L'Harem dell'Imperatore - Parte 2

1.8KReport
L'Harem dell'Imperatore - Parte 2

2.

Mi sono svegliato la mattina dopo con la mia imperatrice drappeggiata su di me da dietro. Il suo braccio agile mi abbracciò il petto e sentii i suoi capezzoli contro la mia schiena.
Avevo sposato Rayne per motivi politici, la crescita del mio regno richiedeva l'annessione di uno adiacente, praticamente delle stesse dimensioni di Marad. Sebbene i miei generali mi assicurassero che la capitale poteva essere catturata e la terra aggiunta alla mia, il costo del sangue era troppo grande per me da sopportare. Fu organizzato un matrimonio che avrebbe unito i nostri due imperi, ma in effetti Corlan fu semplicemente portato pacificamente sotto la mia egemonia.
Pensando che il matrimonio fosse stato combinato, nei dieci anni del nostro matrimonio era diventata una delle poche donne a cui tenessi davvero. Aveva vent'anni meno di me a 30 anni e mi aveva dato tre figli che un giorno avrebbero ereditato l'impero. Adesso venivano istruiti a Corlanum. Rayne era snella e pallida con capelli rosso vivo, seni piccoli e alti e glutei sodi.
Mi accarezzò i pettorali muscolosi e accarezzò la nuca.
"Sono sopravvissuti la notte scorsa?" sussurrò dietro di me.
“L'ha fatto. Non vedo l'ora che arrivi la sua vita nella cittadella".
"Mmm, assicurati di dirmi tutto al riguardo." Mi sono girato per affrontarla e l'ho avvolta tra le mie braccia. La sua corporatura era piccola tra le mie braccia, più minuta della maggior parte delle mie donne, e credevo che le fosse venuta l'idea di stare con una così potente, sia politicamente che fisicamente. Ci siamo baciati appassionatamente, rotolandoci intorno al grande letto di piume, godendoci i corpi l'uno dell'altro. Staccò la testa dalla mia per parlare.
"Sai cosa voglio, Dom", ha detto usando il suo nomignolo privato per me. "Ho bisogno che tu mi riempia." Mi sono rotolato sulla schiena. Mi facevano male i muscoli per l'allenamento che avevo fatto loro la scorsa notte. Rayne mi tolse delicatamente le braccia e sfilò i fianchi dai larghi pantaloni di seta in cui dormiva. Intorno al petto aveva un tocco di un materiale velato che le copriva i seni ma non faceva nulla per nasconderli alla vista. Ha montato i miei fianchi e ha fatto scivolare il mio cazzo eretto nella sua fessura. Rimbalzò felicemente su di me mentre mi rilassavo sul letto. Il buco di Rayne era piccolo e stretto, si addiceva al suo piccolo corpo, e mi dava un piacere come pochi altri sapevano.
“Oh mio imperatore! Il mio re!" gridò mentre cavalcava. "Fai quello che sai che voglio." Era ironico che l'unica donna di cui non potevo sopportare la vita fosse una delle più ossessionate dalla propria morte. Ho iniziato sulle sue tette, tirando giù la seta e palpeggiando i suoi piccoli seni. Soddisfatto che fossero ancora lì, le ho messo le mani sulla gola.
"Sì! Fallo!" strillò Rayne. Cominciai a stringere la presa ea negare l'imperatrice dell'aria. La sua vagina ha rilasciato un'ondata di succhi. Le sue mani cercarono i miei avambracci, ma sapevo che sarebbe stata dispiaciuta se avessi allentato la pressione. La sua pelle pallida assunse una sfumatura bluastra e i suoi occhi si spalancarono in modo grottesco. Sul punto di annerirsi, ha raggiunto l'orgasmo sul mio cazzo. Le gambe di Rayne mi hanno afferrato i fianchi come una morsa e la sua figa si è agitata intorno a me. Ho grugnito e le ho sparato addosso il mio carico. Il mio inguine urtò contro la sua morbidezza mentre venivo. Rayne rabbrividì e i suoi occhi si chiusero in estasi. Le ho dato l'aria e ho gettato via la donna priva di sensi. Sembrava pacifica e soddisfatta sdraiata sui cuscini, piena del mio sperma.
“Dormi bene,” dissi alzandomi.
Il mio programma di oggi era piuttosto tipico. Cominciava con una passeggiata per le strade di Maradrim, in gioventù potevo mantenere la fedeltà con la spada e la mia forza, ma nella mia età era più importante coltivare l'immagine di essere uomo del popolo. I miei servi mi avevano scelto una tunica d'oro e di porpora con un mantello scarlatto. Hanno pensato che l'abito non fosse troppo appariscente da far sembrare aristocratico, ma abbastanza ricco da impormi con forza come imperatore. Ho indossato la mia corona. Era una semplice fascia di un metallo raro, leggera, forte e argentata. Uno stregone che cercava la mia protezione aveva affermato di averlo evocato da un vulcano. Smeraldi, zaffiri e pietre di luna sono stati stregati per librarsi sopra la fascia e girare lentamente in cerchio. Un grande imperatore aveva potere sulle leggi della natura così come sulle leggi degli uomini, quindi ero sempre sicuro di circondarmi di persone esperte nelle arti magiche.
Io e la mia confraternita partimmo dalla cittadella e ci dirigemmo verso sud attraverso Maradrim. Il pubblico era sempre felicissimo di vedermi e gridava dalla folla di benedire i loro bambini, visitare i loro negozi e ottenere il mio consiglio regale.
I 24 anni in cui avevo governato la città erano stati buoni con i suoi cittadini. Erano al sicuro dagli invasori e la mia guardia cittadina applicava rigorosamente le leggi della città. Con i miei eserciti che portavano nuove terre ogni anno, c'era sempre un'ondata di nuovi beni a Maradrim, e tutti sembravano arricchirsi grazie a viaggiatori, mercanti e contrabbandieri. Improvvisamente, una ragazza è emersa dalla folla in preda al panico.
