Tata sottomessa parte 2

474Report
Tata sottomessa parte 2

Tata sottomessa parte 2

Alla fine mi sono appisolato pensando a quello che era successo oggi. Non era poi così male, in realtà stavo pensando. Amavo i bambini e prendermi cura di loro. Anch'io ero una sottomessa sessuale e in quel momento non avevo nessuno nella mia vita. Ok, ero pazzo a pensare in questo modo, ma ehi, dobbiamo guadagnarci da vivere.

Devo essermi appisolato quando all'improvviso mi viene detto di girarmi e alzare il culo in aria. Lo faccio con i gomiti sul letto e il culo in aria. Si allinea e lubrifica il buco mentre improvvisamente allarga le guance per il suo ingresso.

Sento lo spessore scivolare dentro e la mia testa è sepolta nel cuscino mentre lui mi martella il culo. Lo lascia andare sulla parte esterna del mio culo spalmandolo sul mio culo rosso come se fosse crema. Mi dice di andare a scaldare un panno e di pulire me e lui. Faccio come mi è stato detto e torno con il panno per pulirlo. Lo faccio e poi mi dice di leccarlo di nuovo. Lo faccio, ma non vuole che diventi troppo intenso, giusto quel tanto che basta, immagino, per assicurarmi di averlo pulito davvero bene.

"Riprendi la posizione." Lo faccio con il culo per aria e la testa sul letto.

“Questa è la posizione in cui ti voglio ogni volta che vengo in questa stanza. Se non sei sveglio, allora ti sveglierò e non dovrai chiedermi cosa voglio, ma spostarti immediatamente in quella posizione. “

"Si signore."

“È la posizione che userò più spesso e permette anche di esporre meglio la zona della sculacciata. Voglio che pianifichi con te stesso e ti faccia venire mentre ti sculaccio con la mano.

Non ci è voluto molto perché mi è piaciuto l'anale ed ero già caldo. Mi accarezzai il clitoride e sentii il fuoco scatenarsi mentre lui agitava la mano e sembrò rendermi più sensibile quando finalmente esplosi. Mi ha sculacciato più intensamente mentre arrivavo e mi sono reso conto che l'intensità dell'orgasmo stava aumentando. Sono venuto di nuovo più duro del primo. Si fermò, sentì la mia umidità e si leccò le dita. Mi ha detto di succhiargli lo sperma dalle dita. L'ho fatto e lui l'ha immerso ancora e ancora e ho succhiato il mio sperma finché non è rimasto poco più da succhiare.

"Ti piace il sapore del tuo sperma, vero?"

"Si signore.

"Buono a sapersi che mangerai lo sperma di una donna."

Ho iniziato a dire che mi piaceva il mio e ciò non significava che mi piacessero anche gli altri, ma sapevo che era meglio non dire nulla.
Mi sono riaddormentato profondamente e lui se n'è andato dopo l'ultima bella pacca sul culo.

Quando suonò la sveglia per farmi alzare, David era di nuovo nella mia stanza. Deve avere una sete insaziabile. Prima della doccia, voglio che tu mi succhi e lo beva oggi. Mi sono inginocchiato davanti al cazzo che aveva tirato fuori mentre era seduto sul bordo del letto.

L'ho fatto e l'ho succhiato con gusto.

Ha chiuso la cerniera ed è andato al lavoro e la mia giornata con Emily è iniziata. Le settimane si rincorrevano mentre continuavo la routine. Ogni sera mi chiedeva di andare nella mia stanza mentre metteva giù Emily e sapevo che avrei dovuto assumere la posizione e aspettare il suo arrivo. Mi farei un culo arrossato e poi lo userei analmente finché non mi verrà sul culo. Poi l'ho ripulito e lui mi ha fatto sditalinare da solo e ha mangiato il mio sperma dalle mie dita e dalle sue. A volte mi ricompensava per qualcosa che Emily gli aveva detto che avevo fatto per renderla felice e usava dei vibratori su di me mentre mi sculacciava. Venirei ancora più intensamente. Anche le notti erano più o meno le stesse con lui che a volte interrompeva il mio sonno e faceva quello che voleva e poi un pompino al mattino. L'uomo era molto sensuale e aveva bisogno di molta attenzione, ma lo ero anch'io, quindi ha funzionato bene.

