Rotto_(0)

641Report
Rotto_(0)

Quando sei entrato nel mio ufficio, sono stato immediatamente trascinato in quello stato d'animo che tutti i maschi sperimentano in presenza di ragazze attraenti. Non ho potuto fare a meno di notare le macchie leggermente più scure sulla tua maglietta bianca, che indicavano i tuoi capezzoli e che non indossavi nessun tipo di reggiseno. I pantaloncini da ginnastica della scuola erano così stretti su di te che ogni curva era visibile, il che mi ha fatto contrarre il cazzo nelle sue restrizioni. Stavi guardando in basso, i capelli biondi ti oscillavano davanti al viso arrossato.
Mi sono schiarito la gola e ho chiesto: "Signorina Scott. Perché è nel mio ufficio oggi?"
Hai assunto una tonalità di rosso ancora più profonda, ma non hai risposto. In tutta onestà, mi ha fatto desiderare così tanto.
"Allora signorina Scott?"
In silenzio ma in modo udibile hai detto: "Il coach Tibber mi ha sorpreso a toccarmi negli spogliatoi, signore".
Il mio uccello si è contorto alle tue parole. Oh, questo era perfetto! Sapevo che non avrei dovuto andarci, ma eri così perfetto, così caldo e sexy e dovevo averti.
"
"Toccarsi?"
Hai annuito in risposta.
"Beh, considerando che non ti dispiace fare una cosa del genere in pubblico, mostrami cosa ti ha sorpreso a fare l'allenatore, signorina Scott."
Alzasti lo sguardo, lo shock metteva in risalto il tuo bel visino, le tue labbra perfette che formavano una O.
"Ma...ma...Signore...io"
Mi alzai, cercando di nascondere la mia erezione. "Non ho tutto il giorno, signorina Scott."
Mi sono avvicinato alla porta, ho aperto la serratura e ho abbassato tutte le persiane. Con un pensiero dell'ultimo minuto ho acceso l'aria condizionata, molto fredda. Ho posizionato una grande sedia dietro di te, proprio di fronte alla mia scrivania. Poi ho chiamato la mia segretaria, chiedendole di cancellare il resto dei miei appuntamenti perché avevo un problema serio da affrontare. Ti ho guardato.
"BENE?"
Ti sei mosso timidamente, abbassando lentamente i tuoi pantaloncini da ginnastica attillati, il tuo viso rosso vivo. Ho notato che non indossavi le mutandine. Ho chiesto di mantenere l'immagine che ero deluso da te. Ti sei seduto sulla sedia e hai avvolto le gambe sui braccioli, regalandomi una vista straordinaria della tua piccola fica rasata. Sapevo che era sbagliato, che avrei potuto perdere il lavoro per questo, ma il mio uccello aveva preso il sopravvento e mi tirava la cerniera.
Hai spostato la tua manina tra le tue gambe, immergendo le dita nel tuo buco per trovare un po' di succo di fica. Lentamente hai iniziato a massaggiarti il ​​clitoride gonfio. Sono rimasto scioccato dal fatto che lo stessi facendo davvero, ma Dio mi ha adorato. Ho aperto la cerniera dei pantaloni permettendo al mio cazzo senza boxer di uscire. L'ho accarezzato sotto la scrivania mentre ti guardavo. Ti mordi il labbro dal piacere, mentre ti scappa un leggero gemito. Oh mio Dio, l'ho adorato. Ho deciso che avrei fatto meglio a continuare a recitare e ho nascosto il mio cazzo.
"Adesso basta, signorina Scott. Penso che ti stia divertendo un po' troppo. Dimmi, hai mai fatto sesso?" Senza una parola ti sei fermato e hai annuito di sì. "E hai mai succhiato un cazzo prima?" Anche a questo hai annuito di sì.
Ho sorriso e ti ho fatto cenno di avvicinarmi. Ti sei alzato e sei andato verso di te, senza alzarti i pantaloncini, ma buttandoli via con un calcio.
"Ora le ragazze cattive meritano di essere punite, non è vero Alison?" ti ho chiesto
Hai annuito, un luccichio segreto nei tuoi occhi, un desiderio.
Ho ridacchiato e ti ho spinto a terra sotto la mia scrivania. Ho aperto la cerniera dei pantaloni e il mio cazzo si è liberato. I tuoi occhi si sono spalancati alla mia portata e di nuovo ho ridacchiato.
"Succhialo" ti ho ordinato.
Senza esitazione hai afferrato la mia verga e te l'hai portata alla bocca. Hai baciato leggermente la testa prima di infilartela in profondità nella gola, le tue labbra avvolte strettamente attorno al mio lecca-lecca. Gemetti e affondai la mano tra i tuoi capelli, spingendo il mio cazzo ancora più in basso. Non hai avuto conati di vomito, mi hai solo succhiato con gioia il cazzo mentre ti scopavo la gola. Eri così bravo, ti sentivi così bene che non ho potuto fare a meno di soffiarti il ​​mio carico in gola. Hai deglutito felicemente.
Ti ho tirato fuori il cazzo dalla bocca.
"Ora signorina Scott, non volevo ancora venire, quindi ora devo punirti. Vedi, stavo per ricambiare il favore, leccare quella tua dolce fica, ma ora non lo farò."
Ti ho fatto alzare in piedi, godendomi l'espressione triste sul tuo viso. Ti ho spinto all'indietro così sei atterrato sulla schiena sulla scrivania. Ti ho tirato su le gambe così ho avuto un buon accesso alla tua figa bagnata.
"Ti scoperò, signorina Scott." Te l'ho detto, poco prima di immergere tutta la mia cervice in profondità nella tua figa.
Hai urlato piano. Ma mi ha guardato e ha sussurrato "Oh, per favore, per favore, fottimi"
I muscoli stretti della tua figa si sono stretti attorno al mio cazzo mentre lo infilavo con forza nella tua fica, tu gemivi e ti accarezzavi con le tue tette improvvisamente esposte. I miei pantaloni erano ancora trattenuti dal bottone, quindi si stavano inumidendo dei succhi della tua figa. Potevo sentire che ti stavi avvicinando al climax, i tuoi gemiti e le tue suppliche si sono avvicinati e il tuo respiro si è fermato. Mi sono staccato da te e mi sono lasciato cadere sulla sedia. Eri completamente sconvolto da questo, quindi mi sei salito sulle ginocchia, spingendo il mio cazzo in profondità dentro di te e cavalcando il mio cazzo, facendo rimbalzare le tue deliziose tette in faccia.
Hai raggiunto l'orgasmo, il succo della fica mi si è rovesciato sul cazzo e mi ha inzuppato i pantaloni. Poco dopo ti ho scaricato dentro. Allora mi hai baciato, il mio cazzo ammorbidente era ancora in profondità nella tua figa bagnata.
Ti sei staccato da me, mi hai leccato il cazzo e l'hai nascosto. Ti sei vestito e sei uscito sorridente. Rimasi lì seduto scioccato per quello che avevo fatto.
Ho passato le due settimane successive a temere che mi avresti fregato, che avrei perso il lavoro. Questo finché non sei comparso di nuovo nel mio ufficio, chiudendo la porta dietro di te.
"Signore? Sono stato beccato di nuovo." Ridacchiai e ti feci cenno di avvicinarmi.
Mi sei salito in grembo e mi hai baciato. Ci siamo spogliati entrambi, il mio cazzo davanti all'apertura della tua fica. Poco prima che mi immergessi mi hai sussurrato: "Tesoro, sono incinta". E ovviamente questo mi ha fatto venire voglia di scoparti di più... Molto, molto di più.


