Esploratore mercenario

81Report
Esploratore mercenario

Mi chiamo Hunter Silvan. Ho diciannove anni e avevo appena finito di seppellire l'ultimo membro della mia famiglia. Viviamo qui, ai piedi delle montagne settentrionali, da dieci generazioni. Sono cresciuto imparando a combattere, seguire e cacciare, mia madre si era assicurata che sapessi anche leggere e scrivere. La vita intorno all'unico valico fuori dal nord era sempre dura. Oltre al King's Keep pieno di soldati, c'erano continue incursioni di elfi oscuri, orchi o goblin, occasionalmente c'erano troll o leoni dai denti lunghi.

Mi raddrizzai e guardai attraverso i campi nella valle sottostante per vedere una grande città. Era qui che mi era stato detto che svernavano le compagnie di mercenari. Cercavo lavoro come scout e mi sono messo in cammino tirando il cavallo da soma con tutto quello che possedevo.

Portavo il mio arco lungo, era fatto di Cipro dorata e ci avevo messo un anno a costruirlo. Sulla mia coscia destra c'era un lungo coltello leggermente ricurvo, sul petto con l'elsa in basso ce n'era un altro. I miei mocassini erano fatti di pelle di troll. Feci un cenno alle guardie alla porta della città: "Sto cercando le compagnie mercenarie".

Uno più grande sorrise ma il più giovane sbuffò e iniziò a dire qualcosa. Il vecchio mise la mano sulla spalla del più giovane, “fai il giro verso est e troverai diversi accampamenti. Prova la compagnia di Trevor Macbane.

Annuii e mi voltai per dirigermi verso le mura della città. Dietro di me ho sentito il vecchio soldato, "viene da King's Pass".

Ho sorriso ma ho continuato e finalmente sono arrivato ai campi. Gli uomini sembravano stare sdraiati e non fare nulla nei primi due campi. Aggrottai la fronte e li oltrepassai prima di fermarmi accanto a un altro. Feci un cenno a un omone che affilava una spada: "Sto cercando la compagnia di Trevor Macbane".

Alzò lo sguardo e si bloccò prima di voltarsi a gesticolare, "due accampamenti in basso e in uno".

Ho annuito mentre tiravo la corda di piombo, "Grazie".

Sorrise, "in qualsiasi momento".

Quando ho raggiunto il campo sembrava quasi vuoto. Alcuni uomini si stavano esercitando con gli archi e un altro impennava le frecce. Mi diressi verso quello che impennava le frecce e lui mi lanciò un'occhiata. Sembrava sorpreso e si voltò, "TREVOR!"

Lo guardai e poi guardai la grande tenda quando ne uscì un uomo dall'aspetto basso. Esitò e poi sorrise mentre camminava verso di me. Guardai i lunghi coltelli gemelli che erano come i miei e poi la sua faccia. Si fermò e mi guardò dall'alto in basso, "un Silvano".

Ho annuito, "l'ultimo".

Si accigliò e scosse la testa, "è un peccato, la tua famiglia era la migliore".

Ho annuito e lui ha guardato il mio cavallo: "Cerchi lavoro?"

Annuii di nuovo e lui sorrise e si voltò: "COMPAGNIA!"

Mi guardai intorno mentre gli uomini cominciavano ad apparire dalle tende. Si sono fermati a guardarmi e Trevor ha fatto un gesto, "lascia il cavallo".

Mi girai per toccare il collo del cavallo e sussurrare un comando. Ho rilasciato la corda e mi sono rivolto a Trevor. Sorrise e annuì prima di guardare il bersaglio lontano, "hai bisogno che lo sposti indietro?"

Lo guardai e annuii, "altri cinquanta passi".

La compagnia mormorò mentre tre uomini trotterellavano verso il bersaglio e lo tiravano indietro. Quando si sono allontanati ho guardato Trevor, "Tre?"

Lui annuì e io estrassi una freccia dalla faretra che avevo in vita. L'ho adattato alla corda dell'arco e con un solo movimento ho sollevato l'arco, ho tirato indietro la corda e l'ho rilasciata. Non ho aspettato e ho tirato un'altra freccia ed è andata veloce dopo la prima e poi una terza ha seguito le altre due. Ho guardato Trevor mentre rideva e guardava la compagnia, "ecco perché gli uomini di King's Pass sono i migliori".

Mi tese la mano per prendere il mio arco e io esitai prima di porgerglielo. Lo esaminò attentamente prima di sospirare e restituirlo, "molto bello".

Guardò il mio cavallo con la lunga custodia di pelle, "l'altro?"

Ho guardato indietro: "Black Cyprus, di mio padre".

Annuì: "Pago una corona d'oro ogni mese".

Ho sorriso, "quando partiamo?"

Trevor sorrise: "Domani".

Si guardò intorno, "Drake, Dillon e Thomas, state esplorando con Silvan."

Ho guardato i tre uomini che gli avevano risposto e poi lui: "Puoi chiamarmi Hunter".

Tutti tacquero e lui mi guardò attentamente: "Hunter è stato quello che ha ucciso due troll ai cancelli della Fortezza lo scorso inverno".

Ho sorriso leggermente: "Non erano i miei primi".

Mi guardò di nuovo e poi rise mentre si voltava: "Peter, trovagli una tenda".

Ho seguito Peter, un uomo dai capelli biondi con le spade corte incrociate. Ho dato un'occhiata alla tenda piegata prima di scuotere la testa: "Userò la mia".

Lui annuì, "Il carro di Cook è dietro..."

Ho sorriso, "la tenda del comandante".

Mi guardò e mi toccai il naso, sorrise e si voltò. Scaricai il mio cavallo e misi tutto accanto al mio telo da terra. Ho condotto il cavallo al picchetto e l'ho legato prima di infilarmi un sacco di mangime. Tornai alle mie cose e mi sedetti per un minuto prima di sospirare e aprire un lungo pacco. Ho iniziato a mettere insieme le cose e ho ignorato gli sguardi che stavo ricevendo.

Quando ebbi finito, mi fermai davanti e raccolsi uno dei lunghi rami dritti che avevo raccolto mentre camminavo. L'ho messo nel tornio e l'ho regolato prima di usare il pedale e tirare fuori uno scalpello. Continuavo a ignorare gli altri uomini mentre si radunavano intorno e continuavano a lavorare il ramo fino a trasformarlo in una liscia asta di freccia. L'ho tirato fuori e l'ho asciugato mentre lo controllavo e poi l'ho fatto scivolare nello zaino con le altre aste delle frecce. Trevor si schiarì la gola: "Fai tu le tue frecce?"

Lo guardai prima di estrarre una freccia dalla mia faretra e porgergliela. Lo prese e sorrise mentre chiudeva gli occhi e lasciava che la sua mano toccasse la freccia. Aprì gli occhi e restituì la freccia: "Questo non mi è mai stato insegnato".

Lanciai un'occhiata agli altri uomini: "Il mio bis, bisnonno ha preso il tornio da un nano e gli è stato insegnato come usarlo da un elfo".

Tutti annuirono e io mi voltai per prendere un altro ramo: “Devi usare rami stagionati il ​​più dritti che riesci a trovare. Li giro un po' più stretti della maggior parte dei simili, ma tendono a volare più veloci e più dritti.

Mi sono guardato intorno mentre iniziavo a radere il ramo verso il basso, "Per restringersi e si rompono o si frantumano quando colpiscono".

Stavano annuendo mentre tornavo a quello che stavo facendo: “Uso le trappole per catturare gli uccelli o uso una fionda. Taglio le penne in modo che siano uniformi e volo allo stesso modo ogni volta.

Ho fatto un cenno al mio zaino, "Mescolo anche diversi minerali per ottenere una punta più leggera e più forte."

Ne ho fatti dieci prima di fermarmi, Trevor aveva fatto a pezzi gli uomini ma alcuni avevano ancora guardato. Da dietro la tenda di Trevor giunse un rumore metallico e tutti si alzarono e iniziarono a camminare. Un uomo con i capelli all'indietro sorrise mentre passava, "questo è per farci sapere a noi idioti sordi e muti che è ora di mangiare".

Ho sorriso e l'ho seguito al carro del cuoco. Dopo cena riposi il tornio, mi stiracchiai e cominciai gli esercizi che mi erano stati insegnati da ragazzino. Quando Trevor è scivolato nella danza marziale, mi sono mosso con i suoi movimenti fluidi. Lui era il mio specchio e io il suo. Quando ha fatto un passo indietro e si è allontanato, sono passato a uno schema diverso, uno praticato solo dalla mia famiglia.

