Un nuovo giorno, un nuovo me parte 3

123Report
Un nuovo giorno, un nuovo me parte 3

Wow, ho dei bei commenti, grazie a tutti coloro che stanno leggendo il mio lavoro, cercherò di tirarne fuori di più. E mi scuso per l'inizio della storia se ci vuole troppo tempo.


Dopo un mercoledì che avrebbe fatto sì che la maggior parte delle persone mi volesse morto per fortuna, il mio giovedì è stato davvero noioso. Alzati, mangia, vai a scuola, torna a casa e goditi il ​​tempo con la mia famiglia.

"Quindi tua madre ed io andremo fuori città questo fine settimana", dice mio padre mentre stiamo cenando. Congelo solido; il mio orologio interno corre di un miglio al minuto. La mia amorevole sorella Liz decide di rompere il silenzio,” ve ne andrete entrambi? Per quanto?" "Da venerdì mattina a domenica sera, tuo padre ha ricevuto un'offerta per un fine settimana di ferie dal lavoro e cercheremo di divertirci noi stessi", dice la mamma sorridendo. Ho quasi perso l'appetito, la regina dei guai è a casa da sola e sarò incolpato per il caos che provoca.

"Prima che voi due vi eccitate, stabilirò le regole di cui abbiamo discusso io e tua madre", inizia papà, "Tutte le regole standard ma ti lasceremo i soldi così puoi mangiare fuori o fare la spesa mentre siamo andato." Dio perché mi hai abbandonato, lasceranno a lei la responsabilità di tutto e mangerò gli avanzi per tutto il fine settimana. "Sarà fantastico, mangio quello che voglio e ho amici per tutto il fine settimana", esordisce Liz, ma la mamma è pronta a interromperla, "In realtà tutto quello che devi chiarire con tuo fratello, noi ha deciso di lasciare Guy al comando e avrà i soldi questo fine settimana.

Ora sento il ritornello dell'Inno alla gioia nella mia testa, Dio ha risposto alle mie preghiere. "COSA", sbotta mia sorella scuotendomi dal mio momento di gioia. "Hai sentito tua madre", dice papà, "Sarà lui al comando, quindi se vuoi fare qualcosa devi gestirlo da lui". Finisco il mio pasto in uno stato d'animo spettacolare mentre mia sorella cerca di perorare la sua causa davanti ai nostri.


La mattina dopo stiamo uscendo dalla porta nello stesso momento in cui i nostri si avvicinano, mentre Tracy si ferma, Korinna è già sul sedile posteriore. Elizabeth ed io ci ammucchiamo, lei davanti e io dietro. Non appena sono dietro vedo Korinna con il suo scollo a V nero attillato e i blue jeans, sorride mentre sfrecciamo verso la scuola. "Quindi devi fare tutte le regole questo fine settimana eh Guy", chiede Korinna. Grazie alla tecnologia moderna "Sì, i genitori mi hanno lasciato in carica per il fine settimana e ho accesso solo ai soldi, papà mi ha lasciato una carta denaro e io sono l'unico oltre a lui con il numero pin".

Ora Korinna sta sorridendo ampiamente, Tracy sembra che non le importi minimamente e Liz sembra più infastidita ora rispetto a ieri sera. "Quindi tutto ciò che dobbiamo fare è convincerti a farci fare quello che vogliamo", dice di nuovo Korinna, si appoggia indietro e si sbottona il bottone in alto dei suoi jeans. "Voi due potete convincerlo quanto volete, ho un gioco e mio padre non mi lascerà uscire di casa senza motivo", afferma Tracy. "È mio fratello, il ragazzo più noioso di tutta la nostra scuola, il ragazzo che sta seduto al computer tutto il fine settimana o esce con la sua ragazza studentessa del gruppo o non è abbastanza bravo per essere un migliore amico atleta", esclama Liz. Sediamo in silenzio fino a scuola; tutti noi scendiamo dall'auto e iniziamo a dirigerci verso le lezioni quando sento qualcuno che corre dietro di me, mi giro e vedo Korinna che corre. "Sai che tua sorella ha dei piani giusti", dice. "Sì ma no grazie, ogni volta che decide di divertirsi mi ritrovo con il grounding", rispondo. Mi interrompe dal camminare e si ferma proprio di fronte a me. “So cosa vorrà fare e ho alcune cose in mente quindi ecco cosa facciamo, le farò chiedere, ti colpirà con molte idee, ti darò un segnale e sei d'accordo. Dopo di che andrà tutto liscio fino a domenica", afferma. Alzo le spalle e vado al primo ciclo.


