Audrey

538Report
Audrey

Non ho molti amici neri, maschi o femmine. Ma c'era questa ragazza nera che veniva in ufficio circa ogni 10-14 giorni per fare l'inventario. Si chiamava Audrey, circa 35 anni, 5'2'' 110 libbre. Direi che misurava circa 36-24-34 e sapeva come vestirsi per sfruttare al meglio le sue doti. Indossava abiti alla moda dall'aspetto costoso, molta pelle nera, pantaloni di pelle, gilet di pelle, a volte anche un cappello di pelle. Era sempre sistemata bene e un po' civettuola o almeno molto amichevole.

Ogni volta che c'era lei, la conversazione si spostava sempre sulla mia moto. Sapeva che avevo una Harley e voleva che la portassi a fare un giro. Ha affermato che gli unici uomini di colore che conosceva con le motociclette, non si sarebbe fidata di guidare con loro; ma che avrebbe cavalcato con me.

Non ero sicuro se sapesse cosa stava suggerendo o meno. È straordinariamente eccitante essere su una motocicletta con una donna attraente seduta dietro di te, appoggiata a te e che preme le sue tette contro la tua schiena. E ovviamente sei seduto tra le sue cosce che tenderanno a premere contro di te di tanto in tanto. È quasi inutile cavalcare con una donna con cui non hai intenzione di fare sesso, o almeno questa è la mia opinione.

Era implacabile nel sollevare l'argomento ogni due settimane; ogni volta che mi vedeva diceva: "Quando vado a prendere il mio passaggio? Il tempo è perfetto; tra un paio di settimane potrebbe fare troppo caldo. Non voglio guidare quando fa molto caldo , Suderò troppo." Mi ha dato il suo numero di cellulare privato, dato che non voleva che chiamassi a casa sua per via della sua dolce metà, chiunque fosse. Non l'avevo mai vista con nessuno, ma pensavo che qualcuno si stesse prendendo cura di quel corpo.

Una domenica, stavo pensando a un giro in North Carolina attraverso le montagne. Era una giornata perfetta e non avevo nient'altro da fare. Volevo che qualcuno venisse con me, ma non riuscivo a pensare a nessuno finché non ho pensato ad Audrey. Mi chiedo cosa stia facendo oggi; questo potrebbe essere un buon momento per toglierlo dal suo sistema e forse anche dal mio. Ho chiamato il numero e lei ha risposto subito. Dissi: "Questo è Jeff, sai, con la Harley. Vado nel North Carolina per il pomeriggio e ho pensato che ti sarebbe piaciuto andarci se non sei troppo occupato". Ha spiegato che non aveva nient'altro da fare e che le sarebbe piaciuto andare. Ha suggerito un punto d'incontro nel parcheggio di un supermercato locale.

Sono arrivato al parcheggio circa mezz'ora dopo con un casco in più per Audrey. Riconobbi la sua macchina parcheggiata all'angolo più lontano del parcheggio. Indossava dei pantaloni di pelle attillati, una maglietta di cotone altrettanto attillata, con scollo a V e un gilet di pelle. Come ho detto, sapeva sempre come vestirsi. Sembrava entusiasta della prospettiva di un giro su una Harley dall'aspetto affilato. "Accidenti, adoro la tua motocicletta... è carina. Spero di riuscire a raggiungere i pioli bene." Una volta che le ho legato saldamente il casco, sono salito per primo per tenere ferma la moto fino a quando non è riuscita a salire. Aveva cavalcato prima, forse non di recente però. "Cosa dovevo fare?" mi ha chiesto. Le ho spiegato che sarebbe stato meglio se davvero non avesse fatto niente, si fosse solo piegata come faccio io e, soprattutto, fosse rimasta ferma. In un attimo eravamo in viaggio Una prima Audrey mi abbracciò forte con le braccia, ma presto si rilassò e si appoggiò più comodamente contro lo schienale. Mi stringeva ancora forte di tanto in tanto con quelle cosce fasciate di pelle nelle curve; sapevo che sarebbe successo. Ero essere eccitato da questa sexy ragazza nera, ho sempre saputo di essere attratto da lei in un modo puramente sessuale, non avevo mai avuto una ragazza nera prima.

