Principiante della schiavitù

256Report
Principiante della schiavitù

Maria strinse i denti quando il maestro del bondage incappucciato si presentò, non per nome ma stabilendo il suo completo controllo su mia moglie.

Rimase in silenzio davanti a lui, completamente nuda, sottomettendosi a qualunque umiliazione le sarebbe stata inflitta.

Aveva iniziato facendole scorrere le mani sul corpo, indugiando sulle sue enormi tette, allargando le gambe in modo da poterle raggiungere.

"Bella fica stretta, per una troia", aveva grugnito.

Adesso ha fatto un passo avanti.

Fece oscillare la mano con un backswing completo, collegandosi al seno sinistro. Lo schiaffo echeggiò nella camera di cemento. Il seno di Maria si sollevò, colpendola quasi in faccia, lo shock congelato sul suo viso.

Prima che potesse riprendersi, il maestro del bondage le diede uno schiaffo sul seno destro, schiaffi brevi e taglienti che risuonavano come due colpi di pistola.

Le tette di Maria rimbalzarono per un paio di secondi dopo, e all'istante apparvero dei segni rossi.

Tirò indietro il braccio e Maria si irrigidì immediatamente con un brusco respiro, tirandolo indietro.

Il maestro della schiavitù rise.

“Pensi che questo aiuterà, troia? Quelle tette sono grandi bersagli.

Cominciò ad allontanarsi e Maria si rilassò, lasciando uscire il respiro che aveva trattenuto mentre era tesa.

In un attimo il maestro del bondage le diede un rovescio alla tetta destra e poi alla sinistra, e seguì con un paio di schiaffi di dritto, lasciando Maria senza fiato.

“Quando tuo marito ti ha prenotato con me, ha detto che le tue tette erano, cito testualmente, ‘fatte per la tortura’. Di solito non faccio molta attenzione ai mariti orgogliosi.

“Ma devo ammettere”, si voltò e mi fece l’occhiolino, “aveva ragione. Mi godrò le tue tette, Maria Pardo. Lo siamo tutti, non è vero?"

La sua domanda fu accolta da un basso coro gutturale di assenso. Un gruppo sparpagliato di uomini stava proprio all'ingresso della camera di schiavitù, osservando attentamente.

"Ti guadagnerai il soprannome di tetteMaria, troia."

Afferrò i capezzoli di Maria tra il pollice e l'indice e li sollevò di scatto, costringendola ad alzarsi in punta di piedi per alleviare la tensione. Sembrava che avesse allungato ciascun capezzolo di un pollice mentre le sue areole assumevano una forma conica.

Poi li tirò direttamente verso di sé. “Vedremo fino a che punto riusciremo a spingere queste tette fuori. Non c'è bisogno di reggiseni push up", ridacchiò. “Abbiamo le corde per le flessioni, ehi. Ma prima..."

Si voltò verso il banco da lavoro e raccolse quelle che sembravano due lunghe assi piatte spesse circa un pollice e larghe cinque o sei pollici, tenute insieme da tre serie di viti. Ha allentato le viti per ampliare lo spazio tra le assi. Tenendo l'asse superiore, fece scivolare l'asse inferiore sotto le tette di Maria e tirò verso l'alto.

Lei rimase senza fiato quando si rese conto di cosa sarebbe successo.

Trasferì la presa sul pannello inferiore e il pannello superiore scivolò giù per posarsi sulle brocche. Iniziò a stringere la vite centrale, schiacciando i bazooka di Maria tra le due assi. Le sue tette iniziarono a schiacciare sempre di più la parte anteriore delle assi mentre lui stringeva anche le viti terminali.

"Bel rack", ha detto. Una risatina ha attraversato il pubblico maschile.

Maria è stata portata in giro per la camera in modo che tutti potessero dare una buona occhiata ai tumuli deformi di Maria mentre la rastrelliera rimbalzava su di loro mentre camminava. Maria è stata fatta rimbalzare e dondolare le tette per dimostrare come la tavola rimaneva al suo posto.

