Imparare da una nuova famiglia, capitolo 2: la nostra prima doccia

1KReport
Imparare da una nuova famiglia, capitolo 2: la nostra prima doccia

Gli occhi di Sarah si illuminarono di gioia. “Ho sempre voluto provarlo! Aspetta solo un minuto, devo trovare le chiavi per farti uscire!

Prima che potessi rimproverarla per avermi rinchiuso senza sapere dove fossero le chiavi, si era allontanata da me ed era fuori dalla stanza. Ho sentito subito la sua assenza. Fortunatamente non ho dovuto aspettare molto prima che tornasse.

"Mi hai rinchiuso senza sapere dove fossero le chiavi?" chiesi mentre rimbalzava nella stanza. Poi ho fatto una doppia ripresa. Avevo dimenticato quanto fosse bello il suo corpo. I suoi capezzoli sporgevano dai suoi seni meravigliosamente vivaci, implorando praticamente di essere succhiati. Potevo vedere chiaramente la sua fessura umida, ancora gonfia per la recente scopata. La desideravo così tanto da dimenticare la mia irritazione.

“Tutto si è rivelato sciocco, erano proprio dove pensavo fossero. Ora voglio che tu chiuda gli occhi e resti perfettamente immobile mentre ti lascio uscire. Ricorda, devi ancora fare quello che dico. Il sorriso nella sua voce trasformò quella che avrebbe potuto essere un'osservazione inquietante in una perversa.

Finora mi erano piaciute le conseguenze dei suoi ordini, quindi ho deciso di seguire questo. Mi rilassai nel letto e chiusi gli occhi. Mi sono concentrato sul rimanere fermo mentre la sentivo salire sul letto. L'ho sentita chinarsi sul mio corpo, e poi ho sentito il clic quando una delle manette è stata rilasciata. Mi tirò delicatamente il polso e poi lo baciò nel punto in cui il metallo aveva scavato nella mia pelle durante i miei spasimi di piacere. Mi ha baciato lungo tutto il braccio e sul petto, prima di baciare l'altro braccio. Ha sciolto anche le manette e mi ha baciato dolcemente il polso.

Il mio respiro accelerò mentre mi baciava lungo il braccio e sul petto. Sentii la pelle d'oca formarsi su tutto il mio corpo mentre i suoi baci si avvicinavano sempre di più al mio cazzo. L'ho sentito lentamente erigersi in attesa, ma invece mi ha baciato la gamba. Ha rilasciato il polsino sulla mia caviglia e poi l'ha baciato. Poi mi ha baciato il piede fino alla punta dei piedi.

Uno per uno, ha succhiato e leccato ciascuna delle mie dita dei piedi. Ha solleticato un po', ma mi ha anche eccitato per qualche strana ragione.

Quando ha baciato di nuovo la mia gamba, il mio respiro è diventato affannoso. La sua mano accarezzò il mio cazzo e se lo portò alla bocca. Lo leccò su e giù un paio di volte, prima di baciare leggermente la punta. Ho quasi pianto per la delusione quando ha continuato a scendere lungo l'altra mia gamba in modo che potesse finire di liberarmi. Dopo aver rimosso l'ultima cuffia, ha giocato con quelle dita dei piedi, e ancora una volta mi sono sorpreso di divertirmi tanto quanto me.

Volevo balzare in piedi e abbracciarla, ma ho obbedito al suo comando e sono rimasto fermo. Trovavo palesemente ingiusto che avesse potuto toccarmi ovunque, ma non avevo ancora avuto la possibilità di sentire la sua liscia pelle di alabastro sotto le mie mani.

La sentivo tirare la mia mano. "Adesso puoi aprire gli occhi." Li ho aperti per vedere il suo viso sorridente. La sua pelle sembrava risplendere di piacere ed eccitazione. Le sue guance erano arrossate di un rosso intenso. Non avevo mai visto una donna più bella.

Mi tirò di nuovo la mano, facendomi uscire dalle mie fantasticherie. “Dai, ci facciamo la doccia. A meno che tu non abbia intenzione di leccarmi per pulirmi.

