Il mio fratellastro

601Report
Il mio fratellastro

Penso che sia così dolce quando il mio fratellastro Kevin regala alla sua ragazza le sue cose. Le ha regalato il suo cappello preferito, verso il quale è ESTREMAMENTE protettivo. Ad esempio, non permettere mai a nessuno di toccarlo. Continua a dire che è perfetto ed è praticamente modellato per adattarsi alla sua testa, e glielo ha dato. Le ha anche regalato la sua giacca preferita e le lascia sempre prendere in prestito le sue fortunate perle del karma. Queste cose sono state il suo portafortuna per tre anni. Non se li toglie mai e odia quando le persone li toccano. Farebbe di tutto per dimostrarle il suo affetto. La ama davvero e lo invidio. Ora, il mio ragazzo... non fa niente per me e non mi dà niente. Non mi tiene la mano, non mi dice cose dolci, tutto quello che vuole fare è fare sesso. È stato divertente per un po', ma sì, l'ho mollato abbastanza velocemente. Mi sono stancato del povero sesso. Ma Kevin, lui e la sua ragazza stanno insieme da dieci mesi. Non ho una relazione da più di tre anni. Però ho solo sedici anni, quindi ho ancora tempo. Ma ha capito qualcosa.

Il mio nome è Kimberly. Sono alto un metro e settanta, coppa B, capelli biondi piuttosto lunghi e devo dire che sono dannatamente attraente e sono sicuro che ci sono molti altri che sarebbero d'accordo. So che Kevin è uno di quelli gente. Vorrei che fosse single, gli salterei addosso e non mi interessa se è il mio fratellastro. Invidio la sua ragazza, non passerà mai un secondo senza sentirsi amata quando è con lui. Lui è sempre trattenendola in qualche modo, sia che si tratti di tenerla per mano o addirittura di tenerla tra le sue braccia, sono sempre in contatto fisico. Non importa quello che stanno facendo, lui si avvicina a caso e la bacia sulla guancia e le dice che la ama. Voglio "Lo voglio così tanto. Lo voglio così tanto. Voglio che mi tenga stretto a sé, con le braccia strette attorno al mio stomaco e baciandomi la guancia. Ho fatto sogni in cui mi prendeva tra le sue braccia e mi baciava.

Kevin e la sua ragazza erano di sopra nella sua stanza e io ero in cucina. Lei deve avergli restituito la giacca perché la indossava, ma aveva di nuovo le sue perline. Immagino che abbiano scambiato. Non si è mai tolto la giacca per tutto il tempo che lei era lì. Rimasero seduti lassù a parlare per almeno quattro ore. Tornavo nella mia stanza e potevo sempre sentire le loro voci, non si fermavano. Se fosse stato il mio ex ragazzo avrebbe provato a infilarmi la mano nei pantaloni o a togliermi la maglietta. Hanno appena parlato. Alla fine se ne andò, e non appena uscì dalla porta la sua felicità se ne andò con lei. Salì le scale, mi passò accanto, lentamente e turbato, ed entrò nella sua stanza. Di solito è la persona più felice del mondo, ma se sta con lei e lei se ne va, lui si arrabbia. Ho bussato alla sua porta, non ha risposto. Ho bussato di nuovo e lui ha aperto la porta. Si era tolto la maglietta, aveva quella maledetta giacca sulle spalle e i pantaloni erano slacciati. Mi guardò con uno sguardo interrogativo, gli occhi socchiusi, i capelli in faccia e per qualche motivo l'acqua gli colava lungo il corpo. Aveva un'ottima definizione muscolare, non rigonfio ma era muscoloso. Balbettai per qualche secondo, poi finalmente riuscii a dire: "Stai bene Kevin, sembravi sconvolto?" Lui sorrise, girò la testa di lato togliendosi i capelli dagli occhi e disse: "Sì, odio quando deve andarsene. Mi piace passare del tempo con lei. Vado a farmi una doccia adesso, quindi se è così" tutto..." Avrei voluto mettergli fretta, aveva così caldo che non potevo sopportarlo. "No, tutto qui. Volevo solo assicurarmi che stessi bene." Mi sono voltato e sono andato alla mia porta. "Grazie per l'interessamento, Kimberly," mi gridò dietro.

Uscì dalla doccia circa quindici minuti dopo. Doveva uscire con i suoi amici alle sei, quindi aveva circa dieci minuti. Sarebbe rimasto via per circa due ore e io sarei stato l'unico a casa. I nostri genitori stavano andando fuori città, il mio vero fratello era a casa di nostro padre e la vera sorella di Kevin era dai suoi amici. Anch'io avrei dovuto uscire con i miei amici ma hanno deciso di mandare all'aria i nostri piani. Quindi sarei stato io per due ore ed ero ancora eccitato per il mio breve incontro con Kevin. Suonò il campanello e Kevin volò giù per le scale. Se n'era andato e ora ero tutto solo. Dato che non c'era nessuno in giro, ho deciso che mi sarei divertito un po' con me stesso. Mi sono seduto sul letto e mi sono appoggiato ai cuscini. Espirai tremante mentre facevo scorrere una mano lungo la coscia e l'altra giù dal petto allo stomaco. Ho agganciato i pollici alla cintura dei pantaloncini e mi sono morsa il labbro inferiore. Ho fatto scorrere le mani dalla parte anteriore della vita alla schiena, i pollici erano ancora agganciati ai pantaloncini e li ho fatti scivolare lungo le gambe. Una volta che li ho abbassati fino alle caviglie, ho lasciato cadere le gambe da un lato e ho fatto scorrere le mani lungo le caviglie fino alle ginocchia piegate. Spinsi in fuori il petto ed emisi un leggero gemito. Le mie mani scivolarono lungo la parte posteriore delle cosce e mi sfiorarono il sedere. Non ho potuto farne a meno, ho praticamente urlato di piacere. Rotolai su un fianco e mi massaggiai il sedere mentre l'altra mano scivolava fino al cavallo.

