CAW#11 - Giornata degli inverni freddi

73Report
CAW#11 - Giornata degli inverni freddi

Era una fredda notte d'inverno, nel tardo autunno. La nebbia era calata; poco prima di mezzanotte e ricoprì gradualmente le strade. L'aria era piena di nebbia e la visibilità diventava difficile, mentre camminavo per le strade della città.

Il mio protettore è costretto a lavorare per strada stasera. Speravo in una notte proficua; per tenere lui e i suoi scagnozzi, lontano da me e dalla mia famiglia.

Mi chiamo Louise e sono una madre single di 21 anni e anche una prostituta. Ho una figlia di tre anni, Misty (Melissa). Era accudita da un caro amico.

Stanotte il mio corpo snello, incorniciato, stava sentendo, ogni gelida zaffata d'aria. Sto 5 piedi e 7 pollici e peso 103 libbre; e stasera non ero vestito in modo appropriato per gli elementi. Ero più preoccupato di guadagnare soldi, che di vestirmi adeguatamente. Quando sono partito per il mio percorso serale, alle 20:00, non era così freddo. Era da poco passata la mezzanotte e ora non era più così.

L'unica protezione dagli elementi che indossavo erano le calze a rete, la minigonna di lattice nera, la canotta nera, il corsetto di pizzo rosso e nero e gli stivali neri al ginocchio. Non indossavo né reggiseno né mutande, ma un reggicalze. Per fortuna indossavo anche la mia giacca di finta pelliccia di visone, altrimenti sarei morto congelato. Tremavo mentre camminavo stringendo la mia giacca di pelliccia, mentre mi si formava la pelle d'oca, sulle cosce e sul petto, per l'aria fredda.

Ho cercato di non stare fermo in un punto troppo a lungo, o il freddo avrebbe iniziato a mordere la mia pelle già fredda.

Decidendo che era un po' troppo nebbioso e freddo, per essere fuori vicino all'area del parco, così ho camminato verso il distretto alimentare.

Si sentivano i suoni rimbombanti di un vicino night club.
Mi trovavo non lontano da un vicolo che conduceva al retro di alcuni ristoranti. C'erano bidoni della spazzatura, cassonetti e roditori selvatici, vicino a dove mi trovavo. Ho acceso una sigaretta e ho guardato mentre le persone partivano per i taxi o le loro auto.

Io mentre sbuffavo il mio fumo, che la maggior parte dei ristoranti chiudeva o chiudeva, per la notte.

Mentre stavo tirando le ultime boccate di sigaretta, un uomo ha notato la mia immagine da lontano. Adesso stava camminando verso di me.

Più si avvicinava, più lo fissavo. Era calvo, aveva la testa rasata e indossava un trench nero. Indossava stivali rumorosi. Potevo sentire ogni singolo passo che faceva, mentre si avvicinava a me.

Ho preso un respiro profondo e ho gettato la sigaretta, perché ora si trovava a pochi passi da me.

"Ehi tesoro, dannazione sei uno schianto", disse, con le mani in tasca.

"Perché, grazie, e cosa ti porta qui a quest'ora della notte", ho chiesto.

"Oh, non lo so, ho appena finito un incontro di lavoro e poi la cena", ha risposto.

"Stai cercando il deserto", ho chiesto, e ho sollevato una gamba e l'ho appoggiata sopra un bidone della spazzatura.
"Oh dipende, cosa stai offrendo", disse, fissando la mia gamba.

"Hmmm, vediamo, $ 50 per una bocca piena, $ 100 per il sesso, $ 200 per i lavori", dissi.

Si arruffò nelle tasche e mi sorrise. Mi hanno consegnato un centinaio di dollari in banconote incasinate. Annuii e misi i soldi nel marsupio.

Mi condusse ulteriormente nel vicolo, lontano dalle luci e da occhi indiscreti. Abbiamo trovato un posto appartato e lui mi ha baciato il collo. Mi appoggio contro un muro di mattoni freddo e umido.

Mi divincolai e mormorai, mentre lui mi bacia e mi morde il collo. Poi mi strinse i seni e tirò giù la parte superiore del corsetto. I miei seni ora sentono l'aria fredda dell'inverno. La pelle d'oca si sviluppa sulla mia pelle, dal freddo.

Ora smette di baciarmi il collo e inizia a mordermi e succhiarmi i capezzoli. Mentre le strizzate grossolanamente e le torcete.

La sua attenzione era sul mio seno sinistro e ogni tanto mi baciava di nuovo il collo. Ero così preso da questo, i miei occhi lampeggiavano ed emettevo lenti gemiti.

