Massaggio incestuoso della carne Capitolo 9: Insegnare alla loro mamma-troia

804Report
Massaggio incestuoso della carne Capitolo 9: Insegnare alla loro mamma-troia

Massaggio incestuoso della carne

(Una storia incestuosa dell'harem)

Capitolo nove: Insegnare alla loro mamma-troia

Di mypenname3000

Diritto d'autore 2019

Nota: grazie a wrc264 per aver letto questa beta!

"Diventerai davvero una brava, piccola massaggiatrice, non è vero, mammina troia," disse la mia ragazza, con un tono roco nella voce mentre parcheggiavo la macchina nel retro del salone di massaggi Lady Touch.

"Sì, figlia", disse la signora Armstrong, con voce sottomessa mentre sedeva sul sedile posteriore.

L'avevamo appena andata a prendere a casa sua. Dobbiamo possederla durante il giorno. Era la nostra schiava del sesso. Beh, tecnicamente era la schiava sessuale di Stefani, ma il mio amante era più che felice di condividere la sua mamma troia con tutta la famiglia. Abbiamo usato la signora Armstrong, ci siamo divertiti e poi l'abbiamo restituita a suo marito per la sera. Non volevamo rompere il loro matrimonio.

Faceva caldo costringerla ad andare in chiesa con suo marito, per far finta al mondo di essere la sua moglie schiva e fedele mentre noi la rendevamo la nostra puttana. Le ultime settimane erano state cattive. È stato davvero un piacere.

È stato tutto merito di mio fratello. Clint aveva manipolato tutto, convincendo lo schifoso signor Armstrong che dovevamo controllare sua moglie e impedirle di diventare una completa puttana. La presunta donna tesa era schiava delle sue concupiscenze.

Adesso era una nostra schiava.

Scesi dall'auto sulla ghiaia del retro e stirai la schiena. Rabbrividii, flettendo le mie dita. I miei fianchi si muovevano avanti e indietro mentre chiudevo la porta. La mia amante bighellonava intorno al veicolo, con un sorriso malvagio sul viso mentre sua madre scendeva, i capelli ramati che le scomparivano sul viso. La signora Armstrong indossava il suo vestito modesto come al solito. Non diresti mai che fosse una schiava del sesso. Anche il girocollo che indossava non sembrava insolito.

Era una placca d'oro su una catena che le si adattava perfettamente al collo e diceva: "Mamma devota". Era così innocente. Scommetto che le donne in chiesa lo ammiravano, non sapendo che era il suo collare da schiava, prova che Stefani la possedeva.

Ho aperto la porta sul retro del negozio. La sala massaggi è stata aperta tra un'ora. Lee, Juana e Carmelita sarebbero arrivate presto, ma siamo arrivati ​​un po' presto per insegnare alla signora Armstrong. Volevamo che lavorasse qui.

Per fare massaggi sfrenati.

"E se qualcuno che conosco venisse qui?" disse la signora Armstrong mentre scivolavamo nel salotto.

«Bene, allora sapranno che anche tu sei una puttana lesbica», disse Stefani. Ha dato una pacca sul sedere a sua madre. Gli occhi verdi della mia amante erano luminosi, i suoi capezzoli con il piercing premevano forte contro il materiale elastico. I suoi seni sussultarono. "Non è meraviglioso?"

"Sì, figlia", disse la signora Armstrong, arrossendo.

Ho sorriso e ho aperto la porta. Ho dato un colpetto sul sedere della signora Armstrong mentre passava, la sua gonna marrone si è modellata sul suo sedere per un secondo. Potevo sentire che sotto non aveva biancheria intima. Non le era permesso indossare indumenti intimi.

Nel momento in cui fu dentro, le sue dita corsero ai bottoni del vestito. Li abbottonò, infilando i bottoni negli occhielli. Si morse il labbro inferiore mentre metteva in mostra sempre di più il suo seno rotondo. Erano della stessa misura di quelli di sua figlia, ma più morbidi.

Anche Stefani sarebbe diventata più grande ora che era incinta? Lo abbiamo scoperto solo ieri. Clint l'aveva sicuramente allevata il giorno in cui abbiamo rotto il signor Armstrong e gli abbiamo fatto accettare di fare della signora Armstrong la nostra troia.

La signora Armstrong si tolse il vestito, piegandolo, facendo tremare il seno nudo. Le sue guance avevano ancora quel delizioso rossore. I succhi brillavano sul suo cespuglio rosso scuro. Mosse i fianchi avanti e indietro, stringendo forte le cosce.

"Mmm," dissi, dirigendomi verso la sala relax dei dipendenti del salotto, sollevando con le dita l'orlo del top. Ho scoperto le mie grandi tette, i miei capelli color ottone che mi cadevano sulle spalle. “Ti insegneremo ad essere la migliore massaggiatrice, signora Armstrong. Amerai tutti i nostri clienti senza essere pagato.

"Mangiando le loro fighe", gemette Stefani.

"Leccandogli il culo", gemetti.

"Bere la loro pipì", ha detto Stefani. "Oh, aspetta, puoi bere solo la nostra pipì."

La signora Armstrong emise un gemito basso e gutturale. Non sapeva di quella perversione finché Stefani non le aveva pisciato in bocca due settimane prima, ma le era piaciuto molto. La donna più anziana era una tale troia. Voleva tutto. Desiderava una passione malvagia.

Ho slacciato il bottone dei miei pantaloncini. Li ho spinti giù insieme alle mie mutandine, alla mia figa appena rasata da Lee stamattina. Il mio seno nudo ondeggiava mentre piegavo i miei vestiti e li infilavo in un ripostiglio. Stefani si spogliò accanto a me, mostrando il suo tatuaggio a forma di dente di leone, luminoso e solare sul monticello pubico. Le labbra della sua figa sembravano così succose e gonfie, il suo clitoride faceva capolino.

Mi leccai le labbra, desideroso di banchettare con lei.

I suoi capezzoli con piercing brillavano mentre afferrava la vestaglia da massaggiatrice. Indossavamo queste vesti color pastello di seta che spesso venivano tolte quando eravamo sole con i nostri clienti. Avevamo molti clienti abituali che venivano qui solo per avere orgasmi birichini, anche se alcune donne volevano solo essere massaggiate.

Uscimmo e ci dirigemmo verso una sala massaggi. Ho acceso un bastoncino d'incenso mentre la mia amante dai capelli rossi si sdraiava a pancia in giù sul tavolo, con il sedere che si muoveva avanti e indietro. Le dita dei piedi si flettevano e si arricciavano. La sua testa svanì nell'intaglio ovale in cima al lettino da massaggio, imbottito per offrirle conforto.

"Ti strofinerò tutto il corpo, figlia", fece le fusa la signora Armstrong mentre tirava fuori l'olio da massaggio. "Ti rilasserò."

"Bene", disse. “Sono super incinta. Ne ho bisogno."

"Non sei super incinta", dissi, scuotendo la testa. “Non ti fai nemmeno vedere. Non sono nemmeno super incinta. Stavo iniziando ad avere la nausea mattutina. Non era grave, solo un po' di nausea al mattino che alcuni cracker salati hanno aiutato a calmare.

"Sono super incinta, Yunie!" disse il mio amante, stringendo il sedere. “Ho bisogno di essere coccolato.”

"Naturalmente, figlia", disse la signora Armstrong, spalmando l'olio da massaggio.

