Intervista esclusiva per la prima volta_(1)

1KReport
Intervista esclusiva per la prima volta_(1)

Catherine corse alla stazione televisiva in ritardo per la riunione del personale. Dopo l'incontro, il suo direttore del telegiornale l'ha trascinata nel suo ufficio. Catherine aveva redatto un rapporto su un sospetto appuntamento tra il sindaco e il capo dello staff. L'ha spalancata. È stato praticamente tutto ciò che ha coperto per un paio di mesi buoni. Il direttore del telegiornale le disse che il direttore della stazione aveva ricevuto una telefonata che le chiedeva di fare un'intervista esclusiva per la prima volta con John Malone. Il direttore delle notizie ha continuato a fornire a Catherine informazioni di base su John Malone;

John Malone un miliardario fatto da sé. CEO della multinazionale Malone Industries.
Agente di potere politico del Texas, filantropa, divorziato cinque volte, attualmente sposato con una bellissima modella cinese, cantante, direttrice di un ente di beneficenza internazionale e filantropa.
Un donnaiolo, magnate immobiliare e avvocato difensore.


Questa sarà la storia principale dei nostri notiziari e attirerà l'attenzione nazionale su di te come giornalista che ha ottenuto l'unica intervista. Catherine mi ha chiamato per fissare un colloquio. Sorprendentemente, sembravo un uomo molto educato, intelligente e ben parlato. In realtà, ha capito subito che non vedevo l'ora di incontrarla. Le ho chiesto di unirsi a me nel mio condominio di Fort Worth per il brunch domani. Una volta che Catherine ha chiuso il telefono, non vedeva l'ora di incontrarmi. La sua curiosità stava diventando selvaggia. Stava affrontando questo incarico come professionista e doveva scoprire tutto ciò che poteva su di me.


È entrata nel mio ufficio prontamente alle 10:00. Una receptionist piuttosto raffinata ed elegante mi ha fatto sapere che Catherine era qui per vedermi. In realtà, era meravigliosa: sui trent'anni, capelli biondi dall'acconciatura impeccabile, vita sottile, seni migliorati chirurgicamente e un vestito che le copriva stretto che probabilmente costava quanto guadagnavo io in una settimana. Catherine si chiedeva come si fosse qualificata per ottenere questo lavoro, era grata di avere un'impiegata nelle vicinanze come supporto. A Caterina fu offerto un cappuccino. Aveva davvero bisogno di una dose pesante di caffeina. Ha lavorato fino alle tre del mattino facendo il lavoro di base e preparandosi per il colloquio. Catherine era sicura di sembrare tanto distrutta quanto si sentiva. Non ha aiutato il fatto di aver esaurito il tempo per mettersi il mascara prima di uscire di casa per fare il check-in alla sua scrivania e poi trascinarsi qui il più velocemente possibile con la sua Ford Focus.

Oggi non era uno di quei giorni in cui rimandare la sua cura e anteporre i suoi eroismi da pendolare a tutto il resto in nome della dedizione al suo lavoro. Non somigliavo per niente a un Hugh Hefner più giovane con una giacca da camera di raso come lei immaginava. Non ero come una specie di lucertola da salotto che passava tanto tempo a trollare le ragazze nei bar per single quanto facevo tintinnare le mie catene d'oro quando mi masturbavo nel bagno degli uomini ogni volta che colpivo. Semmai, avevo questo aspetto molto appropriato della East Coast e una sicurezza che era attraente quanto la mia corporatura alta, solida e muscolosa. Avevo uno scintillio negli occhi e il mio sorriso che andava di pari passo con una persona educata e allegra.

Doveva ricordare a se stessa che tutto quello che doveva fare era agire come una professionista e che il suo aspetto non aveva e non doveva avere importanza per me. Era meglio che non avesse l'aria di chi aveva bisogno di impressionarmi. Ha dovuto fare alcune domande piuttosto difficili e, sì, giustapporre la mia personalità e la mia presenza alla mia discutibile reputazione. Mi ha chiesto come sono entrato nel settore immobiliare. Ho detto che era qualcosa che potevo fare bene perché potevo esercitare la professione legale. Anche con un'istruzione Ivy League, ho detto che era difficile costruire uno studio legale di successo che mi permettesse di vivere il tipo di stile di vita a cui volevo essere abituato. Ho detto qualcosa di vago sul portare un reddito a sette cifre. Ha chiesto di sostenere la mia richiesta. Le ho mostrato un intero anno di record di vendite MLS che mostravano un elenco di vendite che confermavano la mia richiesta.

Ero a bocca aperta su mia moglie che è stata menzionata solo come "Malone è sposata" nella biografia della mia cartella stampa. Dopo anni di esperienza, sapeva che la migliore storia era nei dettagli che venivano praticamente ignorati e nascosti. Non riusciva a strapparmi il suo nome o cosa pensava della mia reputazione. Non c'erano foto di lei sulla mia scrivania come ce n'erano di me e Steven Tyler, Neil Young e Steve Jobs, che avevano tutti acquistato case dal mio gruppo immobiliare.

"Mi piace essere circondato da belle donne", dissi. "Mi sono reso conto presto nella mia vita, che avevo bisogno di fare sesso più volte alla settimana. È impossibile per me non fare sesso tre o quattro volte al giorno." Catherine non si aspettava di sentire "Potrei avere così tanti affari in città". Invece, le ho chiesto: "Quanto tempo è passato per te? Quante volte al giorno?"

"Questa è una domanda del tutto inappropriata", ha detto. "Non hai problemi a pungolarmi sui miei rapporti coniugali", dissi. "Certo che no," disse. " Il mio lavoro è ottenere le risposte che non vengono offerte facilmente. Non parli di tua moglie, dei tuoi clienti, per non parlare del tempo che hai passato a fare le donne. Quando non vendi case multimilionarie , gestire le tue aziende e esercitare la professione legale. Un uomo innamorato di sua moglie non ha tempo per dedicarsi a cose del genere da solo. Cosa ne pensa lei del tuo essere donnaiolo?"

