Il weekend di una figlia Pt. 2

77Report
Il weekend di una figlia Pt. 2

Erano passate un altro paio d'ore e Savannah aveva finito per addormentarsi. Ho accostato il vialetto di ghiaia e mi sono fermato davanti alla nostra capanna di famiglia. “Savannah,” le scossi la spalla, “siamo qui”.

Gli occhi di Savannah si aprirono intontiti e sbatté le palpebre diverse volte mentre si riprendeva e si orientava. Mentre Savannah si stava svegliando dal suo pisolino, sono scesa dalla macchina e sono andata al portellone del camion per prendere i nostri bagagli. Non riuscivo a smettere di pensare a prima, a come mia figlia avesse preso il controllo e mi avesse effettivamente succhiato. Era sbagliato, ma non riuscivo a togliermi le immagini dalla testa e il mio cazzo era in uno stato costante di semi-durezza.

"Papà!" Ho sentito dalla parte anteriore del veicolo mentre tornavo rapidamente alla realtà, "è tutto a posto laggiù?"

"Sì caro!" Ho gridato di rimando: “Dovevo solo arrampicarmi sul letto per prendere il frigorifero; si è mosso! E sai che non sono giovane come una volta!"

Potevo sentire la sua risatina e ho rapidamente tirato fuori tutto dal letto e per terra. "Tesoro, potresti aiutarmi a portare tutto questo in modo da non dover fare più di un viaggio?"

Senza perdere un colpo, Savannah saltò sul retro del camion, raccolse con impazienza la sua valigia e si avviò verso la porta d'ingresso. "Wow, qualcuno è felice di essere qui", dissi scherzosamente.

Si è girata e mi ha fatto un sorriso. Giuro che mi fece l'occhiolino mentre si girava e continuava a balzare verso la porta. Rimasi lì in silenzio sbalordito mentre guardavo il suo culetto stretto rimbalzare ad ogni passo deliberato.

'Oh Dio' ho pensato tra me e me, 'questo sarà un fine settimana moooolto. Non essere debole. Non cedere a nessuna delle sue tentazioni.'

Raccolsi le borse rimanenti e mi diressi all'interno. Non ero stato nella nostra cabina per così tanto tempo, e tutto era proprio come l'avevo lasciato prima. Non era una cabina enorme, probabilmente circa 900 piedi quadrati o giù di lì, e non aveva servizi di lusso. Aveva un lavandino, un frigorifero, un piano cottura, un bagno, tutto il necessario per una bella vacanza rilassante con la famiglia. Non sapevo che questo fine settimana sarebbe stato tutt'altro che "rilassante".

Ho messo le valigie vicino all'ingresso e ho cercato Savannah in giro, ma non l'ho vista da nessuna parte. "Savana!" Ho urlato "dove sei scappato?"

Quasi con la stessa rapidità con cui le mie parole si affievolirono, Savannah fece capolino dietro l'angolo del bagno.

"Scusa, papà, non volevo sparire, ma dopo quel viaggio ho dovuto usare il bagno come nessun altro!"

Ora che me l'ha detto, anch'io ho dovuto usare il bagno dato che non ci siamo mai fermati nel lungo viaggio in auto in montagna. Sorrisi e mi avvicinai a lei, facendo del mio meglio per evitare che i miei occhi guardassero il suo corpo istruito da capo a piedi. Quando ho raggiunto la porta del bagno, ho allungato una mano e le ho piantato un bacio veloce sulla fronte. “Tocca a me,” dissi con un sorriso, e scivolai oltre lei in bagno.

Mentre mi slacciavo i pantaloni, potevo sentire un fruscio all'esterno. Ho deciso di non prestare attenzione e ho tirato fuori il mio cazzo ancora semi eretto dai miei pantaloni, prendendolo con la mia mano destra e ho iniziato a sfogarmi.

Dopo aver finito ed essere uscito dal bagno, ho notato che, ancora una volta, Savannah era scomparsa. "Savana! Dove sei scappato adesso?" ho urlato.

"Sono in camera da letto a disfare le valigie!"

Mi sono avvicinato alla seconda camera da letto e mi sono fermato a metà del passo quando ho colpito la porta e ho visto mia figlia chinarsi a frugare nella sua valigia. I miei occhi si spostarono dal pavimento, fino alle sue caviglie, e poi lentamente si fecero strada verso l'alto mentre guardavo le sue lunghe gambe, finché alla fine i miei occhi si posarono sul suo culo rotondo che era appena coperto dai suoi pantaloncini da yoga. Mi sento come se fossi rimasta lì per sempre, senza battere le palpebre, solo fissando il suo culo rotondo e grassoccio. Improvvisamente, mi ha colpito, non riuscivo a vedere le linee delle mutandine da nessuna parte. 'Oh grande! Non indossa biancheria intima' ho pensato tra me e me, e ho potuto sentire immediatamente il sangue defluire dalla mia testa e precipitarsi lungo il mio corpo nel mio cazzo in crescita.

Schiarendomi la gola, Savannah balzò in piedi e si voltò rapidamente, con un perizoma di pizzo rosso scuro in mano. Cercò rapidamente di accartocciarlo in una palla e nasconderlo, ma sapeva che l'avevo visto.

"Wow, non stai perdendo tempo!" L'ho presa in giro.

"Beh, questo weekend 'lungo' passerà in fretta e sai quanto mi piace essere organizzato!"

«È verissimo», risposi. “Sei la figlia di tua madre! Bene, ti lascerò disfare le valigie e io andrò nella mia stanza e farò lo stesso. Sai dove trovarmi se hai bisogno di qualcosa.

“Suona bene, papà! Oh, a proposito, cosa vuoi fare per cena stasera?" Mentre Savannah mi ha fatto la domanda, ho notato che i suoi occhi stavano cadendo più in basso e anche se ho cercato di evitarlo, sono sicuro che stesse guardando il contorno del mio cazzo nei miei jeans. Non c'era più modo di nasconderlo.