"Okay", dissi, spostandomi dall'altra parte del letto, con i miei grandi seni che ondeggiavano. “Voglio che tu inserisca davvero quelle dita nei suoi muscoli. Non essere timido. Non le farai del male. E presta attenzione a ciò che stai toccando. Puoi sentire dove ci sono i nodi nei muscoli.

La signora Armstrong annuì. La schiava sessuale sposata ha premuto le mani sulla schiena di sua figlia. Lei massaggiò la carne, inserendovi le dita. Stefani gemette di gioia. Ho guardato la MILF lavorare, la mia figa prudeva mentre accarezzava la carne di sua figlia.

Gli occhi verdi della signora Armstrong avevano una scintillante passione mentre massaggiava la schiena di Stefani, mentre il mio amante gemeva e tubava per tutto il tempo. La mia figa gocciolava dei succhi. Era così eccitante guardare la madre far godere la figlia.

I massaggi erano atti così intimi. Lo sfregamento della carne esposta di una persona formava una connessione cattiva. Mi morsi il labbro, le dita non vedevano l'ora di strofinarmi la fica mentre la signora Armstrong scendeva sempre più in basso, lavorando in tondo. Di tanto in tanto ho apportato piccole correzioni, facendole esercitare più pressione qui, per lavorare un po' più vigorosamente là.

“Ascolta il respiro di Stefani, i suoni che fa”, dissi, con i capezzoli che pulsavano. “Puoi dire se le piace o lo odia. Modera le tue azioni. Regolati. Se tuba, lavora di più lì. Rilassala."

"Sì, sì, rilassami", gemette Stefani, con la voce già un po' assonnata. "Mmm, va bene, mammina troia."

"Sono felice, figlia", ansimò la MILF.

Scivolò più in basso e strinse il sedere di sua figlia. Ho sorriso, guardando la MILF che massaggiava il sedere della mia ragazza. La MILF si leccò le labbra, le sue dita affondarono in quelle chiappe succose. Il buco del culo di Stefani lampeggiò e ammiccò mentre le sue chiappe si aprivano. La sua figa luccicava tra le sue cosce, i suoi succhi gocciolavano fuori da lei.

L'odore del suo muschio piccante, un sapore simile a quello della fica di sua madre, avvolgeva l'aria. L'ho inspirato, con il cuore che batteva forte. La mia lingua sfiorava le mie labbra mentre le dita della MILF si immergevano nel sedere di sua figlia. Le cifre accarezzarono il crepaccio. Ha accarezzato il buco del culo di sua figlia, massaggiandolo.

La signora Armstrong si morse il labbro inferiore mentre Stefani gemeva di gioia.

"Scivola semplicemente nel suo buco del culo", ho detto. “La senti. Lei lo ama. Devi conoscere la tua cliente e cosa vuole.

"Sì, Zoey", gemette la signora Armstrong. Ha premuto un dito nel buco del culo di sua figlia. Ho visto quell'anello anale ingoiare il dito.

Stefani piagnucolò mentre il dito di sua madre andava sempre più in profondità. Il sedere della mia amante si contrasse, le natiche che premevano sul dito di sua madre. La signora Armstrong ha pompato il dito dentro e fuori dal buco del culo di sua figlia, stuzzicandola, facendola tubare.

“Hai un'altra mano”, dissi, “quindi continua a massaggiarla. Accarezzale le gambe, il sedere e perfino la figa."

"Sì, Zoey", gemette la MILF. Rabbrividì, la sua fede nuziale balenò sulla sua mano sinistra mentre massaggiava la coscia della mia ragazza, lasciando dietro di sé la pelle lucida e ricoperta di olio.

La mia figa si è serrata. La mia fica era in fiamme e volevo toccarmi. Mi sono morsi il labbro. I miei fianchi si muovevano avanti e indietro. I succhi mi gocciolavano lungo le cosce. Questo calore mi bruciava. I miei seni sussultavano e tremavano, ondeggiando davanti a me. Mi facevano male i capezzoli.

Li ho pizzicati.

Il piacere mi è arrivato fino alla fica. Gemetti mentre Stefani piagnucolava. Si dimenò mentre sua madre le toccava il buco del culo. La signora Armstrong ha saccheggiato il buco del culo di sua figlia, la mano sinistra della MILF risale lungo la coscia di sua figlia per sfiorare la vulva paffuta di Stefani.

"Mamma-troia!" ansimò Stefani mentre sua madre le massaggiava la carne calda.

Lo amavo. La signora Armstrong ha strofinato le dita su e giù per la fessura di sua figlia, accarezzandola, massaggiandole la fica. Mi sono leccata le labbra con gioia, adorando i suoni emessi dal mio amante. I succhi della fica mi scorrevano lungo le cosce. Le mie dita contorcevano le protuberanze. L'elettricità mi è arrivata fino alla fica.

"Ecco fatto", gemetti. “Mmm, ascolta tua figlia. La stai rendendo bella e succosa. Le stai piacendo. Facendola eccitare.

"Lo sono", gemette la MILF. "Mmm, lei lo adora."

"Sì, lo fa", dissi, leccandomi le labbra. “Allora cosa farai adesso? Puoi sentire la sua passione. Cosa vuole?"

"Per venire", gemette la signora Armstrong. "Mia figlia ha bisogno di venire."

"Sì sì sì!" Stefani sussultò.

"Allora giriamola e iniziamo a 'massaggiarle' la parte anteriore." Mi sono leccata le labbra, impaziente di iniziare.

La MILF ha tirato fuori le dita dalla figa della figlia e dal buco del culo. Poi Stefani la girò sulla schiena, facendo rimbalzare i suoi seni rotondi. I suoi anelli sui capezzoli lampeggiarono. Le sue protuberanze erano rosa e deliziose. Si strofinò le cosce, il clitoride pulsava.

"Inizia dal suo seno", gemetti. “Massaggia semplicemente quelle tette. Tienila all'erta. Falla sentire fantastica.

"SÌ!" Stefani gemette, con voce febbrile.

Le mani della signora Armstrong afferrarono il seno di sua figlia, l'anello nuziale di diamanti scintillava. Ha promesso di essere fedele, ma era la nostra schiava sessuale cattiva. Faceva così caldo. Mi sono divertito, mentre le mie cosce si sfregavano insieme. Il mio clitoride pulsava e faceva male. I miei succhi colavano lungo le cosce.

La MILF ha strizzato le tette di sua figlia. Li massaggiò, infilando le dita in quelle tette lussureggianti. Stefani gemette mentre le dita di sua madre si arrampicavano sui suoi capezzoli con il piercing. Dita oliate massaggiavano quelle bellissime tette.

"Oh, questo è tutto", gemette Stefani. “Oh, Yunie, sta diventando brava in questo. È una troia così tettona."

"Lo sono, figlia", gemette la signora Armstrong. "Il tuo seno è semplicemente stupendo."

Si abbassò e succhiò un capezzolo forato. Stefani sussultò. Il suo corpo tremò, le cosce lucenti che si sfregavano insieme. Il lettino da massaggio scricchiolò mentre lei gemeva. Storcevo i capezzoli mentre guardavo lo spettacolo, la lingua che mi leccava le labbra.

Il profumo pungente della figa calda mi riempì il naso, madre e figlia si mescolavano insieme. Un accenno della mia passione aspra condiva quella delizia. I miei fianchi si muovevano avanti e indietro. La mia lingua mi leccò le labbra. Le mie dita dei piedi si arricciarono.

