Sissy Lucy incontra suo padre

840Report
Sissy Lucy incontra suo padre

Ho circa 20 anni e gestisco un ristorante/bar locale. Sono 5 piedi e 8 e magro con lineamenti abbastanza femminili. Per la maggior parte delle persone sono solo Tom, un ragazzo normale che ha fidanzate occasionali, ama una birra e guarda il calcio. Per i miei amici più cari sono Lucy, una troia femminuccia che ama il cazzo.
Di recente ho trovato un "papà" online. Era un uomo più anziano e più esperto. Abbiamo iniziato a chattare e gli ho inviato alcune foto e videoclip birichini di Lucy che suonava.
Mentre parlavamo ho rivelato che mi piace essere dominato, mi è stato detto cosa indossare e come comportarmi, fatto per essere cattivo e mi è stato detto come fottermi. Papà è scivolato nel suo ruolo senza sforzo e ora mi chiedo se non fosse stato pianificato fin dall'inizio. Presto stavo facendo cose che non avrei mai sognato prima. Ha iniziato a controllare molti aspetti della mia vita. Controllava quando potevo venire, voleva che indossassi la mia gabbia per il cazzo per la maggior parte del tempo. Mi ha fatto guardare video femminuccia ipnotica e scoparmi la fica con il mio dildo finché non sono entrata nella mia gabbia. Ho buttato via la mia biancheria intima maschile e ho indossato solo mutandine e perizoma. Ho iniziato a uscire collegato e nella mia gabbia, era un esperto nel mantenermi in un costante stato di lussuria. Le mie mutandine erano sempre sporche dove perdevo precum tutto il giorno.
Un giorno ho ricevuto un messaggio da papà che mi diceva di andare al centro commerciale. Dovevo essere tappato e messo in gabbia. Dovevo andare alla food court e trovare un uomo più anziano e portarlo in bagno e succhiargli il cazzo finché non mi è venuto in gola! Non potevo credere a quello che mi stava chiedendo! Ero terrorizzato! La cosa che mi spaventava di più era che stavo pensando di farlo. Mi ha inviato di nuovo un messaggio; questa doveva essere una prova della mia obbedienza. Se non fossi andato fino in fondo, avremmo chiuso e lui voleva una prova.
Papà mi aveva impedito di venire per quasi tre settimane a questo punto ed ero così eccitato che ero quasi pazzo e trovavo difficile concentrarmi su qualsiasi cosa; tutto ciò a cui riuscivo a pensare era il cazzo e l'essere fottuto. Incredibilmente ho pensato di provare ad andare fino in fondo. Andrei alla food court; cercare un uomo più anziano che sembrava solo. Intavolerei una conversazione, proverei a flirtare un po 'e poi glielo spiegherei. Se lo volesse, andrei in bagno con lui e gli succhierei il cazzo per niente.

