CAW#11 - Giornata degli inverni freddi

2.1KReport
CAW#11 - Giornata degli inverni freddi

Era una fredda notte d'inverno, nel tardo autunno. La nebbia era calata; poco prima di mezzanotte e ricoprì gradualmente le strade. L'aria era piena di nebbia e la visibilità diventava difficile, mentre camminavo per le strade della città.

Il mio protettore è costretto a lavorare per strada stasera. Speravo in una notte proficua; per tenere lui e i suoi scagnozzi, lontano da me e dalla mia famiglia.

Mi chiamo Louise e sono una madre single di 21 anni e anche una prostituta. Ho una figlia di tre anni, Misty (Melissa). Era accudita da un caro amico.

Stanotte il mio corpo snello, incorniciato, stava sentendo, ogni gelida zaffata d'aria. Sto 5 piedi e 7 pollici e peso 103 libbre; e stasera non ero vestito in modo appropriato per gli elementi. Ero più preoccupato di guadagnare soldi, che di vestirmi adeguatamente. Quando sono partito per il mio percorso serale, alle 20:00, non era così freddo. Era da poco passata la mezzanotte e ora non era più così.

L'unica protezione dagli elementi che indossavo erano le calze a rete, la minigonna di lattice nera, la canotta nera, il corsetto di pizzo rosso e nero e gli stivali neri al ginocchio. Non indossavo né reggiseno né mutande, ma un reggicalze. Per fortuna indossavo anche la mia giacca di finta pelliccia di visone, altrimenti sarei morto congelato. Tremavo mentre camminavo stringendo la mia giacca di pelliccia, mentre mi si formava la pelle d'oca, sulle cosce e sul petto, per l'aria fredda.

Ho cercato di non stare fermo in un punto troppo a lungo, o il freddo avrebbe iniziato a mordere la mia pelle già fredda.

Decidendo che era un po' troppo nebbioso e freddo, per essere fuori vicino all'area del parco, così ho camminato verso il distretto alimentare.

Si sentivano i suoni rimbombanti di un vicino night club.
Mi trovavo non lontano da un vicolo che conduceva al retro di alcuni ristoranti. C'erano bidoni della spazzatura, cassonetti e roditori selvatici, vicino a dove mi trovavo. Ho acceso una sigaretta e ho guardato mentre le persone partivano per i taxi o le loro auto.

Io mentre sbuffavo il mio fumo, che la maggior parte dei ristoranti chiudeva o chiudeva, per la notte.

Mentre stavo tirando le ultime boccate di sigaretta, un uomo ha notato la mia immagine da lontano. Adesso stava camminando verso di me.

Più si avvicinava, più lo fissavo. Era calvo, aveva la testa rasata e indossava un trench nero. Indossava stivali rumorosi. Potevo sentire ogni singolo passo che faceva, mentre si avvicinava a me.

Ho preso un respiro profondo e ho gettato la sigaretta, perché ora si trovava a pochi passi da me.

"Ehi tesoro, dannazione sei uno schianto", disse, con le mani in tasca.

"Perché, grazie, e cosa ti porta qui a quest'ora della notte", ho chiesto.

"Oh, non lo so, ho appena finito un incontro di lavoro e poi la cena", ha risposto.

"Stai cercando il deserto", ho chiesto, e ho sollevato una gamba e l'ho appoggiata sopra un bidone della spazzatura.
"Oh dipende, cosa stai offrendo", disse, fissando la mia gamba.

"Hmmm, vediamo, $ 50 per una bocca piena, $ 100 per il sesso, $ 200 per i lavori", dissi.

Si arruffò nelle tasche e mi sorrise. Mi hanno consegnato un centinaio di dollari in banconote incasinate. Annuii e misi i soldi nel marsupio.

Mi condusse ulteriormente nel vicolo, lontano dalle luci e da occhi indiscreti. Abbiamo trovato un posto appartato e lui mi ha baciato il collo. Mi appoggio contro un muro di mattoni freddo e umido.

Mi divincolai e mormorai, mentre lui mi bacia e mi morde il collo. Poi mi strinse i seni e tirò giù la parte superiore del corsetto. I miei seni ora sentono l'aria fredda dell'inverno. La pelle d'oca si sviluppa sulla mia pelle, dal freddo.

Ora smette di baciarmi il collo e inizia a mordermi e succhiarmi i capezzoli. Mentre le strizzate grossolanamente e le torcete.

La sua attenzione era sul mio seno sinistro e ogni tanto mi baciava di nuovo il collo. Ero così preso da questo, i miei occhi lampeggiavano ed emettevo lenti gemiti.

