Un'avventura araba

517Report
Un'avventura araba

Nel mio paese i matrimoni vengono spesso combinati alla nascita. I miei accordi matrimoniali sono stati presi proprio in questo modo. Non c'è scelta di innamorarsi, è semplicemente un accordo legale vincolante in cui lo scambio di dinari, beni, terre o una combinazione di elementi suggella l'accordo.
Adesso ho tredici anni. Il mio matrimonio sarebbe dovuto avvenire entro la fine dell'anno. Non ho mai incontrato il mio futuro coniuge, quindi non provo alcuna attrazione nei suoi confronti e, quel che è peggio, ho sviluppato dei sentimenti per un povero ragazzo. È sempre stato gentile con me, ma soprattutto è sempre stato gentile con mia madre, che, sebbene appartenga a una famiglia di alto status sociale, non è la più carina dell’harem di mogli di mio padre. Mi dà fastidio che suo padre la avvilisca e abusi, ma ciò che è assolutamente deplorevole per me è che mia madre non abbia mai sperimentato di essere amata e desiderata da un uomo. L'unico mondo che abbia mai conosciuto è quello di essere usata da un uomo come un giocattolo sessuale, o come una bestia da soma usata per dare alla luce bambini... preferibilmente maschi.
Di solito sono timido, e il velo che copre il mio volto mi nasconde da sempre agli occhi indiscreti degli uomini; sebbene non ricopra la posizione più alta, sono pur sempre di nascita reale. Di solito non guardo gli uomini, perché farlo in presenza di mio padre mi avrebbe sottoposto a molti abusi.
Una volta, anni fa, in giovane età, durante una visita al Souq, ero inciampato e caduto a terra, e prima che chiunque altro potesse rispondere, questo ragazzo sfrecciò rapidamente fuori dall'ombra e mi aiutò a rimettermi in piedi. Se una delle guardie di mio padre fosse riuscita a raggiungerlo sarebbe stato duramente picchiato, ma lui mi ha subito fatto alzare in piedi, mi ha guardato negli occhi e poi è scomparso di nuovo nell’ombra. Fu in quel momento che il mio cuore batté forte. Quel breve momento nel tempo ha segnato il mio futuro e il mio destino.
Questo ragazzo era diverso. I suoi capelli, di un nero scuro, erano lo sfondo perfetto per i suoi penetranti occhi azzurri d'acciaio. Non potevo negare l'attrazione.
Su insistenza di mia madre, e forse avendo visto lo sguardo di desiderio negli occhi di sua figlia, mia madre convinse mio padre ad impiegare il ragazzo per un breve periodo lavorando nelle stalle e occupandosi delle sue mandrie di cammelli, pecore e pregiati cavalli arabi.
Coglievo ogni occasione per andare alle scuderie con la scusa di andare a cavallo in uno spettacolo per mio padre. In realtà sono un pilota abbastanza bravo.
Forse è stato uno degli altri pastori a vedere il nostro sguardo, ma con mio grande disappunto, il ragazzo è stato presto lasciato andare.
E poi è arrivata quella fatidica sera, meno di una settimana fa, in cui tutto il mio mondo è cambiato…
Una sera tardi ero strisciato senza essere visto fuori dal complesso di mio padre per vedere le luci della città e, si spera, per intravedere il giovane che faceva tremare di anticipazione il mio corpo da adolescente. Ogni notte che trascorrevo desiderando il suo tocco finiva con la gioia di stringermi delicatamente i capezzoli e strofinare quel pulsante magico sotto la vita, ma non raggiungevo mai del tutto quel crescendo di orgasmo.
Non avevo trovato ciò che il mio cuore desiderava come al solito, e si stava facendo tardi mentre mi facevo strada attraverso le ombre dei vicoli secondari verso casa mia. Mentre giravo velocemente l'angolo, c'era la sagoma di un uomo grosso in piedi di fronte a me nel vicolo. Mi sono fermato subito e, prima che potessi parlare, degli uomini sono saltati fuori dall'ombra e mi hanno infilato un grosso sacco in testa, poi qualcosa mi ha colpito forte alla nuca e ho perso conoscenza.
Quando mi svegliai, ero in un carro coperto. Avevo le mani legate dietro la schiena, una corda attorno al collo, le caviglie legate insieme e un bavaglio in bocca. L'odore dell'hashish bruciato riempiva il carro e l'ingresso del carro era chiuso per non permettere al fumo di fuoriuscire. Mi faceva ancora male la testa per il colpo e la vista non funzionava correttamente, molto probabilmente a causa del pesante hashish nel carro. I miei vestiti erano stati sostituiti con gli stracci di uno schiavo. Adesso sapevo che ero stato rapito, molto probabilmente per essere trattenuto per un riscatto.
Lottai per sedermi, infilai la testa nella cucitura della copertura del carro e vidi che stavamo attraversando un deserto apparentemente infinito, senza nulla in vista se non sabbia. Fu allora che mi resi conto che non ero solo nel carro, quando un uomo strattonò la corda legata al mio collo, sbattendomi contro una cassa nel carro e facendomi di nuovo svenire.
Quando mi svegliai la seconda volta, l'odore dell'hashish non era così forte. Adesso ero in una tenda, e ancora legato, ma la corda attorno al mio collo non c'era più e il bavaglio era stato tolto dalla mia bocca. Ho aspettato finché la mia mente non si fosse liberata dall'ottusità della droga, e poi mi sono messa in ginocchio. Sbirciando fuori dalla porta della tenda, ho visto tre uomini seduti davanti a un falò nella fresca notte del deserto. Si passarono una bottiglia di drink tra di loro e tirarono boccate dai lunghi fili di un narghilè pieno di hashish.
