Il mio prurito - Parte 2

1.9KReport
Il mio prurito - Parte 2

Quando sono tornato al condominio, ho afferrato la mia borsa e sono corso verso la porta, gridando di trionfo quando le luci si sono riaccese pochi secondi dopo. Sapendo che non avrei avuto molto tempo, ho preso rapidamente diversi asciugamani spessi dal bagno e li ho infilati nell'asciugatrice insieme alla maglietta inzuppata di Itch e l'ho acceso in alto. Tornai di corsa in camera da letto, recuperando un cesto della biancheria che tenevamo nelle unità per gli ospiti e tornai in soggiorno. Ho acceso il camino elettrico al minimo, quel tanto che basta per riscaldare la piccola area intorno ad esso, ho aperto la porta scorrevole in vetro per far uscire l'aria soffocante e l'ho scambiata con aria fresca e poi sono tornato in macchina in linea d'ape. Mentre tiravo fuori il frigorifero dal mio bagagliaio, Itch si fermò e scese rapidamente dal camion, la sua borsa in mano e io corsi verso di lui e salii sul camion, recuperando mamma gatta e un paio di gattini. Glieli consegnai, presi i restanti quattro e mi precipitai nell'appartamento.

"Di fronte al camino", dissi piano mentre ci facevamo strada e lui posò con cura la famiglia sul pavimento. "C'è solo la mia borsa termica, la borsa dei vestiti e il mio laptop nel bagagliaio, puoi andare a prendere, per favore?"
Lui annuì mentre entrambi ci alzavamo e mentre sgusciava fuori dalla porta, presi il cesto della biancheria e gli asciugamani caldi dall'asciugatrice e mi diressi verso la famiglia. Facendo un lavoro veloce, ho messo diversi asciugamani nel cestino, quindi prendendo uno degli asciugamani riscaldati, ho iniziato ad asciugare mamma gatta. I gattini miagolavano e si muovevano intorno a me mentre lavoravo il più velocemente possibile, e quando non era altro che umida, l'ho messa nel cestino e ho afferrato il gattino più vicino.

Quando Itch è tornato da me, quattro dei gattini si erano rannicchiati nelle coperte calde e mamma gatta si è rilassata e si è allungata, guardandomi intensamente con grandi occhi verdi da bambola. I gattini la inseguirono immediatamente, consumando un pranzo tardivo e mentre mettevo l'ultimo gattino nel cestino, Itch era dietro di me. Ha lavorato in modo rapido e silenzioso mentre mi strappava le varie forcine dai capelli, rilasciando il mio straccio bagnato fradicio dalla sommità della mia testa e con gli ultimi asciugamani caldi rimasti, iniziò ad asciugarli meglio che poteva.

"Beh, non siamo un mucchio di personaggi bagnati", ho detto alla mamma e lei mi ha miagolato mentre ci guardava. "Avremmo perso questi ragazzi se non l'avessi vista."

“Come ho detto, bellissimo, non mi sarebbe mai capitato di andare là fuori. Ma sono contento che tu l'abbia fatto, sembra una famiglia felice riunita". Gli presi le mani e lui si alzò in piedi dietro di me mentre io mi alzavo e quando mi voltai per affrontarlo, gli diedi un lungo abbraccio. "Grandi palle, signora, hai delle grandi palle."

"Grazie dell'aiuto." gli dissi all'orecchio e poi, mentre rompevamo l'abbraccio, i nostri vestiti bagnati fradici si appiccicavano l'uno all'altro e si ripiegavano su di noi. Abbiamo riso mentre mi allontanavo da lui, muovendomi per prendere la mia borsa dei vestiti. “Sono stufo di essere bagnato, ma ho bisogno di scaldarmi in fretta. Entrando a fare la doccia, ci salti dentro anche tu?"

In circostanze normali, ciò avrebbe aperto le porte dell'estrema volgarità all'uomo, ma considerando quello che avevamo appena fatto, si è limitato ad annuire e si è spostato nella sua borsa.

