L'autista(#1)......l'intervista

1.1KReport
L'autista(#1)......l'intervista

L'autista………l'intervista

DI: PABLO DIABLO

Diritto d'autore 2018

CAPITOLO 1

Non avrei mai pensato che a 40 anni avrei divorziato. Ho un figlio fantastico, che non ho molto tempo per vedere. Ho le solite bollette come il mutuo, il pagamento dell'auto e ora il mantenimento dei figli. In qualche modo, non sembra giusto che la parte innocente in un divorzio venga rastrellata sui carboni dal tribunale della famiglia.

Non ho obiezioni a pagare il mantenimento dei figli. Tuttavia, nel mio stato gli uomini perdono quasi sempre.

Per mantenere le mie bollette, sono stato costretto a cercare un lavoro part-time. Lavoro 40-50 ore a settimana come direttore di ristorante. Tuttavia, quei soldi non erano più sufficienti per mantenere la mia testa finanziaria fuori dall'acqua.

Ho chiamato diversi amici chiedendo se conoscevano lavori part-time che avrei potuto svolgere. Tutti mi dicevano la stessa cosa che "i tempi erano duri".

Sono andato online alla ricerca di un lavoro part-time e mi sono imbattuto in un annuncio per gli autisti necessari. Ho aspettato fino a lunedì per chiamare il numero elencato chiedendo informazioni sulla posizione. Con mia grande sorpresa, una deliziosa signora ha risposto al telefono con una voce leggermente strascicata del sud.

“Grazie per aver chiamato Happy, Happee Limo. Questa è Tina che parla. Hai bisogno di una limousine per il ritiro o il servizio aeroportuale?" La sua voce sembrava solo "sorridere" al telefono.

Ho esitato un attimo prima di rispondere: "Nessuno dei due, sto chiamando per una posizione che ho visto la tua azienda pubblicare online per un autista".

“Oh, questo è gestito da Sasha. Per favore aspetta mentre ti collego. Tina ha risposto.

Ho aspettato quella che sembrava un'ora ma, molto probabilmente, solo 5 minuti circa. Alla fine rispose una donna con un profondo accento dell'Europa orientale. La mia testa ha subito pensato al vecchio cartone animato "Boris e Natasha" mentre la voce di Sasha suonava proprio come Natasha.

“Ehm, ciao, mi chiamo David e sto chiamando per la posizione di autista che hai pubblicizzato online.

La risposta di Sasha è stata che la posizione era quella di lasciare e prelevare le persone come indicato dal supervisore. Nei tempi lenti, l'autista deve pattugliare l'area di arrivo dell'aeroporto o aspettare fuori da una mezza dozzina di hotel resort di fascia alta che hanno contratti. La posizione ruota portando la propria clientela a qualsiasi destinazione richiesta per una tariffa fissa.

Nella mia testa, sembrava un lavoro decente. Ho chiesto quale fosse l'orario di lavoro che mi sarebbe stato richiesto. Sasha mi ha detto che dovevo incontrarla all'ufficio della limousine martedì verso le 20:00. Ha anche continuato a dirmi che avevo bisogno di indossare il mio vestito migliore, in modo che potesse assicurarsi che fossi vestito in modo appropriato se mi avessero offerto la posizione.

Martedì mi sono presentato all'indirizzo che mi ha dato con circa 15 minuti di anticipo. Ho parcheggiato la mia Toyota Corolla, sono sceso, ho controllato la tuta e mi sono spruzzato uno spray alla menta in bocca. L'abito che indossavo ha pantaloni neri e un cappotto nero. Indossavo la mia camicia a maniche lunghe blu cobalto preferita con una cravatta marrone tenue con un fazzoletto marrone abbinato. Mi sono assicurato di lucidare la cintura nera e le scarpe eleganti nere solo per impressionare.

Ero nervoso a dir poco. Non facevo un colloquio di lavoro da diversi anni. Il mio cuore batteva all'impazzata mentre guardavo l'alto edificio per uffici. Ho suonato il campanello della porta d'ingresso e mi ha risposto un uomo di colore calvo piuttosto grosso. Mi sono presentato e lui ha risposto: “Oh, sei tu quello qui per il lavoro. Entra. Prendi l'ascensore fino all'ottavo piano e vedrai le indicazioni per la compagnia di limousine. Buona fortuna."

