UN COMPLEANNO DA RICORDARE_(2)

919Report
UN COMPLEANNO DA RICORDARE_(2)

È iniziato come qualsiasi altro giorno, immagino, se ci penso davvero. Non sarebbe finita così però. Era il mio 23esimo compleanno. Sono stata una puttana schiava a tempo pieno per il mio padrone per quasi quattro anni. Era stato un bel viaggio, e ora che eravamo sposati, garantiva che il viaggio sarebbe continuato, o almeno la stessa garanzia che puoi ottenere nella società felice del divorzio di oggi. Sono nata una troia cattiva e ho imparato presto che adoro essere usata come un fottuto giocattolo senza voce in capitolo.

Mi ha mostrato profondità di depravazione che non avrei mai pensato di poter raggiungere. Uomini e donne mi hanno scopato e io li ho scopati volentieri, in gruppo e individualmente.

Mi ha chiesto di stare in piedi e di essere usato come una cagna di cane e sebbene fosse spiacevole come un pensiero non sperimentato, l'ho adorato come un evento realizzato, fin dalla prima cavalcatura. Adesso i vari cani che vivono nel nostro piccolo allevamento in campagna mi portano regolarmente, singolarmente e in branco. Indosso abiti da sole o abiti da bollitore come li chiamo io. Questo si adatta al nostro stile di vita di campagna e funziona anche per il Maestro, poiché richiede vestiti con gonne ampie e senza mutandine sotto in modo da potermi portare senza preamboli di togliersi i vestiti. Sono anche pronto ad andare in città e adattarmi se necessario.

Dopo aver scopato i cani la prima volta. Il Maestro ha detto che anche loro erano i miei Maestri e che devo dedicarmi a loro ogni volta che mostrano interesse ed è discreto farlo.

I cani sembrano saperlo, perché ogni volta che mi avventuro all'aperto, uno di loro, e di solito tutti loro vengono di corsa se non sono in canile, e almeno uno di loro si annusa sotto la mia gonna per annusare la mia fica e vedere se Sono allevabile. Poiché questo sta esprimendo un interesse, mi metto diligentemente a quattro zampe, mi butto la gonna sulla schiena e prendo la mia cavalcatura. Poi, nell'ordine di spionaggio del branco, mi fotteranno tutti. Uno dopo l'altro, il prossimo in fila che prende posizione nella mia fica o nel mio culo, a seconda di cosa trovano quando mi montano, e quello che ha appena finito di scoparmi si sposta sulla mia testa per succhiarmi. Sembrano sapere che devo succhiare per pulire il cazzo che mi fotte. Ci sono momenti in cui penso che sia il pompino che stanno cercando. Questo è dopotutto qualcosa che faccio per loro che nessuna cagna cagnolino farebbe.

Ho persino una Padrona che è sottomessa al Maestro, ma Dominante per me. È una vera stronza, anche se non dirle che l'ho detto. La donna può essere così violenta con le altre donne, più di quanto potrebbe fare qualsiasi uomo. Mi fa sentire così deliziosamente inutile quando mi usa e mi umilia. La sua umiliazione nei miei confronti è completa e totale quando sono tra le sue gambe a leccarle la figa o il culo. Mi sento così inutile e così umiliato quando mi sta addestrando. Il mio Maestro non mi porta mai a questo estremo, almeno non fino ad oggi.

Quella mattina mi sono svegliata di buon umore, perché era il mio compleanno ed ero al collare del mio Maestro.

Indosso lenti a contatto con lenti morbide. odio gli occhiali. Questa particolare mattina mentre stavo pulendo una delle mie lenti prima di metterla, si strappa. È sabato, quindi dovrò portare gli occhiali fino a lunedì, quando riaprirà la farmacia nella nostra città di Podunk.

