Maestro Giovanni

440Report
Maestro Giovanni

ESPOSIZIONE 3

Poi è arrivato quello che ho definito "Il Giorno", (luglio 2010). È stato anche subito dopo aver rinunciato a trascorrere un'intera giornata in ufficio con un abito estivo molto sottile e corto, senza biancheria intima, che mi ha lasciato corneo. Ero in “uno di quegli stati d’animo eccitati” che mi attanagliano di tanto in tanto, forse perché la sera prima avevo accettato una sfida stravagante. Faceva piuttosto caldo. Siamo usciti quest'estate 3 volte con me che lampeggiavo e così via, ma mai "apparentemente" colto in modo corretto.

Questa settimana ero alla moda con il vestito estivo e gli stivaletti alla caviglia; David e io avevamo concordato a letto la sera prima che ora dovevo trovarmi faccia a faccia con uno sconosciuto che indossasse solo il mio sorriso, vestito completamente aperto o completamente spento. Quindi sono d'accordo che per un periodo camminerò solo con gli stivaletti alla caviglia; Dovevo agire con la massima nonchalance possibile e non coprirmi ma camminare finché non fossi più visibile. Ho dovuto trascorrere un'ora intera come descritto sopra; qualsiasi insabbiamento farebbe ripartire l'orologio. Inoltre, se avessi scelto una strada in cui non fossi stato visto, avrei dovuto pagare un altro forfait che lui avrebbe ideato.

Uscimmo dal parcheggio e camminammo per dieci minuti quando mi tolsi il vestito, lui mi sorrise "certo?" Ho annuito e gli ho dato il mio vestito, lui si è diretto verso la zona più trafficata e il mio battito batteva all'impazzata. Dopo circa 20 minuti passati a camminare nudi, ora potevamo sentire voci che chiamavano, ecc. David mi ha guardato come per chiedermi se rivolevo indietro il mio vestito, - ho scosso la testa, "altri 10 minuti" ho detto.

“Va bene allora” disse, “ora vai avanti”

Non avevo capito appieno cosa intendesse, finché non ero a circa 20 metri da lui e non si era mosso. Ora che l'ho fatto, aveva parlato di farlo come fase successiva, lasciandomi andare circa 50 o 60 metri davanti o dietro di lui, senza tempo per afferrare la gonna o il top. La mia reazione è stata quasi come la prima volta che gli ho dato il cappotto, le mie ginocchia si sono indebolite e l'euforia sessuale era enorme. Penso che sapessimo entrambi che prima o poi mi avrebbero visto quel giorno, quel pensiero mi fece impazzire i capezzoli e sentii davvero la mia figa sbavare.

Ho camminato abbastanza audacemente, stavo attraversando un tratto dove non c'era nessun santuario di cespugli dietro cui tuffarsi, avrei dovuto attraversare la stessa pista ben utilizzata e aperta che i ragazzi ciclisti erano scesi a razzo e mi avevano quasi visto. Mi sono fermato nel mezzo di quel sentiero, in salita potevo vedere gli alberi e per circa 200 metri finché il terreno non cadeva, in discesa, potevo vedere molto più lontano, forse almeno mezzo miglio, mi sono reso conto che avrei potuto vedere qualcuno, ma potrebbero benissimo vedermi nudo sulla collina. L'ho sfacciato per circa 5 minuti finché David non ha raggiunto, ha sorriso, è stato in grado di vedermi per tutto quel tempo. Stavo tremando, quando siamo andati avanti.

Più volte ho scelto un sentiero che sembrava ben utilizzato e i minuti scorrevano via. Poi sono passati i 10 minuti e non è arrivato nessuno. David si avvicinò a me e mi toccò la figa, stavo gocciolando e anche lui era duro. Ora mi condusse in un punto dove ad un certo punto era caduto un albero. Era lo stesso punto in cui mi aveva tenuto in schiavitù leggera 3 settimane prima, ma questa volta era una posizione e un albero diversi. Questo tre era una grande quercia caduta con un angolo del 45% in qualche momento del passato e aveva staccato il camion dalle radici.

Senza alcuna spiegazione mi fece stare con la schiena sul camion principale, mi mise delle manette intorno alle caviglie e con la corda tesa mi legò le gambe quasi quanto si erano aperte e con i fianchi spinti in avanti dai tre rami, potevo senti e vedi la mia figa spalancata. Fissò ciascuna corda alle tre vicine. Le mie braccia erano messe dietro la schiena e lui aveva una corda che correva dietro i tre camion fino a ciascun polsino.



