Rughe Capitolo 1

138Report
Rughe Capitolo 1

Desi non riuscì a nascondere il suo disgusto mentre si inginocchiava ai piedi del brutto uomo simile a uno gnomo che stava così compiaciuto di fronte a lei.. Con gli occhi chiusi, lo stomaco pieno di farfalle e la speranza che batteva nel suo cuore iniziò a succhiare il grasso di Juan cazzo

Sembrava assurdo, ma Juan sosteneva che il suo sperma contenesse speciali proprietà antirughe. Desi pregava disperatamente che stesse dicendo la verità; non poteva sopportare il pensiero che sul suo bel viso comparissero ancora le rughe.

Concentrati sul risultato finale, continuava a ripetere nella sua mente. La sua bocca si trasformò, viva di passione e incoscienza, alla ricerca del tesoro inestimabile nascosto nel cazzo di Juan.

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Il giorno precedente

Desi aveva tutto, una splendida casa in cima alle colline, un marito più anziano e ricco, un corpo per cui morire e un bel viso. Tutti i suoi amici sono usciti per festeggiare la sua festa del ventiseiesimo compleanno. Nel vialetto c'era una Mercedes rossa sportiva decappottabile, nuova di zecca, e un altro anello di diamanti le adornava la mano; regali di suo marito. Purtroppo la felicità di Desi è stata smorzata da un regalo inaspettato e sgradito; ha scoperto la sua prima ruga.

Come un uomo invisibile, Juan serviva da bere alla folla snob dell'alta borghesia nel vasto parco. Una fontana zampillava acqua e luci colorate catturavano ogni goccia. Le luci della città brillavano nella valle inferiore. Non poteva immaginare di vivere in un simile lusso.

Mentre le amiche di Desi si riunivano intorno a lei, tutte prendevano in giro la sua scoperta di una ruga. Dissero che era l'inizio di una discesa e che non c'era niente che potesse fare al riguardo. Nonostante la festa stravagante e gli auguri, Desi aveva un'espressione acida sul viso. Si mescolò ai suoi ospiti e bevve troppo champagne mentre cercava di soffocare i suoi dolori immaginari. La nuova ruga ha devastato lo spirito di Desi.

Allontanandosi dal rumore, Desi camminò fino al bordo del ripido dirupo del canyon. Juan si avvicinò casualmente alla padrona di casa con un piano insensato che si stava formando nella sua testa,

"Buonasera, vuoi una bibita fresca?"

Desi sostituì rapidamente il suo bicchiere di champagne. Non ha ringraziato né riconosciuto il cameriere mentre si voltava per fissare le luci scintillanti ipnotizzanti.

In un impeto di gelosia, Juan decise di divertirsi un po' a sue spese. "Signorina, non intendo interromperla, ma penso di poterla aiutare."

Desi guardò disinteressatamente l'aiuto; era basso, brutto, con un naso enorme e la testa calva. Se Desi dovesse indovinare, direbbe che è messicano o sudamericano.

"Non so cosa intendi," sbuffò, "e non apprezzo che tu sia personale con me."

"Mi dispiace, ma ti ho sentito parlare con le altre signore. Posso mostrarti una foto di mia moglie?"

"Mi scusi?" Desi si è arrabbiato ancora di più con il server.

"Penso che rimarrai impressionato, per favore, solo per un breve momento; potrebbe cambiarti la vita."

Desi era turbata ma anche incuriosita: "Fai presto", sospirò.

"Per favore, tienimi il vassoio."

Juan glielo tese e Desi sbuffò ancora, reggendo con riluttanza il vassoio mentre Juan infilava una mano nella tasca posteriore dei pantaloni e tirava fuori una foto dal portafoglio.

"Ecco una foto di mia moglie", disse con orgoglio, "ha cinquantasette anni".

Mentre Juan riprendeva il vassoio da Desi, le porse la foto. Non era sua moglie ma sua figlia Marie, ventunenne. Era bella come sua madre e ringraziava Dio che non gli somigliasse.

"Questa è tua moglie?" chiese Desi guardando la foto, "Sembra così giovane. Cinquantasette? Impossibile!"

Juan sorrise mentre Desi abboccava; il suo vano ego voleva credere che fosse vero. Poteva vedere le ruote girare nella sua testa mentre lei lo guardava, cercando di giudicare se stesse dicendo la verità oppure no.

"Sì," mentì Juan, "quella è mia moglie. Ho una crema segreta che mantiene la sua pelle liscia e senza rughe."

"Non ti credo," sbuffò Desi, "saresti ricco se fosse vero."

"È una storia lunga, troppo lunga per discuterne con te adesso. Mi dispiace, hai ragione, non avrei mai dovuto disturbarti. Scusami."

Juan riprese la foto da Desi, la mise nel taschino della camicia e se ne andò. Non aveva fatto tre passi prima di sentirla chiamarlo.

"Aspettare!" Desi esclamò a voce troppo alta. "Dimmi di più. Ho bisogno di sapere il segreto."

Juan vide gli altri ospiti guardarli in modo strano. "Forse potremmo incontrarci in un momento diverso? Quando avremo privacy."

"Sì, sì," disse velocemente Desi. Il pensiero di essere senza rughe catturò la sua immaginazione. "Puoi venire qui domani? Mio marito se ne va alle nove di mattina, e domani la governante non c'è."

"Lavorerò domani e significherebbe perdere lo stipendio." Juan guardò nei suoi disperati occhi azzurri cristallini. "Forse non è una buona idea restare da solo con me. Cosa direbbe tuo marito?"

