Le vacanze di primavera non sono mai state così divertenti (parte III)

598Report
Le vacanze di primavera non sono mai state così divertenti (parte III)

Non potevo credere a quello che vedevo e sentivo, mi stavo aggrappando a Rachel, lei era piegata davanti a me con le mani sulla parete della doccia, muovendo i fianchi avanti e indietro per adattarsi alle mie spinte. L'acqua della doccia in alto faceva scivolare tutto molto più velocemente, colpendoci entrambi con acqua calda. Non potevo fare a meno di sorridere perché sentivo una strana correlazione tra il mio sogno e il presente.
"Vieni quando vuoi, uunuunngh, ho già la mia giusta dose sul letto." Rachel sembrava un po' esausta dal modo in cui mi guardò e lo disse.
“Nessun problema, sono………al confine….” e con ciò accelerai il passo, cominciando a gettare il mio terzo carico della giornata nella stretta fornace di Rachel.
Con una mano mi aggrappavo alla maniglia della porta della doccia per mantenermi in posizione eretta, mentre con l'altra stringevo il sedere di Rachel.
"OH cavolo, fa caldo!!" Rachel mi strinse forte e le pareti della sua figa cercarono di prosciugarmi. C'è voluto un po' di impegno, ma ho tirato fuori il cazzo dalla morsa e Rachel, sapendo che non avevo finito, si è girata ed è caduta in ginocchio tirando fuori la lingua davanti alla mia erezione pulsante. Ho lasciato libero ciò che avevo lasciato sulla sua lingua e sul suo mento. Afferrò la mia verga e mi strappò via le ultime gocce dalle palle, leccandomi la testa.
"Scommetto che mi sembra un pizzetto, vero?" Ho guardato di nuovo il viso di Rachel e ho riso forte.
“Lo prenderò come un sì, ahahah”, ridacchiò e si mosse verso il soffione della doccia.
Potevo sentire il mio battito cardiaco rallentare e mi sentivo leggermente stordito grazie all'acqua calda. Mi appoggiai al muro fresco e mi sedetti nella vasca/doccia. Rachel fece il contrario e usò l'acqua corrente per sciacquarsi via il succo dell'amore dal viso. Dopo essersi lavata un po', cambiò la funzione della doccia in quella del rubinetto principale e mise il tappo della vasca. Mentre l'acqua della vasca scorreva, mi passò davanti e si sedette dietro di me, premendo il suo corpo nudo contro il mio e massaggiandomi lentamente le spalle e il fondoschiena. Indietro.
"Oh cavolo, è fantastico, grazie Rachel, ne avevo bisogno." Potevo sentirmi sciogliermi sotto le sue abili dita.
"Sì, beh, mi assicurerò che non ti sfaldi se voglio averti tutto per me domani sera."
«Devo ancora disfare le valigie e magari andare al saggio della band del mio fratellino domani pomeriggio. Che cosa hai in programma?"
La mia mente è andata immediatamente allo scenario di una festa del sesso tutta la notte, utilizzando un libro del karma sutra che avrebbe potuto trovare da qualche parte.
“E nooooo, non è sesso tutta la notte; con me che ti preparo la colazione il giorno dopo.
"Ehi, posso sognare, vero?" Ha pizzicato i punti di pressione sulle mie spalle e mi sono quasi piegato in due.
“Sì, puoi, ma non salire troppo sul cavallo. Voglio prepararti la cena nel nostro appartamento, ho trovato questo vecchio libro di ricette italiane e—
"Aspetta un attimo, il tuo appartamento?" Mi ero appena ricordato che Rachel e Madison condividevano un appartamento sulla costa, non troppo lontano da dove eravamo adesso.
“Va bene tra te e Madi? Voglio dire, per me va bene, ma lei potrebbe non vederla in questo modo.
"Non preoccuparti."
Si sporse in avanti e mi mordicchiò l'orecchio e mi avvolse le mani intorno alla vita, se si fosse avvicinata ancora di più si sarebbe imbattuta in un lungo john dong che si stava svegliando al piano di sotto.
Lei sbirciò oltre la mia spalla e ridacchiò: "Devi imparare a controllare la tua bestia".
Ho allungato le braccia intorno alla sua schiena e le ho palpato il sedere: "Sì, certo, qualunque cosa. Ho già il controllo", ho riso di rimando.
Dopo qualche minuto di immersione nell'acqua calda abbiamo deciso entrambi che era ora di uscire e andare a prendere un po' di sole. Abbiamo svuotato la vasca e asciugata, poi ho notato che il cavallo dei miei pantaloncini e il sedere di Rachel erano ancora inzuppati del suo miele. Ho suggerito la doccia e mentre pulivo i nostri costumi da bagno sotto la doccia, Rachel ha usato il phon di Brie sui suoi capelli.