«È molto astuto da parte tua», dissi. "Capisco come questo ti renda un giornalista così bravo. Cosa ha pensato il tuo ragazzo o tuo marito di tutto quel tempo che hai passato a controllare la mia vita sessuale la scorsa notte?" Non riusciva a pensare a come giustificare quella domanda, figuriamoci se avrebbe dovuto rispondere. "Le borse sotto i tuoi occhi sono un segno rivelatore," dissi, interrompendo la mia pausa meditativa. "So che hai appena ricevuto l'incarico ieri, e sembri troppo ben preparato per questo colloquio." Arrossì ed era imbarazzata, non solo perché le avevo accennato, gli occhi cadenti che stava cercando di tenere aperti con la sua terza tazza di cappuccino, ma perché in fondo l'avevo chiamata per la sua mancanza di vita sessuale. Non ce n'era nessuno. Ha rotto con il suo ex ragazzo due anni fa e da allora non c'era stato nessun altro. Doveva ammetterlo o era così ovvio?

"Ti dico una cosa, permettimi di rimediare alla mia scortese inquisizione continuando questa conversazione durante il pranzo," dissi. "Il mio regalo. Non sto cercando di comprare della buona stampa, ma sembra che tu possa usarla e io ho fame. Inoltre, non abbiamo nemmeno iniziato a parlare di me e del mio successo." Mi ha lasciato guidare, il che è stato un bene. Ho guidato una Porsche 911 Carrera nuova di zecca che ho acquistato in gran parte per capriccio. Mi sono divertito troppo a piangere per strada. O forse è stato per il brivido di farla urlare quando ho iniziato a spingerla a 110 miglia all'ora in autostrada. Era abbastanza giusto. Le mie abitudini di guida e il mio finanziamento stavano entrando nella storia. "Quante multe per eccesso di velocità hai preso?" Sperava che potessi sentire la sua domanda al di sopra del vento che correva attraverso le nostre orecchie."

"Sono a un passo dalla sospensione della patente," dissi. "Mi piace vivere al limite."
Dirò. Quella citazione era un custode. L'ho portata in un bistrot nella città vicina che le ricordava un posto che si potrebbe trovare in un piccolo villaggio in Francia: pareti verde scuro, tavoli e sedie dall'aspetto antico, decorazioni in pizzo che rifinivano le finestre e lampadari in ferro battuto che pendeva dal soffitto di dodici piedi. Ho detto che non stavo cercando di comprare della buona stampa? Ah! Doveva coprire questo conto adesso. Se la storia fosse così importante per il mio editore, approverebbe la spesa.

"Dimmi, cosa pensi di me?" Ho chiesto ai bicchieri di uno Chardonnay dal sapore molto fresco che ho insistito per ordinare per noi. "Mi piaci, sono incuriosito da te", ha detto. "Non sei affatto quello che mi aspettavo." "Sei una donna brillante e istruita. È qualcosa che immagini, che io sia il tuo amante?" Ho chiesto. Lì sono andato di nuovo. Non mi avrebbe dato le informazioni che cercavo. Ha appena detto: "Sì" e ha lasciato che si chiedesse se quell'amante fosse una possibilità. Non erano affari miei. "Questo era il mio intento", dissi. Il vino aveva finalmente abbassato la guardia. "È passato molto tempo," disse piano. La guardai negli occhi e le presi la mano dall'altra parte del tavolo.

"Come vorresti che passassi un po' di tempo con te?" Ho aspettato pazientemente la sua risposta. Più aspettavo, più tempo aveva per contemplare la sua risposta. Era tutto sbagliato e totalmente contro la sua etica personale e professionale, ma lui era un uomo anziano e attraente, intelligente, affascinante, e stava facendo un ottimo lavoro nel sedurmi.
"C'è un lussuoso B&B in fondo alla strada," dissi. "È il tipo di posto in cui ho sempre immaginato di portare una donna bella e intelligente per una fuga pomeridiana. Potremmo portare il resto del vino, ordinare il dolce da asporto e..." "Mi piacerebbe," intervenne lei. .

Ho sorriso, Catherine ha ridacchiato. A quel punto un pranzo di lavoro si era trasformato in un decadente appuntamento pomeridiano, qualcosa che era sempre stata una sua fantasia. Ho pagato il conto e siamo andati alla macchina mano nella mano. Eravamo adulti che infrangevano una serie di regole o, come ho detto prima, vivevano al limite. Lussuoso non era la parola giusta per questo posto in cui ci siamo registrati. La nostra camera era arredata con mobili d'antiquariato e biancheria da letto opulenta. Le tende che pendevano dalle alte finestre attutivano il sole di mezzogiorno e ci proteggevano dai peccati che stavamo per creare. Catherine si alzò e fissò con soggezione il fatto che non avesse nemmeno iniziato a pensare a come avrebbe iniziato questo appuntamento proibito in cui si era concessa di entrare.


Girai Catherine verso di me e le presi delicatamente il mento tra le mani in modo che mi guardasse. " Capisco che è passato molto tempo dall'ultima volta che sei stata con un uomo. So che non sei mai stata con un uomo più grande. Se non vuoi vedermi più dopo oggi, mi va bene. " La guardai serio. "Se decidi di continuare la nostra relazione come amici e non come amanti, anche a me va bene." Le lasciai andare il mento e la baciai ferocemente. "Sei bloccata con me, Catherine. L'unico modo per perdermi è se mi dici di andarmene dal cazzo." Catherine incontrò i miei occhi, riempiendosi di emozioni sconosciute. Lei sussultò mentre la baciavo, restituendolo e premendosi contro di me. "Buono a sapersi," mormorò, "ma che mi dici di tua moglie," disse sorridendo dolcemente.