“Umm…” pensai per un momento prima di rispondere, “che ne dici di qualcosa di semplice stasera? Panini ok?"

"Sembra piuttosto semplice per me, e va bene!"

"Perfetto."

Mi voltai rapidamente e mi diressi nella mia stanza per iniziare a disfare le valigie. Ero quasi a metà quando ho sentito bussare alla porta. “Savana,” dissi senza alzare lo sguardo, “la porta è aperta, non devi bussare…”

Le mie parole si sono spente mentre mi voltavo mentre parlavo ed ero completamente senza parole. Savannah era in piedi sulla soglia della mia porta, quasi senza vestiti. Tutto ciò che aveva addosso era il perizoma di pizzo rosso che avevo visto prima, accompagnato da una parte superiore trasparente altrettanto rosso scuro. Potevo vedere chiaramente che non indossava un reggiseno e che i suoi capezzoli sporgevano orgogliosamente sotto il tessuto trasparente.

"Savannah... io... uh... cosa?" Balbettai e persi il filo dei pensieri.

"Ti piace quello che vedi, papà?"

"Cosa... cosa stai facendo...?" Finalmente sono riuscito a balbettare.

"Che cosa? Questo? Stavo solo entrando in qualcosa di più comodo,” rispose con un tono un po' seducente nella sua voce. Cominciò a girovagare nella mia camera da letto, ondeggiando i fianchi come una modella da passerella mentre si dirigeva dritta verso di me. "Ti piace?" chiese, mordendosi il labbro.

"Uh... io... è molto carino, ma non sembra molto comodo... e non è sicuramente qualcosa che dovresti indossare con tuo padre!" Stavo cercando di mantenere il controllo della situazione e di non lasciare che le cose sfuggessero di mano.

"Hai ragione", ha risposto, "non dovrei indossare questo intorno a te..." Le sue braccia si afferrarono rapidamente alla sua vita e io rimasi in silenzio sbalordito mentre si sollevava la parte superiore sopra la testa. I suoi grandi seni tirarono il tessuto e poi rimbalzarono via. Scosse la testa e si frustò i capelli mentre lasciava che la parte superiore della lingerie cadesse a terra vicino ai suoi piedi. "Là! È meglio? Non lo indosso più intorno a te.

Sapevo cosa stava facendo e ci sono volute tutte le mie forze per non attaccarla e abbracciarla tra le mie braccia, sentendo le sue tette premere contro il mio petto e far scorrere le mie mani lungo la sua schiena liscia e abbronzata. “Savannah... sai cosa intendevo. Lo ripeto, sono tuo PADRE, questo non è giusto. Non possiamo…”

Si portò le dita alle labbra e mi fece un suono "urlante". “Oh andiamo papà! Ho visto il tuo cazzo prima, quindi ho pensato che sarebbe stato giusto se anche tu avessi visto qualcosa di me!

Non potrei discutere con quello. Aveva visto, toccato e assaporato il mio cazzo solo poche ore prima, ma questo era diverso. Questa era mia figlia che stavo fissando. Naturalmente avevo visto i suoi seni molte volte nei suoi 18 anni di vita, ma questa era la prima volta che li vedevo liberi da qualsiasi indumento da quando aveva iniziato la pubertà ed erano cresciuti; abbastanza bene potrei aggiungere.

Stando lì con la bocca aperta, ho portato tutto il corpo di Savannah nel mio campo visivo. I miei occhi saettavano da un seno all'altro. I suoi bei capezzoli erano grossi e duri, ei suoi seni si sostenevano completamente anche senza reggiseno. Non c'era dubbio che fosse una giovane donna in forma. I miei occhi scesero lungo la sua forma, quasi lavabile come uno stomaco abbronzato scuro, arrivando a fermarsi proprio alla sua vita, dove fui accolto dalla sua linea di slip rossi.

Non c'era nemmeno modo di nascondere la tenda che mi stava rapidamente crescendo nei pantaloni. Sono abbastanza sicuro di aver sbavato un po' mentre stavo fissando e Savannah l'ha notato.

"Papà! Stai sbavando per tua figlia?! Oh mio Dio, vecchio sporco!!” Mi disse con tono beffardo.

Le sue parole mi hanno riportato alla realtà e mi sono rapidamente asciugato la bocca e ho cercato di nascondere la rabbia nei miei pantaloni. "Savannah..." ho iniziato con "non possiamo..."

Ha piegato il labbro verso l'alto verso di me e mi ha dato gli occhi da cucciolo a cui sapeva non avrei mai potuto dire di no. Fin da quando era una bambina, cedevo a lei il novantanove per cento delle volte quando mi guardava con quegli occhi. Oggi si stava rivelando non diverso. Vedendola, lì in piedi quasi nuda, con i suoi grandi occhi azzurri che mi guardavano in profondità, allungai la mano. Afferrò rapidamente una presa e io accompagnai noi due al mio letto.

La feci sedere sul letto e mi sedetti accanto a lei. Mi sono assicurato di non toccarla, anche se il Signore sa che volevo far scorrere le mani su e giù per le sue cosce terribilmente.

Guardandola negli occhi, ho potuto percepire la meraviglia e, contro il mio migliore giudizio, ho iniziato una conversazione che avrebbe cambiato l'intero fine settimana. “Savannah... è davvero qualcosa che vuoi? Ti rendi conto che se facciamo qualcosa, dovremo tenerlo segreto finché non saremo entrambi a sei piedi sotto? Nessuno, nessuno dei tuoi amici, potrà mai saperlo. Potrei finire in guai enormi, sto parlando di una vita in prigione, se le persone sbagliate lo scoprissero".

“Lo so, papà. E credetemi, è una cosa a cui penso da molto tempo. Da quando avevo sedici anni, infatti. Mi sono detto che volevo salvarmi per te. Voglio essere il tuo amante. Sì, ci sono state volte in cui sono stato tentato negli ultimi due anni, ma non ho mai ceduto. E sì, mi sono chiesto e cosa diavolo c'era che non andava in me per avere queste fantasie, ma non sono mai andate via. Quindi sì, papà, questo è qualcosa che voglio davvero”.