Indossando la mia gabbia del cazzo con le mie palle gonfie piene di sperma tenute saldamente sul ring e la mia carne da troia che spingeva contro i suoi confini, ho spinto il mio plug anale nella mia figa e mi sono tirato su le mutandine. Mi sentivo così cattivo e sporco e adoravo il modo in cui la spina si strofinava dentro di me quando camminavo e spingeva dentro di me quando mi sedevo. Mentre guidavo verso il centro commerciale, mi sono dimenato sulla sedia e ho provato quello che avrei detto. Non credo di essermi mai sentito così eccitato, cattivo e fuori controllo delle mie azioni.
Arrivato al centro commerciale mi sono diretto verso la food court e mentre curiosavo tra i vari ristoranti ho tenuto gli occhi aperti per un uomo adatto e ho notato qualcuno che sembrava guardarmi ogni volta che lo guardavo. Era seduto da solo a un tavolo e stava leggendo un giornale e bevendo un caffè.
Mi sono preso un caffè e quando ho guardato il ragazzo, questa volta ha sorriso. Il cuore mi martellava nel petto mentre distoglievo rapidamente lo sguardo. Riacquistai la calma e con nonchalance mi avvicinai al suo tavolo.
"Posso sedermi qui per favore" chiesi.
"Sicuro." L'uomo rispose e mi guardò attentamente mentre mi sedevo.
Ci siamo scambiati dei convenevoli e abbiamo parlato del tempo e delle novità prima che lui mi chiedesse di me. Mentre mi rilassavo nella conversazione, mi resi conto che era un bell'uomo e che mi piaceva parlare con lui. Gli ho chiesto la sua età e quando me l'ha detto ho deciso di provare un flirt veloce.
"Non lo sei mai!" esclamai e gli toccai la mano mentre ridacchiavo. "Non sembri neanche lontanamente così vecchio." Ho lasciato che la mia mano indugiasse sulla sua più a lungo di quanto fosse appropriato e poi ho detto "tua moglie deve essere molto felice?"
"Non sono sposato e tu sei proprio l'adulatore, vero?" Lui ha risposto e ci siamo guardati l'un l'altro prima che io distogliessi lo sguardo timidamente. Ho pensato che avrei potuto svenire mentre mi rendevo conto di ciò che stavo per fare. Mi sono dimenato sul mio plug e il mio clitoride ha spinto forte contro le sbarre della sua gabbia e ho potuto sentire le mie mutandine bagnate di precum.
Fissai il mio caffè mentre prendevo coraggio e il cuore mi martellava nel petto.
“Se vuoi, potremmo andare in bagno e io potrei succhiarti il ​​cazzo. Sono davvero eccitato e oggi voglio succhiare un po' di cazzi. sussurrai, sporgendomi verso di lui. Terrorizzato dal fatto che avrei letto male qualsiasi segnale e che potesse darmi un pugno in faccia.
Mi sentivo arrossire e potevo sentire il sangue scorrermi nelle orecchie mentre fissavo di nuovo il mio caffè.
Dopo quella che sembrò un'eternità, lo sentii toccarmi la mano e alzai lo sguardo. Mi stava sorridendo. "Va bene giovanotto, non mi faccio succhiare il cazzo da anni, perché no?" lui ha sussurrato. "Andiamo, va bene?"
Piegò il giornale e si fermò a guardarmi. Non potevo crederci, ero davvero io che mi comportavo in questo modo? Mi sveglierei da un sogno da un momento all'altro?
Mi sono alzato e le mie gambe erano così traballanti che non ero sicuro che mi avrebbero sostenuto. Andammo insieme nei bagni ed entrammo, un uomo si stava asciugando le mani e quando se ne andò eravamo soli. L'uomo ha controllato le bancarelle e poi mi ha fatto cenno di unirmi a lui nell'ultima. Ho abbassato il coperchio del gabinetto e mi sono seduto mentre lui chiudeva la porta, la chiudeva e sbottonandosi i jeans li lasciava cadere a terra, insieme alle mutande. Alzai lo sguardo e gli porsi il telefono.
"Ti dispiacerebbe filmarmi?" Ho chiesto.
"Gesù!" Rise l'uomo. "Sei davvero un frocio arrapato, vero?"
Non ho perso tempo, ero qui ora e stavo incredibilmente facendo la cosa più rischiosa, audace, sporca e da troia che avessi mai fatto in vita mia. Ero spaventato quasi a morte, ma anche incredibilmente eccitato. Il suo cazzo era semi duro e pendeva da una ciocca riccia di peli pubici che aveva un po' di grigio. Le palle pesanti pendevano e io allungai la mano e le presi a coppa mentre tenevo il suo cazzo e lo portavo alla mia bocca aperta. Mentre lo succhiavo delicatamente l'ho sentito irrigidirsi immediatamente e presto stavo succhiando un cazzo molto attraente e molto duro di 7 pollici. Si abbassò e mi tenne la testa mentre oscillavo avanti e indietro, piccoli gemiti di lussuria che mi sfuggivano dalle labbra di tanto in tanto e fissavo la fotocamera del mio telefono. Un paio di volte qualcuno è entrato in bagno e dovevo stare attento che i suoni di suzione e risucchio non fossero troppo forti, ma non appena l'asciugamani si è acceso, ho gemito e succhiato forte. Alla fine mi ha tenuto dietro la testa e mi ha fottuto la bocca, spingendo dentro e fuori mentre stringevo le mie labbra attorno alla sua asta, facendomi venire il vomito mentre mi toccava la parte posteriore della gola.
L'ho sentito gemere e poi il suo cazzo si è gonfiato e si è mosso e poi ha iniziato a venire e la mia bocca si è riempita di sperma caldo che ho ingoiato velocemente. Ancora e ancora deglutii mentre lui svuotava le sue palle piene di sperma giù per la mia gola e poi lasciò andare la mia testa e si chinò per tirarsi su i pantaloni.
“È stato un ragazzo molto carino. Sono qui quasi tutti i giorni, ogni volta che hai fame di cazzo. Vieni a trovarmi. Disse restituendomi il telefono.
L'ho fissato mentre se ne andava e ho chiuso la porta dietro di lui e sono rimasto seduto lì per diversi minuti incapace di credere a quello che era appena successo.