“Sì, mi imbatterò nella prossima unità. Non si sa quanto tempo abbiamo prima che la corrente si spenga di nuovo, perderemo l'acqua calda che abbiamo". Scivolò fuori dalla porta e si fece avanti in un batter d'occhio mentre entravo in bagno con i miei vestiti. Ho aperto l'acqua, rendendola bella e calda prima di scivolare di nuovo in soggiorno. Ho controllato la famiglia ancora una volta, la maggior parte dei gattini aveva finito di mangiare ed erano rannicchiati a dormire con la mamma. L'ho accarezzata un paio di volte mentre miagolava dolcemente verso di me e quando l'ho sentita fare le fusa, sono rimasta dritta e sono entrata nella mia doccia calda con un sorriso.

La doccia era sbalorditiva, il soffione della doccia che aveva impostazioni diverse. Ho optato per l'impostazione del massaggio e ho gemito quando ha iniziato a battere sui miei muscoli già teneri. Stavo per sentire ogni centimetro del salvataggio al mattino e quando l'ultima adrenalina era esaurita, mi sono ritrovato seduto sul pavimento della doccia per alcuni istanti, lasciando che l'acqua mi battesse sulla testa. Sono rimasto lì il più a lungo possibile e quando ho rilevato il minimo cambiamento di temperatura, mi sono alzato, mi sono rasato le gambe, le ascelle e la fica, mi sono lavato e balsato i capelli e sono uscito dalla doccia proprio mentre l'acqua si raffreddava .

Mi sono asciugata rapidamente e mentre infilavo i miei vestiti comodi, un altro paio di pantaloni da yoga e una maglietta oversize con calzini spessi e caldi, sono uscita in soggiorno e il mio intestino si è contorto mentre sono entrato. Ho sentito il suo profumo acqua di colonia nell'aria e mentre lottavo per mantenere la calma, mi concentravo su ogni passo mentre camminavo dietro di lui mentre era in piedi davanti alle porte a vetri. Ho guardato di nuovo il tatuaggio, la complessità e il dettaglio erano incredibili e quando mi sono avvicinato dietro di lui per ridurre la distanza, si è girato verso di me.

"Oh, ora è un vestito sexy", ha fischiato il lupo e l'ho colpito con l'asciugamano che stavo usando per asciugarmi i capelli. "Penso che mi piaci senza trucco."

"Non mentirmi, stronzo." Rise forte mentre guardavo fuori dalla porta, notando che la pioggia era cessata e il sole minacciava effettivamente di sfondare le nuvole. Vivendo nella zona in cui viviamo, entrambi abbiamo avuto la sensazione che i nostri problemi di pioggia fossero tutt'altro che finiti. In tempi normali, il sole segnalava che le tempeste erano finite, ma per noi ci faceva semplicemente sapere che avrebbe riscaldato le cose, agitandole bene prima che il prossimo ciclo di tempeste si trasferisse.

Per le due ore successive, ci siamo sistemati tutti e ci siamo sentiti a nostro agio. Mentre cucinava le bistecche, il mio stomaco sussultava per il vuoto e quando mangiavamo ci concedevamo una lunga tregua dalle tempeste e mangiavamo fuori sul ponte, guardando il lago. La sua radio si spense e lui rispose mentre si metteva in bocca l'ultimo boccone di bistecca. Un paio di alberi sono caduti vicino al capannone di manutenzione durante l'ultimo ciclo di temporali e l'ufficio ha voluto che lo controllasse. Mentre raccoglieva i nostri piatti, l'ho seguito in cucina, chiedendogli se voleva compagnia. Guardò fuori dalla finestra e ringhiò, scuotendo la testa verso di me mentre afferrava il suo impermeabile.

“Assolutamente no, stupendo, questo prossimo round sarà brutto e se non mi sbrigherò, mi farò prendere. Non ha senso che affoghiamo entrambi.

"La tua cavalleria è sconfinata." Ridacchiai mentre mi schiaffeggiava di nuovo il culo. "Solo stai attento."