Poi arrivavano i fine settimana in cui Emily andava a trovare sua madre e io avevo quel fine settimana libero. Se pianificavo qualcosa e me ne andavo, non dovevo servirlo, ma se rimanevo a casa venivo usato più volte e in modi. Una volta mentre stavo cucinando mi hanno detto di mettermi solo il grembiule per cucinare e quando mi sono chinata sul forno mi ha picchiato. Un'altra volta, mentre faceva il bucato, non è riuscito a trattenersi mentre ha infilato il suo cazzo profondamente nel mio buco anale e mi ha picchiato mentre mi chinavo per prendere i vestiti dall'asciugatrice. Non sapevo mai dove mi avrebbe portato ma voleva comunque il buco del culo e non la fica. Quando eravamo senza Emily mi è stato detto come vestirmi e cosa fare.

Un fine settimana alcuni dei suoi amici sono venuti a vedere la partita e io avrei dovuto andare via, ma i miei piani sono stati annullati e ho pensato che sarei rimasto nella mia stanza. Ben presto bussarono alla porta ed entrò uno dei suoi amici. Disse che David gli aveva detto che poteva farmi a pezzi e io glielo avrei lasciato fare. Ho visto David fissarmi dal corridoio dietro il suo amico.

Lo guardai e sapevo di non rifiutare. Gli ho detto che se David l'avesse detto allora sarebbe stato vero. Il ragazzo mi ha detto di spogliarmi e l'ho fatto. Mi ha detto di allargare le gambe che mi avrebbe scopato finché non l'ho implorato di smetterla. Ora rido a pensarci perché non gli chiedo mai di smettere e mi ha scopato per 20 minuti buoni facendomi venire un paio di volte. Si alzò e mi ringraziò per la bella scopata. Stavo proprio scendendo dal letto quando la porta si aprì. David entrò e molti altri entrarono con lui. Mi ha detto di prendere la posizione.

Ho fatto come mi era stato detto con il culo per aria. Ha preso la pagaia e mi ha sculacciato forte e forte e mi ha detto che era per essere venuto senza il suo permesso. Rimasi nella posizione e uno dopo l'altro gli uomini mi montarono come se fossi un cane. Sentivo l'umiliazione di essere usata da tutti questi uomini e di non riuscire a scaricare la tensione che ogni volta cresceva. Se avessero detto che ero bravo, allora David avrebbe detto, poi di scopare il mio schiavo, vieni qui e fallo. Se dicevano che stavo bene, ricevevo un'altra sculacciata. Sembrava che gli piacesse e alcuni tornarono per qualche secondo. Quando ebbero finito di usarlo, David disse che ne aveva un altro fuori dalla stanza che dovevo servire come volevo. Sarà meglio che faccia come detto. Una donna entrò e mi disse di stare davanti a lei. L'ho fatto. Mi girò intorno e poi mi disse di chinarmi sul letto. Ho sentito la sua mano sul mio culo mentre me la faceva scivolare giù anche tra le gambe e sentiva la mia umidità. Mi ha sculacciato come David e mi ha detto che avrei iniziato a sottomettermi a lei così come a David.

"Si Mamma."

"Voglio che tu succhi ciascuna delle mie tette e le renda vivace."

Sono andato dritto al punto e li ho resi duri e il suo respiro un po' più pesante.

"Ora mi sdraierò qui e mi aprirò e voglio che la tua lingua mi faccia venire e poi voglio che tu succhi il mio sperma."

Sono strisciato tra le sue gambe e ho giocato con il suo clitoride con la lingua, ma non ha funzionato, quindi ho iniziato anche ad alternarmi e a scoparle la fica con la lingua. Questo sembrava fare il trucco più velocemente. Ben presto cominciò a sgroppare e a tenere la mia testa contro la sua fica muschiata. "Asciugatelo, stronza."

Ho succhiato e ho pensato che sarei soffocato per mancanza d'aria con lei che mi teneva così forte.

