All'improvviso, tabù

701Report
All'improvviso, tabù

All'improvviso, tabù

Se sei un ragazzo abbastanza bello con una personalità gradevole, bravo a chiacchierare con le donne e a muoverti molto, trovandoti nei posti giusti al momento giusto avrai i tuoi momenti di sesso quando meno te lo aspetti; questo è previsto. Ma quando all'improvviso, all'improvviso, senza alcuna indicazione, senza alcuna preparazione, senza alcuna preparazione da parte tua, ti viene servita una figa di prima qualità, e quella figa appartiene alla tua bellissima madre; allora sei un figlio di puttana fortunato. Sono un figlio di puttana fortunato!

Una parente di mia madre ci ha inviato un invito al suo matrimonio. Era previsto che io, mia mamma e mio papà saremmo andati al ricevimento di nozze. Il giorno prima del matrimonio mamma e papà hanno avuto uno dei loro soliti litigi verbali. La sera successiva, un'ora prima dell'ora in cui avevamo concordato di partire per il matrimonio, papà annunciò che non sarebbe andato, uscì dalla porta e partì con la sua macchina. Me lo aspettavo perché sapevo che papà non sopportava la famiglia di mamma e loro provavano lo stesso per lui. Avrei voluto annullare l'incontro a causa dell'improvvisa tensione, ma mia madre mi ha implorato di accompagnarla. Le cose tra mamma e papà andavano così male che per anni non si parlarono quasi mai e non andarono quasi mai da nessuna parte insieme. Parlavano solo di cose necessarie, come le bollette, e non passava quasi settimana senza che scoppiassero almeno uno spiacevole battibecco, su quelle che per me erano questioni banali su cui uno dei due avrebbe potuto cedere e lasciare che l'altro facesse a modo suo. Ma erano entrambi testardi e, a volte, erano ugualmente colpevoli di ferire l'altro. Non ho un'idea chiara delle ragioni alla base della loro incapacità di andare d'accordo, tranne che erano entrambi esseri irritabili.

Siamo andati al matrimonio con la macchina di mamma; Non ne avevo uno mio, ma prendevo in prestito uno dei loro quando necessario. La mamma era bella e sexy con un vestito al ginocchio, verde brillante e oro, di un materiale morbido e sottile, con una vita stile impero, un profondo scollo a V e una schiena. Abbracciava bene il suo ampio sedere e i suoi fianchi prima di allargarsi un po'. Indossava un rossetto rosso brillante. I suoi lucenti capelli neri cadevano in onde fino alle spalle. Non riesco a ricordare che sia mai stata così adorabile prima. La mamma è indiana, alta un metro e settanta, con una vita stretta e un sedere pesante, rotondo e largo, insolito per la sua razza. Papà è nero. Non ho potuto fare a meno di notare, con un po’ di fastidio, i tanti sguardi di ammirazione che la mamma riceveva dagli ospiti maschi. A quarant'anni il suo corpo non aveva ancora cominciato a perdere la fermezza e lo splendore giovanile, tutt'altro. Era a metà tra la grossa e la magra, con un seno ampio e sodo e belle cosce arrotondate.

Il ricevimento si è svolto in un club affittato per la notte. Poco dopo i discorsi e il taglio della torta sono iniziate le danze, dapprima con le luci forti, ma mezz'ora dopo sono state sostituite da luci soffuse, per lo più di colore rosso. Per circa un'ora la musica ha variato i generi di musica ritmica adatta principalmente ai giovani. Ma poi il dj ha annunciato che non avrebbe fatto il suo dovere se non avesse rallentato un po’ il ritmo e non avesse fatto un tuffo nel passato in modo che anche le persone più mature potessero partecipare. È seguita una lunga sessione di musica soul e soft rock degli anni Settanta e Ottanta. Alcuni uomini si sono avvicinati al nostro tavolo per chiedere un ballo solo per ricevere un sorridente rifiuto da parte della mamma. Dopo molte prese in giro e sollecitazioni da parte di una cugina di mamma che condivideva il nostro tavolo, mamma, forse un po' stordita da un paio di bicchieri di vino, ha promesso di alzarsi prima o poi e ballare o due con me. Quando è iniziata la canzone "let me roll it", che sapevo fosse una delle sue preferite, mi sono alzata con la mano tesa che lei ha subito preso e mi ha seguito sul piccolo pavimento non lontano dal nostro tavolo.

