Confessioni da Mac the Flasher - Un masturbatore pubblico seriale (4)

1KReport
Confessioni da Mac the Flasher - Un masturbatore pubblico seriale (4)

Sarebbe una buona idea leggere i capitoli precedenti poiché conoscere parte della storia coinvolta aiuterà sicuramente a comprendere il tema di fondo di questo e di qualsiasi altro capitolo futuro.



Come ho accennato in un capitolo precedente, ho 32 anni. Quello di cui non ho detto nulla è se ho o meno una ragazza o se sono sposato.

Bene, per mettere le cose in chiaro, sono tra amiche e attualmente non sono sposato.

"No davvero!" Sono sicuro che alcuni di voi potrebbero aver pensato o addirittura detto ad alta voce.

"Niente merda Sherlock, ci sorprendi"

Ma lasciatemi mettere le cose in chiaro qui e ora. Ero sposato, ma ora sono divorziato. Sono stato sposato con Carol per 2 anni, fino ai 30 anni. E ho avuto delle fidanzate, non ho tenuto il conto, ma è intorno ai 30.

Una notte? Sì certo, ne ho avuti anche alcuni.

Anche se lo dico io stesso, non sono un brutto ragazzo e mi tengo ragionevolmente in forma, potrei non avere una confezione da 6, ma sono senza grasso e con la pancia piatta. (Vado spesso in palestra e mi alleno, ma questo è per un altro capitolo.)

Ho un buon lavoro. Ho la mia casa che è stata tutta comprata e pagata e ho ancora tutti i miei denti.
Quindi non ho problemi a trovare fidanzate o anche una moglie. Ho un problema a tenerli però.

Mi piace il sesso, (come ho detto in Confessions from Mac the Flasher - A Serial Public Masturbator (2) The Later Years (Capitolo 1)) sai, in posti noiosi come la camera da letto.

Ma mi piace molto anche il sesso pubblico. Mi piace negli stessi posti in cui mi piace masturbarmi in pubblico. In spiaggia, nei parchi, sui treni e sugli autobus, ecc, ecc.

E c'è il problema, certamente non per me ma per tutte le ragazze che ho avuto e sicuramente per la mia ex moglie Carol.

E questo è in parte il motivo per cui lei è la mia ex moglie e io sono la ragazza libera.

Ma c'è dell'altro da aggiungere a questo, e il thread attraversa tutte le mie amiche e anche Carol.

AMICHE 1

Si chiamava Charlotte e aveva 13 anni. Con lunghi capelli scuri, bellissimi occhi castani e la sua pelle aveva un'abbronzatura color castagna della lunga e calda estate che abbiamo appena trascorso.

Per me era una bellezza degna del titolo di Miss UK, doveva essere la mia prima ragazza.

Adam, il mio migliore amico da anni ed io eravamo tornati a scuola da alcune settimane dopo le lunghe vacanze estive, riprendendo il ritmo delle cose.

Non tiravo più fuori il cazzo in un batter d'occhio per farmi una sega in classe, cosa di cui le suore erano grate, e anche Adam. (Si imbarazzava molto quando lo facevo io, così come le suore.)

Ma ho rimediato in altri modi, essendo solo uno stronzo totale in classe. Ero dirompente, non ascoltavo gli insegnanti e prendevo in giro le ragazze e le facevo piangere, comprare afferrando loro la mano e strofinando il mio cazzo con essa.

Avevo 13 anni e non me ne fregava un cazzo.

Era la terza settimana dell'inizio del nuovo trimestre scolastico, un lunedì mattina e suor Anne stava annullando i nostri nomi, in modo da poterci contrassegnare con il registro.

Ero impegnato a dare ad Adam una gamba morta, battendo continuamente la sua coscia destra e lui stava cercando di darmi un'ustione cinese alla mia mano libera.

«Susan Harris!» Ha chiamato, suor Anne.

“Ecco Sorella” rispose Susan e suor Anne puntualmente mise un segno di spunta sul suo nome.

Il prossimo sarebbe stato il mio nome ed ero pronto a fare qualche risposta stupida o fare un rumore di scoreggia.

«Charlotte Heath!» Ha chiamato, suor Anne.

“Ecco Sorella” fu la risposta.

Che cosa? Chi cazzo è Charlotte Heath? E ho smesso di dare ad Adam la sua gamba morta e mi sono guardato intorno per vedere chi fosse la nuova ragazza. Avevo già deciso che era la prossima nella mia lista di ragazze da stuzzicare.

Ho visto i suoi 2 banchi alla mia sinistra. E il mio primo sito di lei era proprio come l'avevo già descritta, sembrava un po' spaventata, come una nuova ragazza probabilmente non conosceva nessuno e aveva gli occhi che guardavano suor Anne.