Mi sono seduto lì in completo silenzio, senza interrompere mia figlia, anche quando una lacrima ha iniziato a salire sui suoi occhi. Ho semplicemente alzato la mano e asciugato la lacrima dalla sua guancia e l'ho asciugata lungo i miei jeans. “Se sei davvero sicuro di questo…” iniziai, “allora possiamo andare oltre. MA, dovrai ascoltarmi e seguire la mia guida. Non dimenticare che ho più esperienza di te e voglio assicurarmi che tu ti senta meglio di quanto tu abbia mai fatto prima.

I suoi occhi iniziarono a illuminarsi e un piccolo sorriso iniziò a piegarsi sulle sue labbra. “Davvero, papà? Possiamo davvero farlo?”

Senza rispondere alla sua domanda, mi sono alzato dai piedi del letto e ho detto: "Vado a fare quei panini, ho fame. Vuoi del tacchino o del prosciutto?"

"Turchia, per favore!"

Mentre ero in cucina a preparare la nostra semplice cena, la mia mente non poteva allontanarsi dalla conversazione che avevamo appena avuto. 'Oh mio. Cosa sto facendo?’ mi sono chiesto. 'Questo non va bene. Questo è sbagliato... Ma voglio che la mia bambina sia felice e non posso mai dirle di no. E wow...' L'immagine di lei insegnava a 18 anni le tette e lo stomaco tonico e le gambe lunghe e lisce mi balenò davanti agli occhi. 'Lei è molto attraente. Non riesco a ricordare l'ultima volta che ho visto una ragazza così bella come lei." Il mio cazzo iniziò a pulsare involontariamente nei miei jeans e potevo sentire il mio viso arrossire mentre il sangue scorreva da una testa all'altra .

Ricomponendomi al meglio che potevo, finii i nostri panini e li feci sedere sul tavolo. "Savana! La cena è pronta in cucina quando sei pronto!” urlai in camera da letto.

"In arrivo!"

Savannah è entrata nella stanza ballando il valzer e, con mio orrore, e anche se piacere, indossava la stessa cosa che indossava quando eravamo in camera da letto. Vale a dire, non indossa molto. Le sue tette rimbalzavano con uno scopo mentre camminava verso di me. Le sue gambe sembravano andare avanti all'infinito. Si è seduta al tavolo e io mi sono seduto accanto a lei. Ho detto Grace e poi abbiamo cominciato a ingoiarci.

Circa a metà dei nostri panini, ho guardato Savannah e la mia seconda testa ha preso il controllo di tutti i miei pensieri. Mi sono seduto il mio panino e ho messo la mia mano destra sulla gamba sinistra di Savannah. La sua pelle era più liscia della seta e la sua gamba muscolosa e soda sembrava come se potesse schiacciare un cocomero. Sobbalzò leggermente al mio tocco, ma non perse un colpo nel mangiare il suo panino. Ha cambiato mano e ha abbassato la mano sinistra dove si trovava la mia. Mettendo la sua mano sulla mia, mi accarezzò le dita e iniziò lentamente a muovere la mia mano avanti e indietro lungo la sua gamba.

Si stava godendo quel po' di controllo che aveva e non riuscivo a distogliere gli occhi da lei. Il mio cazzo era dolorante a questo punto e ho pensato che stavo per soffiare il mio carico nei miei jeans. Feci un respiro profondo e cercai di pensare a qualcos'altro mentre lei spostava la mia mano sempre più su per la sua coscia. Continuò a muovere la mia mano finché il mio mignolo non riuscì a sentire la cintura del suo perizoma di seta.

“Ok,” dissi alla fine, rompendo il silenzio, “penso di essere sazio”.

"Anche io"

“Vado a pulire. Puoi aiutare se vuoi.

"Certo, papà!"

Savannah si alzò di scatto e lasciò la mia mano penzolante a mezz'aria dove pochi istanti prima ero a pochi centimetri dalla sua femminilità. Afferrò i piatti e si avvicinò al lavandino. La mia testa si è girata all'unisono e ho visto il suo culo sussultare mentre si allontanava. Mi sono alzato e sono andato in silenzio dietro Savannah.

Senza dire una parola, premetti il ​​mio corpo contro la sua schiena nuda. Le mie mani ferme l'avvolsero e trovarono subito i suoi seni nudi. Li ho strizzati tra le dita. 'Mio Dio! Sono ancora più deliziosi di quanto pensassi!' Quando ho cominciato ad accarezzarle i capezzoli, il suo corpo si è sciolto nel mio. Le sue gambe si indebolirono un po' e si spinse indietro contro di me, strofinando il suo corpo contro il mio. Mi sono chinata leggermente e le ho piantato un bacio lungo il lato destro del collo.

Emise un piccolo gemito mentre le mie labbra e la mia lingua danzavano sulla sua pelle. Ha iniziato a girare il culo in piccoli cerchi quando ha trovato il rigonfiamento nei miei jeans e ha continuato a lavorarci sopra. Il tessuto spesso stava causando molto attrito mentre si muoveva e cominciava a farle male. “Aspetta,” dissi.

"Che cosa? È tutto ok?" lei chiese.

"Sì, va bene, è solo uh, questo..." e indicai i miei jeans. Ho sbottonato e aperto i miei jeans e me li sono strappati. I miei boxer larghi sporgevano e la mia grossa erezione era molto più libera di prima. Senza dire una parola, o senza chiedere il permesso, ho afferrato la cintura dei miei boxer e sono scivolato fuori. La mia erezione palpitante si è liberata. Sono tornato a Savannah e ho tenuto il mio cazzo nella mano sinistra. Mi sono posizionato, e il mio membro, contro il suo culo. Mi sono spinto in avanti e l'ho baciata di nuovo, questa volta il mio cazzo nudo è entrato in contatto con il suo culo e le è scivolato tra le guance.