"Sono contento di sentirlo, mia moglie è sicura della nostra relazione." mormorai mentre la riportavo giù per un altro caldo bacio, lasciando che la mia mano corresse sul suo corpo. "Non hai idea di quanto desiderassi questa intervista." sussurrò, le sue mani tremavano leggermente mentre le faceva scivolare sul mio petto. "All'inizio era solo curiosità, poi ho ottenuto il colloquio... e poi ho avuto modo di conoscerti." mormorò, le sue labbra di nuovo sul mio collo. Mi mordicchiò la pelle mentre le sue mani scivolavano sotto la mia maglietta, mormorando piano alla sensazione della mia pelle sotto le sue mani. "Promettimi che sarai gentile." sussurrò, la sua lingua guizzò fuori per assaggiare la mia pelle.

Ringhiai sommessamente al suo tocco, le mie mani scivolarono sotto la sua maglia. "Nessuna promessa di essere gentile." Le tolsi la camicia dalla testa e mi sporsi in avanti per seppellire il viso nella sua scollatura. Mi girai leggermente per morderle i seni abbastanza forte da lasciare l'impronta dei miei denti. Ha trascinato le unghie lungo il mio petto mentre seppellivo il viso contro la sua scollatura.
Non ha mai sperimentato qualcosa di quasi primordiale nella sua vita. Leggermente, le sue unghie mi graffiarono la nuca mentre mi guardava. Allungandomi, le sganciai il reggiseno liberandole i seni. "Cazzo, ti voglio così tanto, Catherine," feci le fusa contro la sua pelle. Le mie mani diventano più ruvide su di lei. Le sbottono i pantaloni e li tiro giù insieme alle mutandine. "Dio, sei fottutamente bella." mormorai mentre la guardavo.

"Sono tua da prendere, lentamente e con delicatezza." gemette. Lei inarcò la schiena, premendosi contro di me. Un lieve piagnucolio la lasciò mentre le mie mani diventano più ruvide, e lei si morde il labbro mentre mi alzo. Si toglie i pantaloni e mi sorride. "Sono contenta che tu la pensi così," disse dolcemente. Si avvicina a me, i suoi occhi lampeggiano di riluttanza e paura.
Ringhiai mentre le passavo le mani sulle gambe e poi intorno a prenderle il culo. Mi sporsi in avanti per morderle forte il collo. "Dimmi cosa vuoi, Catherine," mormorai. "Dimmi cosa vuoi che ti faccia questo pomeriggio..." Catherine sorrise leggermente, un leggero mormorio la lasciò quando la mordicchiai. "Non sono sicuro di voler continuare." Lei mormora. Le mordicchiai di nuovo il collo mentre ringhiavo alle sue parole. Torreggiando su di lei mentre uno sguardo da predatore entrava nei miei occhi. "Oh, sei mia, Catherine." Mi sono tolto la maglietta e ho portato le mani alla cintura. "Tu... a letto... adesso..." ringhiai mentre mi toglievo il resto dei miei vestiti prima di seguirla.

Sente l'umidità accumularsi tra le sue gambe al mio ringhio, lo sente ancora di più al mio sguardo. Il suo respiro si fermò e si morse il labbro, guardando mentre mi spogliavo. Ha fatto un passo indietro da me, volendo voltarsi e andarsene, poi ho ringhiato il mio ordine. "Per favore," sussurrò, dirigendosi verso il letto. Ho aspettato che salisse sul letto e l'ho inseguita, ricordando molto un leone. Strisciai sul letto e continuai a muovermi verso di lei finché non fu premuta contro la testiera. Ringhiando sommessamente le divaricai brutalmente le gambe e le spinsi dentro con forza. "Così fottutamente stretto," gemetti mentre impostavo un ritmo duro, non dando al suo corpo la possibilità di adattarsi alla mia taglia. "OMG..John..Per favore, sei troppo grande..tiralo fuori."

C'era un po' di paura nel suo sguardo mentre la appoggiavo contro la testiera del letto, e lei si morse il labbro mentre lottava per non farsi prendere dal panico. Un lieve sussulto la lasciò mentre toccava la testiera del letto, e gemette quando le divaricai le gambe. Le fu strappato un urlo, "OMG..John..
Stop..Stop..Per favore, sei troppo grande..non va bene "mentre la riempivo con una forte spinta, la sua schiena si inarcava dalla testiera. Mi avvolse le braccia intorno, tenendo le gambe divaricate per me mentre lei inizia a provare a muoversi con me, piange lasciandola ogni volta che mi spingo dentro di lei. "Oh Dio.. Mi stai facendo male.. Fermati.. Per favore.. Toglilo." Regolai leggermente l'angolazione dei suoi fianchi. sorrise alle sue grida mentre le sbattevo addosso.La sua rigidità mi stava impedendo di farlo
impalando il mio cazzo nel profondo di lei.

"Oh! Catherine, sei così stretto. Mio Dio, ssssoooo stretto!' Mi allontano completamente da lei.
Poi, con la testa che sfiora di nuovo le sue labbra, spingo i fianchi in avanti usando tutta la mia forza. Per un breve momento, le sue labbra resistono, e poi si aprono per permettere all'asta dura e spessa di entrare in lei, sbattendo attraverso il suo stretto canale vaginale e spingendosi dentro di tutti i 9 pollici alla seconda spinta. Una giovane donna non è fatta per essere stirata in questo modo, non sono rimasto sorpreso dal fatto che tutto il suo corpo sussultasse in risposta al dolore incandescente dello strumento spesso che tagliava la sua piccola figa giovane e stretta mentre emetteva uno strillo "OMG! OMG! AAAAAHHH!". Ha urlato "AAAAAHHH! TIRALO FUORI! AAAAAHHHH!" Tirandosi indietro di diversi centimetri, vedo molto sangue che copre il mio cazzo e gocciola sul letto. Poi guido di nuovo in avanti, sbattendo la testa contro la sua cervice. Mi tiro indietro e comincio a sbattere contro di lei con colpi lunghi e duri mentre lei urla pietosamente "OMG! AAAAAHHHH! AAAAAYYYY! AAAAHHHH!". La sensazione della sua figa stretta e impreparata che munge il mio cazzo mi fa venire i brividi di eccitazione mentre la sbatto inesorabilmente contro di lei.