E per i successivi 20 minuti non riuscivo a staccare gli occhi da lei, i miei occhi passavano dal suo viso all'orlo della gonna che mentre era seduta le risaliva la coscia mostrando le sue bellissime gambe.

Adam ha continuato a darmi un'ustione cinese, suor Anne aveva finito di chiamare i nostri nomi per il registro. Ho anche dato la risposta corretta quando ha chiamato il mio nome. Poi ha continuato a raccontarci gli avvisi della giornata. Non ho sentito niente dopo che il mio nome è stato chiamato.

Ero davvero innamorato di Charlotte.

La prossima cosa che ho saputo è stato che Adam mi ha dato un calcio nello stinco per svegliarmi dalle mie fantasticherie mentre dovevamo arrivare alla nostra prima lezione. Matematica, eww.

Mi sono alzato, ma non me ne sono andato subito. Ho aspettato che Charlotte se ne andasse e l'ho seguita senza sapere a quale classe sarebbe dovuta e senza curarmene, volevo solo starle vicino.

L'ho raggiunta.

“Ciao Charlotte, sei nuova qui allora? Che classe hai adesso? chiesi, sperando fosse matematica.

"Sì, il mio primo giorno." E tirando fuori il suo orario e controllandolo, disse.

"Ehm, matematica." Sala 4a.

SÌ! Come me
.
“Come me allora. Dai, ti mostro la strada.

Abbiamo tenuto le stesse lezioni tutto il giorno e ci siamo seduti insieme per la maggior parte di loro, ero in paradiso e per il resto della giornata sono stato un gentiluomo con lei. Nessuna presa in giro, nessuno sfregamento del cazzo.

Lo riformulerò un po ', sono stato un gentiluomo per il resto della giornata fino a quando non siamo andati a casa sua.

All'ora di pranzo, abbiamo pranzato insieme ad Adam e alla prima lezione pomeridiana mi stava prendendo in giro perché Charlotte era ufficialmente la mia ragazza e sarei andato a casa sua dopo la scuola per fare i compiti insieme.

Adam era solo geloso perché anche a lui piaceva.

Non vedevo l'ora che finisse la scuola.

Alle 3 in punto, suonò la campanella e la scuola si svuotò e io tenevo per mano Charlotte e camminavo verso casa sua.

Mi ha detto dove viveva e come è successo non vivevamo così distanti, solo un paio di strade di distanza, quindi le ho mostrato la scorciatoia attraverso il parco che richiede 10 minuti di passeggiata se avessimo fatto la strada più lunga in giro.

Mi piaceva tenerle la mano, era bello, insieme alla sua gonna che anche quando in piedi finiva sopra le sue ginocchia e il bel viso di Charlotte, il mio cazzo si è indurito e l'ho strofinato velocemente attraverso i miei pantaloni.

Non abbiamo parlato fino a quando non siamo stati nel parco e abbiamo attraversato il ponte che dovevamo attraversare che attraversava un fiume stretto ma profondo e che scorre veloce.

Era ancora giorno ed era una giornata di sole, ma la folta chioma degli alberi rendeva più simile a tarda sera dall'altra parte del ponte e piuttosto buio.

Quando attraversammo Charlotte smise di camminare e guardò nell'oscurità intorno agli alberi.

"Stai bene? chiesi, pieno di preoccupazione.

"Sì, ma non passerei di qui da solo, sembra spaventoso."

“No, va bene. Andiamo, voglio mostrarti una cosa. E le tirai la mano e continuammo a camminare.

Avevo un secondo fine, il mio cazzo era stato duro per 5 minuti e avevo bisogno di sfogo e avevo bisogno di far muovere le cose.

Quindi ora ci stavamo dirigendo verso un posto tranquillo tra gli alberi. Stava per vedermi masturbarmi.

"è lontano?" chiese Carlotta.

"No, non proprio, ci siamo quasi" mentre ci addentravamo negli alberi. Ho dato al mio cazzo un altro massaggio.

"Hai avuto un ragazzo prima di Charlotte?"

Arrossì leggermente, le sue guance diventarono di una sfumatura rossa e rispose timidamente e con un tono sommesso appena udibile.

"No, tu sei il mio primo."

Ho sorriso e ho risposto.

"Sei anche la mia prima ragazza." Cercando di metterla a suo agio, ma era la risposta che cercavo.

"Quindi non hai mai visto un ragazzo furbo allora?"

"Che cosa? Ehm, no, non l'ho fatto. E arrossì di un rosso ancora più profondo e distolse gli occhi da me.

