Programma Alpha-Omega 7

1.1KReport
Programma Alpha-Omega 7

Episodio 7: Debug del codice

Zack stava sfrecciando per la strada sul suo nuovo scooter. Era stato in giro solo per divertirsi nell'ultima ora. Alla fine, decise di andare a casa di Brian, per mostrargli il suo nuovo giocattolo. Girò intorno all'angolo successivo e si diresse verso quella parte della città.

Zack notò immediatamente che il camioncino di Brian era sparito, quindi Brian quasi certamente non era a casa. Oh bene, pensò. Lo mostrerò a Wendy, allora.

Zack bussò alla porta e poi entrò, salutandolo. Sentì la signora Selman chiamare dalla cucina, e così andò in quella direzione. Quando entrò in cucina, vide la signora Selman seduta al tavolo. Sembrava molto abbattuta mentre fissava la sua tazza di caffè.

"Ciao, signora S," disse Zack, scivolando sulla sedia accanto a lei. Lei lo guardò e un dolce sorriso le attraversò il viso.

"Ciao, Zack. Se stai cercando i bambini, sono fuori per cose diverse. Probabilmente non torneranno prima di un'ora."

Zack poteva dire, anche con la poca esperienza che aveva nelle relazioni, che lei non voleva essere sola. Si strinse nelle spalle con nonchalance mentre si sistemava sulla sedia. "Credo di averti tutto per me, allora," disse con un sorriso.

Mary Selman lo guardò in modo strano solo per un momento, ma poi lo sguardo svanì, sostituito dall'espressione assente che aveva avuto sul viso prima. Bevve un sorso del suo caffè e Zack si sporse in avanti, le braccia sul tavolo.

"Che cosa c'é?"

Lo guardò di nuovo e fece un respiro profondo. "Non è niente, davvero. Ho sentito che tu e Wendy vi state avvicinando."

Zack arrossì leggermente. Avvicinati e avranno bisogno di un intervento chirurgico per separarci. Annuì, con una specie di sorriso imbarazzato. "È una ragazza dolce."

"È una ragazza fortunata", disse la signora Selman, e poi arrossì. "So che ti prenderai cura di mia figlia."

Zack non era del tutto sicuro di cosa avrebbe dovuto dire a questo.

"Senza offesa, ma ho pensato che saresti andato dietro a Bonnie o Pam. Poi di nuovo, sembra che ultimamente si siano affezionati molto a Brian, quindi potresti non essere stato in grado di strapparli via."

"Non mi interessavano, comunque," mentì a metà. Non avrebbe rinunciato a un rotolo nel sacco con nessuno dei due, ma Wendy era più di questo. Almeno, sperava che lei sarebbe stata più di questo.

"Davvero? Wendy è più fortunata di quanto sappia. Zack, sei già come una parte della famiglia. Sono felice che Wendy abbia trovato qualcuno che si prenda cura di lei. Vorrei solo poter trovare qualcuno... beh, qualcuno come bello come sei." All'improvviso Mary arrossì profondamente e si allontanò dal tavolo. "Devo andare per un minuto," disse, la voce pesante.

Zack non era sicuro di cosa stesse succedendo mentre Mary si precipitava fuori dalla cucina. Il suo piede inciampò sul bordo allentato del tappeto del corridoio. Cadde a terra e non sembrò alzarsi molto velocemente. Zack si alzò in piedi e si spostò dove lei ora era seduta sul pavimento.

Quando Zack si inginocchiò, vide le lacrime brillare nei suoi occhi. Il suo cuore si spezzò mentre guardava questa donna meravigliosa, che lo aveva trattato così gentilmente per così tanti anni, piangere nella sua disperazione. Usò le dita per allontanarle leggermente i capelli dal viso. Le lacrime scorrevano ancora, ma lei non stava singhiozzando, stava solo piangendo. Tuttavia, Zack pensava che non fosse terribilmente giusto. Non aveva fatto nulla per meritarsi questo tipo di inferno.

La guardò negli occhi, e vide - o almeno credette di vedere - un disperato bisogno. Lentamente, si sporse in avanti. Quando le loro labbra si toccarono, i suoi occhi si chiusero. Sentì le sue braccia circondarlo, tirandolo più forte a sé. Corse un rischio, e schiuse le labbra, permettendo alla sua lingua di serpeggiare fuori dalla sua bocca e di contorcersi lungo le sue labbra. Aprì lentamente la bocca, permettendo alla sua lingua di entrare. Si infilò dentro e presto le loro lingue danzarono. Zack alzò una mano, lungo il suo fianco e intorno alla sua schiena. Spostò quella mano più in alto finché non prese delicatamente a coppa la parte posteriore della sua testa.

L'altra mano di Zack si mosse dolcemente sul suo addome. La accarezzò teneramente, dandole ogni opportunità per allontanarlo. Ha rifiutato ognuna di quelle opportunità e hanno continuato a baciarsi. Alla fine, Zack fece scivolare la mano verso l'alto, prendendo con cautela il seno di lei nella sua mano. La sentì gemere contro la sua lingua, e sapeva che voleva decisamente questa bella donna.

Zack le fece scivolare la mano dal seno mentre si metteva su un ginocchio. Continuando a baciarla, la tirò teneramente in piedi, alzandosi con lei. Una volta in piedi, la spinse con forza contro il muro del corridoio, e lì continuarono a baciarsi. La mano di Zack tornò al suo seno, stringendola leggermente e facendola gemere.

Alla fine, la coppia iniziò a muoversi lungo il corridoio. I loro movimenti erano goffi e un po' irregolari, perché si rifiutavano di interrompere il loro bacio. Alla fine, dopo aver rimbalzato un paio di volte contro il muro, si fecero strada nella sua camera da letto e caddero insieme sul letto.

Quando Zack si fece più coraggioso, le sue mani si mossero e iniziarono a slacciare i bottoni della camicetta di Mary Selman. Sapeva cosa stava facendo e non aveva intenzione di fermarlo. Quando raggiunse l'ultimo bottone, le tirò fuori la camicetta dai pantaloni e gliela spinse via dal petto. Le sue mani tornarono sulle sue tette, che ora erano coperte da un reggiseno abbastanza sottile. Lei gemette alla sensazione delle sue mani.

Mary iniziò a tirare la maglietta di Zack, liberandola dai suoi jeans e poi tirandola su finché non gli si arrotolò intorno al collo. A questo punto, una pausa nel loro bacio era obbligatoria, quindi si separarono con riluttanza. Mary si sfilò la camicetta e si slacciò il reggiseno, gettandolo sul pavimento con la camicetta. Zack si era già liberato della camicia e aveva ammirato le meravigliose tette di Mary, che mostravano solo il minimo accenno di cedimento. La sua mano si alzò, pizzicandole il capezzolo mentre le prendeva il seno.

Spingendola delicatamente sulla schiena, le labbra di Zack si agganciarono al capezzolo libero di Mary, succhiandolo nella sua bocca per permettere alla sua lingua di scorrere sulla protuberanza eretta. Mary sollevò la mano per far scorrere le dita tra i suoi capelli, tirandogli la testa più forte sulla sua tetta, forzandone di più nella sua bocca succhiatrice. La sua mano si allontanò dall'altra sua tetta, spostandosi lungo l'addome. Mary gemette sentendo le sue dita danzare intorno al suo ombelico.

Quando Zack le raggiunse i pantaloni, li slacciò abilmente. Facendo scivolare la mano nei suoi pantaloni, poteva sentire il calore irradiarsi tra le sue gambe. È stata una sensazione meravigliosa. Mosse la mano su, e poi di nuovo giù, questa volta muovendo le dita dentro le sue mutandine. Spinse la mano in profondità, muovendosi tra le sue cosce. Mary gemette rumorosamente mentre il suo dito scivolava lungo il lato del suo clitoride già eretto. Sentì la sua umidità ricoprirgli il dito mentre scivolava più in basso.

Le labbra di Zack continuarono a lavorare sui capezzoli di Mary mentre il suo dito cercava e trovava l'apertura della sua fica. Infilò un dito dentro, lavorandola lentamente. Mary stava cominciando a contorcersi sul letto, i fianchi che si sollevavano per incontrare il suo dito.

All'improvviso, Mary lo spinse via da lei. La guardò scioccato. "Basta con questo," mormorò. Scese dal letto e si infilò rudemente i pantaloni e le mutandine lungo le gambe. Successivamente, ha tolto le scarpe e i calzini di Zack. Mentre lo faceva, lui si slacciò i jeans e li spinse, e le sue mutande, giù dai fianchi. Vide gli occhi di Mary indugiare sul suo cazzo eretto mentre prendeva i suoi vestiti e li toglieva.