Abbiamo guidato a circa 50 MPH per la maggior parte del tempo e non volevo spaventarla troppo andando troppo veloce tra le curve. Sulle pendenze lunghe, ho lasciato che il grande motore Harley scendesse più del solito in modo che potesse sentire un po' della famosa vibrazione Harley. Quando ho premuto l'acceleratore, una dolce vibrazione pulsante sexy è stata trasmessa attraverso il telaio e nel sedile abbastanza solido. Immagino di sapere cosa stavo facendo; Audrey mi è sembrata il tipo di donna che apprezza "Good Vibrations".

Erano trascorse circa 80 miglia e un'ora e mezza, quindi mi sono fermato in un punto panoramico per vedere il paesaggio e, francamente, per dare un'altra occhiata ad Audrey per valutare le possibilità. Quando abbiamo parcheggiato all'overlook, Audrey è scesa per prima e si è tolta il casco. "YEEEE HAAAAA, lo adoro. È stato fantastico, non sapevo che fosse così bello!
Sapevo cosa mi mancava. Sei un bravo motociclista, non ero un po' spaventato". Abbiamo guardato il paesaggio dalla parete rocciosa che circondava l'area di parcheggio. Mi sono avvicinato dietro di lei e abbiamo parlato di quanto fosse perfetto il tempo e di tutte quelle altre chiacchiere. Alla fine ho trovato i nervi saldi per metterle un braccio intorno alla vita a cui lei ha risposto avvicinandosi e inclinando leggermente la testa all'indietro.Potevo sentire i suoi lunghi capelli neri contro il mio viso e stavo cominciando a sentire l'odore di una donna di colore. "Ah, abbiamo aspettato così tanto per farlo? Pensavo che non avrei mai fatto il mio giro. Sto per arrendermi" ho spiegato che a volte mi ci vuole un po' per arrivare alle cose ma prima o poi ci arrivo. "Cosa facciamo adesso? Non voglio che finisca troppo presto." Risposi che avevo pensato anche a quello. Non vedevo il bisogno di usare mezzi termini o non saremmo mai arrivati ​​dove volevo andare a finire. "Audrey, tu e ci conosciamo da molto tempo e non ci siamo mai conosciuti. Ora abbiamo la possibilità di trascorrere un po' di tempo insieme, solo noi due; cosa ne pensi?" Non avevo idea di quale sarebbe stata la sua reazione. "Sì, potremmo conoscerci, ma non so cosa intendi. Pensi che da quando ho guidato la tua motocicletta, ora vuoi guidare anche tu qualcosa, giusto?" Ho quasi sentito che avrei potuto giudicarla male, e ora si sarebbe indignata. Audrey sembrava quasi preoccupata. "Se non lo faccio Non andare avanti, mi lascerai sul ciglio della strada o qualcosa del genere?" Ho risposto che non avrei pensato di fare niente del genere e che non intendevo altro che una semplice proposta e che era del tutto in sospeso Audrey iniziò a sorridere un po', "Beh, ho imparato molto tempo fa che non vale la pena essere troppo egoisti. Ho sempre dato un po' di bottino a qualsiasi uomo che mi tratti bene. Ora, dove hai in mente di farlo, perché non lo sto facendo nei boschi, non mi piacciono tutte le pulci, gli insetti e la merda. Non mi interessa." Avevo già la risposta, era il motel in fondo alla strada per altre dieci miglia, solo un po' fuori dall'autostrada, leggermente privato, dovevi quasi sapere che era lì per trovarlo. Audrey's la risposta mi fece battere forte il sangue, "Beh, è ​​meglio che ci mettiamo in moto perché non posso stare fuori tutta la notte se capisci cosa intendo."

Abbiamo fatto il check-in in pochi minuti; ognuno di noi portava una bisaccia di pelle dalla motocicletta per non rendere dolorosamente ovvio ciò che stavamo facendo. Non era un motel che affittava stanze a ore. Questa era una città universitaria dove praticamente tutto va bene, quindi non c'erano sguardi aspri a causa di problemi razziali. Era ancora abbastanza presto nel pomeriggio e nessuno si muoveva molto. Scendemmo dall'ascensore al terzo piano e trovammo la stanza 312. Una volta nella stanza, Audrey ruppe per prima il silenzio. "Per cosa portiamo le borse? Chiunque vede una donna di colore con un uomo bianco con un rigonfiamento nei pantaloni come quello e sa cosa sta succedendo. Non prendiamo in giro nessuno."
Audrey si stava già slacciando il giubbotto di pelle ben teso. "Se vuoi, posso farmi una doccia perché, solo per essere onesti, ho sudato in quei pantaloni di pelle e sono anche venuto un paio di volte quando mi è arrivata quella vibrazione. È come cavalcare un grosso vibratore. No meraviglia che tutte le donne vogliano cavalcare, sapevo che stavano facendo qualcos'altro oltre a cavalcare ". L'ho presa tra le braccia, l'ho tenuta stretta e le ho assicurato che non avrei obiettato a nessun odore proveniente da lei che avevo sentito fino a quel momento. "Se non comincio a vomitare, saprai che va bene.