Ha prodotto una bobina di corda arancione e ha iniziato a legarmi al seno, anche abbastanza stretto con le gambe e le braccia separate dolorosamente, ha legato il mio seno a forma di "8". Sono rimasto sorpreso da questo sviluppo, dato che in passato avevamo provato il bondage solo poche volte. Il colore della mia pelle stava diventando rosa brillante, ma non viola come avevo visto nelle foto, quindi i miei attacchi non erano eccessivamente stretti. Successivamente ha posizionato una grande “molletta da bucato” su ciascun capezzolo gonfio, è stato un dolore/piacere, come un amante che morde un po’ troppo forte. L'intera faccenda era un po' nuova per me, trovarsi così in un luogo pubblico e in una schiavitù che andava oltre qualsiasi cosa avesse provato a casa.

Il punto che aveva scelto era appena a 30 metri dal sentiero, ed io ero impotente, mi aveva legato più saldamente dell'ultima volta, ma ero emozionato. Ero sicuro che sarei stato visto dal sentiero. Ma poi mi ha messo una benda di seta nera sulla testa e sugli occhi. Le cose stavano migliorando, questo era un nuovo marito. Poi si è inginocchiato e mi ha leccato la figa per circa 5 minuti, portandomi sempre più vicino al climax, ma non permettendogli di svilupparsi, infine ha posizionato delle pinze per vestiti simili sulle mie labbra gonfie. Come disse più tardi, non c'erano dubbi su quanto fossi sessualmente eccitato.

L'ultima volta che ero riuscito a mettere le dita attorno alle corde dei miei polsi per allentarle, ma ora che erano troppo lontane, all'improvviso mi sono reso conto che forse non sarei riuscito a liberarmi. Adesso non ho idea di quanto tempo sono stato lì, almeno 20 minuti, forse 30, prima di sentire la sua voce e poi lui che veniva verso di me. Sicuramente non era mio marito, la voce era burbera e quando la sua mano si chiuse sul mio seno nudo, potevo sentire i calli sulle sue mani.

Mi parlava continuamente con un sussurro rauco e le sue mani mi palpavano, non sapevo cosa dire o fare. Ero congelato. Non credo di aver sentito uno zip, ma all'improvviso il suo cazzo era nella mia vagina ed era dentro di me. Ero così bagnato e così spalancato dalle mie corde da bondage, anche la sua taglia non aveva importanza ed era un ragazzo grosso. Mi ha speronato fino in fondo, ho sussultato. Non indossava il preservativo. Ora mi scopava, stringendomi i seni facendo saltare via le pinze, e poi mordendoli; quando vide che la mia reazione era quella di soddisfare le sue aspettative, mi diede una forte pacca sul seno con la mano e io involontariamente gemetti di gioia.

Ne sono uscito molto prima di lui. E lo sapeva. Quando ho sentito il suo scatto dentro di me, sono venuta di nuovo. Ho notato che raramente sento gli scatti dei ragazzi, a meno che non sia eccessivamente eccitato o lui sia davvero un forte sperma.

La mia posizione assicurata a quest'albero era tale che quando si è tirato fuori da me, è stato in grado di muoversi e infilarmi il suo cazzo in bocca, semplicemente tirando fuori la mia testa un po'. Non ho opposto resistenza e l'ho succhiato finché non è diventato di nuovo duro, allo stesso tempo mi ha toccato la figa e il clitoride, il suo callo è davvero piacevole sul mio clitoride gonfio. Ormai avevo da tempo dimenticato di chiedermi dove fosse mio marito, i miei pensieri consumati dalla mia brama di stupro. Avevo pensato che da un momento all'altro avrei ricevuto una boccata di succo di sperma; Ero pronto, desideroso e pronto.

Ma no! Ora tirò fuori dalla mia bocca con forza e si allontanò: era arrivato qualcun altro? – Cosa stava succedendo, volevo di più!

