Mia madre la famosa autrice - parte 2

219Report
Mia madre la famosa autrice - parte 2

Due settimane dopo che ero stato quasi sorpreso dalla governante, mentre sbirciavo mia madre nuda in bagno, la situazione non era cambiata.
Mia madre aveva fatto altri due viaggi all'estero, uno di tre giorni e uno di cinque giorni. Era stata via anche un giorno per apparire in uno show televisivo e nei giorni in cui era a casa, aveva scritto nel suo studio. Durante le poche notti che aveva trascorso a casa, l'avevo sbirciata di nuovo mentre veniva scopata duramente da tutti i tipi di suoi amici motociclisti o mentre se la cavava da sola con i suoi giocattoli. Sbirciarla durante il giorno era qualcosa che volevo, ma lo spavento che avevo avuto quando ero quasi stato scoperto, mi ha impedito di farlo di nuovo.
Era un venerdì e mia madre non era a casa. La governante mi ha detto, tornando a casa da scuola, che l'incontro con lei pubblicato era durato più del previsto e che lei avrebbe passato la notte in albergo, ma almeno sarebbe tornata a casa per cena il giorno dopo. Il giorno dopo sarebbe stato il mio diciassettesimo compleanno e mia madre si preoccupava sempre di essere a casa almeno il giorno dei miei compleanni, perché mi vedeva così poco com'era. Mi chiedevo che tipo di regalo stravagante avesse in serbo per me quest'anno. L'anno scorso, quando avevo sedici anni, mi aspettava un motorino nuovo di zecca, molto costoso, con tutti i lavori. Era stato un regalo fantastico e non potevo immaginare che mia madre avrebbe trovato un modo per superare quel regalo quest'anno. Un nuovo PC o una console di gioco costosi – mi aspettavo qualcosa in quella direzione – non sarebbero all’altezza del ciclomotore dell’anno scorso.
Con mia sorpresa non c'era nessun regalo ad aspettarmi, quando sabato mattina scesi verso le undici per fare colazione. Ero abituato al fatto che se mia madre non era a casa la mattina del mio compleanno, faceva comunque in modo che il mio regalo fosse lì. Anna, la governante, mi ha preparato da mangiare e mi ha detto che quest'anno mia madre avrebbe portato con sé il mio regalo di compleanno.
A quel messaggio ho alzato le spalle, perché in realtà il mio regalo non mi riguardava più di tanto: i miei pensieri erano rivolti a cose completamente diverse. . .
Tutto il giorno non ho fatto nulla, ho guardato un po’ di televisione, ho ascoltato un po’ di musica e ho giocato con un paio di giochi al PC. Alle sei e mezza mia madre tornò a casa e la governante aveva preparato la cena in perfetto orario.
Mentre veniva servita la cena, mia madre si congratulò con me con un bacio sulla guancia, dopodiché ci sedemmo a tavola nell'enorme soggiorno della villa. Appena servita la cena, mia madre disse alla governante che poteva prendersi il resto della serata libera, visto che non avremmo più avuto bisogno dei suoi servizi. Mentre mangiavamo cominciai a chiedermi che tipo di regalo mi avesse portato mia madre, dato che non mi aveva ancora dato nulla e non me ne aveva nemmeno parlato.
Durante la cena ogni tanto lanciavo a mia madre uno sguardo furtivo. Sembrava come sempre, come l'autrice di libri per bambini di successo, popolare e dolce. I suoi lunghi capelli biondi erano legati in un nodo sulla nuca e indossava una camicetta bianca sotto un tailleur grigio. Portava gli occhiali – di recente aveva iniziato ad averne bisogno – e portava orecchini rotondi d'oro che erano piuttosto grandi per i suoi standard. Guardando meglio notai anche che era un po' più truccata del solito. Ciò che attirò particolarmente la mia attenzione fu il suo rossetto viola che rendeva le sue labbra carnose ancora più attraenti di quanto non fossero già.
“Bene”, disse mia madre appena finito di mangiare, “allora è giunto il momento del tuo regalo di compleanno. Sei un po' curioso?"
“Un po’”, risposi sulla difensiva.