Lui ha annuito ed è scivolato fuori dall'appartamento e io ho fatto un rapido lavoro con i piatti, facendo ripulire la cucina e ho chiamato l'ufficio per chiedere quale impiegato era in quale unità, sarei dovuto andare a pulirli quando ci fosse stato permesso di partire. Mi hanno letto la lista e ho rabbrividito violentemente quando mi sono reso conto che io e Itch eravamo gli unici nell'edificio in cui ci hanno messo. O sapevano che alla fine avremmo scopato o si erano già spaccati il ​​cervello, era strano per me che ci hanno messo in un edificio lontano da tutti gli altri. La logica però ha preso piede, eravamo in quel luogo quando il lago ha rotto gli argini e sarebbe stato ragionevole mantenere il loro equipaggio dove sapevano di essere. O lo era?

Ho dato da mangiare a mamma gatta una lattina di tonno caldo e le ho fatto una lettiera improvvisata con la lettiera per gatti che porto in macchina per l'inverno prima di scivolare sul divano, improvvisamente esausta dalla mia giornata. Mi sono sdraiato a lungo mentre ho riacceso la TV, addormentandomi in quanto è stato riferito che il peggiore dei temporali sarebbe stato più tardi quella notte, dopo che il sole era tramontato.

Non so per quanto tempo ho dormito, so solo che quando mi sono svegliato per la prima volta, il mio corpo e il mio cervello esausti non funzionavano bene. C'era una sola luce accesa nell'appartamento in cucina, la TV spenta e l'appartamento illuminato da un momentaneo splendore mentre i fulmini silenziosi in lontananza si spegnevano. Mi sono reso conto allora che avevo un po' di freddo e quando finalmente ho voluto che il mio braccio si muovesse, ho notato che la mia maglietta era alta, mettendo in mostra le mie tette.

Dopo un'ulteriore ispezione, mi sono reso conto che i miei pantaloni erano scivolati lungo le gambe oltre le ginocchia e le mie gambe erano aperte. Rimasi senza fiato quando vidi una figura in piedi ai miei piedi, che mi guardava dall'alto in basso e quando intravidi Prurito nella luce lampeggiante, una parte di me si rilassò mentre un'altra parte divenne fredda come una pietra. In qualche modo, nel mio sonno profondo, era riuscito a spogliarmi abbastanza da esporgli il mio corpo e quando il fulmine illuminò di nuovo la stanza, i miei occhi caddero sul suo cazzo indurito, l'imponente sbarra catturata nella sua mano a pugno che era lentamente e facilmente accarezzandolo.

"Non muoverti, puttana", la sua voce era tesa ed era eccitata mentre l'altra sua mano a pugno si alzava. Gettò quello che c'era dentro sul tavolino da caffè, un mucchio di venti, un paio di cinquanta e con mio grande shock, un paio di centinaia – ben oltre quello che ci sarebbe voluto per ripagarmi e i miei occhi tornarono ai suoi mentre mi rilassavo di nuovo sul divano. “Ho pagato per stasera e per tutto il fine settimana, non credo che andremo da nessuna parte. Il tuo culo e la tua fica sono miei.

Ho lasciato che un profondo brivido esplodesse attraverso il mio corpo mentre gemevo, la combinazione di vederlo accarezzare la sua carne del cazzo e lanciarmi soldi è stata sufficiente per essere immediatamente in piedi sulla scogliera della beatitudine orgasmica. Solo un soffio di brezza mi avrebbe mandato oltre il limite e ho posato gli occhi sul suo cazzo per guardarlo, la sua mano che lo accarezzava ancora come se si stesse prendendo in giro.

Si chinò delicatamente per accarezzare una coscia scoperta mentre continuava ad accarezzarsi, entrando un po' di più mentre il suo pugno si strinse su di essa un po' più forte. Gemette mentre lasciava che la sua mano scivolasse sulla mia coscia, attraverso il mio fianco e improvvisamente si tuffò tra le mie gambe, facendo scivolare facilmente tre dita nella mia fica. Non riuscivo a trattenermi mentre gemevo a lungo e lanciavo i miei fianchi in aria, tenendoli alti mentre iniziava a scoparmi con le dita. Non ci volle molto, i suoni bagnati della mia fica riempirono la stanza e lui gemette mentre il suo pugno lavorava più velocemente e più forte.