Ho sentito le mie caviglie liberarsi dalle corde, una poi l'altra. Ho sentito il suo cazzo entrare di nuovo in me, questa volta con le gambe sulle sue spalle, dandogli una penetrazione totale. Mi ha spinto dentro un paio di volte poi, afferrandomi le natiche, ha tirato fuori la spinta successiva che era inaspettata. Penetrò nel mio retto con una spinta completa facilitata dal notevole succo; mi ha quasi tolto il fiato. Non ero una vergine anale, ma lui era un ragazzo grosso e la maggior parte degli amanti mi aveva fatto un buco marrone con del lubrificante. Questa è stata la mia prima scopata anale "naturale" e il cazzo di questo ragazzo sembrava grosso e carnoso.

Ad alcune donne piace una scopata anale, a patto che il ragazzo sappia cosa sta facendo e continui l'azione senza inaridirsi. Sono uno di loro; o meglio lo ero da questo giorno, è stato un piacere doloroso. I miei cazzi precedenti non avevano idea del mio attuale amante; era bello quanto la mia scopata vaginale. I suoi pollici continuavano a lavorare sulle mie labbra e sul clitoride, ma non delicatamente come quando lo succhiavo, ora li tirava e li allungava, lo stimolo era più grande della sua delicata indagine. Sono sempre stato consapevole che al culmine del climax sessuale divento molto vocale e rumoroso, questo pomeriggio stavo cercando disperatamente di mantenere la mia voce per sospiri e gemiti.

La mia scopata anale è durata più a lungo della prima, forse 15 o più minuti e l'energia spesa ha liberato le corde che mi legavano le mani dopo circa 10 minuti. Sono stata io a mettergli le mani attorno al collo, a tirarlo avanti e a baciarlo. . Lungo, duro e profondo. Sapeva di alito cattivo, di aglio e peggio. Non mi importava affatto. Sono uscito forse 3 volte. Questa volta non l'ho sentito schizzare, ma si è tirato fuori con un tonfo, ammorbidendosi già.

Finito il nostro sesso, ero indeciso tra strapparmi la piega cieca o lasciarla accesa. Sono andato a toglierlo e la sua mano ha preso la mia: "No, signora, tienilo addosso".

Adesso mi aveva fatto alzare in piedi e mi aveva baciato dolcemente. Sembrava sapere esattamente quando essere gentile e quando dare un minimo di dolore. Ero consapevole che non si era rifatto. Ora mi stava dicendo quanto ero adorabile e meravigliosa. Volevo sapere solo una cosa.

"Ci vediamo di nuovo qui?" ho chiesto come un'adolescente colpita dall'amore.

Sembrava titubante e insicuro. Volevo di più di quello che era successo.

“Farò quello che desideri”, un tono di disperazione nella mia voce era evidente anche a me.

Le sue mani giocavano dolcemente con il mio seno, ora si muovevano per darmi una semplice spinta verso il basso, ma sapevo esattamente cosa voleva. Mi sono inginocchiato e ho preso in bocca la sua virilità sporca del mio stesso sapore rettale. Per quanto la sfrenatezza del mio atto mi elettrizzasse, eccitava anche il mio amante misterioso poiché era di nuovo duro in pochi istanti. Quando la mia bocca aveva inghiottito il suo cazzo sporco, lui aveva gemito "Oh sì". E sì, caro lettore, era molto sporco.

Potrebbe non essere stato il mio miglior pompino fino ad oggi, ma probabilmente non era lontano. Per circa 20 minuti ho mosso il suo cazzo dentro e fuori dalla mia bocca, l'ho succhiato per tutta la lunghezza, gli ho succhiato le palle, finché il suo pube non è stato inzuppato finché alla fine ha gemuto e mi ha spruzzato il suo sperma in bocca. L'ho ingoiato.

Ero esausto. Anche lui lo era. Dopo circa 5 minuti, l'ho sentito sistemarsi di nuovo i vestiti e mi ha detto.

“Va bene, Signora, se domenica prossima fa bel tempo, sia qui nuda, bendata e sola”. L'ho sentito andarsene.

Dopo 5 minuti mi sono tolto la benda. Avevo ancora il mio orologio e non potevo credere all'ora. David mi aveva lasciato legato forse alle 15, erano ormai passate le 17, permettendomi di restare lì da solo per 15 minuti, il tempo era volato. Ma ero nudo nel bosco a circa 2 miglia dall'auto. Sono rimasto sorpreso che David non fosse tornato a cercarmi, realizzando solo che era la prima volta che pensavo a lui in forse 2 ore.