Dal momento in cui ho preso mia madre tra le braccia e lei si è avvicinata volentieri a me, ho sperimentato uno shock sessuale che non riuscivo a capire e nella mia mente sono emersi segnali d’allarme. Il pericolo era certamente qui. Il piccolo palco era sorprendentemente gremito di giovani e meno giovani e non c'era spazio per movimenti fantasiosi dei piedi; la vicinanza era all'ordine del momento. I grandi seni della mamma erano generosamente premuti contro il mio petto. Probabilmente non era un grosso problema per lei, ma per me lo era. Quel tocco morbido della carne femminile contro la mia su una pista da ballo sotto luci fioche e la visione circostante di altre coppie che si strusciavano l'una contro l'altra era semplicemente uno stimolo eccessivo per una ventenne dal sangue caldo. Un minuto dall'inizio della canzone e ho potuto sentire il chiaro movimento di un'erezione. La nostra pancia e le nostre cosce si toccavano appena mentre ci muovevamo lentamente al ritmo della canzone, e ogni tanto potevo sentire il corpo della mamma scivolare dolcemente sul duro dosso. Il mio corpo mi stava dicendo di avvicinarmi, ma la mia mente, diffidente del fatto che questa donna morbida e bella tra le mie braccia fosse in realtà mia madre, mi fece resistere alla tentazione.

Sebbene i miei sforzi per allontanare l'erezione siano stati inutili, almeno sono riuscito a non approfittare della situazione; Ho lottato contro la sensazione di caldo piacere e mi sono allontanato ogni volta che ho sentito il tocco inevitabile della mia durezza contro il tronco di mia madre. Ma la fortuna è intervenuta e mi ha reso le cose davvero scomode. I giovani che ballavano intorno a noi erano tutt’altro che bravi nei movimenti e nella coordinazione richiesti per ballare lentamente su una piccola pista da ballo, e continuavano a scontrarsi con mia madre o con me, facendo scontrare i nostri corpi l’uno contro l’altro. Si sono rifiutati di seguire il consiglio della canzone e si sono limitati a "roll it", invece hanno suonato selvaggiamente cercando di mostrare abilità dove non ne avevano. La mamma rise della loro inesperienza e mi parlò scherzosamente del fatto che eravamo intrappolati.

Alla fine della prima canzone ho tentato di lasciare andare la mamma, ma lei mi ha tenuto fermo mentre "wildflower" si fondeva dolcemente con la ballata sbiadita di "wings", sussurrandomi all'orecchio che le ci voleva molto impegno per essere lì sul palco. pista da ballo e che non aveva intenzione di andarsene dopo una sola canzone, soprattutto dopo non aver ballato per così tanto tempo. Ha anche detto che si stava divertendo! I colpi continuavano e la mamma ci suggerì di dimenticare i nostri piccoli movimenti dei piedi e di restare fermi in un punto. Quindi eccoci lì, madre e figlio, stretti l'uno contro l'altro, più stretti di quanto sarebbe stato se ci fosse stato ampio spazio intorno, e dondolavamo dolcemente al ritmo della musica. La mia coscia destra era tra il paio morbido e carnoso di mia madre; il mio cazzo duro si estendeva sulla sua zona inguinale. Di tanto in tanto, a seguito di un forte colpo da parte di uno degli altri ballerini, i nostri corpi si premevano insieme così forte che sentivo la calda pressione del suo rigonfiamento della figa. Ero sicuro che stesse cercando con tutte le mie forze di negare l'esistenza della mia erezione. Non si è né allontanata né respinta contro l'intrusione, è semplicemente rimasta lì lasciando che le cose fossero quello che erano, il che penso fosse la migliore linea d'azione per attenuare il nostro reciproco imbarazzo. Il mio cazzo arrabbiato ogni tanto pulsava e sussultava contro il caldo morbido, senza dubbio ricevendo un buon odore della bella figa premuta contro di esso in attesa. La mia mano sulla schiena nuda di mamma di tanto in tanto dimenticava i fatti e cedeva involontariamente a un rapido e morbido massaggio. La mamma non mostrava assolutamente alcuna consapevolezza di qualcosa di insolito che accadeva in un modo o nell'altro.