Audrey si fermò davanti allo specchio e iniziò a togliersi i vestiti, prima i suoi jeans caddero sul pavimento e poi fece scivolare quel aderente scollo a V sul comò. Mi sono avvicinato dietro di lei e ho allungato la mano per afferrare quelle grosse tette nere coperte solo da un reggiseno nero senza spalline; poi ho visto la chiusura sul retro del reggiseno e presto è atterrata sul comò. Nello specchio ho visto un bellissimo set di tette perfettamente dimensionate con quel tanto di abbassamento da assicurare che fossero reali. Erano morbidi al tatto e avevano grossi capezzoli neri che risaltavano eretti; Ho massaggiato i capezzoli da dietro con i pollici e gli indici, uno per mano. Audrey infilò i pollici nella cintura delle sue mutandine nere e se li fece scivolare sulle ginocchia e sul pavimento, rivelando una figa appena rasata. "Vedi qualcosa che ti piace?"
Audrey si voltò e iniziò a sbottonarmi la camicia, poi aprì la fibbia e presto i miei pantaloni furono sul pavimento. Ha raggiunto le mie mutande e ha tirato su il mio cazzo duro e fuori da quel confinamento a cui ha risposto diventando ancora più grande e puntato verso l'alto di alcuni gradi. Audrey ha raggiunto la cintura dei miei slip e li ha fatti scivolare sul pavimento per essere rapidamente presa a calci da parte. Strinsi forte Audrey contro di me, con il mio cazzo pulsante contro il suo stomaco mentre le diedi un bacio lungo e persistente sulle sue grandi labbra carnose. La sua lingua scivolò tra le mie labbra e trovò la mia lingua in trepidante attesa. Dopo un lungo bacio umido e sciatto, mi voltai verso il letto e strappai il copriletto sul pavimento con un movimento fluido. Afferrando il braccio di Audrey, l'ho tirata sul letto con me e ci siamo sdraiati con le gambe intrecciate, rotolando sul grande letto king-size che avevo specificato. L'odore della sua carne era eccitante e inebriante, solo un accenno di muschio e forse un po' di sudore mescolato. su di esso, stuzzicandolo leggermente con i denti. Poi ho riservato lo stesso trattamento all'altra, Audrey ora gemeva debolmente, "Ecco fatto, succhia ma non troppo forte ora, non mordere, sii tranquillo, oh sì, ummmhhh, ahhhhhhh." Dopo alcuni minuti, sono scivolato gradualmente lungo il suo stomaco notando quanto fosse teso e tonico il suo corpo, come se si fosse allenata molto. "Dannazione, sei fantastico," sussurrai. "Sapevo che avresti trovato qualcosa che ti sarebbe piaciuto, ma c'è dell'altro da dove viene", rispose Audrey. Mi sono rilassato sul suo stomaco marrone, dando una prima occhiata alla sua figa senza peli. Ho sempre sentito dire che le donne di colore avevano peli pubici molto grossi che graffiavano la pelle, quindi immagino sia per questo che li ha rasati. Lasciai che il mio naso le sfiorasse le labbra e inspirai un po' dell'odore che proveniva dall'interno e lo trovai piacevole se non un po' muschiato. Per non perdere tempo le allargai le gambe e mi infilai tra le sue ginocchia sollevate e abbassai la bocca sulla sua figa. Era come la prima figa bianca che abbia mai avuto; andava bene una volta superato l'odore. Il gusto era forte e piccante, ma non sgradevole. Ho leccato su e giù le labbra socchiuse e ho trovato il suo clitoride e ho iniziato a massaggiarlo in modo aggressivo con la lingua. Dopo pochi minuti, i fianchi di Audrey iniziarono a rimbalzare su e giù in modo incontrollabile, e lei emise un gemito lungo e basso mentre raggiungeva l'orgasmo. Ho leccato più succo piccante che potevo, sono scivolato di nuovo sul suo viso e l'ho baciata, lasciandole assaggiare un po' del suo stesso succo. Ciò ha lasciato il mio cazzo penzoloni proprio sopra la sua fica umida di saliva e succo di figa. Mi sono seduto sul letto e ho guidato il mio cazzo in posizione trovando facilmente il buco e mi sono sporto in avanti verso Audrey. Sono scivolato dentro di lei fino in fondo con una spinta fluida, desiderando di avere qualche centimetro in più per sondare quel caldo canale del cazzo muschiato. Ho iniziato a far scivolare il mio cazzo avanti e indietro abbastanza facilmente, dal momento che non volevo rischiare di venire troppo velocemente. Sapevo di essere già quasi al limite. Audrey gemette di apprezzamento: "Ecco, Loverboy, lento e facile, mi piace accarezzare più che frugare. Le sue gambe sono scivolate su e sopra la mia schiena e si sono intrecciate; poi ha semplicemente dondolato le gambe avanti e indietro a tempo con il mio cazzo accarezzava la sua figa cremosa. Audrey allungò una mano e afferrò una manciata di lenzuolo bianco, "Questo è il modo in cui tu grande stallone bianco, sai come scopare una donna di colore, e pensavo di essere il tuo primo, ummmmhhh, umhhhhhhh , aghhhhhhh, sì, fottimi con quel grande cazzo bianco. Ora, getta le mie gambe....umphhhh......sopra la mia testa..... agghhhhh, e FUCK THE SHIT.....OUT OF ME!!!!! Ero contento di essermi comportato da solo; Le afferrai la parte posteriore delle cosce e le spinsi sopra le sue spalle, appoggiando le mie spalle sulle sue cosce toniche e muscolose, liberai tutto ciò che mi era rimasto e immaginai che le stavo pestando la figa. "OOOOOHHH, BABY, UUUHHHH, HOOOOO, non ti preoccupare.....aghhhhh......oooohhhhh.....non ti farà male.....quella figa nera. Non potevo sopportare molto di più e comunque ero a corto di energia, quindi mi sono lasciato andare con quello che sembrava un intenso orgasmo; mentre mi sentivo pronto a scaricare, ho tirato fuori il mio cazzo e ho lasciato che Audrey guardasse il fluido schizzare fuori sulle sue grandi tette e gocciolare sul suo stomaco, coperto di sudore dallo sfregamento contro il mio. Ha preso il mio cazzo in mano, strizzando via l'ultimo sperma e poi leccandolo dalla mano mentre mi sorrideva. Le sue mani hanno trovato i grossi globi di sborra sulle sue tette e se lo strofinò sulla pelle conservandone un po' per i suoi capezzoli e poi leccandosi il resto delle dita "Oh merda, sto per soffocare, ho bisogno di un po' d'aria." Rotolai via da Audrey così che potesse riprendere fiato, entrambi respiravamo affannosamente ed era diventato improvvisamente soffocante nella stanza che puzzava di muschio e sesso. Audrey era ancora senza fiato, "Era quello che io chiamo una scopata, Lover Boy. Lo fai sempre o era qualcosa di speciale solo per me? " Ho risposto che ho sempre cercato di compiacere, anche se pensavo che in parte fosse dovuto in parte alla sua ispirazione. Audrey era in grado di parlare normalmente ora senza respirare senza fiato, "Sì, il sedere nero fa sempre andare i ragazzi bianchi. Ora sai la verità: è tutto rosa dentro." Poi abbiamo riso entrambi e ancora una volta le nostre gambe sembravano intrecciarsi da sole e siamo rimasti lì per un po' a baciarci, a leccarci il succo dell'amore l'un l'altro e poi a scambiarcelo e avanti con le nostre lingue assaporando il bagliore residuo.