È il mio compleanno e abbiamo in programma una festa per quella sera. Stanno arrivando sei coppie di nostri amici e probabilmente mi useranno come troia e puttana per diverse ore. La notte perfetta per la troia del compleanno, intendo ragazza. Ora sarà rovinato perché devo portare gli occhiali. Ero arrabbiato.

Sono andato in cucina e il Maestro era seduto al tavolo a bere il caffè.

"Buon compleanno mysti. Come sta la mia piccola kajira?"

Ho risposto affermativamente, ma c'era atteggiamento nella mia voce. Sapevo di aver fatto una cazzata nel momento in cui ho smesso di parlare. Il Maestro mi aveva messo in guardia dal mio "tono piscio", come lo chiamava. Dirlo era nel migliore dei casi irrispettoso e non serviva a nulla nell'ampio schema delle cose.

In seguito non ha affrontato la mia osservazione e questo è stato ciò che mi ha detto che avevo fatto una cazzata. Normalmente avrebbe una battuta o parole di consiglio o rassicurazione di qualche tipo se ero giù o avevo qualcosa di preoccupante per me nella mia mente. Ma stamattina si è appena alzato, è andato al bancone e ha messo la tazza nel lavandino. Poi si diresse verso l'alcova sulla porta sul retro, dove sono appesi cappotti e così via.

"kajira, qui, subito!"

Parlò duramente con un tono che sfidava il rifiuto. Balzai in piedi da dove ero seduto bevendo succo d'arancia e mangiando un muffin inglese tostato con crema di formaggio, e quasi corsi dove si trovava lui.

"Sì maestro."

Tirò fuori dall'attaccapanni un collare e un guinzaglio per cani e me li mise intorno al collo.

"Togliti la vestaglia, sgualdrina."

La mia veste atterrò in un mucchio sul pavimento dove mi trovavo pochi secondi dopo. Rimasi nudo davanti a lui. Dormivo nudo e fino a quando non facevo la doccia di solito indossavo solo la vestaglia per casa.

Il Maestro agganciò il guinzaglio all'anello di piombo sul collare e si voltò per aprire la porta.

Mi condusse nel cortile sul retro dove un'enorme quercia si ergeva come un bastione la cui ombra offriva tregua contro il caldo estivo. Lungo la strada si fermò al capanno degli attrezzi e tirò fuori un altro collare, un pezzo di catena e tre lucchetti di varie dimensioni.

Raggiunto l'albero, fece scorrere la lunghezza della catena attorno alla base e la chiuse con il lucchetto più grande. Poi mi ha messo il collare intorno al collo e l'ha chiuso con il lucchetto più piccolo. L'estremità della catena che girava intorno all'albero veniva poi fissata con un lucchetto all'anello di piombo del collare con il terzo lucchetto.

"Sulle mani e sulle ginocchia troia." mi ha comandato. Ubbidiente andai a quattro zampe nell'erba ombreggiata sotto l'albero.

«Ti avevo avvertito del tuo tono incazzato con me, eppure insisti. Se hai intenzione di comportarti come una puttana, ti tratterò come tale. Devi stare sulle mani e sulle ginocchia e mangerai come un cane da una padella senza l'aiuto delle mani fino a quando non dirò diversamente.

"Ma Maestro, è il mio compleanno." protestai debolmente.

La sua mano atterrò rapidamente e con uno schiaffo sonoro e sonoro sul mio sedere nudo.

“I cani cagna non possono parlare, si limitano a piagnucolare o abbaiare. La tua serata di compleanno per oggi è annullata, hai bisogno di disciplina.

Detto questo si voltò e tornò a casa. Ero già nei guai, quindi non ho osato alzarmi da terra. Non potevo comunque liberarmi dall'albero.

Dopo un po' il Maestro ha portato il resto del mio muffin inglese e crema di formaggio in un piatto per cani in acciaio inossidabile, la mia GU in un altro e un po' d'acqua in un terzo. Non ha parlato. Li ha appena posati, mi ha graffiato la testa come se fossi davvero un cane ed è tornato in casa.