Avevamo smesso di camminare perché eravamo in mezzo agli alberi nel punto in cui volevo arrivare. Era lontano dal sentiero principale e non c'era nessuno nelle vicinanze.

Avevo sorriso tra me e me per il suo imbarazzo. Ho insistito.

"Vuoi vedere il mio?" guardandola direttamente e continuò.

“È solo che mio fratello mi ha detto che i fidanzati mostrano alle loro ragazze il loro pisello. Lo fa alla sua ragazza tutto il tempo. In realtà non me l'ha detto affatto, ma Charlotte non doveva saperlo.

Charlotte continuava a distogliere lo sguardo da me, mi ha lasciato la mano e non ha risposto.

"Ci vorrà solo un minuto, vieni qui." Le presi di nuovo la mano e la condussi a un grande mucchio profondo di foglie morte secche.

“Siediti lì sulle foglie, non devi fare niente. Mio fratello ha anche detto che quando un ragazzo e una ragazza, proprio come te e me siamo ragazzo e ragazza, sono innamorati quindi devono farlo.

Le guance di Charlotte erano ancora rosse, ma ora mi guardò e si sedette. Non aveva ancora risposto, ma il suo sedersi equivaleva a un accordo.

Ho tolto la borsa che avevo in spalla e l'ho lasciata cadere a terra insieme al blazer. Mi sono sfilato le scarpe e mi sono slacciato i pantaloni e stavo per tirarli giù.

"Cosa fai? Perché ti togli i pantaloni?"

"Così posso mostrarti il ​​mio pisello, è meglio così."

“E se qualcuno ci vede, finiremo nei guai. Non voglio finire nei guai.

“Va bene Charlotte, davvero. Nessuno ci vedrà qui” E mi chinai e le diedi un piccolo bacio sulla guancia, aveva un buon sapore, aveva un sapore dolce.

Il mio cazzo stava spingendo forte per uscire, il disagio di Charlotte lo alimentava e diventava ancora più duro.

Alla fine mi sono tolto i pantaloni e le mutande, il mio cazzo era rivolto verso l'alto, la mia camicia si stava intromettendo così mi sono tolto anche quella.

Rimasi nudo di fronte a una Charlotte seduta e la mia mano destra afferrò il mio cazzo vicino alla base, le mie dita avvolte attorno alla mia asta.

Charlotte guardò il mio cazzo con un misto di stupore, imbarazzo e chiese.

"Perché la tua astuzia è così dura?"

“Perché sei la mia ragazza, sei molto carina. Quando a un ragazzo piace una ragazza diventa duro così. E quando è così duro si chiama gallo. E quando il mio cazzo è così, lo sego così. Ho iniziato lentamente ad accarezzare l'intera lunghezza del mio cazzo.

“Mi sento bene quando lo masturbo, lo masturbo molto, lo masturbo ogni giorno. Mi piace che tu mi guardi mentre mi masturbo il cazzo.

Charlotte ha abbassato gli occhi quando l'ho detto così mi sono inginocchiato e mi sono alzato su di loro, ho allargato le ginocchia e mi sono seduto su di loro in modo che il mio culo fosse sui miei piedi.

Stavo ancora accarezzandomi lentamente il cazzo.

I suoi occhi guardavano il suo grembo dove erano le sue mani, stava giocando a disagio con loro. Era seduta a gambe incrociate. L'orlo della gonna sopra le ginocchia.

Eravamo a pochi centimetri di distanza. Ho lasciato andare il mio cazzo, leggermente piegato in avanti e con la mano destra l'ho messo sul suo ginocchio sinistro e l'ho lasciato lì per un momento.

Il mio tocco la fece sussultare un po'.

"Va tutto bene Charlotte, non aver paura."

"Io non ho paura." Lei rispose, ma la sua voce balbettò appena, dicendo il contrario.

Guardando il mio cazzo, ho visto che un po' di sborra si era accumulata nella mia pipì.

“Guarda il mio cazzo Charlotte; è difficile così a causa tua, perché sei la mia ragazza. E siccome sei la mia ragazza puoi toccarlo"

E mentre lo dicevo, la mia mano lasciò il suo ginocchio e prese la parte superiore della sua mano sinistra e la guidò verso il mio cazzo.

"Tienilo come se avessi in mano una sottile lattina di deodorante."

Dovette sporgersi in avanti dai fianchi, ma lo prese delicatamente in mano.

"Ora delicatamente e lentamente muovi la mano su e giù."

Ha iniziato ad accarezzarmi il cazzo. Mi sentivo così bene e un brivido di piacere mi percorse il corpo.

"Mmm che bello."

