Vitamina G p.t. 2

336Report
Vitamina G p.t. 2

Dio, ho dormito bene. Svegliandomi intorno alle 11, un nervosismo mi percorse rapidamente.

E se i farmaci non funzionassero? Ho pensato.

Salendo le scale, mi intrufolai in cucina, oltre la porta di mia sorella. Non ho sentito un fischio fuori dalla sua stanza. Probabilmente sta ancora dormendo.

Versandomi un bicchiere di latte e una ciotola di cereali, ho masticato la colazione. Gesù avevo fame.

Dopo un po', ho potuto sentire mia sorella camminare per la sua stanza, dirigendosi verso il bagno.

Avendo deciso di superarla e tornare nella mia camera da letto, mi sono diretto lungo il corridoio.

Dio, sembrava un disastro ferroviario. Alzando lo sguardo verso di me, mi passò accanto velocemente, senza dire una parola, proprio come al solito.

"Gesù sorella," dissi voltandomi, "Sembri una merda."

"Oh, vaffanculo", mormorò mentre si dirigeva verso il bagno, con le gambe che tremavano. "Ho passato una notte dura."

Quando la porta si chiuse sbattendo, un'ondata di sollievo mi percorse.

Dio, mi sentivo bene.

La fottuta fretta delle scappatelle della notte scorsa mi ha fatto sentire dannatamente in cima al mondo.

Cosa posso dire, il mio corpo era ancora pieno di endorfine e di rabbia lussuriosa.

Non avrei mai pensato di poter fare qualcosa di così, di così nefasto. Sono davvero diventato uno stupratore da un giorno all'altro?

****

Con il passare della giornata, ho ricevuto una telefonata dal lavoro, che mi chiedeva se volevo passare qualche ora stasera per rimediare un po' a una chiamata.

Non avendo davvero nessun programma in più per la serata, a parte pianificare più modi per utilizzare mia sorella, ho accettato.

Indossando alcuni vestiti da palestra (sì, lavoro in palestra), ho afferrato la mia borsa e ho gettato il mio piccolo sacchetto di pillole in uno degli scomparti.

Ehi, non si sa mai quando torneranno utili... Tanto vale arrivare sempre preparati...

Entrando al lavoro, avevano solo bisogno di aiuto per gestire il bancone della reception. Sai, fare il check-in e il check-out delle persone e cose del genere. È stato un lavoro piuttosto semplice, basta salutare i clienti abituali e puntare verso lo scanner dei codici a barre. A volte riceviamo un nuovo arrivato e io lo saluto e lo consegno al direttore dell'ufficio. Merda piuttosto semplice.

Sono passati alcuni mesi da quando ho dovuto lavorare alla reception. Ultimamente sono stato principalmente solo un personal trainer.

Essendo la sera di un fine settimana, il posto era piuttosto morto. Forse un paio di dozzine di persone all'interno che si allenano e una o due persone che compaiono ogni 30 minuti. Questo mi ha dato un bel po' di tempo libero per andare a fanculo.

Passando al computer, guardando le foto delle persone che hanno effettuato il check-in oggi, ho iniziato a leggere i profili che avevamo su di loro. Sembra che il sistema sia stato aggiornato di recente e abbia aggiunto un nuovo campo personalizzato visualizzabile solo dai dipendenti.

Quando l'utente scansiona la propria tessera, sul computer della reception viene visualizzato un profilo insieme alla sua foto.

Fornisce parecchie informazioni su di loro. Soprattutto in questo nuovo campo di testo personalizzato.

Sembra che i ragazzi che normalmente lavorano alla scrivania si divertano davvero troppo.

Esaminando i profili di alcune persone qui adesso, ho letto alcuni commenti come... "È single, cazzo!" o "È una frequentatrice abituale del pub di Patty in fondo alla strada". O anche: "È una vera troia, offrile da bere e ti pagherà".

Negli ultimi anni non abbiamo avuto molte ragazze alla reception, questo lo dimostra sicuramente, soprattutto adesso, dopo l'aggiornamento. Il nostro manager è piuttosto rilassato e ci lascia lavorare per parte della giornata, quindi se ne frega davvero se non arriva nulla ai nostri clienti.

Con il passare della serata, questa ragazza più giovane è venuta a passeggiare circa 30 minuti prima che chiudessimo, e dannazione era uno spettacolo per gli occhi irritati. Alta circa un metro e mezzo, il suo corpo era magro e tonico come quello di un maratoneta con tette grandi come meloni. I suoi pantaloni da yoga attillati le abbracciavano perfettamente il culo. Il suo top rivelava il suo addome incredibilmente tonico, mentre le sue tette urlavano letteralmente di essere sciolte. Per finire, i suoi capelli biondo sporco erano raccolti in una coda di cavallo con i capelli che scendevano a metà schiena.

