Moglie Incesto Completata_(0)

741Report
Moglie Incesto Completata_(0)

è la prima volta che scrivo, quindi per favore fornisci il tuo feedback per aiutarti a sapere dove ho sbagliato, divertiti!!

CAPITOLO PRIMO

"Joey!" Angela Banner chiamò dalla porta sul retro, sforzando la voce
superare il rumore del tosaerba. "Vieni a bere qualcosa di fresco, tesoro!
Devi essere terribilmente caldo!"

"Certo che lo sono, signora Banner!" Joey Watson gridò di rimando, interrompendo il
motore e corse a raccogliere la sua maglietta dove l'aveva gettata nel
erba.

Anche Angela aveva caldo, ma il caldo che le dava fastidio non c'entrava niente
a che fare con il tempo. La casa di Angela era fresca e confortevole, tranne lei
la figa era fumante, fumante di lussuria per il bel ragazzo che
era impegnata a falciare il prato in quella calda giornata estiva.

Angela era ben consapevole che il suo desiderio per il giovane Joey era malvagio e
tabù. Sapeva che una donna sposata con due figli non ne aveva
affari grondanti di lussuria per un adolescente. Lei lo sapeva
stava per fare era sbagliato, ma per questo aveva lottato con la coscienza
molto tempo, e la sua coscienza aveva perso la lotta. Doveva averlo
il ragazzo, e lei doveva averlo adesso.

Angela aveva aspettato tutta la settimana l'opportunità di sedurre Joey, e
oggi era il momento perfetto. Suo marito Mike aveva portato con sé i suoi due figli Thad
e Randy al lago per un pomeriggio di pesca. Le era costato tutto
settimana per convincere il marito a prendersi un pomeriggio libero dalla sua assicurazione
affari per passare un po' di tempo con i ragazzi. A Mike non sembrava importare
riguardo a tutto tranne che ai suoi affari. Ha dedicato tutto il suo tempo alla costruzione del
assicurazioni per affari, vita e respirazione. Era riuscito a farcela
l'azienda di maggior successo nella zona con la sua totale dedizione a
lavoro. Era riuscito anche a rovinare il suo matrimonio.

Nei felici primi anni del loro matrimonio Angela non l'avrebbe mai pensato
per un momento di seduzione di un ragazzo, ma nei primi anni del loro matrimonio
aveva ottenuto tutto il cazzo che poteva sopportare. Sfortunatamente, Mike l'aveva fatto
perso ogni interesse per il sesso. Non era nemmeno riuscito a suscitare un'erezione
più di un anno. L'uomo con cui una volta era riuscita a farla impazzire
passione ogni sera adesso tornavo a casa dopo aver lavorato tutto il giorno in ufficio,
lavorò sui suoi libri per un paio d'ore e si addormentò subito
mentre colpiva le lenzuola. Niente di quello che faceva Angela poteva accendere una scintilla in lui.

Angela sapeva che non era colpa sua per la totale mancanza di interesse di Mike
nel sesso. Era ancora bella e seducente come lo era stata prima
venti anni fa. Semmai era migliorata con l'età. Mike l'aveva fatto
scelto di dedicarsi totalmente al suo lavoro e niente che potesse fare o
dire che lo cambierebbe. Angela non voleva il divorzio. Mike era un bravo
fornitore e, quando avesse trovato il tempo, avrebbe potuto essere un buon padre. Finora
come Thad e Randy sapevano, a casa non c'era nulla che non andasse, nonostante entrambi
desideravano poter avere più tempo con il padre.

Angela aveva preso in considerazione l'idea di cercare un altro uomo per soddisfazione sessuale,
lout aveva deciso che questo era fuori discussione. Nell'affiatamento
piccola comunità di Carterville, qualsiasi relazione extraconiugale divenne presto la
oggetto di pettegolezzi feroci. La gente di Carterville sarebbe scioccata
e infuriato nello scoprire che il loro capo bibliotecario aveva una relazione. Suo
i concittadini potrebbero sospettare che abbia una relazione con un altro
cavolo, se avesse dato loro una mezza possibilità, ma come avrebbero potuto sospettare
lei di avere una relazione con un adolescente? Cose del genere, semplicemente
non è successo a Carterville.

Angela era una donna dai potenti desideri sessuali. Aveva sempre amato
cazzo. Da adolescente aveva la reputazione di essere una gran scopata. Quando l'aveva fatto
sposò Mike e si trasferì a Carterville, tuttavia si era sistemata
considerevolmente. Mike le aveva dato tutto il cazzo di cui aveva bisogno per tenerla
felice, ma questo era tutto nel passato.

Adesso desiderava sperimentare la vitalità maschile giovanile che Mike aveva
l'aveva emozionata nei primi anni del loro matrimonio. Lo desiderava
avere di nuovo un grosso cazzo duro sepolto nella sua fica. Desiderava sentire caldo
il cazzo martellava dentro e fuori dalla sua figa ribollente finché non venne di nuovo e
Ancora. Ribolliva di desiderio insoddisfatto e non poteva sopportarlo
più a lungo. Sapeva che Joey avrebbe potuto fornirle proprio ciò di cui aveva bisogno
essere felice.

Angela sapeva che Joey era più che sorpreso di trovarla
in piedi sulla porta con indosso solo una leggera vestaglia e un sorriso caloroso.
Sapeva che il ragazzo poteva vedere attraverso il leggero indumento, proprio così
guarda le sue tette succulente con i loro piccoli capezzoli duri. Lei lo sapeva
poteva vedere l'ombra della sua morbida figa calda annidata tra le sue flessuose
gambe. Osservò gli scintillanti occhi azzurri del ragazzo e la sua bocca spalancarsi
si aprì mentre il suo sguardo vagava su e giù per la sua bella forma femminile.

"Bene, Joey? Non vieni?" chiese Angela con un sorriso giocoso.

"Uh... certo... certo, signora Banner," apparentemente soffocava il ragazzo
incapace di guardarla negli occhi.

"C'è qualcosa che non va, Joey?" chiese mettendole le mani addosso
fianchi, lisciando la stoffa della vestaglia sulle cosce di seta.

"Mamma mia... no... io... immagino di no..." strillò il ragazzo.

"Ti dà fastidio che io sia vestita così, tesoro? Fa così caldo
oggi e questa vestaglia è così leggera e ariosa," disse la donna dal culo caldo,
lisciandosi l'indumento sulle tette sporgenti e lasciando che il ragazzo la veda
capezzoli appuntiti.

Joey non poteva credere a quello che gli stava succedendo. Non aveva mai visto la signora.
Banner si era già vestito così. Avrebbe anche potuto venire alla porta
indossando nulla. Aveva sempre saputo che era bella e
donna sexy, ma vederla in quel modo lo colpì fortemente. Lui aveva
non ho mai visto una donna così vicina al nudo prima, tranne che in foto, e
La signora Banner era sicuramente migliore di qualunque foto avesse mai visto. In piedi
lì davanti a lei e guardandola muovere quasi le mani su di lei
il corpo nudo gli rendeva deboli le gambe. Non sapeva cosa fare.
"Sei sexy quanto me, Joey?"
"Eh?" ansimò.

"Ne sono sicura, tesoro," disse. "Perché non andiamo in salotto?
stanza e prendere una bella bibita fresca?"

Joey si stava abbottonando la camicia quando arrivò alla porta sul retro.
Quando aveva visto la signora Banner lì in piedi come una visione in una stanza bagnata
sogno, le sue mani erano cadute lungo i fianchi. Ora in qualche modo ci è riuscito
riprendere il controllo delle dita quanto basta per finire di abbottonarsi la camicia
prima di seguirla nel soggiorno, ma la signora Banner ne aveva altre
idee.

"Non devi abbottonarti la camicia, Joey," disse, prendendogli la mano
la sua. "In effetti, perché non ti togli la maglietta, tesoro? Non l'hai fatto
ho davvero davvero bisogno di indossarlo per entrare. Mi piace vedere bello
i giovani come te senza maglietta, Joey. Ti stavo osservando
falciare il prato. Adoro guardare i tuoi muscoli muoversi mentre lavori!"

Joey rimase lì, scioccato, mentre la signora Banner gli sbottonava la camicia
lui. Le sue mani gli sfiorarono il petto. Gli era così vicina che
avrebbe potuto allungare la mano e toccarla se avesse avuto il coraggio. Lei magnifica
le tette erano proprio davanti ai suoi occhi. Poteva vedere i suoi punti duri
i capezzoli spuntavano dalla stoffa sottile della vestaglia. Guardò
le sue tette si alzano e si abbassano mentre respira. Il profumo del profumo lei
si diffondeva oltre le sue narici, inebriandolo.

"Che bel petto forte!" sospirò appoggiando il palmo della mano
sopra il suo cuore. Mio Dio, Joey, il tuo cuore batte così forte. Sono
sei nervoso per qualcosa?"

Io... immagino..." soffocò il ragazzo, sentendo l'incredibile calore di
la sua mano di seta che gli affondava nel petto.

