Schiavo dell'amante, parte 2

1.6KReport
Schiavo dell'amante, parte 2

La parte 2 è qui! più lungo del primo, quindi spero che vi piaccia.

Elisabetta:


Elisabetta era furiosa. Non solo il suo schiavo non era alla porta, non era nemmeno in casa! All'inizio Elizabeth pensava che fosse il modo di Lucy di convincerla a "punirla", ma ora non era sicura. "Le do tutto e lei mi lascia? Non ha senso!" Elizabeth spinge sopra un armadietto, rompendolo e facendo volare i giocattoli sessuali sul pavimento, "Cazzo, ora devo ripulirlo da solo". Quando inizia a raccogliere i vari dildo, vibratori, fruste e attacchi, sente la porta aprirsi e si precipita fuori dalla stanza piena di rabbia. "Dannazione schiava, dove sei stata? Te l'ho detto 5 exa- Lucy?" Elizabeth guarda Lucy sulla soglia in stato di shock. Invece della ragazzina che ha avuto come schiava negli ultimi tre anni, invece di lei c'è un'amazzone alta 1,8 m, i suoi muscoli pulsano sotto il camice da laboratorio aderente, i suoi seni massicci uniti e la punta di qualcosa di spesso che spunta fuori tra le sue gambe "Ciao Elizabeth, come ti piace la nuova me?" Lucy dice, un sorriso diabolico che le si allarga sul viso, "Che diavolo ti è successo Lucy?" dice Elizabeth con un misto di paura e lussuria nella voce mentre prende la nuova forma del suo schiavo. Lucy tira il guinzaglio in mano, cosa che Elizabeth nota solo ora, distratta dai seni perfettamente sagomati davanti a lei, i capezzoli che perforano il tessuto sottile. Da dietro Lucy striscia una ragazza; Elizabeth ricorda vagamente lei, forse Jessica? Mentre esce fuori, Elizabeth vede che tutto ciò che indossa è un camice da laboratorio come Lucy, tranne per il fatto che il suo è stato lasciato aperto per far vedere a tutto il suo sguardo grandi seni e deliziosi capezzoli rosa. "Ti ricordi le mie amiche Jessica?" Lucy chiede: “Jess qui ha creato una piccola formula carina e da essa mi è stato donato il corpo di una vera dea. È molto meglio della tua forma fragile."

Riacquistando un po' della sua compostezza, Elizabeth cerca di riaffermare se stessa: "Beh, se è così, non dovresti avere problemi a pulire il disordine nell'altra stanza, a causa del tuo ritardo mi sono arrabbiata e ho rotto l'armadietto dei giocattoli. Vai avanti schiavo prima di me aggiungi alla tua punizione".
"Oh, non sono più il tuo schiavo, quindi puoi pulirlo da solo."
"Non farò niente del genere! Sono la tua Padrona e mi obbedirai." La rabbia mi riempie ancora una volta.
"No, vedi che non devo obbedirti ed è per un motivo importante. Jessica, toglimi il cappotto."
"Certo che padrona" Jess si alza e sbottona il cappotto, il suo corpo blocca la visuale di Elizabeth. "Buon schiavo, ora potresti avere la tua ricompensa."
"Grazie, padrona." Jess scivola sul pavimento e mentre lo fa mi rendo conto del cambiamento più grande: tra le gambe di Lucy c'è un enorme cazzo di 11 pollici, più grande di qualsiasi loro sex toy e grondante di sperma femminile. Il cazzo scompare rapidamente mentre Jess inizia a prenderlo dentro la sua bocca, gemendo di gioia per il gusto mentre si copre la lunghezza dello sputo mentre le scivola in gola facendola vomitare.
"Oh mio dio, sei un mostro!" Dico in stato di shock, indietreggiando alla vista: "Che cazzo ti è successo?"
"Sono diventato molto più di quello che ero con te, il mio cazzo è fantastico e la nuova forza mi permette di prendere chiunque voglio come mio, incluso te." Detto ciò, spinge Jess da parte e mi prende per il collo, spingendomi contro il muro. Cerco di resistere ma tutto quello che posso fare è grattarle il braccio mentre mi strappa i vestiti. Anche mentre urlo, posso sentire la mia figa diventare sempre più bagnata.
"Cosa vuole da me?" chiedo spaventato mentre inizia a giocare con il mio capezzolo, facendomi gemere. "Semplice", risponde, "voglio che tu sia mia. Da oggi sei la mia schiava, proprio come Jessica". Mentre lo dice, Jessica inizia a strisciare "Vuoi che la prepari per te, padrona?"
"Per favore, fai lo schiavo, ma ho dei piani per lei quindi non farla venire." Jessica striscia sotto di me e inizia a leccarmi la figa. Lentamente all'inizio la sua lingua esplora la mia fica, prestando particolare attenzione al mio clitoride per farmi gemere, ma tirandosi sempre indietro mentre sento l'orgasmo crescere, "Smettila", gemo, "ferma questo e non ti punirò".
"Puniscimi? Come pensi di farlo? Sono più alto e più forte di te, e non lo sei più sei più ostinato di me." Rafforza la presa sulla mia gola e sento il respiro che mi sfugge e la fica gocciola di lussuria per il dolore. Cerco di resistere, ma sento che la mia forza mi abbandona; in un ultimo atto di sfida, brando un pugno contro Lucy, colpendole la mascella e facendomi cadere a terra, cadendo su Jessica.
"Come osi colpirmi!" urla Lucy afferrandomi per i capelli e trascinandomi nel seminterrato, la consapevolezza mi riempie di paura.