Si fermò, cambiò mano e continuò. Rimisi la mano destra sul suo ginocchio e strofinai il palmo della mano a metà della sua coscia, spingendo la gonna di Charlotte esponendo parte della sua coscia sinistra.

La sua pelle pallida era liscia e invitante e tirai indietro la mano lasciando che la punta delle mie dita toccasse la sua coscia e strofinai lentamente le punte sulla pelle esposta. Sembrava bello come sembrava.

"Togliti la gonna da Charlotte."

Ha lasciato andare il mio cazzo e da lì ha portato lo sguardo sul mio viso, si stava mordendo il labbro inferiore.

Le presi entrambe le mani tra le mie e mi alzai, convincendola gentilmente ad alzarsi con me.

La parte superiore della sua testa raggiungeva a malapena il mio mento e io mi avvicinai e mi chinai e la baciai in pieno sulle labbra ed erano morbide al tatto.

Charlotte mi ha ricambiato il bacio e io ho abbassato le mani sulle sue chiappe e le ho dato una stretta tirandola verso il mio cazzo ed è stato premuto contro il suo inguine.

“Togliti la gonna” ho ripetuto
.
Ha slacciato il bottone e tirato giù la cerniera e con pochissime persuasioni da parte mia l'ho tirata giù e lei ne è uscita lasciandola dove era caduta.

Abbassai lo sguardo tra le sue gambe e indossava un paio di semplici mutandine di cotone bianco. Per me erano le cose più sexy che avessi mai visto e ancora oggi non ho problemi a farmi venire duro solo guardando qualcosa di simile in vendita come confezione tripla in un supermercato.

Ho preso in mano il mio cazzo e ho fatto scorrere la sua testa gonfia gocciolante di pre-cum su e giù per quelle mutandine sexy.

Faceva così caldo e Charlotte rabbrividì quando la mia testa si avvicinò alla sua fica. Ho dovuto smettere o penso che sarei venuto lì e poi.

Ho lasciato andare il mio cazzo ed è tornato in posizione eretta. E ho spostato la mia mano sulla sua fica.

"Come lo chiami questo?" mentre le strofinavo teneramente la fica attraverso le mutandine di cotone.

Lei fece una piccola risatina

"Fa il solletico, basta." Ridacchiando di nuovo e cercando a malincuore di respingere la mia mano

"Quando mi dirai come lo chiami, lo farò."

"È imbarazzante."

"Dimmi." Ancora delicatamente strofinando e un'altra risatina lasciò le sue labbra.

"Si chiama a..a v..agina, vagina." Mentre si dimenava via, fuori dalla portata delle mie dita. Sorridi sulle labbra e anche negli occhi.

“Esatto, ma quando il ragazzo e la ragazza sono così, si chiama fica. Capisci? Una fica.

Lei annuì d'accordo.

"Come si chiama Charlotte, dimmi?"

I suoi occhi si abbassarono e disse piano.

"Una fica."

"Bene" dissi e baciai le sue morbide labbra, mentre lo facevo le sfilai il blazer facendolo cadere a terra e cominciai a sbottonarle la camicetta bianca, facendomi strada lungo la fila di bottoncini.

Sotto aveva un gilet di cotone bianco che le arrivava poco sopra l'ombelico e ornato di fiorellini rosa.

Con tutti i bottoni slacciati, Charlotte si tolse la camicetta e se la lasciò cadere sopra il blazer.

Ora potevo vedere che non aveva affatto tette, petto piatto, ma i suoi minuscoli capezzoli erano duri e visibili attraverso il cotone.

"Hai già iniziato le mestruazioni?" Le ho chiesto.

Le sue guance iniziarono a riempirsi di nuovo del rossore dell'imbarazzo.

"No, non l'ho fatto." Il suo labbro inferiore tremava un po' e il suo viso sembrava un po' triste.

“Spero che inizi presto, davvero. Voglio le tette e la mamma ha detto che verranno quando comincerà. odio il mio petto piatto”

"Mi piacciono così, quindi non farli troppo grandi" sorridendole rassicurante.

"e si chiamano tette, non tette" disse mentre le punte delle mie dita le strofinavano i capezzoli. Poi prese l'orlo inferiore del giubbotto e se lo tirò sopra la testa. Esponendo completamente il suo petto, la pelle impeccabile pallida, i suoi capezzoli piccoli ma ancora duri e li lasciò cadere sopra la camicetta.

Mi chinai e leccai ognuna con la punta della lingua, poi facendo scorrere la lingua lungo il suo petto, sopra il suo ventre inginocchiandomi mentre lo facevo.

Quando arrivai in cima alle sue mutandine, le mie mani le afferrarono ai lati e le tirarono giù per le sue gambe e Charlotte ne uscì. Ho gettato poi sopra il suo gilet e camicetta, era un mucchio disordinato di vestiti.

