Sorriso rubato - Cockloft

294Report
Sorriso rubato - Cockloft

L'odore dell'erba falciata mi accolse mentre scendevo dal mio pick-up ed esaminavo il parcheggio. Una calda brezza di fine estate scuoteva gli aceri, spazzando il campo da calcio portando l'aroma dell'erba fresca tagliata a mescolarsi con l'asfalto caldo. Il sole ammiccava tra nuvole di cotone che si muovevano veloci nel cielo, in procinto di stabilire i propri collegamenti.

Ho chiuso a chiave il mio camion e ho camminato a passo svelto verso la collezione di bellissimi edifici in mattoni, lasciando cadere le chiavi nei jeans e facendo un respiro profondo, ero nervoso ed eccitato.

Non mi sono mai considerato un donnaiolo e fino a quel momento gli appuntamenti online erano stati una commissione folle. Sarò il primo ad ammettere che le mie capacità di civettuola online sono un po' carenti, il che ha reso gli eventi della scorsa settimana che hanno portato a questo momento ancora più surreali. Una settimana fa, mentre ero a letto, mi ero abbinato a una ragazza su Tinder. Il suo profilo era un po' privo di fantasia, al limite del quasi insipido, ma lei allungò la mano per prima, il che era abbastanza insolito da suscitare il mio interesse. Chiamatela timidezza naturale, ma non sono mai stato il tipo che avvia conversazioni fredde con sconosciuti su Internet, anche se utilizzano la stessa app di appuntamenti. All'inizio la nostra conversazione era stata incerta e imbarazzante, ma man mano che ci scaldavamo ci scambiavamo i numeri e scrivevamo messaggi con una certa frequenza. Ed è così che mi sono ritrovato all'ombra screziata delle querce del campus di Linfield, preoccupato per quello che sarebbe potuto accadere dopo.

Seguendo esplicitamente le sue indicazioni ero in anticipo di 3 minuti per il nostro incontro delle 14:00 di quel pomeriggio. Non lo chiamerò un appuntamento perché non avevamo pianificato esattamente nulla se non incontrarci. Stando fuori dalla porta di Larsell Hall ho raccolto uno o due sguardi da parte di studenti di passaggio che mi hanno notato con nonchalance appoggiato contro le rastrelliere per biciclette, un occhio sulla porta, uno sul telefono a guardare i minuti che scorrevano.

"Scendi tra un attimo" ho letto alle 13:58 mentre mi trattenevo il fiato.

"Non preoccuparti " ho rispedito.

C’è sempre un po’ di apprensione nell’incontrare qualcuno di nuovo per la prima volta. Molte incognite stanno per diventare evidenti e i pochi preconcetti che abbiamo di qualcuno vengono tutti messi alla prova molto rapidamente. Le situazioni del pesce gatto possono capitare a chiunque e, per quanto fossi fiducioso, non sai mai fino a quel momento in cui finalmente le vedrai.

La porta si aprì e un gruppo di quattro ragazzi balzò quarto con gli skateboard in mano, precipitandosi giù per i gradini e sfrecciandomi davanti, sfruttando appieno questa raramente soleggiata giornata di ottobre. Quasi mi mancava la ragazza che usciva dietro di loro. Ho riconosciuto i suoi capelli dal profilo: lunghi, neri e lisci con estremità rosa brillante. Si guardò intorno brevemente prima di stabilire un contatto visivo e sorrise dolcemente mentre la salutavo, i suoi passi erano vivaci e quasi saltò giù dai gradini mentre si avvicinava.

Dopo i capelli, la cosa che ho notato subito dopo è stata la sua altezza. Era sicuramente sei o sette pollici più bassa di me, un attributo non mascherato dalle sue scarpe alte di tela bianca. I suoi blue jeans strappati, la maglietta rosa tinta unita e il cardigan bianco sporco sciolto si adattano alla natura casual della nostra attività quotidiana e mi mettono subito a mio agio. Nemmeno io mi ero vestita.

"CIAO! Piacere di conoscerti di persona” ho iniziato, “Com’è andata la giornata?”

"Uffa, il mio laboratorio di chimica era caotico", ha riso mentre mi dava ancora una volta l'immagine in modo non così sottile. La mia mente era attratta dai pantaloni da lavoro non così eleganti che indossavo e dalla flanella larga. "Allora, cosa dovremmo fare oggi?" chiese con un mezzo sorriso malizioso.

“Mi fai fare un giro? Non sono mai stato a Linfield prima d'ora. Era vero, non avevo mai visitato nessun college tranne il mio.