A metà pomeriggio, mi ha portato un piatto con dentro del pranzo. Era zuppa di manzo vegetale, quindi ho dovuto leccarla con la lingua. È stato lento, ma alla fine ho leccato la ciotola per pulirla. Ho cercato il mio Maestro mentre finivo di leccare l'ultima zuppa dalla scodella, sperando che avesse guardato, fosse contento e avrebbe posto fine a questa punizione. A parte il suo "riduttore di erezione" mattutino prima che mi alzassi, non ero stato fottuto per niente e mi stavo arrapando. Il Maestro di solito mi aveva scopato o mi aveva fatto scopare almeno quattro volte a quest'ora del giorno.

Il Padrone stava guardando, ma aveva anche Bill Caldwell, l'amico del Padrone del negozio di mangimi in città, dove comprava il cibo per i cani. Non so da quanto tempo fosse rimasto in veranda sul retro con il Maestro, ma entrambi stavano bevendo una birra e, a giudicare dalla quantità di inclinazione necessaria alla lattina mentre bevevano, erano rimasti lì a bere per un po'. Sono stato subito umiliato.

Eccomi qui, nudo, incatenato nel cortile e mangiando come un cane da una ciotola. Sentii le mie guance infiammarsi di un rosso barbabietola e poi presi il terrore quando Master e Bill uscirono dal portico e si avviarono verso di me attraverso il cortile. Il Maestro si è avvicinato e mi ha grattato la testa come un cagnolino e ha parlato.

“Bill, questa è la mia ultima cagna. Non è di razza, quindi non partorirà cucciolate per me. È rigorosamente per il piacere degli animali domestici, ma ha una vena stronza che dovrò allenare da lei.

Bill non era un allevatore di cani professionista come Master, ma parlava come se sapesse cosa stava dicendo.

“Ho sentito che puoi usare dosi limitate di umiliazione piuttosto che punizioni corporali per raggiungere lo stesso scopo. La gente dei diritti degli animali pensa che sia una grande idea, dal momento che non devi infliggere dolore all'animale.

"L'ho sentito, come funziona, lo sai?" chiese il Maestro, continuando l'atto che i due stavano recitando.

"Qualcosa del genere ho sentito." si offrì Bill, mentre si slacciava i pantaloni e iniziava a tirare fuori il suo cazzo flaccido. Il primo getto di urina mi colpì in pieno fronte.

Abbassai la testa, sentendomi umiliato e disgustato. La sua urina è continuata nei miei capelli e lungo la mia schiena finché, dopo quella che è sembrata un'eternità, deve aver svuotato la vescica, perché il suo flusso si è fermato. Mentre accadeva, non mi sono mai sentito così umiliato in tutta la mia vita.

Qui ero un'attraente 23enne una vera bomba a detta di tutti, il giorno del mio compleanno, incatenata a un albero, nuda, costretta a comportarmi come un cane, e incazzata da un uomo che era poco più che un estraneo per me. Nello stesso momento in cui mi sentivo completamente disgustato e umiliato, ho sentito un'eccitazione iniziare nella mia fica.

I muscoli interni della mia fica iniziarono a incresparsi e i succhi iniziarono a scorrere, al punto che li sentii gocciolare lungo l'interno delle mie cosce. Non chiedetemi spiegazioni sarebbe impossibile. Calcolalo fino alle complessità della mente umana. Mi stavo eccitando sessualmente per essere stato incazzato. Non si poteva negarlo. Le increspature nella mia fica erano i primi segni di un orgasmo imminente. I miei capezzoli iniziarono a irrigidirsi quasi immediatamente.

Una volta che il suo flusso di urina si fermò, Bill cadde rapidamente in ginocchio davanti a me. Afferrando i miei capelli inzuppati di urina mi ha spinto il cavallo in faccia. Guidando il suo cazzo ancora flaccido sulle mie labbra, ho diligentemente aperto la bocca e ho preso il suo cazzo dentro.