"Ti pagherò!" Desi sbottò nel tentativo di convincerlo a incontrarla. "Cinquecento dollari bastano?"

Juan esitò; questo stava andando più lontano di quanto intendesse. La foto era uno scherzo. Ma cinquecento dollari erano una piccola fortuna nel suo mondo.

"Devi giurare di mantenere segreto il nostro incontro."

"Grazie. Può venire anche tua moglie?"

"No, negli ultimi venticinque anni ha lavorato come governante in un albergo del centro."

"Oh," disse Desi ripensando all'intera faccenda. Se era vero e aveva una crema miracolosa, allora valeva la pena rischiare. "Non importa, vieni qui alle dieci di mattina, così potremo parlare ancora."

"Si Signora." Juan si allontanò per distribuire altri drink. Ridacchiò sottovoce per la sua avventatezza e per quanto facilmente l'avesse manipolata. Si chiese cosa avrebbe potuto convincerle a fare l'indomani per procurarsi la sua speciale crema antirughe.

Desi guardò l'uomo brutto allontanarsi e pensò alla foto. Se la foto non fosse falsa, darebbe qualsiasi cosa per mantenere la sua pelle liscia e priva di rughe. La sua ragazza più cara, Susan, ha messo all'angolo l'uomo brutto. Mentre parlava con il cameriere il suo viso si illuminò e sorrise con curiosità. Desi sperava che il cameriere non avesse detto a Susan della sua crema antirughe o del loro programma di incontrarsi l'indomani.

Il buon umore di Desi è tornato e si è unita alla festa con tutti i suoi amici. Per tutta la notte, continuò a lanciare sguardi furtivi al brutto cameriere con un senso di speranza di rimanere bella per sempre.

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Il primo incontro

Juan arrivò precisamente alle dieci del mattino, sperando di poter entrare e uscire in cinque minuti. Desi gli aprì la porta e si accigliò mentre guardava i suoi vestiti logori.

"Entra. Ci vorrà molto? Stamattina ho una lezione di tennis al club."

"Non molto tempo." Juan si costrinse a sorridere per la sua maleducazione. Chiuse la porta dietro di sé e la seguì nella villa. Si morse la lingua e si disse che una volta che lei gli aveva dato stupidamente i cinquecento dollari, lui gli avrebbe lasciato.

"Le tue scarpe sono pulite?" chiese Desi. Lei guardò le sue semplici scarpe marroni logore, "Oh, non importa," sbuffò, "la cameriera pulirà domani. Seguimi."

Juan si morse la lingua mentre ammirava il giovane corpo di Desi. L'abito da tennis bianco abbracciava le sue curve e il suo culo si muoveva in modo seducente.

Li condusse nel patio sul retro, dove si trovavano diverse sedie imbottite con strisce rosse, coperte da un tetto sporgente. Appena oltre c'era la piscina a sfioro che dava l'impressione che tutta l'acqua scorresse lungo la ripida sponda. Juan vide la vivace città sottostante e si chiese cosa avesse fatto suo marito per permettersi una casa così costosa.

Juan notò che gli abiti da tennis di Desi mettevano in risalto il suo seno e il reggiseno bianco sotto. Scoprì che la sua gonna corta bianca era un paio di pantaloncini mentre lei gli lanciava una sbirciatina quando si sedette. I suoi capelli biondi erano raccolti in una coda di cavallo e legati con un elastico rosa. Juan si sedette sulla sedia di fronte a lei e aspettò che fosse lei a parlare per prima.

"Avrei cancellato oggi, ma mi sono accorto di non avere il tuo numero di telefono," disse Desi con voce annoiata. "Allora, cos'è questa tua crema antirughe segreta, e perché non sei ricco?"

Juan esitò; lei voleva essere schietta, quindi decise di esserlo anche lui. "Non credo che te lo dirò, sei molto scortese con me." Detto questo, Juan si alzò e si voltò per andarsene

"Aspettare!" Desi è andata nel panico quando ha visto svanire la sua possibilità di avere un viso senza rughe. "Mi dispiace. Per favore, non andartene."

"Hai i soldi? Mi avevi promesso cinquecento dollari."

"Sì, ti comprerò un assegno."

"No, credo di no. È meglio che tuo marito non sappia di me."

"Va bene, sì, dammi un attimo e torno subito!" implorò Desi. "Per favore siediti!"

Juan tornò al suo posto e attese. Il suo sogno ad occhi aperti di vivere in una casa così elegante finì quando Desi tornò con cinque fresche banconote da cento dollari e le passò.

"Il mio nome è Juan. Qual è il tuo?"

"Destino, ma i miei amici mi chiamano Desi."

"Beh, Desi, forse il destino ci ha fatto incontrare. No? Se dobbiamo lavorare insieme, allora devi chiamarmi Juan o Signore."

"Cosa intendi per lavorare insieme?"

"Vedo l'orribile ruga sul tuo viso!" Gli occhi di Juan esaminarono il suo viso. "Questo è solo il primo di tanti. Presto tutta la tua faccia sembrerà una prugna secca!"

Juan vide Desi rabbrividire al pensiero. "Vieni più vicino a me."

Desi si sporse in avanti per lasciare che Juan la guardasse. Lei saltò ma rimase seduta mentre lui le prendeva entrambi i lati del viso tra le mani callose. Le sue dita marroni le massaggiarono le guance e la fronte. Si accigliò e continuò a ripetere profondi gemiti ancora e ancora.

"È male?" chiese Desi, preoccupato e disgustato dal fatto che lui la toccasse.