La sua fica sembrava perfetta, solo una fessura, senza labbra gonfie su entrambi i lati. Non che ne avessi visti molti, a parte i pochi visti durante le vacanze estive, ma per me era decisamente perfetto.

Dato che la mia faccia era così vicina ad esso l'ho leccato, non so perché ma mi sembrava la cosa giusta da fare. L'ho leccato dal fondo della fessura della sua fica fino in cima. Aveva un buon sapore, quindi l'ho fatto di nuovo.

Charlotte rabbrividì.

“È stato bello, così bello. Fallo ancora."

Così ho fatto, ma questa volta ho spinto la punta della mia lingua dentro la fessura della sua fica.

Rabbrividì di nuovo.

Le sue mani ora erano sopra la mia testa, penso che le sue gambe avrebbero ceduto se non avesse avuto qualcosa per sostenerla
.
Il suo respiro è diventato un po' affannoso mentre diceva.

"Ancora, ancora, fallo ancora".

“Ti piace vero? Non ti tocchi la tua stessa fica, non ti strofini la tua stessa fica?

"Un paio di volte, ma non sembrava così."

Sono tornato indietro e l'ho leccato di nuovo e questa volta ho fatto scorrere un dito lungo la fessura della sua fica un paio di volte e l'ho spinto delicatamente dentro la sua fica fino alla prima nocca. Sembrava stretto umido al tatto.

Un altro brivido fece piegare la gamba destra di Charlotte all'altezza del ginocchio. Quasi crollando a terra.

"Fermati, fermati, fermati, cazzo." I suoi respiri veloci, quasi ansimanti e ammetto che ero anche un po' scioccato, quella era la prima volta che la sentivo imprecare in quel modo.

"Siediti Charlotte, prima di cadere"

Cadde sul sedere come una bambola di pezza, ansimando ancora e si lasciò cadere sulla schiena, il petto ansante.

“Gesù ragazza, stai bene? Ti ho appena toccato la fica. Mezzo beffardo, ma anche compiaciuto per la reazione che la sua fica ha avuto dalla mia lingua e dal mio dito. Dovrò ricordarmelo.

“Sì, sì, sto bene. Mio Dio. Sembrava che l'elettricità stesse attraversando la mia vag..figa per tutto il corpo. È stato fantastico."

Aveva il sorriso dello Stregatto ed era contagioso perché lo avevo anch'io.

Mi inginocchiai tra le sue gambe e mi sdraiai sopra di lei, il mio cazzo duro come una roccia le sfiorò la fica mentre lo facevo.

"Ah ah Oh mio Dio!" Gridò Charlotte e trattenne il respiro. Poi ha iniziato a ridere.

"Questo solleticava, molto!"

Prendendo il mio peso sugli avambracci, mi chinai e la baciai. Ho sentito la sua lingua scivolare nella mia bocca e le sue braccia avvolgermi la schiena. Mentre facevo scivolare la mia lingua sulla sua.

Restammo così qualche minuto a baciarci. Godendoci le labbra e il momento l'uno dell'altro e provando, ma soprattutto fallendo, a tenere il mio cazzo lontano dalla sua fica. Il minimo tocco e il suo corpo si inarcava leggermente.

Abbiamo separato le nostre labbra e guardandoci negli occhi, ho spostato i miei fianchi verso i suoi, la mia testa di cazzo premuta con forza contro la sua fica. Il suo corpo si inarcò di nuovo e imprecò ancora una volta.

Il mio cazzo trasudava ancora pre eiaculazione e gocciolava sulla sua fica, ho afferrato il mio cazzo e l'ho strofinato contro la sua fica. Spargendo il pre sperma su tutta la fessura, poi tenendolo fermo ho spinto la testa del mio cazzo dentro la sua fica, solo la testa.

Era stretto e ha richiesto un certo sforzo.

Charlotte ha urlato e la cosa mi ha un po' spaventata.

"Devo smettere?"

"No, no, aspetta solo un secondo, non muoverti." Ansimando forte.

Il suo respiro si calmò dopo un momento.

"Ancora?" Lei annuì

“Fammi sapere quando fermarmi, ok” Un altro cenno.

Spinsi di nuovo delicatamente, la sua fica forse prendeva un altro centimetro.

"Oh, oh, va bene"

Ho spinto un po' di più, forse un altro centimetro dentro la sua fica stretta. Mi sentivo bene, quasi quanto alcune delle mie seghe.

Poi non sono riuscito ad andare oltre, mi è sembrato di colpire qualcosa, come un muro ma morbido. Poi è andato.

“OWWWWW!! Basta basta."