Primo e secondo periodo vanno e vengono, finisco nel terzo periodo Liz e Korinna sono già sedute ed entrambe si girano verso di me appena entro nella stanza. Mi siedo e mi preparo per la lezione quando Liz interviene: "Voglio divertirmi questo fine settimana". Faccio spallucce mentre continua: "Mi divertirò questo fine settimana perché mi lascerai organizzare una festa e usare la carta". Quasi cado dalla sedia per una risatina, "Nessuna possibilità all'inferno". Si gira e inizia a sussurrare a Korinna, si volta indietro e dice: "Io organizzo la festa e tu usi la carta per ottenere roba per questo". Sto ancora andando dalla sua prima idea, "Ancora Liz, No." Mi giro per affrontare la parte anteriore della stanza all'inizio della lezione.

La lezione finisce e io esco a pranzo e mi alzo a circa 3 piedi fuori dalla porta quando preso per entrambe le braccia e guidato verso la mensa, Korinna e Liz su ciascun braccio mi guidano in avanti. Entriamo nella caffetteria e mi siedo su una sedia, poi tiriamo su le sedie ai miei lati e ci sediamo inchiodandomi. "Lasciami spiegare", inizia Liz, "Voglio fare una festa, sto per fai una festa, ho bisogno del tuo aiuto. Si ferma sul bisogno, come se le facesse male dirlo. “Forse dovrei spiegartelo,” interviene Korinna, mi mette una mano sulla coscia e la stringe leggermente,” la festa che vuole fare non è una festa per metterti nei guai, faremo una festa speciale. " Liz inizia a mandare messaggi e in pochi minuti ho altre 3 femmine sedute al mio tavolo; una ragazza indiana di circa 5'6" che si riempie maglione e jeans con una tazza almeno B con i capelli raccolti in una lunga treccia, una ragazza asiatica di circa 5'5" magra con i capelli in una scena punk blu e nera mischiare il taglio corto intorno al viso con una maglietta ampia a collo aperto e jeans tagliati, e una rossa dall'aspetto molto familiare con le lentiggini in un completo da jogging blu.

Liz si rivolge a me "Voglio un pigiama party, solo noi ragazze, ho bisogno che tu usi la carta così possiamo festeggiare e divertirci per 2 notti". Sento le ragazze che mi fissano in attesa, Korinna mi stringe di nuovo la gamba. Mi sto preparando, non riesco a capirlo ma so che mi sto preparando. Poi mi colpisce, sorrido a mia sorella e poi a Korinna "No, non succederà". Mentre i 5 si siedono scioccati, spingo indietro la sedia, prendo rapidamente la mia borsa e mi chino fuori dalla caffetteria.

Arrivo dall'altra parte della palestra e aspetto; abbastanza sicuro Korinna arriva volando dietro l'angolo e quasi mi passa accanto. "Che diavolo stai facendo", esclama, "avevamo un accordo." Rido "non avevamo un accordo, avevi un piano e mi sto divertendo". Mi fissa per un secondo e poi si addolcisce "Stai prendendo in giro Liz?" Io inizio a ridere e lei segue in completo. "In realtà c'è una cosa", dico mentre sto finendo una bella risata, "Perché le altre ragazze?" Finisce la sua risata, "cosa, non ti piacciono le ragazze adesso?" Mi raddrizzo, "perché pensi che io sia qui, dall'altra parte della palestra, senza nessuno in giro?"

Mi spinge contro il muro esterno della palestra e aggancia le sue labbra alle mie; Posso assaggiare il suo lucidalabbra al lampone. Mi infila la lingua in bocca; Le prendo i fianchi e unisco i nostri corpi. Le sue chiavi a mano aprono i miei jeans e mi liberano il cazzo. Rompendo la chiusura delle labbra, mi sorride, "non abbiamo tempo o privacy, quindi farò in fretta". Korinna si inginocchia e inizia a lavorare il mio pene mezzo duro nella sua bocca, inclino la testa all'indietro tirandole via i capelli con una mano e intrecciando le dita con l'altra. Usa la lingua e succhia per farmi diventare duro, tirandosi indietro fino a quando non ha solo la testa nella sua bocca, quindi spingendo cinque dei sette pollici e mezzo verso il basso. La sento stringere la mia mano e guardare in basso nei suoi begli occhi grigi, posso sentire il suo sorrisetto sul mio cazzo, poi inizia a sbattere la bocca su di me forte e veloce. Gemo mentre lei lavora sul mio membro, inizio a provare quella meravigliosa sensazione alla base del mio cazzo poi sento aria fredda sul mio membro mentre digrigno i denti, lei stacca la bocca e sposta la testa di lato mentre pompa il mio pene mentre esco sulla passeggiata laterale intorno alla palestra.

