Schiavo dell'amante, parte 2

101Report
Schiavo dell'amante, parte 2

La parte 2 è qui! più lungo del primo, quindi spero che vi piaccia.

Elisabetta:


Elisabetta era furiosa. Non solo il suo schiavo non era alla porta, non era nemmeno in casa! All'inizio Elizabeth pensava che fosse il modo di Lucy di convincerla a "punirla", ma ora non era sicura. "Le do tutto e lei mi lascia? Non ha senso!" Elizabeth spinge sopra un armadietto, rompendolo e facendo volare i giocattoli sessuali sul pavimento, "Cazzo, ora devo ripulirlo da solo". Quando inizia a raccogliere i vari dildo, vibratori, fruste e attacchi, sente la porta aprirsi e si precipita fuori dalla stanza piena di rabbia. "Dannazione schiava, dove sei stata? Te l'ho detto 5 exa- Lucy?" Elizabeth guarda Lucy sulla soglia in stato di shock. Invece della ragazzina che ha avuto come schiava negli ultimi tre anni, invece di lei c'è un'amazzone alta 1,8 m, i suoi muscoli pulsano sotto il camice da laboratorio aderente, i suoi seni massicci uniti e la punta di qualcosa di spesso che spunta fuori tra le sue gambe "Ciao Elizabeth, come ti piace la nuova me?" Lucy dice, un sorriso diabolico che le si allarga sul viso, "Che diavolo ti è successo Lucy?" dice Elizabeth con un misto di paura e lussuria nella voce mentre prende la nuova forma del suo schiavo. Lucy tira il guinzaglio in mano, cosa che Elizabeth nota solo ora, distratta dai seni perfettamente sagomati davanti a lei, i capezzoli che perforano il tessuto sottile. Da dietro Lucy striscia una ragazza; Elizabeth ricorda vagamente lei, forse Jessica? Mentre esce fuori, Elizabeth vede che tutto ciò che indossa è un camice da laboratorio come Lucy, tranne per il fatto che il suo è stato lasciato aperto per far vedere a tutto il suo sguardo grandi seni e deliziosi capezzoli rosa. "Ti ricordi le mie amiche Jessica?" Lucy chiede: “Jess qui ha creato una piccola formula carina e da essa mi è stato donato il corpo di una vera dea. È molto meglio della tua forma fragile."

Riacquistando un po' della sua compostezza, Elizabeth cerca di riaffermare se stessa: "Beh, se è così, non dovresti avere problemi a pulire il disordine nell'altra stanza, a causa del tuo ritardo mi sono arrabbiata e ho rotto l'armadietto dei giocattoli. Vai avanti schiavo prima di me aggiungi alla tua punizione".
"Oh, non sono più il tuo schiavo, quindi puoi pulirlo da solo."
"Non farò niente del genere! Sono la tua Padrona e mi obbedirai." La rabbia mi riempie ancora una volta.
"No, vedi che non devo obbedirti ed è per un motivo importante. Jessica, toglimi il cappotto."
"Certo che padrona" Jess si alza e sbottona il cappotto, il suo corpo blocca la visuale di Elizabeth. "Buon schiavo, ora potresti avere la tua ricompensa."
"Grazie, padrona." Jess scivola sul pavimento e mentre lo fa mi rendo conto del cambiamento più grande: tra le gambe di Lucy c'è un enorme cazzo di 11 pollici, più grande di qualsiasi loro sex toy e grondante di sperma femminile. Il cazzo scompare rapidamente mentre Jess inizia a prenderlo dentro la sua bocca, gemendo di gioia per il gusto mentre si copre la lunghezza dello sputo mentre le scivola in gola facendola vomitare.
"Oh mio dio, sei un mostro!" Dico in stato di shock, indietreggiando alla vista: "Che cazzo ti è successo?"
"Sono diventato molto più di quello che ero con te, il mio cazzo è fantastico e la nuova forza mi permette di prendere chiunque voglio come mio, incluso te." Detto ciò, spinge Jess da parte e mi prende per il collo, spingendomi contro il muro. Cerco di resistere ma tutto quello che posso fare è grattarle il braccio mentre mi strappa i vestiti. Anche mentre urlo, posso sentire la mia figa diventare sempre più bagnata.
"Cosa vuole da me?" chiedo spaventato mentre inizia a giocare con il mio capezzolo, facendomi gemere. "Semplice", risponde, "voglio che tu sia mia. Da oggi sei la mia schiava, proprio come Jessica". Mentre lo dice, Jessica inizia a strisciare "Vuoi che la prepari per te, padrona?"
"Per favore, fai lo schiavo, ma ho dei piani per lei quindi non farla venire." Jessica striscia sotto di me e inizia a leccarmi la figa. Lentamente all'inizio la sua lingua esplora la mia fica, prestando particolare attenzione al mio clitoride per farmi gemere, ma tirandosi sempre indietro mentre sento l'orgasmo crescere, "Smettila", gemo, "ferma questo e non ti punirò".
"Puniscimi? Come pensi di farlo? Sono più alto e più forte di te, e non lo sei più sei più ostinato di me." Rafforza la presa sulla mia gola e sento il respiro che mi sfugge e la fica gocciola di lussuria per il dolore. Cerco di resistere, ma sento che la mia forza mi abbandona; in un ultimo atto di sfida, brando un pugno contro Lucy, colpendole la mascella e facendomi cadere a terra, cadendo su Jessica.
"Come osi colpirmi!" urla Lucy afferrandomi per i capelli e trascinandomi nel seminterrato, la consapevolezza mi riempie di paura.