Wildflower ha lasciato il posto al lungo e fluente "per amore di te" e la mamma ha aumentato di un livello il ritmo ondeggiante e ondulante, costringendomi a seguirlo. La mia erezione era fin troppo contenta. Appoggiò le sue morbide guance contro le mie e le sue dita affondarono nella mia schiena e nella mia spalla mentre ruotavamo i fianchi e dondolavamo dolcemente al ritmo della canzone. La mia erezione ormai era fuori controllo e pulsava e sussultava selvaggiamente. Molte volte ha portato il mio corpo in un tentativo di esplorazione senza il mio consenso, effettuando piccole e rapide sonde dell'inguine di mia madre; niente di forzato o di molto evidente, ma comunque un tocco intenzionale. E in due o tre occasioni ho avuto la sensazione che le spinte fossero state restituite, ma non ne ero sicuro. Abbiamo ballato per circa mezz'ora, forse sette o otto canzoni, prima che la mamma ci suggerisse di tornare al nostro tavolo. Ero grato per le luci soffuse, per la vicinanza del nostro tavolo alla pista da ballo e per il fatto che tutti gli altri occupanti del nostro tavolo fossero scomparsi, perché avevo un enorme rigonfiamento nei pantaloni.

Tornati a tavola, la mamma versò immediatamente un bicchiere di vino e lo buttò giù in due rapidi sorsi, a distanza di pochi secondi l'uno dall'altro. Il suo viso era arrossato dopo il drink e sorrise dolcemente ma con uno sguardo colpevole quando vide che la guardavo. Non ero un bevitore, ma per farla sentire meno in colpa ho subito abbandonato il malto e mi sono versata un bicchiere di vino che ho buttato giù con la stessa rapidità della mamma. Abbiamo riso entrambi e la mamma, con le mani, si è fatta vento sul viso, sottolineando quanto faceva caldo, come se fosse una scusa. Siamo rimasti per lo più in silenzio, guardando in direzione degli altri ballerini, solo di tanto in tanto avvicinandoci per condividere un commento divertente e una piccola risatina. Poco dopo siamo tornati sulla pista da ballo mentre il dj ha iniziato una sessione rock per amanti del reggae. Non c'erano abbracci o vicinanza adesso, ma a causa del pavimento pieno e del ritmo sostenuto non potevamo evitare di scontrarci a volte. Una volta mentre la mamma stava facendo un piccolo giro sono stata urtata da dietro e mi sono ritrovata, con il cazzo duro e tutta incastrata contro il suo sedere morbido. Mi sono scusato indicando che ero stato urtato e ci siamo messi a ridere. In altre occasioni il suo fianco, la sua coscia o la sua mano sfioravano involontariamente il mio cazzo permanentemente duro.

Abbiamo lasciato la festa poco dopo essere tornati al tavolo dopo la sessione reggae. La mamma era come una studentessa frizzante che si godeva la sua prima festa senza accompagnatore e mi ha detto quanto si era divertita. Mentre tornavamo a casa, la mamma era stranamente silenziosa nonostante i miei sforzi per iniziare una conversazione. L'ho guardata un paio di volte e sono rimasto sorpreso dall'espressione seria e leggermente preoccupata sul suo viso. Ha deviato dal percorso normale e all'improvviso sono stato piacevolmente accolto da una fresca e pesante brezza marina mentre stavamo guidando lungo la strada della diga. Doveva aver sentito che la guardavo con aria interrogativa, perché all'improvviso mi disse che voleva parlarmi in privato prima del nostro ritorno a casa; perché c’era la possibilità che papà fosse già tornato a casa e non avremmo avuto più privacy, e lei non poteva più rimandare, perché ci pensava da giorni. Sulla strada della diga entrò in una zona buia tra i lampioni dove non c'erano molte altre macchine. A quell'ora della notte la diga solitamente è piena di auto con innamorati.

