La storia di Sally, parte 1 - Novità in città

318Report
La storia di Sally, parte 1 - Novità in città

Sally aveva appena compiuto diciotto anni ed era nella sua stanza a preparare le sue cose essenziali. Aveva promesso ai suoi genitori che sarebbe rimasta fino ad allora, ma dopo non avrebbero più potuto trattenerla. Aveva studiato a casa per tutta la vita e viveva fuori da una città di cui nessuno aveva mai sentito parlare e voleva di più. Ha afferrato le basi ma è tutto ciò che aveva comunque. La sua famiglia era minimalista e le aveva comprato dei vestiti. Erano tutti semplici, per lo più jeans e magliette. Poi prese alcune cose dal bagno ed era pronta.


Sally si guardò allo specchio. Non si sarebbe adattata al look della grande città. Sembrava normale. Aveva i capelli ondulati castano chiaro che le scendevano fino al sedere; a volte ci si sedeva addirittura sopra. Non era pallida ma non era nemmeno del tutto abbronzata. Lavorare nella fattoria la manteneva tonica, ma nessuno poteva dirlo con certezza perché i suoi genitori le permettevano di indossare abiti attillati. Indossava un reggiseno C32 e aveva una vita piuttosto piccola e un sedere sodo di medie dimensioni.


Sally non aveva alcuna esperienza lavorativa, ma aveva risparmiato i soldi per il compleanno e aveva comprato delle galline quando aveva undici anni e da allora aveva venduto le loro uova. Qualche giorno fa ha venduto tutte le sue galline e aveva abbastanza soldi per comprare un biglietto di sola andata per uscire dalla città e ne aveva abbastanza per, si spera, sistemarsi. Dovrebbe bastare qualche giorno di motel e poi il primo e l'ultimo mese di affitto. Inoltre, si spera, abbastanza da darle da mangiare. Allora sarà meglio che abbia uno stipendio.


Aveva già salutato la sua famiglia, quindi è uscita ed è salita sull'autobus. La sua famiglia non voleva che se ne andasse, ma sapevano che non potevano fermarla, quindi le hanno dato un cellulare prima che se ne andasse e le hanno fatto promettere che avrebbe mandato un messaggio e chiamato in modo che sapessero che stava bene. essere un enorme atto di fede che tutto sarebbe andato bene. Aveva un curriculum con sé, ma allevare polli e vendere le uova non era un'esperienza lavorativa esattamente rilevante per qualsiasi cosa avrebbe fatto in città. Sarebbe stato un atto di fede che tutto avrebbe funzionato, ma per Sally ne è valsa la pena.


Sally lasciò vagare la mente durante il viaggio in autobus e alla fine svenne solo per essere svegliata una volta raggiunta la sua destinazione. Finalmente era qui. Afferrò la borsa e scese dall'autobus e decise che sarebbe andata in giro a cercare un lavoro e se avesse visto un motel in cui alloggiare avrebbe visto quanto costava.


Tutto il giorno si fermava nei negozi e ogni volta che non assumevano o vedendo la sua mancanza di esperienza la licenziavano. La giornata stava passando e fuori cominciava a fare buio. Si arrese e iniziò a dirigersi verso dove pensava potesse essere un motel quando passò davanti a un bar con un cartello di richiesta aiuto alla finestra. Fece un respiro profondo e si preparò mentalmente per un altro rifiuto prima di aprire la porta. Potrebbe anche fermarsi a vedere. Sally aprì la porta e vide una bellissima donna con i capelli biondi e ricci in piedi dietro il bancone.

Si è avvicinata ed è stata accolta da un sorriso caloroso: "Benvenuta al Jackson's Bar and Grill, vorresti un tavolo o semplicemente sederti qui al bar?"
“Umm... in realtà ho visto il tuo cartello di richiesta di aiuto. Sono nuovo in città e sto cercando un lavoro."
“Seguimi, ti porterò a conoscere Jackson. È davvero un bravo ragazzo, lo adorerai.
Sally le sorrise e cominciò a camminare dietro di lei.
«A proposito, mi chiamo Janette. Per favore, non chiamarmi Jan. Lo odio.
“Oh, non lo farò. Il mio nome è Sally.
“Piacere di conoscerti, Sally. Sembri davvero gentile, spero che Jackson ti assuma."
"Grazie", sorrise Sally.
Janette si fermò davanti a una porta e bussò. Un paio di minuti dopo si aprì e ne emerse un uomo un po' più alto di Janette. Aveva quel qualcosa di bello e robusto con occhi penetranti e capelli neri.
"Sì, Janette?" le chiese con voce profonda.
"Jackson, questa giovane donna è nuova in città e cerca lavoro."
"Oh, capisco. Signorina, come ti chiami?" rivolse la sua attenzione a Sally.
“Piacere di conoscerti, Jackson. Il mio nome è Sally Johnson.
"Bene Sally, ho un po' di tempo adesso, perché non vieni nel mio ufficio per un colloquio?"