"Hai tenuto questa stanza per quando mi sono comportata davvero male", mi dice, "ma ora la userò per te."
"No, per favore! Mi dispiace di averti picchiato!"
"È troppo tardi per quello, preparati per la tua punizione"
Il seminterrato era una stanza che non usavamo da quando Lucy iniziò a vivere con me, quando credeva ancora di avere un certo controllo sulla relazione. La stanza era costruita di pietra scura, scaffali di vari giocattoli sessuali e attrezzature allineate alle pareti, il tutto circondando una X di legno. Contro la sua nuova forza, la mia lotta era inutile mentre mi rinchiudeva in posizione. In silenzio, Lucy inizia a collezionare giocattoli: tre piccoli vibratori, sex tape, candele, un vibratore da 7 pollici e una serie di dodici palline anali. "Queste saranno la tua punizione. Jessica, per favore aiutami."
"Certo signora." lei risponde, alzandosi in ginocchio accanto a Lucy e rimuovendo le dita dalla sua figa, le corde del suo sperma che le trascinano le dita.
Si mettono al lavoro velocemente, Jessica inserisce il vibratore nella mia figa e le perline nel mio culo mentre Lucy attacca i vibratori più piccoli al mio clitoride e ai miei capezzoli, impostando le candele per gocciolare sul mio seno, stomaco e cosce. Guardando il suo lavoro, Lucy inizia ad accendere i vibratori al minimo e ad accendere le candele, "con la mia nuova forma avrò bisogno di un nuovo guardaroba. Quindi mentre io e Jessica usciamo per farlo, tu rimarrai qui e pensa a come mi hai disobbedito. Spero che una volta tornato capirai che sei a posto".
Provo a rispondere, ma mentre apro la bocca la prima goccia di cera cade sulla parte interna della coscia, il mix di dolore e piacere mi fa gemere per la sorpresa. "Buon schiavo, ci vediamo quando torniamo."


Lucia:


Mentre lasciano il dungeon del sesso, Jessica mi guarda "Posso chiederti una cosa, Padrona?" Dice: "Cos'è il mio dolce schiavo?" Rispondo: "Perché non prenderla semplicemente come hai fatto con me? Potresti renderla tua molto più facile semplicemente riempiendola con il tuo delizioso sperma".
"So che avrei potuto, ma seguo i suoi ordini da tre anni ormai, e sebbene sia stato divertente dopo aver accettato il mio posto sotto di lei, voglio che si renda conto di quanto sia inutile il suo potere su di me ora e che sono quello che ha il controllo". Abbasso lo sguardo e prendo il mio cazzo in mano, "Ed è tutto perché mi hai dato questo. Grazie Jessica."
"È stato un piacere per me, signora, anche se ho notato qualcosa anch'io."
"Cos'è schiavo?"
"Beh, mentre vieni più di qualsiasi altro uomo a causa dei tuoi testicoli sovradimensionati, lo sperma è ancora molto simile a quello di una ragazza: non è così denso, ma ha un sapore decisamente più dolce di quello di un uomo. Inoltre non sono sicuro se potresti mettere incinta una ragazza, ma dalla quantità penso che se hai quella capacità, chiunque tu riempia rimarrà incinta senza dubbio".
"Quindi è probabile che rimarrai incinta da parte mia?"
"Sì, padrona. Penso che sia molto probabile che io sia incinta, e ipotizzo che il bambino sarà molto simile a te, sicuramente una ragazza come minimo."
“Beh, allora voglio diffondere il mio regalo a quante più ragazze possibile. Seguimi schiavo.
Portando Jess in camera da letto, comincio a cercare dei vestiti che ci stiano bene. Alla fine trovo una gonna bianca ampia che finisce alle mie ginocchia e una canotta scollata, che mi dà molto scollatura; qualsiasi idea di biancheria intima è stata resa impossibile dalla mia crescita, invece uso del sex tape per limitare il mio cazzo per prevenire qualsiasi incidenza pubblica. Per Jess trovo uno dei vecchi outfit di Elizabeth: un paio di shorts in denim e un top rosso con fermacravatta con un profondo scollo a V, "Sei fantastica Mistress". Jess dice, seppellendo il viso nella mia scollatura: “Grazie schiava, ma dobbiamo stare da qualche parte. Ti ricompenserò più tardi se ti comporterai bene".
"Certo padrona", dice, cadendo dietro di me mentre usciamo di casa e saliamo in macchina.