Il suo culo era ancora più morbido delle sue gambe ed ero già sull'orlo di tutte queste prese in giro. Savannah iniziò a girare di nuovo i fianchi, muovendo le gambe su e giù mentre il mio cazzo scivolava avanti e indietro tra di lei. Ho continuato a piantarle baci lungo la scollatura e su ciascuna delle sue spalle.

Improvvisamente, si fermò. Si voltò e con un movimento ampio, si allungò e le sue labbra incontrarono le mie. Il mio cazzo premette nel suo stomaco e i suoi seni nudi graffiarono la mia maglietta. Una sensazione di pura estasi mi ha sopraffatto quando un fulmine ha attraversato i nostri corpi simultaneamente. La lingua di Savannah fu la prima a sfuggire alle sue labbra. Senza pensare a quello che stavo facendo, ho aperto le mie labbra e ho permesso alla sua lingua di entrare nella mia bocca. Le nostre lingue ballavano e lottavano l'una con l'altra mentre i nostri corpi si schiacciavano l'uno contro l'altro.

Nel mezzo della nostra lussuria, ho avvolto le mie braccia intorno alla sua vita e l'ho sollevata facilmente sul bordo del bancone. Continuando a baciarmi, ma cercando di allontanarmi, ho iniziato a cadere in ginocchio. Le mie mani scesero dai suoi seni, lungo i suoi fianchi e fianchi e poi lungo le sue gambe.

"Sei ancora sicuro?" Le ho chiesto.

Mi guardò e con una risposta sarcastica, rispose: "Stai zitto vecchio e mangiami!"

Ho alzato le sopracciglia verso di lei, ma ormai era troppo tardi per tirarmi indietro. Avvicinandomi da vicino, ho cominciato a pomiciare con le sue cosce interne. La mia lingua ha tracciato su e giù per la sua coscia sinistra, lasciando piccoli segni rossi da dove ho succhiato. Baciai verso l'alto e le mie labbra fecero un leggero movimento di grazia sopra la cima del suo tumulo. Anche attraverso il suo perizoma, sembrava liscio e potevo sentire il calore che emanava dalla sua vagina. Continuavo a baciarle l'altra coscia e potevo sentire il suo brivido sotto le mie braccia che la tenevano dritta.

Ho piantato lentamente piccoli baci sulla via del ritorno al suo tumulo finché non mi sono trovata faccia a faccia con il suo perizoma rosso. Togliendo le mani dai suoi fianchi, le posizionai davanti al mio viso. Usando i miei due indici, ho raccolto sotto le sue mutandine e le ho pizzicate insieme. Li ho trasferiti alla mia mano sinistra e li ho tirati via dalla sua fessura.

La vista che mi accolse era quella che avevo sognato e fantasticato negli ultimi due anni. La figa di Savannah luccicava con il suo pre-sborra e le pieghe delle sue labbra apparivano strette e ancora inutilizzate. Ho preso un respiro profondo e ho inalato tutto il suo profumo. Era il profumo più dolce che il mio naso avesse mai captato. È stato esaltante e mi ha fatto saltare il cazzo. Sapevo che dovevo assaggiarlo per vedere se era buono come odorava. Prendendo un altro piccolo respiro, ingoiai il groppo in gola e andai a prenderlo.

Le mie labbra si posarono esattamente sulle labbra esterne di Savannah mentre i suoi succhi iniziavano immediatamente a ricoprire le mie labbra. Si morse il labbro e gettò la testa all'indietro quando entrai in contatto.

"Ohhhhh!" L'ho sentita gemere. “Le tue labbra sono così belle. Per favore... papà, voglio sentire la tua lingua dentro di me!

Ero troppo preso dalla lussuria per discutere con lei, quindi con la mia prossima mossa, ho aperto le mie labbra e ho lasciato che la mia lingua uscisse dalle mie labbra. Ha stabilito un contatto istantaneo con la sua fessura e i suoi succhi si sono formati intorno alla mia lingua. Ho iniziato a muovere la lingua su e giù per l'intera lunghezza della sua figa; passando da un lato all'altro, a lunghe leccate su e giù. Il suo corpo iniziò a contorcersi sul bancone e chiuse le gambe muscolose intorno alla mia testa, tenendomi bloccato sul posto. La mia lingua è riuscita a trovare il suo clitoride e non appena l'ho toccato, le sue gambe si sono chiuse più forte.

“Oooh siss!!! Proprio qui!!! Continua così, sto per venire!" gemette ad alta voce. Non volendo deludere la mia bambina, ho mantenuto la pressione sul suo clitoride con la lingua mentre cercavo di espirare attraverso il naso. In pochi secondi ho sentito la sua voce e ho sentito il suo corpo.

“Papà! Sto venendo!!” Lei ha urlato. Mi ha afferrato la nuca e mi ha spinto ancora di più dentro di lei mentre il suo orgasmo ha iniziato a squarciarle il corpo. È iniziato nella sua testa quando il sangue le è uscito dal cervello. È caduto attraverso le sue braccia e le sue mani e potevo sentirle tremare sulla mia testa. Il suo stomaco si contrasse e la sua figa si strinse mentre il suo sperma ha iniziato a fuggire dalla sua apertura, direttamente sulla mia lingua desiderosa. Continuò attraverso le sue gambe e le fece arricciare le dita dei piedi.

Mi sono aggrappata ai suoi fianchi per impedirle di cadere mentre lasciavo il flusso di sperma nella mia bocca e ingoiavo tutto. È venuta per quelli che sono sembrati tre minuti prima di lasciare finalmente andare la mia testa e le sue gambe hanno lentamente allentato la presa. Ho scostato la faccia e sembrava che fossi appena andato a nuotare. Tutto dal mio naso in giù con luccichio alla luce con il suo sperma.

"Wow wow wow!" Savannah finalmente riuscì a borbottare. “Quello era il migliore. Non mi sono mai fatto mangiare la fica in quel modo prima d'ora!"

Sentire mia figlia parlare sporco in quel modo, specialmente usare la parola "C", per qualche strana ragione, mi ha eccitato ancora di più.