Dopo aver spento il motore, la mamma si è avvicinata un po' a me e ha iniziato a parlare. Tenendomi le mani ha avuto una rivelazione scioccante che aveva deciso di chiedere il divorzio a papà. Ha detto che semplicemente non poteva più sopportare il tipo di vita che vivevano, litigando costantemente, parlando quasi mai e quasi senza divertirsi insieme. Ero scioccato. So che potrebbe sembrare orribile, ma nonostante la gravità della situazione, seduto lì in quell'atmosfera romantica con in mano le morbide dita impastatrici della mia bellissima madre, ho sentito il mio cazzo irrigidirsi, implorando azione. Le ho chiesto se non esistesse un altro modo, se non potessero discuterne e cercare di trovare un modo per far cambiare le cose in meglio. Rimase un po' in silenzio poi disse:
“Non credo sia possibile Darren, non credo che funzionerebbe” la sua voce tremava. "Non lo so... io... io... oh, sono così confusa" scoppiò improvvisamente in lacrime.
Mi sono avvicinato e l'ho avvicinata; appoggiando la sua testa piangente sulla mia spalla e una mano intorno alla sua schiena, appoggiata sul suo fianco. Piangeva forte e copiosamente. Mentre piangeva contro la mia spalla e il mio petto, le accarezzai dolcemente la testa e massaggiai delicatamente il suo corpo dove poggiava l'altra mano. Le ho sussurrato parole consolanti, ma non sembrava essere d’aiuto. Ho cominciato a baciarle dolcemente la testa e poi la fronte e le guance. Nonostante la gravità del momento, ho sentito il mio corpo dolorante per la pressione sessuale che si sviluppava rapidamente. Ho iniziato a leccarle alcune lacrime dalla guancia e lei ha alzato una mano per asciugarle l'altra guancia. Quando abbassò la mano si fermò, con il palmo aperto sul mio cazzo palpitante. Lei non sembrò accorgersene e io, colpevolmente, non feci alcuno sforzo per spostarmi o toglierle la mano. Il piacere del suo peso sul mio cazzo era semplicemente troppo dolce per volerlo cambiare. Ho continuato a massaggiarle il fianco mentre le sollevavo il viso e leccavo altre lacrime. Mi mise una mano intorno alla spalla e avvicinò il suo corpo al mio. Lo sforzo fece sì che l'altra mano premesse forte sul mio cazzo. Ho sentito il suo corpo contrarsi brevemente quando si è resa conto su cosa stava premendo la sua mano, ma si è rilassata e non ha fatto alcun tentativo di rimuoverla.

Ho continuato a baciarla e leccarla su tutto il viso e ho visto un piccolo sorriso soddisfatto illuminarle il viso. Alzò la bocca e mi diede un piccolo bacio sulle labbra. Quando ha tolto le labbra ho ricambiato il bacio e lei ha sorriso. Lascio che la mia mano scivoli dal suo fianco e mi sposti verso l'interno della sua coscia, stringendola delicatamente. Ho sentito una leggera pressione sul mio cazzo e non ero sicuro se fosse dovuto al suo pulsare o a qualche movimento della mano di mamma, ma poco dopo ho sentito la stessa pressione ancora, e ancora, e ancora in successione e ho capito che era stringendo delicatamente il mio cazzo duro come per testarne la rigidità. Contro i miei veri sentimenti ho cercato di allontanarmi, ma lei mi ha tirato indietro e ha alzato ancora una volta le labbra sulle mie. Le labbra indugiarono sulle mie e poi sentii la sua lingua sondare. Ho aperto la bocca e l'ho lasciato entrare. Ci siamo baciati appassionatamente. Lasciai che la mia mano scivolasse ulteriormente tra le cosce morbide e la sentii allontanarle per darmi accesso. Trovai il suo monticello e lo strinsi mentre l'altra mano scivolava nella profonda V del suo vestito e si faceva strada attorno a un seno morbido e pieno. L'ho massaggiato per un po' e poi ho fatto girare il capezzolo duro tra le dita. Lei sussultò e la sentii armeggiare con il davanti dei miei pantaloni. Con la mano libera riuscii ad allentare la cintura e sbottonare la vita. L'ho sentita abbassare la cerniera e ho usato la mano per sollevare la cintura dei miei slip permettendole di entrare. Ha afferrato il mio cazzo pulsante ed ha emesso un piccolo suono di fusa.