Essendo in una città grande e piuttosto elegante, il centro commerciale centrale è grande e incredibilmente caro, fortuna per me che ho la carta di credito di Elizabeth. Trovando un parco, iniziamo a camminare verso i negozi e già sto attirando gli sguardi di chi mi sta intorno; l'attenzione mi riempie di lussuria e tende il nastro. "Potrei avere chiunque voglia" dico a Jess, "E sarebbero felici di essere tuoi, padrona." Lei risponde
"In pubblico, chiamami Lucy, attireremo meno attenzione in questo modo."
"Certo, Lucy." Lei risponde felice, avvolgendosi intorno al mio braccio.
Una volta entrati nel centro commerciale, decidiamo che la nostra prima tappa dovrebbe essere Victoria Secrets. Quando entriamo nel negozio, siamo accolti dalla vista di alcuni dei migliori seni che abbia mai visto a parte il mio. L'impiegato che gestisce il negozio è una bomba da 5'4 "con seni a coppa DD, tacchi neri da troia da 6" pollici e lunghi capelli biondi legati in una coda di cavallo. Il suo outfit è semplice e formale: pantaloni neri e una camicia nera abbottonata, ma con i primi 3 bottoni slacciati e un reggiseno push-up molto carino, i suoi seni le uscivano dalla camicia. Avvicinandosi a noi con un sorriso sul viso ci saluta: “Ciao! Mi chiamo Ashlyn e sono il manager del negozio. È una giornata lenta in questo momento, quindi posso aiutarti a scegliere tutto ciò che stai cercando. C'è qualcosa in particolare che stai cercando?" distratto dai suoi seni, rispondo in ritardo: "Uh, sì, c'è. Mi chiamo Lucy e questa è Jess, recentemente sono cresciuta un po' e ho bisogno di un guardaroba completamente nuovo, quindi inizio con l'intimo". Avvicinandomi dico: "Io, ehm, non mi adatto a nessuno dei miei in questo momento".
“Beh, posso sicuramente vedere che qualunque cosa abbia causato la crescita è andata bene, sei fantastico! Se stai cercando un nuovo guardaroba, posso aiutarti.
"Grazie! Vorrei anche alcune cose per la mia ragazza, preferibilmente i pezzi più cattivi".
con una strizzatina d'occhio ben informata, lei risponde "So esattamente cosa stai cercando. Farò solo che voi due veniate con me sul retro così posso valutarvi.