"Non vuoi dire che non hai mai mangiato il tuo pus-fica-per niente?" L'ho interrogata.

Mi guardò e sorrise. “Ho detto che non ho ancora fatto sesso, papà. Non ho mai detto di non essere stato mangiato fuori".

Sembrava che la mia piccola figlia innocente non fosse così innocente come mi era stato fatto credere. “Beh, sono felice che ti sia piaciuto, tesoro. Hai la figa più dolce che abbia mai assaggiato.

"Meglio della mamma?" Lei chiese.

“Io…uh…sì…” alla fine le ammisi. “Molto più dolce; Savana? Pensi di potermi aiutare con questa cosa tra le gambe? Fa male e ha bisogno di una liberazione…”

Mi sono alzato e ho mostrato a Savannah il mio cazzo palpitante. La mia testa era viola e tutta la mia asta era di un rosso scuro, piena di più sangue di quanto pensassi possibile. Saltò giù dal bancone e si fermò di fronte a me. La sua mano sinistra cadde per la vita e all'improvviso, si chinò per baciarmi e la sua mano avvolse delicatamente il mio cazzo. Il suo tocco morbido era così sorprendente. Rabbrividii mentre la baciavo di rimando.

“Perché non mi segui e vedrò se c'è qualcosa che posso fare per te. Sai che voglio sempre prendermi cura di mio padre! Mi ha condotto, letteralmente per il cazzo, dalla cucina e nella camera da letto. Una volta dentro, mi condusse alla grande poltrona che era nell'angolo. Non era niente di speciale; una sedia rivestita in tessuto con una stampa mimetica che, per qualsiasi motivo, sentivo di aver bisogno quando abbiamo acquistato la cabina. Savannah mi spinse a terra con la mano e io mi lasciai cadere sulla sedia un po' scomoda.

Savannah si fece avanti finché le sue gambe non furono sopra le mie. Prese la mano destra e iniziò a tracciare il suo indice lungo la mia maglietta. Si stava leccando le labbra mentre guardava il suo dito. I miei occhi erano troppo concentrati sui grandi globi rotondi che erano a pochi centimetri dal mio viso per notare qualcos'altro. È stato solo quando la punta del suo dito ha iniziato a tracciare piccoli cerchi attorno alla punta della mia testa del cazzo che sono tornato alla realtà.

Il mio cuore sussultò quando Savannah mi gettò le braccia al collo e si avvicinò a me. Le sue tette mi si sono schiantate in faccia e ho sentito le sue ginocchia salire sulla sedia accanto a me. Non riuscivo a vedere cosa stesse succedendo in basso, ma abbastanza presto ho avuto la mia risposta. Savannah ha dichiarato di abbassarsi contro il mio petto, e tutto in una volta, ho iniziato a sentire il calore della sua vagina che respirava sulla mia testa del cazzo. Poi ha colpito. La mia testa gonfia iniziò a incontrare resistenza mentre premeva contro la sua apertura. 'Questo è. Il momento della verità.' pensai tra me e me.

“Savannah…” iniziai. “Se ti abbassi di un altro centimetro, non si torna indietro. Lo capisci?"

"Papà? Quando mai imparerai?!” Lei ribatté, e scivolò giù per quel fatidico centimetro. Il mio grosso cazzo era già lubrificato con i suoi succhi e le ha diviso le labbra della figa con facilità.

'Dio mio. Questo è. Sto per scopare... STO scopando... mia figlia!'

Abbiamo entrambi sussultato quando la mia testa è entrata in lei. Il mio era per il puro shock di quanto fosse stretta, bagnata e calda, e penso che il suo fosse perché non aveva mai sperimentato prima di essere stata penetrata da un vero cazzo di carne e sangue.

Sono riuscito a staccare la faccia dalle sue tette e l'ho afferrato per la vita. Ho chiuso gli occhi e mi sono morso il labbro mentre iniziavo lentamente a tirarle la vita verso il basso, ancora più sulla mia asta. Continuavo a tirarla giù e stavo immaginando come fossero le sue viscere semplicemente memorizzando ogni protuberanza e cresta su cui potevo sentire il mio cazzo strofinarsi mentre scivolavo sempre più nel suo canale vellutato e caldo dell'amore.

Quasi appena iniziato, Savannah era completamente seduto sulle mie ginocchia. Non potevo muovermi oltre e, mentre aprivo gli occhi, mi ritrovai faccia a faccia con un'espressione di pura lussuria e amore sul viso di mia figlia. Mi guardò negli occhi con una profonda passione ed espirò. "Oh! Ti senti ancora più grande dentro di me quando eri nella mia bocca prima!” A dire il vero, non ero enorme, ma sapevo usare ciò che il buon Dio mi aveva dato.

Al suo commento, ho sorriso e ho risposto: “Beh, grazie tesoro. E tu... sei più stretto di quanto avrei mai potuto immaginare!”

"È una buona cosa, vero?" Me lo ha chiesto quando ha iniziato a muovere il culo da sinistra a destra sul mio cazzo.

"Sì. Cosa molto buona. Non sorprenderti se fai venire tuo padre prima o poi. Arricciò il labbro e mi fece un sorriso malizioso.

"Possiamo…? sai…? Fanculo?"

La guardai con un'espressione severa. “No, Savana. Non abbiamo intenzione di 'cazzare'". Ho cominciato a rimproverarla. “Faremo l'amore. C'è una differenza e te la insegnerò".

Senza un'altra parola, ho spostato delicatamente le mie mani dai suoi fianchi al suo sedere. Li ho presi tra le mie mani e ho sentito le sue guance lisce mentre iniziavo ad allargare lentamente le sue guance e tirarla dentro di me, in modo che la sua figa si sollevasse di qualche centimetro dal mio cazzo. Quando si è appoggiata alla mia maglietta, ho iniziato a muovere lentamente i fianchi su e giù. Il mio grosso cazzo ha iniziato a scivolare dentro e fuori Savannah. Ho spinto il mio sedere in profondità nella sedia fino a quando ho potuto sentire l'aria fresca sul lato inferiore del mio albero e ho sentito la mia testa iniziare a liberare il suo calore. Ho sollevato il mio sedere lentamente mentre il mio cazzo si è riagganciato al tunnel caldo fino a quando non sono riuscito a sollevarmi più in alto.