Sally gli fece un cenno e lo seguì nel suo ufficio e lui le fece cenno di sedersi.
"Cosa ti porta in città?" chiese Jackson mentre si sedeva sulla sedia.
“Sono cresciuto in mezzo al nulla e me ne sono andato per sperimentare la vita. Non potevo restare lì."
“Oh sì, lo capisco. Anch'io vengo da una piccola città", ha sorriso, "Allora qual è la tua precedente esperienza lavorativa?"
Sally si spostò sulla sedia: "Signore, non le mentirò. Non ho mai avuto un vero lavoro prima, ma sono cresciuto in una fattoria e so cosa significa lavorare. Ho allevato polli e penso che se riesco a gestire i polli, posso affrontare qualsiasi cosa mi lanci sulla strada.
Jackson si strofinò la mascella.
"Per favore, signore, dammi una possibilità e ti prometto che non rimarrai deluso."
"Bene. Ti darò una settimana di prova per vedere come te la cavi."
Sally sorrise: "Grazie mille!"
“Ringraziami quando riesci a superare la settimana. Ora hai detto che sei nuovo in città. Dove alloggerai? Hai un numero a cui posso contattarti?"
Sally gli diede il suo numero e poi aggiunse: "Volevo solo cercare un motel dove stare finché non trovo un posto."
«Dovresti restare con Janette. Possiedo il complesso sopra il bar. Se vieni assunto potrai affittare il tuo appartamento, ma per ora sono sicuro che a Janette non dispiacerà”.
“Wow, sei sicuro che andrebbe bene? Non voglio essere un peso”.

Jackson annuì e uscì dall'ufficio. Sally non sapeva cosa fare, quindi lo seguì. Si avvicinò a Janette e stava parlando con lei mentre Sally era in piedi accanto al bar.

Janette fece un cenno a Jackson, si avvicinò a Sally e sorrise: “Congratulazioni per aver avuto un processo qui. Sei il benvenuto se vuoi stare con me, ovviamente. Ti faccio vedere adesso e potrai riposarti una buona notte prima di lavorare domani. Sono sicuro che tutto quel viaggiare stancherebbe chiunque.
Sally sorrise e annuì: "Sì, grazie mille".

Janette cominciò a camminare verso il retro e Sally la seguì. Salirono all'appartamento 101 ed entrarono.
“Okay, per ora puoi restare sul letto a scomparsa. Spero che sarà abbastanza comodo per te.”
"Oh, è perfetto, ne sono sicuro, grazie mille."

Janette fece fare il giro a Sally e le prese delle coperte prima di tornare di sotto a lavorare. L'appartamento era da scapolo, era piccolo e aveva uno di quei divisori a fisarmonica per separare il letto dal resto dello spazio e solo un piccolo bagno era attraverso una porta a lato del soggiorno. Sally si è messa il pigiama ed è svenuta quasi immediatamente. Janette aveva ragione, viaggiare la rendeva davvero stanca.




Janette aveva appena finito di chiudere il bar quando Jackson si avvicinò: "Cosa ne pensi di Sally?"
"Lei è innocente."
Jackson sorrise: "Una volta eri innocente".
Janette si avvicinò a lui: "Beh, hai risolto il problema, non è vero?"

Jackson afferrò una manciata di riccioli biondi e la spinse giù facendola piegare sul tavolo da biliardo. La sua gonna lo stuzzicò e lui fece scivolare una mano sulla sua coscia sollevandole mentre le accarezzava il sedere. Fece scivolare di nuovo la mano verso il basso, accarezzandole la figa pelata. Lei gemette spingendo il sedere verso di lui.

Lui fece scivolare un dito dentro di lei: "Brava ragazza, carina e bagnata per me."

Lui continuò a toccarle la figa mentre le lasciava andare i capelli e faceva scivolare la mano lungo il suo corpo. Quando arrivò al suo culo gli diede uno schiaffo guardandolo sussultare leggermente mentre lei gemeva di piacere. Lui le ha tolto le dita e ha usato i suoi succhi per lubrificarle il culo.