La sentii improvvisamente staccarsi dalle mie labbra e tirare indietro il suo corpo. Questo mi ha spaventato brevemente. Pensavo stesse mettendo fine al nostro atto vergognoso. Ma lei si spinse indietro ancora un po' e poi abbassò la testa sul mio cazzo. Ho sentito il suo fiato caldo esalare su di esso e poi leccargli la testa. Tirò indietro la pelle non circoncisa esponendo l'intera testa gonfia. Fece scorrere la lingua attorno alla gola alla base della testa pulsante e poi se la mise in bocca. Succhiò rudemente la testa, e poi, tenendola ferma tra le labbra, la scosse come un gatto che scuote un topo. L'ho sentita armeggiare con il regolatore del sedile e l'ho vista iniziare a cadere all'indietro con il sedile. Lo lasciò andare completamente e si appoggiò allo schienale, allo stesso tempo alzando il vestito intorno alla vita e allargandola. Guardandomi fissamente, tirò da parte le mutandine esponendo il suo tumulo folto. L'ho guardato con ammirazione e ho iniziato a muovermi sopra di lei.

“Mettimelo adesso, tesoro”, la sentii dire.
"Tra un po' mamma, voglio leccarti prima" Abbassai la testa e allargando le labbra della folta vulva cominciai a leccare e leccare il suo buco caldo e umido. Mi ha afferrato la testa e mi ha sgroppato sotto il viso. Dopo qualche minuto sul buco e sulle labbra ho preso in bocca il clitoride irrigidito e l'ho succhiato stuzzicandolo con la lingua. Lei urlò piano, sgroppando selvaggiamente contro il mio viso.
"Mettimelo dentro adesso, tesoro, adesso" implorò.
Mi sono infilato tra le sue cosce larghe e ho sentito la sua mano impaziente che trascinava il mio cazzo verso il premio. Lo guidò fino all'ingresso e io mi insinuai dentro di lei, sentendo un bagliore di immenso piacere avvolgermi quando realizzai che stavo davvero scopando la mia bellissima madre. Prima di stasera non avevo mai risparmiato un pensiero in quella direzione, ma nelle ultime due ore avevo giocato con l'idea finché non avevo cominciato a desiderarla davvero e ora stava accadendo.
“Non come quel bambino, lo voglio forte, voglio essere punito. Sbattimi il tuo cazzo dentro, piantalo con forza, fammi provare dolore, puniscimi per questa cosa peccaminosa che ti sto facendo fare. Continuò come una donna pazza, continuando a sussultare violentemente contro di me.
“No mamma, non dirlo, non mi fai fare niente. Lo voglio tanto quanto te. Non voglio punirti. Non hai bisogno di essere punito. Potrebbe non essere giusto, ma è dolce e lo vogliamo entrambi” dissi, cercando di farla sentire bene.
"No Darren, no, fottimi forte, sbattimi addosso, voglio essere punito, puniscimi, fai come dico." Lei urlò.