La signora Armstrong ha allattato il nocciolo di sua figlia. Stefani sussultò e rabbrividì. La MILF ha massaggiato entrambe le tette mentre adorava il capezzolo di sua figlia. Le labbra della MILF si chiusero forte. Il volto di Stefani si contrasse. La sua testa si mosse avanti e indietro.

"Questo è tutto", gemetti. “Massaggia quelle tette. Stai bagnando così tanto la figa del tuo cliente. Posso sentirne l'odore."

"Si si!" gemette Stefani. “Yunie, la mia figa incinta è in fiamme. Sono così pronto per il mio orgasmo. Oh, è incredibile. Stai facendo un ottimo lavoro, mammina troia."

La signora Armstrong gemette mentre succhiava il capezzolo di sua figlia.

Muovevo i fianchi avanti e indietro. Ho girato e pizzicato i miei capezzoli. Li ho tirati. La mia figa era in fiamme. Faceva così caldo. La signora Armstrong sarebbe la nostra schiava lesbica. Vorremmo farla piacere a così tante donne. Mangerebbe tutte queste fighe per noi.

Ci farebbe guadagnare così tanti soldi.

"Oh, Dio", gemetti, rilasciando i miei capezzoli. “Andiamo a massaggiarle la figa. Facciamola impazzire."

"Sì sì sì!" ansimò Stefani. “Massaggia la mia fica! Io sono in fiamme!"

La signora Armstrong staccò la bocca dal capezzolo di sua figlia. Lei gemette e poi fece scivolare la mano unta lungo lo stomaco di sua figlia. Raggiunse il monticello pubico rasato di Stefani. La MILF ha allargato le gambe di sua figlia, aprendo le labbra della figa di Stefani. La signora Armstrong si leccò le labbra mentre si avviava per salire sul tavolo.

Sorrisi deliziato mentre la signora Armstrong si sistemava tra le cosce di sua figlia. Mi sono unito a lei. Salii sul tavolo accanto a lei, premendo il mio corpo contro la MILF. Mi guardò, i suoi occhi verdi bruciavano di desiderio per sua figlia.

"Ti unisci al divertimento, Yunie?" chiese Stefani inarcando un sopracciglio.

Le ho fatto l'occhiolino. "Sto solo mostrando a tua madre come massaggiare una figa con la lingua."

"Penso che sappia come farlo." Stefani rabbrividì, le sue mani scivolarono verso l'alto per stringere le sue tette oliate. "Mmm, penso che qualcuno voglia semplicemente mangiare la figa super incinta."

"Perché no?" Ho chiesto. "Ti piace mangiare il mio."

Stefani rise, un suono ricco e malvagio. "Io faccio! Ooh, mostra alla mia mammina troia come leccarmi la fica."

Le nostre teste si abbassarono insieme, le nostre guance si strofinarono insieme. Il calore della sua figa mi sfiorò il viso subito prima che ci strofinassimo nella sua figa. La MILF e io ci siamo strofinati sulla carne calda di Stefani. Le nostre lingue scattarono insieme.

Lo amavo. Festeggiando con la figa della mia ragazza con sua madre al mio fianco.

Succhi piccanti mi ricoprivano la lingua. Quel sapore meraviglioso mi ha fatto sciogliere le papille gustative. La fissai mentre le nostre lingue saettavano sulla sua carne. Feci scorrere la lingua tra le sue pieghe. L'ho presa in giro. Le ha fatto piacere. Ansimò e gemette, tremando sul letto. Le sue gambe si piegarono.

È stato così emozionante goderselo. Le nostre lingue si sfiorarono mentre davamo piacere a Stefani. Ho accarezzato la lingua della signora Armstrong in mezzo alla carne di sua figlia. L'abbiamo fatta sussultare e rabbrividire. La sua schiena si inarcò, le sue tette tremarono.

Ho succhiato il clitoride della mia amante mentre sua madre le infilava la lingua in profondità nella fica. L'abbiamo presa in giro, facendola rabbrividire sul letto. Le sue dita si toccavano i piercing al capezzolo mentre le davamo piacere. Abbiamo accarezzato le sue labbra succose.

"Oh mio Dio, mi state mangiando entrambi la figa incinta!" gemette. “Oh, mammina troia, sto portando in grembo tuo nipote! Ooh, sì, sì! Lo ami! Ti piace mangiare la mia fica, vero?"

"Sì, figlia!" gemette la signora Armstrong. Si è attaccata al clitoride di sua figlia. Le sue guance si incavarono.

Ho leccato fino all'ingresso della figa di Stefani. Mi sono lanciata nella fica del mio amante. Mi sono girata dentro di lei. L'ho accarezzata, stimolata. Ho goduto la gioia di banchettare con lei. Affondai la mia lingua nelle sue profondità. Le ho scopato la lingua dentro e fuori dalla figa.

Sfrecciai dentro di lei. L'amavo. L'ho fatta gemere. L'ho fatta sussultare. Ho fatto roteare la lingua all'interno della sua fica. La sua passione piccante mi inzuppò la lingua. Mi ha ricoperto le labbra. Ansimò sempre più forte. La mia fica si contrasse, i succhi mi colarono lungo le cosce.

"Oh mio Dio, voi due mi state facendo impazzire!" ansimò Stefani. “Oh, mamma, mangia la mia figa allevata! Ooh, sì, sì! Sto per esplodere. Ooh, fallo! Fammi venire!"

"Sì, sì, cum!" gemevo. Affondai la mia lingua nelle sue profondità.

Stefani si ribella. Il lettino da massaggio gemette. I suoi seni sussultavano e ondeggiavano. La sua figa si strinse attorno alla mia lingua. Lei gemette e ansimò. La sua passione echeggiò nella stanza. Il suo viso si contorse. Poi gridò in estasi.

Da lei sgorgavano succhi piccanti. Mi hanno lavato la bocca. La bocca di sua madre. La signora Armstrong e io abbiamo leccato e lambito la deliziosa fica di Stefani. Le nostre lingue svolazzavano nella sua fica mentre lei si sgroppava. La mia figa si è serrata. Lo adoravo. Stava venendo così forte.

"Oh, mio ​​​​fottuto Dio!" gemette Stefani. “Oh, sì, sì! Yunie! Mamma troia! Oh, adori la mia figa incinta!

"Uh Huh!" Gemetti tra una leccata e l'altra.

Le nostre lingue lambivano la fica di Stefani. Il lettino da massaggio gemette mentre lei tremava. Lei resistette all'orgasmo. La mia figa era in fiamme. La mia fica è bruciata. Anch'io sono dovuto scendere. Avevo bisogno di venire. La mia figa incinta aveva bisogno di essere soddisfatta.

I succhi si riversarono lungo le mie cosce mentre leccavo la fica di Stefani con sua madre. La signora Armstrong gemette mentre divorava la fica di sua figlia. Alzai il viso, i succhi mi colava lungo il mento. Le mie grandi tette ondeggiavano mentre lasciavo che la MILF banchettasse.

"Ooh, devo essere massaggiato dopo, Dandi", dissi. "Massaggio alla fica."

"Devo dare a mia madre più pratica", piagnucolò Stefani. "Giusto, mammina troia?"

"Sì, figlia", gemette la signora Armstrong. “Devo essere pronto a soddisfare i tuoi clienti. Sarò una bravissima massaggiatrice. Mangerò tutte le loro fighe e leccherò i loro culi."