"Va bene, devo andare comunque a prendere la posta", si voltò e con ciò ci avviammo dall'altra parte del campus verso l'edificio amministrativo. Abbiamo riso e parlato lungo la strada, sentendo il calore del sole mentre passavamo accanto a persone sedute al sole con libri, chitarre, coperte e una piccola folla riunita attorno a una slackline. Le cose stavano andando alla grande. Mentre giravamo per il campus, mi sono sorpreso a guardarla parlare delle cose che le interessavano, delle sue lezioni, della sua famiglia, degli animali domestici a casa. I suoi profondi occhi castani erano incorniciati da occhiali azzurri che mi ricordavano le ali di una farfalla e sembravano illuminarsi proprio prima che lei ridesse.

Guardando l'orologio era già passata un'ora e ci siamo ritrovati all'ombra vicino alla biblioteca, seduti uno di fronte all'altro su una panchina a condividere storie sui nostri animali domestici d'infanzia. Come la maggior parte delle famiglie americane, ero cresciuto con un cane che era un buon compagno per me e per i miei fratelli. Ha spiegato che nella sua famiglia "molto messicana" i suoi fratelli avevano tra loro 2 cani, 3 parrocchetti, un criceto che sua sorella chiamava Bruno ma tutti gli altri chiamavano Gordo a causa delle sue proporzioni anormalmente grandi per un piccolo roditore, oltre ad un enorme acquario di pesce rosso che suo padre teneva. Essendo come se fosse ottobre; il pomeriggio cominciò a farsi un po' rigido e decidemmo di riportare le cose nella sua stanza.

"Mi dispiace, non c'è ascensore su questo lato dell'edificio", si lamentò mentre salivamo la terza rampa di scale fino all'ultimo piano. "Trasferirsi è stata una stronzata." Potrei simpatizzare, anche il mio appartamento non aveva l'ascensore. In cima alle scale giriamo a destra e ci dirigiamo verso la stanza in fondo al corridoio. "Mi dispiace per il disordine, ho provato a pulire dopo la lezione prima che arrivassi qui."

La stanza 319 era un tipico dormitorio. Due letti, due cassettiere, armadi in fondo, scrivanie vicino alla porta e due grandi finestre soleggiate con tende magenta conferivano alla stanza un'atmosfera violentemente femminile. A parte un buon carico di bucato che due studentesse universitarie generano, era per lo più in ordine.

"Molto accogliente" ho osservato mentre mi avvicinavo e mi sedevo sul letto più vicino alla porta. “Mi piace il tappeto... molto anni 2000”

“Haha, sì, sono i miei coinquilini. Le piacciono davvero le zebre. Era uno spesso tappeto ovale bianco e nero che era stato ovviamente tramandato da un fratello maggiore o da un parente. Indicò il morbido peluche Zebra sul letto dall'altra parte della stanza. Prendendo spunto e sedendosi accanto a me sul suo letto, mi ha chiesto quasi scherzosamente "e allora?"

È qui che mi sono innervosito. Sembrava quasi una messa in scena o una merda muoversi così velocemente. Era decisamente carina, potevo vedere dove poteva arrivare, e se fossi stato più fiducioso non avrei detto le parole che mi sono sfuggite di bocca dopo: "Vuoi guardare un film?"

Lei sorrise e con una risata prese il telecomando della TV che non avevo notato fosse appollaiata su entrambe le scrivanie che erano state accostate. “Cosa dovremmo guardare? ADORO i film spaventosi! E, sai, è quel periodo dell'anno..."

“Non ho ancora visto il nuovo film ‘IT’, dovremmo guardarlo? O i clown sono un ponte troppo lontano? Ho strizzato l'occhio, accennando a una battuta precedente che avevo fatto durante la nostra passeggiata nel campus.

"Certo, ma non spaventarti troppo." Lei rispose con un occhiolino.

Afferrando un cuscino su cui appoggiarci, ci siamo sdraiati fianco a fianco guardando una piccola città piovosa nel Maine terrorizzata da un mostro che abita nelle fogne. Il sole che filtrava dalle finestre, la morbida luce rosa e l'aroma delicato del suo shampoo erano tutti elementi che catturavo ai margini della mia attenzione. Ad un certo punto del film, ho potuto dire che si era avvicinata e aveva appoggiato le sue gambe sulle mie. Con uno sguardo timido, mi sono girato e ho messo il braccio sulla sua schiena, osservandola, per vedere se la sua attenzione si sarebbe distolta dal film. Mentre lasciavo il mio braccio su di lei, i suoi occhi guizzarono nella mia direzione e un piccolo sorriso le increspò le labbra. “Bello” ho pensato, “stiamo arrivando da qualche parte”

I miei pensieri dovevano essere ovvi perché lei si voltò e mi guardò, i suoi capelli rosa che fluttuavano lungo le sue guance. Non ha detto nulla, ma dopo pochi secondi di contatto visivo ho capito cosa voleva e mi sono avvicinato per il bacio. Le sue labbra erano morbide e rispondevano alle mie, la sua bocca si alzava per incontrare la mia mentre si chinava su di me.