Si era rimessa la maglietta, ma il suo culo rotondo era puntato nella mia direzione, nudo perché il mondo potesse vederlo, e luccicante d'acqua mentre scivolavo sui miei calzoncini. Non potevo fare a meno di fissarlo.
"Sai, c'è un detto su come essere educati e non fissare troppo." Mi ha beccato, ma in un certo senso me lo aspettavo.
“Ahahah, gentile? Abbiamo appena fatto sesso nella doccia della sorella della tua migliore amica, e sono abbastanza sicura che nessuna di noi due l'ha chiesto, quindi la cortesia può mancare, grazie," risposi con uno sguardo compiaciuto.
"Sei una rivolta, e lo dico solo perché potrei dover farti pagare per ogni volta che i tuoi occhi si fissano sul mio sedere."
"Certo, ma poi devi pagare il pedaggio se vuoi salire sul palo", ho fatto la salsa con i fianchi... meglio che potevo.
"Ohhhhh mio Dio, non farlo mai più, ahahahahah."
Dovevo ammetterlo, sembravo un idiota che cercava di scuotere i fianchi in modo seducente.
"Comunque, sei solo geloso, ci vediamo di sotto, ok?"
"Va bene, devo finire di sistemarmi, ci vediamo tra poco."
Lasciai il bagno e mi diressi verso la porta e notai che Brie non c'era più e la porta era aperta. La mia ipotesi è che sia andata a unirsi alla festa.
Ho trovato Brie qualche minuto dopo fuori a sorseggiare un bicchiere d'acqua, stava scalciando le gambe in piscina e sembrava aspettare qualcosa e, confermando i miei pensieri, mi ha fatto cenno di avvicinarmi.
"Che cosa succede?" Potevo solo immaginare di cosa volesse parlare. Quindi mi sono seduto accanto a lei e abbiamo rivisto quello che Rachel ha detto nella sua stanza.
"Pensi davvero che Madison sia bisessuale?" È andata dritta al sodo.
"Sono sorpreso, e Rachel è la sua migliore amica, dubito che ci mentirebbe apertamente."
“Quindi, se è vero, allora con chi vede adesso? È una cosa piuttosto importante, e io e Madi parliamo di tutto, e questo sarebbe stato un enorme discorso da sorelle.
“Sei preoccupato per qualcosa? Voglio dire, non puoi aspettarti che ti dica tutto, anche se sei sua sorella.
"Beh, quella rottura improvvisa mi ha preoccupato, sono solo paranoico, immagino."
"Immagino che lo sarei anch'io, ma se fosse davvero stressata allora avrebbe qualcuno con cui parlare." Ho dato una gomitata a Brie, lei ha sorriso e ha appoggiato la testa sulla mia spalla.
"È bello rivederti dopo così tanto tempo, penso che tu sia diventato un po' più grande dall'ultima volta che ti ho visto."
In un angolo della mia mente ho sentito una battuta del tipo "questo è quello che ha detto", ma ho pensato che sarebbe stato meglio non rovinare il momento, quindi ho semplicemente sorriso.
"Cavolo, riesci sempre a tenerlo lontano da me, non è vero, Brie?"
Sono quasi saltato fuori dalla mia pelle e sono caduto in piscina quando ho sentito la voce di Madison. Mi sono voltato lentamente per vederla con un costume da bagno identico a quello di Rachel, ma c'erano diverse tonalità di viola che si abbinavano bene alla sua pelle chiara.
"Il numero due è arrivato e sembra piuttosto bello, potrei aggiungere." Ho visto quasi immediatamente un lampo rosso circolare sul suo viso mentre lo dicevo e me lo ha fatto sapere con un grande sorriso e un abbraccio ancora più grande da dietro.
"Grazie, sono felice che tu sia riuscito a venire alla festa, Rachel ha detto che c'era una sorpresa che mi aspettava a casa, quindi abbiamo lasciato il film presto."
"Sono semplicemente felice di rivedervi tutti, è passato un po' di tempo dall'ultima volta che eravamo tutti nello stesso posto e uscivamo insieme." Ho guardato le due sorelle mentre Madison mi liberava dal suo abbraccio, si toglieva la gonna estiva e si sedeva dal lato opposto di me con i piedi nell'acqua. Non ho potuto fare a meno di guardare e rimanere stupito dai cuccioli di maglione che sporgevano dal top del bikini. Ho sorriso sia dentro che fuori.
"Finalmente insieme e di nuovo in piscina, questo mi ricorda le estati fa." Non avevo bisogno di voltarmi per vedere a chi apparteneva la voce e sentivo i capelli di Rachel colpirmi la schiena e le sue tette premere contro le mie scapole. Mi ha avvolto le braccia attorno al collo a cavalluccio.