Prima che potessi dirle che in realtà quell'idea mi piaceva piuttosto, mi tirò di nuovo la mano e mi trascinò fuori dal letto e nel bagno. Era strano muoversi. Tutti i muscoli erano sciolti e languidi, ma mi sentivo stranamente potente.
Mi strinse più forte il braccio, così ci tenevamo per le braccia come una coppia vecchio stile. Penso che possa aver saltato un paio di volte tra la camera da letto e il bagno. Insieme abbiamo varcato la soglia della doccia. E ovviamente scoppiammo subito in una risata incontrollabile. Dopotutto, eravamo due ragazzini nudi, e facevamo la doccia insieme come una grande occasione formale.

Sarah si riprese per prima e aprì l'acqua. Non mi ero mai reso conto di quanto sia stretto il cono d'acqua in una doccia e di quanto due persone debbano stare vicine per starci sotto contemporaneamente. Dallo stare così vicini, è solo un breve salto al bacio, e all'improvviso lo eravamo, e la meravigliosa acqua calda ci circondava mentre la sua lingua e la mia lingua si incontravano, si separavano e si incontravano di nuovo.

E potrei tenerla questa volta. La strinsi forte, come se non volessi mai lasciarla andare, e dolcemente, come se avessi paura di spezzarla. Sono rimasto sorpreso di come qualcosa di così semplice possa sembrare così importante.

Passarono pochi minuti prima che smettessimo di baciarci, ma sembravano ore gloriose. Abbiamo appoggiato la fronte per un secondo e ci siamo guardati negli occhi. Quelli di Sarah erano molto grandi. Mi chiedevo se lo fossero anche i miei.

Il sorrisetto di Sarah mi ha detto che stavo per ricevere un nuovo ordine. "Dal momento che sei stato tu a farmi sudare così tanto, sei tu che puoi pulirmi." Allungò una mano dietro di sé e afferrò una saponetta, che mi mise in mano.

Il mio respiro accelerò mentre mi strofinavo il sapone sulle mani. Suppongo che avrei potuto usare il bar, ma non vedevo l'ora di toccarla. Le ho restituito la barra, poi lentamente e delicatamente le ho insaponato un braccio. Anche il suo respiro cominciò ad accelerare, specialmente quando ripresi la sbarra e mi coprii di nuovo le mani con il sapone.

Il suo respiro è diventato più veloce solo quando le ho insaponato l'altro braccio. Mi stavo divertendo immensamente e non avevo intenzione di darle una fine veloce. "Lavati via il sapone mentre mi preparo a farti la schiena." Lei annuì e si allontanò da me, mentre lentamente mi sollevavo un mare di schiuma tra le mani. Le ho dato un colpetto sulla spalla, prima di restituirle il bancone. Gemette mentre le massaggiavo la schiuma sulle spalle e poi gliela facevo scorrere lungo la schiena. Mi sono fermato appena sopra il suo culo, e poi ho lavorato ancora una volta sulla sua schiena, massaggiando la pelle.

La sentii iniziare a gemere e vidi una delle sue spalle muoversi rapidamente. Devo averla eccitata abbastanza da non voler aspettare. Ho deciso di cambiare leggermente tattica. Le ho ripreso la saponetta e, invece di strofinarmela tra le mani, l'ho strofinata su tutto il suo culo impertinente. Poi ho applicato il sapone con le mani, impastando e massaggiando la pelle fino a quando non è stata perfettamente pulita e arrossata.

Ho fatto la stessa cosa con la parte posteriore delle sue gambe e poi ho applicato il sapone sulla parte anteriore di esse. La mia faccia era premuta contro il suo sedere, quindi ho colto l'occasione per dargli un piccolo morso d'amore. Ha strillato e si è girata, mettendomi la figa in faccia. La sua mano stava lavorando furiosamente il suo clitoride.

Immaginando che fosse un'opportunità troppo buona per lasciarla perdere, ho spinto da parte la sua mano e le ho baciato con forza le labbra della figa. Le sue mani trovarono rapidamente la parte posteriore della mia testa, ma mi staccai prima che potesse ottenere la liberazione che desiderava. "Ho bisogno che tu tenga le mani lontane da qui mentre lo pulisco." La mia testa abbassata nascondeva il mio sorriso malizioso. Prima mi aveva fatto aspettare i miei orgasmi, ora ricambiavo il favore.