Istintivamente alzai la mano per prenderle la parte posteriore della testa. Lei gemette dolcemente dentro di me ed entrambi ci dimenticammo del film che veniva trasmesso in sottofondo.

Mentre continuavamo, l'intensità cresceva, stavo facendo del mio meglio e la baciavo dolcemente, la sua lingua e la mia si toccavano brevemente mentre le nostre labbra si separavano. Sospirò di piacere e spinse ulteriormente nella mia bocca. Ho ricambiato mentre il suo corpo si ammorbidiva e il suo sospiro si trasformava in un altro lieve gemito. Non potevo negare che qualcosa cresceva sotto la mia vita e quei gemiti cominciavano a fare effetto.

Ho smesso. C'era qualcosa di strano nelle sue labbra. Mi ritirai e lei mi guardò con un sorriso dolce e pigro che si trasformò rapidamente in perplessità quando vide la mia espressione. "Che cosa succede?"

"Qualcosa sembra diverso...?" Balbettavo, non proprio sicuro di come articolare ciò che stavo cercando di trasmettere.

Mi ha lanciato uno sguardo d'intesa, seguito da un'alzata di occhi e poi da un grande sorriso, rivelando un set completo di apparecchi ortodontici in ceramica.

"Oooooh" mi resi conto mentre lei rideva. “Non me ne ero accorto prima”

"Beh sì, mi sono liberata in modo che nessuno lo facesse", ridacchiò. "Li odi?"

“Oh no, per niente. Non mi aspettavo..."

“...Una studentessa universitaria che porta l'apparecchio. Lo so, è una scuola molto alta. Ma cosa posso fare? L’assicurazione universitaria mi copre e la mia famiglia non poteva permettersela quando ero bambino. Quindi li ho adesso.

Ho capito. Non è economico cercare un trattamento ortodontico negli Stati Uniti. Segretamente, pensavo che fossero carini. Qualcosa che riguardava le ragazze con l'apparecchio, aveva sempre toccato un accordo con le mie preferenze sessuali (o devianze), e qui avevo avuto fortuna di riuscire a baciarmi con una di loro. Il mio membro, che prima si era lentamente risvegliato, a questo punto si stava riavvolgendo duramente. Dovevo comportarmi alla grande.

"Da quanto tempo porti l'apparecchio finora?" ho chiesto casualmente

“Oh, non molto a lungo. Proprio dall'inizio dell'estate... quindi circa 3 mesi. Non volevi vedere i miei denti prima, cavolo!" Lei ridacchiò e ridemmo entrambi.

"Beh, sembrano fantastici", ho ribattuto. E lo hanno fatto, sono rimasto sorpreso. Avrei pensato che li avesse indossati per molto più tempo. Non volevo fare troppe domande o sembrare eccessivamente interessato e spaventarla. Questa era una mia fantasia sessuale che prendeva vita, ma dovevo rilassarmi... per ora.



Sembrava sentire la mia esitazione ed ero grato che avesse riempito la pausa con il suo umorismo. "Hai mai baciato una ragazza con l'apparecchio prima?" Ha scherzato mentre mi sbatteva le ciglia "Non hai paura, vero?" seguito da un sorriso diabolico che li metteva in mostra. Il mio corpo stava prendendo fuoco per quanto stavo diventando eccitato.

Ho riso con la massima nonchalance possibile “No, certo che no. Voglio solo dare un'occhiata più da vicino" e poi si sporse per un altro bacio.

Mi ha accolto con entusiasmo e siamo tornati a baciarci forte. La sua lingua danzava nella mia bocca e la mia inseguiva la sua. Le ho afferrato la nuca con il braccio sinistro e lei mi ha seguito con il suo.

Con forza e convinzione sorprendenti, lei rotolò sulla schiena e mi ritrovai sopra di lei. Con il suo corpo minuscolo sotto di me, mi ha avvolto i jeans strappati intorno. Sentivo i suoi capelli sul mio viso mentre mi perdevo nel sentire il suo corpo premere contro il mio. All'improvviso l'aria si fece pesante del nostro respiro e del calore del sole. Mi staccai e mi sedetti per togliermi la flanella.

"Non fermarti qui, mostrami cosa c'è sotto" tubò. Per obbedire, ho allungato la mano con un braccio e mi sono tolto la maglietta

"Mi farai fare tutto il duro lavoro di togliermi i vestiti?" ho chiesto mentre mi infilavo la maglietta sopra la testa esponendo il mio petto PNW peloso, un po' muscoloso e pallido.