Mentre andava a baciarmi la bocca, lo fermai con una mano libera. Ho toccato i suoi pantaloni gonfi e lentamente gli ho aperto la cerniera della patta. Poi ho tirato fuori il suo cazzo dalle mutande e ho cominciato ad accarezzarlo.
Mi baciò il collo mentre gli accarezzavo il cazzo, finché non divenne duro e luccicante di pre-sborra.

Smise di baciarmi e mi guardò giocare con il suo cazzo. L'ho guardato negli occhi e ho sputato una goccia di saliva sul suo cazzo. Ho accarezzato la mia saliva e il suo pre-cum, sul suo cazzo duro.

Mi accarezzò il seno mentre gli accarezzavo il cazzo. La mia bocca era a bocca aperta e i miei occhi tremolavano, come se fossi sotto una droga da festa.

Fu allora che lo spinsi via da me e contro il muro opposto. Avevo una mano sulla sua gola e un'altra sul suo cazzo. Mi fissò, all'inizio perplesso.

Si è rilassato una volta che mi sono abbassato e mi sono accovacciato. Penso che anche lui sapesse cosa stavo combinando.
Ho aperto la bocca e ho messo il suo cazzo dentro la mia bocca. "Mmmh, mmmh", ho fatto il mio lavoro di succhiarlo.

Mi ha accarezzato i capelli. Mi ha ispirato ancora di più a succhiare lentamente poi un po' più velocemente.

Succhiavo forte intorno alla testa, poi ingoiavo a fondo, prima di succhiare di nuovo sulla testa. Tirava fuori e schiaffeggiava la mia lingua con il suo cazzo, prima di inserirlo di nuovo dentro.

Lentamente l'ho ingoiato profondamente. Si lamentò. Ho strillato un po' mentre cercavo aria e saliva dalla mia bocca.
Mentre ansimavo e riprendevo fiato, gli accarezzavo il cazzo.
Lo accarezzo, succhio e lecco la testa, e poi lo ingoio. Questo è stato ripetuto più e più volte, per circa cinque minuti.

Per tutto il tempo, guardando per vedere se nessuno stesse guardando o si avvicinasse; ogni volta che ansimavo per l'aria.

Mi sollevò e mi fece affrontare il muro. La mia gonna era sbottonata e slacciata ed è caduta a terra. Poi le mie mutande sono state tirate giù e via.

Stringendo e poi allargando le mie chiappe, mentre sono rivolto verso il muro. Andò in giro, stringendomi le chiappe, prima di leccarmi il buco del culo. Mi piaceva la sua lingua, che mi ficcava nel buco del culo.

Poi mi ha forzato con forza contro i mattoni freddi e nebbiosi e ha infilato il suo cazzo nella mia figa bagnata e volenterosa.

"Preservativo", ho supplicato nervosamente. "Zitta puttana, ho un preservativo", ringhiò.

Ho guardato sopra la mia spalla e ho preso a coppa i miei seni nudi dal freddo della notte. Lanciai parecchie deboli grida; mentre andava in giro a fottermi lentamente, a fottermi moderatamente.

Le mie grida divennero sussulti mentre la mia maggiore eccitazione superava le mie prime aspettative. Ero nei torrenti e la sensazione mi ha fatto barcollare e inciampare in ginocchio. "Ooh dio, ooh, ooh", gemetti.
Mi sollevò e spinse di nuovo contro il muro. Ha stuzzicato la mia figa, con il suo cazzo prima di inserirlo lentamente nel mio culo. All'inizio mi sono bloccato, perché non mi ha pagato soldi per questo.
"Questo non faceva parte di", ho cercato di dire. "Smettila puttana, ti ho pagato per farmi scendere", brontolò contro di me.
In fondo non mi dispiaceva, ma non volevo che lui amasse l'anale.

Le grida di gioia che stavo mormorando, mi avrebbero però tradito.
"Ooh sì, ooh, ooh mmmh, ooh", ho pianto e mi sono lamentato. Non potevo farne a meno.

"Oh cagna, eri così stretto, ora sei giusto per il humping", ha parlato con me.
Lo odiavo riferendosi a me una cagna, con il suo tono di voce. Ma le mie grida facevano sembrare che mi piacesse essere chiamato tale.

Quando ha smesso di depredare il mio culo, si è tolto il preservativo e mi ha fatto rimettere in ginocchio. Ho succhiato e accarezzato il suo cazzo, finché non stava per venire.