Spero che la mia storia ti sia piaciuta. Era il mio primo, quindi vacci piano con me. Ma posso dire una cosa, mi ha fatto davvero bagnare scriverlo! <3

Storie simili

Diventare Zoe

La mia futura moglie Annie aveva accettato un lavoro fuori città e la vedevo solo ogni due settimane circa. Mi mancava così tanto. Lei ed io eravamo diventati amanti a distanza. Aveva un volo di ritorno a casa venerdì sera. Stavo andando a prendere suo figlio Zakk dal suo dormitorio e noi due saremmo andati a prenderla all'aeroporto e ci saremmo goduti il ​​fine settimana insieme. Zakk è al suo primo anno di college e sta studiando per diventare un truccatore per il teatro e lo schermo. Lui e io non ci siamo davvero conosciuti e questo doveva essere il fine...

1.1K I più visti

Likes 0

Tempo in gioventù_(0)

Sono entrato nella chiesa dove ogni giovedì si tiene il gruppo giovanile a cui vado. Di solito arrivo lì un'ora o due prima per dare una mano. La mia amica Anah mi ha sorpreso abbracciandomi forte mentre entravo. Anah, cosa fai qui così presto? chiesi ricambiando l'abbraccio. Beh, di solito arrivi qui prima di chiunque altro, e io non avevo niente da fare, quindi ho pensato di venire e uscire insieme. Non passiamo abbastanza tempo l'uno con l'altro, disse alzando lo sguardo alla mia con grandi e teneri occhi azzurri che erano complimentati sia dai suoi lunghi capelli biondi che dal...

377 I più visti

Likes 0

DONNE ANZIANE_(1)

Storia di Fbailey numero 219 Donne anziane Quando ho compiuto sedici anni mia madre era impegnata con me. Papà non c'era mai e quando c'era, non c'era ancora. Era il tuo venditore ambulante preverbale. Era un donnaiolo, un ubriacone e una misera scusa per un essere umano. Ha fornito un tetto sopra le nostre teste, ma questo è tutto. La mamma lavorava per pagare il cibo che mangiavamo e i vestiti che avevamo addosso. Ho avviato la mia attività di giardinaggio quella primavera. Ho distribuito volantini in un bel quartiere appena fuori città e ho trovato subito un paio di lavori...