“Puoi toglierti anche il mio; sostenere." Alzò una mano, congelandomi mentre osservava il mio petto nudo e le mie braccia. "Wow... guardati..." sussurrò. Potevo dire che anche lei si stava eccitando. Eccellente. Le ho tolto delicatamente il cardigan e così facendo ho esposto i suoi contorni, evidenziati dalla sua maglietta attillata. Aveva le spalle strette, le braccia magre e lunghe, una discreta dose di curve attorno al tronco e un paio di fianchi che Shakira avrebbe approvato, ma ciò che attirò la mia attenzione furono le sue tette. Non esattamente il più grande che chiunque abbia una cronologia del browser Internet come il mio avesse mai visto, ma la parte più sorprendente era quanto fossero proporzionalmente grandi.

"Ti piace quello che vedi?" ha ridacchiato "Ecco..." e ha messo le braccia sopra la testa come un sub, invitandomi a togliermi anche la sua maglietta sbiadita. Certamente l'ho fatto. Mentre la camicia le passava sopra la testa, osservavo la sua pelle color seppia dorata nel sole del tardo pomeriggio. La sua pelle sembrava quasi troppo morbida per essere toccata; il suo reggiseno era di pizzo rosa chiaro che contrastava con la sua carnagione. Il suo stomaco era liscio e sulle costole aveva il tatuaggio di una grande falena. I suoi capelli le cadevano intorno al viso e alle spalle, incorniciandole il viso con una massa di capelli rosa che completavano la sua lingerie e il viso allo stesso tempo. Senza fiato, mi chinai di nuovo e la baciai mentre sentivo il suo corpo sollevarsi per incontrarmi. Merda, faceva caldo.

Abbiamo ripreso a baciarci con un'intensità aggiuntiva nel sentire la pelle l'uno contro l'altro. Le sue mani mi afferrarono mentre io le tenevo la parte posteriore del collo con una delle mie mani e posizionavo l'altra sulla sua schiena, sollevandola di fatto dal letto. Lei cominciò ancora una volta a strofinarsi contro di me. Il mio cazzo era duro come la roccia e, in quel momento, difficilmente potevo impedirmi di strapparle i pantaloni. Ho cominciato a baciarle il collo e lei ha sussultato. Potevo sentire il suo corpo flettersi dalla sensazione mentre il suo respiro si fermava nel petto.

"Dio..." sussurrò "...oh cazzo"

Avendo già fatto il giro dell'isolato alcune volte, la mia intuizione ha preso il sopravvento e ho fatto scorrere bruscamente una mano sulla patta dei suoi jeans con una pressione appena sufficiente per ottenere il gemito desiderato e la spinta involontaria mentre la mia mano si ritirava. Prendendo quello come il segnale verde, mentre le baciavo il collo, le sbottonai la patta e mi infilai tra i suoi jeans e il pizzo che presumevo fosse la controparte abbinata al suo reggiseno.

"Dio sì!" sospirò mentre il suo corpo si rilassava "Toccami."

Non aveva bisogno di dirmelo due volte; Ho fatto scivolare le dita attorno alla stretta striscia che era la sua biancheria intima e ho subito sentito le pieghe molto bagnate della sua figa. L'ho massaggiato delicatamente verticalmente, prestando particolare attenzione al centro, proprio tra l'ingresso e il clitoride. La presa in giro fa cose meravigliose per l'orgasmo di una donna, e non avevo intenzione di andarmene senza averne fornito almeno uno.

Dopo quelli che sembravano diversi minuti pieni di luce dorata del sole, si staccò dal nostro abbraccio condiviso e portò le sue labbra al mio orecchio, sussurrando "Ho bisogno di te"

Senza esitazione le sue mani erano sulla mia cintura. Ero sdraiato sulla schiena e la guardavo lavorare. Con un singolo movimento fluido, mi ha aperto la cerniera dei pantaloni e mi ha abbassato i boxer, esponendo il mio grosso cazzo completamente eretto.

"Porca miseria..." squittì mentre tutti gli otto pollici uscivano dai miei boxer. Mi guardò dritto negli occhi con uno sguardo malizioso: "Sei enorme, cazzo"

"Ahah, grazie" ho alzato le spalle, non c'era molto altro da dire senza sembrare uno stronzo arrogante o insopportabile. Non che potrei. Con la stessa rapidità con cui mi aveva smascherato, mi prese in bocca e subito mi fece girare la testa.

I suoi occhi si chiusero mentre le sue labbra si avvolgevano intorno alla mia testa. La sua lingua girò su se stessa e colpì la parte inferiore della mia testa, mentre muoveva la mano su e giù per la mia asta. All'improvviso fu il mio turno di gemere, gemere e sussultare. Era pura felicità giacere lì con il mio cazzo duro come la roccia nella piccola bocca calda di una ragazza che avevo incontrato poche ore prima.

Il film era finito da tempo e la sera si stava avvicinando rapidamente mentre giacevo lì, guardando la testa di Alyssa dondolare su e giù per la mia lunghezza, lasciando una lucentezza scintillante di saliva e precum ogni volta che le sue labbra passavano. La parte del mio cazzo che non poteva entrare nella sua bocca è stata accarezzata diligentemente dalle sue mani; era qualcosa di speciale.