Mary tornò sul letto e prese il suo cazzo nella sua mano morbida. Lo accarezzò un paio di volte, prima di muoversi. Quando si mise a cavalcioni su di lui, era la sua faccia che finiva sotto la sua fica. Prima che potesse fare qualsiasi cosa, sentì la sua lingua scorrere lungo la sua asta. Rabbrividì per il piacere che provocava. Le sue labbra e la sua lingua scivolarono lungo la sua lunghezza, avanti e indietro finché non lo coprì con la sua saliva. Poi, ha messo la punta del suo cazzo alle sue labbra, e ha premuto la testa verso il basso. Le sue labbra si aprirono, scivolando dolcemente lungo la pelle del suo cazzo, e facendolo rabbrividire di piacere.

Dopo un momento, Zack si rese conto che avrebbe dovuto partecipare. Alzò lo sguardo sulla sua bella fica bionda ben curata e pensò che fosse bellissima. Le abbassò leggermente i fianchi e fece scorrere la lingua lungo le labbra della sua fica. Lei gemette contro il suo cazzo, e questo lo fece rabbrividire di nuovo. Cominciò a muovere la lingua avanti e indietro, scivolando contro la sua umidità. Ansimò quando la sentì prendere tutto il suo cazzo in bocca, le sue labbra che lavoravano contro la base del suo cazzo, la sua gola che lo stringeva.

Zack cercò di continuare a frustare la sua figa con la lingua, muovendo la bocca verso il suo clitoride e tirandolo fuori dal cappuccio. Mary miagolò e iniziò a succhiargli il cazzo ancora più forte. Zack stava grugnendo per lo sforzo, cercando di non venire, mentre le leccava furiosamente il clitoride. Mary alla fine ha tirato fuori la bocca quasi dal suo cazzo, succhiando solo sulla testa. La sua lingua roteò intorno alla testa del suo cazzo, e lui non poté resistere più a lungo. Zack ha versato un torrente di sperma nella bocca di Mary e lei ha continuato a succhiarlo. Il suo cazzo tremò con la forza del suo orgasmo, e gemette al suo rilascio.

La lingua di Mary continuò a fare il suo lavoro contro il suo cazzo, e Zack non iniziò nemmeno a calmarsi. Il suo cazzo era duro adesso come non lo era mai stato. Mary continuò a leccarlo e accarezzarlo ancora per qualche istante, ma poi si allontanò da lui.

Zack la guardò mentre si inginocchiava accanto a lui sul letto. Improvvisamente, uno sguardo di incertezza passò sul suo viso. Zack sapeva che stava cominciando a chiedersi cosa ci facesse lì, con quello che era, presumibilmente, il ragazzo di sua figlia.

Zack ha contattato Mary. Gli prese la mano e gli permise di tirarla giù verso di lui. Le loro labbra si incontrarono, teneramente ma appassionatamente. Zack lasciò che le sue mani vagassero sulla sua schiena, accarezzando la pelle setosa lì. Lui abbassò le mani e le prese a coppa le chiappe. Mary gemette nella sua bocca. Poteva sentire il suo cazzo duro intrappolato tra di loro e, per quanto insicura com'era, voleva davvero sentirlo dentro di sé. I suoi movimenti lo rendevano abbastanza chiaro a Zack.

Zack li fece rotolare, ancora baciandosi. Interruppe il loro bacio e si sollevò su una mano. L'altra sua mano si abbassò per posizionare il suo cazzo all'ingresso di lei. Mary gemette quando sentì la testa del suo cazzo premere contro le sue labbra della figa. Desiderava ardentemente il rilascio che sapeva che questo avrebbe portato. Percependo la sua prontezza, Zack si spinse in avanti, facendo scivolare il suo cazzo dentro di lei in un colpo lento e regolare. Mary gemette forte alla sensazione della sua fica che si riempiva.

Una volta dentro di lei, si chinò per baciarle la base del collo. Mary miagolava mentre lui cominciava a muoversi dolcemente dentro di lei. Le sue mani gli accarezzavano i fianchi mentre scivolava lentamente dentro e fuori dalla sua umidità, mandandole brividi in tutto il corpo. Continuò a muoversi dolcemente, teneramente, e lei miagolava e sospirava sotto di lui mentre la sua figa inviava ondate di piacere al suo cervello.

Zack poteva dire che Mary si stava davvero divertendo, come lui. Usò una mano per accarezzarle la tetta, sfiorandole leggermente il capezzolo. Rimase senza fiato ad ogni tocco, e fu mandata più in alto nel suo giro sulle montagne russe della passione. Iniziò a muoversi un po' più velocemente dentro di lei, spingendola a nuove vette di gioia. I suoi fianchi si sollevavano per incontrarlo, spingendolo sempre più dentro di lei ad ogni tuffo. La sentiva crescere e voleva aiutarla a raggiungere quell'orgasmo. Si chinò per baciarla di nuovo, la sua lingua accarezzava la sua. Stava gemendo contro la sua lingua, ei suoi movimenti mandavano scintille di gioia in tutta la sua figa.

Alla fine, fu più di quanto potesse sopportare, e Mary venne. Il suo corpo si dondolava e tremava sotto di lui, la figa che si increspava lungo la sua asta. Continuò a scivolare dentro e fuori da lei durante il suo climax, sostenendo la sua beatitudine il più a lungo possibile.

Quando Mary iniziò a calmarsi dal suo climax, Zack iniziò a tirarsi fuori da lei. Lo fermò, afferrandogli velocemente i fianchi. La guardò con curiosità.

"Non... ti prego... non voglio ancora finire con te." Gli sorrise timidamente. Ha capito, ed è stato perfettamente felice di accontentarla. Si spinse di nuovo dentro di lei, provocandole un brivido momentaneo. Abbracciandola di nuovo, si girò su un fianco, portandola con sé. Le loro gambe si intrecciavano, e lui poteva sentirla premere forte contro di lui, le sue tette schiacciate contro il suo petto in un modo molto piacevole.

"Mmm," disse dolcemente, sentendo le sue mani accarezzarle il corpo. La sua figa lo stava ancora afferrando, tenendolo duro e pronto per altro. La sua mano libera gli accarezzava il fianco, scivolando giù per massaggiargli il sedere di tanto in tanto. Baciò la bella signora tra le sue braccia, tenendola dolcemente, e aspettando che si riprendesse dal suo arrivo.

Alla fine, gli indicò che era pronta a gestire di più. Con una certa riluttanza, fece scivolare il suo membro fuori da lei, e poi spinse di nuovo dentro. L'improvvisa velocità la fece ansimare e sorridere. Ripeté la sua mossa, tirandosi fuori dolcemente da lei, e poi sbattendola di nuovo dentro. Non ci volle molto prima che Mary fosse completamente eccitata. Zack iniziò allora a spingere a tutti gli effetti, muovendosi dentro e fuori da lei con la rapidità consentita dal suo corpo e dalla loro posizione.

Mary amava la sensazione delle sue tette che scivolavano contro la sua pelle mentre Zack le prendeva a pugni la figa stretta. Lei gemette e pianse di piacere mentre il suo cazzo le dava piacere. Non provava questo tipo di meravigliosa sensazione di estasi da... be', da molto tempo. Il ragazzo il cui cazzo era sepolto dentro di lei si stava risvegliando nelle sue passioni morte da tempo.

"Zack," disse, grugnendo attraverso la sua meravigliosa presa a pugni della sua fica, "facciamolo in un altro modo,"

Zack rallentò, e poi si fermò, tirandosi fuori da lei. Quasi gemette disperata, poiché la sua fica voleva davvero che tornasse dov'era stato. Sapeva che lo sarebbe stato presto. Mary si girò su mani e ginocchia, ei suoi occhi lo invitarono a prenderla. Zack capì subito, avvicinandosi dietro di lei. Quando la testa del cazzo di Zack scivolò ancora una volta nella calda umidità di Mary, lei abbassò la testa sul cuscino e sospirò. La sua virilità che la riempiva di nuovo era ciò di cui aveva disperatamente bisogno, desiderava e avrebbe, a questo punto, supplicato.

Zack l'afferrò per i fianchi e iniziò a spingerla in profondità dentro di lei. La sua prima spinta fece uscire un grido di estasi e sorrise. Cominciò a sbatterle contro, godendosi i suoi gemiti, i suoi grugniti e le sue grida. Lui stesso stava grugnendo, godendosi la sensazione della sua fica increspata sul suo cazzo. Si chinò, allungando le mani in avanti fino a prendere a coppa le sue meravigliose tette. Poteva sentire i punti caldi dei suoi capezzoli affondare nei suoi palmi, e lo amava. Le massaggiò il polpaccio, inviandole ondate di piacere in tutto il corpo e facendo in modo che la sua fica lo afferrasse più forte. Aumentò il passo, muovendosi più veloce e più forte contro di lei.