Frugando nell'oscurità all'interno della tenda, ho trovato un coltello negli abiti di uno degli uomini, ma prima che potessi tagliare i miei legami, altri due uomini a guardia del retro della mia tenda mi hanno sentito frusciare all'interno, si sono precipitati alla porta e un uomo grosso ha strattonato tirandomi fuori per i piedi legati, il coltello volò via dalla mia presa e cadde sul pavimento nell'angolo della tenda.
Gli uomini risero quando colpii il suolo con un tonfo. I tre uomini che erano seduti accanto al fuoco si alzarono e si avvicinarono a me. Un uomo basso e grasso, il capo del gruppo, si è avvicinato a me, ha estratto una lama dalla cintura e ha tagliato rapidamente i legami che univano le mie mani. Mi sono massaggiata i polsi e l'ho implorato: "Per favore, signore... mio padre la pagherà profumatamente...", ma prima che potessi finire la frase, le due guardie che erano sul retro della tenda mi hanno allungato le braccia lungo i fianchi. Le guardie erano uomini molto grandi, muscolosi e dall'aspetto rozzo, con i volti consumati dai venti e dalla sabbia del deserto.
“Siamo già stati pagati per i nostri servizi”, mormorò mentre si inginocchiava e tagliava i lacci che mi legavano le caviglie.
Ho guardato la carovana. Erano pochi semplici carri con alcuni cammelli e cavalli legati.
“Pagherà per farmi tornare a casa”, balbettai.
“Forse” disse “Forse no”.
Si alzò e sollevò la lama affilata, facendola circolare lentamente attorno a ciascuno dei miei giovani seni sodi. I suoi due partner si scostarono gli indumenti e cominciarono a strofinarsi i cazzi.
Tremavo di paura.
Ha raggiunto l'apertura nella parte superiore dell'abito da schiavo tra i miei seni, lo ha allontanato dal mio corpo e in un colpo solo ha tagliato l'abito da cima a fondo.
L'aria fresca della notte colpì i miei capezzoli e subito si rizzarono.
Camminò dietro di me e, mentre gli uomini al mio fianco mi lasciavano le braccia, mi strappò l'indumento dal corpo. Ora stavo completamente nudo di fronte a cinque criminali.
Mi sono accovacciato, cercando di coprirmi, ma è stato inutile. Le due grandi guardie mi hanno fatto alzare da terra, tenendomi le braccia così strette che non potevo nemmeno sperare di muoverle.
L'uomo basso e grasso si sdraiò su una coperta; la sua testa contro un cuscino, e una delle guardie mi ha tenuto i capelli da dietro e mi ha costretto a guardare con orrore mentre l'uomo grasso gli accarezzava il cazzo fino all'erezione. Non avevo mai visto il pene di un uomo prima, ma sapevo cosa aveva in mente, o almeno così pensavo.
Gli altri due uomini gli si avvicinarono ai lati, ma rimasero in piedi, accarezzando le loro aste. Il cazzo di un uomo era più lungo e più sottile, mentre quello dell'altro era più corto, ma molto più largo di circonferenza.
“Se provi a mordere, colpire o calciare, ti taglieremo la gola da un orecchio all'altro e lasceremo la tua carcassa morta perché la mangino gli sciacalli”, disse l'uomo grasso mentre gli uomini al suo fianco ridevano: “Capito? "
Annuii lentamente con la testa.
"Bene", rispose, sputandosi in mano e strofinandosi la punta del pene.
Le guardie mi sollevarono da terra, mi voltarono le spalle all'uomo e mi costrinsero a inginocchiarmi.
L'uomo grasso ha posizionato abilmente il mio culo sopra la sua asta e, con mia sorpresa, mi ha tirato indietro e mi ha infilato il suo cazzo su per il culo. Ho urlato di dolore e gli uomini sono scoppiati in una fragorosa risata. Mi ha afferrato il seno e mi ha tirato indietro contro il suo corpo, spingendo il suo membro duro dentro e fuori dal mio piccolo buco del culo.
I miei occhi erano chiusi per il dolore intenso e non ho nemmeno visto il secondo uomo, quello con il cazzo lungo e magro, mentre si inginocchiava, posizionava la sua testa di cazzo all'ingresso della mia figa e me la infilava dentro. Il dolore nel mio culo è stato momentaneamente sostituito dallo strappo del mio imene mentre l'uomo spingeva l'invasore da otto pollici in profondità nella mia figa vergine. Ho urlato di dolore e di nuovo gli uomini hanno riso.
I due uomini mi hanno colpito con i loro cazzi da entrambi i lati del corpo, e ho lottato per rilassarmi, sperando che questo avrebbe alleviato il dolore.
Ho cercato un modo per allontanarmi mentalmente dalla situazione. Guardando di lato ho visto uno stallone più anziano che osservava lo svolgersi della scena volgare. C'era uno sguardo triste e desolato nei suoi occhi.
Le lacrime scorrevano dai miei occhi mentre il terzo uomo si avvicinava, il suo grosso cazzo stretto saldamente nella sua mano ruvida.
Avvolgendomi strettamente i miei capelli tra le mani, ordinò: "Apri la bocca, puttana!"
Lo guardai con aria di sfida.
"Se mordi, muori!" Egli ha detto.
Non c'era pietà nella sua voce, solo minaccia di morte.
"Succhiami il mio grosso cazzo", disse con voce burbera.
A malincuore ho obbedito.
Si inginocchiò, a cavalcioni del mio corpo, e spinse il suo grosso cazzo sulla mia lingua e nella mia bocca, riempiendola completamente, mentre gli altri uomini continuavano a trarre piacere dal mio corpo.
Per i primi minuti avevo dei conati di tanto in tanto, il che sembrava solo aumentare il suo ritmo, sbattendomi i suoi peli pubici contro il naso e il suo cazzo in fondo alla gola.
Lanciai di nuovo un'occhiata al cavallo, che sembrava mi stesse ancora osservando.
Da qualche parte in tutto questo, il dolore si è attenuato.
