CAW#11 - Giornata degli inverni freddi

939Report
CAW#11 - Giornata degli inverni freddi

Era una fredda notte d'inverno, nel tardo autunno. La nebbia era calata; poco prima di mezzanotte e ricoprì gradualmente le strade. L'aria era piena di nebbia e la visibilità diventava difficile, mentre camminavo per le strade della città.

Il mio protettore è costretto a lavorare per strada stasera. Speravo in una notte proficua; per tenere lui e i suoi scagnozzi, lontano da me e dalla mia famiglia.

Mi chiamo Louise e sono una madre single di 21 anni e anche una prostituta. Ho una figlia di tre anni, Misty (Melissa). Era accudita da un caro amico.

Stanotte il mio corpo snello, incorniciato, stava sentendo, ogni gelida zaffata d'aria. Sto 5 piedi e 7 pollici e peso 103 libbre; e stasera non ero vestito in modo appropriato per gli elementi. Ero più preoccupato di guadagnare soldi, che di vestirmi adeguatamente. Quando sono partito per il mio percorso serale, alle 20:00, non era così freddo. Era da poco passata la mezzanotte e ora non era più così.

L'unica protezione dagli elementi che indossavo erano le calze a rete, la minigonna di lattice nera, la canotta nera, il corsetto di pizzo rosso e nero e gli stivali neri al ginocchio. Non indossavo né reggiseno né mutande, ma un reggicalze. Per fortuna indossavo anche la mia giacca di finta pelliccia di visone, altrimenti sarei morto congelato. Tremavo mentre camminavo stringendo la mia giacca di pelliccia, mentre mi si formava la pelle d'oca, sulle cosce e sul petto, per l'aria fredda.

Ho cercato di non stare fermo in un punto troppo a lungo, o il freddo avrebbe iniziato a mordere la mia pelle già fredda.

Decidendo che era un po' troppo nebbioso e freddo, per essere fuori vicino all'area del parco, così ho camminato verso il distretto alimentare.

Si sentivano i suoni rimbombanti di un vicino night club.
Mi trovavo non lontano da un vicolo che conduceva al retro di alcuni ristoranti. C'erano bidoni della spazzatura, cassonetti e roditori selvatici, vicino a dove mi trovavo. Ho acceso una sigaretta e ho guardato mentre le persone partivano per i taxi o le loro auto.

Io mentre sbuffavo il mio fumo, che la maggior parte dei ristoranti chiudeva o chiudeva, per la notte.

Mentre stavo tirando le ultime boccate di sigaretta, un uomo ha notato la mia immagine da lontano. Adesso stava camminando verso di me.

Più si avvicinava, più lo fissavo. Era calvo, aveva la testa rasata e indossava un trench nero. Indossava stivali rumorosi. Potevo sentire ogni singolo passo che faceva, mentre si avvicinava a me.

Ho preso un respiro profondo e ho gettato la sigaretta, perché ora si trovava a pochi passi da me.

"Ehi tesoro, dannazione sei uno schianto", disse, con le mani in tasca.

"Perché, grazie, e cosa ti porta qui a quest'ora della notte", ho chiesto.

"Oh, non lo so, ho appena finito un incontro di lavoro e poi la cena", ha risposto.

"Stai cercando il deserto", ho chiesto, e ho sollevato una gamba e l'ho appoggiata sopra un bidone della spazzatura.
"Oh dipende, cosa stai offrendo", disse, fissando la mia gamba.

"Hmmm, vediamo, $ 50 per una bocca piena, $ 100 per il sesso, $ 200 per i lavori", dissi.

Si arruffò nelle tasche e mi sorrise. Mi hanno consegnato un centinaio di dollari in banconote incasinate. Annuii e misi i soldi nel marsupio.

Mi condusse ulteriormente nel vicolo, lontano dalle luci e da occhi indiscreti. Abbiamo trovato un posto appartato e lui mi ha baciato il collo. Mi appoggio contro un muro di mattoni freddo e umido.

Mi divincolai e mormorai, mentre lui mi bacia e mi morde il collo. Poi mi strinse i seni e tirò giù la parte superiore del corsetto. I miei seni ora sentono l'aria fredda dell'inverno. La pelle d'oca si sviluppa sulla mia pelle, dal freddo.

Ora smette di baciarmi il collo e inizia a mordermi e succhiarmi i capezzoli. Mentre le strizzate grossolanamente e le torcete.

La sua attenzione era sul mio seno sinistro e ogni tanto mi baciava di nuovo il collo. Ero così preso da questo, i miei occhi lampeggiavano ed emettevo lenti gemiti.