«Imperatore Domiziano», ansimò. «C'è stato un incidente. Mia madre ha bisogno di te. La donna era nella tarda adolescenza o poco più che ventenne, con la pelle scura e lineamenti esotici. I suoi seni fuoriuscirono dal basso corsetto per lo sforzo di correre per trovarmi.
"Come mai? Che è successo?" Normalmente avrei inviato la guardia cittadina a qualsiasi tipo di disturbo locale, ma il sex appeal della ragazza mi ha incuriosito. Ho fatto un passo verso di lei.
L'espressione addolorata delle ragazze si trasformò in un sorriso.
"La sua terra è stata devastata dai bruti", dalla sua mano delicata scaturì un coltello malvagio, apparentemente evocato dal nulla. "E lei ha un tiranno che deve essere eliminato." Si lanciò con grazia verso di me con il coltello. Ho sentito il mio vecchio istinto di combattimento tornare, la mia mano ha afferrato il polso della donna e l'ho rotto con una torsione, il coltello l'ho preso a mezz'aria con l'altra mano, prima che potesse urlare di dolore l'ho fatta girare e ho fatto girare il coltello la sua gola. Era un sinistro pezzo d'acciaio, curvo e nero.
"Tua madre potrebbe essere la strega di Gyre?" le sibilai. Sussultò solo per lo shock dei miei riflessi e del suo polso rotto. Solo ora le mie guardie del corpo si stavano muovendo per controllare la folla e isolarmi. "Rispondetemi!" dissi, spingendo leggermente il coltello nella pelle della sua gola. L'assassino rimase in silenzio. Il mio sangue era bollente e il mio cazzo spingeva nella carne dell'assassino da dietro. Ho deciso allora che questa cagna sarebbe stata mia prima di ucciderla.
Ho individuato l'edificio più vicino e mi sono precipitato all'interno costringendo la donna davanti a me, sembrava essere un venditore di vini.
“Tutti fuori! Affari dell'imperatore», gridai. Gli allegri avventori si zittirono e corsero verso le uscite senza ulteriori provocazioni. Una mia guardia ha sbattuto la porta. Ho sollevato l'assassino per il suo collo e l'ho sbattuta di schiena su un tavolo, facendo rotolare a terra bicchieri e bottiglie di vino con un tonfo.
"Dimmi chi ti ha mandato", le ho chiesto di nuovo, con un coltello alla gola. "Oppure muori adesso."
"Il nostro ragazzo manda un messaggio", rispose lei con disprezzo. "Ritira le tue truppe e lascia Gyre, altrimenti tu e tutti quelli che ti seguiranno morirai dolorosamente." Ha sottolineato la sua minaccia sputando sul braccio che la teneva bloccata.
"Ti darei un messaggio di ritorno, ma non vedrai mai più la tua signora."
Le ho strappato il corpetto. Le sue tette si rovesciarono e si allargarono contro il suo petto, sane e piene. La gonna cedette facilmente quando le aprii le gambe. Ho tirato fuori il mio cazzo dalle brecce e l'ho spinto nella fica della donna. Urlò di dolore per la brutalità.
“Stupratore feccia! Morirai per mano della mia padrona!» mi ha urlato contro, ma le sue parole hanno a malapena penetrato la mia sete di sangue. Infuriato, non ci sono voluti più di una dozzina di colpi per farmi esplodere, eiaculare strani sperma nel mio prigioniero che protestava.
Con un ruggito tirai indietro il pugnale e lo conficcai nella tetta sinistra dell'assassino, attraverso la sua cassa toracica e nel suo cuore. Osservò scioccata il coltello che le spuntava dal petto, non immaginando che l'avrei uccisa mentre la pompavo ancora piena di semi. Emise un'esplosione di sangue, si sbatté contro il tavolo, poi cadde inerte e morta. Ho finito di venire con un brivido, poi sono tornato barcollando. Il cuore mi batteva forte e mi sentivo senza fiato. Questa è la solita risposta all'essere attaccato, scopare qualcuno, poi ucciderlo, il tutto in meno di cinque minuti, sono crollato su una sedia.
La porta si aprì con un colpo ed entrò di corsa Marcus Thornton, il mio più fidato consigliere.
"Imperatore sono venuto dalla cittadella quando io-" si fermò quando vide la bella, morta, ragazza che giaceva sanguinante e violata sul tavolo. “Beh, vedo che è stato sistemato,” concluse.
Lentamente mi sono alzato e mi sono rimesso in sesto.
«È stata mandata dalla strega, Marcus» dissi.
"Veramente? Oh caro. Be', immagino che sia drammatica...” il piccolo uomo folletto si interruppe guardando il cadavere nudo.
"Questo non andrà piano."
«Be', l'abbiamo sempre saputo, mio ​​signore. La strega ha promesso di infilzarci e nutrire i nostri corpi a tutti i cittadini di Maradrim. E poi c'erano quelle teste che volavano intorno alla cittadella mangiando servi”.
sbuffai. "Trucchi."
“Ma non farebbe una mossa così drammatica a meno che non si sentisse con le spalle al muro. Le nostre campagne devono avere un impatto”.
“Non vedo come. Per ogni mio soldato che cade, lo fa camminare di nuovo nel suo esercito».
“Non perdere la speranza. Dobbiamo raggiungerla". Non risposi, solo fissando la mascella in una determinazione frustrata.
«Suppongo che questa spedizione sia finita allora. Incontrerai i tuoi generali stasera?" Mi avvolsi nel mantello e mi precipitai fuori dal bar.
«Non stasera, Marcus. Ho bisogno di sentire che qualcosa muore".