Seguendo Ashlyn sul retro, io e Jess ci togliamo le cime e Ashlyn inizia a valutarci. "Tutto fatto! Jess, sei una 34 D e Lucy sei un'incredibile 36 E! Mi piacerebbe conoscere il tuo segreto. Riesco a sentire la sottile lussuria nella sua voce, ho trovato il mio prossimo schiavo? "Beh, è ​​solo una buona genetica, ahah."
“Beh, allora vorrei sicuramente far parte della tua famiglia. Che ne dici di aspettare qui e io raccolgo alcuni pezzi che penso ti piaceranno. Mentre Ashlyn si allontana, afferro Jess e la bacio profondamente, "mio dio, vederla toccare il mio seno in quel modo mi ha reso così eccitato, non credo che il nastro durerà a lungo". Jess mi guarda con lussuria, "C'è qualcosa che posso fare per te Padrona?"
“Non ancora, non c'è niente che possiamo fare senza avvisare Ashlyn. Aspetta, ho un piano". Bacio velocemente Jess ancora una volta prima che Ashlyn ritorni con una manciata di reggiseni e mutandine di pizzo, "ora questi sono per te Lucy", porgendomi i completi appesi al suo braccio destro, dandomi un bel lampo della sua scollatura, "e questi sono il tuo Jess. Quello rosso e quello nero che avete ciascuno lo consiglio, è fantastico e lo indosso anche adesso. Staccare un altro bottone dalla camicia per rivelarci il reggiseno. "Sembra incredibilmente comodo." Dico, prendendo il mio e mettendolo, sentendo il morbido intarsio strofinarsi contro i miei capezzoli, facendomi gemere leggermente: "Ho detto che si sentono davvero bene, vero?" dice, lasciando la maglietta slacciata: "Lo fa davvero, ma come si sentono le mutandine?" le chiedo, appoggiandomi al suo orecchio mentre lo dico. Gemendo sommessamente, lei risponde “Si sentono benissimo, si indossano e si tolgono. Ti piacerebbe vedere?"
"Sì, per favore, togliti i pantaloni per me."
"Certo, lasciami solo mettere un segno di uscita." Partendo, torna rapidamente: "Ora non ci daremo fastidio per un po'". Comincia a togliersi i pantaloni, girandomi le spalle per mostrarmi il culo tondo e le mutandine nere e rosse abbinate. Mi allungo in avanti e tiro il suo culo verso di me, mordendo le mutandine e tirandole giù "Jess, leccala la figa". Comando: "Con piacere, padrona". Jess risponde. "Padrona? Penso che questo mi piacerà". dice Ashlyn, togliendosi la maglietta e togliendosi il reggiseno, liberando il seno. "Ti piacerà ancora di più." Dico mentre allargo le sue guance e affondo la lingua nel suo culo, facendola gemere forte e mordersi il labbro: "Oh dio, va bene. Non ho mai avuto qualcuno che mi mangiasse il culo ma è così buono! Jess ed io ci immergiamo ulteriormente, il nostro assalto congiunto al suo culo e alla sua figa la porta a un rapido orgasmo. Ansimando, cade a terra accanto a Jess: “È stato fantastico. Ora come posso ripagarti per un orgasmo così straordinario?" chiede, tirandosi leggermente i capezzoli.

Alzandomi, mi tolgo la gonna e Ashlyn vede esattamente cosa si nascondeva sotto di essa: "Puoi prenderlo in bocca".
All'inizio posso vedere che è spaventata, ma presto la paura viene sostituita dalla lussuria per il mio grosso cazzo mentre il suo aroma riempie la stanza “Non so come fai ad avere quel mostro, ma è il cazzo più grande che abbia mai visto e Che io sia dannato se perdo l'occasione di succhiarlo via". Avvolgendo le mani attorno all'asta, inizia a prenderlo in bocca. Lottando, lo estrae e inizia a leccare la testa, massaggiando le palle con una mano e accarezzando la metà inferiore dell'asta con l'altra. Jess, con una mano nella sua fica e l'altra che le stringe un capezzolo, mi guarda per gli ordini: "Fai piacere a lei". Dico. Con un semplice cenno si sposta dietro ad Ashlyn e le morde dolcemente il collo, rilasciando un gemito di Ashlyn. Andando oltre, raggiunge Ashlyn e inizia a giocare con il suo capezzolo mentre l'altra mano scende tra le sue gambe, trovandola bagnata mentre affonda le dita dentro di sé. I suoi gemiti nel mio cazzo migliorano il piacere, e mentre inizia a infilarsi la testa in gola, comincio a sentire la mia palla stringere, "Ti sborro troia, preparati! Anche tu, schiavo. in preparazione mi tira fuori dalla sua bocca, puntando il mio cazzo verso il suo viso, la bocca di Jess il più vicino possibile a quella di Ashlyn. Con un ultimo colpo di Ashlyn, il mio cazzo esplode di sborra da ragazza, riempiendo entrambe le loro bocche e coprendo i loro volti con il mio sperma. Immediatamente entrambi ingoiano i carichi in bocca e iniziano ad attaccarsi a vicenda per ottenere più sperma possibile.
Una volta che hanno finito li guardo sorridendo: "Ora che ne dici?"
"Grazie padrona!" dicono all'unisono, Ashlyn apparentemente sotto la stessa influenza di Jess. “Buoni schiavi. Ora Ashlyn, penso che tutto questo dovrebbe essere gratuito, non credi?
"Certo, padrona!" dice allegramente: "La padrona non dovrebbe pagare nulla".
"Brava ragazza, allora puoi pulire il mio cazzo." Immediatamente si tuffa per il mio cazzo, leccandolo dalla base alla punta, senza perdere una goccia del mio sperma.
Come Jess ed io partiamo con borse piene di lingerie e il numero di Ashlyn. Passiamo velocemente l'ultima ora prima della chiusura a comprare quanti più nuovi outfit possibili. Lasciando il centro commerciale, Jess ora indossa un vestito rosso molto sexy con una profonda V fino all'ombelico e tacchi alti 7 pollici mentre indosso pantaloni di jeans attillati, la biancheria intima nera e rossa suggerita da Ashlyn e un crop top bianco aderente , perfettamente aderente al mio seno e mostrando i miei addominali muscolosi. “Ora torniamo a casa e vediamo come sta Elizabeth. Penso che ti piacerà vivere con noi Ashlyn". Le dico, avvolto intorno al mio braccio proprio come Jess: "Amerò qualsiasi cosa finché sarò con te, padrona". Dice guardandomi negli occhi con amore.
“È bello sentirlo. Anche i colletti stanno bene su entrambi. Gli stringo entrambi i culi mentre salgono sul sedile posteriore dell'auto. "Ora entrambi, per favore, divertitevi a vicenda in preparazione per quello che ho in serbo una volta arrivati ​​a casa."
"Certo, padrona." Dicono mentre iniziano a baciarsi appassionatamente.