Accarezzandole il bocciolo di rosa stuzzicandola fino a farla piagnucolare: "Per favore..."
Inserì lentamente un dito nel suo piccolo foro rosa e lei sussultò rumorosamente. Poi fece scivolare un altro dito nella sua figa stretta. Mosse lentamente la mano dentro e fuori da lei.
Usò una mano per colpirle il sedere ancora una volta: "Ricorda, sei mia".
Lei gemette alle sue parole: “Sì, signore. Io sono tua."

Aprì la cerniera dei pantaloni con la mano libera e tirò fuori il membro gonfio e si posizionò all'ingresso di lei mentre faceva scivolare fuori il dito e si spinse dentro di lei in un colpo solo. Lei urlò con le mani che stringevano il tavolo mentre tremava per il suo primo orgasmo.

Lui le afferrò forte i fianchi scivolando dentro e fuori da lei, aumentando lentamente il piacere. Gemeva ad ogni spinta sentendo il piacere scorrerle nelle vene. La tirò con un braccio sulle spalle e sul collo. Il suo corpo premette contro quello di lui. Usò la mano libera per abbassarle la maglietta, facendole fuoriuscire i seni. Li accarezzò ciascuno e poi le tirò i capezzoli provocando un gemito extra forte in Janette.

La spinse giù e la tenne fermamente per le spalle. Poi ha iniziato a sbatterla forte e velocemente lei ha urlato gemendo forte. Glielo diede per bene mentre il suo piacere aumentava e sentì di nuovo il suo orgasmo. La sua figa che si contraeva sul suo cazzo lo aiutò a spingerlo giù.

Jackson si tirò fuori e fece girare Janette spingendola in ginocchio. Non c'era bisogno che le dicessero che lo prese immediatamente in bocca. Lui le afferrò la testa con entrambe le mani e cominciò a scoparle la faccia. Sentendo il suo conato di vomito mentre le scendeva in gola. Osservò il suo cazzo scivolare dentro e fuori dalla sua bocca. Lei gemette sul suo cazzo mandandogli vibrazioni.

Lui la afferrò forte e la sbatté dentro ancora una volta mentre il suo sperma le scivolava in gola e lei ne prendeva ogni goccia.
Lui le sorrise: "Brava ragazza".

Storie simili

Diventare Zoe

La mia futura moglie Annie aveva accettato un lavoro fuori città e la vedevo solo ogni due settimane circa. Mi mancava così tanto. Lei ed io eravamo diventati amanti a distanza. Aveva un volo di ritorno a casa venerdì sera. Stavo andando a prendere suo figlio Zakk dal suo dormitorio e noi due saremmo andati a prenderla all'aeroporto e ci saremmo goduti il ​​fine settimana insieme. Zakk è al suo primo anno di college e sta studiando per diventare un truccatore per il teatro e lo schermo. Lui e io non ci siamo davvero conosciuti e questo doveva essere il fine...

1K I più visti

Likes 0

La sorella della moglie è la puttana dell'ufficio!

Questa non è esattamente una storia normale che potresti trovare su xnxx. Ho trovato questo pubblicato in un forum insieme a un mucchio di commenti di giudizio. Lo sto solo ripubblicando per far divertire le persone. Il poster originale afferma che questo è tutto vero e che ha cambiato i nomi. La sorella di mia moglie è la puttana dell'ufficio e suo padre gliel'ha fatto fare! Katie ha sempre condiviso tutto con me e il percorso professionale di sua sorella è diventato un argomento di cui discutiamo a letto. Rosie ha sempre avuto un corpo delizioso ma non c'è molto da...

850 I più visti

Likes 0

Colto in flagrante_(0)

Colto con le mani nel sacco Questa esperienza ha coinvolto il mio conoscente Ben. Dico conoscente perché l'ho incontrato solo una volta prima, abbiamo parlato a malapena e non aveva molto legame con me: era il figlio della mia amica più grande Vicky. Conoscevo Vicky perché facevo volontariato nel suo negozio di animali e, anche dopo aver finito, ancora oggi restiamo buoni amici. All'epoca avevo 15 anni e Ben 13. Vicky mi ha invitato a fare un barbecue per festeggiare il suo compleanno, quindi insieme a molte altre persone ho accettato, ero il più giovane lì a parte Ben che è...

275 I più visti

Likes 0

Samantha e Kaylee_(0)

Avevo una vicina di nome Kaylee che era meravigliosa. Era alta, atletica e aveva un corpo sodo. Probabilmente circa 120 libbre. pelle abbronzata, capelli castano scuro. Ha sicuramente attirato la mia attenzione. Non era una troia, era più una provocazione. Abbiamo frequentato la stessa scuola superiore. L'ho vista spesso, ma non abbiamo parlato molto. Tutto in lei era ipnotizzante, il modo in cui i suoi capelli erano lunghi e avevano la giusta quantità di riccioli, le sue gambe, la figura sexy, aveva persino delle fossette sopra il sedere che potevo vedere quando era in bikini intorno alla piscina. Era una brava...