Quando sono tornato a casa ho guardato la clip e ho scoperto che mi eccitava immensamente, le mie mutandine erano già inzuppate di precum e il mio clitoride trasudava di più mentre lo guardavo.
L'ho allegato a un messaggio per papà insieme a una foto del mio disordinato cazzo in gabbia. Ho scritto "troia" sulla mia pancia con un pennarello per lui. Mi ha risposto immediatamente e gli ha detto che brava ragazza ero e mi sono sentito gonfiare di orgoglio. Mi ha detto di indossare la mia gabbia e rimanere collegato al lavoro stasera e ho trascorso una serata molto difficile cercando di concentrarmi sul lavoro quando tutto ciò a cui riuscivo a pensare era quello che avevo fatto e quanto ero stato incredibilmente cattivo ma quanto mi sentivo bene .

Quando mi sono svegliato il giorno dopo c'era un messaggio di papà.
“Vai di nuovo al centro commerciale, questa volta voglio che ti fottano. Non mi deludere. Voglio che tu sia tappato e ingabbiato di nuovo tutto il giorno. Quando sei stato fottuto puoi tapparti di nuovo e tenere tutto lo sperma dentro di te finché non mi senti di nuovo. "
Fissai lo schermo mentre il mio cazzo si irrigidiva. Potrei farlo di nuovo e questa volta andare ancora oltre e farmi davvero scopare? Sapevo che avrei provato.
Ho applicato un sacco di lubrificante mentre inserivo la mia spina e mi rimettevo nella mia gabbia. Lo indossavo così tanto ora che in realtà mi sembrava abbastanza naturale.
Quando sono entrato nella food court ho visto di nuovo l'uomo, era seduto allo stesso tavolo, leggendo di nuovo il giornale. Questa volta non mi sono preoccupato di un caffè. Mi sono appena seduto di fronte a lui.
Mi sorrise e piegò il giornale. "Andiamo?" chiese e io annuii debolmente.
Una volta dentro il cubicolo gli ho passato il telefono e ho ricominciato a succhiargli il cazzo ma quando ha iniziato a scoparmi la bocca velocemente l'ho fermato.
"Signore, mi scoperebbe?" chiesi docilmente e sentii la mia faccia arrossire per l'imbarazzo quando sentii le parole uscire dalla mia bocca.
Guardandomi negli occhi sorrise. “Certo ragazzo, ti fotterò il culo e ti riempirò di sperma. Sei proprio un piccolo bastardo arrapato, vero?
Mi alzai e mi tolsi i jeans. Rimasi in piedi solo con la maglietta, i calzini e le mutandine, sporgenti sul davanti a causa della gabbia del mio cazzo. Togliendomi le mutandine l'uomo ha visto per la prima volta il mio plug and cage.
"Mmmm, ragazzo, non riesco a credere alla mia fortuna di essermi imbattuto in una troietta arrapata e affamata di cazzi come te."
Staccai la spina e mi girai per chinarmi.
"Nuh huh, nudo per favore", ha detto.
Mi voltai e lo guardai.
“Togliti la maglietta e i calzini per favore”
Feci come mi era stato chiesto e poi sentendomi molto vulnerabile mi girai e mi chinai sul water, aprendo le gambe e spingendo fuori il culo.
"Bel culo ragazzo"
L'ho sentito guidare il suo cazzo verso la mia fica, spingendo la punta nel mio buco del cazzo ben lubrificato. Ho sentito la porta aprirsi e mi sono bloccato quando ho sentito qualcuno entrare nella stalla accanto alla nostra. L'uomo ha spinto forte e ha fatto scivolare l'intera lunghezza del suo cazzo dentro di me e io mi sono morso il labbro per cercare di fermare il gemito che mi scappava dalla bocca. Tirandosi indietro, mi ha colpito di nuovo e non ho potuto fare a meno di rimanere senza fiato. Sono sicuro che chiunque fosse nella stalla accanto potrebbe sentirci. Ha iniziato a fottermi con spinte lente e profonde e io ho respinto mentre perdevo il controllo nel fervore sessuale.
Cominciò a grugnire e sentii il tizio nel cubicolo accanto schiarirsi la gola. Ho sentito un colpetto sulla mia schiena e ho guardato indietro. L'uomo sorrise e mi puntò la macchina fotografica per catturare il mio viso pieno di lussuria. Il gabinetto della porta accanto ha tirato lo sciacquone e il ragazzo se n'è andato e si è lavato le mani, non appena l'asciugamani si è avviato il mio uomo ha iniziato a picchiarmi e io mi sono preparata mentre le sue cosce si schiaffeggiavano contro le mie natiche e lui grugnì mentre gemevo. L'asciugamani si fermò e lui rallentò finché non sentì la porta chiudersi e poi ricominciò, picchiandomi forte mentre mi mordevo forte il labbro.
"Cummmmmmmming" sibilò e io sentii il suo cazzo contrarsi dentro di me e lui rabbrividì mentre veniva dentro di me, riempiendo la mia figa boi con il suo seme.
Quando ebbe finito di svuotare di nuovo le sue palle e tirò fuori il suo cazzo scivoloso, recuperai immediatamente e obbedientemente il mio tappo e lo spinsi dentro di me. Tirai su le mutandine per tenerlo fermo e cominciai a vestirmi. L'uomo si è tirato su i pantaloni e ha aperto la porta restituendomi il telefono.
"È stato davvero un bravo ragazzo, sai dove sono la prossima volta che sei eccitato."
Non appena mi sono vestito sono andato a casa e ho guardato il videoclip, quando ho guardato di nuovo la telecamera mi stavo mordendo il labbro e i miei occhi erano spalancati e il sesso impazzito.
Ho controllato le mie mutandine e ho scoperto che avevo perso così tanto precum che la mia gabbia e le mutandine erano un pasticcio appiccicoso.
Ho inviato un messaggio a papà e ho allegato il video clip e una foto delle mie mutandine appiccicose e ho aspettato.
Subito dopo ho ricevuto un messaggio:
“Brava Lucy, sono molto contenta. Devi andare a lavorare come sei ora, con lo sperma di quell'uomo che ti bagna la fica. Puoi staccare la spina quando arrivi a casa.
Così ho passato un'altra serata cercando di lavorare mentre i miei pensieri continuavano a concentrarsi su pensieri sporchi di cazzi e sperma e farsi scopare.