Quando ho iniziato a succhiare la vita al suo membro flaccido, sapendo che stava per seguire una bella scopata e avendone un disperato bisogno, ho diligentemente succhiato il cazzo del risveglio. Ho sentito Bill flettere i muscoli e l'ultimo schizzo della sua urina è uscito dal suo cazzo ed è entrato nella mia bocca e nella mia gola.

Mentre inghiottivo il suo flusso d'oro, sentii l'orgasmo iniziare nella mia fica e diffondere il suo delizioso calore attraverso l'inguine e la pancia. Ero totalmente degradato e mi sentivo completamente umiliato, a questo punto, eppure stavo avendo un orgasmo per questo.

Cosa c'era di sbagliato in me? Eccomi qui, nudo con il colletto in giardino, incazzato da uno strano uomo e avendo un orgasmo quando mi ha pisciato in bocca. So di essere una troia e lo adoro. So di essere una puttana e di assumermi tutti i cummer se il mio Padrone lo richiede, ma anche questo mi ha sorpreso.

Ho succhiato a Bill un'erezione furiosa e lui ha usato la mia fica finché non ha scaricato il contenuto delle sue palle. Gli ho diligentemente succhiato il cazzo e lui si è riunito al Maestro sulla veranda.

Ero esausto. Mi sono sdraiato sull'erba morbida e rigogliosa e mi sono addormentato nel caldo sole pomeridiano.

Mi sono svegliato quando il Maestro è uscito e mi ha strofinato del repellente per zanzare su tutto il corpo. C'era il virus del Nilo occidentale nella popolazione di zanzare e il sole si stava avvicinando al tramonto e le zanzare avrebbero presto cercato un pasto di sangue, quindi ho apprezzato questo gesto premuroso, per non parlare delle sue mani che vagavano per tutto il mio corpo nudo. Ero ben tre o quattro scopate in meno rispetto alla mia media giornaliera, ed ero arrapata da morire. Era il mio compleanno per amor di Crimminy. Dovrei ricevere la scopata regale che mi aspettavo e non questo trattamento da cagna. Tuttavia, non riuscivo ad arrabbiarmi con il Maestro. Dopotutto, era stato il mio atteggiamento indisciplinato a portarmi qui.

Mentre applicava il repellente a base di Deet, ho sentito un rumore provenire dalla direzione del portico. Guardando in quella direzione, vedo diverse persone sul portico posteriore che guardano.

Il Maestro è tornato in veranda e il gruppo lì riunito sta festeggiando e si sta divertendo bevendo birra e lanciandomi fischi ogni tanto. Il Maestro mi aveva lasciato una ciotola di cibo. Ma non mi ridurrei a mangiare dalla scodella in presenza di questi sconosciuti e conoscenti.

Ben presto scese la completa oscurità e la baldoria sul portico continuò. Ero un po' turbato dal fatto che qui fosse il mio compleanno e che tutti tranne me stessero festeggiando. Poi i partecipanti alla festa hanno deciso di includermi.

Uno per uno, sono andati alla deriva dove ero al sicuro nel cortile. Sono stato fottuto ripetutamente. A un certo punto ce n'era più di uno con me e nessuno ha aspettato. Ciascuno ha trovato un buco da scopare, anche se il buco preferito era occupato. Sono stato fottuto nella fica e anche il mio culo si è trovato pieno in alcune occasioni.

Qualsiasi cazzo che è apparso in quella parte è venuto in avanti per usare la mia bocca. Immagino che sapessero tutti che dovevo succhiare tutti i cazzi che mi fottevano. Anche quelli che mi hanno fottuto il culo.

Mi ero abituato al culo con la bocca con l'addestramento che mi aveva dato il Maestro, quindi non era poi così male. Almeno ricevevo la mia razione giornaliera di scopate.