Doveva essere passato un po' di tempo dall'ultima volta che gli uomini avevano preso una donna, perché nessuna di loro era durata molto a lungo. Tutto finì in meno di cinque minuti. Non sono venuto. Non avevo ancora idea di cosa fosse un orgasmo. L'uomo grasso mi ha sparato la sua sborra nel culo, in pochi secondi l'uomo con il cazzo lungo è entrato nella mia fica e l'uomo che mi ha scopato la faccia mi ha depositato un grosso carico di sperma in gola. Mi ha sorpreso il fatto che, sebbene il sapore fosse un po’ salato, non era poi così male.
Era strano. Sembrava che tutti stessero cercando di farmi del male, eppure adesso non mi sentivo affatto ferito. Mentre ciascuno degli uomini tirava fuori i propri cazzi dal mio corpo, mi sentivo come se li avessi conquistati, riducendo i loro cazzi arrabbiati a piccoli palloncini sgonfii del nulla.
Ho sentito un senso di vittoria.
Le due grandi guardie mi aiutarono ad alzarmi, i loro cazzi eretti che ondeggiavano pesantemente davanti a loro; entrambi i cazzi erano enormi: lunghi almeno dieci o dodici pollici e grossi.
Ho sorriso dentro di me mentre mi costringevano a inginocchiarmi.
Avrei sconfitto questi due furfanti con la stessa facilità con cui avevo eliminato gli altri tre.
Uno mi ha preso la figa da dietro; l'altro mi ha infilato il cazzo in bocca. Ho succhiato e lavorato il suo cazzo velocemente, ascoltando i suoi gemiti e accelerando il passo quando sapevo di aver centrato un buon punto.
Spinsi i fianchi contro l'uomo dietro di me, facendolo gemere forte.
"Prendi tutto, stronza!" urlò, spingendo fino in fondo il suo mostro da dodici pollici.
Di nuovo, c'era un po' di dolore, ma ora in qualche modo era misto a piacere. Ero stupito di poter prendere tutto il suo cazzo nel mio piccolo corpo, e c'era qualcosa di unico nella lunghezza e nella circonferenza del suo cazzo che mi faceva iniziare a gocciolare la figa. Sembrava che ci fosse una grande sensazione lì, eppure anche con i suoi dodici pollici sembrava essere appena fuori portata.
Tutto cominciò ad andare sempre meglio, ma sfortunatamente finì anche bruscamente. Entrambi gli uomini si sono tirati fuori prima che io arrivassi e, costringendomi a inginocchiarmi, hanno strattonato i loro cazzi fino a spruzzarmi la faccia e il seno di sperma.
I tre uomini che avevano finito prima erano ora seduti attorno al fuoco, bevendo e fumando.
L'uomo grasso rise del mio aspetto e ordinò a uno degli uomini grandi: "Vai... porta il mio cammello".
La guardia fece come gli era stato ordinato.
L’omino grasso si strofinò il fodero del cammello finché non apparve la punta del suo cazzo e disse: “Succhiagli il cazzo, schiavo!”
"Non so come..." mormorai.
Con mia sorpresa, l’uomo grasso avvolse la mano attorno all’asta dell’animale e iniziò ad accarezzarlo avanti e indietro.
Era davvero strano. L'idea era un po' ripugnante, ma ero eccitato. Il cammello si appoggiò sulle anche e io mi inginocchiai e cominciai ad accarezzargli il cazzo.
Quando fu abbastanza lontano, le guardie iniziarono a cantare all'unisono: "Succhialo, succhialo, succhialo..."
Mi sono chinato in avanti e ho preso la sua asta nella mia bocca. Avevo già visto peni di cammello, ma questo sembrava insolitamente piccolo per una creatura della sua taglia.
"Sposta i capelli di lato così possiamo vederti mentre glielo succhi", disse uno degli uomini.
Ho obbedito, mi sono accovacciato sotto l'animale e poi ho preso la sua asta in bocca. Il gusto carnoso in realtà era molto simile a quello degli uomini e, come loro, non è durato molto a lungo, ma quando è arrivato, oh mio Dio, c'era un'enorme differenza! Mi ha sparato diverse lunghe strisce di fluido direttamente in gola, facendomi vomitare e tirando la testa all'indietro, e poi una serie dopo l'altra di sperma caldo e appiccicoso sparato sopra la mia testa, tra i miei capelli e sul mio seno.
Mi sono seduto, incapace di vedere, con la sborra che mi veniva infilata sul viso in corde che mi cadevano negli occhi e bruciavano.
Mi sono seduto frustrato e abbattuto. Ero stata usata da diversi uomini, ma non avevo ancora avuto l'orgasmo.
Le due guardie risero della mia situazione, mi legarono i polsi, le caviglie e mi gettarono a faccia in giù all'interno della tenda.
Mentre giacevo in una pozza di sperma, con fili che mi scorrevano lungo il viso e i capelli, ho escogitato un piano per scappare.
Aspettando che tutti gli uomini fossero svenuti tranne l'unica guardia di guardia; Ho trovato il coltello e ho tagliato i miei legami.
La guardia di guardia sedeva all'ingresso della mia tenda e non ha sentito un suono, né ha mormorato una parola mentre gli coprivo la bocca con una mano e gli tagliavo profondamente la gola da un orecchio all'altro. Semplicemente è caduto morto.
Non c'era tempo per pensare a frugare in cerca di cibo o a prendere vestiti. Scivolai silenziosamente fuori dalla tenda e slegai le redini del cavallo che prima mi stava osservando. Sembrava forte e sano e rappresentava il mio unico modo per sfuggire alla schiavitù o alla morte.
L'ho accompagnato tranquillamente finché non ho sentito che eravamo a distanza di sicurezza, poi l'ho montato e lo ho spronato velocemente. Non c'erano luci della città nel cielo, quindi ho scelto una direzione in base alla posizione della luna nel cielo e ho guidato.
Non potevo fare a meno di notare ad ogni galoppo come i peli pungenti del cavallo stuzzicavano il mio clitoride infiammato. Ad ogni rimbalzo il mio clitoride formicolava e il desiderio nel mio corpo di esplodere continuava a crescere.
Nella notte, attraverso le sabbie, correvamo. Il vento si alzò e io sorrisi, sapendo che la pista sarebbe stata impossibile da seguire nelle sabbie mobili.