Dopo un po' il maestro del bondage rimosse il supporto per le tette e passò al punto successivo della sua agenda di umiliazione. Aveva già scopato un paio di pinze per capezzoli, non del tipo a molla. Erano morsetti a G avvitati, in ghisa, ciascuno un peso pratico in sé.

"Vediamo cosa possono sopportare queste tette", mormorò. Ha tirato fuori più volte il capezzolo sinistro di Maria mentre lo preparava per la pinza. Maria abbassò lo sguardo mentre il suo capezzolo rimaneva duro ed esteso. Il maestro del bondage si chinò rapidamente e succhiò il capezzolo, poi lo morse, scoprendo i denti in modo che tutti potessimo vedere la carne rosa tra i suoi bianchi perlati. Lentamente fece scivolare i denti lungo il capezzolo, senza estenderli ulteriormente. Maria respirò profondamente mentre cercava di trattenere il sussulto.

I suoi occhi seguirono il maestro del bondage mentre ripeteva il processo con l'altro capezzolo. Poi velocemente, mentre erano ancora lunghi e duri, luccicanti della sua saliva, avvitò le pinze, stringendole finché non le pendevano dalle tette.

Questa volta Maria non poté evitare che un sussulto le sfuggisse dalle labbra mentre le pinze riducevano i suoi capezzoli a schegge sottili, solo i capezzoli arrossati conservavano ancora la loro rotondità.

Il maestro del bondage ha dato un colpetto a ciascuna pinza con le dita, facendole oscillare sulle estremità delle tette di Maria. Poi ha accarezzato delicatamente ciascun seno, facendo scorrere le dita attorno all'areola e al capezzolo serrato, schiaffeggiando improvvisamente entrambe le tette allo stesso tempo, facendo un passo indietro in modo che accoppiandoci vediamo le tette di Maria rimbalzare con le pinze che tendono ogni tettarella.

Il maestro del bondage si è spostato dietro mia moglie, alzando la mano per sostenere ciascuna tetta, massaggiandole e accarezzandole.

"Sai, ho visto alcune delle tue cose, troia", ha detto in tono colloquiale all'orecchio di Maria mentre giocava con le tette di mia moglie. «Sei una puttana perversa, schifosa e disgustosa, vero? Scopata da sconosciuti, gangbang, stupri in branco, allevamento e tabù ancora più grandi. Anche rimanere incinta di uno sconosciuto non ti ha rallentato, vero? Una troia ancora più grande quando avevi la pancia gonfia, non eri tu Maria Pardo?

“E di solito con un pubblico, anche se era solo tuo marito. Ma la maggior parte delle volte si trattava di un pubblico più numeroso, non è vero, fottuta troia tettona e disgustosa. Eri l'intrattenimento, uomini che usavano il tuo corpo come una bambola dal vivo, usandoti per il loro piacere, mentre altri uomini ti guardavano mentre ti lasciavi degradare, i tuoi buchi venivano abusati, mentre esprimevano il loro godimento nei tuoi confronti. Tu eri la loro discarica di sperma, mentre ti riempivano la bocca, la fica, il culo e le tette.

“Quanti, Maria Pardo? Quanti cazzi sono penetrati nei tuoi buchi, quanti litri di sperma hai ingoiato, si sono depositati nel profondo di te? Mmm?"

Maria scosse la testa, anche se doveva aver capito che era una domanda retorica. Il suo corpo era inarcato contro di lui mentre lui descriveva eloquentemente la sua profondità di depravazione.

“Ti emoziona, Maria? Ti fa bagnare sentirmi dire quanto sei grande troia e chi sei? Vediamo..."

Il maestro del bondage lasciò scivolare lentamente una mano sullo stomaco di Maria fino alla sua figa. Quando le sue dita raggiunsero la parte superiore della fessura rasata, mia moglie allargò ancora di più le gambe in modo che lui potesse esplorarle la fica.