So di averla già vista, fuori dalla palestra, ma non riuscivo a capire da dove.

Mentre passava davanti alla reception, toccando la sua tessera contro lo scanner del codice a barre, il suo profilo apparve sullo schermo di fronte a me.

Guardando il suo nome, mi alzai rapidamente dicendo: "Bentornata Rachel!".

"Grazie", rispose lei passando per la palestra.

Cavolo, lei era incantevole, io ero fottutamente infatuato. Ero paralizzato. La volevo. Avevo bisogno di lei.

Osservando il suo profilo sul computer, ho notato che aveva 23 anni, viveva proprio in fondo alla strada e, dal testo sottile nel campo dei commenti, era la moglie del mio supervisore.

“LA MOGLIE DEL ROBS. NON TOCCARE, CAZZO. leggi il commento.

È lì che devo averla incontrata. Qualche mese fa sono andato a una festa a casa di Rob.

Mentre la mia mente frenava di colpo, il mondo esterno si fermava, una piccola osservazione mi attraversò la mente come un tabellone della metropolitana.

...Rob è via questa settimana per una conferenza... ...Probabilmente è a casa da sola...

Uscendo dalla mia fissazione, mi sono scosso di nuovo in ciò che mi circondava, come se mi svegliassi da un sogno.

Alzandomi dalla scrivania, ho camminato per la palestra, facendo "giri" tra le isole.

Mentre passavo accanto a Rachel, non potevo fare a meno di lanciarle un'occhiata ogni volta che potevo.

Continuando a camminare sul pavimento, la mia mente correva. Ho controllato il programma di Rob per vedere esattamente quanto tempo sarebbe rimasto via. Guardando le stampe, ho trovato il suo nome. Non era previsto il suo ritorno prima della metà della prossima settimana.

"Bene", ho pensato. Starà via ancora per qualche giorno.

La mia mente ha iniziato a fare progetti, a mettere insieme i pezzi.

Sarebbe rimasta a casa per i prossimi giorni... Il mio turno qui sarebbe finito tra circa 30 minuti... Viveva vicino, molto vicino, come una passeggiata di 5 minuti... Facendo i conti nella mia testa, ho pensato che se dovessi drogarla uscendo, non avrebbe iniziato a sentirne gli effetti inebrianti finché non fosse già stata a casa per almeno 5 minuti buoni.

E questo, beh, mi porta al mio prossimo enigma, come procurarle i farmaci...

Facendo una rapida occhiata alla reception, la mia risposta risaltava come un'insegna al neon. C'erano circa una dozzina di piccole bottiglie di bevande integrative dopo l'allenamento che abbiamo promosso nelle ultime settimane. Fottutamente perfetto. Queste cose volavano sempre via dalla scrivania quando le sistemavamo.

Contando quante persone erano rimaste in palestra, ne ho prese 9, una per me, beh, Rachel, e 8 per le persone in sala. Aprendo quella che avevo messo da parte, ho schiacciato la pillola e ho mescolato i resti in polvere.

Posizionando questa bottiglia speciale in un posto unico, ho sistemato il resto sul bancone, distribuendolo agli avventori mentre se ne andavano.

Mancavano ancora circa 20 minuti alla chiusura, ho continuato ad armeggiare attorno alla scrivania, prosciugando la mia pazienza. Dio, quanto volevo farle uscire il cervello. La mia mente correva in mille direzioni diverse

Certo, potrei essere stato un po' stanco quando ho iniziato il mio turno, ma è incredibile cosa possono fare una bevanda energetica e il desiderio sessuale.

Mentre l'orologio segnava le 20:55, tutte e otto le persone erano ancora in palestra, quattro delle quali erano avventori. Cliccando sull'interfono, ho annunciato che la palestra stava per chiudere e ho gentilmente fatto sapere alle persone di iniziare il periodo di recupero dell'allenamento.

Quando le persone cominciavano ad uscire, ero sicuro di distribuire un campione di integratore a tutti. Sono sempre un bel successo, nessun rifiuto.

Quando finalmente l’orologio superò le 9, il mio turno era finito e Rachel era l’unica rimasta in palestra. Avvicinandomi a lei, le faccio gentilmente sapere: "Ehi Rachel,

Quando finalmente arrivarono le 9, Rachel era l'unica rimasta in palestra. Dio era lei a farlo. Colpiva quella macchina come se non ci fosse un domani. Le sue tette chiedevano solo di essere liberate dalle loro restrizioni. Cavolo, era uno spettacolo.

Iniziando a camminare verso di lei, ho detto gentilmente: “Ehi Rachel! Ci stiamo preparando a chiudere”.