Stavo esplodendo di piacere. I miei capezzoli si sfregavano contro il reggiseno e stavo impazzendo. Mi sono girato e ho aperto gli occhi, solo per vedere una foto di famiglia della mia famiglia adottiva. Stavo per chiudere la foto, ma i miei occhi catturarono Kevin. Ho pensato a stamattina quando è corso da dietro alla sua ragazza e, sorpreso, l'ha abbracciata. Lei strillò e cominciò a ridere. Le toccò leggermente la guancia, voltò il suo viso verso il suo e la baciò. Stavo quasi gocciolando. All'improvviso mi sono ricordato che la sua giacca era qui. La sua giacca preferita. Ho sempre desiderato che i miei ragazzi mi regalassero qualcosa di speciale del genere. Non sarebbe male provarlo e basta... Mi sono rimessa i pantaloni e sono corsa fuori dalla porta. Camminai tremante verso la sua porta, non ne ero sicuro. Non mi sarei fermato però. Ho raggiunto la maniglia della sua porta e ho aperto lentamente la porta. Ho sbirciato dentro, era buio pesto. Ho cercato un interruttore della luce nel muro lì vicino. L'ho girato e le luci si sono accese. Mi sono insinuato dentro. Ho spostato lo sguardo attraverso la sua stanza per quella giacca. Era dall'altra parte del letto.

Strisciai sul suo letto e presi la sua giacca. L'ho tenuto vicino a me e ho assorbito il suo profumo. Mi appoggiai ai suoi cuscini e feci scorrere la mano lungo la sua giacca che era aperta sul mio corpo. Non mi sono fermato, ho continuato a far scivolare la mano lungo la sua giacca e sulle mie gambe. L'ho premuto vicino al petto con una mano e ho infilato l'altra mano sotto la sua giacca e l'ho premuta sul mio inguine. La mia figa stava iniziando a bagnarmi i pantaloni. Potevo sentire l'umidità attraverso i miei pantaloncini sottili. Ho fatto scivolare le mani nei pantaloncini e me le sono tolte. Li ho lasciati dal lato del letto e ho ripreso da dove avevo interrotto nella mia stanza. Rimisi le mani dov'erano e ricominciai. Ho strofinato la mia figa bagnata su e giù, sfiorando leggermente il clitoride. Mi accarezzai i seni e li premei attraverso la giacca di Kevin. Tirai l'altra mano dal mio monticello bagnato. Era bagnatissimo. Non ho potuto farne a meno, mi sono messa le dita in bocca e le ho succhiate, assaggiandone ogni goccia. Era così bello, la lussuria mi percorse il corpo e mi colpì. Mi sono portata entrambe le mani al seno e ho stretto e tirato. Mi sono seduto e ho tirato su la maglietta sul corpo, il mio seno spuntava da sotto e rimbalzava leggermente. Ho gettato la mia maglietta contro il muro.

Potevo ancora sentire il liquido che mi scorreva lungo la figa e il culo. Devo aver inzuppato le coperte del suo letto. Le mie mani correvano su e giù per il mio corpo, soffermandosi sul mio seno. La giacca di Kevin mi è caduta in grembo e si è accartocciata. Quando non ce la facevo più, finalmente ho allungato la mano dietro di me, con la punta delle dita che mi solleticava i fianchi e la schiena, e ho slacciato il reggiseno. Mi sono tolto le spalline dalle spalle e ho fatto scivolare il reggiseno dal corpo. Mentre scendevo, il reggiseno mi sfiorava i capezzoli facendomi impazzire di piacere. Ho allungato la mano e mi ho pizzicato i capezzoli. Li ho modificati e indossati. Mi abbassai, afferrai la giacca di Kevin e me la avvicinai al viso. Il suo odore era così forte che era come se stessi affondando il naso proprio nel suo petto. Gemevo così forte, ma sono diventato ancora più forte dopo che il suo odore mi ha colpito. Mi gettai di nuovo sui suoi cuscini, la sua giacca mi cadde in grembo e mi drappeggiò sullo stomaco. La mia mano scese sulla mia figa, l'altra continuava a torcermi i capezzoli. Deve essersi acceso il condizionatore perché ho sentito una specie di rumore "psh". Ha attirato la mia attenzione solo per un secondo, ma non ci è voluto molto per tornare a quello che stavo facendo.

Ho fatto scorrere la mano proprio al centro della fessura. Premendo e muovendo la mano su e giù. Ho pizzicato il clitoride tra le dita e l'ho tirato leggermente. La mia mano è caduta sul fondo della mia figa. Ci ho premuto lentamente un dito. Ho provato a reprimere i gemiti, ma era difficile. La mia testa si muoveva da una parte all'altra, gli occhi serrati e il corpo impazzito. Ero così vicino all'orgasmo. Ho tirato fuori lentamente il dito dalla figa e l'ho strofinato di nuovo su e giù, dando un colpetto al clitoride ogni volta.