Mary stava amando ogni secondo di questo. Trovò la forza per rialzarsi tra le mani. Usò le sue braccia per spingersi all'indietro sul cazzo di Zack Le sue mani, che ancora le molestavano le tette, la stavano facendo impazzire, e lei era così vicina a venire. Quando una mano di Zack lasciò la sua tetta e si allontanò per la sua figa, sapeva che stava per venire.

Lei aveva ragione. Mentre le dita di Zack sfioravano il suo clitoride gonfio, Mary fu colta da un intenso orgasmo. Il suo corpo era devastato da spasmi e brividi. La sua figa si strinse forte sul cazzo di Zack e iniziò a massaggiare tutta la sua lunghezza in una volta.

Questo era tutto ciò di cui Zack aveva bisogno, e esplose nella sua figa, vomitando il suo carico in profondità dentro di lei. I due si muovevano insieme, i loro corpi sussultavano mentre gemevano di piacere. Alla fine, sfiniti, i due crollarono sul letto, Zack rotolando via Mary mentre il suo cazzo scivolava dalla sua fica calda. Mentre si addormentava, la sua mano si allungò e le accarezzò leggermente il seno. Miagolava e si rannicchiava più stretta contro di lui mentre anche lei cadeva nel sonno.

-----

Quando Zack si svegliò circa mezz'ora dopo, trovò che Mary si era voltata e lo stava guardando dormire. Le sorrise e si baciarono dolcemente. Zack sentì un'agitazione nei suoi lombi, ma sapeva che non avrebbe ricominciato così presto.

"È stato meraviglioso", ha detto Mary. "Grazie."

"In qualsiasi momento, signora S," disse Zack dolcemente e con un sorriso.

"Mary. Se hai intenzione di fare l'amore con me così, puoi chiamarmi Mary."

"Mary," concordò Zack, attirandola a sé. Lei venne volentieri, con entusiasmo, nel suo abbraccio, e si tennero l'un l'altro in silenzio per alcuni istanti.

Dopo un po', Mary si allontanò leggermente, per guardare Zack negli occhi. "L'hai fatto alla mia bambina?"

Zack arrossì ferocemente, ma annuì.

"Dio, che ragazza fortunata che è." Maria lo baciò di nuovo. Quando ha interrotto il bacio, ha detto: "Lunedì la porterò dal dottore e le farò prendere la pillola. Non vogliamo avere quel tipo di incidente".

"No," concordò Zack, con un brivido. E gli altri? Avrebbe fatto un punto per controllare.

"Sei troppo gentile con me, lo sai," disse malinconicamente.

"Stronzate," disse, e poi arrossì. "Sei una grande donna. Diavolo, vorrei averti avuto come mamma invece della mia stessa mamma."

"Ooh, ma allora sarebbe stato davvero cattivo, no?" disse con un sorriso malizioso.

"L'avrei fatto lo stesso," disse, baciandola.

"Mmm," mormorò.

Dopo qualche altro minuto di coccole, guardò l'orologio sul comodino. "Faremmo meglio ad alzarci, prima che le ragazze tornino a casa e ci prendano."

Zack aspettò che si alzasse e la guardò mentre si vestiva. Notò il suo sguardo e arrossì. "So di non essere giovane e carina come Wendy..."

"Sei bellissima," disse Zack dolcemente, e sul serio.

Finita di vestirsi, Mary tornò da lui. "Grazie, ancora. Mi hai fatto sentire di nuovo una donna, piuttosto che una vecchia megera malandata."

"Quello", disse, tra un bacio e l'altro, "Non lo sarai mai".

"Faresti meglio a vestirti," disse Mary, "prima che mi spogli di nuovo."

?

Zack scese dal camioncino e aiutò Wendy a scivolare fino alla porta ea uscire. Brian li guardò e disse: "Torno tra un paio d'ore e aspetterò qui". Zack annuì e pensò che Brian non avrebbe guardato con intelligenza una ragazza che faceva shopping. Wendy gli aveva chiesto di andare con lei a comprare dei vestiti nuovi. Voleva la sua opinione. Non riusciva quasi a dirle di no, quando gli veniva detto così.

Le mise una mano intorno alla vita mentre entravano nel centro commerciale. Si rannicchiò contro di lui mentre camminavano, sorridendogli. Si sentiva leggermente a disagio, perché Wendy non sapeva di ieri. Ieri era quando Zack aveva fatto l'amore con sua madre mentre era fuori a trovare un'amica. Cercò di toglierselo dalla mente mentre era con lei, perché non voleva rovinare la giornata preoccupandosi di questo.

Il primo posto in cui sono andati è stato per le scarpe. Zack pensava che andasse bene; sapeva trattare con le scarpe. Almeno, pensava di potersi occupare di scarpe, finché Wendy non gli mostrò due paia che gli sembravano esattamente uguali e disse: "Quale ti piace di più?"

Zack ha commesso l'errore da principiante di sottolineare che non poteva dire la differenza. Wendy rise di lui. Li rimise a posto e proseguì lungo la fila. Si sentiva un po' sciocco, e così li studiò per un po'. Si rese conto che la più grande differenza tra le scelte era di circa venti dollari di prezzo.

Dopo un po', Wendy aveva un bel paio di décolleté bianche e un nuovo paio di scarpe da ginnastica, per le quali non aveva bisogno del contributo di Zack. Pagò i suoi acquisti, e poi se ne andarono, dirigendosi verso il luogo che Zack temeva: il grande magazzino. All'interno di questo maledetto negozio di vendita al dettaglio c'erano abiti più diversi tra cui scegliere di quanto Zack desiderasse pensare. La sua più grande paura era che lei volesse davvero provarli tutti.

Colpa tua, furbo. Hai promesso di venire con lei.

Quando sono entrati e hanno preso il carrello, ha assunto il tipico ruolo da ragazzo di spingerlo. Il motivo per cui agli uomini piace spingere il carrello nei grandi magazzini è che dà loro qualcosa a cui appoggiarsi mentre le donne fanno la spesa. Wendy lo condusse attraverso il negozio, verso la moda femminile. Alla fine, raggiunsero l'area dove voleva essere. Zack ha notato che i vestiti che stavano guardando erano casual, ma...

"Wendy? Sei sicuro di voler indossare questo?"

Lei lo guardò, un po' turbata negli occhi. "Non pensi che starei bene con questa roba?"

Zack doveva stare molto, molto attento, e lo sapeva. "Diavolo, sì, staresti benissimo con tutto questo... è solo che non pensavo che ti vestissi così."

Si avvicinò a lui e si premette contro di lui. "Non ne avevo motivo, prima," sussurrò, ridacchiando. Zack arrossì quando tornò a guardare gli abiti un po' succinti. La osservò mentre sceglieva una gonna di media lunghezza e una mezza canotta, che lei depose nel carrello.

Alla fine, dopo aver accatastato quasi una dozzina di oggetti nel carrello, lo condusse nel camerino. Afferrò i primi due e si infilò nel camerino. Zack aspettò semi-pazientemente mentre lo provava.

"Beh, come sto?" ha sentito da dietro di lui. Si era girato a guardare la gente che passava, così da occupare la sua attenzione. Quando si voltò, la sua mascella si spalancò. Era una camicetta attillata, verde chiaro, sopra una gonna verde più scuro. I suoi capelli rossi sembravano divampare contro i colori e la sua pelle pallida quasi brillava. Zack aveva difficoltà a respirare, figuriamoci a dire qualcosa.

"Tu... io... wow," riuscì finalmente a dire. Ridacchiò mentre si avvicinava a lui.

"Ricordo di averlo detto anche un paio di volte." Lo baciò brevemente, prima di prendere altri vestiti e tornare nel camerino.

Questo è andato avanti con ogni outfit, mentre diventavano più audaci e seducenti. Alla fine, con quello che pensava fosse l'ultimo lotto, sporse la testa. "Um... devi entrare qui. Non sto uscendo per mostrartelo."

Zack si chiese cosa volesse dire, e poi scrollò le spalle. Entrò nello spogliatoio e chiuse la porta. Stava già sogghignando al suo dolce Angelo, che indossava solo reggiseno e mutandine, in un colore pesca abbinato.

"Ti piace?" gli chiese, modellandola per lui.

Zack si avvicinò a lei e la prese tra le braccia. Si chinò e le loro labbra si incontrarono. Le sue mani le accarezzarono la schiena, stuzzicandole leggermente la pelle. Lei gemette molto dolcemente mentre si baciavano. Alla fine, interruppe il bacio e la fece voltare verso lo specchio.