“Le cose che ti farò, puttana. Quattro anni di continue torture che mi hai fatto sono stati pazzi. Normalmente, non inseguo le donne così a lungo, se non mostrano interesse le lascio andare alle loro vite, ma tu", ha rapidamente aumentato la pressione sulla sua mano che stava usando su di me, le sue dita che volavano più forte e più profondamente in me di prima. Sono venuto rapidamente mentre mi lavorava sopra e mentre la mia schiena si inarcava e io gemevo forte, ha preso velocità con le dita, mandandomi più a fondo nel mio orgasmo. "Piccola puttana del cazzo, sei stata l'unica che ho davvero voluto, ho anche smesso di scopare mia moglie per un po'."

La sua ammissione di resistere a sua moglie mi ha fatto spezzare il cervello mentre rideva quando il cielo del mio orgasmo mi ha lanciato nell'atmosfera più bassa. Mentre gemevo e mi dibattevo sul divano, tenevo gli occhi sulla sua altra mano, che aveva cominciato a martellare sulla sua carne con un'intensità che non avevo mai visto prima. Quando il mio orgasmo si placò, mi precipitai sul divano con un grugnito e rimasi immobile mentre lui allontanava la mano da me. Il mio corpo stava ancora pulsando pesantemente quando all'improvviso sussultai forte, sentendomi sollevato e sbalzato su una spalla. Mentre ci facevamo strada attraverso l'appartamento, piagnucolai piano perché sapevo che avrebbe fatto esattamente come aveva detto, Prurito non era mai uno che usa mezzi termini. Mi sono subito ritrovato a volare in aria lontano da lui, grugnindo rumorosamente mentre ero con la schiena nel materasso e ho emesso un forte sussulto mentre il suo corpo cadeva sul mio.

Alla velocità della luce, mi sollevò la maglietta e mi afferrò i polsi prima di issarli sopra di me. Prima che potessi difendermi, mi sono trovata i polsi avvolti strettamente nelle lenzuola e quando ho cercato di abbassare le mani, non ci sono riuscito. Nell'oscurità nera come la pece, guardai sopra la mia testa, notando subito nella luce lampeggiante che era riuscito a creare i miei vincoli dal lenzuolo piatto, che era teso al massimo e le altre estremità legate ai montanti del letto. Mentre studiavo il nodo e iniziavo a cercare di liberare le mie mani, ho trovato le sue mani che mi strappavano di dosso completamente i pantaloni e di nuovo, alla velocità della luce, ha legato una gamba lontano da me, il nodo al mio ginocchio. Ho smesso di concentrarmi sulle mie mani e ho guardato in basso mentre lui mi ha afferrato l'altra gamba e quando ha iniziato a spostarla in posizione, ho bloccato il ginocchio e sono rimasto fermo.

Avrei dovuto sapere che avrebbe vinto perché ha costretto la mia gamba a piegarsi e l'ha assicurata rapidamente con l'altra estremità del foglio. Efficacemente legato e disteso, si alzò e guardò il suo lavoro a portata di mano. Era bravo, devo darglielo, un po' troppo bene dato che mi aveva legato dal lato del letto matrimoniale e non molto lontano - non c'era nessun posto dove potevo andare e sicuramente, non potevo fare una dannata cosa per uscirne. Si mise le mani sui fianchi mentre riprendeva fiato, almeno avevo combattuto bene e la sua pelle scura luccicava quando il lampo balenò.

Non mi disse nulla per un po', fissandomi come un lupo affamato e rabbioso e quando finalmente si mise in posizione tra le mie gambe, trattenni il respiro, aspettando qualunque cosa avesse in serbo per me. Sussultai e tremai abbastanza forte da scuotere il letto mentre guardavo la sua testa abbassarsi tra le mie gambe e quando la sua lingua spessa e morbida mi accarezzò la fica, l'ho persa e ho urlato.