Angela si avvicinò al ragazzo e gli tolse la maglietta
spalle giovani. Fece scorrere le sue mani calde su e giù per i suoi fianchi, elettrizzante
alla sensazione dei giovani muscoli sotto le sue dita. Sapeva di esserlo
facendolo impazzire con la sua audacia, e lei lo sapeva da come era
reagendo al suo assalto sensuale che era suo per essere preso. Lei
gli circondò la vita con le braccia e lo abbracciò velocemente da dietro,
lasciando che le sue tette calde si schiaccino contro la sua giovane e forte schiena.

"Beviamo quel drink, Joey?" chiese Angela, baciandolo dietro le spalle
orecchio e gironzolando nel soggiorno.

Joey rimase immobile sul posto per un momento o due. Non poteva credere a cosa
gli aveva appena fatto. Poteva ancora sentire le sue tette morbide e calde
premendo contro la sua schiena nuda, potevo ancora sentire il suo respiro umido
contro la sua guancia. Doveva sapere cosa gli stava facendo. Lei doveva
sappi che gli stava facendo irrigidire il cazzo nei pantaloni. Le sue palle erano
diventando sempre più caldo di secondo in secondo.

Joey non aveva mai avuto un'esperienza così confusa ed emozionante come quella
Questo. Non aveva idea di come avrebbe dovuto reagire all'incredibilmente bello
donna. Era abbastanza grande per essere sua madre. Come potrebbe esserlo?
facendogli cose così selvagge? Aveva paura che il suo cazzo si indurisse
alzarsi e fargli un grosso rigonfiamento nei pantaloni come faceva sempre quando si alzava
corneo. Non poteva nascondere un cazzo grosso come il suo quando diventava duro.
Sicuramente avrebbe notato il grosso gonfiore tra le sue gambe. È stato
già imbarazzato, ma se fosse andato in soggiorno con lei,
le cose andrebbero molto peggio. Quasi si voltò e corse fuori dal retro
porta, ma lei gli fece cenno di avvicinarsi ed egli non poté resisterle
sillabare.

"Sei nervoso, tesoro? Non sei stato intrattenuto da una donna
Prima? " chiese scherzosamente Angela, porgendogli un bicchiere, che il ragazzo
accettato nervosamente.

"N-non in questo modo, signora Banner," strillò.

"Sono sorpreso di sentirlo, Joey. Sei un ragazzo così bello!
È terribilmente difficile resisterti. Sono sorpreso che tu non ci sia stato
sedotto prima," disse la donna più anziana e arrapata, sorseggiando il suo drink e
guardando il ragazzo con occhi fiammeggianti.

"S-sedotto?"

"Certamente, Joey! Sai cosa significa la parola, vero?"

Io... immagino... ma... è questo quello che farai?"

"A meno che tu non abbia gravi obiezioni, tesoro!"

"Ma... uh... che ne dici di... che dici... voglio dire...
sei sposato e..." balbettò il ragazzo.

"Sì, tesoro, sono sposata e ho due maschi. E tu li conosci entrambi
ragazzi, non è vero?"

"Cavolo, sì, signora Banner, conosco Thad e Randy. Allora come puoi sedurre?
Me?"

"Così, amore," disse, posando il bicchiere e aprendolo
vestaglia.

"Gesù Cristo!" Joey sussultò quando la donna sensuale aprì il velo
il materiale rosa del suo indumento e gli ha mostrato le sue tette nude.

"Ti piacciono, amore? Pensi che le mie tette siano belle?" chiese
una voce mielata, che sollevava le sue tette nude, mostrandogliele.

"Dio, sì, signora Banner! Sono bellissimi! Ma..."

"Niente ma, tesoro. Se ti piaccio, puoi avermi. È semplicissimo
Quello."

hai?

"Tutta me stessa, amore," disse Angela, sollevando ancora le tette nude per quelle di Joey
ispezione.

"Ma che dire del signor Banner, di Thad e di Randy? E se ci prendessero?"

"Non preoccuparti, Joey caro. Non torneranno per ore.
Avremo tutto il tempo per divertirci insieme. Ora sorseggia
il tuo drink, Joey. Sono sicuro che ti farà rilassare. Mi rendo conto che questo
è tutto nuovo per te, ma sono sicuro che ti abituerai presto."

Joey sorseggiò il suo drink e scoprì che era principalmente alcol. Lo sentiva
il calore si diffuse attraverso di lui e lo ingoiò rapidamente. La sua mano era
tremando così tanto che quasi fece cadere il bicchiere. Il suo cazzo si stava gonfiando
sempre di più, facendogli un rigonfiamento nei pantaloni che lui conosceva
La signora Banner poteva vedere. Strisciò nervosamente i piedi, lasciando la mano
abbassarsi all'inguine nel tentativo di nascondere il suo imbarazzo.

Angela lasciò cadere lo sguardo sull'inguine gonfio del ragazzo. Era elettrizzata
per scoprire che i suoi sforzi stavano avendo l'effetto desiderato sul ragazzo. Lei
non vedeva l'ora di mettere le mani sull'erezione pulsante che aveva
sollevato su di lui. Si sedette sul divano e accavallò le lunghe gambe agili. Lei
fece rimbalzare leggermente il piede, sollevando il suo materiale trasparente
vestaglia centimetro per centimetro finché non si rese conto che lui poteva vederne la peluria
fica nuda.

"Vieni a sederti accanto a me, Joey. Non morderò, anche se potrei mangiarti," disse
fece le fusa, accarezzando il cuscino accanto a lei.

"Io... non penso che farei meglio," strillò il ragazzo, con il cazzo dolorante
pulsava contro il materiale dei suoi jeans.

"Perché hai un'erezione, tesoro? Non essere sciocca, so quello che ho
fatto a te. Ho reso il tuo cazzo duro come una roccia. non ne hai bisogno
prova a nasconderlo, amore. Vieni, siediti accanto a me e cerca di rilassarti. Non esserlo
Paura."

La sua fica prudeva dal desiderio per il ragazzino arrapato.

Joey doveva fare quello che gli aveva detto. Adesso era completamente in suo potere. Lui
si avvicinò a gambe rigide al divano e si sedette accanto a lei. Ha provato
per lasciare un po' di spazio tra loro, ma appena lui si sedette lei si mosse
più vicino. Sentì il suo corpo caldo contro di sé, sentì il suo calore penetrare nel suo
gamba e vai dritto alle sue palle.

"Così va molto meglio, Joey caro! Ti piace sederti vicino a me?"

"Cavolo, sì, ma non so cosa fare..." il nervoso, eccitato
balbettò il ragazzino, lasciando cadere le mani in grembo nel tentativo di nascondere le sue
inguine sporgente dallo sguardo della signora Banner.

Joey poteva sentire gli occhi della signora Banner che gli bruciavano nell'inguine. Lui voleva
guardare disperatamente le sue tette nude, le gambe di seta e il suo nido
figa esposta, ma non osava.

"Sei mai stato così vicino a una donna?" chiese dolcemente.
Joey scosse la testa.

"Nemmeno una ragazzina della tua età?"

"Non così!" ansimò.

"Come dici questo, amante?"

"Beh, voglio dire... uh... sei quasi nudo!"

"E tra non molto sarò completamente nudo per te, amante!"

"Oh, wow! Questo è qualcos'altro!" il ragazzo soffocò.

Angela gli allontanò le mani dal pube gonfio e la fece correre
le dita lungo il cavallo rigonfio e fece scorrere le dita lungo il rigonfiamento
il suo cazzo duro dalla testa alla radice. Il cazzo del ragazzo era ancora più grande
e più a lungo di quanto avesse immaginato. Adesso sapeva di aver fatto il
scelta giusta per il suo piccolo esperimento di seduzione. Solo il pensiero
Prendere un giovane cazzo così lungo e duro nella sua fica l'ha fatta contorcere
lussuria.

"È così grande e difficile! Ti ho fatto questo, amore? Devi essere terribile
eccitato oggi! "disse, spostando la mano sul suo cazzo gonfio. "Tu
non ti dispiace se lo tocco, vero?" chiese quando sentì il suo corpo sussultare
involontariamente.

"Se vuoi..." disse senza fiato.

"La mia mano si sente bene sul tuo grosso cazzo duro?" chiese con una voce
grondante di lussuria.

"Sì! Wow!" ansimò il ragazzo, chiudendo gli occhi mentre lei la muoveva amorevolmente
mano su e giù per il suo cazzo.

"È passato così tanto tempo dall'ultima volta che ho sentito un cazzo duro. È così caldo e pieno
energia. Lo amo! Vorrei che mio marito potesse diventare grosso e duro quanto
tu, Joey. So solo che puoi farmi le cose più meravigliose
quel bel coglione."

Le palle di Joey erano in fiamme adesso. Ogni colpo della sua mano calda su e giù
il suo cazzo lo rendeva più duro e arrapato. Pensava che il suo cazzo si sarebbe strappato a
bucarsi i pantaloni da un momento all'altro. Aveva le palle strette nei pantaloni, quindi
angusti che cominciavano a far male un po'. Avrebbe voluto che lo facesse
gli aprì i pantaloni e lasciò che il suo cazzo uscisse allo scoperto, ma non lo fece
osare suggerire una cosa del genere.