Storie simili

Colto in flagrante_(9)

Mi chiamo Carla e sono una studentessa universitaria di 19 anni. Vivo con la mia migliore amica Sarah in un appartamento che i suoi genitori pagano per lei. Il padre di Sarah ha fondato un'azienda che ha funzionato davvero bene e ora ha i soldi da spendere per Sarah quando vuole. Più su di me, sono circa 5'4 con lunghi capelli castano scuro, con una corporatura snella. Ecco la storia di come ho imparato qualcosa in più su me stesso e su Sarah. Sarah era stupenda, era il tipo di ragazza che quando camminavi lungo il corridoio i ragazzi ti fissavano...

1.2K I più visti

Likes 0

New Jock Tales Capitolo 3 Sophomore Year-13

New Jock Tales --- Secondo anno—CH 3—13” e una Ducati Verso le 10:30 bussarono alla porta. Che cazzo Era Mark Mattox, e ha detto che aveva un nuovo contratto per me, se ero interessato. Ho detto di sì, ma questo accordo non aveva niente a che fare con il sesso. Ha detto che avrei portato la droga da Austin fino a Tyler, ogni fine settimana. Pagherebbe 150 dollari a viaggio e sarebbe un chilo di droga. Nessuno guarderebbe una jeep per trasportare erba, e dovrebbe essere un gioco da ragazzi. Rifletto per qualche minuto, poi dice che ci proverei. Mark ha...

1.3K I più visti

Likes 0

Brooke_(1)

Brooke Questa è la mia prima storia e, come tale, sii premuroso nelle tue critiche; solo critiche costruttive per favore. Se non ti piace questa storia, ce ne sono molte altre da leggere. I nomi sono stati cambiati per proteggere i miei fottuti compagni e, a loro volta, il mio culo. Durante la mia adolescenza, sono stato abbastanza sessualmente attivo. Essere un adolescente e anche frequentare un liceo cattolico per soli maschi ha solo favorito la mia libido. Per cominciare, io non sono un ragazzo piccolo. A quel tempo, avevo circa 6'3, 200 libbre e un atleta di prima qualità. Ho...

806 I più visti

Likes 0

L'uomo più piccolo

Stavo guardando le gambe di Jerry, mentre era in piedi sullo sgabello davanti a me. Aveva le cosce molto forti, e ho ammirato la sua forma mentre metteva la nuova lampadina nella plafoniera. Questa cosa è un dolore da raggiungere, ha detto Jerry. Poi, mentre lottava con il bulbo, i miei occhi seguivano le sue gambe muscolose fino al punto in cui si incontravano, e ho dovuto sopprimere uno sguardo fisso: c'era un nodulo che giaceva di lato, un piccolo nodulo, ma c'era un nodulo ben definito. Lascia che ti spieghi quello. Stavamo parlando del nostro recente gruppo di feste che...