Quando mi sono fermato e ho iniziato ad allungarmi lentamente, Trevor si è inchinato, "grazie, sono passati molti anni dall'ultima volta che ho avuto qualcuno con cui esercitarmi".

Annuii mentre mi spogliavo e mi sedevo, chiudendo gli occhi mentre gli altri miei sensi si estendevano intorno a me. Quando ho aperto gli occhi, Trevor era seduto di fronte a me, "gli altri esercizi che non conoscevo o quello che stavi facendo".

Ho sorriso: “L'altro era quello che la mia famiglia pratica e pratica da dieci generazioni. Per quanto riguarda quello che stavo facendo, stavo... ascoltando e sentendo ciò che ci circonda.

Annuì prima di alzarsi: “Beh, grazie ancora. Incontriamoci domattina così posso mostrarti dove voglio che tu esplori.

Annuii e mi alzai per vestirmi ora che ero più figo. Tirai fuori la grande roccia rossa vitrea che avevo messo via e poi la custodia sottile con i miei strumenti per intagliare le gemme. Tutta la parte superiore della roccia sembrava una minuscola rete di catene. Mi sono guardato intorno mentre mi sedevo e poi mi sono concentrato su quello che stavo facendo. Erano piccoli movimenti che scolpivano i collegamenti nella rete. Quando ha cominciato a fare buio mi sono fermato e ho messo via tutto.

Sono andato a controllare il mio cavallo e ho scoperto che qualcuno aveva rimosso la sacca del mangime e l'aveva legata accanto alla corda di piombo. Un mucchio di erba verde era vicino alla sua testa e stava mangiando. Mi sdraiai sul mio telo da terra e fissai le stelle mentre apparivano. I suoni di centinaia di uomini intorno a me erano qualcosa a cui non ero abituato. L'ombra che si è insinuata nel campo nel cuore della notte mi ha fatto alzare in piedi.

Mi sono mosso attraverso le ombre in silenzio. Mi sono mosso davanti alla forma simile a un uomo prima che potesse entrare nella tenda di Trevor, "la tua gente non è la benvenuta qui".

L'elfo oscuro esitò, "questa non è una tua preoccupazione, uomo Silvan."

Ho sorriso: "Sono promesso a lui".

L'elfo si spostò, "è privato".

Mi girai leggermente quando Trevor scivolò fuori accanto a me. Fece un cenno all'elfo, "fratello".

Mi voltai a guardarlo ma l'elfo mi ignorò, “altri verranno a prenderti. Tua madre ha fatto il suo viaggio con mio padre.»

Trevor guardò in basso, "erano sempre felici insieme".

L'elfo annuì e si raddrizzò: "Adesso vado dai nostri fratelli".

Lo guardai bruscamente, "ti uccideranno a vista".

Chinò la testa, "forse ma non posso più seguire il sentiero oscuro".

Mi girai e guardai nella notte prima di prendere con riluttanza la collana con la catena di pietre che indossavo. Era verde pallido con un piccolo cristallo blu. L'ho teso, “a ovest di qui al giorno c'è una pietra della pace. Metti questo sulla pietra e siediti. Aspetta i tuoi fratelli e di' a quello che verrà che ho detto che il suo debito è stato pagato».

L'elfo scuro guardò me e poi la collana prima di prenderla lentamente. Diedi un'occhiata a Trevor prima di tornare alla mia tovaglia. Mi sono sdraiato e rilassato mentre guardavo le stelle e ascoltavo la notte. Mi sono alzato presto e ho fatto le valigie. Sellai il mio cavallo e poi caricai la bisaccia prima di andare dal cuoco che era in piedi da un po'. Ho accettato due panini caldi ripieni di pancetta calda e formaggio.

Sono scivolato nella tenda di Trevor e ho fatto un cenno agli altri uomini. Trevor ha usato un piccolo tavolo da mappa e ha iniziato a mostrare a ognuno di noi dove voleva che esplorassimo. Dopo aver finito, sono uscito e mi sono stirato prima di uscire dal campo. Una volta che fui libero dalla gente, andai al trotto lento. Quando raggiunsi la radura verso cui eravamo diretti, feci un controllo prima di accovacciarmi accanto a un albero.

Passò un'ora prima che uno degli altri raggiungesse la radura. Drake entrò nella radura con calma e si guardò intorno compiaciuto. Mi schiarii la gola e lui si girò mentre sollevava l'arco. Scossi la testa e lui sorrise, "da quanto tempo sei qui?"

Ho alzato le spalle: "Per un po', abbastanza a lungo da vedere passare un piccolo gruppo di ladri di strada".

Si accigliò e si guardò intorno prima di avvicinarsi a me e sedersi accanto a me. Abbiamo guardato Dillon e Thomas muoversi nella radura prima di uscire un po' più tardi. Drake ridacchiò quando Thomas disse che erano stati i primi. Si voltarono per vederci prima di sorridere. Mi sono alzato, "Tornerò".

Scivolai nel bosco e cominciai una lenta camminata intorno alla radura. Ho preso alcuni uccelli con la mia fionda prima che i boschi intorno a me si calmassero. Mi sono spostato e ho ascoltato attentamente prima di muovermi improvvisamente e iniziare a correre, "ORCHI!"

Spesse frecce nere che si muovevano lentamente oltrepassarono il punto in cui ero stato e molte altre volarono dietro di me mentre correvo. Il ruggito e le grida mentre cominciavano a inseguirmi era qualcosa che avevo sentito molte volte. Potevo vedere Drake, Dillon e Thomas con i loro archi pronti mentre correvo fuori e giravo. Ero accanto a una grande quercia e ho iniziato a scoccare frecce mentre il piccolo gruppo di cacciatori di orchi si precipitava verso di noi.

Ce n'erano forse venti e poi una dozzina o meno mentre lanciavo l'arco dietro di me e tiravo fuori i coltelli. Mi sono mosso nella danza mortale, facendo scivolare via una pesante scimitarra mentre aprivo lo stomaco di un orco. Ho tagliato la gola a un altro mentre scivolavo in avanti e mi giravo per pugnalarne uno al collo e strappare il coltello. Mi girai per evitare un'altra scimitarra e allungai la mano per aprirne l'interno coscia.

Ho pugnalato il suo braccio e mi sono contorto mentre gli passavo accanto e gli tagliavo la gola. Mi voltai, bloccando un'altra spada e prendendo la mano che la impugnava. Spinsi l'orco urlante su una spada in affondo e lo oltrepassai per prendere un orco che sollevava una spada per colpire Drake e mi voltai per pugnalarne un altro sotto un orecchio. Mi sono mosso verso un ultimo orco che si stava voltando per correre quando Thomas gli ha trapassato la spina dorsale con una freccia.

Mi raddrizzai e mi guardai intorno prima di inginocchiarmi per pulire i miei coltelli. Ho ignorato gli orchi morenti mentre Drake, Dillon e Thomas si assicuravano che fossero morti. Sono andato a prendere il mio arco e ispezionarlo prima di voltarmi e tornare nel bosco. Mi sono assicurato che quelli colpiti dalle frecce fossero morti prima di estrarre le mie frecce. Li ho controllati e ho rimosso le teste prima di spezzarli.

Tornai dagli altri mentre trascinavano i corpi più in profondità nel bosco. Ho aiutato e poi abbiamo aspettato e finalmente la compagnia ha iniziato ad arrivare. Trevor si guardò intorno mentre scendeva, "Puzza di sangue e merda".

Dillon ridacchiò: "Abbiamo fatto un piccolo ballo con alcuni orchi".

Trevor si guardò di nuovo intorno: "Scout?"

Scossi la testa: "Una festa di caccia".

Sbuffò: "Il loro nido è a un paio di giorni da qui".

Ho annuito ma Drake ha risposto: "Ci sono state segnalazioni in città di battute di caccia".

Trevor annuì: "Li ho sentiti".

Thomas si schiarì la gola: "Dovrebbe andar bene se mettiamo delle guardie".

Quella sera mi sono preso il mio tempo, strappando le piume e sostituendo le frecce che avevo usato. Ho pulito le vecchie punte di freccia e ho fatto qualche altra asta prima di impacchettare tutto. Il giorno dopo stavo esplorando il fianco, ma l'unica cosa che ho visto è stata una lince rossa solitaria. Siamo entrati negli enormi terreni agricoli del regno e l'esplorazione non era davvero necessaria.