Ero scappato.

La sera successiva, senza città in loco, ero debole e con un cavallo disidratato e stanco non mi sentivo così fortunato.
A peggiorare le cose, sembrava che l'unico punto del mio corpo nudo che non fosse abbronzato fosse dove c'era stato uno strato di sperma attaccato su di me dalla notte prima.
Eravamo sfuggiti a una vita di schiavitù solo per morire nel deserto della sete?
NO.
Quando vidi le palme nella luce calante della sera, il cavallo riusciva a malapena a camminare. Anch'io ero terribilmente debole e temevo che la visione potesse essere solo un miraggio; ciononostante, ho puntato il mio stanco destriero verso di loro e sono crollato sulla sua schiena, tenendogli il collo per la mia vita.
Quando siamo arrivati ​​all'Oasi, il mio salvagente si è avvicinato al bordo dell'acqua e sono caduto dal mio destriero nella sua frescura.
Entrambi abbiamo bevuto profondamente finché non abbiamo saziato la nostra sete.
Il cavallo entrò nell'acqua fino al collo mentre io giacevo vicino al bordo della piscina, annuendo dentro e fuori dai sensi mentre l'acqua raffreddava la mia pelle bruciata.
Dopo quelle che sembrarono ore, mi sentii un po' riposato e mi avvicinai a uno degli alberi.
Il cavallo era già uscito dall'acqua ed era impegnato a sgranocchiare tutto ciò che di commestibile riusciva a trovare.
Senza tenda, l'aria del deserto ora sembrava pungentemente fredda sul mio corpo bagnato e abbronzato.
Temendo di poter morire, ho cercato di trovare un posto che fosse protetto dal vento, ma è stato inutile. Il vento vorticava in tondo apparentemente da ogni direzione contemporaneamente.
Quando una bellissima luna piena cominciò a sorgere nel cielo, il cavallo, ora asciutto e avendo saziato la sua fame e sete, si avvicinò a me.
All'improvviso mi è venuto in mente che, sebbene i cavalli spesso dormano stando in piedi, potrebbero anche sdraiarsi per riposare.
Potrei rannicchiarmi accanto al suo corpo caldo se me lo permettesse!
Decisi di chiamarlo “Maestro”, perché a quel punto era lui l’artefice del mio destino.
Dopo alcuni istanti di sollecitazione e incoraggiamento, si inginocchiò e poi si sdraiò su un fianco, con la testa in aria.
Le sue cosce posteriori muscolose formavano per me un cuscino quasi perfetto. Era sera presto, ma ero più che esausto e mi addormentai quasi con la stessa rapidità con cui mi rannicchiavo contro il suo calore. Questa bestia straordinaria e silenziosa mi aveva salvato la vita due volte in altrettanti giorni.
All'inizio dormii comodamente, ma mi svegliai verso mezzanotte dopo aver sentito ululare i venti del deserto e temendo che potesse essere qualche animale selvatico deciso a divorarmi.
Ho camminato al chiaro di luna finché non ho trovato un pezzo di legno, molto probabilmente lasciato lì da una carovana in viaggio.
Misi l'arma al mio fianco e, ormai di nuovo freddo, mi sdraiai accanto al mio amico.
Forse era il modo in cui lo toccavo mentre ero sdraiata, o i miei movimenti mentre chiudevo gli occhi e mi rannicchiavo vicino al suo inguine, ma non avevo previsto cosa sarebbe successo dopo.
La sua asta screziata fece capolino dal suo fodero peloso e la punta gommosa toccò delicatamente il mio braccio. Sorpreso, mi sono seduto velocemente, mi sono stropicciato gli occhi e mi sono concentrato su ciò che stava accadendo.
Ho riso tra me e me. Non c'era niente di pericoloso, ma era comunque qualcosa di insolito. La cosa più sorprendente di tutte, tranne che per la punta più piatta e svasata, somigliava ancora al pene di un uomo, tranne che era molto più spesso. Molto più spesso del pene da dodici pollici di quella guardia.
Mi sono sdraiato di nuovo e ho chiuso gli occhi, ma mentre cercavo di tornare a dormire l'ululato del vento mi ha tenuto innervosito.
I miei pensieri tornarono al sito del pene del Maestro e un calore familiare inondò la mia figa; Mi stavo bagnando.
Il calore del mio clitoride sembrava ancora più caldo della scottatura solare che mi torturava.
Ho provato a cambiare idea nella mia mente, ma non sono riuscito a trovare nulla di buono a cui pensare.
Non riuscivo a ripensare al mio brutale stupro del giorno prima.
L'unica cosa apparentemente buona a cui potevo pensare era il Maestro.
Il padrone... e il suo cazzo incredibilmente grosso.