I giorni successivi furono più simili a prima. Mi ha tenuto in gabbia e collegato e mi ha detto che mi avrebbe lasciato venire presto ma non ancora. Voleva che indossassi la mia lingerie più sexy ogni volta che ero in casa e mi ha detto di mandarmi dei link al porno ipno femminuccia che voleva che guardassi. Alcuni giorni guardavo ore di questi videoclip finché non ero un completo disastro, ma continuavo a obbedire e speravo segretamente che un giorno mi dicesse di tornare presto al centro commerciale.

Sono passate 2 settimane intere dal mio ultimo viaggio al centro commerciale che ho ricevuto un messaggio interessante da papà:
“Sotto i tuoi abiti da lavoro indossa il tuo corsetto di pizzo bianco con calze a rete bianche. Porta con te i tuoi tacchi rosa da 6 pollici, la parrucca rossa e le unghie finte in una borsa. Ti mando un messaggio più tardi"
Obbediente mi vestii secondo le istruzioni, le mie calze a rete sostenute dalle bretelle incorporate nel corsetto. Ho selezionato mutandine di pizzo bianco abbinate che erano troppo piccole per coprire davvero la gabbia del cazzo, quindi ho tirato fuori la gabbia dal lato. Collegandomi ho preso la mia borsa di chicche e sono andato al lavoro.
Erano circa le 22:00 quando papà mi ha scritto di nuovo:
«Quando tuo zio viene a trovarti, fallo riportare nel tuo ufficio.»
Cosa diavolo significava, mi chiedevo? Non avevo uno zio.
Solo un paio di minuti dopo è entrato Sam, il mio assistente manager. "C'è un ragazzo davanti che dice di essere tuo zio."
“Ehm, va bene. Ti dispiacerebbe mostrarglielo, per favore, Sam?"
Mi sono seduto congelato alla mia scrivania, non sapendo cosa aspettarmi e scioccato dal fatto che papà avesse iniziato a includere il mio lavoro nei nostri giochi. La porta si aprì ed entrò l'uomo del centro commerciale. La mia bocca rimase aperta mentre chiudeva con cura la porta dietro di sé.
"Sono io la mia piccola troia, è papà."