A me la corsa in ascensore sembrò breve, ma d'altra parte non c'era nessun altro che la usasse. Quando sono arrivato alla porta "Happy, Happee Limo", un cartello scritto a mano sulla porta diceva "bussare forte", cosa che ho fatto.

Rispose una graziosa donna di colore snella sui vent'anni. Ha gambe lunghe, tette piccole ma impertinenti e un bel sorriso. Ho chiesto: "Sasha?". Mi ha riso e ha detto: “No, sono Tina. Devi essere Davide. Entra e seguimi, ma per favore stai zitto mentre le nostre ragazze telefoniche parlano con i clienti.

Feci come mi era stato detto e la seguii in silenzio. Mentre stavamo camminando attraverso la grande area della conferenza, sembrava che ci fossero molte donne in età universitaria al telefono. Dato che il mio cuore batteva a mille miglia al minuto, non prestavo davvero attenzione alle conversazioni telefoniche.

Tina e io siamo arrivati ​​a una bellissima serie di doppie porte. Ho notato che sembravano fuori posto per un ufficio. Avevano l'aspetto di qualcosa di una chiesa o di un castello. Grandi porte di legno pesante e spesso con quello che sembrava essere un vecchio pomello di ferro completo di un buco della serratura scheletro.

Ho sorriso tra me e me pensando che questo posto sta diventando sempre più interessante di minuto in minuto.

Tina bussò e attraversò la porta. Ho seguito e con mia sorpresa c'era una donna statuaria molto alta con capelli biondi lisci lunghi fino alla vita. Indossava un corsetto di pelle nera con pantaloncini neri abbinati e stivali di pelle alti fino alla coscia. L'aria nell'"ufficio" aveva il caratteristico profumo di chiodi di garofano di una specie di incenso che bruciava in un angolo della stanza.

“Sasha, questo è David, la tua intervista delle 8. Devo aspettare o vuoi che torni ai telefoni? chiese Tina.

“Stai vicino alle porte. Sarete necessari in pochi minuti. Sasha ha risposto con un forte accento.

CAPITOLO 2

Sono sicuro che il mio viso era coperto di smarrimento. Rimasi in silenzio con le mani che cominciavano a sudare.

Sasha iniziò a parlare: “Mr. David, sembri seguire bene le indicazioni. Ci aspettiamo che i nostri dipendenti siano in grado di seguire le indicazioni in modo specifico. Ci aspettiamo anche che qualunque cosa tu veda e ascolti nella tua limousine rimanga un segreto per chiunque tranne me. Capito, signor David?

"Sì signora." Ho risposto iniziando a preoccuparmi di come fossero apparse le bellissime Sasha e Tina che mi hanno fatto agitare il cazzo.

“Ok, signor David, è ora dello spettacolo. Per favore, abbassati i pantaloni. Sasha ha diretto.

"Che cosa?"

"Hai un'altra possibilità, signor David, LASCIATI I PANTALONI." chiese Sasha.

Nella mia testa, ho pensato che se fosse legale chiederlo, ma avendo bisogno del lavoro ho acconsentito. Slacciai i pantaloni, slacciai il fermaglio e aprii la cerniera lasciando che i pantaloni cadessero sul pavimento intorno alle mie caviglie.

Sasha ha usato il dito indice per invitare Tina ad avvicinarsi a lei. Tina le si avvicinò e rimase in silenzio.

“Tina, controlla il signor David. Voglio assicurarmi che "sia all'altezza". Sasha disse con un sorriso malvagio.

Tina si avvicinò a me e ispezionò il rigonfiamento nei miei boxer. Nervosamente, rimasi lì.

Allungò la mano e accarezzò il mio cazzo ormai per lo più eretto. Nel farlo, girò la testa e sorrise a Sasha con un grande sorriso. Poi ho sentito delle dita morbide e delicate all'interno della mia fascia in vita e un forte strattone che mi metteva i boxer sopra i pantaloni intorno alle caviglie.

Ora, ero completamente nudo dalla vita alle caviglie con il mio cazzo completamente eretto puntato verso il soffitto. Tuttavia, sono rimasto in silenzio e immobile.

Tina ha afferrato la mia dura virilità lungo l'asta con una mano e mi ha "appesantito" le palle con l'altra. Ho sentito un basso gemito gutturale appena percettibile.

"Sig. David, ti piace il sesso?" chiese Sasha.