"Probabilmente pensi", sorrise con uno sguardo che non riuscivo a individuare, "che non sono riuscita a pensare a qualcosa che possa superare quel motorino che ti ho regalato l'anno scorso."
Non sapevo cosa dire, quindi mi sono limitato ad annuire leggermente.
"Allora ti sbagli", disse. Si è alzata. "Vieni, il tuo regalo è di sopra."
Mia madre andò dal soggiorno alle scale e la seguì, un po' confusa. Normalmente non si preoccupava mai dei regali di compleanno, ma me li regalava e basta, senza sorprese. Salì le scale e io la seguii. La vista che avevo ora del suo sedere rotondo in quella bella gonna grigia e affilata del tailleur mi stava già facendo eccitare di nuovo e spingeva la mia curiosità per il mio regalo in un angolo della mia mente.
Mia madre andò nella sua camera da letto e aprì la porta. Continuavo a camminare dietro di lei, non sapendo cosa aspettarmi. Non appena fummo entrambi nella sua stanza, lei chiuse la porta dietro di me e si fermò davanti a me. Senza dire una parola portò le mani ai bottoni della camicetta bianca. Mentre mi guardava fisso, cominciò a sbottonare la camicetta. Ho sentito il mio cazzo diventare duro nei pantaloni. Non osavo credere che ciò stesse realmente accadendo.
"Questo è quello che vuoi, non è vero?" chiese con un tono di voce eccitato. Aveva sbottonato completamente la camicetta e l'aveva tirata fuori dalla gonna, permettendomi di vedere bene il suo seno. Non indossava un reggiseno. Deglutii e non sapevo cosa dire.
Mia madre gettò la camicetta sul pavimento, mostrandomi il suo bel seno in tutto il suo splendore. “Andiamo”, disse sospirando, “toccateli. Leccali."
Non riuscivo più a trattenermi e mi sono gettata sulle tette di mia madre. Li impastai con le mani e succhiai i capezzoli, che presto furono completamente eretti. “Anche tu lo facevi quando eri piccolo”, gemeva mia madre, “e per fortuna non hai dimenticato come si fa”.
Dopo aver giocato per un po' con le sue tette, mia madre mi ha spinto via dolcemente. Lasciai andare la sua rastrelliera e le lanciai uno sguardo interrogativo.
"Pensavi che non lo sapessi?" chiese con un sorriso lascivo sulle mutande.
“Pensavi che non sapessi che mi sbirciavi da mesi? Ti ho sentito, Anna ti ha visto. . . e poi tutti quei pantaloni sporchi del pigiama. . .”
Non sapevo cosa dire. Mi sentivo così enormemente preso.
“Va tutto bene, figliolo”, disse mia madre in modo rassicurante, “è del tutto normale che tu sia così arrapato, sicuramente alla tua età”. Si slacciò la gonna e la lasciò cadere sul pavimento, così da trovarsi di fronte a me con indosso solo un paio di mutandine bianche. Ha infilato una mano nelle mutandine e ha iniziato a toccarsi la figa. "So che hai una cotta per me, figliolo", disse, "e io sono il tuo regalo di compleanno!"
Si tolse le mutandine così da essere completamente nuda. “Spogliati”, disse, “o devo farlo?”
Non sapevo quanto velocemente dovevo liberarmi dei vestiti e in pochi istanti ero nudo di fronte a mia madre, con un cazzo più duro che mai.
“Non male”, mia madre sorrise con approvazione guardando il mio cazzo, “quindi dopotutto hai ereditato qualcosa da tuo padre”.
Mi prese la mano e mi condusse al suo letto. "Sdraiati", disse e io mi sdraiai sulla schiena sul letto. Anche mia madre si infilò sul letto e si sedette in ginocchio davanti a me. Con la mano mi ha afferrato il cazzo e ha iniziato a masturbarmi lentamente. "Sentirsi bene?" lei chiese. Potevo solo gemere in risposta. La sensazione della sua mano attorno al mio palo rigido era così incredibilmente buona. Mia madre ridacchiò e si chinò sul mio inguine. Ha messo le sue labbra attorno alla mia testa di cazzo e ha iniziato a leccarla attentamente. Non avevo idea di cosa mi stesse succedendo, non avevo mai provato niente del genere! Con la lingua ha leccato un po' di sperma dal mio cazzo, prima di lanciarsi sui miei genitali. Ha preso quasi