Praticamente tremava per l'impazienza mentre lavoravo il sapone sulle mie mani, e poi lo strofinavo delicatamente intorno al suo inguine. Ho fatto attenzione a non farle entrare nella fessura, perché avevo sentito dire che poteva essere doloroso. Naturalmente, questo significava che doveva sopportare il tocco allettante e ravvicinato delle mie mani senza il piacere della stimolazione diretta, che era un ulteriore vantaggio per la mia premura.

Dopo aver finito con il suo inguine, mi sono fatto strada fino allo stomaco. Ha provato a toccarsi di nuovo, ma le ho fatto notare che avevo bisogno di essere in grado di insaponare il suo petto, e non potevo farlo con il suo braccio sopra.

Mi stavo godendo immensamente il mio nuovo potere. Sarah si morse il labbro mentre le insaponavo le spalle e gli spazi intorno al seno. Sorrisi al suo palese bisogno. Ho capito perché le era piaciuto avermi impotente tanto quanto lei. Era esaltante avere così tanto controllo su qualcuno.

Mi sono divertito nel controllo mentre iniziavo a lavarle i seni. Li ho fatti uno alla volta, e li ho lavati con cura lenta e delicata. Prima una leggera passata di sapone, quanto basta per farla sussultare con la sensazione delle mie mani. Poi strofinavo per un minuto, suscitando altri rantoli e gemiti. Finii entrambi con una leggerissima strizzatura dei suoi capezzoli, che le fece chiudere gli occhi per il piacere. Stava ansimando quando ho finito.

"Ecco, ora sei pulito!" Le sorrisi e lei dovette ricambiare il sorriso. Ho letto anticipazione nel suo sorriso. Chiaramente stava pianificando una vendetta.

“Sì, ma non lo sei ancora. Penso che dovrei cominciare dai tuoi capelli. Inginocchiati, va bene? Ho obbedito e ho sentito il suono dello shampoo che schizzava. Poi ho sentito la sua presa salda sulla mia testa. Ha tirato la mia faccia nella sua figa mentre ha iniziato a impastare lo shampoo nel mio cuoio capelluto. Vedendo il suo intento, ho iniziato un assalto orale sulla sua fessura splendidamente esposta.

Mentre ne leccavo i bordi, mi impastò violentemente lo shampoo nella testa. In qualche modo è riuscita a escogitare di avvicinare sempre di più il mio viso alla sua fica, quasi come se non ne avesse mai abbastanza delle mie frenetiche leccate.

Quando ho iniziato a toccarle la clitoride con la lingua, le sue mani si sono congelate completamente. Tutto il suo corpo si irrigidì e potevo sentire la tensione dello stomaco contro la mia fronte. Quando l'acqua è caduta intorno a noi, ha iniziato a urlare violentemente mentre mi veniva addosso. Leccai freneticamente i suoi succhi, cercando di assaggiarli il più possibile prima che la doccia li lavasse via.

Successivamente, il suo shampoo è diventato più delicato. Quando ha finito con i miei capelli, le ho leccato delicatamente l'interno della sua figa, sondando in profondità nel tentativo di leccare i succhi che l'acqua non aveva lavato via. Quando mi ha ordinato di alzarmi in modo da potermi sciacquare i capelli, ho tirato fuori la lingua con riluttanza, dopo aver dato alle sue labbra un ultimo bacio persistente.

Mi spinse davanti a sé, in modo che l'acqua potesse sciacquarmi via lo shampoo dai capelli. Mi piaceva la sensazione che mi scorresse sul viso e sul corpo, così come mi piaceva la sensazione di Sarah che mi passava dolcemente le mani tra i capelli. Una volta finito, iniziò a lavarmi via il sudore.

Era risoluta con il suo bucato, e questo lo rendeva ancora più piacevole. Ha iniziato con le mie spalle e ho sentito una tensione che non sapevo nemmeno di portare con me lasciandomi mentre continuava il suo massaggio. Dopo la mia schiena, mi ha fatto le braccia e mi è piaciuto altrettanto il modo in cui le ha trattate.