Cercando di schiarirmi le idee abbastanza per rispondere a una frase coerente, ho risposto: "Certo, non lo fanno tutti?"

"Sig. David, quella era una domanda sì o no. ribatté Sasha.

"Sì signora. Mi piace il sesso.

A questo punto, stavo cercando di soffocare un gemito poiché Tina ora mi stava accarezzando il cazzo e strofinando il pre-cum su e giù per l'asta.

Mi girava la testa! Tra l'aspetto interessante di Sasha e la stretta di Tina sul mio cazzo rigido, mi hanno davvero messo il cervello in overdrive.

Tina si è chinata in vita e ha cominciato a leccare la testa del mio cazzo. Fece roteare la lingua intorno alla spessa testa viola. Ha sollevato il mio cazzo e l'ha leccato sotto partendo dalla base. L'altra mano continuava a stringere e massaggiare delicatamente le mie palle.

Stavo cercando di rimanere in silenzio. Tina ha leccato e succhiato il mio cazzo come qualcuno che ovviamente l'aveva fatto, molte volte prima. Con mia sorpresa, un basso gemito mi sfuggì dalla bocca.

"Mister David ti sta godendo la mia Tina?" chiese Sasha.

"Si assolutamente!"

"Tina, ti piacerebbe che il signor David ti scopasse?"

"Oh si!" strillò Tina.

“Bene allora, signor David, per favore piega la mia Tina sulla mia scrivania. Toglile i pantaloncini e per favore inizia a scoparla. Dobbiamo assicurarci che tu possa fare il lavoro. Sasha disse con un grande sorriso.

Tina ha smesso di succhiarmi il cazzo. Si alzò in piedi e si avvicinò a un 1/3 vuoto della sua scrivania e si chinò mettendo la testa sulla scrivania di fronte a Sasha. Quando ho iniziato a seguirla, mi sono ricordato che i miei pantaloni e boxer erano ancora intorno alle mie caviglie. Ho discusso nella mia testa per un momento, dovrei tirarli su o buttarli via? Ho scelto di tirarli su, ma solo quel tanto che basta per poter andare da Tina. Quando l'ho raggiunta, ho lasciato cadere di nuovo pantaloni e boxer.

"Sig. David, devi scopare la mia Tina senza preservativo. Capisci?" chiese Sasha.

La mia testa non ha nemmeno messo in dubbio il motivo per cui Sasha ha fatto quella dichiarazione. Ero in overdrive sessuale in quel momento. Sono passate diverse settimane da quando ho fatto sesso. Ho afferrato la mia virilità dura come la roccia e l'ho messa all'ingresso del suo buco del miele. Ho iniziato lentamente spingendo delicatamente la testa dentro. Le sussurrai all'orecchio: “Stai bene? Andrò piano.

“Signor David, questo NON è fare l'amore. È il sesso. Se non riesci a farle raggiungere l'orgasmo in meno di dieci minuti, allora il tuo colloquio è finito. HA CAPITO IL SIGNOR DAVID” disse Sasha con un tono forte da sergente istruttore.

"Sì signora!" Ho risposto che non volevo che finisse.

Mai nei miei sogni più sfrenati avevo mai considerato un colloquio di "lavoro" come questo.

Ho messo entrambe le mie mani sui fianchi di Tina e ho spinto il mio cazzo dentro di lei. Ho usato la forza, ma non così tanto da farle del male. Si sentiva calda, bagnata e molto tesa.

La sua figa stava afferrando il mio cazzo con una certa forza. Potevo sentire la sua femminilità mentre la penetravo finché l'osso del mio bacino non le raggiungeva il sedere. Ho iniziato a spingere dentro e fuori con uno scopo. Questa "intervista" NON sarebbe finita con una nota di performance scadente.

Tina gemeva ma non con l'intensità che mi aspettavo. Ho cominciato a preoccuparmi pensando all'orologio sotto il quale mi trovavo. Continuavo a spingere sempre più forte dentro di lei. Ho sentito qualcosa colpire la testa del mio cazzo un paio di volte prima di rendermi conto che era la sua cervice.

Ho appena mantenuto il furioso movimento altalenante dentro e fuori dal suo stretto buco di donna bagnata.