Mentre afferrava brutalmente le mie cosce aperte con le mani, si sistemò nella mia fica, mangiandola come se non ne avesse mai più una in bocca. Quando le sue labbra si chiusero attorno ad esso, la sua lingua scivolò su e giù per l'intera lunghezza della mia fica, dal fondo della mia fessura alla parte superiore del mio clitoride prima di entrare nel fascio di nervi bollenti e iniziare a sbatterlo con la lingua in un velocità incredibile. Grugnii e gemetti, gridai forte mentre lui si appoggiava su di esso, colpendo il punto sensibile con tale determinazione e forza che il mio corpo sussultava a ogni leccata. Stava diventando rapidamente insopportabile mentre cercavo invano di allontanare i miei fianchi da lui, al che lui rispose tenendo le mie cosce ancora più forte sul letto. L'ho pregato di smetterla, supplicandolo che avrebbe iniziato a far male e, tuttavia, mi ha ignorato mentre lavorava più velocemente e più duramente.

I suoni della sua lingua su di me riempirono rapidamente la stanza mentre cercavo invano di allontanarmi da lui, ma quando le porte si aprirono e il mio orgasmo minacciò di rompere ogni osso del mio corpo, riuscii a spostare i fianchi abbastanza da spingere il mio clitoride ulteriormente nella sua bocca, urlando la mia felicità e il suo nome mentre prendeva il sopravvento sul mio corpo. Sussultai e sussultai rumorosamente mentre i miei fianchi si alzavano dal letto e arrossii violentemente quando lo sentii ridacchiare, la sua bocca ancora bloccata sul mio clitoride, la sua lingua che si dimenava ancora per i nervi che esplodevano. Le vibrazioni della sua risatina mi hanno fatto cose incredibili e mi sono lamentato mentre spingevo i miei fianchi più in basso, costringendo la sua testa più in profondità nelle mie cosce aperte.

Non ha mai interrotto il contatto mentre continuava a dimenarsi contro il mio clitoride e la fica aperta e quando ho sentito le sue dita prima accarezzarmi il culo e poi lentamente iniziare a spingere, mi sono bloccato e piagnucolare. Ridacchiò di nuovo mentre spingeva più a fondo, la sua lingua lavorava sempre più velocemente e più forte e ho pensato che avrei perso la testa per le sensazioni che mi stava dando. Non c'è dubbio, l'uomo sapeva come mangiare la figa, l'ha imparato e quando le sue dita hanno iniziato a spingermi nel culo lentamente e facilmente, i miei fianchi si sono sollevati di nuovo dal letto e ho pianto attraverso il mio orgasmo.

La sua risatina mi stava facendo impazzire mentre continuava a succhiarmi e mangiarmi addosso per così tanto tempo, non potevo dirti quando alla fine si fermò – solo che ero già esausto, coperto di sudore e avevo così tanti orgasmi, ho perso il conto. Quando finalmente ha rilasciato la bocca dalla mia fica e si è alzato in piedi, sono rimasta lì immobile e debole, incapace di fare molto di niente quando l'ho sentito rilasciare le mie gambe anche solo per un momento. Ebbi appena il tempo di riprendere fiato prima di sentire improvvisamente le sue mani afferrarmi rudemente i fianchi e girarmi. Sussultai quando lo sentii afferrarmi le caviglie e legarle di nuovo mentre cercavo di allentare la tensione nelle mie spalle e nella parte superiore delle braccia poiché erano incrociate sopra di me. Con le mie gambe assicurate, ha sollevato i miei fianchi dal letto e senza dire una parola – ha immerso il suo cazzo il più lontano possibile nella mia fica.

Grugnì forte quando fu momentaneamente fermato, una buona parte di ciò essendo quanti orgasmi mi aveva dato con la sua bocca. I miei occhi si sono spalancati quando ho sentito lo spessore della sua fottuta carne, se era solo a metà e già ero allungato, quanto era spesso verso la base?? Ho piagnucolato quando l'ho sentito tirarsi fuori e ho grugnito mentre rientrava - questa volta guadagnando solo un paio di centimetri in più.

"Fottuta puttana stretta", ho urlato quando ho sentito la sua mano collegarsi improvvisamente sul mio culo e lui si è tirato fuori e spinto di nuovo. "Sapevo che lo saresti stato, ma non me lo aspettavo."