E ho tirato fuori fino a quando non è rimasta solo la mia testa di cazzo dentro.

I respiri di Charlotte erano brevi e superficiali.

"Fa male, ma ora sta migliorando, va bene ora"

Spinsi lentamente il mio cazzo dentro la sua fica calda e stretta. Ma ora sembrava un po' più umido di prima e sembrava scivolare indietro un po' più facilmente.

Mi aspettavo di sentire di nuovo il muro, ma era sparito e potevo infilare il mio cazzo più in profondità di prima e dopo un po' non potevo andare oltre. Tutto il mio cazzo era dentro la sua fica bagnata e stretta.

Mi sono tirato indietro a metà strada e ho spinto di nuovo dentro. E l'ho fatto lentamente all'inizio diventando sempre più veloce.

Charlotte aveva le gambe avvolte attorno a me, spingendomi dentro e i suoi fianchi si sollevarono per incontrare le mie spinte.

“Oh cazzo cazzo cazzo cazzo Oh Dio. Così buono” La testa di Charlotte stava rotolando da una parte all'altra.

Sono passati solo pochi minuti e sapevo che stavo per venire.

"Sto venendo, sto venendo" e ho seppellito il mio cazzo nella sua fica con il mio ultimo colpo possibile e ho raggiunto l'orgasmo, il mio sperma è schizzato fuori in un unico colpo lungo.

La testa di Charlotte continuava a rotolare da una parte all'altra, urlando e imprecando.

Il mio respiro era pesante come quello di Charlotte, le sue gambe caddero a terra e il mio cazzo rimpicciolito scivolò fuori dalla sua fica e restammo sdraiati lì finché non riprendemmo fiato e lei aveva smesso di imprecare, ma la sua bocca aperta prendeva grandi boccate d'aria .

Le diedi un bacio sulle labbra e mi misi a sedere. Guardando il mio cazzo era coperto da un misto di sperma e un po' di sangue e la fica di Charlotte gocciolava ugualmente.

Adesso aveva le labbra gonfie da fica

Charlotte si alzò a sedere, aveva il viso arrossato, i capelli in disordine e qualche foglia, che le strappai.

Sono andato alla mia borsa e ho tirato fuori un pacchetto di fazzoletti, ne ho tirato fuori un paio e ho offerto a Charlotte il pacchetto che lei ha preso e ne ha tolti alcuni e si è pulita la fica.

Ha visto il poco sangue mescolato al mio sperma.

"Sangue?" sembrava preoccupata mentre lo diceva.

"Andrà tutto bene, non preoccuparti, di solito succede la prima volta a quanto pare."

Lei non ha detto niente e si è pulita con i fazzoletti e io ho fatto lo stesso con il mio cazzo sgonfio.

Lei guardò oltre e iniziò a ridere.

"Non è così grande adesso, vero?" e rise.

“ Mucca sfacciata e ti sei precipitato da lei tenendole il fazzoletto sporco sul viso.

"No, no, schifo, schifo." Sta ancora ridendo e girando la testa per allontanarsene.

"Dì che ti dispiace, dillo." Agitando il fazzoletto sul suo viso.

"Scusa, scusa, scusa" Tra una grande risata di pancia.

Mi avvicinai ai miei vestiti, mi girai e le lanciai il fazzoletto sporco.

Le aveva colpito la gamba lasciandosi dietro una macchia di sperma rosa mentre rimbalzava e cadeva a terra

"Eww" ha gridato e io ho iniziato a ridere e mi sono vestito.

"Maiale" ha detto e si è vestita e io le ho tirato fuori la lingua.

"Ero una brava ragazza cattolica quando sono andata a scuola stamattina e un giorno con te e mi sto asciugando il tuo sperma dalla fica, padre Anthony avrà un infarto in confessionale quando glielo dico."

Ho riso e ho risposto.

"Beh, allora vai prima tu, perché se gracchia non dovrò andare."

Finimmo di vestirci, ci riunimmo e ci avviammo verso la casa di Charlotte.

"A che ora torna a casa tua madre?" chiesi a Carlotta.

"Circa 4" guardando l'orologio.

“Dannazione, sono le 4 adesso. Si arrabbierà se non sarò a casa quando arriverà. Posso semplicemente tornare a casa da solo, forse non è una buona idea avere un ragazzo al seguito il primo giorno in una nuova scuola, specialmente uno che aveva il suo cazzo nella mia fica. Dovrò provare a farmi lavare le mutandine di nascosto in modo che anche lei non ci veda niente?

"Ti dico una cosa", dissi

"Togliteli e te li laverò oggi e te li riporterò domani, ok?"