“Mmm, penso che possiamo vedere quanto sei emozionata, Maria. Quanto sei umido, ti cola anche lungo le gambe.

Sicuramente abbiamo potuto vedere Maria perdere liquidi, bistecche di umidità che scivolavano lentamente lungo l'interno delle sue cosce. Il maestro del bondage ha infilato due dita nella fica di mia moglie, schiaffeggiandole rapidamente da un lato all'altro producendo un suono stridulo umido per indicare quanto aveva bagnato Maria.

«E tutti quei milioni in più, uomini di tutto il mondo che guardano i tuoi video e vedono le tue foto, tirandoti addosso i loro cazzi, Maria Pardo. Smascherandoti come la totale e assoluta troia che sei, semplicemente per il loro divertimento. Non lo ami e basta?"

Maria riusciva a malapena ad annuire mentre il maestro del bondage continuava a masturbare mia moglie, azionando le pinze sulle sue tette mentre faceva. Iniziò a gemere mentre le pinze le abbassavano i capezzoli mentre le sue tette rimbalzavano, aumentando di intensità.

“Oh oh, un orgasmo da capezzolo! Impressionante, troia."

Smise di toccare la fica di Maria, si spostò di nuovo davanti a lei e si concentrò sui suoi capezzoli, tirando le pinze in varie direzioni, conducendo Maria in una piccola danza mentre seguiva la spinta.

Ben presto i suoi seni si sollevarono mentre l'orgasmo la sopraffaceva, per poi stabilizzarsi quando il maestro del bondage allentò la presa sui morsetti.

Dopo una rapida visita alla panchina, il maestro del bondage ordinò a Maria di alzare le braccia lungo i fianchi e di posizionare quello che sembrava un pezzo piatto di acciaio sulle sue spalle. Il giogo si estendeva per tutta la lunghezza di ciascun braccio e si adattava al collo, con chiusure di metallo per ciascun polso. Rendeva un po’ piccola la testa di Maria, dandole un aspetto ancora più sottomesso.

Tornò di nuovo alla sua panchina e tornò con le corde. Lasciò i morsetti e li usò per tirare fuori la tetta sinistra di Maria, circondandola rapidamente ed abilmente con una corda, iniziando dalla base del seno, disponendo ordinatamente ogni anello di corda fianco a fianco, facendo sporgere il seno in avanti più di due volte. tanto quanto in uno stato rilassato.

Con ciascun seno legato, condusse Maria a un tavolo all'altezza della vita, facendola sdraiare sulla schiena e assicurandole i polsi e le caviglie. Le sue ginocchia erano sollevate e le sue gambe erano divaricate, le sue tette legate sporgevano verso l'alto.

Andando alla sua panca, il maestro del bondage tornò con un numero di bastoncini, o bacchette, ciascuno di diversa lunghezza e spessore. Ne ha scopato uno e si è avvicinato tra le gambe aperte di mia moglie.

"Spero che tu sia ancora bagnata, troia," ringhiò mentre inserisce l'estremità dell'asta nella sua fica.

Cominciò a infilare l'asta nella fica di Maria e tutti potevano sentire chiaramente la sua penetrazione morbida. Ha accelerato le sue spinte, conficcando l'asta più in profondità nel buco spalancato ed esposto di mia moglie. Lei respirava più velocemente e in modo più superficiale, ma prima che potesse svilupparsi qualcosa lui ritirò la bacchetta. Ha scopato un palo più corto e più spesso e lo ha immerso nello squarcio arrossato di Maria, spingendolo di nuovo in casa e ritirandosi prima che potesse creare un orgasmo.

“Qui è dove ci divertiamo un po' in gruppo con te, Maria. Forza ragazzi, prendete dei pali e iniziate a impalare la cagna", ha detto al gruppo.