"Non ancora, forse te ne sarai accorto abbastanza presto. Una volta che c'è una ruga, non puoi cancellarla, ma la mia crema fermerà quelle nuove." In effetti, non riusciva a vedere alcuna ruga sulla sua pelle bianca e liscia.

"Davvero? Qualunque sia il costo, lo voglio!"

"Purtroppo ho abbastanza crema solo per una persona. Quindi o tu o mia moglie."

"Non puoi farne di più?"

"Lo faccio tutti i giorni, ma non abbastanza per due."

"Non capisco? Perché no?"

Juan guardò la bella donna. Quella donna non avrebbe mai guardato due volte nella sua direzione, ma ora ascoltava ogni sua parola come una discepola. La guardò negli occhi poi abbassò lo sguardo sui suoi seni; sembravano così carini con il suo top attillato. Desi urlava disperazione nei suoi occhi e nel linguaggio del corpo.

Era adesso, o mai più, pensò. "La magia è nel mio sperma. Devi spalmartelo sul viso per evitare che si formino le rughe."

La bocca di Desi si aprì per lo shock. "Cosa? Come osi!" gridò: "Vattene!"

Juan le sorrise pienamente per la prima volta e Desi vide che gli mancavano diversi denti. I suoi occhi castani non mostravano alcuna simpatia, solo divertimento per il suo sfogo.

"Se me ne vado adesso, non tornerò mai più, non importa quanto mi implorerai", minacciò Juan. "Diventerai vecchia e rugosa, e tuo marito ti getterà via per una donna più giovane dalla pelle liscia."

Juan sospettava che Desi fosse abbastanza vanitoso da credere alle sue bugie. Immaginò il tumulto che stava attraversando; le conseguenze erano tutto ciò che contava per lei.

Anche se Desi era disgustata, voleva credere con tutto il cuore che Juan avesse davvero una crema antirughe magica. "Come faccio a sapere che la tua crema funziona? Tutto quello che ho visto è una foto e potrebbe essere chiunque."

Juan tirò fuori un piccolo album fotografico logoro e glielo diede. Le foto erano di lui e sua moglie, scattate negli ultimi venticinque anni circa. Le prime foto mostravano Juan più giovane e sua moglie e, man mano che progredivano, si vedeva il viso di Juan invecchiare, ma sua moglie rimaneva la stessa.

Desi notò con crescente entusiasmo che il corpo e il viso della donna rimanevano giovani e vibranti! È rimasta senza rughe!

"Ti credo!" disse Desi con più entusiasmo di quanto intendesse.

Il corpo e le espressioni facciali di Desi tradivano la sua eccitazione, e Juan sapeva che era una bionda innamorata di se stessa. Le foto che le ha mostrato sono state ritoccate da sua figlia utilizzando Photoshop.

Juan sorrise; credeva alle sue bugie. La possibilità di fare di più gli sopraffaceva la mente. "Se vuoi la mia crema, voglio vederti nudo, altrimenti me ne andrò e porterò con me il mio segreto."

Desi avrebbe voluto urlargli contro di nuovo, ma si trattenne. Lui aveva ragione; una volta che il suo viso aveva iniziato ad avere le rughe, la sua più grande paura era che suo marito l'avrebbe scambiata con un nuovo modello e lei non avrebbe avuto nulla. È così che è finita con il suo attuale marito, e l'accordo prematrimoniale che ha firmato chiariva che non avrebbe ottenuto nulla in caso di divorzio.

"Come faccio a sapere che la tua crema funziona?" chiese Desi: "Ho solo la tua parola".

"E le foto, ma stai esagerando. Cosa sei disposto a fare per il mio sperma magico? Cosa potresti offrirmi per privare la mia bellissima moglie della sua dose quotidiana?"

Mentre Desi pensava a cosa poteva offrirgli, Juan si sporse in avanti e lei fece del suo meglio per non rabbrividire mentre lui le accarezzava di nuovo il viso con la mano.

"Un viso così bello, che peccato che presto si riempirà di molte altre rughe." Juan si appoggiò allo schienale, aspettando di vedere l'entità della sua miseria.

"Qualsiasi cosa," sussurrò Desi mentre si guardava intorno, evitando gli inflessibili occhi castani di Juan. "Non voglio fare niente."

"Non ti costringerò a spogliarti. Ma me ne andrò tra dieci secondi se non lo fai," disse Juan con un grande sorriso sul viso mentre la sua lingua faceva capolino dallo spazio tra i denti mancanti. Il suo sfruttamento è stato un'opportunità per fare una scopata memorabile e, chissà, magari per guadagnare più soldi sfruttando le insicurezze di Desi.

"Possiamo entrare in casa? In un posto più privato."

Juan si guardò intorno e vide che nessuno dei suoi vicini aveva la vista sul suo patio coperto. "No," disse con fermezza, "per ora va bene."

"Le foto sono reali?" chiese Desi un'ultima volta. Paura e confusione si aggiungevano al ticchettio dell'orologio nella sua mente, divenne paranoica pensando che questa fosse la sua unica possibilità di rimanere bella.

"I tuoi dieci secondi sono scaduti!"

Desi sobbalzò all'annuncio di Juan. Non avrebbe mai immaginato che avrebbe permesso a un estraneo di trattarla così, per non parlare di un uomo così brutto.

"Aspettare!" esclamò.

La sedia cigolò sul cemento quando Desi la spinse indietro e si alzò di fronte a Juan. Odiava il suo sorriso compiaciuto, il naso grosso e la testa calva; odiava tutto di lui. Tutta questa faccenda era surreale, ma le immagini dell'immutabile moglie di Juan nelle foto erano la prova sorprendente che il suo sperma conteneva una formula magica.