Stefani mi sorrise. "Oh, sarà perfetta."

"Sì", ho detto, con il corpo che tremava. “Oh, cavolo, sono proprio in fiamme. Cambiamo posto."

"Ma mi farà venire di nuovo", gemette Stefani. "Sono incinta. Ho bisogno di tutti gli orgasmi possibili”.

"Allora potrai sederti sulla mia faccia mentre tua madre mi lecca", le dissi leccandomi le labbra. "Ti darò tutta la sborra di cui hai bisogno."

"Sei il migliore, dannatamente", gemette. Poi rimase senza fiato. "Oh, dannazione, mammina troia!"

"Ti ha succhiato il clitoride?" Ho chiesto.

Lei annuì con la testa, chiudendo gli occhi. “Oh, mammina troia, devi smetterla. Devi esercitarti sulla mia Yunie. Il mio unicorno sexy ha bisogno di farsi leccare la figa.

Sorrisi a Stefani e mi chinai sul tavolo. Ho baciato la mia amante, premendo il mio seno pesante contro le sue tette. Ha assaggiato i succhi della sua figa sulle mie labbra. La sua lingua si insinuò nella mia bocca mentre sua madre continuava a banchettare con lei. Potevo sentire la leccata birichina e sentire il mio amante tremare e contrarsi.

Ho interrotto il bacio. "Ora togli il tuo culo avido dal tavolo così posso divertirmi un po'."

"Ooh, culo avido!" gemette. “Dovrei farti leccare il mio buco del culo. Anche questo ha bisogno di amore.

"Forse dovresti." L'ho baciata di nuovo e poi mi sono staccata. "Adesso muoviti, o ti farò sculacciare da Clint."

“Non lo farebbe”, ha detto Stefani. Poi ridacchiò. «No, lo farebbe. Ma non mi faresti una cosa del genere. Sono delicata a causa della mia condizione di incinta.

"Sei incinta di due settimane", dissi. "Penso che tu possa sopportare di essere sculacciato."

"No. Delicato." Si massaggiò la pancia, il figlio di mio fratello cresceva dentro di lei.

Le mie mani erano appoggiate sul mio stomaco.

La signora Armstrong sollevò il viso macchiato di crema, i suoi occhi verdi sembravano storditi, un sorriso felice si allargava. Lei mi guardò raggiante, le sue mani scivolarono verso l'alto per afferrare le sue tette rotonde. Si leccò le labbra mentre Stefani si allontanava dal tavolo.

"Mmm, mi mostrerai tutto quello che hai imparato?" chiesi mentre Stefani scivolava giù dal tavolo. “Eh, signora Armstrong. Diventerai quella troia sposata che tutti sappiamo che sei?"

"SÌ!" gemette. “Ho intenzione di banchettare con te. Ti divorerò. Ti massaggerò con la lingua. Le mie dita."

"Mmm, non dimenticare di massaggiarle il buco del culo", ha detto Stefani. “Al mio unicorno piace nel sedere. È per questo che le ci è voluto così tanto tempo prima che suo fratello la mettesse incinta."

"Oh, sì, niente come un cazzo duro che mi scopa il buco del culo." Sorrisi alla signora Armstrong. "Adori il cazzo di mio fratello su per il culo, vero?"

"Oh, lo so", gemette. “È così grande e potente. Niente come mio marito. Se avessi sposato un uomo come lui, non avrei mai pensato di mangiare la fica.

Stefani rise. “Sei una tale stronza, mammina troia. Adorerò possederti. Ooh, ti tratterò come la fottuta puttana che sei per il resto della tua vita.

La signora Armstrong aveva questo sguardo felice sul viso. Non doveva fingere di essere una cristiana rigida. Non doveva nascondere chi era veramente intorno a noi. Aveva trovato la libertà nell'essere la nostra schiava sessuale.

Faceva così dannatamente caldo.

La mia fica divenne più calda mentre sprofondavo sul lettino da massaggio. I miei fianchi si muovevano da un lato all'altro per mettermi comodo mentre scivolavo in posizione. I succhi gocciolavano fuori da me e correvano giù nel mio buco del culo. Ho sentito gli occhi della MILF sulla mia fica, che mi fissavano con fame.

"Vai a massaggiare il mio unicorno!" gemette Stefani.

"Sì, figlia!" gemette la MILF sposata.

La sua mano mi afferrò la coscia, mentre il suo anello nuziale lampeggiava. Si chinò, i capelli rossi che le cadevano sul viso affamato. Poi ha premuto la sua faccia nella mia fica. Rimasi senza fiato mentre la MILF sposata mi leccava la figa. La madre del mio amante mi ha mangiato. La sua lingua saettava tra le mie pieghe. Mi ha stimolato. Il piacere mi pervase.

La sua lingua saettò fino al mio clitoride. Gemetti mentre mi sfiorava il bocciolo. Il mio corpo tremava. Le mie dita dei piedi si arricciarono. Il mio seno tremava mentre tremavo. Lei fece svolazzare la lingua attraverso di me. È stato incredibile goderselo.

È stata una sorpresa meravigliosa. Gemetti mentre le sue mani scivolavano lungo le mie cosce, accarezzandomi mentre la sua lingua sfrecciava attorno al mio clitoride e svolazzava indietro fino alle mie pieghe. Mi ha accarezzato, leccando tutti i succhi che fuoriuscivano da me.

Poi ha infilato la sua lingua nelle mie profondità. La sua lingua svolazzò attraverso di me, massaggiandomi. Il mio seno sussultava. Questo stupefacente rapimento mi travolse. La mia schiena si inarcò. Ansimai e gemetti, assaporando ogni singolo istante.

"Tua madre è una mangiatrice di fiche!" gemevo.

"Lo so", disse e colpì il sedere di sua madre. “Fala venire! Ooh, lo adoro!"

"Sì, figlia!" la MILF sposata gemette nella mia fica. La sua lingua svolazzava tra le mie pieghe, stuzzicandomi, facendomi impazzire.

Poi la mia ragazza si è avvicinata a capotavola, i suoi capezzoli con il piercing lampeggiavano sopra le sue tette ondeggianti. Aveva un sorriso così malvagio sul viso. Mi sono leccato le labbra, desideroso di banchettare con la sua figa e il suo buco del culo. Per farla venire di nuovo mentre provavo il piacere della lingua di sua madre che banchettava con la mia fica.

Stefani salì sul tavolo. Mi ha gettato una gamba addosso. Quella figa succosa brillava sopra la mia testa. Le ho afferrato i fianchi, mentre mi prendeva una fame avida di mangiare ancora la sua figa incinta. Siamo stati cresciuti insieme. Avremmo avuto i nostri figli a poche settimane di distanza. Crescerebbero così vicini.

Saremmo le migliori madri. Non come quella stronza che mi mangia la figa. Ameremmo i nostri figli o figlie. Li alleveremmo, li accetteremmo e li ameremo.

Ho tirato giù Stefani. La sua figa piantata proprio sulle mie labbra. Quella passione piccante mi inondò la bocca prima ancora che la mia lingua potesse uscire. Le ho leccato la figa nello stesso modo in cui sua madre faceva scorrere la lingua nella mia.

"Mmm, sì," gemette Stefani, spostandosi, strofinandomi la fica sulla faccia. "Mmm, sì, sì, il mio unicorno ha fame."