Con impazienza si precipitarono avanti per afferrare uno degli oggetti di scena e presto Maria si ritrovò con bastoni, pali e aste infilati dentro e fuori dalla sua fica e dal suo culo. Alcuni avevano estremità simili a vibratori, altri erano semplicemente arrotondati e lisci, alcuni di plastica, altri di legno, altri di metallo, altri di gomma. Tra loro c'erano utensili e utensili domestici, come uno scopino per il WC, una mazza da baseball, il manico di una racchetta da tennis e persino un cacciavite.

Il maestro del bondage supervisionava, assicurandosi che nessuno rimanesse troppo a lungo nei buchi di Maria, scambiando gli attrezzi.

Dopo un po’ fece segno agli uomini di fermarsi mentre strofinava la mano sull’inguine dolorante di Maria. “Com'è andata, troia? Ti piace riempire i tuoi buchi? Faresti qualsiasi cosa per il cazzo, non è vero, puttana? "Ora che i buchi della troia sono stati adeguatamente preparati", si è rivolto al gruppo, "è ora di destinare la troia all'unico vero uso per il quale è adatta".

Da un angolo oscuro fece girare un grande tamburo su rotelle, posizionandolo al centro della camera e applicando un freno su ciascuna ruota. La canna di metallo aveva chiusure per polsi e caviglie. Mentre un paio di uomini rimuovevano il giogo, il maestro della schiavitù lo preparava per la sua prossima vittima.

Maria è stata legata all'indietro sopra la canna in modo che la sua bocca e la sua fica siano entrambe all'altezza del cazzo. Le sue braccia erano legate ai lati della botte. Le sue tette strettamente legate stavano ancora diventando viola, sporgendo in aria. Le sue gambe erano legate, dandole completo accesso alla sua fica.

Ad un cenno del maestro del bondage, due degli uomini tra il pubblico hanno abbassato la cerniera dei pantaloni, accarezzando cazzi già duri.

"So che la camera del bondage è nuova per te, troia, quindi ti faremo sentire come a casa", si è rivolto a mia moglie.

“Ti daremo il tipo di trattamento a cui sei abituato, tranne che sei legato e non hai alcun controllo. Ricorda solo che c'è molto altro in serbo per te alla tua prossima visita: tutti i tipi di corde, sospensioni, pesi extra sui morsetti per i capezzoli, morsetti e pesi sulle labbra della figa, gabbie, calze - oh la lista è lunga, mia cara puttana . E tutto con un pubblico entusiasta come questo”.

Quando ha finito, i due uomini hanno infilato i loro cazzi dentro mia moglie, uno nella sua bocca capovolta e l'altro nella sua fica gocciolante.

L'uomo che scopava la bocca di Maria le teneva la testa tra le sue grandi mani e le spingeva il cazzo fino in fondo alla gola e lo teneva lì. Potevo vedere la sua gola gonfiarsi mentre lui le infilava in profondità le palle del cazzo.

L’altro uomo stava colpendo la fica di Maria in modo simile, con colpi lunghi, profondi, duri e potenti che quasi muovevano la canna. Alcuni degli altri ragazzi stavano schiaffeggiando le tette legate di Maria, oscillando solo leggermente a causa delle corde che circondavano ciascuna tetta.

Non passò molto tempo prima che quello stronzo della gola soffiasse un carico nella bocca di mia moglie, che lei cercò disperatamente di ingoiare. Ma con la testa capovolta un bel po' le è gocciolato dal viso fino agli occhi. Si fece da parte e l'uomo successivo prese il suo posto, scopando di nuovo senza pietà mia moglie.

Il suo bel viso non era più così carino, striato di sperma mescolato al trucco degli occhi.

Il secondo ragazzo ha scaricato il suo sperma nella fica di Maria e ha fatto un passo indietro, la gravità assicurava che un flusso costante del suo succo di cazzo sgorgasse dal suo buco del cazzo. Ancora una volta il ragazzo successivo aveva il suo cazzo lungo, spesso e duro pronto a impalare Maria, il suono dei due uomini che spingevano risuonava attraverso la canna e intorno alla camera di cemento.