Ho preso il ritmo e ho cominciato a picchiarla con tutto quello che avevo. Alla fine, ho iniziato a ricevere i gemiti e le grida che mi aspettavo. Il mio cazzo è stato finalmente immerso nella sua umidità. Ho sentito il suo corpo tendersi e lei ha emesso un forte urlo di piacere.

Ho continuato a scoparla portando avanti un altro orgasmo. Questa ovviamente le faceva girare la testa e inghiottiva l'aria. Ho sentito il suo succo di donna schizzare contro il mio inguine mentre continuavo a scoparla.

“Signor David, può smetterla ora. Hai già raggiunto l'orgasmo?" chiese Sasha.

"No signora."

“Bene, allora verrai da me e finirai di scopare con me. Mi fotterai forte o più forte della mia Tina. Capisci? Se vieni prima, questa intervista sarà finita. Capisci?" disse Sasha con autorità.

Ancora una volta, ho risposto: "Sì, signora".

Mi alzai con i pantaloni e i boxer ancora intorno alle caviglie. Ho deciso che dovevano staccarsi e quindi dare al mio cazzo un momento per resettarsi. Ero preoccupato che sarei venuto prima e questo mi avrebbe reso molto deluso. Quindi, il mio piano era di scopare Sasha il più forte e il più velocemente possibile fisicamente, mentre pensavo a cose che non avevano nulla a che fare con il sesso.

Mi sono tolto le scarpe, mi sono tolto i calzini e sono uscito da pantaloni e boxer. Li ho calciati tutti di lato lontano dalla scrivania.

Mentre lo facevo, Sasha ha ordinato a Tina di pulirsi da sola e di tornare al telefono. Tina ha obbedito.

Sasha poi si è tolta i pantaloncini neri. Ho notato che era completamente rasata e ho pensato che anche Tina fosse rasata.

Potevo sentire l'odore delizioso che emanava dalla figa pelata di Sasha. Ho chiesto a Sasha di sdraiarsi sulla schiena nello stesso posto sulla scrivania che Tina stava usando pochi minuti prima.

Sasha ha obbedito ma ha notato che anche se il mio cazzo sembrava abbastanza grande, potrebbe essere più difficile raggiungere l'orgasmo.

Sebbene fossi un po' preoccupato, mi sono fatto avanti con tutta l'intenzione di portare a termine l'incarico o la sfida per così dire.

Presi ogni caviglia di Sasha e me la misi sulle spalle. La afferrai per i fianchi e la feci scivolare verso di me sulla scrivania. Il mio cazzo ora era duro e pronto per andare di nuovo.

"Ricorda quello che ti ho detto, signor David!" Sasha mi ha ricordato.

Ho messo il mio cazzo duro contro il suo buco del cazzo. Non sono entrato in lei lentamente o con dolcezza. Ho spinto tutti i miei 9 pollici dentro di lei il più velocemente e forte che potevo. La figa di Sasha era così bagnata che emetteva suoni scroscianti mentre entravo alla prima spinta.

Ho sentito un forte grugnito dal mio nuovo compagno di sesso. Ero le palle dentro di lei. Ho tirato fuori quasi del tutto e ho sbattuto contro di lei ancora e ancora. Sempre più difficile, ho mantenuto il mio ritmo il più veloce e furioso che potevo.

Nella mia testa, stavo cercando di pensare a cose stupide come cambiare l'olio della mia auto la prossima settimana, quali generi alimentari dovevo comprare e quando è il mio prossimo appuntamento dal dentista.

Schiaffo, schiaffo, schiaffo era il suono che facevano le mie palle mentre continuavano a colpire il culo di Sasha. Sasha gemeva forte, ma non ero convinto che fosse ancora vicina a venire. Il sudore stava iniziando a formarsi sulla mia fronte e gocciolava sulla pancia stretta di Sasha.

Mi sono reso conto che stavo dimenticando qualcosa. Il suo clitoride! Con quel pensiero saldamente in testa, ho allungato entrambe le mani verso la sua figa sciatta e ho iniziato a strofinarle la clitoride con i pollici contemporaneamente. Mentre le sfregavo la clitoride in tondo, lei iniziò davvero a gemere e ad agitarsi sotto di me.

Dopo solo un paio di minuti di martellamento della fica e sfregamento duro del clitoride, il suo respiro divenne irregolare e il suo gemito sempre più forte.