Ho continuato a fare l'amore con Savannah in questo modo per alcuni minuti; dondolandomi i fianchi con le mani tenendole il culo al suo posto. Gemeva piano, il suo respiro caldo sul mio collo mi faceva venire i brividi lungo la schiena.

"Mmmm. Sì, papà. Proprio così", sussurrò. “Continua a fare l'amore con me. Ti amo tanto." Chiuse le labbra sul mio orecchio sinistro e lo baciò mentre esalava un respiro.

"Ti amo anch'io, piccola", risposi.

Abbiamo continuato a fare l'amore per un altro minuto circa, quando ho sentito che presto le mie palle sarebbero scoppiate. Hanno iniziato a stringersi e il mio sperma ha iniziato a bollire. Spingendo giù nel divano e sollevando Savannah leggermente più in alto, l'ho sollevata completamente dal mio cazzo e l'ho fatta sedere sul mio petto in modo che il mio membro palpitante fosse tra le sue chiappe. Ho preso un respiro profondo e ho fatto tutto il possibile per prolungare il mio orgasmo.

Lei staccò la testa dal mio collo e mi guardò. "Ho solo bisogno di un minuto, tesoro", le ho detto. “Sei quasi TROPPO stretto per me. Non sono ancora pronto per venire. Solo un attimo di respiro”.

"Non sono così stretto, vero?" Me lo ha chiesto, in modo canzonatorio.

"Penso che tu sappia maledettamente bene la risposta a quella", la rassicurai.

Dopo un minuto di aria fresca che mi soffiava addosso, e i miei pensieri correvano a tutto tranne che al momento, ero pronto per continuare.

"Pronto?"

"Pronto!"

Ho sollevato Savannah dal mio petto e ancora una volta, il mio cazzo si è fermato sull'attenti e sono scivolato dentro di lei con facilità. Una volta che si è sistemata su di me, ho lasciato andare le sue chiappe e ho riportato le mani alla sua vita. Ho allontanato il suo corpo dal mio petto e l'ho guardata negli occhi.

"Ok, tesoro, ecco cosa farai", mentre iniziavo a spiegarle come fare l'amore con me. “Siediti dritto, così. … Perfetto” Il mio cazzo si è adattato dentro di lei e l'adattamento è stato ancora più perfetto. “Ok, ora spostati come mi muovevo prima. Usa le cosce per alzarti e abbassarti. ... Oh, oh, cazzo! Ho iniziato a lamentarmi. Ha iniziato ad alzare e abbassare i fianchi prima ancora che avessi la possibilità di finire la frase.

"Sei sicuro di non averlo mai fatto prima?" L'ho presa in giro. "Sembri un professionista!"

Lei mi sorrise. "Sono sicuro. Immagino che sembri... giusto, con te.

Non c'è stato alcun argomento da parte mia. Con tutta la lussuria e l'amore che stavo provando in quel momento, sembrava che i nostri corpi fossero fatti l'uno per l'altro. La sua figa si è avvolta strettamente attorno al mio cazzo e io mi sono adattato a lei come un guanto.

Mi appoggiai allo schienale della sedia con gli occhi chiusi e le mani ancora sui suoi fianchi, lasciandoli alzare e abbassare al suo ritmo. In pochi istanti, il suo ritmo accelerava e muoveva i fianchi su e giù una volta al secondo. Deve aver colpito un certo punto che le è sembrato davvero bello perché una volta che ha preso il ritmo, il suo respiro ha iniziato a diventare affannoso e ha chiuso gli occhi.

"Papà... io... vado a... cu-cu-cummmmmm!" Gemette ad alta voce quando il suo secondo orgasmo negli ultimi trenta minuti iniziò a scuoterla. Ha smesso involontariamente di dondolarsi sui miei fianchi, quindi per assicurarmi che avesse il miglior orgasmo possibile, l'ho sostituita con il mio. Ho mantenuto il ritmo che aveva impostato in precedenza e ho sentito la sua figa iniziare a stringersi intorno a me. Era come una morsa sul mio cazzo, che mi tirava più a fondo e non cedeva di un centimetro. Gettò la testa all'indietro, i lunghi capelli biondi che le frustavano la schiena. I suoi occhi si chiusero ermeticamente e gettò le mani in avanti sulle mie scapole per impedirsi di cadere all'indietro a terra.

Come la prima volta, ho potuto dire che il suo orgasmo è iniziato nella sua testa e si è fatto strada attraverso tutto il suo corpo. Quando ha colpito la sua zona più sensibile, mi sono reso conto che non potevo più contenere il seme bollente che mi stava ribollendo nelle palle. Strinsi i muscoli di Kegel più forte che potevo e mi morsi il labbro con forza, cercando di permetterle di finire il suo orgasmo. Quasi non appena stava scendendo, lanciai un avvertimento appena udibile. "Savannah, vengo anch'io..."

"Sborrami dentro, papà!" Disse con il respiro affannoso. “Voglio sentire il tuo seme dentro di me. Per favore, riempimi con il tuo sperma!"

Anche se ero pieno di lussuria, ho riflettuto meglio sulla situazione e per quanto mi abbia addolorato dire di no a mia figlia, l'ho sollevata dal mio cazzo proprio mentre la prima corda di sperma barcollava dalle mie palle, nel mio albero , ed è esploso dalla mia testa. Il mio cazzo si liberò e la più grande delle corde scattò avanti e indietro, cadendo a terra tra i nostri piedi. La seconda esplosione di sborra schizzò leggermente in avanti e atterrò sulle sue spalle e sulla sua schiena. Il mio cazzo si contorceva e pulsava mentre sempre più sperma veniva drenato dalle mie palle. Ogni eruzione successiva è diventata leggermente più piccola, ma ognuna è atterrata sulla sua schiena finché alla fine la sesta e la settima corda sono gocciolate dalla mia testa e si sono imbrattate contro le sue chiappe.