Ho sbattuto il mio cazzo nella figa supplichevole di mia madre fino in fondo, strofinandola contro di essa per alcuni secondi prima di sferrare un massiccio assalto contro la stretta fica bagnata, tirandola quasi completamente fuori e poi sbattendola contro di lei più forte che potevo.
"Oh sì tesoro sì, fottimi così, punisci questa fottuta puttana di tua madre, battimi la figa finché non fa male."
"Sì, puttana, ti scoperò forte, ti darò quello che vuoi, puttana che affonda." dissi, senza dirlo sul serio, ma cercando di darle quello che voleva.
Lei gemette e gemette sotto di me mentre la colpivo senza pietà. Le lacrime le rigavano il viso e lei singhiozzava mentre mi ammassavo furiosamente in lei. L'ho speronata per circa quindici minuti, stupito dalla sua capacità di assorbire tutti quei colpi per così tanto tempo. Ho sentito arrivare il mio orgasmo e con un forte grido dalla mia bocca sono esploso nella figa di mia madre. Mi ha afferrato le natiche e mi ha tenuto chiuso dentro di sé finché non sono stato completamente prosciugato di sperma, trattenendomi anche dopo che ero completamente esausto. Ho sentito il mio cazzo iniziare ad ammorbidirsi dentro di lei e ho iniziato a tirarlo fuori, ma proprio in quel momento ho sentito i muscoli della sua figa contrarsi ed espandersi contro il mio cazzo, massaggiandolo.
"Non muoverti", disse "rimani dentro di me, tesoro".
Ho fatto come ha detto, rimanendo immobile mentre lei lavorava i muscoli della figa e faceva rotolare il suo corpo sotto di me costringendomi a tornare duro. Quando fui completamente duro, cominciò a spingermi, a dimenarsi e a sgroppare sotto di me finché con un forte lamento esplose sotto di me. Sentii le sue dita affondare nella mia schiena, le unghie che mi tagliavano la pelle. Le sue gambe si avvolsero strettamente alla mia vita. Ancora tremando nell'orgasmo sotto di me, gridò:
“Schiaffeggiami, schiaffeggiami forte”. Feci come mi aveva chiesto, schiaffeggiandola con il palmo aperto su entrambe le guance.
"Ancora" disse. Ho obbedito.

Quando tornammo a casa, la macchina di papà non era nel cortile. La mamma ha chiuso la porta dietro di noi e l'ha chiusa dall'interno, senza dubbio per impedire a papà di usare la chiave per entrare. Mi ha preso per mano e mi ha portato su per le scale fino alla mia camera da letto. Cominciò in fretta a spogliarsi e mi esortò a fare lo stesso. Si sedette sul bordo del letto e mi attirò a sé. Piegando la testa prese in bocca il mio cazzo parzialmente eretto e cominciò a succhiarmi teneramente, ovviamente consapevole che il mio cazzo era ferito e dolorante per aver martellato vigorosamente la sua figa pelosa. Mi ha risucchiato attentamente per riportarmi pronto. In piedi accanto al letto teneva una gamba sul pavimento mentre appoggiava l'altra sul letto. Mettendosi sui gomiti e sulle ginocchia, inarcò la schiena e sollevò il suo enorme culo in aria, mentre mi guardava e sorrideva.

"Per favore, tesoro, per favore ancora mamma, e fammi sentire bene." Sussurrò, la sua voce suonava come musica alle mie orecchie.
Metto un piede sul letto tra le sue cosce aperte. Tenendole le natiche con entrambe le mani, le ho allargate mentre spostavo il mio cazzo verso l'entrata rossa e pulsante del suo nucleo. Mi sono insinuato dentro di lei con cautela, sentendo un po' di dolore mentre il mio cazzo ferito scivolava fino in fondo. Le ho accarezzato la figa dolcemente finché non ha iniziato a dimenarsi e a rotolare il culo contro di me, abbinando i miei colpi. Abbiamo continuato così per circa venti minuti, entrambi i corpi grondavano sudore finché non ho sentito che lei iniziava ad accelerare il ritmo mentre emetteva suoni sibilanti dalla bocca. Mi sono affrettato per abbinarla e ho sentito arrivare la mia liberazione. Ha colpito il nastro dell'estasi un secondo o due prima di me e abbiamo tremato insieme finché non è caduta a faccia in avanti sul letto, io sopra e ancora dentro di lei. Dopo che fui prosciugato, rotolai giù da lei e mi sdraiai sulla schiena respirando affannosamente. La sua mano trovò il mio cazzo ammorbidente e lo accarezzò. Le ho accarezzato il culo succoso.
"Mi sento bene tesoro mio, mi hai fatto sentire bene, qualunque cosa accada, voglio che restiamo insieme." Disse piano.
“Non ti lascerò mai” la rassicurai.
Proprio in quel momento ci raggiunse il rumore dell’auto di papà che entrava nel cortile. La mamma balzò in piedi e afferrò i suoi vestiti.
"Presto, mettiti dei vestiti e prova ad aprire la porta prima che finisca di riporre la macchina." Mi ha esortato mentre usciva dalla mia porta.
Presi velocemente il pigiama e me lo infilai, camicia e tutto. Quando passai davanti alla sua camera da letto lei stava uscendo dalla stanza avvolta in una vestaglia mentre si dirigeva verso il bagno. Scesi le scale agilmente, aprii la porta e rilasciai la catena. Poi ho preso il telecomando della TV e mi sono sdraiato sul divano. Papà entrò dalla porta cercando di non sembrare ubriaco. È stato sempre attento a questo. Ma potevo dire che ne aveva avuti alcuni.
"Ciao" disse allegramente "vi siete divertiti?"
"Più o meno" dissi sorridendo
Papà si sedette su una sedia e cominciò a togliersi la scarpa.
"Dov'è Gaitree?" chiese stancamente
«Credo di averla sentita andare in bagno qualche minuto fa. E penso che abbia un terribile mal di testa.