"Quanto tempo impiegherebbe se fosse completamente eretto?" Mi chiedevo. Sicuramente sarebbe stato anche più largo di dodici pollici, se lo spessore avesse avuto un significato in relazione alla lunghezza.
Il mio inguine era fradicio e formicolio.
È stato lo stesso desiderio che ho provato quando ho visto il ragazzo che amavo.
Era strano. Adesso vedevo oltre gli orrori di ieri, il ragazzo dei miei sogni... ma tutto ciò che potevo vedere era il suo bel viso e quegli occhi.
Maestro... quanto tempo era passato dall'ultima volta che avevo visto il fantastico cazzo del Maestro?
Un minuto? Due? Cinque?
Mi sono seduto e ho guardato negli occhi il Maestro. In qualche modo, in qualche modo strano, ho visto gli occhi del ragazzo che amavo e che desideravo. Mi avrebbe amato ancora, ora che ero stato contaminato dallo stupro, sodomizzato e costretto a dare piacere a un cammello?
Ho riso dentro di me.
Forse stavo delirando per la scottatura.
Mi voltai e mi sdraiai di nuovo, questa volta su un fianco, e mi ritrovai di fronte alla sua meravigliosa asta al chiaro di luna. Si era ritirato leggermente, ma sporgeva ancora di qualche centimetro dal fodero.
A quel punto, la curiosità e qualcosa di più di un po' di eccitazione hanno avuto la meglio su di me. Ho pensato che avrei semplicemente dato un'occhiata e visto se sarebbe diventato più grande se lo avessi accarezzato come il cammello.
I ragionamenti possono essere molto imprecisi.
La mia risposta arrivò molto rapidamente mentre mi giravo verso di lui e dolcemente, lentamente, accarezzavo la parte inferiore del suo cazzo. In pochi istanti diversi pollici di gallo di cavallo emersero dal suo fodero, e continuava ad allungarsi.
Volevo vederlo crescere più grande.
Ho avvolto una mano attorno alla sua pienezza e ho iniziato ad accarezzarlo avanti e indietro.
Quando raggiunse una lunghezza di circa dodici pollici, lo tenni sopra la mia faccia, fissandolo.
"Quanto tempo ancora può durare?" Mi chiedevo.
Il mio inguine ora chiedeva attenzione, i succhi fuoriuscivano dalle labbra socchiuse della mia figa.
Aveva bisogno di un cazzo, di un cazzo qualsiasi... e questo era incredibile!
Abbassai l'asta del cavallo sulle mie labbra in attesa e cominciai a leccarne il fondo vicino a una delle enormi vene che cominciavano a pavoneggiarsi con orgoglio.
Il Maestro ridacchiò, dando per un momento una zampata all'aria con uno zoccolo.
Avevo trovato qualcosa che gli piaceva!
Altri centimetri di carne fuoriuscirono rapidamente dalla guaina, e l'asta era ora così gonfia che la mia mano non riusciva a inserirla completamente.
Cominciai a leccargli con fervore l'asta, succhiandone su e giù la parte inferiore dove sembrava apprezzarlo di più, e cominciai ad accarezzarlo vigorosamente con entrambe le mani.
Ho stretto più forte l'albero massiccio mentre si induriva. Era così grande e forte!
Quando l'ebbi completamente eretto, il suo cazzo era di dimensioni enormi! Probabilmente era lungo quasi trenta pollici, duro come il tronco di un albero e grosso quanto il mio minuscolo polso!
Mi alzai in ginocchio e lottai per mettere la bocca sopra la testa della sua asta.
Per quanto provassi, semplicemente non riuscivo a adattarlo comodamente.
Ho continuato a compiacere lo stallone succhiando lungo il lato inferiore della sua asta, leccando alternativamente il suo palo su e giù come un enorme bastoncino di zucchero.
C'era un rigonfiamento lungo il fondo della sua asta che doveva contenere molti nervi del piacere, perché ho notato che quando succhiavo lungo quel rigonfiamento la sua asta pulsava.
Il Maestro non fece alcun tentativo di muoversi dalla sua posizione, e sbuffò la sua approvazione per le meravigliose sensazioni che il mio amore gli stava dando.
Sentire la potente pulsazione del suo battito cardiaco che scorreva attraverso le vene della sua asta mi rendeva solo più eccitato.
Mi ha dato potere.
In silenzio mi chiedevo quanto tempo fosse passato dall'ultima volta che si era accoppiato.
Sicuramente a quei ruffiani non importerebbe nulla dei suoi bisogni o desideri.
Il mio clitoride pulsava di desiderio.
Ho parlato piano al Maestro.
"Come vorresti che ti accontentassi, Maestro?"
"Posso continuare a usare la bocca, ma non vorresti qualcosa di meglio?"