All'improvviso, ho sentito il mio cazzo e le mie palle schizzare con la sua umidità. Ha emesso un urlo in una lingua dell'Europa orientale che non capivo. Tuttavia, ho pensato che fossero parolacce poiché sembra essere quello che fanno molte, se non la maggior parte delle donne, quando vengono così forte.

Quando ha iniziato a rilassarsi dopo pochi minuti, ho continuato a martellarle la figa con il mio cazzo duro d'acciaio.

Ancora una volta, ha spruzzato tutta la mia zona inguinale con la sua signora sperma. Continuavo a strofinarle la clitoride. Costringendola a imprecare di nuovo in un'altra lingua.

Alla fine, le ho detto: “Sasha, ho la posizione? Vuoi che continui?"

Tina è entrata di corsa nella stanza insieme ad altre due bellissime donne solo per vedermi far venire Sasha ancora e ancora. Tina corse da Sasha, mentre le altre due donne mi guardavano a bocca aperta.

Ora ero più audace che avrei mai potuto fare sia Tina che Sasha venire più volte e tuttavia, non venire da solo. Ho fatto un bel sorriso!

Mentre Tina tirava fuori il mio fazzoletto dalla tasca del cappotto per pulire la fronte di Sasha, ho sentito quella fitta familiare. Le mie palle iniziarono a stringersi. Sapevo che stavo ancora superando il punto di non ritorno, stavo continuando a martellare il buco dell'amore di Sasha.

"Sasha, sto per venire!" Nel momento in cui l'ultima parola ha lasciato la mia bocca ho sentito il mio cazzo crescere dentro di lei e il mio cazzo svuotarsi dentro Sasha. Il primo paio di spasmi ha sparato il mio sperma nella sua pancia poiché la testa del mio cazzo le stava passando la cervice ad ogni entrata spinta.

Quando ho iniziato a venire dentro di lei, mi ha spruzzato ancora una volta. Adesso il mio cazzo e le mie palle gocciolavano del suo succo d'amore. Il suo respiro divenne molto irregolare e le sue imprecazioni straniere ricominciarono.

Quando ho iniziato a perdere vapore e il mio cazzo ha finito di svuotarsi dentro di lei, Sasha con una voce quasi senza fiato, “Mister David, Mister David, per favore smettila. PER FAVORE, PER FAVORE STOP!”.

Non ho prestato attenzione a una delle belle signorine alla porta, uscendo per un momento per prendere 2 asciugamani caldi e bagnati e 2 asciugamani asciutti per pulirci. Ogni donna alla porta si avvicinò a noi mentre ci stavamo separando. Una donna ha iniziato a pulire il mio cazzo ora semi-eretto con l'asciugamano caldo e bagnato. Si è assicurata di pulire il mio cazzo, le mie palle, tutta la mia area inguinale, così come la parte anteriore e interna delle mie gambe. Dopo aver preso l'asciugamano asciutto, mi asciugò il sudore dal viso, chinandosi su di me e dandomi un delizioso bacio sussurrandomi all'orecchio: “Nessuno le ha mai fatto una cosa del genere. Penso che tu sia assunto.

Sorrisi di nuovo con quella consapevolezza. Mentre ero lì a pulire, l'altra donna stava pulendo Sasha.

Alla fine Sasha iniziò a parlare: “Mister David, ovviamente hai superato il colloquio. Ora ti offrirò un impiego nella nostra azienda. Di quanto stipendio avresti bisogno per rendere questo il tuo unico lavoro? Chiaramente hai le competenze necessarie. Quindi, chiedo di nuovo. Quanto ti serve per rendere questo il tuo unico lavoro?

Mi sono seduto sulla sedia per rimettermi boxer e pantaloni. Ho infilato la mia maglietta ormai sudata nei pantaloni prima di allacciarmi la cintura. Stavo cercando di ritardare la risposta, pensando a quanto guadagnavo attualmente e quanto ero basso ogni mese dal mio divorzio.

"$ 175.000 all'anno." Ho risposto.

Al momento ho guadagnato $ 125.000 gestendo il ristorante, ma questo includeva il mio solito bonus annuale. Se questo lavoro doveva essere la mia unica fonte di reddito, allora ne avevo bisogno per gestire tutte le mie spese e anche quello che ho dietro.

Sasha sedeva in silenzio dietro la sua scrivania. Mi ha guardato con intensità ma, non pensavo fosse arrabbiata solo per i suoi pensieri profondi.