tutto il mio cazzo duro come la roccia in bocca e ha cominciato a succhiarlo con esuberanza, mentre mi massaggiava le palle con le mani. La sensazione che questo mi ha dato è stata così fantastica che non mi ci è voluto molto per arrivare. Mia madre sentiva che ero sull'orlo dell'orgasmo, ma continuava a succhiarmi il cazzo con forza senza mostrare alcuna intenzione di lasciarlo andare. Non ne potevo più e ho sperimentato un potente orgasmo. Ho scaricato un'enorme quantità di sperma nella bocca di mia madre e lei ha cercato di ingoiarlo tutto. L'enorme quantità di sperma che sgorgava dalle mie palle era così grande, tuttavia, che non riusciva a ingoiarlo tutto e lo sperma in eccesso le colava dalla bocca, il che pensavo fosse una visione incredibilmente eccitante.
Dopo un po' mia madre lasciò scivolare fuori dalla bocca il mio cazzo indietreggiato e fece rotolare il suo meraviglioso corpo sopra il mio. La sensazione delle sue tette contro il mio petto e della sua pancia contro il mio cazzo era indicibilmente eccitante. Mi ha sorriso, mentre il mio giovane sperma le colava ancora dalle labbra e dal mento.
"Allora cosa ne pensi del tuo regalo di compleanno?" chiese con voce eccitata.
“Meraviglioso”, fu l’unica cosa che potevo dire, “molto meglio del motorino dell’anno scorso”.
Lei rise e si alzò. “Resta lì e riposati un po’, perché non avremo finito per un bel po’. Vado a prendere dello champagne per festeggiare questa occasione speciale.
Mia madre, nuda, lasciò la camera da letto, lasciandomi in uno stato di pura beatitudine. Quasi non mi rendevo conto di quello che era appena successo. Le cose sarebbero diventate molto più folli, però. Dopo pochi minuti mia madre ritornò. Era ancora nuda, non si era nemmeno presa la briga di asciugarmi lo sperma dalla bocca e... . . non era sola. Insieme a mia madre la governante è entrata nella camera da letto! In una mano Anna portava una grande bottiglia di champagne, nell'altra tre bicchieri. Ma la cosa più sorprendente era il modo in cui era vestita. La matura governante, che avevo sempre visto indossare solo noiosi abiti larghi con fiori, indossava solo un reggiseno di pizzo nero con mutandine abbinate e calze nere. Era anche pesantemente truccata, mentre di solito andava senza trucco. Per come la vedevo adesso non la trovavo nemmeno poco attraente, me ne resi conto. Naturalmente era piuttosto avanzata in età, aveva la sua dose di rughe e la sua pelle non era più così tesa in tutti i punti, ma emanava un'incredibile luce di arrapamento e se i suoi seni non erano più così sodi, loro erano davvero giganteschi.
Mia madre vide il mio sguardo di totale stupore sul mio viso e sorrise maliziosamente.
"Anna si unirà a noi", sorrise maliziosamente, "non siamo una specie di famiglia, dopo tutto, noi tre?"
Forse, ma una famiglia estremamente disfunzionale, ho pensato, anche se ho deciso di non dire nulla. Anna posò i bicchieri sul comodino, aprì la bottiglia e versò i bicchieri. Abbiamo preso un bicchiere tutti e tre e mia madre ha brindato. "Al tuo diciassettesimo compleanno, Peter!" Abbiamo bevuto tutti diversi sorsi e rimesso giù i bicchieri, dopodiché mia madre si è seduta su una sedia accanto al giorno. "Ebbene," mi disse, "lascia che Anna ti scaldi ancora un po'."
Non ci sarebbe voluto molto sforzo – il mio cazzo stava cominciando a diventare di nuovo abbastanza duro già – ma la governante ha svolto il lavoro con entusiasmo. Ha preso la bottiglia di champagne e ha versato una discreta quantità del prezioso liquido sul mio cazzo, dopodiché si è chinata sul mio inguine e l'ha preso in bocca. Me lo ha fatto in modo diverso rispetto a mia madre, molto meno sottile, ma più duro e violento, cosa che mi è piaciuta molto, anche se sembrava completamente diversa. In breve tempo il mio cazzo tornò alla sua grandezza naturale e Anna smise di succhiare. Si è alzata e si è slacciata il reggiseno, mostrandomi le sue enormi tette bianco latte in tutto il loro splendore. Ho guardato di traverso e ho visto che mia madre stava giocando con se stessa mentre ci osservava.