“Qualsiasi scusa per togliermi le mutande eh. Ma grazie” e li ha sfilati e me li ha dati. Me li sono avvicinati al naso e li ho annusati.

"Pervertito!"

"Mmm adoro quell'odore di fica sudata" dissi sorridendo e me li infilai in tasca.

Siamo andati al cancello del parco. Charlotte conosceva la strada da qui.

“Ci vediamo alle 8.30?” Lei chiese.

"Ci puoi scommettere" Mi ha dato un bacio ed è corsa a casa. L'ho vista girare l'angolo e scomparire.

"ADAMO!" Ho urlato.

“Puoi uscire ora”

“Scopami, amico, l'hai fottuta, ho visto tutto, quando il tuo cazzo è entrato nella sua fica, sono venuto anch'io. Ho pensato che avresti potuto sentirlo gemere così forte. Pensavo che ti saresti solo masturbato e sborrato su di lei! Adam era incredulo.

“Sì, ero amico, ma l'hai vista. Non ha combattuto molto al riguardo. Le ho fatto scoppiare la ciliegia, il sangue e tutto il resto” stavo ridendo.

"Oh, prima che me ne dimentichi" le ho tirato fuori le mutandine, agitandole davanti al viso di Adam.

"Bonus!" Ho detto.

“Vuoi annusarli? Guarda sperma e sangue. “Indicandolo
.
La faccia di Adam era un'immagine. E prendendoli dalla mia mano glieli portò al naso e fece un respiro profondo.

"Mmm, nettare" disse, restituendomeli.

"Tienili amico." Ridendo.

Andammo a casa mia, tenendoci le braccia l'una sulle spalle, ripercorrendo l'attività del doposcuola della giornata.

2 settimane dopo Charlotte e io ci siamo lasciati, no lei ha rotto con me.

Abbiamo scopato quasi tutti i giorni fino ad allora, o mi sarei masturbato e sborrato su di lei se non avessimo avuto tempo per vari motivi.

Ma il motivo per cui ci siamo lasciati è che le ho detto che Adam ci aveva visto scopare quella prima volta e molto tempo dopo. E dopo qualche giorno, anche altri 5 amici stavano guardando. Avrei dovuto vendere i biglietti.

Questo l'ha un po' spaventata.

Non credo che mi abbia mai più parlato per il resto del nostro tempo a scuola.

Storie simili

Samantha e Kaylee_(0)

Avevo una vicina di nome Kaylee che era meravigliosa. Era alta, atletica e aveva un corpo sodo. Probabilmente circa 120 libbre. pelle abbronzata, capelli castano scuro. Ha sicuramente attirato la mia attenzione. Non era una troia, era più una provocazione. Abbiamo frequentato la stessa scuola superiore. L'ho vista spesso, ma non abbiamo parlato molto. Tutto in lei era ipnotizzante, il modo in cui i suoi capelli erano lunghi e avevano la giusta quantità di riccioli, le sue gambe, la figura sexy, aveva persino delle fossette sopra il sedere che potevo vedere quando era in bikini intorno alla piscina. Era una brava...

256 I più visti

Likes 0

Diventare Zoe

La mia futura moglie Annie aveva accettato un lavoro fuori città e la vedevo solo ogni due settimane circa. Mi mancava così tanto. Lei ed io eravamo diventati amanti a distanza. Aveva un volo di ritorno a casa venerdì sera. Stavo andando a prendere suo figlio Zakk dal suo dormitorio e noi due saremmo andati a prenderla all'aeroporto e ci saremmo goduti il ​​fine settimana insieme. Zakk è al suo primo anno di college e sta studiando per diventare un truccatore per il teatro e lo schermo. Lui e io non ci siamo davvero conosciuti e questo doveva essere il fine...

1K I più visti

Likes 0

DIARIO DI UNA FAMIGLIA: PARTE 1

3 settembre Caro diario, mi chiamo Tilly Crawford e negli ultimi dieci anni sono stata la casalinga della Delta House Fraternity qui allo State U. Un altro anno di scuola è iniziato proprio ieri e i ragazzi si stanno preparando per la corsa all'impegno della confraternita settimana organizzando feste e, naturalmente, l'open house per consentire alle nuove matricole di farsi un'idea se desiderano unirsi a Omega House. È stata una lunga estate per me diario, mi manca molto stare con i ragazzi e ovviamente alla mia figa mancava l'attenzione che riceve dai loro grossi cazzi duri!!! Eric è appena passato per...