"Questa è la ragazza più bella che abbia mai incontrato", ha detto. Le sue mani si abbassarono e slacciarono abilmente il reggiseno con la chiusura anteriore. Lo scostò delicatamente e glielo tolse dalle spalle. Lasciò cadere sul mucchio degli altri vestiti di lei, ma la sua attenzione era sulla vista nello specchio. Le sue mani scivolarono di nuovo contro le sue tette, e lei dovette mordersi il labbro per non gridare. "E adesso è ancora più bella", disse con una piccola risatina. Poi le mordicchiò l'orecchio.

"Oh, Dio, Zack," piagnucolò dolcemente.

Lentamente, le lasciò le tette, facendo scivolare le mani verso il basso per tenerle delicatamente la vita. Se avessero provato qualcosa di più di quello qui, sapeva che sarebbero stati scoperti. Aveva solo bisogno di sentirla contro di lui, solo sapere che lei si prendeva cura di lui.

Wendy amava ogni secondo del suo tocco, e non le importava se fossero stati scoperti o meno. Voleva davvero sentirlo di nuovo dentro di sé, ma c'era un altro, importante, problema da considerare.

"La mamma ha detto che mi avrebbe portato in clinica domani. Mi sta facendo prendere la pillola."

"Lo so," disse dolcemente, baciandole la nuca.

"Cosa vuoi dire, sai?"

"Stavo parlando con tua madre ieri, e lei ne ha parlato."

"Le hai detto che eravamo, voglio dire, hai..."

"Mi ha fatto una domanda diretta, e io le ho risposto", disse, interrompendo il suo pensiero balbettante.

"Oh, Dio, mi terrà una conferenza..."

"Non preoccuparti, Angel. Mi ha solo detto di essere responsabile e di prendermi cura di te, cosa che ho intenzione di fare." Le sue dita tracciarono piccoli cerchi sulla sua pelle, facendole conoscere la profondità dei suoi sentimenti per lei.

"Non possiamo fare niente oggi. Potrei arrivare, sai..."

"Bussare?" chiese con una risatina. Lei arrossì e annuì. "Va tutto bene, piccola. Il solo fatto di stare con te è più divertente della maggior parte delle cose che faccio."

Si girò nella sua presa, e si allungò per baciarlo di nuovo. Rimasero insieme per diversi istanti prima che lei si allontanasse. "Meglio vestirmi."

Zack non se ne andò mentre si tolse le mutandine, che ora erano un po' umide, e poi indossò i suoi vecchi vestiti, che includevano una maglietta e una gonna, insieme alla biancheria intima. Si alzò, assicurandosi di guardare bene allo specchio. Fu allora che Zack ebbe un'idea birichina. Allungò una mano da dove era seduto sulla panca e fece scorrere le mani lungo i lati delle sue ginocchia. Wendy rabbrividì e fece un passo indietro per permettergli di avvicinarsi più facilmente. Mentre lo faceva, le sue mani scivolarono su, sotto la gonna. Tremò al suo tocco, ma si chiese cosa stesse facendo. Quando le sue mani raggiunsero le sue mutandine, le tirò su finché non si staccarono dalla sua gonna e le scivolarono dai fianchi.

Mentre le sue mutandine si accumulavano ai suoi piedi, lei tornò a guardarlo. "Zack?" chiese, un po' sconcertata. Non ha risposto subito, ma l'ha aiutata a togliersi le mutande. Li mise nella sua borsa, e poi si alzò, abbracciandola.

"Abbiamo quasi finito qui, vero?" chiese.

"Si ma..."

"Provalo solo per un po'. Mi emoziona sapere che sei davvero pronto per me, tesoro." Le rivolse uno dei suoi sorrisi malvagi e lei arrossì. Poteva già sentire il calore nella sua figa. Non avrebbe mai osato farlo da sola, ma se lui glielo suggerisse, le chiedesse di... lo avrebbe fatto, per lui.

"Va bene, amore," disse con voce sensuale, raccogliendo il resto dei suoi acquisti. Mentre stava per alzarsi, le passò una mano sul culo. La sensazione del tessuto ruvido della gonna contro la sua pelle nuda la fece rabbrividire. "Oh, Dio," sussurrò a se stessa. Sapeva di essere bagnata e ne stava amando ogni secondo.

-----

Dopo che furono passati al bancone dei vestiti, Wendy lo condusse ai libri e ai video. Voleva prendere un paio di libri di Anne McCaffrey. Zack la osservava mentre si muoveva e voleva davvero fare qualcosa di carino per lei. Pensò per diversi minuti a cosa avrebbe potuto fare, quando gli venne un'idea.

"Piccola, puoi aspettarmi qui? Torno tra pochi minuti."

"Certo. Devi andare?" chiese con un sorriso.

"Uh, qualcosa del genere. Torno subito." Si chinò e la baciò, poi si diresse verso un'altra parte del negozio. Wendy si voltò a guardare i libri.

-----

A Zack ci sono voluti un paio di minuti solo per raggiungere il punto che voleva. La signora al bancone gli diede un'occhiata, e il suo atteggiamento passivo assunse un cipiglio distinto.

"Posso aiutarla?"

"Sì, vorrei parlare con il capo reparto, in privato." La voce di Zack era educata, ma avvertiva che potevano esserci problemi se la sua richiesta non fosse stata accolta.

"Vedrò se è disponibile," disse la donna in tono altezzoso, e scomparve attraverso una porta. Zack poteva sentirla salire o scendere le scale, e aspettò con calma. Dopo un paio di minuti, tornò da lui. "Il signor Daniels verrà subito," disse con la sua stessa aria altezzosa.

"Abbastanza bene", ha detto. Si guardò intorno a tutti i gioielli. Era un negozio molto grande e il loro reparto di gioielli era di prim'ordine. Zack ha scoperto, in un display laterale, qualcosa che lo ha incuriosito, e ha pensato che sarebbe stato il regalo perfetto per il suo Angelo. Naturalmente, non c'era modo in diavolo che potesse permettersi il cartellino del prezzo di $ 400, ma aveva un modo per aggirare questo.

"Posso aiutarti, giovanotto?" disse il direttore piuttosto freddamente. Zack lo guardò mentre apriva il lembo della custodia del suo PDA.

"Sì, penso che tu possa," disse, liberando il suo Adamant AO PDA. "Hai visto uno di questi?" Zack lo fece scivolare sul bancone mentre attivava lo script precaricato. Aveva pensato che avrebbe potuto finire per farlo, se avesse trovato qualcosa di carino, e quindi voleva provarlo.

Diversi minuti molto tesi dopo, il programma terminò e l'uomo scrollò le spalle tre volte. Zack aveva notato che la commessa era rimasta lontana dalla loro discussione. È stata una cosa molto buona; non aveva bisogno che lei interrompesse il programma.

"Di che cosa hai bisogno?" chiese l'uomo in modo molto educato. Zack gli fece cenno di avvicinarsi alla vetrina, che li allontanò ancora di più dal commesso.

"Presumo," disse Zack, "che tu abbia un modo per coprire la merce che è stata smarrita o danneggiata?"

"Certo, signore. Ci sono due o tre modi in cui queste cose vengono gestite, a seconda delle circostanze."

"Capisco. Quindi, se mancasse qualcosa..."

"Beh, dipende, signore. Qualsiasi cosa sul pavimento che risultasse mancante verrebbe denunciata come furto. Gli oggetti dalla stanza sul retro, tuttavia, vengono gestiti in modo piuttosto diverso."

"Okay, credo di aver capito. Ne hai un altro di questi nella stanza sul retro?" indicò l'oggetto in questione.

"Diverse dozzine. È un oggetto estremamente popolare."

"Se ne prendessi uno dalla stanza sul retro e me lo dessi qui, ci sarebbe un problema?"

"Sì, signore. La telecamera di sicurezza ci vedrebbe. Probabilmente ti metteresti nei guai e io perderei il lavoro."

"Lo immaginavo. Potresti portarmi nella stanza sul retro?"

"Non attraverso il negozio, signore. C'è una porta dall'esterno, tuttavia, che non ha una telecamera di sicurezza che la copre."

"Capisco. Bene. Voglio che torni a quella porta e mi aspetti. Sarò lì tra poco."

"Si signore."

Zack controllò l'orologio. Pensava che Brian li avrebbe probabilmente aspettati a quest'ora. Uscì velocemente dal negozio e girò intorno al lato dell'edificio. In effetti, il direttore era in piedi vicino a una porta di metallo, tenendola aperta.

"Grazie," disse Zack educatamente.