"La mia Catherine," ringhiai. "Amo come mi prendi, amo sentirti urlare per me." Le mordo forte il labbro prima di reclamare la sua bocca mentre la mia natura animalesca inizia a venire più in superficie. "Tuo," sussurra, le sue unghie affondano nelle mie spalle, le sue gambe si agganciano ai miei fianchi. Sente che sta cadendo velocemente verso il bordo e geme "OOOH..OOOH" mentre le mordo il labbro, assaporando la minima traccia di sangue quando ci siamo baciati. Era dura quanto poteva esserlo con me, le sue unghie affondavano, graffiavano mentre i suoi fianchi dondolavano contro di me. Adora il modo in cui l'ho presa, ama i segni che le ho lasciato. Non passò molto tempo prima che urlasse di nuovo "OMG..AAAAH..AAAAH...AAAAH..AAAAH", il suo rilascio la investì facendo stringere i suoi muscoli su di me.

Ringhiando di soddisfazione mentre gridava la sua liberazione, aumento il ritmo. Stacco la mia bocca dalla sua e comincio a baciarle e mordicchiarle il collo. "Parlami Catherine... dimmi come ci si sente," la sollecito proprio prima di mordere dove il suo collo incontra la sua spalla, scuotendo un po' la testa mentre lo faccio. La sua mano scivolò dietro la mia testa, premendomi più vicino a lei. "Adoro il modo in cui mi fotti, John," gemette Catherine. "Non sono mai stata fottuta così violentemente e duramente. Nessuno mi ha allungato e riempito come fai tu," mormorò. "Adoro indossare i tuoi segni..." gridò di nuovo quando colpii un punto sensibile, le sue unghie affondarono di nuovo nella mia spalla.

Le ho rosicchiato il collo fino a romperle la pelle. Le sue parole mi fecero sfuggire un altro ringhio. Alzai la testa per guardarla. "Oggi pomeriggio ti fotterò in ogni modo, Catherine. Rivendicherò ogni centimetro di te, compreso quel tuo splendido culo." Mi sono fermato bruscamente per ritirarmi lentamente da lei. Ho allungato la mano per mettere un cuscino tra la sua testa e la testiera. "Quando avrò finito con te, non sarai più in grado di camminare o sederti." Ringhiai di nuovo mentre sbattevo contro di lei con forza sufficiente per farla avanzare. Mi ritirai di nuovo solo per ripetere il processo ancora e ancora, ogni spinta diventava sempre più dura e profonda.

Geme "aaaah..aaah..aaaah..mmmmmm," i suoi occhi lampeggiano di lussuria e altre emozioni alle mie parole. Quando mi sono fermato e mi sono ritirato, ha gridato. "No....Non più per favore," implorò. Un sospiro la lasciò mentre cercavo il cuscino, e un lampo di eccitazione la attraversò. Lei urla di gioia "OOOH..OOOH..YES" mentre la sbattevo contro, facendola sbattere contro la testiera. Afferrò le lenzuola sotto di lei, la testa gettata all'indietro per il piacere mentre spingevo rapidamente verso un rilascio. Non c'era niente di dolce o gentile nel modo in cui l'ho presa. Le mie spinte erano brutalmente dure e ruvide, le mie dita le graffiavano la carne dove le afferravo i fianchi. L'ho guardata, i miei occhi selvaggi e il sorriso che le ho fatto era come uno che farebbe la sua preda. "Urla, Catherine. Urla per me..." ordinai, ogni parola accentuata da un forte affondo. " Ora!"

Le sue mani erano sulle mie braccia, le dita che affondavano più forte a ogni spinta. Poteva solo prendere quello che le stavo dando, non avendo davvero scelta. Grida ad ogni spinta AAAAAHHHH! AAAAHHHH! OOOOOHHH! PER FAVORE FERMATI! Pleeesssse Sttttttoooopppp! ", e lo sguardo che le stavo dando ha risvegliato qualcosa in lei. I suoi occhi si sono scuriti ancora di più, e su mia richiesta, ha urlato il mio nome" JOHN..OH DIO..JOHN..No More," le sue unghie affondarono e trafiggendo la pelle mentre l'orgasmo la attraversava, il suo corpo tremava e sussultava per l'intensità.

"Questa è la mia Catherine," dissi mentre i suoi muscoli si contraevano intorno a me. Ringhiai non ancora pronto a cedere al mio orgasmo e dopo averla riportata giù mi ritirai completamente. Mi sono alzato e l'ho spostata in modo che il suo culo fosse sul bordo del letto. "Tieni le gambe il più possibile divaricate," chiesi mentre affondavo di nuovo in lei con un ringhio. Feci scivolare le mani sul suo busto fino al collo dove la strinsi dolcemente, osservandola attentamente.