"Kimberly," Kevin era appoggiato con calma al muro, con la mia maglietta in mano. Stava guardando in basso, con gli occhi chiusi e pizzicandosi il ponte del naso come se fosse frustrato. Ho avuto le convulsioni, mi ha spaventato. Mi alzai di scatto, gettai le gambe oltre il bordo del letto e mi avvolsi addosso la sua giacca in modo che non potesse vedere il mio corpo nudo. Lo fissai. Abbassò lo sguardo, con gli occhi ancora chiusi. "Non ti chiederò cosa stavi facendo, perché vedo tutti i tuoi vestiti per terra così come la macchia bagnata sul mio letto e posso sentire il tuo profumo. L'unica cosa che voglio sapere," alzò lo sguardo e mi guardò negli occhi con aria interrogativa: "perché la mia giacca?" Lo fissavo disperatamente. Non avevo idea di cosa fare, cosa dire. Ero così imbarazzato. Le mie gambe si strinsero più forte e avvicinai la sua giacca al mio corpo. I miei occhi caddero a terra, spezzando il suo sguardo. Le cose che mi passano per la testa "Probabilmente pensa che io sia un pervertito, che usa la sua giacca per liberarsi. Dopotutto è il mio fratellastro." Lo guardai e dissi l'unica cosa che potevo pensare: "Non ho mai ricevuto qualcosa di speciale da un ragazzo come ha fatto la tua ragazza. Sono geloso di lei". Ho alzato le spalle: "Ho sempre desiderato un ragazzo come te." Tacque, continuò a guardare. Non sembrava arrabbiato, non sembrava turbato, ma non sembrava elettrizzato. Non pensavo che lo sarebbe stato. Poi alzò le sopracciglia. Ho abbassato lo sguardo: "No", ho fatto una pausa. "Voglio solo..." ho fatto ancora una pausa, "tu." Ho chiuso gli occhi e ho fatto del mio meglio per non piangere.

Ci fu silenzio per un po'. Nessuno di noi ha detto nulla. Alla fine Kevin cominciò a camminare. Supponevo che se ne stesse andando. Sentii una mano sotto il mento, che mi costringeva leggermente ad alzare lo sguardo. Ho aperto gli occhi e ho seguito il braccio. Era di Kevin, mi guardava e sorrideva. È alto un metro e ottanta quindi torreggiava su di me e all'inizio ero un po' spaventata, ma il suo sorriso mi ha rassicurato. Le sue labbra hanno iniziato a muoversi e all'inizio non ho sentito le parole, ma alla fine sono arrivate da me "... Non c'è niente che non farei per lei. Amo davvero la mia ragazza. Troverai qualcuno così, ma per ora finalmente capisco perché non l'hai ancora trovato. Kimberly, sei una bellissima ragazza," mi sfiorò la guancia con la mano, "e avrai un sacco di ragazzi che apprezzeranno il tuo corpo meraviglioso." Si sedette accanto a me e mi fissò occhi. Poi, dopo un minuto, si è chinato verso di me. Sono impazzito e mi sono appoggiato all'indietro per un secondo, ma poi si è fermato. Mi ha avvolto le braccia intorno e mi ha tenuto stretto. Ho appoggiato la testa sul suo petto e ho ascoltato il suo battito cardiaco. Era fermo, era totalmente calmo. Chinò la testa e mi disse piano all'orecchio: "Sai, quando ti ho incontrato per la prima volta, ho pensato che fossi una delle ragazze più belle che avessi mai visto. In realtà ti desideravo." Si appoggiò allo schienale, rompendo il nostro abbraccio, "poi ho avuto modo di conoscerti meglio," mi baciò sulla fronte e si alzò, "e ho scoperto una delle ragazze più dolci."

Si voltò e fece un paio di passi. Fissai senza espressione la sua nuca. Non potevo sopportarlo, volevo portarlo via a quella stronza di ragazza. Dovevo averlo. Mi sono alzato, lui ha girato la testa. Ho esitato, ma l'ho fatto comunque. Ho lasciato cadere la sua giacca, rivelando il mio corpo nudo. Si voltò per guardarmi. Non mi guardò dall'alto in basso, mi guardò dritto negli occhi. Emisi un gemito sommesso. Si avvicinò lentamente a me. Mise le mani sui miei fianchi nudi e premette il suo corpo contro il mio. Gemetti di nuovo, questa volta un po' più forte. Allungò la mano destra intorno alla mia schiena e mise la sua mano sulla mia schiena. Con la mano destra si allungò e mi sfiorò leggermente la guancia. "Kimberly, sai che non potremo mai essere vicini come me e la mia ragazza. Non sarà socialmente accettabile." Ho inspirato profondamente e ho detto tremante: "Non mi interessa, voglio solo che tu mi abbracci come fai con lei. Fammi solo sentire amata, non so cosa significhi essere".