262 I più visti

Likes 0

Il furgone - Scopa mia moglie

Una sera io e mia moglie stavamo cenando, è venuto fuori l'argomento di una delle nostre fantasie. L'abbiamo chiamato il furgone. Era stata una nostra fantasia ricorrente prendere diversi ragazzi e farli scopare mia moglie nel retro di un furgone. Questa volta abbiamo deciso di farlo quindi abbiamo aspettato il weekend. Abbiamo noleggiato un furgone bianco per la notte e siamo andati in centro alla ricerca di alcuni ragazzi belli e sani. Indossava un mini abito nero scollato e aveva un letto rifatto nella parte posteriore. Abbiamo guidato per un po' e ci siamo imbattuti in un ragazzo che camminava da...

1.9K I più visti

Likes 1

Fantasia di schieramento

Voglio raccontarvi tutto del mio dispiegamento in Turchia. Ero solo e non avevo voglia di fare lo stesso di tutti gli altri ragazzi. Sai parlare con le ragazze dello stato sperando di poter organizzare qualcosa per quando torno. Ero in una stanza con 8 ragazzi in 4 letti a castello e volevo trovare qualcuno che fosse di stanza qui con la propria stanza. Forse anche una casa. Così sono andato al gruppo di vendita in cantiere su Facebook e ho iniziato a cercare un amico nell'elenco dei membri. Chissà, forse conoscevo qualcuno qui. Beh, mi sono imbattuto in una ragazza di...

2.4K I più visti

Likes 0

Sissy Lucy incontra suo padre

Ho circa 20 anni e gestisco un ristorante/bar locale. Sono 5 piedi e 8 e magro con lineamenti abbastanza femminili. Per la maggior parte delle persone sono solo Tom, un ragazzo normale che ha fidanzate occasionali, ama una birra e guarda il calcio. Per i miei amici più cari sono Lucy, una troia femminuccia che ama il cazzo. Di recente ho trovato un papà online. Era un uomo più anziano e più esperto. Abbiamo iniziato a chattare e gli ho inviato alcune foto e videoclip birichini di Lucy che suonava. Mentre parlavamo ho rivelato che mi piace essere dominato, mi è...

774 I più visti

Likes 0

La mia vera storia di vita: capitolo uno

Diverse persone mi hanno chiesto di raccontare la storia della mia vita poiché ho accennato ad alcune delle mie esperienze insolite. Quindi penso che il miglior punto da cui iniziare sia la notte in cui sono finiti i miei 10 anni di matrimonio. Era un venerdì sera e mio marito Tim è tornato a casa ubriaco. Questa era diventata la sua pratica abituale negli ultimi due anni. Ha affermato che il suo capo gli stava causando un aumento dello stress e ha dovuto fermarsi con i ragazzi per rilassarsi. All'inizio tornava a casa un po' brillo per quando portavo a letto...

752 I più visti

Likes 0

Dare un erede a Lord Ablington

Stavo oziando tutto il giorno aspettando il pranzo quando ho sentito la terribile notizia: Alan Lord Ablington era caduto da cavallo durante la caccia di lunedì mattina ed era completamente morto. Tommy Goodfellow si era fermato mentre andava ad Abbotsford quel martedì mattina per raccontarci, come sapeva, della mia precedente conoscenza con Lady Ablington. Ho provato un misto di emozioni. Lord Ablington aveva recentemente corteggiato e poi sposato la mia dolce metà d'infanzia, una certa Miss Amy Merry, alla quale ero rimasto immensamente affezionato, non si poteva biasimarla, Ablington possedeva la maggior parte del villaggio e molto altro ancora mentre la...

767 I più visti

Likes 0

Principiante della schiavitù

Maria strinse i denti quando il maestro del bondage incappucciato si presentò, non per nome ma stabilendo il suo completo controllo su mia moglie. Rimase in silenzio davanti a lui, completamente nuda, sottomettendosi a qualunque umiliazione le sarebbe stata inflitta. Aveva iniziato facendole scorrere le mani sul corpo, indugiando sulle sue enormi tette, allargando le gambe in modo da poterle raggiungere. Bella fica stretta, per una troia, aveva grugnito. Adesso ha fatto un passo avanti. Fece oscillare la mano con un backswing completo, collegandosi al seno sinistro. Lo schiaffo echeggiò nella camera di cemento. Il seno di Maria si sollevò, colpendola...

256 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.