1K I più visti

Likes 2

Non c'era altro modo Pt. II

Perché, pensavo volessi scoparti mia moglie? L'uomo con la pistola ha risposto: Lo faremo, e tu puoi succhiarmi il cazzo mentre quei due fanno a modo loro, altrimenti Tom! Faresti meglio a fare come dico ventosa! Ho guardato mio marito incredulo per quello che stavo sentendo, un uomo che gli diceva di succhiargli il cazzo ma poi c'era di nuovo coinvolta una pistola. Le mani che mi stavano afferrando il culo e spingendo il loro cazzo dentro di me fino in fondo e poi macinando hanno iniziato a tirarsi fuori. Stava guardando l'uomo armato e l'ho sentito dire: Ecco, lascia che...

737 I più visti

Likes 0

OOPS 3

OOPS 3 Durante la cena con mio marito Nathan e suo figlio Nate ho ripreso l'argomento di cui avevo parlato con le mie amiche a partire dalla nostra promessa reciproca. Ora ci siamo promessi la totale verità l'un l'altro dissi Prendendo un caffè oggi, Natalie ha detto di aver sorpreso suo figlio e 3 dei suoi amici a masturbarsi nelle sue mutandine e pensa che tutti i ragazzi lo facciano Quindi Nathan, l'hai fatto come un ragazzo? Strewth, è un po' imbarazzante chiederlo? disse Nathan Ho guardato Nate con aria interrogativa perché sapevo che aveva annusato il mio ma non ero...

657 I più visti

Likes 0

Perché le cose succedono sempre a me

Perché le cose mi succedono sempre Prima di iniziare mi rendo conto che non ci sono molti uomini che vanno in giro con un cazzo da 12 pollici. E quindi l'ho soprannominata una fantasia e una farsa. Basta già detto alla storia. Mi chiamo Samuel Longfellow, sono il proprietario di una delle più grandi società di sicurezza dello stato. È così che guadagno i miei soldi (sette cifre all'anno) La mia passione è la ricerca sulla fauna selvatica e ho una borsa di studio presso il college locale. Faccio le mie ricerche nella mia fattoria di 680 acri. Ora la mia...

2K I più visti

Likes 0

Perdo la verginità(8)

L'ho incontrata su un sito di chat su Internet. Vivevamo a 800 km di distanza, quindi non ho avuto problemi a flirtare come un matto. Mi ha detto che è alta 1,5 m, lunghi capelli biondi e occhi azzurri con un corpo sexy. Beh ovviamente l'ho presa in giro e le ho detto che se non mi manda una foto non le crederò, mi ha chiesto se le foto di lei sarebbero state solo per i miei occhi ed essendo il ragazzo che sono le ho dato la mia parola, aspettandomi una foto molto cattiva. Quello che ho ottenuto è stata...

1.8K I più visti

Likes 0

La banda pt1_(0)

La Banda. pt 1 Questa è la mia prima storia in assoluto, quindi per favore sii gentile nei tuoi commenti. Sono ben accette critiche costruttive. Sono Sarah, ho 26 anni e lavoro in una banca come consulente per piccole imprese. Ho lunghi capelli castani, sono 5'7 taglia 10 con seni piccoli ma impertinenti 32B. Vado in palestra almeno 3 volte a settimana quindi sono in buona forma e sono single da un paio d'anni, anche se mi sono divertito. Comunque ti racconto la mia esperienza con una gang di East Leeds. Era un venerdì e la mia migliore amica Vicky era...

926 I più visti

Likes 0

LA FAMIGLIA DI KRISTI 4_(1)

CAPITOLO QUARTO Quando arrivarono nella sua camera da letto, Roger entrò per primo. Notò per la prima volta che Bob era seduto nella sua poltrona reclinabile, apparentemente a riposo. Guardando il letto, vide che Erin era inginocchiata sul letto e si aggrappava alle sbarre della testiera. Guardando più da vicino, si rese conto che non aveva scelta. I suoi polsi erano legati alla testiera, costringendola a inginocchiarsi, le sue tette penzolanti dal suo petto che gravitavano sul lenzuolo sotto di lei. Tieni quelle gambe aperte puttana! Mi piace guardare il tuo bel culetto. Saremo pronti per il secondo round tra un...

943 I più visti

Likes 1

All'improvviso, tabù

All'improvviso, tabù Se sei un ragazzo abbastanza bello con una personalità gradevole, bravo a chiacchierare con le donne e a muoverti molto, trovandoti nei posti giusti al momento giusto avrai i tuoi momenti di sesso quando meno te lo aspetti; questo è previsto. Ma quando all'improvviso, all'improvviso, senza alcuna indicazione, senza alcuna preparazione, senza alcuna preparazione da parte tua, ti viene servita una figa di prima qualità, e quella figa appartiene alla tua bellissima madre; allora sei un figlio di puttana fortunato. Sono un figlio di puttana fortunato! Una parente di mia madre ci ha inviato un invito al suo matrimonio...

771 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.