Ho guardato il mio corpo dall'alto in basso; sorprendentemente non ero così segnato o contuso come temevo, il vero sfregamento era sui polsi e sulle caviglie. Ho ripreso la via del ritorno, a quest'ora la maggior parte delle persone sarebbe tornata a casa, nell'aria si stava diffondendo un brivido. A circa un miglio dal mio percorso ho visto David tornare indietro, prima che mi vedesse. Aveva i miei vestiti.

Sapevo che sarebbe impazzito (in senso buono) se gli avessi raccontato quello che era successo, ma mentre ricominciavo, mi chiedevo se il mio uomo misterioso e quello che era successo fossero stati una sua trappola. Era stato un suo amico? Aveva osservato da vicino? Ho deciso di non dire nulla, se fosse stato lui a organizzarlo, sarebbe stato così pieno di eccitazione che forse sarebbe scoppiato se fossi rimasto zitto. Gli ho chiesto perché fosse tornato e lui ha detto che, vista l'ora, pensava che forse la mia situazione fosse troppo difficile da uscire. (lui aveva ragione)

Vedendomi il suo viso si illuminò e mi consegnò il vestito senza fare storie. Quando mi ha chiesto cosa fosse successo, gli ho spiegato che mi ci sono voluti anni per liberarmi e poi una famiglia si era fermata proprio sul mio cammino verso casa, e avevo dovuto restare sdraiata aspettando che finissero. Quando mi guardò deluso per questo, gli spiegai che i bambini erano molto piccoli. Quando siamo tornati alla macchina e a casa, sapevo che non mi aveva incastrato, non era possibile che fosse così gentile. Il mio amante era uno sconosciuto per caso.

Storie simili

Non c'era altro modo Pt. II

Perché, pensavo volessi scoparti mia moglie? L'uomo con la pistola ha risposto: Lo faremo, e tu puoi succhiarmi il cazzo mentre quei due fanno a modo loro, altrimenti Tom! Faresti meglio a fare come dico ventosa! Ho guardato mio marito incredulo per quello che stavo sentendo, un uomo che gli diceva di succhiargli il cazzo ma poi c'era di nuovo coinvolta una pistola. Le mani che mi stavano afferrando il culo e spingendo il loro cazzo dentro di me fino in fondo e poi macinando hanno iniziato a tirarsi fuori. Stava guardando l'uomo armato e l'ho sentito dire: Ecco, lascia che...

595 I più visti

Likes 0

Memorie

Estratto dalle memorie di Stan R. Shealton, autore pubblicato: ...poche ore dopo, scappando lentamente dal sogno, mi sono sentito come se stessi lasciando un posto in cui ero stato per anni, come se appartenessi a quel posto. Mi sono svegliato con le immagini ancora nella mia visione e la sensazione più sensuale delle onde di succosa umidità che scorre sul mio corpo. Continuai a gemere in modo incontrollabile, i miei piedi affondavano nel materasso permettendo ai miei fianchi di fluire in avanti, ancora e ancora. Rendendomi conto in quel momento che stavo stringendo qualcosa, abbassai lo sguardo per vedere gli occhi...

627 I più visti

Likes 0

Poteri espliciti

Questa è la mia prima storia in assoluto, l'ho riletta ma per favore non voglio che un gruppo di insegnanti di inglese abusi della mia grammatica. Le critiche costruttive vanno bene, ma nessuna roba del genere era merda, ecc. Avevo sempre saputo di essere speciale da bambino mentre crescevo. Non solo perché era quello che dicevano i miei genitori, ma perché sapevo di avere questi poteri. Ho scoperto che potevo plasmare il cambiamento alla giovane età di 13 anni, ma sapendo già cosa succede ai mostri con poteri del genere, l'ho tenuto per me. Ovviamente questo è anche il momento in...

680 I più visti

Likes 0

Un volo da ricordare

La mia esperienza ad alta quota Ho trascorso l'estate all'Università della California a Berkeley, studiando arabo, quando sono dovuto tornare a casa in Alabama. I miei numerosi voli in coincidenza hanno reso la tariffa più economica, ma ci è voluto molto più tempo per tornare a casa. Non sapevo che più tardi quel giorno avrei voluto avere più tempo su uno dei miei voli, non di meno. Salii su un aereo del Southwest in Arizona, diretto a Birmingham nel primo pomeriggio, e scelsi un posto vicino al retro dell'aereo. Ho tirato fuori un libro e avevo appena finito le prime pagine...