Con un sussulto si alzò dal mio cazzo, uno sguardo di diabolico piacere nei suoi occhi. Sono quasi arrivato in quel momento mentre guardavo diversi fili di sputo allungarsi dalla parte superiore del mio cazzo fino ai suoi apparecchi ortodontici. Questo è stato incredibile. Ho allungato la mano, ho guidato il suo viso verso il mio e l'ho baciata. Il suo gemito di piacere è stata la mia ricompensa mentre sentivo il mio cazzo diventare ancora più duro dopo aver assaporato il suo bacio.

I suoi pantaloni toccarono il pavimento mentre si metteva a cavalcioni su di me, e io, afferrandole i fianchi, guidai le sue cosce lisce intorno a me e la sua figa bagnata contro il mio cazzo. Lei si muoveva su e giù, strofinando le pieghe della sua figa sul mio cazzo liscio e pronto. A ogni colpo gemeva nella mia bocca e io ricambiavo la sua espressione con entusiasmo. Spinsi in alto i fianchi e in un istante sentii l'oasi calda e umida della sua figa iniziare ad allungarsi attorno al mio membro.

“Shh-shh-shh” sibilò, “lentamente, lentamente…. Sei fottutamente enorme"

Osservavo attentamente la sua espressione mentre continuavo a riempirla con il mio cazzo. Era stretto, aveva ragione, la stavo davvero allungando. E faceva dannatamente caldo.

Si morse il labbro mentre continuavo lentamente, la vista di quelle parentesi che spuntavano da dietro le sue labbra morbide mi fece venir voglia di sbatterle il cazzo dentro, ma sapevo che era meglio. Lentamente mi sono fermato dentro di lei e siamo rimasti sdraiati lì per un minuto. Sapevo per esperienza precedente che la pazienza nel permettere a una donna di adattarsi e adattarsi a te è di gran lunga la migliore pratica. "Porca miseria... io sono... oh mio Dio." Balbettò.

"Prenditi il ​​tuo tempo, senza fretta" risposi mentre le baciavo il collo. Da quel momento in poi avrei lasciato che fosse lei a prendere l'iniziativa, dopotutto era lei in cima. La sua figa era incredibile. Era stretto, potevo sentire ogni increspatura e piega della sua figa mentre entravo. Faceva così caldo che potevo sentire la sua umidità scorrere lungo il mio cazzo e sulle mie palle. Volevo restare qui per sempre. Lentamente si mise a sedere, con le ginocchia sul letto a cavalcioni di me, il viso contorto in un misto di piacere e intensità. Respirando profondamente cominciò a sollevarsi e poi a ricadere giù, mentre si alzava sentivo la sua figa contrarsi e mentre cadeva potevo sentire la tensione nelle sue gambe che le allungava la figa. Con le mani piantate saldamente sul mio petto, si dondolava avanti e indietro, gemendo e parlando sottovoce.

“Porca miseria, sei così grande…. Oh mio Dio, oh mio Dio, oh mio Dio, è così bello. Ed ero propenso ad essere d'accordo. Quando ha preso velocità, l'ho afferrata per i fianchi e abbiamo iniziato a dondolarci in sincronia. Lei gemette e gettò indietro la testa in un gemito così forte che avevo paura che i vicini la sentissero. La sua figa diventava sempre più stretta ad ogni colpo che passava e mi prendeva sempre più in profondità, ho iniziato a pensare che ad un certo punto avrebbe potuto...

"OHH DIO" Pianse. L'ho sentito, si era colpita la cervice con il mio cazzo duro come la roccia e nello stesso momento, o proprio perché lo aveva fatto, è venuta. Il suo corpo tremò come una foglia mentre si accartocciava verso di me. Le sue mani mi afferrarono il petto e i capelli mentre la sua bocca formava un silenzioso urlo di piacere. In parte per il mio desiderio egoistico, mi sono alzato mentre lei veniva, continuando a scoparle la figa mentre zampillava. Il suo sperma la rendeva così bagnata e scivolosa che l'ho scopata sempre più velocemente. I suoi occhi si chiusero, la bocca spalancata emise piccoli squittii quando raggiunsi l'apice della mia spinta. Alla fine è crollata su di me, colpendomi il petto con la testa mentre scivolava dal mio cazzo.

"Oh Fuuuuuuuck" piagnucolò mentre giaceva, esausta, su di me. Il suo corpo risplende per l'orgasmo.