Mi prese la testa tra le mani, toccò il mio naso con il suo e disse: "allora lascia che ti prenda io". Le punte dei nostri nasi si toccavano. Poi scivolarono fino a trovarsi fianco a fianco e lui premette le sue labbra sulle mie. Mi ha baciato appassionatamente. Mi ha baciato come voleva lui, mi ha baciato forte. Poi si chinò e mi prese tra le sue braccia. Gli ho gettato le braccia al collo e ho strillato e riso: "cosa stai facendo?" "So che non ti senti a tuo agio nella mia stanza, quindi siamo..." si guardò intorno, con uno sguardo pensieroso sul volto. Alla fine mi guardò con un sorriso sul volto, "trasferendosi". Anch'io ho sorriso, poi mi ha baciato sulla guancia. Si voltò e cominciò a camminare. Iniziò a camminare verso la mia porta. Lo sentii strofinare il naso contro la mia testa, poi mordicchiarmi l'orecchio. Ho emesso un gemito e ho iniziato a bagnarmi. Spinsi la testa sotto il suo mento e cominciai a gemere di più.

Ha aperto la mia porta e ci ha fatto entrare. Entrambi abbiamo sorriso e abbiamo iniziato a ridacchiare. Mi ha gettato sul letto e si è tolto la maglietta dalla testa. Ho sorriso e ho stretto le gambe. Si tolse velocemente le scarpe mentre io scivolavo all'indietro sui cuscini. È strisciato sul mio letto e proprio sopra di me. Stavamo ancora ridendo entrambi. Mi ha baciato sulla fronte poi mi ha chiesto "sei sicuro di volerlo fare?" Lo guardai con uno sguardo del tipo "sei serio?" e ho riso di lui. "Zitto e baciami." Gli ho gettato le braccia al collo e lui mi ha baciato. Feci scivolare le mani su e giù per la sua schiena. Mi morse leggermente il labbro inferiore e poi fece scorrere la lingua sul retro dei miei denti superiori. Ho aperto di nuovo le labbra e abbiamo premuto le nostre lingue insieme. Ho fatto scivolare le gambe verso l'alto e ho piegato le ginocchia in modo che Kevin fosse tra le mie gambe. Ero disteso e pronto per lui. Solo un problema, aveva ancora i pantaloni addosso. Ho posto fine a tutto ciò. Ho fatto scivolare le mani lungo la sua schiena, solleticandogli la parte bassa della schiena e ho raggiunto il suo stomaco. Infilai la punta delle dita nei suoi pantaloni e lo tirai. Si sedette sui talloni e guardò la fibbia della cintura. "Puoi farlo, vero?" Lo guardai, senza speranza e confuso. Rise e slacciò la fibbia.

Si tolse la cintura dai pantaloni e me la porse. L'ho sollevato trionfante e ho detto "non ne abbiamo bisogno in questo momento" e l'ho lanciato. Lui rise, mi mise le mani sulla pancia e mi guardò. Emisi un leggero gemito e ciondolai la testa di lato, chiudendo gli occhi. Ha iniziato a far scorrere le mani sul mio busto. Una volta arrivato al mio seno, ha tolto le mani dal mio corpo, ma ancora abbastanza vicino da sfiorarmi appena i capezzoli. gridai con piacere. Si chinò e cominciò a baciarmi con la lingua. Si tenne in equilibrio con una mano e con l'altra mi tenne il viso. Cominciò a baciarmi la guancia e l'osso della mascella. Gemevo così forte e respiravo più pesantemente. Le mie gambe erano ancora piegate, quindi ho premuto le ginocchia ai lati dei suoi fianchi e ho fatto scivolare il mio inguine su e giù contro le sue ginocchia e la parte inferiore delle cosce. Continuava a premere le labbra e a succhiarmi leggermente il collo. Stavo esplodendo di sensazioni. È stato fantastico. Si fermò nel punto in cui la mia spalla incontrava il collo e mi mordicchiò leggermente la pelle.

Tutti i ragazzi con cui sono stata si sono precipitati a tirare fuori il cazzo e a togliermi la maglietta. Mi bacerebbero, mi spoglierebbero e poi mi userebbero. Certo, alcuni raramente mi baciavano sul collo, ma lo facevano velocemente. Kevin aveva ancora i pantaloni addosso e non mi aveva ancora toccato. Stava costruendo il momento, stava cercando di iniziare qualcosa. Kevin ha fatto quello che ha detto, mi sono sentito speciale. Sentivo che ci teneva davvero a me. Non mi interessa se i suoi sentimenti fossero sinceri o no, lo amo ancora. Alla fine si è spostato dalla linea del collo alla clavicola. Gemevo, mi dimenavo e mi contorcevo dal piacere. Era come se l'estasi scorresse nelle mie vene e la lussuria riempisse il mio corpo. Potevo sentire la mia figa gocciolare e i miei succhi gocciolarmi lungo il culo. Volevo sentirlo dentro di me così tanto. Volevo che mi toccasse dannatamente! Mi baciò dalla clavicola al centro del petto. Baciò, le sue mani su entrambi i lati della mia testa. Le sue labbra premono sulla pelle proprio tra i miei seni. Gemevo così forte e praticamente agitavo le braccia. I miei seni impazzivano di sensazione. Si sentivano così sensibili, tutta l'attesa cresceva con piacere.