Angela adorava il modo in cui lo faceva dimenare. Si premette il palmo
mano contro il suo cazzo duro, premendolo contro la sua gamba. Poteva sentire
sussultava sotto il denim dei suoi jeans. Glielo pizzicò forte
puntura gonfia con la punta delle dita. Lei fece scorrere la mano tra le sue
gambe e sentivo il gonfiore delle sue grandi palle piene di sperma. Lo desiderava
fai in modo che quelle palle le riempiano la fica di sperma caldo.

"Cominci già a gocciolare, amore. Devi avere un caldo terribile!" Lei
disse, notando un punto umido vicino all'estremità del suo cazzo dove trasudava
pre-cum. "Quanto tempo è che non ti fai una sega, tesoro?" Lei
chiese coraggiosamente.

"Cavolo, ne vuoi davvero parlare?" chiese stupito.

Sembrava che non ci fosse nulla che la signora Banner non avrebbe detto o fatto. Ragazzi, semplicemente
non parlavo con le donne anziane di cose come segarsi. Solo udito
le sue parole gli fecero male ancora di più.

"Allora, tesoro? Hai giocato con te stesso di recente?"

"Un paio di giorni fa," si sentì dire Joey.

"Le tue palle devono essere piene di sperma adesso, tesoro! Dimmi, amante, quando...
sega, il tuo sperma arriva da molto lontano?"

"Uh... sì... io... immagino!"

"Magnifico! Allora potrò sentirlo esplodere forte dentro di me
fica."

"Dentro la tua... la tua fica?"

"Esatto, amore! Spruzzerai l'interno della mia figa con sperma caldo!"

"Vuoi dire che vuoi che... ti scopi?" strillò.

"Che altro, stupido? Vuoi scoparmi, vero?"

"Diamine, sì! Ma non l'ho mai fatto prima!"

"Devi imparare un po'. E adorerò insegnarti! Ne sono sicura
imparerai velocemente. Voglio che tu mi faccia ogni sorta di cose meravigliose,
amante. Voglio che tu mi faccia sentire di nuovo una donna. È da parecchio tempo
da quando sono stato scopato!

"Ma sono solo un ragazzino!"

"Sei giovane, Joey, ma ormai sei un uomo. L'età non fa niente
differenza, Joey. Mio marito Mike è cresciuto. alzarsi, ma non riesce nemmeno ad alzarsi
difficile più. puoi farmi sentire molto meglio di lui."

"Lo pensa davvero, signora Banner?" chiese Joey, sentendosi orgoglioso
se stesso per essere un uomo ai suoi occhi.

Angela abbassò la cerniera del ragazzo e infilò la sua mano calda nella sua
pantaloni. Si sedette dritto, i muscoli tesi. Nessuno ci aveva mai messo mano
nei pantaloni prima. La sensazione delle sue dita contro il suo cazzo e
le palle lo facevano impazzire. Sentì le sue dita muoversi contro le sue gonfie
le palle e la radice dura del suo cazzo, stuzzicandolo, rendendolo bollente oltremodo
credenza.

"Sono felice che tu non indossi biancheria intima, tesoro; ti rende
cazzo e palle meravigliosi, molto più facili da raggiungere. Ti piace quello che sono?
ti stai facendo, Joey? Ti piace il modo in cui faccio sentire il tuo cazzo?"
"Sì! È fantastico!"

"Slacciati i pantaloni, amore. Allargali," sussurrò con la bocca
irrigazione.

Joey fece quello che gli era stato detto, e lo fece con entusiasmo. Più entrava nel
recitare, più gli piaceva. Adesso si chiedeva perché non si fosse avvicinato a
ragazza molto tempo fa. Sicuramente gli era mancato molto. E in qualche modo lo sentiva
il divertimento era solo all'inizio.

Angela fece scorrere le dita attraverso la crescita dei capelli neri e ricci in mezzo
le gambe del suo giovane stallone. Quando lui gli aprì i jeans, lei si abbassò
e tirò fuori le sue giovani palle. Ha provato a tirare fuori il suo cazzo sussultante
dei suoi Levi's, ma era infilato troppo nella gamba dei pantaloni.

Joey sollevò leggermente il corpo e abbassò i pantaloni fino alle ginocchia.
Il suo cazzo colpì il suo stomaco, schizzandogli del liquido addosso
pelle. Angela allungò la mano e avvolse le sue dita delicate attorno al
asta scivolosa del suo cazzo e strinse forte. Iniziò a muoversi dolcemente
le sue dita su e giù per il suo cazzo. Lei gli sorrise e la raggiunse
ginocchia tra le gambe.

Joey fissò le tette nude della signora Banner. Voleva raggiungere e sentire
loro, ma pensò che avrebbe dovuto aspettare finché lei non gli avesse detto di toccarla. Suo
era difficile resistere alle tette, gonfie e dall'aspetto caldo e poco dure
capezzoli che non poteva fare a meno di voler sentire.

"Il tuo cazzo è semplicemente bellissimo! Ti dispiace se lo bacio?"

"K-bacialo? Dici sul serio, signora Banner?"

"Dico sul serio, caro ragazzo! Farò di più che baciarlo, Joey.
Lo metto in bocca e lo succhio. Ti farò il cazzo
mi sento semplicemente meravigliosamente in bocca." Si chinò più vicino a quella del ragazzo
rubinetto gocciolante.

Joey trattenne il respiro quando sentì le sue labbra calde toccare il nudo
testa del suo cazzo gonfio. Nessuno lo aveva mai toccato lì prima, e
ora la donna più bella che avesse mai visto stava premendo le sue labbra
contro la testa del suo cazzo. Non è stato nemmeno solo un bacio veloce. Suo
le labbra rimasero sulla sua viscida testa di cazzo, succhiando la sua carne turgida.

"Delizioso," disse Angela, leccandosi le labbra. "Non mi resta che assaggiarlo
sperma che cola dal tuo cazzo!"

Detto questo, la seducente donna anziana tirò fuori la lingua e portò
la punta contro la fessura del piscio del cazzo rigido del ragazzo. L'ha gestita
pollice sulla parte inferiore del suo cazzo sussultante, forzando un'altra goccia di
pre-cum cristallino che cola dalla punta del suo cazzo. Lei con entusiasmo
prese la gocciolina sulla punta della sua lingua e se la mise in bocca,
assaporarne la salsedine e averne sete di più.

Angela aprì la bocca e si abbatté sul cazzo duro del ragazzo. Lei
avvolse le sue labbra calde e umide attorno al pomello del suo cazzo e succhiò forte,
facendo scorrere la sua lingua esperta attorno alla parte inferiore, facendola scorrere nella sua
le palle fanno male dal piacere. Lo prese più in profondità nella sua bocca
secondo, succhiando e leccando il suo cazzo.

"Oh, wow! È fantastico, signora Banner! Continua a farlo! Non fermarti,
Signora Banner! È così dannatamente bello!" strillò il bambino, tastandole la bocca
lavorando contro il suo cazzo nudo.

Angela sentì la punta sporgente del suo cazzo riempirle la bocca. Era un
sensazione che non provava da molto tempo. Poteva immaginare quanto
meglio avrebbe sentito il suo cazzo stirare la carne tesa di lei ribollente
fica. Iniziò a muovere la testa su e giù sul suo grosso cazzo duro, prendendo
tutto giù nella sua gola con ogni movimento verso il basso, lasciandolo
quasi si stacca dalle sue labbra ad ogni movimento verso l'alto.

Joey non riusciva a credere quanto lo stesse facendo sentire bene. Aveva sentito
di ragazzi che si fanno pompini, ma non aveva mai immaginato una cosa del genere
potrebbe sentirsi così bene. Non sapeva quanto ancora avrebbe potuto resistere
senza spararle un filo di sperma caldo in bocca. Non pensava che lei
vorrebbe che lo facesse.

"Io... io... penso che faresti meglio a fermarti, signora Banner! Sto per...
uh... sparerò a quella roba!" strillò.

Angela avvolse il dito attorno alle sue palle e le strinse forte.
Lasciò che la testa del cazzo si staccasse dalle sue labbra con un suono udibile.
Gli strinse le palle con una mano e il cazzo con l'altra,
guardando nei suoi occhi scintillanti.

"Dimmi, Joey, quando ti fai una sega quante volte riesci a farti
vieni?" chiese. "Non vergognarti di dirmelo, Joey. Davvero
bisogno di sapere."

"Accidenti! Posso farlo cinque o sei volte", ha detto.

"Meraviglioso! Poi ti succhierò e ti farò venire nella mia bocca. Lo farai
ho ancora un sacco di sperma caldo da sparare nella mia fica. So solo che lo farai
come spararmi un colpo in gola. Piacerà anche a me. Adoro il
sapore di sperma! Adoro sentirlo sferragliare contro il fondo della gola.
Adoro sentirlo scorrere giù per la gola. Il tuo sperma sarà così denso e
così caldo e dolce!"