Poi, come se avessero ricevuto un segnale, le sorelle mi presero le braccia rispettivamente a destra e a sinistra e intrecciarono le mie dita con le loro. Sentendo che stavo per diventare il bersaglio di una seria gelosia e il centro dell'attenzione, mi sono fatto strada tra le tre paia di braccia diverse e sono entrato nella piscina per rinfrescare la tenda che si stava alzando nei miei calzoncini. Non osai voltarmi per incontrare ciascuno dei loro sguardi desiderosi, ma con mia sorpresa ognuno di loro si era spogliato sopra e sotto i costumi da bagno e si era tuffato in piscina insieme a me. Determinato a non rimanere intrappolato tra tre dei miei migliori amici, due dei quali sapevo con abbondanza di prove erano arrapati, mi sono tuffato sott'acqua e ho nuotato tutto d'un fiato fino all'estremità più profonda della loro piscina e sono emerso per vederli parlare, ridacchiare e rilassarsi all'estremità opposta della piscina. Non appena Brie mi ha sorpreso a fissarla, ha immediatamente premuto l'interruttore di interruzione della conversazione che era avvenuta mentre ero sott'acqua.
Il mio amico al piano di sotto era impaziente di mangiare castoro, ma con un po' di concentrazione e un po' di acqua fredda è stato convinto a tornare in una posizione meno stressante sui miei pantaloni.
Il tempo rimanente alla festa è trascorso senza altri incidenti di rilievo tra me e le ragazze, tutte si sono mantenute a una distanza ragionevole. Ciò tuttavia non ha impedito loro di divertirsi quando potevano: Rachel mi ha schiaffeggiato il culo mentre ci stavamo asciugando dalla piscina, Brie si è seduta di fronte a me durante l'ora di cena e ha trascinato le dita dei piedi lungo l'interno della mia gamba sotto il tavolo, poi Madison ha ripetutamente premuto il suo seno contro il mio braccio mentre stavamo lavando i piatti. Stavo nuotando nei tanti pensieri che mi attraversavano la mente quando guardavo uno qualsiasi dei tre. Si supponeva che Madi fosse interessata a me e odiasse che Rachel mi avesse contattato per prima. Successivamente, ho pensato a Brie e Rachel, avevo già avuto esperienze passate con entrambe, al piano di sopra e anni fa, quindi non ero sicuro di cosa fare o dire a nessuno dei due.
Più tardi, quando la festa ha iniziato a vedere gli altri ospiti congedarsi, mi sono ritrovata con i genitori delle sorelle, le sorelle stesse e Rachel a parlare di scuola, lavoro e qualsiasi altra cosa a cui potessimo pensare (attenzione ai genitori, non tutto). Ho guardato l'orologio e ho capito che l'indomani non dovevo necessariamente essere alla recita, a parte il fatto che Rachel voleva che cenassi con lei l'indomani sera. Quindi, ho ringraziato i genitori di entrambi le sorelle per avermi ospitato, dando alla loro mamma un grande abbraccio e al padre una ferma stretta di mano prima di recuperare il mio zaino dall'armadio dell'ingresso.
Sono andato verso la porta e sono stato seguito da tutte e tre le ragazze, quindi mi sono voltato e ho dato a ciascuna di loro un lungo abbraccio a dondolo. Brie è rimasta dentro, ma Rachel e Madison mi hanno accompagnato al mio camion dato che anche loro si stavano preparando per tornare a casa e avevano parcheggiato accanto a me, ma quando ho aperto il camion e mi sono voltato per augurare la buonanotte, mi sono trovato faccia a faccia con Rachel. Respirando letteralmente l'aria dell'altro, mi avvolse lentamente ma strettamente le braccia attorno al collo e mi piantò un bacio sulle labbra davanti agli occhi di Madison che stava a pochi passi dietro Rachel e si bloccò alla nostra vista. Ho interrotto il bacio e ho fatto un passo indietro, mandandole il messaggio (non ora). Madi ha consegnato le chiavi a Rachel e le ha chiesto di guidare poiché sosteneva di essere stanca, ma mentre Rachel andava dall'altra parte dell'auto per aprire la portiera del conducente, la mano di Madi mi sfiorò il lato sinistro del viso e mi tirò più vicino, baciandomi proprio come aveva fatto Rachel ma con più sentimento e una lingua che faceva il cha-cha nella mia bocca.
Rimasi fermo con i miei pensieri confermati e la guardai chinarsi verso il mio orecchio e sussurrare: "Mi sei mancato e spero che potremo uscire faccia a faccia quando avrai un po' di tempo libero".
Non riuscivo a trovare le parole giuste, per non parlare delle parole, quindi ho semplicemente annuito e ho sorriso. Rachel ha avviato la macchina, completamente ignara di quello che era appena successo e ha abbassato il finestrino salutandomi ancora una volta.