Audrey si è infilata tra le mie gambe e ha preso in mano il mio cazzo mezzo duro e l'ha guidato verso la sua bocca. Aprì le sue grandi e spesse labbra nere e il mio cazzo iniziò a scomparire centimetro dopo centimetro, finché non fu tutto infilato nella bocca di Audrey. Sembrava concentrarsi sul suo sforzo, accarezzando abilmente con le labbra e stimolando il cazzo con la lingua, il giusto mix di succhiare e accarezzare fino a quando il mio cazzo era di nuovo duro come una roccia, adatto al compito da svolgere. Quando si convinse di aver fatto il lavoro, sollevò i fianchi e riposizionò il mio cazzo nella sua figa rasata e lasciò che il suo peso la portasse giù per il resto della strada. Una volta impalata, iniziò a dondolarsi avanti e indietro, con la testa che le rotolava come se non fosse saldamente attaccata al suo corpo. I suoi occhi erano per la maggior parte chiusi mentre usava il mio cazzo per il proprio piacere. "UMMMHHHH.....UMMMMHHHH......YEAH......va tutto bene vero? Oh, yeah, BABY! In questo momento sono tuo Amante, scopami come se non potessi prendine abbastanza ...... fammi vedere ...... aaghhhh ...... quanto sei ...... agghhhhhh ..... COME FIGA NERA !!!! Ho iniziato a muovere i fianchi fino a incontrare i suoi fianchi provocando una scossa attraverso il suo corpo in modo che ogni volta che i miei fianchi urtavano i suoi, la sua testa sarebbe stata lanciata verso l'alto dalla forza. Qualche altra spinta e Audrey lanciò la testa di nuovo verso il soffitto e strinse gli occhi chiudi e lancia un urlo. "AAAAYYYYYYEEEEEEAAAA! HUUUUHHHHH, oh mia fottuta figa, hai scopato a morte questa ragazza con il tuo cazzo!" Poi è caduta su di me, mi ha baciato una volta e si è girata su un fianco per riprendere fiato. in grado di pronunciare una parola, così restammo lì per un po' in un mucchio di lenzuola sciolte che avevamo praticamente strappato dal letto nella nostra frenesia per soddisfarci a vicenda.