Ha passato diversi minuti a lavorare il suo cazzo dentro di me e quando finalmente l'ho sentito spingere fino in fondo, ho sentito la mia fica lasciarsi andare e gli sono sgorgata addosso mentre tornavo di nuovo. Ringhiò mentre mi sculacciava di nuovo, ascoltandolo grugnire più piano mentre i muscoli della mia fica si contraevano ripetutamente attorno a lui. Rimase immobile mentre continuavo a sborrare e quando il mio orgasmo si placò, mi afferrò ancora più forte per i fianchi e iniziò a martellarmi dentro come un martello pneumatico.

Il suo cazzo mi ha sempre impressionato quando l'ho visto, lungo e incredibilmente spesso e sapevo che se mi fosse mai scivolato nella fica, sarei stato nei guai. Grugnì e ringhiò forte mentre mi spingeva ripetutamente contro con la forza che fece sbattere la testiera contro il muro, facendola schiantare rumorosamente. Sono venuto di nuovo in un forte fiotto, le sue mani afferravano una presa ancora più forte e lui ha rallentato le sue spinte, assicurandosi che potessi sentire ogni centimetro squisito mentre la mia fica lo stringeva sempre più forte.

Mi ha fottuto a quattro zampe fino a quando non ero di nuovo esausto, il mio corpo ora era schiacciato al limite e lo stavo implorando debolmente di fermarsi. L'ho sentito sussultare quando sono venuto di nuovo su di lui, la mia fica ora così bagnata e sciatta che potevo sentire i miei succhi ribollire. Arrossii, anche nell'oscurità di quella rivelazione, non mi ero mai bagnato così tanto prima. Sembrò percepirlo mentre ridacchiava e si adagiava su di me sempre più forte e più velocemente, la sua mano si collegava di nuovo con il mio culo.

"Dai, fottuta puttana", mi ha sculacciato di nuovo e io ho gridato. “Andiamo e sborrami addosso. Tu ami il mio cazzo, posso sentirlo.

Gemevo profondamente mentre la mia fica si strinse e lui grugnì mentre scopava più velocemente.

“Ecco fatto, puttana amante del cazzo, sborra. . .” grugnì forte mentre la mia fica si strinse ulteriormente. Scossi la testa e piagnucolai, non c'era modo di avere un altro orgasmo in me, anche se lo sentivo crescere nelle mie viscere. Ho rabbrividito forte e quando la mia fica si è contratta, ha ringhiato in profondità e mi ha martellato in un altro corpo che ha rotto l'orgasmo.

Ho piagnucolato debolmente mentre tutto il mio corpo si contraeva con la mia fica, la sua risata ora riempiva la stanza mentre rinunciavo alla lotta e crollavo pesantemente sul letto. Con il mio corpo ora rilassato, sembrava alimentarlo ancora di più e ho piagnucolato mentre continuava a spingermi contro, con ancora più forza di prima. Mi sono reso conto allora che non aveva ancora gonfiato il suo carico e ho pianto di nuovo debolmente, ricordandomi che mi aveva avvertito che una volta affondato nella fica stretta e bagnata, era come un cane annodato.

Non ho mai pregato che una bella scopata dura finisse prima, ma è stato allora che mi sono sorpreso a implorare tranquillamente nella mia mente che finisse, anche se amavo davvero il suo cazzo e come ogni centimetro fosse puro paradiso e inferno. Chiusi gli occhi e mi concentrai sul mio corpo e su lui, sentendo i suoi fianchi forti che si collegavano rumorosamente al mio culo. Ho notato come il suo cazzo si sentiva sepolto in profondità, appena fuori dalla portata del mio punto dolente e sapendo che se avesse fatto solo un passo avanti, l'avrebbe colpito ripetutamente. Un pensiero passeggero era entrato nella mia mente proprio mentre il mio corpo reagiva all'ennesimo potente orgasmo: il mio prurito poteva facilmente fottermi la vita stessa e mentre avevo sempre nutrito la fantasia che sarebbe stato D a farlo, sono stato rapidamente cominciando ad accettare che il mio prurito lo avrebbe battuto. Fu allora che lo sentii sussultare pesantemente e soffiare dentro di me il suo carico bianco caldo, grugnendo rumorosamente ogni volta che il suo cazzo saltava nella mia fica ormai ben usata. Ho ringraziato gli dei per il piccolo favore che gli è stato fatto mentre sentivo che ogni esplosione mi riempiva e quando aveva finito, avevo finito.