"Il mio dente di leone è incinta", gemetti, stringendo le mani nelle sue cosce. "Devo banchettare con lei."

Mentre la mia lingua percorreva le sue pieghe, gemetti mentre la lingua della signora Armstrong sfrecciava attraverso le mie labbra. Questa gioia malvagia si innalzò su di me. Tremavo, dimenandomi sul pavimento. Gemetti nella fica di Stefani, godendomi la fame di sua madre.

La MILF mi ha fatto un regalo davvero provocante.

Ho piagnucolato e tremato, dimenandomi avanti e indietro mentre il calore mi si diffondeva nella fica. Le mani della MILF si infilarono sotto il mio sedere. Mi ha afferrato. Gemetti, amando la sensazione delle sue mani che mi afferravano le chiappe. Mi ha massaggiato mentre infilava la lingua in profondità dentro di me.

La porta si aprì.

"Trovati!" Lee ha chiamato. "Ooh, si stanno comportando male, Maestro."

Ho rabbrividito. Maestro... Mio fratello era qui.

"Sì, lo sono", disse Clint. "Buon lavoro. Puoi avere un orgasmo.

"Grazie Maestro!" Lee gemette, la sua voce divenne gutturale. "Potresti... mettere il vibratore al massimo e... Maestro!"

Non lo sentivo ronzare, ma sapevo che Lee aveva uno dei suoi vibratori telecomandati preferiti che ribolliva dentro di lei. Ansimò e gemette mentre i passi di Clint si muovevano attraverso la stanza. Sono rimasto sorpreso che fosse qui.

"Non hai lezione?" Stefani gemette. Poi rimase senza fiato. "Yunie, ooh, sì, sì, ficcami quella lingua dentro."

"Ho una tarda mattinata", disse Clint. "Ho pensato di fermarmi a controllare i progressi del tuo schiavo."

"Ooh, è proprio una brava mamma-troia." Stefani mosse i fianchi da una parte all'altra. Poi si appoggiò allo schienale, la sua figa scivolò sulle mie labbra seguita dalla sua contaminazione. Poi il suo buco del culo premette rugoso e acido sulla mia bocca. «Solo desideroso di compiacere. Non ha avuto un orgasmo del tutto debole, vero?"

"Ovviamente no!" gemette la signora Armstrong. "Sono stato bene. Non permetterò nemmeno a tuo padre di toccarmi. Si è appena masturbato sulla mia carne nuda.

"Bene!" gemette Stefani. “Questo è quello che voglio sentire e... Ooh, Clint, sì, sì, sentiti libero di usare la mia mamma troia. Mi stava proprio dicendo quanto ama il tuo cazzo."

Rabbrividii mentre immaginavo Clint che svelava il suo cazzo. Mio fratello aveva un cazzo così bello. Ogni membro femminile della famiglia - beh, non le sue figlie finora dato che erano solo bambine o neonati - amava il suo cazzo.

Mentre leccavo il buco del culo della mia ragazza, ho sentito il fruscio dei vestiti. Ho rabbrividito quando la signora Armstrong ha infilato la sua lingua nelle profondità della mia figa mentre le sue dita mi massaggiavano il sedere. Mi ha stretto forte il sedere, afferrandomi mentre banchettavo con lo sfintere acido della mia ragazza.

"Fanculo la fica di mia madre troia!" Stefani gemette, strofinando il buco del culo sulle mie labbra. "Ooh, devi allevare un'altra donna Armstrong."

"SÌ!" gemevo. "Alleva la mamma-troia di Stefani!"

"Il Maestro non può lasciarselo sfuggire," gemette Lee dall'angolo, con la voce roca di gioia.

La mia sorellastra sembrava essere in paradiso. Volevo unirmi a lei.

Le dita della signora Armstrong si sono insinuate nel mio sedere. Mentre leccavo il buco del culo di sua figlia, lei ha cercato il mio. Gemetti nello sfintere di Stefani al tocco malvagio sulla mia porta sul retro. Le dita della MILF danzavano attorno alla mia apertura increspata nello stesso modo in cui la mia lingua danzava attorno a quella di Stefani.

Il tavolo oscillò mentre Clint vi saliva. Avevamo dei robusti lettini da massaggio proprio per questo tipo di divertimento. La signora Armstrong gemette nella mia fica, la sua lingua che si muoveva nelle mie profondità. Sapevo perché. Clint aveva il suo cazzo contro la sua figa.

Lei si dondolò in avanti e gemette. La carne schiaffeggiava la carne.

Mio fratello ha scopato la fica della schiava sposata.

"SÌ!" sibilò Stefani. "Fanculo la fica di mia mamma troia e allevala, Clint!" Stefani si è dimenata sopra di me, strofinandomi il buco del culo in bocca.

Ho succhiato il suo anello anale mentre il piacere si riversava nella mia carne dalla mia figa. Era così caldo sentire mio fratello scopare la MILF. L'ha picchiata, sbattendola nella fica mentre lei banchettava con me. Il suo dito si infilò nel mio buco del culo, il piacere vellutato si riversò dentro di me.

La mia lingua sondava lo sfintere di Stefani. L'ho mosso dentro mentre il cazzo di Clint si lanciava ripetutamente nella figa della signora Armstrong. Lui grugnì e gemette, scopandola forte. Rabbrividii, mentre la mia lingua si muoveva oltre il buco del culo di Stefani.

Sono saltato nelle sue viscere acide.

"Oh, Yunie!" gemette Stefani. Le sue viscere si strinsero sulla mia lingua. I succhi della sua figa colarono dalle sue pieghe alle mie labbra, mescolandosi con il sapore aspro del suo buco del culo. Il sapore piccante ha accresciuto la mia eccitazione.

Il dito della signora Armstrong frugava dentro e fuori dalle mie viscere, stuzzicandomi mentre la sua lingua svolazzava sulle mie pieghe. Mi leccò e mi leppò, gemendo mentre Clint la penetrava. Si dondolò in avanti ad ogni sua spinta, premendo più forte le labbra sulla mia fica per un momento meraviglioso.

La sua lingua svolazzò contro il mio clitoride. Poi lo succhiò. Ho sussultato nel buco del culo del mio amante. La mia lingua si muoveva dentro di lei. Svolazzavo in cerchi veloci, stuzzicandola. I suoi gemiti echeggiarono nella stanza mentre le sue viscere si stringevano attorno alla mia lingua.

È stato un piacere meraviglioso scoparle la lingua dentro e fuori dal buco del culo. I suoi succhi piccanti continuavano a gocciolare, accumulandosi sul mio mento. Si dimenava da una parte all'altra, i suoi gemiti diventavano sempre più forti.

La mia mano destra che le afferrava la coscia scivolò lungo la sua carne, avvicinandosi sempre di più a qualcosa di osceno.

"Oh, Clint, fanculo la mia mammina troia!" sibilò Stefani, con le sue viscere che si stringevano attorno alla mia lingua. “Ooh, voglio che tu le inondi la fica con il tuo sperma. Inondatela e basta. Lasciala gocciolare. Farà così caldo.

"Così dannatamente caldo!" Gemetti di gioia, il mio corpo vibrava. Ho scopato la mia lingua in profondità nella fica di Stefani mentre la mia mano si avvicinava alla sua fica.

Lo afferrò e se lo infilò nella figa. Mi ha premuto le dita nella fica mentre gemeva: "Ooh, Yunie, sì!"