Mentre andava a baciarmi la bocca, lo fermai con una mano libera. Ho toccato i suoi pantaloni gonfi e lentamente gli ho aperto la cerniera della patta. Poi ho tirato fuori il suo cazzo dalle mutande e ho cominciato ad accarezzarlo.
Mi baciò il collo mentre gli accarezzavo il cazzo, finché non divenne duro e luccicante di pre-sborra.

Smise di baciarmi e mi guardò giocare con il suo cazzo. L'ho guardato negli occhi e ho sputato una goccia di saliva sul suo cazzo. Ho accarezzato la mia saliva e il suo pre-cum, sul suo cazzo duro.

Mi accarezzò il seno mentre gli accarezzavo il cazzo. La mia bocca era a bocca aperta e i miei occhi tremolavano, come se fossi sotto una droga da festa.

Fu allora che lo spinsi via da me e contro il muro opposto. Avevo una mano sulla sua gola e un'altra sul suo cazzo. Mi fissò, all'inizio perplesso.

Si è rilassato una volta che mi sono abbassato e mi sono accovacciato. Penso che anche lui sapesse cosa stavo combinando.
Ho aperto la bocca e ho messo il suo cazzo dentro la mia bocca. "Mmmh, mmmh", ho fatto il mio lavoro di succhiarlo.

Mi ha accarezzato i capelli. Mi ha ispirato ancora di più a succhiare lentamente poi un po' più velocemente.

Succhiavo forte intorno alla testa, poi ingoiavo a fondo, prima di succhiare di nuovo sulla testa. Tirava fuori e schiaffeggiava la mia lingua con il suo cazzo, prima di inserirlo di nuovo dentro.

Lentamente l'ho ingoiato profondamente. Si lamentò. Ho strillato un po' mentre cercavo aria e saliva dalla mia bocca.
Mentre ansimavo e riprendevo fiato, gli accarezzavo il cazzo.
Lo accarezzo, succhio e lecco la testa, e poi lo ingoio. Questo è stato ripetuto più e più volte, per circa cinque minuti.

Per tutto il tempo, guardando per vedere se nessuno stesse guardando o si avvicinasse; ogni volta che ansimavo per l'aria.

Mi sollevò e mi fece affrontare il muro. La mia gonna era sbottonata e slacciata ed è caduta a terra. Poi le mie mutande sono state tirate giù e via.

Stringendo e poi allargando le mie chiappe, mentre sono rivolto verso il muro. Andò in giro, stringendomi le chiappe, prima di leccarmi il buco del culo. Mi piaceva la sua lingua, che mi ficcava nel buco del culo.

Poi mi ha forzato con forza contro i mattoni freddi e nebbiosi e ha infilato il suo cazzo nella mia figa bagnata e volenterosa.

"Preservativo", ho supplicato nervosamente. "Zitta puttana, ho un preservativo", ringhiò.

Ho guardato sopra la mia spalla e ho preso a coppa i miei seni nudi dal freddo della notte. Lanciai parecchie deboli grida; mentre andava in giro a fottermi lentamente, a fottermi moderatamente.

Le mie grida divennero sussulti mentre la mia maggiore eccitazione superava le mie prime aspettative. Ero nei torrenti e la sensazione mi ha fatto barcollare e inciampare in ginocchio. "Ooh dio, ooh, ooh", gemetti.
Mi sollevò e spinse di nuovo contro il muro. Ha stuzzicato la mia figa, con il suo cazzo prima di inserirlo lentamente nel mio culo. All'inizio mi sono bloccato, perché non mi ha pagato soldi per questo.
"Questo non faceva parte di", ho cercato di dire. "Smettila puttana, ti ho pagato per farmi scendere", brontolò contro di me.
In fondo non mi dispiaceva, ma non volevo che lui amasse l'anale.

Le grida di gioia che stavo mormorando, mi avrebbero però tradito.
"Ooh sì, ooh, ooh mmmh, ooh", ho pianto e mi sono lamentato. Non potevo farne a meno.

"Oh cagna, eri così stretto, ora sei giusto per il humping", ha parlato con me.
Lo odiavo riferendosi a me una cagna, con il suo tono di voce. Ma le mie grida facevano sembrare che mi piacesse essere chiamato tale.

Quando ha smesso di depredare il mio culo, si è tolto il preservativo e mi ha fatto rimettere in ginocchio. Ho succhiato e accarezzato il suo cazzo, finché non stava per venire.