"Sì, signore", rispose l'uomo. Lo condusse verso diverse scatole, che furono aperte. All'interno delle scatole pesantemente imbottite c'erano i soliti astucci per gioielli. "Tutti questi, signore, contengono lo stesso oggetto dal davanti."

Zack ne aprì uno e lo ispezionò.

"Conosci la taglia della tua signora?"

"No." Zack tirò fuori un pezzo e lo tastò. Cercò di rilassare la mente, di ricordare le dimensioni di Wendy.

«Una taglia più piccola di questa» disse infine. Il manager gli ha consegnato una delle scatole.

"Questa è la taglia che hai richiesto."

"Okay, ora come posso portarlo fuori di qui senza problemi?"

Il manager si voltò e afferrò una scatola con la scritta "riparazione e manutenzione". Zack si meravigliò della vicinanza di una scatola del genere e si chiese se il manager fosse già disonesto.

"Mettilo qui", disse l'uomo, e Zack obbedì. Il manager ha rapidamente infilato i lembi l'uno contro l'altro per chiudere la scatola e l'ha passata a Zack. "Finché te ne vai da dove sei entrato, nessuno ti metterà in dubbio."

"Grazie mille. Sei sicuro che questo possa essere coperto senza troppi problemi?"

"Questo box non è ancora stato effettuato l'accesso. Lo segnaleremo come una carenza al distributore."

"Bene. Grazie per il tuo tempo."

L'uomo lo fece uscire dalla porta, e poi dimenticò prontamente di aver mai visto, sentito parlare o conosciuto Zack Griffin.

Zack uscì nel parcheggio e individuò il camion di Brian. Si avvicinò e aprì la portiera del passeggero.

"Dov'è Wendy?"

"Ancora dentro. Volevo portarle una sorpresa. Gliela darò quando arriveremo a casa tua. Torno subito... beh, ammesso che sia pronta ad andarsene."

Brian ridacchiò quando Zack chiuse la porta e tornò nel centro commerciale.

-----

Wendy si dimenò leggermente durante il viaggio verso casa mentre si spingeva il più vicino possibile a Zack con la cintura di sicurezza allacciata. Brian se ne accorse e sorrise, ma tenne la bocca chiusa. Non voleva far incazzare Zack, e inoltre, era chiaro che piaceva davvero a Wendy, e questo era fico con Brian.

Alla fine sono tornati a casa. Zack afferrò metà delle borse di Wendy, poi allungò la mano e prese l'altra scatola da dietro il sedile.

"Che cos'è?" chiese subito.

"A surprise," he said mysteriously.

"Ooh," she said appreciatively, drawing it out into a long syllable.

They carried her stuff into the house, and Mary looked at all the bags.

"Did you buy the entire store, Sweetie?" she asked her daughter.

"Mom! There's only like a hundred bucks worth of stuff here!"

Mary smiled at her. "I know. And you needed some new summer clothes, anyway. Is this enough?" she added more seriously.

"For now," she said. "I might need more later on."

"You'll bankrupt us, girl!" Mary said with a smile. Everyone else in the room froze for a moment, and Zack noticed that. Obviously, there was some worry among the kids about the finances. Mary, however, was far smoother than she had been. The kids realized this, and relaxed a bit.

"You wanna help me put 'em away?" she asked Zack.

"I'll be right there," he said. "I wanna talk to your mom for a second."

"Okay... but I want my surprise soon." She kissed him on the cheek, and then danced out of the room with her bags.

"You were a real sport to go with her. I know you can't have enjoyed that."

"It had its moments," he said with a wink.

"You didn't... I mean..."

"No, not until you take care of that other thing. You seem a lot happier today," he said, not quite asking a question.

"I have reason to be," she answered, running her hand along his arm, and then across the back of his neck. She pulled him to her and kissed him, quickly slipping her tongue into his mouth. The pair kissed hotly for a few seconds, and then broke apart. Mary looked over his shoulder to see if anyone had caught them, but Brian and Wendy had left for their rooms. She looked deep into his eyes. "I hope you and I can be together again. I know it may feel like cheating on Wendy, but..."

Zack quieted her with another soft kiss. "We'll see," he said with a smile, indicating more than that. "I should get back and give her the surprise she's waiting for."

"Can I see it?" chiese Maria.

Zack opened the box, and took out the jewelry case. He opened the hinged case, and watched Mary's reaction. He was a horrid judge of fashion, but he figured she would know about such things.

"My God, Zack! This must have cost a fortune!" She looked at him more carefully now. "Just... how do you feel about my little girl?"

He closed the case and put it back in the box before he answered her. "She's the sweetest person I've ever met. I'm hoping she wants to be my girlfriend."

"What about the age difference?" Mary asked, concerned.

"I'm not worried about it if she isn't." He turned to her with a mischievous smile and said, "What about our age difference?" He ran his hand along her hip, and she sighed.

"That's... a little different," she said finally. "Go on, give her her present. But remember, she's not protected yet."

"Lo so." He closed the box again, but then he set it down on the table and turned to Mary again. He stepped to her and took her in his arms. They kissed again, softly. He whispered to her, "I'd have gotten you a present, too, but I didn't want the others to ask questions."

Mary blushed slightly at the thought, but she smiled at him. "Just being with you is enough of a gift for me."

"I like giving that gift... and I like giving it a lot." He kissed her again, and then stepped away. "I'd best go see what Wendy's doing."

"You staying for dinner?" she asked, hopeful.

"I'd like that," he said quietly. Then he turned and went back to Wendy's room.

-----

Wendy was sitting on her bed, waiting for Zack. When he walked in, he noticed that Bonnie was not in the room. He had half-expected to have to ask her to leave, so he could spend a little quiet time with Wendy, which the mall had not been.

"Where's your sister?"

"She's off with Steph somewhere. I think they went to a movie or something." Wendy shrugged. She didn't mind that her sister had a new friend. She then patted the bed, inviting him to come sit beside her, which he did, slipping his shoes off first, to keep her bed from getting dirty.

Once he was next to her, she cuddled close. "God, do you know how horny it made me riding home without my panties on? I feel like such a slut!"

"Feel like?" Zack asked with a grin. His hand went down to her knee, and moved up under her skirt. When he reached her cunt, he felt the slipperiness of her pussy lips, but no underwear.

Wendy moaned at his touch. Zack slipped a finger inside of her, and she mewled. He pushed his finger all the way in, and his thumb connected against her clit. She gasped at the pleasure.

Zack moved his finger in and out of her, and he leaned in to kiss her. He finger-fucked her rapidly as their tongues entwined, and Wendy began to buck beneath him. Finally, she screamed into his mouth, and flooded his hand with her juices. Her orgasm lasted for several moments, and he continued to move his hand against her until she came down from her peak.

"Fuck, that was great!" she enthused as he pulled his hand out from under her skirt. She grabbed his wrist, and brought his hand to her mouth. She cleaned his hand with her tongue, sucking each finger into her mouth to make sure it was clean. Once she was done, she let him have his hand back. He kissed her again, but then she wiggled, getting up off the bed.

"I've got to change now," she said, slipping her skirt down her legs. Zack enjoyed the view as she walked over to the closet and grabbed another skirt. She took some Kleenex off her dresser and wiped herself dry first, and then slipped her clean skirt on. She quickly rejoined him on the bed.

"You know, you can put your panties back on anytime you like," he said to her.

"I know," she said, "but I kind of like having them off when you're around."

He smiled at her, and they kissed again for a short moment. Finally, she broke their kiss and pointed at the box.

"So, what's my surprise?"

"Open it and find out."

She undid the box top, and took out the jewelry case. The box was tossed to the floor, forgotten, as she set the large case in her lap. Zack wrapped his arm around her shoulder just as she was opening it. He heard her breathing stop as her breath caught in her throat.

Wendy looked down at the jewelry in the case. In the center of the display was a heart-shaped pendant of gold with a single diamond at its center. Off to one corner was a bracelet, also of gold. It had several silver hearts inlaid, and the middle heart also bore a single diamond. In the adjacent corner, a pair of earrings rested. They were a matching heart shape, and also covered in small diamond chips. The third corner contained an anklet, with a matching but much smaller heart pendant on it. The last corner of the case contained a slightly heavier gold chain to replace the thin chain to which the central pendant was now attached.

Wendy slowly moved her hand out to touch the fine jewelry. Her breathing started again, but it was ragged. He could feel her heartbeat. Her fingers moved gently over the objects in the case, and then she turned her eyes to Zack. He could see the awe in her face.

"Zack... I..."

He put his finger softly to her lips. "I want you to be my girlfriend," he said as half of an explanation. He really just wanted her to have something nice.