Lui annuì, si alzò e andò in cucina, tornando con una birra per lui e del malto per me. Mezz'ora dopo la mamma entrò nella stanza, avvolta in una vestaglia di seta blu, con un profumo dolce e un aspetto molto desiderabile. Lei venne e si sedette all'altra estremità del divano dove sedevo io e rivolse la sua attenzione alla TV.

Storie simili

Samantha e Kaylee_(0)

Avevo una vicina di nome Kaylee che era meravigliosa. Era alta, atletica e aveva un corpo sodo. Probabilmente circa 120 libbre. pelle abbronzata, capelli castano scuro. Ha sicuramente attirato la mia attenzione. Non era una troia, era più una provocazione. Abbiamo frequentato la stessa scuola superiore. L'ho vista spesso, ma non abbiamo parlato molto. Tutto in lei era ipnotizzante, il modo in cui i suoi capelli erano lunghi e avevano la giusta quantità di riccioli, le sue gambe, la figura sexy, aveva persino delle fossette sopra il sedere che potevo vedere quando era in bikini intorno alla piscina. Era una brava...

256 I più visti

Likes 0

Diventare Zoe

La mia futura moglie Annie aveva accettato un lavoro fuori città e la vedevo solo ogni due settimane circa. Mi mancava così tanto. Lei ed io eravamo diventati amanti a distanza. Aveva un volo di ritorno a casa venerdì sera. Stavo andando a prendere suo figlio Zakk dal suo dormitorio e noi due saremmo andati a prenderla all'aeroporto e ci saremmo goduti il ​​fine settimana insieme. Zakk è al suo primo anno di college e sta studiando per diventare un truccatore per il teatro e lo schermo. Lui e io non ci siamo davvero conosciuti e questo doveva essere il fine...

1K I più visti

Likes 0

Visitare un amico speciale

Ho bussato al cancello di metallo. Era un bungalow piuttosto grande circondato da muri di mattoni con glassa di filo spinato. Il mio cuore batteva. Tutto quello che sentivo era la paura di essere rifiutato o qualcosa del genere. Fortunatamente, suo fratello maggiore, Suleman, ha aperto la porta. Era un ragazzo con un carattere freddo e una corporatura piuttosto muscolosa, quindi ha mantenuto la sua posizione. Mi guardò con giudizio per un momento, sorrise e mi diede una stretta di mano. Ei, cosa ci fai qui? Sono qui per far visita a tua sorella... mi smorzai, sapendo quanto fosse insolito per...

1.3K I più visti

Likes 0

Mia Matsumiya: come essere una brava ragazza

Mia Matsumiya: come essere una brava ragazza NOTA: per facilitare la visualizzazione, controlla il thread Mia Matsumiya: How To Be A Good Girl nella sezione Sex Stories del forum. Credetemi, ne varrà la pena! Mia Matsumiya, una bellissima violinista giapponese di 24 anni, è all'ultima tappa del suo tour in Francia con una delle band d'avanguardia con cui suona. Questa è una rara serata libera dal gioco per la piccola bellezza di un metro e settantacinque, che per caso ha incontrato una coppia di amici - Lisann e suo marito Rob - in un bar all'aperto all'inizio della giornata. Anche se...