720 I più visti

Likes 0

CAW#11 - Giornata degli inverni freddi

Era una fredda notte d'inverno, nel tardo autunno. La nebbia era calata; poco prima di mezzanotte e ricoprì gradualmente le strade. L'aria era piena di nebbia e la visibilità diventava difficile, mentre camminavo per le strade della città. Il mio protettore è costretto a lavorare per strada stasera. Speravo in una notte proficua; per tenere lui e i suoi scagnozzi, lontano da me e dalla mia famiglia. Mi chiamo Louise e sono una madre single di 21 anni e anche una prostituta. Ho una figlia di tre anni, Misty (Melissa). Era accudita da un caro amico. Stanotte il mio corpo snello...

727 I più visti

Likes 0

Perché le cose succedono sempre a me

Perché le cose mi succedono sempre Prima di iniziare mi rendo conto che non ci sono molti uomini che vanno in giro con un cazzo da 12 pollici. E quindi l'ho soprannominata una fantasia e una farsa. Basta già detto alla storia. Mi chiamo Samuel Longfellow, sono il proprietario di una delle più grandi società di sicurezza dello stato. È così che guadagno i miei soldi (sette cifre all'anno) La mia passione è la ricerca sulla fauna selvatica e ho una borsa di studio presso il college locale. Faccio le mie ricerche nella mia fattoria di 680 acri. Ora la mia...

719 I più visti

Likes 0

Visitare un amico speciale

Ho bussato al cancello di metallo. Era un bungalow piuttosto grande circondato da muri di mattoni con glassa di filo spinato. Il mio cuore batteva. Tutto quello che sentivo era la paura di essere rifiutato o qualcosa del genere. Fortunatamente, suo fratello maggiore, Suleman, ha aperto la porta. Era un ragazzo con un carattere freddo e una corporatura piuttosto muscolosa, quindi ha mantenuto la sua posizione. Mi guardò con giudizio per un momento, sorrise e mi diede una stretta di mano. Ei, cosa ci fai qui? Sono qui per far visita a tua sorella... mi smorzai, sapendo quanto fosse insolito per...

106 I più visti

Likes 0

Programma Alpha-Omega 7

Episodio 7: Debug del codice Zack stava sfrecciando per la strada sul suo nuovo scooter. Era stato in giro solo per divertirsi nell'ultima ora. Alla fine, decise di andare a casa di Brian, per mostrargli il suo nuovo giocattolo. Girò intorno all'angolo successivo e si diresse verso quella parte della città. Zack notò immediatamente che il camioncino di Brian era sparito, quindi Brian quasi certamente non era a casa. Oh bene, pensò. Lo mostrerò a Wendy, allora. Zack bussò alla porta e poi entrò, salutandolo. Sentì la signora Selman chiamare dalla cucina, e così andò in quella direzione. Quando entrò in...

893 I più visti

Likes 0

DIARIO DI UNA FAMIGLIA: PARTE 1

3 settembre Caro diario, mi chiamo Tilly Crawford e negli ultimi dieci anni sono stata la casalinga della Delta House Fraternity qui allo State U. Un altro anno di scuola è iniziato proprio ieri e i ragazzi si stanno preparando per la corsa all'impegno della confraternita settimana organizzando feste e, naturalmente, l'open house per consentire alle nuove matricole di farsi un'idea se desiderano unirsi a Omega House. È stata una lunga estate per me diario, mi manca molto stare con i ragazzi e ovviamente alla mia figa mancava l'attenzione che riceve dai loro grossi cazzi duri!!! Eric è appena passato per...

982 I più visti

Likes 0

Trio alla festa di Natale

Avevo solo 20 anni e avevo sempre amato Bev (32) da quando avevo iniziato a lavorare un paio di anni prima. Aveva lunghi capelli castani con la permanente, una figura sinuosa con fianchi larghi e meravigliosi, seni grandi e gambe lunghe. Bev indossava spesso top scollati che servivano ad accentuare i suoi grandi seni sodi. Mi ritrovo a sognare ad occhi aperti e a guardare la sua bella figura. In più di un'occasione sono stato catturato da Bev che mi sorrideva semplicemente timidamente con uno sguardo d'intesa prima che tornassi timidamente al mio lavoro, per tutto il tempo la mia mente...

880 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.