Sono esausta mentre lei rimette il mio membro nei miei pantaloni e si alza in piedi baciandomi di nuovo, questa volta dolcemente. "Quindi ora posso convincerti che avere me e altre tre ragazze per la notte è una buona idea", chiede con gli occhi chiusi. Sorrido "Abbiamo shopping da fare e penso di volere una garanzia". Apre gli occhi, "Ok, quello che devo garantire", chiede. "Mi divertirò o verrò escluso", dico sorridendo. Korinna ride,” Certo, almeno ci sarò. Pensi che Liz volesse il pigiama party. Ridiamo e partiamo, io al quarto ciclo e lei per andare a dire a mia sorella la "buona notizia".

Il quarto periodo va e viene mentre vado al quinto e vado al mio posto, mentre sto tirando fuori il raccoglitore; Alzo lo sguardo e vedo Heather alla porta. Si guarda intorno per un secondo e si sposta al suo solito posto dietro di me. La ignoro e mi metto al lavoro in classe. A metà della lezione il mio telefono inizia a vibrare nella giacca; Entro dentro e armeggio con i pulsanti finché non tace. La lezione finisce e tiro fuori il telefono e lo controllo in sicurezza, è un messaggio di Heather "Possiamo parlare in privato per favore, si tratta di Derek". Faccio un sorrisetto e mi giro per vederla lasciare la stanza. Prendo le mie cose e mi dirigo verso la mia classe di studi per vedere Heather che mi aspetta a un paio di metri fuori dalla porta. "Ho davvero bisogno di parlarti", inizia mentre le passo accanto. Mi prende il braccio e continua "Ho bisogno di parlarti, ragazzo". Mi fermo e la guardo dritto negli occhi "Non mi interessa di cosa hai bisogno, ora lascia andare". Si stringe più forte,” No, Derek è spaventato. Ha paura di venire a scuola perché pensa che lo ucciderai. So che ti abbiamo ferito, ma non era quello che stavamo cercando di fare, volevo solo essere pronto per quando l'avremmo fatto. Volevo solo che fosse buono". Sto per dire qualcosa, poi all'improvviso lo vedo con la coda degli occhi, Liz in linea con noi.

Liz mi prende per un braccio e lo tira fuori dalla mano di Heather. Guardo indietro a Liz e lei ha uno sguardo mortale su Heather che sembra più spaventata ora che alla mensa. "Amico, hai qualche problema", chiede Liz? Scuoto la testa e sorrido, dovrebbe andare bene. "Liz, ho solo bisogno di parlare con Guy", inizia Heather ma viene interrotta rapidamente. "Sei una ragazza intelligente, proprio Heather", inizia Liz, "intelligente, ascolta musica, dai buoni voti quel genere di cose". Heather guarda Liz confusa ma Liz non si ferma, "Mio fratello è off limits per te, hai avuto la tua possibilità e l'hai rovinata per un ragazzo non abbastanza bravo per fare sport e non abbastanza intelligente per andare al college. Non molto intelligente, ma quel che è peggio è che lui ha me e io ho degli amici". Guardo un po' e vedo altre ragazze di una delle squadre di ballo di Elizabeth che si avvicinano e fanno un piccolo cerchio intorno a noi. Liz sorride "Chiamalo un consiglio amichevole, vivi le tue giornate, vivi la tua vita e lascia in pace mio fratello". Liz mi prende per un braccio e ci incamminiamo verso la mia lezione di studi a casa.

Una volta che io e Liz ci siamo seduti, mi guarda e mi chiede: "Cosa hai mai visto nel suo culo grasso". Alzo le spalle e rispondo "Hai un po' limitato le mie opzioni con la tua regola "non puoi uscire con i miei amici", metà della scuola è tua amica". Lei fa spallucce, "beh, non volevo che le cose diventassero imbarazzanti quando avrebbero rotto con te." Decido che dovrei incassare uno di quei favori,” Okay, sto chiedendo un favore; la regola senza amici è sparita. Lascia cadere la penna dal blocco di carta e mi guarda dritto negli occhi "No, non posso lasciare che accada". Faccio spallucce e rispondo", ricorda quello che ha detto Tracy "cammini e non le parli più", mantieni il nostro patto o perdi un amico. Forse 2 se Korinna decidesse di schierarsi con me nell'accordo. Liz si mette la testa tra le mani e scuote la testa. Alla fine, dopo qualche minuto, lei risponde: “Ok, la regola è sparita; puoi uscire con i miei amici SE vogliono uscire con te. Sorrido e torno a fare i compiti.