"Brava ragazza, vieni vicino a me. Voglio toccare il tuo giovane corpo."

Juan posò una mano su ciascuna delle cosce bianche e nude di Desi, e lei rabbrividì al suo tocco. Le strofinò le gambe forti risalendo finché le sue dita non furono sotto la gonna da tennis, trovando i pantaloncini attaccati. L'elastico in vita si espanse mentre lui le abbassava lentamente i pantaloni finché non esponeva le sue mutandine di pizzo bianco.

Lasciò la gonna/pantaloncini all'altezza del ginocchio e si chinò per annusare la sua figa. Il suo profumo era forte. Lui inserì due dita tra le sue gambe, massaggiandole le mutandine e allungò la mano dietro di lei per scoprire che indossava un perizoma. Il suo culo nudo era piacevole e le sue dita lo stringevano violentemente.

Disgustosamente, rimase immobile mentre quell'uomo brutto le accarezzava il corpo. Il buon senso le urlava di fermare questa follia. Aveva bisogno di controllare l'incessante tormento della fede e del dubbio. I suoi muscoli si irrigidirono alle sollecitazioni di Juan.

"Tuo marito ti ha scopato la fica stamattina?"

Rabbrividì alla parola "c"; l'aveva sempre odiato. "SÌ."

"Ti sei lavato dopo?"

"NO."

"Perché no?"

Desi non voleva rivelare i suoi feticci a quest'uomo, ma non aveva scelta. "Mi piace tenere il suo sperma dentro di me."

"Guardami mentre gioco con la tua fica, questo ti eccita, vero?"

"NO!" Desi ha mentito a Juan. Cercò di mantenere il contatto visivo, ma lui sembrava un pervertito squilibrato. Mai nemmeno in un milione di anni avrebbe immaginato che ciò le accadesse, proprio a casa sua.

Le dita di Juan spostarono le sue mutandine di pizzo da un lato e lui le strofinò le piccole pieghe. Ha provato a spingere il suo dito indice dentro di lei e ha scoperto che era stretta, come una vergine.

"Hai una fica minuscola," rise Juan, "tuo marito ha un cazzo minuscolo da abbinare?"

Desi avrebbe voluto mandare a quel paese questo odioso omino bruno, ma il rischio era troppo alto. La sua piccola apertura era una delle ragioni per cui suo marito l'aveva sposata. Juan aveva indovinato; il cazzo di suo marito era appena dieci centimetri quando era duro e magro come il suo mignolo. Erano una coppia perfetta l'uno per l'altro.

"Per favore, Juan, Dio ha reso la mia figa troppo piccola. Il tuo dito mi fa male."

"Oh, signora," sorrise Juan, ridendo del suo disagio, "presto avrai qualcosa di molto più grande in te."

Desi è diventata realtà e ha cercato di scappare. La brutta faccia di Juan profetizzava dolore e agonia futuri. "Non posso farlo!"

Juan era potente grazie ai suoi anni di lavoro pesante e riusciva facilmente a tenere Desi al suo posto. Il suo tentativo di liberarsi gli conficcò il dito più in profondità nel suo buco stretto. Barcollava sul posto con le ginocchia legate dalla gonna da tennis mentre rimbalzava da una gamba all'altra.

"Oh cazzo!" Desi gemette. "Per favore, non più!"

"Smettila!" urlò Juan, "Smettila di piagnucolare, altrimenti me ne vado!"

Desi guardò la faccia irata di Juan. Sembrava che lui le avesse stretto il pugno. Cercò di rilassarsi, il suo respiro si fece affannoso. Un perfetto sconosciuto le ha messo un dito nella fica e ha minacciato di infilarle il pene. Era tutto troppo per lei. Come è finita in questa situazione assurda?

"Se vuoi il mio sperma speciale, farai quello che dico!" Juan si alzò per guardarla negli occhi.

Erano entrambi più o meno della stessa dimensione, circa un metro e mezzo. Juan tenne il dito su Desi mentre avvicinava il viso al suo.

"Voglio che tu mi baci come se fossimo amanti. Se non lo fai, beh, penso che tu conosca già le conseguenze."

Gli occhi azzurri di Desi fissavano quelli marrone scuro di Juan. Si stava comportando come una sciocca, ma nel suo cuore voleva credere alle sue affermazioni.

"Devi guadagnarti il ​​mio sperma", ha detto francamente. Quando Desi non rispose, le agitò il dito dentro. "Siete pronti?"

"SÌ!" Desi esclamò: "Voglio quello che ha tua moglie. Voglio essere senza rughe!"

L'illusione della bellezza la rese vulnerabile e spinse Desi a fare ciò che Juan aveva chiesto. Lo abbracciò e le sue labbra lo incontrarono, all'inizio esitando, con gli occhi fermamente chiusi per nascondere le sue disgustose caratteristiche fisiche. Desi sentì la sua lingua cercare di entrare nella sua bocca e lottò contro di essa. Solo quando lui agitò il dito lei cedette e gli aprì la bocca. Adesso lui stava violando due delle sue tre aperture, e sapeva che avrebbe preso anche l'ultima.

Il petto di Juan si gonfiò per la sua fortuna. La giovane moglie snob era come creta nelle sue mani. Ogni volta che lui muoveva il dito nella sua figa stretta, lei ballava in punta di piedi. Non sapeva se fosse dolore o piacere, ma in quel momento non gli importava. Adesso lo stava baciando e succhiando la sua lingua mentre lui gliela infilava in bocca.