"No! Signor David, lei guadagnerà un minimo di 200.000 dollari all'anno. Dopo 30 giorni, avrai diritto a raccogliere mance e ottenere il nostro bonus mensile. La nostra azienda richiederà la firma di un contratto di 5 anni. Lavorerai quando avremo bisogno che tu lavori. Alcune settimane potrebbero essere solo da 35 a 40 ore e alcune settimane potrebbero essere fino a 80 ore. Il nostro accordo avrà i soliti noiosi vantaggi come, medici e dentistici. Tuttavia, ci saranno altri vantaggi speciali di cui parleremo in un altro momento. Abbiamo un accordo, signor David?".

Mi sono seduto sulla mia sedia in un silenzio stordito. La mia testa urlava di accettare l'affare, accettare l'affare, ACCETTARE L'AFFARE!!!

Ho sorriso. Mi voltai per affrontare Sasha e dissi educatamente: “Sì, è un'offerta accettabile. Tuttavia, ho due domande. Innanzitutto, quale sarà il mio titolo? Secondo, quando preferiresti che iniziassi?

Sasha, ora felice che io abbia accettato la sua offerta, ha detto: “Inizierà lunedì prossimo, signor David. Il tuo titolo sarà l'autista. Mister David, la mia Tina ti accompagnerà fuori. Buona notte e per favore guida a casa con prudenza.

La fine della prima parte: L'Autista……l'intervista

Spero ti sia piaciuto e fammi sapere. Mi farebbero piacere i tuoi commenti (buoni o cattivi). Grazie!……PABLO

Storie simili

Diventare Zoe

La mia futura moglie Annie aveva accettato un lavoro fuori città e la vedevo solo ogni due settimane circa. Mi mancava così tanto. Lei ed io eravamo diventati amanti a distanza. Aveva un volo di ritorno a casa venerdì sera. Stavo andando a prendere suo figlio Zakk dal suo dormitorio e noi due saremmo andati a prenderla all'aeroporto e ci saremmo goduti il ​​fine settimana insieme. Zakk è al suo primo anno di college e sta studiando per diventare un truccatore per il teatro e lo schermo. Lui e io non ci siamo davvero conosciuti e questo doveva essere il fine...

1K I più visti

Likes 0

La sorella della moglie è la puttana dell'ufficio!

Questa non è esattamente una storia normale che potresti trovare su xnxx. Ho trovato questo pubblicato in un forum insieme a un mucchio di commenti di giudizio. Lo sto solo ripubblicando per far divertire le persone. Il poster originale afferma che questo è tutto vero e che ha cambiato i nomi. La sorella di mia moglie è la puttana dell'ufficio e suo padre gliel'ha fatto fare! Katie ha sempre condiviso tutto con me e il percorso professionale di sua sorella è diventato un argomento di cui discutiamo a letto. Rosie ha sempre avuto un corpo delizioso ma non c'è molto da...

850 I più visti

Likes 0

Il furgone - Scopa mia moglie

Una sera io e mia moglie stavamo cenando, è venuto fuori l'argomento di una delle nostre fantasie. L'abbiamo chiamato il furgone. Era stata una nostra fantasia ricorrente prendere diversi ragazzi e farli scopare mia moglie nel retro di un furgone. Questa volta abbiamo deciso di farlo quindi abbiamo aspettato il weekend. Abbiamo noleggiato un furgone bianco per la notte e siamo andati in centro alla ricerca di alcuni ragazzi belli e sani. Indossava un mini abito nero scollato e aveva un letto rifatto nella parte posteriore. Abbiamo guidato per un po' e ci siamo imbattuti in un ragazzo che camminava da...

1.9K I più visti

Likes 1

Sissy Lucy incontra suo padre

Ho circa 20 anni e gestisco un ristorante/bar locale. Sono 5 piedi e 8 e magro con lineamenti abbastanza femminili. Per la maggior parte delle persone sono solo Tom, un ragazzo normale che ha fidanzate occasionali, ama una birra e guarda il calcio. Per i miei amici più cari sono Lucy, una troia femminuccia che ama il cazzo. Di recente ho trovato un papà online. Era un uomo più anziano e più esperto. Abbiamo iniziato a chattare e gli ho inviato alcune foto e videoclip birichini di Lucy che suonava. Mentre parlavamo ho rivelato che mi piace essere dominato, mi è...