La donna affamata di sesso si è tuffata sul cazzo del ragazzo arrapato e ha cominciato
succhiandolo selvaggiamente. Ogni muscolo del suo corpo era teso mentre arrivava
sempre più vicino al climax di rottura di palle. Sentì le sue labbra premere
contro la sua carne nuda, sentì i suoi denti sfiorare dolcemente i suoi
albero del gallo sensibile mentre dondolava la testa su e giù su di lui. Lei si è trasferita
la sua testa sempre più velocemente, prendendo il suo cazzo fino in fondo alla gola
ad ogni tuffo verso il basso.

Angela sentì la punta del cazzo sbatterle contro il fondo della gola. Il ragazzo
non poteva fare a meno di inarcare la schiena e di spingere su e giù. Ha raggiunto
sotto il sedere e gli afferrò il giovane sedere duro, stringendolo e sollevandolo,
costringendo il suo cazzo ancora più in profondità nella sua gola. Quasi la donna dal culo sexy
si strozzò con il suo cazzo gonfio, ma lei si godeva ogni minuto.

Joey sentì la sua gola afferrare il suo cazzo impalato, la sentì ingoiarlo.
Le sue lunghe unghie affondarono nelle guance del suo culo che si sollevava mentre scopava
la sua faccia. Le sue palle rimbalzavano tra le sue gambe, gonfiandosi sempre di più
con sperma caldo. Sapeva che non sarebbe passato molto tempo prima che la sua borra esplodesse
giù per la gola. Aveva sempre sparato in un fazzoletto o sul
terra, ma ora stava per versare il suo sperma su una bella donna
gola. Il solo pensiero faceva girare la testa al ragazzo per l'eccitazione.

"Succhiami, signora Banner! Succhiami il cazzo!" Joey gridò.

Le sue parole sembravano farla succhiare il suo cazzo ancora più forte e muovere la testa
su e giù ancora più velocemente.

"Lo sparerò! Sei sicuro che sia tutto a posto?" strillò.

Angela gemette profondamente nella gola e succhiò più forte che mai. Lei quasi
Annegò nel suo sperma caldo e denso quando le sue palle esplosero e la riempirono
succhiando la gola con esso.

Joey chiuse gli occhi e quasi vide le stelle quando la sua borra gli passò attraverso
albero del gallo. Uno spruzzo dopo l'altro venne sparato dal suo cazzo e dentro
bocca desiderosa di donna. - Il ragazzo pensava che non avrebbe mai smesso di venire. Esso
era qualcosa che non aveva mai sperimentato prima. Era come se tutto il
la tensione nel suo corpo fu improvvisamente scaricata attraverso il suo cazzo. La sua lingua
lavorava ancora sul suo cazzo e le sue labbra premevano ancora sull'asta
di esso mentre la riempiva di sperma.

Angela aprì gli occhi e guardò il bel viso giovane di Joey quando lui
sperimentato il suo orgasmo. Cercò di immaginare come si sarebbe sentito quando sarebbe entrato
la bocca di una donna per la prima volta. Ha provato a ingoiare tutto
le ha sparato in bocca, ma non è servito a nulla. La roba gocciolava da
le sue labbra e scese sul suo mento, gocciolando sul suo pene e
saturando le sue giovani palle.

"Oh, Joey! Joey, tesoro! È stato bellissimo! Ti è piaciuto, amore? Davvero
ti piace venire nella mia bocca?" sussurrò, leccandole via lo sperma
labbra scintillanti.

"Gesù, sì! È stato fantastico! Hai ingoiato il mio sperma?" chiese il ragazzo,
sentiva ancora l'ondata di piacere che lei gli aveva causato
corpo.

"Sì, Joey. Aveva un sapore così buono! È passato così tanto tempo dall'ultima volta che ho assaggiato lo sperma
nella mia bocca. Il tuo cazzo è ancora duro, Joey. Sei un tale stallone! semplicemente
ti amo! Ci divertiremo tantissimo insieme."

"Lo faremo di nuovo, signora Banner?" chiese il ragazzo, sentendosi ora audace
che aveva provato il piacere sfrenato che provava una donna come la signora Banner
potrebbe portarlo.

"Vieni con me, Joey. Vieni nella mia camera da letto, stallone. Ce ne sono di tutti i tipi
cose meravigliose che possiamo fare insieme. No, Joey, non preoccuparti di portare
i tuoi vestiti. Non ne avrai bisogno!" disse ridendo
seducente.


CAPITOLO DUE

Joey seguì il suo istruttore sessuale di sopra nella sua camera da letto. Ha guardato il
le guance piene e sinuose del suo culo che si alzavano e si abbassavano mentre scivolava su per il
scale. Quasi cadde all'indietro quando la donna vigorosa si abbassò
e sollevò la vestaglia fino alla vita, lasciando che lui la guardasse
le sue chiappe scoperte. Mentre saliva le scale davanti a lui, il
Il ragazzino arrapato poteva vedere il ciuffo di capelli ricci tra le sue gambe.

Angela si sentiva lasciva oltre ogni immaginazione mentre mostrava la sua femminilità
fascino per il ragazzo. Si guardò alle spalle e osservò il ragazzo rigido
puntura che rimbalzava davanti a lui mentre saliva le scale. Lei era
elettrizzato nel sapere che poteva mantenerlo così interessato a lei, elettrizzato
che poteva mantenere il suo cazzo duro come una roccia anche dopo aver sparato a
pesante quantità di sperma solo pochi minuti prima. Era certamente un miglioramento
sul marito senza vita.

In cima alle scale, Angela si chinò e si toccò le punte dei piedi, dando
Joey aveva una visione del suo culo e della fessura della sua fica impossibile da vedere
resistere. Lui si avvicinò a lei e rimase immobile per un momento
o due. Voleva allungare la mano e sentire le sue guance lascive
culo scoperto. ma non era ancora abbastanza audace.

"Non aver paura, Joey tesoro! Toccami se vuoi," la donna vigorosa
respirato.

Joey allungò la mano e la posò sul sedere nudo della signora Banner. La sua carne
era ancora più agevole di quanto immaginasse. Il suo calore e la sua morbidezza
lo colpì potentemente. La sua mano si mosse sulle sue chiappe nude,
esplorando ogni curva del suo sedere allettante. Ha osato abbassare la mano
tra le sue gambe e sentire il rigonfiamento trapuntato della sua fica tremante. IL
il calore della sua figa lo faceva impazzire. Era calda da morire tra di lei
gambe. Sentì le sue labbra bagnate di rugiada contro il palmo della sua mano mentre correva
tra le sue gambe.

"Oh, Joey! La tua mano è così bella sulla mia figa! Sono così eccitato per te! Fallo
senti come sto, amore? Senti quanto è calda la mia fica?"

"Accidenti, sì!" disse stupito il giovane emozionato.

"Sto gocciolando per te. Senti quanto sono bagnato? Non è così
ti piace affondare il tuo grosso cazzo duro nella mia fica calda e bagnata?" ha scherzato,
dimenando il culo nudo, muovendo la figa ribollente contro il caldo del ragazzo
mano.

"Oh sì! Questo è qualcos'altro! Voglio farlo, signora Banner. Voglio
vaffanculo. me lo permetterai davvero?"

"Sì, amore! Ma prima dovrai prendermi!" ridacchiò, spezzandosi
corse lungo il corridoio e lasciò il ragazzo lì in cima
delle scale, con la mano bagnata di succo di fica e il cazzo gocciolante
eccitazione.

Joey le corse dietro, con le sue giovani palle che gli rimbalzavano tra le gambe. Sig.ra.
La risata di Banner gli risuonava nelle orecchie. Non era mai stato così eccitato
la sua vita. Sembrava che non ci fosse nulla che non avrebbe fatto per eccitarlo. Lui
La seguì nella sua stanza e corse ai piedi del letto. Aveva
si tolse la vestaglia e saltò sul letto. Era sdraiata sulla schiena
con le gambe aperte, lasciando che lui la guardasse a lungo nuda,
fica aperta.

Angela gli fece un cenno e Joey saltò nel letto con lei. L'ha avvolta
braccia di seta attorno al ragazzo e lo tenevano stretto. Le sue tette nude sono schiacciate
contro il suo giovane e forte petto. I suoi capezzoli rigidi sfiorarono quelli di lui
pelle, facendoli formicolare. La fica di Angela ribolliva di lussuria mentre lo teneva
il ragazzo in un abbraccio amorevole. Sentì il suo cuore battere forte e veloce.
Sentì il suo cazzo duro premere contro la sua coscia, colpendola. Lei
sapeva che voleva disperatamente affondare il suo giovane cazzo nella sua dolcezza
fica, ma prima gli avrebbe mostrato alcuni dei suoi tesori segreti.