Mentre andava a baciarmi la bocca, lo fermai con una mano libera. Ho toccato i suoi pantaloni gonfi e lentamente gli ho aperto la cerniera della patta. Poi ho tirato fuori il suo cazzo dalle mutande e ho cominciato ad accarezzarlo.
Mi baciò il collo mentre gli accarezzavo il cazzo, finché non divenne duro e luccicante di pre-sborra.

Smise di baciarmi e mi guardò giocare con il suo cazzo. L'ho guardato negli occhi e ho sputato una goccia di saliva sul suo cazzo. Ho accarezzato la mia saliva e il suo pre-cum, sul suo cazzo duro.

Mi accarezzò il seno mentre gli accarezzavo il cazzo. La mia bocca era a bocca aperta e i miei occhi tremolavano, come se fossi sotto una droga da festa.

Fu allora che lo spinsi via da me e contro il muro opposto. Avevo una mano sulla sua gola e un'altra sul suo cazzo. Mi fissò, all'inizio perplesso.

Si è rilassato una volta che mi sono abbassato e mi sono accovacciato. Penso che anche lui sapesse cosa stavo combinando.
Ho aperto la bocca e ho messo il suo cazzo dentro la mia bocca. "Mmmh, mmmh", ho fatto il mio lavoro di succhiarlo.

Mi ha accarezzato i capelli. Mi ha ispirato ancora di più a succhiare lentamente poi un po' più velocemente.

Succhiavo forte intorno alla testa, poi ingoiavo a fondo, prima di succhiare di nuovo sulla testa. Tirava fuori e schiaffeggiava la mia lingua con il suo cazzo, prima di inserirlo di nuovo dentro.

Lentamente l'ho ingoiato profondamente. Si lamentò. Ho strillato un po' mentre cercavo aria e saliva dalla mia bocca.
Mentre ansimavo e riprendevo fiato, gli accarezzavo il cazzo.
Lo accarezzo, succhio e lecco la testa, e poi lo ingoio. Questo è stato ripetuto più e più volte, per circa cinque minuti.

Per tutto il tempo, guardando per vedere se nessuno stesse guardando o si avvicinasse; ogni volta che ansimavo per l'aria.

Mi sollevò e mi fece affrontare il muro. La mia gonna era sbottonata e slacciata ed è caduta a terra. Poi le mie mutande sono state tirate giù e via.

Stringendo e poi allargando le mie chiappe, mentre sono rivolto verso il muro. Andò in giro, stringendomi le chiappe, prima di leccarmi il buco del culo. Mi piaceva la sua lingua, che mi ficcava nel buco del culo.

Poi mi ha forzato con forza contro i mattoni freddi e nebbiosi e ha infilato il suo cazzo nella mia figa bagnata e volenterosa.

"Preservativo", ho supplicato nervosamente. "Zitta puttana, ho un preservativo", ringhiò.

Ho guardato sopra la mia spalla e ho preso a coppa i miei seni nudi dal freddo della notte. Lanciai parecchie deboli grida; mentre andava in giro a fottermi lentamente, a fottermi moderatamente.

Le mie grida divennero sussulti mentre la mia maggiore eccitazione superava le mie prime aspettative. Ero nei torrenti e la sensazione mi ha fatto barcollare e inciampare in ginocchio. "Ooh dio, ooh, ooh", gemetti.
Mi sollevò e spinse di nuovo contro il muro. Ha stuzzicato la mia figa, con il suo cazzo prima di inserirlo lentamente nel mio culo. All'inizio mi sono bloccato, perché non mi ha pagato soldi per questo.
"Questo non faceva parte di", ho cercato di dire. "Smettila puttana, ti ho pagato per farmi scendere", brontolò contro di me.
In fondo non mi dispiaceva, ma non volevo che lui amasse l'anale.

Le grida di gioia che stavo mormorando, mi avrebbero però tradito.
"Ooh sì, ooh, ooh mmmh, ooh", ho pianto e mi sono lamentato. Non potevo farne a meno.

"Oh cagna, eri così stretto, ora sei giusto per il humping", ha parlato con me.
Lo odiavo riferendosi a me una cagna, con il suo tono di voce. Ma le mie grida facevano sembrare che mi piacesse essere chiamato tale.

Quando ha smesso di depredare il mio culo, si è tolto il preservativo e mi ha fatto rimettere in ginocchio. Ho succhiato e accarezzato il suo cazzo, finché non stava per venire.