La sua figa stava diventando più bagnata e il suo dito era in grado di muoversi più facilmente, quindi aumentò la velocità e la profondità della sua invasione indesiderata del suo corpo. Ogni pressione del suo dito suscitava un nuovo gemito o strillo da parte della ragazza svampita. Questo nuovo potere inebriante oscurò il comportamento normalmente calmo e accomodante di Juan. Per la prima volta nella sua vita si sentiva un maschio alfa.

Desi odiava se stessa. Quell'ometto spregevole l'aveva eccitata. "Oh cazzo," gemette Desi. "Che cosa mi stai facendo?"

Juan era soddisfatto di sé; aveva preso il controllo. La sua figa stretta perdeva molti succhi e probabilmente lo sperma di suo marito. La sua testa era appoggiata sulla sua spalla mentre muoveva i fianchi sul suo dito. Le afferrò la coda di cavallo bionda e le tirò indietro la testa per guardarle il bel viso. Gli occhi azzurri vitrei di Desi erano pieni di lussuria e vergogna.

"Togliti il ​​top, mostrami le tette."

Desi non ha discusso; incrociò le braccia e si tirò la maglietta sopra la testa, lasciandola cadere sul pavimento di cemento, esponendo un reggiseno di pizzo bianco abbinato. In un paio di movimenti, il reggiseno trovò un punto sul pavimento vicino al suo top. Desi ha provato a coprirle il seno, ma Juan le ha abbassato le mani. Desi aveva il seno piccolo e indossava sempre reggiseni imbottiti per nascondere la sua taglia a tutti.

Juan cercò di non ridere delle dimensioni del suo seno ma non poté trattenersi. "Veramente?" rise: "È questo che stavi cercando di nascondere? Mia nipote adolescente ha le tette più grandi delle tue."

Le risate e le provocazioni di Juan la umiliarono ulteriormente. "Mi dispiace," disse Desi senza alcuna ragione apparente se non l'umiliazione.

Juan continuò a ridere mentre le pizzicava uno dei capezzoli tra le dita. "Quindi hai le tette piccole e la fica abbinata. Sei stata fortunata a trovare un marito che non vuole una vera donna."

"Lo so", disse un Desi sconfitto. "Ecco perché ho bisogno della tua crema; ho bisogno di rimanere bella per non perdere mio marito."

Juan le accarezzò il viso e la guardò sotto una nuova luce. Potrebbe essere una donna poco sveglia, ma non era diversa da lui. Entrambi avevano difficoltà quotidiane.

Il viso di Desi sussultò quando Juan ritirò il dito dalla sua vagina. Il suo orgasmo si stava sviluppando contro la sua libera volontà. Quando Juan le portò il dito alle labbra, lei lo succhiò, assaporando i suoi succhi e quelli di suo marito.

"Hai un dito grosso", sussurrò. "Più grande del pene di mio marito."

"Stai scherzando? Aspetta di vedere il mio cazzo allora!"

"Juan, dobbiamo parlare," implorò Desi. "La mia figa è molto stretta, ma ho imparato a usare la bocca per compiacere gli uomini. Ti prometto che non rimarrai deluso."

"E il tuo culo?"

"A volte," rispose Desi esitante. "Dipende da quanto è grande l'uomo."

"Toglimi il cazzo," ordinò Juan.

Desi prese la cerniera dei pantaloni logori di Juan; le sue mani tremavano al pensiero di vedere il suo cazzo. Infilò la mano nella biancheria intima bianco sporco di Juan e circondò la mano attorno al suo pene caldo. Cercò di non sussultare per le dimensioni. Non era il più grande che avesse mai toccato, ma era parecchie volte più grande di suo marito.

Non appena le dita di Desi toccarono il suo cazzo, Juan quasi lo perse. Le sue piccole dita lo accarezzarono nelle mutande. "Guardalo; dimmi cosa farai con il mio cazzo."

Desi ha tirato fuori il cazzo di Juan sotto il sole del mattino. "È pazzesco," mormorò tra sé e sé mentre dava la prima occhiata al suo cazzo. "Sei troppo grande per la mia figa. Posso succhiarti, però, e forse se usiamo il lubrificante, puoi usare il mio sedere."

Juan sapeva che avrebbe dovuto partire con i cinquecento dollari, ma la sua lussuria non glielo avrebbe permesso. Mai una bella donna bianca era stata così intima con lui.

"Succhiami, mettiti in ginocchio e succhia il mio cazzo nella tua bella bocca. Dimostrami che meriti il ​​mio sperma."

Desi non riuscì a nascondere il suo disgusto mentre si inginocchiava ai piedi del brutto uomo simile a uno gnomo in piedi così compiaciuto di fronte a lei.. La sua gonna da tennis dava alle sue ginocchia un po' di conforto dalla dura superficie di cemento, ma non molto.

Fu sorpresa di scoprire che il suo cazzo aveva un odore fresco e pulito mentre gli strofinava il viso contro. Era passato molto tempo dall'ultima volta che aveva in bocca un cazzo che avesse sostanza. Con gli occhi chiusi, lo stomaco pieno di farfalle e la speranza che batteva nel cuore, iniziò a succhiare il grosso cazzo di Juan

Concentrati sul risultato finale, continuava a ripetere nella sua mente. La sua bocca si trasformò, viva di passione e incoscienza, alla ricerca del tesoro inestimabile nascosto nel cazzo di Juan. Sembrava assurdo, ma Juan sosteneva che il suo sperma contenesse speciali proprietà antirughe. Desi pregava disperatamente che stesse dicendo la verità; non poteva sopportare il pensiero che sul suo bel viso comparissero ancora le rughe.