La mia padrona è uscita più tardi. Pochi minuti prima che arrivasse avevo visto il Maestro scoparsela in veranda. Ero immediatamente geloso. Il padrone di solito mi scopava dalle quattro alle cinque volte al giorno. Oggi, a parte il suo legno mattutino, non mi aveva toccato. Adesso la mia Padrona, sua schiava come me, si stava riempiendo la fica delle sue palle sovraccariche.

Poco dopo, mentre scopavo mentre un altro degli ospiti del portico usava la mia fica, vidi la mia Padrona che veniva innaffiata di tutto punto da uno dei grossi uomini di colore che stavano festeggiando nel portico sul retro. Mi aveva già usato una volta, e dove erano in piedi, la mia Padrona chinata sulla ringhiera del portico, potevo vedere il suo grosso cazzo che martellava dentro di lei.

L'ho sentita gemere forte e poi chiedere il permesso di venire, in mezzo al ritmo di schiaffi, schiaffi, schiaffi dei loro corpi che si incontravano mentre scopavano. Il Maestro l'ha concesso e l'orgasmo della mia Padrona l'ha raggiunta.

“Oh fottimi. Scopami forte con il tuo grosso cazzo nero.

Non ero consapevole che i rumori fossero cessati finché la padrona non ha messo un piccolo sgabello davanti a me e si è seduta.

Mi ha grattato dietro le orecchie e mi ha accarezzato la testa come se fossi davvero un cane, poi si è tirata su la gonna e ha allargato le gambe, attirando il mio viso sulla sua fica. Ha parlato e le sue parole mi hanno fatto sentire l'umiliazione di quello che stavo vivendo di nuovo.

"Leccami la fica, puttana."

Cominciai a fare come mi era stato ordinato. La sua fica era una palude disordinata del suo stesso succo di fica mescolato con lo sperma del Maestro e dell'uomo di colore. Leccai e succhiai estraendo la sborra da lei in grandi goccioline, ingoiando diligentemente ogni boccone. La padrona ha apprezzato i miei sforzi tanto quanto mi sono divertito a eseguirli. Mi ha elogiato dopo che l'ho tolta con la bocca.

“Succhi la figa tanto quanto succhi il cazzo di una cagna. Ma poi ami entrambi, e non è che lo fai perché il tuo collare lo richiede. È perché lo adori, piccola puttana cattiva.

Non mi era permesso parlare da quando ero un cane cagna, quindi ho continuato a leccare la sua fica ancora trasudante. Aveva ragione, mi piaceva così tanto. Sapevo che se fossi riuscito a farla scendere di nuovo, le contrazioni dei muscoli della sua fica avrebbero spinto più goccioline di sperma dell'uomo dalle sue profondità. Ho sentito i muscoli incresparsi sulla sua pancia e lei ha rilasciato il suo flusso di urina. Ho sentito il flusso caldo entrare nella mia bocca e il sapore leggermente salato e l'ho inghiottito, mentre il più grande orgasmo che avessi mai avuto mi squarciava la pancia. Deglutii e deglutii non volendo perdere una sola goccia. Adesso ero un urolagnista impegnato e bevevo volentieri dalla fonte dell'uomo, della donna o della bestia, per il tremendo orgasmo che mi avrebbe dato.

Il padrone ha rilasciato i cani dopo che i nostri ospiti se ne sono andati. Tutti si sono alternati ripetutamente montando e scopando la nuova puttana del Maestro. L'alba stava strisciando all'orizzonte quando l'ultimo è sceso da cavallo e mi è venuto in mente per il suo pompino ripulito. Poi anche lui si sdraiò accanto a me e dormì come gli altri.

Il Maestro è uscito a metà mattina e mi ha rilasciato. I ragazzi avevano tutti ricominciato a montarmi e fottermi, la mattina presto, e tutti mi avevano avuto almeno una volta. Duke, il pastore tedesco maschio alfa, stava martellando la mia fica per la terza volta questa mattina quando il Maestro ha sbloccato la catena dal mio collare.