Le sue dita premettero due delle mie nella sua fica. Rabbrividii, leccandole il buco del culo mentre la sua fica succosa affondava attorno alle mie dita. Tremò sopra di me, dimenandosi. Gemetti, la mia lingua che guizzava nel suo buco del culo, stuzzicandola mentre il piacere usciva da me e si riversava nella bocca affamata di sua madre.

Era un piacere così meraviglioso e sfrenato da godere. Questo caldo malvagio che mi faceva battere il cuore nel petto. Gemetti di gioia, agitando la testa avanti e indietro mentre il calore mi attraversava. Ho leccato il buco del culo della mia ragazza mentre sua madre mi toccava le viscere. La lingua della signora Armstrong mi ha saccheggiato la fica. Il piacere cresce e cresce dentro di me.

La mia fica si strinse attorno alla lingua della MILF. Le mie dita dei piedi si arricciarono.

Clint sbatté forte e velocemente contro la MILF. Lei gemette nella mia fica. Leccandomi. Leccando i miei succhi. Ho gemito nella fica di Stefani. Ho infilato le mie dita nelle profondità della sua figa. I suoi succhi mi inzupparono mentre la mia lingua vorticava nelle sue viscere acide.

"Dannazione," gemette Clint. "La tua fica ha solo fame del mio sperma."

"È!" gemette la MILF. “Posso venire, figlia? Non vengo da una settimana. Ne ho bisogno. Sono così eccitato! Voglio anche che mio marito mi scopi con il suo cazzetto. Ne ho proprio bisogno!”

"Una volta che avrai munto ogni goccia di sperma di Clint," gemette la mia amante, stringendo la sua figa incinta tra le mie dita. "Allora puoi venire!"

"SÌ!" gemette la MILF.

"Maledizione, la sua figa è appena diventata più stretta," gemette Clint. “Vuole tantissimo il mio sperma. Tua madre è una fottuta sgualdrina. Una puttana sposata che non riesce a controllarsi.

"Non può!" gemette Stefani. "Giusto, mammina troia?"

"Ho bisogno che la mia figlia sexy controlli la mia lussuria puttana!" piagnucolò la MILF. Poi mi ha succhiato il clitoride.

Ho sussultato quando la mia fica è esplosa. L'estasi mi travolse. Il mio corpo si sollevò sul lettino da massaggio. Le stelle irruppero nella mia visione. I succhi sgorgavano da me mentre le ondate di estasi attraversavano il mio corpo.

Ho infilato la lingua in profondità nelle viscere della mia amante e le mie dita sono affondate fino in fondo nella sua fica succosa. Il piacere mi pervase. La MILF ha succhiato e allattato il mio clitoride. Scintille esplosero attraverso di me mentre l'estasi travolgeva la mia figa incinta.

"Ooh, il mio unicorno sta arrivando!" Stefani gemette, sgroppandomi sopra. La sua figa mi strinse le dita. “Oh, cavolo, sì! Sei stata brava, mammina troia. Ora fai venire suo fratello. Fallo!"

"Sì, figlia!" La signora Armstrong gemette, la sua voce sembrava febbrile per il bisogno.

Ho infilato le dita dentro e fuori dalla fica di Stefani. La mia lingua vorticava nel suo buco del culo mentre il piacere si scioglieva nella mia mente. Il dito della signora Armstrong che mi sondava le viscere mi faceva continuare a venire. Lo ha mescolato all'interno della mia guaina anale mentre leccava la mia crema.

Il lettino da massaggio scricchiolò e gemette. Clint ha scopato la MILF con colpi duri. La seppellì ancora e ancora. L'ha scopata con tutta la sua passione. Potevo sentire la forza della sua carne che colpiva quella di lei.

È stato incredibile ascoltarlo.

Mi ha fatto venire le vertigini. Questa incredibile ondata di passione che ha attraversato il mio corpo. Gemetti, con il cuore che mi batteva forte nel petto. La signora Armstrong mi succhiò di nuovo il clitoride. Lei gemette di frustrazione. Potevo sentirla lottare contro l'orgasmo mentre mio fratello la scopava con colpi duri e appassionati.

"Sborrali dentro!" sibilò Stefani, con la sua figa fusa attorno alle mie dita. "Fallo!"

"SÌ!" mio fratello ringhiò. «Lo farò, cazzo. Farò in modo che quello schifoso marito dica al mondo che mio figlio è suo. Saprà ogni giorno che sua moglie preferirebbe avere il mio cazzo nella figa piuttosto che il suo!"

"Sì sì sì!" urlò Stefani.

La sua figa si induceva attorno alle mie dita. I succhi caldi si sfidarono intorno alle mie cifre e mi inondarono la contaminazione alla mia lingua saccheggiando il suo buco del culo acido. Quel trattamento piccante ha condito i sapori cattivi. Il mio corpo si è buttato.

Sono diventato ancora più duro.

Ho cercato il buco del culo della mia ragazza, con la forza del mio orgasmo. Le onde mi hanno spazzato via. Mi hanno annegato la mente con passione. Il mio stronzo si convocava forte attorno alle dita della signora Armstrong. Gemette attorno al mio clitoride mentre Clint si sbatteva con la sua passione.

"Fanculo!" Clint gemette. “Prendilo, puttana! Quando vedi tuo marito, gli dici che ti ho allevato! Che crescerà mio figlio! Che non fotterà mai la tua fica fino a quando non sei carino e incinta! "

"Sì sì sì!" Stefani ululava.

"Lo farò!" La signora Armstrong gemette. “Figlia, posso venire adesso, giusto? Il suo jizz mi sta sparando! "

"Cum!" La mia ragazza ululava, la sua figa si conquistava così forte intorno alle mie dita immergenti.

Eravamo tutti gemendo, il tavolo da massaggio ondeggiava. Rabbrividii, il piacere che si increspava nella stanza. È stato così incredibile. Tremavo la mia felicità, sentendo mio fratello grugnito mentre allevava la madre sposata del mio amante.

Anche Lee stava ansimando sullo sfondo. La mia condivisione di mezza sorella in questo momento estatico.

Lo amavo. Ho adorato la mia famiglia.

Il mio orgasmo ha raggiunto il picco. La beatitudine è morta in una deliziosa gioia. Gemetti mentre Stefani mi scivolava via. Il mio amante barcollò, afferrando il bancone per evitare di cadere. I suoi capelli rossi caddero attorno alla sua faccia arrossata. Piagnucolò, mordendosi il labbro inferiore.

"Oh, mio ​​Dio, sì, sarai una massaggiatrice eccellente", gemette Stefani. «Mi oscurerai tutto il giorno. Guardami per favore i clienti. Impara ogni trucco malvagio. "

"Sì, figlia", metteva in scena la milf, il suo anello di nozze brillava sulle dita mentre sollevava la testa, il girocollo brillante per il collo.

Gemette mentre Clint si tirava fuori da lei. Marciò verso Lee, le afferrò i capelli neri e le spinse il cazzo in bocca. Non ha chiesto. Non ha ordinato. L'ha appena presa. La usava. La mia sorellastra succhiava con tale gioia che le scoppiava sul viso.

Le piaceva essere usata.

"Oh, accidenti, potrei solo mentire qui tutto il giorno" gemetti.