La mia bocca si aprì e si chiuse ma nessuna parola uscì quando si sedette davanti alla mia scrivania e mi sorrise mentre il mio cervello cercava di capire cosa stava succedendo. A poco a poco ho capito che quest'uomo era papà.
"Ma, ma, ma, e se avessi trovato qualcun altro al centro commerciale?" sbottai.
"Non avrebbe avuto importanza, sarei stato orgoglioso di te comunque e avrei continuato a riprenderti fino a quando non mi avessi selezionato." Ha riso.
“Ora, voglio che tu ti tolga quegli orribili vestiti da uomo e ti metta la parrucca, i tacchi e le unghie. Voglio che la mia piccola troietta sia tutta carina.
“Non posso papà. Questo è il mio lavoro. Non c'è serratura alla porta e le persone entrano sempre qui.
Papà mi ha lanciato uno sguardo feroce. «Allora faresti meglio a farlo in fretta, vero? A meno che tu non voglia che me ne vada e non ti contatti mai più, piccola puttana ingrata! Una volta che sei vestito in modo appropriato, puoi nasconderti sotto la scrivania.
La mia scrivania era di fronte alla porta e aveva un pannello di legno sul davanti, così sarei stato nascosto una volta che fossi stato lì sotto. Mi infilai velocemente le unghie finte e mi misi la parrucca prima di togliermi camicia e pantaloni, un occhio sempre sulla porta. Non posso iniziare a dire quanto fossi spaventato e non posso spiegare ora perché l'ho fatto. Settimane passate a guardare porno ipno femminuccia e obbedire a mio padre, succhiare cazzi e farmi scopare nel bagno del centro commerciale e per tutto il tempo negare un orgasmo mi avevano lasciato senza libero arbitrio. Salendo sui talloni mi tuffai sotto la mia scrivania. Papà si alzò, fece il giro della scrivania e si sedette sulla mia sedia.
"Succhia il cazzo di papà, piccola" ha istruito e si è aperto la cerniera dei pantaloni e ha tirato fuori il suo cazzo flaccido.
Mi sono inginocchiato tra le sue gambe e ho tirato il suo cazzo nella mia bocca calda e bagnata e ho cominciato a succhiarlo dolcemente mentre papà mi diceva che stanotte saremmo passati al livello successivo.
Presto fu duro e io gli succhiai rumorosamente il cazzo, la testa che dondolava sotto il tavolo. All'improvviso ho sentito qualcuno entrare e mi sono bloccato, ma papà è rimasto completamente calmo e ha allungato la mano e mi ha tirato su e giù la testa per segnalare che avrei dovuto continuare.
“È appena saltato fuori per un po', sono suo zio e ha detto che potevo aspettarlo qui. Dovrebbe tornare tra circa un'ora.»
Il mio cuore batteva così forte che pensavo davvero che potessero sentirlo mentre continuavo a succhiare il cazzo di mio padre.
"Non fermarti di nuovo" fu tutto ciò che disse quando la porta si chiuse di nuovo.
Presto stavo gemendo piano per il brivido del pericolo e potevo sentire la mia clitoride spingere forte contro le sbarre della sua gabbia mentre succhiavo il cazzo come una ragazza posseduta. I miei fianchi si muovevano e roteavano mentre inserivo il mio plug dentro di me sbattendo deliziosamente le pareti della mia figa. Tre o quattro volte qualcuno è entrato e ogni volta papà è rimasto calmo e ha raccontato la stessa storia e io sono rimasto in ginocchio a succhiargli il grosso cazzo duro. Giuro che ogni volta che qualcuno entrava, il cazzo di papà pulsava e diventava più grosso.
“Molto bene Lucy, stai succhiando il cazzo come un professionista ora mia piccola troia. Ora, penso di averci fatto guadagnare un po' di tempo in piedi.»
OMG, voleva davvero che fossi vestita così nel mio ufficio? La gente entrava in continuazione e anche se aveva detto ad alcune persone che ero fuori per un po', c'erano ancora cento motivi per cui uno di loro entrava.
Mi alzai nervosamente in piedi, asciugandomi la saliva dal mento mentre papà spingeva indietro la sedia, mi girava e mi piegava sulla scrivania. Le mie mutandine sono state rapidamente abbassate e tolte e con una mano sulla parte bassa della mia schiena mi ha tenuto fermo e mi ha preso a calci le gambe.
“Oh no papà, per favore non qui” supplicai “e se………argh”
Le mie proteste furono fermate da un secco schiaffo sulle natiche.
Ho sentito che la mia spina veniva rimossa e poi, quando l'ho sentito sputare, ho sentito la saliva tra le mie natiche che è stata strofinata su un bocciolo di rosa e poi senza preavviso ha spinto un dito in profondità dentro di me.
Piegato, il petto sulla scrivania, le braccia tese, mi aggrappai al bordo della scrivania, fissando la porta e tendendo le orecchie per sentire il suono di qualcuno che veniva mentre papà mi fotteva brutalmente la fica.
"Mnmmmm papà" gemetti mentre veniva aggiunto altro sputo e sentii un secondo dito sondare la mia figa. Il cuore mi batteva quasi fuori dal petto e i miei occhi non lasciavano mai la porta, ma una strana sensazione mi pervase quando papà spinse il secondo dito dentro di me fino alla nocca.