La città di Black Rock era enorme, con alte mura di pietra e torri. Trevor era andato avanti stamattina, ma quando siamo arrivati ​​stava aspettando al cancello. Stavo camminando accanto al carro del cuoco mentre ci muovevamo per le strade acciottolate. Stavo cercando di non guardare tutto quando siamo entrati in una grande piazza. Stavamo passando davanti a una grande fontana con una piscina intorno quando un giovane nobile si voltò e lanciò un sasso.

La mia reazione fu automatica, la mia mano fece scattare il sasso in aria prima che potesse colpire il cavallo che tirava il carro, mi girai e lo lanciai indietro. Il nobile urlò quando lo colpì e molti degli altri ragazzi estrassero le spade. Mi sono allontanato dal carro dopo essermi girato per lanciare il mio arco al guidatore. Stavo andando verso gli uomini mentre tiravo fuori i coltelli. Una voce forte si incrinò sopra le voci della folla, "STOP!"

I nobili si bloccarono e si voltarono a guardare. Mi sono fermato e ho guardato l'uomo e ho sorriso leggermente. Era ben vestito ma basso e molto tarchiato. Sorrise mentre ignorava i nobili, "Pensavo fossi ancora a nord di Silvan."

Mi inchinai: "Mio padre alla fine è morto e il tuo duca ha inviato un avviso che non eravamo più necessari".

Sospirò mentre si fermava: "Penso che sia stato un errore".

Si rivolse ai nobili ragazzi: “Siete estremamente fortunati. Questo è Hunter Silvan e se avesse voluto, saresti morto qui oggi. Ora vai al campo di pratica e aspettami.

L'ho guardato e lui ha sorriso quando si è voltato: "Devo insegnare a questi nuovi lord".

Scossi la testa e mi girai mentre Trevor veniva verso di noi. Sorrisi: "Lord Devan, questo è Trevor, il comandante della mia compagnia".

Trevor sorrise e si inchinò: "Mio signore, ho sentito parlare di te".

Devon annuì prima di guardarmi: "Gli Elfi si stanno radunando per un'incursione nel Trenadal".

Ho guardato Trevor che sembrava interessato, “Perché adesso? I boschi profondi sono stati silenziosi.

Devon guardò Trevor: "Grandi gruppi di orchi, goblin ed elfi oscuri stanno facendo irruzione nelle fattorie confinanti".

Trevor si schiarì la gola: "Il re ha intenzione di inviare truppe?"

Devon sorrise: "Vieni a trovarmi stasera".

Mi guardò, "abbiamo saputo che gli elfi oscuri stavano inviando una festa di sangue per te."

Sorrisi: “L'hanno fatto, ero a nord del passo a caccia di un dente lungo ferito. Li ha trovati quando l'ho trovato io.

Devon rise e scosse la testa, "e probabilmente ti sei seduto e hai aspettato prima di andare ad aiutare il leone."

Ho riso e lui ha sospirato: "Va bene Silvan".

Annuii e Trevor sorrise: "Questo potrebbe farci risparmiare una lunga marcia verso Crow Peak".

Si voltò e salutò mentre si avviava verso la parte anteriore della colonna. Tornai al carro e accettai il mio inchino prima di iniziare a camminarci accanto. Ci accampiamo fuori dalle mura della città. Ho iniziato a creare più frecce, se ci fosse stato un combattimento avrei potuto averne bisogno. Sono sgattaiolato fuori dall'accampamento verso mezzogiorno e sono tornato in città finché non ho trovato un fabbro. Ho dovuto contrattare con lui prima che mi lasciasse usare la sua bottega e la sua fucina. Ho mescolato trucioli fini di diversi metalli prima di metterli nella fucina per scioglierli.

I lunghi stampi argentati che usavo erano nella mia famiglia da molto tempo. Erano stati fatti per noi da una famiglia di nani che ha ancora un debito con noi. Quando sono uscito dal negozio era pomeriggio inoltrato, mi sono fermato accanto al mio telo da terra e ho guardato il cielo che si oscurava. Avvicinai i miei zaini e tirai fuori la leggera tenda a cupola. Diversi tasselli di legno elastici si infilarono nelle maniche prima che gettassi dentro il mio telo da terra e poi i miei zaini.

Gli altri uomini avevano guardato e sorriso mentre scuotevano la testa. Ho coperto la cupola con il suo telo antipioggia che era solo un altro panno leggero. Sono andato a mangiare prima di tornare a infilarmi nella mia tenda. Trevor ci ha tenuti lì per tre giorni mentre pioveva e ha parlato con Lord Devon e Duke Merral. La mattina del quarto giorno abbiamo fatto le valigie e ci siamo diretti a ovest verso il Trenadal.

Il Trenadal era antico, era una vasta foresta in cui pochi uomini si avventurano molto lontano. Facemmo a turno per esplorare in anticipo e una settimana dopo arrivammo al grande Watcher's Keep. Un esercito di uomini ed elfi riempì l'area intorno all'imponente Fortezza. Ci siamo accampati sul lato della foresta mentre Trevor andava a parlare con gli altri comandanti.

Stavo usando il tornio quando il gruppetto di elfi si fermò accanto a me. Ho sorriso e ho continuato quello che stavo facendo, "Sembri molto meglio dell'ultima volta Silver."

Diversi risero mentre quello davanti sorrideva, "essere sbranato da un lungo dente tende a farmi arruffare".

Gli lanciai un'occhiata e, oltre di lui, l'ex elfo oscuro: "Sei arrivato in fretta".

L'elfo seguì il mio sguardo e annuì: "E mi ritrovo ulteriormente in debito con te".

Ho sorriso mentre tornavo al pozzo su cui stavo lavorando, "E qui ho pensato di darti la possibilità di ridurlo."

Si accovacciò dietro di me, "Questo è serio Hunter."

Sbuffai: "Serio è affrontare un troll e dimenticare il tuo coltello".

Lui sorrise: "Avevo la febbre, ricordi?"

Lanciai un'occhiata agli altri elfi dall'aria seria, “era e sarà sempre il lavoro della mia vita riportare l'equilibrio. I tuoi fratelli seguono una falsa strada. Se posso aiutare uno a tornare da quello giusto, allora ho fatto quello che dovevo fare.

Lui annuì e mi mise una mano sulla spalla, "forse ma questa volta anche il nostro re si sentirà in debito con te".

Lanciai un'occhiata a lui e poi agli altri prima di annuire. Alla fine sorrisi: "Non sapresti per caso dov'è un albero di legno di ferro bianco?"

Sorrise, "speri ancora di fare l'arco perfetto?"

Ho alzato le spalle e mi sono voltato per togliere la nuova asta della freccia, "Quindi la tua gente inizierà a fare irruzione nel Trenadal?"

Annuì: “I nostri fratelli e gli altri sporchi hanno causato abbastanza caos. Cercheremo di ristabilire l'equilibrio".

Ho sorriso mentre inserivo un nuovo bastone nel tornio: "Poi ci rivedremo e forse posso insegnarti il ​​modo corretto di ballare".

Rise mentre si alzava: "Non vedo l'ora".

Li ho visti andarsene prima di finire e mettere via tutto. Trevor è tornato al campo e ha chiamato tutti. Avremmo iniziato la nostra ricognizione la mattina dopo. Era appena l'alba quando sono scivolato nella foresta. Ci sono voluti diversi minuti per imparare la sensazione della foresta intorno a me e poi ho iniziato a muovermi. Quando la foresta si calmò, mi bloccai e lentamente mi guardai intorno.

Era quasi mezzogiorno ed ero vicino a un piccolo ruscello. Pochi minuti dopo apparvero tre elfi oscuri. Stavano scendendo lungo il torrente e si fermarono a una decina di passi di distanza. Uno si è guardato intorno ma non mi ha guardato, “vengono da questa parte. Sparpagliatevi e piazzate trappole per rallentarli.

Alzai l'arco e tirai indietro la corda mentre cominciavano a separarsi. Ne presi uno nel petto quando finalmente alzò gli occhi per vedermi. Anche quando ho rilasciato stavo tirando fuori un'altra freccia. Ho preso l'elfo successivo mentre si girava al primo sussulto. L'ultimo stava correndo verso di me quando gli ho piantato una freccia nella gola. Avanzai per rimuovere le mie frecce e prendere le loro armi.

Lanciai un'occhiata al torrente prima di spostarmi di lato e seguirlo. Passò mezz'ora prima che arrivassi al piccolo accampamento. Ho guardato per un po' prima di girarmi per scivolare via. Feci un passo intorno a un cespuglio e mi bloccai quando una cameriera mezzo elfica mi fissò sorpresa. Mi sono mosso velocemente e l'ho afferrata mentre le coprivo la bocca. Continuavo ad allontanarmi dall'accampamento mentre trattenevo la cameriera in difficoltà.