Mentre gemeva con gli occhi chiusi e stava per sborrare, ho raggiunto la mia borsa. Quando ha grugnito e spruzzato il suo sperma sulla mia faccia; Ho tirato fuori il mio coltellino e gli ho aperto le palle.

"Puttana", mi ha urlato contro e mi ha schiaffeggiato.
Ha reagito d'istinto e ha raggiunto le sue palle sanguinanti. È stato allora che ho visto l'apertura di cui avevo bisogno.
Mi sono alzato da terra e gli ho tagliato la gola. Il sangue schizzò e schizzò dallo squarcio nella sua giugulare.
Ho guardato come ho sempre guardato la vita della mia vittima svanire lentamente. Poi, mentre lui prendeva i suoi ultimi sussulti d'aria, gli frugai nelle tasche e mi servii dei suoi soldi.

Ho usato le mutande per ripulirmi da sperma e schizzi di sangue. Poi ho tirato su il corsetto per coprirmi il seno e ho raccolto le mie cose.
Ho guardato di nuovo il cadavere della mia vittima e poi ho lasciato lo stretto crepaccio nel vicolo.

Accesi una sigaretta e proseguii lungo il vicolo; lontano dalla scena del crimine. Non indosso gonna, mutande e solo il mio corsetto, giarrettiera e tacchi.

Da quando mio zio e i suoi amici mi avevano violentata da bambina, questo era stato il mio sfogo o vendetta, contro la specie maschile. Se mi trattavano gentilmente, vivevano per scopare un altro giorno. Se hanno usato la parola "B" preferita di mio zio in "cagna", beh, non l'hanno fatto. La vittima di stasera è stata la numero cinque.

Clip clop clip clop, era il rumore dei miei piedi mentre camminavo nell'oscurità.
Quindi si sentivano ancora i suoni rimbombanti del night club. Mi appoggiai ai mattoni umidi di un edificio e finii la sigaretta.

Quando un giovane che era stato in discoteca ha visto me e la mia figa scoperta; si avvicinò a me.

"Ehi, sto cercando di fare festa", ha detto.

La Fine, per ora…….

Storie simili

Samantha e Kaylee_(0)

Avevo una vicina di nome Kaylee che era meravigliosa. Era alta, atletica e aveva un corpo sodo. Probabilmente circa 120 libbre. pelle abbronzata, capelli castano scuro. Ha sicuramente attirato la mia attenzione. Non era una troia, era più una provocazione. Abbiamo frequentato la stessa scuola superiore. L'ho vista spesso, ma non abbiamo parlato molto. Tutto in lei era ipnotizzante, il modo in cui i suoi capelli erano lunghi e avevano la giusta quantità di riccioli, le sue gambe, la figura sexy, aveva persino delle fossette sopra il sedere che potevo vedere quando era in bikini intorno alla piscina. Era una brava...

256 I più visti

Likes 0

Diventare Zoe

La mia futura moglie Annie aveva accettato un lavoro fuori città e la vedevo solo ogni due settimane circa. Mi mancava così tanto. Lei ed io eravamo diventati amanti a distanza. Aveva un volo di ritorno a casa venerdì sera. Stavo andando a prendere suo figlio Zakk dal suo dormitorio e noi due saremmo andati a prenderla all'aeroporto e ci saremmo goduti il ​​fine settimana insieme. Zakk è al suo primo anno di college e sta studiando per diventare un truccatore per il teatro e lo schermo. Lui e io non ci siamo davvero conosciuti e questo doveva essere il fine...

1K I più visti

Likes 0

Visitare un amico speciale

Ho bussato al cancello di metallo. Era un bungalow piuttosto grande circondato da muri di mattoni con glassa di filo spinato. Il mio cuore batteva. Tutto quello che sentivo era la paura di essere rifiutato o qualcosa del genere. Fortunatamente, suo fratello maggiore, Suleman, ha aperto la porta. Era un ragazzo con un carattere freddo e una corporatura piuttosto muscolosa, quindi ha mantenuto la sua posizione. Mi guardò con giudizio per un momento, sorrise e mi diede una stretta di mano. Ei, cosa ci fai qui? Sono qui per far visita a tua sorella... mi smorzai, sapendo quanto fosse insolito per...