Storie simili

Non c'era altro modo Pt. II

Perché, pensavo volessi scoparti mia moglie? L'uomo con la pistola ha risposto: Lo faremo, e tu puoi succhiarmi il cazzo mentre quei due fanno a modo loro, altrimenti Tom! Faresti meglio a fare come dico ventosa! Ho guardato mio marito incredulo per quello che stavo sentendo, un uomo che gli diceva di succhiargli il cazzo ma poi c'era di nuovo coinvolta una pistola. Le mani che mi stavano afferrando il culo e spingendo il loro cazzo dentro di me fino in fondo e poi macinando hanno iniziato a tirarsi fuori. Stava guardando l'uomo armato e l'ho sentito dire: Ecco, lascia che...

595 I più visti

Likes 0

Memorie

Estratto dalle memorie di Stan R. Shealton, autore pubblicato: ...poche ore dopo, scappando lentamente dal sogno, mi sono sentito come se stessi lasciando un posto in cui ero stato per anni, come se appartenessi a quel posto. Mi sono svegliato con le immagini ancora nella mia visione e la sensazione più sensuale delle onde di succosa umidità che scorre sul mio corpo. Continuai a gemere in modo incontrollabile, i miei piedi affondavano nel materasso permettendo ai miei fianchi di fluire in avanti, ancora e ancora. Rendendomi conto in quel momento che stavo stringendo qualcosa, abbassai lo sguardo per vedere gli occhi...

627 I più visti

Likes 0

Stanze dell'orrore e delle delizie stanza 2

Jennifer stava camminando con i suoi amici nel centro commerciale e stava facendo battute per il divertimento dei suoi amici. Giovani adolescenti le passavano accanto e le facevano cenni del capo, o strizzatine d'occhio, flirtando con lei. Le piaceva l'attenzione. Un ragazzo le fece cenno di avvicinarsi. Era perfetto: capelli biondi e occhi azzurri, alto un metro e ottanta e muscoloso. La raggiunse per parlare, quando improvvisamente si trasformò nella creatura che lei temeva di più: l'enorme uomo deforme con il cazzo enorme. Si lanciò verso di lei... Jennifer sussultò e si svegliò con un grido terrorizzato. Ancora ansimante, improvvisamente ricordò...

906 I più visti

Likes 0

Poteri espliciti

Questa è la mia prima storia in assoluto, l'ho riletta ma per favore non voglio che un gruppo di insegnanti di inglese abusi della mia grammatica. Le critiche costruttive vanno bene, ma nessuna roba del genere era merda, ecc. Avevo sempre saputo di essere speciale da bambino mentre crescevo. Non solo perché era quello che dicevano i miei genitori, ma perché sapevo di avere questi poteri. Ho scoperto che potevo plasmare il cambiamento alla giovane età di 13 anni, ma sapendo già cosa succede ai mostri con poteri del genere, l'ho tenuto per me. Ovviamente questo è anche il momento in...