Le donne umane che vengono prese dagli elfi oscuri vengono trasformate in schiave. I figli che partoriscono, vivono solo se sono femmine e vengono resi schiavi come la loro madre. Quando fui abbastanza lontano le tolsi la mano dalla bocca e sibilai: "Sei il mio schiavo!"

Si bloccò con gli occhi spalancati e guardò in basso, "mio padrone..."

L'ho scossa e ho sibilato: "Ti ho preso, sei mia!"

Passò un minuto prima che lei annuisse e io mi rilassai. Le ho afferrato la mano, "vieni".

Non avevo idea di cosa avrei fatto con lei, ma non potevo lasciarla andare. Mi sono mosso velocemente e non sono rimasto sorpreso quando è riuscita a tenere il passo. Ero tornato dove avevo ucciso i tre elfi quando apparvero una dozzina di elfi e Trevor. Hanno guardato la ragazza ma li ho ignorati mentre mi spostavo verso Trevor. Gli raccontai dell'accampamento e di quanto fosse lontano.

Sorrise e si voltò a guardare, "abbiamo una compagnia di ranger che ci segue, dovrebbe essere più che sufficiente."

Annuii e mi inginocchiai mentre tiravo fuori una sottile pelle di coniglio. L'ho steso e ho iniziato a disegnare l'accampamento mentre gli elfi si avvicinavano per guardare e ascoltare. Quando ebbi finito, gli uomini stavano entrando nella piccola radura. Gli elfi si avvicinarono per guidarli mentre Trevor sussurrava al comandante dei Ranger mentre camminavano. Lanciai un'occhiata alla cameriera che avevo richiesto e sospirai mentre la tiravo di lato.

Dopo che i ranger sono passati, è partita una doppia colonna di rifornimenti. Dopo quello c'era il treno di rifornimento degli scout e sono entrato per camminare accanto al mio cavallo, l'ho accarezzato e ho guardato la cameriera, "nostra".

Lei esitò e poi annuì. Trevor aveva ragione, i ranger erano più che sufficienti. Non erano in tempo per impedire agli elfi oscuri di uccidere gli schiavi o le loro donne e bambini. Ci siamo accampati un po' distanti dal combattimento. I ranger seppellirono i morti e poi iniziarono a festeggiare. Gli esploratori avevano il nostro accampamento e io ho montato la mia tenda prima di tornare all'accampamento degli elfi oscuri.

Ho trovato diversi coltelli a stella d'argento come il mio. Trovai anche pellicce per dormire e le coperte verde chiaro che usavano sempre gli elfi. Quando tornai alla mia tenda, erano già tornati altri scout. Fissarono la cameriera mentre le porgevo le pellicce e le coperte per dormire e accenni alla tenda. Ho installato il mio tornio e ho iniziato con un paio di alberi quando lei è uscita e si è inginocchiata dietro di me.

L'ho fatta salire per vedere cosa stavo facendo e sembrava davvero interessata. Ho girato alcune aste prima di estrarre teste e piume. Ho guardato la ragazza curiosa e lei era totalmente concentrata su quello che stavo facendo. Quando ho finito ho messo via tutto e l'ho tirata su. Ho usato le cinture che avevo trovato per posizionare due coltelli su di lei. Stava tremando mentre infilavo i coltelli e sapevo che era perché non le era mai stato permesso di portare armi.

L'ho tirata verso il cuoco che ha guardato da me alla ragazza prima di sorridere. Mi ha dato due piatti, uno colmo di cibo in più. Glielo porsi e mi spostai di lato prima di accovacciarmi e mangiare. La ragazza mi ha guardato mentre toccavo il suo piatto, "mangia".

Si guardò intorno un po' spaventata prima di fare lentamente come le avevo detto. Un minuto dopo stava divorando il cibo. Ha persino leccato il piatto di legno dopo che tutto il cibo era finito. Ho preso il suo piatto e mi sono alzato per restituirli al cuoco che ha guardato la ragazza: "Fammi sapere se ha bisogno di qualcosa".

Ho annuito e l'ho portata dove avevamo allestito la trincea per gli scherzi. Dopo essere andata in bagno la ricondussi alla tenda. Ho guardato dentro la tenda al grande letto dall'aspetto confortevole. Aggrottai la fronte, ma sapevo che era meglio non dire nulla. Ho fatto un cenno al letto e ho spinto la ragazza: "Riposa".

Esitò prima di spogliarsi e salire nella tenda e nel letto. Mi sono spogliato prima di fare stretching e iniziare i miei esercizi serali. Quando ebbi finito, Trevor stava aspettando. Sorrise mentre usavo lo straccio che mi aveva lanciato. Era buio quando mi disse dove voleva che andassi in ricognizione il giorno successivo e fino a che punto andare. Mi sono infilata nella tenda e nel pelo del pelo quando ha finito.

Sapevo che la ragazza era sveglia ascoltando il suo respiro. Mi rilasso mentre ascolto i suoni della notte e chiudo gli occhi. Mi sono svegliato quando la ragazza si è avvicinata e ha appoggiato la testa sulla mia spalla. Si rilassò lentamente mentre aspettavo e finalmente si rilassò quando il suo respiro cambiò e si addormentò. Mi sono svegliato con dei passi fuori e ho guardato la ragazza che era sveglia e tremante. Ho cambiato, "è ora di alzarsi".

Uscii dalla tenda e mi guardai intorno nella falsa luce dell'alba. Ho guardato la ragazza, "fai le valigie mentre prendo il mio cavallo".

Lei annuì e tornò alla tenda. Lanciai un'occhiata a uno degli altri mentre mi fermavo accanto al mio cavallo. Fece un cenno alla mia tenda, "dorme?"

Ho scrollato le spalle: “Un po'. Le ci vorrà un po' per capire che è una persona.

Mi ha dato una pacca sulla spalla, "non sei così fredda come vuoi che tutti pensino".

Lo guardai condurre il cavallo verso la sua tenda prima di infilare la sella leggera. Ho riportato indietro il mio cavallo e ho iniziato a caricare i pacchi. Ho mostrato con cura alla ragazza come smontare la tenda e riporla prima di caricarla sul cavallo. L'ho portata ai jakes e poi a lavarsi prima di andare dal cuoco. Come prima che lui le riempisse il piatto prima di mettere il cibo nel mio. L'ho tirata da parte e ho toccato il suo piatto, "mangia".

Lei annuì e si guardò intorno mentre divorava il suo cibo. Mangiai e aspettai mentre lei leccava il piatto e sospirava. Ho sorriso: "Come ti chiami?"

Mi guardò e poi abbassò lo sguardo: "Holly, padrone".

Le ho toccato la mano: "Voglio che guidi il nostro cavallo e segua il cuoco".

Mi guardò con gli occhi spalancati. Ho sorriso: “Tutto quello che abbiamo è sul cavallo. Mentre cammini, cerca rami secchi e dritti come mi hai visto usare per fare le aste delle frecce.
Holly annuì e io mi alzai dopo averle preso il piatto. L'ho condotta dal cuoco e gli ho dato i piatti vuoti: “Questa è Holly. Condurrà il mio cavallo e ti seguirà.

Sorrise: "Hai bisogno di qualcosa di meno, dimmelo e basta".

Abbassò lo sguardo e annuì. Sono andato a prendere il mio arco e l'ho lasciata con il cavallo prima di uscire. Scivolai cautamente nel bosco, ma la mia mente era su Holly. Passarono un paio d'ore prima che esitassi, vidi sei Orchi accovacciati accanto a un cervo morto. Ho potuto vedere i segni che il cervo era stato trascinato qui e mi sono guardato intorno. Al di là di loro c'era un'ampia apertura e c'era un odore di decomposizione.

Sono tornato indietro con cautela e sono scivolato via prima di muovermi rapidamente verso la colonna di ranger. Mi sono quasi imbattuto nei quattro orchi e sono riuscito solo ad abbassare il mio arco. Afferrai una mano artigliata e mi girai per lanciare l'orco contro gli altri. Mi diede il tempo di tirare fuori i coltelli e tagliarmi la gola mentre si lanciava contro di me. Sono scivolato di lato e ho pugnalato un debole prima di girare e prendere la mano di un altro.