Il gruppo di uomini ha continuato a scopare mia moglie, tornando tutti per i secondi e persino il dessert finché non furono tutti sazi e si allontanarono alla ricerca delle birre che gli erano state promesse per la loro partecipazione.

Dopo che se ne furono andati tutti, mi avvicinai lentamente al punto in cui la testa di Maria pendeva ancora dalla canna e le accarezzai la guancia con il dorso della mano.

“Sono molto orgoglioso di te, Maria”, le ho detto. "Molto orgoglioso."

Storie simili

Diventare Zoe

La mia futura moglie Annie aveva accettato un lavoro fuori città e la vedevo solo ogni due settimane circa. Mi mancava così tanto. Lei ed io eravamo diventati amanti a distanza. Aveva un volo di ritorno a casa venerdì sera. Stavo andando a prendere suo figlio Zakk dal suo dormitorio e noi due saremmo andati a prenderla all'aeroporto e ci saremmo goduti il ​​fine settimana insieme. Zakk è al suo primo anno di college e sta studiando per diventare un truccatore per il teatro e lo schermo. Lui e io non ci siamo davvero conosciuti e questo doveva essere il fine...

1K I più visti

Likes 0

La sorella della moglie è la puttana dell'ufficio!

Questa non è esattamente una storia normale che potresti trovare su xnxx. Ho trovato questo pubblicato in un forum insieme a un mucchio di commenti di giudizio. Lo sto solo ripubblicando per far divertire le persone. Il poster originale afferma che questo è tutto vero e che ha cambiato i nomi. La sorella di mia moglie è la puttana dell'ufficio e suo padre gliel'ha fatto fare! Katie ha sempre condiviso tutto con me e il percorso professionale di sua sorella è diventato un argomento di cui discutiamo a letto. Rosie ha sempre avuto un corpo delizioso ma non c'è molto da...

850 I più visti

Likes 0

Il furgone - Scopa mia moglie

Una sera io e mia moglie stavamo cenando, è venuto fuori l'argomento di una delle nostre fantasie. L'abbiamo chiamato il furgone. Era stata una nostra fantasia ricorrente prendere diversi ragazzi e farli scopare mia moglie nel retro di un furgone. Questa volta abbiamo deciso di farlo quindi abbiamo aspettato il weekend. Abbiamo noleggiato un furgone bianco per la notte e siamo andati in centro alla ricerca di alcuni ragazzi belli e sani. Indossava un mini abito nero scollato e aveva un letto rifatto nella parte posteriore. Abbiamo guidato per un po' e ci siamo imbattuti in un ragazzo che camminava da...

1.9K I più visti

Likes 1

Fantasia di schieramento

Voglio raccontarvi tutto del mio dispiegamento in Turchia. Ero solo e non avevo voglia di fare lo stesso di tutti gli altri ragazzi. Sai parlare con le ragazze dello stato sperando di poter organizzare qualcosa per quando torno. Ero in una stanza con 8 ragazzi in 4 letti a castello e volevo trovare qualcuno che fosse di stanza qui con la propria stanza. Forse anche una casa. Così sono andato al gruppo di vendita in cantiere su Facebook e ho iniziato a cercare un amico nell'elenco dei membri. Chissà, forse conoscevo qualcuno qui. Beh, mi sono imbattuto in una ragazza di...

2.4K I più visti

Likes 0

Sissy Lucy incontra suo padre

Ho circa 20 anni e gestisco un ristorante/bar locale. Sono 5 piedi e 8 e magro con lineamenti abbastanza femminili. Per la maggior parte delle persone sono solo Tom, un ragazzo normale che ha fidanzate occasionali, ama una birra e guarda il calcio. Per i miei amici più cari sono Lucy, una troia femminuccia che ama il cazzo. Di recente ho trovato un papà online. Era un uomo più anziano e più esperto. Abbiamo iniziato a chattare e gli ho inviato alcune foto e videoclip birichini di Lucy che suonava. Mentre parlavamo ho rivelato che mi piace essere dominato, mi è...