Siamo rimasti lì per un po', ascoltandoci respirare mentre lei si riprendeva dall'orgasmo e fuori il cielo diventava scuro. Facendo un respiro profondo, si sedette e mi baciò forte. Ero pronto per un altro giro, questa volta sarei stato al posto di guida e avevo bisogno di più della sua figa stretta. Lei si staccò e mi guardò

"Non sono mai venuto così forte con qualcuno prima, porca miseria, è stato fantastico"

"Mi sento come se stessi ricevendo troppo credito" ho scherzato. “Hai fatto la maggior parte del lavoro”

Lei rise e continuò a baciarmi il collo e a giocare con i peli del petto. Con un po' di fortuna questo non sarebbe un incontro occasionale.

"Pronto per il secondo round?"

"Che ore sono? La mia compagna di stanza potrebbe tornare a casa presto”, avvertì, prendendo il telefono. "Oh merda, sono già le 5:38!"

"Wow, dove va a finire il tempo quando ti diverti?" Le ho fatto l'occhiolino. "Pensavo che fosse fuori con la sua famiglia per il fine settimana, come hai detto ieri..."

"Hmmhmm" Non alzò lo sguardo dal telefono mentre scriveva. "Ha detto che potrebbe tornare per passare la notte."

Sedutomi ho potuto osservare meglio le sue tette. Erano davvero vivaci. Non ho potuto resistere.

"EHI!" esclamò scherzosamente mentre mi chinavo e le solleticavo il capezzolo con la lingua, "Cosa pensi di fare?!" Ho continuato a succhiarle la tetta sinistra e ho iniziato a lavorare il suo capezzolo destro tra il pollice e l'indice, facendolo rotolare avanti e indietro mentre sentivo il suo respiro trattenere. Il suo telefono squillò e il nostro momento si interruppe. "Oh merda! Sarà a casa tra 15 minuti." Prese la maglietta e mi guardò con uno sguardo triste. "Sono davvero dispiaciuto. Mi sento come se ti avessi usato: non era mia intenzione.

Ero un po' avvilito che la nostra serata stesse giungendo al termine così bruscamente. "Immagino che dovremo farlo di nuovo", ho detto, prendendo i miei vestiti scartati. "Forse anche uscire davvero per un appuntamento?"

Lei sorrise mentre si passava le dita tra i capelli. "Mi piacerebbe."

"Che tipo di cibi ti piacciono?" chiesi, indossando la maglietta e passandomi una mano tra i capelli disordinati. «Niente di buono da queste parti?»

Lei sorrise, mostrando nuovamente l'apparecchio. "Messicano"

Abbiamo riso entrambi mentre mi allacciavo le scarpe e lei continuava a vestirsi. "Mi accompagni alla macchina?"

“Certo, apri la finestra? Sono sicuro che qui c'è odore di sesso"

Ho aperto la finestra e ho ammirato la vista dal dormitorio della soffitta. Com'era giusto, ho sorriso. Il sole era tramontato e le colline all'orizzonte occidentale erano illuminate dalle ultime luci del tramonto. Sotto di me si erano accese le luci lungo i sentieri e potevo sentire debolmente i grilli. Ho fatto un respiro profondo mentre ammiravo l'atmosfera serale della Willamette Valley.

"Dai, ti portiamo fuori di qui prima che ritorni la mia coinquilina", lo rimproverò Alyssa. Assicurandomi di avere le chiavi, il telefono e il portafoglio, la seguii lungo il corridoio, tre piani e fuori, nell'aria fresca della sera.

Abbiamo camminato insieme nella fresca aria autunnale. L'odore delle foglie e dell'erba bagnata nell'aria. L'ho guardata e lei ha sorriso. "Mi sono divertito davvero molto oggi, lo rifacciamo la prossima settimana?"

"Sicuramente" ha risposto. “Sono curioso di vedere cosa succede quando…finisci”

"Devi solo scoprirlo" ho scherzato mentre arrivavamo al mio ritiro. "Venerdì prossimo?"

Ha concluso l'accordo mentre si bilanciava in punta di piedi per baciarmi. "Venerdì prossimo."

Mentre salivo sul mio pick-up, lei tornò verso il suo edificio, girandosi con un grande sorriso e un'onda che scompariva nell'oscurità.

Tornando al mio appartamento lungo l'autostrada 99, ero solo con i miei pensieri. I miei pensieri davvero eccitanti. Questo pomeriggio è stato incredibile, non solo ho avuto un incontro di grande successo con una ragazza che avevo incontrato online, ma lei voleva rivedermi! E, bonus, aveva riempito una mia fantasia di nicchia che covavo da anni. Avevo bisogno di trarre vantaggio da questo.

Mentre ero seduto al semaforo rosso ho sentito il mio telefono vibrare, dando una rapida occhiata ho visto che mi aveva già mandato un messaggio. Buon segno che non aveva finto.

"Mi dispiace non averti lasciato finire, forse questo ti aiuterà " Aveva allegato una foto di lei sdraiata sul letto, a torso nudo, con le tette completamente esposte, mentre guardava la telecamera con un sorriso, mostrandomi ancora una volta il suo apparecchio perfetto sorriso adornato.