"Vuoi mettere quella tua grossa erezione tra le mie tette?" chiese Anna.
Annuii e lei si sdraiò sulla schiena sul letto. Mi sono arrampicato su di lei e ho messo il mio cazzo tra quei seni enormi. Lentamente ho iniziato a muovermi avanti e indietro mentre Anna spingeva le sue tette contro il mio cazzo, che scompariva completamente tra queste gigantesche montagne di carne. Il fatto che le tette di Anna non fossero più così sode non ha ostacolato per niente il mio godimento dell’esperienza. I suoi enormi capezzoli sporgevano duri come la roccia, cosa che ho trovato molto eccitante. Ho iniziato a muovermi sempre più velocemente e non ci è voluto molto prima che fossi vicino a tornare di nuovo. Ho guardato di nuovo di traverso e ho visto che mia madre ora era seduta sulla sedia con le gambe sollevate, mentre si massaggiava la fica con entrambe le mani. Apparentemente la vista di suo figlio che scopava la governante la eccitava davvero, il che a sua volta mi rendeva ancora più arrapato di quanto non fossi già. Ho sentito lo sperma venire e, a quanto pare, anche Anna, dato che ha lasciato andare i suoi seni e ha afferrato il mio cazzo giusto in tempo per dirigere il carico di sperma che stavo rilasciando verso le sue tette. Grossi schizzi di sperma cadevano sulle sue enormi tette, mentre allo stesso tempo sentivo mia madre gemere mentre veniva. Mi lasciai cadere sul letto sulla schiena, esausto, accanto ad Anna. Ha girato la testa verso la mia e mi ha dato un bacio umido sulla bocca, cosa che mi è piaciuta molto. "È stato bello, vero?" lei disse. Ho annuito in segno di conferma.
Anna si alzò e mia madre prese posto sul letto. Mi ha guardato. “Bene, è una bella festa di compleanno o cosa? Ma il momento clou deve ancora arrivare. Hai già ricevuto pompini da due donne, ma non hai ancora scopato. Ha preso il mio uccello che si stava restringendo e ha iniziato ad accarezzarlo, mentre Anna ha afferrato la bottiglia di champagne e ha versato il liquido costoso su tutto il corpo di mia madre. La presenza del magnifico corpo bagnato di mia madre combinato con le sue carezze sul mio cazzo hanno fatto sì che molto presto il mio cazzo fosse di nuovo duro come la roccia. "Vieni", disse la mamma, "scopami".
Mi sono messo sopra di lei e con la sua mano ha guidato il mio cazzo nella sua fica calda. Il mio cazzo è scivolato dentro senza sforzo e istintivamente ho iniziato a spingere. Lo champagne aveva reso il suo corpo incredibilmente appiccicoso, provocando una sensazione davvero eccitante ad ogni tocco. Sono riuscito a resistere molto più a lungo questa volta dato che ovviamente ero già venuto due volte. Spinsi sempre più forte, facendo tremare selvaggiamente le tette di mia madre. Mentre continuavo a spingere con forza, le leccai i capezzoli duri. Alla fine è diventato troppo per me e ho sentito che un altro orgasmo era in arrivo. “Sì”, gemette mia madre, “mettimelo! Mettilo nella fica da cui vieni!”
Ho sentito il mio corpo tremare e sono venuto, rilasciando il mio terzo carico di sperma della serata, questa volta nel profondo della fica di mia madre. Totalmente esausto mi lasciai cadere sul suo corpo. A causa dello champagne i nostri corpi erano attaccati l'uno all'altro. Dopo un po' il mio cazzo indietreggiando scivolò fuori dalla sua fica e mi lasciai rotolare via da lei. Ha messo il suo corpo contro il mio, si è chinata su di me e mi ha baciato teneramente sulla fronte. "È stato bello, vero?" lei chiese. “Sì”, ho potuto dire con difficoltà, “incredibilmente buono”.
Nel frattempo anche Anna era salita di nuovo sul letto e si era sdraiata accanto a me dall'altra parte. “Per quanto mi riguarda”, ha detto, “dovremmo farlo più spesso”.