Mi ha tirato indietro la testa e sapevo che a quel punto avevo lo sperma che mi colava sul viso. Mi ha attirato a sé e mi ha baciato la faccia leccandomi via lo sperma. Il suo sperma.

"Ti è piaciuto quel bambino?"

"Si Mamma."

“Bene perché David e io ti useremo perché abbiamo molto bisogno e io sono senza il mio schiavo, quindi David ti condividerà. Capisci che servirai due persone. Farai quello che ti verrà detto da qualunque cosa ti chiederemo. David ha la precedenza su di me se si tratta di un conflitto.

La mia mente è vorticosa e sono confuso. Come posso servire entrambi se vivo con David e la mia preoccupazione principale è prendermi cura di Emily e David. Vorrei chiedertelo, ma so che non fai domande.

Continua parte 3

Storie simili

Memorie

Estratto dalle memorie di Stan R. Shealton, autore pubblicato: ...poche ore dopo, scappando lentamente dal sogno, mi sono sentito come se stessi lasciando un posto in cui ero stato per anni, come se appartenessi a quel posto. Mi sono svegliato con le immagini ancora nella mia visione e la sensazione più sensuale delle onde di succosa umidità che scorre sul mio corpo. Continuai a gemere in modo incontrollabile, i miei piedi affondavano nel materasso permettendo ai miei fianchi di fluire in avanti, ancora e ancora. Rendendomi conto in quel momento che stavo stringendo qualcosa, abbassai lo sguardo per vedere gli occhi...

627 I più visti

Likes 0

Non c'era altro modo Pt. II

Perché, pensavo volessi scoparti mia moglie? L'uomo con la pistola ha risposto: Lo faremo, e tu puoi succhiarmi il cazzo mentre quei due fanno a modo loro, altrimenti Tom! Faresti meglio a fare come dico ventosa! Ho guardato mio marito incredulo per quello che stavo sentendo, un uomo che gli diceva di succhiargli il cazzo ma poi c'era di nuovo coinvolta una pistola. Le mani che mi stavano afferrando il culo e spingendo il loro cazzo dentro di me fino in fondo e poi macinando hanno iniziato a tirarsi fuori. Stava guardando l'uomo armato e l'ho sentito dire: Ecco, lascia che...

596 I più visti

Likes 0

Visitare un amico speciale

Ho bussato al cancello di metallo. Era un bungalow piuttosto grande circondato da muri di mattoni con glassa di filo spinato. Il mio cuore batteva. Tutto quello che sentivo era la paura di essere rifiutato o qualcosa del genere. Fortunatamente, suo fratello maggiore, Suleman, ha aperto la porta. Era un ragazzo con un carattere freddo e una corporatura piuttosto muscolosa, quindi ha mantenuto la sua posizione. Mi guardò con giudizio per un momento, sorrise e mi diede una stretta di mano. Ei, cosa ci fai qui? Sono qui per far visita a tua sorella... mi smorzai, sapendo quanto fosse insolito per...

1.2K I più visti

Likes 0

Lamenti di un PSO

Lamenti di un PSO Voglio dire, lo faccio per vivere, sai? Non fraintendermi, può essere divertente, infatti, è soprattutto divertente. Ma ci sono alcuni giorni, e alcuni chiamanti, che ti fanno impazzire. Capisco i feticci, diavolo questo è il mio lavoro, e sono dannatamente bravo a farlo, se lo dico io stesso. Ma per l'amor di Dio, ci sono solo alcune cose che non posso fare. Il che mi porta a questo dilemma. Ho questo chiamante, sembra abbastanza gentile, è un cliente abituale e chiama da un po'. Ma ha questa ossessione con cui non posso proprio aiutarlo. So cosa stai...

872 I più visti

Likes 0

Femmina sensuale

Nome: Susan Dini Età: 36 Razza: caucasica Misure: busto 34, vita 25, fianchi 35 Altezza: 5'-4 Peso: 120 libbre. Sono sessualmente attivo da 19 anni avendo avuto le mie prime esperienze sessuali all'età di 15 anni. Sono felice di dire che ho un livello molto alto di desiderio sessuale. Ci sono alcuni che potrebbero considerarmi una ninfomane, tuttavia considero il mio desiderio sessuale molto sano. Ci sono momenti, anche se per fortuna non molto spesso, in cui sono letargico riguardo al sesso. Non riesco nemmeno a immaginare quanti partner sessuali ho avuto nel corso degli anni. Non riesco nemmeno a immaginare...