Non si è preoccupata di farmi voltare. Per insaponare il mio petto ha raggiunto intorno a me. Sentii i suoi seni premere contro la mia schiena e il suo respiro caldo sulla nuca. È stato solo quando mi ha delicatamente pizzicato i capezzoli, come se avessi i suoi, che ho capito che avrei potuto divertirmi a farli giocare tanto quanto lei.

Quando le sue mani si abbassarono, le mie ginocchia si indebolirono. Ad un certo punto le sue mani avevano smesso di lavarmi e avevano cominciato ad accarezzarmi. In questo momento, mi stavano decisamente accarezzando le gambe. Il che, sebbene sia stato fantastico, ha fatto ben poco per soddisfare il mio bisogno urgente.

Ho raggiunto il mio cazzo, con la logica che non si sarebbe accarezzato da solo, ma lei mi ha immediatamente fermato. Suppongo che stavo pagando per averla fatta aspettare per il suo piacere. Non potevo convincermi a pentirmene.

Ci sono volute ore prima che Sarah fosse soddisfatta della pulizia delle mie gambe. Il mio innato solletico e l'intensa eccitazione significavano che ero sul punto di cadere quando le sue mani trovarono il mio pene e iniziarono ad accarezzarlo lentamente.

Non ho potuto fare a meno di emettere un basso gemito. L'ho sentita iniziare a strisciare tra le mie gambe, e poi ho sentito la sua bocca sulle palle. L'unica cosa che mi impediva di cadere nel piacere era il pensiero che se l'avessi fatto, probabilmente l'avrei schiacciata. E mentre non pensavo abbastanza chiaramente da capire perché fosse intrinsecamente un brutto risultato, ero abbastanza consapevole da rendermi conto che probabilmente si sarebbe fermata se l'avessi fatto.

Così ho mantenuto l'equilibrio quando la sua bocca si è chiusa sul mio cazzo, e sono riuscita a lavarle i capelli quando me lo ha chiesto. Ho preso spunto da come aveva lavato il mio. Mentre prima ero stato incapace di cambiare il ritmo del mio pompino; questa volta ho potuto guidare la sua testa. Aveva le mani sulla mia vita, probabilmente per potersi spingere contro di me se fossi diventato troppo entusiasta.

Mi ha leccato tutto il cazzo e ho trovato un ritmo con lei. Con spinte delicate, ho guidato il mio cazzo dentro e fuori dalla sua bocca. Una volta, si piegò in un colpo, e io gemetti mentre la parte posteriore della sua gola afferrava il mio cazzo. Penso che abbia imbavagliato, ma non si è fermata.

Sentivo ancora l'obbligo morale di dirle che stavo per venire, anche se aveva ignorato i miei precedenti avvertimenti. Sono rimasto scioccato quando il mio grido senza fiato di "Sto per venire" l'ha fatta fermare. Cosa avevo fatto di sbagliato?

Mi ha guardato e deve aver notato la paura nei miei occhi. Si alzò e mi mise una mano sul petto. "Voglio che tu venga dentro di me."

La mia paura per me stesso svanì abbastanza rapidamente dopo, anche se fu rapidamente sostituita dalla preoccupazione per lei. Le parole continuavano a fuoriuscire dalla sua bocca, un torrente che sembrava riluttante o incapace di fermare.

“Dovevo avere il controllo su di te prima, ma non posso sempre avere il controllo, e mi sento al sicuro con te, e ho bisogno che tu mi aiuti a superare tutto questo. Voglio che tu mi porti qui, ma voglio che tu mi trattenga mentre lo fai. Potrei lottare, ma per favore non fermarti. Ti voglio, ho solo bisogno di imparare a lasciar andare a volte.

Non mi piaceva il suono di questo. Ero ancora nuovo al sesso e non ero del tutto sicuro di quello che stavo facendo. Quando ha preso il controllo, non ho dovuto preoccuparmi, ma se avessi sbagliato? “Ma se ti faccio del male? E se sto facendo un casino o hai bisogno che mi fermi?"