Il mio orgasmo iniziò a diminuire e presi la mia mano destra dalla sua vita e presi il mio membro ancora duro. Gli diedi uno o due piccoli colpi e strinsi la testa per mungere l'ultima goccia. Le spalgo il cazzo sul culo e le spalmo leggermente la sborra addosso.

Prima che potesse dire qualcosa in segno di protesta, ho fatto irruzione. "Mi dispiace, tesoro. Non posso venire dentro di te. È troppo rischioso. Per quanto mi piacerebbe che... semplicemente... non posso. Per favore capisci."

Una lacrima si formò nell'occhio sinistro e le scivolò lungo la guancia. "Capisco", ha risposto. “Mi dispiace che sia stato oltre il limite. Ero così preso dal momento". Cominciò a singhiozzare leggermente e qualche altra lacrima le scese dal viso. Alzai la mano sinistra e le asciugai le lacrime.

“Savannah, non essere arrabbiato. Quello è stato il sesso più incredibile della mia vita. Questo fine settimana non è finito e te lo prometto, non c'è motivo di essere arrabbiato".

Apparentemente ha sentito solo la parte centrale della mia frase perché ha tirato su col naso e mi ha chiesto: "Il sesso più incredibile della tua vita? E la mamma?"

Cercando di evitare di rispondere apertamente alla sua domanda, balbettai: “Io... ehm... è stato fantastico. Non riesco a ricordare di aver mai fatto sesso migliore e più tenero di quello che è appena successo.

Le sue lacrime iniziarono ad asciugarsi e un piccolo sorriso si curvò sulle sue labbra. Gettò il suo corpo in avanti e avvolse le sue braccia attorno alla mia nuca. “Oh papà! Ti amo tanto!"

Ho ricambiato il suo abbraccio e le ho sussurrato all'orecchio: "Anch'io ti amo, mio ​​orgoglio e gioia". I could feel her smile as I said that and we sat there, embraced in each other’s arms for a good two to three minutes. Finally, I broke the hug as I kissed her cheek.

“We should probably get cleaned up and go to bed. We have a lot planned for tomorrow.”

"Noi facciamo?" Lei chiese. “Like what?”

“It’s a surprise, but we’re getting up early to go for a hike to one of my favorite places that I used to take your mother a long time ago.”

“Oh, um, ok,” she replied, still uncertain if I was joking or not.

I helped to lift Savannah off the chair and onto her feet. “Jeeze! This thing is uncomfortable like this!” She said as she pulled her thong back over her pussy. “Why didn’t we take this off before we started?”

I had no good answer. I had completely forgotten that it was even still on. “I guess we just got up in the moment after leaving the kitchen and forgot…” I stopped myself before I finished my sentence. I didn’t want to give away that there was more than likely going to be another chance for her to take her panties off.

We walked to the bathroom together, and I stood outside while I waited for her to clean herself up so that I could do the same. I looked down at my cock and my erection had barely subsided at all. It was still glistening with her juices and I couldn’t help but to smile.

Once she finished, I stepped in and told her to get ready for bed. When I came out, I went over to her room to check on her. She was lying in bed, on top of the covers. She hadn’t put anything on. Her breasts were still free from any restraints and her red thong was the only thing keeping her warm.

“Aren’t you going to get cold sleeping like that?” Le ho chiesto.

I must have startled her because her head shot up from the bed. “I don’t even think I can sleep right now, to be honest,” she replied.

Against my better judgement, I made a request of her. “Well, I don’t want you catching a cold. If you’re not going to put anything on, then come over to my room and sleep in my bed. My ‘old man’ body heat will keep you warm.” She laughed at me and did an incredible ab crunch to pull herself upright.

"Sei sicuro?" Lei mi ha chiesto.

I simply nodded my head and walked away. I could hear her feet hit the ground as she stood up. I was already in bed on the right hand side when she came in. She closed the door behind her. Even though no one was around, it was just habit to sleep with our doors closed. She stepped over to the left side of the bed and crawled underneath the covers. She positioned her back towards me and I moved myself closer. Wrapping my arms around her, I puled her closer for a kiss. Her back nestled into mine and her butt wiggled up against my crotch. My cock started to grow hard again and she noticed, because every few seconds she would move around.

“Can I help you, young lady?” I whispered into her ear.

"Scusate. Just trying to get comfortable.”

“You know, I was born at night, but not last night,” I retorted.

She let out an audible laugh and apologized.

“Goodnight, daddy.”

“Goodnight, Savannah.”

We both finally drifted off into a deep sleep in each others arms.

Storie simili

Ragazze in spiaggia a tre

È iniziato domenica mattina presto nel weekend del Memorial Day quando mi sono alzato per prendere un bicchiere d'acqua dalla cucina. Stavamo affittando una casa sulla spiaggia nelle Outer Banks e avevo davvero sete per la pizza vegetariana che abbiamo mangiato per cena. Scivolai fuori dal letto e mi diressi in cucina. Ho sentito la TV del soggiorno accesa e ho pensato che le due ragazze fossero tornate tardi dal loro incontro con i ragazzi che prima avevano preso in giro in spiaggia, avessero guardato un po' di TV e l'avessero lasciata accesa. Ho intravisto la TV dallo spazio tra la...

622 I più visti

Likes 0

Mia sorella mi fa mostrare la sua parte 01

Mia sorella mi fa mostrare a lei di Vanessa Evans Parte 1 Ciao, mi chiamo Archie e mia sorella si chiama Alice, siamo gemelli di 18 anni. Siamo sempre andati d'accordo, aiutandoci a vicenda con i compiti scolastici e parlandoci di tutto, e dico proprio tutto. Pensavo che tutto significasse tutto tranne poco tempo fa Alice mi ha raccontato una fantasia che aveva da anni. Mi ha detto che voleva che gli uomini la vedessero nuda. All'inizio sono rimasto scioccato perché, sebbene condividessimo il bagno da anni e l'inevitabile fosse accaduto occasionalmente, ho sempre pensato che Alice fosse una brava ragazza...