Angela ha detto al ragazzo di sdraiarsi sulla schiena. Fece come gli era stato detto. Lei
gli piantò un bacio umido e amorevole sulle labbra, facendo scivolare la lingua nella sua
bocca. Ha risposto a tono. Era un bacio nervoso, ma Angela
ne è rimasto entusiasta. Iniziò a baciargli la gola e a lasciare una scia
gli bacia il petto, il giovane stomaco duro, fino ai capelli
sul suo inguine. Intrecciò le dita tra i suoi peli pubici ricci e lo lasciò fare
la sua lingua scorre sopra la testa del suo cazzo gonfio e stretto.

"È semplicemente delizioso, amore. È così duro e caldo. Adoro il modo in cui lo fai
il tuo cazzo ha un sapore. Potrei succhiarlo tutto il giorno," disse aprendo le labbra
e prendendo il suo cazzo in bocca.

Angela gli succhiò il cazzo finché non sembrò pronto ad esplodere. Per il momento lei
era pronto a smettere di succhiarlo, il ragazzo si contorceva dal piacere, muovendosi
le gambe e agitando la testa avanti e indietro. Lasciò che la sua testa di cazzo si tirasse fuori
succhiò le labbra e lasciò che si schioccasse contro il suo stomaco. La sua lingua si mosse
alle palle gonfie del bambino. Gli solleticò le palle con la punta
lingua, premendoli, dividendoli nella loro sacca. Baciò il sacchetto
che conteneva le sue giovani palle. Lei mordicchiò la sua delicata sacca cranica,
tirandogli la pelle con i denti. Poi aprì le labbra e succhiò
le sue palle in bocca una alla volta.

"Signora Banner! Penso che lo girerò di nuovo!" strillò.

Angela lasciò che le sue palle si tirassero fuori dalla bocca e le piantò un bacio
testa pulsante del suo cazzo. Poi si mise a cavalcioni sul giovane teso del ragazzo
corpo e strofinò la sua succosa fica bagnata contro il suo petto. Lei lo sapeva
era pronta a scaricare un'altra quantità di sperma, ma prima voleva darglielo
un assaggio della sua deliziosa figa. Sapeva di avere il sapore migliore
fica in città. Joey sicuramente avrebbe amato il gusto e il profumo della sua bagnata calda
figa.

La donna più anziana dal culo caldo avvicinò sempre più la figa al suo viso.
Era grondante di passione. Le labbra della sua fica luccicavano
succo, desideroso di essere leccato. Voleva disperatamente sentire il suo entusiasmo
la giovane lingua che lavora contro le labbra della sua fica tremante. Era stato
troppo tempo dall'ultima volta che aveva provato il piacere di una lingua che la lambiva
sesso.

Joey fissò la sua fica aperta quando lei si inginocchiò davanti alla sua faccia. Era il
la prima volta che aveva avuto l'opportunità di fissare quella parte
una donna. La sua fica sembrava calda come l'aveva sentita prima, quando aveva osato
metterci mano sopra. Le labbra gommose della sua figa sembravano tremare
visibilmente. Lo squarcio roseo della sua fica sembrava invitarlo a toccarla.

"Posso toccarti ... lì?" chiese il ragazzo con voce secca e piena di
eccitazione.

"Sìiii!" sibilò. "Toccami la mia fottuta fica! Mettimi le dita dentro!
Voglio che tu lo faccia, amante! Sono così caldo, così fottutamente caldo! Toccami! Per favore!" lei
cried in the heat of her lust.

Angela reached down between her legs and spread her cunt open for the
boy. When she felt his fingers touching her sensitive pussy flesh, she
almost fainted with pleasure. Her cunt twitched and tingled with delight
as Joey put his fingers between the spread lips of her naked pussy.

The horny kid inserted first one finger and then another and another
until his whole hand was buried in her cunt. He felt the flesh of her
pussy closing around his hand, felt her cunt squeezing his hand inside
her. He wondered how her cunt would feel squeezing the shaft of his
turgid cock.

"Move your fingers in and out, lover! Oh, darling! Yes! That's right!
Oh, God! It feels so good! Fuck me with your fingers, Joey! Yesssss!
Fuck my cunt! I love it!"

Mrs. Banner's cunt seemed to get juicier and juicier the more he ran his
fingers in and out of her. His fingers made wet slurping sounds as they
raced in and out of her pussy. He had to taste the juice that covered
his hand. He took his fingers out of her cunt and brought them to his
lips.

"Do you like the taste of my pussy juice, darling?" she asked in a deep
voice smoldering with lust.

Angela looked down and saw her young
stud licking his fingers. She knew that he was ready to eat her pussy,
and she was certainly ready to be eaten. She crouched over the boy's
eager young face and ever so slowly eased her cunt down toward his
mouth. She closed her glittering eyes and waited for the pure pleasure
the boy was about to bring her with his lips and tongue.

The scent of Angela's musky cunt was intoxicating to the boy. He inhaled
her heady feminine fragrance and it went straight to his head. When the
lips of her cunt were very close to his mouth he flicked his tongue over
loro. He began lapping at her rosy pussy, running his tongue up and down
the juicy slit between her legs until she shivered with delight.

"Joey! Oh, my God! Lick me! Lick my fucking cunt! Make me hot! Make me
drip! Oh, darling boy! Put your tongue right up inside me! Suck my cunt!
I just love it!"

Joey ran his tongue all the way up her cunt, stiffening it and poking it
in and out of her. He felt her cunt sucking and tugging at his tongue as
if to suck it all the way up inside her. Her pussy juice ran freely and
he lapped it up thirstily. His cock jerked between his legs as hoe
sucked her cunt. He had never felt anything as wildly exciting in his
young life. He was actually licking a woman's pussy, a woman old enough
to be his mother.

"My clit Joey! Lick my clit! Lick me there!" Angela cried, pressing her
finger against the turgid little bud of hot flesh between her legs. "My
clit is tingling so! Lick it! Lick it, lover! Drive me wild!"

Joey did as he was told. He pressed the tip of his tongue against her
hot little clit and made her shiver with pleasure. Her body quaked
whenever he moved the tip of his tongue over her hot clit. He wrapped
his lips around the tiny bud and began sucking and gently nibbling at
Esso. She moaned with pleasure as he worked on her seething cunt with his
tongue and lips.

"Oh, lover! Joey, are you sure you haven't done this before? You make me
so hot! I want your cock now, darling! I want you to fuck me!" she
cried.

Joey was ready. his cock was as hard as a rock. He had wanted to shove
his prick in her pussy ever since she had exposed her cunt to him. Appena
the thought of how her cunt would feel sucking at his cock made him ache
with horniness.

Angela moved down over his body and positioned herself over his cock.
She crouched over his cock and lowered herself onto it until her
seething wet cunt was pressing against his cockhead. She rubbed her
pussy against the length of his swollen prick, pressing it into her hot
slit, making it slick with her freely flowing cunt juice.

"Oh, shit! That's somethin' else, Mrs. Banner! I didn't know it would
feel like that! Jesus Christ!" the boy grunted, raising his ass off the
bed and thrusting against her creamy cunt.

"I want you inside me, lover! Fuck me! Crawl on top of me and ram your
cock into me!" she moaned, rolling over on her back and opening her long
lithe legs for him.

Joey mounted her and poked his cock against her cunt in a wild frenzy.

"Let me help you, lover!" she said, reaching down and guiding his
rock-hard prick into her pussy.

Angela closed her eyes and prepared for his entry into her long-unfucked
cunt. She didn't expect him to be gentle with her. She knew that he was
nervous and eager to get his cock into a woman for the first time. Lei
expected him to fuck her hard and fast, and that was exactly what she
wanted. She gasped when he rammed his distended prick into her all the
way to his balls in one rough thrust.

"Did I hurt you, Mrs. Banner?" Joey asked.

"No, darling, not really! I love it! Fuck me! Fuck me hard! Oh, Joey,
your cock is so long and hard! I can feel it way up inside me! Move it
in and out, lover! Fuck me! Fuck my goddamn cunt! Do it, stud! Fuck
meeeeee!" she cried.

Joey began fucking her wildly. He bucked his ass harder and harder,
making the bed bounce. His balls slapped against her hot damp crotch
each time he banged into her. Her tits shivered and shook as he pounded
her cunt. Her cunt clutched at his cock like a dozen hands squeezing him
tightly. It was a feeling unlike anything he had ever experienced.

"Take it, Mrs. Banner! Take my cock in there! Oh, fuck! This is great!"
the excited kid growled as he rammed in and out of the woman's clutching
cunt.

"Fuck me! Fuck the piss out of me, stud! I need it! Oh, Joey, it's been
so long since I've had a cock up my cunt! You don't know what you're
doing to me, darling boy! Fuck met Fuck my cunt!" she moaned, grinding
her pussy against the kid's cock.

Joey felt his balls swelling more and more by the second. He felt the
tension building up between his legs. He knew that it wouldn't be long
before he shot a hot wad of cum all the way up the luscious woman's
sucking cunt. He felt her fingernails digging into his back as he fucked
her, raising welts on him as she scratched him like a cat in heat.
hot slit, making it slick with her freely flowing cunt juice.