Scosse la sua grande testa su e giù più volte.
Ero sbalordito.
In qualche modo sembrava che avesse capito e avesse dato la sua approvazione.
Non potevo più negare le voglie della mia figa affamata.
Dovevo provare a mettere questo mostro dentro di me.
Non aveva senso ragionare sul perché o su cosa sarebbe potuto accadere.
Dovevo farlo.
Dovevo averlo.
Dentro di me.
Ora.
Mi alzai in piedi, con le ginocchia che tremavano per l'attesa.
Ho appoggiato l'asta sulle labbra calde della mia figa e ho strofinato la testa del cazzo in circolo, ricoprendo la sua testa con un'abbondante quantità del mio stesso lubrificante.
Quando mi appoggiai allo schienale, l'enorme testa a forma di fungo sembrava coprire la mia figa da cima a fondo e anche di più.
Mi sono appoggiato di più all'indietro e la punta sembrava flettersi un po', ma non entrava.
“Per favore, per favore, lasciami avere questo Maestro!” Io ho supplicato.
Si schiarì le narici come per dire: "È tuo!"
Allargai di più le gambe e mi appoggiai più forte allo schienale.
Ancora niente.
Lasciai la presa sulla sua asta, misi entrambe le mani sulle ginocchia e cominciai a dondolare il mio peso avanti e indietro, sempre più forte.
Ruotai i fianchi in circolo, sperando di trovare un modo per incastrare la testa gigante tra le labbra gonfie della mia figa.
I miei succhi che ora scorrevano all'impazzata continuavano a inzuppare la testa del suo cazzo, gocciolando sull'asta mostruosamente spessa.
Ho spinto indietro di nuovo, questa volta mettendo tutto il mio peso corporeo disponibile sulla sua asta d'acciaio, che si è piegata leggermente sotto il mio peso, e poi è successo! All'improvviso la testa scivolò oltre le mie labbra con un suono sonoro, e gemetti in estasi mentre otto o nove pollici buoni affondavano lentamente nel mio corpo.
Più andava in profondità, più l'asta era spessa e mi infilavo nella mia figa affamata... e meglio era.
Poi mi ha colpito...un enorme orgasmo è esploso nella mia figa, e ho gemito, sgroppato e contorto per l'estremo piacere di avere la mia figa completamente piena di carne di cavallo.
Sono impazzito! Non volevo solo di più, volevo tutto!
Quando il ragazzo con il cazzo da dodici pollici mi aveva scopato il giorno prima, sembrava che avesse colpito qualcosa di ultrasensibile e volevo che il Maestro scoprisse se c'era dell'altro.
Oh mio Dio, sì, c'era di più!!!
Ora stavo picchiando la mia figa sull'asta del Maestro, cercando di infilare dentro di me ogni centimetro che potesse adattarsi.
Quando ho raggiunto quel punto, appena dopo dodici pollici, forse tredici al massimo, ha colpito il mio punto profondo. Esplosioni di piacere mi attraversarono la mente e tutto ciò che potevo vedere erano le stelle.
Avendo centrato l'obiettivo, ho gobbato il suo cazzo gigante mentre una lunga serie di orgasmi si riversava sul mio corpo.
Non volevo lasciarlo andare.
Che cazzo meraviglioso!
Non volevo che finisse mai.
Mi aveva già dato più piacere di tutti gli uomini che mi avevano scopato messi insieme.
Ho gridato di piacere, rimbalzando sul suo enorme cazzo per diversi minuti, finché all'improvviso ho sentito l'ondata emergere nel profondo di lui.
L'asta che stava riempiendo la mia figa, allungandola oltre quella di qualsiasi uomo, cominciò a gonfiarsi, allungandomi ancora di più.
È stato il dolore più delizioso che abbia mai provato!
Quando gli schizzi di sperma arrivarono alla fine della sua lunga asta, ridacchiò e nitrì.
Il calore dei suoi caldi schizzi di sperma mi ha fatto precipitare in un altro orgasmo; questo, il più forte finora.
Per quelle che sembravano ore, ma probabilmente furono solo pochi minuti, il mio corpo fu scosso in modo incontrollabile da una serie di spasmi e caddi in ginocchio.
Dopo qualche minuto, il suo cazzo esaurito serpeggia lentamente fuori dalla mia figa. Si ritraeva di qualche centimetro alla volta, si fermava per un momento e poi si ritraeva ulteriormente, finché alla fine la testa a forma di fungo si liberava dal mio corpo.
Il suono era simile a quello prodotto quando si stappa una bottiglia di champagne.
Un'ondata di sperma è sgorgata dalla mia figa e si è riversata sulla sabbia del deserto.
Completamente esausto, strisciai al fianco del Maestro e mi addormentai sulle sue ginocchia.