702 I più visti

Likes 0

Ragazze della California 3

Ragazze della California 3 Oh merda, sono le 7 del mattino esclamò Kate. Wow, siamo stati tutta la notte, sorrise Hannah, siamo delle puttane arrapate rise. No, sul serio, è un male, mia sorella sarà a casa tra mezz'ora. Kate ha detto alzandosi in piedi, Uh, merda a me le gambe, gemette, strofinandosi le ginocchia, agh e il mio bacino sembra come se qualcuno l'avesse battuto con un martello. Wow la scorsa notte è stato divertente sorrise Hannah ancora di più, Dovrei prendermi un cane! . Preoccupati dopo, aiutami a ripulire un po' di questo sperma, è ovunque! Merda è ovunque!...

440 I più visti

Likes 0

Ogni ragazzo sogna_(1)

Fin da quando ero un ragazzino ho sempre amato indossare abiti da ragazza. Ricordo di aver frugato nel cassetto della lingerie di mia madre e di aver provato le sue mutandine e i suoi reggiseni. Ho adorato il modo in cui il materiale trasparente e setoso si sentiva contro il mio corpo. Crescendo, ho avuto meno opportunità di indulgere nel mio feticcio fino a quando non mi sono sposato. Quando mia moglie era via o al lavoro indossavo le sue mutandine e i suoi reggiseni mentre mi masturbavo. Fortunatamente era alta quanto me, quindi la vestibilità era abbastanza vicina. La incoraggerei...

711 I più visti

Likes 0

Il mio primo bando di gruppo

Questa storia è di grande cambiamento. Sono passato da una ragazza arrapata di 18 anni dai capelli rosso scuro di 6 piedi, a una troia con un bisogno di sesso hardcore visto solo nel porno. Se hai letto la mia storia anniversario, questa è la storia del perché sono così. Stavo camminando per una strada nel centro della città con i miei vestiti comodi perché stamattina avevo trovato il mio punto g con un vibratore. È stato un po' imbarazzante perché si è bloccato e non potevo spegnerlo. Ho finito per dover semplicemente sdraiarmi a terra cercando di gloriare un vibratore...

426 I più visti

Likes 0

Cosa c'è sotto 2

Quella mattina Jennifer andò al lavoro un po' più veloce del solito, temendo di fare tardi. Aveva un disperato bisogno di questo lavoro per la sua famiglia. Essendo una madre single di due figli e nessun uomo in giro, era l'unico lavoro che poteva ottenere. Per favore, non farmi fare tardi. pensò tra sé, premendo ancora un po' il piede sull'acceleratore, ignorando il tremolio del volante. È volata oltre un cartellone pubblicitario e ha visto un'auto della polizia uscire dietro di lei nello specchietto retrovisore, accendendo il tetto. Il cuore le sprofondò nel petto e sentì il sapore della cenere in...

422 I più visti

Likes 0

Perdo la verginità(8)

L'ho incontrata su un sito di chat su Internet. Vivevamo a 800 km di distanza, quindi non ho avuto problemi a flirtare come un matto. Mi ha detto che è alta 1,5 m, lunghi capelli biondi e occhi azzurri con un corpo sexy. Beh ovviamente l'ho presa in giro e le ho detto che se non mi manda una foto non le crederò, mi ha chiesto se le foto di lei sarebbero state solo per i miei occhi ed essendo il ragazzo che sono le ho dato la mia parola, aspettandomi una foto molto cattiva. Quello che ho ottenuto è stata...

434 I più visti

Likes 0

Apple È l'insegnante...

Apple ha parcheggiato la sua auto a un isolato dalla spiaggia e si è diretta verso il punto in cui i suoi amici avevano detto che sarebbe stata la festa. Rebecca l'aveva invitata all'inizio della settimana e aveva detto che aveva degli amici che voleva davvero che incontrasse, qualunque cosa significasse. Apple stava solo cercando di uscire di casa dopo una lunga settimana, quindi qualsiasi scusa ha funzionato. La festa era alla casa sulla spiaggia degli amici di Rebecca e stava andando abbastanza bene quando Apple si è presentata. Era arrivata sulla spiaggia a circa mezzo miglio più in alto, e...

403 I più visti

Likes 0

Il ragazzo dei pretzel

Fresco pomeriggio d'estate quando entro nel negozio di pretzel. La porta era aperta, quindi ho rimosso il tappo e ho tirato delicatamente la porta per chiuderla. Appare da dietro con una cassa di pretzel in mano. Mi guarda e mi saluta. Slaccio i bottoni del mio trench di pelle nera e metto le mani sui fianchi in modo che le mie mutandine di pizzo nero con un nastro rosa neon e il reggiseno abbinato si vedano. Ho avuto il mio fottimi guarito accompagnato dalle mie calze trasparenti e ho aspettato a lungo. Sono stata una cattiva ragazza e ho davvero bisogno...

361 I più visti

Likes 0

Il prato - PARTE I - Lo stagno

L'autunno è rotolato. L'orologio accanto a lei la fissava torvo, i numeri rossi le brillavano sul viso. Erano le 3:33. Questa era la terza notte che accadeva. Sempre alla stessa ora. Il suo cuore batteva forte e bevve un sorso dal bicchiere. Sospirò, calmata dalla quiete della sua stanza. Fece un altro respiro profondo e guardò l'orologio. Ancora 3:33. La sua mano si spostò sul petto, alzandosi e abbassandosi dolcemente mentre il suo cuore rallentava. Il minuto è cambiato. Alzandosi in piedi, Autumn si avvicinò alla finestra, rompendola leggermente. L'aria dolce e frizzante di campagna si spostava verso l'interno, calmandole i...

384 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.