Sex Club 1 - Iniziazione

380Report
Sex Club 1 - Iniziazione

Sex Club livello 1 - Iniziazione

Era piena estate e l'unica via di fuga dal caldo della Florida era la piscina comunitaria, che era perfetta perché adoravo nuotare. E mostrare il mio corpo.
La piscina non era ancora aperta, ma mi piaceva arrivare presto per essere la prima ad entrare e avere i primi dieci minuti della giornata tutta per me prima che si riempisse fino a circa 200 persone. Mi sono appoggiato allo sportello dell'accettazione, aspettando che l'orologio segnasse le 10. Ero lì molto prima del solito oggi e mancavano ancora 15 minuti quando Elliot è uscito dalla stanza sul retro e, vedendomi, si è avvicinato allo sportello. .
"Ogni giorno arrivi qui sempre prima", ha riso.
"Sì."
Elliot era il ragazzo incaricato dell'ammissione e ogni giorno mi faceva entrare alle 10. Parlavamo tutto il tempo, solo un semplice avanti e indietro prima che potessi entrare. Dall'inizio dell'estate gli avevo raccontato molte cose di cose che nessuno sapeva. Fu durante un'altra lunga attesa che gli avevo confidato che non ero vergine e addirittura che ero gay. Inutile dire che eravamo molto vicini.
Elliot rise di nuovo, e poi dopo essersi guardato intorno disse, "A dire il vero, sono l'unico che lavora in questo momento, e Lori farà tardi quindi penso che andrebbe bene se entrassi un po' presto."
"Eccezionale!" Quella fu la prima volta che accadde; 15 minuti in più sarebbero fantastici. Potrei cambiarmi e non dovermi preoccupare di quanto tempo mi occorrerebbe per nuotare. Elliot mi ha aperto il cancello e mi sono diretto direttamente allo spogliatoio. Quando entrai sentii l'eco dei miei passi di corsa. Gettai la borsa a terra e tirai fuori i bauli. Mi sono tolto le scarpe da ginnastica e la maglietta e mentre stavo per togliermi i pantaloncini da basket ho sentito la porta della capanna aprirsi e chiudersi.
"Felice?" Era Elliot. È arrivato dietro l'angolo e il suo viso si è illuminato quando mi ha visto.
"Ciao, come va?" chiesi lasciando cadere i pantaloncini e lasciandomi in boxer. Non mi importava che mi vedesse quasi nuda. Come ho detto prima, sono uno spettacolo totale e lui aveva solo tre anni più di me. Non ne fu minimamente turbato e continuò la sua strada.
"In realtà oggi è il momento perfetto per chiederti una cosa."
"Che cos'è?" chiesi sedendomi sulla panchina, aspettando di spogliarmi completamente finché non se ne andò.
"Sei gay", ha affermato in tono interrogativo.
"Lo sai, eh." risposi alzando gli occhi al cielo scherzosamente.
"Allora... vorresti entrare in un club?" Sbottò.
Confuso, ho semplicemente chiesto: "Che tipo di club? Un club gay?" Fece qualche passo più vicino, trovandosi a pochi passi da me adesso.
"Un gay... sex club."
Questo mi ha sconvolto. Di tutte le cose che mi aspettavo dalla sua bocca, quella non era sulla lista.
"Io... non lo so davvero." dissi, ancora stordito e confuso.
"Tutto quello che voglio sapere è che ti fidi di me." Ora potresti pensare che ci avrei pensato di più. Ho incontrato quel ragazzo solo qualche mese fa. Ma io allora pensavo davvero che fosse il mio genere.
"Certo che lo so, ma..."
"Bene. Ti divertirai tantissimo, te lo prometto." disse, e ora mi stava sorridendo. Poi schioccò le dita. Da dietro ho sentito dei passi, e poi tutto è diventato nero.