207 I più visti

Likes 0

Visitare un amico speciale

Ho bussato al cancello di metallo. Era un bungalow piuttosto grande circondato da muri di mattoni con glassa di filo spinato. Il mio cuore batteva. Tutto quello che sentivo era la paura di essere rifiutato o qualcosa del genere. Fortunatamente, suo fratello maggiore, Suleman, ha aperto la porta. Era un ragazzo con un carattere freddo e una corporatura piuttosto muscolosa, quindi ha mantenuto la sua posizione. Mi guardò con giudizio per un momento, sorrise e mi diede una stretta di mano. Ei, cosa ci fai qui? Sono qui per far visita a tua sorella... mi smorzai, sapendo quanto fosse insolito per...

1.2K I più visti

Likes 0

Lamenti di un PSO

Lamenti di un PSO Voglio dire, lo faccio per vivere, sai? Non fraintendermi, può essere divertente, infatti, è soprattutto divertente. Ma ci sono alcuni giorni, e alcuni chiamanti, che ti fanno impazzire. Capisco i feticci, diavolo questo è il mio lavoro, e sono dannatamente bravo a farlo, se lo dico io stesso. Ma per l'amor di Dio, ci sono solo alcune cose che non posso fare. Il che mi porta a questo dilemma. Ho questo chiamante, sembra abbastanza gentile, è un cliente abituale e chiama da un po'. Ma ha questa ossessione con cui non posso proprio aiutarlo. So cosa stai...

872 I più visti

Likes 0

Femmina sensuale

Nome: Susan Dini Età: 36 Razza: caucasica Misure: busto 34, vita 25, fianchi 35 Altezza: 5'-4 Peso: 120 libbre. Sono sessualmente attivo da 19 anni avendo avuto le mie prime esperienze sessuali all'età di 15 anni. Sono felice di dire che ho un livello molto alto di desiderio sessuale. Ci sono alcuni che potrebbero considerarmi una ninfomane, tuttavia considero il mio desiderio sessuale molto sano. Ci sono momenti, anche se per fortuna non molto spesso, in cui sono letargico riguardo al sesso. Non riesco nemmeno a immaginare quanti partner sessuali ho avuto nel corso degli anni. Non riesco nemmeno a immaginare...

954 I più visti

Likes 0

RIPENSANDO pt2

Per chi è nuovo a questa storia, lascia che ti raggiunga. Avevo perso mia moglie, Tina più di un anno fa, a causa di un asino che guidava ubriaco, avevo comprato una nuova bici e mi ero messo in viaggio, il mio modo di farcela credo, mi sono imbattuto in Jenny lungo l'autostrada con il suo ragazzo violento e lei ha guidato via con me e abbiamo iniziato una meravigliosa vita di avventure. Mentre giravamo l'angolo verso la casa del suo ex fidanzato, potevo sentirla irrigidirsi e tenermi molto più stretta, cosa che non mi importava perché i suoi capezzoli duri...

771 I più visti

Likes 0

Il risveglio gay di James

James era un ragazzo normale, beh giovane adulto. Aveva 18 anni e frequentava l'ultimo anno di scuola. James era alto 6 piedi e una corporatura media, a scuola non era né popolare né impopolare, solo uno dei ragazzi che sembravano mimetizzarsi. Non ha mai avuto una ragazza a scuola, in parte a causa della sua mancanza di fiducia in se stesso, e in parte a causa della sua mancanza di fiducia nel suo cazzo da 5 pollici. Aveva una sorella, Claire, che era due anni sotto di lui a scuola, 16 anni. Era molto più popolare di lui, ma nonostante questo...

774 I più visti

Likes 0

Stanze dell'orrore e delle delizie stanza 2

Jennifer stava camminando con i suoi amici nel centro commerciale e stava facendo battute per il divertimento dei suoi amici. Giovani adolescenti le passavano accanto e le facevano cenni del capo, o strizzatine d'occhio, flirtando con lei. Le piaceva l'attenzione. Un ragazzo le fece cenno di avvicinarsi. Era perfetto: capelli biondi e occhi azzurri, alto un metro e ottanta e muscoloso. La raggiunse per parlare, quando improvvisamente si trasformò nella creatura che lei temeva di più: l'enorme uomo deforme con il cazzo enorme. Si lanciò verso di lei... Jennifer sussultò e si svegliò con un grido terrorizzato. Ancora ansimante, improvvisamente ricordò...

907 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.