Finalmente pose fine al dolore dell'attesa di quel piacere. Mi passò la mano sul collo e sul petto. Lentamente fece scorrere le dita verso il basso e allargò le dita attorno al mio seno. Stava evitando il mio capezzolo. Ha iniziato a baciarmi il seno opposto. Alla fine mi strinse il seno con la punta delle dita. La lussuria attraversata dal mio corpo sembrava scappare mentre le convulsioni e i gemiti diventavano ancora più forti. Mosse la mano e mi afferrò il seno di lato, senza ancora afferrare il capezzolo. Sul mio seno opposto, mi stava leccando tutto il capezzolo. Alla fine ha avvicinato la bocca e mi ha succhiato il capezzolo. Il mio corpo tremava adesso, la mia figa gocciolava ed ero così perso nella lussuria che penso che la mia lingua mi uscisse dalla bocca. All'improvviso, con mia piacevole sorpresa, mi pizzicò e tirò il capezzolo. I miei fianchi si alzarono dal letto direttamente nel suo inguine, la mia schiena si inarcò e gridai di piacere. Ho messo le mani sul suo petto e ho iniziato ad ansimare. Mi sentivo come se stessi raggiungendo l'orgasmo per la prima volta, perché il primo è sempre il migliore. Mi pizzicò il capezzolo e lo tirò, trasmettendomi ondate di piacere. Mi morse anche il capezzolo e lo tirò, dandogli un colpetto con la lingua.

Non ne potevo più, dovevo averlo. Feci scivolare di nuovo le mani lungo il suo corpo e sui suoi pantaloni. Ho infilato le dita nei suoi pantaloni e ho trovato il suo bottone con i pollici. L'ho slacciato lentamente e ho tirato la cerniera finché non si è slacciata. Con un ultimo strattone al seno, Kevin si sedette e scese dal letto per potersi togliere i pantaloni. Ha abbassato lentamente i pantaloni e poi sono caduti dalla mia vista fino alle caviglie. Ne uscì e strisciò di nuovo sopra di me. Mi sono seduto e l'ho incontrato con le mie labbra. Ho infilato le dita nei suoi boxer e ho fatto scivolare le mani dai suoi fianchi al davanti. Spinsi verso il basso l'unico pezzo di stoffa che mi impediva di raggiungere il massimo piacere che potevo ottenere. Mise le sue mani sulle mie, le nostre labbra ancora unite e spinse le mie mani verso il basso con i suoi boxer. Li fece scivolare fino alle ginocchia, rivelando il suo lungo pene duro e poi li gettò in un angolo. Spinsi la lingua nella sua bocca e premetti più forte le mie labbra sulle sue. Ho fatto scivolare le mani lungo il suo stomaco e fino al suo inguine. Ho lasciato che le mie mani si librassero attorno a ciò che desideravo di più. Ho iniziato a tremare ed emettere gemiti di piacere mentre lui strisciava su di me e mi costringeva a tornare sui cuscini.

Alla fine, lasciai cadere le mani dal suo stomaco e afferrai la sua maniglia. Si contorse ed emise un gemito profondo. Premetti il ​​mio petto contro il suo e spostai le mani sul suo cazzo palpitante. Le mie mani strofinarono su e giù il suo membro. Gli ho accarezzato le palle tra le mani e gli ho tirato il cazzo, facendogli tremare il corpo. Allungò le mani dietro di me e si girò, mettendomi sopra. Mi sono sdraiata sul suo petto, i miei seni premuti contro di lui, e ho afferrato di nuovo il suo cazzo, continuando a far scorrere le mani su e giù. Allargo le gambe su entrambi i lati del suo corpo, le ginocchia si piegano sotto il corpo. Kevin mi ha messo le mani sulla parte bassa della schiena e le ha fatte scorrere lentamente lungo il corpo, solleticandomi la pelle mentre andava. Le sue mani scivolarono lungo la superficie del mio corpo fino al sedere. Si è spostato fino al fondo del mio culo, poi è scivolato su e ha stretto. I brividi attraversarono il mio corpo e si sciolsero. Ho appoggiato la testa accanto alla sua e ho gemito, ho anche premuto il suo cazzo contro il mio stomaco e ho mosso il mio corpo avanti e indietro.

Mi sono seduto sulle ginocchia e sono indietreggiato un po'. Kevin si alzò sui gomiti con uno sguardo curioso sul volto. Ho tracciato una mano dal suo petto allo stomaco. Mi chinai e gli baciai la pancia. Gettò indietro la testa ed emise un gemito profondo. Mi sono sdraiato e gli ho baciato la pancia. Le mie mani trovarono la strada verso la parte superiore delle sue cosce e lo massaggiarono su e giù. Alla fine ho alzato la testa e ho ripreso il suo cazzo tra le mani. Non l'avevo mai notato prima, ma il pre-cum colava dal suo cazzo e dalle mie dita. Avvicinai lentamente la testa al suo cazzo e quando fui abbastanza vicino, gliene leccai la punta. Ho trovato il gusto di mio gradimento, quindi mi sono messo in bocca la punta del suo cazzo. Ho fatto roteare la lingua attorno alla punta. Continuava a contrarsi nella mia mano e avevo paura che stesse venendo.

Lentamente ho fatto scivolare sempre più il suo cazzo nella mia bocca. Scivolava fuori dalla mia bocca e io leccavo la lingua su e giù per tutta la sua lunghezza. Mi sono riempita la bocca del suo cazzo ed era caldo. Le mie mani trovarono il loro posto sull'elsa del suo cazzo e lo strinsero e accarezzarono leggermente le sue palle. Dopo qualche immersione della testa sul suo pene, l'ho leccato dalla punta fino al fondo. Gli ho baciato e succhiato le palle. Li ho messi entrambi in bocca e ho fatto scivolare la lingua su di essi. Li leccai e feci scivolare le mani su e giù per la sua asta. Alla fine, gli ho leccato di nuovo il cazzo su e giù. Ho fatto scorrere leggermente i denti sulla punta. Kevin ebbe delle convulsioni e il suo cazzo si contrasse ancora una volta. "Non ne posso più, presto sborrerò," disse tremante. Mi sono abbassato e ho preso le sue palle in mano e ho forzato quanto più cazzo potevo nella mia bocca. Potevo sentirlo contrarsi più forte e le sue palle contrarsi. Abbastanza velocemente ho potuto anche sentire il suo sperma caldo che scorreva attraverso la sua asta e nella mia bocca. Mi ha riempito abbastanza velocemente, non sono riuscito a ingoiarlo tutto. Ho tirato via la testa e lui mi ha colpito al petto con le ultime mazzette.