Mi sono svegliato nudo su un letto nel mezzo di una stanza piuttosto grande. La riconobbi come la palestra del centro piscine. Veniva utilizzato solo quando il tempo non era adatto per nuotare, il che non accadeva affatto spesso. Di solito veniva tenuto chiuso a chiave. Ma ora dentro era tutto illuminato e io ero su un letto in mezzo. Non ero legato o altro, quindi mi sono seduto e ho dato un'occhiata intorno. Ciò che ho visto mi ha spinto a cercare di coprirmi. Circa 10-15 persone, con un'età compresa tra le 10 e le 18, erano sedute sugli spalti e mi guardavano. Erano tutti vestiti con tute rosse da nuotatore, quelle che i subacquei usavano tenere coperti finché non dovevano nuotare, ma a parte questo sembravano tutti diversi. Uno si alzò dalla prima fila e si avvicinò a me. Ho capito che era Elliot.
"Ehi, Sport," fu la frase con cui aprì. Solo lui poteva aprire questo scenario con tanta disinvoltura. "Questa è la club house. Questo è il Sex Club. Beh, circa la metà." Fece segno alle persone silenziose in tunica sugli spalti. "Quello che facciamo qui è puramente per divertimento, e per il godimento reciproco e del nostro corpo. Pensi che ti piacerebbe farne parte, Felix?" Mi chiese mettendomi una mano sulla spalla. "Non devi assolutamente farlo. Sei incredibilmente carino e mi piacerebbe se ti unissi a noi."
Ancora una volta, penseresti che questo mi scoraggerebbe. Ma no. Non me.
"Mi fido di te, Elliot. Voglio unirmi." Un sorriso spuntò sul suo viso, e un sorriso spuntò sul mio.
"Bene. Questa sarà la tua iniziazione." Scattò di nuovo, e sei delle figure sugli spalti si alzarono, inciampando e ridacchiando verso il campo. Non potevano avere più di 11 anni. "Questi sono i sei più giovani del club, tutti di circa 11 anni. Questo è il più giovane a cui permettiamo di entrare." I ragazzi erano tutti in fila di fronte a me mentre Elliot parlava, spostando le loro vesti in silenzio. "Per entrare a far parte del club, devi prenderli tutti in una volta finché non sono esauriti. E", ha aggiunto, "non puoi venire finché non sono finiti. Finché non ci riesci, il resto del club è vietato." E con un ultimo sorriso si voltò e si diresse verso la tribuna. Ho rivolto nuovamente la mia attenzione ai ragazzi.
Fino ad allora avevo fatto sesso solo poche volte e solo con un fidanzato temporaneo. Mai sei contemporaneamente, e non aveva 11 anni! Ma mi sono detto che sarebbe stato divertente. Mi piaceva masturbarmi. La maggior parte dei giorni era almeno due volte. Ma non questo fine settimana. Un sovraccarico di faccende domestiche e di compiti estivi arretrati aveva fatto sì che fossi troppo stanco per renderlo duro. Questo mi metterebbe alla prova e adoro le belle sfide.
Da qualche parte sugli spalti, Elliot schioccò le dita.
All'improvviso i ragazzi lasciarono cadere le loro vesti dietro di sé. Accidenti, erano già tutti nudi!? Uno era biondo, 4 avevano i capelli castani e uno aveva i capelli rosso dorato. Tutto questo dovevo raccontarlo dalle loro teste perché, a parte il ragazzo biondo, erano tutti calvi dal collo in giù. Il biondo aveva un minuscolo cespuglio marrone chiaro di circa 5 pollici rispettabili. Era il più grosso di tutti, quindi immagino che avesse più di 12 che 11 anni. Tutti quei piccoli eretori stavano sull'attenti, puntando quasi dritto verso le travi. Poi mi sono reso conto che non saremmo stati tutti adatti al letto e ho notato che eravamo in piedi su un enorme tappeto da wrestling blu, il letto king-size al centro dell'anello rosso. Senza ulteriori indugi, saltai sul letto a quattro zampe, agitando il sedere in aria.
"Chi lo vuole?" ho scherzato. Si sono precipitati tutti verso di me e da lì è stato un turbinio di culi, bocche e cazzi pelati. Ne ho avuto uno nel culo fin dall'inizio, sputando apparentemente il lubrificante preferito. Entrò senza esitazione e sapevo che era uno dei ragazzi più piccoli. Ho dato una rapida occhiata indietro e ho visto il ragazzo dalla testa di rame che scopava. Ha martellato dall'inizio, ma sono stato riportato in avanti quando altri 4 pollici mi hanno colpito le labbra. L'ho risucchiato e gli ho fatto girare la lingua. Tremò e rise, così mi fermai e cominciai a dondolarmi addosso mentre si sedeva in ginocchio davanti a me. Quello che mi ha scopato si stava divertendo tantissimo laggiù, a quanto pare. Grugniva come un matto e prima che fossero trascorsi 2 minuti dall'inizio si è allontanato e si è tirato fuori. Mentre quello nella mia bocca sussultava e lasciava andare il suo piccolo carico (qualche rivolo di sostanza appiccicosa insapore). Ho pensato tra me e me che sarebbe stato un gioco da ragazzi. Qualcuno ha sostituito il primo ragazzo nel mio culo, ma questa volta la sensazione è stata diversa. Questo deve essere stato il ragazzo biondo.