Anche se terrorizzato di essere catturato. Ora volevo di più.
Allargai di più le gambe e sollevai il sedere e afferrando la scrivania cominciai a spingere indietro mentre papà mi fotteva forte e velocemente con le dita.
“Ecco, stronza. Lo ami, vero? Sei una troia cattiva e sporca, vero?
“Sisssssss papà. Lo adoro 'ho ansimato' sono una sporca troia.
Le mie natiche sussultavano mentre venivo sculacciato ancora e ancora, sentivo delle voci fuori dalla mia porta e immagino che lo facesse anche papà perché mi infilò le dita dentro con forza e in profondità e mi schiaffeggiò rumorosamente il sedere, costringendomi a gemere di piacere. Le voci si allontanarono.
"Oh Gesù!" sussultai di sollievo.
Il brivido di essere quasi scoperto mi ha reso ancora più eccitato e ho iniziato a dondolarmi avanti e indietro sulla scrivania.
"Ragazza fortunata" rise papà. “Adesso dimmi cosa vuoi. Dimmi di cosa hai bisogno."
"Fuck me daddy" ho ansimato.
"Che cosa? Non ti sento” rispose, tirando fuori le dita.
“Scopami papà, per favore. dissi ad alta voce. "Ho bisogno che tu mi scopi."
Lo sentii dietro di me e la punta del suo cazzo urtò tra le mie chiappe.
"Apri il tuo culo troia"
Ho allungato la mano e ho aperto le natiche del mio culo per papà e l'ho sentito guidare il suo cazzo in posizione. Lentamente ha spinto in avanti e la punta ha spinto dentro di me. Si è fermato. Cazzo quell'uomo sapeva come controllarmi.
“Noooo” gemetti “fottimi papà per favore. Ho bisogno del tuo cazzo piccola. Ho iniziato a dimenarmi e cercare di spingere indietro per ingorgarmi su di lui, ma papà mi ha trattenuto, tenendo solo la punta del suo cazzo dentro di me.
"Sta arrivando qualcuno" sussurrò papà mentre sgroppavo sulla scrivania.
"Non mi interessa un cazzo!" Ho pianto. “Fammi male bastardo, fanculo la tua troietta! Dammi il tuo grosso cazzo duro.
Papà si è spinto bruscamente in avanti con forza e ha fatto scivolare il suo cazzo dentro di me.
"OHHHHHHHHHH CAZZO SÌ!" Ho pianto, e lasciando andare il mio culo mi sono aggrappato di nuovo alla scrivania per prepararmi mentre venivo fottuto duro e profondo.
Se c'erano persone fuori non le sentivo e la porta non si apriva. Non so cosa avrei fatto comunque. Ero perso ora. Ero perso in una frenesia sessuale di lussuria repressa mentre papà mi picchiava la fica.
Alcune volte papà si è tirato fuori e mi sono sentito a bocca aperta.
“Ti piace, vero, mia piccola troia. Sei una puttana affamata di cazzi sporchi, vero? Disse mentre si spingeva dentro di me e riprendeva a fottermi.
"Si papà. Lo adoro cazzo! Amo il cazzo! Ti amo fottimi! SONO una troia affamata di cazzi sporchi. Più forte. Scopami più forte!
La scrivania tremò mentre venivo fottuto duramente. Le cosce di papà mi hanno schiaffeggiato contro le natiche e la mia gabbia ha sbattuto contro la scrivania. Il mio clitoride stava spingendo e strofinando la gabbia e ho cominciato a sentire un orgasmo ribollire dentro la mia pancia.
"Sì papà sì, fottimi, mi fotti così bene." Ho gemuto e poi il più grande orgasmo della mia vita mi ha colpito. Settimane e settimane di tensione sessuale repressa sono esplose e ho visto le stelle mentre lunghe corde di sperma schizzavano fuori dal mio cazzo ristretto e sul pavimento sotto la scrivania.
"OH CAZZO INFERNO!" Ho pianto e papà mi ha picchiato ancora più forte.
Piagnucolai mentre continuava a martellarmi la fica finché finalmente lo sentii grugnire e, tenendomi i fianchi, si spinse in profondità dentro di me. Il suo delizioso cazzo si contrasse e la mia figa fu inondata di sperma caldo e appiccicoso. Papà mi ha trattenuto tremante, finché non gli ho munto il cazzo e poi si è tirato fuori.
“Resta dove sei” ordinò.
Mi sono sdraiato sulla scrivania ansimando quando ho sentito papà recuperare qualcosa dalla sua giacca. Tenendomi il polso ci legò un laccio di cuoio e poi legò l'altra estremità alla gamba della scrivania. Troppo debole e patetico per resistere, lo guardai mentre faceva lo stesso con l'altro polso e poi mi allacciava le caviglie nello stesso modo. Ora ero saldamente legato alla mia scrivania nella stessa posizione in cui ero appena stato fottuto.
Scarabocchiando qualcosa su un pezzo di carta, lo mise sulla mia scrivania tra le mie braccia tese e uscì dal mio ufficio.
Sono rimasto con i miei tacchi da 6 pollici, calze a rete con pizzo bianco, bretelle, corsetto di pizzo, parrucca rossa e unghie finte, legato sulla mia scrivania con lo sperma che mi gocciolava dal culo e giù per le cosce. Il biglietto sulla mia scrivania diceva a grandi lettere nere in grassetto:
“Sono una troia affamata di cazzi femminuccia. Per favore, scopami e usami come il tuo cassonetto di sperma. Lo adoro."