«Quando i ragazzi avranno finito di usarti, potrai tornare a casa.»

Non più una cagna in addestramento, ho risposto: "Grazie signore".

Ho imparato da quel giorno e da allora non ho più parlato in modo "incazzato" con il Maestro. Tutto sommato è stato un buon compleanno, anche se all'epoca non lo pensavo. Anche se è iniziato lentamente, probabilmente sono stato fottuto più della mia media giornaliera e sono stato portato a un nuovo livello di sottomissione e ho imparato una nuova depravazione che ho trovato piacevole.

Grazie Maestro per amarmi. Ti amo per la tua conoscenza e saggezza.

Storie simili

Samantha e Kaylee_(0)

Avevo una vicina di nome Kaylee che era meravigliosa. Era alta, atletica e aveva un corpo sodo. Probabilmente circa 120 libbre. pelle abbronzata, capelli castano scuro. Ha sicuramente attirato la mia attenzione. Non era una troia, era più una provocazione. Abbiamo frequentato la stessa scuola superiore. L'ho vista spesso, ma non abbiamo parlato molto. Tutto in lei era ipnotizzante, il modo in cui i suoi capelli erano lunghi e avevano la giusta quantità di riccioli, le sue gambe, la figura sexy, aveva persino delle fossette sopra il sedere che potevo vedere quando era in bikini intorno alla piscina. Era una brava...

256 I più visti

Likes 0

Diventare Zoe

La mia futura moglie Annie aveva accettato un lavoro fuori città e la vedevo solo ogni due settimane circa. Mi mancava così tanto. Lei ed io eravamo diventati amanti a distanza. Aveva un volo di ritorno a casa venerdì sera. Stavo andando a prendere suo figlio Zakk dal suo dormitorio e noi due saremmo andati a prenderla all'aeroporto e ci saremmo goduti il ​​fine settimana insieme. Zakk è al suo primo anno di college e sta studiando per diventare un truccatore per il teatro e lo schermo. Lui e io non ci siamo davvero conosciuti e questo doveva essere il fine...

1K I più visti

Likes 0

DIARIO DI UNA FAMIGLIA: PARTE 1

3 settembre Caro diario, mi chiamo Tilly Crawford e negli ultimi dieci anni sono stata la casalinga della Delta House Fraternity qui allo State U. Un altro anno di scuola è iniziato proprio ieri e i ragazzi si stanno preparando per la corsa all'impegno della confraternita settimana organizzando feste e, naturalmente, l'open house per consentire alle nuove matricole di farsi un'idea se desiderano unirsi a Omega House. È stata una lunga estate per me diario, mi manca molto stare con i ragazzi e ovviamente alla mia figa mancava l'attenzione che riceve dai loro grossi cazzi duri!!! Eric è appena passato per...

2.2K I più visti

Likes 0

Visitare un amico speciale

Ho bussato al cancello di metallo. Era un bungalow piuttosto grande circondato da muri di mattoni con glassa di filo spinato. Il mio cuore batteva. Tutto quello che sentivo era la paura di essere rifiutato o qualcosa del genere. Fortunatamente, suo fratello maggiore, Suleman, ha aperto la porta. Era un ragazzo con un carattere freddo e una corporatura piuttosto muscolosa, quindi ha mantenuto la sua posizione. Mi guardò con giudizio per un momento, sorrise e mi diede una stretta di mano. Ei, cosa ci fai qui? Sono qui per far visita a tua sorella... mi smorzai, sapendo quanto fosse insolito per...