Guardandomi, sorrise: “Lo so! Mi sto solo rinfrescando!” ha iniziato mentre iniziava a rallentare il suo allenamento.

"Non preoccuparti", risposi tornando alla reception per raccogliere alcune delle mie cose.

Dopo aver spento il computer e aver archiviato un po' di documenti, ho preso le due bottiglie rimanenti e l'ho incontrata davanti alla scrivania.

“Non dimenticare il tuo campione gratuito!” dissi, lanciandole una bottiglia. "Dopo un allenamento del genere, ne avrai bisogno!"

"Grazie!" lei rispose rapidamente, leggermente senza fiato, "Certo."

Aprendole la porta, iniziò a tornare verso casa sua.

Guardandola lasciare il parcheggio, la vidi iniziare a trangugiarlo.

Tornando dentro per un attimo, ho notato che aveva lasciato la bottiglia d'acqua. Correndo verso la sua macchina, l'ho afferrata e sono corsa fuori dalla palestra.

Correndo da dietro di lei, ho lanciato subito un ululato: “Ehi Rachel! Hai lasciato la tua bottiglia d'acqua!

Rallentando il mio sprint accanto a lei, le ho consegnato.

"Oh, grazie!" lei rispose a tono.

"Non preoccuparti, vivi da queste parti?" chiesi in tono sincero.

"Sì, solo pochi isolati più in là", rispose sinceramente.

"Oh fantastico, sì, vivo solo qualche isolato più in là", ho risposto sinceramente. "Ti dispiace se cammino con te?"

Vedi, era dannatamente buio lungo questa strada e qualche notte fa c'è stata una sparatoria, quindi sono sicuro che a una donna come Rachel non dispiacerebbe che qualcuno camminasse al suo fianco. E vedi, posso sembrare un atleta, ma sembro dannatamente innocente e il mio comportamento gentile normalmente fa sentire le persone dannatamente benvenute. Quindi ehi, ce l'ho dalla mia parte.

"Oh sì, va bene", ha risposto.

Cercando di ottenere qualche informazione in più da lei, giusto per confermare che nessun altro sarebbe stato a casa, ho iniziato a chiacchierare.

"Sei la moglie di Rob, vero?" Ho chiesto innocentemente: "Si è divertito a quella conferenza?"

"Certo che lo sono!" lei rispose in tono gentile: "Non l'ho sentito molto, quindi sono sicura che lo sia."

"Che bello", dissi ridendo. "È tornato, cosa, martedì?"

“Sì”, rispose, “Non vedo l’ora che torni a casa. Questa è la prima volta che ho la casa tutta per me da quando ci siamo sposati.

Bingo. Era quello che stavo cercando. A casa da solo. Che bello, stasera ci provo.

Guardando l'orologio, avevo circa 10 minuti prima che il mio farmaco miracoloso facesse effetto.

Avvicinandomi al vialetto, ho notato una vecchia razza rosso vivo nel vialetto.

"Oh dannazione!" Ho esclamato, indicando l'auto parcheggiata nel vialetto: "Quella pastinaca di Rob di cui si è vantato nelle ultime settimane?"

"Certo che lo è", disse ridendo.

"Dannazione, parla sempre di quella macchina al lavoro", ho risposto, "Ecco, ti accompagno."

"Oh, così gentile da parte tua", rispose ridacchiando, "Grazie."

Mentre salivamo le scale, potevo dire che il suo corpo stava iniziando a rallentare un po'.

Aprendo la porta d'ingresso, si voltò verso di me e rispose: "Grazie per il ritorno".

“Non preoccuparti”, ho risposto, “Devo assicurarmi che la moglie del capo torni a casa sana e salva!”

"Grazie ancora!" rispose ridacchiando, entrando.

"Nessun problema!" risposi girandomi, fingendo di tornare giù per le scale, dando una rapida occhiata al quartiere.

Proprio mentre la porta si stava chiudendo, mi sono voltato velocemente e sono corso verso la porta che si chiudeva.

Correndo dentro, Rachel emise uno strillo sorpreso.

Chiudendo la porta dietro di me con un calcio, corsi verso Rachel, avvolgendole la vita e la bocca con la mano.

"Shhhhhhhh", le ho sussurrato all'orecchio stringendo il suo corpo ancora più vicino al mio, "Stai zitta quella cazzo di bocca".

Mentre le sue urla soffocate continuavano, la spinsi contro lo stipite della porta entrando in quello che sembrava essere il soggiorno. Dando una rapida occhiata alla stanza, ho notato che tutte le persiane erano già chiuse.

"Vai via da me!" Mormorò attraverso il mio palmo mentre le sue braccia si agitavano, cercando di liberarsi dalla mia presa.