Si morse il labbro. “Ho sentito di persone che usano una parola per quel genere di cose. Che ne dici se dico "Waterloo", ti fermerai. Altrimenti, continua, anche se faccio fatica, ok?

Annuii sobriamente. Una parte di me si chiedeva se sarei stato in grado di andare avanti. Una parte di me si chiedeva cosa avrebbe significato se mi fossero piaciute le sue lotte.

Si fermò per un secondo, poi si sporse verso di me e mi baciò in modo aggressivo. La mia lingua ha trovato la sua e i nostri corpi si sono fusi insieme. Dove la nostra pelle si incontrava, mi sentivo come se stessi andando a fuoco.

Le presi il viso, tenendolo vicino al mio. Mentre il nostro bacio diventava più profondo, le mie mani cominciarono a vagare sul suo corpo. Questo è quello che mi era stato negato l'ultima volta. Le accarezzavo i seni. Le ho avvolto le mani attorno al sedere e l'ho stretta a me. Una delle mie mani accarezzò la sua fessura. Ho sentito la sua umidità mescolarsi con l'umidità della doccia.

Anche le sue mani vagarono sul mio corpo. Mi hanno afferrato il culo, mi hanno accarezzato il cazzo. Premette contro il mio petto magro, allo stesso tempo spingendomi via e cercando disperatamente un contatto.

Alzò le mani sopra la testa e mi chiese di tenerle lì. L'ho fatto con una mano, mentre l'altra continuava ad accarezzarle il corpo. Potevo sentire la sua eccitazione nel modo in cui reagiva, nel modo in cui i suoi gemiti risuonavano nella mia testa, e nel modo in cui mi baciava con crescente passione.

Respiravamo pesantemente. Quando mi ha pregato di entrare in lei, è stato tra respiri ansimanti. Ho mantenuto la presa sui suoi polsi mentre mi spingevo lentamente dentro di lei. L'altro mio braccio le teneva la vita e l'attirava nella mia spinta. Ha lottato contro la mia presa sui suoi polsi, ma non contro il mio ingresso.

Se la sua eccitazione e il suo bisogno non fossero stati così evidenti, avrei trovato terrificanti i suoi tentativi di liberarsi i polsi. Ma ha soddisfatto ogni mia spinta e abbiamo costruito un ritmo costante. Il suo evidente godimento ha alleviato le mie paure e mi sono ritrovato a godermi questa dimensione diversa dal sesso. Capivo perfettamente perché si era divertita così tanto ad ammanettarmi.

C'era stato piacere nell'essere impotente, ma mi piaceva anche avere parte del potere. Mi sentivo bene come prima. Man mano che il nostro ritmo aumentava, il nostro respiro diventava ancora più irregolare e disperato. Sembrava che ogni spinta mi spingesse sempre più in profondità, ed ero pieno di un bisogno divorante di più. Avevo bisogno di essere dentro di lei. Avevo bisogno di essere il più profondamente possibile dentro di lei. Da quanto si stava spingendo all'indietro, penso che avesse altrettanto bisogno di me dentro.

Tutti i nervi del mio cazzo stavano sparando contemporaneamente. Ogni spinta mi scuoteva con ondate di piacere incontrollabile mentre la sua figa stretta strappava ogni grammo di beatitudine dai miei nervi sovrastimolati. Il piacere cresceva e cresceva, finché non fu la cosa più intensa che avessi mai provato, e lei stava urlando e io stavo urlando e lei mi stava mordendo la spalla, e la sua figa mi stava stringendo il cazzo, e io stavo venendo dentro di lei, e il suo corpo lo stava divorando e le sue lotte si fermarono e io liberai le sue braccia, e loro trovarono il mio culo e scavarono e mi tirarono ancora più a fondo.

Ci vollero minuti sotto le calde acque della doccia perché il piacere si placasse.

Dopo ha pianto e io l'ho tenuta in braccio mentre stavamo sotto la fontana che usciva dal soffione della doccia. All'inizio tremò molto, ma lentamente si placò. Non sapevo davvero cosa fare, o come sentirmi, quindi l'ho tenuta stretta e le ho accarezzato i capelli. Quando l'acqua divenne tiepida, mormorò: "Ti amo".