2.2K I più visti

Likes 0

Visitare un amico speciale

Ho bussato al cancello di metallo. Era un bungalow piuttosto grande circondato da muri di mattoni con glassa di filo spinato. Il mio cuore batteva. Tutto quello che sentivo era la paura di essere rifiutato o qualcosa del genere. Fortunatamente, suo fratello maggiore, Suleman, ha aperto la porta. Era un ragazzo con un carattere freddo e una corporatura piuttosto muscolosa, quindi ha mantenuto la sua posizione. Mi guardò con giudizio per un momento, sorrise e mi diede una stretta di mano. Ei, cosa ci fai qui? Sono qui per far visita a tua sorella... mi smorzai, sapendo quanto fosse insolito per...

1.3K I più visti

Likes 0

Il mio fratellastro

Penso che sia così dolce quando il mio fratellastro Kevin regala alla sua ragazza le sue cose. Le ha regalato il suo cappello preferito, verso il quale è ESTREMAMENTE protettivo. Ad esempio, non permettere mai a nessuno di toccarlo. Continua a dire che è perfetto ed è praticamente modellato per adattarsi alla sua testa, e glielo ha dato. Le ha anche regalato la sua giacca preferita e le lascia sempre prendere in prestito le sue fortunate perle del karma. Queste cose sono state il suo portafortuna per tre anni. Non se li toglie mai e odia quando le persone li toccano...

534 I più visti

Likes 0

Vacanze estive

Erano le vacanze estive. Faceva caldo e afoso e non c'era corrente. Eravamo davvero annoiati. Noi, nel senso, io, mia cugina Veena e suo fratello minore Ram. Io avevo 16 anni, lei 15 e lui solo 8. non sapevamo cosa fare e avevamo iniziato a sudare. i miei occhi caddero su Veena. la mia, se fosse cresciuta in un anno. doveva avere 5 1, le sue tette erano attaccate alla maglietta a causa del sudore e delle loro dimensioni La sua gonna era sopra le ginocchia, stava cercando di farsi aria e le sue tette le saltavano nella T. Sembrava che...

564 I più visti

Likes 0

Mia Matsumiya: come essere una brava ragazza

Mia Matsumiya: come essere una brava ragazza NOTA: per facilitare la visualizzazione, controlla il thread Mia Matsumiya: How To Be A Good Girl nella sezione Sex Stories del forum. Credetemi, ne varrà la pena! Mia Matsumiya, una bellissima violinista giapponese di 24 anni, è all'ultima tappa del suo tour in Francia con una delle band d'avanguardia con cui suona. Questa è una rara serata libera dal gioco per la piccola bellezza di un metro e settantacinque, che per caso ha incontrato una coppia di amici - Lisann e suo marito Rob - in un bar all'aperto all'inizio della giornata. Anche se...

403 I più visti

Likes 0

Caduta cap. 08

Capitolo 8, In cui condivido troppe informazioni Era stato un altro lungo viaggio, ma ero arrivato in tempo per prendere il volo del primo pomeriggio. Ero carico e ansioso di tornare a casa e condividere la buona notizia: avevo ottenuto un altro grosso contratto ed ero sulla buona strada per ottenere il venditore dell'anno e uno stupendo bonus. Grazie al coaching di Stacey, avevo imparato che un po' più di T&A avrebbero fatto molto. Una modesta spesa per abiti spigolosi, calze al posto dei collant e così via, si era trasformata in enormi aumenti degli affari firmati. Alcuni dei miei concorrenti...

275 I più visti

Likes 0

Colto in flagrante_(0)

Colto con le mani nel sacco Questa esperienza ha coinvolto il mio conoscente Ben. Dico conoscente perché l'ho incontrato solo una volta prima, abbiamo parlato a malapena e non aveva molto legame con me: era il figlio della mia amica più grande Vicky. Conoscevo Vicky perché facevo volontariato nel suo negozio di animali e, anche dopo aver finito, ancora oggi restiamo buoni amici. All'epoca avevo 15 anni e Ben 13. Vicky mi ha invitato a fare un barbecue per festeggiare il suo compleanno, quindi insieme a molte altre persone ho accettato, ero il più giovane lì a parte Ben che è...

271 I più visti

Likes 0

La mia calda sorellina deglutisce!

Avevo 18 anni al momento di questa storia e mia sorella 16. Avevo appena finito il liceo e in autunno sarei andato al college. Ero alto un metro e settanta e pesavo 175 libbre ed ero in ottima forma grazie allo sport. Mi chiamo Jim e anch'io ero un po' nerd. Tra studio e sport non avevo ancora nemmeno cominciato a frequentarmi. Mia sorella Beth era alta 1,70 e pesava 50 chili, con tette a forma di coppa C perfettamente appuntite e un bel sedere a bolla. Aveva lunghi capelli biondi naturali, setosi, penetranti occhi azzurri e una bocca molto calda...

171 I più visti

Likes 1

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.