Portandola in soggiorno, la gettai sul divano. Mi butto sopra di lei, bloccandole le gambe con le mie mentre le afferro entrambi i polsi con una mano, l'altra mano si fa strada sotto il suo reggiseno sportivo attillato, afferrandole le tette con vigore.

"Stoooo!" Lei gemette, con gli occhi pieni di lacrime: "Non farlo! Per favoreeeeeee!”

Potevo sentire il suo corpo iniziare a perdere un po' di controllo mentre i farmaci cominciavano a farsi strada nel suo sistema, indebolendola.

Togliendole il top, gliel'ho avvolto attorno ai polsi, tenendoli insieme sopra la sommità della testa. Con le sue tette perfette, grandi quanto un melone, ora libere dalle costrizioni legate, che rimbalzano sul suo petto, sfidando la gravità come farebbe qualsiasi busto rinforzato con silicone. Li ho afferrati entrambi con i palmi delle mani, stringendoli con forza.

"Cazzo, hai delle tette fantastiche", ho detto mentre le stringevo con fermezza tra le mani, "Rob, te le compra?"

"Non! Per favore!" piagnucolò piano: "Per favore, smettila..."

Scivolando lungo il suo busto, sedendomi sulle sue gambe, le mie mani si fecero strada verso i suoi pantaloncini, strappandoli lungo le gambe, tenendoli alle ginocchia.

"Non opporti, Rachel", le ho ordinato mentre la mia mano si avvicinava alla sua figa perfettamente rasata, accarezzandole le pieghe con il dito medio.

Man mano che il suo corpo diventava ancora più lento, le sue lotte rallentavano.

Alzandomi dal divano, le sollevai le gambe e le piegai sul busto, avvolgendole i pantaloncini dietro la testa come se caricassi una fionda.

Con il corpo quasi piegato a metà e le gambe spalancate, la sua fica risaltava come un'attrice sotto i riflettori.

“Per favoreaasssssee! No! balbettò, lentamente incapace di liberarsi dalle sue restrizioni di fortuna, "Cosa, m-mi hai fatto?"

Affondando la faccia nella sua fica perfetta, ho mosso la lingua tra le sue pieghe, facendola scivolare su e giù attraverso il crepaccio ormai umido.

Sostituendo la lingua con un dito, le ho sussurrato: "So che stai iniziando a divertirti, Rachel, accettalo e basta, piccola".

Lasciando uscire il gemito lamentoso di un grido, cercò di combattere l'inoltrante attacco pieno di piacere.

Con il cazzo che si tendeva oltre ogni immaginazione nei pantaloncini, li ho rapidamente tolti e li ho calciati via insieme alle scarpe.

Immergo la faccia tra le sue gambe e la mia lingua attacca rapidamente il suo clitoride allargato.

“Noooo!” strillò mentre il suo corpo iniziava a tremare: "Non farlo, p-per favore!"

Alzandomi, spostai velocemente la sua testa verso il bracciolo del divano, facendolo sporgere oltre il bordo.

Stando di fronte a lei, con il cazzo che sporgeva sul suo viso, mi sono abbassato e le ho afferrato la gola, ordinandole: "Apri, succhiamelo, cazzo."

Mentre la sua bocca si apriva lentamente, la mia presa sulla sua gola si allentò mentre facevo scivolare la punta del mio cazzo nella sua bocca calda e invitante.

Immergendo il mio cazzo più a fondo, cominciò ad avere conati di vomito. Afferrandole la gola ancora più forte ancora una volta, ho forzato il mio cazzo più in basso nella sua gola, bloccandole le vie respiratorie.

Il suo corpo tremava mentre il suo corpo aveva bisogno di ossigeno. Continuando le mie spinte, osservavo il mio cazzo gonfiarsi fuori dalla sua gola ad ogni tuffo. Quando il suo viso iniziò lentamente a diventare blu, mi tirai fuori mentre un'ondata di saliva ragnatela le usciva dalla bocca.

Poiché il suo corpo ora trovava ancora più difficile muoversi, ho camminato intorno al divano e le ho tirato il culo fino al bordo, tenendole le gambe in aria.

Guardando in basso, la sua paura colpì, il viso con gli occhi spalancati continuava a implorarmi di fermarmi.

Allineando il mio cazzo dolorante alla sua fica perfetta, ho fatto scivolare velocemente la testa del mio cazzo nella sua figa calda.

Mentre emetteva un grido di dolore e piacere, la mia mano raggiunse ancora una volta la sua bocca, ostruendo le sue vocalizzazioni.

Dio aveva la fica dannatamente stretta. Ho dovuto davvero spingermi dentro di lei solo per inserire la punta. Mentre scivolavo ulteriormente, le sue pareti esterne afferravano l'asta del mio cazzo come se fossi compresso da un tritarifiuti.