Il caldo sole mattutino sarebbe sorto nel giro di poche ore, e noi eravamo ancora completamente perduti...

Storie simili

Calda collega MILF

Avevo appena iniziato a lavorare negli archivi di una grande società di comunicazioni quando ho incontrato la donna di quarantacinque anni più sexy che avessi mai visto. Ha lavorato nel dipartimento Music Clearance e si chiamava Jane. Era circa cinque e dieci, 130 libbre, con una figura a clessidra che mi rendeva duro il cazzo ogni volta che la vedevo. Chiacchieravamo nel corridoio e ne vedevo qualcuno qui in giro, ma non avrei mai pensato che l'avrei lasciata sola, tanto meno fget to uck her. Un giorno stava camminando lungo il corridoio massaggiandosi il collo e le ho chiesto se potevo...

972 I più visti

Likes 0

Femmina sensuale

Nome: Susan Dini Età: 36 Razza: caucasica Misure: busto 34, vita 25, fianchi 35 Altezza: 5'-4 Peso: 120 libbre. Sono sessualmente attivo da 19 anni avendo avuto le mie prime esperienze sessuali all'età di 15 anni. Sono felice di dire che ho un livello molto alto di desiderio sessuale. Ci sono alcuni che potrebbero considerarmi una ninfomane, tuttavia considero il mio desiderio sessuale molto sano. Ci sono momenti, anche se per fortuna non molto spesso, in cui sono letargico riguardo al sesso. Non riesco nemmeno a immaginare quanti partner sessuali ho avuto nel corso degli anni. Non riesco nemmeno a immaginare...

1.2K I più visti

Likes 0

Dare un erede a Lord Ablington

Stavo oziando tutto il giorno aspettando il pranzo quando ho sentito la terribile notizia: Alan Lord Ablington era caduto da cavallo durante la caccia di lunedì mattina ed era completamente morto. Tommy Goodfellow si era fermato mentre andava ad Abbotsford quel martedì mattina per raccontarci, come sapeva, della mia precedente conoscenza con Lady Ablington. Ho provato un misto di emozioni. Lord Ablington aveva recentemente corteggiato e poi sposato la mia dolce metà d'infanzia, una certa Miss Amy Merry, alla quale ero rimasto immensamente affezionato, non si poteva biasimarla, Ablington possedeva la maggior parte del villaggio e molto altro ancora mentre la...