Mi sono seduto sulle mie ginocchia, accarezzandogli leggermente il cazzo. La mia faccia e le mie tette erano coperte del suo sperma. Me lo asciugai dalla faccia e me lo succhiai dalle dita. Kevin si sedette sui gomiti, con un grande sorriso sul viso e mi guardò. "Sei inzuppato. Mi dispiace, non volevo," disse. Mi sono morso il labbro inferiore e mi sono strofinato lo sperma sul seno. Mi strinsi il seno ed emisi un gemito sommesso. "Così quello che ora?" chiese. Mi sono inginocchiato, li ho messi su entrambi i lati del suo corpo e mi sono seduto sulle sue gambe proprio davanti al suo inguine. Ho afferrato il suo cazzo, che stava diventando di nuovo più duro, e l'ho strofinato contro la mia figa. Gemetti di piacere, mentre il suo cazzo scivolava tra le labbra della mia figa.

Ancora una volta, si allungò dietro di me, mettendo le mani sulla mia schiena e facendomi girare. Adesso era sopra, appoggiato su un ginocchio e la sua mano sul mio stomaco. Lo spostò lentamente lungo il mio corpo fino alla mia guancia. Ha avvicinato la testa alla mia, ha appoggiato la fronte alla mia, ci ha toccato il naso e poi mi ha baciato. Premette il labbro superiore sul mio labbro inferiore. Ho aperto la bocca e lui ha premuto la sua lingua sulla mia. Potevo sentirlo contro il palato. Con la mano si abbassò e mi prese la gamba. Potevo sentire il suo pene diventare più duro e premere sull'altra mia gamba. Ha fatto scorrere la mano lungo la mia gamba fino al sedere, mandandomi brividi attraverso il corpo e facendomi formicolare la gamba. Gemetti attraverso la sua bocca e premei il mio petto contro il suo.

Kevin si è spostato quindi era proprio sopra di me. Allontanò la testa e abbassò lo sguardo. Ho premuto il mio inguine contro di lui, bloccandogli la vista di qualunque cosa stesse guardando. Ho ridacchiato, ma poi ha spinto i fianchi in avanti e ho sentito freddo la punta del suo pene contro la mia figa. Gemetti e lasciai cadere i fianchi sul letto. Ha afferrato il suo cazzo e lo ha messo proprio davanti al mio ingresso. "Sei pronto?" chiese, guardandomi. Esitai, prendendo un respiro tremante. Per qualche ragione, la mia voce non sembrava funzionare, quindi mi limitai ad annuire. Non ha avuto fretta, all'inizio mi ha semplicemente dato un colpetto, premendo il suo pene sul mio clitoride. Gemetti, il mio corpo tremava e la mia figa aveva convulsioni. Ha fatto scivolare la punta del suo cazzo su e giù per il mio ingresso, riempiendomi di lussuria. Alla fine, quando non riuscivo proprio a sopportare il piacere straziante, ha spinto il fianco in avanti e si è tuffato profondamente dentro di me. Gettai indietro la testa e gridai di piacere. Mi ha toccato il fondo immediatamente ed era completamente dentro di me. Ogni centimetro del suo cazzo era dentro di me.

Kevin si è abbassato e mi ha massaggiato il clitoride, facendomi impazzire. Poi si tirò fuori lentamente, continuando a massaggiarmi il clitoride. Il mio corpo tremava e stavo facendo del mio meglio per non urlare a squarciagola. Quando finalmente mi sono calmato un po' e il piacere cominciava a diminuire, si è tirato fuori il più lentamente possibile. Sembrava che ci avesse messo un'eternità, ma mentre si muoveva costantemente io tremavo, mi contraevo e muovevo le braccia e le gambe. Non potevo stare fermo, ero impossibile. Quando stava per uscire completamente, si è rimesso dentro. Sembrava che si fosse tuffato ancora più profondamente dentro di me. Si tirò fuori di nuovo e poi si tuffò di nuovo, guadagnando velocità ogni volta. Potevo sentire il suo cazzo nel profondo di me, contrarsi e muoversi, ma anche i suoi peli pubici si sfregavano contro il mio clitoride aumentando il piacere. non era lungo e disgustoso, ma era corto e mi pungeva il clitoride, provocandomi piacere.

Mentre l'azione principale si svolgeva di sotto, anche Kevin premeva le sue mani contro i miei seni e me li massaggiava. Mi ha pizzicato e tirato anche i capezzoli. Le sue mani erano della misura giusta per adattarsi perfettamente al mio seno, ne aveva letteralmente una manciata. Mi strinse i seni e li spinse contro. Le sue labbra erano premute contro le mie, la lingua che lambiva dentro e fuori la mia. La mia saliva gli colava sul mento e la sua sul mio. Il mio sudore era sul suo petto, ma le sue mani erano sulle mie. Il suo cazzo era nella mia figa, mescolando i nostri succhi e riempiendomi di piacere. Sembravano ore quando erano solo minuti. Vorrei che il momento durasse per sempre; e l'eternità della beatitudine sensuale.

