukyo, non volendo altro che tagliare il sorriso stupido dalla faccia di Shyuzen, si lanciò contro di lui ma venne colpito in faccia dalla sua guardia. Shyuzen sorrise e disse con la sua voce profonda a Uneme: “Forse se lo uccido stasera posso sostituirlo. Hmm?" Shyuzen rise e si allontanò con le sue guardie descrivendo in dettagli umilianti come costringeva il bambino Uneme a fare sesso con lui.

Quella notte, Uneme non avrebbe permesso che tale mancanza di rispetto continuasse. Umiliarlo era una cosa, ma umiliare il suo amante era un'altra. Si vestì con il suo kimono più bello, quello floreale con cui lui e Ukyo avevano fatto l'amore per la prima volta, e indossò la sua katana e il wakazashi prima di spalmargli il profumo. Era quello dolce e floreale che Ukyo e Sam adoravano. Poi si diresse verso gli alloggi di Shyuzen, molto lontano dai suoi, e salì coraggiosamente le scale dove due delle sue guardie lo stavano aspettando. Con rapida precisione, la spada di Uneme scivolò lungo l'inguine della guardia e, come un rasoio, gli attraversò il petto e schizzò sangue sui gradini di pietra. Con il suo wakazashi più piccolo lo mise saldamente nel collo dell'altra guardia e lo liberò con un'onda sanguinosa. Aprì la porta per vedere il Capitano pregare e disse con la sua dolce voce da ragazzina: “La tua spada Shyuzen. Prendilo." Shyuzen si voltò sorpreso e raccolse la spada. “Vuoi che ti dia piacere ancora, ragazzo?? Ti è piaciuto la prima volta, eh?" Shyuzen rise e disse minacciosamente: “Quando avrò finito con te ucciderò anche Ukyo e Samanosuke. Che mancanza di rispetto, ragazzo...” e poi attaccò il calmo Uneme. Le loro spade si scontrarono e Uneme rotolò in avanti evitando un rapido attacco frontale da parte di Shyuzen. Shyuzen si voltò con una manovra con la spada rotante, in cui Uneme bloccò con grazia. Shyuzen fece un affondo, la sua spada mancò il corpo di Uneme ma penetrò attraverso le lunghe maniche del suo kimono. Uneme si voltò, strappando la katana dalla mano di Shyuzen lasciandolo disarmato. Con un rapido affondo della sua stessa spada, Uneme decapitò Shyuzen mandando sangue sugli schermi di carta di riso e su tutto Uneme. Il resto del castello udì il trambusto e rimase senza parole nel vedere la bellissima Uneme ricoperta di sangue. Uneme disse coraggiosamente con la sua solita voce dolce: "Le mie azioni non saranno messe in discussione perché domani commetterò seppuku". E venne il mattino...

È tradizione che un Samurai commetta seppuku se non desidera che le sue azioni vengano messe in discussione. Il Daimyo non ha chiesto a Uneme perché avesse ucciso Shyuzen. Il ragazzo stava per uccidersi davanti a tutti per dimostrare che il suo onore era ancora intatto. È tradizione scrivere una poesia prima di uccidersi nello stile del seppuku e Uneme scrisse questo:

“I fiori aspettano la prossima primavera;
Confidando che le stesse mani li accarezzeranno.
Ma il cuore degli uomini non sarà più tale,
E solo tu saprai che tutto cambia,
Oh, amare i poveri uomini.