Il cazzo di Juan crebbe nella bocca di questa sciocca donna, le sue capacità orali erano eccellenti, ma lui non voleva venire troppo presto. Amava il potere che aveva su di lei. Ha spinto il suo cazzo fino in fondo nella sua bocca. Con una presa salda sulla sua testa, le tenne il naso contro lo stomaco.

Desi ha succhiato aria non appena il cazzo di Juan ha lasciato la sua bocca. "Bastardo!" esclamò mentre le lacrime le rigavano il viso trascinando con sé il mascara. "Mi hai quasi ucciso!"

Desi ha provato ad alzarsi, ma Juan la ha trattenuta: "Pensavo avessi detto che potevi succhiare un cazzo," la rimproverò. "È stato un tentativo pietoso. Non credo che tu voglia il mio sperma speciale. Sei una ragazza ricca, magra, bianca e viziata. Sei disposto a rinunciare a tutto questo?" chiese Juan duramente, mentre agitava le braccia in aria verso la casa e la piscina.

"Non ti conosco e non mi piaci." Juan fece un passo indietro. "Infatti forse dovrei dare la mia crema alla tua ragazza. Anche lei era interessata e ha detto che mi avrebbe pagato più di te."

Desi fu presa dal panico mentre guardò Juan, "NO!" implorò: "È stata quella fottuta Susan, vero? È sempre stata gelosa di me!"

"Forse," disse Juan mentre lanciava il suo sorriso sdentato al nuovo nome. "Susan ha detto che hai finto tutto e che avresti finto con me."

"Quella stronza! Lei è quella con il naso e le tette finte! Aspetta di vederla!"

"Se mai mi menzioni a Susan, non mi vedrai mai più. È chiaro!"

Desi mise da parte la sua rabbia. Questo era più importante di una futile disputa con la sua futura ex migliore amica. "Mi dispiace, hai ragione. Per favore dimmi cosa vuoi. Per favore, Juan, lasciami riprovare," pregò Desi mentre si riorganizzava. "È passato così tanto tempo dall'ultima volta che ho succhiato un cazzo grosso come il tuo. Posso fare di meglio!"

"Prendi di nuovo il mio cazzo in bocca. Non mi colpirai e non proverai a scappare. Quando sarò pronto, ti arriverò in faccia. O forse preferiresti che chiamassi Susan invece?"

Juan non aveva un osso cattivo nel suo corpo, ma questa donna ricca fece emergere un lato diverso in lui. Si risentiva del suo atteggiamento privilegiato.

Desi non ha mai detto una parola. Aprì la bocca e con occhi imploranti guardò Juan. Gli succhiò follemente il cazzo, usando tutti i suoi vecchi trucchi. Lo succhiò più profondamente che poteva e sognava di essere bella per sempre. Anche se avesse dovuto fare cose brutte con Juan, ne sarebbe valsa la pena. Desi ha giurato che in nessun modo quella stronza di Susan avrebbe preso la SUA crema.

"Molto bene," disse compiaciuto Juan, "così va molto meglio. Ti piace succhiare il cazzo di un vero uomo, lo vedo."

Juan amava il suo nuovo atteggiamento. Mancavano ancora diversi centimetri e con un solo movimento seppellì il cazzo fino in fondo, oltre il riflesso del vomito. Le sue mani forti la tenevano lì mentre aspettava di vedere se si lasciava prendere dal panico.

"Così va molto meglio," lo elogiò Juan. "Ricorda che Susan sarà sempre disponibile se non mi accontenti."

Desi ha lottato per mantenere la calma. Solo la menzione del nome di Susan la faceva infuriare, e succhiava più forte.

Juan si tirò fuori e lanciò a Desi uno sguardo duro. "Il mio sperma mantiene mia moglie giovane e bella, lei se lo spalma sul viso e ferma le rughe."

"Quanto spesso deve farlo?" chiese Desi esitante.

"Quando era più piccola, solo una volta alla settimana", ha detto Juan, "ma ora che è più grande, ne ha bisogno tutte le sere". Juan guardò Desi e scosse la testa. "Se ti do la mia crema, allora mia moglie dovrà rinunciare una volta alla settimana, e inizierà a invecchiare. Non ho deciso se valgi il sacrificio. Forse dovrei prima incontrare Susan e vedere cosa sta facendo." ha da offrire?"

Desi ha pensato incautamente di poter semplicemente fare un pompino veloce a Juan, prendere la crema e poi non vederlo mai più. Questa nuova conoscenza ha cambiato tutto. Una cosa che aveva giurato era che la sua fottuta ragazza non avrebbe mai ricevuto la pozione magica di Juan, qualunque cosa accada. "Quindi dovremmo vederci ogni settimana? E tu mi verresti in faccia?"

"Sì, e ovviamente dovresti pagarmi cinquecento dollari ogni volta." Juan non poteva credere che quella sciocca donna fosse così stupida da credere alla sua storia. "Se decido che sei tu, allora mi permetterai anche di scopare tutte le tue aperture." continuò, "anche la tua fica stretta."

Desi impallidì a quel pensiero; sapeva che il dolore sarebbe stato insopportabile. "Ti accontenteresti solo del mio culo?" chiese Desi disperatamente.

"Vuoi che chiami Susan?"

"No," disse Desi sconfitta, chinando la testa e imprecando silenziosamente al pensiero che Susan fosse più bella di lei. "Sì, puoi scopare anche la mia figa."