"I'd love that," she said, and then leaned in to kiss him. They kissed hotly for some moments, the case nearly forgotten in her lap. But only nearly. When they broke the kiss, she looked down at the jewelry again. "Nobody's ever been this nice to me," she said softly.

"They should have been, Angel," Zack said, hugging her more tightly with his one arm wrapped around her. Zack reached out with his free hand and took out the pendant. He unhooked the chain, and then slipped it around her neck. He carefully refastened it, making sure not to get it caught in her hair. He then let it slip into place between her breasts. She looked down at it, and then up at him again. Her smile was one he'd only seen once before, and he knew that he'd made her happy, which was his goal.

"I hope you know how to put the rest of them on," he said with a chuckle. She nodded, and then leaned against him, embracing him tightly.

"I love you, Zack," she said.

Zack hesitated for just a moment. He'd said that once already, and that hadn't turned out so well. But this was different, and truth be told, he'd have taken Wendy over Claudia any day.

"I love you, too," he whispered.

∼∼≈≡≈∼∼∼≈≡≈∼∼∼≈≡≈∼∼

Zack woke up the next morning feeling pretty good with himself. He'd spent a good evening with the Selmans, cuddling with Wendy as the family watched a movie. He'd had to go before it had gotten too dark, but that was okay. He was thoroughly happy with the evening. He also remembered the kiss that Mary had given him before he left. It stirred things in him now, and he decided to take care of them in the shower.

He had finished his shower and was eating breakfast when there was a knock at the door. He grumbled a bit, until he remembered who that probably was. He was intrigued that there were still people out there who weren't affected by Program Alpha-Omega. He got to the door just as there was a second knock.

Impatient bastard, ain't he.

Opening the door, Zack saw four people standing before him. Two of them were Adam and William. The other two were women whom he didn't know. He motioned them all in and closed the door. The one woman had settled on a chair, but she was sitting on the very edge, as if ready to move at a moment's notice.

"Sorry to interrupt your summer, but it seems the project has hit a snag." Adam was choosing his words carefully for an obvious reason.

"Why don't you introduce me?" Zack asked.

"This is Terry Meuller. She's my secretary. It seems our new training technique doesn't have the desired result on her."

"Hmmm. That's odd. And this?" Zack said, indicating the other woman.

"That's Shirley Jansen. I believe you two already know each other."

Zack's eyes darkened, and Shirley blushed. "Yes, we have," Zack said, feigning irritation. "Why don't you take Terry back to my room, Val, so I can talk to Adam?"

"Sure thing," she said with forced cheeriness. Once the two were out of earshot, Zack turned to Adam and said, "Okay, what's the deal?"

"I've tried everything I can think of, and all the versions of the program we have, but nothing even puts her under, let alone programs her. I don't know what's going on."

"Okay. You got a copy of the script you want implanted?" Adam handed over a disk. "You're staying in town somewhere?"

"At the Summers Inn."

"I'll call you when I'm done for the day."

"Look, Zack, this is important to me, and..."

"I'm not going to try to work with you standing over my shoulder." Zack thought for a few moments, and then said. "I'll let you leave your spy-bitch here. She's already betrayed me once, so she shouldn't have any trouble ratting on me again, if I do anything 'bad'."

"Look, Zack, you know that she's been programmed, don't you?"

"I figured," he said, knowing the real truth of it far better than Adam.

"Okay, fine. Shirley should stay out of your way, but I want her in the room the entire time."

"Yeah, whatever. Now, I've got work to do, so if you want me to get it done, then go away."

As Zack closed the door on Adam and William, he turned with a frown. Something about Adam was just really setting him off, and he didn't know what it was. Perhaps it was just how he was always pushing, always wanting to be in full control of the situation.

Not like you, who just programs the situation to go his own way.

Zack shoved that thought firmly aside as he walked back to his bedroom to see what could be done with his new subject.

"Hi, guys," he said on entering the room. Shirley was sitting on the bed, but Terry was standing, looking out the window.

"Okay, Terry... you seem a bit upset."

"Mr. San...uh, I mean Adam, said that if this programming doesn't take, I may lose my job. How am I supposed to know why it doesn't work?" She seemed to be both angry and scared.

"I can understand. We'll try to figure out why this technique isn't working for you. It may be a flaw in the program, so we'll have to see. First off, let's rule out equipment failure. Why don't you come and have a seat right here." He indicated his desk chair. She moved over to it and sat down.

Zack leaned over his computer, resting his hand gently on her shoulder as he brought up the script-selector he'd written. He felt her relax slightly at his soft touch. He took a second to look at her, and she smiled ever so slightly at him. He smiled back. Picking a simple relaxation script, Zack let it load, and then the program was ready.

He turned to her, not removing his hand. "Okay, now this is a simple program. It's just to relax you. If it works, you should lose about an hour of time."

"How does it do that?"

Zack rummaged around his brain real quick and came up with, "It induces Alpha-waves in the brain. Don't worry about it, it's not harmful. If it works, you'll feel very good. When you're ready, just press 'Enter'."

Zack stepped away from her, and watched as she hit the Enter key. He noticed immediately that she had not gone under the way most people do. He puzzled at that while the program ran. He noticed that Shirley was, in fact, under, even from as far away from the computer as she was. So it's definitely not the machine, and this version of the program works on most, but not all. Hmm. What could it be?

After four and a half minutes, the program ended, and she turned to him. There were actually tears in her eyes. "Not a thing," she said in frustration. When she noticed Shirley, her eyes opened a little wider. "So, it is me."

Zack went to her and knelt down, looking up into her face. He rested his hand on her arm. "Terry, this isn't your fault. When we first created this program, it was... well, very finicky. We've gotten it to work on almost everyone, but obviously there is still some tweaking left to do. I don't understand why Adam is blaming you for this. By the way," he added conspiratorially, glancing at Shirley for effect, "what is his last name, anyway?"

"I'm not supposed to tell you," she said, but then she smiled. "But it's Sandalwood."

He smiled at her, and winked. "Gotcha. Let's go out to the living room, to leave Shirley to her relaxation for a while."

-----

For the next several hours, Zack and Terry chatted about her life. They were interrupted when Shirley came out of the bedroom, but they didn't let it distract them too much. She sat down on the couch next to Zack, while Terry was sitting in the easy chair next to the couch. He paid close attention as she related her childhood, and her growing up. Normally, he would not have found such a conversation fascinating, but he was looking for something that would set her apart from the rest of his subjects.

They broke for lunch, and Zack made sandwiches for everybody. They continued talking while they were in the dining room eating, and it was near the end of lunch that Terry finished telling Zack a chronological account of her life.

"And that's pretty much where I stand today. I've been working for Adam for a year and a half, I haven't got a boyfriend or much in the way of family, and I spend most of my nights watching television. I guess none of that really helps, does it?" she asked with a frown.

"Never can tell," Zack said, just to try to cheer her up. He led them back into the living room, and sat down. The other two resumed their positions as well, and Zack laid his head back, trying to think. Finally, his head came forward.

"You've never been to a psychiatrist?"

"No."

"Psychologist?"

"No."

"Have you ever had any form of therapy at all?"

"Not that I... well..."

"Che cosa?"

"I don't really consider it therapy, but I did go to a hypnotist for a little while, when I was nineteen."

"Per quello?"

"I had... uh... some nasty habits I wanted rid of, but couldn't seem to beat them on my own. He did help me break those patterns. Why is any of this important, anyway?"

"Well, because therapy, and especially hypnosis, changes the way your mind is working. Since our training programs also do similar things, it is possible that your earlier hypnosis is interfering with what's being done to you now. I'll have to do some research to find out if that's the case, and if so, what I can do about it, without interfering with your earlier treatment."

"Yeah, I really... uh... don't want those habits back."

"What were they?"

He watched as Terry blushed fiercely. "I'd rather not talk about them."

"Okay, I understand that, but... it may be important to my research. If you could just write them down for me, I don't really need details, I just need to know what you had done."

Terry hesitated for a long moment, but then she nodded. She took the pad he was holding, and his pen. She wrote down a list of things, her hand shaking slightly. Then, she handed the pad back. Zack made sure to keep the pad held in such a way that Shirley would not see what Terry had written. Zack's eyebrows went up as he looked at the list. He flipped the page back to his original notes, effectively hiding the list.

"I understand. I'll see what I can come up with. If you want to call Adam and have him come get you, I'm going to need to do some basic research, and I probably won't be ready for you again until at least tomorrow."

"Okay. Do you really think you can do something about it?"

"Probably. I just haven't encountered this issue before."

"Thank you," she said with a smile.

-----

After Shirley and Terry left, Zack went back into the research materials that Adam had sent along with the PDAs. There were, roughly, a zillion pieces of information here, and Zack had no way of finding exactly what he needed. He slapped together a rough-and-ready search routine to look through the files, and started his computer looking through the files for words such as "hypnosis", "therapy", and many variations thereof.