Indietreggiai e mi girai per pugnalare una mano tesa. Girai e girai il polso mentre scivolavo dentro per tagliargli la gola. Mi girai e spinsi l'orco morto contro quello che si stava alzando in piedi prima di avanzare di nuovo per uccidere l'orco che gli teneva il braccio e urlava. Morì quando gli infilai un coltello nell'occhio e mi spostai verso l'ultimo che lottava sotto l'orco morto. L'ho pugnalato alla gola e ho strappato il coltello prima di fare un passo indietro e guardarmi intorno.

Mi sono inginocchiato per pulire i miei coltelli prima di afferrare il mio arco e tornare indietro verso i ranger. Ho incontrato Trevor e un altro esploratore diversi minuti dopo e ho rallentato fino a camminare, "abbiamo un piccolo nido di orchi".

Trevor sorrise e si voltò per aspettare che i ranger lo raggiungessero, "abbiamo una compagnia di uomini del Duca Merral e un'altra di elfi che si sono uniti a noi."

Poco dopo mi sono inginocchiato con i tre comandanti di compagnia e ho detto loro dov'era il nido. Feci strada per tornare indietro e mi fermai di colpo mentre i ranger si allargavano e scivolavano in avanti seguiti dagli elfi. Ho continuato e ho usato il mio arco con Trevor e l'altro esploratore per uccidere gli orchi a guardia dell'ingresso del nido. Gli uomini del Duca si lanciarono in avanti mentre le torce prendevano fuoco.

Trevor mi lanciò un'occhiata, “dirigiti a ovest. Dovrebbe esserci un flusso più ampio, aspettaci lì.

Mi guardai intorno prima di annuire e allontanarmi mentre i soldati scendevano nel buco nel terreno. Sapevo che ci sarebbero stati problemi quando ho visto l'acqua. Potevo sentire l'odore del troll che non dovrebbe essere qui. Mi guardai attorno attentamente e allungai la mano per appendere il mio arco a un ramo. Sfilai la mia faretra e la lasciai cadere prima di seguire l'odore.

Avevo appena percorso una decina di piedi prima che ruggisse e caricasse. Sono scivolato in avanti e dietro un albero e l'enorme troll ci è andato a sbattere contro. Mi sono girato intorno all'albero tirando i miei coltelli e ho saltato e pugnalato. Il troll urlò mentre entravano entrambi nei suoi occhi e io li tirai fuori e caddi indietro. Sono atterrato in piedi e ho aggirato la bestia barcollante.

Mi sono inginocchiato quando ero dietro di lui e mi sono lanciato rapidamente per tendirgli la gamba destra. Il mio coltello non era d'acciaio, altrimenti non avrei avuto scampo. Ha appena tagliato la bestia, ma è andato abbastanza in profondità e ha muggito ed è caduto mentre rotolavo via. Mi sono mosso di nuovo in avanti mentre rotolava a terra e ho aspettato la mia occasione. Mi sono mosso rapidamente quando è arrivato e ho pugnalato giù e attraverso il foro dell'orecchio per seppellire il mio coltello.

Sono scivolato indietro e l'ho visto mentre si contorceva e moriva. Alla fine sono andato avanti e ho tirato fuori il coltello. Li ho puliti prima di tornare a prendere l'arco e la faretra. Ero accovacciato accanto all'ampio ruscello quando arrivarono Trevor e i ranger. Si voltò quando un altro esploratore entrò con aria sbalordita, "cosa?"
Lo scout mi ha guardato, "c'è un troll morto".

Trevor mi guardò prima di tornare da dove era arrivato lo scout. Mi alzai e mi diressi verso le colonne che uscivano dalla foresta. Ho trovato la nostra gente e mi sono avvicinato a Holly mentre camminava. Mi ha guardato con il sangue addosso e ha abbassato lo sguardo. Gli esploratori si diressero a nord e si accamparono accanto al torrente. Ho aiutato Holly a montare la tenda prima di spogliarsi e andare a lavarsi nel ruscello.

Quando ero pulito mi sono vestito con abiti puliti prima di guardare Holly. Mi guardai intorno prima di prenderla per mano e guidarla fuori dall'accampamento e su per il torrente. Ho trovato una curva riparata e le ho passato del sapone profumato, "lava".

Stava guardando in basso ma annuì. Ho continuato a guardarla mentre si spogliava e si tuffava nell'acqua. Aveva quasi finito quando un elfo uscì da dietro un albero. Sorrise mentre si avvicinava a me e si guardò intorno prima di porgermi una lunga camicia. Ho sorriso, "grazie".

He glanced at Holly, “we collected a few things and the Rangers and the Duke’s soldiers pitched in. I had them leave it at your tent.”

He hesitated, “Silver told us you had killed trolls before but... thank you.”

He turned to walk away and I gestured to Holly. She had been squatting in the stream to hide herself and walked out. I gave her the rag I had brought and she dried off. I handed her the soft green elven shirt and she slipped it on. Back in camp there was a huge pile of things by our tent. I gestured to it as I moved to unpack my lathe, “that is for you. See if you can make a skirt or pants.”

She moved to the pile and before a minute was up was lost in the discovery of new things. I glanced back and smiled before stopping the lathe, “come here and bring the brush.”

She looked down and did as I told her. I turned her and had her sit as I began to brush and untangle her long hair. A few minutes later she sighed and I looked at her before continuing, “we try to wash as often as we can. I will show you how to braid your hair to kept it out of your way.”

She nodded and I touched her cheek, “I want you to start exercising with me too. You need to learn how to fight.”

She looked at me quickly as I went back to brushing her hair, “I will make you a lighter bow so you can learn that too.”

When the cook sounded the dinner bell I was back to working on my lathe. Holly’s hair was braided and she stood, “I will bring.”

I looked at her before nodding, “thank you.”

Trevor followed her back and waited as she knelt and handed me a plate. I smiled and reached out to exchange mine for hers since it held less. I glanced at Trevor as he squatted down, “where do I scout tomorrow?”

Sorrise. “You earned a bonus for the troll. We cross the stream and head due west to another stream. I was told there used to be an old tower, we will link up there.”

I nodded and he glanced at Holly, “the cook wanted to know if she would like to help him.”

I glanced at Holly as she wolfed down the food, “Not yet.”

He nodded and stood before walking to another scout. After eating I let her take the plates back and cleaned up. I had several new arrows and added them to my quiver. Holly walked back and I stripped to my breaches. I had her keep her shirt as I began to show her how to stretch. I ignored the elves and the few scouts that suddenly joined us, including Trevor.

Holly was nervous but followed and did what I did. After stretching I began my exercises only slower then normal. I smiled when Holly relaxed and seemed to slip into the smooth flow echoing my movements. Slowly my dance quickened but she continued to follow and echo what I did. What I stopped and began stretching she grinned almost to herself.

It was dark when I grabbed a rag and led her to the river. I stripped and pulled her shirt off as she trembled. I pulled her into the cool water and started washing the sweat off, a moment later she copied me. She slept soundly beside me but had an angel’s smile on her face. I woke to the tap against my tent and nudged Holly, “time to wake.”

She shifted and sat up as I slipped out and dressed. After she was dressed I helped her pack up the tent and all her new belongings. After we saddled the horse I led her to the cook. It was still dark as we ate and I quietly told her what to do. I slipped across the stream in the dark with several other scouts. As they drifted into the darkness I headed west.

There were a lot of signs of others moving through the area so I moved slower. When I reached the other stream there were dark elves all around. I silently moved through them to the tower and the war camp around it. There was easily a hundred elves here, I slipped back and away. I moved swiftly back towards the column and stopped when I was about halfway.

I glanced around and nocked an arrow at the slight sounds moving towards me. The three dark elves were trotting when I saw them. I took one through the chest and nocked a second arrow. I released the string as the other two rushed me and killed another before tossing my bow into a bush. I pulled my knives and slid to the side at the last moment.

The rushing elf tried to slash me but I was on the wrong side of his body. He spun as I moved in and slashed with one knife and pulled it back as he reacted. I stabbed at his blocking knife and took it behind the wrist before twisting my hand down with the blade up. He screamed and tried to strike with a second knife as I sild in. I reached over his arm and cut his throat before slipping back.

As he went to his knees I moved back and glanced around. I waited and then stripped him of his bow and knives before doing the same to the other two. I started moving when I finished and at noon I found the column. I nodded to one of the other scouts before telling Trevor what I had found. He gestured to bring up the three commanders and I knelt to draw a map of the tower and the elves camped there.

The elves spread out and moved forward as we started moving again. I gave Holly the bows and knives to put on the horse before slipping ahead to keep scouting and waited when I came to the dark elf camp. I slipped into camp silently and made my way to the tower. I entered the old deserted tower and climbed the stone stairs. I came out on top and knelt before glancing between crenels. I knew our small army was close when two elves ran into camp and straight to the leaders tent.