Spingendosi in avanti, più in profondità dentro di lei, continuò a urlare, mentre allungavo ulteriormente le sue pareti interne.

Mantenendomi profondamente dentro di lei, le mie mani le afferrarono la vita, attirandola a me ancora più profondamente.

Era qualcosa che non avevo mai provato prima. Una calda tensione che stava consumando il mio cazzo.

Tirandomi fuori, ho iniziato a spingermi dentro ripetutamente, guadagnando slancio ad ogni aratro.

"Cazzo sì", gemetti, "La tua fottuta fica è dannatamente fantastica!"

Quando i suoi gemiti di piacere iniziarono a prendere il sopravvento sulle sue spaventose grida di agonia, i suoi occhi iniziarono a roteare nelle orbite.

Afferrandole la vita più forte, continuai ad attirarla più profondamente a me ad ogni spinta.

Tirandomi fuori, le presi i pantaloncini tra le gambe e li gettai di lato, liberandole le gambe.

Facendola sdraiare sul divano sulla schiena, mi misi a cavalcioni su di lei ancora una volta, tenendole le braccia sopra la testa.

Guardandola negli occhi, ho spinto il mio cazzo dentro di lei mentre lei emetteva un lamento o un grido.

Continuando le mie spinte, le mie labbra si mossero lungo il suo collo, mordendole sensualmente ogni pochi centimetri, aumentando il suo piacere.

Lo sentivo, lei si stava arrendendo. Il suo corpo impotente, quasi immobile, accettava finalmente il suo destino stuzzicante.

"Questo è tutto, Rachel", le ho detto mentre le mie mani esploravano le sue voluttuose tette. "Divertiti…"

Mentre la mia mano attraversava il suo corpo, non potevo fare a meno di notare quanto fosse morbida e chiara la sua pelle. Era liscio e limpido come quello di una montagna in una giornata senza vento. Quando le mie mani le passarono sul seno, i suoi capezzoli si indurirono oltre ogni immaginazione.

Emettendo un grido triste, potevo sentirli mentre affondavano nei palmi delle mie mani.

"Quello che dico?" Le sussurrai all'orecchio, facendole rotolare i capezzoli tra il pollice e l'indice. «Te l'avevo detto che ti sarebbe piaciuto, cazzo. Che ne dici di divertirci un po' adesso?"

Tirando fuori il cazzo dalla sua fica furiosa, l'ho girata e fatta scivolare giù dal divano in modo che le sue gambe penzolassero sul pavimento sopra il bracciolo.

Con il suo sedere ora in perfetta attenzione, le ho dato un forte schiaffo sulla guancia, svegliandola un po' di più dal suo stato semi-incosciente.

Osservando l'impronta rossa di una mano emergere lentamente, le mie mani le allargarono le guance mentre strofinavo l'asta del mio cazzo tra le sue pieghe bagnate.

“Pllll…. Pllll", mormorò, "Non ti preoccupare più..."

"Non più?" Ruggii mentre il mio cazzo continuava a scheggiarsi tra le sue pieghe, mandandole una contrazione di piacere nel profondo, "Abbiamo appena iniziato, tesoro, divertiti e basta!"

Senza alcuna esitazione, ho infilato di nuovo il mio cazzo dentro di lei mentre lei emetteva un grido acuto e lamentoso.

Mantenendomi profondamente dentro di lei, ho mosso i fianchi, allargando ulteriormente il suo buco, massaggiando le profondità della sua fica.

Mentre i suoi piagnucolii si addolcivano e si trasformavano in respiri lamentosi, continuavo le mie spinte.

"Fuuuuck" gemette con un tono borbottato ripetitivo.

"Ecco, Rachel", dissi afferrandola per la vita mentre i suoi gemiti diventavano più forti.

Facendo scorrere le mani lungo la sua schiena, le afferrai le spalle, tirandola verso l'alto, inarcandole la schiena.

Mentre la sua testa si muoveva, i suoi gemiti ruggenti continuavano a crescere.

"Ecco fatto, tesoro!" Ho urlato: "Prendi quel cazzo!"

Muovendo le mani verso il basso, le avvolsi intorno alla vita, tirandola su dal divano, piegata e ancora impalata sul mio cazzo.

"Cazzo!" mormorò attraverso un grido: "Oh - mio - Dio!"

Sostenendo il suo peso, continuai a farla rimbalzare sul mio lungo cazzo, dirigendomi lentamente verso il tavolo dietro di me.