Alla fine Audrey si alzò, andò in bagno e si fece la doccia per non portare alcun segno rivelatore della nostra festa pomeridiana a casa con lei. Non avrei preso nulla per l'odore della sua figa proveniente dal mio cazzo, quindi ho aspettato il più a lungo possibile per farmi una doccia per assaporarlo il più a lungo possibile. Durante il viaggio verso casa, di tanto in tanto, non potevo fare a meno di abbassare la mano e accarezzare una di quelle cosce coperte di pelle, pensando alla corsa successiva.

Storie simili

Non c'era altro modo Pt. II

Perché, pensavo volessi scoparti mia moglie? L'uomo con la pistola ha risposto: Lo faremo, e tu puoi succhiarmi il cazzo mentre quei due fanno a modo loro, altrimenti Tom! Faresti meglio a fare come dico ventosa! Ho guardato mio marito incredulo per quello che stavo sentendo, un uomo che gli diceva di succhiargli il cazzo ma poi c'era di nuovo coinvolta una pistola. Le mani che mi stavano afferrando il culo e spingendo il loro cazzo dentro di me fino in fondo e poi macinando hanno iniziato a tirarsi fuori. Stava guardando l'uomo armato e l'ho sentito dire: Ecco, lascia che...

595 I più visti

Likes 0

Fantasy-mores un mistero

*nota: questa storia include personaggi e comportamenti immaginari, non messi in realtà allo scopo di praticare o non partecipare a feste, qualunque cosa significhi. puoi ridere, piangere o persino scagliarti, ma nessuna colpa può essere attribuita all'autore per i tuoi sentimenti Ehi, ti piace davvero giocare con quella piccola cosa sexy lì, vero? Sei un dolce piccolo idiota, vero? Dai, te lo succhio subito qui e ora. I 18 anni. la vecchia ragazza nera si è tolta il reggiseno, e poi le mutandine, poi è scesa davanti al quattordicenne. vecchio ragazzo bianco, e lo ha davvero succhiato, succhiando via lì sulla...

754 I più visti

Likes 0

Poteri espliciti

Questa è la mia prima storia in assoluto, l'ho riletta ma per favore non voglio che un gruppo di insegnanti di inglese abusi della mia grammatica. Le critiche costruttive vanno bene, ma nessuna roba del genere era merda, ecc. Avevo sempre saputo di essere speciale da bambino mentre crescevo. Non solo perché era quello che dicevano i miei genitori, ma perché sapevo di avere questi poteri. Ho scoperto che potevo plasmare il cambiamento alla giovane età di 13 anni, ma sapendo già cosa succede ai mostri con poteri del genere, l'ho tenuto per me. Ovviamente questo è anche il momento in...

679 I più visti

Likes 0

Memorie

Estratto dalle memorie di Stan R. Shealton, autore pubblicato: ...poche ore dopo, scappando lentamente dal sogno, mi sono sentito come se stessi lasciando un posto in cui ero stato per anni, come se appartenessi a quel posto. Mi sono svegliato con le immagini ancora nella mia visione e la sensazione più sensuale delle onde di succosa umidità che scorre sul mio corpo. Continuai a gemere in modo incontrollabile, i miei piedi affondavano nel materasso permettendo ai miei fianchi di fluire in avanti, ancora e ancora. Rendendomi conto in quel momento che stavo stringendo qualcosa, abbassai lo sguardo per vedere gli occhi...