"Oh cazzo" mormorai mentre il semaforo diventava verde e il traffico iniziava a muoversi. "Andrà sicuramente nella banca sculacciata"

Al semaforo rosso successivo ho risposto: “Non vedo l’ora di vederti la prossima settimana. A casa mia o a casa tua?" Potrei fare di nuovo a meno della complicazione del coinquilino. Vivere da solo aveva i suoi vantaggi.

Mentre parcheggiavo ho sentito il mio telefono vibrare nel portabicchieri. “Meglio che sia mio, non ho la macchina

Sospirai rassegnato al fatto che avrei trascorso altre 2 ore per guidare di nuovo a McMinnville. Almeno la prossima settimana le cose, si spera, finirebbero diversamente.

In piedi nella mia piccola cucina, scaldando la pizza avanzata dall'inizio della settimana, continuavo a rivivere il pomeriggio nella mia testa. Sorridendo tra me, mi sono seduto al tavolo, mi sono goduto la pizza e ho mandato un messaggio ad Alyssa finché non si è addormentata.

Sdraiata sul letto, mi accarezzavo il cazzo mentre guardavo la foto che mi aveva mandato un messaggio. Le sue tette sode, la sua pancia piatta, la sua espressione. Me lo aveva succhiato con così tanto gusto che faceva caldo. Era calda. Ho pensato a lei che mi succhiava il cazzo, al sole che catturava i suoi capelli rosa mentre la sua testa dondolava. Il suono morbido e umido della sua bocca che prende il mio cazzo ancora e ancora. Ho pensato a cosa avrei potuto fare se la sua coinquilina non fosse stata sulla strada di casa. Volevo disperatamente scoparla, tenerle i polsi fermi mentre le sbattevo la figa mentre veniva. Ma quello che volevo più di tutto era venirle in faccia, venirle in bocca, farmi assaggiare mentre esplodevo. Volevo coprire il suo apparecchio con uno spesso strato appiccicoso del mio sperma mentre lei mi sorrideva…. "Fanculo! Fanculo! Fanculo!" Rimasi senza fiato mentre arrivavo più forte di quanto non fossi stato da mesi. Mi si era avvicinato di soppiatto e mi sono schizzato gli addominali e il petto. “Oh maledetto Gesù…. santa merda”

Qualche istante dopo, mentre mi stavo ripulendo in bagno, ho riso tra me e me, che giornata.

Fine del capitolo 1.

Storie simili

Diventare Zoe

La mia futura moglie Annie aveva accettato un lavoro fuori città e la vedevo solo ogni due settimane circa. Mi mancava così tanto. Lei ed io eravamo diventati amanti a distanza. Aveva un volo di ritorno a casa venerdì sera. Stavo andando a prendere suo figlio Zakk dal suo dormitorio e noi due saremmo andati a prenderla all'aeroporto e ci saremmo goduti il ​​fine settimana insieme. Zakk è al suo primo anno di college e sta studiando per diventare un truccatore per il teatro e lo schermo. Lui e io non ci siamo davvero conosciuti e questo doveva essere il fine...

1K I più visti

Likes 0

La sorella della moglie è la puttana dell'ufficio!

Questa non è esattamente una storia normale che potresti trovare su xnxx. Ho trovato questo pubblicato in un forum insieme a un mucchio di commenti di giudizio. Lo sto solo ripubblicando per far divertire le persone. Il poster originale afferma che questo è tutto vero e che ha cambiato i nomi. La sorella di mia moglie è la puttana dell'ufficio e suo padre gliel'ha fatto fare! Katie ha sempre condiviso tutto con me e il percorso professionale di sua sorella è diventato un argomento di cui discutiamo a letto. Rosie ha sempre avuto un corpo delizioso ma non c'è molto da...

850 I più visti

Likes 0

Colto in flagrante_(0)

Colto con le mani nel sacco Questa esperienza ha coinvolto il mio conoscente Ben. Dico conoscente perché l'ho incontrato solo una volta prima, abbiamo parlato a malapena e non aveva molto legame con me: era il figlio della mia amica più grande Vicky. Conoscevo Vicky perché facevo volontariato nel suo negozio di animali e, anche dopo aver finito, ancora oggi restiamo buoni amici. All'epoca avevo 15 anni e Ben 13. Vicky mi ha invitato a fare un barbecue per festeggiare il suo compleanno, quindi insieme a molte altre persone ho accettato, ero il più giovane lì a parte Ben che è...