Appoggiandomi all'indietro, sollevandola ancora di più, la sbattei sul tavolo. Tirandomi leggermente fuori, l'ho afferrata per la gamba sinistra e l'ho fatta girare sulla schiena, mentre i primi centimetri del mio cazzo le giravano dentro.

Afferrandole l'altra gamba, le allargo, dandomi ampio accesso alla sua figa per una penetrazione più profonda.

Con gli occhi ancora aperti, potevo vederli iniziare a rotolare indietro mentre emetteva un altro gemito rauco.

Attraverso il gemito, potevo sentire un sottile "Mooooore" sfuggire alle sue labbra borbottanti.

"È bello, vero?" dissi mentre continuavo a spingerla in profondità. "Sapevo che ti sarebbe piaciuto essere la mia troia per la notte."

Mentre il suo respiro diventava più rapido e il suo corpo si irrigidiva, potevo dire che stava per venire.

Accelerando il passo, il tavolo tremò violentemente mentre un vaso cadde a terra, frantumandosi dall'altra parte del pavimento della sala da pranzo.

"Sì, sì, sì!" Ha urlato mentre il suo corpo ha iniziato a tremare in modo incontrollabile.

Potevo sentire la sua fica stringersi attorno al mio cazzo mentre ondate di piacere pulsavano attraverso di lei.

"Fanculo! SÌ!" Gemetti preparandomi a pompare il mio carico dentro di lei, "Dio, ti senti dannatamente fantastico!"

Mentre cavalcava l'onda di piacere che scorreva attraverso il suo corpo, la dopamina e l'adrenalina le inondarono le vene, risvegliandola dal suo stato semi-cosciente, riacquistando momentaneamente coscienza.

“Cazzo! SÌ!” ruggì mentre le sue braccia si agitavano in aria.

Incapace di trattenermi oltre, con il cazzo che pulsava oltre ogni immaginazione, l'ho penetrata in profondità un'ultima volta mentre sparavo il mio carico nelle sue profondità.

Respirando pesantemente, la sua testa ricadde sul tavolo, mentre si lasciava andare e lasciava che il suo orgasmo stabilizzante la consumasse.

Attraverso un respiro affannoso e sovraeccitato, iniziò a implorare: “P-per favore! Ancora! Usami!”

Mentre quelle parole mi risuonavano nelle orecchie, il mio cazzo si irrigidì nuovamente, pronto per qualcosa di più.

Tirando fuori dalla sua passera il mio cazzo infestato di sperma, l'ho lanciata sul tavolo a pancia in giù, guardando le sue gambe cadere a terra.

Stando proprio dietro di lei, le ho dato una forte pacca sul sedere mentre lei emetteva un grido sempre più debole.

Facendo scorrere il mio cazzo attraverso le sue guance, le ho afferrato la vita mentre dissi sorridendo: "Hai mai fatto scopare quel tuo bel culo prima?"

Con il mio cazzo ancora inzuppato dei nostri succhi, ho premuto la testa contro il suo stretto bocciolo di rosa.

"Dio, sei dannatamente stretta," dissi mentre cercavo di infilare la testa del mio cazzo dentro di lei, "Immagino che questa sia la prima volta..."

"Fuu-fuuuuck!" Rachel gemette in uno stato di semi-incoscienza mentre la testa del mio cazzo scivolava lentamente oltre il suo sfintere con uno schiocco gratificante.

"Fanculo!" Gemetti mentre il suo culo stretto afferrava il mio cazzo con vigore. "Dio, merda, sei stretto!"

"Aahhhhmmmm" gemette con una mania senza senso.

Premendo in avanti e più in profondità, non avevo mai sentito una tale tensione prima. Avendo bisogno di ulteriore lubrificazione, mi tirai fuori, lottando contro il suo sfintere teso, solo per lasciarla a bocca aperta. Ritornando rapidamente nella sua fica stretta per lubrificarmi di nuovo, l'aratro improvviso provocò uno spasmo attraverso il corpo di Rachel.

Con il mio cazzo che gocciolava ancora una volta da un mix del mio sperma e della sua passera umida, avanzai rapidamente nel suo culo stretto. Guadagnando slancio, le ho stretto la vita con una presa forte, scavando nella sua pelle mentre spingevo ulteriormente dentro di lei, colpendo le palle nella sua fica.

I suoi gemiti continuavano come un disco rotto ad ogni spinta profonda, continuando a battere con lo schiocco delle mie palle contro il suo sedere.

Sentendo il bisogno di liberarmi ancora una volta, ho rallentato il ritmo mentre tiravo ripetutamente il mio cazzo quasi completamente fuori prima di sbatterlo di nuovo dentro di lei, mantenendolo annidato nel profondo.