Mentre gemeva con gli occhi chiusi e stava per sborrare, ho raggiunto la mia borsa. Quando ha grugnito e spruzzato il suo sperma sulla mia faccia; Ho tirato fuori il mio coltellino e gli ho aperto le palle.

"Puttana", mi ha urlato contro e mi ha schiaffeggiato.
Ha reagito d'istinto e ha raggiunto le sue palle sanguinanti. È stato allora che ho visto l'apertura di cui avevo bisogno.
Mi sono alzato da terra e gli ho tagliato la gola. Il sangue schizzò e schizzò dallo squarcio nella sua giugulare.
Ho guardato come ho sempre guardato la vita della mia vittima svanire lentamente. Poi, mentre lui prendeva i suoi ultimi sussulti d'aria, gli frugai nelle tasche e mi servii dei suoi soldi.

Ho usato le mutande per ripulirmi da sperma e schizzi di sangue. Poi ho tirato su il corsetto per coprirmi il seno e ho raccolto le mie cose.
Ho guardato di nuovo il cadavere della mia vittima e poi ho lasciato lo stretto crepaccio nel vicolo.

Accesi una sigaretta e proseguii lungo il vicolo; lontano dalla scena del crimine. Non indosso gonna, mutande e solo il mio corsetto, giarrettiera e tacchi.

Da quando mio zio e i suoi amici mi avevano violentata da bambina, questo era stato il mio sfogo o vendetta, contro la specie maschile. Se mi trattavano gentilmente, vivevano per scopare un altro giorno. Se hanno usato la parola "B" preferita di mio zio in "cagna", beh, non l'hanno fatto. La vittima di stasera è stata la numero cinque.

Clip clop clip clop, era il rumore dei miei piedi mentre camminavo nell'oscurità.
Quindi si sentivano ancora i suoni rimbombanti del night club. Mi appoggiai ai mattoni umidi di un edificio e finii la sigaretta.

Quando un giovane che era stato in discoteca ha visto me e la mia figa scoperta; si avvicinò a me.

"Ehi, sto cercando di fare festa", ha detto.

La Fine, per ora…….

Storie simili

HOBO Capitoli 12 e 13

CAPITOLO DODICI Mi sono svegliato presto la mattina successiva e sono stato in grado di alzarmi dal letto senza svegliare Michelle. Sono andato in cucina, ho preparato una tazza di caffè. Ho poi cucinato uova strapazzate, pancetta e salsiccia e stavo finendo quando Michelle è entrata in cucina strofinandosi gli occhi. “Cosa stai facendo?”, chiese sbadigliando. “Ci sta preparando la colazione. Per favore, siediti sullo sgabello”, mi sorrise, fece il giro del bar e si sedette. Le ho preparato un piatto e l'ho posato davanti a lei, poi le ho versato una tazza di caffè. Poi ho aggiustato il mio piatto...

265 I più visti

Likes 0

Un sacco di piscio e merda..

Avevo solo bisogno di mettere su questa storia. Questo tipo di mi eccita. far sapere al mondo cosa ho fatto. spero ti piaccia e divertiti lascia commenti. Ciao, sono Sonia, un'indiana, una femmina. Questa è un'esperienza davvero fantastica che ho avuto e, per favore, non è un'opera di fantasia... è la sua vita reale... quindi allaccia le cinture di sicurezza.... Frequento un collegio.... in India stessa, e ho un bel corpo.... non molto sviluppato, ma è comunque bello da vedere e sono biondo.... ho i capelli lunghi, che mi piacciono levigato e raddrizzato.... Abbastanza su di me suppongo.... ecco la mia...

989 I più visti

Likes 0

Capitolo 3 della mia serie; Rachel viene in primo piano

Leggendo questo ho scoperto che alcuni dei dialetti della mia zona si sono intrufolati, quindi per salvare tutti i commenti sull'ortografia e sulla grammatica, lo spiegherò. Usiamo me al posto di mio in alcuni casi e nostra madre è mamma, quindi quando Rachel dice Sono caduto dalla bici e Questa sono io mamma questo è corretto parlare per lei. Ci scusiamo per eventuali errori di ortografia, che sono passati. Avevo circa 24 anni e Susan 20 quando ci siamo sposati, in meno di un anno sono stato nominato capo custode, a causa del ritiro di Sid, questo mi ha dato più...