Le grida di Catherine svanirono in lievi gemiti e piagnucolii mentre la riportavo giù, e le sue mani scivolarono verso l'alto, le braccia si avvolsero attorno al mio collo. Lei ansima mentre mi ritiro, sentendosi improvvisamente molto vuota. Si morde il labbro, facendo come le è stato detto e gemendo di piacere mentre la riempio di nuovo. Mi guarda mentre sente le mie mani sul suo collo, un altro lieve rantolo che la lascia mentre la stringo dolcemente. I suoi occhi si incupirono di nuovo, ma non sussultò, fidandosi completamente di me. Facendo scorrere i pollici lungo la parte anteriore della sua gola, sorrisi compiaciuta allo sguardo nei suoi occhi e al modo in cui si incupirono. "Come quella Caterina?" sussurro mentre stringo un po' più forte prima di rilasciare. "Adoro il modo in cui mi permetti di farti qualsiasi cosa," la spinsi forte di nuovo dentro di lei.

Gemette alla mia spinta, le sue mani scivolarono di nuovo sulle mie braccia. "Mi fido di te," sussurra, gridando mentre la sbatto contro ancora e ancora. "Brava ragazza," ringhio mentre le mie spinte iniziano a diventare più veloci e violente. "Adoro come mi permetti di scoparti." Spingo più in profondità che posso dentro di lei. Sapevo che non sarei stato in grado di resistere ancora a lungo al ritmo a cui stavo andando. «Vieni di nuovo per me, Catherine» sussurro. Stava diventando sempre più difficile tenere le gambe divaricate per me, e si sentiva ricominciare a scivolare. "John..." sussurra, le sue parole si interrompono. Si morde il labbro, le sue unghie mordono la mia pelle mentre il suo respiro è accelerato. Le sue unghie affondarono più forte mentre l'orgasmo la colpiva forte e veloce, le sue gambe si avvolsero intorno alla mia vita mentre il suo corpo sussultava contro di me. Invece di urlare, ansima mentre il piacere la percorre.

Mi spingo selvaggiamente dentro di lei, do un'ultima spinta brutalmente dura e le verso dentro il mio sperma. Crollo su di lei. "Ti rendi conto che sei nei guai per non tenere le gambe divaricate, vero bambina?" Feci le fusa dolcemente con un sorrisetto. Catherine ha urlato "OMG..John" quando il mio rilascio ha innescato un altro dei suoi, e le sue gambe si sono strette intorno a me. Ancora una volta, lei piagnucolò mentre mi ritiravo, solo per sorridere dolcemente mentre si rannicchiava contro di me. Fa le fusa dolcemente, guardandomi. "Non ho potuto farne a meno," mormorò dolcemente, sporgendosi per premere un bacio sulla mia mascella. "D'altra parte, non posso dire di temere guai da parte tua," ridacchiò piano.

Inarcai un sopracciglio mentre lo sguardo predatore tornava nei miei occhi. "Oh davvero adesso?" Prima che Catherine potesse reagire, l'ho fatta girare su mani e ginocchia. L'ho tirata verso il bordo del letto, ancora sulle mani e sulle ginocchia e mi sono messa dietro di lei. Lentamente mi sono adagiato dentro di lei con un gemito. "uuuuh..uuuuh." L'ho afferrata per i fianchi e ho iniziato a spingere leggermente dentro di lei, sapendo che il ritmo lento l'avrebbe solo tormentata. Il suo corpo stava tremando quando l'ho tirata verso il bordo del letto, e un gemito "aaaah..aaaah..mmmm" le è sfuggito quando mi sono adagiato su di lei. Mi spinse indietro, amando la sensazione delle mie mani su di lei. Si morde il labbro mentre lotta per mantenere il ritmo che ho impostato, desiderando che io spinga più forte dentro di lei. Lei mi guarda, i suoi occhi sono scuri e pieni di emozione.

Lo sguardo che mi lancia è stata la mia rovina. Sostenni i suoi occhi mentre iniziavo a sbattere più forte contro di lei, le mie dita sui suoi fianchi che scavavano di più. "Dio, ti senti così fottutamente bene, Catherine." gemo. Questo semplice errore di donna si era fatto strada oltre le mie difese e ora sapevo che non avrei mai potuto rinunciare a lei. Catherine gridò di piacere " AAAAH..AAAAH..OO
OOH..OOOOH "mentre mi spingo più forte dentro di lei, il desiderio e il calore divampano dentro di lei." Potevo.

Mi allungai in avanti e le strinsi i capelli. Usando la mia presa sui suoi capelli, la tirai indietro su di me mentre la spingevo più forte. Ho adorato il modo in cui ha preso tutto ciò che le ho dato e ne voleva ancora di più. Ho adorato il modo in cui non ho dovuto trattenermi con lei. Ho ringhiato il suo nome "Catherine"
man mano che diventavo più animalesco, più primordiale nel prenderla e si vedeva nelle mie spinte ruvide, dure e selvagge. Lei sussultò contro di me quando la tirai indietro per i capelli, accrescendo il suo desiderio. Le sue grida crescevano in frequenza e volume ogni volta che mi spingevo dentro di lei sempre più forte. "OH DIO..OOOOH..OOOOH..AAAAH..AAAAH..AAAAH." ringhiai il suo nome,
"Catherine" un brivido l'attraversò facendo stringere i suoi muscoli su di me mentre la spingevo di nuovo verso l'orlo dell'orgasmo. "Cazzo, John...." geme, la voce rauca per le grida. Afferra le lenzuola più forte, il suo corpo sull'orlo dell'orgasmo. Non mi sono arreso mentre i suoi orgasmi colpivano. " OMG..AAAAH..AAAAH..YYYEEESSS..AAAAH..AAAH "
Ero perso nella sua sensazione in quel momento. Ho tirato fuori abbastanza a lungo da immergere le mie dita dentro di lei, ricoprendole con il suo miele. Poi ho sbattuto contro di lei mentre inizio a infilarle un dito nel culo. "Oh sì, Catherine, sto rivendicando tutti voi," ho fatto le fusa.