Storie simili

Diventare Zoe

La mia futura moglie Annie aveva accettato un lavoro fuori città e la vedevo solo ogni due settimane circa. Mi mancava così tanto. Lei ed io eravamo diventati amanti a distanza. Aveva un volo di ritorno a casa venerdì sera. Stavo andando a prendere suo figlio Zakk dal suo dormitorio e noi due saremmo andati a prenderla all'aeroporto e ci saremmo goduti il ​​fine settimana insieme. Zakk è al suo primo anno di college e sta studiando per diventare un truccatore per il teatro e lo schermo. Lui e io non ci siamo davvero conosciuti e questo doveva essere il fine...

1K I più visti

Likes 0

La sorella della moglie è la puttana dell'ufficio!

Questa non è esattamente una storia normale che potresti trovare su xnxx. Ho trovato questo pubblicato in un forum insieme a un mucchio di commenti di giudizio. Lo sto solo ripubblicando per far divertire le persone. Il poster originale afferma che questo è tutto vero e che ha cambiato i nomi. La sorella di mia moglie è la puttana dell'ufficio e suo padre gliel'ha fatto fare! Katie ha sempre condiviso tutto con me e il percorso professionale di sua sorella è diventato un argomento di cui discutiamo a letto. Rosie ha sempre avuto un corpo delizioso ma non c'è molto da...

850 I più visti

Likes 0

Colto in flagrante_(0)

Colto con le mani nel sacco Questa esperienza ha coinvolto il mio conoscente Ben. Dico conoscente perché l'ho incontrato solo una volta prima, abbiamo parlato a malapena e non aveva molto legame con me: era il figlio della mia amica più grande Vicky. Conoscevo Vicky perché facevo volontariato nel suo negozio di animali e, anche dopo aver finito, ancora oggi restiamo buoni amici. All'epoca avevo 15 anni e Ben 13. Vicky mi ha invitato a fare un barbecue per festeggiare il suo compleanno, quindi insieme a molte altre persone ho accettato, ero il più giovane lì a parte Ben che è...

275 I più visti

Likes 0

Il furgone - Scopa mia moglie

Una sera io e mia moglie stavamo cenando, è venuto fuori l'argomento di una delle nostre fantasie. L'abbiamo chiamato il furgone. Era stata una nostra fantasia ricorrente prendere diversi ragazzi e farli scopare mia moglie nel retro di un furgone. Questa volta abbiamo deciso di farlo quindi abbiamo aspettato il weekend. Abbiamo noleggiato un furgone bianco per la notte e siamo andati in centro alla ricerca di alcuni ragazzi belli e sani. Indossava un mini abito nero scollato e aveva un letto rifatto nella parte posteriore. Abbiamo guidato per un po' e ci siamo imbattuti in un ragazzo che camminava da...