"Hai tenuto questa stanza per quando mi sono comportata davvero male", mi dice, "ma ora la userò per te."
"No, per favore! Mi dispiace di averti picchiato!"
"È troppo tardi per quello, preparati per la tua punizione"
Il seminterrato era una stanza che non usavamo da quando Lucy iniziò a vivere con me, quando credeva ancora di avere un certo controllo sulla relazione. La stanza era costruita di pietra scura, scaffali di vari giocattoli sessuali e attrezzature allineate alle pareti, il tutto circondando una X di legno. Contro la sua nuova forza, la mia lotta era inutile mentre mi rinchiudeva in posizione. In silenzio, Lucy inizia a collezionare giocattoli: tre piccoli vibratori, sex tape, candele, un vibratore da 7 pollici e una serie di dodici palline anali. "Queste saranno la tua punizione. Jessica, per favore aiutami."
"Certo signora." lei risponde, alzandosi in ginocchio accanto a Lucy e rimuovendo le dita dalla sua figa, le corde del suo sperma che le trascinano le dita.
Si mettono al lavoro velocemente, Jessica inserisce il vibratore nella mia figa e le perline nel mio culo mentre Lucy attacca i vibratori più piccoli al mio clitoride e ai miei capezzoli, impostando le candele per gocciolare sul mio seno, stomaco e cosce. Guardando il suo lavoro, Lucy inizia ad accendere i vibratori al minimo e ad accendere le candele, "con la mia nuova forma avrò bisogno di un nuovo guardaroba. Quindi mentre io e Jessica usciamo per farlo, tu rimarrai qui e pensa a come mi hai disobbedito. Spero che una volta tornato capirai che sei a posto".
Provo a rispondere, ma mentre apro la bocca la prima goccia di cera cade sulla parte interna della coscia, il mix di dolore e piacere mi fa gemere per la sorpresa. "Buon schiavo, ci vediamo quando torniamo."


Lucia:


Mentre lasciano il dungeon del sesso, Jessica mi guarda "Posso chiederti una cosa, Padrona?" Dice: "Cos'è il mio dolce schiavo?" Rispondo: "Perché non prenderla semplicemente come hai fatto con me? Potresti renderla tua molto più facile semplicemente riempiendola con il tuo delizioso sperma".
"So che avrei potuto, ma seguo i suoi ordini da tre anni ormai, e sebbene sia stato divertente dopo aver accettato il mio posto sotto di lei, voglio che si renda conto di quanto sia inutile il suo potere su di me ora e che sono quello che ha il controllo". Abbasso lo sguardo e prendo il mio cazzo in mano, "Ed è tutto perché mi hai dato questo. Grazie Jessica."
"È stato un piacere per me, signora, anche se ho notato qualcosa anch'io."
"Cos'è schiavo?"
"Beh, mentre vieni più di qualsiasi altro uomo a causa dei tuoi testicoli sovradimensionati, lo sperma è ancora molto simile a quello di una ragazza: non è così denso, ma ha un sapore decisamente più dolce di quello di un uomo. Inoltre non sono sicuro se potresti mettere incinta una ragazza, ma dalla quantità penso che se hai quella capacità, chiunque tu riempia rimarrà incinta senza dubbio".
"Quindi è probabile che rimarrai incinta da parte mia?"
"Sì, padrona. Penso che sia molto probabile che io sia incinta, e ipotizzo che il bambino sarà molto simile a te, sicuramente una ragazza come minimo."
“Beh, allora voglio diffondere il mio regalo a quante più ragazze possibile. Seguimi schiavo.
Portando Jess in camera da letto, comincio a cercare dei vestiti che ci stiano bene. Alla fine trovo una gonna bianca ampia che finisce alle mie ginocchia e una canotta scollata, che mi dà molto scollatura; qualsiasi idea di biancheria intima è stata resa impossibile dalla mia crescita, invece uso del sex tape per limitare il mio cazzo per prevenire qualsiasi incidenza pubblica. Per Jess trovo uno dei vecchi outfit di Elizabeth: un paio di shorts in denim e un top rosso con fermacravatta con un profondo scollo a V, "Sei fantastica Mistress". Jess dice, seppellendo il viso nella mia scollatura: “Grazie schiava, ma dobbiamo stare da qualche parte. Ti ricompenserò più tardi se ti comporterai bene".
"Certo padrona", dice, cadendo dietro di me mentre usciamo di casa e saliamo in macchina.