As big as those files were, Zack knew such a search could take all night. He couldn't go anywhere, either, since he'd have to change CDs when the current one was done, and so on. He flipped on his newly-acquired television, and watched something inane while his mind mulled over what to do about things. The items on Terry's list were rather surprising, and he understood why she didn't want to discuss them. His mind went back over the list:

*exhibitionism

*voyeurism

*nymphomania

*a distinct desire to sleep with strangers

*a tendency toward younger boys (at least five years younger than me)

*loud and raucous orgasmic vocalizations


Zack knew that last one had to come from a psychology book or similar material. Any normal person would simply have said they were too loud in bed. The trouble, Zack knew, was that most of what she'd worked to get rid of was all the stuff that Adam wanted to put back. In essence, there was a war in Terry's head, with two competing technologies trying to tell her two different things. Zack figured that the hypnosis was winning only because it had been entrenched for so long.

Well, we'll just see about that.

-----

Six hours and five CDs later, Zack had about 200 MB of information stored on his hard drive. Good gravy, I've got to go through all that? Well, better get to it. It was already well into the evening. He didn't expect to get much sleep.

-----

Zack turned out to be much more right than he knew. It took him several hours just to realize he was going in the wrong direction. He felt very stupid as he realized that the commands he was trying to enter into her brain were not the problem. She'd never noticed those, because she had never, in fact, gone under. Pissed at himself, he shoved himself away from his computer and stalked off to the kitchen to get a snack. His parents had just gone to bed, and the house was quiet. He munched on some graham crackers as he sat in the dark, considering what was going wrong.

He stopped in mid-cracker when he realized that it had to be that hypnosis had denied access to the part of the brain that Program Alpha-Omega would normally use as a gateway to program the mind. So, it would be necessary to 'pick the lock' before he could attempt to program her mind.

So, he thought on his way back to his room, how in the hell do you pick a mental lock?

Four more hours of research would give him the theory. He decided that practice could wait for daylight.

∼∼≈≡≈∼∼∼≈≡≈∼∼∼≈≡≈∼∼

Zack's head was jolted off the pillow at seven o'clock. He slapped the offending alarm clock, and rolled - almost literally - out of bed. He padded off to shower and try to wake himself up. He'd managed about four hours of sleep, and that just wasn't enough for the mental activities he was putting himself through.

He decided, when he came back into the room, to run himself through PAO on a refresher script. Zack didn't like relying on these too much; he wasn't sure what long-term effects it could have. However, on days like today, when there was work to do, he'd risk it.

Fifteen minutes later, and he felt a lot better. It was briefer than his usual stints, but he had work to do, and he didn't know when Adam would be returning his subject. He had found several important pieces of information last night about the theory of picking through a mental blockage like the one intentionally induced by Terry's hypnosis. The trick was turning that theory into code. Would he be able to pull that off? Zack wasn't sure. He looked at his watch, and cursed. It was nearly eight o'clock already. He slammed his brain into overdrive as he began searching, once more, through the documents that Adam had given him concerning PAO and psychology.

-----

The knock at the door startled Zack, and he cursed. Looking at his watch, he realized it was already 10:30.

"Shit! Where'd the time go?" Zack hustled out to the door, and opened it. This time, it was only Terry and Shirley. "C'mon in," Zack said, stepping aside. As the two entered, he said, "What, Adam too busy to harass me today?"

The two ladies chuckled. Terry said, "He's attending to business by long-distance. Not his favorite of activities. Do you have any hope for me today?" she asked, her voice turning very serious.

"Well, I've got an idea. I have to put it into code yet, but maybe in a couple of hours. You guys can watch TV or something, if you like."

"Thanks," Shirley said, dumping herself on the couch and picking up the remote.

"I'll stick close to you, if that's okay," Terry said. "Just in case you need my input or something."

Zack shrugged. He didn't mind the company, but he knew she was going to be bored fast. He led her back to his room, where she sat down on the bed. He returned to his computer to continue slogging away at the code.

-----

Zack had just about finished up what he hoped would be functional code when he felt a soft hand on his shoulder. He jumped, and nearly swore at Terry, who jumped back slightly at his startled reaction.

"I'm sorry, Zack," she said earnestly. "It's just that it's nearly 1:30, and you didn't stop for lunch. I was wondering if you were hungry."

Zack looked at his watch incredulously. He was used to being interrupted by his mother when he was programming; he knew he lost all track of time. But to have someone else just calmly tell him he was working too hard, well, it was a little unusual.

"Give me another twenty minutes. I may be almost finished. Then we can find out if it works or not."

Terry beamed at him, and she left the room. He didn't know whether she'd stayed by him or not. He'd not needed her help, and he'd forgotten she existed, except as the whole reason for what he was currently doing. His mind quickly went back to the symbols and variables on his screen, once again shutting out all external disturbances. His mother had once commented that it would take a natural disaster to shake him from one of his 'trances' in front of the machine. Non gli importava. All that mattered was the code, and making it work.

Nineteen minutes and fifty-three seconds later, by Terry's watch, Zack pushed his chair back away from his desk.

"How do you do that so precisely?" lei chiese.

"Eh?"

She gestured at her watch. "Twenty minutes. Almost on the dot."

Le sorrise. "Lucky guess."

She nodded, unsure. "Your lunch is ready."

He cocked an eyebrow at her, and got up to go see what lunch was.

-----

"Okay, now, I can't guarantee this is going to work. I'm working on trial and error here. I'm hoping it will work, because I think I've over-engineered the problem. But you can never tell with this kind of thing, so don't be disappointed if you still don't get the desired result. It will just mean that I don't have the algorithm right yet."

Geez, next I'll be selling used cars.

Terry sat down in his office chair, and scooted herself closer. Zack stepped back as she reached for the Enter key and pressed it. The loud, but musical, noise that assaulted them all was something of a shock. He'd not expected it to be that ferocious. Once he'd recovered, and the sound had died to a more reasonable level, he realized that Terry wasn't moving. In fact, it seemed as if she was barely breathing. He held his hand under her nose for an interminably long moment before he felt her exhale.

Releasing a breath of his own, he realized she was under. He also knew what was about to happen. She was not being programmed exactly as Adam had requested, of course. Though hopefully Adam would never figure it out, Zack was programming another spy within Adamant Computers. He felt kind of bad that he had to do this to her at all; she'd been very nice to him over the last two days. But he had his own ass to worry about, too, and he was sure that Adam wouldn't like it if Zack told him to fuck off.

Zack did have to admit, however, that he was looking forward to the next little while. Terry was quite a looker, and her long auburn hair was very sexy. Zack decided to fully undress while she was being programmed. He'd decided yesterday that Shirley needed proper punishment for ratting on him, and he was going to use Terry to help him.

He stepped to the door and called down the hall, "Hey, Val, get your ass in here." He went and sat on the bed and waited. It took only seconds before she hustled into the room, and stopped dead.

"Zack, wha..."

"Strip. You've got, I figure, about three and a half minutes left. Get moving."

Shirley recognized when a command had been given. She did not finesse her way out of her clothing. In less than a minute, she was pushing her panties down off her legs, and then she was completely nude.

Zack studied her body for a moment. Her dark brown hair framed an oval face. Her breasts were a bit small, but stood firmly from her chest. Her nipples were already hard, either from the cool air, or excitement. She was thin, and her hips flared invitingly. He studied the thick patch of bush between her legs for a long second before he spoke.

"Get over here." She walked over to him shyly. He had been stroking himself while he watched her undress, and he was fully hard now. "Are you wet?" he asked, rather crudely.

Shirley blushed. She parted her legs for her master to see her wetness. She couldn't believe she was this aroused just from being naked in front of her master. When he reached out and stroked her pussy lips, she moaned.

Zack smiled. He'd written this into her initial script, on the off chance that they would one day meet. He moved his hand from between her legs, and grasped her hip. Spinning her around, he pulled her down into his lap, his cock pressing up into the crack of her ass.

"You know what's going to happen now?" Zack asked. Shirley nodded. "Che cosa?"

"You're going to fuck me," she answered, her voice quivering.

"Do you want me to?" he asked with a smile.

"Fuckin' A!" she confirmed.

Zack lifted her up off his lap just enough so he could position his cock at her entrance. He pressed her down slowly until a couple inches of him were inside of her, and then he rammed her down onto him. Shirley screamed out in a mix of pleasure and pain. Zack grunted with the feel of her pussy clutching at him.

Zack wiggled his hips against her, and Shirley moaned. She was full, and a bit sore from the rapid intrusion, but she was also highly aroused. She waited for him to begin moving inside of her, but he only continued to make small gyrations.