Storie simili

Diventare Zoe

La mia futura moglie Annie aveva accettato un lavoro fuori città e la vedevo solo ogni due settimane circa. Mi mancava così tanto. Lei ed io eravamo diventati amanti a distanza. Aveva un volo di ritorno a casa venerdì sera. Stavo andando a prendere suo figlio Zakk dal suo dormitorio e noi due saremmo andati a prenderla all'aeroporto e ci saremmo goduti il ​​fine settimana insieme. Zakk è al suo primo anno di college e sta studiando per diventare un truccatore per il teatro e lo schermo. Lui e io non ci siamo davvero conosciuti e questo doveva essere il fine...

1.1K I più visti

Likes 0

Tempo in gioventù_(0)

Sono entrato nella chiesa dove ogni giovedì si tiene il gruppo giovanile a cui vado. Di solito arrivo lì un'ora o due prima per dare una mano. La mia amica Anah mi ha sorpreso abbracciandomi forte mentre entravo. Anah, cosa fai qui così presto? chiesi ricambiando l'abbraccio. Beh, di solito arrivi qui prima di chiunque altro, e io non avevo niente da fare, quindi ho pensato di venire e uscire insieme. Non passiamo abbastanza tempo l'uno con l'altro, disse alzando lo sguardo alla mia con grandi e teneri occhi azzurri che erano complimentati sia dai suoi lunghi capelli biondi che dal...

377 I più visti

Likes 0

DONNE ANZIANE_(1)

Storia di Fbailey numero 219 Donne anziane Quando ho compiuto sedici anni mia madre era impegnata con me. Papà non c'era mai e quando c'era, non c'era ancora. Era il tuo venditore ambulante preverbale. Era un donnaiolo, un ubriacone e una misera scusa per un essere umano. Ha fornito un tetto sopra le nostre teste, ma questo è tutto. La mamma lavorava per pagare il cibo che mangiavamo e i vestiti che avevamo addosso. Ho avviato la mia attività di giardinaggio quella primavera. Ho distribuito volantini in un bel quartiere appena fuori città e ho trovato subito un paio di lavori...

1K I più visti

Likes 2

Non c'era altro modo Pt. II

Perché, pensavo volessi scoparti mia moglie? L'uomo con la pistola ha risposto: Lo faremo, e tu puoi succhiarmi il cazzo mentre quei due fanno a modo loro, altrimenti Tom! Faresti meglio a fare come dico ventosa! Ho guardato mio marito incredulo per quello che stavo sentendo, un uomo che gli diceva di succhiargli il cazzo ma poi c'era di nuovo coinvolta una pistola. Le mani che mi stavano afferrando il culo e spingendo il loro cazzo dentro di me fino in fondo e poi macinando hanno iniziato a tirarsi fuori. Stava guardando l'uomo armato e l'ho sentito dire: Ecco, lascia che...