937 I più visti

Likes 0

VENDITORE DI LINGERIE

Cindy si guardò allo specchio e dopo aver fissato il suo corpo fuori misura per diversi secondi, scoppiò in lacrime mentre i suoi rotoli di grasso cominciavano a tremare dolcemente al ritmo dei suoi singhiozzi!!! Anche se non era molto alta, portava con sé ben duecentocinquantacinque libbre sulla sua grossa corporatura ossuta, e mentre singhiozzava, i suoi enormi seni, che le pendevano quasi fino alla vita, dondolavano avanti e indietro mentre il le lacrime le rigavano le guance fino ai capezzoli!!! Era passato così tanto tempo dall'ultima volta che aveva avuto un uomo che una volta scherzò tra sé e sé...

474 I più visti

Likes 0

Linda e Bobby e zia Jen, parte 2

Erano nudi, nella cucina di zia Jen, in realtà sul suo piano di lavoro, e Bobby stava riportando Linda all'orgasmo. Sono rimasti sorpresi quando Jen è intervenuta e ha detto in modo del tutto inaspettato: “Bene, cosa abbiamo qui? Sembra che ti stia divertendo.” Bobby disse un po' sulla difensiva: Hai detto che potevamo venire in qualsiasi momento per giocare ed è quello che stiamo facendo. Non preoccuparti. Non sono turbato. Sono rimasto solo sorpreso quando ho iniziato a sentire gemiti dalla mia cucina. Voi due avete finito adesso? “Nemmeno vicino”, disse Linda sorridendo. Vorreste che vi lasciassi alle vostre esplorazioni?...

1.2K I più visti

Likes 0

Il mio fratellastro

Penso che sia così dolce quando il mio fratellastro Kevin regala alla sua ragazza le sue cose. Le ha regalato il suo cappello preferito, verso il quale è ESTREMAMENTE protettivo. Ad esempio, non permettere mai a nessuno di toccarlo. Continua a dire che è perfetto ed è praticamente modellato per adattarsi alla sua testa, e glielo ha dato. Le ha anche regalato la sua giacca preferita e le lascia sempre prendere in prestito le sue fortunate perle del karma. Queste cose sono state il suo portafortuna per tre anni. Non se li toglie mai e odia quando le persone li toccano...

731 I più visti

Likes 0

Gli amanti dei samurai

Nel Giappone medievale, nella provincia di Yedo, viveva un giovane samurai di nome Ukyo che si struggeva giorno dopo giorno per l'amore della bella Uneme. Per Ukyo, Uneme era l'uomo più perfetto che avesse mai visto. Era giovane, come lui, appena sedici anni al massimo e aveva come capelli una lunghissima fascia di un nero lucente. Il suo viso era liscio, privo di tagli, imperfezioni e morbido come la crema, il che lo faceva sembrare molto più giovane di quanto non fosse in realtà. Quando si esercitava con Samanosuke, un altro giovane samurai, Ukyo osservava, mentre i suoi piccoli muscoli magri...

676 I più visti

Likes 0

Give Me Some Sugar Part 1 - Prova di Rochelle

​ La vita è sicuramente divertente è come si svolge. Non sono mai stato un uomo religioso, e ancora non lo sono, ma ascoltavo il tipo di Joel Olsteen quando i tempi erano brutti. Era così positivo, che ha aiutato, ma ha anche parlato di come Dio potrebbe recuperare decenni di merda, in pochi anni attraverso un aumento super naturale. Come ho detto, non sono un cristiano e sono agnostico sull'esistenza di una divinità, ma devo ammettere che come minimo, la vita può rimediare a molte sofferenze molto rapidamente. In effetti, penso che ti faccia godere ancora di più della tua...

2.3K I più visti

Likes 1

A metà di metà settembre

Per nessun motivo particolarmente affascinante mi sono ritrovato a stare con mia zia Renee. Nel prossimo mese, mi sarei trasferito di nuovo a est o mi sarei trasferito nell'appartamento che mia madre stava per acquistare, nel caso avessi bisogno di un po' di tempo di bufferizzazione. 
Sapevo già che avevo bisogno di tempo di buffer. Avevo anche bisogno del tempo di buffer per spiegarle completamente la situazione. Avevo ad un certo punto e momento, capito chi dovevo essere e prima potevo arrivare a quel punto e smettere di essere quello che ero attualmente, meglio per me e per tutte le persone...

2.3K I più visti

Likes 0

Ogni ragazzo sogna_(1)

Fin da quando ero un ragazzino ho sempre amato indossare abiti da ragazza. Ricordo di aver frugato nel cassetto della lingerie di mia madre e di aver provato le sue mutandine e i suoi reggiseni. Ho adorato il modo in cui il materiale trasparente e setoso si sentiva contro il mio corpo. Crescendo, ho avuto meno opportunità di indulgere nel mio feticcio fino a quando non mi sono sposato. Quando mia moglie era via o al lavoro indossavo le sue mutandine e i suoi reggiseni mentre mi masturbavo. Fortunatamente era alta quanto me, quindi la vestibilità era abbastanza vicina. La incoraggerei...

2.7K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.