Catherine piagnucolò mentre mi ritiravo solo per gemere mentre le mie dita si tuffavano dentro di lei. "ooh..
oooh..mmmmm." Gemette piano solo per urlare quando sbattei contro di lei.
"OMG..JOHN..OOOOH." Le parole erano al di là di lei mentre infilavo tre dita nel suo culo stretto, e lei poteva solo rilassarsi contro di me, persa in tutto ciò che le stavo facendo. Facendo le fusa di soddisfazione mentre la sento rilassarsi, ho inserito lentamente le dita dentro di lei e infine tre dita. Sapevo che dovevo allungarla se voleva essere in grado di gestirmi a causa della mia taglia. Mentre mi spingevo dentro di lei, ritiravo le dita solo per rimetterle dentro mentre mi tiravo indietro. Continuavo a muovere le dita, cercando di mantenere la pazienza.

"Vieni per me, Catherine," chiesi mentre le mie dita diventavano più ruvide, allargandole per allungarla ulteriormente. Ho spinto più forte in lei. "Vieni per me e poi pregami di fotterti il ​​culo." Lei piagnucolò quando mi sentì stiracchiarla di più. Quando mi sono spinto più forte dentro di lei, è stato abbastanza per farla precipitare oltre il limite, il mio nome l'ha lasciata urlare. Lei sbatte contro di me, spingendo le mie dita più a fondo, e si perde in un'ondata di piacere. "Per favore, John... per favore fottimi il culo. Voglio che tu rivendichi tutto di me. Per favore, piccola... ho bisogno di te," implora.

"Adoro il suono di te che mi implori," ringhiai mentre mi allontanavo completamente da lei. Ho premuto il mio cazzo contro il suo bocciolo di rosa e lentamente ho iniziato a lavorarci dentro. Anche con tutto lo stretching che avevo fatto prima era lento perché non volevo farle del male. "Cazzo," gemetti, "...così fottutamente stretto..." Lei piagnucola e geme dolcemente "aaah..aaah..oooh..oo
oh," e lotta per restare ferma, sapendo che stavo andando piano per un motivo. Un altro brivido l'ha percorsa, e geme ancora, " ooooh..ooooh..aaaah..aaaah," girando la testa di lato. "Dio... ti senti così bene," sussurrò, mordendosi il labbro mentre si dondolava lentamente su di me.

Alla fine mi ritrovai completamente inguainato in lei e gemetti sommessamente. "Questa è la mia Catherine, mi prende tutto così." Sapevo che probabilmente era tesa quanto poteva essere in quel momento. Quando si dondolò contro di me, gemetti "UUUG..UUUG" e cominciai a farlo
spingere lentamente dentro e fuori. "Sei mia, Catherine.." Ringhiai, "Non dimenticarlo mai."
Rimase senza fiato quando le tirai i capelli, inclinandole la testa all'indietro, un brivido di desiderio e piacere la attraversò. "Solo tuo" sussurrò, mentre mi spingevo dentro e fuori da lei.

Le diedi un altro forte strattone ai capelli. "Nessun uomo può fotterti come faccio io, riempirti come posso io, soddisfare quegli impulsi come farò io," ringhiai. Sento il suo corpo rilassarsi di più e spingo leggermente più forte. "Parlami Catherine, voglio sentire come ci si sente..." Il mio ritmo aumenta leggermente mentre comincio a perdermi nella sua sensazione, nel modo in cui si sente e nei suoni che stava emettendo per me. Stavo tenendo a bada l'animale in me con la pura forza di volontà, volendo assicurarmi che fosse completamente pronta per quando l'avrei scatenato su di lei. Gli occhi di Catherine si chiusero per il piacere mentre le tiravo di nuovo forte i capelli. Si dondolò contro di me, le emozioni scorrevano attraverso di lei. "Non c'è nessuno tranne te," gemette, trovando difficile parlare mentre aumentavo il ritmo. "Nessuno mi fa quello che fai tu." Un altro gemito le esce dalle labbra. "OOH..AAH."
"Amo il modo in cui mi fotti, il modo in cui mi usi per il tuo piacere. Amo il fatto che tu non ti trattenga e mi spingi oltre i miei limiti...Adoro...." Grida come un fulmine di piacere si riversa in lei. "Cazzo....nessuno ottiene dal mio corpo le risposte che fai tu..."

Gemo piano, "Questo perché nessuno capisce i tuoi oscuri impulsi come me, Catherine... nessuno tranne me può darti il ​​cazzo come desidera il tuo corpo." Sento il suo corpo rilassarsi di più e ringhio "Grrr..Grrr" mentre mi ritraggo solo per immergermi di nuovo in lei, non così forte come avrei voluto ma più forte di prima. Ho allungato la mano e le ho rastrellato le unghie lungo tutta la schiena e il culo. "Dio, il tuo culo è così fottutamente bello, Catherine," gemo mentre le spinte diventano più dure. "Nessuno lo farà mai," geme piano. Un grido è stato strappato da lei mentre mi spingo forte dentro di lei, e lei geme di nuovo alla sensazione delle mie unghie che le trascinano la pelle. Si dondola contro di me, incontrando ogni mia spinta. Il suo corpo si irrigidisce mentre spingo più forte dentro di lei, e lei geme sommessamente, i suoi capezzoli sensibili si sfregano costantemente contro le lenzuola. Riesce a sentirsi avvicinarsi al limite, quasi sopraffatta dalle sensazioni.