"Quando sei con me si chiama fica," corresse Juan, "ora dimmi cosa posso farti ogni settimana."

Desi vide che non c'era compassione negli occhi di Juan. Doveva fare una scelta: "Juan, per favore incontrami ogni settimana così posso ricevere la tua sborra speciale. Voglio che tu mi scopi la bocca, la fica e il culo e vieni sulla mia faccia. Farò qualunque cosa tu chieda di me."

Juan voleva gridare al mondo in festa; questa bellissima giovane donna bianca era sua da scopare ogni settimana finché non si rese conto che non esisteva una crema antirughe magica e, soprattutto, lo avrebbe pagato per farlo! Come il miglior giocatore di poker del mondo, il suo volto non mostrava emozioni.

"Sarai il mio partner sessuale disponibile e mi pagherai", ha confermato, "e in cambio ti fornirò la mia crema antirughe da spalmare su tutto il viso."

"Si, sono d'accordo."

"Bene!" disse Juan sorridente, "Penso che sia ora di vedere quanto è stretta la tua fica! Hai del lubrificante o vuoi che usi il tuo sputo?"

"Hai un preservativo?" Mai nei suoi sogni più sfrenati aveva pensato di fare sesso non protetto con un uomo così brutto!

"Hai una malattia?" disse Juan mentre si accarezzava il grosso cazzo.

"No, ma..." cominciò a dire Desi.

"Allora non sarà necessario," lo interruppe Juan, "ti scoperò senza preservativo e il mio cazzo entrerà in tutti i tuoi buchi."

Desi sapeva che il suono viaggiava velocemente da una tenuta all'altra e non voleva che i vicini la sentissero urlare quando Juan le invadeva la figa con il suo grosso cazzo. "La mia crema lubrificante è in camera da letto," disse Desi, "possiamo entrare, per favore, Juan?"

Il suo bel viso lo guardò con ansia. "Vuoi scoparmi sul letto di tuo marito?" ha riso. "Forse possiamo invitarlo a guardare la prossima volta?"

Desi si bloccò a quel suggerimento, "NO!" lei ha urlato. "Fred non dovrà mai scoprirlo!"

La risata di Juan era così forte che Desi sapeva che i suoi vicini lo avevano sentito. Doveva farlo entrare in casa velocemente prima che uno di loro la chiamasse. "Fanculo, Juan, fanculo la mia fica! Andiamo dentro adesso," supplicò Desi

Juan allungò la mano e aiutò Desi ad alzarsi. Mentre si chinava per raccogliere i suoi vestiti, Desi si rese conto del suo errore quando sentì la mano di Juan sulla sua schiena.

"Resta così; voglio guardarti il ​​culo e toccarti. Hmm, che pelle morbida." - mormorò Juan. "Apri le tue guance per me."

Un brivido percorse il corpo di Desi mentre Juan le accarezzava il sedere. Lei sobbalzò quando lui le spinse il pollice nel sedere. "Per favore, Juan, possiamo usare un po' di crema? Mi fai male."

Juan passò alla sua fica e le spinse ancora una volta il dito dentro. "Okay," disse mentre il suo dito entrava più facilmente questa volta, "Non vedo l'ora di sentire la tua fica stretta sul mio cazzo!" Juan tirò fuori il dito e le diede una pacca sul sedere sodo.

"Questo è per aver fatto tutto questo trambusto," disse Juan vedendo la sua faccia sorpresa. "Sbrigati prima che ti schiaffeggi di nuovo!"

Desi afferrò i suoi vestiti e corse verso la porta del patio, sapendo che Juan le sarebbe stato alle calcagna. Questa volta gli tenne la porta aperta e lo lasciò entrare per primo, mostrandogli un po' di rispetto.

"La mia camera da letto è in fondo al corridoio."

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Grazie per aver dedicato del tempo a leggere la mia fantasia. Se il capitolo 1 ha stuzzicato la tua fantasia, apprezzo il tuo voto e gli eventuali commenti.

Storie simili

Diventare Zoe

La mia futura moglie Annie aveva accettato un lavoro fuori città e la vedevo solo ogni due settimane circa. Mi mancava così tanto. Lei ed io eravamo diventati amanti a distanza. Aveva un volo di ritorno a casa venerdì sera. Stavo andando a prendere suo figlio Zakk dal suo dormitorio e noi due saremmo andati a prenderla all'aeroporto e ci saremmo goduti il ​​fine settimana insieme. Zakk è al suo primo anno di college e sta studiando per diventare un truccatore per il teatro e lo schermo. Lui e io non ci siamo davvero conosciuti e questo doveva essere il fine...

1K I più visti

Likes 0

La sorella della moglie è la puttana dell'ufficio!

Questa non è esattamente una storia normale che potresti trovare su xnxx. Ho trovato questo pubblicato in un forum insieme a un mucchio di commenti di giudizio. Lo sto solo ripubblicando per far divertire le persone. Il poster originale afferma che questo è tutto vero e che ha cambiato i nomi. La sorella di mia moglie è la puttana dell'ufficio e suo padre gliel'ha fatto fare! Katie ha sempre condiviso tutto con me e il percorso professionale di sua sorella è diventato un argomento di cui discutiamo a letto. Rosie ha sempre avuto un corpo delizioso ma non c'è molto da...