275 I più visti

Likes 0

Il furgone - Scopa mia moglie

Una sera io e mia moglie stavamo cenando, è venuto fuori l'argomento di una delle nostre fantasie. L'abbiamo chiamato il furgone. Era stata una nostra fantasia ricorrente prendere diversi ragazzi e farli scopare mia moglie nel retro di un furgone. Questa volta abbiamo deciso di farlo quindi abbiamo aspettato il weekend. Abbiamo noleggiato un furgone bianco per la notte e siamo andati in centro alla ricerca di alcuni ragazzi belli e sani. Indossava un mini abito nero scollato e aveva un letto rifatto nella parte posteriore. Abbiamo guidato per un po' e ci siamo imbattuti in un ragazzo che camminava da...

1.9K I più visti

Likes 1

Fantasia di schieramento

Voglio raccontarvi tutto del mio dispiegamento in Turchia. Ero solo e non avevo voglia di fare lo stesso di tutti gli altri ragazzi. Sai parlare con le ragazze dello stato sperando di poter organizzare qualcosa per quando torno. Ero in una stanza con 8 ragazzi in 4 letti a castello e volevo trovare qualcuno che fosse di stanza qui con la propria stanza. Forse anche una casa. Così sono andato al gruppo di vendita in cantiere su Facebook e ho iniziato a cercare un amico nell'elenco dei membri. Chissà, forse conoscevo qualcuno qui. Beh, mi sono imbattuto in una ragazza di...

2.4K I più visti

Likes 0

Sissy Lucy incontra suo padre

Ho circa 20 anni e gestisco un ristorante/bar locale. Sono 5 piedi e 8 e magro con lineamenti abbastanza femminili. Per la maggior parte delle persone sono solo Tom, un ragazzo normale che ha fidanzate occasionali, ama una birra e guarda il calcio. Per i miei amici più cari sono Lucy, una troia femminuccia che ama il cazzo. Di recente ho trovato un papà online. Era un uomo più anziano e più esperto. Abbiamo iniziato a chattare e gli ho inviato alcune foto e videoclip birichini di Lucy che suonava. Mentre parlavamo ho rivelato che mi piace essere dominato, mi è...

774 I più visti

Likes 0

La mia vera storia di vita: capitolo uno

Diverse persone mi hanno chiesto di raccontare la storia della mia vita poiché ho accennato ad alcune delle mie esperienze insolite. Quindi penso che il miglior punto da cui iniziare sia la notte in cui sono finiti i miei 10 anni di matrimonio. Era un venerdì sera e mio marito Tim è tornato a casa ubriaco. Questa era diventata la sua pratica abituale negli ultimi due anni. Ha affermato che il suo capo gli stava causando un aumento dello stress e ha dovuto fermarsi con i ragazzi per rilassarsi. All'inizio tornava a casa un po' brillo per quando portavo a letto...

752 I più visti

Likes 0

Dare un erede a Lord Ablington

Stavo oziando tutto il giorno aspettando il pranzo quando ho sentito la terribile notizia: Alan Lord Ablington era caduto da cavallo durante la caccia di lunedì mattina ed era completamente morto. Tommy Goodfellow si era fermato mentre andava ad Abbotsford quel martedì mattina per raccontarci, come sapeva, della mia precedente conoscenza con Lady Ablington. Ho provato un misto di emozioni. Lord Ablington aveva recentemente corteggiato e poi sposato la mia dolce metà d'infanzia, una certa Miss Amy Merry, alla quale ero rimasto immensamente affezionato, non si poteva biasimarla, Ablington possedeva la maggior parte del villaggio e molto altro ancora mentre la...

767 I più visti

Likes 0

Samantha e Kaylee_(0)

Avevo una vicina di nome Kaylee che era meravigliosa. Era alta, atletica e aveva un corpo sodo. Probabilmente circa 120 libbre. pelle abbronzata, capelli castano scuro. Ha sicuramente attirato la mia attenzione. Non era una troia, era più una provocazione. Abbiamo frequentato la stessa scuola superiore. L'ho vista spesso, ma non abbiamo parlato molto. Tutto in lei era ipnotizzante, il modo in cui i suoi capelli erano lunghi e avevano la giusta quantità di riccioli, le sue gambe, la figura sexy, aveva persino delle fossette sopra il sedere che potevo vedere quando era in bikini intorno alla piscina. Era una brava...

263 I più visti

Likes 0

Principiante della schiavitù

Maria strinse i denti quando il maestro del bondage incappucciato si presentò, non per nome ma stabilendo il suo completo controllo su mia moglie. Rimase in silenzio davanti a lui, completamente nuda, sottomettendosi a qualunque umiliazione le sarebbe stata inflitta. Aveva iniziato facendole scorrere le mani sul corpo, indugiando sulle sue enormi tette, allargando le gambe in modo da poterle raggiungere. Bella fica stretta, per una troia, aveva grugnito. Adesso ha fatto un passo avanti. Fece oscillare la mano con un backswing completo, collegandosi al seno sinistro. Lo schiaffo echeggiò nella camera di cemento. Il seno di Maria si sollevò, colpendola...

256 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.