Quando si è staccato da me diversi minuti dopo e ha rilasciato i miei fianchi, il mio corpo debole ha colpito pesantemente il letto. Rimasi lì in silenzio mentre lui mi liberava dalle lenzuola e mentre scivolavo a dormire, mi sono reso conto che mancavano ancora molte ore alla sera e che aveva avuto ragione: questo era solo l'inizio.

Storie simili

Give Me Some Sugar Part 1 - Prova di Rochelle

​ La vita è sicuramente divertente è come si svolge. Non sono mai stato un uomo religioso, e ancora non lo sono, ma ascoltavo il tipo di Joel Olsteen quando i tempi erano brutti. Era così positivo, che ha aiutato, ma ha anche parlato di come Dio potrebbe recuperare decenni di merda, in pochi anni attraverso un aumento super naturale. Come ho detto, non sono un cristiano e sono agnostico sull'esistenza di una divinità, ma devo ammettere che come minimo, la vita può rimediare a molte sofferenze molto rapidamente. In effetti, penso che ti faccia godere ancora di più della tua...

2.3K I più visti

Likes 1

Amore nerd

Mentre i giovani corpi caldi si contorcevano intorno Jimmy stava accarezzando il suo cazzo duro di 17 anni, 6 pollici e mezzo il più velocemente possibile. Quando è entrato nel suo calzino Jimmy ha pensato che sarebbe stato fantastico essere l'uomo nel porno che stava guardando, avere una ragazza che lo avrebbe davvero scopato è il suo sogno. Jimmy non ha molte abilità sociali, vedi, va a scuola online il che significa che non può incontrare nuove ragazze e anche se lo facesse probabilmente non lo prenderebbero nemmeno in considerazione a causa del suo essere eccessivamente magro e della sua goffaggine...

2.5K I più visti

Likes 0

Il weekend di una figlia Pt. 2

Erano passate un altro paio d'ore e Savannah aveva finito per addormentarsi. Ho accostato il vialetto di ghiaia e mi sono fermato davanti alla nostra capanna di famiglia. “Savannah,” le scossi la spalla, “siamo qui”. Gli occhi di Savannah si aprirono intontiti e sbatté le palpebre diverse volte mentre si riprendeva e si orientava. Mentre Savannah si stava svegliando dal suo pisolino, sono scesa dalla macchina e sono andata al portellone del camion per prendere i nostri bagagli. Non riuscivo a smettere di pensare a prima, a come mia figlia avesse preso il controllo e mi avesse effettivamente succhiato. Era sbagliato...

1.7K I più visti

Likes 1

HOBO Capitoli 12 e 13

CAPITOLO DODICI Mi sono svegliato presto la mattina successiva e sono stato in grado di alzarmi dal letto senza svegliare Michelle. Sono andato in cucina, ho preparato una tazza di caffè. Ho poi cucinato uova strapazzate, pancetta e salsiccia e stavo finendo quando Michelle è entrata in cucina strofinandosi gli occhi. “Cosa stai facendo?”, chiese sbadigliando. “Ci sta preparando la colazione. Per favore, siediti sullo sgabello”, mi sorrise, fece il giro del bar e si sedette. Le ho preparato un piatto e l'ho posato davanti a lei, poi le ho versato una tazza di caffè. Poi ho aggiustato il mio piatto...