774 I più visti

Likes 0

La mia vera storia di vita: capitolo uno

Diverse persone mi hanno chiesto di raccontare la storia della mia vita poiché ho accennato ad alcune delle mie esperienze insolite. Quindi penso che il miglior punto da cui iniziare sia la notte in cui sono finiti i miei 10 anni di matrimonio. Era un venerdì sera e mio marito Tim è tornato a casa ubriaco. Questa era diventata la sua pratica abituale negli ultimi due anni. Ha affermato che il suo capo gli stava causando un aumento dello stress e ha dovuto fermarsi con i ragazzi per rilassarsi. All'inizio tornava a casa un po' brillo per quando portavo a letto...

752 I più visti

Likes 0

Dare un erede a Lord Ablington

Stavo oziando tutto il giorno aspettando il pranzo quando ho sentito la terribile notizia: Alan Lord Ablington era caduto da cavallo durante la caccia di lunedì mattina ed era completamente morto. Tommy Goodfellow si era fermato mentre andava ad Abbotsford quel martedì mattina per raccontarci, come sapeva, della mia precedente conoscenza con Lady Ablington. Ho provato un misto di emozioni. Lord Ablington aveva recentemente corteggiato e poi sposato la mia dolce metà d'infanzia, una certa Miss Amy Merry, alla quale ero rimasto immensamente affezionato, non si poteva biasimarla, Ablington possedeva la maggior parte del villaggio e molto altro ancora mentre la...

767 I più visti

Likes 0

Colto in flagrante_(0)

Colto con le mani nel sacco Questa esperienza ha coinvolto il mio conoscente Ben. Dico conoscente perché l'ho incontrato solo una volta prima, abbiamo parlato a malapena e non aveva molto legame con me: era il figlio della mia amica più grande Vicky. Conoscevo Vicky perché facevo volontariato nel suo negozio di animali e, anche dopo aver finito, ancora oggi restiamo buoni amici. All'epoca avevo 15 anni e Ben 13. Vicky mi ha invitato a fare un barbecue per festeggiare il suo compleanno, quindi insieme a molte altre persone ho accettato, ero il più giovane lì a parte Ben che è...

276 I più visti

Likes 0

Samantha e Kaylee_(0)

Avevo una vicina di nome Kaylee che era meravigliosa. Era alta, atletica e aveva un corpo sodo. Probabilmente circa 120 libbre. pelle abbronzata, capelli castano scuro. Ha sicuramente attirato la mia attenzione. Non era una troia, era più una provocazione. Abbiamo frequentato la stessa scuola superiore. L'ho vista spesso, ma non abbiamo parlato molto. Tutto in lei era ipnotizzante, il modo in cui i suoi capelli erano lunghi e avevano la giusta quantità di riccioli, le sue gambe, la figura sexy, aveva persino delle fossette sopra il sedere che potevo vedere quando era in bikini intorno alla piscina. Era una brava...

263 I più visti

Likes 0

La migliore sorella del mondo!!! Parte 2

La migliore sorella del mondo!!! Parte 2 Mi sono svegliato la mattina dopo più riposato di quanto mi fossi sentito da molto tempo. Gli eventi della notte precedente mi stavano attraversando la mente mentre iniziavo a prepararmi per la scuola. Sia io che Sydney ci amavamo molto, in un certo senso fraterno. Non avevo mai pensato a lei sessualmente, ma quando l'ho vista masturbarsi fino all'orgasmo mentre pensava a me... ho iniziato a vederla sotto una nuova luce. Ora la vedevo non solo come mia sorella maggiore, ma come una donna bella e sexy. Sono sceso al piano di sotto, la...

2.5K I più visti

Likes 0

Fantasia di schieramento

Voglio raccontarvi tutto del mio dispiegamento in Turchia. Ero solo e non avevo voglia di fare lo stesso di tutti gli altri ragazzi. Sai parlare con le ragazze dello stato sperando di poter organizzare qualcosa per quando torno. Ero in una stanza con 8 ragazzi in 4 letti a castello e volevo trovare qualcuno che fosse di stanza qui con la propria stanza. Forse anche una casa. Così sono andato al gruppo di vendita in cantiere su Facebook e ho iniziato a cercare un amico nell'elenco dei membri. Chissà, forse conoscevo qualcuno qui. Beh, mi sono imbattuto in una ragazza di...

2.4K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.