Dopo la scuola, Liz, Korinna e io ci dirigiamo verso l'auto di Tracy per un breve viaggio a casa. Liz e Korinna iniziano a parlare della festa e di cosa vogliono fare, generalmente le ignoro finché non sento che Korinna si appoggia contro di me,” Dobbiamo prima arrivare a casa mia così posso prendere in prestito l'auto di mia madre e possiamo prendere delle cose da il negozio." Liz ci guarda: "Devo preparare la casa e poi possiamo fare acquisti". Tracy ci trascina nel nostro vialetto,” voi due decidete che lascerò Korinna a casa e mi riporterò di corsa a scuola. Tracy si stacca e io e Liz entriamo in casa.


Dopo circa 20 minuti di pulizia e risistemazione del soggiorno, Korinna si ferma a casa in un minivan e io esco per salutarla quando abbassa il finestrino e mi urla "Guy, entra ora". Corro in giro e salgo dal lato del passeggero; non appena la mia portiera si chiude, Korinna se ne va con Liz in piedi sulla soglia che urla al veicolo. "Cosa stiamo facendo?" chiedo mentre mi allaccia la cintura. "Un po' di shopping, quanto abbiamo?" chiede Corinna. "Centocinquanta, a quanto pare papà vuole davvero che non chiamiamo", rispondo sorridendo, "Oh, dal modo in cui ho chiamato in mio primo favore da Liz, la regola del non uscire con i suoi amici è sparita." Korinna entra nel parcheggio del negozio di alimentari e si siede in silenzio per un minuto. "Perché me l'hai chiesto?" mi chiede guardandomi confusa. Ora sono sbalordito, ho pensato che sarebbe stata una buona cosa, avrei potuto uscire con lei o con qualsiasi altra mezza dozzina di ragazze che ho visto negli ultimi anni. Finalmente parlo”, sono stanco di questi giochi di indovinelli con le donne; L'ho fatto in modo da poter avere la libertà di fare cosa e chi voglio". Mi assomiglia e sorride lievemente, "Mi piace l'idea, forse dovresti uscire con qualcuno un po' meno abituato." Scendiamo dall'auto e rifletto su quello che ha detto sull'essere usata, dentro il negozio siamo fuori, a prendere bibite, patatine, biscotti e gelati. Dopo aver raccolto più soda e succo per qualche motivo, siamo andati alla cassa. Il cassiere non si preoccupa nemmeno di chiedere a due adolescenti del cibo spazzatura o di un bancomat.

Dopo aver ammucchiato tutta la spesa in macchina, mi spinge contro il furgone "Va bene, vuoi una relazione, voglio qualcuno con più esperienza di quella che hai adesso." Sono sbalordito nel sentirla dire questo. "Quanta esperienza in più ho bisogno", chiedo. "Si spera che 2 notti valgano un pigiama party", risponde e mi fa scendere dal lato del furgone mentre ci dirigiamo verso casa.

Mentre ci avviciniamo a casa, Liz si lancia fuori dalla porta principale e inizia a grigliare Korinna e me, "Perché voi due mi avete lasciato qui?" Prendendo la spesa dall'auto, Korinna prende la borsa con i preservativi e una borsa dall'auto. Korinna risponde alla domanda di Liz: "Beh, qualcuno doveva restare qui se la gente veniva, vuoi che saluti le ragazze quando arrivano". Entriamo in casa con il cibo, Liz mi indica la roba da campeggio in garage per i materassini ad aria. Dopo circa un'ora hanno cibo spazzatura in ciotole e letti su tutto il pavimento del soggiorno. Mentre finiamo il lavoro di preparazione, Liz si rivolge a me e mi dà le peggiori notizie della giornata "Ora te ne vai e rimani nella tua stanza". Sono un po' ferito e rispondo "Aiuto a fare tutto questo, ti ho dato il permesso e ho speso soldi per questo e ora devo andarmene". Liz sorride e basta, "Tutte le ragazze fanno un pigiama party, i ragazzi non sono ammessi". Guardo Korinna mentre mi fa l'occhiolino e mi sorride. Afferrando una scatola di bibite e delle patatine, vado in camera mia.

Sono nella mia stanza meno di mezz'ora dopo e sento arrivare le ragazze, iniziano a chiacchierare tra loro dei ragazzi e della scuola e di quello che fanno tutti gli altri. Ascolto casualmente dal fondo del corridoio quando Liz fa capolino nella mia stanza "Qui e il bagno, stai fuori da ogni altra parte e tieni la porta chiusa", mi informa chiudendo la porta. Furiosa, salgo sul mio computer e navigo sul web alla ricerca di qualcosa di interessante.