Essendo in una città grande e piuttosto elegante, il centro commerciale centrale è grande e incredibilmente caro, fortuna per me che ho la carta di credito di Elizabeth. Trovando un parco, iniziamo a camminare verso i negozi e già sto attirando gli sguardi di chi mi sta intorno; l'attenzione mi riempie di lussuria e tende il nastro. "Potrei avere chiunque voglia" dico a Jess, "E sarebbero felici di essere tuoi, padrona." Lei risponde
"In pubblico, chiamami Lucy, attireremo meno attenzione in questo modo."
"Certo, Lucy." Lei risponde felice, avvolgendosi intorno al mio braccio.
Una volta entrati nel centro commerciale, decidiamo che la nostra prima tappa dovrebbe essere Victoria Secrets. Quando entriamo nel negozio, siamo accolti dalla vista di alcuni dei migliori seni che abbia mai visto a parte il mio. L'impiegato che gestisce il negozio è una bomba da 5'4 "con seni a coppa DD, tacchi neri da troia da 6" pollici e lunghi capelli biondi legati in una coda di cavallo. Il suo outfit è semplice e formale: pantaloni neri e una camicia nera abbottonata, ma con i primi 3 bottoni slacciati e un reggiseno push-up molto carino, i suoi seni le uscivano dalla camicia. Avvicinandosi a noi con un sorriso sul viso ci saluta: “Ciao! Mi chiamo Ashlyn e sono il manager del negozio. È una giornata lenta in questo momento, quindi posso aiutarti a scegliere tutto ciò che stai cercando. C'è qualcosa in particolare che stai cercando?" distratto dai suoi seni, rispondo in ritardo: "Uh, sì, c'è. Mi chiamo Lucy e questa è Jess, recentemente sono cresciuta un po' e ho bisogno di un guardaroba completamente nuovo, quindi inizio con l'intimo". Avvicinandomi dico: "Io, ehm, non mi adatto a nessuno dei miei in questo momento".
“Beh, posso sicuramente vedere che qualunque cosa abbia causato la crescita è andata bene, sei fantastico! Se stai cercando un nuovo guardaroba, posso aiutarti.
"Grazie! Vorrei anche alcune cose per la mia ragazza, preferibilmente i pezzi più cattivi".
con una strizzatina d'occhio ben informata, lei risponde "So esattamente cosa stai cercando. Farò solo che voi due veniate con me sul retro così posso valutarvi.