1.9K I più visti

Likes 1

Fantasia di schieramento

Voglio raccontarvi tutto del mio dispiegamento in Turchia. Ero solo e non avevo voglia di fare lo stesso di tutti gli altri ragazzi. Sai parlare con le ragazze dello stato sperando di poter organizzare qualcosa per quando torno. Ero in una stanza con 8 ragazzi in 4 letti a castello e volevo trovare qualcuno che fosse di stanza qui con la propria stanza. Forse anche una casa. Così sono andato al gruppo di vendita in cantiere su Facebook e ho iniziato a cercare un amico nell'elenco dei membri. Chissà, forse conoscevo qualcuno qui. Beh, mi sono imbattuto in una ragazza di...

2.4K I più visti

Likes 0

Sissy Lucy incontra suo padre

Ho circa 20 anni e gestisco un ristorante/bar locale. Sono 5 piedi e 8 e magro con lineamenti abbastanza femminili. Per la maggior parte delle persone sono solo Tom, un ragazzo normale che ha fidanzate occasionali, ama una birra e guarda il calcio. Per i miei amici più cari sono Lucy, una troia femminuccia che ama il cazzo. Di recente ho trovato un papà online. Era un uomo più anziano e più esperto. Abbiamo iniziato a chattare e gli ho inviato alcune foto e videoclip birichini di Lucy che suonava. Mentre parlavamo ho rivelato che mi piace essere dominato, mi è...

774 I più visti

Likes 0

La mia vera storia di vita: capitolo uno

Diverse persone mi hanno chiesto di raccontare la storia della mia vita poiché ho accennato ad alcune delle mie esperienze insolite. Quindi penso che il miglior punto da cui iniziare sia la notte in cui sono finiti i miei 10 anni di matrimonio. Era un venerdì sera e mio marito Tim è tornato a casa ubriaco. Questa era diventata la sua pratica abituale negli ultimi due anni. Ha affermato che il suo capo gli stava causando un aumento dello stress e ha dovuto fermarsi con i ragazzi per rilassarsi. All'inizio tornava a casa un po' brillo per quando portavo a letto...

752 I più visti

Likes 0

Dare un erede a Lord Ablington

Stavo oziando tutto il giorno aspettando il pranzo quando ho sentito la terribile notizia: Alan Lord Ablington era caduto da cavallo durante la caccia di lunedì mattina ed era completamente morto. Tommy Goodfellow si era fermato mentre andava ad Abbotsford quel martedì mattina per raccontarci, come sapeva, della mia precedente conoscenza con Lady Ablington. Ho provato un misto di emozioni. Lord Ablington aveva recentemente corteggiato e poi sposato la mia dolce metà d'infanzia, una certa Miss Amy Merry, alla quale ero rimasto immensamente affezionato, non si poteva biasimarla, Ablington possedeva la maggior parte del villaggio e molto altro ancora mentre la...

767 I più visti

Likes 0

Samantha e Kaylee_(0)

Avevo una vicina di nome Kaylee che era meravigliosa. Era alta, atletica e aveva un corpo sodo. Probabilmente circa 120 libbre. pelle abbronzata, capelli castano scuro. Ha sicuramente attirato la mia attenzione. Non era una troia, era più una provocazione. Abbiamo frequentato la stessa scuola superiore. L'ho vista spesso, ma non abbiamo parlato molto. Tutto in lei era ipnotizzante, il modo in cui i suoi capelli erano lunghi e avevano la giusta quantità di riccioli, le sue gambe, la figura sexy, aveva persino delle fossette sopra il sedere che potevo vedere quando era in bikini intorno alla piscina. Era una brava...

263 I più visti

Likes 0

Principiante della schiavitù

Maria strinse i denti quando il maestro del bondage incappucciato si presentò, non per nome ma stabilendo il suo completo controllo su mia moglie. Rimase in silenzio davanti a lui, completamente nuda, sottomettendosi a qualunque umiliazione le sarebbe stata inflitta. Aveva iniziato facendole scorrere le mani sul corpo, indugiando sulle sue enormi tette, allargando le gambe in modo da poterle raggiungere. Bella fica stretta, per una troia, aveva grugnito. Adesso ha fatto un passo avanti. Fece oscillare la mano con un backswing completo, collegandosi al seno sinistro. Lo schiaffo echeggiò nella camera di cemento. Il seno di Maria si sollevò, colpendola...

256 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.