Circa 2 ore dopo sto morendo di fame e non del migliore umore, vado in cucina in pantaloncini sportivi e una maglietta nera attillata. Non appena arrivo in soggiorno, tutte le ragazze si zittiscono e Liz si gira dal materasso guardandomi male, "Che ci fai qui fuori?" “Cibo,” rispondo dirigendomi in cucina. Dopo circa trenta secondi dall'aver frugato nel frigorifero, scopro con sgomento che è tutto cibo che deve essere preparato e cotto. Borbottando torno nella mia stanza quando vengo fermato di nuovo da Liz, "non stai mangiando adesso?" Faccio spallucce e rispondo: "Non voglio cucinare, quindi mi ordinerò una pizza". Circa a metà del corridoio sento Liz dire "ok, faremo una lista di quali pizze vogliamo". Ora ho caldo, mi giro intorno a circa un piede di distanza da lei. “Pensi che ti ordinerò la pizza, perché,” dico a denti stretti. Lei fa un passo indietro e inizia a balbettare, "beh, vorremmo della pizza e visto che hai il biglietto, quindi..." L'ho interrotta," No Elizabeth, hai tutti i tuoi amici, spendo soldi e ti faccio fare una festa e appena hai finito di usarmi per tutto il setup mi dici che non sono più abbastanza bravo per essere in giro e devo stare nella mia stanza. Ho finito di aiutarti, vaffanculo.

Mi giro e faccio marcia indietro verso la mia stanza, non 2 minuti dopo bussano alla mia porta mentre sto cercando di trovare il numero di un posto sul mio computer. Apro velocemente la porta e ringhio alla ragazzina asiatica dall'altra parte, "Cosa?" Si tira indietro per un secondo, poi inizia a parlare, "Ciao, non abbiamo parlato ma mi chiamo Natsuko, posso entrare." La guardo, corporatura magra, forse una coppa A al massimo, vestita con pantaloncini corti verdi e una canotta nera con un reggiseno sportivo visibile sotto. Faccio un passo indietro e la lascio entrare; si guarda intorno per un minuto e si siede sul mio letto tenendo i piedi ben piantati sul pavimento. Chiudo la porta e mi siedo sulla sedia del mio computer, "Cosa vuoi?" "Sai che hai spaventato a morte tua sorella e anche le altre ragazze", chiede. Alzo le spalle mentre continua,” Korinna sta calmando tua sorella e le ha impedito di chiamare i tuoi genitori, le ho detto che sarei venuta qui e ti avrei parlato. Magari convincerti a uscire e sederti con noi come sta dicendo Korinna a tua sorella adesso. La mia porta si apre un po' e la ragazza indiana fa capolino dentro, "Ehi, andiamo a fare una passeggiata e facciamo raffreddare Liz", guarda Natsuko e chiede, "Starai bene qui senza di noi?" Natsuko annuisce e la ragazza indiana chiude la porta.

Torno a guardare questa piccola ragazzina asiatica e le chiedo: "Allora perché hai deciso di venire qui e parlare con il fratello maggiore cattivo?" Sorride e risponde,” In realtà Korinna voleva venire qui per parlarti ma ho detto che potevo farti calmare. Inoltre vorrei della pizza e anche le altre ragazze. Lo derido e guardo il soffitto, "quindi sei tu che stai cercando di convincere me, che conosci da circa quattro minuti, a fare semplicemente quello che tu e l'altro volete." La sento alzarsi e poi sento le mie gambe che si uniscono, la sento a cavalcioni sul mio grembo e appoggia i suoi fianchi direttamente sul mio grembo. "No, voglio che tu ti unisca a noi quando tornano", dice mettendomi le braccia intorno al collo e inclinando la testa in avanti. Metto le mani sui suoi fianchi e appoggio il mio inguine contro il suo, sentendo quanto sono stretti i suoi fianchi e il suo culo. Appoggio la testa in avanti e inizio a baciarle il collo, la testa di Natsuko si inclina all'indietro e lei geme mentre mi faccio strada verso la sua clavicola e poi verso la parte superiore dei suoi piccoli seni. Si tira indietro per un secondo, afferrando la parte inferiore della sua canotta e togliendola sopra la testa e togliendosi rapidamente il reggiseno sportivo allo stesso modo. Non appena ha finito, riporto la bocca al suo seno e inizio a leccarle i capezzoli. Mi afferra la testa con la mano sinistra e mette l'altra dietro la schiena mentre fa girare i fianchi contro il mio cazzo che si sta indurendo; Tolgo la bocca dal suo capezzolo e provo a tenerla in piedi. Natsuko salta via da me e si rialza un po', girandosi e togliendosi i pantaloncini mentre si china in vita lentamente Vedo l'ultimo pezzo delle sue mutandine blu aggrapparsi alla sua figa prima che le faccia semplicemente cadere a terra, io afferro la vita fascia dei miei pantaloncini e li tolgo con le mie mutande mentre cerco di rimanere seduto. "Okay, è più di quello di cui parlava Korinna", dice sorridendo. Si mette di nuovo a cavalcioni sulle mie gambe; questa volta guardando lontano e allungando la mano con la mano guida il mio cazzo all'ingresso della sua figa. "Non muoverti finché non te lo dico per favore", dice guardandomi. "Che cosa? Perché», rispondo confusa. "Metti le mani sui miei fianchi o da qualche altra parte, ma non muoverti per favore", risponde.