Il suo cazzo martellava dentro e fuori dalla mia figa, i suoi fianchi colpivano i miei e spruzzavano i miei succhi ovunque. Sembrava che tutto si stesse inzuppando. Stava prendendo velocità e velocemente, perfezionando anche il tempismo. Potevo sentire la mia figa iniziare a diventare più stretta con il mio orgasmo imminente. Il mio corpo ha iniziato a contrarsi e lui doveva averlo sentito. Ha spostato una delle sue mani lungo il mio stomaco e sul mio inguine. Ha affondato il pollice nel mio clitoride, portandomi proprio al limite. Lo strofinò e lo tirò, facendo impazzire il mio corpo. Allungò la mano attorno al mio corpo e io sollevai ancora un po' i fianchi dal letto in modo che potesse adattarli. Mi ha afferrato il sedere e lo ha stretto, ma non si è fermato lì. Ha messo una delle sue dita proprio contro il mio buco del culo e poi mi ha aperto le chiappe. Mi ha allargato il buco del culo ed è stato fantastico. Non ho mai giocato con me stesso in quel modo, ma dopo mi sono interessato. Questo fu ciò che mi fece andare oltre il limite, il mio corpo tremava ad ogni convulsione, la mia figa si stringeva sul suo cazzo.

Ha iniziato a battere ancora più forte e più velocemente, aumentando ancora di più il mio climax. era vicino, lo capivo dall'aumento della velocità. "Sto per venire", ha detto. Stavo già urlando di piacere, quindi non c'era molto altro che potessi dire. Mi ha stretto le gambe e si è tirato fuori. Mi ha sollevato le gambe in modo da potermi vedere il sedere. Ha premuto la punta del suo cazzo contro il mio buco del culo. Il mio culo ha iniziato a formicolare ed è stato bello. Ha premuto appena il suo cazzo nel mio culo. Faceva solo un po' male, ma era comunque una sensazione meravigliosa. Ho abbassato le mani, una sulla mia figa e l'altra sulle sue palle. Li ho cullati e massaggiati con la punta delle dita. Con l'altra mano ho allargato le labbra della mia figa e ho infilato due dita dentro. Il suo cazzo si contorceva in modo incontrollabile. Seppellì la punta del cazzo in modo che la testa fosse nascosta alla vista. Ho sentito le sue palle contrarsi e il suo cazzo contrarsi più forte, stava venendo. Si precipitò attraverso la sua lunga asta e si riversò nel mio culo. Era così caldo e appiccicoso.

L'ho perso dopo la terza volta che me lo ha sparato. Mi ha riempito completamente, tanto che quando finalmente si è tirato fuori, mi è gocciolato un po' giù per il culo. Aveva le braccia avvolte attorno alle mie gambe, che erano ancora premute insieme. Premette la fronte contro i miei piedi, respirando pesantemente, e poi si girò sulla schiena accanto a me. Inoltre respiravo pesantemente. Ci siamo guardati e poi abbiamo sorriso. Si è avvicinato e poi mi ha baciato sulla fronte. Mi morsi il labbro inferiore e quando tirò indietro la testa mi chinai in avanti e lo baciai sulle labbra. Poi mi ha baciato. Separai le labbra e premetti la lingua contro la sua. Ho ricominciato a bagnarmi. Potrei dire che era di nuovo coinvolto, perché il suo membro ha ricominciato a stare in piedi. Erano quasi le otto, non dovevamo preoccuparci che nessuno ci disturbasse fino a domani a mezzogiorno. Lascerò a te la possibilità di immaginare cosa è successo fino ad allora...

Storie simili

DONNE ANZIANE_(1)

Storia di Fbailey numero 219 Donne anziane Quando ho compiuto sedici anni mia madre era impegnata con me. Papà non c'era mai e quando c'era, non c'era ancora. Era il tuo venditore ambulante preverbale. Era un donnaiolo, un ubriacone e una misera scusa per un essere umano. Ha fornito un tetto sopra le nostre teste, ma questo è tutto. La mamma lavorava per pagare il cibo che mangiavamo e i vestiti che avevamo addosso. Ho avviato la mia attività di giardinaggio quella primavera. Ho distribuito volantini in un bel quartiere appena fuori città e ho trovato subito un paio di lavori...

1K I più visti

Likes 2

Non c'era altro modo Pt. II

Perché, pensavo volessi scoparti mia moglie? L'uomo con la pistola ha risposto: Lo faremo, e tu puoi succhiarmi il cazzo mentre quei due fanno a modo loro, altrimenti Tom! Faresti meglio a fare come dico ventosa! Ho guardato mio marito incredulo per quello che stavo sentendo, un uomo che gli diceva di succhiargli il cazzo ma poi c'era di nuovo coinvolta una pistola. Le mani che mi stavano afferrando il culo e spingendo il loro cazzo dentro di me fino in fondo e poi macinando hanno iniziato a tirarsi fuori. Stava guardando l'uomo armato e l'ho sentito dire: Ecco, lascia che...