Mentre gemeva con gli occhi chiusi e stava per sborrare, ho raggiunto la mia borsa. Quando ha grugnito e spruzzato il suo sperma sulla mia faccia; Ho tirato fuori il mio coltellino e gli ho aperto le palle.

"Puttana", mi ha urlato contro e mi ha schiaffeggiato.
Ha reagito d'istinto e ha raggiunto le sue palle sanguinanti. È stato allora che ho visto l'apertura di cui avevo bisogno.
Mi sono alzato da terra e gli ho tagliato la gola. Il sangue schizzò e schizzò dallo squarcio nella sua giugulare.
Ho guardato come ho sempre guardato la vita della mia vittima svanire lentamente. Poi, mentre lui prendeva i suoi ultimi sussulti d'aria, gli frugai nelle tasche e mi servii dei suoi soldi.

Ho usato le mutande per ripulirmi da sperma e schizzi di sangue. Poi ho tirato su il corsetto per coprirmi il seno e ho raccolto le mie cose.
Ho guardato di nuovo il cadavere della mia vittima e poi ho lasciato lo stretto crepaccio nel vicolo.

Accesi una sigaretta e proseguii lungo il vicolo; lontano dalla scena del crimine. Non indosso gonna, mutande e solo il mio corsetto, giarrettiera e tacchi.

Da quando mio zio e i suoi amici mi avevano violentata da bambina, questo era stato il mio sfogo o vendetta, contro la specie maschile. Se mi trattavano gentilmente, vivevano per scopare un altro giorno. Se hanno usato la parola "B" preferita di mio zio in "cagna", beh, non l'hanno fatto. La vittima di stasera è stata la numero cinque.

Clip clop clip clop, era il rumore dei miei piedi mentre camminavo nell'oscurità.
Quindi si sentivano ancora i suoni rimbombanti del night club. Mi appoggiai ai mattoni umidi di un edificio e finii la sigaretta.

Quando un giovane che era stato in discoteca ha visto me e la mia figa scoperta; si avvicinò a me.

"Ehi, sto cercando di fare festa", ha detto.

La Fine, per ora…….

Storie simili

Programma Alpha-Omega 7

Episodio 7: Debug del codice Zack stava sfrecciando per la strada sul suo nuovo scooter. Era stato in giro solo per divertirsi nell'ultima ora. Alla fine, decise di andare a casa di Brian, per mostrargli il suo nuovo giocattolo. Girò intorno all'angolo successivo e si diresse verso quella parte della città. Zack notò immediatamente che il camioncino di Brian era sparito, quindi Brian quasi certamente non era a casa. Oh bene, pensò. Lo mostrerò a Wendy, allora. Zack bussò alla porta e poi entrò, salutandolo. Sentì la signora Selman chiamare dalla cucina, e così andò in quella direzione. Quando entrò in...

257 I più visti

Likes 0

Ragazze in spiaggia a tre

È iniziato domenica mattina presto nel weekend del Memorial Day quando mi sono alzato per prendere un bicchiere d'acqua dalla cucina. Stavamo affittando una casa sulla spiaggia nelle Outer Banks e avevo davvero sete per la pizza vegetariana che abbiamo mangiato per cena. Scivolai fuori dal letto e mi diressi in cucina. Ho sentito la TV del soggiorno accesa e ho pensato che le due ragazze fossero tornate tardi dal loro incontro con i ragazzi che prima avevano preso in giro in spiaggia, avessero guardato un po' di TV e l'avessero lasciata accesa. Ho intravisto la TV dallo spazio tra la...

215 I più visti

Likes 0

Il furgone - Scopa mia moglie

Una sera io e mia moglie stavamo cenando, è venuto fuori l'argomento di una delle nostre fantasie. L'abbiamo chiamato il furgone. Era stata una nostra fantasia ricorrente prendere diversi ragazzi e farli scopare mia moglie nel retro di un furgone. Questa volta abbiamo deciso di farlo quindi abbiamo aspettato il weekend. Abbiamo noleggiato un furgone bianco per la notte e siamo andati in centro alla ricerca di alcuni ragazzi belli e sani. Indossava un mini abito nero scollato e aveva un letto rifatto nella parte posteriore. Abbiamo guidato per un po' e ci siamo imbattuti in un ragazzo che camminava da...

157 I più visti

Likes 0

Fratello e sorella a casa da soli

Questa è una storia di fantasia Ciao cari lettori, mi chiamo Young e voglio condividere un segreto che ho tenuto nascosto ai miei genitori per un anno. Ho 22 anni e mia sorella ha 19 anni. Viviamo entrambi con i nostri genitori, il che aiuta molto in questa economia. La storia che segue è quello che è successo nel dicembre del 2010, mentre io e mia sorella siamo rimasti a casa da soli per due settimane prima di Natale. I nostri genitori gestiscono un'attività all'estero e sono a malapena a casa. Tanto per cominciare, voglio dire che ho sempre amato mia...