"Hai clienti da accontentare", ha detto Stefani. “Dobbiamo renderlo popolare. I bambini sono costosi. "

"Bene, possiamo usare i presepe di Christie e Hikaru", ha detto Clint mentre Lee succhiava il suo cazzo. Quelle erano le sue figlie più anziane. Erano entrambi tre, piccoli terrori che attraversavano la casa. “E dovremmo avere vestiti per bambini che potrebbero adattarsi a loro. Clinton ha superato il suo. "

Clinton era suo figlio con nostra madre. Era sia mio fratellastro che mio nipote. La nostra famiglia era ... interessante. A due e mezzo, Clinton era il più vecchio più antico, seguito da vicino dalla figlia Amber di Lee, poi i gemelli di Alicia, Aaron e Cassandra. Zia Vicky non aveva ancora concepito, aveva problemi di fertilità e Clint aveva trattenuto l'allevamento della signora Hiragawa. Di cui si verifica, che non contavano i suoi altri figli con Juana, Carmelita e la famiglia Mihara. Twin giapponesi figlie e la loro madre che Clint aveva allevato.

"Immagino che dobbiamo essere responsabili", dissi, rotolando dal tavolo. "La nostra famiglia sta crescendo e crescendo".

Clint sorrise, annuendo la testa. "Sì, è meglio che questa laurea in giurisprudenza finisca in un certo momento."

"Uh-huh", dissi. “Devi rendere legale la bigamia e l'incesto. Hai molte donne che vogliono sposarti. "

"Mi sono tenuto in contatto con il senatore Reenburg", ha detto Clint. “E sua moglie mi sta aiutando a redigere alcune cose. Avrò uno stage estivo nel suo ufficio legale l'anno prossimo. "

"Bene", dissi. Mi sono allungato di nuovo. "Peccato che non ci sia tempo per me e tu ti diverta, ma non credo che ai clienti vorrebbe gocciolare con lo sperma."

Clint rise e scosse la testa. "Probabilmente no." Quindi gemette. “Accidenti, Lee, tutto qui. Stai andando bene. "

Ho lasciato mio fratello per godermi il suo pompino. Ho dovuto aiutare a impostare il salone di massaggio. Abbiamo aperto in quindici minuti. Ho canticchiato, così felice di aver avuto la mia vita. È stato incredibile e sarebbe migliorato solo una volta arrivato mio figlio.

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~mp

Mi sono stringendo la pancia incinta mentre mi trovavo in bagno. La mia pancia era così gonfia. Ero a pochi giorni dalla mia data di scadenza, mio ​​figlio esuberante e attivo. Sarebbe diventato un uomo potente come suo padre. Lo sapevo e basta.

Stefani era accanto a me, il braccio scivolava intorno alla mia vita. Il suo seno, gonfio con il suo latte, si muoveva mentre la sua pancia rotonda spingeva la mia. Aveva un bagliore intorno a lei mentre portava la figlia di mio fratello.

"Mmm, sbrigati," gemei. "Devo fare pipì."

"Devi sempre fare pipì," Stefani fece le fusa e poi si chinò per baciarmi.

La signora Armstrong, la sua stessa pancia gonfia con la figlia di mio fratello, mi ha strisciato. Aveva otto mesi. Non so se Clint la abbia allevato quella mattina nella stanza del massaggio o no, ma era vicino a quel giorno.

Lei sfruttò il viso nella mia figa. Rabbrividii e poi gemei mentre rilassavo la vescica. Il mio piscio scorreva. Gemetti nel bacio con Stefani. Le nostre labbra lavoravano insieme, lingue che duellano mentre l'urina mi scorreva.

Un formicolio meraviglioso e delizioso ha corso attraverso di me. Ho emesso un gemito così gutturale, sentendo quasi le vertigini dalla sensazione. Le dita dei piedi si sono arricciate contro il pavimento del bagno. La signora Armstrong gemette mentre succhiava la mia piscia.

Il mio flusso non è durato a lungo. Ho incazzato così tanto che la mia vescica non è mai stata davvero piena. Pietà.

Stefani ha rotto il bacio mentre sua madre le schiacciava le labbra. "Adesso io, mammella!"

"Sì, figlia", fece le fusa lo schiavo incinta.

Strisciava lateralmente, le sue tette grandi, pesanti con il suo latte in arrivo, rimbalzata e sbirciata. Sorrisi, strofinandomi la pancia mentre lo schiavo sfruttava il viso nella fica incinta di sua figlia. Stefani gettò la testa, il viso si staccò.

"Sì sì sì!" Gemette mentre il suo piscio si trasformava nella bocca di sua madre. “Ooh, va bene. La puttana malvagia. Bevi tutto. Dio mio. Lo adoro!"

La mia figa è cresciuta succosa. Ho sorriso, godendomi la passione attraversando il viso del mio amante. Piagnucolò e poi emise un gemito mentre anche la sua piscia finì troppo in fretta. Ansimò, si alzava e cadeva mentre sua madre tirava via la bocca.

"Era delizioso, figlia" gemette la signora Armstrong.

Ho aperto la bocca per dire qualcosa quando suonò il campanello.

Sospirai. La giornata era finita.

Stefani e io abbiamo vacillato giù per le scale con la milf che si trascinava. Era così imbarazzante essere così pesante, ma ne vale la pena. Speravo che a mio figlio godesse le sue due sorellasche. Ho fatto dei sogni tali che avrebbe amato la figlia di Stefani e trasformare la signora Armstrong nel loro schiavo che beve piscio. Sarebbe così selvaggio.

Alla base delle scale, la signora Armstrong afferrò il suo abito di maternità blu. Lo tirò sopra il suo corpo nudo, la sua testa saltava fuori, i suoi capelli ramati cadevano in onde lucenti. Il suo girocollo si avvicinò al collo, la prova di chi apparteneva veramente rispetto a quell'anello nuziale sul dito.

Lei aprì la porta. Il signor Armstrong era lì. Stefani sorrise. Prese la mano di sua madre, tenendola stretta, mentre attraversavano il loro rituale. “Ora, non voglio che ti lasci toccare a papà la figa. Nessun stronzo neanche. Se ha bisogno di scendere, puoi dargli una sega ma solo se senti che chiede abbastanza. "

"Sì, figlia", ha detto. Non hai mai saputo cosa avrebbe permesso a Stefani di divertirsi. A volte lasciava che suo padre scopasse persino la figa incinta di sua madre, ma spesso erano sequesche e pompini se fosse stato fortunato.

Altre volte, doveva solo masturbarsi.

"Ora ti prendi cura di te stesso", ha detto Stefani. “Strofina quella lozione nel tuo ventre. Voglio limitare le smagliature. Voglio che tu sia una nonna calda quando è nata mia figlia. "

"Sì, figlia."

Stefani annuì, poi consegnò sua madre a suo padre. "Night, papà."

"Night, tesoro", disse e le diede un breve bacio sulla guancia. Quindi ha guidato la nostra schiavitù.

Stefani chiuse la porta e sorrise. “È così duro. Vorrebbe più di una sola sega, e non lo capirà. "

"Sei una figlia così cattiva", dissi, tirandola da me. Le nostre pance incinta si sono unite. "Fare in modo che tuo padre sollevi la figlia di Clint mentre mentiva al mondo e rivendicando il bambino come suo."

"Lo so", fece le fusa. “Mmm, tuo fratello sa davvero come vendicarsi correttamente. Entrambi lo adorano. "

Sorrisi e mi chinai, baciando il mio amante in bocca mentre mio figlio si agitava dentro di me. Presto nasceva Zane. Poi sarebbe arrivata la sua sorellastra Daisy seguita dalla sua sorellastra Judi. Speravo che si sarebbe divertito con entrambi.