Continua...

Storie simili

Samantha e Kaylee_(0)

Avevo una vicina di nome Kaylee che era meravigliosa. Era alta, atletica e aveva un corpo sodo. Probabilmente circa 120 libbre. pelle abbronzata, capelli castano scuro. Ha sicuramente attirato la mia attenzione. Non era una troia, era più una provocazione. Abbiamo frequentato la stessa scuola superiore. L'ho vista spesso, ma non abbiamo parlato molto. Tutto in lei era ipnotizzante, il modo in cui i suoi capelli erano lunghi e avevano la giusta quantità di riccioli, le sue gambe, la figura sexy, aveva persino delle fossette sopra il sedere che potevo vedere quando era in bikini intorno alla piscina. Era una brava...

256 I più visti

Likes 0

Diventare Zoe

La mia futura moglie Annie aveva accettato un lavoro fuori città e la vedevo solo ogni due settimane circa. Mi mancava così tanto. Lei ed io eravamo diventati amanti a distanza. Aveva un volo di ritorno a casa venerdì sera. Stavo andando a prendere suo figlio Zakk dal suo dormitorio e noi due saremmo andati a prenderla all'aeroporto e ci saremmo goduti il ​​fine settimana insieme. Zakk è al suo primo anno di college e sta studiando per diventare un truccatore per il teatro e lo schermo. Lui e io non ci siamo davvero conosciuti e questo doveva essere il fine...

1K I più visti

Likes 0

Visitare un amico speciale

Ho bussato al cancello di metallo. Era un bungalow piuttosto grande circondato da muri di mattoni con glassa di filo spinato. Il mio cuore batteva. Tutto quello che sentivo era la paura di essere rifiutato o qualcosa del genere. Fortunatamente, suo fratello maggiore, Suleman, ha aperto la porta. Era un ragazzo con un carattere freddo e una corporatura piuttosto muscolosa, quindi ha mantenuto la sua posizione. Mi guardò con giudizio per un momento, sorrise e mi diede una stretta di mano. Ei, cosa ci fai qui? Sono qui per far visita a tua sorella... mi smorzai, sapendo quanto fosse insolito per...