Quando questo toccò il fondo, sentii i peli fini solleticarmi il buco. Sì, era lui. Un altro ragazzo prese il palo nella mia bocca, poi un altro si inginocchiò accanto a lui e cominciarono a baciarsi. Voglio dire, baciarsi VERAMENTE. Mi ha eccitato. Non potevo negarlo. Questi due undicenni mi stavano facendo eccitare e infastidire. Ma non mi arrendevo. Ho preso in bocca anche il cazzo del nuovo ragazzo, sorprendendo tutti e tre. Si sfregarono l'uno contro l'altro nella mia bocca, scivolando avanti e indietro mentre continuavano a baciarsi. Li guardai e vidi che ansimavano, con gli occhi chiusi e la bocca serrata. Non sarebbero durati affatto a lungo. Avevo questo nella borsa.
Con questo pensiero un altro diavoletto si insinuò sotto di me sulla schiena e mi prese in bocca. Ho quasi allacciato e impalato il povero ragazzo, scioccato dal primo piacere dopo giorni. Anche lui sapeva quello che faceva, il piccolo succhiacazzi. La sua bocca era un vuoto e lo adoravo. Troppo. FOCUS, ho pensato tra me. Non permetterei che mi tengano fuori dal club, nemmeno da un gruppo di ragazzini. Quindi ho messo insieme le cose e ho fatto schifo come se non ci fosse un domani per i due che ora ci stavamo praticamente addentando l'uno con l'altro. Un ultimo succhiotto e vortice e l'hanno rovinato, letteralmente. Tutti insieme 6 bei schizzi di succo dolce mi hanno inzuppato la lingua. Nel frattempo Blondie mi stava addosso da almeno 5 minuti. Il suo viso si contorse per il piacere, ma adesso stava martellando, l'ultimo sforzo di un ragazzo che perdeva il controllo. Ho guardato di nuovo il ragazzo sotto di me, e lui si stava facendo una sega, praticamente vincendo per me! Poi ho capito che quello era il ragazzo dai capelli rossi. Stava andando per secondi! Ho sottovalutato la sfida? Avevo completamente dimenticato quante volte i ragazzi di 11 anni potevano provarci.
Quando il ragazzo biondo ha grugnito, ha spinto dentro un'ultima volta e ho sentito il primo vero COLPO di sperma della giornata. 4 colpi di ragazzo caldo che mi sono venuti dentro e un altro ragazzo doveva ancora essere sballato. Blondie è uscito con un piccolo rumore pop e ha preso il posto della mano furiosa dei Rossi. Entrambi i ragazzi gemettero attorno ai cazzi che avevano in bocca, mentre Red raggiungeva il suo secondo orgasmo della giornata. Stavo ancora resistendo con forza quando ha lasciato cadere il mio cazzo dalle sue labbra e si è alzato. Ho visto l'ultimo ragazzo saltare sul letto e spingermi nel culo, seppellendosi fino in fondo con facilità. Blondie mi aveva allungato bene e speravo che ci fosse abbastanza trazione per far scendere il ragazzo velocemente. Mi chiedevo dove fossero i ragazzi che avevano sperma, e ho ottenuto la mia risposta mentre 4 saltavano davanti a me, con i cazzi che dimenavano.
Mettendomi l'idea, li ho portati uno alla volta fino alle palle. Avevo altri due carichi di sperma in bocca quando Blondie si è presentata di nuovo, questa volta sul mio cazzo, succhiando più forte, più velocemente e molto, molto meglio dell'ultimo ragazzo. Preso dal panico, presi gli ultimi due contemporaneamente. Succhia, gira, gira, succhia, succhia SUCCHI, GIRA, SUC--- INGOIA! e quando i due nella mia bocca si liberarono, il ragazzo nel mio culo accelerò il ritmo. Giusto in tempo, perché il biondo ha soffocato il mio cazzo da 6 pollici in gola, facendomi andare in una spirale di piacere. Spingi, succhia, spingi, spingi, succhia, succhia, SUCCHIA, TH------RUGGINE!! e l'ultimo ragazzo esplose, giusto in tempo. Nemmeno 5 secondi dopo ho ceduto alla pressione crescente nelle mie palle da adolescente, uscendo dalla bocca del ragazzo giusto... in... tempo! "uggghhhhh!!!" Ho ringhiato, rilasciando il mio bollente sperma adolescenziale su tutta la faccia di Blondie per tre giorni.
Rotolai su un fianco, ansante. È stato l'orgasmo più intenso che avessi mai avuto. Avevo avuto la sensazione che dei veri e propri proiettili caldi salissero lungo la mia asta. Ero sudato. Lo eravamo tutti. Lo amavo. Era così crudo. E lo ero anch'io, a quanto pareva. Sussultai mentre mi sedevo e presi coscienza del resto del club. Guardando sbalordito, cazzi in mano. Anche se i dettagli mi sfuggivano da lontano, sapevo cosa stavano facendo. Poi scoppiarono applausi, mentre tutti si alzavano, le vesti si richiudevano. Uno si fece avanti dalla prima fila.
"Molto carino Sport-O. Benvenuto al Sex Club."