"Lasciami andare Catherine," sussurrai, serrando la mascella. Il mio controllo era quasi al limite e il modo in cui continuava a muoversi contro di me mi rendeva più difficile mantenere il controllo. Mi sono ritirato quasi del tutto solo per spingermi di nuovo dentro di lei duro e ruvido, volendo farla urlare di nuovo. Mentre si dondolava contro di me, colpendomi proprio tra i suoi movimenti e le sue urla, il mio controllo alla fine si spezzò. L'animale in me è venuto ruggendo in prima linea e con un grande ringhio "GGGRRR..GGGRRR", l'ho afferrata per i fianchi e l'ho tirata indietro sul mio cazzo così sono stato sepolto più in profondità che potevo entrare in lei. "Cazzo," ringhiai mentre la tiravo su per i capelli in modo che fosse in ginocchio. Il modo in cui continuavo a prenderla era primordiale, le mie mani ruvide sulle sue tette, i miei denti che affondavano nella sua nuca. Non riusciva davvero a muoversi molto mentre mi spingevo selvaggiamente dentro di lei.

Lei urla "OMG..JOHN..OOOH..OH DIO..FA MALE..PER FAVORE JOHN", mentre la sbattevo contro di lei con forza, spingendola in avanti. Si dondolò contro di me, piangendo mentre si avvicinava. "Oh, Dio," gridò, piagnucolando mentre la tiravo su per i capelli. Le sue braccia mi avvolsero il collo, tenendola contro di me mentre diventavo ancora più rude con lei. Quando i suoi orgasmi colpiscono, urla di nuovo "OMG..JOHN..JOHN..OH DIO", il mio nome cade dalle sue labbra mentre sente che la reclamo ancora e ancora. Ho quasi ruggito quando sento i suoi orgasmi e mi spinge completamente oltre il limite. L'ho tirata fuori e l'ho spinta bruscamente indietro sul letto prima di tutto. Allargandole brutalmente le gambe, mi sbattei contro il suo culo stretto, inchiodandola al letto con il mio peso. Avvolgendo i suoi capelli intorno al mio pugno, le tiro indietro la testa per guardarla negli occhi. "Il mio," ringhiai schiacciando le sue labbra con le mie. Il bacio pieno di denti e lingua, il sapore metallico del sangue mescolato mentre i miei denti le tagliavano il labbro. Dopo un'ultima feroce spinta, ho urlato "YYYES..YYYES..Catherine", mentre eruttavo come un vulcano inviandole getti di sperma.

Catherine grida mentre cade sul letto, gemendo mentre le sbatto contro. Era distesa sul letto, e un altro grido la lascia "OH DIO..JOHN..NON PIU'..PER FAVORE," quando la tiro indietro per i capelli. Lo sguardo nei miei occhi ha risvegliato qualcosa dentro di lei, e al mio ringhio, un brivido la percorre. Lei ricambia il mio bacio, gemendo al sapore del sangue mescolato. Viene di nuovo, il suo pianto si perde nel mio bacio prima che la mia liberazione colpisca di nuovo. Crolla di nuovo sul letto, il respiro pesante mentre ci riportiamo giù. Sono stato molto gentile mentre mi allontanavo da lei e rotolavo via da lei. Ansimavo e il mio corpo era coperto di sudore. Mai prima d'ora mi ero lasciato andare così completamente. L'ho presa tra le mie braccia e l'ho baciata sulla fronte. "Sei incredibile, Catherine," sussurrai mentre la guardavo, l'emozione che brillava nei miei occhi.

Mi fa un debole sorriso mentre si rannicchia contro di me, la sua mano si arriccia contro il mio petto. "Se lo dici tu," ridacchiò dolcemente, guardandomi con amore che brillava nei suoi occhi. Her voice was hoarse and her throat was raw, she was happier than she could ever remember. " I hope I didn't truly hurt you," I whispered. I got up, giving her a sweet kiss. " I'll be right back." I walked to the bathroom and turned on the shower. Once the water was hot enough to my liking, I came back to pick her up into my arms. I stepped into the shower with her and chuckled. " Better than the first time we were in the shower together, hmmm?"

" Do you want me to stop?" I whispered with a chuckle, already knowing the answer. I continued to circle it before finally rubbing it directly. " I do love to watch you fall..."
" Please stop..John..I'm sore." she begged, pressing herself against me. She kept her gaze locked on me as I continued to tease her, causing soft moans to escape her.
" oooh..oooh..oooh..mmmmmmm." She pulled me down again for a hungry kiss, crying out
" OMG..OOOH..OOOH..AAAH..AAAH..AAAH," as I pressed against her pearl, pushing her even closer.

It didn't take much longer for her orgasm to rush through her, causing her to scream out my name. " OH GOD..JOHN..OOOH..JOHN." Once we were done cleaning up in the shower, I carried her back to the bed and she hummed softly, slipping her arms around me. She pressed soft kisses along my jaw, smiling when I laid her down.

Storie simili

Diventare Zoe

La mia futura moglie Annie aveva accettato un lavoro fuori città e la vedevo solo ogni due settimane circa. Mi mancava così tanto. Lei ed io eravamo diventati amanti a distanza. Aveva un volo di ritorno a casa venerdì sera. Stavo andando a prendere suo figlio Zakk dal suo dormitorio e noi due saremmo andati a prenderla all'aeroporto e ci saremmo goduti il ​​fine settimana insieme. Zakk è al suo primo anno di college e sta studiando per diventare un truccatore per il teatro e lo schermo. Lui e io non ci siamo davvero conosciuti e questo doveva essere il fine...

1.1K I più visti

Likes 0

Tempo in gioventù_(0)

Sono entrato nella chiesa dove ogni giovedì si tiene il gruppo giovanile a cui vado. Di solito arrivo lì un'ora o due prima per dare una mano. La mia amica Anah mi ha sorpreso abbracciandomi forte mentre entravo. Anah, cosa fai qui così presto? chiesi ricambiando l'abbraccio. Beh, di solito arrivi qui prima di chiunque altro, e io non avevo niente da fare, quindi ho pensato di venire e uscire insieme. Non passiamo abbastanza tempo l'uno con l'altro, disse alzando lo sguardo alla mia con grandi e teneri occhi azzurri che erano complimentati sia dai suoi lunghi capelli biondi che dal...