"Oh, shit! That's somethin' else, Mrs. Banner! I didn't know it would
feel like that! Jesus Christ!" the boy grunted, raising his ass off the
bed and thrusting against her creamy cunt.

"I want you inside me, lover! Fuck me! crawl on top of me and ram your
cock into me!" she moaned, rolling over on her back and opening her long
lithe legs for him.

Joey mounted her and poked his cock against her cunt in a wild frenzy.

"Let me help you, lover!" she said, reaching down and guiding his
rock-hard prick into her pussy.

Angela closed her eyes and prepared for his entry into her long-unfucked
cunt. She didn't expect him to be gentle with her. She knew that he was
nervous and eager to get his cock into a woman for the first time. Lei
expected him to fuck her hard and fast, and that was exactly what she
wanted. She gasped when he rammed his distended prick into her all the
way to his balls in one rough thrust.

"Did I hurt you, Mrs. Banner?" Joey asked.

"No, darling, not really! I love it! Fuck me! Fuck me hard! Oh, Joey,
your cock is so long and hard! I can feel it way up inside me! Move it
in and out, lover! Fuck me! Fuck my goddamn cunt! Do it, stud! Fuck
meeeeee!" she cried.

Joey began fucking her wildly. He bucked his ass harder and harder,
making the bed bounce. His balls slapped against her hot damp crotch
each time he banged into her. Her tits shivered and shook as he pounded
her cunt. Her cunt clutched at his cock like a dozen hands squeezing him
tightly. It was a feeling unlike anything he had ever experienced.

"Take it, Mrs. Banner! Take my cock in there! Oh, fuck! This is great!"
the excited kid growled as he rammed in and out of the woman's clutching
cunt.

"Fuck me! Fuck the piss out of me, stud! I need it! Oh, Joey, it's been
so long since I've had a cock up my cunt! You don't know what you're
doing to me, darling boy! Fuck met Fuck my cunt!" she moaned, grinding
her pussy against the kid's cock.

Joey felt his balls swelling more and more by the second. He felt the
tension building up between his legs. He knew that it wouldn't be long
before he shot a hot wad of cum all the way up the luscious woman's
sucking cunt. He felt her fingernails digging into his back as he fucked
her, raising welts on him as she scratched him like a cat in heat.

The sounds of hot fucking filled the air, moans of pleasure mingling
with the slurping sounds their flesh made as they banged together. Joey
was panting hard as he furiously fucked the luscious woman. Angela was
breathless as she experienced for the first time in years the pure
pleasure of a hot fuck.

"Oh, Jesus! I'm going to come, Joey! You're making me come, lover! Oh,
Joey Fuck me! In and out! Shoot me full of cum! Pump it into me! Empty
your balls into me! I'm coming, comminngg!" she screamed as her pussy
spasmed.

"I'm coming too! I'm gonna shoot it, Mrs. Banner! I'm gonna come in your
cunt! Take it! Take my jizz! Oh, wow!" the boy gasped.

Joey knew that he wasn't dreaming when his balls ballooned up between
his legs. His body jerked when surge after surge of pleasure shot
through him. He thought he would never stop coming. Mrs. Banner's cunt
seemed to suck at his cock until she had milked every last drop of cum
out of him.

Angela almost died when she felt the boy's hot jism spurting deep
inside, spraying against the walls of her cunt and filling her with it.
She quaked and shuddered as her orgasm tore through her like a tornado.
She felt her cunt clutching the kid's jerking cock, holding him in a
vise-like grip deep in her hot cunt. She felt his cum filling her pussy
and dripping down her thighs. It was the first real orgasm she had
experienced in more than a year, and she intended to experience more of
the same with her young stud.

"It was lovely, Joey. You made me come so beautifully. You learned so
fast!" she whispered in his ear as he lay panting on her.

"It sure felt great! Do you want me to take my cock out of you now, Mrs.
Banner?" he asked.

"Yes, lover. Take it out and let me suck it for you until it's good and
hard again. Then I'll let you fuck me another way," she said in a
honeyed voice.

"Another way? You mean it?" the kid asked excitedly.

"If you're up to it, Joey!"

"Hell, yeah! I'm up to it all right! I could go on doin' this all day!
This is great!" the boy beamed, pulling his cock out of her clutching
cunt and sitting cross-legged next to her on the bed.

"You're just the boy I need, Joey. You're so eager and virile. You're
just perfect!" she breathed, wrapping her wet lips around the slippery
head of his cock.

Angela sucked every last drop of cum from the boy's balls and licked the
shaft of his cock until he was hard again. She put her fingers in her
pussy and diddled herself while she sucked his prick into full erection.

"Why don't we go take a shower together, lover?" she suggested.

"Together, Mrs. Banner? Wow! That sounds like fun!"

"Oh, it will be, Joey! I'll let you lather up my pussy and I'll wash
your cock and balls for you. A shower will make us both very horny, I
promise you that," she said, slipping out of bed and leading him to the
bathroom.

Angela stepped into the shower with Joey and adjusted the spray until it
made her skin tingle just right. She rubbed the soap over her naked
tits, slickening them, making them glisten. Joey couldn't resist
reaching out and putting his hands on her naked tits. They were silky
and resilient in his warm hands. He filled the crevice between her
luscious tits with suds and then spread them all over her flesh. Il suo
hands glided over her soapy tits. He ran his hands down over her sides
all the way to her silken thighs. She parted her legs and let him have
access to her steaming cunt.

Joey fell to his knees before the luscious woman and began rubbing the
bar of soap against her naked cunt. It wasn't long before her pussy
looked like a cream pie. Angela handed him a washcloth and the boy
seemed to know just what to do with it. When she spread her legs ever
farther, the boy held the cloth between his fingers and began sawing it
back and forth between the shivering lips of her cunt. He drove her
wild. Each time the cloth stroked the tingling bud of her clit, she
cried out in pure delight. When she could stand the maddening sensations
no longer, she fell to her knees before the boy and began soaping his
rigid cock and swollen balls.

The hot-assed woman wrapped her fingers around the kid's soapy cock and
began slowly jerking up and down on it. He leaned against the shower
wall, his body tense in every muscle. His prick filled her hand with
hard male meat. She had to have his young tireless cock in her cunt
again.

"Fuck me, lover! Fuck me again!" she cried.

"Here? In the shower?" he asked in amazement.

"Yesssssss! Right now! I need your cock in my cunt again! I can't get
enough of you, lover! I can't get enough of your big thick prick! " she
cried.

Angela got on her knees, the water cascading over her naked body. Lei
reached between her kneeling legs and rubbed her naked pussy, inviting
the boy to fill her cunt with hot cock.

"Fuck me from behind. Joey! Get on Your knees and shove your cock into
me! I feel like a bitch in heat, darling, so fuck me like a dog! Fanculo a me
hard! Make me feel it!"

Joey got on his knees behind her and guided his jerking cock between the
open lips of her cunt. He shoved his prick home in one mighty plunge,
filling her cunt with hard, swollen cock. He felt her cuntlips sucking
at him, pulling him into her. It was almost as if hands were gently
massaged his cock inside her cunt. He began thrusting in and out of her
hard and fast. His big cum-filled balls slapped against her soapy cunt
and his hard stomach banged against her upturned ass.

"Oh, God! It's perfect! Fuck me, you wonderful young stud! You're a man
now, lover! Fuck me hard! Ream my cunt! Make my pussy shiver! Make me
come!" she moaned.

Joey ran his hands up and down her silky body as he fucked her. Lui
gasped when he felt her reach between his legs and grab his balls. Lei
squeezed his tender young balls and tugged at them while he fucked her.
She was squeezing him hard enough to cause him some pain, but the
pleasure was enough to make him disregard it. It didn't take long for
the boy to reach the peak of pleasure again. He had already shot his wad
twice, but Angela was such an expert at sexual stimulation that she made
him feel like he was about to shoot another wad at any minute.

"You're making me come again, Joey! Oh, darling! You're doing such
beautiful things to me! You're so much better at fucking than my
husband! Oh, Joeeeey!" she screamed as her cunt collapsed around his
cock.

Joey grunted and gasped when his body surged with the pure pleasure of
another ballbusting orgasm. He wrapped his strong arms around the woman
and grabbed her wet tits, squeezing them as he held her.

"Take my cum, Mrs. Banner! Take it in your cunt! Oh, fuck! I'm shootin'
it again!" the kid growled.

"Fill me with it! I want it in my cunt! Oh, yes! I can feel it spurt
inside me!" she cried, her body still surging with pleasure after her
orgasm.

The teenage boy and the cock-hungry older woman dried each other after
their wild fuck in the shower, each paying close attention to the
other's sexual organs. Angela knew that Joey could fuck her again and
make her come as wildly as before. She wrapped her fingers around the
kid's hardening cock and led him by the cock out of the bathroom and
down the hall to her bedroom. She was just about to suck his prick into
full erection again when she thought she heard something outside.

"Oh, no!" she gasped, running to the window and peeking out. "It's Mike
and the boys! They're pulling into the driveway!"

"But I thought you said they wouldn't be back for a long time," Joey
said nervously.