Storie simili

Memorie

Estratto dalle memorie di Stan R. Shealton, autore pubblicato: ...poche ore dopo, scappando lentamente dal sogno, mi sono sentito come se stessi lasciando un posto in cui ero stato per anni, come se appartenessi a quel posto. Mi sono svegliato con le immagini ancora nella mia visione e la sensazione più sensuale delle onde di succosa umidità che scorre sul mio corpo. Continuai a gemere in modo incontrollabile, i miei piedi affondavano nel materasso permettendo ai miei fianchi di fluire in avanti, ancora e ancora. Rendendomi conto in quel momento che stavo stringendo qualcosa, abbassai lo sguardo per vedere gli occhi...

627 I più visti

Likes 0

Non c'era altro modo Pt. II

Perché, pensavo volessi scoparti mia moglie? L'uomo con la pistola ha risposto: Lo faremo, e tu puoi succhiarmi il cazzo mentre quei due fanno a modo loro, altrimenti Tom! Faresti meglio a fare come dico ventosa! Ho guardato mio marito incredulo per quello che stavo sentendo, un uomo che gli diceva di succhiargli il cazzo ma poi c'era di nuovo coinvolta una pistola. Le mani che mi stavano afferrando il culo e spingendo il loro cazzo dentro di me fino in fondo e poi macinando hanno iniziato a tirarsi fuori. Stava guardando l'uomo armato e l'ho sentito dire: Ecco, lascia che...

596 I più visti

Likes 0

Visitare un amico speciale

Ho bussato al cancello di metallo. Era un bungalow piuttosto grande circondato da muri di mattoni con glassa di filo spinato. Il mio cuore batteva. Tutto quello che sentivo era la paura di essere rifiutato o qualcosa del genere. Fortunatamente, suo fratello maggiore, Suleman, ha aperto la porta. Era un ragazzo con un carattere freddo e una corporatura piuttosto muscolosa, quindi ha mantenuto la sua posizione. Mi guardò con giudizio per un momento, sorrise e mi diede una stretta di mano. Ei, cosa ci fai qui? Sono qui per far visita a tua sorella... mi smorzai, sapendo quanto fosse insolito per...

1.2K I più visti

Likes 0

Lamenti di un PSO

Lamenti di un PSO Voglio dire, lo faccio per vivere, sai? Non fraintendermi, può essere divertente, infatti, è soprattutto divertente. Ma ci sono alcuni giorni, e alcuni chiamanti, che ti fanno impazzire. Capisco i feticci, diavolo questo è il mio lavoro, e sono dannatamente bravo a farlo, se lo dico io stesso. Ma per l'amor di Dio, ci sono solo alcune cose che non posso fare. Il che mi porta a questo dilemma. Ho questo chiamante, sembra abbastanza gentile, è un cliente abituale e chiama da un po'. Ma ha questa ossessione con cui non posso proprio aiutarlo. So cosa stai...