Seguendo Ashlyn sul retro, io e Jess ci togliamo le cime e Ashlyn inizia a valutarci. "Tutto fatto! Jess, sei una 34 D e Lucy sei un'incredibile 36 E! Mi piacerebbe conoscere il tuo segreto. Riesco a sentire la sottile lussuria nella sua voce, ho trovato il mio prossimo schiavo? "Beh, è ​​solo una buona genetica, ahah."
“Beh, allora vorrei sicuramente far parte della tua famiglia. Che ne dici di aspettare qui e io raccolgo alcuni pezzi che penso ti piaceranno. Mentre Ashlyn si allontana, afferro Jess e la bacio profondamente, "mio dio, vederla toccare il mio seno in quel modo mi ha reso così eccitato, non credo che il nastro durerà a lungo". Jess mi guarda con lussuria, "C'è qualcosa che posso fare per te Padrona?"
“Non ancora, non c'è niente che possiamo fare senza avvisare Ashlyn. Aspetta, ho un piano". Bacio velocemente Jess ancora una volta prima che Ashlyn ritorni con una manciata di reggiseni e mutandine di pizzo, "ora questi sono per te Lucy", porgendomi i completi appesi al suo braccio destro, dandomi un bel lampo della sua scollatura, "e questi sono il tuo Jess. Quello rosso e quello nero che avete ciascuno lo consiglio, è fantastico e lo indosso anche adesso. Staccare un altro bottone dalla camicia per rivelarci il reggiseno. "Sembra incredibilmente comodo." Dico, prendendo il mio e mettendolo, sentendo il morbido intarsio strofinarsi contro i miei capezzoli, facendomi gemere leggermente: "Ho detto che si sentono davvero bene, vero?" dice, lasciando la maglietta slacciata: "Lo fa davvero, ma come si sentono le mutandine?" le chiedo, appoggiandomi al suo orecchio mentre lo dico. Gemendo sommessamente, lei risponde “Si sentono benissimo, si indossano e si tolgono. Ti piacerebbe vedere?"
"Sì, per favore, togliti i pantaloni per me."
"Certo, lasciami solo mettere un segno di uscita." Partendo, torna rapidamente: "Ora non ci daremo fastidio per un po'". Comincia a togliersi i pantaloni, girandomi le spalle per mostrarmi il culo tondo e le mutandine nere e rosse abbinate. Mi allungo in avanti e tiro il suo culo verso di me, mordendo le mutandine e tirandole giù "Jess, leccala la figa". Comando: "Con piacere, padrona". Jess risponde. "Padrona? Penso che questo mi piacerà". dice Ashlyn, togliendosi la maglietta e togliendosi il reggiseno, liberando il seno. "Ti piacerà ancora di più." Dico mentre allargo le sue guance e affondo la lingua nel suo culo, facendola gemere forte e mordersi il labbro: "Oh dio, va bene. Non ho mai avuto qualcuno che mi mangiasse il culo ma è così buono! Jess ed io ci immergiamo ulteriormente, il nostro assalto congiunto al suo culo e alla sua figa la porta a un rapido orgasmo. Ansimando, cade a terra accanto a Jess: “È stato fantastico. Ora come posso ripagarti per un orgasmo così straordinario?" chiede, tirandosi leggermente i capezzoli.

Alzandomi, mi tolgo la gonna e Ashlyn vede esattamente cosa si nascondeva sotto di essa: "Puoi prenderlo in bocca".
All'inizio posso vedere che è spaventata, ma presto la paura viene sostituita dalla lussuria per il mio grosso cazzo mentre il suo aroma riempie la stanza “Non so come fai ad avere quel mostro, ma è il cazzo più grande che abbia mai visto e Che io sia dannato se perdo l'occasione di succhiarlo via". Avvolgendo le mani attorno all'asta, inizia a prenderlo in bocca. Lottando, lo estrae e inizia a leccare la testa, massaggiando le palle con una mano e accarezzando la metà inferiore dell'asta con l'altra. Jess, con una mano nella sua fica e l'altra che le stringe un capezzolo, mi guarda per gli ordini: "Fai piacere a lei". Dico. Con un semplice cenno si sposta dietro ad Ashlyn e le morde dolcemente il collo, rilasciando un gemito di Ashlyn. Andando oltre, raggiunge Ashlyn e inizia a giocare con il suo capezzolo mentre l'altra mano scende tra le sue gambe, trovandola bagnata mentre affonda le dita dentro di sé. I suoi gemiti nel mio cazzo migliorano il piacere, e mentre inizia a infilarsi la testa in gola, comincio a sentire la mia palla stringere, "Ti sborro troia, preparati! Anche tu, schiavo. in preparazione mi tira fuori dalla sua bocca, puntando il mio cazzo verso il suo viso, la bocca di Jess il più vicino possibile a quella di Ashlyn. Con un ultimo colpo di Ashlyn, il mio cazzo esplode di sborra da ragazza, riempiendo entrambe le loro bocche e coprendo i loro volti con il mio sperma. Immediatamente entrambi ingoiano i carichi in bocca e iniziano ad attaccarsi a vicenda per ottenere più sperma possibile.
Una volta che hanno finito li guardo sorridendo: "Ora che ne dici?"
"Grazie padrona!" dicono all'unisono, Ashlyn apparentemente sotto la stessa influenza di Jess. “Buoni schiavi. Ora Ashlyn, penso che tutto questo dovrebbe essere gratuito, non credi?
"Certo, padrona!" dice allegramente: "La padrona non dovrebbe pagare nulla".
"Brava ragazza, allora puoi pulire il mio cazzo." Immediatamente si tuffa per il mio cazzo, leccandolo dalla base alla punta, senza perdere una goccia del mio sperma.
Come Jess ed io partiamo con borse piene di lingerie e il numero di Ashlyn. Passiamo velocemente l'ultima ora prima della chiusura a comprare quanti più nuovi outfit possibili. Lasciando il centro commerciale, Jess ora indossa un vestito rosso molto sexy con una profonda V fino all'ombelico e tacchi alti 7 pollici mentre indosso pantaloni di jeans attillati, la biancheria intima nera e rossa suggerita da Ashlyn e un crop top bianco aderente , perfettamente aderente al mio seno e mostrando i miei addominali muscolosi. “Ora torniamo a casa e vediamo come sta Elizabeth. Penso che ti piacerà vivere con noi Ashlyn". Le dico, avvolto intorno al mio braccio proprio come Jess: "Amerò qualsiasi cosa finché sarò con te, padrona". Dice guardandomi negli occhi con amore.
“È bello sentirlo. Anche i colletti stanno bene su entrambi. Gli stringo entrambi i culi mentre salgono sul sedile posteriore dell'auto. "Ora entrambi, per favore, divertitevi a vicenda in preparazione per quello che ho in serbo una volta arrivati ​​a casa."
"Certo, padrona." Dicono mentre iniziano a baciarsi appassionatamente.