Comincia ad abbassarsi e io le prendo la testa del cazzo dentro e la sento strofinarsi freneticamente il clitoride. Afferro la base del mio cazzo e rido con la testa dentro la sua figa sentendola bagnarsi mentre si strofina. Alla fine abbassa di più la figa sul mio membro e sento una tensione quasi rigida molto di più rispetto a quando ero con Tracy, la figa di Natsuko scende al segno di 6 pollici e scivola lentamente verso l'alto. Guardo il mio pene coperto dai suoi succhi mentre si alza fino alla testa e scivola lentamente indietro con i fianchi. Questo va avanti per circa 3 minuti esasperati, lentamente su e giù, e poi all'ultima spinta verso il basso la sento iniziare a tremare. Le avvolgo il braccio intorno alla vita e tengo il suo busto convulso contro il mio finché non si calma, non appena riprende i sensi Natsuko scivola via da me e si arrampica sul mio letto, aspettando in ginocchio di fronte a me. Mi sposto dietro di lei ancora in piedi sul pavimento e rimetto la testa del mio cazzo nella sua figa, lei si appoggia di nuovo su di me e dice "Ora fottimi forte e sborra". Senza perdere tempo cerco di infilare tutto il mio cazzo nella sua figa ma mi fermo davanti a un muro carnoso. “Cos'è quello,” le chiedo mentre le afferro i fianchi con le mani, tenendola in posizione. "Il mio creatore di bambini, ora per favore non fermarti di nuovo", risponde.

Inizio a spingere il mio cazzo dentro e fuori di lei lentamente, stretto e caldo come al solito ma non morbido o scivoloso, molto increspato. Mi tiro indietro di tre pollici e inizio a scoparla più velocemente, i suoi capelli blu e neri che rimbalzano con le mie spinte. Afferra una delle mie mani e la mette sulla sua spalla, toglie la mia mano dalla spalla e le prende una manciata di capelli sulla testa, spingendo il mio cazzo più in profondità che posso, sentendo la mia testa urtare il suo grembo. All'improvviso sussulta e sento il muro cedere mentre seppellisco l'ultimo centimetro e mezzo dentro la sua figa che ora cede. Mi tiro indietro solo di 2 pollici e inizio a speronarla con il mio cazzo più forte che posso, tenendola per i capelli e l'anca che si arrampica per continuare a spingere il mio cazzo nelle sue parti più profonde. Essendo stata per lo più silenziosa per tutto questo tempo, a parte qualche leggero piagnucolio e ansimante, improvvisamente ha iniziato a gridare a me,” Watashi o kuso hokan shite kudasai, watashi wa ken suru tsumoridesu! Teishi shinaide kudasai watashi no neko o umete kudasai!” Non ho idea di cosa abbia detto, ma sento iniziare il formicolio, mentre sparo il mio primo colpo di sperma mentre le palle in profondità nella sua figa, il suo corpo trema di nuovo mentre la sua figa munge il mio cazzo per l'ultima goccia del mio sperma.

Rimaniamo lì un minuto mentre lei si riprende e io cerco di capire se ho ancora le gambe, finalmente lei rompe il silenzio "Non tirarti fuori, portami solo in bagno". Sollevo la sua cornice leggera e ci trascino in bagno dove finalmente mi tiro fuori da lei mentre lei entra nella doccia. Mi siedo lì per un minuto e la guardo spingere fuori il mio sperma da lei, poi apro l'acqua e mi sfrego, mi tolgo la maglietta ed entro un minuto per lavarmi via la sborra e il sudore dal corpo.