737 I più visti

Likes 0

OOPS 3

OOPS 3 Durante la cena con mio marito Nathan e suo figlio Nate ho ripreso l'argomento di cui avevo parlato con le mie amiche a partire dalla nostra promessa reciproca. Ora ci siamo promessi la totale verità l'un l'altro dissi Prendendo un caffè oggi, Natalie ha detto di aver sorpreso suo figlio e 3 dei suoi amici a masturbarsi nelle sue mutandine e pensa che tutti i ragazzi lo facciano Quindi Nathan, l'hai fatto come un ragazzo? Strewth, è un po' imbarazzante chiederlo? disse Nathan Ho guardato Nate con aria interrogativa perché sapevo che aveva annusato il mio ma non ero...

657 I più visti

Likes 0

Perché le cose succedono sempre a me

Perché le cose mi succedono sempre Prima di iniziare mi rendo conto che non ci sono molti uomini che vanno in giro con un cazzo da 12 pollici. E quindi l'ho soprannominata una fantasia e una farsa. Basta già detto alla storia. Mi chiamo Samuel Longfellow, sono il proprietario di una delle più grandi società di sicurezza dello stato. È così che guadagno i miei soldi (sette cifre all'anno) La mia passione è la ricerca sulla fauna selvatica e ho una borsa di studio presso il college locale. Faccio le mie ricerche nella mia fattoria di 680 acri. Ora la mia...

2K I più visti

Likes 0

Perdo la verginità(8)

L'ho incontrata su un sito di chat su Internet. Vivevamo a 800 km di distanza, quindi non ho avuto problemi a flirtare come un matto. Mi ha detto che è alta 1,5 m, lunghi capelli biondi e occhi azzurri con un corpo sexy. Beh ovviamente l'ho presa in giro e le ho detto che se non mi manda una foto non le crederò, mi ha chiesto se le foto di lei sarebbero state solo per i miei occhi ed essendo il ragazzo che sono le ho dato la mia parola, aspettandomi una foto molto cattiva. Quello che ho ottenuto è stata...

1.8K I più visti

Likes 0

La banda pt1_(0)

La Banda. pt 1 Questa è la mia prima storia in assoluto, quindi per favore sii gentile nei tuoi commenti. Sono ben accette critiche costruttive. Sono Sarah, ho 26 anni e lavoro in una banca come consulente per piccole imprese. Ho lunghi capelli castani, sono 5'7 taglia 10 con seni piccoli ma impertinenti 32B. Vado in palestra almeno 3 volte a settimana quindi sono in buona forma e sono single da un paio d'anni, anche se mi sono divertito. Comunque ti racconto la mia esperienza con una gang di East Leeds. Era un venerdì e la mia migliore amica Vicky era...

926 I più visti

Likes 0

LA FAMIGLIA DI KRISTI 4_(1)

CAPITOLO QUARTO Quando arrivarono nella sua camera da letto, Roger entrò per primo. Notò per la prima volta che Bob era seduto nella sua poltrona reclinabile, apparentemente a riposo. Guardando il letto, vide che Erin era inginocchiata sul letto e si aggrappava alle sbarre della testiera. Guardando più da vicino, si rese conto che non aveva scelta. I suoi polsi erano legati alla testiera, costringendola a inginocchiarsi, le sue tette penzolanti dal suo petto che gravitavano sul lenzuolo sotto di lei. Tieni quelle gambe aperte puttana! Mi piace guardare il tuo bel culetto. Saremo pronti per il secondo round tra un...

943 I più visti

Likes 1

La mia vera storia di vita: capitolo uno

Diverse persone mi hanno chiesto di raccontare la storia della mia vita poiché ho accennato ad alcune delle mie esperienze insolite. Quindi penso che il miglior punto da cui iniziare sia la notte in cui sono finiti i miei 10 anni di matrimonio. Era un venerdì sera e mio marito Tim è tornato a casa ubriaco. Questa era diventata la sua pratica abituale negli ultimi due anni. Ha affermato che il suo capo gli stava causando un aumento dello stress e ha dovuto fermarsi con i ragazzi per rilassarsi. All'inizio tornava a casa un po' brillo per quando portavo a letto...

801 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.