774 I più visti

Likes 0

La mia vera storia di vita: capitolo uno

Diverse persone mi hanno chiesto di raccontare la storia della mia vita poiché ho accennato ad alcune delle mie esperienze insolite. Quindi penso che il miglior punto da cui iniziare sia la notte in cui sono finiti i miei 10 anni di matrimonio. Era un venerdì sera e mio marito Tim è tornato a casa ubriaco. Questa era diventata la sua pratica abituale negli ultimi due anni. Ha affermato che il suo capo gli stava causando un aumento dello stress e ha dovuto fermarsi con i ragazzi per rilassarsi. All'inizio tornava a casa un po' brillo per quando portavo a letto...

752 I più visti

Likes 0

Dare un erede a Lord Ablington

Stavo oziando tutto il giorno aspettando il pranzo quando ho sentito la terribile notizia: Alan Lord Ablington era caduto da cavallo durante la caccia di lunedì mattina ed era completamente morto. Tommy Goodfellow si era fermato mentre andava ad Abbotsford quel martedì mattina per raccontarci, come sapeva, della mia precedente conoscenza con Lady Ablington. Ho provato un misto di emozioni. Lord Ablington aveva recentemente corteggiato e poi sposato la mia dolce metà d'infanzia, una certa Miss Amy Merry, alla quale ero rimasto immensamente affezionato, non si poteva biasimarla, Ablington possedeva la maggior parte del villaggio e molto altro ancora mentre la...

767 I più visti

Likes 0

Colto in flagrante_(0)

Colto con le mani nel sacco Questa esperienza ha coinvolto il mio conoscente Ben. Dico conoscente perché l'ho incontrato solo una volta prima, abbiamo parlato a malapena e non aveva molto legame con me: era il figlio della mia amica più grande Vicky. Conoscevo Vicky perché facevo volontariato nel suo negozio di animali e, anche dopo aver finito, ancora oggi restiamo buoni amici. All'epoca avevo 15 anni e Ben 13. Vicky mi ha invitato a fare un barbecue per festeggiare il suo compleanno, quindi insieme a molte altre persone ho accettato, ero il più giovane lì a parte Ben che è...

276 I più visti

Likes 0

Samantha e Kaylee_(0)

Avevo una vicina di nome Kaylee che era meravigliosa. Era alta, atletica e aveva un corpo sodo. Probabilmente circa 120 libbre. pelle abbronzata, capelli castano scuro. Ha sicuramente attirato la mia attenzione. Non era una troia, era più una provocazione. Abbiamo frequentato la stessa scuola superiore. L'ho vista spesso, ma non abbiamo parlato molto. Tutto in lei era ipnotizzante, il modo in cui i suoi capelli erano lunghi e avevano la giusta quantità di riccioli, le sue gambe, la figura sexy, aveva persino delle fossette sopra il sedere che potevo vedere quando era in bikini intorno alla piscina. Era una brava...

263 I più visti

Likes 0

La migliore sorella del mondo!!! Parte 2

La migliore sorella del mondo!!! Parte 2 Mi sono svegliato la mattina dopo più riposato di quanto mi fossi sentito da molto tempo. Gli eventi della notte precedente mi stavano attraversando la mente mentre iniziavo a prepararmi per la scuola. Sia io che Sydney ci amavamo molto, in un certo senso fraterno. Non avevo mai pensato a lei sessualmente, ma quando l'ho vista masturbarsi fino all'orgasmo mentre pensava a me... ho iniziato a vederla sotto una nuova luce. Ora la vedevo non solo come mia sorella maggiore, ma come una donna bella e sexy. Sono sceso al piano di sotto, la...

2.5K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.