Con queste ultime parole, Uneme tirò fuori una lama, ricoperta da un tessuto bianco che ne esponeva solo pochi centimetri. Fece scorrere la lama lungo il suo stomaco da sinistra a destra, cercando con tutte le sue forze di non vacillare mentre il suo corpo tremava dal dolore. Fece scorrere la lama dal lato opposto, sforzandosi di non sussultare o piangere. Cercando di essere coraggioso per Ukyo e Sam mentre guardavano impotenti. Alla fine attese che il Kaishaku gli tagliasse la testa e ponesse fine alla sua miseria. Prima che ciò potesse accadere, Ukyo corse fuori dalla folla e si inginocchiò accanto al suo amante. "Io vado ovunque tu vada," disse Ukyo sorridendo a Uneme mentre anche lui si conficcava una spada nello stomaco. I due amanti sedevano sanguinanti mentre il kaishaku tagliava loro la testa. Prima di Uneme e poi di Ukyo. Il castello rimase buio per i prossimi giorni. I samurai seppellivano i loro compagni che si amavano e davano loro una tomba speciale. Shyuzen non avrebbe ricevuto tale rispetto. Senza i suoi amanti, Sam sprofondò in una depressione e alla fine commise seppuku davanti alle loro tombe solo due settimane dopo la loro morte. Fu sepolto con loro, i tre amanti dormiranno insieme per sempre.

Ancora oggi in Giappone esistono le tombe dei tre amanti samurai. Sulla lapide si legge la poesia di Uneme. Una testimonianza dell'onore e dell'amore tra i samurai.

Storie simili

Non c'era altro modo Pt. II

Perché, pensavo volessi scoparti mia moglie? L'uomo con la pistola ha risposto: Lo faremo, e tu puoi succhiarmi il cazzo mentre quei due fanno a modo loro, altrimenti Tom! Faresti meglio a fare come dico ventosa! Ho guardato mio marito incredulo per quello che stavo sentendo, un uomo che gli diceva di succhiargli il cazzo ma poi c'era di nuovo coinvolta una pistola. Le mani che mi stavano afferrando il culo e spingendo il loro cazzo dentro di me fino in fondo e poi macinando hanno iniziato a tirarsi fuori. Stava guardando l'uomo armato e l'ho sentito dire: Ecco, lascia che...

595 I più visti

Likes 0

Memorie

Estratto dalle memorie di Stan R. Shealton, autore pubblicato: ...poche ore dopo, scappando lentamente dal sogno, mi sono sentito come se stessi lasciando un posto in cui ero stato per anni, come se appartenessi a quel posto. Mi sono svegliato con le immagini ancora nella mia visione e la sensazione più sensuale delle onde di succosa umidità che scorre sul mio corpo. Continuai a gemere in modo incontrollabile, i miei piedi affondavano nel materasso permettendo ai miei fianchi di fluire in avanti, ancora e ancora. Rendendomi conto in quel momento che stavo stringendo qualcosa, abbassai lo sguardo per vedere gli occhi...

627 I più visti

Likes 0

Stanze dell'orrore e delle delizie stanza 2

Jennifer stava camminando con i suoi amici nel centro commerciale e stava facendo battute per il divertimento dei suoi amici. Giovani adolescenti le passavano accanto e le facevano cenni del capo, o strizzatine d'occhio, flirtando con lei. Le piaceva l'attenzione. Un ragazzo le fece cenno di avvicinarsi. Era perfetto: capelli biondi e occhi azzurri, alto un metro e ottanta e muscoloso. La raggiunse per parlare, quando improvvisamente si trasformò nella creatura che lei temeva di più: l'enorme uomo deforme con il cazzo enorme. Si lanciò verso di lei... Jennifer sussultò e si svegliò con un grido terrorizzato. Ancora ansimante, improvvisamente ricordò...

906 I più visti

Likes 0

Poteri espliciti

Questa è la mia prima storia in assoluto, l'ho riletta ma per favore non voglio che un gruppo di insegnanti di inglese abusi della mia grammatica. Le critiche costruttive vanno bene, ma nessuna roba del genere era merda, ecc. Avevo sempre saputo di essere speciale da bambino mentre crescevo. Non solo perché era quello che dicevano i miei genitori, ma perché sapevo di avere questi poteri. Ho scoperto che potevo plasmare il cambiamento alla giovane età di 13 anni, ma sapendo già cosa succede ai mostri con poteri del genere, l'ho tenuto per me. Ovviamente questo è anche il momento in...