680 I più visti

Likes 0

Un volo da ricordare

La mia esperienza ad alta quota Ho trascorso l'estate all'Università della California a Berkeley, studiando arabo, quando sono dovuto tornare a casa in Alabama. I miei numerosi voli in coincidenza hanno reso la tariffa più economica, ma ci è voluto molto più tempo per tornare a casa. Non sapevo che più tardi quel giorno avrei voluto avere più tempo su uno dei miei voli, non di meno. Salii su un aereo del Southwest in Arizona, diretto a Birmingham nel primo pomeriggio, e scelsi un posto vicino al retro dell'aereo. Ho tirato fuori un libro e avevo appena finito le prime pagine...

207 I più visti

Likes 0

Visitare un amico speciale

Ho bussato al cancello di metallo. Era un bungalow piuttosto grande circondato da muri di mattoni con glassa di filo spinato. Il mio cuore batteva. Tutto quello che sentivo era la paura di essere rifiutato o qualcosa del genere. Fortunatamente, suo fratello maggiore, Suleman, ha aperto la porta. Era un ragazzo con un carattere freddo e una corporatura piuttosto muscolosa, quindi ha mantenuto la sua posizione. Mi guardò con giudizio per un momento, sorrise e mi diede una stretta di mano. Ei, cosa ci fai qui? Sono qui per far visita a tua sorella... mi smorzai, sapendo quanto fosse insolito per...

1.2K I più visti

Likes 0

Lamenti di un PSO

Lamenti di un PSO Voglio dire, lo faccio per vivere, sai? Non fraintendermi, può essere divertente, infatti, è soprattutto divertente. Ma ci sono alcuni giorni, e alcuni chiamanti, che ti fanno impazzire. Capisco i feticci, diavolo questo è il mio lavoro, e sono dannatamente bravo a farlo, se lo dico io stesso. Ma per l'amor di Dio, ci sono solo alcune cose che non posso fare. Il che mi porta a questo dilemma. Ho questo chiamante, sembra abbastanza gentile, è un cliente abituale e chiama da un po'. Ma ha questa ossessione con cui non posso proprio aiutarlo. So cosa stai...

872 I più visti

Likes 0

Femmina sensuale

Nome: Susan Dini Età: 36 Razza: caucasica Misure: busto 34, vita 25, fianchi 35 Altezza: 5'-4 Peso: 120 libbre. Sono sessualmente attivo da 19 anni avendo avuto le mie prime esperienze sessuali all'età di 15 anni. Sono felice di dire che ho un livello molto alto di desiderio sessuale. Ci sono alcuni che potrebbero considerarmi una ninfomane, tuttavia considero il mio desiderio sessuale molto sano. Ci sono momenti, anche se per fortuna non molto spesso, in cui sono letargico riguardo al sesso. Non riesco nemmeno a immaginare quanti partner sessuali ho avuto nel corso degli anni. Non riesco nemmeno a immaginare...

954 I più visti

Likes 0

RIPENSANDO pt2

Per chi è nuovo a questa storia, lascia che ti raggiunga. Avevo perso mia moglie, Tina più di un anno fa, a causa di un asino che guidava ubriaco, avevo comprato una nuova bici e mi ero messo in viaggio, il mio modo di farcela credo, mi sono imbattuto in Jenny lungo l'autostrada con il suo ragazzo violento e lei ha guidato via con me e abbiamo iniziato una meravigliosa vita di avventure. Mentre giravamo l'angolo verso la casa del suo ex fidanzato, potevo sentirla irrigidirsi e tenermi molto più stretta, cosa che non mi importava perché i suoi capezzoli duri...

771 I più visti

Likes 0

Il risveglio gay di James

James era un ragazzo normale, beh giovane adulto. Aveva 18 anni e frequentava l'ultimo anno di scuola. James era alto 6 piedi e una corporatura media, a scuola non era né popolare né impopolare, solo uno dei ragazzi che sembravano mimetizzarsi. Non ha mai avuto una ragazza a scuola, in parte a causa della sua mancanza di fiducia in se stesso, e in parte a causa della sua mancanza di fiducia nel suo cazzo da 5 pollici. Aveva una sorella, Claire, che era due anni sotto di lui a scuola, 16 anni. Era molto più popolare di lui, ma nonostante questo...

774 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.