Dopo un buon minuto, il mio cazzo scivolò fuori goffamente. Invece di infilarsi di nuovo nel suo culo, il mio cazzo è corso verso il basso, di nuovo nella sua figa stretta e calda, facendo sì che Rachel emettesse un forte e orribile strillo. L'improvviso cambiamento nei buchi mi ha reso pronto a venire.

Afferrando le sue braccia che giacevano sul tavolo, la tirai su, inarcandole la schiena mentre le sparavo in profondità.

Scaricando un flusso dopo l'altro, ho notato che era fuori. Il suo corpo è accasciato e morto al mondo.

Tirando fuori il cazzo dal suo buco trasudante, sono tornato in soggiorno, prendendo il telefono dalle tasche dei pantaloncini.

Scattando qualche rapida foto del mio ultimo premio, mi sono guardato intorno per la stanza, costruendo una narrazione plausibile per quando si sarebbe svegliata.

Dopo aver raccolto tutte le mie cose, mi sono vestito e ho preso tutte le mie cose.

Passando davanti a Rachel svenuta sul tavolo della sala da pranzo, ho vuotato un paio di bottiglie di vino nel lavandino, tenendo le bottiglie vuote sul bancone. Dopo aver sporcato un paio di bicchieri da vino, li ho appoggiati sulla penisola della cucina.

Indeciso se lasciarla sul tavolo o portarla sul letto, ho deciso di metterla sul divano del soggiorno.

Tenendo insieme i suoi vestiti, la distesi sul divano. Osservando la mia preghiera conquistata, ho visto il mio sperma fuoriuscire lentamente lungo la sua gamba.

Facendo un ultimo giro per la casa, assicurandomi di non aver lasciato nulla, sono uscito dalla porta sul retro.

È stata una divertente passeggiata verso casa. L'incontro delle ultime ore mi si ripeteva in testa ancora e ancora. Ero affascinato da questa sensazione di potere e controllo.

Percorrendo il vialetto, la mia mente si concentrò rapidamente su mia sorella. Volevo scoparla. Difficile. La volevo lucida mentre la scopavo. Volevo che urlasse, no, implorasse di più.

Quando ho usato il farmaco su mia sorella l'altra sera, non ricordava nulla delle ore precedenti a quando l'avevo effettivamente drogata. Avevo intenzione di usarlo avvantaggiato. E ehi, chissà, forse lo adorerà davvero.

Storie simili

Diventare Zoe

La mia futura moglie Annie aveva accettato un lavoro fuori città e la vedevo solo ogni due settimane circa. Mi mancava così tanto. Lei ed io eravamo diventati amanti a distanza. Aveva un volo di ritorno a casa venerdì sera. Stavo andando a prendere suo figlio Zakk dal suo dormitorio e noi due saremmo andati a prenderla all'aeroporto e ci saremmo goduti il ​​fine settimana insieme. Zakk è al suo primo anno di college e sta studiando per diventare un truccatore per il teatro e lo schermo. Lui e io non ci siamo davvero conosciuti e questo doveva essere il fine...

1K I più visti

Likes 0

La sorella della moglie è la puttana dell'ufficio!

Questa non è esattamente una storia normale che potresti trovare su xnxx. Ho trovato questo pubblicato in un forum insieme a un mucchio di commenti di giudizio. Lo sto solo ripubblicando per far divertire le persone. Il poster originale afferma che questo è tutto vero e che ha cambiato i nomi. La sorella di mia moglie è la puttana dell'ufficio e suo padre gliel'ha fatto fare! Katie ha sempre condiviso tutto con me e il percorso professionale di sua sorella è diventato un argomento di cui discutiamo a letto. Rosie ha sempre avuto un corpo delizioso ma non c'è molto da...

850 I più visti

Likes 0

Il furgone - Scopa mia moglie

Una sera io e mia moglie stavamo cenando, è venuto fuori l'argomento di una delle nostre fantasie. L'abbiamo chiamato il furgone. Era stata una nostra fantasia ricorrente prendere diversi ragazzi e farli scopare mia moglie nel retro di un furgone. Questa volta abbiamo deciso di farlo quindi abbiamo aspettato il weekend. Abbiamo noleggiato un furgone bianco per la notte e siamo andati in centro alla ricerca di alcuni ragazzi belli e sani. Indossava un mini abito nero scollato e aveva un letto rifatto nella parte posteriore. Abbiamo guidato per un po' e ci siamo imbattuti in un ragazzo che camminava da...

1.9K I più visti

Likes 1

Fantasia di schieramento

Voglio raccontarvi tutto del mio dispiegamento in Turchia. Ero solo e non avevo voglia di fare lo stesso di tutti gli altri ragazzi. Sai parlare con le ragazze dello stato sperando di poter organizzare qualcosa per quando torno. Ero in una stanza con 8 ragazzi in 4 letti a castello e volevo trovare qualcuno che fosse di stanza qui con la propria stanza. Forse anche una casa. Così sono andato al gruppo di vendita in cantiere su Facebook e ho iniziato a cercare un amico nell'elenco dei membri. Chissà, forse conoscevo qualcuno qui. Beh, mi sono imbattuto in una ragazza di...