"It must be later than we thought. Time flies when you're having fun,
darling."

"What's gonna happen if they catch us? What's Mr. Banner gonna do?'

"We can't let that happen, Joey! Your clothes! Run down and get dressed!
Hurry!"

Joey almost fell down the stairs in his rush to escape. Angela threw on
a robe and followed him down. She looked out the window and saw her
husband and her two sons coming up the walk.

"Out the back door, Joey! Hurry! They'll be here in a minute. Now
remember, darling, not a word about this anyone. This is our little
secret," she said, planting a warm kiss on the boy's lips.

"Can I come back?' he asked as he opened the back door.

"I'll call you, darling. I'm sure we'll have many more exciting
afternoons together, lover."


CHAPTER THREE

Angela's pussy was itching unbearably, itching with desire for a hot
Fanculo. Mike was lying next to her, fast asleep as usual and not in the
least bit interested in filling her cunt with his cock. She needed a big
hard prick in the worst way. It had been a week since she had seduced
Joey. Mike hadn't suspected a thing, although he had asked her why she
was smiling so much lately. The boys had noticed a change in their
mother's mood too, but no one had any idea that she had seduced the kid
down the street.

The hot fucking Joey had given her that afternoon had satisfied her for
a while, but now she was going wild with lust again. It seemed that her
experience with the boy had awakened desires in her that she hadn't
really known before. She dreamed about Joey and the wonderful things he
had done to her. She dreamed of taking his cock in her mouth and sucking
it until it grew big and hard. She dreamed of spreading her silky legs
for the kid and letting him sink his turgid prick into her hot cunt. Lei
dreamed of the wild surges of pleasure that would course through her
body as she came. For the past few days she had been able to think of
nothing but Joey. She hadn't been able to find a safe time to call the
boy over for another romp, and her eager pussy continued to smolder.

It was quite late and Angela was unable to sleep. She decided to slip
out of bed and go downstairs to watch the late show. It was better to be
bored by the boob tube than to lie in bed writhing in unfulfilled
passion next to a husband who could offer her no relief. She slipped on
a robe, slipped out of bed and glided silently down the hall to the
stairs. She passed Thad's room and suddenly had the strangest feeling.
Her pussy suddenly quivered and the nastiest thought passed through her
head.

It suddenly occurred to her that behind that door was a young boy like
the one she had seduced earlier, a young boy who could satisfy her
perfectly, a young boy who could learn from her and, at the same time,
do the most wonderful things to her hungry cunt. Of course the boy
behind that door was her teenage son, but for some strange reason her
pussy continued to quiver anyway.

Angela was ashamed of herself. She had actually stopped outside Thad's
bedroom and was thinking lusty thoughts about him, about her own son.
She didn't dare feel sexual desire for her son. It was depraved and
taboo, and yet there she was, her pussy steaming as she thought about
seducing her son. Her experience with Joey had introduced her to a new
world of sexual pleasures. She had never felt as hot, never as
deliciously wicked as she had with Joey. There was something about
violating a taboo that made her dizzy with excitement, and nothing was
more taboo than an older woman having sex with a young boy, unless the
young boy happened to be her own flesh and blood.

Angela tried to stop herself, but once again she was losing her battle
with her conscience. She felt her hand rising to the doorknob, turning
it, pushing the door open. She had to slip into the boy's room. Lei
would try not to do anything that she shouldn't do, but she had to at
least look in on her son. She peeked in and saw that he was fast asleep.
His bedroom window was open and his bed was bathed in moonlight. Lei
silently stepped closer and stood over the sleeping young boy. He looked
even more innocent than usual lying there.

Angela tried to control herself, but it was impossible. She was too hot.
She reached out and gently touched Thad's forehead. Her fingers trailed
down over his cheek and brushed his lips. She couldn't help imagining
how her son's lips would feel pressing against the tingling bud of her
clit. Thad was wearing only his pajama bottoms. His sheet was drawn up
over his chest. She couldn't resist the temptation to uncover him. Lei
slowly drew his crisp white sheet down around his waist.

The hot-assed mother trembled with excitement as she uncovered her son's
sleeping body. She stood motionless for a moment or two, trying
desperately to fight the urge to touch him. She felt her hand moving to
his chest, felt her fingers gently moving over his soft skin from his
chest down to his stomach. She dared to bend over him and plant a loving
kiss on his lower stomach near the waistband of his pajamas. It wasn't
enough. She had to see the rest of his body.

It had been some time since Angela had seen her son naked. She wondered
how big his cock had grown, and her uncontrollable lust drove her to
satisfy her curiosity. She pulled Thad's sheet down to the foot of his
bed and carefully unfastened his pajamas. Her fingers trembled as she
unsnapped his pajamas. She stared between her son's legs as more and
more of his groin became visible. She spread his pajamas open, daring to
expose his cock to her lusty gaze.

Angela's cunt was on fire, and the fire grew hotter and hotter by the
second. She let her fingers run through the sparse growth of curly black
pubic hair between her son's legs. She tried desperately to draw her
hand away, but it was too late. She hoped she wouldn't awaken the boy.
How would she explain to him what she was doing to him if he awakened?
She knew how dangerous the situation was, but by now she was completely
out of control.

Angela sat on the edge of her son's bed and stared at the part of him
that she had exposed, stared as no woman dared stare at her own son. Suo
fingers tingled as she ran them around in the hair between his legs. Il suo
cock was resting against his leg. She was amazed that it had grown so
long and thick. He was only a teenager and already his prick was as
large as a man's. By the time he was grown up, she thought, his cock
would be huge, more than big enough to satisfy any woman. His cock was
already big enough to satisfy his mother.

The lusty mother wrapped her long silky fingers around the young boy's
sleeping cock and lifted it away from his leg. She felt the warmth of
his young cock soaking into her hand. Her belly fluttered and her cunt
twitched with excitement and fear as she held her son's prick in her
hand.

Angela was fascinated by Thad's youthful cock. She couldn't help wanting
to see Thad's cock grow hard in her hand. She couldn't help wanting to
feel it Jerking and throbbing against her loving fingers. She wanted to
up over his chest. She couldn't resist the temptation to uncover him. Lei
slowly drew his crisp white sheet down around his waist.

The hot-assed mother trembled with excitement as she uncovered her son's
sleeping body. She stood motionless for a moment or two, trying
desperately to fight the urge to touch him. She felt her hand moving to
his chest, felt her fingers gently moving over his soft skin from his
chest down to his stomach. She dared to bend over him and plant a loving
kiss on his lower stomach near the waistband of his pajamas. It wasn't
enough. She had to see the rest of his body.

It had been some time since Angela had seen her son naked. She wondered
how big his cock had grown, and her uncontrollable lust drove her to
satisfy her curiosity. She pulled Thad's sheet down to the foot of his
bed and carefully unfastened his pajamas. Her fingers trembled as she
unsnapped his pajamas. She stared between her son's legs as more and
more of his groin became visible. She spread his pajamas open, daring to
expose his cock to her lusty gaze.

Angela's cunt was on fire, and the fire grew hotter and hotter by the
second. She let her fingers run through the sparse growth of curly black
pubic hair between her son's legs. She tried desperately to draw her
hand away, but it was too late. She hoped she wouldn't awaken the boy.
How would she explain to him what she was doing to him if he awakened?
She knew how dangerous the situation was, but by now she was completely
out of control.

Angela sat on the edge of her son's bed and stared at the part of him
that she had exposed, stared as no woman dared stare at her own son. Suo
fingers tingled as she ran them around in the hair between his legs. Il suo
cock was resting against his leg. She was amazed that it had grown so
long and thick. He was only a teenager and already his prick was as
large as a man's. By the time he was grown up, she thought, his cock
would be huge, more than big enough to satisfy any woman. His cock was
already big enough to satisfy his mother.

The lusty mother wrapped her long silky fingers around the young boy's
sleeping cock and lifted it away from his leg. She felt the warmth of
his young cock soaking into her hand. Her belly fluttered and her cunt
twitched with excitement and fear as she held her son's prick in her
hand.

Angela was fascinated by Thad's youthful cock. She couldn't help wanting
to see Thad's cock grow hard in her hand. She couldn't help wanting to
feel it Jerking and throbbing against her loving fingers. She wanted to
watch it lengthen and fill with pounding blood. His cock would be so
much more useful to her than her husband's, so much more capable of
bringing the flashes of pleasure that she longed to feel in her blazing
pussy.

Angela had to kiss Thad's delicious looking cock. She had to put her
lips where no mother was supposed to kiss her son. She held her breath
as she bent between the boy's legs and pressed her lips against the head
of his prick. She had intended to make the kiss a quick one, but the
warmth of his cock against her lips changed her mind. She opened her
lips and sucked the head of Thad's cock into her mouth.

The woman's heart raced as she ran her tongue around the soft head of
her child's cock. She sucked ever so gently, being careful not to scrape
his sensitive cockhead with her teeth. She dared not awaken the sleeping
boy. She glanced at his face as she gently sucked and tongued his cock,
watching for any sign that he might be stirring from sleep. Non l'ha fatto
think he was waking up, but she knew that his cock was.