Una volta che abbiamo finito e fuori dalla doccia, torniamo nella mia stanza, con lei che cammina davanti a me in modo divertente. "Stai bene?" chiedo mentre ci vestiamo. "Sì, sto bene, solo molto dolorante", risponde, "ora posso mandare un messaggio ai miei amici e a tua sorella in modo che possiamo prendere una pizza e guardare tutti un film?" Annuisco, "ottengo un elenco di ciò che vogliono, poi lo ordinerò". Prende il telefono e ne scrive uno, poco dopo aver ricevuto una risposta mi mostra un elenco di pizze e condimenti, 4 in tutto. Le ragazze impiegano circa 20 minuti per tornare a casa e il ragazzo della pizza pochi minuti dopo per farci consegnare. Ci sediamo tutti in soggiorno, io sul divano e le ragazze sul pavimento. Noto che si spogliano tutti in pantaloncini e pantaloni da yoga con canotte larghe o camicie del pigiama. Accendono la TV mentre mangiamo e scelgono una commedia romantica da guardare.


Ore dopo sono quasi le undici di notte e delle ragazze le uniche sveglie ora sono Korinna e le lentiggini, che a quanto pare si chiama Hanna, e sta svanendo velocemente. Prendo il telecomando e spengo la TV e saluto la notte a Korinna che si rotola su un fianco e mi fa l'occhiolino prima di tirare su le coperte e chiudere gli occhi. Torno nella mia stanza e mi infilo nel letto, cadendo rapidamente nel sonno.

Non so perché, ma improvvisamente sono molto consapevole che qualcosa è diverso; Mi siedo e vedo la ragazza indiana che chiude piano la mia porta. "Umm, hai bisogno di qualcosa..." inizio ma lei si gira verso di me alla luce della mia finestra e si spoglia finché non è nuda. Mi meraviglio della vista, devo avere un seno a coppa D se mai li ho visti, e il suo culo è più grande di quello di Korinna di ben 2 pollici. Mi tolgo la maglietta e mi tolgo i pantaloncini a tempo di record. Si avvicina alla fine del mio letto e si arrampica fino a quando non devo appoggiarmi all'indietro con il suo corpo su di me, si mette a cavalcioni sul mio petto e vedo i suoi peli pubici, scuri e ricci, guardo i suoi grandi capezzoli e le sue areole per vederla disfare la treccia di capelli. "Mi chiamo Lajita", dice scivolando su di me.


Stavo andando oltre, ma ho pensato che avresti gradito una parte 4, sentiti libero di commentare se ti piace o di dare suggerimenti se non lo fai

Storie simili

Colto in flagrante_(9)

Mi chiamo Carla e sono una studentessa universitaria di 19 anni. Vivo con la mia migliore amica Sarah in un appartamento che i suoi genitori pagano per lei. Il padre di Sarah ha fondato un'azienda che ha funzionato davvero bene e ora ha i soldi da spendere per Sarah quando vuole. Più su di me, sono circa 5'4 con lunghi capelli castano scuro, con una corporatura snella. Ecco la storia di come ho imparato qualcosa in più su me stesso e su Sarah. Sarah era stupenda, era il tipo di ragazza che quando camminavi lungo il corridoio i ragazzi ti fissavano...

1.2K I più visti

Likes 0

New Jock Tales Capitolo 3 Sophomore Year-13

New Jock Tales --- Secondo anno—CH 3—13” e una Ducati Verso le 10:30 bussarono alla porta. Che cazzo Era Mark Mattox, e ha detto che aveva un nuovo contratto per me, se ero interessato. Ho detto di sì, ma questo accordo non aveva niente a che fare con il sesso. Ha detto che avrei portato la droga da Austin fino a Tyler, ogni fine settimana. Pagherebbe 150 dollari a viaggio e sarebbe un chilo di droga. Nessuno guarderebbe una jeep per trasportare erba, e dovrebbe essere un gioco da ragazzi. Rifletto per qualche minuto, poi dice che ci proverei. Mark ha...

1.3K I più visti

Likes 0

Brooke_(1)

Brooke Questa è la mia prima storia e, come tale, sii premuroso nelle tue critiche; solo critiche costruttive per favore. Se non ti piace questa storia, ce ne sono molte altre da leggere. I nomi sono stati cambiati per proteggere i miei fottuti compagni e, a loro volta, il mio culo. Durante la mia adolescenza, sono stato abbastanza sessualmente attivo. Essere un adolescente e anche frequentare un liceo cattolico per soli maschi ha solo favorito la mia libido. Per cominciare, io non sono un ragazzo piccolo. A quel tempo, avevo circa 6'3, 200 libbre e un atleta di prima qualità. Ho...