2.4K I più visti

Likes 0

Sissy Lucy incontra suo padre

Ho circa 20 anni e gestisco un ristorante/bar locale. Sono 5 piedi e 8 e magro con lineamenti abbastanza femminili. Per la maggior parte delle persone sono solo Tom, un ragazzo normale che ha fidanzate occasionali, ama una birra e guarda il calcio. Per i miei amici più cari sono Lucy, una troia femminuccia che ama il cazzo. Di recente ho trovato un papà online. Era un uomo più anziano e più esperto. Abbiamo iniziato a chattare e gli ho inviato alcune foto e videoclip birichini di Lucy che suonava. Mentre parlavamo ho rivelato che mi piace essere dominato, mi è...

774 I più visti

Likes 0

La mia vera storia di vita: capitolo uno

Diverse persone mi hanno chiesto di raccontare la storia della mia vita poiché ho accennato ad alcune delle mie esperienze insolite. Quindi penso che il miglior punto da cui iniziare sia la notte in cui sono finiti i miei 10 anni di matrimonio. Era un venerdì sera e mio marito Tim è tornato a casa ubriaco. Questa era diventata la sua pratica abituale negli ultimi due anni. Ha affermato che il suo capo gli stava causando un aumento dello stress e ha dovuto fermarsi con i ragazzi per rilassarsi. All'inizio tornava a casa un po' brillo per quando portavo a letto...

752 I più visti

Likes 0

Dare un erede a Lord Ablington

Stavo oziando tutto il giorno aspettando il pranzo quando ho sentito la terribile notizia: Alan Lord Ablington era caduto da cavallo durante la caccia di lunedì mattina ed era completamente morto. Tommy Goodfellow si era fermato mentre andava ad Abbotsford quel martedì mattina per raccontarci, come sapeva, della mia precedente conoscenza con Lady Ablington. Ho provato un misto di emozioni. Lord Ablington aveva recentemente corteggiato e poi sposato la mia dolce metà d'infanzia, una certa Miss Amy Merry, alla quale ero rimasto immensamente affezionato, non si poteva biasimarla, Ablington possedeva la maggior parte del villaggio e molto altro ancora mentre la...

767 I più visti

Likes 0

Colto in flagrante_(0)

Colto con le mani nel sacco Questa esperienza ha coinvolto il mio conoscente Ben. Dico conoscente perché l'ho incontrato solo una volta prima, abbiamo parlato a malapena e non aveva molto legame con me: era il figlio della mia amica più grande Vicky. Conoscevo Vicky perché facevo volontariato nel suo negozio di animali e, anche dopo aver finito, ancora oggi restiamo buoni amici. All'epoca avevo 15 anni e Ben 13. Vicky mi ha invitato a fare un barbecue per festeggiare il suo compleanno, quindi insieme a molte altre persone ho accettato, ero il più giovane lì a parte Ben che è...

276 I più visti

Likes 0

Samantha e Kaylee_(0)

Avevo una vicina di nome Kaylee che era meravigliosa. Era alta, atletica e aveva un corpo sodo. Probabilmente circa 120 libbre. pelle abbronzata, capelli castano scuro. Ha sicuramente attirato la mia attenzione. Non era una troia, era più una provocazione. Abbiamo frequentato la stessa scuola superiore. L'ho vista spesso, ma non abbiamo parlato molto. Tutto in lei era ipnotizzante, il modo in cui i suoi capelli erano lunghi e avevano la giusta quantità di riccioli, le sue gambe, la figura sexy, aveva persino delle fossette sopra il sedere che potevo vedere quando era in bikini intorno alla piscina. Era una brava...

263 I più visti

Likes 0

La migliore sorella del mondo!!! Parte 2

La migliore sorella del mondo!!! Parte 2 Mi sono svegliato la mattina dopo più riposato di quanto mi fossi sentito da molto tempo. Gli eventi della notte precedente mi stavano attraversando la mente mentre iniziavo a prepararmi per la scuola. Sia io che Sydney ci amavamo molto, in un certo senso fraterno. Non avevo mai pensato a lei sessualmente, ma quando l'ho vista masturbarsi fino all'orgasmo mentre pensava a me... ho iniziato a vederla sotto una nuova luce. Ora la vedevo non solo come mia sorella maggiore, ma come una donna bella e sexy. Sono sceso al piano di sotto, la...

2.5K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.