850 I più visti

Likes 0

Il furgone - Scopa mia moglie

Una sera io e mia moglie stavamo cenando, è venuto fuori l'argomento di una delle nostre fantasie. L'abbiamo chiamato il furgone. Era stata una nostra fantasia ricorrente prendere diversi ragazzi e farli scopare mia moglie nel retro di un furgone. Questa volta abbiamo deciso di farlo quindi abbiamo aspettato il weekend. Abbiamo noleggiato un furgone bianco per la notte e siamo andati in centro alla ricerca di alcuni ragazzi belli e sani. Indossava un mini abito nero scollato e aveva un letto rifatto nella parte posteriore. Abbiamo guidato per un po' e ci siamo imbattuti in un ragazzo che camminava da...

1.9K I più visti

Likes 1

Fantasia di schieramento

Voglio raccontarvi tutto del mio dispiegamento in Turchia. Ero solo e non avevo voglia di fare lo stesso di tutti gli altri ragazzi. Sai parlare con le ragazze dello stato sperando di poter organizzare qualcosa per quando torno. Ero in una stanza con 8 ragazzi in 4 letti a castello e volevo trovare qualcuno che fosse di stanza qui con la propria stanza. Forse anche una casa. Così sono andato al gruppo di vendita in cantiere su Facebook e ho iniziato a cercare un amico nell'elenco dei membri. Chissà, forse conoscevo qualcuno qui. Beh, mi sono imbattuto in una ragazza di...

2.4K I più visti

Likes 0

Sissy Lucy incontra suo padre

Ho circa 20 anni e gestisco un ristorante/bar locale. Sono 5 piedi e 8 e magro con lineamenti abbastanza femminili. Per la maggior parte delle persone sono solo Tom, un ragazzo normale che ha fidanzate occasionali, ama una birra e guarda il calcio. Per i miei amici più cari sono Lucy, una troia femminuccia che ama il cazzo. Di recente ho trovato un papà online. Era un uomo più anziano e più esperto. Abbiamo iniziato a chattare e gli ho inviato alcune foto e videoclip birichini di Lucy che suonava. Mentre parlavamo ho rivelato che mi piace essere dominato, mi è...

774 I più visti

Likes 0

La mia vera storia di vita: capitolo uno

Diverse persone mi hanno chiesto di raccontare la storia della mia vita poiché ho accennato ad alcune delle mie esperienze insolite. Quindi penso che il miglior punto da cui iniziare sia la notte in cui sono finiti i miei 10 anni di matrimonio. Era un venerdì sera e mio marito Tim è tornato a casa ubriaco. Questa era diventata la sua pratica abituale negli ultimi due anni. Ha affermato che il suo capo gli stava causando un aumento dello stress e ha dovuto fermarsi con i ragazzi per rilassarsi. All'inizio tornava a casa un po' brillo per quando portavo a letto...

752 I più visti

Likes 0

Dare un erede a Lord Ablington

Stavo oziando tutto il giorno aspettando il pranzo quando ho sentito la terribile notizia: Alan Lord Ablington era caduto da cavallo durante la caccia di lunedì mattina ed era completamente morto. Tommy Goodfellow si era fermato mentre andava ad Abbotsford quel martedì mattina per raccontarci, come sapeva, della mia precedente conoscenza con Lady Ablington. Ho provato un misto di emozioni. Lord Ablington aveva recentemente corteggiato e poi sposato la mia dolce metà d'infanzia, una certa Miss Amy Merry, alla quale ero rimasto immensamente affezionato, non si poteva biasimarla, Ablington possedeva la maggior parte del villaggio e molto altro ancora mentre la...

767 I più visti

Likes 0

Colto in flagrante_(0)

Colto con le mani nel sacco Questa esperienza ha coinvolto il mio conoscente Ben. Dico conoscente perché l'ho incontrato solo una volta prima, abbiamo parlato a malapena e non aveva molto legame con me: era il figlio della mia amica più grande Vicky. Conoscevo Vicky perché facevo volontariato nel suo negozio di animali e, anche dopo aver finito, ancora oggi restiamo buoni amici. All'epoca avevo 15 anni e Ben 13. Vicky mi ha invitato a fare un barbecue per festeggiare il suo compleanno, quindi insieme a molte altre persone ho accettato, ero il più giovane lì a parte Ben che è...

276 I più visti

Likes 0

Samantha e Kaylee_(0)

Avevo una vicina di nome Kaylee che era meravigliosa. Era alta, atletica e aveva un corpo sodo. Probabilmente circa 120 libbre. pelle abbronzata, capelli castano scuro. Ha sicuramente attirato la mia attenzione. Non era una troia, era più una provocazione. Abbiamo frequentato la stessa scuola superiore. L'ho vista spesso, ma non abbiamo parlato molto. Tutto in lei era ipnotizzante, il modo in cui i suoi capelli erano lunghi e avevano la giusta quantità di riccioli, le sue gambe, la figura sexy, aveva persino delle fossette sopra il sedere che potevo vedere quando era in bikini intorno alla piscina. Era una brava...

263 I più visti

Likes 0

La migliore sorella del mondo!!! Parte 2

La migliore sorella del mondo!!! Parte 2 Mi sono svegliato la mattina dopo più riposato di quanto mi fossi sentito da molto tempo. Gli eventi della notte precedente mi stavano attraversando la mente mentre iniziavo a prepararmi per la scuola. Sia io che Sydney ci amavamo molto, in un certo senso fraterno. Non avevo mai pensato a lei sessualmente, ma quando l'ho vista masturbarsi fino all'orgasmo mentre pensava a me... ho iniziato a vederla sotto una nuova luce. Ora la vedevo non solo come mia sorella maggiore, ma come una donna bella e sexy. Sono sceso al piano di sotto, la...

2.5K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.