I had to give the army time to spread out and attack. I lifted my bow and took one of the two elves when they slowed to a walk. As the camp froze I killed the other one and then I began shooting into the elves as they yelled and rushed the tower. I heard them when they entered the tower but continued to shoot until the last second. I set my bow aside and pulled my knifes as I moved to the stairs.

The timing was perfect, the whole camp was attacking me in the tower when the rangers and the duke’s army attacked with elves raining arrows ahead of them. The ones in the tower stopped before spinning and rushing back down the stairs. I went back to using my bow until I ran out. I slipped it over my shoulder and walked down the stairs and out into the fight that was mostly over.

I went straight to the dark elven leader’s tent and the two horses. I saddled them and started collecting clothing and other items he had. I went to retrieve the heads from the arrows I had used and scattered through the camp was several more bows. I collected them as well as any of the silvery knives, I even found several elven swords.

I had two full packs on the horses when I found Holly with the cook. She glanced at the new horses and smiled, “we heard the fighting. Cook said not to worry because you were the best.”

I glanced at the cook and he grinned. I nodded and turned, “these are ours now, put them with the others.”

She nodded and led the horses back along the line of pack horses. I glanced at the cook, “where are we setting up camp?”

He nodded upstream, “Trevor said to find a place away from the battlefield.”

I started leading him and the pack train around the celebrating men. We set up camp between the stream and another smaller one that came out of the forest to the north. Holly had collected a lot of straight branches and set up my lathe as soon as the tent was up. Trevor walked towards me with a huge grin, “nice work Hunter.”

I nodded and he squatted down across from me, “we had word from the other columns on each side of us. They have been running into a lot more Orcs and goblins.”

I glanced at him, “these dark ones came from the west.”

He nodded, “I saw the trail they left. I want you to scout their trail tomorrow. There is a spring to the west with white boulders ringing it. The whole army plans to meet there before splitting up again.”

I nodded again, “I will drop marker stones and kill any watchers.”

He grinned, “save a few for us?”

I smiled and turned back to putting more arrows together. A little later I went through all the bows and pulled out one with a lighter pull. I measured Holly’s pull and cut a few arrows and had her start practicing. Our exercise that evening was with several of the scouts and rangers. I had to take Holly away from the camp to let her wash before calling it a night.

She snuggled against me and caressed my chest as I lay back, “thank you Hunter.”

I glanced at her, “for what?”

She shifted and seemed to smile, “for being you.”

I caressed her shoulder, “sleep, tomorrow might be a long day.”

I woke to the touch on my tent and shook Holly before moving out of the tent. An elf squatted and grinned, “a large party of orcs come this way.”

I nodded, “how long?”

He tilted his head, “maybe a half mark.”

I nodded and turned to pull out my clothes. I dressed and looked at Holly as she dressed, “remember the exercises. Go to the horses and stay with them.”

She nodded and walked across towards the picket line as men began to gather. I left my bow and quiver as I walked into the night. The orcs yelled and screamed as they attacked from the northwest. I was beyond the camp and moved into them as they rushed the camp and elves and other scouts suddenly appeared to attack with me.

It was chaos as I slipped into them and sliced throats or ripped across stomachs. The huge semi armored troll that suddenly appeared had the others falling back. I did not and slid under a swinging club and around behind it. I leaped and grabbed a shoulder as I stabbed the blade in my other hand straight through the ear and into its brain.

I dropped and rolled before pulling my other knife and cutting an orc’s throat. The troll was down convulsing as I moved towards it and yanked my knife out of his head. The orcs were suddenly running away so I walked calmly towards camp. Two elves appeared and Silver grinned, “you still have the touch Hunter.”

I shrugged as I continued to walk, “I did not see the dark elf that was directing them.”

He grinned, “we did.”

I smiled and glanced back, “see you tomorrow.”

I found Holly by the picket line with the cook and a dozen dead orcs. The cook grinned, “our girl sure learns quickly.”

I smiled and pulled her away and to the deeper stream. I undressed and she hesitated before doing the same. I walked into the water and started washing and she joined me. After we walked out she smiled, “I was very afraid Hunter.”

I nodded, “but you did not run or freeze up.”

I carried our clothes to the tent and she sighed as I pulled out a rag and handed it to her, “you did very good.”

She smiled, “Cook said I am a demon.”

I laughed and dried myself before relaxing beside the tent, “tomorrow I want you to practice with the bow while you walk.”

She nodded and leaned against me, “when will you take me?”

I glanced at her, “You must be the one to ask and take me.”

Holly looked at me before smiling as she turned to crawl into the tent, “Come into the tent?”

When I helped Holly pack up she had a soft smile on her face. I slipped across the stream as the sun began to rise. I moved carefully as I read the many signs of passing foul ones. Every few minutes I dropped a marker stone so Trevor could follow easily. It was a few hours before I hesitated and tilted my head to listen. I silently moved into some tall brush and a minute later two dark elves appeared.

They glanced around before starting to walk again. My first arrow took the leader in the chest and the second took the other as he turned and ran. I moved to them and made sure they were dead before pulling their bodies into the bushes. I took their bows and knives before moving on. Barely a half hour later I paused behind a tree. I waited for several minutes before the elf appeared and stalked towards me.

When he moved around the tree I was above him. He glanced around and then up just as I dropped. My knife went into his throat and I ripped it out as I rolled away. I stripped him and pulled his twitching body into some bushes before continuing. Five times I killed dark elves before I reached the spring. The ring of white stones had been moved and a large domed building stood beside it.

Around the spring was a huge camp of dark elves. I quietly moved away and headed back down my trail. It was a couple of hours before I met up with the elves leading the rangers. The other parts of the army had joined us so the columns were wide. I squatted with Trevor and the other commanders and drew a map of the spring and the dark elven camp.

Several of the other scouts listened as Holly slipped up to take the bows and knives I had collected. We spread out with the scouts leading and moved towards the spring. It was a couple of hours before sunset when the army charged into the camp. The scouts headed straight for the dome building, the rest of the army swept through the camp. I used my bow as I slipped past dark elves and slowed only to kill or dodge.

I was the first through the wide door and hesitated at the angry roar of trolls. They were in a tall enclosure but still held clubs and I tossed my bow and quiver against the dome wall. I shook my head and gestured the others to each side before running towards a thick tree trunk that was one of the posts. I climbed the post and the trolls were still roaring.

Some were following along the sides of the enclosure as men fought with the few dark elves. I pulled both knives and leaped onto the back and shoulders of one troll. I brought a knife around through its ear before yanking it out and dropping. I rolled away from a club before coming to my feet and leaping. I stepped on a trolls arm as it swept its club sideways and stabbed through its eye.

I flipped backward as I yanked the knife free. I landed in a crouch and dove aside as a troll lumbered towards me and turned to take a couple of steps to slice across its ankle and cut the tendon. I rolled backwards and came to my feet to leap in and up to the chest of a troll as I brought a knife stabbing through its eye. I dropped and spun as it fell back.

I took a couple of running steps before leaping onto a troll’s back that was reaching through the enclosure fence. I stabbed through its ear and dropped as it stiffened. I killed twelve trolls before I walked towards the enclosure fence and climbed out. The few scouts still in the building grinned as I climbed out. I glanced back towards the center where a troll lay on a thick wooden door in the ground.

I dropped down outside and picked up my bow and quiver. I walked out and glanced around realizing my fight had not really taken that long. A full battle still rage and I glanced through men and elves to see a small group of dark elves. One was shouting orders and waving a silver sword and the others were protecting him. I fitted an arrow and pulled the string back to aim before releasing just as the elf’s eyes locked with mine.

My arrow slammed into his throat and he fell back as I pulled another arrow. One right after another I killed the dark elves. When I was completely out of arrow I headed towards where the leader had fallen. The dark elven army was trying to run but men and elves pressed them. When I reached the elf I glanced around and knelt. I looked at him carefully as I remembered certain tales.

I took a fancy ring from his right hand, a ruby pendant from his neck, twin bracers with thin blood daggers, diamond studded silver fighting knives and the silver gem encrusted sword. I moved around and collected knives and bows from his guards. I shook my head at the dead slaves when I went into the tent that was like mine but much larger.

I stripped it and dropped the tent before folding it up. The army had turned from fighting and let the dark elves run. I went to the rope corral and caught the twelve horses. I saddled them and began putting everything on the horses. I started towards where our supply trains were supposed to be and along the way picked up a few bows and knives.