Ho pensato a come mi sentivo da quando vivevo qui. Ho pensato al tempo che avevamo passato insieme, ai libri e alle storie che ci eravamo scambiati. Ho pensato a come funzionava la sua mente, a come quando cercava una parola per esprimere ciò che avrebbe provato se non ne avesse più potuto, si era stabilita sull'ultima battaglia di Napoleone, e ho pensato a come avevo letto di quella battaglia per la prima volta in un libro che mi aveva prestato.

"Anch'io ti amo."

Ruppe l'abbraccio e chiuse l'acqua. Quando uscì dalla doccia, sembrava persa. Non sapendo cos'altro fare, ho afferrato un asciugamano e, con tutta la tenerezza che potevo raccogliere, le ho asciugato il corpo. Quando sono arrivato alla sua testa stava sorridendo. Mi prese l'asciugamano e si asciugò i capelli.

Dopo che mi ebbe asciugato e fu testimone della mia erezione che cresceva lentamente, il suo sorriso era largo un miglio.

"Cosa facciamo adesso?" Lei chiese.

"Bene, ora che siamo puliti, ho visto che siamo di nuovo tutti sudati."

Storie simili

Diventare Zoe

La mia futura moglie Annie aveva accettato un lavoro fuori città e la vedevo solo ogni due settimane circa. Mi mancava così tanto. Lei ed io eravamo diventati amanti a distanza. Aveva un volo di ritorno a casa venerdì sera. Stavo andando a prendere suo figlio Zakk dal suo dormitorio e noi due saremmo andati a prenderla all'aeroporto e ci saremmo goduti il ​​fine settimana insieme. Zakk è al suo primo anno di college e sta studiando per diventare un truccatore per il teatro e lo schermo. Lui e io non ci siamo davvero conosciuti e questo doveva essere il fine...

1K I più visti

Likes 0

La sorella della moglie è la puttana dell'ufficio!

Questa non è esattamente una storia normale che potresti trovare su xnxx. Ho trovato questo pubblicato in un forum insieme a un mucchio di commenti di giudizio. Lo sto solo ripubblicando per far divertire le persone. Il poster originale afferma che questo è tutto vero e che ha cambiato i nomi. La sorella di mia moglie è la puttana dell'ufficio e suo padre gliel'ha fatto fare! Katie ha sempre condiviso tutto con me e il percorso professionale di sua sorella è diventato un argomento di cui discutiamo a letto. Rosie ha sempre avuto un corpo delizioso ma non c'è molto da...

850 I più visti

Likes 0

Il furgone - Scopa mia moglie

Una sera io e mia moglie stavamo cenando, è venuto fuori l'argomento di una delle nostre fantasie. L'abbiamo chiamato il furgone. Era stata una nostra fantasia ricorrente prendere diversi ragazzi e farli scopare mia moglie nel retro di un furgone. Questa volta abbiamo deciso di farlo quindi abbiamo aspettato il weekend. Abbiamo noleggiato un furgone bianco per la notte e siamo andati in centro alla ricerca di alcuni ragazzi belli e sani. Indossava un mini abito nero scollato e aveva un letto rifatto nella parte posteriore. Abbiamo guidato per un po' e ci siamo imbattuti in un ragazzo che camminava da...

1.9K I più visti

Likes 1

Sissy Lucy incontra suo padre

Ho circa 20 anni e gestisco un ristorante/bar locale. Sono 5 piedi e 8 e magro con lineamenti abbastanza femminili. Per la maggior parte delle persone sono solo Tom, un ragazzo normale che ha fidanzate occasionali, ama una birra e guarda il calcio. Per i miei amici più cari sono Lucy, una troia femminuccia che ama il cazzo. Di recente ho trovato un papà online. Era un uomo più anziano e più esperto. Abbiamo iniziato a chattare e gli ho inviato alcune foto e videoclip birichini di Lucy che suonava. Mentre parlavamo ho rivelato che mi piace essere dominato, mi è...