Storie simili

Non c'era altro modo Pt. II

Perché, pensavo volessi scoparti mia moglie? L'uomo con la pistola ha risposto: Lo faremo, e tu puoi succhiarmi il cazzo mentre quei due fanno a modo loro, altrimenti Tom! Faresti meglio a fare come dico ventosa! Ho guardato mio marito incredulo per quello che stavo sentendo, un uomo che gli diceva di succhiargli il cazzo ma poi c'era di nuovo coinvolta una pistola. Le mani che mi stavano afferrando il culo e spingendo il loro cazzo dentro di me fino in fondo e poi macinando hanno iniziato a tirarsi fuori. Stava guardando l'uomo armato e l'ho sentito dire: Ecco, lascia che...

595 I più visti

Likes 0

Fantasy-mores un mistero

*nota: questa storia include personaggi e comportamenti immaginari, non messi in realtà allo scopo di praticare o non partecipare a feste, qualunque cosa significhi. puoi ridere, piangere o persino scagliarti, ma nessuna colpa può essere attribuita all'autore per i tuoi sentimenti Ehi, ti piace davvero giocare con quella piccola cosa sexy lì, vero? Sei un dolce piccolo idiota, vero? Dai, te lo succhio subito qui e ora. I 18 anni. la vecchia ragazza nera si è tolta il reggiseno, e poi le mutandine, poi è scesa davanti al quattordicenne. vecchio ragazzo bianco, e lo ha davvero succhiato, succhiando via lì sulla...

754 I più visti

Likes 0

Poteri espliciti

Questa è la mia prima storia in assoluto, l'ho riletta ma per favore non voglio che un gruppo di insegnanti di inglese abusi della mia grammatica. Le critiche costruttive vanno bene, ma nessuna roba del genere era merda, ecc. Avevo sempre saputo di essere speciale da bambino mentre crescevo. Non solo perché era quello che dicevano i miei genitori, ma perché sapevo di avere questi poteri. Ho scoperto che potevo plasmare il cambiamento alla giovane età di 13 anni, ma sapendo già cosa succede ai mostri con poteri del genere, l'ho tenuto per me. Ovviamente questo è anche il momento in...

679 I più visti

Likes 0

Memorie

Estratto dalle memorie di Stan R. Shealton, autore pubblicato: ...poche ore dopo, scappando lentamente dal sogno, mi sono sentito come se stessi lasciando un posto in cui ero stato per anni, come se appartenessi a quel posto. Mi sono svegliato con le immagini ancora nella mia visione e la sensazione più sensuale delle onde di succosa umidità che scorre sul mio corpo. Continuai a gemere in modo incontrollabile, i miei piedi affondavano nel materasso permettendo ai miei fianchi di fluire in avanti, ancora e ancora. Rendendomi conto in quel momento che stavo stringendo qualcosa, abbassai lo sguardo per vedere gli occhi...