1.3K I più visti

Likes 0

Il mio fratellastro

Penso che sia così dolce quando il mio fratellastro Kevin regala alla sua ragazza le sue cose. Le ha regalato il suo cappello preferito, verso il quale è ESTREMAMENTE protettivo. Ad esempio, non permettere mai a nessuno di toccarlo. Continua a dire che è perfetto ed è praticamente modellato per adattarsi alla sua testa, e glielo ha dato. Le ha anche regalato la sua giacca preferita e le lascia sempre prendere in prestito le sue fortunate perle del karma. Queste cose sono state il suo portafortuna per tre anni. Non se li toglie mai e odia quando le persone li toccano...

534 I più visti

Likes 0

Vacanze estive

Erano le vacanze estive. Faceva caldo e afoso e non c'era corrente. Eravamo davvero annoiati. Noi, nel senso, io, mia cugina Veena e suo fratello minore Ram. Io avevo 16 anni, lei 15 e lui solo 8. non sapevamo cosa fare e avevamo iniziato a sudare. i miei occhi caddero su Veena. la mia, se fosse cresciuta in un anno. doveva avere 5 1, le sue tette erano attaccate alla maglietta a causa del sudore e delle loro dimensioni La sua gonna era sopra le ginocchia, stava cercando di farsi aria e le sue tette le saltavano nella T. Sembrava che...

564 I più visti

Likes 0

Mia Matsumiya: come essere una brava ragazza

Mia Matsumiya: come essere una brava ragazza NOTA: per facilitare la visualizzazione, controlla il thread Mia Matsumiya: How To Be A Good Girl nella sezione Sex Stories del forum. Credetemi, ne varrà la pena! Mia Matsumiya, una bellissima violinista giapponese di 24 anni, è all'ultima tappa del suo tour in Francia con una delle band d'avanguardia con cui suona. Questa è una rara serata libera dal gioco per la piccola bellezza di un metro e settantacinque, che per caso ha incontrato una coppia di amici - Lisann e suo marito Rob - in un bar all'aperto all'inizio della giornata. Anche se...

403 I più visti

Likes 0

Caduta cap. 08

Capitolo 8, In cui condivido troppe informazioni Era stato un altro lungo viaggio, ma ero arrivato in tempo per prendere il volo del primo pomeriggio. Ero carico e ansioso di tornare a casa e condividere la buona notizia: avevo ottenuto un altro grosso contratto ed ero sulla buona strada per ottenere il venditore dell'anno e uno stupendo bonus. Grazie al coaching di Stacey, avevo imparato che un po' più di T&A avrebbero fatto molto. Una modesta spesa per abiti spigolosi, calze al posto dei collant e così via, si era trasformata in enormi aumenti degli affari firmati. Alcuni dei miei concorrenti...

275 I più visti

Likes 0

Colto in flagrante_(0)

Colto con le mani nel sacco Questa esperienza ha coinvolto il mio conoscente Ben. Dico conoscente perché l'ho incontrato solo una volta prima, abbiamo parlato a malapena e non aveva molto legame con me: era il figlio della mia amica più grande Vicky. Conoscevo Vicky perché facevo volontariato nel suo negozio di animali e, anche dopo aver finito, ancora oggi restiamo buoni amici. All'epoca avevo 15 anni e Ben 13. Vicky mi ha invitato a fare un barbecue per festeggiare il suo compleanno, quindi insieme a molte altre persone ho accettato, ero il più giovane lì a parte Ben che è...

271 I più visti

Likes 0

La mia calda sorellina deglutisce!

Avevo 18 anni al momento di questa storia e mia sorella 16. Avevo appena finito il liceo e in autunno sarei andato al college. Ero alto un metro e settanta e pesavo 175 libbre ed ero in ottima forma grazie allo sport. Mi chiamo Jim e anch'io ero un po' nerd. Tra studio e sport non avevo ancora nemmeno cominciato a frequentarmi. Mia sorella Beth era alta 1,70 e pesava 50 chili, con tette a forma di coppa C perfettamente appuntite e un bel sedere a bolla. Aveva lunghi capelli biondi naturali, setosi, penetranti occhi azzurri e una bocca molto calda...

171 I più visti

Likes 1

Colto in flagrante_(9)

Mi chiamo Carla e sono una studentessa universitaria di 19 anni. Vivo con la mia migliore amica Sarah in un appartamento che i suoi genitori pagano per lei. Il padre di Sarah ha fondato un'azienda che ha funzionato davvero bene e ora ha i soldi da spendere per Sarah quando vuole. Più su di me, sono circa 5'4 con lunghi capelli castano scuro, con una corporatura snella. Ecco la storia di come ho imparato qualcosa in più su me stesso e su Sarah. Sarah era stupenda, era il tipo di ragazza che quando camminavi lungo il corridoio i ragazzi ti fissavano...

2.9K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.