1.3K I più visti

Likes 0

Il mio fratellastro

Penso che sia così dolce quando il mio fratellastro Kevin regala alla sua ragazza le sue cose. Le ha regalato il suo cappello preferito, verso il quale è ESTREMAMENTE protettivo. Ad esempio, non permettere mai a nessuno di toccarlo. Continua a dire che è perfetto ed è praticamente modellato per adattarsi alla sua testa, e glielo ha dato. Le ha anche regalato la sua giacca preferita e le lascia sempre prendere in prestito le sue fortunate perle del karma. Queste cose sono state il suo portafortuna per tre anni. Non se li toglie mai e odia quando le persone li toccano...

534 I più visti

Likes 0

Vacanze estive

Erano le vacanze estive. Faceva caldo e afoso e non c'era corrente. Eravamo davvero annoiati. Noi, nel senso, io, mia cugina Veena e suo fratello minore Ram. Io avevo 16 anni, lei 15 e lui solo 8. non sapevamo cosa fare e avevamo iniziato a sudare. i miei occhi caddero su Veena. la mia, se fosse cresciuta in un anno. doveva avere 5 1, le sue tette erano attaccate alla maglietta a causa del sudore e delle loro dimensioni La sua gonna era sopra le ginocchia, stava cercando di farsi aria e le sue tette le saltavano nella T. Sembrava che...

564 I più visti

Likes 0

Mia Matsumiya: come essere una brava ragazza

Mia Matsumiya: come essere una brava ragazza NOTA: per facilitare la visualizzazione, controlla il thread Mia Matsumiya: How To Be A Good Girl nella sezione Sex Stories del forum. Credetemi, ne varrà la pena! Mia Matsumiya, una bellissima violinista giapponese di 24 anni, è all'ultima tappa del suo tour in Francia con una delle band d'avanguardia con cui suona. Questa è una rara serata libera dal gioco per la piccola bellezza di un metro e settantacinque, che per caso ha incontrato una coppia di amici - Lisann e suo marito Rob - in un bar all'aperto all'inizio della giornata. Anche se...

403 I più visti

Likes 0

Caduta cap. 08

Capitolo 8, In cui condivido troppe informazioni Era stato un altro lungo viaggio, ma ero arrivato in tempo per prendere il volo del primo pomeriggio. Ero carico e ansioso di tornare a casa e condividere la buona notizia: avevo ottenuto un altro grosso contratto ed ero sulla buona strada per ottenere il venditore dell'anno e uno stupendo bonus. Grazie al coaching di Stacey, avevo imparato che un po' più di T&A avrebbero fatto molto. Una modesta spesa per abiti spigolosi, calze al posto dei collant e così via, si era trasformata in enormi aumenti degli affari firmati. Alcuni dei miei concorrenti...

275 I più visti

Likes 0

Colto in flagrante_(0)

Colto con le mani nel sacco Questa esperienza ha coinvolto il mio conoscente Ben. Dico conoscente perché l'ho incontrato solo una volta prima, abbiamo parlato a malapena e non aveva molto legame con me: era il figlio della mia amica più grande Vicky. Conoscevo Vicky perché facevo volontariato nel suo negozio di animali e, anche dopo aver finito, ancora oggi restiamo buoni amici. All'epoca avevo 15 anni e Ben 13. Vicky mi ha invitato a fare un barbecue per festeggiare il suo compleanno, quindi insieme a molte altre persone ho accettato, ero il più giovane lì a parte Ben che è...

271 I più visti

Likes 0

La mia calda sorellina deglutisce!

Avevo 18 anni al momento di questa storia e mia sorella 16. Avevo appena finito il liceo e in autunno sarei andato al college. Ero alto un metro e settanta e pesavo 175 libbre ed ero in ottima forma grazie allo sport. Mi chiamo Jim e anch'io ero un po' nerd. Tra studio e sport non avevo ancora nemmeno cominciato a frequentarmi. Mia sorella Beth era alta 1,70 e pesava 50 chili, con tette a forma di coppa C perfettamente appuntite e un bel sedere a bolla. Aveva lunghi capelli biondi naturali, setosi, penetranti occhi azzurri e una bocca molto calda...

171 I più visti

Likes 1

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.