403 I più visti

Likes 0

Caduta cap. 08

Capitolo 8, In cui condivido troppe informazioni Era stato un altro lungo viaggio, ma ero arrivato in tempo per prendere il volo del primo pomeriggio. Ero carico e ansioso di tornare a casa e condividere la buona notizia: avevo ottenuto un altro grosso contratto ed ero sulla buona strada per ottenere il venditore dell'anno e uno stupendo bonus. Grazie al coaching di Stacey, avevo imparato che un po' più di T&A avrebbero fatto molto. Una modesta spesa per abiti spigolosi, calze al posto dei collant e così via, si era trasformata in enormi aumenti degli affari firmati. Alcuni dei miei concorrenti...

275 I più visti

Likes 0

Colto in flagrante_(0)

Colto con le mani nel sacco Questa esperienza ha coinvolto il mio conoscente Ben. Dico conoscente perché l'ho incontrato solo una volta prima, abbiamo parlato a malapena e non aveva molto legame con me: era il figlio della mia amica più grande Vicky. Conoscevo Vicky perché facevo volontariato nel suo negozio di animali e, anche dopo aver finito, ancora oggi restiamo buoni amici. All'epoca avevo 15 anni e Ben 13. Vicky mi ha invitato a fare un barbecue per festeggiare il suo compleanno, quindi insieme a molte altre persone ho accettato, ero il più giovane lì a parte Ben che è...

271 I più visti

Likes 0

La mia calda sorellina deglutisce!

Avevo 18 anni al momento di questa storia e mia sorella 16. Avevo appena finito il liceo e in autunno sarei andato al college. Ero alto un metro e settanta e pesavo 175 libbre ed ero in ottima forma grazie allo sport. Mi chiamo Jim e anch'io ero un po' nerd. Tra studio e sport non avevo ancora nemmeno cominciato a frequentarmi. Mia sorella Beth era alta 1,70 e pesava 50 chili, con tette a forma di coppa C perfettamente appuntite e un bel sedere a bolla. Aveva lunghi capelli biondi naturali, setosi, penetranti occhi azzurri e una bocca molto calda...

171 I più visti

Likes 1

Colto in flagrante_(9)

Mi chiamo Carla e sono una studentessa universitaria di 19 anni. Vivo con la mia migliore amica Sarah in un appartamento che i suoi genitori pagano per lei. Il padre di Sarah ha fondato un'azienda che ha funzionato davvero bene e ora ha i soldi da spendere per Sarah quando vuole. Più su di me, sono circa 5'4 con lunghi capelli castano scuro, con una corporatura snella. Ecco la storia di come ho imparato qualcosa in più su me stesso e su Sarah. Sarah era stupenda, era il tipo di ragazza che quando camminavi lungo il corridoio i ragazzi ti fissavano...

2.9K I più visti

Likes 0

DIARIO DI UNA FAMIGLIA: PARTE 1

3 settembre Caro diario, mi chiamo Tilly Crawford e negli ultimi dieci anni sono stata la casalinga della Delta House Fraternity qui allo State U. Un altro anno di scuola è iniziato proprio ieri e i ragazzi si stanno preparando per la corsa all'impegno della confraternita settimana organizzando feste e, naturalmente, l'open house per consentire alle nuove matricole di farsi un'idea se desiderano unirsi a Omega House. È stata una lunga estate per me diario, mi manca molto stare con i ragazzi e ovviamente alla mia figa mancava l'attenzione che riceve dai loro grossi cazzi duri!!! Eric è appena passato per...

2.2K I più visti

Likes 0

Brooke_(1)

Brooke Questa è la mia prima storia e, come tale, sii premuroso nelle tue critiche; solo critiche costruttive per favore. Se non ti piace questa storia, ce ne sono molte altre da leggere. I nomi sono stati cambiati per proteggere i miei fottuti compagni e, a loro volta, il mio culo. Durante la mia adolescenza, sono stato abbastanza sessualmente attivo. Essere un adolescente e anche frequentare un liceo cattolico per soli maschi ha solo favorito la mia libido. Per cominciare, io non sono un ragazzo piccolo. A quel tempo, avevo circa 6'3, 200 libbre e un atleta di prima qualità. Ho...

2K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.