377 I più visti

Likes 0

DONNE ANZIANE_(1)

Storia di Fbailey numero 219 Donne anziane Quando ho compiuto sedici anni mia madre era impegnata con me. Papà non c'era mai e quando c'era, non c'era ancora. Era il tuo venditore ambulante preverbale. Era un donnaiolo, un ubriacone e una misera scusa per un essere umano. Ha fornito un tetto sopra le nostre teste, ma questo è tutto. La mamma lavorava per pagare il cibo che mangiavamo e i vestiti che avevamo addosso. Ho avviato la mia attività di giardinaggio quella primavera. Ho distribuito volantini in un bel quartiere appena fuori città e ho trovato subito un paio di lavori...

1K I più visti

Likes 2

Non c'era altro modo Pt. II

Perché, pensavo volessi scoparti mia moglie? L'uomo con la pistola ha risposto: Lo faremo, e tu puoi succhiarmi il cazzo mentre quei due fanno a modo loro, altrimenti Tom! Faresti meglio a fare come dico ventosa! Ho guardato mio marito incredulo per quello che stavo sentendo, un uomo che gli diceva di succhiargli il cazzo ma poi c'era di nuovo coinvolta una pistola. Le mani che mi stavano afferrando il culo e spingendo il loro cazzo dentro di me fino in fondo e poi macinando hanno iniziato a tirarsi fuori. Stava guardando l'uomo armato e l'ho sentito dire: Ecco, lascia che...

737 I più visti

Likes 0

OOPS 3

OOPS 3 Durante la cena con mio marito Nathan e suo figlio Nate ho ripreso l'argomento di cui avevo parlato con le mie amiche a partire dalla nostra promessa reciproca. Ora ci siamo promessi la totale verità l'un l'altro dissi Prendendo un caffè oggi, Natalie ha detto di aver sorpreso suo figlio e 3 dei suoi amici a masturbarsi nelle sue mutandine e pensa che tutti i ragazzi lo facciano Quindi Nathan, l'hai fatto come un ragazzo? Strewth, è un po' imbarazzante chiederlo? disse Nathan Ho guardato Nate con aria interrogativa perché sapevo che aveva annusato il mio ma non ero...

657 I più visti

Likes 0

Perché le cose succedono sempre a me

Perché le cose mi succedono sempre Prima di iniziare mi rendo conto che non ci sono molti uomini che vanno in giro con un cazzo da 12 pollici. E quindi l'ho soprannominata una fantasia e una farsa. Basta già detto alla storia. Mi chiamo Samuel Longfellow, sono il proprietario di una delle più grandi società di sicurezza dello stato. È così che guadagno i miei soldi (sette cifre all'anno) La mia passione è la ricerca sulla fauna selvatica e ho una borsa di studio presso il college locale. Faccio le mie ricerche nella mia fattoria di 680 acri. Ora la mia...

2K I più visti

Likes 0

Perdo la verginità(8)

L'ho incontrata su un sito di chat su Internet. Vivevamo a 800 km di distanza, quindi non ho avuto problemi a flirtare come un matto. Mi ha detto che è alta 1,5 m, lunghi capelli biondi e occhi azzurri con un corpo sexy. Beh ovviamente l'ho presa in giro e le ho detto che se non mi manda una foto non le crederò, mi ha chiesto se le foto di lei sarebbero state solo per i miei occhi ed essendo il ragazzo che sono le ho dato la mia parola, aspettandomi una foto molto cattiva. Quello che ho ottenuto è stata...

1.8K I più visti

Likes 0

La banda pt1_(0)

La Banda. pt 1 Questa è la mia prima storia in assoluto, quindi per favore sii gentile nei tuoi commenti. Sono ben accette critiche costruttive. Sono Sarah, ho 26 anni e lavoro in una banca come consulente per piccole imprese. Ho lunghi capelli castani, sono 5'7 taglia 10 con seni piccoli ma impertinenti 32B. Vado in palestra almeno 3 volte a settimana quindi sono in buona forma e sono single da un paio d'anni, anche se mi sono divertito. Comunque ti racconto la mia esperienza con una gang di East Leeds. Era un venerdì e la mia migliore amica Vicky era...

926 I più visti

Likes 0

LA FAMIGLIA DI KRISTI 4_(1)

CAPITOLO QUARTO Quando arrivarono nella sua camera da letto, Roger entrò per primo. Notò per la prima volta che Bob era seduto nella sua poltrona reclinabile, apparentemente a riposo. Guardando il letto, vide che Erin era inginocchiata sul letto e si aggrappava alle sbarre della testiera. Guardando più da vicino, si rese conto che non aveva scelta. I suoi polsi erano legati alla testiera, costringendola a inginocchiarsi, le sue tette penzolanti dal suo petto che gravitavano sul lenzuolo sotto di lei. Tieni quelle gambe aperte puttana! Mi piace guardare il tuo bel culetto. Saremo pronti per il secondo round tra un...

943 I più visti

Likes 1

All'improvviso, tabù

All'improvviso, tabù Se sei un ragazzo abbastanza bello con una personalità gradevole, bravo a chiacchierare con le donne e a muoverti molto, trovandoti nei posti giusti al momento giusto avrai i tuoi momenti di sesso quando meno te lo aspetti; questo è previsto. Ma quando all'improvviso, all'improvviso, senza alcuna indicazione, senza alcuna preparazione, senza alcuna preparazione da parte tua, ti viene servita una figa di prima qualità, e quella figa appartiene alla tua bellissima madre; allora sei un figlio di puttana fortunato. Sono un figlio di puttana fortunato! Una parente di mia madre ci ha inviato un invito al suo matrimonio...

771 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.