I found the cook with Holly beside him and handed her the lead rope, “these are ours.”

She nodded as I turned to look before heading towards Trevor who was speaking to several scouts. I touched his shoulder, “you need to come with me and we will need several men.”

He looked at me and then around the huge camp, “now?”

I nodded, “I need help moving a dead troll.”

He grinned, “that was something the army will talk about for years.”

I glanced at the other scouts, “there was a door in the ground.”

They grinned as we turned to walk towards the dome. We cut the leather holding the cross pieces on the enclosure before walking into the stinking pen. I grabbed the troll’s foot as Trevor took the other. We pulled and the others came to help pull the huge beast back and off the door. There was a thick metal ring in the door and I gestured to one of the scouts, “use a cross piece and do not stand to close.”

It was a good thing I warned them. The men slid the pole through the ring and squatted before lifting and throwing the door back. There was hissing as several vipers slithered out and men backed away. I moved carefully and used another pole to pin a head before bending and slicing it off. The others laughed and began a game to see who killed the most.

Inside the hole the door had covered was a large chest. After all the vipers were killed we used two poles to pry it up and then lift it. It took four men to lift it completely out of the hole. Trevor moved around it carefully before opening it. We stared at the chest filled with gold coins before looking at each other. Trevor grinned and closed the lid, “right, get this back to our area and we will do a company split tonight.”

I helped carry the chest and called to an elf walking from the supply trains, “tell Silver, Hunter Silvan needs words!”

The elf glanced at me as he walked passed and smiled as he nodded. We set the heavy chest down by the supply wagon. The men glanced at each other but I headed towards Holly, “I will watch it if you bring something back for Holly.”

They laughed and spun to walk back towards the destroyed camp. Holly had our tent up with all the horses on a picket line behind the tent. She even had the lathe set up in front with everything from the horses lined up on the other side. She stopped me with a frown and started stripping me and setting my weapons aside. She finally pointed to the lathe, “sit.”

I smiled and did as she told me. She grabbed my collapsible bucket and walked towards small creek that was not far. When she returned she knelt and picked up a rag and began to wash me, “no river or stream here.”

I nodded and let her clean the thick troll blood off me. I glanced up as Silver strode towards me and turned to the things I had been carrying. I gestured in front of me as he grinned at Holly. He knelt, “you wished to speak to me?”

I set the twin bracers on the ground between us with the hilts of the blood daggers towards him. Next I set the two diamond studded silver fighting knives beside the bracers, with the hilts also towards him. The silver gem encrusted sword went between the bracers. The ruby pendant went on the sword scabbard and the ring I set on the hilt.

Silver sucked in a breath and finally looked into my face before bending to pick up everything I had put between us. He stood and walked away without speaking. Holly was quiet as she washed me and finally sat back. She pulled out a soft white shirt and a pair of pants with some soft moccasins. She must have altered them from some of the clothing found in the last dark elven camp.

After dressing and putting my weapons on I sat and we started going through everything I had brought back. I kept an eye on the chest by the supply wagon until Trevor returned with some of the men. He had them help move it before setting up his tent. The men dropped blankets and clothing off for Holly who smiled at them. One of the things I found in a pack was another lathe much like mine.

There had also been bear skins lining the larger tent’s floor. I found a small red pouch with six large blood rubies inside as well as two heavy leather purses filled with silver. In a long silken case was also a long bow made of blonde iron wood. Holly was carefully putting the larger tent up to air it out and clean it when I looked towards the destroyed camp where men were pulling all the bodies into a huge pile.

All the elves were together and coming towards us. I straightened as I saw the elf leading them and stood, “Holly.”

She looked at me and then at the elves walking towards us. She started to tremble but I smiled, “it is not bad. In my large pack is a small pocket against the pack frame. In the pocket is a small flask. Please find it and bring it to me.”

She nodded and ducked into our tent. Trevor and the other scouts stood to see what was happening as the elegant and young looking elf stopped in front of me, “Hunter Silvan. You have become a legend to many of my people.”

I smiled, “hardly a legend your highness.”

He bowed his head, “you know me.”

I glanced at Silver beside him, “I listen to the descriptions people give.”

He grinned, “well, yours has become some what taller.”

I laughed and turned as Holly came out. She hesitated and then held out the flask. I took it and looked at the elven price, “this is Holly.”

He bowed, “lovely maiden.”

Holly opened her mouth before looking down. I turned and opened the flask before taking a sip and holding it out. The prince smiled as several elves stirred and took the flask. He took a sip and looked at the flask when he was done, “unexpected but very nice.”

I took the flask and gave it to Holly, “take a sip.”

She looked at me quickly and then at the elves before slowly taking a sip. She blinked and smiled almost shyly as I turned back to the prince, “how may I be of service?”

He turned and gestured to the items I had given Silver, “did you kill the elf that carried these?”

I looked into his eyes, “I put an arrow through your cousin’s throat.”

He nodded and sighed before kneeling and pulling one of the dark emerald hilted fighting knives at his waist. He looked at me as he put it on his palm and held it out. I glanced at all the elves as they waited and finally pulled the fighting knife on my chest. I looked at the prince as I slowly unwrapped the leather hiding the dark blue sapphire hilt and then knelt.

I put the knife on my palm and held my hand beside the princes. He smiled, “your family still carries the sky knives my father gave them.”

I nodded and he reached to take the knife off my palm as I took the one on his. I flipped it around my hand and spun it before smiling and sliding it into the sheath on my chest. He grinned and copied what I had done before nodding, “they could be twins.”

I stood and glanced at the case with the blonde iron wood bow, “they say you are very good with a bow. Care for a challenge?”

He grinned and gestured to himself, “I am lacking my bow.”

I bent and picked up the case with the blond iron wood bow, “you could use your cousin’s, he has no need of it anymore.”

He laughed and took the case as I turned to pick up my bow and a few arrows. He turned and gestured to the distant dome as his people made a wide lane, “see the beam on the right side of the entrance?”

I nodded, “the knot half way up?”

He grinned, “perfect.”

I handed him three of my slim arrows and he looked and felt them, “A shame, you crafted them beautifully.”

I waited as he put them point down in the earth and pulled out the bow and unwound the string before bending the bow and fitting the string. He smiled as he caressed the bow and pulled an arrow out of the ground. The dome was over a hundred and fifty paces away but the arrow slammed into the center of the knot. The prince looked at me and tilted his head.

I grinned and pulled back the string and aimed before loosing the arrow. It slammed into the knot beside the other arrow touching it. I sighed and nodded before looking at the prince as he frowned and all the elves laughed. He grinned and bowed to me, “I should have known a Silvan would be able to shoot.”

I started to bow and saw the dark elf beside the dome. I knew every male would be here but the one I saw held a bow and lifted it to aim towards us. It was pure reflex to fit arrow, pull, aim and fire. The elf fell back and his arrow sped away into the sky. All the elves spun around and several rushed towards the elf. I looked at the prince, “I think we should try this some other time.”

He nodded as he watched the elves reach the one I had shot. They looked towards us and shook their heads and the prince sighed, “again we are in your debt.”

He glanced around, “and even though I would rather continue this attack, there have been many wounded or killed. We will return home and hope the damage has taught our cousins a lesson.”

I thought about the blood rubies and turned to pick up the pouch, “what do you think of these?”

I poured them into my hand and he sucked in a breath, “it answers many questions.”

He glanced at those around him, “our dark cousin are spilt into six clans. Each clan leader wears a blood pendant. If my cousin has these it was to form more clans.”

I glanced at the others as they nodded and put the rubies away and picked up the bag of knives his cousin’s guards carried. I spilled it out and several elves gasped. I looked at the prince and he smiled, “you did better than we could hope for, these are the knives of the clan leaders eldest sons.”

He looked into my face, “there will be much blood shed as their sibs fight for their positions.”

I turned to look out into the destroyed camp, “now would be a good time to pay your uncle a visit.”

The prince stiffened as several elves hissed. I looked at him and he smiled slowly before looking around, “who would go with a Silvan to visit our cousins?”

Many murmured and raised hands and he smiled as I looked at Holly. She slowly straightened, “I would go with you.”

The elves quieted as I kept looking at her, “if they catch you, they will kill you slowly.”

She nodded as she gripped the hilt of one of her knives, “I know, but I will not leave you.”

I sighed and then smiled, “very well, go find Trevor. We will need to see if he will keep our horses and...”

The prince cleared his throat, “pardon, you will take our half sister with you?”

I nodded and he smiled at her, “than we will bring your belongings with us and you can pick them up when you return.”