Fine

Storie simili

Calda collega MILF

Avevo appena iniziato a lavorare negli archivi di una grande società di comunicazioni quando ho incontrato la donna di quarantacinque anni più sexy che avessi mai visto. Ha lavorato nel dipartimento Music Clearance e si chiamava Jane. Era circa cinque e dieci, 130 libbre, con una figura a clessidra che mi rendeva duro il cazzo ogni volta che la vedevo. Chiacchieravamo nel corridoio e ne vedevo qualcuno qui in giro, ma non avrei mai pensato che l'avrei lasciata sola, tanto meno fget to uck her. Un giorno stava camminando lungo il corridoio massaggiandosi il collo e le ho chiesto se potevo...

972 I più visti

Likes 0

Femmina sensuale

Nome: Susan Dini Età: 36 Razza: caucasica Misure: busto 34, vita 25, fianchi 35 Altezza: 5'-4 Peso: 120 libbre. Sono sessualmente attivo da 19 anni avendo avuto le mie prime esperienze sessuali all'età di 15 anni. Sono felice di dire che ho un livello molto alto di desiderio sessuale. Ci sono alcuni che potrebbero considerarmi una ninfomane, tuttavia considero il mio desiderio sessuale molto sano. Ci sono momenti, anche se per fortuna non molto spesso, in cui sono letargico riguardo al sesso. Non riesco nemmeno a immaginare quanti partner sessuali ho avuto nel corso degli anni. Non riesco nemmeno a immaginare...

1.2K I più visti

Likes 0

Dare un erede a Lord Ablington

Stavo oziando tutto il giorno aspettando il pranzo quando ho sentito la terribile notizia: Alan Lord Ablington era caduto da cavallo durante la caccia di lunedì mattina ed era completamente morto. Tommy Goodfellow si era fermato mentre andava ad Abbotsford quel martedì mattina per raccontarci, come sapeva, della mia precedente conoscenza con Lady Ablington. Ho provato un misto di emozioni. Lord Ablington aveva recentemente corteggiato e poi sposato la mia dolce metà d'infanzia, una certa Miss Amy Merry, alla quale ero rimasto immensamente affezionato, non si poteva biasimarla, Ablington possedeva la maggior parte del villaggio e molto altro ancora mentre la...

937 I più visti

Likes 0

VENDITORE DI LINGERIE

Cindy si guardò allo specchio e dopo aver fissato il suo corpo fuori misura per diversi secondi, scoppiò in lacrime mentre i suoi rotoli di grasso cominciavano a tremare dolcemente al ritmo dei suoi singhiozzi!!! Anche se non era molto alta, portava con sé ben duecentocinquantacinque libbre sulla sua grossa corporatura ossuta, e mentre singhiozzava, i suoi enormi seni, che le pendevano quasi fino alla vita, dondolavano avanti e indietro mentre il le lacrime le rigavano le guance fino ai capezzoli!!! Era passato così tanto tempo dall'ultima volta che aveva avuto un uomo che una volta scherzò tra sé e sé...

474 I più visti

Likes 0

Linda e Bobby e zia Jen, parte 2

Erano nudi, nella cucina di zia Jen, in realtà sul suo piano di lavoro, e Bobby stava riportando Linda all'orgasmo. Sono rimasti sorpresi quando Jen è intervenuta e ha detto in modo del tutto inaspettato: “Bene, cosa abbiamo qui? Sembra che ti stia divertendo.” Bobby disse un po' sulla difensiva: Hai detto che potevamo venire in qualsiasi momento per giocare ed è quello che stiamo facendo. Non preoccuparti. Non sono turbato. Sono rimasto solo sorpreso quando ho iniziato a sentire gemiti dalla mia cucina. Voi due avete finito adesso? “Nemmeno vicino”, disse Linda sorridendo. Vorreste che vi lasciassi alle vostre esplorazioni?...

1.2K I più visti

Likes 0

Il mio fratellastro

Penso che sia così dolce quando il mio fratellastro Kevin regala alla sua ragazza le sue cose. Le ha regalato il suo cappello preferito, verso il quale è ESTREMAMENTE protettivo. Ad esempio, non permettere mai a nessuno di toccarlo. Continua a dire che è perfetto ed è praticamente modellato per adattarsi alla sua testa, e glielo ha dato. Le ha anche regalato la sua giacca preferita e le lascia sempre prendere in prestito le sue fortunate perle del karma. Queste cose sono state il suo portafortuna per tre anni. Non se li toglie mai e odia quando le persone li toccano...

731 I più visti

Likes 0

Gli amanti dei samurai

Nel Giappone medievale, nella provincia di Yedo, viveva un giovane samurai di nome Ukyo che si struggeva giorno dopo giorno per l'amore della bella Uneme. Per Ukyo, Uneme era l'uomo più perfetto che avesse mai visto. Era giovane, come lui, appena sedici anni al massimo e aveva come capelli una lunghissima fascia di un nero lucente. Il suo viso era liscio, privo di tagli, imperfezioni e morbido come la crema, il che lo faceva sembrare molto più giovane di quanto non fosse in realtà. Quando si esercitava con Samanosuke, un altro giovane samurai, Ukyo osservava, mentre i suoi piccoli muscoli magri...

676 I più visti

Likes 0

Give Me Some Sugar Part 1 - Prova di Rochelle

​ La vita è sicuramente divertente è come si svolge. Non sono mai stato un uomo religioso, e ancora non lo sono, ma ascoltavo il tipo di Joel Olsteen quando i tempi erano brutti. Era così positivo, che ha aiutato, ma ha anche parlato di come Dio potrebbe recuperare decenni di merda, in pochi anni attraverso un aumento super naturale. Come ho detto, non sono un cristiano e sono agnostico sull'esistenza di una divinità, ma devo ammettere che come minimo, la vita può rimediare a molte sofferenze molto rapidamente. In effetti, penso che ti faccia godere ancora di più della tua...

2.3K I più visti

Likes 1

A metà di metà settembre

Per nessun motivo particolarmente affascinante mi sono ritrovato a stare con mia zia Renee. Nel prossimo mese, mi sarei trasferito di nuovo a est o mi sarei trasferito nell'appartamento che mia madre stava per acquistare, nel caso avessi bisogno di un po' di tempo di bufferizzazione. 
Sapevo già che avevo bisogno di tempo di buffer. Avevo anche bisogno del tempo di buffer per spiegarle completamente la situazione. Avevo ad un certo punto e momento, capito chi dovevo essere e prima potevo arrivare a quel punto e smettere di essere quello che ero attualmente, meglio per me e per tutte le persone...

2.3K I più visti

Likes 0

Ogni ragazzo sogna_(1)

Fin da quando ero un ragazzino ho sempre amato indossare abiti da ragazza. Ricordo di aver frugato nel cassetto della lingerie di mia madre e di aver provato le sue mutandine e i suoi reggiseni. Ho adorato il modo in cui il materiale trasparente e setoso si sentiva contro il mio corpo. Crescendo, ho avuto meno opportunità di indulgere nel mio feticcio fino a quando non mi sono sposato. Quando mia moglie era via o al lavoro indossavo le sue mutandine e i suoi reggiseni mentre mi masturbavo. Fortunatamente era alta quanto me, quindi la vestibilità era abbastanza vicina. La incoraggerei...

2.7K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.