Angela felt the boy's prick grow bigger and fatter in her mouth. She was
giving him a hard-on in his sleep. She was actually making the boy's
cock stiffen, making her own boy's f cock harder and harder by the
second. She Almost fainted when she felt his cock growing until it
filled her mouth. She sucked harder, moving her tongue faster and faster
over and around his swelling cockhead.

Angela dared to reach her hand between Thad's smooth young legs and
fondle the boy's balls as she sucked and tongued his stiff prick. Lei
knew that Thad's balls were full of cum. She knew that a few minutes of
her expert sucking would make his balls hot beyond belief. She moved the
boy's cum-filled nuts around in their sac, dividing them with her
fingers, weighing them. She longed to feel them writhing as they pumped
out their load of hot cum. She wondered how long she could keep her son
in such an excited state without waking him.

The hot-assed mother slipped her free hand between her legs and began
stroking the quivering flesh of her naked cunt. She was already wet with
passion. Her fingers ran over the flesh of her cuntlips, making her
pussy juice flow freely. Her fingers slipped easily into her
well-lubricated cunt. She began jabbing her finger in and out of her
trembling cunthole. Her cunt clutched at her fingers clutched as if to
suck them deeper into her pussy. She wished that her fingers could be
replaced by the hard young cock of her sleeping young son. She wanted to
crouch on his prick and take it right up her cunt, but she didn't dare,
at least not yet.

Angela took her hand away from her son's cum-laden balls and let his
cock slip out of her sucking mouth. Her lips made a wet slurping sound
when the head of the boy's rock-hard cock pulled out of her
sucking-mouth. His prick was oozing crystal clear preseminal fluid,
slippery fluid which she smeared over the head of his cock with her
thumb. She wrapped her fingers around his rigid cock and began slowly
Jerking him off, squeezing his shaft and making droplets of slippery
pre-cum ooze from the head of his cock.

Angela thought she would faint when she saw the boy stirring in his b

Storie simili

Il weekend di una figlia Pt. 2

Erano passate un altro paio d'ore e Savannah aveva finito per addormentarsi. Ho accostato il vialetto di ghiaia e mi sono fermato davanti alla nostra capanna di famiglia. “Savannah,” le scossi la spalla, “siamo qui”. Gli occhi di Savannah si aprirono intontiti e sbatté le palpebre diverse volte mentre si riprendeva e si orientava. Mentre Savannah si stava svegliando dal suo pisolino, sono scesa dalla macchina e sono andata al portellone del camion per prendere i nostri bagagli. Non riuscivo a smettere di pensare a prima, a come mia figlia avesse preso il controllo e mi avesse effettivamente succhiato. Era sbagliato...

1.6K I più visti

Likes 1

Diventare Zoe

La mia futura moglie Annie aveva accettato un lavoro fuori città e la vedevo solo ogni due settimane circa. Mi mancava così tanto. Lei ed io eravamo diventati amanti a distanza. Aveva un volo di ritorno a casa venerdì sera. Stavo andando a prendere suo figlio Zakk dal suo dormitorio e noi due saremmo andati a prenderla all'aeroporto e ci saremmo goduti il ​​fine settimana insieme. Zakk è al suo primo anno di college e sta studiando per diventare un truccatore per il teatro e lo schermo. Lui e io non ci siamo davvero conosciuti e questo doveva essere il fine...

1.1K I più visti

Likes 0

La banda pt1_(0)

La Banda. pt 1 Questa è la mia prima storia in assoluto, quindi per favore sii gentile nei tuoi commenti. Sono ben accette critiche costruttive. Sono Sarah, ho 26 anni e lavoro in una banca come consulente per piccole imprese. Ho lunghi capelli castani, sono 5'7 taglia 10 con seni piccoli ma impertinenti 32B. Vado in palestra almeno 3 volte a settimana quindi sono in buona forma e sono single da un paio d'anni, anche se mi sono divertito. Comunque ti racconto la mia esperienza con una gang di East Leeds. Era un venerdì e la mia migliore amica Vicky era...

923 I più visti

Likes 0

All'improvviso, tabù

All'improvviso, tabù Se sei un ragazzo abbastanza bello con una personalità gradevole, bravo a chiacchierare con le donne e a muoverti molto, trovandoti nei posti giusti al momento giusto avrai i tuoi momenti di sesso quando meno te lo aspetti; questo è previsto. Ma quando all'improvviso, all'improvviso, senza alcuna indicazione, senza alcuna preparazione, senza alcuna preparazione da parte tua, ti viene servita una figa di prima qualità, e quella figa appartiene alla tua bellissima madre; allora sei un figlio di puttana fortunato. Sono un figlio di puttana fortunato! Una parente di mia madre ci ha inviato un invito al suo matrimonio...

768 I più visti

Likes 0

Allenamento 07

Mi è davvero piaciuto essere usato da Jim. La mia figa del culo sembrava vuota senza il suo grosso cazzo nero dentro. Il sesso con mia moglie era ancora soddisfacente, su questo non c'erano dubbi, ma stare con Jim era diverso. Ammetto di aver avuto una distrazione abbastanza significativa nella mia vita pensando a lui. Ero assolutamente brava al 100% a farmi usare da lui per il suo piacere, essendo la sua cagna o fica, se vuoi. Il piacere che ho provato nell'essere usato come un giocattolo da scopare da Jim era difficile da descrivere, anche a me stesso. Il mio...

345 I più visti

Likes 0

Risvegli 5_(1)

Risvegli 5 -------------------------------------------------- ------------- Tahir e il Capitano stavano analizzando i rapporti che stavano arrivando. Apparentemente, le precedenti azioni di Tahir avevano interrotto per un po' i piani del gruppo del dottore. Ci stavano lavorando da un paio d'ore, quando Tahir notò il rapporto di un cadavere. Gli ci volle un momento per leggerlo, voltandosi verso il Capitano, attirò la sua attenzione. Questo rapporto descrive in dettaglio un corpo che è stato trovato, ciò che sembra strano è che il corpo non aveva alcun cervello. Era quasi come se la cavità cranica fosse stata pulita con l'aspirapolvere. disse Tahir, porgendo il...

1.3K I più visti

Likes 0

Sesso sul treno

Tom è stato a Edimburgo per un incontro di lavoro. Era stata prevista una bella giornata estiva, quindi è vestito con pantaloni chino beige, scarpe brogue marroni, una camicia aperta bianca e un blazer blu. Con la sua pelle abbronzata, sembra piuttosto elegante in città. Il suo incontro è scaduto e così ora è sull'ultimo treno per tornare a Leeds, nello Yorkshire, che sta per lasciare la stazione alle 21:30. Non ci sono molti passeggeri che salgono sul treno quindi sceglie un gruppo di 4 posti con tavolino, si siede nel posto di corridoio con le spalle al senso di marcia...

940 I più visti

Likes 0

DONNE ANZIANE_(1)

Storia di Fbailey numero 219 Donne anziane Quando ho compiuto sedici anni mia madre era impegnata con me. Papà non c'era mai e quando c'era, non c'era ancora. Era il tuo venditore ambulante preverbale. Era un donnaiolo, un ubriacone e una misera scusa per un essere umano. Ha fornito un tetto sopra le nostre teste, ma questo è tutto. La mamma lavorava per pagare il cibo che mangiavamo e i vestiti che avevamo addosso. Ho avviato la mia attività di giardinaggio quella primavera. Ho distribuito volantini in un bel quartiere appena fuori città e ho trovato subito un paio di lavori...

1K I più visti

Likes 1

Barndanza

Un bel giorno... momenti nella nostra stalla: “The Barndance di Phyllis e Roger C'era qualcosa della mia giovinezza che ricorderò per sempre. Avevamo una stalla che prima dell'inverno caricavamo di erba medica per gli animali. Il giorno in cui arrivava il carico era sempre divertente con tutti quei ragazzi mascolini dall'aspetto forte che scaricavano le balle di erba medica e le accatastavano all'interno del nostro fienile. Ammirerei i loro corpi muscolosi che si sollevano e sudano nello scaricare e poi ammucchiare le balle. E mi guardarono piccola e graziosa nella mia veste da casa tutta innocente, la brezza che soffiava sul...

908 I più visti

Likes 0

LA FAMIGLIA DI KRISTI 4_(1)

CAPITOLO QUARTO Quando arrivarono nella sua camera da letto, Roger entrò per primo. Notò per la prima volta che Bob era seduto nella sua poltrona reclinabile, apparentemente a riposo. Guardando il letto, vide che Erin era inginocchiata sul letto e si aggrappava alle sbarre della testiera. Guardando più da vicino, si rese conto che non aveva scelta. I suoi polsi erano legati alla testiera, costringendola a inginocchiarsi, le sue tette penzolanti dal suo petto che gravitavano sul lenzuolo sotto di lei. Tieni quelle gambe aperte puttana! Mi piace guardare il tuo bel culetto. Saremo pronti per il secondo round tra un...

941 I più visti

Likes 1

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.