774 I più visti

Likes 0

La mia vera storia di vita: capitolo uno

Diverse persone mi hanno chiesto di raccontare la storia della mia vita poiché ho accennato ad alcune delle mie esperienze insolite. Quindi penso che il miglior punto da cui iniziare sia la notte in cui sono finiti i miei 10 anni di matrimonio. Era un venerdì sera e mio marito Tim è tornato a casa ubriaco. Questa era diventata la sua pratica abituale negli ultimi due anni. Ha affermato che il suo capo gli stava causando un aumento dello stress e ha dovuto fermarsi con i ragazzi per rilassarsi. All'inizio tornava a casa un po' brillo per quando portavo a letto...

752 I più visti

Likes 0

Dare un erede a Lord Ablington

Stavo oziando tutto il giorno aspettando il pranzo quando ho sentito la terribile notizia: Alan Lord Ablington era caduto da cavallo durante la caccia di lunedì mattina ed era completamente morto. Tommy Goodfellow si era fermato mentre andava ad Abbotsford quel martedì mattina per raccontarci, come sapeva, della mia precedente conoscenza con Lady Ablington. Ho provato un misto di emozioni. Lord Ablington aveva recentemente corteggiato e poi sposato la mia dolce metà d'infanzia, una certa Miss Amy Merry, alla quale ero rimasto immensamente affezionato, non si poteva biasimarla, Ablington possedeva la maggior parte del villaggio e molto altro ancora mentre la...

767 I più visti

Likes 0

Colto in flagrante_(0)

Colto con le mani nel sacco Questa esperienza ha coinvolto il mio conoscente Ben. Dico conoscente perché l'ho incontrato solo una volta prima, abbiamo parlato a malapena e non aveva molto legame con me: era il figlio della mia amica più grande Vicky. Conoscevo Vicky perché facevo volontariato nel suo negozio di animali e, anche dopo aver finito, ancora oggi restiamo buoni amici. All'epoca avevo 15 anni e Ben 13. Vicky mi ha invitato a fare un barbecue per festeggiare il suo compleanno, quindi insieme a molte altre persone ho accettato, ero il più giovane lì a parte Ben che è...

276 I più visti

Likes 0

Samantha e Kaylee_(0)

Avevo una vicina di nome Kaylee che era meravigliosa. Era alta, atletica e aveva un corpo sodo. Probabilmente circa 120 libbre. pelle abbronzata, capelli castano scuro. Ha sicuramente attirato la mia attenzione. Non era una troia, era più una provocazione. Abbiamo frequentato la stessa scuola superiore. L'ho vista spesso, ma non abbiamo parlato molto. Tutto in lei era ipnotizzante, il modo in cui i suoi capelli erano lunghi e avevano la giusta quantità di riccioli, le sue gambe, la figura sexy, aveva persino delle fossette sopra il sedere che potevo vedere quando era in bikini intorno alla piscina. Era una brava...

263 I più visti

Likes 0

La migliore sorella del mondo!!! Parte 2

La migliore sorella del mondo!!! Parte 2 Mi sono svegliato la mattina dopo più riposato di quanto mi fossi sentito da molto tempo. Gli eventi della notte precedente mi stavano attraversando la mente mentre iniziavo a prepararmi per la scuola. Sia io che Sydney ci amavamo molto, in un certo senso fraterno. Non avevo mai pensato a lei sessualmente, ma quando l'ho vista masturbarsi fino all'orgasmo mentre pensava a me... ho iniziato a vederla sotto una nuova luce. Ora la vedevo non solo come mia sorella maggiore, ma come una donna bella e sexy. Sono sceso al piano di sotto, la...

2.5K I più visti

Likes 0

Fantasia di schieramento

Voglio raccontarvi tutto del mio dispiegamento in Turchia. Ero solo e non avevo voglia di fare lo stesso di tutti gli altri ragazzi. Sai parlare con le ragazze dello stato sperando di poter organizzare qualcosa per quando torno. Ero in una stanza con 8 ragazzi in 4 letti a castello e volevo trovare qualcuno che fosse di stanza qui con la propria stanza. Forse anche una casa. Così sono andato al gruppo di vendita in cantiere su Facebook e ho iniziato a cercare un amico nell'elenco dei membri. Chissà, forse conoscevo qualcuno qui. Beh, mi sono imbattuto in una ragazza di...

2.4K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.