"Master?"

"Shh. We're waiting for our third."

It took several moments for the meaning of that to register on Shirley, and before she could protest, another loud noise and a bright flash were emitted from the computer. Zack saw the familiar triple-shrug, and heard a loud sigh of relief from Terry. She turned to see her new master with one of his other slaves impaled on the object of her desire. On the other hand, the slave in question was kind of nice to look at, herself.

Terry rose from the chair while unbuttoning her blouse. After a moment, she froze.

"Master, may I?"

"We're waiting for you," Zack said with a smile. As Terry returned to removing her clothing, Shirley started to get rather uncomfortable.

"Zack, I'm not... 'into' girl-girl stuff," she said hesitantly.

"I know," he said with a sneer. "But she is. And let us not forget that you are being punished, so what you want isn't entirely relevant, now is it?"

"No, I guess not." Shirley tried not to watch as Terry disrobed, revealing a gorgeous, large set of tits and a shapely body that had men drooling. Shirley was disgusted at what she knew was coming.

Once she was completely naked, Terry sauntered over to where the pair were sitting on the bed. Terry reached out and cupped one of Shirley's small tits. Terry hummed appreciatively as her other hand came up to massage the other breast. Shirley felt a little sick, but then she felt the cock inside her moving. Her pussy twinged, and suddenly everything felt very good. It was only when she realized the hands on her chest were feminine that things were not wonderful.

Terry made this worse. She leaned in and began to kis

Storie simili

Tattia Capitolo 2: Tat l'acquirente di donne

Tattia Capitolo 2: Tat l'acquirente di donne La polizia è arrivata venti minuti dopo. I testimoni sono stati inutili. Uno ha appena sentito uno sparo e basta. Un altro ha visto quello che hanno descritto come un uccello gigante o un pipistrello che volava fuori da una finestra trasportando una ragazza. E poi c'è stata la questione della sorella che è svenuta sulla scena. Era fatta di qualcosa quando la polizia l'ha trovata. Un disegnatore le ha chiesto di descrivere ciò che ha visto. Emetti un mandato d'arresto per Dracula. Disse il capitano della polizia poco prima di posizionare lo schizzo...

108 I più visti

Likes 0

Ragazze in spiaggia a tre

È iniziato domenica mattina presto nel weekend del Memorial Day quando mi sono alzato per prendere un bicchiere d'acqua dalla cucina. Stavamo affittando una casa sulla spiaggia nelle Outer Banks e avevo davvero sete per la pizza vegetariana che abbiamo mangiato per cena. Scivolai fuori dal letto e mi diressi in cucina. Ho sentito la TV del soggiorno accesa e ho pensato che le due ragazze fossero tornate tardi dal loro incontro con i ragazzi che prima avevano preso in giro in spiaggia, avessero guardato un po' di TV e l'avessero lasciata accesa. Ho intravisto la TV dallo spazio tra la...

1.2K I più visti

Likes 0

ESTATE HO COMPIUTO 13

Con le mie scarpe e i miei vestiti in mano, ho camminato nel bosco indossando solo la mia biancheria intima bianca. La mia faccia era calda per l'imbarazzo, la rabbia e qualcos'altro su cui non potevo mettere il dito, o forse semplicemente non volevo. Il mio cazzo era più duro di quanto non fosse mai stato nella mia vita e sembrava diventare sempre più duro più pensavo a Jeff e Bob che vedevano la mia erezione nuda. Sapevo di aver sbagliato dicendo loro di andare a farsi fottere e scappando via come ho fatto io. Anche se avevo appena compiuto 13...

1.4K I più visti

Likes 0

Esibizionista maschio etero Capitolo 1

Ciao. Mi chiamo Tom e sono un esibizionista maschio etero! Fortunatamente per noi esibizionisti non esiste un esibizionisti anonimi. Possiamo semplicemente goderci la nostra perversione. Sono diventato un esibizionista prima di conoscere il significato della parola. Ho molte storie da raccontare. A differenza della maggior parte delle storie esibizionistiche, le mie non finiscono sempre con falsi lavori di testa, lavori manuali o sesso selvaggio. Non so perché gli scrittori debbano finire con una scena di sesso fantasy. Le mie storie di solito sono brevi e finiscono con il pubblico che se ne va mentre ride e ridacchia. Questo mi rende molto...

553 I più visti

Likes 0

Madri in formazione

Una sera Sharon Sampson stava guardando gli annunci per adulti del giornale e notò un annuncio di uno dei nuovi centri di formazione appena aperti. Era ovviamente rivolto a mariti e padri. L'annuncio diceva Se tu e i tuoi figli siete stanchi di essere presi in giro dalla moglie assillante, o se avete bisogno di sbarazzarvi di lei perché hai in mente qualcosa di più giovane, chiamaci. Per un compenso ragionevole, la toglieremo dal tuo mani e sottoporle al nostro rigoroso programma di formazione, dopo di che le verranno assegnate nuove responsabilità nel servizio dell'umanità». La splendida bionda di 30 anni...

168 I più visti

Likes 0

I viaggi di Alyssa

Mentre sedeva da sola nel suo stato mentale ubriaco, Alyssa si chiese quale fosse la reazione di John al messaggio che aveva appena ricevuto. Aveva una ragazza e lei lo sapeva, ma non era che non l'avesse tradita con altre ragazze. Oh dio Lyssa, ti comporti come una vera puttana! Pensò tra sé e sé. Improvvisamente si è pentita di aver mai inviato un messaggio di testo così audace e casuale. E se ora fosse con la sua ragazza? E se l'avesse visto? Voleva mantenere questo segreto, se fosse successo o meno. Oh, avrei dovuto pensarci bene! Disse a se stessa...

126 I più visti

Likes 0

Regina Yavara: Capitolo 37

Capitolo trentasette BROCCO Per favore! L'esploratore elfo urlò. Non capisco perché ti lamenti, dissi mentre lo caricavo sul trabucco, ti riporto al tuo esercito. Tieniti stretto questo, Imperiale, e non rilasciarlo troppo presto. Trenok grugnì, legando le cinghie del paracadute ai polsi dell'uomo terrorizzato. Non funzionerà! Lui pianse. Mi inginocchiai al suo livello e gli posai una mano compassionevole sulla spalla. “I progressi si fanno mettendo a tacere i dubbiosi, piccolo imperiale. Tutti i grandi scienziati del nostro tempo una volta erano chiamati pazzi per le loro idee. Grandi scienziati? Trenok rise: Che calcoli hai fatto? Non hai bisogno di nessuna...

93 I più visti

Likes 0

Visitare un amico speciale

Ho bussato al cancello di metallo. Era un bungalow piuttosto grande circondato da muri di mattoni con glassa di filo spinato. Il mio cuore batteva. Tutto quello che sentivo era la paura di essere rifiutato o qualcosa del genere. Fortunatamente, suo fratello maggiore, Suleman, ha aperto la porta. Era un ragazzo con un carattere freddo e una corporatura piuttosto muscolosa, quindi ha mantenuto la sua posizione. Mi guardò con giudizio per un momento, sorrise e mi diede una stretta di mano. Ei, cosa ci fai qui? Sono qui per far visita a tua sorella... mi smorzai, sapendo quanto fosse insolito per...

300 I più visti

Likes 0

Il mio sesso ha privato il mio nuovo marito_(0)

Presto sarebbe tornato a casa dal lavoro ed era furioso. Era dovuto agli ormoni, alle ore di lavoro più lunghe e al fatto che non ci scopavamo da settimane. Ero follemente stretto e eccitato, e avevo cercato di farlo eccitare abbastanza da scopare quasi ogni singola notte, ma era al lavoro da così tanto tempo, era stanco e il sesso duro e lungo non era davvero possibile. Un giorno non ce la facevo più. Sapevo cosa gli piaceva, però, e ho controllato l'ora. Avevo due ore prima che tornasse a casa. Se non avessi preparato la cena. Dimentica il cibo. Volevo...

134 I più visti

Likes 0

La ragazza di papà Casey

Il mio nome da ragazza è Casey come lo è il mio nome da ragazzo, sono alto un metro e settantacinque centimetri, 125 fradicio, capelli castani, ragazzo di sedici anni e questa è una storia di pura fantasia per un mio amico speciale, che vorrei amore per un giorno incontrato e ben sai ed essere la sua ragazza! Cosa c'è che non va Casey? Papà mi chiede, quando è entrato in soggiorno e mi ha visto piangere. “Sono gli altri ragazzi a scuola; mi prendono sempre in giro, mi insultano, mi prendono in giro, mi chiamano ragazzino, a volte esprimono il...

1.3K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.