872 I più visti

Likes 0

Femmina sensuale

Nome: Susan Dini Età: 36 Razza: caucasica Misure: busto 34, vita 25, fianchi 35 Altezza: 5'-4 Peso: 120 libbre. Sono sessualmente attivo da 19 anni avendo avuto le mie prime esperienze sessuali all'età di 15 anni. Sono felice di dire che ho un livello molto alto di desiderio sessuale. Ci sono alcuni che potrebbero considerarmi una ninfomane, tuttavia considero il mio desiderio sessuale molto sano. Ci sono momenti, anche se per fortuna non molto spesso, in cui sono letargico riguardo al sesso. Non riesco nemmeno a immaginare quanti partner sessuali ho avuto nel corso degli anni. Non riesco nemmeno a immaginare...

954 I più visti

Likes 0

RIPENSANDO pt2

Per chi è nuovo a questa storia, lascia che ti raggiunga. Avevo perso mia moglie, Tina più di un anno fa, a causa di un asino che guidava ubriaco, avevo comprato una nuova bici e mi ero messo in viaggio, il mio modo di farcela credo, mi sono imbattuto in Jenny lungo l'autostrada con il suo ragazzo violento e lei ha guidato via con me e abbiamo iniziato una meravigliosa vita di avventure. Mentre giravamo l'angolo verso la casa del suo ex fidanzato, potevo sentirla irrigidirsi e tenermi molto più stretta, cosa che non mi importava perché i suoi capezzoli duri...

771 I più visti

Likes 0

Il risveglio gay di James

James era un ragazzo normale, beh giovane adulto. Aveva 18 anni e frequentava l'ultimo anno di scuola. James era alto 6 piedi e una corporatura media, a scuola non era né popolare né impopolare, solo uno dei ragazzi che sembravano mimetizzarsi. Non ha mai avuto una ragazza a scuola, in parte a causa della sua mancanza di fiducia in se stesso, e in parte a causa della sua mancanza di fiducia nel suo cazzo da 5 pollici. Aveva una sorella, Claire, che era due anni sotto di lui a scuola, 16 anni. Era molto più popolare di lui, ma nonostante questo...

774 I più visti

Likes 0

Stanze dell'orrore e delle delizie stanza 2

Jennifer stava camminando con i suoi amici nel centro commerciale e stava facendo battute per il divertimento dei suoi amici. Giovani adolescenti le passavano accanto e le facevano cenni del capo, o strizzatine d'occhio, flirtando con lei. Le piaceva l'attenzione. Un ragazzo le fece cenno di avvicinarsi. Era perfetto: capelli biondi e occhi azzurri, alto un metro e ottanta e muscoloso. La raggiunse per parlare, quando improvvisamente si trasformò nella creatura che lei temeva di più: l'enorme uomo deforme con il cazzo enorme. Si lanciò verso di lei... Jennifer sussultò e si svegliò con un grido terrorizzato. Ancora ansimante, improvvisamente ricordò...

907 I più visti

Likes 0

Fantasy-mores un mistero

*nota: questa storia include personaggi e comportamenti immaginari, non messi in realtà allo scopo di praticare o non partecipare a feste, qualunque cosa significhi. puoi ridere, piangere o persino scagliarti, ma nessuna colpa può essere attribuita all'autore per i tuoi sentimenti Ehi, ti piace davvero giocare con quella piccola cosa sexy lì, vero? Sei un dolce piccolo idiota, vero? Dai, te lo succhio subito qui e ora. I 18 anni. la vecchia ragazza nera si è tolta il reggiseno, e poi le mutandine, poi è scesa davanti al quattordicenne. vecchio ragazzo bianco, e lo ha davvero succhiato, succhiando via lì sulla...

756 I più visti

Likes 0

LA FAMIGLIA DI KRISTI 4_(1)

CAPITOLO QUARTO Quando arrivarono nella sua camera da letto, Roger entrò per primo. Notò per la prima volta che Bob era seduto nella sua poltrona reclinabile, apparentemente a riposo. Guardando il letto, vide che Erin era inginocchiata sul letto e si aggrappava alle sbarre della testiera. Guardando più da vicino, si rese conto che non aveva scelta. I suoi polsi erano legati alla testiera, costringendola a inginocchiarsi, le sue tette penzolanti dal suo petto che gravitavano sul lenzuolo sotto di lei. Tieni quelle gambe aperte puttana! Mi piace guardare il tuo bel culetto. Saremo pronti per il secondo round tra un...

789 I più visti

Likes 1

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.