680 I più visti

Likes 0

Un volo da ricordare

La mia esperienza ad alta quota Ho trascorso l'estate all'Università della California a Berkeley, studiando arabo, quando sono dovuto tornare a casa in Alabama. I miei numerosi voli in coincidenza hanno reso la tariffa più economica, ma ci è voluto molto più tempo per tornare a casa. Non sapevo che più tardi quel giorno avrei voluto avere più tempo su uno dei miei voli, non di meno. Salii su un aereo del Southwest in Arizona, diretto a Birmingham nel primo pomeriggio, e scelsi un posto vicino al retro dell'aereo. Ho tirato fuori un libro e avevo appena finito le prime pagine...

207 I più visti

Likes 0

Visitare un amico speciale

Ho bussato al cancello di metallo. Era un bungalow piuttosto grande circondato da muri di mattoni con glassa di filo spinato. Il mio cuore batteva. Tutto quello che sentivo era la paura di essere rifiutato o qualcosa del genere. Fortunatamente, suo fratello maggiore, Suleman, ha aperto la porta. Era un ragazzo con un carattere freddo e una corporatura piuttosto muscolosa, quindi ha mantenuto la sua posizione. Mi guardò con giudizio per un momento, sorrise e mi diede una stretta di mano. Ei, cosa ci fai qui? Sono qui per far visita a tua sorella... mi smorzai, sapendo quanto fosse insolito per...

1.2K I più visti

Likes 0

Lamenti di un PSO

Lamenti di un PSO Voglio dire, lo faccio per vivere, sai? Non fraintendermi, può essere divertente, infatti, è soprattutto divertente. Ma ci sono alcuni giorni, e alcuni chiamanti, che ti fanno impazzire. Capisco i feticci, diavolo questo è il mio lavoro, e sono dannatamente bravo a farlo, se lo dico io stesso. Ma per l'amor di Dio, ci sono solo alcune cose che non posso fare. Il che mi porta a questo dilemma. Ho questo chiamante, sembra abbastanza gentile, è un cliente abituale e chiama da un po'. Ma ha questa ossessione con cui non posso proprio aiutarlo. So cosa stai...

872 I più visti

Likes 0

Femmina sensuale

Nome: Susan Dini Età: 36 Razza: caucasica Misure: busto 34, vita 25, fianchi 35 Altezza: 5'-4 Peso: 120 libbre. Sono sessualmente attivo da 19 anni avendo avuto le mie prime esperienze sessuali all'età di 15 anni. Sono felice di dire che ho un livello molto alto di desiderio sessuale. Ci sono alcuni che potrebbero considerarmi una ninfomane, tuttavia considero il mio desiderio sessuale molto sano. Ci sono momenti, anche se per fortuna non molto spesso, in cui sono letargico riguardo al sesso. Non riesco nemmeno a immaginare quanti partner sessuali ho avuto nel corso degli anni. Non riesco nemmeno a immaginare...

954 I più visti

Likes 0

RIPENSANDO pt2

Per chi è nuovo a questa storia, lascia che ti raggiunga. Avevo perso mia moglie, Tina più di un anno fa, a causa di un asino che guidava ubriaco, avevo comprato una nuova bici e mi ero messo in viaggio, il mio modo di farcela credo, mi sono imbattuto in Jenny lungo l'autostrada con il suo ragazzo violento e lei ha guidato via con me e abbiamo iniziato una meravigliosa vita di avventure. Mentre giravamo l'angolo verso la casa del suo ex fidanzato, potevo sentirla irrigidirsi e tenermi molto più stretta, cosa che non mi importava perché i suoi capezzoli duri...

771 I più visti

Likes 0

Il risveglio gay di James

James era un ragazzo normale, beh giovane adulto. Aveva 18 anni e frequentava l'ultimo anno di scuola. James era alto 6 piedi e una corporatura media, a scuola non era né popolare né impopolare, solo uno dei ragazzi che sembravano mimetizzarsi. Non ha mai avuto una ragazza a scuola, in parte a causa della sua mancanza di fiducia in se stesso, e in parte a causa della sua mancanza di fiducia nel suo cazzo da 5 pollici. Aveva una sorella, Claire, che era due anni sotto di lui a scuola, 16 anni. Era molto più popolare di lui, ma nonostante questo...

774 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.