1.3K I più visti

Likes 1

Regina Yavara: Capitolo 37

Capitolo trentasette BROCCO Per favore! L'esploratore elfo urlò. Non capisco perché ti lamenti, dissi mentre lo caricavo sul trabucco, ti riporto al tuo esercito. Tieniti stretto questo, Imperiale, e non rilasciarlo troppo presto. Trenok grugnì, legando le cinghie del paracadute ai polsi dell'uomo terrorizzato. Non funzionerà! Lui pianse. Mi inginocchiai al suo livello e gli posai una mano compassionevole sulla spalla. “I progressi si fanno mettendo a tacere i dubbiosi, piccolo imperiale. Tutti i grandi scienziati del nostro tempo una volta erano chiamati pazzi per le loro idee. Grandi scienziati? Trenok rise: Che calcoli hai fatto? Non hai bisogno di nessuna...

1.4K I più visti

Likes 0

Diventare Zoe

La mia futura moglie Annie aveva accettato un lavoro fuori città e la vedevo solo ogni due settimane circa. Mi mancava così tanto. Lei ed io eravamo diventati amanti a distanza. Aveva un volo di ritorno a casa venerdì sera. Stavo andando a prendere suo figlio Zakk dal suo dormitorio e noi due saremmo andati a prenderla all'aeroporto e ci saremmo goduti il ​​fine settimana insieme. Zakk è al suo primo anno di college e sta studiando per diventare un truccatore per il teatro e lo schermo. Lui e io non ci siamo davvero conosciuti e questo doveva essere il fine...

1.2K I più visti

Likes 0

RIPENSANDO pt2

Per chi è nuovo a questa storia, lascia che ti raggiunga. Avevo perso mia moglie, Tina più di un anno fa, a causa di un asino che guidava ubriaco, avevo comprato una nuova bici e mi ero messo in viaggio, il mio modo di farcela credo, mi sono imbattuto in Jenny lungo l'autostrada con il suo ragazzo violento e lei ha guidato via con me e abbiamo iniziato una meravigliosa vita di avventure. Mentre giravamo l'angolo verso la casa del suo ex fidanzato, potevo sentirla irrigidirsi e tenermi molto più stretta, cosa che non mi importava perché i suoi capezzoli duri...

963 I più visti

Likes 0

Sesso sul treno

Tom è stato a Edimburgo per un incontro di lavoro. Era stata prevista una bella giornata estiva, quindi è vestito con pantaloni chino beige, scarpe brogue marroni, una camicia aperta bianca e un blazer blu. Con la sua pelle abbronzata, sembra piuttosto elegante in città. Il suo incontro è scaduto e così ora è sull'ultimo treno per tornare a Leeds, nello Yorkshire, che sta per lasciare la stazione alle 21:30. Non ci sono molti passeggeri che salgono sul treno quindi sceglie un gruppo di 4 posti con tavolino, si siede nel posto di corridoio con le spalle al senso di marcia...

1K I più visti

Likes 0

Fantasy-mores un mistero

*nota: questa storia include personaggi e comportamenti immaginari, non messi in realtà allo scopo di praticare o non partecipare a feste, qualunque cosa significhi. puoi ridere, piangere o persino scagliarti, ma nessuna colpa può essere attribuita all'autore per i tuoi sentimenti Ehi, ti piace davvero giocare con quella piccola cosa sexy lì, vero? Sei un dolce piccolo idiota, vero? Dai, te lo succhio subito qui e ora. I 18 anni. la vecchia ragazza nera si è tolta il reggiseno, e poi le mutandine, poi è scesa davanti al quattordicenne. vecchio ragazzo bianco, e lo ha davvero succhiato, succhiando via lì sulla...

999 I più visti

Likes 0

Atto di fantasia gay travestito 2

Mi aveva chiesto di farlo di nuovo. Non c'è voluto niente per convincere. Mi era davvero piaciuta la nostra prima volta insieme. Mi ha dato un così bel abbattimento dentro. Letteralmente. Mi sentivo come se mi possedesse. In qualche modo volevo sentirmi come la sua piccola moglie. Rimasi da solo nudo in camera da letto. Sul letto c'erano calze bianche e sul pavimento tacchi alti rossi. Mi sono seduta al comò davanti allo specchio per applicare il fondotinta. Avevo grandi orecchini a cerchio. Li ho messi su ogni orecchio. Ho indossato la mia parrucca castana e l'ho posizionata in modo che...

1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.