737 I più visti

Likes 0

OOPS 3

OOPS 3 Durante la cena con mio marito Nathan e suo figlio Nate ho ripreso l'argomento di cui avevo parlato con le mie amiche a partire dalla nostra promessa reciproca. Ora ci siamo promessi la totale verità l'un l'altro dissi Prendendo un caffè oggi, Natalie ha detto di aver sorpreso suo figlio e 3 dei suoi amici a masturbarsi nelle sue mutandine e pensa che tutti i ragazzi lo facciano Quindi Nathan, l'hai fatto come un ragazzo? Strewth, è un po' imbarazzante chiederlo? disse Nathan Ho guardato Nate con aria interrogativa perché sapevo che aveva annusato il mio ma non ero...

657 I più visti

Likes 0

Tempo in gioventù_(0)

Sono entrato nella chiesa dove ogni giovedì si tiene il gruppo giovanile a cui vado. Di solito arrivo lì un'ora o due prima per dare una mano. La mia amica Anah mi ha sorpreso abbracciandomi forte mentre entravo. Anah, cosa fai qui così presto? chiesi ricambiando l'abbraccio. Beh, di solito arrivi qui prima di chiunque altro, e io non avevo niente da fare, quindi ho pensato di venire e uscire insieme. Non passiamo abbastanza tempo l'uno con l'altro, disse alzando lo sguardo alla mia con grandi e teneri occhi azzurri che erano complimentati sia dai suoi lunghi capelli biondi che dal...

378 I più visti

Likes 0

Perché le cose succedono sempre a me

Perché le cose mi succedono sempre Prima di iniziare mi rendo conto che non ci sono molti uomini che vanno in giro con un cazzo da 12 pollici. E quindi l'ho soprannominata una fantasia e una farsa. Basta già detto alla storia. Mi chiamo Samuel Longfellow, sono il proprietario di una delle più grandi società di sicurezza dello stato. È così che guadagno i miei soldi (sette cifre all'anno) La mia passione è la ricerca sulla fauna selvatica e ho una borsa di studio presso il college locale. Faccio le mie ricerche nella mia fattoria di 680 acri. Ora la mia...

2K I più visti

Likes 0

Perdo la verginità(8)

L'ho incontrata su un sito di chat su Internet. Vivevamo a 800 km di distanza, quindi non ho avuto problemi a flirtare come un matto. Mi ha detto che è alta 1,5 m, lunghi capelli biondi e occhi azzurri con un corpo sexy. Beh ovviamente l'ho presa in giro e le ho detto che se non mi manda una foto non le crederò, mi ha chiesto se le foto di lei sarebbero state solo per i miei occhi ed essendo il ragazzo che sono le ho dato la mia parola, aspettandomi una foto molto cattiva. Quello che ho ottenuto è stata...

1.8K I più visti

Likes 0

Diventare Zoe

La mia futura moglie Annie aveva accettato un lavoro fuori città e la vedevo solo ogni due settimane circa. Mi mancava così tanto. Lei ed io eravamo diventati amanti a distanza. Aveva un volo di ritorno a casa venerdì sera. Stavo andando a prendere suo figlio Zakk dal suo dormitorio e noi due saremmo andati a prenderla all'aeroporto e ci saremmo goduti il ​​fine settimana insieme. Zakk è al suo primo anno di college e sta studiando per diventare un truccatore per il teatro e lo schermo. Lui e io non ci siamo davvero conosciuti e questo doveva essere il fine...

1.1K I più visti

Likes 0

La banda pt1_(0)

La Banda. pt 1 Questa è la mia prima storia in assoluto, quindi per favore sii gentile nei tuoi commenti. Sono ben accette critiche costruttive. Sono Sarah, ho 26 anni e lavoro in una banca come consulente per piccole imprese. Ho lunghi capelli castani, sono 5'7 taglia 10 con seni piccoli ma impertinenti 32B. Vado in palestra almeno 3 volte a settimana quindi sono in buona forma e sono single da un paio d'anni, anche se mi sono divertito. Comunque ti racconto la mia esperienza con una gang di East Leeds. Era un venerdì e la mia migliore amica Vicky era...

926 I più visti

Likes 0

All'improvviso, tabù

All'improvviso, tabù Se sei un ragazzo abbastanza bello con una personalità gradevole, bravo a chiacchierare con le donne e a muoverti molto, trovandoti nei posti giusti al momento giusto avrai i tuoi momenti di sesso quando meno te lo aspetti; questo è previsto. Ma quando all'improvviso, all'improvviso, senza alcuna indicazione, senza alcuna preparazione, senza alcuna preparazione da parte tua, ti viene servita una figa di prima qualità, e quella figa appartiene alla tua bellissima madre; allora sei un figlio di puttana fortunato. Sono un figlio di puttana fortunato! Una parente di mia madre ci ha inviato un invito al suo matrimonio...

771 I più visti

Likes 0

Allenamento 07

Mi è davvero piaciuto essere usato da Jim. La mia figa del culo sembrava vuota senza il suo grosso cazzo nero dentro. Il sesso con mia moglie era ancora soddisfacente, su questo non c'erano dubbi, ma stare con Jim era diverso. Ammetto di aver avuto una distrazione abbastanza significativa nella mia vita pensando a lui. Ero assolutamente brava al 100% a farmi usare da lui per il suo piacere, essendo la sua cagna o fica, se vuoi. Il piacere che ho provato nell'essere usato come un giocattolo da scopare da Jim era difficile da descrivere, anche a me stesso. Il mio...

348 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.