811 I più visti

Likes 0

L'Harem dell'Imperatore - Parte 2

2. Mi sono svegliato la mattina dopo con la mia imperatrice drappeggiata su di me da dietro. Il suo braccio agile mi abbracciò il petto e sentii i suoi capezzoli contro la mia schiena. Avevo sposato Rayne per motivi politici, la crescita del mio regno richiedeva l'annessione di uno adiacente, praticamente delle stesse dimensioni di Marad. Sebbene i miei generali mi assicurassero che la capitale poteva essere catturata e la terra aggiunta alla mia, il costo del sangue era troppo grande per me da sopportare. Fu organizzato un matrimonio che avrebbe unito i nostri due imperi, ma in effetti Corlan fu...

755 I più visti

Likes 0

Brooke_(1)

Brooke Questa è la mia prima storia e, come tale, sii premuroso nelle tue critiche; solo critiche costruttive per favore. Se non ti piace questa storia, ce ne sono molte altre da leggere. I nomi sono stati cambiati per proteggere i miei fottuti compagni e, a loro volta, il mio culo. Durante la mia adolescenza, sono stato abbastanza sessualmente attivo. Essere un adolescente e anche frequentare un liceo cattolico per soli maschi ha solo favorito la mia libido. Per cominciare, io non sono un ragazzo piccolo. A quel tempo, avevo circa 6'3, 200 libbre e un atleta di prima qualità. Ho...

999 I più visti

Likes 0

Violentata da Bigfoot

Questa è la mia prima volta dal punto di vista di una donna. Fatemi sapere cosa ne pensate e se dovesse continuare... Violentata da bigfoot È stato uno strano incidente che mi ha portato a questa situazione. Avevo un po' di freddo, completamente nudo, avevo un mal di testa martellante, una caviglia dolorante ed ero intrappolato in una grotta a metà di una montagna. Non ricordo di essere stato portato qui, ma la creatura che deve avermi salvato la vita doveva vivere qui. Non l'ho visto molto, dato che ha lasciato la grotta verso l'alba. Ricordo solo di essere scivolato su...

993 I più visti

Likes 0

L'uomo più piccolo

Stavo guardando le gambe di Jerry, mentre era in piedi sullo sgabello davanti a me. Aveva le cosce molto forti, e ho ammirato la sua forma mentre metteva la nuova lampadina nella plafoniera. Questa cosa è un dolore da raggiungere, ha detto Jerry. Poi, mentre lottava con il bulbo, i miei occhi seguivano le sue gambe muscolose fino al punto in cui si incontravano, e ho dovuto sopprimere uno sguardo fisso: c'era un nodulo che giaceva di lato, un piccolo nodulo, ma c'era un nodulo ben definito. Lascia che ti spieghi quello. Stavamo parlando del nostro recente gruppo di feste che...

899 I più visti

Likes 0

Ragazze della California 3

Ragazze della California 3 Oh merda, sono le 7 del mattino esclamò Kate. Wow, siamo stati tutta la notte, sorrise Hannah, siamo delle puttane arrapate rise. No, sul serio, è un male, mia sorella sarà a casa tra mezz'ora. Kate ha detto alzandosi in piedi, Uh, merda a me le gambe, gemette, strofinandosi le ginocchia, agh e il mio bacino sembra come se qualcuno l'avesse battuto con un martello. Wow la scorsa notte è stato divertente sorrise Hannah ancora di più, Dovrei prendermi un cane! . Preoccupati dopo, aiutami a ripulire un po' di questo sperma, è ovunque! Merda è ovunque!...

862 I più visti

Likes 0

Perdo la verginità(8)

L'ho incontrata su un sito di chat su Internet. Vivevamo a 800 km di distanza, quindi non ho avuto problemi a flirtare come un matto. Mi ha detto che è alta 1,5 m, lunghi capelli biondi e occhi azzurri con un corpo sexy. Beh ovviamente l'ho presa in giro e le ho detto che se non mi manda una foto non le crederò, mi ha chiesto se le foto di lei sarebbero state solo per i miei occhi ed essendo il ragazzo che sono le ho dato la mia parola, aspettandomi una foto molto cattiva. Quello che ho ottenuto è stata...

827 I più visti

Likes 0

Una tarda notte all'uni

Bene, vengo da te per il fine settimana e devi andare un po' all'università per prendere qualcosa. è piuttosto tardi, non ci sono molte persone lì. Entri in una stanza vuota perché hai lasciato qualcosa lì dentro all'inizio della giornata. Mentre ti seguo dentro ti prendo la mano girandoti baciandoti appassionatamente ti spingo presto indietro al muro più vicino che sbatti contro il muro. cazzo che preme contro la tua figa attraverso i vestiti! comincio a lavorare sul tuo collo baciandoti all'inizio e poi affondando i denti dentro di te emetto un piccolo gemito per farmi sapere che ti stai divertendo!...

286 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.