627 I più visti

Likes 0

Fallout: Le avventure mai raccontate

Ehi ragazzi, questa è la prima volta che scrivo una storia, ditemi cosa ne pensate e se dovrei continuare Angel è una ragazzina. Ha vissuto in un caveau per tutta la sua vita, o almeno lo ha fatto finché suo padre non ha lasciato il caveau. Dovrei rallentare, il Vault 101 è sempre stato sicuro e le persone erano gentili tra loro. Tu e tuo padre avete vissuto nel caveau per tutta la vita e sapevate che fuori c'era un mondo, ma non sapevate cosa ci fosse là fuori. Nel caveau le persone si aiutavano a vicenda, c'era cibo e acqua...

542 I più visti

Likes 0

Da curioso a prima volta!

Innanzitutto vorrei iniziare dicendo che la mia storia sarà un po’ lunga, dato che vorrei aggiungere tutti i dettagli! Inizierò dicendo che mi sono sempre considerato un ragazzo etero. Non ho problemi ad attrarre il sesso opposto e non avevo idea di fare lo stesso anche con lo stesso sesso. Mi dicono sempre che sono bello. Ho una corporatura da nuotatore. Sono molto ben equipaggiato e mi dicono che ho un bel sedere :). Non mi sarei mai aspettato di fare qualcosa di sessuale con un altro maschio fino a quando................... Ero nella tarda adolescenza e avevo alcuni amici con cui...

466 I più visti

Likes 0

Il ragazzo dei miei sogni è diventato il mio amante.

La mia storia inizia in modo normale, come la torta di mele e l'America. (i nomi verranno utilizzati per nascondere l'identità dei seguenti.) Mi chiamo Matt, sono una matricola al liceo. Ho lunghi capelli castani ricci che i ragazzi adorano di me. Peso circa 180 libbre ma sono tutti muscoli perché mi alleno tutti i giorni dopo la scuola. Sono alto 6'2 piedi e ho occhi azzurri profondi. basta parlare di me adesso riguardo al mio amante. Il mio amante Justin è alto circa 6'3 piedi e molto magro. indossa sempre questi pantaloni da jogging sexy a scuola con una maglietta...

449 I più visti

Likes 0

L'influenza a scuola [Capitolo 1]

Ehi, sono Noah, il personaggio principale forse si potrebbe dire per questo e mi considero un bravo ragazzo. Frequento una scuola privata nella periferia di Londra e vivo con mia mamma e mia sorella gemella Charlotte o Sha come preferisce da chiamare. Sono all'ultimo anno di scuola e non mi considero popolare, ma non litigo con molte persone e sembra che a tutti piaccia stare con me (spero che non sembri troppo ossessionato da me stesso). Sono alto 6'3 ma non sono incredibilmente magro, ho addominali visibili e una discreta quantità di muscoli ovunque sia necessario a causa di tutti gli...

456 I più visti

Likes 0

My Live-in Maid - La nuova vita della vedova indiana all'estero.-07

My Live-in Maid - La nuova vita di una vedova indiana all'estero.- 7 Una vedova bambina Live in Maid va all'estero La sensualità e la sottomissione Nella Parte 6 leggi Ma eccola qui, che rinuncia alla sua castità e agisce per lussuria nel letto di un giovane con l'età solo di suo fratello minore, e addirittura lo riconosce sottomesso come il suo nuovo signore e marito, IMPENSABILE. Questo è un atto di follia, Anu finalmente affronta il fatto che le sue azioni sarebbero e saranno comunque condannate nel suo villaggio e lei sarà ripudiata e denunciata di ogni onore come donna...

403 I più visti

Likes 0

Un volo da ricordare

La mia esperienza ad alta quota Ho trascorso l'estate all'Università della California a Berkeley, studiando arabo, quando sono dovuto tornare a casa in Alabama. I miei numerosi voli in coincidenza hanno reso la tariffa più economica, ma ci è voluto molto più tempo per tornare a casa. Non sapevo che più tardi quel giorno avrei voluto avere più tempo su uno dei miei voli, non di meno. Salii su un aereo del Southwest in Arizona, diretto a Birmingham nel primo pomeriggio, e scelsi un posto vicino al retro dell'aereo. Ho tirato fuori un libro e avevo appena finito le prime pagine...

206 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.