1.3K I più visti

Likes 0

Il mio fratellastro

Penso che sia così dolce quando il mio fratellastro Kevin regala alla sua ragazza le sue cose. Le ha regalato il suo cappello preferito, verso il quale è ESTREMAMENTE protettivo. Ad esempio, non permettere mai a nessuno di toccarlo. Continua a dire che è perfetto ed è praticamente modellato per adattarsi alla sua testa, e glielo ha dato. Le ha anche regalato la sua giacca preferita e le lascia sempre prendere in prestito le sue fortunate perle del karma. Queste cose sono state il suo portafortuna per tre anni. Non se li toglie mai e odia quando le persone li toccano...

534 I più visti

Likes 0

Mia Matsumiya: come essere una brava ragazza

Mia Matsumiya: come essere una brava ragazza NOTA: per facilitare la visualizzazione, controlla il thread Mia Matsumiya: How To Be A Good Girl nella sezione Sex Stories del forum. Credetemi, ne varrà la pena! Mia Matsumiya, una bellissima violinista giapponese di 24 anni, è all'ultima tappa del suo tour in Francia con una delle band d'avanguardia con cui suona. Questa è una rara serata libera dal gioco per la piccola bellezza di un metro e settantacinque, che per caso ha incontrato una coppia di amici - Lisann e suo marito Rob - in un bar all'aperto all'inizio della giornata. Anche se...

403 I più visti

Likes 0

Caduta cap. 08

Capitolo 8, In cui condivido troppe informazioni Era stato un altro lungo viaggio, ma ero arrivato in tempo per prendere il volo del primo pomeriggio. Ero carico e ansioso di tornare a casa e condividere la buona notizia: avevo ottenuto un altro grosso contratto ed ero sulla buona strada per ottenere il venditore dell'anno e uno stupendo bonus. Grazie al coaching di Stacey, avevo imparato che un po' più di T&A avrebbero fatto molto. Una modesta spesa per abiti spigolosi, calze al posto dei collant e così via, si era trasformata in enormi aumenti degli affari firmati. Alcuni dei miei concorrenti...

275 I più visti

Likes 0

Colto in flagrante_(0)

Colto con le mani nel sacco Questa esperienza ha coinvolto il mio conoscente Ben. Dico conoscente perché l'ho incontrato solo una volta prima, abbiamo parlato a malapena e non aveva molto legame con me: era il figlio della mia amica più grande Vicky. Conoscevo Vicky perché facevo volontariato nel suo negozio di animali e, anche dopo aver finito, ancora oggi restiamo buoni amici. All'epoca avevo 15 anni e Ben 13. Vicky mi ha invitato a fare un barbecue per festeggiare il suo compleanno, quindi insieme a molte altre persone ho accettato, ero il più giovane lì a parte Ben che è...

271 I più visti

Likes 0

La mia calda sorellina deglutisce!

Avevo 18 anni al momento di questa storia e mia sorella 16. Avevo appena finito il liceo e in autunno sarei andato al college. Ero alto un metro e settanta e pesavo 175 libbre ed ero in ottima forma grazie allo sport. Mi chiamo Jim e anch'io ero un po' nerd. Tra studio e sport non avevo ancora nemmeno cominciato a frequentarmi. Mia sorella Beth era alta 1,70 e pesava 50 chili, con tette a forma di coppa C perfettamente appuntite e un bel sedere a bolla. Aveva lunghi capelli biondi naturali, setosi, penetranti occhi azzurri e una bocca molto calda...

171 I più visti

Likes 1

Colto in flagrante_(9)

Mi chiamo Carla e sono una studentessa universitaria di 19 anni. Vivo con la mia migliore amica Sarah in un appartamento che i suoi genitori pagano per lei. Il padre di Sarah ha fondato un'azienda che ha funzionato davvero bene e ora ha i soldi da spendere per Sarah quando vuole. Più su di me, sono circa 5'4 con lunghi capelli castano scuro, con una corporatura snella. Ecco la storia di come ho imparato qualcosa in più su me stesso e su Sarah. Sarah era stupenda, era il tipo di ragazza che quando camminavi lungo il corridoio i ragazzi ti fissavano...

2.9K I più visti

Likes 0

DIARIO DI UNA FAMIGLIA: PARTE 1

3 settembre Caro diario, mi chiamo Tilly Crawford e negli ultimi dieci anni sono stata la casalinga della Delta House Fraternity qui allo State U. Un altro anno di scuola è iniziato proprio ieri e i ragazzi si stanno preparando per la corsa all'impegno della confraternita settimana organizzando feste e, naturalmente, l'open house per consentire alle nuove matricole di farsi un'idea se desiderano unirsi a Omega House. È stata una lunga estate per me diario, mi manca molto stare con i ragazzi e ovviamente alla mia figa mancava l'attenzione che riceve dai loro grossi cazzi duri!!! Eric è appena passato per...

2.2K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.