954 I più visti

Likes 0

RIPENSANDO pt2

Per chi è nuovo a questa storia, lascia che ti raggiunga. Avevo perso mia moglie, Tina più di un anno fa, a causa di un asino che guidava ubriaco, avevo comprato una nuova bici e mi ero messo in viaggio, il mio modo di farcela credo, mi sono imbattuto in Jenny lungo l'autostrada con il suo ragazzo violento e lei ha guidato via con me e abbiamo iniziato una meravigliosa vita di avventure. Mentre giravamo l'angolo verso la casa del suo ex fidanzato, potevo sentirla irrigidirsi e tenermi molto più stretta, cosa che non mi importava perché i suoi capezzoli duri...

771 I più visti

Likes 0

Il risveglio gay di James

James era un ragazzo normale, beh giovane adulto. Aveva 18 anni e frequentava l'ultimo anno di scuola. James era alto 6 piedi e una corporatura media, a scuola non era né popolare né impopolare, solo uno dei ragazzi che sembravano mimetizzarsi. Non ha mai avuto una ragazza a scuola, in parte a causa della sua mancanza di fiducia in se stesso, e in parte a causa della sua mancanza di fiducia nel suo cazzo da 5 pollici. Aveva una sorella, Claire, che era due anni sotto di lui a scuola, 16 anni. Era molto più popolare di lui, ma nonostante questo...

774 I più visti

Likes 0

Stanze dell'orrore e delle delizie stanza 2

Jennifer stava camminando con i suoi amici nel centro commerciale e stava facendo battute per il divertimento dei suoi amici. Giovani adolescenti le passavano accanto e le facevano cenni del capo, o strizzatine d'occhio, flirtando con lei. Le piaceva l'attenzione. Un ragazzo le fece cenno di avvicinarsi. Era perfetto: capelli biondi e occhi azzurri, alto un metro e ottanta e muscoloso. La raggiunse per parlare, quando improvvisamente si trasformò nella creatura che lei temeva di più: l'enorme uomo deforme con il cazzo enorme. Si lanciò verso di lei... Jennifer sussultò e si svegliò con un grido terrorizzato. Ancora ansimante, improvvisamente ricordò...

907 I più visti

Likes 0

Fantasy-mores un mistero

*nota: questa storia include personaggi e comportamenti immaginari, non messi in realtà allo scopo di praticare o non partecipare a feste, qualunque cosa significhi. puoi ridere, piangere o persino scagliarti, ma nessuna colpa può essere attribuita all'autore per i tuoi sentimenti Ehi, ti piace davvero giocare con quella piccola cosa sexy lì, vero? Sei un dolce piccolo idiota, vero? Dai, te lo succhio subito qui e ora. I 18 anni. la vecchia ragazza nera si è tolta il reggiseno, e poi le mutandine, poi è scesa davanti al quattordicenne. vecchio ragazzo bianco, e lo ha davvero succhiato, succhiando via lì sulla...

756 I più visti

Likes 0

LA FAMIGLIA DI KRISTI 4_(1)

CAPITOLO QUARTO Quando arrivarono nella sua camera da letto, Roger entrò per primo. Notò per la prima volta che Bob era seduto nella sua poltrona reclinabile, apparentemente a riposo. Guardando il letto, vide che Erin era inginocchiata sul letto e si aggrappava alle sbarre della testiera. Guardando più da vicino, si rese conto che non aveva scelta. I suoi polsi erano legati alla testiera, costringendola a inginocchiarsi, le sue tette penzolanti dal suo petto che gravitavano sul lenzuolo sotto di lei. Tieni quelle gambe aperte puttana! Mi piace guardare il tuo bel culetto. Saremo pronti per il secondo round tra un...

789 I più visti

Likes 1

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.