627 I più visti

Likes 0

Fallout: Le avventure mai raccontate

Ehi ragazzi, questa è la prima volta che scrivo una storia, ditemi cosa ne pensate e se dovrei continuare Angel è una ragazzina. Ha vissuto in un caveau per tutta la sua vita, o almeno lo ha fatto finché suo padre non ha lasciato il caveau. Dovrei rallentare, il Vault 101 è sempre stato sicuro e le persone erano gentili tra loro. Tu e tuo padre avete vissuto nel caveau per tutta la vita e sapevate che fuori c'era un mondo, ma non sapevate cosa ci fosse là fuori. Nel caveau le persone si aiutavano a vicenda, c'era cibo e acqua...

542 I più visti

Likes 0

Il ragazzo dei miei sogni è diventato il mio amante.

La mia storia inizia in modo normale, come la torta di mele e l'America. (i nomi verranno utilizzati per nascondere l'identità dei seguenti.) Mi chiamo Matt, sono una matricola al liceo. Ho lunghi capelli castani ricci che i ragazzi adorano di me. Peso circa 180 libbre ma sono tutti muscoli perché mi alleno tutti i giorni dopo la scuola. Sono alto 6'2 piedi e ho occhi azzurri profondi. basta parlare di me adesso riguardo al mio amante. Il mio amante Justin è alto circa 6'3 piedi e molto magro. indossa sempre questi pantaloni da jogging sexy a scuola con una maglietta...

449 I più visti

Likes 0

L'influenza a scuola [Capitolo 1]

Ehi, sono Noah, il personaggio principale forse si potrebbe dire per questo e mi considero un bravo ragazzo. Frequento una scuola privata nella periferia di Londra e vivo con mia mamma e mia sorella gemella Charlotte o Sha come preferisce da chiamare. Sono all'ultimo anno di scuola e non mi considero popolare, ma non litigo con molte persone e sembra che a tutti piaccia stare con me (spero che non sembri troppo ossessionato da me stesso). Sono alto 6'3 ma non sono incredibilmente magro, ho addominali visibili e una discreta quantità di muscoli ovunque sia necessario a causa di tutti gli...

456 I più visti

Likes 0

My Live-in Maid - La nuova vita della vedova indiana all'estero.-07

My Live-in Maid - La nuova vita di una vedova indiana all'estero.- 7 Una vedova bambina Live in Maid va all'estero La sensualità e la sottomissione Nella Parte 6 leggi Ma eccola qui, che rinuncia alla sua castità e agisce per lussuria nel letto di un giovane con l'età solo di suo fratello minore, e addirittura lo riconosce sottomesso come il suo nuovo signore e marito, IMPENSABILE. Questo è un atto di follia, Anu finalmente affronta il fatto che le sue azioni sarebbero e saranno comunque condannate nel suo villaggio e lei sarà ripudiata e denunciata di ogni onore come donna...

403 I più visti

Likes 0

Un volo da ricordare

La mia esperienza ad alta quota Ho trascorso l'estate all'Università della California a Berkeley, studiando arabo, quando sono dovuto tornare a casa in Alabama. I miei numerosi voli in coincidenza hanno reso la tariffa più economica, ma ci è voluto molto più tempo per tornare a casa. Non sapevo che più tardi quel giorno avrei voluto avere più tempo su uno dei miei voli, non di meno. Salii su un aereo del Southwest in Arizona, diretto a Birmingham nel primo pomeriggio, e scelsi un posto vicino al retro dell'aereo. Ho tirato fuori un libro e avevo appena finito le prime pagine...

206 I più visti

Likes 0

Lamenti di un PSO

Lamenti di un PSO Voglio dire, lo faccio per vivere, sai? Non fraintendermi, può essere divertente, infatti, è soprattutto divertente. Ma ci sono alcuni giorni, e alcuni chiamanti, che ti fanno impazzire. Capisco i feticci, diavolo questo è il mio lavoro, e sono dannatamente bravo a farlo, se lo dico io stesso. Ma per l'amor di Dio, ci sono solo alcune cose che non posso fare. Il che mi porta a questo dilemma. Ho questo chiamante, sembra abbastanza gentile, è un cliente abituale e chiama da un po'. Ma ha questa ossessione con cui non posso proprio aiutarlo. So cosa stai...

871 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.