155 I più visti

Likes 0

Mia sorella mi fa mostrare la sua parte 01

Mia sorella mi fa mostrare a lei di Vanessa Evans Parte 1 Ciao, mi chiamo Archie e mia sorella si chiama Alice, siamo gemelli di 18 anni. Siamo sempre andati d'accordo, aiutandoci a vicenda con i compiti scolastici e parlandoci di tutto, e dico proprio tutto. Pensavo che tutto significasse tutto tranne poco tempo fa Alice mi ha raccontato una fantasia che aveva da anni. Mi ha detto che voleva che gli uomini la vedessero nuda. All'inizio sono rimasto scioccato perché, sebbene condividessimo il bagno da anni e l'inevitabile fosse accaduto occasionalmente, ho sempre pensato che Alice fosse una brava ragazza...

180 I più visti

Likes 0

Colto in flagrante_(9)

Mi chiamo Carla e sono una studentessa universitaria di 19 anni. Vivo con la mia migliore amica Sarah in un appartamento che i suoi genitori pagano per lei. Il padre di Sarah ha fondato un'azienda che ha funzionato davvero bene e ora ha i soldi da spendere per Sarah quando vuole. Più su di me, sono circa 5'4 con lunghi capelli castano scuro, con una corporatura snella. Ecco la storia di come ho imparato qualcosa in più su me stesso e su Sarah. Sarah era stupenda, era il tipo di ragazza che quando camminavi lungo il corridoio i ragazzi ti fissavano...

324 I più visti

Likes 0

DIARIO DI UNA FAMIGLIA: PARTE 1

3 settembre Caro diario, mi chiamo Tilly Crawford e negli ultimi dieci anni sono stata la casalinga della Delta House Fraternity qui allo State U. Un altro anno di scuola è iniziato proprio ieri e i ragazzi si stanno preparando per la corsa all'impegno della confraternita settimana organizzando feste e, naturalmente, l'open house per consentire alle nuove matricole di farsi un'idea se desiderano unirsi a Omega House. È stata una lunga estate per me diario, mi manca molto stare con i ragazzi e ovviamente alla mia figa mancava l'attenzione che riceve dai loro grossi cazzi duri!!! Eric è appena passato per...

346 I più visti

Likes 0

Il Barfly - cap. 2, riscrivi

Prologo Vorrei ringraziare coloro che hanno letto le mie storie e le hanno commentate. Questa è una riscrittura completa del secondo capitolo della mia storia The Barfly originariamente pubblicato nel forum. Vorrei chiedere a quelli di voi che mi onorano con voti negativi nei gruppi di lasciare alcuni commenti in modo che io possa imparare cosa non piace ai lettori delle mie storie. Vorrei anche chiedere a quelli di voi a cui piacciono le mie storie di lanciare un wote a modo mio per tenerle in una posizione accessibile. Godere J. Bailey Il Barfly, cap. 2, riscrivi Si svegliò la mattina...

216 I più visti

Likes 0

A metà di metà settembre

Per nessun motivo particolarmente affascinante mi sono ritrovato a stare con mia zia Renee. Nel prossimo mese, mi sarei trasferito di nuovo a est o mi sarei trasferito nell'appartamento che mia madre stava per acquistare, nel caso avessi bisogno di un po' di tempo di bufferizzazione. 
Sapevo già che avevo bisogno di tempo di buffer. Avevo anche bisogno del tempo di buffer per spiegarle completamente la situazione. Avevo ad un certo punto e momento, capito chi dovevo essere e prima potevo arrivare a quel punto e smettere di essere quello che ero attualmente, meglio per me e per tutte le persone...

226 I più visti

Likes 0

Brooke_(1)

Brooke Questa è la mia prima storia e, come tale, sii premuroso nelle tue critiche; solo critiche costruttive per favore. Se non ti piace questa storia, ce ne sono molte altre da leggere. I nomi sono stati cambiati per proteggere i miei fottuti compagni e, a loro volta, il mio culo. Durante la mia adolescenza, sono stato abbastanza sessualmente attivo. Essere un adolescente e anche frequentare un liceo cattolico per soli maschi ha solo favorito la mia libido. Per cominciare, io non sono un ragazzo piccolo. A quel tempo, avevo circa 6'3, 200 libbre e un atleta di prima qualità. Ho...

175 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.