He glanced at Holly before looking at me again, “If you get a chance to bring any of my female cousin home...”

He was silent as the other elves stirred. I looked at Holly before nodding, “I will see what I can do.”

After the prince left a couple of dozen elves remained including Silver. I grinned, “first light tomorrow.”

Silver nodded and all the elves walked away. I gestured to the larger tent, “finish that and we will pack everything else up.”

Holly nodded and went back to work and I finished sorting everything before packing it up. It was past midnight when Trevor scratched the side of my tent. I slipped away from Holly as she sat up and crawled out. He smiled and gestured to three large heavy looking bags, “your share.”

I nodded and he sighed, “you are leaving to go after the dark elves.”

I nodded again and Trevor looked into my face, “they are not all bad.”

I smiled, “this I know. Like all people there are those that are evil and greedy. That is how the split between the elves began. Most of the dark ones know this in their hearts but to turn away takes great courage.”

I glanced around at the quiet camp around us, “if I manage to kill the dark king and the other clan leaders many of the others may take heart and return.”

He nodded and slapped my shoulder, “I hope to see you again one day Silvan.”

He walked away and I turned to set the three bags inside the tent. I was up before the false dawn and packed everything onto our horses with Holly helping me. Beside her two knives she had a full quiver of elven made arrows and carried a bow she felt comfortable with. Three eleven maids came with Silver and the warriors. One touched my hand, “we will care for your animals and belongings.”

I nodded and let her lead the horses off. I glanced at all the scouts that were up and watching and

Storie simili

Un sacco di piscio e merda..

Avevo solo bisogno di mettere su questa storia. Questo tipo di mi eccita. far sapere al mondo cosa ho fatto. spero ti piaccia e divertiti lascia commenti. Ciao, sono Sonia, un'indiana, una femmina. Questa è un'esperienza davvero fantastica che ho avuto e, per favore, non è un'opera di fantasia... è la sua vita reale... quindi allaccia le cinture di sicurezza.... Frequento un collegio.... in India stessa, e ho un bel corpo.... non molto sviluppato, ma è comunque bello da vedere e sono biondo.... ho i capelli lunghi, che mi piacciono levigato e raddrizzato.... Abbastanza su di me suppongo.... ecco la mia...

987 I più visti

Likes 0

HOBO Capitoli 12 e 13

CAPITOLO DODICI Mi sono svegliato presto la mattina successiva e sono stato in grado di alzarmi dal letto senza svegliare Michelle. Sono andato in cucina, ho preparato una tazza di caffè. Ho poi cucinato uova strapazzate, pancetta e salsiccia e stavo finendo quando Michelle è entrata in cucina strofinandosi gli occhi. “Cosa stai facendo?”, chiese sbadigliando. “Ci sta preparando la colazione. Per favore, siediti sullo sgabello”, mi sorrise, fece il giro del bar e si sedette. Le ho preparato un piatto e l'ho posato davanti a lei, poi le ho versato una tazza di caffè. Poi ho aggiustato il mio piatto...

265 I più visti

Likes 0

Brooke_(1)

Brooke Questa è la mia prima storia e, come tale, sii premuroso nelle tue critiche; solo critiche costruttive per favore. Se non ti piace questa storia, ce ne sono molte altre da leggere. I nomi sono stati cambiati per proteggere i miei fottuti compagni e, a loro volta, il mio culo. Durante la mia adolescenza, sono stato abbastanza sessualmente attivo. Essere un adolescente e anche frequentare un liceo cattolico per soli maschi ha solo favorito la mia libido. Per cominciare, io non sono un ragazzo piccolo. A quel tempo, avevo circa 6'3, 200 libbre e un atleta di prima qualità. Ho...

998 I più visti

Likes 0

L'uomo più piccolo

Stavo guardando le gambe di Jerry, mentre era in piedi sullo sgabello davanti a me. Aveva le cosce molto forti, e ho ammirato la sua forma mentre metteva la nuova lampadina nella plafoniera. Questa cosa è un dolore da raggiungere, ha detto Jerry. Poi, mentre lottava con il bulbo, i miei occhi seguivano le sue gambe muscolose fino al punto in cui si incontravano, e ho dovuto sopprimere uno sguardo fisso: c'era un nodulo che giaceva di lato, un piccolo nodulo, ma c'era un nodulo ben definito. Lascia che ti spieghi quello. Stavamo parlando del nostro recente gruppo di feste che...

898 I più visti

Likes 0

Capitolo 3 della mia serie; Rachel viene in primo piano

Leggendo questo ho scoperto che alcuni dei dialetti della mia zona si sono intrufolati, quindi per salvare tutti i commenti sull'ortografia e sulla grammatica, lo spiegherò. Usiamo me al posto di mio in alcuni casi e nostra madre è mamma, quindi quando Rachel dice Sono caduto dalla bici e Questa sono io mamma questo è corretto parlare per lei. Ci scusiamo per eventuali errori di ortografia, che sono passati. Avevo circa 24 anni e Susan 20 quando ci siamo sposati, in meno di un anno sono stato nominato capo custode, a causa del ritiro di Sid, questo mi ha dato più...

811 I più visti

Likes 0

L'Harem dell'Imperatore - Parte 2

2. Mi sono svegliato la mattina dopo con la mia imperatrice drappeggiata su di me da dietro. Il suo braccio agile mi abbracciò il petto e sentii i suoi capezzoli contro la mia schiena. Avevo sposato Rayne per motivi politici, la crescita del mio regno richiedeva l'annessione di uno adiacente, praticamente delle stesse dimensioni di Marad. Sebbene i miei generali mi assicurassero che la capitale poteva essere catturata e la terra aggiunta alla mia, il costo del sangue era troppo grande per me da sopportare. Fu organizzato un matrimonio che avrebbe unito i nostri due imperi, ma in effetti Corlan fu...

755 I più visti

Likes 0

Vendetta in Cina

Jack era incazzato. Ancora. Ancora una volta il suo datore di lavoro cinese lo aveva imbrogliato. Non solo la sua paga era in ritardo, di nuovo, ma il bastardo si era inventato delle deduzioni stronzate. Jack era irritato. Era in Cina da appena sei mesi e aveva tre datori di lavoro. Ognuno di loro lo aveva imbrogliato in qualche modo. Nessuno lo aveva mai pagato in tempo. Nessuno lo aveva mai trattato in modo amichevole. Lo trattavano tutti come un nulla. Solo un altro straniero da attirare in Cina e imbrogliare. Jack aveva deciso. L'indomani avrebbe attraversato il ponte per Hong...

151 I più visti

Likes 0

Violentata da Bigfoot

Questa è la mia prima volta dal punto di vista di una donna. Fatemi sapere cosa ne pensate e se dovesse continuare... Violentata da bigfoot È stato uno strano incidente che mi ha portato a questa situazione. Avevo un po' di freddo, completamente nudo, avevo un mal di testa martellante, una caviglia dolorante ed ero intrappolato in una grotta a metà di una montagna. Non ricordo di essere stato portato qui, ma la creatura che deve avermi salvato la vita doveva vivere qui. Non l'ho visto molto, dato che ha lasciato la grotta verso l'alba. Ricordo solo di essere scivolato su...

993 I più visti

Likes 0

Ragazze della California 3

Ragazze della California 3 Oh merda, sono le 7 del mattino esclamò Kate. Wow, siamo stati tutta la notte, sorrise Hannah, siamo delle puttane arrapate rise. No, sul serio, è un male, mia sorella sarà a casa tra mezz'ora. Kate ha detto alzandosi in piedi, Uh, merda a me le gambe, gemette, strofinandosi le ginocchia, agh e il mio bacino sembra come se qualcuno l'avesse battuto con un martello. Wow la scorsa notte è stato divertente sorrise Hannah ancora di più, Dovrei prendermi un cane! . Preoccupati dopo, aiutami a ripulire un po' di questo sperma, è ovunque! Merda è ovunque!...

862 I più visti

Likes 0

Perdo la verginità(8)

L'ho incontrata su un sito di chat su Internet. Vivevamo a 800 km di distanza, quindi non ho avuto problemi a flirtare come un matto. Mi ha detto che è alta 1,5 m, lunghi capelli biondi e occhi azzurri con un corpo sexy. Beh ovviamente l'ho presa in giro e le ho detto che se non mi manda una foto non le crederò, mi ha chiesto se le foto di lei sarebbero state solo per i miei occhi ed essendo il ragazzo che sono le ho dato la mia parola, aspettandomi una foto molto cattiva. Quello che ho ottenuto è stata...

827 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.