806 I più visti

Likes 0

L'uomo più piccolo

Stavo guardando le gambe di Jerry, mentre era in piedi sullo sgabello davanti a me. Aveva le cosce molto forti, e ho ammirato la sua forma mentre metteva la nuova lampadina nella plafoniera. Questa cosa è un dolore da raggiungere, ha detto Jerry. Poi, mentre lottava con il bulbo, i miei occhi seguivano le sue gambe muscolose fino al punto in cui si incontravano, e ho dovuto sopprimere uno sguardo fisso: c'era un nodulo che giaceva di lato, un piccolo nodulo, ma c'era un nodulo ben definito. Lascia che ti spieghi quello. Stavamo parlando del nostro recente gruppo di feste che...

720 I più visti

Likes 0

CAW#11 - Giornata degli inverni freddi

Era una fredda notte d'inverno, nel tardo autunno. La nebbia era calata; poco prima di mezzanotte e ricoprì gradualmente le strade. L'aria era piena di nebbia e la visibilità diventava difficile, mentre camminavo per le strade della città. Il mio protettore è costretto a lavorare per strada stasera. Speravo in una notte proficua; per tenere lui e i suoi scagnozzi, lontano da me e dalla mia famiglia. Mi chiamo Louise e sono una madre single di 21 anni e anche una prostituta. Ho una figlia di tre anni, Misty (Melissa). Era accudita da un caro amico. Stanotte il mio corpo snello...

727 I più visti

Likes 0

Perché le cose succedono sempre a me

Perché le cose mi succedono sempre Prima di iniziare mi rendo conto che non ci sono molti uomini che vanno in giro con un cazzo da 12 pollici. E quindi l'ho soprannominata una fantasia e una farsa. Basta già detto alla storia. Mi chiamo Samuel Longfellow, sono il proprietario di una delle più grandi società di sicurezza dello stato. È così che guadagno i miei soldi (sette cifre all'anno) La mia passione è la ricerca sulla fauna selvatica e ho una borsa di studio presso il college locale. Faccio le mie ricerche nella mia fattoria di 680 acri. Ora la mia...

719 I più visti

Likes 0

Cosa c'è sotto 2

Quella mattina Jennifer andò al lavoro un po' più veloce del solito, temendo di fare tardi. Aveva un disperato bisogno di questo lavoro per la sua famiglia. Essendo una madre single di due figli e nessun uomo in giro, era l'unico lavoro che poteva ottenere. Per favore, non farmi fare tardi. pensò tra sé, premendo ancora un po' il piede sull'acceleratore, ignorando il tremolio del volante. È volata oltre un cartellone pubblicitario e ha visto un'auto della polizia uscire dietro di lei nello specchietto retrovisore, accendendo il tetto. Il cuore le sprofondò nel petto e sentì il sapore della cenere in...

694 I più visti

Likes 0

Apple È l'insegnante...

Apple ha parcheggiato la sua auto a un isolato dalla spiaggia e si è diretta verso il punto in cui i suoi amici avevano detto che sarebbe stata la festa. Rebecca l'aveva invitata all'inizio della settimana e aveva detto che aveva degli amici che voleva davvero che incontrasse, qualunque cosa significasse. Apple stava solo cercando di uscire di casa dopo una lunga settimana, quindi qualsiasi scusa ha funzionato. La festa era alla casa sulla spiaggia degli amici di Rebecca e stava andando abbastanza bene quando Apple si è presentata. Era arrivata sulla spiaggia a circa mezzo miglio più in alto, e...

631 I più visti

Likes 0

Visitare un amico speciale

Ho bussato al cancello di metallo. Era un bungalow piuttosto grande circondato da muri di mattoni con glassa di filo spinato. Il mio cuore batteva. Tutto quello che sentivo era la paura di essere rifiutato o qualcosa del genere. Fortunatamente, suo fratello maggiore, Suleman, ha aperto la porta. Era un ragazzo con un carattere freddo e una corporatura piuttosto muscolosa, quindi ha mantenuto la sua posizione. Mi guardò con giudizio per un momento, sorrise e mi diede una stretta di mano. Ei, cosa ci fai qui? Sono qui per far visita a tua sorella... mi smorzai, sapendo quanto fosse insolito per...

106 I più visti

Likes 0

Programma Alpha-Omega 7

Episodio 7: Debug del codice Zack stava sfrecciando per la strada sul suo nuovo scooter. Era stato in giro solo per divertirsi nell'ultima ora. Alla fine, decise di andare a casa di Brian, per mostrargli il suo nuovo giocattolo. Girò intorno all'angolo successivo e si diresse verso quella parte della città. Zack notò immediatamente che il camioncino di Brian era sparito, quindi Brian quasi certamente non era a casa. Oh bene, pensò. Lo mostrerò a Wendy, allora. Zack bussò alla porta e poi entrò, salutandolo. Sentì la signora Selman chiamare dalla cucina, e così andò in quella direzione. Quando entrò in...

893 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.